File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



manuale della salute di santa idelgarda .pdf



Nome del file originale: manuale_della_salute_di_santa_idelgarda.pdf
Autore: osar

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 28/08/2014 alle 14:00, dall'indirizzo IP 151.46.x.x. La pagina di download del file è stata vista 11954 volte.
Dimensione del file: 3.5 MB (310 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Gottfried Hertzka / Wighard Strehlow pag41

Manuale della medicina di
Santa Ildegarda
Erbe medicinali e cereali per vivere in salute

Gottfried Hertzka/Winghard Strehlow

Manuale della medicina
di Santa Ildegarda
Erbe medicinali e cereali per vivere in salute
Casa Editrice Athesia- Bolzano

L'illustrazione della copertina rappresenta le diverse stagioni, e in basso, a
sinistra, Ildegarda che scrive
(Manoscritto di Lucca, XIII secolo, dal «Libro delle opere divine»).
1992 - Titolo dell'edizione originale: «Handbuch der Hildegard-Medizin» von
Dr. Gottfried Hertzka / Dr. Wighard Strehlow
Tutti i diritti riservati: © 1987 by Casa Editrice Hermann Bauer KG, Freiburg
(Germania) Versione italiana di Elisa Zanolari
Con 25 illustrazioni a colori e 28 disegni di Hans Meyers
Licenza per l'edizione italiana: Casa Editrice Athesia S.a r.l., Bolzano-Bozen
Realizzazione: Stabilimento Grafico Athesiadruck, Bolzano-Bozen
ISBN 88-7014-626-X

Indice
1Prefazionc: La virtù curativa delle virtù cristiane
La medicina di Ildegarda — L'arte medica del futuro
Da dove viene la medicina di Ildegarda
La medicina fa parte delle opere di Ildegarda?
Origine della vita
La ragione è di colui che guarisce?
Ildegarda ha la sua propria lingua
Ogni ess. umano può guar. con la medic. ildegardiana?
Gli occhi, finestre dell'anima
Gli occhi azzurri
Gli occhi di fuoco
Gli occhi screziati
Gli occhi verdi
Gli occhi bruni
Gli orecchi — Centri della salute
Influenza, infreddatura e il geranio inglese
Bei denti per un bel sorriso
Un rimedio piac. per cur. le ferite, gli ascessi e le scottature
Tumefazione delle glandole linfatiche nella scrofolosi
La cura delle scottature
La cura delle punture di insetti
Eczema e allergie
Cuore e circolazione
L'amore viene dal cuore
Alimentazione del cuore
Arteriosclerosi

5
13
14
15
16
23

Chi ha digerito bene ha guadagnato a metà
Alito
Bruciori di stomaco ed eruttazioni
Vomito e nausee
Adiposità e senso di pienezza
Mal di stomaco
Dolori allo stomaco in seguito all'infiammazione della
mucosa dello stomaco
Cosa significa masticare bene
Disturbi di digestione (dispepsia)
Stitichezza
Diarrea
Il pancreas e le sue malattie
Meteorismo (flatulenza) — Sindrome di Roemheld .
Dolori addominali, dolori intestinali
Conflitti psichici e fattori di rischio nelle malattie dello
stomaco e dell'intestino
Spasmi costanti
Il fegato, laboratorio della vita
La cura per i dol. al fegato e le malat. croniche del fegato
Bile, itterizia e malinconia
Malattie della milza — milza e spleen . .
I fattori psichici di rischio per la milza
Il regime ildegardiano
«Tu sei ciò che mangi»
1 Cereali
Tipi di verdura raccomandabili
Frutta consigliabile
Diverse specie di pesce e di carne consigliabili
Pollame
Carne molto sana
Animali domestici
L 'ABC delle piante di Ildegarda
Bevande
La dieta solita dei malati
Tappa di dieta per malattie croniche
Dieta speciale per malati
Dieta per la schizofrenia
Dieta in caso di psicosi
Dieta per l'epilessia

Digiuno — Danza — Meditazione
Sonno e veglia
I Sogni, messaggeri dell'anima
Il Vino spento, il calcedonio azzurro, i nervi buoni . . .
Le malattie cancerose — crescita a dismisura
La causa del cancro:
un disturbo nell'ordine della vita
Come si riconosce la precancerosi e la prova del
Sedimento) urinario
La cura della precancerosi
Esiste una personalità tipica del cancro?
La migliore cura contro il cancro
Cancro al seno
Salasso, scarificazione, moxibustione
La scarificazione, l'aiuto rapido
Moxibustione o migl. irrig. sang. per mezzo del cono
rovente Cure contro i reumatismi con le mele cotogne
e l'oro .
Diagnost. in tempo i reumatismi per prevenirli
La cura ildegardiana contro i reumatismi
Energia vitale proveniente dai quattro elementi . . .
La cura primaverile con l'elisir di assenzio
La cura dell'oro
Il regime ildegardiano per i reumatismi
Movimento e riposo
Eliminazione e secrezione
Le grandi cure ildeg. per reg. l'insieme del metabolismo
Impacchi contro i reumatismi cons. da Ildegarda
Santa Ildegarda e la sua medicina
«Liber vitae meritorum»
Tabella delle virtù e dei vizi
Indice
1) Malattie, fattori di malattie, organi
2) Medicina, fattori e mezzi di guarigione
Tavola delle illustrazioni . . .
Bibliografia
Alcuni indirizzi utili

Prefazione: La virtù curativa delle virtù cristiane
In questo «Manuale della medicina di Santa Ildegarda» sono
presentate, per la prima volta, le vere cause fisiche e spirituali
delle malattie, le relative medicine ed i metodi curativi.
L'assurdo modo di vivere dell'uomo e le medicine moderne
sono la causa delle grandi malattie della nostra civiltà, ed in
futuro si potranno guarire i malati solo con uno stile di vita
completamente diverso. Per Ildegarda è un fatto naturale il poter
constatare che questa svolta, verso un modo di vivere equilibrato,
si possa maggiormente raggiungere con il digiuno. Le forze divine
e (le virtù) sono trasmesse all'uomo, e diventano efficaci come
forza generatrice e protettrice.
Nella medicina moderna la separazione dei fattori spirituali e
fisici si può superare solo teoricamente. Da studi fatti in America
sulle cause delle malattie in seguito a ricerche scientifiche
(Multiple Risk Factor Intervention Trial, Framingham, Jenkins)
sulle malattie cardiovascolari si deduce che la salute dipende non
solo dai «classici» fattori di rischio, cioè pericolosi ma pure da
una mancanza di fattori positivi del carattere.
Perciò il Direttore dell'Unione Federale per l'Educazione della
salute, dott. Wolf von Freytag-Loringhofen, scrive:
«Se oggi l'esatto procedere contro alcuni fattori di rischio
((fumo, ipertensione, obesità, mancanza di movimento, aumento
di colesterolo) a favore del concetto essenziale di stile di vita può
essere considerato superfluo, ogni tentativo della visione generale
delle condizioni di vita psicosociali e somatiche è modernissimo,
e così pure il concetto di Ildegarda di Bingen.»
In questo libro ci sono cose nuove ed originali: i disegni e le
figure delle virtù e dei vizi di Hans Meyers, professore di arti
plastiche, all'Università di Francoforte.
Per la prima volta i vizi citati da Ildegarda sono stati descritti in
disegni molto espressivi. Colpisce il fatto che le virtù sono

femminili, non solo perché Ildegarda era una donna, ma poiché le
qualità positive sono più preponderanti nelle donne. Spesso i vizi
sono caratterizzati da uomini le cui parti del corpo sono
trasformate in piedi mostruosi («da cavallo»), forse perché l'uomo
diventa un animale se si lascia vincere dai vizi.
Ogni vita umana è ordinata in senso cosmico e storico, mentre
l'uomo descritto da Ildegarda conosce per esperienza le
trentacinque stazioni di vizi e di virtù. La maggior parte delle
malattie sono una risposta del corpo in seguito alla mancanza di
buone qualità. Nella sua psicoterapia Ildegarda spiega che i vizi e
le virtù sono localizzati secondo i punti cardinali e i segmenti del
corpo.
Oggi si parla di zone di rifrazione o «zone di Head» sulla pelle
sulla quale, per esempio, si eliminano delle debolezze organiche
per scarificazione o moxibustione. Infatti Ildegarda scrive:
«Ho visto un uomo di tale statura che raggiungeva le più alte
nubi del cielo e gli abissi della terra. Le sue spalle dominavano le
nubi dell'etere raggiante... Così mi è apparso, guardando ad Est e a
Sud» (Vita merit. I, 5)
In questa parte del corpo Ildegarda scorge i vizi e le virtù
dall'uno al sette, che sono localizzate nella testa.
I primi cinque corrispondono ai cinque organi dei sensi, e sono
descritti nei relativi capitoli:
1. Amor saeculì
(amore profano)

Amor caelestis
(amore celeste)

2.Petulantia

Disciplina

(esuberanza)

(buoni costumi)

3. Joculatrix
(gusto dei piaceri)
4. Obduratio
(durezza di cuore)

5. Ignavia
(pigrizia)

Verecundia
(pudore)
Misericordia
(misericordia)

Divina Victoria
(vittoria divina)

6.Ira

Patientia

(collera)

(pazienza)

7. Inepta laetitia
(malignità)

Gemitus ad Deum
(desiderio ardente di Dio)

In un secondo tempo l'uomo guardò ad Ovest e a Nord,
quantunque le sue spalle e le sue anche fossero immerse
nell'atmosfera terrestre, e questa parte fosse avvolga da un'altra
nube bianca (Vita meritorium II, I).
In questa seconda regione (dalle spalle alll'anca) Ildegarda descrive
le virtù ed i vizi dall'otto al quindici, che regolano lo « stato di
salute o di malattia degli intestini, la funzione delle viscere, quella
dello stomaco e dell'intestino con tutti gli organi digestivi e le
glandole.
8. Ingluvies ventri
Abstinentia
(gozzoviglia)

9. Acerbitas
(grettezza di cuore)
10. Impietas
(empietà)

Il. Fallacitas
(slealtà)

12. Contentio
(spirito di scontentezza)

13. Infelicitas
(ipocondria)

14. Immoderatio
(smoderatezza)

15. Perditio animarum
(ateismo)

(astinenza)

Vera largitas
(generosità)
Pietais
(pietà, devozione)

Veritas
(verità, lealtà)

Pax
(pace:)

Beatitudo
(beatitudine, gr. fiducia n/ salvezza)

Discretio
(discrezione, moderatezza)

Salvatio animarum
(salvezza delle anime)

Nella terza parte l'uomo è nell'aria terrestre dalle anche alle
ginocchia e guarda verso Nord ed Est. In questa direzione, a cui
sono subordinati anche gli organi interni (cuore, fegato e stomaco)
e così pure le malattie degli organi sessuali, Ildegarda osserva i
vizi e le virtù che sono da sedici a ventidue.

16. Superbia

Humiilitas

(invidia)

umiltà

17. Invidia
invidia

18.

(amore del prossimo)

Inanis gloria

desiderio di gloria

19.

Charitas
Timor Domini
(timore di Dio)

Inobedientia

Obedientia

(disubbidienza)

20.

(ubbidienza)

Infidelitas

Fides

(mancanza di fede religiosa) (fede)

21.

Desperatio

Spes

(disperazione)

22.

(speranza)

Luxuria

Castitas

(lussuria)

(castità)

La quarta parte si riferisce alla terra, che raggiunge nell'uomo le
ginocchia fino al polpaccio. In questa parte del corpo sono
localizzate le forze vitali dell'uomo, la fecondità, e formano in
certo qual modo «la bellezza delle forze virtuose dell'uomo». La
terra è pure la materia, il fondamento dell'opera di Dio, dell'uomo,
che è pure la materia dell'Incarnazione del Figlio di Dio.
In questa parte del corpo Ildegarda intravvede i vizi e le virtù
che sono da ventidue fino a trenta (Vita merit. IV,I).
23. Injustitia
(ingiustizia)
24.
Torpor
(torpore, stupidità)

25. Oblivio
(dimenticanza di Dio)

26. Incostantia
(incostanza)

27. Cura terrenorum

Justitia
(giustizia)
Fortitudo
(forza)

Sanctitas
(santità)

Costantia
(costanza)

Caeleste desiderium

(preoc. delle cose terrene (des. di cose celesti)

28. Obstinatio
(durezza di cuore)

29. Cupiditas

Compunctio cordis
(contrizione)

Contemptus mundi

(cupidigia)

(disprezzo del mondo)

30. Discordia
(discordia)

Concordia
(concordia)

Nel quinto capitolo l'uomo sbircia attorno nell'universo, stando
con i piedi e le gambe «nell'acqua dell'abisso». Nei suoi piedi è la
sua forza, «poiché essi purificano tutto, santificano tutto,
contengono tutto, per rafforzare in questo modo le creature», come
l'anima mantiene il corpo. Nei piedi ci sono gli ultimi cinque vizi e
le ultime cinque virtù (Vita merit. V, I).
31.
Scurrilitas
Reverentia
(scurrilità)

32.

Vagatio

(vagabondaggio)

33.

Maleficium

(maleficio, magia)

34.

Avaritia

(avarizia)

35.

Tristitia saeculi

(tristezza mondana)

(rispetto)

Stabilitas
(stabilità, costanza)

Verus cultus Dei
(vero culto di Dio)

Sufficientia
(sobrietà)

Coeleste gaudium
(gaudio celeste)

Tempo fa, dopo una conferenza, ci fu chiesto da una suora se
la fede è necessaria affinché la medicina di Ildegarda sia efficace.
Certamente, anche nella medicina tradizionale, occorre la fede.
Nessuno va da un medico se non ha fiducia in lui.
Grandi turbe di uomini seguivano Gesù, poiché Egli non solo
guariva numerosissimi malati, ma poteva far risuscitare anche i
morti.
«Gesù andava attorno per tutta la Galilea, predicando il
Vangelo e risanando i languori e le malattie del popolo» (Matteo, 4,
23).

Come si può vedere nei quadri di San Giorgio, nell'Isola di
Reichenau (sul Lago di Costanza), la guarigione dei malati e la
resurrezione dei morti, il fascino di queste guarigioni basate sulla
fede ha fatto riflettere la gente per molti secoli, ed ancor oggi non
ci si può sottrarre al fascino che si sprigiona da questi quadri.

Dopo la guarigione dell'uomo cieco dalla nascita, gli Apostoli
si rivolsero a Gesù con questa domanda:
«Maestro, di chi è stata la colpa, di costui, o dei suoi genitori,
ch'egli sia nato cieco?»
Anche nel Vecchio Testamento la malattia era considerata una
colpa, la punizione di Dio per i peccati degli uomini, Oppure una
prova data all'uomo per purificarlo.
Ma Gesù vede la malattia in un altro modo: «Né lui né i suoi
genitori hanno peccato, ma perché in lui si manifestino le opere di
Dio» (Giov.9,1-7)

L’Icredulità (Infidelitas) ragiona così:”Io conosco solo ciò che vedo, che sento e
che posso toccare…Cerco ed indago in ciò che vedo, sento e di cui prendo atto. In
tutto ciò scopro sempre e soltanto la stessa vita” (Vita merit.)

La fede (Fides) libera l’uomo: “Dio è Uno in tre persone consostanziali che
devono essere adorate e glorificate. Perciò io credo nel Signore ed ho fiducia in Lui
E continuerò a glorificare in eterno il suo Nome” (Scivias III, 8 )

Anche per Ildegarda la malattia non è un peso né uno
spavento, ma la possibilità di cambiare vita, di liberarsi dai vizi e
diventare un uomo nuovo.
Con ciò essa raccomanda il digiuno come medicina
fondamentale per ventinove “tipi di rischio” che causano le
malattie, poiché il digiuno attiva completamente l’uomo, lo
mobilizza e lo rigenera. Essa ne segnala pure anche i limiti, e ci
avverte di non oltrepassarli con un digiuno lungo e pericoloso. Per
esempio, gli uomini superbi diventano più arroganti.
Ildegarda vuol farci abbandonare i vizi con il digiuno,
liberandoci da essi.
Perciò l’uomo deve comportarsi come il figliol prodigo, cioè
cambiare strada, ritornare a suo padre e rivolgersi solo a Dio. – “
Voglio partire e ritornare da mio Padre” (Luca 15,18).
Come la malattia o l’ora della morte, il digiuno è una “stazione
di confine”, un luogo di transito in cui noi possiamo sentire
l’immediata vicinanza di Dio.
Dio aiuta l’uomo non sopprimendo la malattia o la morte, ma
dando la possibilità all’uomo di cambiarsi interiormente,
costringendolo ad abbandonare lo stile di vita che lo rende malato
La fede libera dal peccato ed incita alla conversione.
E’ noto, colui che non crede vede solo alla superficie, si basa su
una scienza orientata solo in senso naturale, egli conosce solo il
mondo materialista, cioè ciò che si può misurare, contare e pesare:
“Io non conosco altro che ciò che vedo, sento e tocco…tutto
ciò che cerco ed indago, ciò che sento, vedo o di cui prendo atto;
in tutto ciò scopro solo sempre la stessa vita…Io so solo ciò che
vedo. Sento molte cose, prediche e dottrine che non capisco.
Perciò voglio fare solo ciò che mi porta utile.” (Vita meritorum
III,16)
«Voglio partire e ritornare da mio Padre.» — (Luca, 15, 18). Come la malattia o
l'ora della morte, il digiuno è una «stazione di confine»,

Se l’uomo non crede (e quanti ce ne sono di questi uomini?)
comincia a digiunare, egli capisce la forza salutare della fede.

In quest’uomo s’inizia il processo di guarigione, e l’uomo si
libera dal peso dell’incredulità e trasforma la sua vita. Ildegarda
vuole aprici gli occhi, per mezzo della fede, alla presenza nascosta
di Dio:
“ In Me tutti i regni del mondo scintillano, poiché io sono lo
specchio di Dio” (Vita meritorum III, 17)
Ed è proprio nella nostra epoca, in cui la civiltà e la discordia
hanno fatto dimenticare i misteri di Dio all'uomo, che Ildegarda
proietta una nuova luce che illumina questa notte.
Grazie ad essa i cristiani possono nuovamente assolvere la loro
missione, come S. Benedetto (Anche Ildegarda era Benedettina)
dice al capitolo 36° della sua «Regola»:
«Ci si deve preoccupare prima di tutto dei malati. Bisogna
servirli come se fossero Cristo.»
Si può dunque dire che la medicina di Ildegarda è un vero dono
di Dio per la nostra epoca.
Ringraziamo prima di tutto i numerosi pazienti, coloro che
hanno partecipato al digiuno fatto in comune, gli amici di
Ildegarda per i loro consigli ed il loro aiuto, grazie soprattutto a
tutti coloro che in Costanza, Wallhausen e Monaco hanno
collaborato alla stesura di questo manoscritto.
( Costanza sul Lago Bodamico,
dr. Wighard Strehlow

dr. Gottfried Hertzka gennaio 1987

La medicina di Ildegarda - L'arte medica del futuro
Ma è proprio necessaria una nuova medicina? Questo è stato il
tema di un Congresso internazionale di medicina e il titolo di un
libro (Hans Schàfer, «Plàdoyer fiir eine necue Medizin»,
«Perorazione per una nuova medicina»). Se si pensa all'enorme
prestazione nel campo) assistenza in casi di infortuni e di cura per
salvare gli uomini i in pericolo di vita, grazie alla medicina
intensiva, e all’impossibilità di curare le malattie croniche di oggi
e le nuove malattie della civiltà moderna, per cui muore l'ottanta
per cento della popolazione, si apre una grande breccia.

Malgrado le enormi spese di ricerche, finora non si è ancora
trovata una medicina contro l'infarto cardiaco, i reumatismi e il
cancro, e non si troverà neppure in futuro, poiché le cause
psichiche che provocano queste malattie non si possono trovare
nel dominio della medicina attuali,
il cui orientamento è quello delle scienze naturali.
La protezione migliore contro queste malattie consiste in una
giusta dieta alimentare di cui parla Ildegarda! e nell'eliminazione
dei fattori di rischio psichici o spirituali con l'aiuto di una
disposizione d'animo positiva di vita regolato e dalla pienezza
della forza della fede cristiana.
Cosi scrisse Ildegarda di Bingen ottocento anni fa e la sua
medicina si può adottare anche nel nostro tempo».
Per colmare questa lacuna, un contributo importante deve
essere fornito da questo «Manuale della medicina ildegardiana.. e
dall'applicazione pratica della cura di Ildegarda con il digiuno, il
moto e la meditazione, come stiamo facendo noi da cinque anni a
Bodman, sul Lago di Costanza.
Questo libro è il risultato di un'esperienza medica di parecchi
decenni e così pure della ricerca scientifica e dell'elaborazione nel
campo della medicina ildegardiana. Più di cinquecento farmaci,
metodi di cura citati sono stati provati negli ultimi cinquant'anni e
sono stati coronati da successo per migliaia di pazienti.
Da dove viene la medicina di Ildegarda?
Qual'é la fonte su cui si basa Ildegarda? È difficilissimo
rispondere a questa domanda.
Come profetessa, essa cita come fonte la Bibbia. Nel Il46 essa
dichiara in una lettera a San Bernardo: «... io sono un essere senza
istruzione e non so nulla sulle cose del mondo esteriore, ma è
interiormente nella mia anima che sono istruita...» (PL 189 C).
Già nel 1959 le Suore Benedettine Marianna Schrader e
Adelgundis Fiihrkòtter, con l'aiuto di storici e di paleografi,
appoggiati dall'Associazione tedesca di ricerche, hanno dimostrato
l'autenticità della trilogia visionaria:

Scivias (Conosci le vie), il libro della fede, Liber vitae
meritorum (il libro dei meriti della vita), l'uomo responsabile,
Liber divinorum operum
(Libro delle opere divine), Il mondo e l'uomo, ed inoltre più di
trecento lettere, altre composizioni e canti.
La medicina fa parte delle opere di Ildegarda?
Fra la prima e la seconda opera della sua trilogia c'è la fase
delle visioni concernente la medicina e le scienze naturali:
allora fu redatto il libro medico intitolato «Subtilitates
diversarum naturarum creturarum» («La spiegazione delle virtù
naturali nelle diverse creature») di cui non conosciamo ancora la
forma primitiva. L'originale di questo libro di medicina è
scomparso fino ad oggi, ma ci restano parecchie copie in varia
forma.
Liber Simplicis Medicinae (Il libro della medicina semplice)
o Physica, il libro chiamato della conoscenza della natura. Su
questa prima parte esistono parecchi manoscritti dal XIII al XV
secolo nei manoscritti di Wolfenbuttel, Parigi e Bruxelles, come
pure la prima edizione stampata, pubblicata da J. Scott a
Strasburgo nel 1533 con il titolo Physica Hildegardis. Su questa
edizione si basa la ristampa dell'edizione di «Patrologia Latina,
volume 197 dell'Abate JP Migne, Parigi 1855. Il testo tramandato
del libro Physica è molto accurato, come si trova in tutti i
manoscritti («Heilmittel», Associazione ildegardiana di Basilea,
1982). 20
Liber Compositae Medicinae (Libro della medicina
composta).
Anche la seconda parte è molto ben conservata con il titolo
Causae et Curae (Le cause delle malattie e la loro cura) in un
manoscritto del XIII secolo, che fu scoperto da Carlo Jessen nella
Biblioteca reale di Kopenhagen. Il Cardinale francese I. Pitra ne
pubblicò un sunto nel suo libro Anacleto Sacra, volume 8, Parigi e
Paolo Kaiser ne trascrisse il testo che fu pubblicato a Berlino nel
1903 sotto il titolo Causae et Curae.

Questo libro è importante per poter capire tutta la medicina di
Ildegarda e fu giudicato dai critici come fonte.
Gli esperti sono d'accordo e riconoscono che questi scritti sono
le opere di Ildegarda; ad ogni modo nessuno finora ha potuto
dimostrare il contrario.
Questo manuale di medicina, come si dirà ancora più tardi, una
breve versione fatta anticipatamente dell'ultimo grande libro
medico-teologico consacrato alla struttura del cosmo e all'uomo:
il Liber divinorum operum (Libro delle opere divine )
che riassume in modo più particolareggiato ed amplificato il
rapporto cosmo-medico fra il mondo e l'uomo. Ildegarda non
appartiene ai tanti copisti dei libri di erboristeria che si
collezionavano a quel tempo per i conventi, ma essa conosce
queste cose attraverso la visione spirituale ed uditiva. Nel suo
Ultimo libro teologico Liber divinorum operum Ildegarda di
Bingen ci informa sul vero autore della sua opera di medicina, che
essa scrisse 800 anni fa sul Ruperstberg, vicino a Bingen.
“In tutta la creazione (alberi, piante, animali, pietre preziose)
sono nascoste delle virtù segrete curative, che nessun uomo può
conoscere, se non per rivelazione di Dio» (LDO, I, 4) PL 893 C.
Ildegarda era cosciente delle sue visioni e le tenne per sé fino
alla fine della sua vita, perciò poté dire quando aveva settant’anni:
«Tutto ciò che ho scritto corrisponde esclusivamente alla mia
visione celeste» (Pietra 333).
Origine della vita: Il manuale di medicina di Ildegarda ha
cinque capitoli che corrispondono ai cinque organi dei sensi. I
disegni ed i temi della medicina sono sostanzialmente identici a
quelli della grande medicina cosmica di Ildegarda; il Liber
divinorum operum che più tardi ripete, illustra e completa la sua
medicina. Un'altra prova dell'origine visionaria della medicina che
Ildegarda descrive nei sue libri è questa: essa descrive l'Eterno
Padre come l'origine della vita, menziona la creazione degli
Angeli realizzata da Lui, essa descrive il cosmo patria dell'uomo, e
anche il sole, la luna e le stelle: «Dio era ed è dall'inizio della
creazione del mondo. Egli era ed è la Luce, lo splendore e la vita.

“Origine della Creazione”
Disegno secondo una miniatura del manoscritto del “Liber Divinorum operum”
conservato a Lucca(XIII secolo)

E Dio disse: Sia la luce! E la luce fu. E creò gli Angeli
luminosi» (CC 1,1).
Nella figura dell'Angelo luminoso sono riassunti l'origine, il
senso e lo scopo della creazione. Quest'Angelo calpesta con i piedi
Lucifero, l'autore del male, un mostro di orribile aspetto, velenoso
e nero come una vipera (PL 743 B).
Lucifero viene descritto come la causa del male e della
malattia, che si può considerare nel principio dell'ateismo,
dell'isolamento e della separazione da Dio, del distacco
dell'energia vitale. La salute è il superamento dell'isolamento, il
ristabilimento dello stato primitivo. Infatti il ristabilimento della
salute non è possibile senza l'intervento attivo di Dio. Dio è la vita
sana, perfetta (vita integra):
«Tutto brucia in me... tutto vive nel mio essere, e non esiste in
me la morte, poiché Io sono la Vita. Io sono pure la ragione... per
cui fu fatta tutta la creazione. Io infondo la vita in ogni cosa, in
modo che ciò che non è con essa è mortale» (PL 743 D).
Ildegarda vede il cosmo come una ruota gigantesca, come il
simbolo dell'Amore infinito di Dio per l'uomo, che abbraccia in
modo misterioso. La ruota gigantesca viene tenuta dalla forza
motrice dei venti; in mezzo ad essa l'uomo e con lui i quattro

elementi. Così egli è esposto alle variazioni ed agli influssi
cosmici ed atmosferici:
«A gloria del Suo nome Dio ha creato il mondo con i suoi
elementi. Egli li ha fortificati con i venti, li ha legati ed illuminati
con le stelle e li ha colmati con le altre creature. Nel mondo egli
ha circondato l'uomo di ogni cosa, dotandolo di grande forza, in
modo che tutta la creazione gli sia di aiuto. Tutta la natura deve
servire all'uomo, così che lui possa agire con essa, poiché l'uomo
non può né vivere né esistere senza la natura» (PL 755 B).
Nello stato primitivo, Dio ha messo l'uomo in piedi al posto
d'onore, al centro del cosmo, e l'ha magnificamente dotato nel suo
stato originario.
«In mezzo al cosmo sta l'uomo, poiché egli è più importante di
tutte le altre creature, che dipendono dal mondo. Quantunque sia
piccolo di statura, egli è però potente per la forza della sua anima.
La sua testa è verso l'alto e i suoi piedi si appoggiano su un
terreno stabile. Lui è in grado perciò di mettere in moto le cose più
elevate come quelle più basse» (PL 761 B).
All'inizio, nel mondo c'era ordine. L'uomo viveva una vita reale
senza il peso di nessuna preoccupazione, sostenuto da tutta la
creazione, egli aveva una vita senza malattia e senza conoscere la
morte.
«O uomo, guarda bene questo uomo! Effettivamente in lui ci
sono cielo e terra e tutto ciò che è stato creato, egli è un essere
unico e tutto è nascosto in lui» (CC 2, 17 f).
Il mondo e la creazione sono muniti dei quattro elementi del
mondo, le pietre che formano la struttura fondamentale del cosmo
e che colmano il mondo intero e tutte le sue creature.
«Dio ha creato anche gli elementi del mondo, essi sono
nell'uomo, e l'uomo opera in essi. Sono il fuoco, l'aria, l'acqua e la
terra; questi quattro elementi sono talmente congiunti ed uniti in
modo che nessuno di essi può essere disgiunto dall'altro.
Essi sono così legati gli uni agli altri che si possono chiamare
gli elementi che costituiscono la struttura fondamentale di tutto il
cosmo» (CC 2, 37 17 f).

«La ruota del mondo»
Disegno secondo una miniatura del manoscritto del «I.iber divinorum operum»
conservato a Lucca (XIII secolo)

I quattro elementi del mondo sono stati conosciuti dai medici
da Ippocrate a Paracelso e noti ai medici dell'antichità, ma non
sono stati presentati come li vede Ildegarda. La dottrina degli
elementi, come principio di spiegazione delle malattie, si distingue
dalla tradizione anteriore e posteriore. Per Ildegarda essi sono la
chiave per poter capire tutta la medicina. Per principio, il numero
quattro è il numero dei quattro elementi costitutivi del mondo, ma
corrisponde anche alla struttura ed alla funzione dell'uomo: la
dottrina degli umori, i quattro gruppi sanguigni da cui dipendono i
quattro temperamenti che ne derivano ed i quattro tipi caratteristici
di uomini e donne.
«Come è stato già detto, come gli elementi assicurano la
coesione del mondo, così pure assicurano la struttura del corpo
umano, e la loro diffusione e le loro funzioni si dividono in modo
tale che l'uomo è tenuto sempre in movimento, esattamente come
gli elementi sono distribuiti ed agiscono in tutto il mondo.

Nell'uomo ci sono il fuoco, l'aria, l'acqua e la terra, e l'uomo è
composto da essi. Egli ha il calore (del corpo) dal fuoco, il respiro
dall'aria, il sangue dall'acqua e la carne dalla terra (i muscoli e la
sostanza ossea).
Egli deve la vista al fuoco, l'udito all'aria, il movimento
all'acqua e l'andatura alla terra» (CC 49, 29).
I quattro elementi decidono il mantenimento degli umori
dell'uomo, la salute e la malattia. Nessun uomo può esistere senza
questo principio cosmico, tutto collabora a quest'ordine, più
equilibrio ed armonia, e così l'uomo resta sano e vive.
«Se gli elementi adempiono veramente ed in ordine il loro
compito, in modo che il calore, la rugiada e la pioggia vengano a
tempo debito, mantenendo sana la terra ed i frutti di essa e
assicurando una buona raccolta e la salute, allora il mondo
prospera. Se però essi venissero sulla terra tutti insieme ed
improvvisamente, causerebbero dei grandi danni e la
distruggerebbero. Allo stesso modo gli elementi danno la salute
all'uomo, se agiscono ordinatamente.
Appena però non seguono quest'ordine stabilito, lo rendono
malato e lo fanno morire. Fintanto che la coagulazione degli
umori, che nell'uomo dipendono dal calore, dall'umidità, dal
sangue e dalla carne, agisce in lui tranquillamente ed in buone
condizioni, l'uomo resta sano. Ma se essi precipitano su di lui in
modo disordinato e smisurato, allora l'uomo si ammala e muore. Il
calore e l'umidità, come pure il sangue e la carne sono stati
tramutati a causa del peccato originale in flemma (Phlegma)
opposto» (CC 49, 40).

“ I quattro elementi”
Disegno secondo il manoscritto di “Scivias”

In questo modo fu rovinata nell'uomo la perfetta armonia
originaria e, a causa del peccato originale, e in seguito alla
confusione degli umori dei quattro elementi del mondo, furono
scatenate 24 malattie fondamentali. Però l'uomo redento può
diventare più forte di prima, grazie alla diagnosi ed alla terapia di
Ildegarda. Non esiste guarigione senza diagnosi esatta.
Qual’è però la diagnosi esatta?
Secondo Ildegarda non ci sono 6.000 malattie, come ci vuole
far credere la medicina moderna.
Secondo la medicina ildegardiana, l'errore della diagnosi si
risolve in un principio fondamentale ben comprensibile. Inoltre si
può fare appello, come dice la scienza moderna, alla storia dello
sviluppo dell'essere umano: i tre tessuti del feto da cui si è
sviluppato il corpo umano (ectoderma, mesoderma, endoderma)
formano la base dei tre grandi gruppi di malattie:
1) La malattia del tessuto esterno (malattie ectodermali) sono
in rapporto con la struttura segmentale del corpo e del sistema
nervoso, cioè più o meno con la pelle.

In fondo la pelle è un organo sensitivo con molti ricevitori che
trasmettono al sistema nervoso un gran numero di eccitazioni:
temperatura, dolore, percezioni di contatto e di pressione. Queste
malattie investono gli organi, e Ildegarda li conta dalla testa ai
piedi: testa, occhio, orecchi, denti, cuore, polmoni, fegato, milza,
stomaco, nervi, addome, organi sessuali, gotta alle dita dei piedi.
Queste malattie locali sono malattie ereditarie con dei punti deboli
(tallone d'Achille), che l'uomo si porta con sé dalla nascita. Esse
vanno dal capo all'alluce. Per ogni organo esiste una cura tipica.
2) Le malattie mesenchimali del tessuto medio (mesoderma)
investono il tessuto connettivo e i vasi, in prima linea sono le
malattie reumatiche e degenerative, il catarro, il raffreddore e la
malattia che ostacola l'eliminazione e l'evacuazione.
3) Le cosiddette malattie gravi interne come il cancro,
l'itterizia, l'idropisia, le malattie intestinali, si collegano al tessuto
interno del feto (malattie endodermali) con un numero
complessivo di circa 40 tipi di malattie. Queste malattie interne
dipendono considerevolmente dai disturbi allo stomaco e
all'intestino, e alle volte possono presentarsi come malattie della
pelle, per quanto anche dei disturbi alla pelle possono essere
proiettati sull'intestino.
In questo schema di circa ottanta malattie generali si possono
classificare praticamente tutte le malattie. Ildegarda descrive- per
ognuna di esse una terapia razionale dettagliata.
Umanamente parlando, una diagnosi, come si trova solo in
Ildegarda, è straordinariamente importante per il decorso della
guarigione.
Per la diagnosi non occorre un grande numero di apparecchi
tecnici, anche se il medico che segue la medicina di Ildegarda può
usare degli apparecchi moderni per la diagnosi.
Le cose sono ancora più semplici con oltre duemila medici- nr
indicate sotto il nome di «Physica».
Il malato, che ha spirito di osservazione, può scegliere la cura
da solo, studiando i tintomi del suo malanno.

La ragione è di colui che guarisce?: Se noi non avessimo una
grande esperienza di anni con la medicina di Ildegarda, non
oseremmo pubblicare questo libro Tutto ciò che esso contiene è
stato provato da noi nella pratica. È chiaro che si possano far
scomparire i propri dolori in molti modi, apparentemente anche
con le medicine moderne. Ma poi guarire veramente occorre
l'equivalente psichico della malattia, il senso della malattia. Che
cosa vuole dirmi Dio con questa malattia?
Un malato, guarito da Ildegarda, diventa più sano di prima, ciò
che non si può affermare con i metodi di cura moderni. La
medicina ildegardiana è una medicina preventiva. È più facile
prevenire che curare le malattie della nostra civiltà moderna, come
per esempio le malattie cardiocircolatorie o il cancro. La medicina
migliore, secondo Ildegarda, è la dieta e il giusto modo di vivere:
essi sono più importanti delle medicine e degli interventi
chirurgici. Si può pensare che presto verrà un tempo in cui ci si
meraviglierà di voler guarire con un'operazione o mediante droghe
miracolose (cortisone, antibiotici). Noi troviamo anche in
Ildegarda delle analogie con i procedimene moderni di cure
naturali, senza però identificarsi con essi.
Quali sono questi procedimenti curativi applicati nella medicina ildegardiana?
La base è la verità sul regime alimentare e il modo di vita (cfr.
Dr. G. Hertzka, Dr. W. Strehlow: Isegreti dì cucina della
medicina di Ildegarda, Ed. Hermann Bauer, Friburgo in Brisgovia). Se Ildegarda ha ragione, dobbiamo dunque ammettere che
la dieta è più importante di tutte le droghe.
Il mistero dei prodotti alimentari sta nella sottilità che, senza
Ildegarda, non sarebbe conosciuta da nessuno. La sottilità è il
nome che la stessa Ildegarda ha dato sovente nel suo libro di
medicina. La sottilità significa ciò che Dio ha particolarmente
nascosto all'uomo nelle cose della natura, che nessuno conosce,
all'infuori di Dio solo e di Ildegarda, a cui Egli l'ha mostrato.

Soltanto pochi viveri sono veramente buoni al cento per cento
per l'uomo. Fra questi ci sono il farro (il grano farro), le castagne
ed il finocchio.
Ad un modo di vita sano, secondo Ildegarda, bisogna aggiungere la dietetica cristiana, cioè quel sapersi moderare in ogni
cosa: nel bere, nel mangiare, nella sessualità, nel sonno e moto.
Nel suo manuale Ildegarda ha scritto molto su questo argomento,
dandone anche le ragioni. Essa ha scritto perfino che il vento ed il
sole, le stagioni e le zone coltivate possono avere un influsso sulla
dieta e sull'uomo. Essa parla delle virtù dei quattro elementi del
mondo (fuoco, aria, acqua e terra), dell’influsso della qualità
dell'acqua e della qualità del terreno sui viveri e sul raccolto.
Con lldegarda, noi siamo protetti dalle esagerazioni, sia che |si
tratti di vegetarianismo estremo, o di cibo crudo, odi
antialcolismo: tutte queste cose non sono sanzionate in blocco da
Ildegarda. Vino e birra hanno un valore particolarmente dietetico,
sia come medicina che come bibita. Invece Ildegarda attribuisce
un valore ad un genere alimentare che influisce sia sull’allegria
che sulla tristezza, oppure se esso ha un qualche influsso psichico
negativo. Chi potrebbe oggi dirci qualcosa a proposito di
universalmente valido?
Chi libera dunque il nostro organismo dai nostri veleni?
L’uomo, nel corso della sua vita, si procaccia con il suo modo di
vivere assurdo (ipernutrizione), con l'inquinamento dell'atmosfera
o violentando l'armonia della creazione, degli umori dannosi (noxi
humores), che sono la causa delle malattie. Ed è proprio in questo
campo che Ildegarda ha un gran numero di metodi disintossicanti
o delle cure purificanti sulla pelle, per mezzo di bagni, saune, cure
a base di impacchi e di frizioni.
Inoltre il digiuno opera come un bisturi durante l'operazione ed
ha un ruolo molto importante come mezzo eccellente ed
universale di cambiamento di mentalità (v. capitolo «Digiuno,
danza, meditazione»).
Il digiuno viene diretto ed effettuato a questo scopo durante la
cura di Ildegarda, che dura due settimane.

A questo proposito esistono attualmente molti libri che trattano
questo tema, e pure in questo manuale viene dedicato un capitolo
su questo argomento.
Il salasso è un altro vecchio metodo curativo in Europa, che
Carlo Magno aveva prescritto a tutti i conventi del suo impero.
Ogni convento doveva costruire a questo scopo una casa
riservata per il salasso. Oggi ci sono molti studi scientifici che
dimostrano che la vecchia tecnica più che millenaria del salasso,
se è effettuata bene, è in grado anche di impedire un infarto e un
colpo apoplettico, poiché in questi pazienti si nota una viscosità
sanguigna estremamente alta con un gran numero di globuli rossi
superiore alla media.
Il salasso ildegardiano «diluisce» il sangue, lo rende più fluido
e previene perciò il pericolo di una trombosi e di un colpo
apoplettico. Questo metodo eccellente elimina perciò i veleni del
sangue (i pigmenti biliari), che bloccano la guarigioni
specialmente nelle cosiddette malattie croniche che durano da
anni, stimolando la liberazione delle sostanze salutari (per
esempio del cortisone). Questo metodo curativo, lodato da
IIdegarda, sarà in futuro il mezzo migliore per prevenire le
malattie e troverà un largo consenso come mezzo per guarire le
malattie persistenti.
Secondo Ildegarda, il salasso permette di fare altre prognosi
del decorso della malattia e di trarne delle conclusioni importanti.
Ippocrate diceva: «Conoscere il passato (anamnesi),
riconoscere il presente (diagnosi) e pronosticare il futuro
(prognosi).» Ildegarda ha perfino dedicato l'ultimo e quinto
capitolo del suo manuale all'arte della prognosi, che oggi è un
ramo trascurato nella medicina moderna.
Allo stesso modo il metodo della scarificazione viene applicato
per molte malattie ed ottiene dei successi straordinari da millenni
in Cina ed in Giappone. Ma Ildegarda descrive il suo sistema
originale, che non è conforme allo schema tradizionale asiatico.
La medicina di Ildegarda utilizza anche come cura terapeutica
il calore prodotto da certa legna in combustione.

Questo metodo si rivela efficace nella cura dei reni e
dell'ipertensione con il massaggio ai reni davanti al fuoco di legna
d'olmo. Dagli occhi come finestre dell'anima, dal colore della
pelle, dal suono della voce, dallo stato d'animo dell'uomo, si
hanno delle indicazioni caratteristiche sul corso della vita del
paziente. Da tutti questi fenomeni si possono trarre delle
conclusioni per l'esito della cura.
Ildegarda la sua propria lingua
Ildegarda scriveva in latino, però molte parole latine hanno per
lei un significato particolare, per esempio la parola viriditas, il
vigore, la vivacità. Questa parola non si trova in altri trattati di
medicina. Ildegarda chiama viriditas tutto ciò che vive, l'energia
vitale che viene da Dio, la forza della gioventù, la sessualità, la
V I V A C I T À dei germi, la moltiplicazione delle cellule e la forza
di rigenerazione, la freschezza e la creatività.
La debolezza e la perdita dell'energia vitale stanno nella
tragedia della perdita della fede, nel peccato, nell'aridità della
fede. Un uomo arido perde il potere di creare, e la guarigione e la
salvezza da questo deserto derivano dal dono della fede per mezzo
di Gesù Cristo. Perciò Ildegarda chiama Maria viridissi- Virgo.
Un altro concetto ildegardiano è la bile nera, la Melanche, da
cui proviene il nome «malinconia». La medicina di Ildegardiana
si basa sull'idea che tutto ciò che avviene internamente all'uomo
dipende dai deflussi e sostanze biochimici. Ciò che rende una
persona triste, ed ha perciò un grande influsso in ogni malattia
grave, essa lo chiama la sostanza nera (pigmento biliaree), che è
stato causato dal peccato originale dell'uomo (casus hominis).
Il calcolo biliare di Adamo, che era chiaro come un cristallo, si
è decomposto con il peccato originale in un pigmento biliare nero
e in acido biliare, che è imparentato con il colesterolo e gli ormoni
sessuali. Questa «Melanche» si trova nel sangue, più nei malati
che nei sani. Molti processi fisici e psichici vengono perciò
influenzati geneticamente, e, questo fa parte della grande arte
della medicina ildegardiana, di eliminare queste sostanze che
generano la malattia in ogni uomo.

Sul criterio della neutralizzazione della «Melanche» si basano
pure parecchie medicine efficaci antimelanconiche
(v. capitolo «Nervi e vino spento»). Al contrario, essa può
essere causa da molte forme di vita sbagliate, come per esempio
un pranzo ingozzato in fretta (fast food), che aumentano la
materia depressiva.
Che cosa sa Ildegarda dell'anima?
La medicina ildegardiana è un'arte di guarire l'anima. Essa non
ha soltanto composto un libro che tratta specialmente la
psicoterapia (il «Liber vitae meritorum»), ma descrive pure molti
aspetti soliti della vita quotidiana nei suoi effetti fisici. Ildegarda
enumera una lista di 35 fattori di rischio da evitare la collera che
logora il sistema nervoso, la disperazione chi provoca la lussuria,
la cupidigia che provoca il pessimismo La mancanza di fede è la
causa di ogni male, e quindi la fede aumenta il successo della
guarigione.
Ogni essere umano può guarire con la medicina
ildegardiana?
L'arte medica di Ildegarda ha una o più medicine per tutte le
malattie, ma però non ogni uomo può guarire con la medicina
ildegardiana. Se anche il maggior numero di pazienti ha successo
con questa medicina, Ildegarda scrive nel suo manuale una
formula singolare:
«Queste medicine sono indicate da Dio e permettono al
l'uomo o di guarire, oppure di morire; forse Dio non vuole che
quest'uomo guarisca» (CC 165, 21).
Questa non è una scappatoia salomonica di fronte ad eventuali
insuccessi e si riferisce solo circa all'uno per cento delle sue
medicine, ma calcolando le cure più importanti! Dio vuole
certamente guarire tutti.
Cristo non ha mai detto: «Sopporta il tuo male!», ma ha guarito
coloro che ricorrevano a Lui con fiducia.
La stessa cosa riguarda anche Ildegarda, però ci sono pochi
casi in cui la saggezza di Dio riconosce che la guarigione non
sarebbe di grande aiuto al malato.

È evidente che Ildegarda vuole favorire nel mondo e nell'uomo
l'attitudine cristiana che ci fa ricordare la parola di Agostino:
«Omnis anima naturaliter Christiana!» (Il programma di ogni
anima umana comporta il fatto di essere cristiano).
Ildegarda agisce in questo senso, e ciò vale per tutti i suoi libri
che ha scritto, come per la sua medicina.
Gli occhi, finestre dell'anima
Lo sguardo dell'anima è potente negli occhi di un essere
umano i cui occhi sono chiari e trasparenti, poiché l'anima abita
nel suo corpo con tutta la sua forza, per poter compiere con lui
ancora molte (buone) opere, poiché gli occhi sono le finestre
dell'anima» (CC 220, 6).
Gli occhi chiari e puri sono un segno della vita. Se un essere
umano è fisicamente sano, i suoi occhi sono puri e chiari. Gli
occhi torbidi sono un segno della morte.
Chi ha gli occhi torbidi, quantunque sia sano, in modo che i in
modo che essi non sono proprio chiari, indipendentemente dal
loro colore, porta in sé i segni della morte. Lo stesso vale per un
uomo, i cui occhi sono torbidi come una nuvola di cui la parte
superiore è così spessa in modo che dietro ad essa non si può
nemmeno ammirare una nuvola chiara come un cristallo. Questo
essere umano si ammalerà presto e morirà, poiché la sua anima
non ha forza perché essa non fa che pochissime opere (buone) e
perché essa è come avvolta nelle nuvole, come un uomo indeciso
e perplesso sta meditando il momento in cui dovrà abbandonare la
sua casa e partire» (CC 220, II).
La struttura, la funzione e la malattia dell'occhio sono descritte
dalla medicina moderna con una terminologia complicata.
L’occhio umano si compone del globo oculare con le sue tre
membrane la sclerotica o cornea opaca, la coroide e la retina.
La sclerotica forma la parete esterna. Nella sua parte interiore
la sclerotica presenta un'apertura quasi circolare in cui è incastrata
la cornea trasparente. Poiché essa è strettamente in relazione
anatomica con la congiuntiva, essa va soggetta a molte malattie
alla congiuntiva e alla cornea, e viceversa.

Sotto la sclerotica c'è la coroide, poi la retina che, nella parte
anteriore della camera dell'occhio, forma l'iride e dà all'occhio il
suo colore particolare.
L'iride è applicata contro la faccia anteriore del cristallino e
circoscrive la pupilla per mezzo della quale la luce penetra
nell'occhio. Dietro il cristallino l'umore vitreo riempie la parte
anteriore del globo dell'occhio. Questo è fatto del 99 per cento di
acqua gelatinosa.
Un offuscamento del cristallino porta a disturbi di vista e viene
indicato con il nome di cateratta. La camera interiore e quella
esteriore sono riempite da un liquido, detto umor in acqueo.
L'afflusso e il deflusso di questo umore acqueo deve essere
normalmente ben regolato.
Un aumento di questo liquido con un deflusso difettoso porta
ad un aumento di pressione nell'occhio interno e distrugge la
capacità di vedere. Questa ipertensione dell'occhio viene chiamata
glaucoma, ed è la causa prima che può portare alla cecità.
Anche Ildegarda dice che la vista dipende dalla relazioni giusta
fra il sangue e l'umor acqueo dell'occhio.
«Gli occhi dell'uomo sono stati creati a somiglianza del
firmamento. La pupilla ha delle analogie con il sole, la
colorazione nera o grigia attorno alle pupille ha delle analogie
con la luna, e il bianco esteriore ha delle analogie con le nuvole.
L'occhio è composto di fuoco (calore) e di acqua. Il fuoco lo
tiene insieme e lo fortifica, l'acqua ha la funzione della facoltà
visiva. Se il sangue è abbondante nella parte superiore
dell'occhio, esso reprime il potere visivo, poiché esso inaridisce
l'acqua che avrebbe dovuto assicurare la vista all'occhio. D'altra
parte, se il sangue è troppo ridotto, l'umor acqueo che avrebbe
dovuto assicurare all'occhio il potere visivo non ha più forza,
perché gli manca ciò che nel sangue doveva, come una colonna,
sopportare le sue forze. Per questo motivo, nella gente anziana,
gli occhi si intorbidiscono, poiché il loro umore acqueo
diminuisce con il sangue. Invece la gente giovane vede bene,
perché c'è l'equilibrio fra sangue e acqua.

Nei giovani il fuoco e l'acqua non sono ancora asciutti e
diminuiti oltre misura il calore e il freddo» (CC 92, 7).
Ildegarda descrive cinque tipi di occhi secondo il colore
dell’iride: gli occhi azzurri, gli occhi di fuoco, gli occhi
screziati, gli occhi verdi, gli occhi bruni.
Le persone che hanno gli occhi azzurri sono alle volte
frivole, alle volte precipitose, oppure dissolute o (anche) pigre e
Indisciplinate nei loro costumi. Però esse fanno tutto
scrupolosamente. Chi ha occhi di fuoco è saggio, ha
un'intelligenza acuta ed è collerico. Le persone che hanno gli
occhi screziati sono un po' incostanti, perfino tristi alle volte,
alle vidi, felici, tuttavia sono moralmente oneste. La gente che
ha gli occhi verdi è incostante, leggera e furba, ma tuttavia abile
per i lavori manuali e capisce in fretta ciò che ancora non
conosce. Chi ha gli occhi bruni o neri è intelligente, sa dare
buoni consigli, ma ha paura di tutto ciò che fa, cioè non è mai
sicuro di sé stesso» (CC 234, 22 ff).
Ildegarda fa ancora altre osservazioni sul colore degli occhi:
Gli occhi azzurri “una persona dagli occhi azzurri, simili
all'acqua, ha ricevuto questo colore dall'aria. Gli occhi di questo
colore sono più deboli degli altri, perché l'aria si cambia spesso a
causa del diversi influssi atmosferici: il calore, il freddo e
l'umidita. Perciò gli occhi azzurri possono essere danneggiati dall'aria malsana, debole ed umida come pure dalla nebbia» (CC 92,
24).

La medicina per gli occhi azzurri è il finocchio. Esso può
guarire le infiammazioni e le infermità degli occhi azzurri,
derivate dall'inquinamento dell'aria.
«Se una persona dagli occhi azzurri vede male o ha dolori agli
occhi, deve subito mangiare dei finocchi o semi di finocchio, li
deve tritare ed impastarne il succo e la rugiada dell'erba (che si
trova su queste erbe) con un po' di farina fina di frumento, e ne
faccia una piccola focaccia.
Si deve mettere questa pasta di notte sugli occhi e legarla con
una fascia.

Così il dolce calore del finocchio e del frumento, mescolati alla
rugiada, sopprimono i dolori, poiché gli occhi azzurri sono del
genere dell'aria e quindi bisogna aggiungere la rugiada» (CC 170,
14).

Gli occhi di fuoco: Essi hanno un anello chiaro attorno
all'iride, siano essi azzurri o bruni.
«Chi ha gli occhi di fuoco, simili ad una nuvola scura, che sta
vicino al sole, li ha grazie al vento del sud.
Essi sono sani, perché provengono dal calore del fuoco.
Tuttavia la polvere e un qualsiasi odore li ferisce, poiché la loro
chiarezza non reagisce alla polvere e la loro purezza non reagisce
ad un odore sconosciuto» (CC 92, 32).
Il rimedio universale per gli occhi di fuoco è il «vino fatto di
rose, violette e finocchi».
Ricetta: 6 ml di tintura di violette
12 mi di tintura di rose
4 mi di tintura di finocchi
colmare con 50 mi di vino.
«Strofina quest'acqua sugli occhi prima di andare a letto, però
devi fare attenzione che essa non penetri nell'occhio. Se però
fosse penetrato qualcosa nell'occhio, non è un gran danno» (CC
170, 24).

Si mettono alcune gocce in un portauovo, si inumidiscono le
dita con questo liquido e si passano con prudenza sulle palpebre,
prima di andare a letto, facendo attenzione che il liquido non
penetri nell'occhio.
Gli occhi screziati: Essi sono macchiati da diversi colori
come l'azzurro, il verde, il bruno e il grigio-azzurro.
Sono sensibili alle superfici metalliche lucenti e scintillanti,
alle superfici d'acqua e alle sorgenti di luce, si chiamano pure
occhi televisivi.
Chi ha gli occhi che assomigliano ad una nuvola, in cui si
specchia l'arcobaleno, li deve all'aria con le sue diverse
perturbazioni atmosferiche, poiché essi non sono regolarmente
asciutti o umidi.

Sono deboli, poiché provengono da un'aria Incostante, ed
hanno una facoltà visiva debole specialmente perché non
provengono dal fuoco. Tuttavia sono acuti se l'aria piovosa è pura,
perché provengono più da una natura umida che focosa.
Ogni luce scintillante che provenga dal sole, dalla luna, da
un'altra fonte di luce (televisione) o dallo scintillio di pietre
preziose, da superficie metalliche o da altre fonti, è dannosa per
gli occhi, perché essi provengono dall'aria con diverse
perturbazioni atmosferiche» (CC 93, 1).
Questi occhi reagiscono se si guarda a lungo la televisione, si
legge a lungo, o si va al cinema. Alle volte avvengono dei
disturbi, e sembra che ci siano delle immagini doppie davanti agli
occhi.
Se una persona ha oltrepassato i cinquant'anni, gli occhi si
possono intorbidire a causa di scorie sporche immagazzinate. La
medicina moderna parla di cateratta in seguito ad una falsa
utilizzazione di glucosio per la perdita di enzimi del cristallino.
Il vino allo zinco può stimolare di nuovo l'attività indebolita
degli enzimi, migliorando perciò il potere visivo. Questo vino si
dimostra efficace, anche all'inizio della cateratta. Esso è la
medicina universale per gli occhi screziati, anche per la
congiungivite, il prurito agli occhi, o gli occhi lagrimosi, come si
nota nel raffreddore da fieno.
«Prendi dell'ossido di zinco e mettilo in un vino bianco e
puro. La sera, quando vai a letto, strofina esteriormente le
palpebre con questo vino dopo aver tolto l'ossido di zinco, però
fà attenzione a non toccare gli occhi» (CC 171, 6).
Ricetta del vino allo zinco:
Zinco ossidato 0,5
Zinco metallico 0,2
aggiungere 10 mi di vino bianco.
Prima di andare a letto si passa sulle palpebre chiuse il vino
allo zinco con le dita umide.

Si aspetta finché il vino sia asciugato, poi si aprono di nuovo
gli occhi, si inumidisce solo il bulbo dell'occhio o la congiuntiva,
altrimenti brucia.
Gli occhi verdi: Ci sono poche persone dagli occhi verdi, ed
Ildegarda scrivi quanto segue:
«Chi ha occhi che assomigliano ad una nube offuscata, che non
sono completamente di fuoco ma neppure proprio torbidi, di
colore verde-azzurro, ha questo colore dall’umidità della terra, che
contiene molte erbe dannose e lombrichi. Questi occhi sono fragili
e lasciano trasparire un tessuto rossastro, poiché derivano dal
muco (livor). Essi non vengono toccati dall'aria umida, dalla
polvere, dall'odore, dagli oggetti luminosi, per cui soffrono gli
altri occhi. A volte però essi soffrono di altre malattie» (CC 93, 12).
Il rimedio universale per gli occhi verdi bisogna prepararselo
da sé.
«Se una persona ha gli occhi simili ad una nuvola, che non
sono proprio di fuoco ma neppure troppo torbidi, ma di colore
verdastro, e vede male o ha dolori agli occhi, deve tritare
d'estate del finocchio e d'inverno i semi di finocchio,
mescolando il tutto con un uovo ben sbattuto, e metterlo sugli
occhi prima di andare a letto» (CC 171, 18 ff).
Gli occhi bruni
Gli occhi più robusti sono quelli bruni.
«Chi ha occhi neri od offuscati come una nube, li ha principalmente dalla terra. Essi sono più forti ed acuti degli altri occhi e
conservano pure a lungo la loro forza visiva, perché derivano
dalla forza della terra.
Tuttavia essi vengono leggermente danneggiati dall'umidità
della terra e da quella delle acque delle paludi, così come la terra
viene spesso danneggiata dalla grande umidità delle acque e delle
paludi» (CC93, 25).
Se questi occhi fanno male o non permettono di vedere bene,
queste persone malate devono prepararsi da sole una medicina
fatta di vino e succo di erba ruta e metterla come una :compressa

“Prendi il succo di erba ruta e un quantitativo doppio di miele,
mescolali con un po' di buon vino puro, poi mettici dentro un
pezzo di pane di frumento e lega questa compressa sugli occhi
durante la notte» (CC 171, 33).
Come abbiamo già detto, in caso di un attacco acuto di
glaucoma la pressione interna dell'occhio può perciò aumentare
in modo che il potere visivo è notevolmente ridotto.
La perturbazione del rifornimento di sangue all'interno
dell'occhio provoca una diminuzione della vista. La congiuntiva
è infiammata e diventa rossa e la cornea si può intorbidire. Già ai
primi sintomi, per esempio di dolori o di disturbi all'occhio,
bisogna consultare un oculista. Le persone che hanno
oltrepassato i quarant'anni dovrebbero farsi controllare ogni anno
la pressione interna dell'occhio dall'oculista, per riconoscere
eventualmente la minaccia di un glaucoma.
«Gli occhi possono fare male anche per il sovraccarico di
lavoro. Ildegarda descrive in questo caso un rimedio molto
semplice: “Se il sangue o l'umor acqueo negli occhi dell'uomo
diminuiscono molto a causa dell'età o di qualsiasi altra malattia,
si deve passeggiare su un prato verde e fissarlo fintanto che gli
occhi si inumidiscono come se lagrimassero, poiché il verde
dell'erba leva questi disturbi di vista e così gli occhi diventano
puri e chiari. Si può prendere l'acqua pulita del fiume o l'acqua
fresca ed inumidire gli occhi, in modo che questa umidità stimoli
l'umore acqueo degli occhi, che è già disseccato, e li rende di
nuovo puri e chiari. Si può pure prendere un pezzo di lino ed
inumidirlo con acqua pura e fresca, poi si lega come compressa
sulle tempie e sugli O C C HI , facendo però attenzione che nulla
penetri negli occhi per non ferirli» (CC 169, 30 ff). Anche le gocce
della vite sono un rimedio efficace per gli occhi, pure all'inizio
della cateratta. Questo si è sperimentato specialmente nel caso di
un'infiammazione della congiuntiva. «Chi soffre di disturbi alla
vista e di offuscamento degli occhi (inizio di cateratta), deve
spesso inumidire le palpebre (giornalmente) con le gocce della
vite e farne pure entrare un po' nell'occhio stesso.

Allo stesso modo in cui la vite viene potata, le gocce che
colano (in primavera) servono per rendere chiara la vista.
Bisogna cogliere in un piccolo recipiente quelle gocce che
sgorgano dal taglio fatto alla vite dal mattino fino a
mezzogiorno» (PL 1244 D).
Si devono inumidire per un certo periodo di tempo, una o due
volte al giorno, le palpebre con le gocce della vite (acqua che esce
dalla vite), mentre un po' di liquido viene anche versato a gocce
direttamente nell'occhio.
Il succo delle foglie di giovani meli, mescolato con le goccie
della vite in proporzione di 1 a 1, è, secondo Ildegarda, il rimedio
migliore per la vista.
«Se qualcuno, vecchio o giovane, soffre di un qualche disturbo
di vista, deve prendere qualche foglia di melo in primavera, prima
ancora che si formino i frutti, poiché i primi germogli delle mele
sono più teneri e più sani, come le ragazze prima che abbiano dei
figli. Tritare queste foglie, spremere in quantità uguale le gocce
della vite con questo succo, mescolarlo e riempirne una bottiglia.
La sera, prima di andare a letto, inumidire le palpebre e gli
occhi (con la punta delle dita) e fare in modo che nulla penetri
nell'occhio.
Prendi poi queste foglie di melo tritate, versaci sopra le gocce
di vite e mettile, come compresse (la notte), sugli occhi. Se lo
farai spesso (ogni giorno), scomparirà l'offuscamento, e tu vedrai
meglio» (PL 1215 D).
Ricetta:
Succo di foglie di mele (germogli) con il succo di foglie di vite
mescolare a dosi uguali (1 : 1).
Si mescolano ogni volta in una tazza 10 gocce di questo
rimedio, e si inumidiscono le palpebre con la punta delle dita
prima di andare a letto.
Anche le foglie di melo tritate (germogli) possono essere usate
come compresse di notte sugli occhi. I disturbi agli agli occhi (in
seguito all'età) si possono curare con il vino al topazio d'oro:

“Se ad una persona si oscurano gli occhi, metta un topazio per
tre giorni e tre notti nel vino puro.
La sera, quando va a letto, strofini i suoi occhi con il topazio
inumidito nel vino, in modo che un po' di liquido penetri pure
negli occhi.
Dopo aver tolto la pietra dal vino, questo vino si può usare
ancora |per cinque giorni.
Anche di notte si possono strofinare gli un occhi con la pietra
umida, che si mette di nuovo nel vino e si passa poi sugli occhi.
Ciò si deve fare spesso, giornalmente.
Al quinto giorno bisogna usare altro vino per mettervi il
topazio. Questo rimedio rende gli occhi chiari come il migliore
collirio» (PL 1255 C).
Le lesioni della capacità di vedere per le persone che soffrono
di disturbi alla ghiandola tiroide si possono curare con il cristallo
di rocca.
“Se gli occhi si velano (oscurano), bisogna far riscaldare al sole
un cristallo di rocca, e mettere sugli occhi la pietra riscaldata. E
poiché questa pietra è della natura dell'acqua, il cristallo leva gli
umori cattivi dagli occhi, e così la persona malata guarirà e vedrà
meglio» (PL 1263 D).
Lo zaffiro aiuta in generale quando gli occhi sono arrossati a
causa di sovraccarico di lavoro o d'infiammazione della
congiuntiva.
«Se qualcuno ha gli occhi arrossati e gonfi (infiammati), o se
la vista diminuisce, prenda a digiuno uno zaffiro, lo metta in
bocca e lo inumidisca con la saliva.
Con il dito levi la saliva dallo zaffiro ed inumidisca gli occhi,
in modo che lo zaffiro tocchi gli occhi internamente, e così
guarirà e vedrà chiaramente

L'Amore mondano (Amor saeculi) dice: «Fintanto che potrò godere la bellezza del
mondo, voglio abbracciarlo con gioia» (Vita merìt. I, 10)

L’amore Celeste (Amor caelestis) dice: «O vita dolce, o dolce ebbrezza,
abbraccio della vita eterna, o felice fortuna, eterna ricompensa! Tu sei sempre
così deliziosa, in modo che io non posso goderti interamente. Nessuno mi potrà
soddisfare pienamente della gioia interiore che è nel mio Dio» (Scivias, I I I . I "
Visione, I)

I nostri occhi sono uno specchio e riflettono i sentimenti e le
passioni dell'anima. Se si guarda profondamente negli occhi e si
sa leggere il linguaggio del corpo, si può riconoscere in essi la
gioia o la tristezza.
Nel suo libro psicoterapeutico «L'uomo responsabile» (Liber
vitae meritorum ), Ildegarda descrive che gli occhi possono
soffrire per il falso amore del mondo e condurre ad una falsa
concezione della vita, che porta ad inebriarsi del mondo e ad
idolatrarlo. Ildegarda vede l'amore mondano come un uomo nero
e nudo, che stringe strettamente un albero con le braccia e le
gambe. Con le mani afferra i rami ed i fiori, e li strappa dicendo:
«Io tengo stretti tutti i regni del mondo con i loro fiori ed
ornamenti. Perché dovrei appassire, dal momento che scoppio di
salute?...

Perché dovrei vivere come un vecchio, mentre sono così
giovane?... Fintanto che io potrò godere la bellezza del mondo, la
voglio abbracciare con gioia. Io non conosco altra vita. Le favole,
che mi si raccontano, non significano nulla per me» (Vita merit. 1,
10) Appena l'amore mondano ebbe parlato così, l'albero si essicò
e fu precipitato nelle tenebre. Ildegarda vede la vita vera e bella
nell'amore per le cose celesti, nell'amore di Dio, che trionfa
sull'amore mondano. Non ci si deve fare ingannare
dall'apparenza.
Le orecchie — centri della salute
«L'uomo ha due orecchie come due ali, che fanno entrare
tutte le voci ed i suoni, come le ali degli uccelli li portano
nell'aria» (CC 43, 6).
Ogni malattia non ha solo una causa, ma anche un senso e un
significato. I sintomi di una malattia possono alle volte essere un
segnale di allarme che ci incita a vegliare sulla nostra nutrizione,
specialmente in primavera al tempo delle fragole, quando si fanno
sentire i dolori alle orecchie, le infiammazioni alle tonsille e la
raucedine. Ildegarda scrive:
«I frutti, specialmente le fragole, provocano nell'uomo degli
umori dannosi dopo averne mangiato (alterano la chimica del
sangue); esse non sono buone né per i sani né per i malati,
poiché crescono così vicine alla superficie della terra e crescono
in un'aria putrida» (PL Il94 A)
Oggi noi sappiamo che i gas terrestri sono composti di metano,
di carburo, d'idrogeno che è parente del cloroformio. Non ci si
deve perciò meravigliare se le «fragole cloroformizzate» causino
nell'uomo degli umori dannosi, cattivi. Altre malattie analoghe
come quelle causate dalle fragole e che si notano in estate, sono
nel periodo delle pesche. La maggior parte delle persone possono
mangiare delle fragole, senza ammalarsi subito. Quelle persone
però, che si ammalano in fretta, fanno bene a non mangiare delle
fragole. La stessa cosa avviene anche alle persone dalla pelle
molto delicata, per esempio i ragazzi che soffrono di eczema.

Alcune persone rideranno forse sentendo queste cose, altre
saranno felici se l'eruzione della pelle scompare, perché hanno
evitato di mangiare le fragole.
Ildegarda descrive un rimedio semplice contro i dolori alle
orecchie, le «gocce di vite oleose». Già abbiamo visto, nel
capitolo dedicato alle malattie degli occhi, che le gocce che
colano in primavera dalla vite al primo taglio dei tralci, sono un
rimedio eccellente per gli occhi. Si mettono 9 mi di questo succo
di vite in una bottiglietta che si compera in farmacia, e si riempie
con l'olio d'oliva 1 ml su 10 ml.
Per migliorare il potere di questo rimedio si aggiunge ancora
una goccia di olio di rose.
Ricetta : (Guttae vitis oleosae - rosatae) Per i dolori alle
orecchie: le gocce si strofinano attorno alle orecchie, davanti e
dietro ad esse, ma non nelle orecchie. Le gocce di vita oleose,
mescolate all'olio d'oliva, sono efficaci all'inizio dell'otite,
specialmente per i bambini, poiché i dolori scompaiono
immediatamente con l'unzione. Usate in tempo, queste gocce
possono pure evitare un'otite, nella maggior parte dei casi.
Un'otite, che è già purulenta, deve essere curata dall'otoiatra.
Anche quando si tratta di mal di testa, particolarmente di dolori
alle diverse parti della testa, di nevralgie dovute a raffreddamenti,
si possono strofinare le gocce di vite oleose sulla parte malata.
L'apparato uditivo, su cui agiscono efficacemente le gocce di
vite oleose, esercita un influsso importante sul metabolismo
dell'uomo. Ildegarda vede una relazione diretta fra i suoni e le
voci, che vengono registrati dalle orecchie e il metabolismo del
fegato. La tristezza può anche danneggiare il fegato, tanto che
esso può diventare «bucherellato e marcio», cioè non è più in
grado di mantenere un buon metabolismo.
Il fracasso di un disco o della musica rock può non soltanto far
male all'udito, ma anche al fegato.
L'elettronica moderna ha suscitato una nuova forma di
inquinamento dell'ambiente, che rende le persone sorde dopo un
certo tempo.

I giovani che passeggiano per delle ore con un apparecchio alle
orecchie per sentire la musica, fanno capire che non si vogliono
interessare del mondo che li circonda.
D'altra parte, con la buona musica, si può cercare di
normalizzare nuovamente il metabolismo depresso. Le orecchie
sono veramente la sede del centro della salute e decidono sulla
salute e sulla malattia.
«Se i vasi del fegato vengono in contatto con l'umidità del
corpo alterata, essi scuotono pure i vasi dell'organo dell'udito e
perturbano la capacità uditiva, poiché la salute o la malattia
possono derivare dall'udito.
Cosi l'udito viene stimolato favorevolmente quando si è
contenti, ma viene ostacolato quando si è molto tristi in seguito
ad una disgrazia» (LDO, IIIa Visione: PL 800 C).
Si può divenire sordi per una malattia allo stomaco. Ci sono
delle relazioni strette fra la digestione e l'udito. È necessario
preoccuparsi di avere una buona digestione, per sopprimere
questa causa.
«Se un uomo ha mal di stomaco, allora alle volte da lì un
umore (Phlegma) sale alla testa, colpisce anche le orecchie e
pregiudica l'udito dell'uomo. Ma questo umore, questo
«flemma» che ora diminuisce ed ora aumenta, è facile da
trattare e da curare. Dai cattivi umori che sono nell'organismo
alle volte si alza un fumo (un gas) che penetra nella testa
dell'uomo e nel suo cervello. Questo fumo si estende anche fino
alle orecchie ed ostruisce l'udito, sii installa lì ed è difficile
curarlo» (CC 94, 9 ff).
In questo caso di sordità Ildegarda consiglia di usare
l'incenso bianco:
“Se l'udito di un uomo è ostacolato da un umore (un flemma)
o danneggiato da un'altra malattia,, si deve allora affumicare
dell'incenso bianco sui carboni ardenti e far salire questo fumo
nell'orecchio otturato. Però ciò non si deve fare spesso (non si
deve fare giornalmente), affinché questa cura non danneggi
maggiormente l'udito» (CC 173, 6).

Un sacerdote che usa l'incenso nel modo prescritto, dovrebbe
diventare raramente sordo.
Una sordità, sopravvenuta in seguito a continui raffreddori,
ad otiti, a sinusiti, all'influenza o al morbillo, si può curare con
la polvere per l'udito (polvere d'origano, di galanga e di aloe):
“Prendi della galanga, di cui un terzo di aloe e una quantità
doppia di origano e foglie di pesco con lo stesso peso come i
l’origano. Fanne una polverina ed usala ogni giorno dopo aver
mangiato ed a digiuno» (PL Il35 A).

L’Arroganza(Petulantia) dice:”Cerchiamo di stare allegri, fintanto che c’è
ancora da ridere” (Vita merit. I,12)

La Disciplina (Disciplina) dice: “Con il tuo sciocco modo di parlare tu seduci la
gente per poterla manipolare facilmente” (Vita merit. 1, 13)

Ricetta: per le orecchie
Polvere di origano
Polvere di galanga 3 g
Polvere di aloe 1 g
Maggiorana 6 g (origano)
Polvere di foglie di pesco 6 g
All'inizio, se ne prendono solo dopo aver mangiato una o due
punte di coltello; più tardi, sempre prima di mangiare, se ne
prende una punta di coltello. Non è necessario prendere la polvere
senza liquidi, ma è consigliabile di farlo.
Se uno ha proprio una grande ripugnanza a prendere la polvere
a secco, può bere un tè di finocchio o il vino per il cuore.
La polvere per l'udito, grazie all'aloe, ha un potere digestivo,
ciò che eventualmente si può notare se si prende una leggera
diarrea.
Se è otturato solo un orecchio, allora aiuta la pietra preziosa
«diaspro». Si prende un diaspro color oliva, che è molato in modo
da poter penetrare nel condotto uditivo. Si deve fissare il diaspro
color oliva ad una catenella (d'argento), per poter levare
facilmente la pietra.
«Se un uomo è sordo da un orecchio, prenda un diaspro, lo
metta in bocca in modo di riscaldarlo e di inumidirlo con il
proprio fiato.
Poi lo metta subito nell'orecchio e chiuda il condotto uditivo
sulla pietra con un po' di ovatta, affinché il calore della pietra
penetri nell'orecchio. Anche se l'aria variabile fa crescere questa
pietra, essa scioglie le diverse malattie degli umori. Così si
acquista di nuovo l'udito» (PL 1257 A).
Il diaspro color oliva è efficace specialmente contro la sordità
dovuta al catarro o all'infiammazione purulenta dell'orecchio
medio.
La sordità dovuta ad un trauma, come succede ai musicisti di
un'orchestra o a coloro che frequentano le discoteche, a cui alle
volte è stato ferito il timpano, non può essere guarita dal diaspro
color oliva.

Ildegarda descrive nel suo libro psicoterapeutico «L'uomo
responsabile» (Liber vitae meritorum) che l'esuberanza
(in secondo luogo) lotta contro la disciplina e l'ordine, e perciò
può danneggiare l'udito. La figura simbolica dell'esuberanza (o
arroganza) sfrontata assomiglia ad un cane vagabondo. Esso sta
sulle zampe posteriori e sostiene la zampa anteriore sinistra con un
bastone. La sua testa è calva, sogghigna come un pagliaccio
sciocco, ed Ildegarda sente parlare questa figura:
«Che danno può fare uno scherzo ad un uomo, se almeno lo
fa ridere? Cerchiamo di stare allegri, fintanto che c'è ancora da
ridere» ( Vita merit. 1, 12).
L'uomo viene sedotto dall'udito e trascinato dal piacere, come
si può constatare in ogni festa popolare e in ogni discoteca. Con
ciò egli si lascia sedurre da una sciocca sfrenatezza. Gli nomini
amano la sfrenatezza come un cane che corre sempre loro incontro
tutto allegro. La sfrenatezza non conosce la stabilità, la costanza,
ma segue il proprio gusto che lo fa divertire. Esso vive secondo le
proprie voglie e per soddisfare la sua fantasia. Perciò Ildegarda la
chiama pure vanità delle vanità. Appena una voglia, una vanità è
passata, si rincorre la prossima. Così tutte le sfrenatezze sono di
natura passeggera.
Ciò che incatena un uomo adesso, passa presto, e ciò che egli
possiede adesso presto sarà perduto. Chi ride adesso, presto
piangerà, tutto è vanagloria, poiché è passeggero.
Così gli uomini si incamminano verso la morte, come se nella
loro vita non avessero mai vissuto giustamente. La forza della
disciplina, da cui scorre ogni cosa buona, non scomparirà mai, ma
continuerà a durare in una vita futura nell'eternità. La voce della
disciplina dice:
«Niente mi distoglie dalla disciplina divina: né il nemico
terribile, che si chiama diavolo, né una persona nemica, né
questo mondo. Io starò sempre dalla parte di Dio» (Scivias Ili, 3"
Visione, 2).

Influenza, infreddatura e il geranio inglese: Perché
starnutiamo? Ildegarda ci dà una risposta interessante:

«Se il sangue umano non scorre più svelto e rapido nelle
vene, ma è come addormentato e se gli umori scorrono lenti,
l'anima lo nota e allora scuote tutto il corpo con lo starnuto.
Perciò essa risveglia il sangue e gli umori e li fa ritornare al
loro giusto stato. Anche l'acqua marcirebbe se non fosse
continuamente mossa dalle tempeste e dalle inondazioni; allo
stesso modo un uomo dovrebbe internamente marcire se non
potesse starnutire e purificare il naso soffiandoselo» (CC 133, 9).
È sorprendente il fatto che Ildegarda abbia una fila di rimedi
efficaci contro le malattie da raffreddamento, e anche un «rimedio
universale» per proteggere dal virus pericoloso dell'influenza, che
non si può sempre curare con gli antibiotici.
La polvere contro l'influenza, il cui componente principale è il
geranio inglese, è speciale ed efficace per sei sintomi generali di
raffreddamento che possono comparire.
1. Starnuto: In questo modo si annuncia il raffreddore. Si
prende mezzo cucchiaino da tè di polvere contro l'influenza,
distribuito su una cartolina postale e poi si annusa. Si deve solo
odorare, ma non fiutare come il tabacco! Come cura preventiva
contro il contagio, si può annusare già al mattino. Se il raffreddore
è già cominciato, o se data già di uno o di tre giorni, allora è
necessario soffiare spesso il naso e poi annusare immediatamente
la polvere contro l'influenza. Essa è efficace per un semplice
raffreddore (non per un raffreddore purulento) sicuramente al
cento per cento.
2. Mal di testa: È causato dall'influenza o dal favonio (vento
caldo del sud). Prendere due o tre punte di coltello di polvere
contro l'influenza su un po' di pane con il sale.
3. Raucedine, mal di gola: Mettere un cucchiaino da tè di
polvere contro l'influenza in un bicchiere di vino caldo e berlo
caldo.
4. Tosse: Far cuocere un cucchiaino da tè di polvere contro
l'influenza in una pasta di focaccia spolverata di zucchero (bruno).
Servire caldo e mangiarne più volte al giorno.

Catarro allo stomaco: Versare spesso sui cibi o sull'insalata
un cucchiaino da tè di polvere contro l'influenza.
6. Dolori cardiaci (durante o dopo un'influenza da virus):
L'influenza da virus attacca il cuore in modo maligno, i vasi
(anche i reni). Per prevenire i danni al cuore che potrebbero
verificarsi più tardi, si prendono più volte al giorno per quattro
settimane dopo una forte influenza da due a tre punte di coltello di
polvere contro l'influenza senza liquidi, eventualmente si può
anche leccare la polvere direttamente dalla mano (PL Il88 A).
Prevenzione: Come misura preventiva contro l'influenza,
specialmente per persone anziane: durante il tempo dell'influenza
prendere mezzo cucchiaino da tè di polvere contro l'influenza e
spargerla sull'insalata, la minestra o altri cibi.
Ildegarda conosce un rimedio efficace per le forme più grav
d’'influenza, nel caso che la polvere contro di essa non fosse
efficace, l'erba straordinaria: l'imperatoria (radix imperatoriae).
«L'imperatoria è calda e fa diminuire la febbre. Chi ha la
febbre deve prendere questa radice, pestarla un po' e versare
mezzo bicchiere di vino su un cucchiaino da tè di questa radice
pestata, lasciando riposare per una notte. Il giorno dopo
aggiungere ancora un po' di vino e bere il vino a digiuno prima dei
pasti per tre o cinque giorni» (PL Il93 A).
Il vino fatto con l'imperatoria deve essere preparato ogni sera
fresco e in casi gravi bevuto per cinque giorni di seguito. Non si
deve smettere prima di berlo, altrimenti si fa una ricaduta!
Si mette un cucchiaino da tè di radici d'imperatoria pestate in
un mezzo bicchiere di vino, lasciandovelo per una notte intera. Il
giorno dopo si aggiunge un po' di vino fresco, e, dopo averlo
colato, se ne beve un po' a sorsi, durante la giornata, sempre prima
dei pasti e quindi a stomaco vuoto. Ai bambini se ne dà solo un
cucchiaino da tè, ai bambini più piccoli solo qualche goccia.
Il vino d'imperatoria è efficace specialmente contro l'influenza
con febbre alta, perfino contro il morbillo, la scarlattina, la
polmonite, la meningite, la tonsillite e contro l'influenza da virus.
Inoltre si deve seguire la dieta per i malati N.I.
5.

Il vino d'imperatoria non viene prescritto nelle malattie polmonari croniche o in altre malattie croniche. Per le infiammazioni
dell'orecchio medio si usano in più le gocce di vite oleose
Il vino d'imperatoria è un mezzo ideale contro le infezioni
causate da batteri con febbre alta.
L'acqua di lampone con la galanga è pure efficace contro la
febbre da virus, la febbre estiva, la febbre da influenza, il
morbillo.
Si fanno sciogliere in un bicchiere in acqua fredda due pastiglie
di galanga, aggiungendo un po' di succo di lampone. Lungo il
giorno e contro la sete si beve un tè di finocchio.
L'acqua di lampone con la galanga è anche efficace per
prevenire le epidemie di febbre virale, per esempio quando un
membro della famiglia si deve proteggere dalle malattie infantili.
È consigliabile, durante tutte le malattie accompagnate da
febbre, di restare a letto e di non surriscaldare la stanza. L'aria
viene inumidita da un apparecchio apposito o dal vapore di una
teiera. La sete si spegne con il té di finocchio e con un bicchiere di
sciroppo preparato con il succo di due arance e di un limone.
Se si ha la febbre, non si mangia per tre giorni e poi si segue il
regime adatto al malato (v. cap. «Dieta di Ildegarda», pag. 199).
Ildegarda fa una distinzione esatta fra le malattie semplici o
complicate di raffreddamento. Trattandosi di una semplice tosse,
cioè non di pertosse o di bronchite con grave espettorazione, sono
efficaci le erbe contro la tosse, una miscela di finocchio, di aneto e
di marrobbio (Marrubiumn vulgare).
«Prendi parti uguali di finocchio e di aneto, aggiungendo un
terzo di marrobbio e fallo cuocere con il vino. Poi cola il tutto in
un telo e bevi questo sciroppo. La tosse sparirà» (PL Il43 A).
Ricetta contro la tosse (Species Marrubii):
Marrobbio, finocchio, aneto
Herba Marrubii 15,0
Herba Foeniculi et Herba Anethi ad 100,0
Si fanno bollire due cucchiai di erbe contrro la tosse con mezzo
litro di vino (vino del sud, vino dolce) per tre o quattro minuti,

così la maggior parte dell'alcool sparisce. Di giorno si bevono da
tre a quattro tazze di sciroppo ben caldo. Questo elisir contro la
tosse è efficace in caso di tosse non troppo forte. In casi gravi,
specialmente quando ci sono malattie al fegato che ritardano la
guarigione, si deve usare come cura l'elisir di scolopendrio
(Scolopendrium officinarum). Ai bambini (fino ai sei anni) si può
dare giornalmente un cucchiaino da tè, o (fino a dodici anni) un
cucchiaio da minestra più volte al giorno.
In questi casi, trattandosi di bambini, non sono necessari altri
rimedi. La medicina è un po' amara, ed è meglio perciò
domandare ai bambini, per prepararli, se vogliono guarire.
L'alcool contenuto in questa medicina non può essere dannoso,
poiché è sparito durante la cottura.
Le persone che soffrono di mal di gola e di raucedine devono
bere il vino fatto di erbe per la voce:
«Chi ha la raucedine o dolori al petto deve far bollire nella
stessa proporzione del verbasco e dei finocchi. Li faccia cuocere
in un buon vino, li coli con un telo e ogni giorno beva spesso
questo decotto e riavrà la voce perduta, e passerà il dolore al
petto» (PL Il80 B).
Ricetta:
Erba per la voce (Species vocales) 50 g
Erba di finocchio e fiori di verbasco H. Foeniculi et FI.
Verbascii
Si fanno bollire due cucchiai di erba per la voce con mezzo
litro di vino buono per due, quattro minuti. Poi si cola e se ne beve
mezza tazza ben calda ogni due o tre ore. Questo rimedio si può
anche comprare già pronto. L'erba per la voce, combinata con
l'erba per la tosse, dà l'erba per l'influenza, un rimedio eccellente
per ogni forma di raffreddore, tosse, raucedine, se la polvere
contro l'influenza non giovasse più. Si prendono quattro cucchiai
da minestra di erba contro l'influenza, e si fanno cuocere con tre
quarti di litro di vino buono per tre, quattro minuti. Si cola e se ne
beve mezza tazza più volte al giorno.

I bambini ne bevono di meno. L'elisir contro l'influenza deve
essere preparato fresco e si può tenere in una termo-bottiglia.
Il raffreddore non deve mai essere represso con gocce che
eliminano questo processo naturale di spurgo. Ildegarda descrive
che anche mangiando dei cibi esotici in modo disordinato o
mangiando dei latticini o formaggi insoliti, oppure delle creme
ghiacciate, possono formarsi nel corpo dei muchi dannosi, che
devono essere rigettati dal naso. Per evitare un ingorgo di muco
dovuto al formaggio, si può cospargere il formaggio con del
comino. Ildegarda spiega come si prende il raffreddore per mezzo
di questi umori:
«Anche se il cervello umano è abbastanza sano e puro, pure
talvolta subentrano delle burrasche che raggiungono il cervello
portando o trasportando via diversi umori. Ciò produce nel naso e
nella gola un fumo nebbioso che accumula del muco nocivo...
Questo muco concentra l'elemento morbido degli umori deboli,
in modo che essi sono eliminati con dolori dal naso e dalla gola
come delle ulcere già mature che scoppiano e scaricano delle
sostanze dannose... Ugualmente l'anima rigetta una schiuma nel
corpo umano, allorquando tutti i succhi del corpo vengono cotti
nel corpo umano, dell'anima, negli occhi, nelle orecchie, nel naso
nella bocca e negli organi di digestione, ognuno secondo la
propria funzione, come un cibo cotto sul fuoco rigetta della
schiuma. Quando l'uomo mangia alle volte un cibo nuovo e
sconosciuto, o beve un vino nuovo e sconosciuto oppure una
bibita che non conosce, allora questi allora umori sconosciuti, si
mettono in movimento con altri umori e si liquefano per poter
essere spurgati dal naso come un vino giovane che si mette in un
barile, rigetta del sudiciume e del fermento mentre si stà
purificando. Se l’uomo soffoca ed impedisce in qualche modo
questa purificazione, sarebbe dannoso per lui come se egli
impedisse sia all'urina che alle feci di uscire dal corpo. Se però
degli umori sconosciuti si aggiungono abbondantemente agli
umori del corpo, da produrre dei dolori forti, è necessario prendere
una medicina affinchè questi dolori spariscano» (CC 134, 19 ff).

Le erbe odorose delle punte di aneto e la pianta del finocchio
sono un eccellente rimedio contro un gran raffreddore, una forte
costipazione e perfino contro il raffreddore da fieno.
«Prendi dei finocchi ed una quantità di aneto quattro volte
maggiore e mettili su una tegola di pietra che viene riscaldata al
fuoco.
Gira i finocchi e l'aneto, in modo che fumino. Aspira questo
fumo e profumo dal naso e dalla bocca, e poi mangia perfino
queste erbe calde sul pane. Fa questo per quattro o cinque giorni,
per sbarazzarti facilmente di questi umori” (CC 190, 14).
Ricetta:
Erbe odorose (Species fumantes)
Erbe di finocchio, erba di aneto
Herba Foeniculi conc. 6,0
Herba Anethi conc. 24,0
Si fanno affumicare due cucchiaini da te di erbe odorose su un
coccio di terracotta (un coccio di un vaso di terracotta) che si
mette sulla piastra di un fornello, affinché esse facciano del fumo
che si deve inspirare dalla bocca e dal naso. Le erbe si devono
solo arrostire. Alla fine vengono sparse su un pane caldo e si
mangiano. Questo si fa per tre o cinque giorni, così il raffreddore
passa. Il raffreddore da fieno e il raffreddore cronico si possono
guarire specialmente con un diaspro color oliva, sottile, da poter
mettere nel naso:
«Chi ha un raffreddore forte, tenga un diaspro davanti alla
bocca e lo inumidisca con il suo fiato caldo, in modo che esso
diventi umido e caldo. Poi lo metta nel naso (per una ventina di
minuti), tenendolo in mano, e facendo in modo che il calore della
pietra salga fino alla testa. Gli umori della testa si sciolgono così
in fretta e più facilmente, e ci si sentirà meglio» (PL 1257 A).
Specialmente quando si ha la sinusite e il raffreddore da fieno
si può fare la cura del legno di tasso. Il legno di tasso viene
liberato dalla corteccia ed i trucioli vengono affumicati sui cocci
di un vaso di terracotta come per le erbe odorose, e si inala il fumo
dal naso e dalla bocca.

«Chi ha dolori al naso o al petto a causa di umori dannosi,
prenda dei trucioli di legno di tasso ed inali i vapori dal naso e
dalla bocca, in modo che i cattivi umori si sciolgano e
scompaiano, senza però fare danno alcuno al corpo» (PL 1238).
L'asma e l'emicrania sono le malattie più difficili da curare,
secondo la medicina di Ildegarda. Un caso grave di asma con
difficoltà di respirazione, con attacchi di soffocamento per cui il
viso diventa cianotico, deve essere curato all'ospedale. In ogni
caso i pazienti che soffrono di dolori ai polmoni devono bere
regolarmente del latte di capra. Il latte di capra è facilmente
digeribile e contiene un alto grado di vitamina A, B e D. Le
particelle di grasso contenute nel latte di capra sono più piccole di
quelle contenute nel latte di mucca, in modo che il latte di capra è
omogeneizzato naturalmente e non si altera facilmente come
quello di mucca: 60
«Chi è malato di polmoni deve bere il latte di capra e guarirà»
(PL 1325 B).

Ogni malato di polmoni, specialmente se è asmatico, dovrebbe
bere ogni giorno un bicchiere di latte di capra.
Il rimedio principale per una bronchite che dura da anni, ma
anche di asma e di tosse cronica, è l'elisir di scolopendrio (o
lingua di cervo) che è molto efficace. Esso aiuta specialmente in
tutti i casi di putrefazione interna e di muco, che provengono ila
perturbazioni nel caso di metabolismo del fegato. Ma anche I
polmoni vengono purificati dall'elisir di scolopendrio.
«Lo scolopendrio è caldo ed aiuta il fegato sofferente, i
polmoni e gli intestini. Prendi lo scolopendrio e fallo cuocere bene
nel vino. Aggiungi poi del miele e fa cuocere di nuovo questa
miscela.
Macina del pepe lungo e della cannella in doppia quantità e fa
cuocere una terza volta con il vino. Filtra attraverso un telo per
ottenere una bibita chiara, di cui devi berne un po' (giornalmente)
prima e dopo i pasti.
Questa bibita chiara fa bene al fegato, purifica i polmoni e
guarisce gli intestini dolenti» (PL,IIl42 A/B).



Parole chiave correlate