File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Treben Maria La salute dalla Farmacia del Signore.pdf


Anteprima del file PDF treben-maria-la-salute-dalla-farmacia-del-signore.pdf

Pagina 1 2 3 456108

Anteprima testo


Prefazione

A dispetto dei molteplici attacchi provenienti dalle più svariate parti contro la mia persona ed i miei
consigli nel libro «Salute dalla Farmacia del Signore», le numerose lettere di persone sane o malate, di
medici e guaritori austriaci e stranieri, mi hanno indotto a continuare ad offrire all'umanità le mie
conoscenze e le mie più recenti esperienze con le erbe medicinali in una nuova edizione ampliata dell'
opera suddetta.
In un m o m e n t o in cui la maggior parte dell'umanità va sempre più allontanandosi dalla vita naturale ed
in cui essa è minacciata da gravi malattie dovute all'erroneo atteggiamento spirituale, dovremmo
riscoprire quelle nostre erbe medicamentose che il Signore ci ha donato per sua bontà sin dai tempi più
remoti. Il parroco Kneipp non faceva che ripetere nei suoi libri «che per ogni malattia cresce un'erbetta».
Ognuno di noi ha quindi la possibilità di provvedere alla buona uura della propria salute raccogliendo
per tempo piante ed erbe medicinali dalla «Farmacia del Signore», bevendone le tisane giornalmente o
per la durata di un periodo di cura, usandone gli estratti per linimenti, impacchi, cataplasmi o additivi al
bagno. Una volta decisi ad utilizzare le erbe medicamentose, si dovrebbe cominciare con quelle depurative del sangue che sono l'Aglio, l'Ortica, la Veronica, il Dente di leone e la Piantaggine. Tali cure fatte
seguendo con precisione le rispettive raccomandazioni non potranno mai nuocere a nessuno. Ove non
diano alcuno o solo scarso sollievo ed aiuto è probabile che nell'ambiente domestico o di lavoro del
malato esistano delle zone geopatiche di disturbo. In questi casi si dovrebbe ricorrere ad un rabdomante esperto che cerchi dei luoghi privi di radiazioni.
Quando però si fosse seriamente indisposti, con febbre o altri sintomi evidenti di malattia, è indispensabile consultare tempestivamente il medico affinchè stabilisca la diagnosi. È altrettanto ovvio che il
medico controlli scrupolosamente il decorso di una malattia grave ed il processo di guarigione.
Il 25° Congresso Internazionale di Aggiornamento della Deutsche Bundesärztekammer (Ordine Federale Tedesco dei Medici) e della Österreichische Ärztekammer (Ordine Austriaco dei Medici) che ebbe
luogo a Badgastein nel Marzo 1980 ed al quale parteciparono 1500 medici, ha dimostrato che la
medicina tradizionale c o m i n c i a ad interessarsi anche alla medicina naturalista.
Il Prof. Dr. Carl Alken (Università del Saarland, R.F.G.) spiega nel modo seguente il crescente interesse
della natura: «Dopo la seconda guerra mondiale i medici si trovavano praticamente impotenti di fronte
ad un'insufficienza renaie. Poi avvenne la grande rivoluzione dovuta all'introduzione degli a n t i b i o t i c i , ed
oggi siamo ormai costretti a difenderci dalle conseguenze negative dell'utilizzazione in parte eccessiva
in parte errata di questi potenti "portatori di grazia". Vi si aggiunge un aumento a valanga di malattie
micotiche causate dal perturbamento del normale equilibrio biologico a causa dei troppi medicamenti
e di altre influenze ambientali.»
Da molti anni seguo simposi e congressi di medicina, i cui risultati vengono anche pubblicati nei quotidiani. Numerosi medici, con senso di responsabilità, mettono in guardia dal c o n s u m o esagerato di
pillole e compresse. In particolare viene ripetuto sempre più spesso l'avvertimento circa la potenziale
pericolosità degli analgesici. Un'infinità di persone li prende senza il controllo da parte del medico,
causando in tal modo dei gravi danni organici. I medicinali, per esempio, che diminuiscono la pressione
del sangue, favoriscono il tumore mammario nelle donne se presi per un periodo prolungato: fatto
questo che è stato accertato da tre gruppi di ricercatori che studiavano il fenomeno indipendentemente
l'uno dall'altro a Boston, Bristol e Helsinki.
È quindi il mio desiderio rendere accessibile alle persone malate il potere e l'effetto curativo di piante
importanti e le esperienze degli ultimi due anni e mezzo dalla pubblicazione del libro «Salute dalla
Farmacia del Signore» e dare loro una mano nel ricupero della salute. È un'esperienza straordinaria per
un essere umano trovare una via di uscita dalla disperazione della malattia, servendosi delle proprie
forze e della propria volontà, grazie alle nostre erbe medicamentose, aiuto divino. Il merito personale di
riconquistare la salute innalza la dignità umana a tal punto da consentire al malato di uscire dalla
morsa dell'infermità.
3