File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Handbuch Manuale .pdf



Nome del file originale: Handbuch_Manuale.pdf

Questo documento in formato PDF 1.2 è stato inviato su file-pdf.it il 18/09/2014 alle 21:55, dall'indirizzo IP 79.46.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2966 volte.
Dimensione del file: 278 KB (100 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Un manuale per
la Germania
Ein Handbuch
für Deutschland

Herausgeberin:
Beauftragte der
Bundesregierung für Migration,
Flüchtlinge und Integration

Comitato degli Italiani all'Estero
Circoscrizione consolare di Colonia
Ufficio di Presidenza

Un manuale per
la Germania
Ein Handbuch
für Deutschland

La presente edizione cartacea del „Manuale per la Germania”, in lingua italiana, non corrisponde all’edizione originale. Alcuni paragrafi sono stati stralciati, e in alcuni casi, l’ordine di presentazione degli stessi è stato modificato. Inoltre è stata aggiunta la parte
„Pagine integrative – Informazioni pratiche per gli italiani”, destinata in modo particolare ai connazionali residenti
nella Circoscrizione Consolare di Colonia. Nelle „Pagine integrative” si è
scelto di fornire informazioni sulla città
di Colonia, sede del Consolato e dove
la comunità italiana è più numerosa, e
su Düsseldorf, poiché capoluogo del
Nordreno-Vestfalia. Chi volesse accedere alla versione integrale del „Manuale per la Germania” in italiano (che
ricordiamo non esiste in versione cartacea ma solo on-line e formato CDRom), troverà indicazioni nel paragrafo
„Ordinare il Manuale”. Nello stesso
paragrafo vi sono le informazioni per
ordinare esemplari anche di questa
versione.
Luciana Mella, giornalista
Ricerche e redazione

Sommario
Prefazione al Manuale . . . . . . . . .
Saluto del Console Generale di
Colonia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Un manuale per la Germania . . .

5

La legislazione sugli stranieri . . .
Informazioni generali . . . . . . . . . .
I cittadini dell’UE e i loro familiari
Lavoratori dipendenti e autonomi
Il diritto di soggiorno . . . . . . . . . .
Ricongiungimento familiare . . . .
Studenti, pensionati e altri
cittadini dell'UE con reddito
garantito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Note generali sul nuovo diritto
di soggiorno . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cittadinanza per gli aventi
diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I figli: cittadinanza tedesca per
nascita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

8
8
8
9
9
10

Discriminazione e parità . . . .
Discriminazione etnica . . . . . .
Le donne . . . . . . . . . . . . . . . .
Molestie sessuali . . . . . . . . . .
Maltrattamenti in famiglia . . .
La convivenza di coppie dello
stesso sesso . . . . . . . . . . . . . .
Handicap . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

6
7

10

12
13
14
14
14
14
15

...
...

15
15

.

20
20
20
21
21
21
21
22
22
22
23

11

.
.
.
.
.

Lavoro e previdenza sociale . . .
Le formalità all’inizio del
rapporto di lavoro . . . . . . . . . . .
L’Ufficio di collocamento . . . . . .
La domanda di lavoro . . . . . . . .
Il riconoscimento dei titoli di
studio stranieri . . . . . . . . . . . . . .
Diritto del lavoro: individuale
e collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il diritto di concordare uno
Statuto aziendale . . . . . . . . . . . .
I problemi sul posto di lavoro . .
Il licenziamento e la protezione
contro il licenziamento . . . . . . .
La tutela del lavoro per i
minorenni . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Disoccupazione e sussidi statali
La previdenza sociale . . . . . . . .

L’assicurazione contro le malattie
Assicurazione pensionistica . . . . .
La pensione integrativa . . . . . . . .
L’assicurazione per la non
autosufficienza . . . . . . . . . . . . . . .
Assicurazione contro la
disoccupazione . . . . . . . . . . . . . .
L’assicurazione antinfortuni . . . . .
La previdenza sociale
internazionale . . . . . . . . . . . . . . .
Salario, stipendio e reddito . . . . .
I contributi di previdenza sociale .
Le tasse sul reddito da lavoro
dipendente . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le imposte per le Chiese . . . . . . .

16

.
.
.

16
16
16

.

17

.

17

.
.

17
18

.

18

.
.
.

19
19
20

La vita quotidiana . . . . . . . . . . . .
Imparare il tedesco . . . . . . . . . . .
Corsi d’integrazione . . . . . . . . . . .
Corsi di lingua . . . . . . . . . . . . . . .
Istruzione e aggiornamento . . . . .
Le università . . . . . . . . . . . . . . . .
L’istruzione per adulti . . . . . . . . . .
Permesso per aggiornamento . . .
Cercare casa . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il canone d’affitto . . . . . . . . . . . . .
Il contratto d’affitto . . . . . . . . . . .
La tutela dell’inquilino . . . . . . . . .
La disdetta e la tutela dallo sfratto
Le assicurazioni . . . . . . . . . . . . . .
– Assicurazione di responsabilità
civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
– Assicurazione domestica . . . . .
– Assicurazione di invalidità
pensionabile . . . . . . . . . . . . . .
– Assicurazione di tutela
giudiziaria . . . . . . . . . . . . . . . .
Salute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I medici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La gravidanza . . . . . . . . . . . . . . . .
L’interruzione della gravidanza . .
L’assegno familiare . . . . . . . . . . .
La scuola d’infanzia . . . . . . . . . . .
La scuola . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I giovani e la formazione
professionale . . . . . . . . . . . . . . . .

24
24
24
25
25
25
25
25
26
27
27
28
28
28
28
28
28
29
29
29
29
30
30
30
31
31

Le organizzazioni e i loro
referenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le organizzazioni dei
consumatori . . . . . . . . . . . . . . . .
Consulenza sociale
(organizzazioni caritative) . . . . .
Lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Commissione di rappresentanza
degli stranieri . . . . . . . . . . . . . . .
Associazioni degli inquilini . . . .
Centri di consulenza per l’AIDS .
Il sistema politico tedesco . . . . .
La Legge fondamentale . . . . . . .
La sede del Bundestag:
il Reichstag . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il Presidente federale e il
Cancelliere . . . . . . . . . . . . . . . . .
La Corte federale costituzionale
I Länder federali . . . . . . . . . . . . .
Le elezioni comunali . . . . . . . . .
Il diritto elettorale degli stranieri

.

32

.

32

.
.

32
32

.
.
.

33
33
33

.
.

34
34

.
.
.
.
.
.

Pagine integrative:
Informazioni pratiche per la
comunità italiana Circoscrizione
Consolare di Colonia . . . . . . . . . .
Istituzioni italiane . . . . . . . . . . . .
Consolati italiani NordrenoVestfalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Istituto ltaliano di Cultura . . . . .
Patronati . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Missioni Cattoliche . . . . . . . . . .
Uffici Assistenza della CARITAS
Scuola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Corsi di lingua e cultura (MSU) .
Offerte scolastiche bilingue . . . .
Licei nel Nordreno-Vestfalia che
offrono l’italiano come terza
lingua straniera: . . . . . . . . . . . . .
Sostegno scolastico . . . . . . . . . .
Comitato di Assitenza Scolastica
Italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
As.S.I.S.I e.V. . . . . . . . . . . . . . . .
Caritas Wuppertal –
Progetto „La Fiaba” . . . . . . . . .

34
34
35
35
35
35

37

.

38

.
.
.
.
.

38
38
38
38
39

.
.
.

39
39
39

.

40

.

41

.
.

41
41

.

41

Progetto INCONTRO – CCIT
(Centro culturale Italo-Tedesco)
Formazione professionale . . . .
Sportello di consulenza . . . . . .
VERSUS . . . . . . . . . . . . . . . . .
b:a:u:m: . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

41
41
41
41
42

L’informazione in lingua italiana
Programmi radio . . . . . . . . . . . .
Sul Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Carta stampata . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.

42
42
42
42

Partecipare alla vita della città . . .
Comitato per l’intergrazione
degli stranieri – Colonia . . . . . . . .
Consulta degli stranieri –
Düsseldorf . . . . . . . . . . . . . . . . . .

43
43
43

Da non dimenticare: l’iscrizione
all’anagrafe consolare (A.I.R.E) . .

43

Voto italiani all’estero . . . . . . . . .

44

COMITES di Colonia . . . . . . . . . .

44

Ordinare il manuale . . . . . . . . . . .

45

Impressum . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46

Prefazione al Manuale
Care concittadine e concittadini,
nel „Manuale per la Germania“, curato
dall’Ufficio del Governo federale alle
Politiche di immigrazione troverete
preziose e utili informazioni. In esso
sono forniti importanti dati sul paese,
sulla sua cultura, sulla società tedesca
e sulla vita quotidiana. Questo manuale può essere di grande aiuto soprattutto per coloro che sono da poco arrivati in Germania; contiene anche però
informazioni aggiornate in campo legislativo, interessanti per chi vive da
molto tempo in questo paese. Per arricchire questa guida abbiamo inoltre

pensato di aggiungere alcuni indirizzi e
informazioni specifiche per la comunità italiana che vive nella circoscrizione consolare di Colonia e di fornire anche la versione in lingua tedesca. Il Comites intende, con questa pubblicazione cartacea in lingua italiana, favorire
la diffusione del Manuale con le sue
utili informazioni tra i concittadini al fine di migliorare i rapporti e i contatti
con la società tedesca.
Cordiali saluti
Rosella Benati
Presidente Comites – Colonia

–5–

Saluto del Console Generale di Colonia
Gentili Connazionali,
nella consapevolezza che il trasferimento in un Paese straniero possa rivelarsi non semplice, il „Manuale per
la Germania” è stato concepito come
guida chiara e di facile accesso per gli
stranieri che hanno deciso di fissare la
propria residenza in Germania. Proprio
per questa ragione, ne sono state realizzate traduzioni in diverse lingue e,
particolarmente in questa versione cartacea in lingua italiana, si è ritenuto
opportuno aggiungere notizie specifiche sulle circoscrizione del Consolato
Generale d’Italia in Colonia.
In questo testo di agevole lettura, si
potranno trovare una serie di informazioni utili per la semplificazione dei
rapporti con l’amministrazione pubblica tedesca (dall’iscrizione al Comune
di residenza ai contatti con le Istituzioni scolastiche, dalla stipulazione di un
contratto di locazione alla formulazione di una richiesta di lavoro), oltre a

–6–

paragrafi sul sistema politico e sociale
tedesco.
Tra le pagine integrative, inoltre,
trovano spazio notizie sulle Istituzioni
rivolte agli italiani situate sul territorio
di questo Land: oltre al Consolato Generale d’Italia a Colonia ed al Consolato d’Italia a Dortmund, i Patronati, le
Missioni Cattoliche, gli Uffici di Assistenza della Caritas, il Comitato di
Assistenza Scolastica, gli sportelli di
consulenza sulla formazione professionale.
Spero, pertanto, che questo Manuale possa contribuire ad accelerare o
migliorare l’inserimento dei connazionali nella società tedesca e che al suo
interno i lettori possano trovare una risposta adeguata alle loro richieste.
L’occasione mi è gradita per esprimere
i miei più sinceri saluti,
Il Console Generale d’Italia a Colonia
Dott. Bernardino Mancini

Un manuale per la Germania
La decisione di trasferirsi in un altro
Paese può comportare un certo smarrimento.
Nessuno lo sa meglio di voi. Il presente manuale è stato ideato per rendere più facile il nuovo inizio e l’ambientamento in un luogo nuovo e sconosciuto, e per aiutare voi e le vostre
famiglie ad orientarsi velocemente in
Germania sia nella vita privata che in
quella pubblica.
Il presente manuale potrà contribuire ad adempiere alle formalità necessarie in poco tempo e senza complicazioni. Consultandolo troverete non solo molte indicazioni importanti soprattutto per i primi mesi della vostra nuova vita quotidiana, ma anche numerose informazioni e spiegazioni altrettanto utili e interessanti, riguardo aspetti
politici e sociali di cui probabilmente
sentirete parlare sui giornali, alla radio
e alla televisione, e di cui si discute anche sul posto di lavoro.
Che cos’è l’„Einwohnermeldeamt”
e cosa comporta per voi la „Ausländergesetz”, come funziona la „Krankenversicherung” e come capire quale sia
la „Steuerklasse” giusta per voi? Proseguendo con le indicazioni su cosa
dovete fare per iscrivere i vostri figli al
„Kindergarten”, su cosa sia il „TÜV” e
cosa significhi la sigla „GEZ”. E anco-

ra: come ottenere l’allacciamento di
corrente, telefono e internet nella nuova abitazione? Chi sono il „Deutscher
Michel”, „Max und Moritz”, la „Tigerente” e „Willy Brandt”? Senza dimenticare di illustrare quali sono i mezzi di
partecipazione democratica a vostra
disposizione. Capirete il significato
della „Zweitstimme” e in che cosa
consiste il „kommunale Ausländerwahlrecht”.
Già vedrete che molte di queste cose sono meno complicate di quanto
non sembrino. Il cabarettista Karl Valentin l’ha formulato con un gioco di
parole: „Fremd ist der Fremde nur in
der Fremde” („Gli stranieri si sentono
stranieri soltanto in un ambiente straniero”). Pertanto il presente manuale
intende aiutarvi ad ambientarvi in Germania il più velocemente possibile, affinché per voi la parola „straniero” diventi una parola straniera in breve
tempo.
I nostri migliori auguri.
Marieluise Beck
Beauftragte der Bundesregierung für
Migration, Flüchtlinge und Integration
(Incaricata del Governo federale alle
Politiche di immigrazione, per i Rifugiati e di Integrazione)

–7–

La legislazione sugli stranieri
Informazioni generali
Il soggiorno degli stranieri in Germania è regolato da particolari normative
giuridiche, basate sul principio che chi
non è tedesco è straniero.
Avvertenza: le seguenti spiegazioni
non riguardano gli „Spätaussiedler”, persone di origine tedesca residenti nei Paesi dell’ex blocco
orientale che pero sono considerati
cittadini tedeschi ai sensi della Legge fondamentale non appena giungono in Germania. Non tutti gli
stranieri che arrivano in Germania
sono soggetti alle stesse norme
giuridiche. Infatti la normativa sul
diritto di soggiorno prevede delle
distinzioni basate sia sul Paese di
provenienza dello straniero (per es.
un altro Paese dell’Unione europea), che sui motivi per i quali è venuto in Germania (se si tratta per
es. di un rifugiato in cerca di protezione, di una persona in cerca lavoro, oppure di uno studente).

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
Informazioni generali
I cittadini dell’UE e
i loro familiari

–8–

In questo contesto la differenza fra
„cittadini dell’Unione” e „cittadini di
Paesi terzi” è di fondamentale importanza.
I primi sono cittadini appartenenti
ai Paesi membri dell’Unione europea,
e godono, così come i loro familiari,
anche qualora essi provengano da
Paesi terzi, di una condizione particolarmente favorevole, scaturita dal Diritto europeo (vedi capitolo I cittadini
dell’UE e i loro familiari )
I cittadini di Liechtenstein, Islanda e
Norvegia godono di una posizione simile a quella dei cittadini dell’Unione.
Anche i cittadini svizzeri vengono trattati come i cittadini dell’Unione europea.
Gli stranieri provenienti da tutti gli
altri Stati sono i cosiddetti „cittadini di

Paesi terzi”. Per loro vale la legislazione nazionale sugli stranieri generalmente senza eccezioni (anche se in
realtà le eccezioni ci sono e riguardano
ad es. i cittadini turchi a cui è stato permesso di venire in Germania e che godono di diritti particolari riguardo l’accesso al mondo del lavoro, da cui deriva una posizione privilegiata in materia di permesso di soggiorno). All’interno del gruppo dei cittadini dei Paesi
terzi è fondamentale la distinzione fra
coloro che giungono in Germania per
scappare da persecuzioni politiche e
coloro che vi giungono per altri motivi.
Avvertenza: chi arriva in Germania
in cerca di protezione da persecuzione normalmente deve presentare una richiesta di asilo e seguire la
procedura prevista. Per la durata di
tale procedura, il richiedente ottiene un permesso di soggiorno particolare („Aufenthaltsgestattung“),
soggetto a determinate restrizioni.
Il presente manuale non illustra la
procedura di richiesta di asilo e le
limitazioni particolari applicate durante il suo iter. Chi è interessato ad
ulteriori informazioni può rivolgersi
al Ente federale per il riconoscimento dei rifugiati („Bundesamt für
Anerkennung ausländischer Flüchtlinge”), il cui sito internet è
www.bafl.de oppure a „Pro Asyl”
www.proasyl.de o ancora ai centri
di consulenza delle associazioni caritative.

I cittadini dell’UE e i loro familiari
I cittadini dell’UE godono all’interno
dei confini europei di libertà di circolazione quasi incondizionata. Ciò significa che generalmente essi possono
spostarsi liberamente all’interno dell’Unione europea. Questa libertà è tu-

telata da ampi divieti di discriminazione previsti dalla normativa europea,
che escludono l’eventualità che gli Stati trattino cittadini dell’Unione diversamente dai propri. Tuttavia anche in
questo ambito vale il detto: non esiste
regola che non abbia eccezione. La libertà di circolazione nell’Unione europea non è (ancora) completamente priva di barriere. Alcuni requisiti e alcune
formalità previsti dalle disposizioni relative agli stranieri valgono anche per i
cittadini dell’Unione.
www.europa.eu.int/eures
I cittadini dell’Unione europea possono trovare informazioni dettagliate in
internet nel sito: www.europa.eu.int/
citizensrights nonchè chiamando il numero 00 800 6 7 8 9 10 11. La chiamata
è gratuita e può essere effettuata in
ognuno dei 25 Paesi membri: le informazioni vengono comunicate nelle rispettive lingue.

Lavoratori dipendenti e
autonomi
L’obiettivo principale della libertà di
circolazione è la possibilità di spostarsi
in un altro Paese membro dell’Unione
per svolgere attività economiche. Perciò il diritto europeo tutela i cittadini
laddove essi intendano ad es. offrire o
acquistare un servizio, desiderino intraprendere un’attività lavorativa autonoma oppure come lavoratore dipendente in un altro Stato dell’Unione.
Avvertenza: I cittadini dell’Unione
possono venire in Germania in cerca di lavoro senza visto. Sia a loro
che ai loro familiari, laddove anch’essi cittadini dell’Unione, viene
rilasciato d’ufficio un documento
che attesta il loro diritto al soggiorno. Perciò i cittadini dell’Unione
non sono obbligati a chiedere
l’autorizzazione del loro soggiorno

all’Ufficio per stranieri. Tuttavia sono tenuti a presentarsi entro un periodo opportuno presso l’autorità
competente (per es. l’anagrafe –
Einwohnermeldeamt).
La normativa europea non riconosce il
diritto ad usufruire di prestazioni dello
Stato (tedesco) per garantire la sussistenza (come ad es. l’indennità di disoccupazione oppure il sussidio sociale) durante il periodo di ricerca del lavoro.

Il diritto di soggiorno
I cittadini dell’Unione europea hanno
diritto di intraprendere un’attività lavorativa, senza l’obbligo di consenso dell’Ufficio di collocamento federale. Le
uniche restrizioni a cui sono soggetti i
cittadini dell’Unione europea riguardano il settore impiegatizio statale, ma
solo rispetto alle istituzioni del potere
cosiddetto sovrano (per es. la polizia).
Tuttavia l’Ufficio per stranieri può esigere che gli interessati dimostrino di
possedere i requisiti necessari per godere del diritto di circolazione. Un lavoratore dipendente può farlo mostrando ad es. la dichiarazione di assunzione del proprio datore di lavoro.
Avvertenza: Per i cittadini appartenenti alla maggior parte dei nuovi
Stati dell’UE (Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovenia, Slovacchia, Rep. Ceca e Ungheria) vigono
attualmente regole temporanee, riguardo la ricerca in Germania di
un’occupazione dipendente. Ad essi
è consentito lavorare soltanto previa autorizzazione dell’Ufficio di collocamento federale. Per la concessione di un permesso di lavoro UE
sono necessari sostanzialmente gli
stessi requisiti richiesti per autorizzare il soggiorno di cittadini di

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
Lavoratori dipendenti e
autonomi
Il diritto di soggiorno

–9–

Ricongiungimento familiare
Paesi terzi, che giungono in Germania per la prima volta in cerca di lavoro (vedasi sopra „Diritto di soggiorno dei cittadini di Paesi terzi“).
Tuttavia i cittadini dei nuovi Stati
membri dell’UE hanno la precedenza rispetto ai cittadini di Stati terzi.
Si prevede che le regole provvisorie
resteranno in vigore fino al 30 aprile 2006 e comunque non oltre il 30
aprile 2011.
I cittadini dell’Unione che risiedono legalmente in Germania da cinque anni
senza interruzioni hanno il diritto di restarvi, indipendentemente dalla sussistenza dei requisiti necessari al godimento della libertà di circolazione. Ciò
vale anche per i loro coniugi o i conviventi e i figli a carico. Per i figli che non
hanno ancora compiuto 16 anni ciò vale se la persona che esercita la patria
potestà si trova in Germania.
Questo diritto di soggiorno non viene intaccato da una malattia o da un
infortunio che impediscono temporaneamente di lavorare e nemmeno dalla disoccupazione involontaria. Indipendentemente dalla loro condizione
originaria di lavoratore dipendente,
tutta una serie di persone godono dell’autorizzazione alla permanenza in
Germania anche se non fanno più parte della manodopera attiva (ad es. a
causa di un incidente sul lavoro).

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
Ricongiungimento
familiare
Studenti, pensionati e
altri cittadini dell’UE con
reddito garantito

– 10 –

Avvertenza: per l’esercizio di determinate professioni è necessario documentare il possesso di determinate qualifiche. L’Unione europea
sta lavorando ad una regolamentazione unitaria del riconoscimento
dei titoli di studio. Informazioni su
questo tema sono disponibili sul
sito:
www.europa.eu.int/citizensrights

Il regolamento del ricongiungimento
familiare di cittadini dell’Unione europea, che si trovano in Germania per
motivi economici è molto tollerante.
Hanno diritto al ricongiungimento:
– il coniuge,
– parenti delle generazioni successive
(per es. i figli, i nipoti) che non abbiano ancora compiuto 21 anni,
– parenti delle generazioni successive
(per es. figli e nipoti) che abbiano
superato i 21 anni, laddove il loro
sostentamento sia garantito,
– parenti delle generazioni precedenti
(per es. i nonni), laddove il loro sostentamento sia garantito.
Avvertenza: il diritto al ricongiungimento familiare vale anche per familiari che siano cittadini di Stati
terzi (che non siano quindi cittadini
dell’Unione). Tuttavia in tal caso gli
interessati possono essere soggetti,
diversamente dai cittadini dell’Unione, all’obbligo di visto secondo
le regole generali (vedi sopra) e devono quindi procurarlo prima di arrivare in Germania. (Anche se secondo nuove normative europee è
consentito, in determinate condizioni, provvedere al visto o altri documenti necessari dopo l’arrivo in
Germania, anche se si consiglia di
farlo comunque prima).

Studenti, pensionati e altri cittadini dell'UE con reddito garantito
Anche cittadini dell’Unione che decidono di vivere in Germania senza lavorare o comunque senza svolgere un’attività economica sono tutelati e privilegiati in base al Diritto europeo. Se cittadini dell’Unione, che in un altro Stato
membro ricevono la pensione desiderano vivere in Germania possono farlo
in quanto questo è un diritto garantito.
Ciò vale anche per persone la cui prin-

cipale fonte di reddito non è la pensione ma il proprio patrimonio, e anche
per chi viene in Germania per studiare.
Tuttavia i gruppi sopra elencati devono disporre di sufficienti mezzi di
sussistenza e di un’assicurazione di
malattia per sé e per la loro famiglia, e
sono tenuti, in alcuni casi, a dimostrarlo all’Ufficio stranieri. Normalmente
per gli studenti è sufficiente una semplice dichiarazione.
Agli studenti è consentito venire assieme a coniugi e figli o anche farli arrivare in un secondo tempo. Ciò vale
anche per i rapporti di convivenza fra
partner dello stesso sesso (vedi sopra).
Assieme ai coniugi o ai figli, possono
giungere in Germania anche familiari
della generazione precedente (nonni),
sempre a condizione che il sostentamento di questi familiari sia effettivamente garantito.

Note generali sul nuovo diritto
di soggiorno
(a cura di Fiorenza Colonnella,
Consigliere Comunale Monaco)
Dal 1. 1. 2005 è entrata in vigore in
Germania la nuova legge sull'immigrazione (Zuwanderungsgesetz). In
essa sono contenute importanti novità che riguardano anche i cittadini
di paesi dell'Unione Europea (EU).
Rilevante è l'abolizione del permesso di soggiorno che viene sostituito
da un „certificato sul diritto di residenza“ (Bescheinigung über das
Aufenthaltsrecht – Art. 2 § 5 EUFreizügG/EU) che può essere richiesto presso gli uffici anagrafici dei
comuni di residenza (Einwohnermeldeämter) oppure presso l'Ufficio
Stranieri (Kreisverwaltungsreferate/Ordnungsämter). Gli italiani che
vorranno risiedere in Germania si
iscriveranno quindi alle anagrafe come i cittadini tedeschi. Compilando

un apposito formulario supplementare, essi riceveranno un documento
che attesta il loro diritto di residenza
in Germania in quanto cittadini dell'Unione.
Coniuge extracomunitario
Il coniuge extracomunitario di un
cittadino EU riceverà, con la nuova
normativa, un permesso di soggiorno-EU (Aufenthaltserlaubnis-EU).
Permessi di soggiorno rilasciati prima del 1. 1. 2005
I permessi di soggiorno illimitati
rilasciati prima del 1. 1. 2005 mantengono la loro validità. Coloro che
attualmente sono in possesso di un
permesso di soggiorno limitato, devono presentarsi all'Ufficio Stranieri
solo alla scadenza del documento.
Qui sarà rilasciasto loro il „certificato di residenza“ che in linea di massima sarà illimitato se il cittadino risiede da più di 5 anni in Germania.
La condizione che il cittadino comunitario sia in grado di provvedere al
proprio sostentamento e a quello
della propria famiglia (con introito
da lavoro dipendente, autonomo o
altro) è contemplata anche nella
nuova legge.
Periodo dei 5 anni
Nella nuova normativa acquisisce molta importanza il termine dei
primi 5 anni di residenza in Germania. Durante questo periodo le autorità preposte possono, in situazioni
particolari, controllare se esistono
ancora le condizioni per il mantenimento del „Bescheinigung über das
Aufenthaltsrecht“. Una delle situazioni particolari che può dar vita ad
un controllo, può essere generata
dal fatto che il cittadino dell'UE senza occupazione, percepisca un assegno sociale. Non esiste comunque
un automatismo e le casistiche ven-

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
Note generali sul nuovo
diritto di soggiorno

– 11 –

gono valutate singolarmente. Risiede però il cittadino EU da 5 o più anni in Germania, l'Ufficio Stranieri
può revocare il diritto di residenza
solo per motivi gravi. Percepire un
sostegno sociale nell'ambito del Sozialgesetzbuch II non costituisce
però motivo grave. La nuova legge
apporta senza dubbio delle semplificazioni burocratiche notevoli ma anche di sostanza per i cittadini dell'Unione Europea. Dopo 5 anni di residenza i cittadini comunitari sono
maggiormente garantiti sia per
quanto riguarda i diritti sociali che
per ciò che rigurada la perdita del
diritto di residenza per altri motivi
(ad esempio condanne penali).

Cittadinanza per gli aventi diritto

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
Cittadinanza per gli
aventi diritto

– 12 –

Normalmente potete acquisire la cittadinanza tedesca se vivete nel Paese da
otto anni. Il soddisfacimento di determinati requisiti vi dà diritto all’acquisizione della cittadinanza, il che significa
che la richiesta non può essere respinta. Questi sono i requisiti generalmente necessari:
– essere in possesso di un permesso
di residenza oppure di un permesso
di soggiorno speciale (la regola generale stabilisce che il permesso di
soggiorno deve essere stato rilasciato per un obiettivo che normalmente costituisce un presupposto
per un soggiorno permanente.
Quindi non può trattarsi di un permesso di soggiorno rilasciato per
motivi di studio oppure per motivi
umanitari);
– essere residenti legalmente e regolarmente in Germania da otto anni;
a chi ha terminato con successo un
corso di integrazione bastano sette
anni;
– essere in grado di provvedere al
proprio sostentamento e a quello
dei familiari a carico senza dover

usufruire di sussidi statali (indennità di disoccupazione II o del sussidio sociale). Fanno eccezione i giovani con meno di 23 anni oppure
chi richiede la cittadinanza ed è costretto ad usufruire di sussidi statali
suo malgrado;
– una conoscenza sufficiente della
lingua tedesca;
– riconoscere e accettare l’ordinamento liberal-democratico previsto
dalla Legge fondamentale della Repubblica Federale Tedesca;
– normalmente è necessario rinunciare alla cittadinanza posseduta fino
al momento della richiesta (esistono però delle eccezioni);
– non essersi resi colpevoli di reato
grave.
Informatevi tempestivamente su cosa
vi serve per presentare richiesta di cittadinanza e quali requisiti dovete soddisfare, anche se intendete restare in
Germania soltanto per alcuni anni.
Avvertenza: non tutti gli immigrati
devono attendere otto anni prima di ricevere la cittadinanza: i coniugi e i figli
ad es. possono riceverla contemporaneamente al richiedente pur non vivendo in Germania da otto anni.
La procedura di richiesta della cittadinanza costa normalmente 255,– euro.
Ulteriori informazioni sui requisiti
necessari per il ricevimento della cittadinanza sono disponibili ad es. nella
brochure sull’acquisizione della cittadinanza tedesca „Wie werde ich Deutsche/r“ emessa dall’incaricata del Governo federale alle politiche di immigrazione, per i rifugiati e di integrazione, e anche nel sito internet
www.einbuergerung.de
Potete chiedere informazioni anche
agli enti di amministrazione locali.

I figli: cittadinanza tedesca per
nascita
Per i figli vale quanto segue: se uno
dei genitori, la madre o il padre, è cittadino tedesco, allora anche i figli lo
sono automaticamente. Laddove entrambi i genitori siano cittadini stranie-

ri, i loro figli ricevono la cittadinanza
tedesca automaticamente fin dalla nascita soltanto se uno dei genitori vive
legalmente in Germania da otto anni
senza interruzioni ed è in possesso di
un permesso di residenza oppure è un
cittadino dell’UE che ha diritto alla libera circolazione.

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
I figli: cittadinanaza
tedesca per nascita

– 13 –

Discriminazione e parità
Discriminazione etnica
In Germania la Legge fondamentale
proclama il principio di uguaglianza e
quindi è vietata la discriminazione per
motivi etnici. Organi dello Stato come
la polizia o altre autorità sono direttamente vincolate alla parità di trattamento. Attualmente manca ancora una
legislazione specifica di tutela dalle discriminazioni nel settore della vita privata, ad es. in caso di ricerca di alloggio oppure di un posto di lavoro. Laddove foste oggetto di discriminazione
potete rivolgervi alle associazioni caritative, ai sindacati e agli Incaricati locali per le questioni relative agli stranieri
e all’integrazione, dove troverete consulenza e sostegno. Inoltre in alcune
città esistono speciali „Uffici antidiscriminazione“.
In futuro si prevede di migliorare la
legislazione di tutela dalle discriminazioni di natura etnica, che verrà estesa
soprattutto al Diritto del lavoro e a
quello civile, e comprenderà quindi anche la stipulazione di contratti assicurativi e d’affitto. Dopodichè sarà possibile chiedere il risarcimento di eventuali danni.
Informazioni sono disponibili nel sito internet:
www.stop-discrimination.info

Le donne
DISCRIMINAZIONE
E PARITÀ
Discriminazione etnica
Le donne
Molestie sessuali

– 14 –

„Uomini e donne hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri. Lo Stato promuove la realizzazione della parità fra uomini e donne e si adopera ai fini dell’eliminazione degli ostacoli esistenti”.
(Legge fondamentale, art. 3 comma 2)
Per promuovere la parità di trattamento delle donne nel mondo del lavoro e nella società esistono leggi sulla parità („Gleichstellungsgesetze“),
che trovano applicazione essenzial-

mente nel settore pubblico. In molte
città esistono appositi centri di consulenza e di informazione, che offrono
sostegno e aiuto alle donne. Tali centri
di consulenza si chiamano spesso „Regionalstelle Frau und Beruf” (Centro
regionale donne e lavoro) „Frauenbüro” (Centro donne), oppure „Gleichstellungsstelle“ (Organizzazione per la
parità). Nella maggioranza delle città e
presso molte imprese esistono anche
cosiddetti „Gleichstellungsbeauftragte”, persone incaricate di rappresentare i particolari interessi del mondo
femminile. Per promuovere la presenza delle donne nel modo politico e per
facilitare loro l’accesso a posizioni determinanti, alcuni partiti hanno istituito
la cosiddetta „Frauenquote”, principio
secondo cui le funzioni e gli incarichi
all’interno del partito devono essere
equamente distribuite fra uomini e
donne.

Molestie sessuali
Nella Repubblica Federale Tedesca le
molestie sessuali nei confronti di donne e uomini sono proibite. La legge di
tutela dei dipendenti („Beschäftigtenschutzgesetz”) difende uomini e donne
dalle molestie sul posto di lavoro. Con
tale definizione si intendono quei comportamenti a carattere sessuale di cui
gli interessati sono oggetto senza desiderarlo. Ad es. contatti fisici e aggressioni, oppure l’espressione di osservazioni dal contenuto sessuale, fino ai casi estremi in cui viene mostrato materiale pornografico o vengono esplicitamente richieste prestazioni sessuali. I
datori di lavoro hanno l’obbligo di verificare reclami di questo tipo. L’accertamento di molestia sessuale può giustificare il licenziamento immediato di chi
se ne è reso colpevole.

Informazioni sul tema molestie sessuali e violenza familiare sono disponibili
presso il Ministero Federale per la famiglia, gli anziani, le donne e i giovani,
anche in internet nel sito
www.bmfsfj.de

le minorile del comune („Jugendamt”)
oppure ai centri di consulenza specifici
e agli avvocati.

Maltrattamenti in famiglia

In Germania la discriminazione degli
omosessuali è proibita. Ma la loro presenza nella società non è ancora accettata come ovvia. Diverse personalità
della vita pubblica sono omosessuali e
non lo nascondono. Come ad es. Klaus
Wowereit, che prima di essere eletto
borgomastro di Berlino ha dichiarato:
„Sono omosessuale e va bene così”.
L’ordinamento giuridico riconosce alle
unioni fra omosessuali („gleichgeschlechtliche Partnerschaften”) una
parità quasi completa rispetto alle convivenze matrimoniali. Questo principio
é fissato nella rispettiva legge sul trattamento paritario della convivenza fra
omosessuali. Trattamento paritario significa ad es. che il partner straniero di
un omosessuale può ricevere il permesso di soggiorno al fine di realizzare
e tutelare un rapporto di convivenza

In Germania è vietato qualsiasi tipo di
maltrattamento fisico in famiglia. Ai
genitori è proibito picchiare i propri figli per punirli: questo tipo di punizione
(„Prügelstrafe“) è vietata per legge. I
coniugi che subiscono maltrattamenti
per mano del partner non devono temere l’espulsione dal Paese. Infatti anche in caso di divorzio dei coniugi in
seguito a tali maltrattamenti, la vittima
ha diritto al rilascio di un permesso autonomo di soggiorno. In caso di violenza domestica è possibile chiedere
l’intervento della polizia, affinché questa impedisca al partner violento di accedere all’abitazione. Laddove la polizia sospetti l’imminenza di un’aggressione pericolosa oppure che questa sia
già avvenuta, può, una volta entrata
nell’abitazione, ritirare la chiave alla
persona violenta e allontanarla dall’abitazione. In un caso del genere sarebbe opportuno richiedere presso la sezione della pretura competente in cause familiari („Familiengericht”) l’assegnazione dell’abitazione e l’emissione
di un’ordinanza di tutela, che vieti
qualsiasi contatto con la vittima. Nella
maggioranza delle grandi città esistono anche i cosidetti „Frauenhäuser”,
centri di accoglienza allo scopo di proteggere le donne vittime di violenza offrendo loro temporaneamente un alloggio. Il numero di telefono si trova
nell’elenco telefonico oppure può essere richiesto presso la polizia. In ogni
caso si garantisce alle vittime l’anonimato. Si può chiedere aiuto anche all’associazione di tutela dei minorenni
(„Kinderschutzbund”), alle associazioni caritative, all’ufficio di servizio socia-

La convivenza di coppie dello
stesso sesso

Handicap
I portatori di handicap fisici o intellettuali e i loro familiari possono rivolgersi a centri di consulenza specializzati in
questo settore. Qui possono ricevere
informazioni su temi quali l’assistenza,
la riabilitazione, le possibilità di ricevere aiuti o agevolazioni economiche. Sia
i medici che i municipi sono in possesso degli indirizzi di tali istituzioni.
Beauftragter der Bundesregierung
für die Belange behinderter Menschen, Telefono 01888-441-2944
www.behindertenbeauftragter.de

LA LEGISLAZIONE
SUGLI STRANIERI
Maltrattamenti in
famiglia
La convivenza di coppie
dello stesso sesso
Handicap

– 15 –

Lavoro e previdenza sociale
Le formalità all’inizio del
rapporto di lavoro
Per poter iniziare un rapporto di lavoro, i cittadini di Paesi terzi devono essere in possesso di un permesso di
soggiorno che li autorizzi a lavorare,
oppure di un permesso di residenza.
Mentre i cittadini dell’Unione non hanno bisogno di alcuna autorizzazione
particolare (vedi capitolo I cittadini dell’UE e i loro familiari). Inoltre ogni dipendente ha bisogno del documento
fiscale chiamato „Steuerkarte“ e del libretto assicurativo („Sozialversicherungsnachweis”). Il documento fiscale
viene rilasciato dal proprio Comune di
residenza, mentre il libretto assicurativo è disponibile presso gli enti pensionistici. Il datore di lavoro che assume
un determinato dipendente per la prima volta comunica tale assunzione all’ente previdenziale, il quale a sua volta provvede poi a trasmettere al dipendente il codice di registrazione e a consegnargli il libretto assicurativo. Se
avete domande sull’argomento potete
rivolgervi al vostro datore di lavoro, alla vostra Cassa mutua oppure all’ente
previdenziale competente del Land.

L’Ufficio di collocamento

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE

L’Ufficio di collocamento („Agentur für
Arbeit”) svolge un servizio destinato
sia ai lavoratori che ai datori di lavoro.
Queste le funzioni dei „JobCenter”, gli
uffici di collocamento locali:

Le formalità al’inizio del
rapporto di lavoro
L’Ufficio di collocamento
La domanda di lavoro

– 16 –

– procurano posti di lavoro e di apprendistato
– offrono consulenza ai datori di lavoro e a chi cerca lavoro
– offrono aiuto per migliorare le proprie opportunità individuali di trovare lavoro

– procurano posti in corsi di formazione e aggiornamento professionale
Chiunque può usufruire dei servizi di
consulenza e di mediazione offerti dall’Ufficio di collocamento, indipendentemente dall’aver precedentemente
versato i contributi per l’indennità di
disoccupazione.
Il sito internet www.arbeitsagentur.de offre una panoramica dell’offerta e della domanda di posti di lavoro in
tutto il Paese.

La domanda di lavoro
Il successo di una domanda di lavoro
dipende innanzitutto dalla presentazione di documentazione esauriente e
strutturata in modo tale da sollevare
l’interesse del destinatario. Essa dovrebbe contenere quanto segue:
– lettera di accompagnamento
– frontespizio, che indica quali sono
gli altri documenti
– curriculum vitae corredato di fotografia
– diplomi, attestati, certificati di apprendistato, ecc.
La domanda di lavoro non richiesta.
Chi è interessato ad un posto di lavoro in determinate aziende può anche
inviare una domanda di lavoro „alla
cieca”, cioè senza che esista un’offerta
ufficiale di posti di lavoro. Infatti molti
uffici del personale depositano queste
domande di lavoro nei loro archivi e in
caso di fabbisogno interpellano i mittenti: le ditte preferiscono spesso esaminare i mittenti di tali domande di lavoro prima di decidere se pubblicare
un annuncio oppure rivolgersi all’Ufficio di collocamento.

Il riconoscimento dei titoli di
studio stranieri
Nella Repubblica Federale il riconoscimento dei titoli di studio è materia di
competenza dei singoli Länder. Perciò
dovete rivolgervi alle istituzioni del
Land in cui risiedete. Le competenze
sono così suddivise:
– per i titoli di studio universitari: i
Ministeri della Cultura oppure, per
determinati settori, gli Uffici di
controllo del Land
www.bildungsserver.de
– per i titoli di studio professionali
non universitari: le Camere di
Commercio e dell’industria
www.ihk.de e Camere Artigiane
www.handwerk-info.de, gli uffici
dei Presidenti delle Province.
– Titoli conseguiti in tutti gli Istituti
professionali: provveditorati comunali per le scuole superiori („Oberschulämter”)
L’Ufficio di collocamento offre in internet ulteriori indicazioni in merito al riconoscimento di titoli di studio:
www.arbeitsagentur.de
Nota: Per il Land NRW ulteriori
informazioni si trovano nel sito:
www.bildungsportal.nrw.de

– il diritto a ferie retribuite
– il diritto di retribuzione in caso di
malattia e nei giorni festivi („Entgeltfortzahlung”)
– il diritto di tutela dal licenziamento
(„Kündigungsschutz“), che comprende il preavviso di licenziamento
– il diritto a ricevere informazioni
scritte inerenti le condizioni sostanziali del contratto di lavoro
– il diritto alla maternità („Mutterschutz”)
Il contratto collettivo può anche prevedere migliori condizioni, in deroga alla
legge, e il contratto individuale di lavoro può prevedere condizioni migliori di
quelle del contratto collettivo. Ciò viene chiamato „Günstigkeitsprinzip“, il
principio di maggior favore. Sono illecite e non ammissibili condizioni di lavoro che non soddisfino i requisiti giuridici minimi.
Ai diritti individuali si aggiunge il
diritto collettivo di lavoro, che contempla il diritto di concordare il contratto
collettivo, il diritto di imprese e lavoratori di concordare autonomamente lo
Statuto aziendale e il diritto di partecipare alle decisioni dell’impresa.

Il diritto di concordare
uno Statuto aziendale
Diritto del lavoro: individuale e
collettivo
In Germania tutti i lavoratori dipendenti, impiegati e operai, hanno determinati diritti, fissati da leggi, contratti collettivi („Tarifverträge”) e/o contratti individuali di lavoro („Einzelarbeitsverträge”). Il Diritto del lavoro ha la funzione primaria di tutelare i lavoratori
dipendenti. Tutti i lavoratori dipendenti, con o senza contratto di lavoro scritto, usufruiscono di determinati diritti
minimi individuali, che sono:

Secondo la legge sullo Statuto aziendale in tutte le aziende di diritto privato
(per es. s.r.l. o S.p.A.) con almeno 5 dipendenti è possibile eleggere un consiglio di fabbrica. Il consiglio di fabbrica
costituisce la rappresentanza degli interessi dei dipendenti dell’azienda nei
confronti del datore di lavoro, in un
rapporto di fiduciosa collaborazione, ai
fini del benessere sia dell’azienda che
dei lavoratori, spesso anche in collaborazione con i sindacati e le associazioni
dei datori di lavoro rappresentati nell’azienda.

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE
Il riconoscimento dei
titoli di studio stranieri
Diritto del lavoro:
individuale e collettivo
Il diritto di concordare
uno Statuto aziendale

– 17 –

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE

Il consiglio di fabbrica viene eletto da
tutti i dipendenti dell’azienda, indipendentemente dalla loro cittadinanza. Il
consiglio di fabbrica ha la funzione di
accertare che vengano rispettate le
leggi a favore dei lavoratori, le norme
antinfortuni, i contratti collettivi e gli
accordi aziendali e che nessun dipendente sia oggetto di discriminazione a
causa della razza, della religione, della
nazionalità, dell’origine o delle sue
idee politiche, del suo impegno sindacale, del sesso o della propria identità
sessuale.
Altri compiti importanti che la legge
attribuisce al consiglio di fabbrica sono: l’integrazione dei lavoratori stranieri, la promozione della comprensione fra questi e i loro colleghi tedeschi,
e la richiesta di provvedimenti di lotta
al razzismo e alla xenofobia. Ha anche
il diritto di chiedere il licenziamento di
un dipendente che abbia compiuto in
azienda atti di razzismo o xenofobia e
di rifiutare per gli stessi motivi l’assunzione di un nuovo dipendente.
Il consiglio di fabbrica ha anche il
diritto di partecipare a decisioni di gestione del personale ed economica:
l’introduzione di ore di straordinario
oppure della cassa integrazione sono
soggette alla sua approvazione, così
come le assunzioni o i licenziamenti di
personale oppure l’elaborazione di piani di tutela sociale laddove si preveda
la chiusura dell’azienda o altre modifiche strutturali. In alcune aziende il datore di lavoro e il consiglio di fabbrica
hanno stipulato accordi per promuovere il trattamento paritario e difendere
dalle discriminazioni.

I problemi sul posto di
lavoro
Il licenziamento e la
protezione contro il
licenziamento

– 18 –

I problemi sul posto di lavoro
La mia retribuzione corrisponde a
quella prevista dal contratto collettivo?
Ho diritto alla tredicesima? Può il mio
datore di lavoro esigere ore di starordinario? Quanti giorni di ferie mi spettano? Cosa succede in caso di malattia o

di infortunio sul lavoro? ll consiglio di
fabbrica della propria azienda o il consiglio del personale presso gli enti
pubblici offrono informazioni e aiuto
laddove insorgessero problemi sul posto di lavoro.
Il consiglio di fabbrica può essere
l’interlocutore giusto anche nei casi di
discriminazione o di mobbing dei colleghi di lavoro o dei superiori. Il datore
di lavoro ha l’obbligo di tutelare i diritti
personali e la salute dei propri dipendenti.
I dipendenti dispongono di numerosi strumenti giuridici di opposizione.
Per informazioni potete rivolgervi agli
uffici aziendali competenti oppure consultare i sindacati o avvocati, a cui potete eventualmente delegare la vostra
rappresentanza giuridica. Per la difesa
davanti ai tribunali del lavoro in prima
istanza non è obbligatorio delegare un
avvocato. Anche se gli uffici dei tribunali del lavoro, presso i quali si inoltrano le richieste giuridiche, non sono autorizzati a offrire consulenza individuale, sono disposti ugualmente a prestare aiuto nella stesura di un atto di citazione formalmente conforme. Esiste
anche la possibilità di usufruire di contribuiti per i costi di conduzione del
processo.

Il licenziamento e la protezione
contro il licenziamento
Un licenziamento non può mai essere
espresso verbalmente, ma sempre per
iscritto. I lavoratori dipendenti godono
di una protezione generale contro il licenziamento ai sensi della legge sulla
protezione contro il licenziamento laddove il rapporto di lavoro esista da almeno sei mesi e l’azienda abbia più di
10 dipendenti (non contando gli apprendisti e i lavoratori part-time solo
percentualmente). La legge sulla protezione contro il licenziamento prescrive
una giustificazione del licenziamento,
che deve essere motivato da attitudini

o dal comportamento della persona in
oggetto oppure da esigenze aziendali.
Nelle aziende in cui esiste il consiglio di fabbrica è d’obbligo che questo
venga consultato in merito al licenziamento. Un licenziamento deciso senza
la consultazione del consiglio di fabbrica è nullo. In determinati casi il consiglio di fabbrica può opporsi ad un licenziamento.
Laddove un dipendente voglia far
annullare il licenziamento deve presentare una citazione presso il tribunale
del lavoro competente entro due settimane dal ricevimento della lettera di licenziamento.
Per le donne in gravidanza e fino a
quattro mesi dal parto, così come per
gli apprendisti e per i portatori di gravi
handicap è prevista una protezione
particolare dal licenziamento. Infatti
queste persone non possono essere licenziate se non in casi eccezionali e
previo consenso di un ente statale. Ulteriori informazioni sono disponibili
presso il consiglio di fabbrica oppure i
sindacati.

La tutela del lavoro per i
minorenni
La tutela di bambini e ragazzi nel mondo del lavoro è ancora più importante
di quella degli adulti. È per questo motivo che la Legge di tutela del lavoro di
minori („Jugendarbeitsschutzgesetz”)
e l’Ordinamento di tutela del lavoro dei
bambini („Kinderarbeitsschutzverordnung”) protegge i minorenni dal lavoro che inizia troppo presto, dura troppo a lungo, è troppo gravoso, li espone a pericoli o non è idoneo.

Disoccupazione e sussidi statali
In caso di disoccupazione ci si può rivolgere all’Ufficio di collocamento locale (anche chiamato „Job Center”)
per ottenere informazioni e aiuto. L’Ufficio di collocamento offre consulenza
nella ricerca di un nuovo lavoro (vedi

capitolo La ricerca di un lavoro e l’inizio del rapporto di lavoro). Innanzitutto
bisogna comunicare all’Ufficio di collocamento locale la propria disoccupazione, non appena vi è stato comunicato il licenziamento. Diversamente incorrete nel rischio che vi venga decurtata l’indennità di disoccupazione.
Probabilmente avete maturato il diritto all’indennità di disoccupazione
(„Arbeitslosengeld”), se avete versato
i contributi relativi (vedi capitolo Assicurazione contro la disoccupazione).
Per poter ricevere l’indennità di disoccupazione è necessario che negli ultimi
tre anni precedenti la disoccupazione
abbiate avuto un’occupazione da lavoro dipendente per almeno dodici mesi,
durante i quali avete versato i contributi previdenziali. L’ammontare e la
durata dell’indennità di disoccupazione
dipendono dall’ammontare della retribuzione precedente e dalla durata del
rapporto di lavoro. Qualora non aveste
maturato il diritto ad usufruire dell’indennità di disoccupazione, oppure il
diritto si sta estinguendo, se siete in
cerca di lavoro e siete in grado di lavorare riceverete un indennità a garanzia
della sussistenza chiamata „Arbeitslosengeld II” (indennità di disoccupazione II, abbr. ALGII). L’importo forfettario
di tale sussidio basico è normalmente
inferiore alla normale indennità di disoccupazione. Anche la domanda per
tale indennità va inoltrata presso l’Ufficio di collocamento. Chi non è in grado
di lavorare, a causa dell’età o in quanto portatore di handicap, riceve invece
il sussidio sociale („Sozialhilfe”), il cui
importo è quasi pari a quello dell’indennità di disoccupazione II.
Attenzione! Chi percepisce l’indennità di disoccupazione II oppure il
sussidio sociale può incorrere in
difficoltà per quanto riguarda il permesso di soggiorno, perciò si consiglia di informarsi tempestivamente!

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE
La tutela del lavoro
per i minorenni
Disoccupazione e
sussidi statali

– 19 –

La previdenza sociale
Tutti i lavoratori dipendenti sono tutelati da determinati rischi, come malattie, infortuni, disoccupazione, la non
autosufficienza, invalidità e anche vecchiaia tramite assicurazioni obbligatorie. La previdenza sociale costituisce
nella nostra società la garanzia assicurativa sociale. La brochure sulla previdenza sociale in Germania „Soziale Sicherung im Überblick“, pubblicato in
diverse lingue, offre un quadro della
materia. Essa è disponibile, assieme a
molte altre informazioni, presso il
Ministero federale per la Salute e la
Previdenza sociale e nel sito
www.bmgs.bund.de. La legge prevede
l’obbligo di assicurazione previdenziale per tutti i lavoratori dipendenti. Il sistema di previdenza sociale è costruito
su cinque colonne:

L’assicurazione contro
le malattie

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE
La previdenza sociale
L’assicurazione contro le
malattie
Assicurazione
pensionistica

– 20 –

L’assicurazione contro le malattie
(„Krankenversicherung”) offre tutela
economica in caso di malattia e durante la maternità. Possono usufruire delle prestazioni anche i coniugi e i figli
degli assicurati, laddove il loro reddito
sia esiguo o inesistente. Gli assicurati
possono scegliere fra diversi tipi di
Cassa mutua („Krankenkasse”): locali
(„Ortskrankenkassen”), autonome
(„Ersatzkassen”), aziendali („Betriebskrankenkassen”) o corporative („Innungskrankenkassen”). Le differenze
fra le diverse casse mutue riguardo
l'importo dei contributi e prestazioni
sono esigue. Le prestazioni di base sono fissate per legge. Sono soggetti all’obbligo di assicurazione previdenziale tutti i lavoratori dipendenti fino ad
un determinato reddito. Oltre tale soglia l’iscrizione alle casse mutue pubbliche è volontaria, pertanto ci si può
assicurare in alternativa presso casse
malattia private.

Ulteriori informazioni sono disponibili
nei seguenti siti:
www.gkv.info
www.die-gesundheitsreform.de/
presse/publikationen/broschueren

Assicurazione pensionistica
L’assicurazione pensionistica („Rentenversicherung”) è la colonna portante
dell’assicurazione di anzianità. Oltre ai
lavoratori dipendenti sono assicurati
anche gli apprendisti e determinati
gruppi di lavoratori autonomi. I compiti principali dell’assicurazione pensionistica sono:
– il pagamento della pensione agli
assicurati e ai loro eredi (vedove/
vedovi e orfani);
– l’esecuzione di misure mediche di
riabilitazione per la recuperare la
capacità di lavorare.
Per avere diritto al ricevimento della
pensione è necessario soddisfare determinati requisiti: gli assicurati devono aver raggiunto una determinata età
(„Altersgrenze”), devono essere stati
assicurati per un periodo minimo
(„Wartezeit”) e devono aver presentato la domanda di pensionamento. Normalmente si riceve la pensione a partire dai 65 anni, ma sono possibili anche
l’anticipo o la proroga di questo termine. Il Ministero federale per la Salute e
la Previdenza sociale offre informazioni sulla regolamentazione di pensioni
parziali, pensioni di invalidità parziale,
e pensioni per decesso (pensione alle
vedove/ai vedovi e agli orfani).
Ulteriori informazioni sono disponibili nei seguenti siti:
www.renteninfo-online.de
www.bfa.de
www.lva.de
La pensione integrativa
Per garantire il proprio livello di vita
anche in età avanzata, si dovrebbe integrare alla pensione che corrisponde

lo Stato, nata dal principio di solidarietà, un altro vitalizio pensionistico
volontario. Le organizzazioni dei consumatori ad es. offrono informazioni
sugli incentivi statali a favore di assicurazioni pensionistiche integrative private o aziendali.

L’assicurazione antinfortuni
L’assicurazione antinfortuni („Unfallversicherung”) funge da ammortizzatore economico delle conseguenze derivate da infortuni sul lavoro o da malattie professionali, offre servizi di prevenzione degli infortuni e di riabilitazione.

L’assicurazione per la non
autosufficienza
L’assicurazione per la non autosufficienza („Pflegeversicherung”) provvede a garantire il servizio di assistenza
laddove il soggetto non sia più in grado di provvedere a sé stesso. Grazie al
pagamento dei contributi l’assicurato
acquisisce il diritto a ricevere un’indennità economica nel caso in cui ha bisogno di assistenza domiciliare o in una
struttura.

Assicurazione contro la
disoccupazione
L’assicurazione contro la disoccupazione („Arbeitslosenversicherung”) offre
aiuto materiale al singolo in caso di disoccupazione e viene contemporaneamente investita dallo stato per promuovere la politica dell’occupazione.
Hanno diritto a ricevere l’indennità di
disoccupazione coloro che hanno comunicato personalmente di essere disoccupati e che precedentemente hanno pagato per un determinato periodo
i contributi corrispondenti. L’Ufficio di
collocamento federale offre diversi servizi di incentivazione e mediazione sia
ai lavoratori che ai datori di lavoro e
cerca di trovare un impiego per i disoccupati.
Ulteriori informazioni sono disponibili nei seguenti siti:
www.arbeitsagentur.de
www.bmwa.bund.de
www.arbeitsmarktreform.de

La previdenza sociale
internazionale
Secondo le leggi tedesche in materia
di previdenza sociale l’erogazione dei
servizi di previdenza è consentita solo
in Germania. Tuttavia è possibile che
sussista il diritto di usufruire anche all’estero di determinate prestazioni di
previdenza sociale. Questa materia è
disciplinata da accordi internazionali e
bilaterali che hanno per oggetto la previdenza sociale. Infatti all’interno dell’Unione europea è stata creata una
struttura giuridica secondo cui le prestazioni di previdenza sociale hanno
validità anche negli Stati membri, affinché sia garantita ad es. in caso di
malattia l’assistenza medica per gli assicurati e i loro familiari. Accordi in
materia di previdenza sociale sono stati stipulati anche con Paesi europei che
non fanno parte dell’Unione e con Paesi extra europei. Le regole vigenti nell’UE e in alcuni altri Paesi sono molto
complesse. Le più importanti sono
quelle relative alle prestazioni in caso
di malattia, di invalidità, di anzianità oltre a quelle previste per gli eredi, per i
casi di infortunio sul lavoro e di malattie professionali. Le regole internazionali si basano su due presupposti:
– i soggetti a cui le disposizioni si riferiscono godono fondamentalmente degli stessi diritti previdenziali;
– il soggiorno in uno Stato membro o
associato è equiparato al soggiorno
in un altro Stato membro o associato

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE
L’assicurazione per la
non autosufficienza
Assicurazione contro la
disoccupazione
L’assicurazione
antinfortuni
La previdenza sociale
internazionale

– 21 –

Salario, stipendio e reddito
Il denaro che un lavoratore dipendente
riceve dal proprio datore di lavoro viene indicato con nomi diversi: corrispettivo („Entgelt”), guadagno („Verdienst”), reddito („Einkommen”), stipendio („Gehalt”), salario („Lohn”).
Nel presente manuale vengono utilizzate le espressioni „reddito” e „stipendio”. Normalmente il contratto di lavoro prevede un reddito lordo, non necessariamente espresso in cifre concrete, ma espresso mediante riferimento all’inquadramento di livello corrispondente, previsto dal contratto collettivo. Dal reddito lordo vengono detratti gli importi per imposte e contributi previdenziali che il datore di lavoro versa direttamente. Ciò significa che
al dipendente viene pagato il reddito
netto. Il dipendente riceve il cedolino
di paga („Gehalts-Abrechnung”) sul
quale figurano sia il reddito lordo che
quello netto.

I contributi di previdenza sociale

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE
Salario, stipendio e
reddito
I contributi di
previdenza sociale
Le tasse sul reddito da
lavoro dipendente

– 22 –

II sistema di previdenza sociale dà diritto alla tutela assicurativa in caso di
malattia o di infortunio, di disoccupazione, anzianità, mancanza di autosufficienza e di invalidità previo versamento dei contributi sociali da parte
dei dipendenti e dei datori di lavoro e
in parte integrato da indennità statali.
Tali contributi di previdenza sociale
vegnono chiamati „Sozialabgaben” e
vanno versati obbligatoriamente ogni
mese per l’assicurazione contro le malattie, per l’indennità di disoccupazione, per l’assicurazione pensionistica e
per l’assicurazione per la non autosufficienza. L’importo dei contributi di previdenza sociale dipende dal reddito, ed
è comunque suddiviso in due quote
uguali di cui una a carico del datore di
lavoro e l’altra a carico del dipendente.
La quota a carico del dipendente viene
detratta automaticamente dallo stipen-

dio, ed è il datore di lavoro che provvede al trasferimento degli importi agli
enti di assicurazione.

Le tasse sul reddito da lavoro
dipendente
L’imponibile è costituito dallo stipendio lordo. L’aliquota d’imposta dipende
dall’ammontare dello stipendio (progressività d’imposta). Il reddito viene
inoltre classificato secondo lo stato di
famiglia in un sistema di sei categorie
(„Steuerklassen”) dalla I alla VI, che
tiene conto dell’essere nubili o sposati,
e dell’esistenza o meno di figli a carico.
Soprattutto nel caso in cui entrambi i
coniugi dispongono di un reddito imponibile, la combinazione di diverse
categorie può avere dei vantaggi. Sul
documento fiscale („Steuerkarte”) che
si riceve ogni anno dall’amministrazione locale è indicata la propria categoria e il numero di figli.
Questo documento va consegnato
al datore di lavoro, il quale deve inserire l’importo dello stipendio e altri dati.
Le imposte vengono detratte automaticamente dallo stipendio lordo mensile.
Assieme alla dichiarazione dei redditi
annuale („Einkommenssteuererklärung” oppure anche „Lohnsteuerjahresausgleich”), va consegnato all’Ufficio imposte („Finanzamt”) anche il documento fiscale di cui sopra. Con la dichiarazione dei redditi il fisco provvede
alla compensazione fra reddito totale
di cui si è goduto l’anno precedente
(quindi comprensivo anche di interessi
o redditi d’affitto) e le imposte versate
nel corso dell’anno. In questa sede si
possono far valere i cosiddetti „importi
non imponibili“ e le spese soggette al
diritto di detrazione dall’imponibile.
Pertanto può succedere che in conseguenza della dichiarazione dei redditi
si ricevano dall’Ufficio imposte rimborsi in denaro.
Il sistema fiscale tedesco è complesso, tuttavia può essere convenien-

te informarsi presso un’Associazione
specializzata nella dichiarazione dei
redditi oppure ad un consulente fiscale. Anche gli uffici del fisco sono tenuti
ad offrire informazioni.
Ulteriori informazioni sono disponibili presso gli uffici fiscali locali oppure
presso consulenti fiscali, e anche in internet nel sito www.finanzamt.de. Nel
sito www.bundesfinanzministerium.de
del Ministero federale delle Finanze è
disponibile una brochure d’informazione fiscale (titolo originale „Steuern
von A bis Z“).

Le imposte per le Chiese
In Germania chi è iscritto alla Chiesa
cattolica o alla Chiesa protestante è tenuto a pagare un’apposita imposta
(Kirchensteuer). I membri della comunità ebraica pagano un’ imposta equiparata a favore della propria chiesa
(Kultussteuer). Per gli appartenenti ad
altre comunità religiose non esiste
l’obbligo di pagare questo tipo di imposta.

LAVORO E
PREVIDENZA
SOCIALE
Le imposte per le Chiese

– 23 –

La vita quotidiana
Imparare il tedesco
La conoscenza del tedesco è di aiuto
sia nella vita professionale che in quella quotidiana. E anche se esiste un detto popolare che sostiene che il tedesco
sia una lingua difficile („Deutsche
Sprache, schwere Sprache“), non lasciatevi scoraggiare! Chi non conosce
il tedesco può servirsi inizialmente di
piccoli vocabolari in cui si trovano le
parole e le frasi più consuete della vita
quotidiana. In quasi tutte le librerie sono disponibili, oltre a questi, anche vocabolari più esaurienti e libri di testo
per apprendere la lingua, corredati
spesso di cassette e CD. Chi non intende apprendere da solo ma preferisce
farsi guidare da persone specializzate,
può frequentare corsi di lingua.

Corsi d’integrazione

LA VITA QUOTIDIANA
Imparare il tedesco
Corsi d’integrazione

– 24 –

Dal 1° gennaio 2005 determinati gruppi di immigrati hanno diritto ad usufruire di „corsi d’integrazione“, che
vengono finanziati con fondi pubblici e
prevedono 600 ore di insegnamento
del tedesco ed un cosiddetto „corso di
orientamento”, durante il quale si trasmettono le cognizioni di base relative
al sistema giuridico, alla cultura e alla
storia del Paese.
Godono di tale diritto gli stranieri
provenienti da Stati non facenti parte
dell’UE, che risiedono stabilmente nella Repubblica Federale e che hanno ottenuto per la prima volta il permesso
di soggiorno per poter intraprendere
un’attività lavorativa (dipendente o autonomo), per il ricongiungimento familiare (coniugi o altri familiari), per motivi umanitari (gli aventi diritto di asilo
secondo l’art. 16a della Legge fondamentale e i rifugiati ufficialmente riconosciuti in base alla Convenzione di
Ginevra), oppure il permesso di resi-

denza. Tale diritto viene riconosciuto
per due anni dall’arrivo in Germania
ossia per due anni dalla concessione
del permesso di soggiorno. Godono di
tale diritto anche le persone di origini
tedesca provenienti dai Paesi dell’ex
blocco orientale („Spätaussiedler”) e i
loro coniugi.
Il diritto alla partecipazione non
sussiste se il soggiorno è temporaneo
oppure se la conoscenza della lingua
tedesca è già buona. Anche i bambini
e i ragazzi che frequentano la scuola
non godono automaticamente di tale
diritto. Ciò vale anche per i cittadini
dell’Unione europea, che tuttavia possono partecipare ai corsi laddove vi
siano ancora posti liberi. La loro partecipazione raramente viene rifiutata, visto che cittadini dell’Unione generalmente non possono essere svantaggiati rispetto a quelli di Stati terzi. In
caso contrario, l’interessato può rivolgersi ad un consulente legale.
È obbligato a frequentare un corso
di integrazione chi non è in grado di
comunicare ad un livello basico in lingua tedesca oppure riceve un’intimazione dall’Ufficio stranieri.
Per sapere se potete o se addirittura dovete frequentare un corso d’integrazione rivolgetevi al vostro Ufficio
stranieri, che vi consegnerà anche il
certificato attestante il diritto di partecipazione ai corsi e una lista delle
scuole che offrono corsi idonei. Al termine del corso è obbligatorio fare un
esame: se l’esito sarà positivo, potrete
ottenere la cittadinanza tedesca in meno tempo.
Ulteriori informazioni sono disponibili nel sito www.bamf.de oppure chiamando il numero 09 11 / 9 43 63 90.

Corsi di lingua
Anche se non frequentate alcun corso
d’integrazione potete migliorare le vostre conoscenze della lingua tedesca e
scegliere fra diversi corsi che offre il
mercato del settore. Per sapere dove
trovare un corso di lingua appropriato
ci si può rivolgere ad es. agli uffici di
consulenza delle associazioni caritative, all’amministrazione locale oppure
alle università. In molte città si tengono corsi linguistici anche presso le cosiddette scuole popolari („Volkshochschulen“). Forse esiste nei vostri dintorni un Centro culturale internazionale, che offre anche lezioni di tedesco.
Gli indirizzi delle scuole private che offrono corsi linguistici si trovano o nelle
Pagine Gialle („Gelbe Seiten”), alla voce „Sprachschulen” oppure in internet.
Il dislivello fra i prezzi dei corsi offerti dalle diverse istituzioni non è necessariamente indicativo della qualità
dell’offerta. Nella ricerca del corso
ideale si dovrebbe fare attenzione sia
al numero previsto di ore di lezione
che al numero di partecipanti previsti:
è possibile infatti che l’apprendimento
sia più efficace quando il numero dei
partecipanti è esiguo. Comunque, indipendentemente da tali aspetti, i corsi
di tedesco offerti dalle scuole private
sono generalmente più costosi di quelli offerti dalle scuole popolari o da altre
associazioni pubbliche.

Istruzione e aggiornamento
In Germania esistono per gli adulti numerose possibilità di istruzione e di aggiornamento, presso aziende, istituti
tecnici, istituti parauniversitari con laurea breve e presso le università.

cesso allo studio universitario in generale quanto per l’iscrizione ad una determinata facoltà. Informazioni sui requisiti di accesso, il riconoscimento dei
titoli di studio e il livello di conoscenza
della lingua, ecc. sono disponibili presso il „Deutscher Akademischer Austauschdienst“ (ente che si occupa di
scambi per universitari www.daad.de),
presso l’„Arbeits- und Zulassungstelle
für internationale Studienbewerbungen e.V.“ (ufficio per le richieste
d’ammissione internazionali
www.uni-assist.de) e presso il Goethe
Institut (www.goethe.de).

L’istruzione per adulti
Le già menzionate scuole popolari
(„Volkshochschulen”, www.vhs.de) offrono numerosi corsi di aggiornamento generale, culturale oppure relativo a
professioni specifiche. Esse vengono
gestite dalle amministrazioni comunali
e sono accessibili a tutti.
Se desiderate conseguire un titolo
di studio, oppure una qualifica professionale o ancora cambiare lavoro, potete rivolgervi ad istituti privati di aggiornamento. Anche le aziende e le
Chiese sono molto attive nel settore
dell’istruzione per adulti. Esiste inoltre
la possibilità di frequentare corsi serali
o di iscriversi a corsi per corrispondenza, che si tengono parallelamente all’attività lavorativa. I corsi per corrispondenza non sono legati al tempo e
allo spazio: il materiale di studio viene
inviato direttamente a casa, oppure si
apprende mediante il cosiddetto „elearning”, che si sta sempre più diffondendo.

LA VITA QUOTIDIANA
Corsi di lingua
Istruzione e
aggiornamento
Le università
L’istruzione per adulti

Permesso per aggiornamento
Permesso per

Le università
In Germania chi desidera studiare deve soddisfare i requisiti tanto per l’ac-

In quasi tutti i Länder i lavoratori dipendenti hanno diritto a permessi retribuiti per aggiornamento, hanno diritto cioè ad assentarsi dal posto di la-

aggiornamento

– 25 –

voro per seguire un corso di aggiornamento. Soltanto in Baviera, BadenWürttemberg, Sassonia e Turingia non
esistono leggi sul permesso retribuito
per aggiornamento. In ognuno dei
Länder vige una diversa regolamentazione dei requisiti che danno diritto al
permesso per aggiornamento, che sia
professionale, politico o culturale, e
della sua durata. Informazioni più precise sono disponibili presso il vostro
consiglio di fabbrica, i sindacati, oppure nel sito www.bildungsurlaub.de.

Cercare casa

LA VITA QUOTIDIANA
Cercare casa

– 26 –

I giornali quotidiani pubblicano continuamente annunci di offerte per appartamenti, soprattutto nelle loro edizioni di fine settimana (per es. nell’edizione del sabato). Tali offerte si trovano nelle pagine dei “brevi annunci”
(„Kleinanzeigen”) o quelle „immobiliari” („Immobilienteil”) nelle rubriche
„Appartamenti offresi” („Wohnungsangebote”) oppure „Affittasi” („Vermietungen”). Negli annunci è indicato
normalmente un numero di telefono,
che si può chiamare in caso di interesse, oppure un codice anonimo, il cosiddetto „Chiffre” (cifrato). In quest’ultimo caso la domanda per l’appartamento deve essere presentata per
iscritto e inviata al quotidiano, che
provvede ad inviarla all’autore dell’annuncio. Anche chi è alla ricerca di un
appartamento può mettere un annuncio sul giornale, in cui spiega cosa sta
cercando. La cosa migliore in tal caso
è chiamare direttamente il giornale che
dovrà stampare l’annuncio. Normalmente gli annunci non sono gratuiti.
La maggior parte dei giornali ha ormai
un proprio sito internet, nel quale è
possibile cercare un appartamento e
anche scrivere un annuncio di offerta,
indipendentemente dalle edizioni
stampate. Inoltre vegono offerti anche
servizi di mediazione fra chi offre e chi
cerca un appartamento, e in alcune

delle maggiori città vengono pubblicati
bollettini riguardanti esclusivamente la
domanda e l’offerta di immobili. Per
non parlare di internet: esistono siti
che offrono una panoramica del mercato immobiliare della propria città o
della regione, e in cui si possono anche esaminare le singole offerte. Queste, come quelle degli annunci sui
giornali contengono numerose abbreviazioni che descrivono le caratteristiche dell’appartamento. Eccone alcune,
con il loro significato:
– „2 ZKB” significa: 2 Zimmer, Küche,
Bad (2 stanze, cucina, bagno)
– „2 ZKBB” significa: 2 Zimmer, Küche, Bad, Balkon (2 stanze, cucina,
bagno, balcone)
– „EG” significa: Erdgeschoss (piano
terra)
– „2. OG” significa: zweiter Stock
(secondo piano)
– „DG” significa: Dachgeschoss (piano mansardato)
– „VH” significa: Vorderhaus (caseggiato anteriore, quello che dà sulla
strada)
– „HH” significa: Hinterhaus (caseggiato posteriore, quello che dà sul
cortile)
– „qm” significa: Quadratmeter (metri quadrati) e indica le dimensioni
dell’appartamento
– „KM” significa: Kaltmiete (indica
l’importo dell’affitto al netto del
riscaldamento)
– „NK” significa: Nebenkosten (spese
condominali)
– „WM” significa: Warmmiete (l’affitto al netto del riscaldamento e le
spese condominiali
– „WBS” significa: Wohnberechtigungsschein (permesso per ottenere un’appartamento sovvenzionato
dallo stato)
Agenti immobiliari
Gli agenti immobiliari („Makler“)
sono persone private che svolgono
l’attività di mediazione fra chi offre e
chi cerca un immobile. Gli indirizzi si

trovano nelle Pagine gialle (sotto la
voce „Makler” o „Immobilienmakler”).
Normalmente queste persone o agenzie chiedono una provvigione detta
„Courtage” per la mediazione svolta.
Ufficio comunale per l’assegnazione di
alloggi
Chi è alla ricerca di un appartamento può anche chiedere informazioni all’Ufficio per l’assegnazione di alloggi
(„Wohnungsamt”) del comune. Qui
sono disponibili informazioni sulle offerte di appartamenti delle società immobiliari della città che offrono appartamenti in affitto.
Il diritto ad un alloggio sovvenzionato
e il sussidio d’alloggio
Il „Wohnberechtigungsschein”
(abbr.: WBS), è un permesso che dà diritto ad abitare in determinati alloggi,
costruiti con fondi pubblici, e quindi
con un canone d’affitto inferiore. Possono richiedere tale permesso soltanto
coloro che dispongono di un reddito
esiguo, i quali possono ricevere, in determinate condizioni, anche un contributo per l’affitto, il cosiddetto „Wohngeld” (sussidio d’alloggio), concesso
dall’amministrazione locale.

mento, sono legati al consumo individuale, mentre altri vengono fissati in
base alle dimensioni dell’appartamento. La corrente, il telefono e normalmente anche il gas non sono mai compresi nell’affitto, ma vengono pagati
direttamente all’azienda di erogazione.
Quindi è necessario stipulare un contratto con tali aziende. I costi condominiali e gli oneri per corrente o gas vengono fatturati mensilmente a forfait.
Una volta l’anno l’inquilino riceve la
fattura relativa ai consumi di tutto l’anno, in base alla quale avviene il conguaglio delle eventuali differenze riscontrate.
La tabella dei canoni d’affitto
La tabella dei canoni d’affitto offre
informazioni sul livello degli affitti di
una determinata zona e consente di
controllare se l’affitto richiesto è adeguato ed ammissibile. Tale tabella è disponibile presso il municipio o le associazioni di inquilini (vedi sotto). Chi ritiene che l’affitto è esoso, si può rivolgere ad un avvocato oppure alle associazioni degli inquilini, e procedere per
vie legali.

Il contratto d’affitto
Il canone d’affitto
L’affitto („Miete” o „Monatsmiete”) è
l’importo che l’inquilino („Mieter”) paga ogni mese al proprietario dell’appartamento („Vermieter”). Al canone
d’affitto al netto del riscaldamento
(„Kaltmiete”) si aggiungono le spese
condominiali („Nebenkosten”), costituiti da: tributo per lo smaltimento dei
rifiuti e per la pulizia della strada, spese per le pulizie condominiali, il riscaldamento e gli oneri per l’erogazione
dell’acqua. L’insieme di questi costi
può essere compreso nell’importo richiesto per l’affitto: in questo caso si
parla di „Warmmiete”. Alcune delle
spese condominiali, come il riscalda-

Per affittare un appartamento è necessario firmare un contratto d’affitto
(„Mietvertrag”), in cui sono contenute
le informazioni relative all’appartamento (ad es. l’importo d’affitto, le dimensioni e il numero di stanze). Inoltre
il contratto d’affitto fissa i diritti e i doveri del proprietario e dell’inquilino (i
termini di disdetta, ecc.). Con l’apposizione della loro firma, entrambe le parti dichiarano di accettare le condizioni
contrattuali. Però esistono norme giuridiche specifiche a cui è vincolata la
validità delle clausole di contratti d’affitto. La maggioranza dei proprietari
esige che l’inquilino sia titolare di un
conto corrente bancario.

LA VITA QUOTIDIANA
Il canone d’affitto
Il contratto d’affitto

– 27 –

La cauzione
Generalmente per poter affittare un
appartamento è necessario versare
una cauzione, come garanzia per il
proprietario, il cui importo può essere
pari ad un canone d’affitto oppure alla
somma di due, al netto delle spese
condominiali. Non può comunque superare la somma di tre mesi d’affitto.
Solitamente la cauzione viene depositata su un conto bancario apposito, in
quanto deve maturare interessi. Laddove l’inquilino disdica il contratto
d’affitto e lasci l’appartamento entro i
termini previsti, gli viene restituita la
cauzione con gli interessi maturati.
Tuttavi in determinate condizioni il
proprietario dell’appartamento può anche detrarre dalla cauzione costi di riparazione che sono sorti nel frattempo.

La tutela dell’inquilino
Le associazioni degli inquilini tutelano
gli interessi di questi. Molti rapporti di
locazione non creano problemi, tuttavia se sorgono conflitti con i proprietari, le associazioni degli inquilini intervengono per difendere i propri soci.
Nelle maggiori città del Paese esistono
associazioni degli inquilini. Il „Deutscher Mieterbund“, l’associazione nazionale, ha un suo sito in internet
www.mieterbund.de.

La disdetta e la tutela dallo
sfratto
LA VITA QUOTIDIANA
La tutela dell’inquilino
La disdetta e la tutela
dallo sfratto
Le assicurazioni

– 28 –

La disdetta dell’appartamento da parte
dell’inquilino è soggetta a determinati
termini, fissati nel contratto d’affitto
ovvero nelle disposizioni giuridiche in
materia.
Solitamente per i contratti d’affitto
a tempo indeterminato il termine di disdetta previsto è di tre mesi. Il proprietario dell’appartamento a sua volta,
non può disdire il contratto d’affitto
senza motivo. In caso di conflitti sareb-

be bene ricorrere ad una consulenza
legale.

Le assicurazioni
Oltre alle assicurazioni di previdenza
obbligatoria (vedi capitolo – La previdenza sociale) esistono tutta una serie
di assicurazioni volontarie relative a diversi ambiti della vita. Per informazioni
sul tipo di assicurazione che potrebbe
rivelarsi utile a livello individuale ci si
può rivolgere ad es. ad una associazione dei consumatori (vedi capitolo – Le
organizzazioni dei consumatori) oppure ad un consulente privato specializzato nella materia. In questa sede vengono soltanto elencati i tipi di assicurazione più importanti.
Assicurazione di responsabilità civile
L’assicurazione di responsabilità civile („Haftpflichtversicherung”) copre i
danni che l’assicurato procura involontariamente a beni di terzi. Può quindi
coprire ad es. i danni causati da un incidente o da scarsa accortezza nell’ambiente domestico di terzi. Le assicurazioni di responsabilità civile evitano
l’indebitamento dovuto all’obbligo di
rimborso di danni, qualora questi dovessero essere piuttosto ingenti.
Assicurazione domestica
L’assicurazione domestica („Hausratversicherung”) copre i danni subiti
dai propri beni domestici, causati per
es. da effrazione e furto. L’ammontare
dell’assicurazione dovrebbe corrispondere al valore effettivo dei beni che si
trovano nell’abitazione.
Assicurazione di invalidità
pensionabile
L’assicurazione di invalidità pensionabile („Berufsunfähigkeitsversicherung”) tutela l’assicurato dalle conseguenze finanziare che si subiscono in
caso di invalidità per infortunio, incidente o malattia. Laddove si verifichi il

caso previsto dall’assicurazione, l’assicurato percepisce una pensione, il cui
ammontare dipende dagli accordi presi.

Servizi di emergenza. Chi ha urgentemente bisogno la notte o durante il fine settimana di consultare un medico,
può rivolgerso al Pronto soccorso di
un ospedale („Ambulanz” o „Notaufnahme”) oppure chiamare una guardia
medica. Gli indirizzi e i numeri di telefono dei medici si trovano nei giornali locali, alla rubrica „Notdienst”
(servizio di emergenza) oppure „Ärztlicher Notdienst” (servizio medico di
emergenza) oppure nell’elenco telefonico.
I numeri telefonici validi in tutta la
Germania per le chiamate d’emergenza sono: il 110 per la polizia e il 112 per
i vigili del fuoco.

sono previsti orari fissi. Si consiglia di
fissare un appuntamento poichè spesso i tempi di attesa sono relativamente
lunghi. Ma in caso di dolori acuti i medici vistano i pazienti anche senza appuntamento. Nelle Pagine gialle sono
elencati i nomi e gli indirizzi dei medici
suddivisi per settore di specializzazione. Oltre alle cure mediche in caso di
malattie acute, sarebbe bene sottoporsi anche a visite preventive. Ciò vale
soprattutto per i bambini piccoli, per i
quali sono previste visite periodiche,
per la cura dei denti e per uomini e
donne che abbiano superato i 35 anni.
Informazioni dettagliate sono disponibili presso i medici, le Casse mutue e
gli Uffici sanitari.
Dal 1° gennaio 2004 per i pazienti
che sono iscritti ad una Cassa mutua
pubblica è stato introdotto l’obbligo di
pagare 10,- euro la prima volta che in
un trimestre ci si reca dal medico
(„Praxisgebühr”), indipendentemente
dal fatto se ci si rechi dal medico di base, da uno specialista o da uno psicoterapeuta. Però se la visita specialistica
è stata prescritta dal medico di base,
allora non è necessario pagare. Anche
i bambini e i ragazzi fino a 18 anni sono esonerati da questo pagamento, e
lo stesso vale per chi si reca due volte
l’anno dal dentista per una visita di
controllo, per le visite preventive, per
quelle di diagnosi precoce e per chi si
reca dal medico per farsi vaccinare.

I medici

La gravidanza

Oltre ai medici generici („Allgemeinmediziner“) esistono anche i medici
specializzati („Fachärzte”) come per es.
oculisti, dermatologi, ecc.. Solitamente
il medico generico svolge la funzione
di medico di famiglia, e in caso di necessità manda i propri pazienti dai medici specialisti. Tuttavia se si soffre di
determinati dolori, ci si può rivolgere
direttamente ad un medico specialista.
Per la visita dei pazienti in ambulatorio

Le donne in gravidanza iscritte ad una
Cassa mutua hanno diritto ad usufruire
di particolari servizi medici e di aiuti finanziari pubblici, che comprendono visite preventive, assistenza medica e di
un’ostetrica, il ricevimento di medicinali, il parto in ospedale e l’indennità
di maternità („Mutterschaftsgeld”).
Per informazioni rivolgersi a medici
e a centri specifici di consulenza presso: „Arbeiterwohlfahrt” (AWO), „Cari-

Assicurazione di tutela giudiziaria
L’assicurazione di tutela giudiziaria
(„Rechtsschutzversicherung”) copre i
costi di una controversia giuridca. Tuttavia l’assicurazione interviene soltanto in determinati casi. Come per tutti
gli altri tipi di assicurazione, si consiglia anche in questo caso farsi consigliare dalle associazioni dei consumatori.

Salute

LA VITA QUOTIDIANA
Salute
I medici
La gravidanza

– 29 –

tas”, „Diakonisches Werk”, „Deutsches Rotes Kreuz”, „Deutscher Paritätischer Wohlfahrtsverband” (DPWV),
„Pro familia” e gli enti sanitari locali.

pure consegnata al proprio datore di
lavoro.

La scuola d’infanzia
L’interruzione della
gravidanza
In Germania l’interruzione della gravidanza (o aborto) è consentita soltanto
in determinate circostanze:
1. su indicazione medica, senza limiti
di tempo;
2. per motivi criminologici (per es. in
caso di gravidanza seguita a violenza sessuale), entro la 12a settimana
di gravidanza;
3. per motivi personali/sociali, entro la
12a settimana, se è la donna a chiedere l’interruzione e se presenta al
medico il certificato di un’organizzazione specifica di consulenza (rilasciato dopo una consulenza obbligatoria che si chiama „Schwangerschafts-Konflikt-Beratung”).
È severamente vietato obbligare una
donna ad interrompere la gravidanza o
ad esercitare su di lei una forte pressione: si tratta di un atto passibile di
pena. Per informazioni e consulenza
basta rivolgersi: al proprio medico, a
„Pro Familia”, all’ „Arbeiterwohlfahrt”,
al „Donum Vitae” oppure al „Diakonisches Werk“. Gli indirizzi e i numeri di
telefono corrispondenti si trovano ad
es. nell’elenco telefonico o nei giornali
locali, alla rubrica „Beratungsstellen”.
LA VITA QUOTIDIANA
L’interruzione della

L’assegno familiare

gravidanza
L’assegno familiare
La scuola d’infanzia

– 30 –

Tutti i genitori, anche se disoccupati,
ricevono l’assegno familiare („Kindergeld”), il cui importo aumenta progressivamente con il numero dei figli. La richiesta dell’assegno familiare va inoltrata presso la cosiddetta „Familienkasse“ dell’Ufficio di collocamento op-

La legge riconosce a tutti i bambini a
partire da 3 anni il diritto di frequentare una scuola d’infanzia. Si consiglia di
usufruire di tale diritto poiché nelle
scuole d’infanzia (abbr. „Kita“) i bambini trovano amici e compagni di gioco
e possono imparare il tedesco più facilmente. I genitori devono contribuire
ai costi di gestione delle scuole d’infanzia, e pagano una quota, il cui ammonatre dipende dal reddito. Nella
maggioranza dei casi la frequenza delle scuole d’infanzia è limitata a mezza
giornata (nelle ore mattutine). Circa il
30 % delle scuole d’infanzia offre un
servizio che copre tutto l’arco della
giornata. Le scuole d’infanzia sono gestite dalle amministrazioni comunali,
dalle Chiese e dalle associazioni caritative. Esistono inoltre anche scuole d’infanzia presso grandi aziende („Betriebskindergärten”) oppure gestite dai
genitori stessi. Per poter ottenere un
posto nei pressi della propria abitazione è consigliabile informarsi tempestivamente sulle possibilità esistenti. Per
informazioni rivolgersi all’amministrazione comunale. Per i bambini di età
inferiore ai 3 anni non è previsto il diritto ad un posto in una struttura pubblica chiamata „Krippe”. Laddove tali
strutture esitano, la disponibilità dei
posti è comunque molto esigua. Perciò
si consiglia di informarsi tempestivamente sulle possibilità esistenti, poichè ciò aumenta la probabilità di ottenere il posto desiderato. Oltre alle
strutture sopradescritte, in molti Länder esiste un servizio specifico di istruzione prescolare. Esso viene gestito
dalle scuole elementari, e prepara i
bambini ad affrontare l’iter scolastico
un anno prima che inizi: anche in questo caso i bambini hanno l’opportunità
di migliorare le loro conoscenze del te-

desco con metodologie ancora abbastanza ludiche. Il servizio offerto copre
metà giornata ed è gratuito.

La scuola
In Germania tutti i bambini sono soggetti all’obbligo scolastico. Le disposizioni che vigono nei 16 Länder nel settore scolastico sono diverse, tuttavia in
tutti i Länder i bambini inizino la scuola elementare generalmente a 6 anni.
In determinate condizioni è possibile
presentare richiesta di anticipo o di
proroga per il proprio bambino. Per
informazioni dettagliate rivolgersi ai
locali Provveditorati agli studi
(„Schulämter”). In Germania l’anno
scolastico inizia dopo le vacanze estive. La maggioranza delle scuole non
offre il tempo pieno: quindi le lezioni si
tengono per mezza giornata, nei primi
due anni di scuola il numero di ore è
generalmente ancora minore. Esistono
però anche scuole che offrono un servizio „a tempo pieno”. Se i bambini
hanno bisogno di programmi di sostegno, perché si trovano in Germania da
poco tempo, si possono chiedere informazioni alle scuole. Questo sostegno
supplementare si chiama „Förderunterricht“, „Nachhilfe” oppure „Hausaufgaben-Hilfe”. Per informazioni sui
programmi offerti ci si può rivolgere
anche alle associazioni caritative. In
Germania la scuola dell’obbligo dura
almeno 9 o 10 anni. Dopodiché i ragazzi possono decidere di proseguire per
ottenere la maturità, oppure di iniziare
a 16 anni l’istruzione professionale. Dai
6 ai 10 anni, in alcuni Länder fino ai 12,
i bambini frequentano la scuola elementare („Grundschule”). Normalmente la durata della scuola elementare è quindi di 4 anni (dalla 1° alla 4°
classe), ma in alcuni Länder è di 6 anni. Al termine della scuola elementare
è necessario scegliere fra diversi tipi di
scuola media secondaria: „Hauptschule”, „Realschule”, „Gymnasium” o

„Gesamtschule”. Le „Gesamtschulen”
possono essere frequentate da chiunque provenga dalla scuola elementare,
indipendentemente dal livello di rendimento scolastico. La scelta della scuola adeguata avviene in collaborazione
con gli insegnati. Il passaggio da un tipo di scuola all’altro è consentito. Nella „Hauptschule“ (scuola di base) è
prevista la frequenza dalla 5a alla 9a
classe; nella „Realschule” (scuola formativa) dalla 5a alla 10a. Gli alunni provenienti da questi tipi di scuola normalmente si iscrivono ad un istituto
professionale, per prepararsi ad una
professione specifica (ad es. ad un Istituto commerciale) o decidono di proseguire gli studi fino alla maturità.

I giovani e la formazione
professionale
Nelle classi 9a e 10a viene spiegato ai
ragazzi l’iter necessario per conseguire
una qualificazione professionale. Ulteriori informazioni sono disponibili anche presso un apposito servizio di consulenza offerto degli Uffici di collocamento, i centri di informazione professionale (BIZ), le associazioni caritative
oppure i centri di consulenza professionale. I ragazzi che hanno usufruito
in gran parte dell’istruzione scolastica
di un altro Paese, possono ricevere durante la formazione professionale un
aiuto particolare oppure frequentare
corsi di preparazione organizzati da
istituti specializzati.

LA VITA QUOTIDIANA
La scuola
I giovani e la formazione
professionale

– 31 –

Le organizzazioni e i loro referenti
Le organizzazioni dei
consumatori

Deutsches Rotes Kreuz (DRK)
www.drk.de

Le organizzazioni di tutela degli interessi dei consumatori sono indipendenti, e offrono informazioni e consulenza a tutti i consumatori. Essi hanno
sede prevalentemente nelle maggiori
città del Paese. Qui si può trovare risposta a molte domande relative ai tutti i generi di consumo: dai beni di prima necessità ai servizi finanziari. Le organizzazioni dei consumatori valutano
e controllano continuamente, mediante test, la qualità di prodotti, di servizi
in generale e anche del settore finanziario. Ne esaminano il cosiddetto
„rapporto qualità-prezzo“ e indagano
sulla serietà dei contratti. Queste sono
alcune delle organizzazioni più conosciute:

Diakonie o Diakonisches Werk
www.diakonie.de

Bundesverband der Verbraucherzentralen und Verbraucherverbände,
Verbraucherzentrale
www.vzbv.de

Bundeskonferenz für Erziehungsberatung
www.bke.de

„Stiftung Warentest“
www.stiftung-warentest.de

Lavoro

Öko-Test
www.oekotest.de

LE ORGANIZZAZIONI
E I LORO REFERENTI
Le organizzazioni dei
consumatori
Consulenza sociale

Consulenza sociale
(organizzazioni caritative)
In molti comuni esistono sedi delle organizzazioni caritative. Gli indirizzi e i
numeri di telefono si trovano nell’elenco telefonico e in internet.

Caritas
www.caritas.de
Zentralwohlfahrtstelle der Juden in
Deutschland
www.zwst.org
Pro Familia (pianificazione familiare,
educazione sessuale e problemi di
coppia)
www.profamilia.de
Verband binationaler Familien und
Partnerschaften (IAF)
www.verband-binationaler.de

Il „Deutscher Gewerkschaftsbund“
(DGB) è la confederazione dei sindacati
tedeschi, ed ha uffici in tutte le maggiori città e regioni.
Deutscher Gewerkschaftsbund
Bundesvorstand
Henriette-Herz-Platz 2
10178 Berlin
Telefono 0 30 / 2 40 60-0
Fax 0 30 / 2 40 60-3 24
www.dgb.de

(organizzazioni
caritative)

Arbeiterwohlfahrt (AWO)
www.awo.org

Lavoro

– 32 –

Deutscher Paritätischer Wohlfahrtsverband
www.paritaet.org

Associazioni dei datori di lavoro
La „Bundesvereinigung der Deutschen Arbeitgeberverbände“ è la confederazione delle associazioni dei datori di lavoro, ed ha uffici nelle città più
grandi.

Bundesvereinigung der Deutschen
Arbeitgeberverbände
Haus der Deutschen Wirtschaft
Breite Straße 29, 10178 Berlin
Telefono 0 30 / 20 33-0
Fax 0 30 / 20 33-10 55
www.arbeitgeber.de

Associazioni degli inquilini

La DIHK è la confederazione delle Camere dell’Industria e del Commercio,
ed ha uffici nelle città più grandi.

Deutscher Mieterbund Landesverband
Nordrhein-Westfalen e.V.
Oststr. 55
40211 Düsseldorf
Telefono 02 11 / 58 60 09-0
Fax: 02 11 / 58 60 09-29
www.mieterbund.de

Deutscher Industrie- und Handelskammertag (DIHK)
Breite Straße 29, 10178 Berlin
Telefono 0 30 / 2 03 08-0
Fax 0 30 / 2 03 08-10 00
www.dihk.de

L’Ufficio di collocamento („Agentur für
Arbeit”) può offrirvi indicazioni utili
per la ricerca di un lavoro, la qualificazione e l’aggiornamento siccome informazioni sui posti di lavoro liberi. In
ogni grande città e in ogni regione esistono uffici di collocamento, detti anche „Job Center”.
www.arbeitsagentur.de

Commissione di rappresentanza
degli stranieri
In molte città grandi esiste una commissione di rappresentanza degli stranieri. Informazioni in merito sono disponibili presso l’amministrazione del
vostro comune oppure nel sito
www.bundesauslaenderbeirat.de

Le associazioni degli inquilini difendono gli interessi di coloro che vivono in
un appartamento affittato, ed hanno
uffici nelle città più grandi. Per il Nord
Reno Vestfalia l’ufficio centrale si trova
a Düsseldorf.

Centri di consulenza per l’AIDS
Informazioni sull’AIDS e indirizzi di
centri di consulenza in tutta la Germania sono disponibili in internet nel sito
www.aidshilfe.de. Per sapere qual’è il
centro più vicino al vostro luogo di residenza basta rivolgersi al proprio medico oppure all’Ufficio sanitario. L’anonimato viene sempre e comunque rispettato!
Deutsche AIDS-Hilfe e.V.
Dieffenbachstr. 33
10967 Berlin
Telefono 0 30 / 69 00 87-0

LE ORGANIZZAZIONI
E I LORO REFERENTI
Commissione di
rappresentanza degli
stranieri
Associazioni degli
inquilini

Centri di consulenza
per l’AIDS

– 33 –

Il sistema politico tedesco
La Legge fondamentale
„La dignità dell’uomo è inviolabile.
Tutti gli organi di potere dello Stato
hanno il dovere di rispettarla e di tutelarla.” (Art. 1 comma 1 della Legge
fondamentale)
„(1) La Repubblica Federale Tedesca è
uno Stato federale democratico e sociale.
(2) Tutti i poteri dello Stato emanano dal popolo. ll popolo conferisce allo
Stato i suoi poteri mediante elezioni,
referendum e tramite appositi organi:
legislativo, esecutivo e giudiziario.
(3) La legislazione è vincolata all’ordinamento costituzionale, il potere
esecutivo e quello giudiziario sono vincolati alla Legge e al Diritto.” (Art. 20
comma 1,2 e 3 della Legge fondamentale) .

IL SISTEMA
POLITICO TEDESCO
La Legge fondamentale
La sede del Bundestag:
il Reichstag
Il Presidente federale
e il Cancelliere

– 34 –

La Legge fondamentale („Grundgesetz” abbreviato: GG) è la Costituzione
della Repubblica Federale Tedesca. I
suoi articoli, che hanno un valore giuridico superiore a tutte le altre norme tedesche, stabiliscono i principi e i valori
fondamentali su cui si basa l’ordinamento dello Stato e della società. Il loro oggetto principale è costituito dai
diritti fondamentali di cui godono i singoli cittadini e che essa garantisce.
Modificare la Legge fondamentale è
possibile soltanto con il consenso di
due terzi dei membri del „Bundestag”
(la Camera dei deputati) e di due terzi
dei membri del „Bundesrat” (la Camera di rappresentanza dei Länder).
Il Parlamento della Repubblica Federale Tedesca è il „Bundestag”, che
ha la sua sede nella capitale, Berlino. Il
Bundestag è costituito dai parlamentari eletti mediante il sistema elettorale
tedesco, che combina elementi del sistema maggioritario con elementi del
sistema proporzionale. La metà dei de-

putati entrano a far parte del Bundestag con mandato diretto, l’altra metà
viene eletta tramite le liste regionali
dei partiti.
Il Bundestag è il massimo organo
legislativo della Repubblica Federale.
Le leggi nazionali devono essere approvate dal Bundestag.
Poiché la Germania è una democrazia parlamentare federale, i 16 „Länder“ in cui è diviso il suo territorio
hanno una certa rilevanza nel sistema
politico. Infatti molte leggi e ordinamenti possono entrare in vigore soltanto se approvati anche dai Länder.
L’organo in cui si riuniscono è il „Bundesrat”, detto anche „Länderkammer”
(Camera dei Länder), anch’esso con
sede a Berlino, ed è composto dai rappresentati dei governi dei Länder.
www.bundestag.de
www.bundesrat.de

La sede del Bundestag:
il Reichstag
L’edificio in cui si tengono le sedute
del Bundestag è il „Reichstag”, che
venne costruito nel 19° secolo, ai tempi del „Reich” tedesco: da qui il suo
nome.
I parlamentari che siedono nel Bundestag vengono chiamati anche
„membri del Bundestag” („Mitglieder
des Bundestages”, abbreviato MdB).

Il Presidente federale e il
Cancelliere
Il Capo di Stato della Repubblica Federale è il Presidente federale. La sua
funzione è quella di rappresentare lo
Stato, e non è dotato di nessun potere
decisionale. Il Presidente resta in carica 5 anni e viene eletto dalla cosiddetta assemblea federale che è composta:

dai deputati del Bundestag, dai delegati dei parlamenti dei Länder rappresentati nello stesso numero e da rappresentanti della società civile.
Il capo del governo è il Cancelliere
federale. Il governo, detto anche gabinetto („Kabinett”), è composto dal
Cancelliere e dai suoi Ministri (fra cui il
Ministro degli Esteri, quello delle Finanze, quello degli Interni). Secondo la
Legge fondamentale, il Cancelliere stabilisce la linea politica, nell’ambito della quale ogni ministro deve dirigere il
proprio settore autonomamente e nell’assunzione delle proprie responsabilità. Il Cancelliere viene eletto con la
maggioranza dei voti del Bundestag.

La Corte federale costituzionale
La Corte federale costituzionale è la
massima istanza giudiziaria e ha sede
a Karlsruhe. Essa giudica sui ricorsi
presentati da cittadini, quando questi
ritengono che siano stati violati i loro
diritti fondamentali, e controlla la costituzionalità delle leggi. I giudici della
Corte costituzionale vengono anche
chiamati popolarmente „le toghe rosse“ per via del colore tradizionale delle
loro toghe.
www.bundesverfassungsgericht.de

I Länder federali
La Repubblica Federale Tedesca è uno
Stato federale costituito da 16 Stati federali detti „Länder”. Tre di questi sono le cosiddette „città-stato”: Berlino,
Brema e Amburgo. Anche i Länder
hanno un proprio Parlamento („Landtag”), dove siedono i rappresentanti
locali, e un proprio Governo („Landesregierung”). I capi di governo dei Länder vengono chiamati „Ministerpräsident” (Primo Ministro), tranne che nelle città-stato dove si parla del „Erster
Bürgermeister” o „Regierender Bürgermeister” (borgomastro). Le elezioni

per i parlamenti dei Länder si tengono
separatamente e indipendentemente
da quelle per il Parlamento nazionale.
La durata della legislatura non è uguale in tutti i Länder: in alcuni si vota
ogni quattro anni in altri ogni cinque.

Le elezioni comunali
Oltre alle elezioni legislative e per i
parlamenti dei Länder, in ogni città e in
ogni comune si tengono anche elezioni
per i Consigli municipiali („Stadtrat”),
comunali („Gemeinderat”) o provinciali („Kreistag”). Spesso queste istituzioni vengono anche chiamate „Parlamenti comunali” („Kommunalparlamente”), e hanno il potere di deliberare autonomamente su tutto ciò che riguarda la vita comunale, nel rispetto
delle leggi federali e locali. È per questo che si parla di „amministrazione
comunale autonoma“ („kommunale
Selbstverwaltung”). Il massimo rappresentante delle città e dei comuni è il
Borgomastro („Oberbürgermeister”)
oppure il Presidente della provincia
(„Landrat”).

Il diritto elettorale degli stranieri
Il diritto di voto è riservato ai cittadini
tedeschi. Tuttavia anche senza il possesso del passaporto tedesco è possibile, in certe condizioni, partecipare ad
alcune delle elezioni che si tengono nel
Paese.
Dal 1994 i cittadini di Paesi membri
dell’Unione europea godono del diritto
attivo e passivo di partecipazione alle
elezioni comunali del loro luogo di residenza, laddove vi siano registrati da
almeno tre mesi. Con diritto passivo e
attivo non si intende soltanto la facoltà
di eleggere candidati ma anche quella
di candidarsi alle elezioni.
I cittadini appartenenti a Stati membri dell’Unione hanno il diritto di votare in Germania per il Parlamento euro-

IL SISTEMA
POLITICO TEDESCO
La Corte federale
costituzionale
I Länder federali
Le elezioni comunali
Il diritto elettorale degli
stranieri

– 35 –

peo, laddove non intendano recarsi al
proprio Paese di origine per votare.
Prima di poter partecipare alle elezioni
essi devono chiedere la registrazione

– 36 –

nel registro elettorale del proprio comune. Per informazioni basta rivolgersi all’ufficio elettorale („Wahlamt”) dell’amministrazione locale.

Pagine integrative
Informazioni pratiche
per la comunità italiana
Circoscrizione Consolare di Colonia

– 37 –

Istituzioni italiane

Patronati

Ambasciata d’Italia a Berlino
(anche cancelleria consolare)
Hiroshimastraße 1
10785 Berlin-Tiergarten
Telefono 0 30 / 2 54 40-0
(S-Bahn Potsdamer Platz,
Bus 129 Fermata: Hiroshimastr.,
Bus 200 Fermata: Hildebrandstr.)
E-Mail: ambitalia.stam@t-online.de
www.botschaft-italien.de

ACLI
Nikolaus-Gross-Str. 8
50670 Colonia
Telefono 02 21 / 73 06 00

Consolati italiani
Nordreno-Vestfalia
Consolato Generale d’Italia in Colonia
Universitätstraße 81
50931 Colonia
Telefono 02 21 / 40 08 70
Fax 02 21 / 4 06 03 50
Apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì 8.30–12.30 Uhr,
Mercoledì 15.00–17.30 Uhr
E-Mail:
info@consolato-italia-colonia.de
www.consolato-italia-colonia.de
Con i mezzi pubblici
– dalla stazione centrale di Colonia
metrò in direzione „Neumarkt",
– da „Neumarkt" tram n. 1 oppure 2
(direzione Junkersdorf oppure Frechen) sino alla fermata Universitätsstraße
PAGINE INTEGRATIVE
Istituzioni italiane
Consolati italiani
Nordreno-Vestfalia
Istituto Italiano di

Consolato d’Italia Dortmund
Goebenstraße 14, 44135 Dortmund
Telefono 02 31 / 57 79 60
Fax 02 31 / 55 13 79
E-Mail:
info@consolatoitalianodortmund.de
www.consolato-italia-dortmund.de

Cultura
Patronati
Missioni Cattoliche

– 38 –

Istituto Italiano di Cultura
Universitätsstraße 81
50931 Colonia
Telefono 02 21 / 94 05-61 00
E-Mail: info@iic-colonia.de
www.iic-colonia.de

EPASA
An den Dominikanern 5
50668 Colonia
Telefono 02 21 / 12 47 61
ITAL-UIL
Wallrafplatz 7
50677 Colonia
Telefono 02 21 / 5 62 63 23
INAS-CISL
Friedrich-Ebert-Str. 34/38
40210 Düsseldorf
Telefono 02 11 / 36 36 27
SIAS
Baumschulallee 2 a
53115 Bonn
Telefono 02 28 / 21 60 23

Missioni Cattoliche
Colonia:
Ursulagartenstraße 18, 50668 Colonia
Telefono 02 21 / 9 13 81 60
Düsseldorf:
Becherstraße 25, 40476 Düsseldorf
Telefono 02 11 / 44 30 77
Per ulteriori indirizzi nella vostra zona
di residenza potete rivolgolgervi a:
Delegazione delle Missioni Cattoliche
Italiane in Germania
Direzione: Speyerer Straße 2
60327 Frankfurt am Main
Telefono 0 69 / 73 20 11 / 73 20 33
E-Mail: delegazionemci@aol.com

Uffici Assistenza della CARITAS
Fachdienst für Integration und
Migration
Colonia:
Stolzestraße 1 a, 50670 Colonia
Telefono 02 21 / 56 04 60
Düsseldorf:
Oststraße 40, 40211 Düsseldorf
Telefono 02 11 / 16 02-0 /-2 22
Per ulteriori indirizzi nella vostra zona
di residenza potete rivolgervi agli uffici
sopra indicati.

Scuola
Per informazioni sull’inserimento scolastico, trasferimenti e consigli in caso
di difficoltà, rivolgersi all’Ufficio scuola
del Consolato generale d’Italia in Colonia. Telefono 02 21 / 4 00 87-39 / -43.

Corsi di lingua e cultura (MSU)
Il Ministero della scuola del Land del
Nordreno-Vestfalia offre la possibilità a
tutti i ragazzi di origine straniera di frequentare corsi di lingua e cultura madre, denominati Muttersprachlicher
Unterricht (MSU). L’offerta vale naturalmente anche per i ragazzi italiani. La
frequenza dei corsi è particolarmente
raccomandata! Sviluppare e imparare
sistematicamente la propria lingua madre aiuta ad apprendere con più facilità
la lingua tedesca, oltre ad offrire ai ragazzi una solida base linguistica e culturale. Al termine del primo ciclo dei
corsi di lingua madre è prevista una
prova, il cui esito viene riconosciuto e
trascritto sulla pagella dell’allievo.
Per informazioni rivolgersi alla direzione della scuola elementare dove i
propri figli sono iscritti, oppure agli uffici scolastici tedeschi (cercare nell’elenco telefonico „Schulamt” sotto la

voce „Stadt …“), oppure chiamare
l’Ufficio scuola del Consolato (vedi sopra).

Offerte scolastiche bilingue
In alcune scuole materne, elementari e
di grado superiore si insegne in italiano e in tedesco: un’occasione preziosa
da non sottovalutare. Di seguito riportiamo l’elenco delle offerte bilingue
nella circoscrizione consolare di Colonia.
Scuola materna bilingue italo-tedesca
St. Elisabeth Jugendheim e.V.
Kindertagesstätte „Casa italia“
Meister-Gerhard-Str. 10–14
50674 Colonia
Telefono 02 21 / 24 68 81
E-Mail:
maria.lamaina@caritas-koeln.de
Scuola materna
Kindertagestätte Klauser-Delle
Klauser Delle 8
42899 Remscheid
Telefono 0 21 91 / 5 00 20
E-Mail: kiga-klauserdelle@
caritas-remscheid.de
Scuola elementare cattolica
Katholische Grundschule
„Thomas Schule“
Blumenthalstr. 11
40476 Düsseldorf
Telefono 02 11 / 4 44 69 33
E-Mail: kg.blumenthalstr@
stadt.duesseldorf.de
Scuola elementare cattolica
Kath. Grundschule „Vincenz Statz“
Lindenbornstr. 15–19
50823 Colonia (Ehrenfeld)
Telefono 02 21 / 5 60 13 20
E-Mail:111624@schule.nrw.de

PAGINE INTEGRATIVE
Uffici Assistenza della
Caritas
Scuola
Corsi di lingua e cultura
(MSU)
Offerte scolastiche
bilingue

– 39 –

Scuola elementare cattolica
Katholische Grundschule „Zugweg“
Zugweg 42–44 (Südstadt)
50677 Colonia
Telefono 02 21 / 22 19 14 54
E-Mail:111880@schule.nrw.de
www.kgszugweg.de
Scuola elementare
Gemeinschaftsgrundschule
„Westerwaldstraße“
Westerwaldstraße 90
51105 Colonia (Humbold-Gremberg)
Telefono 02 21 / 83 48 79
E-Mail:112288@schule.nrw.de
Scuola media superiore unificata
Scuola „Papa Giovanni XIII“
Stommeln
Hauptstraße 1
50259 Pulheim
Telefono 0 22 38 / 92 31 30
E-Mail: info@papstjohannesschule.de
Scuola comprensiva Liceo Linguistico
e IGEA
Istituto „Italo Svevo“
Gladbacher Wall 5
50670 Colonia
Telefono 02 21 / 1 39 29 85
E-Mail: SvevoKoeln@aol.com
Liceo Montessori con indirizzo biligue
tedesco-italiano
Städtisches Montessori-Gymnasium
Rochusstraße 145
50827 Colonia
Telefono 02 21 / 5 95 72 31
E-Mail: mail@monte-koeln.de
www.monte-koeln.de

PAGINE INTEGRATIVE
Licei nel NordrenoVestfalia che offrono
l’italiano come terza
lingua straniera

– 40 –

Berufskolleg Südstadt (indirizzo professionale)
Zugweg 48
50677 Colonia
Telefono 02 21 / 3 40 26 30
E-Mail: bksuedstadt@web.de
www.bksuedstadt.kbs-koeln.de

Licei nel Nordreno-Vestfalia
che offrono l’italiano come terza
lingua straniera
Görres-Gymnasium
Königsallee 57, 40212 Düsseldorf
Luisen-Gymnasium
Bastionsstr. 24, 40213 Düsseldorf
Städt. Leibniz-Gymnasium
Scharnhorststr. 8, 40477 Düsseldorf
Erzbischöfliches
Suitbertus-Gymnasium
An St. Swidbert 53, 40489 Düsseldorf
Theodor-Fliedner-Gymnasium
Kalkumer Schloßallee 28,
40489 Düsseldorf
Cecilien-Gymnasium
Schorlemerstr. 99, 40547 Düsseldorf
Freie Christliche Schule
Fürstenberger Str. 10,
40599 Düsseldorf
Ursulinenschule Köln
Machabäerstr. 47, 50668 Colonia
Erzbischöfliche Liebfrauenschule Köln
Brucknerstr. 15, 50931 Colonia
Hildegard-von-Bingen-Gymnasium
Leybergstr. 1, 50939 Colonia
Europaschule Köln
Gesamtschule Zollstock
Raderthalgürtel 3, 50968 Colonia
Rhein-Gymnasium
Düsseldorfer Str. 13, 51063 Colonia
Lessing-Gymnasium Köln-Zündorf
Heerstr. 7, 51143 Colonia

Una lista completa dei licei del Nordreno-Vestfalia che offrono l’italiano come materia d’insegnamento la potete
consultare in internet:
www.iic-colonia.de/15.htm

Caritas Wuppertal –
Progetto „La Fiaba“
Progetto di formazione scolastica
per i bambini italiani e i loro genitori
offerto dal Centro Internazionale della
Caritas di Wuppertal. Per informazioni:

Sostegno scolastico

Internationales Begegnungszentrum
Caritas
Hünefelderstraße 54 a
Wuppertal
Telefono 02 02 / 28 05 20
E-Mail:
int.zentrum@caritas-wuppertal.de
www.caritas-wuppertal.de

Comitato di Assitenza Scolastica
Italiana
Il CO.AS.SC.IT (Comitato di Assitenza Scolastica Italiana) di Colonia é un
comitato che si occupa di assistenza
scolastica in collaborazione con l' Ufficio Scuola del Consolato Generale
d'Italia in Colonia. Con i contributi del
Ministero degli Affari Esteri Italiano si
occupa principalmente del sostegno
dei bambini italiani che presentano
difficoltá nelle scuole tedesche.
CO.AS.SC.IT Colonia e.V.
Weyertal 94
50931 Colonia
Telefono 02 21 / 41 40 71
Fax 02 21 / 42 76 04
E-Mail: coasscitco@aol.com
www.coasscitcolonia.de

As.S.I.S.I e.V.
L’As.S.I.S.I e.V. è un ente di assistenza scolastica che opera nella circoscrizione consolare di Colonia. Organizza corsi di sostegno e recupero per
gli studenti che hanno difficoltà nell’apprendimento. L’ente ha sede presso l’Istituto „Italo Svevo“,
Gladbacher Wall 5
50670 Colonia
Telefono 02 21 / 1 39 29 85

Progetto INCONTRO – CCIT
(Centro culturale Italo-Tedesco)
Progetto di formazione scolare e
prescolare per bambini e ragazzi di
cultura italiana. Proposte di corsi anche ai genitori sul tema bilinguismo.
Centro Culturale Italo-Tedesco
Habsburgerallee 24
52064 Aachen
Telefono 02 41 / 3 70 60
E-Mail: CCITaachen@aol.com
www.circoloculturaleitalotedesco.de

Formazione professionale
Sportello di consulenza
Un’azione congiunta del Consolato
Generale d’Italia di Colonia, del progetto Versus e di Novaimpresa, in collaborazione con l’Agentur für Arbeit di
Colonia. è attivo ogni 2° e 4° mercoledì del mese uno sportello di consulenza gratuita sulla qualificazione e riqualificazione professionale. Per informazioni e appuntamenti telefonare al
numero: 02 21 / 5 62 64 25.

PAGINE INTEGRATIVE
Sostegno scolastico
Formazione

VERSUS
Centro di coordinamento tra enti
gestori, istituzioni e aziende per la
promozione professionale degli italiani

professionale

– 41 –

nel Nordreno-Vestfalia. La sede di
Colonia è:
DGB-Bildungswerk – VERSUS
Eigelstein 75
50668 Colonia
Telefono 02 21 / 91 39 47-0
Fax: 02 21 / 91 39 47-14
versus@dgb-bildungswerk.de
www.versus-online.com

b:a:u:m:
Il progetto b:a:u:m: (Berufsbildungsinitiative für Auszubildende und
Unternehmer mit Migrationshintergrund) si rivolge sia a imprenditori sia
a giovani di origine straniera.
Scopo:l’acquisizione di posti di formazione professionale presso imprenditori emigrati e il coinvolgimento di giovani emigrati ad assolvere dopo la
scuola una vera formazione professionale come primo passo dell’inserimento nel mondo del lavoro.
CCI II GmbH
Clemensstraße 5
50676 Colonia
Telefono 02 21 / 9 23 22 00
Fax 02 21 / 9 23 22 02
E-Mail: info@baum-projekt.de
www.baum-projekt.de

L’informazione in lingua italiana

„Al dente“, rotocalco radiofonico italiano di Funkhaus Europa, ogni domenica dalle ore 12.05 alle 14.00, commenti ai fatti di costume, di cronaca
dalla Germania e dall'Italia, sport,
ospiti in studio, presentazioni di libri,
film, trasmissioni televisive che riguardano l'Italia e serie storiche e letterarie.
Buonasera Italia – Antenne Düsseldorf
– UKW 104,2 MHz.
E-Mail: centopassi@gmx.de
„Buonasera Italia“, programma radiofonico bimestrale prodotto dall’Associazione socio-culturale “Cento passi” di Düsseldorf, nato con l’intento di
dare voce ai problemi e alle aspettative della comunità italiana che vive nel
capoluogo renano. Ogni trasmissione
affronta, con la presenza di ospiti in
studio, un tema specifico, fornisce
informazioni pratiche e segnala gli appuntamenti più rilevanti made in Italy,
il tutto condito con tanta musica italiana.

Sul Web
„Webgiornale“, appuntamento
quotidiano con notizie, informazioni e
commenti della comunitá italiana in
Germania. Un punto di riferimento
prezioso, ricco anche di utili links. Lo si
può leggere all’indirizzo:
www.webgiornale.de

Programmi radio
Carta stampata
Radio Colonia – WDR –
Funkhaus Europa 103,3 MHz.
Telefono 02 21 / 2 20 41 12
E-Mail: Radiocolonia@wdr.de
www.wdr5.de/funkhauseuropa/litalia/
PAGINE INTEGRATIVE
L’informazione in
lingua italiana

– 42 –

„Radio Colonia“: ogni sera, dalla domenica al venerdì alle ore 19.00, la ripresa in diretta del GR3, insieme alla
„finestra tedesca“. Radio Colonia fa il
punto sull'attualità e la cultura italiane
in Italia, in Germania e in Europa.

„Corriere d’Italia”
mensile italiano in Germania dal 1950.
Redazione:
Speyerer Straße 2
60327 Frankfurt am Main
Telefono 0 69 / 7 38 15 52
E-Mail: corritalia@aol.com
www.corritalia.de

„Insieme-Gemeinsam“
periodico trimestrale di informazione e
comunicazione per la comunità italiana
di Colonia e dintorni, a cura della della
Missione Cattolica di Colonia.
E-Mail: info@insieme-gemeinsam.de
www.insieme-gemeinsam.de
„Pagine azzurre“, pubblicazione annuale a cura della Missione cattolica
italiana di Colonia. Prezioso Vademecum per orientarsi nella ricerca di servizi pubblici e privati a Colonia e dintorni (Düsseldorf e Bonn), ricco di
informazioni utili e pratiche; documenta, inoltre, la varietà della presenza italiana. È consultabile anche in internet:
www.pagineazzurre.de

Partecipare alla vita della città
In molti comuni del Nordreno-Vestfalia esistono degli organismi di rappresentanza delle comunità straniere. In
alcuni di essi sono stati eletti anche dei
cittadini italiani ai quali ci si può sempre rivolgere per sottoporre problematiche o proposte relative la vita della
comunità italiana nel comune di residenza. Si ricorda inoltre che tutti i cittadini italiani residenti in Germania hanno diritto di voto alle elezioni amministrative locali (elezioni del Consiglio
comunale).
Comitato per l’intergrazione degli
stranieri – Colonia (Integrationsrat der
Stadt Köln)
Compito: permettere ai concittadini
stranieri, tramite i loro rappresentanti,
di partecipare alle decisioni politiche
della città.
Settori di intervento: le problematiche relative al convivere di molte culture in città; le iniziative specifiche che
toccano la presenza degli stranieri in
città e la loro integrazione. In occasione dell’approvazione del bilancio comunale annuale vengono messi a di-

sposizione dell’Integrationsrat mezzi finanziari, sui quali decide liberamente.
Queste decisioni passano poi al Consiglio comunale per la delibera definitiva.
Possibili interventi: presentare proposte di intervento, formulare raccomandazioni, esprimere pareri.
Indirizzo:
Hollweghstraße 22–26, 51103 Colonia
Telefono 02 21 / 2 21 39
Consulta degli stranieri – Düsseldorf
Indirizzo:
Schneider-Wibbel-Gasse
40213 Düsseldorf
Telefono 02 11 / 8 99 35 27
E-Mail:
Auslaenderbeirat@duesseldorf.de
Per ulteriori informazioni riguardo le
rappresenzanze e gli eletti di origine
italiana rivolgersi al proprio comune di
residenza.

Da non dimenticare: l’iscrizione
all’anagrafe consolare (A.I.R.E)
Si ricorda a tutti i connazionali residenti in Germania la necessità di iscriversi
all’anagrafe del proprio Consolato e di
comunicare ogni variazione anagrafica, in particolare del proprio indirizzo e
del proprio cognome. L’iscrizione in
anagrafe è un obbligo di legge. Tale
iscrizione è del tutto gratuita.
Il puntuale aggiornamento delle notizie anagrafiche è l’unico modo che
consente la regolare erogazione dei
servizi consolari.
Poiché non c’è automatismo di comunicazione fra le Autorità locali ed i
Consolati, devono essere proprio i
connazionali a farsi carico personalmente dell’aggiornamento.
Il mancato aggiornamento rende
impossibile il contatto immediato con
il proprio Consolato.
Solo l’iscrizione e la puntuale informazione delle modifiche anagrafiche

PAGINE INTEGRATIVE
Partecipare alla vita
della città
Da non dimenticare:
l’iscrizione all’anagrafe
consolare (A.I.R.E)

– 43 –

consentiranno di esercitare il proprio
diritto di voto, in occasione ad esempio di referendum o elezioni politiche.
Si ricorda al connazionale il rischio
di essere cancellato dal comune di appartenenza quando, a causa della mancata iscrizione in anagrafe, egli risulti
irreperibile.

Voto italiani all’estero

PAGINE INTEGRATIVE
Voto italiani all’estero

Con l’entrata in vigore della Legge 27
dicembre 2001 n. 459, i cittadini italiani
residenti all’estero, iscritti nelle liste
elettorali della circoscrizione estero,
possono votare per corrispondenza
per l’elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, nonché per i referendum popolari, abrogativi di leggi o atti aventi valore di legge, e confermativi di leggi di revisione
costituzionale. Il diritto di voto viene
esercitato per posta: i connazionali votano la scheda che sarà loro inviata
per posta da parte del competente Ufficio consolare. Essi votano nella Circoscrizione Estero: in occasione delle elezioni politiche eleggono 12 Deputati e
6 Senatori.
Si ricorda che l’iscrizione all’AIRE è
indispensabile per poter esercitare il
diritto di voto per corrispondenza.
Si ricorda, inoltre, che non è possibile invece votare per corrispondenza
per le elezioni regionali, per le quali è
necessario rientrare in Italia.
Informazioni sul voto per corrispondenza si possono ottenere presso gli
uffici competenti del Consolato di appartenenza, oppure in internet:
www.italyemb.org/
GuidaVotoEstero.pdf

Cosa è il COMITES
Comitato degli italiani

COMITES di Colonia

all’estero

– 44 –

I Compiti e le Funzioni del COMITES
Scambio di infomazioni, di proposte e di interventi fra la Comunità
italiana, il COMITES e l’Autorità conso-

lare, ecco in breve i compiti dei 12
membri eletti in rappresentanza di
tutti i connazionali residenti nella
Circoscrizione Consolare di Colonia.
Il COMITES individua i problemi e
propone soluzioni con particolare riguardo:
– al tempo libero
– all’assistenza scolastica
– alla formazione professionale
– allo sport
– alla difesa dei diritti dei connazionali
– alle pari opportunità fra donne e
uomini
– all’assistenza sociale soprattutto
dei più bisognosi
– alla partecipazione dei giovani
– alla diffusione della storia, della
tradizione e della lingua italiana.
Tutto questo „in collaborazione con
l’Autorità Consolare, le Regioni e le
Autonomie locali, ovvero con Enti,
Imprese, Associazioni e Comitati operanti nella Circoscrizione Consolare“
(art. 2, Legge 286/2003).
In concreto i 12 membri del
COMITES:
– raccolgono informazioni e proposte
sui problemi che preoccupano i
connazionali, e le presentano – insieme a possibili soluzioni – all’Autorità Consolare
– discutono la programmazione ed i
costi degli interventi
– esprimono pareri obbligatori sulle
domande di contributi presentate
da enti e associazioni, intenzionate
a realizzare iniziative in favore della
Comunità Italiana della Circoscrizione Consolare di Colonia.
COMITES.
Comitato degli Italiani all'Estero
Circoscrizione consolare di Colonia
Bayenstr. 13
50678 Colonia
Telefono 02 21 / 9 32 03 80
Fax 02 21 / 9 32 03 82
E-Mail: info@comitescolonia.de
www.comitescolonia.de

Ordinare il manuale
La versione ridotta del „Manuale per la
Germania”, arricchita con le pagine integrative per la circoscrizione consolare di Colonia, si può richiedere in formato CD-Rom e cartaceo scrivendo a:
COMITES Colonia
Bayenstr. 13
50768 Colonia
Fax 02 21 / 9 32 03 82
E-Mail: info@comitescolonia.de
Oppure si può scaricare dal sito internet del Comites di Colonia:
www.comitescolonia.de
La versione originale su carta della seconda edizione rivista e aggiornata del
„Manuale per la Germania“ è disponibile in inglese, francese, russo, spagnolo e turco. Essa è disponibile inol-

tre su CD-ROM (in questo formato anche in italiano e polacco).
Spese postali per ricevere la versione
su carta:
– 1 copia (spedizione come lettera)
2,– euro
– 2 o più copie (spedizione in busta
imbottita o come pacco) 4,– euro
Assieme al Manuale riceverete anche
un modulo per bonifico bancario.
Per ordinarlo rivolgersi a:
Die Beauftragte der Bundesregierung
für Migration, Flüchtlinge und
Integration
Rochusstraße 8–10, 53123 Bonn
Fax 0 18 88 / 5 55-49 34
Ordini online: :
www.handbuch-deutschland.de/
form/bestform.php

PAGINE INTEGRATIVE
Ordinare il manuale

– 45 –

Impressum
Editore:
Die Beauftragte der Bundesregierung
für Migration, Flüchtlinge und
Integration
Presse- und Öffentlichkeitsarbeit
Alexanderplatz 6
10178 Berlin
www.integrationsbeauftragte.de

IMPRESSUM

– 46 –

Avvertenze per la consultazione
Il manuale è disponibile in tedesco e in
altre sette lingue nel sito internet
www.handbuch-deutschland.de dove
viene anche aggiornata. Avvisiamo
che alcune indicazioni possono rivelarsi superate già dopo breve tempo dalla
pubblicazione. Perciò non possiamo
assumere alcuna responsabilità sulla
correttezza e completezza delle informazioni e nemmeno riguardo ad errori
tecnici o di redazione né nell'edizione
stampata né nella versione online. Vi
preghiamo di segnalarci informazioni
non corrette.

Appunti / Notizen


Documenti correlati


Documento PDF italiani in germania tutto su la germania
Documento PDF handbuch manuale
Documento PDF trasferirsi in germania
Documento PDF le ombre di un uomo versione censurata
Documento PDF panorama n 3 21 01 15
Documento PDF untitled pdf document


Parole chiave correlate