File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il Bambino Che Cadde Dal Cielo .pdf



Nome del file originale: Il Bambino Che Cadde Dal Cielo.pdf
Titolo: Pag 1

Questo documento in formato PDF 1.7 è stato generato da Soda PDF 5, ed è stato inviato su file-pdf.it il 08/10/2014 alle 14:19, dall'indirizzo IP 37.159.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1502 volte.
Dimensione del file: 11.5 MB (24 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Progetto scritto e illustrato da Silvia Raffaella Formia

Il bambino che cadde
dal cielo
Manuale per giovani esploratori spirituali

All’inizio della nostra storia troviamo
una piccola particella di energia. Come
una goccia, un puntino, un lampo.

Conosce moltissime cose dell’universo,
vive da un fantastilione di anni, ha una
memoria più acuta di quella
dell’elefante. Può viaggiare nello spazio
e nel tempo quando e quanto vuole:
basta che pensi a qualsiasi cosa ed ecco,
quella cosa accade! “Voglio andare su
Alpha Centauri” pensa e zac!, eccola lì.
Voglio un frappè alla banana e zac!,
quello appare.

1

Il bambino che cadde dal cielo
La particella ha anche molte altre qualità, ma quella più interessante per la
nostra storia è che prova un grandissimo
amore per tutte le cose e tutte le creature. Non farebbe mai del male, neppure
al più piccolo esserino del più piccolo
pianeta dell’universo intero. Ha rispetto
per tutta la vita e ama tutto e tutti come
se stessa. Sa di fare parte di un grandissimo sistema, un enorme sistema
infinito e perfetto, dove tutto ha la sua
ragione di essere e nulla accade senza un motivo. Sa che esiste una Forza, che la particella chiama Spirito, che è la sostanza che compone tutto ciò che viene creato e tutto
ciò che esiste, in tutti i mondi possibili e immaginabili che mai esistettero e mai esisteranno. Sa che lo Spirito è la Sostanza dell’universo intero e nulla può accadere senza che lo Spirito sia presente. Di conseguenza (è una particella dotata
di logica ferrea) sa che lei stessa è Spirito.
Come lei, nell’universo esistono un numero infinito di altre particelle di energia.
Miliardi di miliardi di fantastilioni di gocce di energia. Ogni particella ha intelligenza e amore per tutte le cose, come lei.
Sa anche, nella sua saggezza, che lo Spirito ha creato un’infinità di mondi differenti,
dimensioni e realtà diverse. Dimensioni strane, bizzarre, diversissime tra loro, al
punto che, a volte, chi abita in una dimensione non conosce l’esistenza delle altre.
Abitare in ciascuna di queste dimensioni insegna moltissimo ad ogni particella di energia. E’ proprio come andare a scuola: ogni anno ha
il suo programma di apprendimento e bisogna studiare e vivere quell’esperienza al meglio per essere
promossi e passare all’anno successivo. La particella
sa che ogni mondo è come un Luna Park: in ognuno ci
sono giostre differenti, strumenti diversi che permettono di divertirsi, superare pericoli, imparare cose nuove
e diventare quindi più saggi e più grandi.
La particella è impaziente di visitare l’universo, per imparare nuove cose e capire di più di questo meraviglioso
e complesso sistema diretto dallo Spirito.

2

Il bambino che cadde dal cielo
Un’altra delle qualità della particella,
infatti, è la curiosità. Vuole ficcare il
naso nella panna per sentirne la consistenza, vuole conoscere le creature più
strane e misteriose per farsi nuovi amici,
vuole viaggiare in tutti i mondi possibili.
La
particella
ha
l’animo
dell’esploratrice!
Siccome ogni cosa che pensa diventa
subito realtà, lo Spirito che tutto
vede la accontenta immediatamente.
È così che la nostra amica inizia a vivere
milioni di esperienze in tantissime
dimensioni diverse. Le
capita di essere un
piccolo
girino
fucsia che vive in
fondo ad un
mare
profondissimo;
diventa
una montagna di
pietra lavica
immobile e antichissima; va ad abitare in un grande
corpo verde menta, con centinaia di
occhi e una coda appiccicosa e prensile;
poi si trasforma in un angelo bellissimo
con ali gigantesche coperte da innumerevoli piume bianche e soffici; si sposta in
un uccello così sottile che passa da una
dimensione all’altra senza alcun problema; prende la forma di un fantasma

trasparente che vola attorno alla Luna a
velocità supersonica. Sarebbe impossibile elencare tutte le esperienze che la
nostra amica fa nell’universo, perché il
nostro piccolo cervello umano non
potrebbe mai comprenderle tutte.
Fatto sta che un giorno imprecisato la
particella, nel suo viaggio infinito attraverso il cosmo, finisce su un pianeta che
le piace immediatamente moltissimo. È
tondo, ruota su se stesso nel bel mezzo
d’un cielo immenso, assieme a tanti altri.
Ha deserti, foreste, ossigeno, abbondante acqua, rocce antichissime. Ci abitano milioni di esseri diversi, tante particelle di energia che hanno deciso di
fare un superg i o c o :
h a n n o
creato un
mondo
fantastico!
Ci vivono
animali
di
tutte le dimensioni,
colori e forme. Insetti bizzarri, alberi e
piante d’ogni genere e una curiosa creatura su due piedi chiamata UOMO. La
particella si innamora di questa creatura,
di questo “uomo”. Lo Spirito non può
fare a meno di accorgersi che la particella si è innamorata dell’uomo e di conseguenza…

ZAC!

3

Il bambino che cadde dal cielo
Ecco che la particella inizia il suo cammino sul
Pianeta Terra, assieme ad altri milioni di particelle di energia che hanno deciso di fare la
stessa esperienza in quel mondo stimolante e pieno di lezioni da imparare.
Forse hai già indovinato che…quella
particella sei TU! Già, dico proprio a
te che stai leggendo queste
righe! Non fare finta di niente!
Lo so, lo so, tu dirai che sei un ragazzino o
una ragazzina, che ti chiami così o cosà e che non
ricordi nessuna particella di energia e nessun viaggio
nell’universo. O forse sì?!
Comunque sia, se non dovessi ricordare nulla, sappi che è
assolutamente normale. La particella di energia lo sa: quando
entra nel corpicino di un piccolissimo essere, qui sulla Terra,
deve dimenticare chi è stata prima. Dimentica tutta la sua
saggezza, tutti i suoi viaggi in altre dimensioni, tutta la sua esperienza di mostri marini, angeli bellissimi, fantasmi e sirene. Soprattutto, dimentica
che è parte dello Spirito, che tutto governa, cui tutto appartiene, che tutto fa funzionare in modo elegante e armonioso, alla perfezione.
E perché dimentica?, chiederai tu.
Perché questo gioco qua, che si svolge sulla Terra, il Pianeta dove sei venuto ad abitare, funziona così. Richiede che si cancelli dal ricordo una condizione in cui si sa
ogni cosa, anche il più piccolo e nascosto segreto dell’universo, per vivere pienamente
le esperienze di questo mondo. Che divertimento ci sarebbe a cercare qualcosa che sai
già dove si trova?!
Ti faccio un esempio, così magari riesco a spiegarmi meglio. Hai mai giocato a nascondino?
Uno conta ad occhi chiusi e gli altri si nascondono. Poi, chi contava deve scovare i compagni.
Che ne diresti di questo gioco se i tuoi amici ti
dicessero in anticipo dove si nasconderanno? Cercarli ti divertirebbe ugualmente? Non credo proprio!

4

Il bambino che cadde dal cielo
Allo stesso modo la particella di energia
sa che dimenticherà tutto. Fa parte del
gioco, sarebbe assurdo discutere questa
regola. In ogni caso tu non l’hai fatto.
Come lo so? Ma perché sei qui, adesso!
In questo momento sei un essere
umano. O meglio, sei una particella di
energia che ha deciso di venire ad abitare sulla Terra per un certo periodo,
nella forma di un essere umano.
Ora ti chiederai: se nessuno ricorda
nulla su questo pianeta, com’è che
tu mi stai dicendo tutte queste
cose? Come fai a ricordartele?
Buona domanda, sei un ragazzino (o
una ragazzina) mooooolto sveglio!
Ti accontento subito: il gioco ha uno
scopo, che è quello di ricordare la propria origine. Ogni gioco ha uno scopo,
no? Qui sulla Terra il nostro gioco è
ritornare qui fino a quando non abbiamo ricordato chi siamo, da dove
veniamo e quale Forza regge tutto
questo: lo Spirito!
Però, siccome abbiamo studiato le
regole molto bene, non è affatto facile
ricordare. Infatti, un bel gioco deve
essere ben congegnato per essere veramente divertente, sennò i partecipanti si
stufano e vanno a fare altro! Un bel videogame ha un sacco di livelli diversi,
mostri difficilissimi da uccidere per passare al livello successivo (i mostri rappresentano le difficoltà che devi superare per avanzare nella vita, i tuoi limiti e

le tue paure). Più il videogame è
complesso e maggiore sarà il divertimento. Be', noi abbiamo ragionato proprio così quando abbiamo creato questa
dimensione!
Vivendo molte volte, in tante forme
diverse, su questo pianeta, noi particelle
di energia abbiamo la possibilità di
ricordare, pian pianino, chi siamo veramente. Quando giochi ad un videogioco
non arrivi a finirlo al primo colpo, vero?
Devi esercitarti, morire molte volte con
il tuo personaggio, prima di imparare
come aggirare gli ostacoli più difficili. I
mostri sono tosti, ci vuole esperienza,
scaltrezza e intelligenza per eliminarli e
proseguire. Fino a che, un giorno, riesci
a giocare tutti i livelli così bene da
arrivare al livello finale. Giunto lì, se sei
davvero un fuoriclasse, termini il gioco!

5

Il bambino che cadde dal cielo
Congratulazioni, hai vinto!!!
Cosa succede una volta che hai vinto,
vuoi sapere? Inizi un altro tipo di esperienza, in un mondo diverso da questo,
con regole nuove e
nuove sfide. Sai, la
particella di energia è eterna: hai
capito bene, vive
PER SEMPRE
(ed è viva DA
SEMPRE). Non ti preoccupare se non riesci a capire cosa significa “per sempre”: il cervellino degli
umani fa un po' di fatica a concepire
l'infinito!
Alcune particelle di energia sono qui
da più tempo, altre da meno. Alcune
ricordano cose in più di altre relativamente al gioco che stiamo vivendo.
Se ti dico tutto questo è perché io
ho ricordato, grazie all’aiuto di altre
particelle che ne sapevano più di me,
da dove arrivo e chi sono davvero.
Quando sai qualcosa, cosa te ne fai se
non lo racconti a nessuno? Per questo è
così difficile mantenere i segreti, vero?!
A parte questo, ho scoperto che, quando
ricordo come funziona il gioco, posso
comunque continuare a giocare. La cosa
meravigliosa è che che il divertimento
aumenta!

Innanzitutto, tu sei fatto di energia,
come la particella. Quando hai deciso
di venire qui a fare esperienza, la particella ha scelto due persone che erano già
qui, per creare il corpo
che avresti occupato
tu. Quindi, hai
SCELTO
I
TUOI GENITORI! Da lassù,
in base alle regole
del gioco e a quello
che ti serviva imparare, hai
selezionato una coppia di persone,
mamma e papà, che ti dessero il tuo
corpicino nuovo di zecca!

Ti darò due dritte su come funziona il
gioco da queste parti.

6

Il bambino che cadde dal cielo
Quindi lo Spirito, che tutto sa e fa tutto
per benino, ha fatto una pasta di energia
e materia. Pensa a quando la tua
mamma fa una torta. Prende zucchero e
farina, giusto? Se lo zucchero è energia e
la farina il corpo, ecco che lo Spirito ha
impastato per bene entrambi, fino a fare
una pasta omogenea, materia mista a
energia, una specie di Spirito “condensato”! La particella ha così dato vita al
tuo corpicino, passando attraverso
l’aiuto di mamma e papà! Papà e
mamma hanno contribuito a mettere gli
ingredienti, mamma ti ha “cotto” nel
forno del suo pancione e, quando eri
pronto, ti ha “sfornato” in questo
mondo!
Lo so, lo so, tu dirai che non ricordi di
aver deciso un bel niente.
Magari, alle volte, vorresti
anche una mamma o un
papà diversi, questi non
sempre ti piacciono.
Però è proprio così.
Li hai scelti perché
potevano insegnarti
delle cose, esattamente quelle che
dovevi imparare, e
nessun altro poteva
fare quello che fanno
loro per te, anche
quando non ti piace
(se sei orfano oppure
adottato, il discorso vale

anche per te: hai scelto di fare questa
esperienza!).
La seconda cosa che devi assolutamente sapere per muoverti bene in
questo gioco è che tu sei completamente RESPONSABILE di tutte le
tue azioni e di tutte le tue decisioni. Basta, dare la colpa agli altri! TU
hai deciso di venire qui, per fare esperienza. TU hai scelto i tuoi genitori, la
tua famiglia. La particella di energia che
sei, ha deciso tutto per fare la migliore
esperienza possibile. In ogni momento
la particella che è in te ti guida, senza
che tu te ne accorga, in modo da aiutarti
a capire delle cose, che ti permetteranno
di superare i livelli di difficoltà e arrivare
alla fine del gioco. Quando giochi al
videogioco e perdi, non
puoi dare la colpa a nessuno. Sei tu che stai
giocando, no? Magari
il gioco è difficile, gli
avversari sono terribili, ma se non
superi la difficoltà
non puoi prendertela con nessun
altro.
Devi giocare ancora,
e ancora, fino a
quando impari il modo
migliore di proseguire.
Nella vita è uguale. Ogni
tua scelta determinerà

7

Il bambino che cadde dal cielo
tesoro dei pirati, ma tocca a te andare a
prenderlo! E qual è il tesoro dei pirati,
nel nostro gioco? Il ricordo di chi sei
davvero, è chiaro!

ciò che accade dopo. Sei tu a costruire i
livelli del tuo gioco, giorno per giorno,
ora per ora. Se sarai attento e ricorderai
che è un gioco, presto capirai che tutto
quello che facciamo, pensiamo, diciamo,
ha delle conseguenze. Quelle conseguenze sono create da te, da quello
che hai deciso di fare prima e
che sceglierai di fare
dopo. Niente alibi, tu
sei al centro del
tuo gioco e
nessuno può
scegliere per
te. Le altre
particelle
possono
darti indicazioni utili
a trovare il

La bella notizia, direi, se già non ci sei
arrivato da solo, è che sei LIBERO di
costruire la tua vita come vuoi! Ricorda, però, che ogni cosa fatta qui ha
delle conseguenze. Se cercherai di danneggiare altri giocatori, o ingannarli, o
sarai disonesto, cattivo, violento, tutto
questo prima o poi succederà a te. Lo
Spirito vede tutto e sa tutto, per il semplice motivo che lo Spirito è in TE!
Non puoi ingannarlo, non puoi
nasconderti, non puoi scappare. Se
barerai, prima o poi dovrai pagare per
essere stato disonesto. Quindi: chi te lo
fa fare?! Tanto vale essere onesti e giocare lealmente. Potrai solamente guadagnarci! Purtroppo ancora poche persone al mondo ricordano le regole
di cui ti sto parlando. Credono che essere cattivi, violenti e
aggressivi con
gli altri esseri
umani, con gli
animali e con
la natura,
essere avari e
dire bugie
per interesse

8

Il bambino che cadde dal cielo
sia roba da “furbi”.
Se sapessero che prima o poi gli verrà
presentato il “conto” delle loro malefatte, si sentirebbero molto stupidi, altro
che furbi!

In questo gioco, ogni cosa che fai
agli altri è come se la facessi a te
stesso. Nella dimensione delle particelle di energia, tutto è collegato. Ogni
particella è collegata a tutte le altre.
Quando una ha male, tutte hanno male.
Pensa a quando ti sbucci un ginocchio.
Le cellule danneggiate sono solo qualche migliaio, quelle che stanno in punta
al tuo ginocchio. Però, guarda guarda,
chi sente male sei tu! Inizi a piangere e
a gridare, salti su una gamba sola,
chiami aiuto, cerchi il disinfettante e

copri il ginocchio con un cerotto. Tutte
le cellule del tuo corpo sono coinvolte,
devono partecipare al dolore e trovare
una soluzione per attenuarlo. Poi, tutto
il sistema che compone il tuo organismo, lavorerà per
andare a
riparare il
danno che
hai fatto
cadendo. Invierà informazioni, in modo
che le cellule danneggiate vengano
sostituite con altre sane, e il ginocchio
tornerà, senza che tu faccia nulla, come
prima della caduta. Sembra un miracolo, eh? Invece si tratta del gioco di
squadra di tante particelle di energia
che sanno cosa fare e come farlo.
Il tuo cuore batte, tu respiri, il tuo
sangue circola, il tuo stomaco digerisce
il cibo che gli fornisci, senza che tu
debba fare nulla, vero? Non è una cosa
meravigliosa, questa? Certo che lo è,
perché lo Spirito, con la sua immensa
intelligenza, ha organizzato tutto in
modo che la “macchina” su cui viaggi in
questo mondo (il tuo corpo) funzioni
col pilota automatico! Le funzioni che
svolge sarebbero troppo complesse da
dirigere per una piccola mente come la
nostra. La natura è saggia e perfetta,
bisogna essere umili di fronte ai misteri
di questo gioco fantastico, per imparare
sempre di più senza pregiudizi!

9

Il bambino che cadde dal cielo
Anche il mondo intero è un grande
organismo vivente. E’ come un corpo
immenso, e noi siamo le sue cellule. Se
tu ti comporti male, tutta la Terra
patirà. Magari tu non te ne accorgerai neppure, perché il corpo della
Terra è talmente grande che non
verrai a saperlo mai. Però, stanne
certo, avrai fatto danno, e quel
danno che hai inferto alla Terra,
prima o poi dovrai pagarlo tu.
Perché? Perché ogni essere vivente
deve prendersi la RESPONSABILITÀ
delle proprie azioni: il modo più intelligente di fare ciò, è che ciascuno paghi in base al danno che ha
causato.
Gli umani hanno le prigioni per far
pagare i reati a chi si comporta male, ma
lo Spirito, che tutto conosce, ha un
sistema infallibile per appianare i torti e
gli abusi. Ognuno patirà lo stesso dolore
che ha causato, così che possa capire
come ci si sente e prima o poi smetta di
comportarsi male con le altre particelle.
Lo Spirito non è mai cattivo con le particelle di energia. E’ solo giusto. Fa
quello che deve fare per insegnare agli
umani a vivere in pace e armonia, rispettando tutto l’organismo, affinché tutto
funzioni perfettamente e tutti siano
soddisfatti.
Alle volte ti chiederai perché qualcuno ha meno o più di te. Sappi che tu

hai esattamente quello che ti serve per
svilupparti al meglio e capire come funziona il gioco. Non invidiare mai chi ti
sembra abbia più di te e, se puoi, aiuta
chi ti sembra sia più indietro di te. Se
sarai buono con gli altri, sincero, onesto,
leale, simpatico, generoso, prima o poi
tutto questo ti verrà riconosciuto.
Magari non subito, perché questo gioco
è complesso e non sempre capiamo cosa
sta succedendo, ma le regole sono
queste e non si possono infrangere. Se le
rispetterai, avrai solo da guadagnarci!
Avendo perso la memoria di chi sei,
hai anche perso molto dell’amore che
provavi per tutte le creature. Spesso
le altre persone ti stanno antipatiche, ti
prendono in giro o tu lo fai con loro.
Vorresti cose che non puoi avere, essere
in posti dove non puoi andare. Le cose
non vanno come vorresti tu e questo ti
fa arrabbiare, vero?

10

Il bambino che cadde dal cielo
Questo fa parte del gioco. Devi imparare ad accettare che tutto quello che ti circonda
è perfetto. Sì,

!
O
T
T
E
F
R
PE

Anche quando cado dalla bicicletta? Sì.
Anche quando il bullo della scuola mi picchia? Sì!
Anche quando sono malato? Sì!

SEMPRE!

Questo accade perché l’intelligenza dello Spirito sa tutto delle particelle di energia e
dei corpi che occupano. Sa tutto e fa in modo che tutto ciò che accade sia un insegnamento per la particella. Ricordi lo scopo del gioco? RICORDARE CHI SEI! Se la
particella deve ricordare chi è, alle volte avrà bisogno di uno scossone, di qualche esperienza sgradevole, triste, dolorosa. Se creerà, nella sua dimenticanza,
dolore agli altri, dovrà patirlo a sua volta. Solo così imparerà qualcosa e la prossima

11

Il bambino che cadde dal cielo
volta smetterà di comportarsi male. Quello che ci accade di brutto, esattamente
come quello che ci accade di bello, ha senso nella nostra vita. Ci serve per
capire, per evolvere, per ricordare che tutto questo è un gioco deciso da noi tanto
tempo fa.
A questo punto sorge spontanea una domanda. Se non sai quale, ti aiuto io.
La domanda è: come si fa a ricordare chi sono?
Si possono dare infinite risposte a questa domanda, ma quella più semplice che ho
scoperto nella mia ricerca è questa: si impara a MEDITARE.
Prima di spiegarti perché do' quest’unica risposta a una domanda tanto complessa,
però, devo raccontarti cosa ho imparato sugli esseri umani,
perché nella vita potrebbe esserti molto utile.
Gli esseri umani come li conosciamo
adesso sono composti da una serie di
elementi, tutti molto comuni ma raramente compresi davvero nella nostra
cultura.
Il primo elemento che ci compone è
sicuramente il

Corpo

Abbiamo visto che è un impasto di materia ed energia. Questo significa che tutto il corpo fisico è
intelligente, è materia viva governata dallo Spirito e
ha una saggezza propria, come quando ripristina le cellule
del ginocchio sbucciato senza che tu faccia nulla di cosciente. Come abbiamo già
visto, quando respiri non sei cosciente di respirare, così come quando digerisci il cibo
che mangi o ti batte il cuore. Tutte queste attività sono svolte dal tuo corpo in modo
indipendente dalla tua volontà, con una perfezione e un’armonia di cui tu non saresti
capace. Il corpo e chi lo governa non dimenticano mai di respirare, altrimenti moriresti in questa dimensione e ritorneresti ad essere una particella di energia. Se il tuo
corpo è sano, significa che tu sei in equilibrio e in un certo senso ti trovi “sulla strada
giusta” per la tua evoluzione. Se il tuo corpo ha dolore o si ammala, significa che
ti sta dando informazioni, sta cercando di spiegarti che qualcosa non sta andando per il verso giusto. Questo è un argomento molto complesso che non posso

12

Il bambino che cadde dal cielo
trattare qui, ma sappi che la malattia non arriva mai per “sfortuna” o per punizione, è
sempre (senza eccezioni) un meccanismo che serve a dare l'allarme, ti aiuta a capire
qualcosa. Rispetta il tuo corpo, amalo, trattalo con riguardo, ascoltalo quando ti comunica qualcosa e cerca di capire se te ne stai prendendo cura nella maniera corretta.
Ci sono persone che lavano la propria macchina tutte le domeniche ma non si preoccupano mai di sapere se il loro corpo è sano e funziona bene, nonostante il nostro
corpo rappresenti la macchina che ci premette di vivere qui. Fai “manutenzione”
al tuo corpo, ringrazialo per quello che fa senza il tuo aiuto cosciente e lui ti ringrazierà a sua volta, rimanendo sano e forte!
Il secondo elemento è la

Mente

Puoi immaginare la mente come il software
di un computer: quando un bambino nasce,
nel computer vengono caricate tutte le
memorie della particella, tutto quello che ha
vissuto nelle sue innumerevoli vite. Questi
ricordi, però rimarranno nascosti in profondità fino al momento giusto, come se fossero
protetti da una password. Crescendo, il bambino
caricherà nel software-mente altri “programmi”: l’educazione che gli danno mamma
e papà, le lezioni degli insegnanti, quello che impara dall’ambiente in cui vive ecc.
Queste esperienze aiuteranno il bambino a muoversi in questo mondo (imparare a
camminare, a parlare, a leggere e scrivere, per esempio) ma avranno anche un altro
risvolto: la particella, non ricordando da dove arriva, inizierà a convincersi di essere
sempre stata un essere umano. La mente si sostituirà alla coscienza della particella, impedendole di ricordare se stessa e da dove proviene. Il bambino non
ricorderà nulla di prima della nascita nel corpo fisico e vivrà qui sulla Terra ignaro
delle sue origini, avendo paura della morte perché non sa cosa lo aspetta dopo
l’abbandono del corpo, che è l’unica realtà che conosce.
La mente in ogni caso è molto utile, perché senza di essa non potremmo capire dove
ci troviamo, non sapremmo muovere il corpo, non vedremmo i colori, non potremmo

13

Il bambino che cadde dal cielo
chiacchierare con gli amici. In sostanza la mente ci permette di muoverci in questa
dimensione. Tornando qui molte volte, comunque, in tante vite diverse, la mente
comincia a capire che qualcosa non torna: le nasce il sospetto che la vita non inizia
con la nascita del corpo e non muore con esso.

Questo è l’inizio della ricerca spirituale.
Il terzo elemento sono le

Emozioni

Perché gli esseri umani provano
emozioni? Esse sono state “inventate”
dallo Spirito, affinché la persona possa
ricordare, un giorno, di essere una Particella di Energia.
Funziona così: quando ci sentiamo felici e appagati, in armonia con il mondo e
pieni di amore, stiamo facendo un piccolissimo passo per ricordare chi siamo
davvero. In quella condizione siamo più vicini alla particella che siamo e, a furia di
vivere questa esperienza, verrà il momento in cui ricorderemo tutto.
Se invece siamo pieni di rabbia, tristezza, rancore, vendetta, saremo lontanissimi
dalla particella, che non può provare tali sentimenti. Penseremo che nulla valga la
pena e che la vita sia ingiusta e crudele, che si sia dimenticata di noi, ci abbia abbandonati a noi stessi. Ci sentiremo in competizione con gli altri e vedremo nemici
ovunque. L’esatto contrario di ciò che siamo davvero, ossia particelle di energia
legate a tutte le altre che fanno un bellissimo gioco assieme.
Immagina un girotondo di bambini, tu sei dentro il cerchio e stringi le mani di due
bambini ai tuoi lati. Giocate assieme cantando e girando, vi sentite un unico organismo che si muove in armonia e siete felici, ridete e vi divertite. Ad un tratto, però,
dentro la tua mente nasce un pensiero triste: la mamma ti ha sgridato quella mattina perché non volevi andare a scuola, ha detto che sei cattivo. Ecco che ti passa la
voglia di giocare con gli altri. Non salti e non canti più con entusiasmo, la tua mente
è lontana da loro. Ti stacchi dal cerchio e ti siedi in disparte. I tuoi amici non capiscono e continuano a giocare felici.

14

Il bambino che cadde dal cielo
Tu ti senti abbandonato da loro, tagliato
fuori, incompreso. Inizi a pensare che
siano egoisti, che non ti capiscono, che
non vali niente per loro. Ecco che sei
separato da tutto. Un piccolo pensiero ti
ha rovinato tutto il gioco: i tuoi amici
non c’entrano nulla, il tuo comportamento dipende da un tuo pensiero, ma
tu cercherai di dare la colpa a loro.
La mente funziona così, pensa tante
cose alla volta, alcune sgradevoli. Se la
mente produce qualcosa di inutile,
che non serve a ricordare chi sei, le
tue emozioni te lo segnaleranno:
“Acqua, acqua” diranno “ti stai allontanando dalla Verità, stai dimenticando
Chi sei davvero!”, e tu proverai sentimenti tristi, sgradevoli, dolorosi, ti sentirai una vittima, perseguitato dalla sfortuna, abbandonato dall’amore degli altri.
Il corpo e il cuore (ossia quello che
provi, i tuoi sentimenti) non mentono mai, ti segnalano quando stai andando in una direzione pericolosa, lontana dal tuo vero Essere. Il corpo si
esprime attraverso il dolore e la malattia,
il cuore attraverso delle emozioni
sgradevoli. Al contrario, la mente può
ingannarti: forse non è un caso che
si chiami proprio MENTE: infatti mente,
dice bugie per non farti ricordare Te
Stesso, la Particella di Energia! Perché
mente? Perché è un organo che ti serve a
muoverti in questo mondo. Il mondo fa

parte del gioco, della finzione. Per
questo, la mente lavora per la finzione, fa
in modo che quello schema di gioco si
mantenga uguale a se stesso e tu non ti
accorga di nulla. Così penserai di essere
davvero un essere umano e magari continuerai a giocare per tantissimi fantastilioni di anni su questo pianeta. Sappi
che non c'è nulla di male a voler ritornare sulla Terra, a qualcuno piace stare
qui e sceglie di venire molte volte. Però,
se sai come funzionano le regole spirituali e chi sei davvero, vivrai una vita più
felice e ti divertirai un sacco, magari aiutando altre persone che ancora non
sanno chi sono!
Se riuscirai a sentirti parte di un immenso disegno bellissimo, una parte
importantissima dell’universo e amato
dallo Spirito, le emozioni ti diranno che
sei vicino alla Verità. Ti diranno “Fuochino, sei vicino alla Risposta, sei vicino
al Tesoro dei Pirati! ”.

15

Il bambino che cadde dal cielo

Occhio! Alle volte capita di sen-

tirsi bene dopo aver danneggiato qualcuno o rubato qualcosa senza che nessuno se ne sia accorto, o sollevati per aver
detto una bugia senza essere scoperti. Fai
attenzione, perché questo è un inganno
della mente. Le emozioni positive
devono essere sempre causate da qualcosa che non danneggi gli altri o te
stesso. Lo Spirito premia le persone che
aiutano gli altri a migliorare, ad
essere felici, che condividono ciò che
hanno o che sanno. Sii sempre sincero
e onesto, più che puoi, con gli altri e con
te. Le bugie creano solo altre bugie e
altre falsità, alla lunga ti danneggiano e ti
fanno rimanere solo. Sono sicura che tu
non vuoi vivere nell’inganno! Presentati
per quello che sei e per quello che sai
fare, troverai presto qualcuno che ti apprezzerà sinceramente. Mentire richiede un grande dispendio di energia e
non porta nulla di buono.

E' un po' come comprare una macchina
che consuma moltissima benzina per
andare in posti dove non ti divertirai
affatto. Dire la verità, invece, per quanto
alle volte sembri più difficile che mentire (e non è affatto vero, questo è un
altro inganno del gioco per impedirti di
ricordare chi sei veramente) richiede
molta meno benzina, non costa sforzi
perché ti viene istintivo, naturale, e per
di più ti porta in un posto bellissimo,
dove le persone che incontri sono come
te: sincere, leali, gentili e delicate.
A proposito di trovare persone sincere
come lo sei tu, un'altra delle regole importantissime che devi assolutamente
conoscere e ricordare per vivere bene su
questo pianeta è la LEGGE DI AFFINITA'. Hai mai sentito dire “simile
attira simile”?
Devi sapere che tutto nel mondo è
fatto di vibrazione. Il suono, i colori,
perfino la materia solida sono composti
da particelle che vibrano ad una certa
velocità, anche se i nostri occhi non possono vederla. Anche i pensieri e i sentimenti possiedono una vibrazione, anche
se sottilissima. Ogni vibrazione ne
cerca altre simili, quindi cerca qualcosa che le somigli. Se tu hai sempre
pensieri tristi, negativi, violenti, troverai
persone e situazioni simili ai tuoi pensieri e ai tuoi sentimenti. Alle volte non
sei cosciente di creare vibrazioni che ti

16

Il bambino che cadde dal cielo
danneggiano, perché i motivi per cui puoi avere brutti pensieri, anche inconsci, sono
tantissimi e non posso elencarli qui.

Tu occupati solo di essere il più possibile allegro, positivo, generoso e leale.
Tutte le cose migliori in circolazione verranno attirate dalla tua vibrazione e si metteranno in cammino per raggiungerti: perciò, non ti scoraggiare, anche quando ti
sembra di non vedere vantaggi. Prima o poi sarai certamente ricompensato!
Comunque, sappi che anche i fatti apparentemente tristi o negativi sono utili alla tua
crescita; sforzati di ricordarti spesso che la particella che è in te sa cosa sta facendo e
quello di cui hai bisogno per capire e crescere! La particella sa e vede cose che tu non
puoi ancora, per cui fidati di lei e dalle la mano, ti condurrà per la strada migliore!
Torniamo quindi alla MEDITAZIONE. Adesso che sai quali sono i principali
elementi che costituiscono l'essere umano (corpo, mente, emozioni) posso spiegarti
perché la meditazione è così importante per ricordare chi sei.
Lo scopo di chi medita è quello di interrompere per qualche attimo il lavoro
della mente. La mente produce pensieri di continuo, persino quando dormi. Come
abbiamo visto, la mente è il software del computer e ci inganna, vuole che rimaniamo
nel gioco. Se riusciamo, anche solo per qualche secondo ogni tanto, a interrompere il
suo lavoro, riusciremo a percepire come si sta senza la mente. Ci accorgeremo che
siamo vivi anche senza che la mente lavori. Ma... se non siamo la nostra mente, allora

17

Il bambino che cadde dal cielo
cosa siamo?! Impareremo a sentire finalmente di
essere la PARTICELLA DI ENERGIA che conduce il veicolo composto dal corpo, dalla mente e
dalle emozioni. Capisci? Spegnendo la mente
vedremo finalmente cosa siamo davvero! NON
IL VEICOLO, MA L'INTELLIGENZA
CHE LO GUIDA!!!
La meditazione, quindi, ci mette in contatto con la parte Vera di noi, quella
eterna, perfetta, che sa tutto di noi e sa
che stiamo giocando tutti allo stesso
gioco. La cosa bella è che noi esseri umani
riceviamo un sacco di benefici dal contatto
con la parte Vera di noi.
Ti faccio un breve elenco dei vantaggi, poi
potrai scoprirne altri per conto tuo:
-Proviamo emozioni positive.
-Ci sentiamo parte di un disegno meraviglioso, uniti a tutti gli esseri viventi
dell'universo intero.
-Siamo più generosi con gli altri e quindi abbiamo maggiori possibilità di essere
aiutati e amati.
-Impariamo a cercare occasioni positive di crescita e ad apprendere le lezioni su
questo pianeta in modo piacevole, invece che attraverso il dolore e la privazione.
-Conosciamo più facilmente persone che come noi praticano meditazione e che
stanno imparando ad essere sensibili e generose, per cui avremo amici migliori.
-La nostra salute fisica migliora perché impariamo a capire meglio i messaggi del
nostro corpo. Inoltre essere felici aiuta a rimanere sani e forti.
-Troviamo più facilmente soluzioni originali e utili per risolvere i problemi di tutti i
giorni, perché la mente si riposa tramite la meditazione e poi lavora meglio di prima!
Tantissimi scienziati e artisti di tutte le epoche praticavano e praticano la meditazione
per trarre ispirazione dall'universo, regalando agli altri esseri umani splendide opere
d'arte o invenzioni utilissime.
-Siamo più rilassati e sereni perché la meditazione ha ottimi effetti sul sistema nervoso e ci permette di ridurre lo stress e l'ansia.

18

Il bambino che cadde dal cielo
-Scopriamo di possedere nuovi talenti: scrivere, disegnare, cantare, comunicare con
le persone, eccellere in qualche sport e tantissime altre cose. Ognuno di noi nasce
con molti talenti e sa fare bene un sacco di cose. Bisogna solo scoprire quali e la
meditazione ci aiuta anche in questo!
-Otteniamo risultati migliori a scuola: chi medita ha una capacità di concentrazione
molto superiore alla media e questo ti aiuterà a imparare meglio la lezione e a fare i
compiti più velocemente!
-Contribuiamo a costruire un mondo migliore, perché le persone che meditano sono felici, serene, amorevoli e non farebbero mai male a nessuno. Se
tutti meditassero ogni giorno nel giro di qualche
anno non ci sarebbero più guerre su questo pianeta,
te lo garantisco!
-Smettiamo di avere paura, perché sappiamo al di
là di ogni dubbio che la Particella di Energia si
prende sempre cura di noi al meglio e ci ama
come nessun altro, ci protegge e ci guida
sempre, qualsiasi cosa succeda. Impariamo a fidarci di noi stessi e
scopriamo che è bello!
-Smettiamo di giudicare
gli altri negativamente.
Ognuno ha il suo
percorso, diverso da
tutti gli altri, e noi non possiamo
sapere cosa è meglio per loro o quale lezione devono apprendere. Impariamo a preoccuparci di noi stessi e della nostra crescita, invece di sparlare e criticare gli altri: il
nostro tempo sarà speso molto meglio!
-Ci importerà sempre meno dei beni materiali. Avere oggetti, cibo e una casa è
importante, ma dobbiamo ricordare che lasceremo tutto questo sulla Terra quando
dovremo abbandonare il nostro corpo. Siamo riconoscenti per quello che abbiamo e
smettiamo di sentirci insoddisfatti.
-Cessiamo gradualmente di aver paura della morte. Morire significa lasciare il
corpo e cambiare piano di esistenza, ma la particella non muore mai e attraverso la
meditazione ricorderemo sempre più spesso di essere eterni!

19

Il bambino che cadde dal cielo
Se praticherai con costanza, potrai
verificare “sulla tua pelle” i cambiamenti! Potrà volerci del tempo, non
avere aspettative, non porti obiettivi se
non quello di essere costante nella meditazione e non rimanere deluso se non
succederà nulla anche per molto tempo.
Qualcuno di noi ottiene i vantaggi tangibili dopo poco tempo, per altri ci vuole
più esercizio, ma ti assicuro che se sarai
perseverante scoprirai miglioramenti
che ti piaceranno, magari anche alcuni
che non ho elencato.
Allora, se tutti questi motivi ti sembrano sufficienti e ti hanno incuriosito, al fondo del Manuale troverai
una tecnica semplicissima per cominciare. Sappi che esistono migliaia di
modi diversi di meditare e nel tempo
potrai anche cambiare metodo, ma lo
scopo sarà sempre lo stesso: spegnere la
mente e ricordare chi sei davvero!
Forse ti starai chiedendo per quale
motivo ho raccontato tutte queste cose a
te che sei un bambino o un ragazzo. Di
solito le cose che gli adulti considerano
importanti le dicono solo ad altri adulti.
Be', secondo me fanno male, e ti spiego
volentieri perché.
-I bambini e i giovani hanno una mente
ancora poco condizionata dalle convinzioni terrestri. Se gli esseri umani
iniziano a meditare da piccoli, ci sono

ottime probabilità che imparino velocemente, lo facciano regolarmente e
vivano una vita più serena.
-Più si è giovani e più è probabile che ci
si ricordi del periodo in cui siamo stati
Particella di Energia, tra una vita sulla
Terra e l'altra. Gli adulti dimenticano
con il passare degli anni anche quello
che da piccoli erano in grado di ricordare. Forse quello che ti ho detto ha risvegliato una memoria in te!
-I bambini e i ragazzi sono più disponibili a mettere in discussione quello
che gli è stato insegnato dagli adulti. Gli
adulti sono esperti delle regole della
Terra, ma spesso sanno pochissimo delle
regole dell'energia e delle Particelle. Ascolta gli adulti quando ti danno dei consigli, ma pensa sempre con la tua testa e
soprattutto medita, così la tua conoscenza diventerà esperienza.
A proposito di

esperienza:

leggere e imparare tramite la scuola ti dà
conoscenza terrena, mentre sperimentando in prima persona la meditazione potrai trovare davvero te stesso, i
tuoi obiettivi e la tua felicità. Entrambe
le cose sono importanti, non sottovalutare né lo studio né la meditazione: sono
due carte preziose che ti permetteranno
di giocare meglio nella vita!

20

Il bambino che cadde dal cielo

Tante persone sono infelici anche se hanno studiato tanto - magari sono anche laureate o svolgono un lavoro considerato importante - perché non ricordano più chi
sono davvero (Particelle di Energia!) e quindi si sentono perse e confuse. Se imparerai a conoscere te stesso attraverso la meditazione avrai un navigatore interno che ti
guiderà, qualsiasi cosa tu decida di fare nella vita!
Ci siamo: sono sicura che dopo tutto quello che ti ho detto non vedrai l'ora di iniziare! Ecco la

e
n
io
z
a
it
d
e
m
a
l
r
e
p
e
s
Tecnica ba

Al mattino appena sveglio/a, prima di fare colazione, dedica 10 minuti alla meditazione. Fai in modo che nessuno possa disturbarti, cerca un luogo tranquillo e possibilmente in penombra o al buio.
Imposta il timer sul cellulare o metti la sveglia, così saprai
quando saranno trascorsi i 10 minuti.
Siediti comodo, su una poltrona o sul letto. Puoi stare a gambe
incrociate oppure seduto con i piedi appoggiati a terra. Tieni
la schiena dritta. Metti le mani sulle ginocchia oppure in
grembo, una sopra l'altra.
Chiudi gli occhi e fai tre respiri molto profondi, facendo entrare e uscire l'aria molto lentamente, facendo in modo che la
pancia si gonfi e l'aria arrivi in profondità dentro di te.

21

Il bambino che cadde dal cielo
Dopo i primi tre respiri profondi, inizia a respirare normalmente, in modo lento e
regolare. Concentrati sull'aria che entra ed esce dal tuo corpo, sentila passare attraverso il naso, segui il percorso che fa scendendo fin nella pancia e poi risalendo verso
il naso e fuori da te.
Durante questo esercizio i tuoi pensieri continueranno a scorrere: ti verranno in
mente un sacco di cose. Non preoccuparti, è normale: immagina che la tua mente sia
uno schermo su cui passano tante immagini diverse, non trattenerle, osservale passare
e andare via. Riporta sempre la tua attenzione al respiro, concentrati il più possibile
sull'attività di respirare.
Con la pratica ti accorgerai che diventerà più facile mantenere la concentrazione sul respiro e che i pensieri, alle volte e per un momento, sembreranno
interrompersi. Non aspettarti di riuscire a non pensare per minuti interi. Basta anche
un solo secondo di interruzione ogni tanto per ottenere ottimi risultati.
Alla fine dell'esercizio prenditi qualche minuto per riposarti, coricato o seduto ad
occhi chiusi.
Se vuoi puoi eseguire l'esercizio anche alla sera, per 10 minuti, meglio prima di cena
(meditare con la pancia piena è sconsigliato).
L'ideale è farlo tutti i giorni: non esistono regole, sappi però che più ti applicherai
maggiori saranno le probabilità di ottenere risultati soddisfacenti e duraturi. Tutti gli
sportivi sanno che se vogliono essere i migliori nella loro categoria devono esercitarsi
molto: noi non dobbiamo vincere nessuna gara ma la costanza premierà sempre, in
ogni campo della vita e anche quindi anche
nell’esercizio della meditazione!
Fai l'esercizio di buon umore, con
piacere, sapendo che è un ottimo
metodo per stare meglio con te e
con gli altri.
La meditazione non è MAI
pericolosa e non può danneggiarti in nessun modo.
Dopotutto, respiri in ogni momento della tua vita, in questo
caso si tratta solo di farci attenzione!

22

Il bambino che cadde dal cielo
Ti consiglio di unire a quello della meditazione un altro esercizio molto utile:
durante la giornata, oppure in un momento che deciderai, RINGRAZIA per tutto
quello che ti piace della tua vita. Pensa di volta in volta alle cose che rendono la tua
vita piacevole: gli amici, il cibo che mangi, i vestiti che indossi, la casa che ti ripara, il
compito in classe andato bene, papà e mamma che ti amano, una giornata di sole,
l'auto che ti trasporta e qualsiasi cosa ti venga in mente di bello. Ognuno di noi ha
mille cose per essere grato della vita, ma siamo più abituati a lamentarci di
quello che non abbiamo che ringraziare per quello che abbiamo! Impara a cambiare modo di pensare, ricorda che le tue vibrazioni ne attireranno di simili e se sarai
felice per quello che già possiedi, sarà molto più facile che arrivino altre benedizioni!
Bene, è arrivata l'ora di salutarci. Spero che questa Guida ti sia stata utile e che tu
decida di fare del bene a te stesso e di conseguenza a tutta l'Umanità (perché siamo la
stessa cosa, ricordi?).
In bocca al lupo e che tu possa essere

molto,

molto,

molto felice!

Ah, ancora una cosa!
Condividi il più possibile le informazioni che ti ho dato, con papà e mamma, con
i tuoi fratelli, con tutti i tuoi amici (sappi che alcune persone potranno non credere a quello che ti ho spiegato. Non importa, ognuno ha i suoi tempi per ricordare e
va rispettato!). Sono informazioni incredibilmente importanti, più persone saranno a
conoscenza delle cose che ho spiegato a te e più ci sarà la possibilità che tanti esseri
umani ricordino finalmente di essere Particelle di Energia.
Contribuisci a migliorare il mondo!
Se ti fa piacere, puoi scrivermi a questo indirizzo, per condividere con me la tua esperienza con la meditazione o farmi delle domande sugli argomenti del Manuale:
silvia.formia@gmail.com
Spero di sentirti presto, un grande abbraccio!
Silvia Raffaella Formia

23

Il bambino che cadde dal cielo

A proposito di me
La Particella di Energia che io sono, è venuta ad occupare il mio attuale corpicino nel
1978, in un ospedale di Torino. Da allora ho fatto molte cose diverse, perché sono curiosa e mi piace scoprire i misteri di questo Pianeta meraviglioso.
Nel 2005 ho trovato delle Particelle come me, che a differenza mia ricordavano la
loro origine e sono state così generose da aiutare anche me a ricordarla. Per questo le
ringrazierò sempre.
Quando una Particella ricorda da dove proviene ha il dovere di raccontalo alle altre,
che ancora credono di essere solo degli esseri umani. Io sto facendo questo lavoro: dò
una mano alle mie amiche Particelle a recuperare la memoria perduta.
L’amnesia delle Particelle fa sì che su questo Pianeta esistano ancora violenza, sopraffazione, odio e dolore. Questo non mi piace. Con il mio impegno cerco di migliorare
questa condizione, perché ho la certezza che se una Particella ricorda chi è veramente
non è più interessata a causare danno alle altre; al contrario, desidera far del bene e
vivere in armonia con le altre Particelle e l’ambiente che le ospita.
Possa regnare l’Amore, sempre e ovunque!
La Particella di Energia che qui chiamano
Silvia Raffaella Formia

Visita il mio sito:
www.educazionespirituale.it
Visita il mio Blog:
educazionespirituale.blogspot.it

24


Documenti correlati


Documento PDF il bambino che cadde dal cielo
Documento PDF the constantinian university ciao giampaolo presentazione
Documento PDF paulo coelho manuale del guerriero della luce
Documento PDF matematica 01
Documento PDF ragni 14
Documento PDF shelton assistenza igienica ai bambini


Parole chiave correlate