File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



IBL BP 24 Flat Tax .pdf



Nome del file originale: IBL_BP_24_Flat_Tax.pdf
Titolo: BP 24 Flat Tax.indd

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Adobe InDesign CS (3.0) / Adobe PDF Library 6.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 09/11/2014 alle 00:59, dall'indirizzo IP 79.11.x.x. La pagina di download del file è stata vista 879 volte.
Dimensione del file: 383 KB (18 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


IBL

15 ottobre 2005

24
KEY FINDINGS
• La semplicità della flat
tax consentirebbe grandi
risparmi di tempo e risorse
nella compilazione della
dichiarazione dei redditi;
• Accoppiata a una no tax
area, la flat tax rispetterebbe il criterio di progressività imposto dalla
Costituzione;
• La spesa pubblica è spesso regressiva, quindi l’attuale sistema fiscale è iniquo;
• Grazie alla sua intrinseca
equità, la flat tax ridurrebbe l’onere fiscale soprattutto sui più deboli;
• L’appiattimento dell’aliquota potrebbe stimolare
la crescita economica;
• L’evidenza mostra una
correlazione tra i tagli fiscali e la crescita del gettito grazie all’emersione
del nero, all’aumento della base imponibile e alla
diminuzione dell’incentivo a eludere;
• La flat tax può non essere sufficiente, ma probabilmente è necessaria
a curare l’Italia “malato
d’Europa”.
Andrea e Mauro Gilli sono
laureandi in Scienze Politiche all’Università di Torino

IBL

Istituto Bruno Leoni

BRIEFING PAPER
Crescita economica ed equità
Le ragioni della flat tax in Italia
di Andrea Gilli e Mauro Gilli1

Visto l’esito delle recenti riforme fiscali, una proposta radicale come quella
della flat tax potrebbe apparire non solo inutile ma anche provocatoria in un
paese come il nostro. In questo paper cercheremo invece di spiegare perché
essa rappresenti una delle poche ricette in grado di ridare fiato alla competitività dell’Italia e ridurre le sperequazioni del paese.
In primo luogo metteremo in evidenza i benefici derivanti dall’intrinseca
semplicità di un sistema fiscale contraddistinto da un’aliquota unica. Essa
ridurrebbe l’incentivo ad evadere ed
eludere il fisco, permettendo così, in
secondo luogo, enormi risparmi sia per
i contribuenti (che non sarebbero più
obbligati a dedicare tempo e denaro
per compilare la dichiarazione dei redditi) che per lo Stato, il quale potrebbe
ridurre fortemente il budget e l’organico degli Uffici delle Entrate preposti
all’accertamento fiscale. Inoltre, una
maggiore semplicità permetterebbe
ai contribuenti di avere un’immagine
più nitida2 del sistema di tassazione e
quindi di spesa, con evidenti benefici
sul controllo democratico dell’operato
del Governo.

Infine, per estendere l’orizzonte della nostra analisi guarderemo all’esperienza dei Paesi che hanno già adottato l’aliquota unica. Poiché la realtà di
molti di questi Paesi è troppo diversa
da quella italiana, abbiamo preso in
considerazione anche i casi di alcuni
paesi industrializzati che hanno ridotto sostanzialmente la loro tassazione.
In entrambi i casi gli effetti sono stati
analoghi: crescita economica e crescita degli introiti fiscali.

Passeremo poi all’esame dell’obiezione assai diffusa contro la flat tax secondo la quale essa sarebbe non solo
un “regalo ai ricchi” ma anche palesemente incostituzionale. Oltre a rispondere a tale obiezione, cercheremo di
verificare se l’attuale sistema fiscale
rispetti veramente, dal punto di vista
sostanziale, i criteri di progressività
sanciti dalla Costituzione.3

Il primo vantaggio della flat tax (sottolineato proprio dal suo ideatore Alvin
Rabushka4) riguarda la sua semplicità.
Un’aliquota unica permette infatti ad
ogni famiglia di calcolare l’imponibile,
e quindi le imposte dovute, senza dover ricorrere a consulenze esterne e a
pagine di moduli delle quali si ignorano i contenuti e il significato.5 L’argomento non è sicuramente di secondaria

Concluderemo quindi spiegando perché, a nostro modo di vedere, il nostro
paese ha bisogno di una radicale rivoluzione fiscale, appunto l’introduzione
della flat tax.

1.1 Semplicità

Istituto Bruno Leoni – Via Bossi 1 – 10144 Torino – Italy
Tel.: (+39) 011.070.2087 – Fax: (+39) 011.437.1384 – www.brunoleoni.it – info@brunoleoni.it

IBL BRIEFING PAPER
2

Andrea Gilli e Mauro Gilli

importanza visto che durante la campagna elettorale
tedesca, Paul Kirchhof – indicato dal candidato Cancelliere Angela Merkel come Ministro delle Finanze in
caso di vittoria della CDU – ha individuato proprio nella semplicità della flat tax la ragione principale per la
sua introduzione in Germania.6
Se poi guardiamo i costi di un sistema fiscale complesso le sorprese non mancano: Steve Forbes ha calcolato quanto costa redigere la propria dichiarazione
dei redditi negli Stati Uniti; 6,6 miliardi di ore e 100
miliardi di dollari l’anno.7 Con una flat tax i contribuenti sarebbero alleggeriti da questo onere, e potrebbero compilare il loro Modello Unico su un foglio
delle dimensioni di una cartolina.8 E quindi si potrebbero riappropriare di quella quota di reddito che attualmente finisce nelle tasche
di commercialisti, centri di assistenza fiscale e delle Agenzie
dello Stato preposte all’accertamento fiscale; e in secondo
luogo del loro tempo libero. È
infatti paradossale che si spenda tempo e denaro per saldare
i propri debiti nei confronti dell’erario.

paga infatti un’aliquota (18%) superiore a quella di A
(10%).
È chiaro, del resto, che il dettato costituzionale non
si riferisce specificamente alle aliquote, ma alla struttura del sistema fiscale presa nel suo insieme.11 Come
ha affermato l’economista dei Democratici di Sinistra
Nicola Rossi, «il principio di progressività affermato
dalla Costituzione non lo si ritrova solo nelle aliquote
ma nell’intero complesso delle entrate e delle uscite
del bilancio dello Stato».12 Pertanto, non solo le imposte ma anche le spese dovrebbero attenersi a questo
principio, e favorire dunque le classi meno abbienti.
Il modello di Meltzer e Richard assume come semplificazione che la ridistribuzione del reddito avvenga in modo diretto (attraverso
l’elargizione di un sussidio a
coloro che percepiscono un
reddito inferiore ad un determinato livello) e non in modo
mediato (attraverso la fornitura di un servizio ai più poveri).
Ciò significa che all’interno di
uno Stato, i percettori di un reddito superiore ad un
determinato livello dovrebbero pagare un’imposta
positiva, che lo Stato a sua volta dovrebbe trasferire
sotto forma di sussidio ai percettori di un reddito inferiore a quello stesso livello.13

Il primo vantaggio della flat
tax (sottolineato proprio dal
suo ideatore Alvin Rabushka)
riguarda la sua semplicità

1.2 Progressività dell’aliquota unica
La prima obiezione che generalmente viene mossa contro la flat tax riguarda il mancato rispetto del
principio di progressività.9 Come ha spiegato Antonio
Martino, questa accusa risulta però infondata. Essa
non considera infatti la possibilità che insieme alla
flat tax venga istituita una no-tax area, ossia una soglia minima al di sotto della quale il reddito non è
tassato.10
È sufficiente riprendere l’esempio di Martino per
cancellare ogni dubbio: dati due contribuenti A e B
con reddito di 20.000 e 100.000 euro rispettivamente; e considerando una no-tax area di 10.000 euro e
una aliquota unica del 20%, A dovrà pagare al fisco
2.000 euro (il 20% di 20.000-10.000), mentre B 18.000
euro (il 20% di 100.000-10.000). Calcolando l’aliquota
media pagata dai due contribuenti (il rapporto tra le
imposte pagate e il reddito totale) si può vedere come
la flat tax risulti assolutamente conforme al principio
di progressività: il contribuente B (quello più ricco)

Nella maggior parte dei sistemi occidentali questo
trasferimento di risorse avviene però attraverso la
fornitura di servizi pubblici: l’istruzione, la sanità, il
sistema pensionistico, etc. Il problema è che la capacità di questi servizi di ridistribuire il reddito a favore
delle fasce più povere della popolazione è andata diminuendo nel corso degli anni, e la spesa pubblica si
è così trasformata in uno strumento per soddisfare le
richieste delle varie lobby, corporazioni e costituency
politiche del paese.

1.3 La regressività della spesa e l’equità della flat tax14
Dietro alla bandiera della “spesa per i più deboli” si
celano infatti interessi nascosti che con la tutela dei
più deboli hanno davvero poco a che fare,15 e purtroppo l’Italia non è stato un Paese estraneo a questa

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

evoluzione. Come ha sottolineato Giorgio Brosio, nel
secondo dopoguerra, «[l’]espansione della spesa italiana (...) è stata (...) la più dinamica fra tutti i paesi
industrializzati», tanto che «[i]l livello di spesa sul
prodotto nazionale è ormai pari a quello delle ‘democrazie del benessere’, cioè dei paesi del Nord Europa
caratterizzati da un generoso sistema di protezione
sociale».16 Sfortunatamente per i contribuenti italiani
la qualità delle prestazioni offerte dallo Stato italiano
non ha seguito la stessa dinamica della spesa ma si è
mantenuta ad un livello «in molti casi scadente e addirittura inferiore a quello di Paesi con reddito assai
inferiore al nostro».17
Oltre alla scarsa efficienza di molti servizi pubblici, si deve registrare anche la loro limitata efficacia
nella ridistribuzione del reddito. All’inizio del 2002 – ossia
prima delle recenti riduzioni
delle aliquote fiscali – Chiara
Saraceno parlava dell’Italia
che non vorremmo vedere,
un paese che, insieme all’Inghilterra, «presenta il più alto
tasso di povertà minorile» in Europa.18 Oltre a questo
dato sconcertante, Saraceno segnalava anche l’incapacità del sistema assistenziale italiano di correggere
questa situazione, sottolineando come gli strumenti
di sostegno al reddito delle famiglie povere avessero
il «paradossale esito di lasciare fuori per lo più proprio i più poveri».19

3

spesa “sociale” del nostro paese: pensioni, sanità e
istruzione, alle quali abbiamo accostato i sussidi alle
imprese.21

1.3.1 La spesa pensionistica. I più attenti studiosi
sottolineano ormai da anni la necessità di ridurre la
spesa pensionistica italiana in modo da dirottare maggiori risorse verso sistemi di protezione sociale attiva.
In modo più o meno esplicito, questi studiosi hanno
evidenziato come attualmente, al di là dell’iniquità
intergenerazionale del nostro sistema pensionistico,22 alcune fasce della popolazione risultino essere
particolarmente tutelate (i pensionati) a discapito di
altre (i lavoratori attivi). In altre parole, invece di
proteggere i più deboli (coloro
che perdono il posto di lavoro,
ad esempio), buona parte della
spesa pubblica viene dirottata
per mantenere i privilegi delle
categorie protette.

È paradossale che si debba
spendere tempo e denaro per
saldare i propri debiti nei
confronti dell’erario

Esito che risulta ancora più surreale se si considera la provocazione di Martino il quale ha sottolineato
come «se i 447.698 miliardi di spesa per ‘prestazioni
sociali’ nel 2001 fossero stati distribuiti al 25% più povero dell’intera popolazione (...) [quei 446.798 miliardi] avrebbero trasformato l’Italia in un paese di
soli benestanti, consentendo di elargire un reddito aggiuntivo di oltre 31 milioni [di lire] all’anno ad ognuno
dei 14.269.500 italiani ‘poveri’».20
Da quanto scritto emerge dunque un dato sconfortante: a fronte di un’alta tassazione, l’Italia non riesce a garantire uno Stato sociale che protegga le fasce
più deboli della sua popolazione. È allora opportuno,
per avere uno spaccato più chiaro della capacità ridistributiva della spesa pubblica italiana, analizzare
brevemente la dinamica delle più importanti voci di

Ciò significa che tutti i lavoratori, anche quelli meno abbienti, pagano le pensioni a chi, grazie ad sistema pensionistico squilibrato e a norme di tipo chiaramente
clientelare ha spesso lavorato per un periodo particolarmente limitato e ha pagato contributi che poco
rispecchiano il valore dei trasferimenti pensionistici
attualmente ricevuti (pensiamo alla legge Mosca, o
alla possibilità concessa per anni ai dipendenti pubblici di andare in pensione dopo appena 15 anni di
contributi versati, etc.).23
Lo stesso ex-ministro Vincenzo Visco non ha potuto
fare a meno di sottolineare come il bilancio dello Stato sia «gravato (...) da una spesa per il Welfare fortemente squilibrata verso le pensioni»,24 che da sola
assorbe circa 13% del Pil, ovvero un quarto della spesa
pubblica totale.25

1.3.2 La spesa sanitaria. Un discorso analogo vale
per la spesa sanitaria che, nel corso degli anni, più
che i malati, sembra aver favorito gli interessi dei vari
operatori del settore. È emblematico il fatto che il
50% della spesa sanitaria provenga da tre sole regioni

IBL BRIEFING PAPER
4

Andrea Gilli e Mauro Gilli

(Campania, Lazio e Sicilia) nelle quali però non vive
certo metà della popolazione italiana!26
Martino è stato particolarmente efficace nello spiegare il funzionamento del sistema sanitario nazionale:
«[i]l criterio di elargizione universale (…) si è sostanziato nel conferimento di benefici a tutti, anche ai
ricchi, nel momento stesso in cui il costo dell’assistenzialismo è pesantemente gravato su tutti, anche
sui poveri. È come se lo Stato avesse preso ai poveri
per dare ai ricchi con una ridistribuzione regressiva».27
Quindi: «I più penalizzati dal sistema assistenziale sono
stati proprio i meno abbienti, che ne hanno dovuto
sopportare una parte del costo senza potersi permettere di rivolgersi ad alternative private all’inefficienza pubblica. Solo i benestanti, infatti, hanno sempre
potuto disporre dei mezzi per
pagare due volte l’assistenza
sanitaria: una volta con le imposte ed una seconda volta con
il costo delle prestazioni private o dell’assicurazione».28

la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva
partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione
politica, economica e sociale del Paese», mentre l’articolo 34 sancisce che «[i] capaci e i meritevoli, anche
se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi
più alti degli studi».
Ancora più paradossale, come ha ricordato Nicola
Rossi, è il caso dell’Università:32 essa viene finanziata
dalla la fiscalità generale (ossia viene pagata da tutti)
e dalle tasse universitarie ma offre un servizio al quale spesso le classi meno abbienti non accedono – per
il semplice motivo che non si possono permettere il
“non lavoro”. In questo modo i più poveri contribuiscono a pagare un servizio di cui beneficiano solo i più
abbienti.

La progressività imposta dalla
Costituzione non si riferisce
specificamente alle aliquote,
ma alla struttura del sistema
fiscale presa nel suo insieme

1.3.3 La spesa per l’istruzione. In un’economia fondata sulla conoscenza, il
ruolo dell’istruzione è determinante per garantire il
miglioramento delle condizioni di vita dei singoli individui, specie i più deboli. In modo assolutamente
analogo alla sanità pubblica, l’istruzione ha visto e
vede ancora però un sostanziale drenaggio di risorse
dai più deboli ai più benestanti.29
La conoscenza della lingua inglese rappresenta un
caso emblematico. Le scuole superiori – e in molti casi
anche le Università – non garantiscono agli studenti
italiani un livello adeguato di conoscenza dell’inglese. Mentre gli studenti più benestanti si possono però
permettere lunghe vacanze studio in Inghilterra se
non addirittura negli Stati Uniti per sanare questa carenza,30 quelli più poveri continuano invece a trovare
nella lingua franca dei nostri tempi uno dei maggiori
ostacoli alla loro crescita intellettuale e professionale
– e in alcuni casi, addirittura alla conclusione del loro
percorso di studi universitario.31 Eppure la Costituzione italiana è chiara: l’articolo 3 afferma infatti che
«[è] compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli
di ordine economico e sociale che, limitando di fatto

Inoltre, tra gli stessi studenti universitari le sperequazioni
risultano quasi imbarazzanti:
sono infatti gli studenti lavoratori, quelli cioè che non si possono permettere di frequentare
i corsi senza lavorare, che con
la loro assenza rendono agibili
molti locali universitari.33

1.3.4 I trasferimenti alle aziende. Quello dei trasferimenti alle imprese ci sembra infine un caso palese di “Robin Hood al contrario”. Sussidiando le aziende private (soprattutto quelle grandi, o i cosiddetti
campioni nazionali34) il nostro Paese usa i soldi dei
contribuenti (anche di quelli più poveri) per aiutare
i ricchi. Senza contare gli effetti nefasti che questa
prassi ha determinato sullo stato della nostra economia, è evidente il carattere regressivo di questa voce
di spesa.35
In alcuni casi si è arrivati persino ai limiti della decenza: esemplare è il caso della crisi Fiat dell’autunno 2002, nel quale, mentre il management responsabile della crisi si vide accordare una riguardevole
buonuscita, agli operai dell’azienda veniva riservata
una assai più modesta CIG.36 Ovviamente ogni scelta aziendale è assolutamente legittima e deve essere
indipendente dalle pressioni popolari. Ma poiché nei
soli anni ’90 l’azienda torinese ha ricevuto dallo Stato

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

italiano più di 5 miliardi di euro, quella buonuscita è
stata di fatto pagata dai contribuenti italiani, e quindi anche dagli stessi operai che proprio per colpa di
questi manager furono messi in cassa integrazione.37
Oltre il danno, la beffa.
Tutti sanno quanto drammatica sia la cassa integrazione e proprio per questo motivo le proposte per riformarla sono numerose. Su tutte spicca la creazione
di un sistema di protezione sociale attivo che secondo
Boeri costerebbe allo Stato italiano circa 3 miliardi
di euro. Ma questo sistema, come ci ricorda lo stesso
Boeri, non è mai stato creato perché troppo caro per
lo Stato italiano.38 Sicuramente 3 miliardi di euro non
sono pochi, ma se si pensa che nel solo 2003 i sussidi
alle imprese sono ammontati a circa 30-50 miliardi di
euro i dubbi sulla veridicità di
quelle affermazioni sono più
che leciti.39

5

non addirittura dei sussidi – quelli alle imprese), la
progressività del sistema fiscale italiano diventa assai
dubbia.40
E i dubbi crescono ulteriormente se ci limitiamo a
considerare la spesa della sola pubblica amministrazione (ottenibile escludendo dalla spesa totale il
servizio del debito), e se da quest’ultima sottraiamo
ancora l’ammontare delle spese non “sociali” per antonomasia (amministrazione, ordine pubblico, etc.),
di cui godono tutti i cittadini in modo “uguale”.41
Infatti, anche assumendo che il sistema delle entrate fiscali sia effettivamente progressivo (fingendo
che non esistano né l’elusione né l’evasione fiscale),
la progressività del sistema nel suo complesso viene
duramente limitata dai molti
aspetti regressivi della nostra
spesa pubblica.

Dietro alla bandiera della
“spesa per i più deboli” si celano
interessi nascosti che con la
tutela dei più deboli hanno
davvero poco a che fare

1.3.5 L’iniquità del nostro
sistema fiscale. Come precedentemente ricordato, il
principio di progressività a cui
deve attenersi il nostro sistema fiscale è da considerarsi per «(…) l’intero complesso delle entrate e delle
uscite del bilancio dello Stato». Per quanto riguarda
le entrate, formalmente il nostro attuale sistema fiscale rispetta alla lettera questo principio. Ma per
quanto riguarda le uscite, le certezze si sgretolano
velocemente.
Nei paragrafi precedenti abbiamo ricordato come
la spesa pensionistica, quella sanitaria e quella per
l’istruzione non rappresentino un trasferimento di
fondi dai contribuenti ricchi a quelli poveri, ma piuttosto il contrario. Queste tre voci insieme rappresentano circa il 50% della spesa pubblica (25%, 10% e 10%
rispettivamente): ciò significa che metà della spesa
pubblica italiana è difficilmente classificabile come
progressiva.
Certamente essa aiuta anche i poveri, ma poiché
sembra favorire anche e soprattutto le fasce più benestanti della popolazione, pare più opportuno parlare
di spesa pubblica regressiva. Se infatti i “ricchi” pagano aliquote fiscali superiori ai poveri, ma ricevono
servizi maggiori per numero, qualità e valore (quando

1.3.6 L’equità della flat tax.
Un’aliquota unica ridurrebbe
l’onore fiscale per tutti i cittadini, specie per i più deboli che,
come abbiamo dimostrato, partecipano attivamente al finanziamento del nostro iniquo sistema pensionistico, alla fornitura di quei servizi
dei quali non possono beneficiare e al sostegno delle
aziende italiane. Pertanto il primo modo per aiutare
i più deboli non può che consistere nel restituire loro
parte della loro ricchezza. Non è un caso che una delle
recenti e più importanti riforme fiscali implementate
in Europa vada proprio in questa direzione: secondo
i calcoli del Ministero delle Finanze austriaco con il
recente abbattimento delle aliquote «i redditi medio
bassi in particolare (…) saranno i principali beneficiari
(…) Su 5,9 milioni di occupati, 2,55 non pagheranno
più alcune tassa sul reddito».42 E lo ricordiamo per
non lasciare spazio ai dubbi: l’Austria ha ridotto, non
aumentato, le proprie aliquote fiscali.
Se si guarda inoltre all’evidenza empirica, si vede
chiaramente come i tagli delle imposte abbiamo storicamente trasferito l’onere fiscale sui più ricchi: prima
della riforma fiscale di Ronald Reagan, nel 1981 l’1
per cento dei contribuenti americani più ricchi garantiva il 18 per cento del gettito fiscale delle imposte
sul reddito. Nel 1989 ne garantiva il 24 per cento. Nel

IBL BRIEFING PAPER
6

Andrea Gilli e Mauro Gilli

Grafico 1.1: Crescita economica nei tre paesi baltici.
Fonte: Elaborazione propria sulla base dei dati della Central Bank of Estonia, Annual Indicators of Estonian Economy, consultabile
all’indirizzo http://www.eestipank.info/dynamic/itp2/itp_report_2a.jsp?reference=503&className=EPSTAT2&lang=en; e sulla
base dei dati forniti dalla United Nations Economic Division for Europe, Internationally Comparable Statistics, consultabile all’indirizzo http://w3.unece.org/pxweb/Dialog/statfile1_new.asp.

1980 il 5% dei contribuenti più ricchi pagava il 35%
degli introiti derivanti dalle impose sul reddito. Nel
1990 ne pagava il 49 per cento. Infine, se nel 1981 il
10 per cento più ricco versava il 44% delle imposte
totali sul reddito, nel 1989 la sua quota era passata al
55%.43 E lo stesso era già accaduto negli anni Sessanta, in seguito alla riforma fiscale di Kennedy, come ha
dimostrato Daniel Mitchell.44
Anche alla luce di questi dati non può sfuggire un
dato fondamentale: se lo Stato vuole veramente aiutare i più poveri, più che concentrarsi sulla ridistribuzione del reddito, dovrebbe operare in modo da
favorire la crescita economica.45 Infatti, più è alto il
reddito nazionale, più è elevato il livello di vita di
tutti cittadini. È utile a questo proposito richiamare un lavoro di Olaf Gersemann il quale ha ipotizzato
tre diversi scenari di crescita economica per il nostro
Paese relativamente al periodo compreso tra il 1982
e il 2002: nello scenario peggiore, il reddito medio
annuo pro-capite degli italiani nel 2002 sarebbe stato
(in parità di potere d’acquisto) di 1.933 $ superiore
a quello che hanno realmente percepito, mentre se
si fosse realizzata l’ipotesi intermedia il loro reddito
sarebbe stato più elevato addirittura di 5.549 $ PPP.46
È dunque evidente che la crescita economica rappresenta la migliore soluzione per accrescere le condizioni di vita dei cittadini, specie dei più poveri: pensiamo infatti a quante famiglie italiane baratterebbero
volentieri il «nostro sistema fiscale progressivo» per

quei 1.933 $ PPP di reddito medio pro-capite in più
all’anno. Non parliamo poi di quei 5.549 $ PPP.
Trattandosi di reddito medio pro-capite questo aumento potrebbe però essere il risultato di un forte
arricchimento delle fasce più benestanti, e non di
quelle più povere. Questa obiezione è certamente
corretta, ma poiché i calcoli di Gersemann sono basati
su una comparazione con la crescita economica registrata negli Stati Uniti, è interessante osservare come
«negli anni 1981-89, il reddito del quintile più basso
della stratificazione sociale americana crebbe del 7%,
dell’8% quello del successivo quintile e del 12% quello
mediano».47 In altre parole, il reddito delle fasce più
povere della popolazione è cresciuto sensibilmente.
Inoltre, il beneficio marginale tratto dai meno abbienti dalla crescita del loro reddito è superiore a
quello degli individui a reddito superiore:48 quindi
possiamo tranquillamente affermare che il beneficio
per i poveri è superiore e quindi che la flat tax può
fornire un contributo fondamentale al miglioramento
del benessere dei cittadini a reddito più basso.

1.4 La crescita economica
Fino a questo punto ci siamo concentrati sull’equità
e sulla progressività di un sistema fiscale basato sulla
flat tax. Un argomento non meno importante è quello
relativo alla crescita economica: laddove sono stati
adottati, i sistemi fiscali ad aliquota unica sembra-

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

7

Grafico 1.2: Crescita economica della Serbia.
Fonte: Elaborazione propria sulla base dei dati forniti dalla National Bank of Serbia, Research Department, consultabili all’indirizzo http://www.nbs.yu/english/statistics/index.htm.

no infatti aver contribuito in modo determinante alla
crescita del prodotto interno. Nei paragrafi successivi
cercheremo di riassumere brevemente queste esperienze.

1.4.1 Il vento dell’Est. La flat tax è stata adottata
da numerosi paesi dell’Est europeo: il caso più emblematico è quello di Estonia, Lettonia e Lituania, i primi
paesi a seguire la lezione di Rabushka. Per fortuna,
quel vento non si è arrestato sul Baltico, e anzi si è
esteso, tanto che, come ha sottolineato l’ex premier
estone Mart Laar, la concorrenza fiscale degli altri
paesi baltici ha spinto Tallin a ridurre ulteriormente
la pressione fiscale, innescando un circolo virtuoso
per la crescita della regione.49 E non è un caso che la
flat tax sia poi stata adottata da altri Paesi dell’Est e

recentemente la sua introduzione sia stata discussa
anche in Polonia e soprattutto in Germania.
Come dimostra il grafico 1.1, il Pil dell’Estonia è cresciuto quasi dell’80% nei dieci anni successivi all’introduzione alla flat tax, mentre quello di Lettonia e
la Lituania è cresciuto di oltre il 70%.
Una performance economica non altrettanto straordinaria ma certamente positiva è stata registrata da
Serbia e Ucraina. La Serbia, rispetto ad un tasso di
crescita del 3,3% e dell’1,5% registrato nei due anni
che hanno preceduto l’introduzione della flat tax
(2003), è passata all’8,5% nell’anno successivo. In
modo analogo in Ucraina da un tasso di crescita di
poco superiore al 4% si è passati ad una crescita del
7%, nonostante le turbolenze politiche che hanno afflitto il paese in quell’anno.

Grafico 1.3: Crescita economia in Ucraina.
Fonte: elaborazione propria sulla base dei dati forniti dalla Nationa Bank of Ucraine, consultabili all’indirizzo http://www.bank.
gov.ua/Engl/Macro/index.htm

IBL BRIEFING PAPER
8

Andrea Gilli e Mauro Gilli

Grafico 1.4: Variazione delle entrate federali.
Fonte: Figure 2, Federal Revenue Growth vs. Spending Growth, Annual Change in Federal Revenues and Outlays, in Chris Edwards, Social Policy, Supply-Side, And Fundamental Reform: Republican Tax Policy, 1994-2004, in Tax Note, November 1 2004, p.
692, consultabile all’indirizzo http://www.cato.org/research/articles/edwards-041101.pdf.

Lo stesso è avvenuto poi in Russia, come ha notato Arthur Laffer, dove, da un tasso medio di crescita
dell’1,1% nei cinque anni che hanno preceduto questa
riforma, l’economia è passata a ad un tasso medio di
crescita del 4,7% negli anni successivi.50

1.4.2. The evidence of History. A questo punto è
d’obbligo farsi una domanda: esiste una relazione tra
taglio delle imposte e crescita economica?
Un richiamo agli illuminanti lavori di Arthur Laffer
proprio su questo tema ci permette di affermare senza esitazione che questa relazione esiste ed è evidente. La riduzione delle imposte favorisce infatti la
crescita dell’offerta di lavoro che a sua volta si ripercuote immediatamente sul prodotto del paese. Probabilmente neppure Laffer potrebbe essere in grado
di convincere certi avversari della riforma fiscale, che
più che argomenti affastellano pregiudizio.51 Eppure
è proprio un uomo politico insospettabile di liberismo
come Vincenzo Visco a riconoscere che «l’eccesso di
progressività può determinare un disincentivo al lavoro, in quanto di fronte alla prospettiva di dover pagare percentuali elevate e crescenti del proprio reddito
gli individui potrebbero preferire lavorare di meno e
produrre di meno».52 In realtà l’ex-ministro non dice
nulla di nuovo: molti economisti hanno già approfondito questo tema, non ultimo il Premio Nobel Edward
Prescott.53
Osservando quanto è accaduto laddove la tassazione
è stata ridotta drasticamente e in maniera permanen-

te,54 i risultati sono eclatanti: partiamo dall’Austria
che, dopo la poderosa rivoluzione fiscale avviata nel
2004, ha visto la propria economia crescere del 2,4
e del 2,1%55 contro tassi molto più europei nei due
anni precedenti.56 Lo stesso è avvenuto negli Stati
Uniti che, dopo lo stimolo fiscale di George W. Bush,
hanno superato velocemente la recessione del 2001, e
successivamente hanno archiviato tassi di crescita di
primo livello: 2,2% nel 2002, 3,1% nel 2003 e poi 4,4%
nel 2004.57
Se guardiamo all’esperienza dei tagli fiscali di Kennedy e Reagan si vede come nel periodo immediatamente successivo alla loro introduzione i tassi di
crescita del paese sono letteralmente rimbalzati: gli
Stati Uniti crebbero infatti del 5% medio annuo tra il
1961 e il 1968,58 mentre per quanto riguarda gli anni
Ottanta di Reagan ci sembra sufficiente ricordare quei
novantadue mesi di crescita ininterrotta senza precedenti nella storia americana.59
Ciò ovviamente non significa che la riduzione della
aliquote sia il silver bullet per garantire la crescita
economica: e certamente esistono dei casi (per esempio quando il livello della pressione fiscale è già particolarmente basso) in cui una riduzione delle aliquote
può avere effetti limitati se non nulli. Ma questo non
sembra essere il caso del nostro Paese che non brilla
certo per ridotta imposizione fiscale né per eccesso di
offerta di lavoro.

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

9

Grafico 1.5: Crescita degli introiti fiscali in Ucraina.
Fonte: elaborazione propria sulla base dei dati forniti dalla National Bank of Ucraine, consultabili all’indirizzo http://www.bank.
gov.ua/Engl/Macro/index.htm.

1.5 Crescita degli introiti fiscali ed emersione del nero
I benefici della flat tax non si fermano però alla
sola crescita economica: un taglio delle imposte non
solo stimola l’attività lavorativa, ma incentiva anche l’emersione del sommerso60 ed elimina o riduce
drasticamente le scappatoie del sistema fiscale che
permettono ai contribuenti di eludere il fisco. Infatti,
come ha affermato Visco: «(…) l’evasione e l’elusione fiscale sono fortemente influenzate (…) dalla ‘ripidità’ della curva delle aliquote».61 In altre parole:
un’elevata tassazione marginale del reddito (elevata
progressività) incentiva fortemente l’evasione e l’elusione fiscale.
La crescita registrata nel valore delle imposte pagate dai contribuenti americani più ricchi in seguito ai
tagli fiscali di Ronald Reagan e di John Kennedy di cui

si è parlato in precedenza fornisce un valido esempio
di come, a fronte di un minore livello di tassazione,
diminuisca l’incentivo ad evadere il fisco: altrimenti
non si spiegherebbe la crescita delle imposte pagate
dalle fasce a reddito più elevato.
Il grafico 1.462 mostra l’andamento delle recenti variazioni annue delle entrate federali degli Stati Uniti
d’America: da esso si deduce chiaramente come, una
volta entrati a pieno regime, i tagli fiscali introdotti
nel 2001 dalla neo-eletta amministrazione Bush abbiano prodotto i loro effetti, come già era accaduto
con i tagli effettuati da Reagan e da Kennedy.63
Il taglio delle aliquote ha dunque prodotto una crescita degli introiti e uno spostamento dell’onore fiscale sui più ricchi. Fenomeno al quale si è potuto
assistere anche in Russia,64 in Lettonia,65 in Ucraina
(grafico 1.5) e in Estonia (grafico 1.6).

Grafico 1.6: Crescita degli introiti fiscali in Estonia.
Fonte: Elaborazione propria dei dati cortesemente forniti da Katrin Lasn del Ministero delle Finanze Estone.

IBL BRIEFING PAPER
10

Andrea Gilli e Mauro Gilli

A proposito dell’evasione però, ci pare comunque
ragionevole seguire un approccio prevalentemente
teorico: quello empirico presenta dei forti limiti per
lo studio di un fenomeno che per antonomasia non
può essere analizzato empiricamente.66 La teoria (per
inciso: i modelli della rational choice), confermata
comunque dalla pratica, ci dice che una riduzione
delle aliquote può spingere gli evasori ad emergere:
quando si riduce il differenziale tra il costo dell’evasione (sia in termini economici, sia in termini di reputazione) e il suo beneficio, l’incentivo a evadere
cala. Nel caso della flat tax ci sarebbe poi un altro
beneficio: l’elusione fiscale (cioè quei metodi – legali
ma costosi – oggi adottati per ridurre il carico fiscale
grazie alle infinite pieghe di un sistema intricato) verrebbe sostanzialmente ridotta
in quanto, abolendo il complicato sistema di deduzioni, non
sarebbe più conveniente andare alla ricerca dei suoi vari
loopholes per ridurre il proprio
debito verso l’erario.

1.6 Conclusioni

fatto che negli ultimi anni la spesa sanitaria è costantemente aumentata) e l’inadeguatezza dell’istruzione pubblica forniscono solo alcune delle innumerevoli
conferme possibili.
Perché l’Italia possa essere un paese più “equo”, e
quindi perché il sistema fiscale sia realmente “informato a criteri di progressività” come chiede la nostra
Costituzione è dunque necessario porre fine a questa
situazione oltraggiosa, e abbandonare un sistema fiscale vecchio, iniquo e non più adatto a fronteggiare le
esigenze di un’economia globale. Ciò significa ridurre
fortemente il peso dello Stato nell’economia e limitare i trasferimenti solo a favore di chi ne ha veramente
bisogno. La flat tax potrebbe contribuire al raggiungimento di questo obiettivo in quanto, semplificando il
sistema fiscale, permetterebbe
ai cittadini di avere un quadro
molto preciso di quanto lo Stato chiede loro e di quanto offre in cambio. E ciò potrebbe
portare molti contribuenti ad
interrogarsi sulla vera utilità di
mantenere un livello di spesa
in cui i benefici vanno ad una
ristretta minoranza della popolazione, innestando così un circolo virtuoso che sicuramente
non nuocerebbe alla salute di
questo paese.

in Italia la maggior parte
della spesa pubblica “sociale”
va in realtà a favorire le fasce
più abbienti della popolazione
(quelle cioè che sono capaci di
organizzarsi per difendere i
propri interessi)

Nelle pagine precedenti abbiamo ricordato come in Italia
la maggior parte della spesa
pubblica “sociale” vada in realtà a favorire in modo
più o meno diretto anche (quando non soprattutto)
le fasce più abbienti della popolazione (quelle cioè
che sono capaci di organizzarsi per difendere i propri
interessi: dai dipendenti pubblici ai pensionati, dalle
aziende ai professionisti). L’elargizione universale dei
servizi rende difficile calcolare il reale trasferimento
di risorse, ma dall’analisi che abbiamo compiuto sui
tre principali capitoli di spesa “sociale” (pensioni, sanità e istruzione), emerge come questo trasferimento
tenda a favorire i più benestanti.

1.6.1. Equità e semplicità. Sulla base di quanto
detto, un’eventuale riduzione della spesa dovuta all’introduzione della flat tax non comporterebbe alcun
dramma sociale: l’attuale livello di spesa pubblica ha
infatti poco a che fare con la difesa dei più deboli
– i recenti casi di malasanità (considerando anche il

La flat tax contribuirebbe a rendere più equo il nostro paese non solo riducendo l’onere fiscale sui più
deboli, ma anche spostandolo sui più abbienti – riducendo gli incentivi all’evasione e all’elusione. «Non è
un caso – come ha sottolineato recentemente Martino
– che in tutte le riforme fiscali dell’ultimo mezzo secolo (quella di Kennedy all’inizio dei ’60, di Reagan all’inizio degli ’80, quelle in Irlanda, ecc.) la riduzione
delle aliquote ha determinato (...) un aumento della
percentuale del gettito pagata dai contribuenti più
ricchi con conseguente diminuzione di quella pagata
dai contribuenti più poveri».67

1.6.2 La crescita economica e l’aumento degli introiti fiscali. Abbiamo poi ricordato i meriti della flat
tax in merito alla crescita economica e delle entrate

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

fiscali. Ciò significa che, dato l’alto livello delle nostre
aliquote fiscali,68 una loro riduzione potrebbe avere
effetti analoghi a quanto osservato laddove l’aliquota
unica è stata introdotta. Inoltre, in Italia la tassazione
sul reddito garantisce solamente il 14% degli introiti
totali dello Stato: un livello che potrebbe essere garantito da una flat tax del 14% se non si prevedono
esenzioni, o da un’aliquota del 25% con una no-tax
area, come ha suggerito Alvin Rabushka.69
Una riduzione delle imposte avrebbe inoltre un effetto positivo soprattutto su uno dei nostri punti più deboli: l’offerta. Infatti solo rendendo più conveniente il
lavoro al margine si può incentivare una crescita della
sua offerta complessiva. Certo, in questo caso anche
l’ingessatura del mercato del lavoro sembra giocare
un ruolo determinante, ma rimane difficile immaginare che
gli italiani possano decidere di
lavorare di più se il sistema fiscale penalizza il motivo principale di questa loro scelta, la
crescita del reddito.

11

la flat tax non è un silver bullet. Nel caso dell’Italia
sembra però essere l’ultimate bullet.
Anche per questo motivo bisogna riconoscere le
enormi differenze tra i paesi che hanno introdotto
la flat tax e l’Italia. Tra i quali vi sono però anche
due importanti analogie: innanzitutto l’Italia, proprio
come questi paesi alla vigilia delle loro riforme fiscali,
ha un’enorme economia sommersa e, in secondo luogo, “vanta” una pesante eredità del suo passato.
Come ha scritto Laura Pennacchi (deputato dei DS),
i Paesi che hanno adottato la flat tax erano «caratterizzati da amministrazioni fiscali così dissestate da
non essere in grado di esigere nemmeno parte del gettito dovuto»,72 e l’Italia, con un’economia sommersa
del 30%, non può certo essere
esclusa da questa categoria
(come sembra invece fare Pennacchi). Inoltre con l’introduzione della flat tax questi Paesi hanno voluto compiere una
drastica svolta rispetto al loro
passato. Negli ultimi 10 anni il
nostro paese ha invece preferito procedere a piccoli passi, e
il risultato è sotto gli occhi di
tutti.

La flat tax non è la soluzione
a tutti i nostri problemi: non
sostituisce le riforme che bisogna
comunque portare a termine,
non aumenterà la produttività
del settore pubblico e di quello
privato, e non liberalizzerà i
settori protetti

Va poi tenuto in considerazione il fatto che l’attuale
complessità del sistema fiscale
rende più conveniente l’investimento (di tempo e denaro)
nella ricerca di efficaci metodi
di elusione ed evasione piuttosto che nell’economia reale: finché il tasso marginale di rendimento dell’evasione e dell’elusione sarà
nettamente superiore al tasso di remunerazione del
capitale o del lavoro, sarà difficile contrastare efficacemente questi due fenomeni.70

1.6.3. L’unica alternativa rimasta. Detto tutto ciò,
bisogna riconoscere che la flat tax non è la soluzione
a tutti i nostri problemi: non sostituisce le riforme che
bisogna comunque portare a termine, non aumenterà
la produttività del settore pubblico e di quello privato, e non liberalizzerà i settori protetti.
È pura illusione credere che una sola misura possa
avere degli effetti magici: per questo motivo lasciamo volentieri ad altri questo genere di illusioni.71 Pertanto, ci sembra quanto mai necessario essere chiari:

Anche l’Italia ha dunque bisogno di una svolta, e queste deve
innanzitutto mirare a ristabilire la fiducia dei cittadini. Ma sembra difficile che ciò
possa avvenire se lo stesso Stato ha poca fiducia nei
cittadini medesimi, pretendendo di conoscere meglio
di loro come spendere le risorse del paese.73 In secondo luogo è necessario ristabilire la fiducia degli investitori internazionali creando un clima business-friendly, caratterizzato non solo da un “adeguato” livello
di tassazione ma anche da una limitata burocrazia,
risultato raggiunto solo dopo l’introduzione della flat
tax dai Paesi di cui abbiamo parlato in precedenza.
Poiché la sua capacità di generare introiti è direttamente collegata alla crescita del reddito nazionale,
l’aliquota unica sembra avere un effetto de-burocratizzante ben superiore agli atri sistemi fiscali.
Questi due aspetti (limitata imposizione fiscale e
de-burocratizzazione) hanno un ruolo decisivo nel de-

IBL BRIEFING PAPER
12

Andrea Gilli e Mauro Gilli

terminare le scelte degli investitori internazionali:74 e l’Italia mai come in questo momento ha bisogno di capitali
internazionali sia per poter modernizzare la sua industria che per far crescere la produttività dei suoi servizi.

1.6.4 Perché la flat tax in Italia? A questo punto è doveroso spiegare perché, a nostro modo di vedere, è essenziale introdurre una sola aliquota. Innanzitutto, più aliquote indebolirebbero proprio gli effetti prodotti dalla flat
tax, che sono anche quelli di cui l’Italia ha maggiormente bisogno: crescita economica, stimolo all’offerta di lavoro,
disincentivo all’evasione e all’elusione. In secondo luogo solo la flat tax avrebbe un chiaro effetto positivo sul sentiment tanto degli operatori stranieri che di quelli nazionali.
Inoltre, un’aliquota tra il 20 e il 25% l’Italia potrebbe garantire gli stessi introiti fiscali che si ottengono attualmente ma contemporaneamente mantenere anche un sistema progressivo (attraverso una no-tax area) e stimolare tanto
l’attività economica quanto l’emersione dell’economia sommersa.
Esistono poi alcune interessanti alternative che il nostro paese potrebbe considerare: in Grecia per esempio la notax area varia in relazione allo status dei cittadini (lavoratori attivi o pensionati).75 In Italia si potrebbe pensare di
collegare la no-tax area al numero dei membri del nucleo familiare in modo favorire la natalità.76
Ma queste sono in fondo questioni tecniche (anche se pur sempre politiche) che potranno essere esaminate in un
secondo momento. Il primo passo da compiere rimane sempre un altro: attaccare la spina, e passare il ferro da stiro
così da appiattire aliquote fiscali, iniquità e ostacoli alla crescita economica.77

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

13

Note
1. Ringraziamo per l’assistenza e i suggerimenti Mario Seminerio, Andrea Asoni, Daniele Sfregola e Giancarlo Pagliarini.
2. Il meccanismo del sostituto d’imposta non permette ad una moltitudine di soggetti di comprendere quanto del loro reddito
vada a finire nelle casse dello Stato. Inoltre, per i contribuenti diventa estremamente complicato, per non dire impossibile, definire la loro aliquota media se si considerano le detrazioni e i redditi diversi. La percezione reale delle proprie imposte risulta
così fortemente limitata, e per i cittadini diventa praticamente impossibile capire se il bilancio tra imposte pagate e servizi
fruiti è positivo o meno. Un operaio che lavora per un’azienda sussidiata si può infatti sentire tutelato dall’intervento statale
che gli “garantisce il posto di lavoro”. In verità non si rende conto di pagare per lavorare. A nostro modo di vedere quindi, una
migliore conoscenza dell’entità del prelievo favorirebbe anche un maggior interesse nei confronti della spesa. Si veda a proposito Paul Kirchof, “Wenn Bürger wüssten, was man ihnen nimmt“, Neue Zürcher Zeitung, 5 Juni 2004, consultabile all’indirizzo
http://www.bundessteuergesetzbuch.de/press/presse.asp. (trad.: Se i cittadini sapessero cosa viene preso loro.)
3. L’articolo 53.2 della Costituzione della Repubblica Italiana afferma che «il sistema tributario è informato a criteri di progressività».
4. Alvin Rabushka, La semplicità e l’equità della flat tax, IBL Occasional Paper, consultabile all’indirizzo http://brunoleoni.
servingfreedom.net/OP/11_Rabushka.pdf.
5. In Italia, le spese effettuate dai cittadini vengono scaricate con percentuali differenti. Ciò ovviamente risponde a criteri di
equità (anche se è difficile sostenere un sistema siffatto sia alla fine realmente equo), ma alimenta anche l’elusione (quando
non la vera evasione) e l’incertezza, finendo così per ridurre gli introiti fiscali da una parte, e rendere spesso essenziale il ruolo
dei professionisti del fisco.
6. Si veda “Aliquota unica, un’idea per Berlino buona anche per l’Europa”, Il Foglio, 24 agosto 2005. Per quanto riguarda i lavori
di Kirchhof, risulta particolarmente interessante Paul Kirchhof, “Das EStGB – ein Vorschlag zur Reform des Ertragsteuerrechts“,
Deutsches Steuerrecht, 41. Jahrgang 2003, Beihefter 5 zu Heft 37/2003, 10. September 2003, consultabile all’indirizzo http://
www.bundessteuergesetzbuch.de/newsservice/newspics/%7B74AAD04C-D8CF-493F-8B33-00E5A498746E%7DDStR_Beihefter_
zu_Heft_37.pdf.
7. Cfr. Steve Forbes, “One Single Rate”, Wall Street Journal, 15 Agosto 2005. Poiché è difficile calcolare lo stipendio medio
orario negli Stati Uniti, anche a causa del grande range tra i vari redditi, possiamo attribuire uno stipendio forfetario di 10$
l’ora. Ebbene 6,6 miliardi di ore a 10$ l’ora, fa 66 miliardi di $ che sommati ai 100 già stimati portano ad un costo totale di 166
miliardi di dollari.
8. Daniel J. Mitchell, nel suo Testimony al President’s Advisory Panel on Tax Reform consultabile all’indirizzo: http://www.
heritage.org/Research/Taxes/TaxPanelMemo05.cfm. Si veda anche Cato Handbook for Congress: Policy Recommentation for the
108th Congress, Cato Institute, Washington, DC, pp. 242-244, consultabile all’indirizzo: http://www.cato.org/pubs/handbook/
hb108/hb108-24.pdf. Il settimanale britannico The Economist ha ripreso l’idea della cartolina fiscale con una simpatica vignetta comparsa all’interno di una sua inchiesta sulla flat tax, nella quale sottolineava come, sulla base dell’esperienza maturata
in Russia, “il principale vantaggio della flat tax è la sua semplicità”, cfr. “Simplifying tax systems”, The Economist, 16 Aprile
2006.
9. Questa critica è riuscita a fare molti proseliti, tanto da essere accettata addirittura da acuti osservatori come Guido Gentili,
“La sfida della flat tax per destra e sinistra”, Il Sole-24Ore, 13 settembre 2005.
10. Antonio Martino, Flat tax: il grano delle cose, e la paglia delle parole, Istituto Bruno Leoni, http://www.brunoleoni.com/
nextpage.aspx?codice=0000000828.
11. Si veda Silvio Boccalatte, “La flat tax è incostituzionale?”, IBL Focus n.9, 5 settembre 2005, consultabile all’indirizzo http://
brunoleoni.servingfreedom.net/Focus/IBL_Focus_09_Boccalatte.pdf.
12. Roberto Bagnoli, “Rossi: la flat tax? Un’idea per il programma dell’Unione”, Il Corriere della Sera, 22 settembre 2005.
13. Cfr. Allan H. Meltzer e Scott F. Richard, “A Rational Theory of the Size of Government”, in Journal of Political Economy, vol.
89, n. 5 (Oct., 1981), pp. 914-927.
14. Ci sembra che questo argomento sia stato trattato con estrema chiarezza e lucidità da William W. Beach nel suo Testimony
Before the Committee on Ways and Means of the United States House of Representatives, consultabile all’indirizzo http://www.
heritage.org/Research/Taxes/tst060805a.cfm. Sono anche illuminanti le parole di Antonio Martino: “se sono i poveri ad avere
più bisogno di aiuto, perché l’assistenzialismo di Stato è aumentato al diminuire della povertà?” e inoltre “[s]e a questo si aggiunge che il costo dell’assistenzialismo di Stato grava su tutti, anche sui poveri, mentre i benefici vanno spesso a tutti, anche
a coloro che non sono poveri, ci si può rendere conto del fatto che la “socialità” dello Stato assistenziale è perlomeno dubbia,
data la presenza di elementi regressivi di ridistribuzione”. Cfr. Antonio Martino, Solidarietà o Statalismo [Prima parte], 25
aprile 2002, consultabile all’indirizzo http://www.ideazione.com/settimanale/3.economia/64-25-04-2002/martino.htm.
15. Cfr. William W. Lewis, The Power of Productivity, Chicago University Press, Chicago 2004, pp. 275-277. Il titolo del sottoparagrafo ci sembra particolarmente suggestivo: “Where Are the Tax Monies Going?”

IBL BRIEFING PAPER
14

Andrea Gilli e Mauro Gilli

16. Cfr. Giorgio Brosio, Economia e Finanza Pubblica, Carocci, 2° edizione, 1998, p. 265.
17. Cfr. ibidem.
18. Cfr. Chiara Saraceno, “Famiglie Povere con figli minori: l’Italia che non vorremmo (vedere)”, in Il Mulino, 399 (1), 2002, p.
86.
19. Cfr. id., p. 89.
20. Antonio Martino, Semplicemente liberale, Liberilibri, Macerata, 2004, p.76.
21. I sussidi alle imprese in realtà non sono una delle principali voci di spesa. Nelle pagine seguenti spiegheremo però perché li
abbiamo presi in considerazione.
22. Cfr. José Piñera, Pensioni: una riforma per sopravvivere, Rubbettino-Leonardo Facco, Soveria Mannelli, 2005.
23. Cfr. per esempio Tito Boeri, Roberto Perotti, Meno Pensioni Più Welfare, Il Mulino, Bologna 2002.
24. Vincenzo Visco, “Spesa pubblica e procedure di bilancio”, in Il Mulino, 420(4), 2005, p. 498.
25. Il sito internet www.lavoce.info offre alcuni brillanti ed interessanti interventi. Per quanto riguarda il carattere poco progressivo della nostra spesa pensionistica cfr. per esempio Tito Boeri e Agar Brugiavini, I costi di transizione, consultabile all’indirizzo http://www.lavoce.info/news/view.php?id=13&cms_pk=576&from=index; e Cristiano Gori, Anziani in cerca di risposta,
consultabile all’indirizzo http://www.lavoce.info/news/view.php?id=13&cms_pk=626&from=index. Si guardino inoltre i dati
forniti da Giuseppe A. Micheli, Anziani, un problema delle figlie, consultabile all’indirizzo http://www.lavoce.info/news/view.
php?id=13&cms_pk=1057&from=index per quanto riguarda la distribuzione sociale del deterioramento delle condizioni di vita
degli anziani.
26. Cfr. http://www.farmindustria.it/Farmindustria/documenti/in200504.pdf.
27. Antonio Martino, Solidarietà o Statalismo [Prima parte], 25 aprile 2002.
28. Antonio Martino, Solidarietà o Statalismo [Seconda parte], 2 maggio 2002, consultabile all’indirizzo http://www.ideazione.
com/settimanale/3.economia/65-10-05-2002/65martino.htm.
29. Andrea Casalegno ha riconosciuto recentemente come “le risorse che investiamo non sono poche: dalla scuola materna alla
secondaria superiore [...] spendiamo per studente più della media dei Paesi Ocse. Eppure nei confronti internazionali i nostri
quindicenni si collocano sotto la media Ocse nelle prove di lingua, matematica, scienze e risoluzione di problemi”. Cfr. Andrea
Casalegno, “In Italia un’istruzione senza qualità”, Il Sole-24Ore, 14 settembre 2005, p. 13. Per quanto riguarda la qualità della
spesa pubblica per l’istruzione in Italia, si veda OECD, Education at a glance: OECD Indicators 2005, OECD, 2005, il cui riepilogo
è disponibile all’indirizzo http://www.oecd.org/document/34/0,2340,en_2649_34515_35289570_1_1_1_1,00.html. A proposito
del sistema scolastico italiano, vale la pena anche leggere la breve analisi di Antonio Schizzerotto, “I deficit della scuola partono dalla cattedra”, Il Sole-24Ore, 21 settembre 2005. Poiché il nostro paese è in grado di produrre dei laureati, ciò non può che
significare che vi sia un’enorme differenza nella qualità dell’istruzione secondaria, che dipende in primo luogo dal di istituto
frequentato e della sua collocazione geografica. Poiché gli studenti dei licei sono generalmente più propensi a continuare gli
studi, è molto probabile che i gravi deficit siano registrati soprattutto negli istituti tecnici, i cui studenti trovano maggiori difficoltà nell’università, se mai vi si iscrivono. Per quanto riguarda la spesa per l’istruzione, risulta molto interessante Costanza
Bettoni, Giorgio Asquini (a cura di), La spesa pubblica per istruzione e cultura in Italia: i principali indicatori, Istituto Nazionale
per la Valutazione dell’Istruzione, Roma, marzo 2002, consultabile all’indirizzo http://archivio.invalsi.it/web-est/aspis/cede.
pdf.
30. È importante sottolineare come da una parte le famiglie più abbienti iscrivano i loro figli nella scuola pubblica pagando in
questo modo tasse scolastiche modestissime; e dall’altra li mandino ad imparare la lingua inglese all’estero presso scuole o
agenzie private pagando alcune migliaia euro per poche settimane. La contraddizione intrinseca di questa situazione viene
pagata dai contribuenti – anche da quelli poveri – che permettono alle famiglie più abbienti di accedere ad un servizio (l’istruzione pubblica) ad un costo irrisorio. Poiché molte famiglie non hanno alcun problema a ricorrere all’istruzione privata nei
periodi estivi, ci si deve interrogare sull’opportunità di garantire loro la possibilità di fruire dell’istruzione pubblica ad un costo
al limite del ridicolo.
31. Un esempio lo fornisce in questo caso il Politecnico di Torino, nel quale su 4335 studenti immatricolati nel 2001, solo 2254
avevano superato l’esame di inglese alla fine di giugno 2004. Cfr. http://www2.polito.it/strutture/cpd/conv/V4-07-06.htm.
32. Cfr. Roberto Bagnoli, “Rossi: la flat tax? Un’idea per il programma dell’Unione”, Il Corriere della Sera, 22 settembre 2005.
33. Molte strutture universitarie sono infatti impreparate ad accogliere tutti gli studenti iscritti nel caso in cui questi frequentassero le lezioni.
34. Si veda Pascal Salin, “Campioni nazionali, rischio protezionista”, Il Sole-24Ore, 21 novembre 2004.
35. Rajan e Zingales hanno usato un termine quanto mai opportuno parlando di “scudi umani”. Con esso si riferivano agli operai
mandati a manifestare in piazza contro la possibile perdita del loro posto di lavoro, per fare pressione sul Governo, e costringerlo ad elargire sussidi richiesti alle aziende. Cfr. Rajan R., Zingales L., Salvare il capitalismo dai capitalisti, Einaudi, 2004,
pp. 271 e segg.
36. Boeri si riferisce alla liquidazione percepita dagli ex amministratori delegati Fiat Cesare Romiti e Paolo Cantarella. Cfr. Tito

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

15

Boeri, Vizi privati e costi pubblici, consultabile all’indirizzo http://www.lavoce.info/news/view.php?SEARCH=maroni&ACTION
=search&AUTHOR=&RECORD_PAGE=5&button.x=0&button.y=0&id=27&cms_pk=150&from=index.
37. Cfr. Massimo Mucchetti, Licenziare i Padroni?, Feltrinelli, Milano 2003, p. 65.
38. Cfr. Tito Boeri, Vizi privati e costi pubblici.
39. Alberto Alesina, Il declino relativo della nostra economia, consultabile all’indirizzo http://www.indicod-ecr.it/tendenze/
num_50/pdf/DECLINO_ECONOMIA.pdf.
40. Foerster e Pearson hanno evidenziato come in Italia i poveri percepiscano poco più del 20% dei trasferimenti monetari netti
contro il 34% ricevuto dai ricchi e uno strabiliante 46% ricevuto dalle classi medie. Non sembrano necessari ulteriori commenti
a questi dati. Si veda a proposito Michael Foerster and Mark Pearson, Income Distribution and Poverty in the OECD Area: Trends
and Driving forces, OECD Economic Studies, no. 34, p. 21,31.
41. Si veda http://www.labitalia.com/articles/Approfondimenti/7992.html.
42. Federal Ministry of Finance, Austria Tax Book 2005: Advice on Tax Assessment for Employees in 2004, p. 3; consultabile all’indirizzo http://english.bmf.gv.at/Service/pub/tax2005.pdf.
43. Cfr. Oscar Giannino, La questione fiscale, IBL Occasional Paper n. 13, 20 aprile 2005, p. 2, consultabile all’indirizzo http://
brunoleoni.servingfreedom.net/OP/13_Giannino.pdf; e Antonio Martino, Ronald Reagan: L’ingenuo cowboy che salvò l’America, IBL Occasional Papers, p.3, consultabile all’indirizzo http://brunoleoni.servingfreedom.net/OP/5_Reagan.PDF.
44. Daniel Mitchell, The Correct Way to Measure the Revenue Impact of Changes in Tax Rates, (consultabile all’indirizzo http://
www.heritage.org/Research/Taxes/BG1544.cfm): si veda Chart 6: Rich Paid More Under 1960s Kennedy Tax Cuts (http://www.
heritage.org/Research/Taxes/images/B_1544_chart-6.gif).
45. Si veda David Friedman, L’ingranaggio della libertà, Macerata, Liberilibri, 1997, pp.49-55.
46. Olaf Gersemann, Cowboy Capitalism: European Miths, American Reality, Cato Institute, Washington, DC, 2004, pp. 11-15.
A proposito dei tre scenari, dobbiamo ricordare di non aver preso in considerazione lo scenario migliore perchè, a detta dello
stesso Gersemann, è palesemente irrealistica.
47. Cfr. Oscar Giannino, op. cit., p. 2.
48. Per essere più precisi, una crescita del reddito anche minima ha un valore assai superiore per i redditi più bassi anche qualora
essa sia percentualmente inferiore a quella dei redditi più elevati. Seguendo gli insegnamenti della microeconomia: l’utilità
marginale di un bene, nel nostro caso il reddito, è superiore quando la sua disponibilità è più limitata.
49. Carlo Stagnaro, “Silvio, copiaci: ridurremo le tasse al 20%”, Libero, 24 novembre 2004.
50. Arthur B. Laffer, The Laffer Curve: Past, Present and Future, 2004, Fig. 8: Average Annual GDP growth in Select Countries
Before and After Flat Tax Implementation, p. 21. consultabile all’indirizzo www.eftr.org.
51. Tra i tanti dichiarati o presunti tali aderenti al partito, segnaliamo Fabrizio Galimberti, “Spesa pubblica, necessità e illusioni”, Il Sole-24Ore, 29 giugno 2005.
52. Cfr. Vincenzo Visco, “La flat tax italiana? È l’imposta regionale”, Il Sole-24Ore, 25 settembre 2005, p. 3.
53. Cfr. Edward C. Prescott e W.P. Charey Chair, “Why do Americans Work So Much More Than Europeans”, in Federal Riserve
Bank of Minneapolis Quarterly Review, Vol. 28, No. 1, July 2004, pp.2-13, consultabile all’indirizzo http://woodrow.mpls.frb.
fed.us/research/qr/qr2811.pdf; si veda anche Alberto Alesina, Edward Glasner and Bruce Sacerdote, “Work and Leisure in US
and Europe: Why so different?”, March 2005, consultabile all’indirizzo http://post.economics.harvard.edu/faculty/alesina/
papers/work_leisure.pdf.
54. Si ricordi la teoria dell’equivalenza ricardiana.
55. Cfr. http://w3.unece.org/pxweb/Dialog/statfile1_new.asp.
56. Per tassi europei di crescita economica intendiamo i famosi “zero virgola”. Infatti nel triennio precedente l’Austria è cresciuta rispettivamente dello 0,75%, 1,25% e 0,75%.
57. Cfr. http://devdata.worldbank.org/data-query/.
58. Daniel Mitchell, The Correct Way to Measure the Revenue Impact of Changes in Tax Rates, consultabile all’indirizzo http://
www.heritage.org/Research/Taxes/BG1544.cfm.
59. Antonio Martino, Ronald Reagan: L’ingenuo cowboy che salvò l’America, op. cit..
60. Oscar Giannino, op. cit.
61. Cfr. Vincenzo Visco, “La flat tax italiana? È l’imposta regionale”.
62. Tra il 1961 e il 1968 gli introiti fiscali crebbero infatti del 62%
63. Il grafico è basato su una previsione confermata nella prima metà di giugno dall’Office of Management and Budget’s Mid-Session Review. Cfr. a proposito Brian Riedl and Rea S. Hederman Jr, The Tax Cuts Are Working, Yet Spending Challenges Remain,
consultabile all’indirizzo http://www.heritage.org/Research/Budget/wm794.cfm.
64. Id., p. 22, Fig. 9: Russian Annual Tax Base.
65. Cfr. Ministry Of Finance, Republic of Latvia, Pocket Budget: The Central Government Budget for (1994-2005), consultabili sul
sito del Ministero delle Finanze lettone http://www.fm.gov.lv/index.php?id=8.

IBL BRIEFING PAPER
16

Andrea Gilli e Mauro Gilli

66. Quando è necessario affrontare un fenomeno illegale, l’approccio empirico risulta infatti inefficace. Una brillante spiegazione è offerta da Fabio Armao, “Le Mafie: La prospettiva cosmo-politica”, in Manuale di Relazioni Internazionali, a cura di
G.J. Ikenberry e V.E. Parsi, Gius. e Laterza e figli, Roma-Bari, 2003, pp. 238-239. Un breve riassunto delle più recenti stime
sul fenomeno può comunque essere trovato in Riccardo Faini, Silvia Giannini, Daniel Gros, Fiorella Kostoris Padoa Schioppa e
Giuseppe Pisauro, La vulnerabilità dei conti pubblici italiani, pp. 24-26 consultabile all’indirizzo http://www.lavoce.info/
news/attach/rapportoconti_pubblici_2.doc.
67. Antonio Martino, Ancora sulla Flat Tax, consultabile all’indirizzo http://www.brunoleoni.com/nextpage.aspx?codice=00000
00906.
68. Non sarebbe necessario ricordarlo, eppure alcuni autori hanno avuto l’ardire di sostenere che “[l]’Italia... non è un paese
nel complesso troppo tassato”. Cfr. Riccardo Faini, Silvia Giannini, Daniel Gros, Fiorella Kostoris Padoa Schioppa e Giuseppe
Pisauro, op. cit., p. 15.
69. Alvin Rabushka, Semplicità ed equità: le virtù della flat tax, 2005. Cfr. anche Riccardo Faini, Silvia Giannini, Daniel Gros,
Fiorella Kostoris Padoa Schioppa e Giuseppe Pisauro, op. cit., Figura 3: Imposte dirette, imposte indirette (al lordo e al netto
di Irap) e contributi sociali in % del Pil; Italia 1995-2004, p. 18.
70. Il tasso marginale di rendimento dell’evasione è pari all’aliquota marginale a cui sarebbe soggetto un reddito “aggiuntivo”
meno i costi necessari per evadere. In Italia, per esempio, il reddito superiore a 26.000 euro è soggetto ad un’aliquota del 33%,
contro una precedente del 23%. In questo caso il tasso marginale di rendimento dell’evasione è del 33% meno i costi necessari
per rendere possibile l’evasione. In modo analogo, il rendimento marginale dell’elusione è pari al 10% del reddito aggiuntivo
nascosto al fisco meno i costi necessari per attuarla. Con il crescere delle aliquote, il loro rendimento marginale aumenta, e
dunque investire nell’evasione e nell’elusione conviene.
71. Sugli effetti del sistema scandinavo, e in particolare di quello svedese, si veda per esempio Desmond Lachman, Challenger
to Swedish Welfare State, International Monetary Fund, Washington, DC, 1995; Peter Stein, Sweden: From Capitalist Success
to Welfare-State Sclerosis, Cato Policy Analysis No. 160, September 10, 1991, Cato Institute, Washington, DC, consultabile all’indirizzo http://www.cato.org/pubs/pas/pa-160.html. Un’interessante analisi di Tino Sanandaji, Ph.D candidate in Economia
presso l’Università di Chicago, informa invece della disoccupazione reale in Svezia, che si aggirerebbe intorno al 20%. Il testo
della breve indagine è consultabile all’indirizzo http://www.bloggers.it/ispirati/index.cfm?blogaction=permalink&id=C990D69
C-C7A2-B6B5-F7BC6198EAEDA862&file=blog_6_2005.xml.
72. Cfr. Laura Pennacchi, “Ridurre le tasse? Non sempre fa bene al Pil”, Il Sole-24Ore, 6 ottobre 2005.
73. Particolarmente interessanti sono le conclusioni a cui arriva un recente studio secondo il quale se una società crede che gli
sforzi dell’individuo possono determinare il suo reddito e che tutti hanno diritto a godersi i frutti dei propri sforzi, allora questa società sceglierà un basso livello di ridistribuzione e di tassazione. Se invece una società crede che la fortuna, la nascita
e le conoscenze o addirittura la corruzione siano le determinanti del proprio benessere, allora essa sceglierà un alto livello di
tassazione, distorcendo quindi l’allocazione delle risorse. Cfr. Alberto Alesina and George-Marios Angeletos, Fairness and Distribution, consultabile all’indirizzo http://post.economics.harvard.edu/faculty/alesina/papers/fairness.pdf.
74. Si veda Agnes Benassy-Quere, Lionel Fontagne and Amina Lahreche-Revil, Tax Competition and Foreign Direct Investment,
Center for Exploratory Studies and International Information, December 2003. http://www.cepii.fr/anglaisgraph/workpap/
summaries/2003/wp03-17.htm. Non è un caso che la Grecia, un paese che per molti versi soffre dei nostri stessi problemi, ha
recentemente introdotto la flat tax per far crescere la competitività delle imprese e attirare investimenti. Vedi Hellenic Republic, Ministry of Economy and Finance, General Accounting Office, Government Budget Report 2005, Athens, December 2004,
p. 6, consultabile all’indirizzo http://www.mof-glk.gr/en/budget/exec_sum_2005.pdf.
75. Hellenic Republic, Ministry of Economy and Finance, General Accounting Office, op. cit. , p. 2.
76. Una proposta simile, ma più complessa, è stata formulata dal prof. Paul Kirchof. Cfr. Paul Kirchof, Das Wichtigste in 10 Punkten, consultabile all’indirizzo http://www.bundessteuergesetzbuch.de/press/presse.asp.
77. Abbiamo preso a prestito questa simpatica metafora dalla copertina del settimanale The Economist che trattando la diffusione della flat tax mise appunto in prima pagina un ferro da stiro. Cfr. The Economist, 16 aprile 2005.

BRIEFING PAPER

IBL

Crescita economica ed equità

17

IBL

BRIEFING PAPER
CHI SIAMO
L’Istituto Bruno Leoni (IBL), intitolato al grande
giurista e filosofo torinese, nasce con l’ambizione
di
stimolare il dibattito pubblico, in Italia,
promuovendo in modo puntuale e rigoroso un
punto di vista autenticamente liberale.
L’IBL
intende studiare, promuovere e diffondere gli ideali del mercato,
della proprietà privata, e della libertà di scambio. Attraverso la
pubblicazione di libri (sia di taglio accademico, sia divulgativi),
l’organizzazione di convegni, la diffusione di articoli sulla stampa
nazionale e internazionale, l’elaborazione di brevi studi e briefing
papers, l’IBL mira ad orientare il processo decisionale, ad informare
al meglio la pubblica opinione, a crescere una nuova generazione
di intellettuali e studiosi sensibili alle ragioni della libertà.

COSA VOGLIAMO
La nostra filosofia è conosciuta sotto molte
etichette: “liberale”, “liberista”, “individualista”,
“libertaria”. I nomi non contano. Ciò che importa
è che a orientare la nostra azione è la fedeltà a
quello che Lord Acton ha definito “il fine politico
supremo”: la libertà individuale. In un’epoca nella quale i nemici
della libertà sembrano acquistare nuovo vigore, l’IBL vuole
promuovere le ragioni della libertà attraverso studi e ricerche
puntuali e rigorosi, ma al contempo scevri da ogni tecnicismo.

I BRIEFING PAPERS
I “Briefing Papers” dell’Istituto Bruno Leoni vogliono
mettere a disposizione di tutti, e in particolare dei
professionisti dell’informazione, un punto di vista
originale e coerentemente liberale su questioni d’attualità di sicuro
interesse. I Briefing Papers vengono pubblicati e divulgati ogni mese.
Essi sono liberamente scaricabili dal sito www.brunoleoni.it.

Istituto Bruno Leoni – Via Bossi 1 – 10144 Torino – Italy
Tel.: (+39) 011.070.2087 – Fax: (+39) 011.437.1384 – www.brunoleoni.it – info@brunoleoni.it

IBL

Istituto Bruno Leoni



Parole chiave correlate