File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



GUIDA SCAVI COMPLETA .pdf



Nome del file originale: GUIDA SCAVI COMPLETA.pdf
Autore: Antonello Scorziello

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / OpenOffice.org 2.4, ed è stato inviato su file-pdf.it il 19/11/2014 alle 10:44, dall'indirizzo IP 37.99.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2738 volte.
Dimensione del file: 593 KB (22 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


L’area Archeologica

-

L’IMPIANTO URBANO

-

IL CIRCUITO DELLE MURA
-

Porta Marina

-

Porta Sirena

-

LE AREE SACRE
-

Santuario settentrionale
-

-

-

Santuario meridionale
-

“Basilica”

-

“Tempio di Nettuno”

LE AREE PUBBLICHE
-

-

-

Athenaion

Agora
-

c.d. sacello ipogeico (heroon)

-

Ekklesiasterion

Foro
-

Comitium, Curia, Carcer (o Aerarium)

-

c.d. Curia

-

“Tempio della Pace”

-

Santuario con natatio (piscina)

Anfiteatro

LE AREE ABITATIVE

1

Impianto urbano
Intorno al 600 a.C. la colonia greca di Sibari diede vita, a sud della foce del Sele, alla città di
Poseidonia. L’area territoriale della città, ubicata nella parte meridionale della grande pianura
alluvionale del golfo di Salerno attraversata dal Sele, è delimitata a nord dal fiume stesso, a est dai
primi rilievi collinari tra cui i monti Calpazio, Sottano e Soprano, a sud dalle colline di Agropoli e si
prolunga fino al mare ad occidente. La pianura è, inoltre, solcata dal Capodifiume che lambisce a
sud la città, e dai fiumi Solofrone (oggi non piu’ esistente) e Testene.
L’impianto urbano di età greca si sviluppava lungo la terrazza calcarea, collocata al centro della
pianura e in antico leggermente sopraelevata rispetto ad essa.
La cinta di fortificazione racchiude un’area i cui limiti sono indicati dalla necropoli di
Andriuolo-Laghetto, posta a ridosso dell’attuale cinta muraria nord-orientale, la laguna a ovest, il
corso di Capodifiume ed il santuario di Santa Venera a sud. Ancora incerto il limite orientale del
primo insediamento che va ubicato nell’area compresa tra il Museo Archeologico Nazionale e la
successiva cinta muraria.
Non molto dopo la fondazione della città l’area urbana venne divisa in grandi zone funzionali.
Un’ampia fascia fu riservata alla costruzione dei santuari urbani e all’agora, mentre ad ovest si
svilupparono i quartieri abitativi.
L’area destinata alle funzioni pubbliche fu delimitata ad ovest da un ampio asse viario (10,50
m. di larghezza), orientato in senso nord/sud, che si incrociava ad angolo retto con tre assi viari di
grandi dimensioni (plateiai) orientati est/ovest: uno a nord largo 12 m, uno al centro largo 18,20 ed
una a sud largo 10 m. Le tre plateiai suddividevano la fascia pubblica in tre settori, di cui due,
2

settentrionale e meridionale, occupati dai santuari urbani e quello centrale destinato all’agora.
Un grande sviluppo edilizio si ebbe intorno al 550 a.C. con la costruzione dell’imponente
tempio di Hera (c.d. Basilica), delle strade perpendicolari e, verso la fine del secolo, del c.d. sacello
ipogeico nella zona dell’agorà e del tempio di Athena nel santuario settentrionale.
La città conobbe un periodo di grande fervore edilizio, senz’altro ricollegabile ad un
particolare sviluppo economico, tra l’ultimo trentennio del VI secolo a.C. e la metà del secolo
successivo.
L’assetto urbano della città greca si conservò pressoché intatto in età lucana, la maggior parte
dei monumenti pubblici, più o meno ristrutturati, continuò ad esser utilizzata talvolta con le
medesime funzioni.

Il circuito delle mura
La cinta muraria di Paestum costituisce uno dei sistemi di fortificazione meglio conservati
della Magna Grecia. Si sviluppa sttraverso un circuito di 4.750 metri, seguendo l’andamento del
banco di travertino sul quale sorge la città, lungo un percorso grossomodo pentagonale, con il lato
minore rivolto verso la costa. Il circuito è pienamente visibile percorrendo la strada moderna che
copre l’antico fossato e che gira tutt’intorno alle mura. La cinta presenta uno spessore medio di
cinque metri e massimo di sette, ma non si conserva per tutta la sua altezza che doveva aggirarsi
intorno ai sette metri.
Le mura sono costruite in blocchi di calcare squadrati, disposti a formare due paramenti
piuttosto spessi, collegati da briglie di contenimento. Lungo il circuito si possono osservare ben 28
3

torri di forma generalmente quadrangolare, circolare ed una pentagonale, poste a difesa delle porte;
due delle torri quadrangolari, sul lato sud-orientale, furono integralmente restaurate nell’Ottocento;
una di esse è tuttora utilizzata come sede della Fondazione Paestum e della sua biblioteca. La
maggior parte di queste torri ha un basamento pieno ed è accessibile solo dal cammino di ronda,
mentre altre presentavano inferiormente un accesso anche dall’interno della città.
In corrispondenza dei punti cardinali e delle due arterie principali della città, si aprono le
quattro porte principali d’accesso: Porta Marina ad ovest, Porta Aurea a nord, Porta Sirena ad est e
Porta Giustizia a sud.
Alle porte si aggiungono altre 47 piccole aperture o postierle, funzionali sia all’organizzazione
della difesa e ad eventuali sortite in caso di guerra, sia ad un più facile accesso alla città in tempo di
pace.
È probabile che il limite della città, nelle fasi più antiche, non si discostasse molto da quello
marcato in seguito dalla cinta muraria. Tale limite era forse segnato soltanto da una palizzata o da un
aggere all’interno del quale non era possibile seppellire i morti. Tracce di una cinta muraria piu’
antica sono state di recente individuate sul versante meridionale presso Porta Giustizia.
Puntualizzazioni sulla cronologia saranno possibili in seguito alle ricerche lungo il tratto sud-est
dove sono tuttora in corso attività di scavo e restauro.
Le strutture oggi visibili sono per lo più il risultato di modifiche e restauri compresi nell’arco
cronologico tra il IV e il I secolo a.C.
Un forte intervento distruttivo fu senza dubbio causato dalla costruzione della “Via delle
Calabrie” (odierna via della Magna Grecia, ex statale 18) che, realizzata nel 1828 dal governo
borbonico, attraversa ancora oggi la città antica, dividendola in due. La costruzione della strada
4

provocò la quasi totale distruzione della porta settentrionale, detta Aurea, dell’anfiteatro e di un tratto
delle mura a sud.

PORTA MARINA

Così chiamata poiché posta dal lato del mare, essa è la più imponente tra i vani di accesso della
cinta e costituisce un complesso particolarmente interessante. Presenta all'interno un grandioso
vestibolo, con muri poderosi e corpi di guardia, chiuso verso l'esterno con due torri circolari che ne
difendevano l’ingresso; di esse si conserva solo la settentrionale, poiché la meridionale fu distrutta
nel rifacimento di epoca romana della cinta.

PORTA SIRENA

Posta ad est, è cosi chiamata poiché la chiave di volta del suo arco è ornata da un bassorilievo,
ora poco distinguibile, rappresentante una Scilla con due code di pesce, erroneamente interpretata
come una sirena. La porta, interamente conservata nella sua struttura, presenta due bastioni
quadrangolari, cortile centrale, ingresso interno chiuso ed esterno sormontato da un arco a tutto
sesto. All'interno, ai lati dell'apertura, sono due scale, che conducevano ai cammini di ronda sulle
mura.

Le aree sacre
All’interno della città sono ubicati due grandi santuari urbani: l’Athenaion a nord e l’Heraion a
sud.

5

Nel temenos (lo spazio consacrato) del santuario meridionale, destinato alla dea Hera, furono
eretti il più antico e il più recente dei tre grandi templi di Poseidonia; sul lato opposto dell’agora,
circa 500 metri più a nord, fu invece costruito solo in epoca tardo-arcaica l’altro santuario, dedicato
ad Atena.
I nomi con cui ancora oggi sono conosciuti furono attribuiti loro a partire dal Settecento dai
primi viaggiatori e studiosi. L’edificio meridionale fu interpretato come una basilica romana, mentre
il tempio situato immediatamente a nord, fu attribuito a Nettuno, il corrispettivo di Poseidonion a cui
‘doveva’ essere dedicato il più grande dei tre templi; il terzo edificio, situato all’estremità opposta
della città, ed in prossimità di una delle porte, si pensò fosse consacrato a Cerere.
Ricerche successive hanno consentito di precisare le attribuzioni dei templi, sebbene nella letteratura
si siano mantenuti i nomi convenzionali. È stato così possibile attribuire ad Hera il grande santuario
meridionale al cui interno si impiantano diversi altri culti, e ad Atena quello settentrionale.

Santuario settentrionale

Limitata a sud dalla plateia (arteria stradale di grandi dimensioni) che procede in senso
est/ovest e che fungeva da separazione con l’agora, l’area santuariale era delimitata sul lato
occidentale dalla plateia in senso nord/sud, oggi non più visibile; ignoti sono i limiti settentrionale
ed orientale.
L’area fu occupata sin dalla prima generazione di coloni da un tempietto arcaico i cui resti sono
ancora visibili e cui appartengono le lastre fittili pertinenti alla cornice di gronda, esposta nel Museo
Archeologico nella sezione dei santuari urbani ed extraurbani della città.
La colonna, che sorge isolata al di sopra di una base a tre gradini, è frutto di una ricostruzione
6

arbitraria realizzata negli anni ‘50 con materiale antico.

Il Tempio di Athena

Dedicato alla dea Athena, come attesta soprattutto il rinvenimento di numerosi ex voto di
terracotta con la figura della dea armata, l'edificio, di ordine dorico, fu eretto intorno al 500 a.C. nel
santuario settentrionale. Il tempio, con stilobate di 14,54 x 32,88 metri, si distingue per un raffinato
senso estetico, espresso nello schema impostato secondo rigorosi rapporti geometrici; si tratta di un
periptero esastilo, con sei colonne sui lati brevi e tredici sui lati lunghi, su una crepidine di tre
gradini, la cui cella, preceduta da pronao con colonnato ionico, fu realizzata con una proporzione di
1:3 tra lunghezza e larghezza. Tra il pronao e la cella sono visibili i resti delle scale che servivano
per accedere al tetto per le periodiche manutenzioni. Sul lato orientale, che costituiva la fronte
principale, è posta una rampa d’accesso.
La cella, destinata a ricevere la statua di culto, è oggi scomparsa quasi del tutto; rimane in situ
solo la base del pavimento, sopraelevato di circa 1 metro rispetto al peristilio, mentre due capitelli
ionici del colonnato antistante sono conservati insieme ad altri elementi architettonici del tempio
nella sezione dei santuari urbani ed extraurbani del museo, insieme a parte della cornice con
gronde leonine in pietra arenaria.
La peristasi, in eccellente stato di conservazione, presenta tutte le 34 colonne ancora in piedi, a
sostenere il peso dell’architrave, perfettamente integro. Le colonne hanno proporzioni slanciate, con
un’entasi poco pronunciata.
Della decorazione architettonica in arenaria si conservano, in buono stato, oltre a parte di un
triglifo e a un elemento della cornice di coronamento del fregio, alcuni blocchi della sima, con
7

gronde a testa leonina sporgenti da uno sfondo ornato da palmette e fiori di loto profondamente
incisi, tali da realizzare un vivo effetto cromatico. Sui lati brevi le parti centrali della trabeazione del
tempio, con fregio dorico e timpano, sono state ricostruite. I capitelli ionici costituiscono gli unici
esempi monumentali d’età arcaica ritrovati in Magna Graecia. Stilisticamente presentano una
singolare commistione di elementi dorici e ionici, caratteristiche che trovano riscontro nel coevo
Tempio Maggiore all'Heraion alla foce del Sele.
Ad est del tempio, a circa 30 metri, è posto l’altare su cui si svolgeva il culto vero e proprio,
secondo la tradizione religiosa greca.
In epoca tardo antica (VII-VIII sec. d.C.) il tempio fu trasformato in luogo di culto cristiano,
con la chiusura degli spazi tra le colonne, l’abbattimento delle pareti della cella e la deposizione di
sepolture nell’ambulacro meridionale; ormai in abbandono, l’edificio fu utilizzato nell’Ottocento
come stalla.

Il santuario meridionale

c.d. Basilica (Tempio di Hera)

È il più antico dei tre templi dorici, risalente al terzo venticinquennio del VI secolo a.C. Si
tratta un periptero con 9 colonne sui lati brevi e 18 sui lunghi che si erge su una piattaforma di 25 x
55 metri, impropriamente denominato “Basilica” fin dal Settecento, quando il tempio, sia per la
mancanza dei frontoni sia per il numero dispari di colonne sui lati brevi, fu ritenuto una basilica
romana.
La cella (naos), preceduta da un pronao con tre colonne fra le ante, era divisa in due navate da
8

un colonnato mediano; dal fondo della cella si accedeva all’adyton, un vano chiuso, sacro ed
inaccessibile .
Le indagini stratigrafiche hanno permesso di stabilire che in una prima fase il progetto del
tempio prevedeva una cella amfiprostila, cioè con due vani, anteriore e posteriore (pronao ed
opistodomo), entrambi con colonne in antis. Tale ripartizione fu, poi, modificata, adottando la
soluzione ora visibile, con la sostituzione dell’opistodomo con un adyton (nel quale era forse
conservato il tesoro del tempio).
Le colonne sono rastremate nella parte alta (ossia il loro diametro alla sommità è sensibilmente
inferiore al diametro di base della colonna stessa) e presentano una sensibile entasi (rigonfiamento
del fusto), a circa metà dell’altezza della colonna stessa. I capitelli presentano un collarino di foglie
baccellate nella parte bassa, nel punto in cui il capitello si congiunge alla colonna; alcuni capitelli del
lato occidentale presentano anche una fascia decorata a palmette e fiori di loto.
Dell’architrave si conserva l’intero perimetro, compresi alcuni blocchi retrostanti il fregio,
oggi scomparso; non restano, invece, tracce delle terrecotte architettoniche che rivestivano il tetto.
In base agli ex voto e alle iscrizioni trovate nelle vicinanze, è possibile riconoscere in Hera la
divinità tutelare del tempio.
Sul grande altare, coevo all’edificio templare e collocato, come solitamente avviene, dinanzi al
lato orientale, si svolgevano i riti in onore della divinità.

9

Tempio di Nettuno

Nel santuario meridionale, accanto alla “Basilica” e’ il cosiddetto Tempio di Nettuno, su una
lieve altura che ne esalta la monumentalità. Esso, insieme all’Hephaisteion di Atene e al cosiddetto
Tempio della Concordia di Agrigento, è uno dei tre templi meglio conservati del mondo greco.
L’edificio poseidoniate, noto nelle guide più antiche come Heraion II, fu realizzato intorno alla
metà del V secolo a.C. e viene considerato la massima espressione dell’architettura dorica
occidentale.
Su un basamento di tre gradini si eleva una peristasi (colonnato che circonda il tempio) di
ordine dorico con sei colonne sulla fronte e quattordici sui lati lunghi (invece della canonica peristasi
dorica di 6 x 13 colonne), con uno stilobate di 24 x 60 metri circa (di dimensioni, dunque, di poco
inferiori a quelle del tempio di Zeus ad Olimpia, cui si rifà nello schema più generale).
Le colonne presentano ventiquattro scanalature ed un leggera entasi lungo il fusto, frutto di
un’ormai consumata tecnica costruttiva; esse sorreggono un architrave sul quale si trova il fregio,
composto di triglifi e metope non decorate. Anche i triangoli frontonali, quasi interamente
conservati, erano privi di decorazione plastica.
La cella presenta i canonici vestiboli d’ingresso e retrostante (pronao ed opistodomo) con due
colonne doriche tra le ante, ed è divisa in tre navate tramite due file di sette colonne, a loro volta
raddoppiate in due ordini sovrapposti, con una peculiarità che richiama il tempio di Zeus ad
Olimpia.
Ai lati dell’entrata si ritrovano due scale a chiocciola, nascoste, che conducevano al tetto, simili
a quelle del tempio di Athena nel santuario settentrionale.
10

L’attribuzione a Nettuno non è suffragata da alcuna evidenza archeologica o epigrafica; negli
ultimi anni e’ stata generalmente accolta l’attribuzione ad Apollo formulata da Mario Torelli anche se
taluni ritengono il tempio un Olympieion (tempio dedicato a Zeus).

Le aree pubbliche
La ripartizione in aree funzionali della città riservò, sin dal momento della fondazione, l’area
compresa tra i settori occupati dalle due grandi aree santuariali, settentrionale e meridionale, a spazio
per edifici con funzioni pubbliche. In essa trovarono posto gli edifici più importanti per lo
svolgimento della vita politica della città greca, primo tra tutti l’ekklesiasterion, accanto ad altri
come il c.d. sacello ipogeico, più probabilmente un heroon.

Agora

Spazio politico per eccellenza di una città greca, destinato fin dalla fondazione della colonia ad
essere l’epicentro della vita politica e sociale della citta’, l’agora è stata riconosciuta in seguito
all’individuazione di due edifici di particolare valore politico quali il c.d. sacello ipogeico (heroon) e
l’ekklesiasterion .
In età lucana la parte centrale della fascia pubblica fu mantenuta come spazio civile, come
conferma la conservazione dei suoi due edifici più significativi, l’heroon e l’ekklesiasterion.
In questa fase sembra fosse suddivisa in due settori da un basso gradino roccioso, che
attraversava la piazza con andamento est-ovest, lungo il quale in età romana verra’ impiantata la
grande porticus ancora oggi ben visibile nella sua fase di II sec. d.C. È stato ipotizzato che la
11

monumentalizzazione del gradino avesse avuto lo scopo di articolare la piazza in due spazi dalle
funzioni differenti: a nord le funzioni politiche e a sud quelle commerciali. Lo spazio meridionale
dopo la deduzione della colonia latina sarebbe stato utilizzato nell’impianto del foro e del complesso
degli edifici annessi.

Il C.D. Sacello Ipogeico (Heroon)
Situata presso il Tempio di Cerere (Athenaion), la singolare struttura rettangolare è posta al
centro di un probabile tumulo, così come ipotizzato da Emanuele Greco. Essa, scavata per tre lati
nella roccia e con il quarto murato, non presentava alcuna entrata: l’accesso, a piano inclinato e
scavato nella roccia, fu murato dall’esterno ed utilizzato unicamente per la deposizione del ricco
corredo (ora al Museo Nazionale di Paestum), costituito da sei hydriai, due anfore di bronzo
contenenti miele ed un’anfora attica a figure nere. I vasi erano deposti lungo le pareti ed oltre ad essi
furono deposti cinque lunghi spiedi di ferro, con tracce dell’immanicatura di cuoio, su due blocchi
accostati a formare una tavola di pietra al centro dell’ambiente.
Le pareti dell’edificio sono intonacate, tranne quella ad est che, quindi, fu montata per ultima;
presenta, inoltre, una doppia copertura a doppio spiovente, poiché ad una prima in lastroni di pietra,
in secondo momento, ne fu sovrapposta un’altra in tegole piane.
I vasi metallici sono in parte databili ad alcuni decenni prima della loro deposizione,
collocabile intorno al 520/510 a.C. Il recinto in pietra e il tetto di tegole risalgono, invece, ad una
risistemazione della metà circa del III sec. a.C.
La struttura è stata interpretata come heroon, un edificio a forma di sepoltura vuota dal
carattere simbolico (cenotafio), consacrato al culto di un personaggio di particolare rilievo. In casi
12

analoghi, conosciuti nel mondo coloniale, vi si riconosce il culto dell’ecista (il fondatore della
colonia), eroizzato dopo la morte.
Con la deduzione della colonia latina il complesso assunse l’assetto ora visibile: il tumulo
sovrastante l’edificio fu rimosso, fu eretto un recinto rettangolare intorno all’edificio, il cui spazio
interno fu riempito con uno scarico di terra fino a seppellire l’heroon, obliterandolo.
L’Ekklesiasterion

Edificio circolare situato a ridosso della strada moderna che taglia la città antica, articolato con
gradinate concentriche ricavate tagliando la roccia. L’anello maggiore (35 m. di diametro) è stato
interpretato come una sorta di recinto, mentre l’anello più interno misura 9 metri di diametro.
La struttura, databile in base ad indagini stratigrafiche al 480/470 a.C., per le sue caratteristiche
architettoniche è riconoscibile come edificio assembleare della città. Si è calcolato che nelle riunioni
dell’ekklesia (l’assemblea popolare), che vi avevano luogo, sui sedili in pietra che rivestivano le
gradinate potevano trovare posto circa 1100-1700 cittadini. In tali riunioni si procedeva alle
votazioni di leggi e all’elezione dei magistrati.
La continuità d’uso in età lucana è attestata dalla stele collocata al suo interno, con dedica di un
magistrato lucano Statis Statilies a Giove, ora esposta al Museo Nazionale di Paestum. Di particolare
rilievo è che la dedica su stele votata intorno al 300 a.C., sia in lingua osca, ma con caratteri greci e
che la stele fosse posta perfettamente in asse con un tempietto collocato ad ovest dell’edificio
circolare; ciò ha indotto gli archeologi ad ipotizzare che quest’ultimo fosse un tempio dedicato a
Giove stesso.
Dopo la deduzione della colonia, i Romani distrussero la struttura e ricoprirono l’area con uno
13

scarico di terra e pietre, al cui interno sono stati rinvenuti ossa di vitelli, resti del sacrificio espiatorio
compiuto per purificare il luogo secondo la tradizione religiosa romana.
L’obliterazione di quest’edificio, come avviene anche per il c.d. sacello ipogeico, testimonia il
processo di trasformazione che interessò la città in età romana, con l’annullamento degli edifici che
avevano costituito il simbolo della colonia greca e della succesiva citta’ lucana.
Al di sopra dell’ormai distrutto edificio assembleare greco, i Romani eressero un santuario
composto da tre elementi ben distinguibili: un grande recinto (utilizzato in seguito come cimitero nel
Medioevo), una fontana ed un edificio riconoscibile come magazzino. Tuttavia le indagini
stratigrafiche in questo punto sono ferme da alcuni decenni e non sono ancora emersi elementi utili
all’identificazione della divinità venerata.

Il Foro

La piazza, di forma rettangolare, misura circa 200 metri in senso est-ovest e 60 nord-sud. In età
greca quest’area era parte dell’agorà, ma i monumenti greci furono completamente rasi al suolo al
momento della deduzione della colonia. Ciò che della piazza è oggi visibile, in parte coperto dalla
strada moderna, è frutto dei rifacimenti di età augustea; nella prima sistemazione dopo la deduzione
della colonia, infatti, essa non aveva portici, ma era circondata da semplici botteghe a due vani. Esse
erano riferibili ad un’unica fase cronologica, contemporanea alla costruzione della piazza al III sec.
a.C.; le settentrionali e le meridionali presentano una pianta rettangolare divisa in due ambienti da un
muro mediano. Talora conservano tracce di una scala di accesso al piano superiore, destinato, come
il vano posteriore della bottega ad ospitare i beni in vendita o gli stessi addetti alle attività (servi o
liberti) per trascorrervi la notte. A partire dal I sec a.C., nell’ambito di più generali trasformazioni
dell’area del foro, le botteghe subirono modifiche, tra le quali la chiusura delle porte retrostanti.
14

Le tabernae del lato occidentale presentavano, invece, pianta quadrata, con un unico vano ad
accesso esclusivo dal lato del foro.
In queste botteghe vi avevano luogo attività commerciali di vario tipo, come indica, ad
esempio, il rinvenimento di un torculum (frantoio per l’olio) legato all’attività di un profumiere in
una delle botteghe sul lato occidentale.
Di particolare rilievo è che, date la misure pressoché costanti delle singole botteghe, oscillanti
tra i 5,53 e 5,48 metri di larghezza, si ottiene che la larghezza del Comitium corrisponde all’insieme
di 10 tabernae, collocandosi tra due schiere di 10 tabernae per lato (delle quali sul lato est sono ora
visibili solo sei). L’intero impianto della piazza è ricostruibile secondo un rapporto di 1:3 tra
larghezza e lunghezza.
In età imperiale furono creati portici di ordine dorico sui tre lati che oggi conosciamo, nord,
sud ed ovest, posti su di un piano leggermente rialzato rispetto a quello della piazza, i cui elementi
della trabeazione sono quasi completamente scomparsi.
Nella parte antistante, a distanze regolari, sono fissate nel terreno piccole lastre di calcare con
doppia fila di fori quadrangolari, di dimensioni maggiori verso l’interno della piazza e minori verso i
portici. In base al confronto con le stesse evidenze in altre colonie latine, quali Cosa, Alba Fucens e
Fregellae, Mario Torelli ha riconosciuto in essi gli zoccoli nei quali venivano infissi dei pali, con
paletti di sostegno infissi nei fori minori, per legarvi delle lunghissime strisce di lino per delimitare
l’area della piazza in occasione delle votazioni. Tale apprestamento rispondeva ai dettami del diritto
augurale romano, in base al quale le assemblee elettorali o legislative dovevano aver luogo in uno
“spazio sacro augurale”, designato come saepta (recinti). L’apprestamento pestano conobbe due fasi:
una prima fase abbastanza prossima alla data di fondazione della colonia, cancellata dalla
costruzione del portico; l’altra, le cui tracce sono visibili esternamente al portico e successive ad
15

esso, databile, pertanto, a non prima della fine del I secolo a.C.
Ad ovest il foro è limitato da una stradina che corre lungo le spalle delle botteghe, mentre a sud
gli edifici furono eretti nella fascia più settentrionale del grande santuario urbano.
Il foro era interamente circondato da edifici di carattere politico (quali il Comitium, la Curia, il
Tabularium), commerciale (a sud il Macellum, “mercato coperto” di generi alimentari, e le botteghe
o tabernae), giudiziario (la Basilica) e religioso (il c.d. Tempio della Pace e diversi sacelli). In
prossimita’ dell’angolo sud-ovest nella prima eta’ imperiale fu realizzato anche un piccolo impianto
termale.
Il Comitium, Curia e Carcer (o Aerarium)

Il Comizio può esser definito il monumento pubblico più importante della colonia latina; in
esso si svolgevano i comizi delle curie (comitia centuriata) durante i quali si procedeva all’elezione
dei magistrati delle colonie e all’emissione dei giudizi.
L’edificio fu eretto al momento della deduzione della colonia (Emanuele Greco), o in un
momento immediatamente successivo (Mario Torelli). Si richiama ad una tipologia ben conosciuta
nella tradizione architettonica romana e che a Paestum si presenta particolarmente ben conservata.
Situato al centro del lato settentrionale del foro, tra due serie di dodici botteghe per lato, esso
riprendeva la particolare forma del Comizio di Roma: strutturato con cavea circolare di 41 metri di
diametro, a gradini e racchiusa in uno spazio quadrato, sistemata in un terrapieno ed accessibile
attraverso tre ingressi radiali. Il terrapieno era sostenuto da un grande muro rettangolare a blocchi,
che svolgeva anche la funzione di orientare lo spazio secondo le rigide prescrizioni del rituale
romano, in base alle quali il tempo giudiziario e quello delle curie dovevano essere scanditi dal corso

16

del sole. Al centro del lato settentrionale, seguendo questi dettami, fu impostata la Curia, sede del
locale senato. Il lato occidentale fu, in seguito, occupato dal basamento del ”Tempio della Pace”.
Nella tradizione romana la Curia costituiva, insieme al Comizio e al Carcer, un vero e proprio
insieme funzionale.
All’edificio riconosciuto come Curia, nella prima fase di vita, coeva al Comizio, si accedeva
direttamente dalle gradinate dello spazio assembleare. In seguito, con la costruzione del tempio e di
un muro che tagliava i gradini dalla cavea nella parte settentrionale, l’accesso alla Curia fu differito
agli ingressi laterali.
Il Carcer è stato riconosciuto da Mario Torelli in un piccolo edificio a sud dell’anfiteatro,
aperto sulla strada sul lato ovest, riferibile in base alla stratigrafia al III secolo a.C.
Emanuele Greco riconosce in esso, invece, l’Aerarium, sede del tesoro pubblico della città; in
entrambi i casi l’ipotesi si basa soprattutto sulla tradizionale vicinanza nei fori romani di età
repubblicana, tra Carcer, Aerarium, Comitium e Curia.
C.d. Curia (Basilica)

L’edificio si presenta nella forma che assunse nella sua ultima fase di ristrutturazione, tra il I e
il II secolo d.C.: a pianta rettangolare, con tre navate, con muri scanditi da poderose semicolonne
che inquadrano nicchie e vani d’accesso, tre dei quali si aprono verso la piazza del foro. Esso
conobbe una complessa storia costruttiva, con una prima fase databile alla fine del VI secolo a.C.,
nella quale fu eretto un edificio templare a pianta stretta ed allungata; ad essa ne seguì una seconda,
nel IV secolo a.C., con portico in pietra che fungeva da limite tra il santuario e l’agora; al momento
della deduzione della colonia latina fu edificata una piazzetta al posto del portico. Infine, la
17

risistemazione d’età imperiale, quella oggi visibile, portò alla completa obliterazione delle fasi
precedenti.
Tempio della Pace

Collocato all’incirca al centro del lato settentrionale del foro, con orientamento nord/sud,
l’edificio occupa una posizione centrale nella piazza. Realizzato probabilmente tra il II ed il I sec.
a.C., poco dopo l’edificazione del Comitium, fu impostato su parte di esso, riducendone
notevolmente il numero dei posti della cavea, che ormai aveva perso la sua funzione di sede
assembleare.
Il podio si eleva su un ampio basamento (14,59 x 26,78 metri), cui si accede attraverso una
scalinata centrale tra due piattaforme aggettanti. L’edificio templare presenta sei colonne con
capitelli figurati sul lato principale, verso la piazza, ed otto sui lati lunghi; il lato posteriore era,
invece, chiuso.
Della decorazione architettonica restano alcuni capitelli corinzi con foglie di acanto e teste
femminili sui lati, alcune parti degli architravi e del fregio dorico, con triglifi e metope scolpite
raffiguranti scene del saccheggio dei Galli al santuario di Delfi.
In base al rinvenimento di numerose attestazioni epigrafiche nell’area, si è ipotizzato che la
cella, costituita da un unico ambiente, fosse destinata alla custodia del simulacro di Bona Mens,
divinità che presiedeva alla liberazione dei servi e simbolo della riconoscenza dei liberti verso i loro
padroni.
L’altare posto dinanzi al tempio è frutto di un rifacimento successivo alla costruzione
dell’edificio poiché poggia sui gradini del portico settentrionale, che la stratigrafia data ad una fase
18

successiva alla realizzazione del tempio.
Santuario con natatio (piscina)

Complesso costruttivo molto paricolare, databile alla fase della deduzione della colonia latina,
che si presenta come uno spazio recintato da un muro, entro il quale sono visibili una piscina (47 x
21 metri) ed una costruzione in pietra, con fondo e pilastri in cocciopesto, posta dietro l’estremità
ovest della vasca.
Una sporgenza

in pietra è presente nel lato orientale della piscina, mentre ad ovest è

riconoscibile una rampa.
In questo complesso è stato riconosciuto il santuario della Fortuna Virilis, un’emanazione di
Venere, consacrato ai riti della fecondità in onore della dea. Durante le feste in suo onore, dette
Venerea, la statua della divinità, rappresentata in trono, era posta sulla sporgenza a sud-est, per esser
condotta in processione lungo la rampa fino in ad immergerla, e deposta, infine, sulla piattaforma di
legno montata sui pilastri in pietra ora visibili. Qui avvenivano i riti della vestizione e
dell’apposizione di fiori e gioielli. Tutte le donne partecipanti al rito, rigorosamente sposate, senza
distinzione di classe, si immergevano per propiziare un parto felice.
In epoca imperiale, quando il culto era già in disuso, la piscina fu interrata e al di sopra furono
eretti un edificio templare ed un portico con colonne in marmo, distrutti quando la piscina fu
svuotata durante gli scavi condotti nel 1964. Il complesso era pertinente ad un Caesareum, vale a
dire consacrato al culto dell’imperatore e una parte di esso fungeva probabilmente da ginnasio.

19

Anfiteatro

Della struttura, situata a nord-est del foro, è oggi visibile la sola metà occidentale, poiché la
parte orientale è coperta e tagliata dalla strada moderna (via Della Magna Grecia, ex-statale
18).Risalente ad età tardo- repubblicana, l’edificio fu ampliato con un porticato su pilastri tra la fine
del I e l’inizio del II secolo d.C. Alla prima fase corrisponde l'anello interno, in grossi blocchi
calcarei, mentre la seconda è riconoscibile nei pilastri e nei sostegni ad arco in laterizio, che
sostenevano le scale di accesso alle tribune lignee per gli spettatori.
Nell’arena si svolgevano diversi tipi di spettacoli, tra i quali quelli gladiatorî, in funzione dei
quali era stata edificata una galleria che corre tutt’intorno all’arena, utilizzata soprattutto per il
passaggio di animali o attrezzature per gli spettacoli.

Le aree abitative
Delle strutture private di Poseidonia in età greca si conosce pochissimo, fatta eccezione per
alcuni ambienti di una casa messa in luce grazie a recenti scavi in un isolato ad est del santuario di
Athena. La struttura, costruita verso il 530 a.C. e abbandonata intorno al 470 a.C., era probabilmente
posta in una zona periferica dell’abitato arcaico poiché le indagini condotte direttamente a nord ed
ad ovest non hanno riportato alla luce resti di ulteriori abitazioni.
Dell’edilizia privata di Paestum di età repubblicana si conosce molto poco, a causa soprattutto
delle indagini di scavo condotte nell’area tra il 1930 e il 1970, poco attente ad un’accurata lettura
stratigrafica e i cui dati non sono stati mai pubblicati.

20

Otto isolati abitativi di età romana sono stati messi in luce, integralmente o quasi, nel settore
occidentale della città, di cui solo una piccola area è proprietà demaniale e parzialmente scavata.
Essi presentano dimensioni pressoché costanti di circa 35 metri di larghezza per 273 metri di
lunghezza, di forma, quindi, molto allungata, con orientamento nord/sud: all’interno di queste
insulae si sviluppavano le abitazioni. I collegamenti tra un isolato e l’altro erano garantiti dai
principali assi viari che costeggiavano sui quattro lati i lotti di case, e da piccole stradine o ambitus
(passaggi) che li attraversavano nel senso della lunghezza.
Le abitazioni erano di dimensioni molto differenti, da un minimo di 380 m 2 ad un massimo di
2800 m2, e molte di esse nel corso del tempo si ampliarono a danno delle abitazioni vicine. Di
dimensioni maggiori erano gli edifici più vicini al centro politico e religioso della città.
Particolarmente sontuosa è la “Casa con impluvio in marmo”, anche se è la più piccola del suo
isolato, con una superficie di 650 m2. Articolata con la tradizionale successione di ingresso (fauces),
atrium di tipo tuscanico senza colonne, circondato da cubicola (stanze da letto), di ala (rientranza
con gli armadi contenenti le imagines maiorum, le immagini degli antenati) e del tablinum (stanza
di rappresentanza del padrone di casa, il dominus). Superati questi ambienti, si accede ad un
peristilio con l’impluvio in marmo (fig. 36), che denomina la casa, e quattro colonne in laterizio
impostate su un mosaico con delfini e figure di nuotatori. Essa presenta il tipo di strutturazione di
una casa romana di età tardo-repubblicana.
In uno degli isolati immediatamente a ovest del santuario meridionale, vi è uno dei maggior
edifici di epoca imperiale, la c.d. “Casa con piscina”, estesa su una superficie di 2500 m2 .
La piscina, che dà nome alla casa, è posta al centro di un grande cortile porticato con colonne
in mattoni. Essa è, però, riferibile ad una prima fase edilizia dell’abitazione, databile alla prima età
imperiale; in seguito, essa venne colmata con anfore e terra e sostituita da un impluvium per la
21

raccolta delle acque piovane, oggi distrutto, realizzato insieme al portico.
Un’altra domus, la “Casa a peristilio”, databile ad età tardo-imperiale, presenta alcuni ambienti
funzionali ad una piccolo impianto termale, con la tradizionale successione di frigidarium (vasca per
bagni freddi), tepidarium (per bagni tiepidi) e calidarium (per bagni caldi). Sono riconoscibili,
inoltre, resti del praefurnium (impianto di riscaldamento), direttamente a sud del calidarium.
Questi spazi edificabili mantennero tale funzione fino ad epoca tardoantica, quando la struttura
degli isolati fu completamente alterata.

22


Documenti correlati


Documento PDF guida scavi completa
Documento PDF articolo archeo 351 portonovo
Documento PDF alcune storie di taranto
Documento PDF guida genitori 1
Documento PDF guida la lavoro regolare4
Documento PDF manuale per clandestini


Parole chiave correlate