File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PIANOPROGETTUALE .pdf



Nome del file originale: PIANOPROGETTUALE.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Adobe InDesign CS3 (5.0) / Adobe PDF Library 8.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 06/01/2015 alle 12:02, dall'indirizzo IP 94.161.x.x. La pagina di download del file è stata vista 3147 volte.
Dimensione del file: 12 MB (178 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


PIANO
PROGETTUALE

GRUPPO
SOGLIA

ALLEGATO N.3
ALLA DOMANDA DI SUBENTRO AI CONTRATTI DI PROGRAMMA
ARTICOLO 1, COMMA 1, DEL D.M. 12 NOVEMBRE 2003
AI SENSI DELLA DELIBERAZIONE CIPE 25 LUGLIO 2003

PROGETTO DI SVILUPPO DEI POLI TURISTICI INTEGRATI

PIANO PROGETTUALE
ARTICOLO 1, COMMA 2 - LETTERA “b” DEL D.M. 12 NOVEMBRE 2003

DICEMBRE 2007

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
DIREZIONE GENERALE PER IL COORDINAMENTO DEGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE
CENTRO DI COORDINAMENTO CONTRATTI DI PROGRAMMA

PIANO PROGETTUALE
AI SENSI DELLA DELIBERAZIONE CIPE 25 LUGLIO 2003

SOGGETTO PROMOTORE

SOGGETTO PROPONENTE

Rimodulazione contratti di programma “gruppo CIT”
“Conferma programmatica dei finanziamenti dei contratti di
programma, già assentiti, e presa d’atto degli sviluppi dell’attività nel
settore, previsti una volta superato lo stato di crisi della Società”
Esito del CIPE del 29 luglio 2005

perchè
perchè
salvaresalvare
CIT CIT
La CIT, fondata nel 1927, si identifica con la promozione dell’Italia all’estero
ed in generale del made in Italy, e si è qualificata, nel tempo per:




una visione del turismo come “industria a 360 gradi” nell’intento di superare
la frammentarietà che caratterizza l’offerta turistica italiana;
l’impegno per lo sviluppo turistico delle regioni del Sud d’Italia, per le quali
il Mediterraneo è risorsa, fattore primario su cui puntare, anche per avviare
processi di sviluppo locale.

Tra i punti essenziali della sua filosofia:


integrazione fra le diverse aree di business che rappresentano il settore
turismo;



qualità dell’offerta di viaggi/vacanze/ricettività;



valorizzazione delle risorse locali, anche attraverso il miglioramento del
sistema delle infrastrutture, come fattore di crescita economica del contesto
locale e condizione essenziale al processo di destagionalizzazione.

Obiettivi condivisi dal Gruppo Soglia che sono alla base di una strategia
finalizzata ad accrescere il livello competitivo del sistema italiano nel bacino
del Mediterraneo per il raggiungimento dei quali dovranno essere messe in
atto misure a livello nazionale quali:


l’adozione di un piano nazionale per lo sviluppo del traffico aereo, ferroviario
e navale low cost;



l’adeguamento del sistema delle infrastrutture;



la costruzione di una politica unitaria per il turismo che poggi su una
maggiore coesione politico operativa tra i diversi soggetti istituzionali
operanti nel turismo;



la valorizzazione di beni pubblici e a valenza turistica come avviene in
altri paesi europei (Spagna, Portogallo e Francia con le residenze storiche
- Paradores, Pousadas e Castelli della Loira - trasformate in strutture ricettive
di lusso);



l’aggregazione di operatori nazionali del turismo.

Nella sua storia più recente CIT ha proposto:


il turismo come volano di sviluppo sostenibile per le aree svantaggiate del
paese,



il Polo Turistico Integrato come nuovo modello insediativo che consente
di ottimizzare l’offerta attraverso la valorizzazione dell’intero contesto
territoriale entro cui il Polo stesso si trova.

Gli obiettivi cui CIT si è orientata in passato e sui quali oggi è necessario
puntare, anche per l’avvio di una politica nazionale in materia di turismo,
sono la destagionalizzazione dei flussi turistici e la ridefinizione dell’offerta
turistica.

4

“in Italia”
“in Italia”
VERSO IL POLO TURISTICO DEL SUD EUROPA
“IN ITALIA” è un progetto che ha come obiettivo strategico la realizzazione
di un Polo turistico del Sud d’Europa costruito attorno alla centralità – non
solo geografica – del Sistema Turistico Italia e che trova la sua mission nella
promozione del Sud del Paese.
Il nuovo progetto prevede parte dalle modalità indicate dal piano di
rilancio del Gruppo CIT che, per la vendita del «Prodotto Italia» nel mondo,
essenzialmente considerano:

− la promozione permanente delle risorse ambientali e del patrimonio
culturale all’estero, in continuità con la mission storica di CIT;
− la specializzazione del Tour Operating con distinzione tra la distribuzione
all’estero del sistema turistico maturo (itinerari culturali e città d’arte) e la
distribuzione focalizzata sull’Europa per gli ambiti turistici non maturi nel
Sud;
− l’attivazione di un piano di franchising per l’implementazione del sistema
commerciale e distributivo turistico per l’Italia.

5

I PRESUPPOSTI

La realtà turistica internazionale e la posizione dell’Italia nell’incoming
L’Italia occupava negli anni ’70 il primo posto tra i Paesi ricettori di turismo nel mondo
ora è superata da Stati Uniti, Francia e Spagna e la sua posizione è ulteriormente
scivolata dopo il recente sorpasso della Cina.
Emerge con chiarezza la non corrispondenza tra le potenzialità di attrazione dell’Italia
(tra i Paesi con le più elevate potenzialità grazie al suo essere eccellente bacino di
raccolta del patrimonio culturale e storico artistico a livello mondiale) e la realtà
dell’incoming.
Tra le principali motivazioni che stanno alla base delle difficoltà a mantenere
posizioni di privilegio, l’inadeguatezze della promozione dell’Italia all’estero è tra le
più influenti.
Inadeguadezza che si può leggere da un confronto con gli investimenti degli altri
Paesi (budget di oltre 100 milioni di euro per la Spagna ad esempio, rispetto ai 24
milioni dell’Enit) ma anche dall’assenza di una strategia unitaria, di un coordinamento
delle azioni promosse dagli enti e dagli operatori di settore (pubblici e privati) e dalla
frammentazione delle competenze in materia di turismo.

6

Il settore del Turismo nel contesto economico
Il turismo è il settore con la maggiore capacità di recupero. Lo dimostrano i dati
del World Travel & Tourism Council che stimano, per il 2005, una crescita a livello
globale del 5,4% (del 4,1% in Europa), nonostante le recenti crisi (2001 a seguito
dell’attentato a New York e 2004 a seguito della sciagura dello tsunami). E’, quindi,
un settore che continua a contribuire all’economia e a creare posti di lavoro (8,3%
dell’occupazione totale a livello mondiale; capacità di creare impiego in crescita e
stimata pari a +3% per il 2005).
In Italia il turismo contribuisce per circa il 12% alla formazione del PIL. Tuttavia
- e nonostante la non riproducibilità del nostro patrimonio naturalistico e storico non riusciamo a raggiungere i risultati dei nostri principali competitor (Spagna, ad
esempio, dove il contributo del turismo supera il 20% del PIL).
Il nostro Paese potrebbe sostenere flussi turistici ben più consistenti (sia in
considerazione del potenziale ricettivo che, come già sottolineato, del patrimonio):
attualmente le strutture alberghiere italiane si caratterizzano per un tasso di
occupazione che si trova al nono posto dopo Grecia, Francia, Egitto, Spagna,
Turchia, Slovenia, Marocco e Repubblica Ceca!

7

Il Gruppo CIT
Ha caratterizzato il Gruppo CIT:

− la lunga storia e la consolidata esperienza nella promozione dell’Italia
all’estero;
− la presenza storica in molte realtà anche a livello mondiale;
− l’organizzazione secondo un modello di integrazione verticale che gli
consente di essere l’operatore in Italia che presenta la maggiore integrazione
dell’offerta;
− l’offerta integrata di turismo organizzato, adeguata alla domanda del mercato
e alla soddisfazione dei bisogni di nuove location (i poli turistici integrati) e di
nuove forme di turismo;
− l’aver saputo coniugare strumenti derivanti da altri settori (la programmazione
negoziata, ma non solo) per migliorare le performance del turismo (in
particolare nell’area dello sviluppo);
− l’essere punto di riferimento anche nella elaborazione di dati ed informazioni
sul settore (vedi i Datacit).

8

La strategia di “In Italia”

Idea forza
Partendo dalla realtà che vede l’Italia come paese con la massima concentrazione
del patrimonio storico, artistico e culturale da salvaguardare e valorizzare, l’idea
forza di rilancio competitivo dell’incoming può esprimersi in:

Valorizzare e salvaguardare il patrimonio storico artistico dell’Italia minore e del Sud
all’insegna di un sistema unitario di sviluppo turistico dell’Europa mediterranea.

Mission

La mission non può scostarsi da quella del Gruppo CIT che vede nel rafforzamento
della promozione delle realtà del Sud del paese e della capacità di incoming i due
punti sui quale concentrarsi.

Vision
Anche per la vision rimane valido quando già affermato per il rilancio di CIT (diventare
uno dei player principali del mercato turistico europeo e il distributore leader per
l’Italia nel mondo)

“In Italia” si candida ad essere l’industria italiana leader nel settore del turismo
capace di sostenere i principali competitor a livello europeo

9

Le fasi per il rilancio
Le linee guida del Piano Industriale del Gruppo Soglia illustrano le modalità per la
ristrutturazione del Gruppo CIT nell’orizzonte temporale del breve termine.

In particolare il Rilancio punta a:

Ma dal punto di vista delle considerazioni imprenditoriali l’obiettivo è più ampio ed è
volto al rilancio dell’Azienda.

A

Le fasi sono le seguenti:

Fase
Fase1
1

FaseFase
2 2

FaseFase
3 3

Rafforzamento della capacità di incoming del nuovo Gruppo, portandolo a
diventare il leader mondiale nella promozione dell’Italia all’estero nonché a
costituire una sorta di braccio operativo per le Istituzioni (Governo, Regioni,
Province, Comuni) per diffondere il «Prodotto Italia» nel mondo. In sintesi le
azioni verteranno attorno a:

− promozione permanente delle risorse ambientali e del patrimonio culturale
all’estero finalizzata alla conoscenza del territorio italiano nel suo complesso,
indipendentemente dall’attività di commercializzazione, in continuità con la
mission storica di CIT. In sintesi, riposizionare il “Brand Italia” (anche sfruttando
il recente progetto “Scegli Italia” e arrivare alla creazione di un operatore
commerciale on line con valore mondiale);

Acquisizione da parte dell’offerente Soglia Hotel Group S.r.l., con
l’appoggio finanziario al complesso e articolato Piano Industriale da
parte di Aareal Bank AG, del Complesso Aziendale CIT;

− specializzazione del Tour Operating per la distribuzione all’estero del sistema
turistico maturo (itinerari culturali e città d’arte);

Ristrutturazione basata sul ripristino della redditività a breve termine
dell’Azienda;

− specializzazione del Tour Operating per la distribuzione focalizzata sull’Europa
per gli ambiti turistici non maturi nel meridione, grazie alla realizzazione dei
Poli Turistici Integrati e dell’Aviosuperficie del Metapontino, autentico hub
turistico per il Mezzogiorno d’Italia e per il Mediterraneo;

Rilancio volto al conseguimento dell’obiettivo di ri-posizionamento
del Gruppo CIT ai vertici internazionali.





− attivazione di un piano di franchising per l’implementazione del sistema
commerciale e distributivo turistico per l’Italia.

B

Strutturazione delle aree turistiche non mature localizzate nel Sud del
Paese in sistemi di offerta turistica, grazie alla valorizzazione delle risorse
e delle potenzialità attivabili attraverso l’attuazione del Polo turistico
integrato, quale modello di sviluppo locale, che consentirà a CIT di ampliare
i presupposti per l’attuazione di un Polo turistico del Sud dell’Europa il cui
nucleo è l’Italia.

10

il rilancio

L’Italia è il Paese nel mondo con il più grande patrimonio storico, artistico e culturale,
patrimonio che si caratterizza per l’ampia diffusione su un territorio, a sua volta,
connotato da una molteplicità di paesaggi di rara bellezza.
Arte e cultura, uniti a paesaggi straordinari che contengono un’offerta turistica
potenziale complessa e interessante, caratterizzano l’intero territorio nazionale e, in
particolar modo, le nostre regioni meridionali.

Valorizzare le regioni del Sud, fino a farle diventare sistemi turistici, è uno
degli obiettivi su cui CIT ha lavorato nel tempo anche in funzione della
destagionalizzazione e della ridefinizione dell’offerta turistica.
La realtà turistica italiana è infatti riconducibile a due scenari:

− i sistemi turistici maturi, costituiti da città d’arte (Roma, Firenze, Venezia,
Taormina, Napoli) e itinerari consolidati (la costiera amalfitana, la campagna
toscana, le ville venete, ecc.);

Come brevemente anticipato, la strategia per il rilancio verte sue tre aspetti
principali:

− il primo ruota attorno al sistema commerciale a diffusione internazionale il cui
protagonista è il nuovo Gruppo;
− il secondo incentrato sul Polo Turistico Integrato il cui protagonista è il Sud con
il suo territorio, quale giacimento di beni turistici;
− il terzo punta ad ampliare e a rafforzare l’immagine ed il ruolo del nuovo
Gruppo all’estero come struttura capace di promuovere l’Italia e che potrà
assumere il ruolo di braccio operativo per le Istituzioni - Governo, Regioni,
Province, Comuni -, ma soprattutto per l’ENIT al fine di diffondere il «Prodotto
Italia» nel mondo. L’evoluzione di tale punto porta alla definizione di un nuovo
ed ambizioso progetto che possiamo definire Progetto “IN ITALIA” che mira
all’integrazione strategica dei principali operatori italiani (Italia Turismo, Valtur,
I Viaggi del Ventaglio, Alpitour) attorno a CIT, per puntare alla realizzazione di
un Polo turistico del Sud d’Europa.

− i sistemi turistici non maturi, identificabili con territori nei quali le risorse
primarie (mare, montagna, ecc.) rappresentano solo il leit motiv di turismi
plurimi e integrati.
Laddove la domanda è indirizzata ad un sistema turistico maturo, CIT offre il sistema
di accoglienza già strutturato, confezionando il prodotto attraverso i tour operator
specializzati.
Se invece le risorse primarie, seppure non inserite in contesti maturi, manifestano
potenzialità di sviluppo, si dovrà promuovere un nuovo sistema di accoglienza per
rispondere alla domanda insoddisfatta attraverso un innovativo modello insediativoricettivo: il “Polo Turistico Integrato”.

Il Sud del Paese, prima, e i territori che si affacciano sul Mediterraneo, poi,
costituiscono, per le loro potenzialità di sviluppare una molteplicità di turismi
rispondenti all’evoluzione della domanda attuale, il “territorio” nel quale si rileva
l’opportunità di sperimentare e attuare nuove strategie.

11

indice
indice
IL PROGETTO DI SVILUPPO DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
NELL’AMBITO DEL PIANO DI CESSIONE DEL GRUPPO CIT

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. Le attivita’ imprenditoriali oggetto della cessione
di cui al bando del 29 marzo 2006
1.1. Le aree di business del Gruppo CIT..................................................................................... 17
1.2. Il perimetro aziendale oggetto dell’acquisizione.................................................................. 19
1.3. Lo sviluppo dei Poli Turistici Integrati ................................................................................... 20
1.4. I presupposti alla base del Piano di sviluppo dei PTI ........................................................... 21
1.4.1. Il modello insediativo: il Polo Turistico Integrato ............................................................ 21
1.4.1.1. L’innovatività del modello insediativo........................................................................................... 22
1.4.1.2. La valorizzazione del territorio di riferimento ............................................................................... 23
1.4.1.3. Le modalità di attuazione ........................................................................................................... 25
1.4.1.4. Il superamento del gap infrastrutturale ....................................................................................... 26
1.4.1.5. Gli strumenti operativi ................................................................................................................. 26

2. Esiti della cessione del bando del 29 marzo 2006
2.1. Gli aggiudicatari dei beni ceduti........................................................................................... 27

3. Modalita’ per l’attuazione dei poli turistici integrati
3.1. I ruoli..................................................................................................................................... 28
3.1.1. Soggetto Promotore ..................................................................................................... 29
3.1.1.1. Aareal Bank AG.......................................................................................................................... 29
3.1.1.2. Settori finanziari - principali attività .............................................................................................. 30
3.1.1.3. Hotel Finance ............................................................................................................................. 32
3.1.2. Soggetto Proponente .................................................................................................... 34
3.1.2.1. La storia ..................................................................................................................................... 34
3.1.2..2. Settori di attività ......................................................................................................................... 35
3.1.2..3. Struttura societaria..................................................................................................................... 38
3.1.2..4. Principali progetti di sviluppo immobiliare (PTI) .......................................................................... 39

12

indice
3.1.3. Soggetto Attuatore........................................................................................................ 40
3.1.4. Soggetto Beneficiario.................................................................................................... 40
3.1.5. Soggetto Gestore.......................................................................................................... 41
3.2. Il Contratto di Programma ................................................................................................... 42
3.2.1. Diritti ed obblighi ........................................................................................................... 42
3.2.2. I requisiti del soggetto proponente ............................................................................... 42
3.2.3. Modalità per l’acquisizione della titolarità dei Contratti di Programma ........................ 43

PROPOSTA DI CONFERMA DEI FINANZIAMENTI DEI CONTRATTI DI
PROGRAMMA DA PARTE DEL NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

4. Obiettivi industriali
4.1. L’impatto occupazionale del Piano industriale ..................................................................... 45
4.2. Aggiornamento del Piano progettuale ................................................................................. 46

5. PTI di Sibari, Calatabiano e Carovigno - Contratto di programma di cui alle
Delibere CIPE n.160/05, n.212/06 e n.12/07
5.1. Elementi identificativi del Contratto di Programma ............................................................. 48
5.1.1. Date del contratto ......................................................................................................... 48
5.1.2. Dati delle Deliberazioni CIPE n.160/05, n.212/06 .......................................................... 49
5.1.3. Condizioni espresse dalla Deliberazione CIPE n. 12/07................................................ 50
5.2. Proposta di attuazione per i Poli Turistici Integrati ............................................................... 51
5.2.1. Proposta di deliberazione CIPE..................................................................................... 51
5.2.2. Occupazione generata dal Programma........................................................................ 52
5.2.3. Programma degli investimenti ...................................................................................... 53
5.2.4. Articolazione delle spese .............................................................................................. 54
5.2.5. Suddivisione delle spese per anno solare..................................................................... 55
5.3. Polo Turistico integrato Piana di Sibari – Cassano allo Ionio (CS)......................................... 56
5.3.1. Hotel Baia degli Achei ................................................................................................... 62
5.3.2. Villaggio Albergo Stombi............................................................................................... 64
5.3.3. Residence Albergo Eiano .............................................................................................. 66
5.3.4. Hotel Coscile ................................................................................................................. 68
5.3.5. Residence Albergo Crathys .......................................................................................... 70
5.3.6. Cantieri nautici .............................................................................................................. 72

13

indice
5.4. Polo Turistico integrato Alcantara – Calatabiano (CT) .......................................................... 74
5.4.1. Hotel L’Approdo ............................................................................................................. 79
5.4.2. Residence Albergo I Casoni .......................................................................................... 81
5.5. Polo Turistico integrato Santa Sabina – Carovigno (BR) ....................................................... 83
5.5.1. Hotel Borgo degli Ulivi ................................................................................................... 88

6. PTI di Scanzano Ionico - Contratto di programma di cui alla
Delibera CIPE n.82/01
6.1. Elementi identificativi del Contratto di Programma ............................................................. 90
6.1.1. Date del contratto ......................................................................................................... 90
6.1.2. Dati della Deliberazione CIPE ....................................................................................... 91
6.1.3. Esiti del CIPE del 29 luglio 2005 e del 23 maggio 2007............................................... 91
6.2. Proposta di attuazione per il Polo Turistico Integrato – 1^ ipotesi ....................................... 92
6.2.1. Proposta di deliberazione CIPE..................................................................................... 92
6.2.2. Occupazione generata dal Programma........................................................................ 92
6.2.3. Programma degli investimenti ...................................................................................... 93
6.2.4. Articolazione delle spese .............................................................................................. 93
6.2.5. Suddivisione delle spese per anno solare..................................................................... 93
6.3. Proposta di attuazione per il Polo Turistico Integrato – 2^ ipotesi ....................................... 94
6.3.1. Proposta di deliberazione CIPE..................................................................................... 94
6.3.2. Occupazione generata dal Programma........................................................................ 94
6.3.3. Programma degli investimenti ...................................................................................... 95
6.3.4. Articolazione delle spese .............................................................................................. 95
6.3.5. Suddivisione delle spese per anno solare..................................................................... 95
6.4. Polo Turistico integrato Portogreco – Scanzano Ionico (MT) ................................................ 96
6.4.1. Residence Albergo VA2 .............................................................................................. 103
6.4.2. Hotel CA4 .................................................................................................................... 105
6.4.3. Villaggio Albergo CA5 ................................................................................................. 107
6.4.4. Attrezzature di supporto ............................................................................................. 109

7. PTI di Scanzano Ionico - Completamento
Contratto di programma di cui alla Delibera CIPE n.94/02
7.1. Elementi identificativi del Contratto di Programma ........................................................... 114
7.1.1. Date del contratto ....................................................................................................... 115
7.2. Proposta per il completamento degli investimenti ricettivi programmati
a Scanzano Ionico.............................................................................................................. 116
7.2.1. Proposta di deliberazione CIPE................................................................................... 116
7.2.2. Occupazione generata dal Programma...................................................................... 116
7.2.3. Programma degli investimenti .................................................................................... 117
7.2.4. Articolazione delle spese ............................................................................................ 117

14

indice
7.2.5. Suddivisione delle spese per anno solare................................................................... 117
7.3. Polo Turistico integrato Portogreco – Scanzano Ionico (MT)
Completamento ................................................................................................................. 118
7.3.1. Villaggio Albergo e Hotel VA3 .................................................................................... 121

8. Aviosupercie “Basento” - Pisticci (MT)
Contratto di programma di cui alla Delibera CIPE n.94/02
8.1. Elementi identificativi del Contratto di Programma ........................................................... 124
8.1.1. Date del contratto ....................................................................................................... 125
8.2. Aviosuperficie “Basento” - Pisticci (MT) ............................................................................. 126
8.3. Proposta di attuazione per l’Aviosuperficie di Pisticci ........................................................ 128
8.3.1. Proposta di deliberazione CIPE................................................................................... 128
8.3.2. Occupazione generata dal Programma...................................................................... 128
8.3.3. Programma degli investimenti .................................................................................... 129
8.3.4. Articolazione delle spese ............................................................................................ 129
8.3.5. Suddivisione delle spese per anno solare................................................................... 129

9. PTI di Pietrelcina - Contratto di programma di cui alla Delibera CIPE n.50/02
9.1. Elementi identificativi del Contratto di Programma ........................................................... 131
9.1.1. Date del contratto ....................................................................................................... 131
9.1.2. Dati della Deliberazione CIPE ..................................................................................... 132
9.1.3. Esiti del CIPE del 29 luglio 2005 e del 23 maggio 2007............................................. 132
9.2. Proposta di attuazione per il Polo Turistico Religioso Pietrelcina – 1^ ipotesi ................... 133
9.2.1. Proposta di deliberazione CIPE................................................................................... 133
9.2.2. Occupazione generata dal Programma...................................................................... 134
9.2.3. Programma degli investimenti .................................................................................... 135
9.2.4. Articolazione delle spese ............................................................................................ 135
9.2.5. Suddivisione delle spese per anno solare................................................................... 136
9.3. Proposta di attuazione per il Polo Turistico Religioso Pietrelcina – 2^ ipotesi ................... 137
9.3.1. Proposta di deliberazione CIPE................................................................................... 137
9.3.2. Occupazione generata dal Programma...................................................................... 137
9.4. Polo Turistico Religioso Pietrelcina – Pietrelcina (BN) ......................................................... 138
9.4.1. Casa Albergo La casa del Pellegrino .......................................................................... 143
9.4.2. Auditorium................................................................................................................... 145
9.4.3. Hotel La Morgia........................................................................................................... 147

10. Prospetto di Conto Economico
10.1. Ipotesi investimenti e cronoprogramma .......................................................................... 149
10.2. Ipotesi cronoprogramma ................................................................................................. 152
10.3. Ipotesi gestionali a regime ............................................................................................... 153

15

indice
11. Requisiti oggettivi e soggettivi
11.1. Requisiti per l’accesso alle agevolazioni previste dalla Deliberazione CIPE
25 febbraio 1994 .............................................................................................................. 174
11.2. Asseverazioni del merito creditizio - art.1, comma 2, lett. c,
D.M. 12 novembre 1994 .................................................................................................. 177

Al presente documento sono allegati i singoli fascicoli di aggiornamento al Piano progettuale,
già presentato da CIT S.p.A. ora in A.S. agli organismi competenti e che ha consentito
l’approvazione dei Poli Turistici Integrati anche da parte del CIPE.

Allegato “A”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento del Contratto di
Programma “Gruppo CIT S.p.A.” - Sibari, Calatabiano, Carovigno - di cui alle delibere CIPE
160/05, 212/06 e 12/07, a favore del nuovo Soggetto Proponente Soglia Hotel Group
S.r.l.
Allegato “B”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento del Contratto di
Programma “CIT Holding S.p.A.” – Scanzano Jonico - di cui alle delibere CIPE 82/01 e
27/07 e all’esito del CIPE del 29/07/05, a favore del nuovo Soggetto Proponente Soglia
Hotel Group S.r.l.
Allegato “C”

Progetti finalizzati al finanziamento da parte del CIPE del Contratto di Programma avente
ad oggetto il completamento del Polo turistico integrato di Scanzano Jonico (VA 3), di
cui alla delibera CIPE 94/02, a favore del nuovo Soggetto Proponente Soglia Hotel Group
S.r.l.
Allegato “D”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento per il Contratto di
Programma “CIT Holding S.p.A” – Aviosuperficie di Pisticci - di cui alla delibera CIPE 94/
02, a favore del nuovo Soggetto ProponenteSoglia Hotel Group S.r.l.
Allegato “E”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento per il Contratto di
Programma “CIT S.p.A” – Pietrelcina, di cui alle delibere CIPE 50/02 e 28/07, ed esito del
CIPE del 29/07/05, a favore del nuovo Soggetto Proponente Soglia Hotel Group S.r.l.

16

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006
1.1.LE AREE DI BUSINESS DEL GRUPPO CIT

tabella 1

Complessi Aziendali

L’Amministrazione Straordinaria ha individuato, ai fini della cessione del Gruppo CIT,
quattro aree di business, interne al settore del turismo, sottoposte al coordinamento
di una holding: CIT S.p.A. Le aree sono le seguenti:
1. Distribuzione/Agenzie – attività svolta attraverso una rete di dodici agenzie
di viaggio in Italia.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

Beni non funzionali

(per area di business)

(non core per il business aziendale)

OBIETTIVI INDUSTRIALI

Attività di promozione, distribuzione,
sviluppo del turismo in Italia a marchio:

gestione

e

4. Sviluppo

Poli Turistici Integrati (“PTI”): promozione e attuazione di progetti di sviluppo
di PTI in Campania (Pietrelcina), Basilicata (Scanzano Jonico), Calabria
(Sibari),Puglia (Carovigno) e Sicilia (Calatabiano)
Progetto Venezia: sviluppo di un complesso turistico alberghiero di lusso
sull’isola di Sacca Sessola a Venezia.

Asset non strategici rispetto al core business
aziendale.
In particolare:

2. Tour Operating – attività svolte in Italia e all’estero attraverso società
controllate in Australia, Argentina e Brasile.
3. Accoglienza - gestione di otto strutture ricettive di proprietà (alberghi e/o
villaggi turistici) in Italia in: Piemonte (Villaggio/Hotel San Sicario ed Hotel Rio
Envers a San Sicario, Torino); Trentino Alto Adige (Hotel Solaria a Marilleva,
Trento); Toscana (Hotel Sorgente Roveta a Scandicci, Firenze); Basilicata
(Villaggio di Torre del Faro e Hotel Porto Greco a Scanzano Jonico, Matera);
Puglia (Villaggio di Santa Sabina a Carovigno, Brindisi); Sicilia (Villaggio di
Cala dei Normanni a Calatabiano, Catania).

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

• Strutture ricettive - Hotel Sorgente Roveta
(Scandicci) e Locanda delle Arti (Varese);
Tali attività, coordinate dalla holding, sono come detto
articolate su 4 diverse aree di business:

• Altri immobili - Uffici, negozi, autoparcheggi
e terreni a Varese e Cesana Torinese

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

• Distribuzione/Agenzie - gestione di una rete di 12
agenzie di viaggio in Italia
• Tour Operating - Italiatour e società partecipate CIT
in Australia, Olanda, Canada, argentina e Brasile
• Accoglienza - gestione di 7 strutture ricettive di
proprietà (alberghi e/o villaggi turistici) in Italia “al
mare” o “in montagna”
• Sviluppo

1.2. IL PERIMETRO AZIENDALE OGGETTO
DELL’ACQUISIZIONE
I beni individuati dall’Amministrazione Straordinaria nel Piano di cessione sono
articolati in Complessi aziendali (inseriti nel Piano di cessione) e Beni non funzionali
all’esercizio dell’impresa, per i quali sono stati previsti autonomi processi di
liquidazione.

- PTI: promozione di contratti di programma per
lo sviluppo di poli turistici integrati in aree del
Mezzogiorno italiano
- Progetto Venezia: progetto di sviluppo di un centro
turistico sull’isola di Sacca Sessola a Venezia

I complessi aziendali oggetto di vendita nella prima fase della cessione sono riportati
nella tabella 1 che evidenzia anche i beni non funzionali.
I Poli Turistici Integrati sono compresi fra i complessi aziendali oggetto di cessione
in prima fase e si riferiscono all’attività di promozione di Contratti e Accordi di
Programma in aree del Mezzogiorno italiano.

17
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006









           
         











             


ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI






ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO



P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

               

AVIOSUPERFICIE

              

P.T.I. PIETRELCINA

             

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO



REQUISITI





              







              


              
             




               




               

            

              


            











           






             
           



         
            

           

            







              
             















18
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006









          

             



              

            




         
           



          





 
               


ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA





             

             
           



             

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

             


  


                

              

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI


                  
               
            

             







            


            












             




          

  
              






19
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI

1.3. LO SVILUPPO DEI POLI TURISTICI
INTEGRATI

Non sono state individuate, a cura di CIT e sono, quindi, da costituire due ulteriori OGGETTO DI CESSIONE
“Società Progetto” per l’attuazione di altrettanti investimenti;
ESITI DELLA CESSIONE

CIT ha svolto il ruolo di “Soggetto promotore” per l’attuazione di Poli Turistici integrati
localizzati nel Mezzogiorno del Paese e attivati attraverso lo strumento del “Contratto
di Programma”.

-

I “Contratti di Programma” promossi nel tempo da CIT sono i seguenti:

-
-

Scanzano Jonico – MT (Del. CIPE 82/01; Del. CIPE 94/02; esito CIPE 29/7/
2005; Del. CIPE n. 27 del 23/5/2007);

Sibari – Cassano allo Ionio – CS (Del. CIPE 160/2005; Del. CIPE 212/2006;
Del. CIPE 12/2007);

-

Calatabiano – CT (Del. CIPE 160/2005; Del. CIPE 212/2006; Del. CIPE 12/
2007);

MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

Polo Turistico Integrato di Carovigno: San Marco S.r.l.

COMPOSIZIONE AZIONARIA DELLE SOCIETA’ PROGETTO

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Pietrelcina – BN (Del. CIPE 50/02; esito CIPE 29/7/2005; Del. CIPE n. 28 del
23/5/2007);

-

-

-

Polo Turistico Integrato di Calatabiano: Residence I Casoni S.r.l., Cala
Normanna S.r.l.;

AVIOSUPERFICIE

CIT Spa
(in AS)

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

76%

35%

Progetto Italiano
Spa
(in AS)

Carovigno – BR (Del. CIPE 160/2005; Del. CIPE 212/2006; Del. CIPE 12/
2007);

SAME Srl

65% Decontra

nonché
19,92% Decontra Srl

-

Pisticci – MT Aviosuperficie del Metapontino (Del. CIPE 94/02; esito CIPE 29/
7/05).

Alla figura del “Soggetto promotore” CIT ha affiancato il “Soggetto Proponente”,
ruolo affidato a Progetto Italiano S.p.A., ora in A.S.

0,08% Engeco Spa in fallim.

Hotel Residence
du Sud

80%

80%

Sable d’Or Srl

0,07% Engeco Spa in fallim.

Hotel Lucani Srl

80%

67,38%

La Casa di
Pietrelcina Srl

10% Sviluppo e Progetti Srl

CIT Sviluppo
Lucano Srl

-

Aviosuperficie di Pisticci: SAME S.r.l.;

-

Polo Turistico Integrato Piana di Sibari: Hotel Porto degli Achei S.r.l., Villaggio
degli Stombi S.r.l., Cala Achea S.r.l.;

0,09% Altri

70%

64,39%

Hotel La Morgia

12,96% Engeco Spa in fallim.
10% Sviluppo e Progetti Srl

12,58% CIT Spa

Hotel Porto degli
Achei

80%

64,09%

Il Centro
Campano Srl

12,86% Engeco Spa in fallim.
10% Sviluppo e Progetti Srl
0,47% Altri

Polo Turistico Integrato di Scanzano Jonico: Hotel Residence du Sud S.r.l.,
Sable d’Or S.r.l., Hotel Lucani S.r.l., CIT Sviluppo Lucano S.r.l.;
Polo Turistico Religioso di Pietrelcina: La Casa di Pietrelcina S.r.l., Il Centro
Campano S.r.l., Hotel La Morgia S.r.l.;

10% Sviluppo e Progetti Srl

0,13% Altri

20% Engeco Spa in fallim.

-

10% Engeco Spa in fallim.

12,52% CIT Spa
20% Engeco Spa in fallim.

Le “Società Progetto” oggi in essere, tutte attualmente in bonis, sono titolari dei
Contratti di Programma relativi ai Poli Turistici, come appresso indicato:

-

0,07% Engeco Spa in fallim.

12,53% CIT Spa
19,93% Decontra Srl

L’attuazione degli investimenti è stata demandata da CIT a società costituite (o da
costituire) a tale scopo: i “Soggetti Attuatori e/o Beneficiari” c.d. “Società progetto”.
Le Società all’uopo già costituite sono tutte controllate da CIT medesima attraverso
Progetto Italiano S.p.A.

19,93% Decontra

20% Engeco Spa in fallim.

10% Engeco Spa in fallim.
10% Sviluppo e progetti Srl

Villaggio degli
Stombi Srl

Cala Achea Srl

80%

80%

80%

80%

10,2% Engeco Spa in fallim.

Residence
I Casoni Srl

9,8% Sviluppo e Progetti Srl

Cala Normanna Srl

10% Engeco Spa in fallim.
10% Sviluppo e Progetti Srl

17,78% La Compagnia delle Vacanze
16,50% Gestioni & C. di Gardellini F.
3,50% Sviluppo e Progetti Srl

Cesana 2006 Srl

80%

80%

San Marco Srl

1,11% Engeco Spa in fallim.
1,11% Sviluppo e Progetti Srl

20
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

1.4. I PRESUPPOSTI ALLA BASE DEL PIANO DI
SVILUPPO DEI P.T.I.
1.4.1. Il modello insediativo:
il Polo Turistico Integrato
Il progetto di sviluppo dei Poli Turistici Integrati mette a frutto le sinergie derivanti dai
seguenti importanti presupposti:




le potenzialità di sviluppo turistico che presentano le regioni del Sud
le politiche di sostegno alle economie delle regioni meridionali
la Programmazione Negoziata e i suoi strumenti

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Il Polo Turistico Integrato assume quindi il ruolo di nucleo propulsore di un’economia
che attiva:


l’imprenditoria locale che, ponendosi in un’ottica di integrazione avvia
attività complementari a quelle offerte dal Polo Turistico



le amministrazioni pubbliche locali che incentivando gli interventi di
riqualificazione e recupero dei loro centri urbani, nonché moltiplicando il
numero di eventi e manifestazioni, possono instaurare un sistema virtuoso
di scambio con il Polo Turistico, ricchissimo di potenziali nuovi visitatori,
diversi tutte le settimane

Il Polo Turistico Integrato è un nuovo modello insediativo finalizzato a dare maturità al
sistema turistico locale senza snaturare il contesto ambientale entro cui si inserisce.
In sintonia con obiettivi di crescita economica e sociale, l’attivazione del Polo Turistico
Integrato incrementa l’occupazione (diretta, indiretta ed indotta sul territorio) e crea le
condizione per una valorizzazione:


delle economie tradizionali: la presenza di un sistema turistico integrato
attiva, infatti, meccanismi di filiera produttiva che arricchiscono l’agricoltura,
la produzione di prodotti tipici, i servizi, i trasporti, ecc.



del territorio nei suoi aspetti storici, culturali, naturali, ambientali: il sistema

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

Caratterizzano il Polo Turistico Integrato cinque aspetti in particolare:

1)
2)
3)
4)
5)

l’innovatività del modello insediativo
la valorizzazione del territorio di riferimento
il superamento del gap infrastrutturale
gli strumenti operativi
le modalità di attuazione

commerciale CIT, la cui forza principale è nella presenza internazionale della
distribuzione, del tour operating, non promuove la singola struttura, ma la
specificità del territorio che la ospita

21
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI

1.4.1.1. L’innovatività del modello insediativo

La “stazione centrale” è costituita da una parte centrale aperta al territorio, un OGGETTO DI CESSIONE
“ritrovo” dove villeggianti e residenti del posto si incontrano:
ESITI DELLA CESSIONE

Il Polo Turistico Integrato è caratterizzato dalla compresenza di strutture ricettive
diversificate (alberghi, villaggi albergo, residence alberghieri, ecc.), e da servizi
integrati (attrezzature sportive, attrezzature per la ristorazione, attività di svago), in
grado di rispondere ad una vasta fascia di utenti e di consentire un elevato grado di
destagionalizzazione della struttura, fino all’apertura annuale.

il “cuore dell’ospitalità” attorno al quale viene creata una multi-offerta turistica, L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
integrata, specializzata, costruita intorno al cliente tipo del mercato di riferimento, in OBIETTIVI INDUSTRIALI
grado di rispondere alla domanda di un target di utenza diversificato per tipologia, P.T.I.:
fascia di reddito e provenienza.
- SIBARI

Questo modello insediativo ruota attorno a due fattori elementari che non presentano
caratteri di indifferenza/indipendenza, ma operano da catalizzatori reciproci:


la presenza di una “stazione centrale”, ricettiva, più vicina possibile alla fonte
di attrazione primaria per il turista (mare, montagna, fede religiosa)



la corrispondenza con il “territorio di riferimento”, in termini architettonici,
culturali ed ambientali, con un occhio di riguardo per le tradizioni locali, ma
soprattutto in termini economici e funzionali

MODALITA’ PER

- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

villaggio albergo*** - famiglia italiana
hotel**** - turista internazionale
residence albergo*** - famiglia francese/gruppi di ragazzi

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA

L’offerta ricettiva viene supportata da una vasta dotazione di servizi integrati
(attrezzature sportive, attività di svago e tempo libero, servizi di ristorazione, etc.) per
perseguire l’obiettivo della destagionalizzazione finalizzata all’apertura annuale.

Il

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

polo turistico integrato,

un autentico motore di sviluppo per le aree svantaggiate,
fonda la sua efficacia sui seguenti fattori:
prossimità all’attrattiva primaria
multi-offerta turistica integrata e specializzata
dotazione di servizi integrati
realizzazione di infrastrutture di supporto all’attività turistica
corrispondenza con il territorio di riferimento
promozione del territorio

22
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006
1.4.1.2. La valorizzazione del territorio di riferimento

Il modello insediativo del Polo Turistico Integrato e la valorizzazione del territorio di
riferimento in termini storico-culturali, artistici e di tradizioni, permettono il conseguimento
della destagionalizzazione dei flussi turistici.
L’obiettivo si consegue sia attraverso l’offerta ricettiva integrata del Polo Turistico – che mette
a disposizione del turista non solo la risorsa primaria, fruibile solo in alcuni periodi dell’anno,
ma una quantità di servizi che, da soli, basterebbero a giustificare la vacanza (sport,
intrattenimento, benessere, ecc,) – sia attraverso la valorizzazione del territorio di riferimento, in
grado di arricchire l’esperienza di consumo data da elementi esterni specifici, complementari
al pacchetto di servizi offerti all’interno del Polo Turistico.



ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA

L’apertura verso il territorio tendenzialmente incoraggia il turista a:


ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

trasformarsi in repeater nella scelta della location
utilizzare l’offerta complementare, esterna al Polo Turistico

A tal fine si individuano degli itinerari e percorsi di visita che mettono in luce le ulteriori vocazioni
turistiche da potenziare, al fine di arricchire la fruibilità territoriale dell’area di interesse.
Gli itinerari proposti sono studiati sulla base di una duplice finalità e modalità di fruizione:


itinerari tematici cosiddetti “a tema”, includono vari aspetti della stessa risorsa presa
come riferimento, e articolano il programma di visite in più giornate



itinerari integrati offrono invece la possibilità di svolgere le visite nell’arco di un’intera
giornata includendo nel percorso esempi significativi di varie risorse del territorio

23
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

il polo
turistico
Un nuovo
modello insediativo
cultura
la valorizzazione del territorio di riferimento
in termini storico-culturali, artistici e di tradizioni,
è l’obiettivo che si raggiunge attraverso l’attivazione
del Polo Turistico Integrato
permettendo il conseguimento della
destagionalizzazione dei flussi turistici

Punto di forza dell’offerta turistica è, pertanto,
una serie di itinerari e percorsi di visita
inseriti nel pacchetto vacanza

storia

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

La “stazione centrale”

arte

tradizioni

Il “territorio di riferimento”

folklore

ambiente

24
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

1.4.1.3. Le modalità di attuazione

La promozione dei Contratti di Programma che concorrono all’attuazione del Piano
di Sviluppo Turistico, presuppone un intervento per moduli che abbia le seguenti
finalità:




la strutturazione del turismo della località individuata attraverso la selezione
degli obiettivi di valorizzazione del territorio e la realizzazione di interventi volti
a rafforzare il territorio come location ad accrescere la sua riconoscibilità e
visibilità a livello internazionale, attraverso una dotazione turistico-ricettiva e di
servizi in grado di soddisfare le esigenze attuali e future del turismo




l’implementazione della azioni avviate,

prevedendo il coinvolgimento
fisico ed economico del territorio, in termini di imprenditorialità, attraverso
l’attivazione di meccanismi di filiera

L’articolazione in moduli si basa su fattori di carattere strategico ed operativo. La
modalità di attuazione per step successivi permette di portare a compimento la
territorializzazione dello sviluppo attraverso la definizione progressiva di un quadro
coerente di iniziative di cui si valuti la fattibilità attraverso la verifica di:


potenzialità della location, a seguito dell’esperimento del primo modulo
e delle sue possibilità di sviluppo futuro, sia in termini funzionali che
dimensionali



potenzialità dei territori limitrofi, con l’obiettivo del loro coinvolgimento, al fine

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Dal punto di vista operativo:

progetto pilota: il primo modulo, attivato attraverso lo strumento del contratto

OBIETTIVI INDUSTRIALI

di programma, è generalmente finalizzato alla creazione di un Polo Turistico
Integrato di riferimento territoriale, localizzato in prossimità della risorsa
primaria, che prevede la realizzazione di strutture ricettive, attrezzature di
supporto e servizi, volti ad una strutturazione efficace dell’offerta turistica e
alla sua internazionalizzazione

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

avvio di moduli successivi: l’implementazione delle ulteriori azioni ed il
potenziamento del Polo Turistico sarà perseguita attraverso moduli successivi
di intervento, da attivarsi con altri strumenti di sviluppo locale o contratti
aggiuntivi.
Oggetto dei moduli sarà principalmente la realizzazione degli interventi volti
ad accrescere le potenzialità del Polo turistico, ovvero a favorire la dotazione
infrastrutturale (porti, aeroporti, ecc.) dell’area di riferimento

AVIOSUPERFICIE

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

I moduli successivi al primo saranno attivati attraverso il coinvolgimento del tessuto
imprenditoriale locale, anche attraverso la costituzione di un Consorzio.
Il Proponente potrà intervenire in partnership con le nuove imprese locali o
assumere il ruolo di sostegno alle piccole e medie imprese consorziate, mettendo
a disposizione il proprio know how, relativamente alla distribuzione, alla formazione,
al management, alla capacità di coordinamento in tutte le fasi di realizzazione e
gestione del prodotto.

di diversificare, potenziare, migliorare l’offerta turistico-ricettiva e amplificare
gli effetti di filiera, propri del turismo

25
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

1. LE ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI OGGETTO DELLA CESSIONE
DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

1.4.1.4. Il superamento del gap infrastrutturale

1.4.1.5. Gli strumenti operativi

Il Sud d’Italia è caratterizzato da un’insufficienza di infrastrutture tale da aumentarne
la marginalità nei confronti di Paesi, soprattutto nordeuropei, che costituiscono un
potenziale bacino di provenienza di grande rilevanza per il turismo balneare.

Il modello di riferimento per l’attuazione del Piano di Sviluppo è quello che CIT ha
messo a punto e già sperimentato in alcuni contesti del Sud (in particolare Basilicata
e Campania) attraverso l’aiuto di due strumenti, uno di natura agevolativo-finanziaria,
il contratto di programma, l’altro di natura amministrativo-procedurale, l’accordo di
programma.

Il superamento del gap infrastrutturale è condizione imprescindibile per il
conseguimento degli obiettivi di sviluppo del Sud.

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

Il CONTRATTO DI PROGRAMMA, disciplinato in particolare dalle Delibera CIPE N° 10
del 25 febbraio 1994 “Disciplina dei Contratti di programma”, e N° 26 del 25 luglio P.T.I. SCANZANO IONICO
2003, “Regionalizzazione dei Patti territoriali e coordinamento Governo, Regioni e
COMPLETAMENTO
Province autonome per i Contratti di Programma”, è assoggettato ai meccanismi AVIOSUPERFICIE

agevolativi della Legge 488/92 e consente l’accesso a contributi a fondo perduto,
finalizzati a generare nuova occupazione nelle aree svantaggiate del Paese(1),

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO

da parte di grandi imprese e consorzi di piccole e medie imprese che vogliono CONTO ECONOMICO
localizzare in quelle aree piani di investimento articolati.
REQUISITI
L’ ACCORDO DI PROGRAMMA, previsto dall’art. 34 del decreto legislativo 18 agosto
2000, N° 267 “Testo unico delle leggi dell’ordinamento degli enti locali”, strumento

volto a raccordare le esigenze della pianificazione economica con quelle della
pianificazione territoriale in termini di snellimento procedurale e garanzia dei
tempi di attuazione, elementi fondamentali per il perseguimento degli obiettivi della

programmazione negoziata.

1 Aree depresse, ricadenti nell’obietivo 1 (regioni meridionali: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia)

Aree a ritardo di svilupo ricadenti nell’obiettivo 2 (porzioni di territori delle aree del centro nord identificate in appositi elenchi)

26
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

2. ESITI DELLA CESSIONE DI CUI AL BANDO DEL 29 MARZO 2006
Il 29 marzo 2007 è stato pubblicato su organi di informazione a diffusione
nazionale ed internazionale un “Invito a manifestare interesse per l’acquisto delle
attività imprenditoriali del Gruppo CIT in A.S.”
Il bando, in ottemperanza al Programma di Cessione, delineava il seguente perimetro
aziendale oggetto di vendita:
 Attività imprenditoriali a marchio CIT e Italiatour: gestione del
network di agenzie di viaggio in Italia ed attività di tour operating incoming e
outgoing;
 Attività imprenditoriali a marchio Vacanze Italiane: gestione delle 7
strutture alberghiere di proprietà “al mare” e “in montagna” (con esclusione
dell’hotel Sorgente Roveta a Scandicci, Firenze) e sviluppo dei PTI;
 Attività imprenditoriali relative a Progetto Venezia: realizzazione
e valorizzazione del complesso turistico – alberghiero di lusso sull’isola di
Sacca Sessola a Venezia;
ed invitava tutti i soggetti interessati all’acquisto delle suddette attività imprenditoriali
a manifestare il proprio interesse entro il giorno 16 aprile 2007.
Entro il termine stabilito sono giunte 26 manifestazioni di interesse, gran parte delle
quali provenienti da primari operatori del settore turistico ed alberghiero.

2.1. GLI AGGIUDICATARI DEI BENI CEDUTI

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

Aareal Bank AG si è aggiudicata il compendio immobiliare di Saccasessola (VE), ESITI DELLA CESSIONE
e Soglia Hotel Group S.r.l. con l’assistenza finanziaria di Aareal Bank AG si è
MODALITA’ PER
aggiudicata i seguenti asset del Gruppo CIT:
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

-

attività di tour operating;

-

agenzie di viaggio;

-

attività di gestione alberghiera;

-

7 strutture alberghiere al mare e in montagna.

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Nell’ambito della proposta presentata è stato assunto l’impegno per la salvaguardia AVIOSUPERFICIE
dei regimi occupazionali.
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO

Vengono inoltre tutelati nell’ambito della proposta sia l’integrità del Gruppo ma anche CONTO ECONOMICO
la continuità e lo sviluppo delle sue attività imprenditoriali.
REQUISITI

Relativamente ai progetti per lo sviluppo di Poli turistici integrati i due soggetti
aggiudicatari hanno manifestato l’interesse a collaborare per la loro valorizzazione
ed attuazione, salvaguardando in tal modo tutte le unità lavorative del Gruppo CIT.

Dopo una fase di analisi delle manifestazioni di interesse, tra il 22 maggio ed il 20
giugno 2007 è stato consentito l’accesso a tutti i 26 soggetti (in linea con quanto
disciplinato dal “Regolamento per la cessione delle attività imprenditoriali facenti
capo al gruppo CIT in amministrazione straordinaria”) ad una serie di informazioni
di natura societaria, gestionale, economico-finanziaria, patrimoniale e legale sul
complesso aziendale oggetto di vendita (data room virtuale).
Terminata la fase di data room, in data 3 luglio 2007 sono state presentate al
Commissario Straordinario 8 offerte per l’acquisto delle attività imprenditoriali del
Gruppo CIT in A.S.

27
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.1. I RUOLI

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

Al fine di subentrare nella titolarità dei Contratti di Programma e, qualora già finanziati,
della concessione delle agevolazioni, Soglia Hotel Group S.r.l. si è determinata,
con l’assistenza finanziaria di Aareal Bank AG, alla presentazione dell’Offerta che
ha per oggetto le “Attività imprenditoriali a marchio Vacanze Italiane” (“Ramo di
Azienda Vacanze Italiane”) relativamente ai “PTI”.

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

L’acquisto verrà effettuato per il tramite di una società veicolo, soggetto attuatore,
appositamente costituita di cui l’Offerente sarà socio.
Ai fini dell’attuazione dei Poli Turistici Integrati ciascuno dei soggetti andrà a svolgere
un preciso ruolo, nel seguito dettagliato.

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

28
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.1.1. Soggetto Promotore

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

È il soggetto avente i requisiti di cui al DM 12/11/03, attuativo della
delibera CIPE 25 luglio 2003, n. 26, con funzioni di coordinamento,
e che si qualifica come «primario istituto di credito» ai fini
dell’asseverazione del merito creditizio: Aareal Bank AG.

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

3.1.1.1. Aareal Bank AG

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

La AAREAL BANK AG è una delle banche leader nel settore
immobiliare internazionale ed è quotata alla Borsa di Francoforte
MDAX.

AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

L’Aareal bank AG ha chiuso il bilancio relativo all’anno 2006 con
un utile operativo di Euro 160.000.000,00, un totale attività di Euro
38.279.000.000,00, un ROE DEL 10,1%.
Il patrimonio netto ammonta a Euro 1.372.000.000,00.

REQUISITI

A AREAL BANK NETWORK

Il rating attribuito dall’Agenzia di rating Fitch è A.
La Banca è presente in 16 paesi e, grazie alla sua lunga esperienza
nel mercato finanziario/immobiliare, ha stabilito una forte presenza
in Europa e nel Nord America e si sta espandendo in nuovi mercati
come la Russia e l’Asia.
In Italia il Gruppo Aareal è presente da 11 anni strutturando ed
erogando finanziamenti al settore immobiliare, svolgendo attività
di consulenza con la Immo Consulting S.p.A. e fornendo servizi
informativi per la gestione dei patrimoni immobiliari con la Aareon
S.r.l.
La filiale italiana dell’Aareal Bank con sede a Roma in via Mercadante12/
14, svolge attività creditizia in Italia dal 1996 ed il suo bilancio fiscale
evidenzia un utile operativo prima degli accantonamenti e delle
imposte di Euro 26.433.283,00.
La Banca non svolge dunque attività in concorrenza con il Gruppo
CIT.
 PRESENZA INTERNAZIONALE
In 14 Paesi Europei, negli USA e a Singapore.
International Property Financing in più di 25 Paesi.

29
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.1.1.2. Settori finanziari - Principali attività

L’Aareal Bank AG svolge la sua attività creditizia esclusivamente nel
settore immobiliare, finanziando in particolare interventi alberghieri,
commerciali e logistici.
Specialisti nel settore e team nazionali ed internazionali, specializzati
in ciascun ramo di business, collaborano a strutturare soluzioni
finanziarie per ciascuna tipologia immobiliare instaurando rapporti a
lungo termine con clienti internazionali e nazionali.
Nel quadro della sua attività la Banca gestisce rapporti finanziari con
i più importanti Gruppi alberghieri mondiali e svolge altresì attività
di consulenza immobiliare sia in Italia, attraverso la sua controllata
Immo Consultino SpA, che negli Stati in cui è presente.
Finanza immobiliare strutturata e di progetto




Presenza internazionale in 14 paesi europei, negli Stati Uniti e
a Singapore;



Portafoglio finanziamenti immobiliari: di cui 60% internazionali
e 40% in Germania;



Nuovi Business: più dell’85% internazionali;



Personale specializzato
commerciale e logistica;



Strategia “Buy-and-sell”: sindacazione e securitizzazione.








nei

settori:

uffici,

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

 

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.








 



 

 
 

 


 
 



 

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO




P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE

 



  

 



 

 

 
 

 

 
 

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI



alberghiero,



Settore IT / Attività di consulenza


Programmi software e servizi IT per soddisfare le esigenze
delle aziende operanti nell’immobiliare;





8 ml. di immobili gestiti con il software dell’Aareon;







Collaborazione con SAP;
Studi di fattibilità;
Analisi di mercato;
Perizie;
Project Management.





Property Asset Management








Totale volume investimenti: Euro 3,6 mld;
Fondi immobiliari chiusi e aperti per investitori istituzionali;
Fondi immobiliari chiusi per investitori privati;
“Fondi a tema”.

30
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
Si riporta nel seguito la visualizzazione del portafoglio finanziamenti internazionali
suddiviso per paesi e per settore:

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Portafoglio totale al 31/12/2006
Euro 22,8 bn

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

Portafoglio totale al 30/09/2006
Euro 22,2 bn

31
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.1.1.3. Hotel Finance
ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

Il team d’area “Hotel Finance” della banca è formato da professionalità altamente specializzate.

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Il team concentra principalmente le proprie attività sia nelle erogazioni di finanziamenti per la realizzazione di hotel di
lusso posizionati nelle location tra le più importanti e suggestive del mondo, sia nelle transazioni di portafoglio in Europa,
Nord America, Asia e selezionate destinazioni turistiche gestite da operatori internazionali di rinomata fama.

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

A seconda del Paese in cui viene realizzato l’hotel, il team di Hotel Finance lavora insieme agli uffici locali e alle figure
professionali del luogo per combinare le proprie conoscenze di prodotto con quelle dell’esperinza locale.
Grazie all’approfondita conoscenza del settore alberghiero e all’eperienza maturata nel capire i bisogni degli investitori,
il team è in grado di confezionare un progetto finanziario adatto ad ogni tipo di cliente.

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

PORTAFOGLIO HOTEL

Park Plaza Hotels, Paesi Bassi

Mandarin Oriental Hotel, Praga

Portafoglio Pan-Europeo

32
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA

PORTAFOGLIO HOTEL

REQUISITI

Portafoglio Banyan Tree, Maldive

Fairmont Mayakobá, Riviera Maya Messico

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

Kervansaray Termal & Lara Hotel, Turchia

Crowne Plaza, Ginevra

33
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.1.2. Soggetto Proponente
È l’impresa – gruppo industriale del settore avente i requisiti di Grande Impresa ai fini
dell’ammissione alla Programmazione Negoziata - che propone il Piano Progettuale
degli investimenti e i relativi allegati, ai sensi del DM 12/11/03, ai fini della valutazione
da parte del Ministero dello Sviluppo Economico e dell’approvazione da parte del
CIPE: Soglia Hotel Group S.r.l.
Il Soggetto Proponente sarà intestatario delle Delibere CIPE che non sono, di per
sé, fonte di diritti ed obblighi, i quali deriveranno solo dal Contratto e solo in capo al
soggetto che avrà stipulato quel Contratto. Il CIPE, tuttavia, delinea i termini generali
del rapporto che sarà oggetto del Contratto stesso: la delibera conterrà dunque gli
elementi che identificano il soggetto beneficiario delle agevolazioni.

3.1.2.1. La storia

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI

Il Gruppo Soglia nasce come General Contractor negli anni ‘60 realizzando Grandi OGGETTO DI CESSIONE
Opere Pubbliche, autostrade, centri sportivi, stabilimenti produttivi, scuole e ESITI DELLA CESSIONE
ospedali.
MODALITA’ PER

L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Un punto di partenza che ha successivamente visto estendersi la tipologia dei OBIETTIVI INDUSTRIALI
suoi committenti, dagli enti pubblici ai grandi committenti privati per qualsiasi loro P.T.I.:
complessa esigenza costruttiva.
- SIBARI
- CALATABIANO

- CAROVIGNO
Alla fine degli anni ’90, con l’acquisizione del primo complesso alberghiero, il Soglia
Hotel Lloyd’s Baia, un autentico gioiello che si affaccia sul mare della costiera P.T.I. SCANZANO IONICO
amalfitana, il Gruppo fa il suo ingresso nel settore turistico. In pochi anni, il turismo P.T.I. SCANZANO IONICO
diviene la nuova vocazione di questo Gruppo estremamente dinamico che è oggi
COMPLETAMENTO
uno degli operatori alberghieri di spicco del mercato italiano.
AVIOSUPERFICIE

Dall’ambito alberghiero, le attività turistiche del Gruppo si sono successivamente P.T.I. PIETRELCINA
estese alle aree di Tour Operating (2005) e di distribuzione dei pacchetti viaggio PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
(2006), realizzando un’integrazione “verticale” delle attività turistiche gestite.
REQUISITI

34
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

Offerta Preliminare – “Piano Industriale Gruppo Soglia”

Gli alberghi business sono localizzati in importanti città, caratterizzate da significativi flussi di
lavoro: Milano, Genova, Verona, Modena, Vicenza e Treviso. Sono inoltre previste prossime
aperture in altre città (Roma, Torino, Trieste) e altri progetti sono in corso di realizzazione (Verona,
Brescia, Bologna e Brindisi). Tutte le strutture business del Gruppo Soglia sono in grado di
ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE
soddisfare le sofisticate esigenze del mercato business in termini di funzionalità, comfort e
ristorazione di alto livello.

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI

Gli alberghi e i villaggi leisure si trovano in alcune tra le più belle aree marittime italiane (Forte dei
POLI
INTEGRATI
Marmi, TURISTICI
Costa Smeralda, Cannigione, Menfi)
e in rinomate località sciistiche (Courmayeur,
Madonna di Campiglio, San Vigilio di Marebbe).

3.1.2.2. Settori di attività

Oggi il Gruppo Soglia è presente, con differenti marchi, nei settori:





ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

Il fatturato dell’area gestione alberghiera è stato nel 2006 pari a circa 20 milioni di euro.

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

gestione alberghiera (alberghi e villaggi a marchio Soglia Hotels;
tour operating (catalogo Soglia Travel);
distribuzione prodotto turistico (agenzie di viaggio Buon Viaggio);
real estate (immobiliare, sviluppo immobili ricettivi e residenziali).

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE

Gestione Alberghiera

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

Il Gruppo Soglia gestisce attualmente 17 strutture per 1.361 camere fra hotel e resort
di grande prestigio sull’intero territorio nazionale, dalle montagne delle Alpi alle coste
delle più belle aree marittime italiane.

REQUISITI

L’area relativa alla gestione alberghiera può essere suddivisa in due sub-aree:
-

6 alberghi business, segmento 4 stelle, per 481 camere;
11 alberghi leisure, segmento 4 stelle, per 880 camere.

Gli alberghi business sono localizzati in importanti città, caratterizzate da significativi
flussi di lavoro: Milano, Genova, Verona, Modena, Vicenza e Treviso. Sono inoltre
previste prossime aperture in altre città (Roma, Torino, Trieste) e altri progetti sono in
corso di realizzazione (Verona, Brescia, Bologna e Brindisi). Tutte le strutture business
del Gruppo Soglia sono in grado di soddisfare le sofisticate esigenze del mercato
business in termini di funzionalità, comfort e ristorazione di alto livello.
Gli alberghi e i villaggi leisure si trovano in alcune tra le più belle aree marittime
italiane (Forte dei Marmi, Costa Smeralda, Cannigione, Menfi) e in rinomate località
sciistiche (Courmayeur, Madonna di Campiglio, San Vigilio di Marebbe). Il fatturato
dell’area gestione alberghiera è stato nel 2006 pari a circa 20 milioni di euro.
Il fatturato dell’area gestione alberghiera è stato nel 2006 pari a circa 20 milioni di
euro.

pag. 116

35
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

Offerta Preliminare – “Piano Industriale Gruppo Soglia”

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
SOGLIA GROUP

Tour Operating

HOTEL ASSETS

EXISTING HOTELS

Hotel

Location

Raffaello
Gran Baita
Cinisello
Europa
Park Affi
Genova
Menfi
Sport Resort Temesa
Forte dei Marmi
Lloyd's Baia - Amalfi
Villa Soglia
Thai Si Treviso
Sporting
Green Park
Astoria
Perla
Parc Posta

Property
items

Grade

Modena (MO)
Courmayeur (AO)
Cinisello Balsamo (MI)
Vicenza (VI)
Affi (VR)
Genova (GE)
Menfi (AG)
Nocera Terinese (CZ)
Forte dei Marmi (LU)
Vietri sul Mare (SA)
Castel S. Giorgio (Sa)
Spresiano (TV)
Cannigione, Arzachena (SS)
Cala di Volpe, Arzachena (SS)
La Villa Val Badia (BZ)
Madonna di Campiglio (TN)
San Vigilio di Marebbe (BZ)

business hotel
leisure mountain hotel
business hotel
business hotel
business hotel
business hotel
leisure beach hotel
leisure beach hotel
leisure beach hotel
leisure beach hotel
leisure beach hotel
business hotel
Multiproprietà
Multiproprietà
Multiproprietà
Multiproprietà
Multiproprietà

4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star
4-star

127
53
51
68
105
97
272
106
60
121
30
33
93
35
32
22
56
1.361

Bologna (BO)
Brescia (BS)
Verona (VR)
Brindisi (BR)
Badesi (SS)

business hotel
business hotel
business hotel
business hotel
leisure beach hotel

4-star
4-star
4-star
4-star
4-star

82
79
60
48
150

Nr.

NEW
DEVELOPMENTS

Total
Bologna
Brescia
Verona Est
Brindisi
Villaggio Badesi
Total

Grand Total

4.1.4

Rooms

Il Tour Operating è realizzato dal Gruppo Soglia tramite il marchio Soglia Travel,
che si occupa di creare il prodotto viaggio stipulando contratti con primari fornitori del
settore, dai vettori, agli alberghi, villaggi e altri fornitori di servizi. Naturalmente parte
dei pacchetti di viaggio proposti includono soggiorni in alberghi e villaggi Soglia.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI

Oltre all’Italia, le destinazioni attualmente coperte riguardano Stati Uniti, Messico, P.T.I.:
- SIBARI
Caraibi e Polinesia: si tratta di destinazioni rivolte ad un turismo d’elite, esigente e
- CALATABIANO
raffinato.
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

Il fatturato realizzato dal catalogo Soglia Travel nel 2006 si è attestato a circa 8 milioni
P.T.I. SCANZANO IONICO
di euro.
COMPLETAMENTO

Il Gruppo è inoltre presente con il marchio Ring Tours, acquisito nell’ottobre 2005 e
specializzato in incentive per aziende: si tratta di una realtà giovane e dinamica, ma
con una solida esperienza nella preparazione e promozione di pacchetti turistici. La
preparazione di ciascun operatore Ring Tours è garanzia di un servizio puntuale ed
efficiente, garantendo un servizio completo. Ring Tours ha sede nel centro storico di
Verona.

AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

419
1.780

Tour Operating

Il Tour Operating è realizzato dal Gruppo Soglia tramite il marchio Soglia Travel, che si occupa di
creare il prodotto viaggio stipulando contratti con primari fornitori del
settore, dai vettori, agli alberghi, villaggi e altri fornitori di servizi.
Naturalmente parte dei pacchetti di viaggio proposti includono soggiorni in
alberghi e villaggi Soglia.
Oltre all’Italia, le destinazioni attualmente coperte riguardano Stati Uniti,
Messico, Caraibi e Polinesia: si tratta di destinazioni rivolte ad un turismo d’elite, esigente e
raffinato.
Il fatturato realizzato dal catalogo Soglia Travel nel 2006 si è attestato a circa 8 milioni di euro.
Il Gruppo è inoltre presente con il marchio Ring Tours, acquisito
nell’ottobre 2005 e specializzato in incentive per aziende: si tratta di una
realtà giovane e dinamica, ma con una solida esperienza nella
preparazione e promozione di pacchetti turistici. La preparazione di

36

SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.
pag. 117

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
Distribuzione del prodotto turistico - Agenzie di Viaggio

Real estate (immobiliare, sviluppo immobili ricettivi e residenziali)

La distribuzione del prodotto turistico si occupa di portare a contatto con il cliente
finale il prodotto viaggio attraverso una rete di 260 agenzie di viaggio in franchising
a marchio Buon viaggio. Tale rete di agenzie, costituita nel 1990 da un gruppo di
agenti di viaggio, è stata acquisita dal Gruppo Soglia nel 2006.

L’area immobiliare comprende la proprietà e la messa a reddito di immobili
ESITI DELLA CESSIONE
prevalentemente a destinazione ricettiva (alberghi e villaggi).

La Buon Viaggio S.p.A. eroga una serie di servizi centralizzati a favore della rete di
agenzie (marketing, convenzioni con fornitori, garanzia sui crediti ecc.) che vengono
pagati dalle singole agenzie che li utilizzano. La Buon Viaggio S.p.A. riceve inoltre
le royalties per l’utilizzo del marchio, mentre la formula del franchising consente alle
singole agenzie un’ampia autonomia gestionale.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
MODALITA’ PER

Gli immobili ricettivi acquistati vengono messi a reddito attraverso l’affitto alla società L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
di gestione alberghiera a fronte di un canone annuale di locazione. Gli immobili a OBIETTIVI INDUSTRIALI
destinazione residenziale vengono invece venduti sul mercato, anche attraverso P.T.I.:
formule di timesharing.
- SIBARI
- CALATABIANO

- CAROVIGNO
Attraverso l’area immobiliare vengono inoltre effettuate operazioni di sviluppo a
P.T.I. SCANZANO IONICO
partire dall’acquisto dell’area edificabile.
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Le transazioni gestite dalla rete di agenzie nel 2006 sono state pari a 700 milioni di
euro. Il fatturato della Buon Viaggio S.p.A. per l’erogazione a favore degli associati
dei servizi è stato, sempre nel 2006, di circa 30 milioni di euro.

AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

37
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

Offerta Preliminare – “Piano Industriale Gruppo Soglia”

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI

4.1.7 Struttura societaria

3.1.2.3. Struttura Societaria

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

La struttura societaria del Gruppo si presenta piuttosto articolata:

La struttura societaria del Gruppo si presenta piuttosto articolata:

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI

Girardi Giovanni

Girardi Paola

7,5%

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

Soglia Gerardo

7,5%

85%

SOGLIA Hotel Group

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

S.r.l.

Cap. Soc. E 9.000.000 Finanziaria del Gruppo

96,8%

100%

100%

100%

100%

100%

Areaplank

Soglia Hotels

Alberghi Genova

Maccia Boina

S.r.l.

S.p.A.

S.r.l.

S.r.l.

0,8%
Alessandro
Soglia

Imm. San
Giorgio S.r.l.

0,8%
Gerardo
Soglia

0,8%
Nobile
Soglia

100%
I.H. Verona
S.r.l.

Alberghi
Verona S.r.l.

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

Soglia
Giuseppe & F.
S.r.l.

S.p.A.

8%

92%
ST General
Contractor
S.c.a.r.l.

40%

5%

Cofintur S.p.A.

5%
100%

100%

0,8%

P.T.I. PIETRELCINA

100%

Tirrenia
Costruzioni

To be merged into Soglia Hotel Group

15%

15%
97%

AVIOSUPERFICIE

99%

Francesco
Soglia

Buonviaggio S.p.A.

Ringtours S.r.l.

100%

1%

Italiatours S.r.l.

Il Il
diretto
coinvolgimento
nella gestione
soggetti che
diretto
coinvolgimento
nella operativa
gestionedei
operativa
deirappresentano
soggetti che rappresentano la
la proprietà e che vantano una pluriennale esperienza nel settore turistico è, al
contempo, frutto ed evidenza di un interesse reale e diretto nel potenziamento delle
vantano
una pluriennale esperienza nel settore turistico è, al contempo, frutto ed
attività
turistiche.

proprietà e che
evidenza di un

interesse
reale edel
diretto
nel
potenziamento
delleè laattività
turistiche.
La
rappresentazione
Gruppo
in base
alle aree di attività
seguente:
La rappresentazione del Gruppo in base alle aree di attività è la seguente:

38
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
Offerta Preliminare – “Piano Industriale Gruppo Soglia”

3.1.2.4. Principali progetti di sviluppo immobiliare (PTI)

Grazie alla diretta esperienza nel settore delle costruzioni, con riferimento allo
sviluppo di poli turistici integrati (PTI), il Gruppo Soglia cura direttamente tutte le fasi
del progetto di sviluppo, dall’acquisizione dei terreni all’ottenimento dei permessi e
delle autorizzazioni; dalla programmazione dei lavori alla gestione dei subfornitori;
dalla costruzione e direzione dei lavori alla gestione finale della struttura.

HOLDING GRUPPO SOGLIA

Il coinvolgimento in progetti di sviluppo di poli turistici è, inoltre, evidenza dell’interesse
del Gruppo Soglia nel potenziare l’offerta di servizi turistici, arricchendola di nuove
destinazioni.
REAL ESTATE

Gestione immobili
di proprietà:
Hotels, Villaggi,
Residence, Scuole di
formazione, Servizi
turistici, Sedi direzionali
con marchio Real Estate.

GESTIONE ALBERGHI

Gestione di Alberghi e
Villaggi Vacanze
esistenti con marchi
Soglia Hotels
e Soglia Village.

Sviluppo:
Realizzazione di nuove
strutture alberghiere,
infrastrutture turistiche
e centri di servizi.

TOUR OPERATOR/AdV NETWORK

Tour Operating
specializzato nella vendita del
prodotto Italia e Mediterraneo
con marchi Soglia Travel,….
Tour Operating
specializzato nell’outgoing con
marchio Soglia Travel.
Network Agenzie di Viaggio
focalizzata in parte sulla vendita
del proprio prodotto e in parte
sulla vendita di altri prodotti
turistici e di Business Travel
con marchi BuonViaggio, Café
Voyage.

Tra i progetti di sviluppo immobiliare a fini turistici curati dal Gruppo Soglia negli
ultimi anni, si segnala il prestigioso Sport Resort Temesa, struttura alberghiera 4
stelle sul mare di Nocera Terinese (CZ), la cui apertura è avvenuta in giugno 2007.
La struttura conta 106 camere a cui nel 2008 se ne aggiungeranno altre 30, già
costruite. Attraverso società diverse, il Gruppo Soglia detiene sia la proprietà che la
gestione della struttura.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

Altri interventi di sviluppo seguiti direttamente dal Gruppo Soglia ed attualmente in REQUISITI
corso riguardano le seguenti 5 strutture per un totale di 419 nuove camere:


hotel in Verona est - 60 camere (fine lavori prevista ottobre 2008);



hotel in Brescia – 79 camere (fine lavori prevista ottobre 2008);



hotel in Bologna – 82 camere (fine lavori prevista dicembre 2007);



hotel in Brindisi – 48 camere (fine lavori prevista ottobre 2008);



resort villaggio in Badesi (Sardegna) – villaggio di 150 camere e 125
appartamenti (fine lavori prevista aprile 2008).

Tali strutture, una volta ultimate, saranno affittate alla compagnia alberghiera Soglia
Hotels che si occuperà di gestirle quali alberghi/villaggi.

4.1.8

Principali progetti di sviluppo immobiliare (PTI)

Grazie alla diretta esperienza nel settore delle costruzioni, con riferimento allo sviluppo di poli
turistici integrati (PTI), il Gruppo Soglia cura direttamente tutte le fasi del progetto di sviluppo,
dall’acquisizione dei terreni all’ottenimento dei permessi e delle autorizzazioni; dalla
programmazione dei lavori alla gestione dei subfornitori; dalla costruzione e direzione dei lavori
alla gestione finale della struttura.

Gli appartamenti della Sardegna saranno venduti con formula mista monoproprietà/
timesharing.

Il coinvolgimento in progetti di sviluppo di poli turistici è, inoltre, evidenza dell’interesse del
Gruppo Soglia nel potenziare l’offerta di servizi turistici, arricchendola di nuove destinazioni.
Tra i progetti di sviluppo immobiliare a fini turistici curati dal Gruppo Soglia negli ultimi anni, si
segnala il prestigioso Sport Resort Temesa, struttura alberghiera 4 stelle sul mare di Nocera
Terinese (CZ), la cui apertura è avvenuta in giugno 2007. La struttura conta 106 camere a cui nel
2008 se ne aggiungeranno altre 30, già costruite. Attraverso società diverse, il Gruppo Soglia
SOGLIA
HOTEL
detiene
sia la proprietà
cheGROUP
la gestioneS.r.l.
della struttura.

Altri interventi di sviluppo seguiti direttamente dal Gruppo Soglia ed attualmente in corso

39
AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.1.3. Soggetto Attuatore
Sarà una società veicolo, appositamente costituita al fine di svolgere il ruolo di
soggetto attuatore, i cui soci saranno Soglia Hotel Group S.r.l. e un Partner
industriale quale developer delle iniziative.
Il Soggetto Attuatore realizzerà gli interventi attraverso i soggetti beneficiari – le
società progetto, così come saranno indicati nei Progetti Esecutivi, ai sensi del DM
12/11/2003 – già costituite o da costituire a sua cura.

3.1.4. Soggetto Beneficiario
Sono le Società Progetto, controllate dal Soggetto Attuatore, che sottoscriveranno
il Contratto di Programma
e conseguentemente saranno beneficiarie delle
agevolazioni e assumeranno gli obblighi stabiliti dal Contratto medesimo.
Si riportano, in relazione ad ogni singolo Polo e a ciascuna iniziativa prevista, le
Società Progetto così come ad oggi individuate:
POLO TURISTICO INTEGRATO DI SCANZANO JONICO (MT) - BASILICATA
Contratto di Programma (1° modulo) approvato dal CIPE il 3 maggio 2001, con
deliberazione n. 82 (in G.U.R.I. 193/01)
-
-
-

VA 2 (Residence Torre Greca): Hotel Residence du Sud S.r.l.;
CA 4 (Hotel Club): Sable d’Or S.r.l.;
CA 5 (Villaggio Club): Hotel Lucani S.r.l.

Contratto di Programma (2° modulo) presa d’atto del CIPE il 31 ottobre 2002 con
deliberazione n. 94 (in G.U.R.I. 36/03)
-

POLO TURISTICO INTEGRATO DI SIBARI - CASSANO ALLO IONIO (CS)
ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
- CALABRIA
OGGETTO DI CESSIONE
Contratto di Programma approvato dal CIPE (prima tranche) il 2 dicembre 2005 con ESITI DELLA CESSIONE
deliberazione n.160 (in G.U.R.I. n. 165/06) e (seconda tranche) del 22 dicembre MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
2006, con deliberazione n. 212 (in G.U.R.I. n. 104/07)
OBIETTIVI INDUSTRIALI

-
-
-
-

Hotel Baia degli Achei: Hotel Porto degli Achei S.r.l.;
Residence Eiano: Cala Achea S.r.l.;
Villaggio Stombi: Villaggio degli Stombi S.r.l.;
Cantieri Nautici: Cantieri Navali Meridionali S.r.l.;

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Non sono state individuate/costituite le società per l’attuazione dei due ulteriori AVIOSUPERFICIE
interventi approvati: Hotel Coscile e Residence Crathys.

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

POLO TURISTICO INTEGRATO DI CALATABIANO (CT) - SICILIA

REQUISITI

Contratto di Programma approvato dal CIPE (prima tranche) il 2 dicembre 2005 con
deliberazione n.160 (in G.U.R.I. n. 165/06) e (seconda tranche) del 22 dicembre
2006, con deliberazione n. 212 (in G.U.R.I. n. 104/07)
-
-

Albergo 4 stelle: Cala Normanna S.r.l.;
Residence alberghiero: Residence I Casoni S.r.l.

POLO TURISTICO INTEGRATO DI CAROVIGNO (BR) - PUGLIA
Contratto di Programma approvato dal CIPE (prima tranche) il 2 dicembre 2005 con
deliberazione n.160 (in G.U.R.I. n. 165/06) e (seconda tranche) del 22 dicembre
2006, con deliberazione n. 212 (in G.U.R.I. n. 104/07)
-

Albergo 4 stelle: San Marco S.r.l.

VA 3 (Hotel e Villaggio): CIT Sviluppo Lucano S.r.l.
AVIOSUPERFICIE DI PISTICCI – (MT) - BASILICATA

POLO TURISTICO RELIGIOSO DI PIETRELCINA (BN) - CAMPANIA
Contratto di Programma approvato dal CIPE il 14 giugno 2002 con deliberazione n.
50 (in G.U.R.I. 286/02)
-
-
-

Hotel 4 stelle: Hotel La Morgia S.r.l.;
Casa di Accoglienza: La Casa di Pietrelcina S.r.l.;
Auditorium: Il Centro Campano S.r.l.

Contratto di Programma (Del. CIPE 94/2001)
-

Aviosuperficie (1° stralcio): SAME S.r.l.

Alcune fra le Società Progetto sono proprietarie dei terreni per la realizzazione delle
iniziative previste nell’ambito dei Poli turistici integrati di Sibari (Hotel Porto degli Achei
srl, Cala Achea srl, Villaggio Stombi srl), Calatabiano (Cala Normanna srl, Residence
I Casoni srl).

40
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
Le aree dei PTI di Scanzano Jonico e Pietrelcina sono state assegnate alle rispettive
Società Progetto, mentre le aree di Carovigno sono oggetto di un preliminare di
compravendita.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Il Soggetto Attuatore avrà facoltà di confermare le attuali Società Progetto o di
individuarne altre al momento della presentazione dei progetti esecutivi ai sensi del
DM 12/11/03.

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

3.1.5. Soggetto gestore

AVIOSUPERFICIE

P.T.I. PIETRELCINA

Soglia Hotel Group S.r.l., disponendo di una qualificata esperienza nella gestione
alberghiera e di una rete di commercializzazione, promozione e distribuzione del
prodotto turistico, assumerà il ruolo di soggetto gestore delle iniziative via via che
queste andranno realizzate.

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

41
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.2. IL CONTRATTO DI PROGRAMMA

Nessuna conseguenza potrà derivare al soggetto promotore da comportamenti del
ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
soggetto beneficiario.
OGGETTO DI CESSIONE

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

3.2.1. Diritti e obblighi
Lo strumento del Contratto di programma è stato istituito per finanziare grandi
progetti di investimento superando le procedure e le limitazioni dei normali strumenti
di agevolazione. In sostituzione di queste è prevista una delibera del CIPE e la
successiva stipula di un contratto tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il
soggetto ammesso alle agevolazioni.
La delibera CIPE prende atto delle motivazioni che giustificano il ricorso alla
programmazione negoziata (il Contratto di Programma), stabilisce gli obiettivi
che intende perseguire (sviluppo di una regione o di un settore, incremento o
salvaguardia del livello occupazionale, ecc.), dispone l’impegno delle risorse
necessarie e autorizza il Ministero a stipulare il contratto.
La delibera CIPE non è dunque fonte, di per sé, di diritti ed obblighi, che deriveranno
solo dal Contratto e solo in capo al soggetto che avrà stipulato quel Contratto. Il CIPE,
tuttavia, delinea i termini generali del rapporto che sarà oggetto del Contratto stesso:
la delibera conterrà dunque gli elementi che identificano il soggetto beneficiario delle
agevolazioni. È frequente che il soggetto proponente non sia quello che stipulerà poi
il Contratto di programma; solo quest’ultimo diverrà titolare di diritti ed obblighi. È
anche possibile che, al momento della decisione del CIPE, non sia ancora individuato
il soggetto che sottoscriverà il contratto. In questo caso, tuttavia, la delibera dovrà
prevedere – su richiesta del soggetto proponente – la possibilità di subentro di altro
soggetto, o anche solo che sia consentita l’individuazione – ad opera del soggetto
proponente – del soggetto beneficiario, indicando le caratteristiche che questo dovrà
presentare. Qualora, per qualsiasi ragione, non si dovessero verificare le condizioni
stabilite nella delibera, nessuna conseguenza deriverebbe al soggetto promotore/
proponente, né ad altri, se non la perdita delle risorse pubbliche impegnate.
Se dunque la delibera CIPE avrà previsto la possibilità di successiva determinazione
del beneficiario, questo sarà poi indicato al Ministero per le verifiche tecniche del
caso e sarà esso a negoziare con l’amministrazione le condizioni del Contratto di
programma. Esso sarà dunque il beneficiario delle agevolazioni ed assumerà tutte
le obbligazioni stabilite dal Contratto. Deve essere chiaro che il rispetto degli obblighi
contrattuali rappresenta la condizione per l’erogazione ed il mantenimento delle
agevolazioni: il parziale o mancato raggiungimento degli obiettivi o la violazione degli
obblighi potranno costituire causa di revoca parziale o totale dell’agevolazione, senza
alcun’altra conseguenza (che non derivi da violazioni di altri obblighi di legge).
In sostanza, unico interlocutore dell’Amministrazione e titolare di diritti ed obblighi
– nel senso sopra indicato – sarà colui che avrà stipulato il Contratto di programma.

3.2.2. I requisiti del soggetto proponente
Ai sensi della delibera CIPE n. 10 del 25 febbraio 1994 “Disciplina dei contratti di
programma”, come modificata ed integrata dalla delibera CIPE n. 29 del 21 marzo
1997, i contratti di programma possono essere proposti da:
a) imprese di grandi dimensioni o da gruppi nazionali o internazionali
di rilevante dimensione industriale; oggetto del contratto saranno piano
progettuali articolati sul territorio, ovvero in aree definite, atti a generare
significative ricadute sull’apparato produttivo, mediante prevalente attivazione
di nuovi impianti e creazione di occupazione aggiuntiva;
b) da consorzi di medie e piccole imprese, anche operanti in più settori;
oggetto del contratto saranno iniziative facenti parte di organici piani per la
realizzazione di nuove iniziative produttive o di ampliamenti.

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE

P.T.I. PIETRELCINA

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

c) rappresentanze di distretti industriali, per la realizzazione in aree definite di
organici piani di investimenti produttivi, operanti anche in più settori, che
potranno comprendere attività di ricerca ed attività di servizio a gestione
consortile.
Ai sensi del decreto del Ministero dello sviluppo economico 18 aprile 2005 la
categoria delle microimprese, delle piccole imprese e delle medie imprese,
complessivamente definita PMI, è costituita da imprese che:
-

hanno meno di 250 occupati;

-

hanno un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure hanno un
totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro.

I due requisiti1 sono cumulativi, nel senso che tutti e due devono sussistere.
Nel caso di imprese associate o collegate il decreto definisce gli ulteriori dettagliati
parametri di riferimento.
E’ considerata grande l’impresa autonoma che, ai sensi delle precedenti definizioni,
non può essere considerata PMI.

1 Ai fini del DM 18 aprile 2005 per fatturato, corrispondente alla voce A.1 del conto economico redatto secondo le vigenti norme del codice civile, s’intende l’importo netto del volume d’affari che comprende gli importi provenienti

dalla vendita di prodotti e dalla prestazione di sevizi rientranti nelle attività ordinarie della società, diminuiti degli sconti concessi sulle vendite nonché dell’imposta sul valore aggiunto e delle altre imposte direttamente connesse con il
volume d’affari; per totale di bilancio si intende il totale dell’attivo patrimoniale; per occupati si intendono i dipendenti dell’impresa a tempo determinato o indeterminato, iscritti nel libro matricola dell’impresa e legati all’impresa da forme
contrattuali che prevedono il vicolo di dipendenza, fatta eccezione di quelli posti in cassa integrazione straordinaria.
Il fatturato annuo ed il totale di bilancio sono quelli dell’ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato.
Il numero degli occupati corrisponde al numero di unità lavorative annue (ULA), cioè al numero medio mensile di dipendenti occupati a tempo pieno durante un anno, mentre quelli a tempo parziale e quelli stagionali rappresentano
frazioni di ULA. Il periodo da prendere in considerazione è quello riferito all’ultimo esercizio utile.

42
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

ESITI E PROSPETTIVE DEL PIANO DI CESSIONE

3. MODALITA’ PER L’ATTUAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
3.2.3. Modalità per l’acquisizione della titolarità
dei Contratti di Programma

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Il Contratto di programma non può essere ceduto.
La Circolare esplicativa n. 900315 del 14 luglio 2000 del Ministero dell’industria, del
commercio e dell’artigianato, e ss.mm.ii., al punto 5.9 dispone che:

OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

«Nel caso in cui, successivamente alla domanda di agevolazioni, al soggetto
richiedente le agevolazioni ne subentri un altro a seguito di fusione, scissione,
conferimento o cessione d’azienda o di ramo d’azienda, i soggetto subentrante può
richiedere di subentrare nella titolarità della domanda e, qualora già emessa, della
concessione delle agevolazioni.»

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Le condizioni per il subentro sono le seguenti:

AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA

 Il soggetto subentrante dovrà sottoscrivere, con le medesime modalità, le
dichiarazioni, gli impegni, le autorizzazioni e gli obblighi già sottoscritti dal
soggetto richiedente;

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

 La banca concessionaria dovrà verificare, con riferimento al nuovo soggetto,
alla dimensione dello stesso ed al programma di cui alla domanda di
agevolazioni, la sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi per la
concessione o la conferma delle agevolazioni medesime;
 La dimensione del soggetto subentrante viene rilevata con riferimento alla
data in cui lo stesso diviene legittimamente titolare del programma e, quindi,
a quella in cui ha effetto l’operazione societaria di cui si tratta.

43
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

PROPOSTA DI CONFERMA DEI FINANZIAMENTI DEI CONTRATTI DI
PROGRAMMA DA PARTE DEL NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

4. OBIETTIVI INDUSTRIALI
Gli obiettivi industriali riguardano la compiuta realizzazione del Piano di sviluppo
turistico promosso da CIT S.p.A. ora in A.S. in base ai differenti livelli di fattibilità
riscontrabili per ciascun Polo.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Le priorità individuate sono le seguenti:
1. realizzazione dei Poli turistici integrati di Sibari, Calatabiano e Carovigno;

OBIETTIVI INDUSTRIALI

3. completamento del Polo turistico integrato di Scanzano Jonico – 1° e 2°
modulo;

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

4. realizzazione del Polo turistico religioso di Pietrelcina.

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

2. realizzazione dell’Aviosuperficie di Pisticci – 1° modulo;

AVIOSUPERFICIE

Il grado di fattibilità è stato valutato sulla base delle decisioni del CIPE per ciascun
Polo.

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

Il grado di fattibilità maggiore è relativo ai Poli di Sibari, Calatabiano e Carovigno, per
i quali il CIPE non solo ha deciso il finanziamento delle iniziative (Cfr. Delibere CIPE
160/05 e 212/06), accantonando le risorse, ma ha anche collegato alla conclusione
del piano di cessione in corso l’assegnazione definitiva delle medesime risorse. Infatti
la delibera CIPE del 16 marzo 2007, n. 12 (in G.U.R.I. n. 129 del 6 giugno 2007),
rinvia di dodici mesi, rispetto all’esecuzione della parte del programma di cessione
che interessa la compiuta vendita a terzi delle attività aziendali che riguardano
l’esecuzione del contratto di programma di Sibari, Calatabiano e Carovigno, la
presentazione della proposta di conferma del finanziamento da parte del Ministero
dello Sviluppo Economico.

REQUISITI

L’aviosuperficie di Pisticci gode dell’accantonamento delle risorse necessarie
all’attuazione del primo modulo (Cfr. Delibera CIPE 94/02) di cui il CIPE dovrà
disporre l’assegnazione definitiva. Con la medesima delibera il CIPE approvò in via
programmatica il completamento di Scanzano Jonico – 2° modulo.
Diversa è la situazione per Scanzano Jonico – 1° modulo - e Pietrelcina, dove i
contratti di programma sono stati già stipulati e, nonostante il CIPE abbia inteso
confermare in un primo tempo i finanziamenti concessi, in attesa del superamento
della crisi del Gruppo CIT (Cfr. esito del CIPE del 29 luglio 2005), il Ministero dello
Sviluppo Economico ha tuttavia avviato i procedimenti di revoca di cui il CIPE ha
preso atto nella seduta del 23 maggio 2007 (Cfr. Delibere CIPE 27 e 28 del 2007).
Per Scanzano Jonico il CIPE ha deliberato la revoca totale delle agevolazioni e dei
finanziamenti a suo tempo assegnati a favore del contratto di programma CIT Holding
– Scanzano Jonico, per tre delle quattro iniziative turistiche previste nell’ambito dello
stesso Contratto e relative a Hotel Residence du Sud, Sable d’Or e Hotel Lucani.
Tali progetti prevedono agevolazioni a carico dello Stato pari a 38.679.523 euro.
Sono state confermate dal CIPE le agevolazioni relative alla quarta iniziativa, Hotel
Portogreco, per un importo di 12.432.150 euro.
Per Pietrelcina il CIPE ha disposto la revoca totale delle agevolazioni e dei
finanziamenti a suo tempo accordati a favore del contratto di programma per il Polo
turistico religioso di Pietrelcina, per un ammontare pari a 35.822.190 euro.

44
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

PROPOSTA DI CONFERMA DEI FINANZIAMENTI DEI CONTRATTI DI
PROGRAMMA DA PARTE DEL NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

4. OBIETTIVI INDUSTRIALI
4.1. L’impatto occupazionale del Piano industriale
La realizzazione del Piano di sviluppo turistico promosso da CIT rappresenta ancora
oggi uno straordinario strumento di sviluppo locale.
Nel caso specifico esso consentirà di:
-

attivare nuova occupazione nelle aree svantaggiate del Paese;

-

occupare in salvaguardia i lavoratori del Gruppo CIT risultanti in esubero ad
esito del piano di cessione.

In merito all’occupazione da generare si ritiene tuttavia opportuno, in considerazione
dei contingenti fattori di crisi e di una verifica aderente alle attuali capacità di
assorbimento occupazionale nel settore della gestione alberghiera, operare uno
scostamento dei livelli occupazionali previsti in diminuzione. Tale scostamento è
inteso nel limite del 30%, ammissibile ai sensi della Circolare n. 900516/00.
L’occupazione da generare sarà pari quindi a 730 unità lavorative annue (ULA),
ridotta rispetto a quanto originariamente previsto nel Piano di sviluppo turistico ma
oggettivamente in linea con le attuali condizioni di mercato.

ULA da piano
progettuale

ULA con riduzione
del 30%

PTI SIBARI

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.

Hotel Baia degli Achei

74,3

52,01

Residence Albergo Eiano

37,2

26,04

Villaggio Albergo Stombi

75,3

52,71

Hotel Coscile

66,3

46,41

Residence Albergo Crathys

47,7

33,39

10

7

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO

310,8

217,56

P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Cantieri Nautici

OBIETTIVI INDUSTRIALI

AVIOSUPERFICIE

PTI CALATABIANO

66,25

46,38

P.T.I. PIETRELCINA

37,17

26,02

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO

103,42

72,39

36,99

25,89

36,99

25,89

VA2_Residence Albergo Torregreca

71,8

50,26

CA4_Hotel

48,6

34,02

Hotel L’Approdo
Residence I Casoni

REQUISITI

PTI CAROVIGNO
Hotel Borgo degli Ulivi

PTI SCANZAO IONICO 1° modulo

52,5

36,75

172,9

121,03

VA3_Hotel

52,5

36,75

VA3_Villaggio Albergo

61,3

42,91

113,8

78,66

Aviosuperficie 1° modulo

55

38,5

Aviosuperficie 2° modulo

25

17,5

80

46

130

91

10

7

140

98

110

77

110

77

1.042,91

730,04

CCA5_Villaggio Albergo

PTI SCANZAO IONICO 2° modulo

AVIOSUPERFICIE

PTR PIETRELCINA 1° modulo
Casa Albergo Casa del Pellegrino
Auditorium

PTR PIETRELCINA 2° modulo
Hotel La Morgia

TOTALE PIANO DI SVILUPPO

45
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

PROPOSTA DI CONFERMA DEI FINANZIAMENTI DEI CONTRATTI DI
PROGRAMMA DA PARTE DEL NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

4. OBIETTIVI INDUSTRIALI
4.2. Aggiornamento del Piano Progettuale

Allegato “E”

Al presente documento sono allegati i singoli fascicoli di aggiornamento al
Piano progettuale, già presentato agli organismi competenti e che ha consentito
l’approvazione dei Poli Turistici Integrati anche da parte del CIPE, che esplicitano:

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento per il
Contratto di Programma “CIT S.p.A” – Pietrelcina, di cui alle delibere CIPE 50/02
e 28/07, ed esito del CIPE del 29/07/05, a favore del nuovo Soggetto Proponente
Soglia Hotel Group S.r.l.

-

i requisiti del soggetto proponente;

-

gli elementi identificativi del contratto;

-

le variazioni intervenute rispetto al progetto approvato.

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI
P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO

Non vengono tuttavia modificate le agevolazioni complessivamente erogate né gli
importi degli investimenti.

AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA

Gli allegati riportano i dati in aggiornamento rispetto alle determinazioni già assunte
dal CIPE. Essi sono:

PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

Allegato “A”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento del Contratto
di Programma “Gruppo CIT S.p.A.” - Sibari, Calatabiano, Carovigno - di cui alle
delibere CIPE 160/05, 212/06 e 12/07, a favore del nuovo Soggetto Proponente
Soglia Hotel Group S.r.l.
Allegato “B”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento del Contratto
di Programma “CIT Holding S.p.A.” – Scanzano Jonico - di cui alle delibere CIPE
82/01 e 27/07 e all’esito del CIPE del 29/07/05, a favore del nuovo Soggetto
Proponente Soglia Hotel Group S.r.l.
Allegato “C”

Progetti finalizzati al finanziamento da parte del CIPE del Contratto di Programma
avente ad oggetto il completamento del Polo turistico integrato di Scanzano Jonico
(VA 3), di cui alla delibera CIPE 94/02, a favore del nuovo Soggetto Proponente
Soglia Hotel Group S.r.l.
Allegato “D”

Progetti finalizzati alla conferma da parte del CIPE del finanziamento per il Contratto
di Programma “CIT Holding S.p.A” – Aviosuperficie di Pisticci - di cui alla delibera
CIPE 94/02, a favore del nuovo Soggetto ProponenteSoglia Hotel Group S.r.l.

46
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEI POLI TURISTICI INTEGRATI
NELL’AMBITO DEL PIANO DI CESSIONE DEL GRUPPO CIT

PIETRELCINA (BN)
POLO TURISTICO INTEGRATO PIETRELCINA

PISTICCI (MT) AVIOSUPERFICIE

CAROVIGNO (BR)
POLO TURISTICO INTEGRATO
SANTA SABINA
SCANZANO IONICO (MT)
POLO TURISTICO INTEGRATO PORTOGRECO

SIBARI (CS)
POLO TURISTICO INTEGRATO
PIANA DI SIBARI

CALATABIANO (CT)
POLO TURISTICO INTEGRATO ALCANTARA

LA LOCALIZZAZIONE DEI POLI TURISTICI INTEGRATI

PROPOSTA DI CONFERMA DEI FINANZIAMENTI DEI CONTRATTI DI
PROGRAMMA DA PARTE DEL NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

5. POLI TURISTICI INTEGRATI DI SIBARI, CALATABIANO E CAROVIGNO
CONTRATTO DI PROGRAMMA DI CUI ALLA DELIBERE CIPE N.160/05,
N. 212/06 E N.12/07
5.1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DEL CONTRATTO
DI PROGRAMMA

5.1.1. Date del Contratto

ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI

Presentazione della Domanda di Accesso al Contratto di Programma
NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

Il nuovo soggetto proponente si qualifica, ai sensi della Deliberazione CIPE n.10 del
25 febbraio 1994 e successive modifiche ed integrazioni, come Grande Impresa.

Polo Turistico Integrato “Piana di Sibari” - Cassano allo Ionio (CS)

23/12/2003

Polo Turistico Integrato “Alcantara” - Calatabiano (CT)

08/03/2004

Polo Turistico Integrato “Santa Sabina” - Carovigno (BR)

08/03/2004

Aggiornamento del Piano Progettuale

18/04/2005

SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

FORMA GIURIDICA:

Società a responsabilità limitata

CODICE FISCALE:

03836960652

PARTITA IVA:

03836960652

SEDE LEGALE:

C.so Claudio, 1 - 84083 Castel San Giorgio (SA)

NUMERO REA:

SA - 324096

SEDE AMM.VA:

Via Salisburgo, 12 - 37136 Verona

L’impresa, ai sensi dell’art. 2359 c.c., non è controllata da società estera.
L’impresa non è partecipata da Soggetti Pubblici.
La dimensione di impresa è stata verificata ai sensi del Decreto del Ministero
delle Attività Produttive 18 aprile 2005, che recepisce la raccomandazione della
Commissione Europea n. 2003/361/CE.

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE

Rilascio del Parere di Conformità Regionale
DENOMINAZIONE:

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE

Regione Calabria

26/04/2004

Regione Sicilia

29/09/2005

Regione Puglia

02/11/2005

P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

Decisioni assunte dal CIPE
Deliberazione CIPE di Approvazione del Contratto N. 160

02/12/2005

Pubblicazione in G.U.R.I. della Delberazione CIPE N. 160/05

18/07/2006

Deliberazione CIPE di Integrazione del finanziamento N. 212

22/12/2006

Pubblicazione in G.U.R.I. della Delberazione CIPE N. 212/06

07/05/2007

Deliberazione CIPE di modifica ed integrazione della Delibera N. 212/06, N.12

18/03/2007

Pubblicazione in G.U.R.I. della Delberazione CIPE N. 12/07

06/06/2007

Decorrenza delle spese ammissibili

(1)

1 Per i Contratti di programma presentati dopo il 16 settembre 2003 sono considerate ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di comunicazione, al Soggetto Proponente, del superamento della 1° fase istruttoria di cui alla

Delibera CIPE n. 26 del 25 luglio 2003.

Tale fase coincide con la verifica della sussistenza dei requisiti di ammissibilità richiesti per il soggetto proponente e per il piano progettuale e ne dà comunicazione alle Regioni e agli altri organi eventualmente interessati.
Nel caso specifico si ritiene che la data di decorrenza delle spese ammissibili possa essere individuata dall’approvazione da parte del Ministero dello sviluppo economico del subentro del nuovo soggetto proponente e dalla
formalizzazione degli atti conseguenti.

48
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia

PROPOSTA DI CONFERMA DEI FINANZIAMENTI DEI CONTRATTI DI
PROGRAMMA DA PARTE DEL NUOVO SOGGETTO PROPONENTE

5. POLI TURISTICI INTEGRATI DI SIBARI, CALATABIANO E CAROVIGNO
CONTRATTO DI PROGRAMMA DI CUI ALLA DELIBERE CIPE N.160/05,
N. 212/06 E N.12/07
5.1.2. Dati della Deliberazione CIPE del 2 dicembre 2005 N.160
e del 22 dicembre 2006 N. 212

ATTIVITA’ IMPRENDITORIALI
OGGETTO DI CESSIONE
ESITI DELLA CESSIONE
MODALITA’ PER
L’ATTUAZIONE DEI P.T.I.
OBIETTIVI INDUSTRIALI

Il Contratto di programma è stato agevolato in due tranche.
Delibere CIPE

N.

160/05

212/06

TOTALE

Numero iniziative ammesse

N.

10

10

10

Investimenti totali ammessi

Euro

58.371.452

136.188.685

194.560.137

Agevolazione concessa

Euro

35.128.980

52.916.801

88.045.781(*)

Nuova occupazione

ULA

527

527

527

P.T.I.:
- SIBARI
- CALATABIANO
- CAROVIGNO
P.T.I. SCANZANO IONICO
P.T.I. SCANZANO IONICO
COMPLETAMENTO
AVIOSUPERFICIE
P.T.I. PIETRELCINA
PROSPETTO
CONTO ECONOMICO
REQUISITI

(*) La Regione Sicilia con propria Delibera del 29/09/2005 si è impegnata ad un concorso
partecipativo nella misura del 30% dei contributi statali giudicati ammissibili.
La quota di coofinanziamento regionale stimata sulla seconda tranche di agevolazione
(concessa con Del. CIPE N. 212/06) è pari ad Euro 5.602.003,05.
L’agevolazione totale è quindi pari ad Euro 93.647.783,00.

49
SOGLIA HOTEL GROUP S.r.l.

AAREAL BANK AG
Filiale Italia



Parole chiave correlate