File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



SCEGLIERE IL DENTISTA.pdf


Anteprima del file PDF scegliere-il-dentista.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Anteprima testo


e per ottimo mantenimento!

Arredamento dal dentista : è essenziale intravvedere subito una stanza apposita per la
sterilizzazione dello strumentario.

Controlla che il dentista usi le giuste attrezzature.
Le attrezzature possono anche confondere: attrezzature e arredamenti ridondanti delle zone
operative potrebbero essere utilizzati solo per impressionare il paziente, senza avere una reale
utilità. La presenza di troppi mobili all’interno dello studio operativo può far pensare che non vi sia
un locale deputato allo stoccaggio e sterilizzazione dello strumentario (di gran lunga preferibile).
Il dentista deve effettuare le prestazioni di tipo restaurativo come le otturazioni, le devitalizzazioni e
la cementazione delle protesi adesive utilizzando la diga in gomma. Anche se un po’ scomoda per il
paziente, garantisce migliori risultati, più duraturi nel tempo.
Altra cosa da osservare, ed è importante, l’utilizzo di sistemi ingrandenti: il “bravo dentista” vuole
vedere bene le cose ben fatte, ma anche gli errori, per correggerli. Lavorare così richiede più tempo
e più attenzione. Ma non tutti sono "Occhio di Falco". Ed ecco che il comune dentista "Occhio
Miope" si attrezza per vederci meglio, per vedere ingrandito. La cura dentale è spesso paragonabile
ad una fine miniatura, e vederci bene permette di fare diagnosi più accurate, operare meglio, vedere
delle carie precocemente, più precocemente della loro scoperta radiografica.
Certo, un dentista capace è comunque meglio di un principiante con gli occhialini...
Al contrario, il dentista poco appassionato al suo lavoro preferirà velocemente non vedere troppo in
grande i propri risultati mediocri, quindi non userà alcun ingrandimento.
Diverso il discorso riguardo alla presenza di un laser: alcuni professionisti lo utilizzano con
competenza e ne traggono risultati, ma molti altri lo hanno acquistato convinti di usarlo come
panacea per “mettere una pezza alle proprie carenze tecniche”. È giusto sapere che non esistono
terapie che non si possano fare senza laser, ed altrettanto bene.

L’affiatamento
affiatamento con il personale ausiliario uno studio ben organizzato cerca di tenersi caro il personale
ausiliario; una equipe bene affiatata non ha quasi bisogno di parlare di lavoro (l’assistente sa già cosa
serve durante il lavoro). Potrà così conversare in maniera rilassata creando un ambiente che dia
ulteriore fiducia al paziente. Un bravo dentista cercherà di non riprenderà mai la propria assistente
davanti al paziente: sarebbe controproducente per entrambi.
Il tempo che viene dedicato alle terapie:
terapie l’odontoiatria di qualità richiede tempo ed attenzione: anche la
più semplice delle terapie canalari non può essere effettuata in meno di 45-60 minuti e così dicasi di
un’otturazione estetica. Si può essere un po’ più veloci con l’amalgama, ma poi occorre una ulteriore
breve seduta per la sua lucidatura. In protesi, se un’impronta viene presa più volte non è segno di
incapacità dell’operatore, ma della sua meticolosità. Se, quindi, Vi prendono un’impronta e il dentista,
dopo averla esaminata sotto ingrandimento, Vi dice che ne vuole prendere un’altra, siate tranquilli che
ha a cuore la vostra salute. Infatti per lui una seconda impronta costa in termini di tempo (che è
denaro) e di materiali (che sono sempre “denaro”). Molto probabilmente potrebbe accontentarsi della
prima e Voi potreste accorgervi della conseguenza di un’imprecisione dopo molti anni (potrebbe
addirittura convenirgli, perché Vi potrebbe fare una nuova protesi).
I richiami periodici:
periodici anche questi, per essere efficaci, hanno bisogno del giusto tempo e degli adeguati
esami strumentali. Le stesse sedute di igiene orale, per poter durare, devono essere effettuate