File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



SCEGLIERE IL DENTISTA.pdf


Anteprima del file PDF scegliere-il-dentista.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Anteprima testo


complesso di riabilitazione, non si può parlare così! Per contro non accetto che vi siano colleghi che
si fanno pagare il preventivo per la consueta igiene orale che fate ogni sei mesi, né accetto che vi
possano domandare cifre abnormi di 2- 300 euro! Per altre considerazioni rimando alla lettura del
capitolo sulla “visita”

consenso informato
Consiglio: Pretendi che venga dato un preventivo chiaro, scritto e dettagliato, tipo di trattamento,
rischi, possibili conseguenze e tempi di esecuzione. Questo noi lo chiamiamo “consenso informato”.
In altre parole, tu, per essere curato, dai il tuo benestare, ma il dentista dopo averti raccontato vita
morte e miracoli di quello che ti accadrà, dopo averti predetto le possibili complicazioni, dopo aver
decantato pregi e difetti anche di cure alternative da quella proposta, deve accertarsi che tu abbia
ben compreso tutto.
In particolare l’informazione deve essere comprensibile, attendibile, il più possibile completa,
credibile e utile, sempre deve essere rispettate le preferenze del diretto interessato
Se l’odontoiatra ti appare confuso e impreciso, cambia professionista. La spiegazione deve essere
sempre chiara ed esauriente con risposte a eventuali dubbi.
Importante: alla fine delle cure è confrontare il conto finale con il preventivo; se riscontrate grosse
differenze, non esitate a protestare!
Nel caso di cure protratte nel tempo chiedete fattura ogni sei mesi!
Concordare sempre per iscritto variazioni e ulteriori cure!

Fissare un appuntamento e trattare i costi
Le tariffe fisse e minime sono state abolite; i costi pertanto sono a discrezione dei singoli
professionisti, sarebbe quindi possibile tentare una trattazione, nel rispetto del sanitario e l’equità
del compenso
Importante: alcuni cosiddetti “consiglieri” suggeriscono di non confermare mai un appuntamento
senza aver prima trattato le tariffe! E che di regola si possono ottenere sconti dal 10% al 15%. Allora
voglio parlare dello “sconto”.

Lo sconto
Persone che ce l’hanno nel sangue e persone che sono timide…
Capisco che chiedere è lecito!
E può essere divertente, al mercato ed in alcune culture è parte integrante delle interazioni sociali,
eppure può diventare di cattivo gusto: ve la sentite di chiedere lo sconto in farmacia, al ristorante,
dal parrucchiere o alla cassiera del supermercato?
Come già detto, Il mio tariffario è stato compilato con un'idea ben precisa: ridurre il più possibile il
costo delle prestazioni, mantenendo un profitto austero e dignitoso, proporzionato al tipo di
responsabilità ed impegno che devo dedicare al lavoro.
Pertanto, in qualche caso, a favore di qualche persona, sono io che offro qualche facilitazione nel
prezzo, non può certo essere quel noto tipo di paziente con le note motivazioni ad autoridurre il
valore delle prestazioni eseguite da altri!