File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Presentazione social e pa .pdf



Nome del file originale: Presentazione social e pa.pdf
Titolo: Like or Don’t Like this is the problem
Autore: giulia carta

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® PowerPoint® 2013, ed è stato inviato su file-pdf.it il 20/01/2015 alle 10:59, dall'indirizzo IP 62.10.x.x. La pagina di download del file è stata vista 996 volte.
Dimensione del file: 1.4 MB (17 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Like or
Don’t Like
this is the problem
Facebook e P.A. : Quando l’interazione diventa selvaggia.

Pubblica amministrazione e Social
La tecnologia ha modificato gran parte delle nostre abitudini.

Ha semplificato molti compiti che prima necessitavano di tempo e
fisicità (recarsi allo sportello, fare la fila, etc).
Per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione, il web ha contribuito
a dimezzare le barriere tra cittadini e P.A., ha reso fruibili
documentazioni e informazioni real time ed ha contribuito a solidificare
il principio della trasparenza.
Siamo però in una fase dove non basta più il solo sito istituzionale, i
cittadini sentono il bisogno di interagire con gli enti pubblici per trovare
un riscontro ancora più immediato per le loro problematiche.

Quanto è presente la tecnologia nella nostra vita?
 Il 64% delle famiglie italiane possiede una
connessione internet a casa e il 59,7%
possiede anche una connessione a banda
larga;
 L’87,1% delle famiglie con almeno un
minorenne possiede almeno un pc e l’89% ha
accesso ad internet
 Il 17,8% delle famiglie di soli anziani
ultrasessantenni possiede un pc e soltanto il
16,3% possiede internet
 Il 20,5% della popolazione dei social esprime
la propria opinione sulla politica
 Il 29,8% della popolazione del web ha
utilizzato il web per visitare i siti della P.A.

vedi www.istat.it

E I SOCIAL?
Il 57% della popolazione del WEB
utilizza almeno un social
network.
Con questa percentuale
significativa le Pubbliche
Amministrazioni non possono
ignorare il fatto che sarebbe
un’ottima strategia comunicativa
inserirsi nel contesto dei social.

Detto ciò, sottolineando la sempre crescente
percentuale di popolazione che si iscrive sui social,
l’utilizzo di queste piattaforme ha bisogno di un
VADEMECUM che guidi le Amministrazioni
pubbliche in un utilizzo adeguato di questi nuovi
metodi di interazione.
I social possono e devono servire come strumento di
monitoraggio per la qualità dei servizi e il grado di
soddisfacimento del cittadino. Sono un mezzo veloce
ed immediato di informazione che permette uno
scambio diretto tra Ente e Cittadino. Il cittadino può
condividere e commentare attivamente l’operato del
proprio comune ad esempio ed esprimere la propria
opinione consigliando, ad esempio, metodi
alternativi per il raggiungimento di un determinato
obiettivo comune. La P.A. ha dunque a disposizione
uno strumento di feedback immediato

I think B
I think A

I think C

Facebook e P.A. nella provincia di Sassari
La provincia di Sassari è composta da 66 comuni.
Su 66 comuni 34 sono su Facebook divisi nel modo
seguente:
• 13 hanno un profilo facebook
• 20 hanno una like page
• 1 possiede entrambe
5 comuni non aggiornano il proprio profilo\likepage da
molto tempo, alcuni addirittura dal 2010, più che un
mezzo di informazione da parte della P.A., questi profili
sono diventati un mezzo di scambio tra cittadini che ne
usufruiscono in modo autonomo per pubblicizzare eventi,
esercizi commerciali, etc.
Il comune di Laerru non ha una pagina Facebook ma una
pagina dedicata ai servizi sociali: ‘Servizi Sociali Laerru’

La Pubblica Amministrazione dovrebbe
utilizzare la forma LikePage e non Profilo in
quanto, per questioni di privacy, non dovrebbe
avere libero accesso ai profili privati degli
utenti\cittadini e sapere della loro vita privata,
spostamenti, opinioni personali che riguardano,
in alcuni casi, l’amministrazione stessa.
Dall’analisi di tutti i comuni della provincia di
Sassari presenti su facebook è emerso che
l’utilizzo del profilo anziché della likepage porta
ad una interazione tra P.A. e cittadini per certi
versi selvaggia.

Il caso specifico:
Profilo istituzionale su
Facebook del Comune di Sorso







Tipologia profilo
Quantità, tipologia e qualità dei post
Interazione utenti-amministrazione
Feedback
Efficacia comunicativa

Tipologia Profilo
Il Comune di Sorso ha scelto la tipologia ‘Profilo’ per entrare nel mondo di
Facebook.
Attualmente conta 4999 amici, 812 seguono gli aggiornamenti del profilo e
733 risultano essere abitanti di Sorso secondo quanto scritto nel loro profilo
personale. Quest’ultima affermazione non è però del tutto veritiera in quanto
molti utenti mentono solla loro locazione o semplicemente non la
comunicano su Facebook.

Quantità, Tipologia e Qualità dei post
L’amministrazione aggiorna non molto
frequentemente il profilo. Non lo
utilizza quasi mai per dare informazioni
istituzionali se non in qualche caso. La
maggior parte dei post sono dedicati
alla rettifica di articoli
sull’amministrazione pubblicati sulla
‘Nuova Sardegna’ che, nella quasi
totalità, hanno un contenuto difforme
alla realtà. I restanti post sono dedicati
alla pubblicizzazione di eventi
organizzati dal comune.

Interazione utenti-amministrazione
Le interazioni tra utenti e
amministrazione avvengono di rado.
Nella quasi totalità dei post pubblicati
i cittadini commentano dando la loro
opinione senza ricevere risposta,
anche quando vengono fatte
domande dirette all’amministrazione.
Solitamente sono altri cittadini che
rispondono, e in larga misura le
interazioni sono poco produttive,
offensive e a solo scopo di lamentela.

Un esempio di cattiva comunicazione tra amministrazione e cittadini.
L’amministrazione informa che verranno stanziati TOT fondi per un determinato
lavoro di ristrutturazione in paese. I cittadini commentano il post in maniera poco
costruttiva, utilizzando un linguaggio poco consono alla situazione, non forniscono
alcun suggerimento ne apportano migliorie
all’andamento del comune stesso

Un altro triste esempio di cattiva
interazione tra amministrazione e
cittadini.
In questo caso l’amministrazione
informa i cittadini che è stata creata
un’app che permette di poter
segnalare eventuali problemi di
decoro urbano così da poter
intervenire in modo tempestivo. Al
contrario di quanto si possa pensare i
cittadini non rispondono in maniera
positiva, al contrario focalizzano
l’attenzione sulle presunte mancanze
dell’app senza però verificare se
effettivamente sia possibile
segnalare problemi nell’agro, dando
per scontato che l’urbano non
comprenda l’agro.

Feedback
Il feedback del profilo non è dei
migliori.
I cittadini rispondono raramente
e quando rispondono lo fanno
sotto forma di lamentele.
L’amministrazione non
interagisce in quanto nella
maggior parte dei casi si trova di
fronte ad un muro.
In rarissimi casi si ha un
riscontro positivo.
Questo ne è un esempio.

Efficacia comunicativa
La comunicazione è efficace?
Questo è un caso in cui i social vengono utilizzati in maniera sbagliata.
La pagina viene aggiornata con poca frequenza, vengono segnalati di
rado modulistica, scadenze, non viene monitorato il benessere dei
cittadini. Il profilo è passivo, e l’amministrazione quasi sempre si
giustifica. Si perde di vista quale sia il vero obiettivo della P.A. nei
social, interagire con i cittadini per aumentare l’efficienza delle scelte
delle amministrazioni in conformità con i bisogni dei cittadini stessi,
accrescere il senso di fiducia nelle istituzioni attraverso il principio di
trasparenza. Eliminare la disinformazione incanalando le news su
profili gestiti dall’amministrazione in prima ‘persona’ evitando
seconde fonti.

Che cosa si può fare per migliorare?
In questo caso la responsabilità della cattiva riuscita comunicativa va
attribuita ad entrambi le parti.
L’amministrazione ha gestito male la situazione, ha creato un profilo
anziché una likepage, non ha utilizzato il profilo di pari passo con il sito
istituzionale ma ne ha fatto una seconda via, quasi alternativa, dove
comunicare le informazioni più appetibili.
I cittadini, d’altro canto, non aiutano. L’interazione in questo caso la
possiamo definire ‘selvaggia’ in quanto non c’è controllo e non ci sono
moderatori, il profilo non è visto come un’istituzione ma come valvola
di sfogo a senso unico. Il linguaggio utilizzato non è adatto.
Sta all’amministrazione ma anche ai cittadini venirsi incontro, il
comune deve aprire una pagina e chiudere il profilo, deve dedicare più
spazio e attenzione nella compilazione dei post e deve interagire con i
cittadini; i cittadini devono dimostrarsi più aperti al dialogo e
partecipare in maniera costruttiva e meno polemica.

Social e P.A. : MIGLIORARE? LET’S DO IT

Vi ringrazio per l’attenzione, Giulia


Documenti correlati


Documento PDF mind room matrix 2013 novembre final
Documento PDF rudolf steiner i punti essenziali della questione sociale
Documento PDF presentazione social e pa
Documento PDF allegato a
Documento PDF socialvalleypresentazioneregionetoscana
Documento PDF presentazione escursioni 2015


Parole chiave correlate