File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Cesp Giorno memoria 2015 .pdf



Nome del file originale: Cesp_Giorno memoria 2015----.pdf
Titolo: libro 27 genni-1.indd

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Adobe InDesign CS4 (6.0) / Adobe PDF Library 9.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 24/01/2015 alle 20:59, dall'indirizzo IP 95.237.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1195 volte.
Dimensione del file: 3.5 MB (24 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Cesp – Centro Studi per la Scuola Pubblica

Sui banchi
del regime

Studiare nella scuola fascista

Interventi di:

Piero Fossati, Gianluca Gabrielli, Alberto Gagliardo, Fabio Targhetta
Dossier in occasione della Giornata della memoria 2015

1

Il volume è curato dalla sede bolognese del Cesp.

Il
CESP,
Centro
Studi
per
la
Scuola
Pubblica,
nasce
nel
1999 per iniziativa di lavoratori della scuola di area Cobas.
L’intento è quello di affiancare all’attività politica e sindacale uno spazio
specificamente dedicato alla riflessione culturale e didattica sulla scuola, realizzata
attraverso seminari, convegni, attività di aggiornamento e pubblicazioni.
I principi di riferimento del CESP sono la difesa della scuola pubblica
statale, l’opposizione alle diverse forme di privatizzazione, alle vecchie e
nuove forme di mercificazione del sapere e ai processi di aziendalizzazione
che stanno avanzando da alcuni anni a ritmi inediti e preoccupanti.
L’associazione opera sia a livello locale che proponendo iniziative coordinate a livello
nazionale.

La sede di Bologna è in via San Carlo, 42

cespbo@gmail.com www.cespbo.it
La sede nazionale è a Roma, via Manzoni, 55

http://www.cobas-scuola.it/Cesp
Stampato nel mese di gennaio 2015

Opera disponibile per chiunque abbia interesse in modalità Copyleft.
E’ possibile estrarne copia parziale o totale a patto di citarne sempre l’autore e la fonte.
2

Indice

Introduzione
Perché i maestri divennero fascisti
Piero Fossati
Alberto Gagliardo Il fascismo in aula:
occupare lo spazio per colonizzare l’immaginario
Fabio Targhetta
Quando anche le pagelle
erano uno strumento di indottrinamento
Alberto Gagliardo Militarizzare la scuola
Gianluca Gabrielli Come nacque la “scuola di razza”

p.
p.

5
7

p.

10

p.
p.
p.

14
17
20

G. Gallo, Per mano. Conversazioni grammaticali con numerosi esercizi, indovinelli, letterine,
favole, poesiole e vocabolarietto ad uso della terza classe elementare, Mauro, Catanzaro, 1928.
3

Gli autori dei testi
Piero Fossati si occupa di storia delle istituzioni scolastiche. Collabora con “il Manifesto”
e con il “Secolo XIX” di Genova. Con M. Bacigalupi, sua moglie, G. Bini e altri maestri
genovesi realizzò il cosiddetto “Stupidario”, sciocchezzaio dei libri della scuola elementare (1969). Redattore e autore dell’Enciclopedia Io e gli altri e della collana di volumetti
per ragazzi “Per leggere-Per fare” (Genova, Ghiron, 1970) ne ha diretto il rifacimento per
conto di Einaudi col titolo: Itinerari. Con M. Bacigalupi ha pubblicato Bambino o scolaro. L’esperienza infantile in un quartiere operaio, (Rimini, Guaraldi, 1976) bilancio di un
anno di tempo pieno. Con altri Scuola: maestra e mamma. Un’indagine sulla filosofia dei
regolamenti scolastici, (Genova, Ghiron, 1976). Con M. Bacigalupi ha studiato i meccanismi dell’acculturazione scolastica: Da plebe a popolo. L’educazione popolare nei libri
di scuola dall’Unità d’Italia alla Repubblica (Firenze, La Nuova Italia, 1986. Ne I maestri
del Regime. Storia di un insegnante nella scuola fascista (Milano, Unicopli, 2009) si è
servito materiali di archivi scolastici. Con M. Bacigalupi in Giorgio Caproni maestro,
Genova, “il melangolo”, 2010, ha ricostruito lo stile educativo di un maestro d’eccezione
nelle vicende della scuola elementare dal fascismo agli anni Settanta.
Alberto Gagliardo è nato a Lanciano (CH); vive a Cesena dove insegna lettere nel liceo
scientifico; è membro del comitato scientifico dell’Istituto di Storia della Resistenza della
provincia di Forlì-Cesena; fa parte del comitato di redazione de Le Vite dei Cesenati.
Nelle sue pubblicazioni si è occupato di antisemitismo, istruzione fascista, biografie di
antifascisti, letteratura del Novecento, cinema.
Fabio Targhetta è un precario universitario. Collabora con il Museo dell’Educazione
dell’Università di Padova e fa parte del comitato scientifico della rivista «History of Education & Children’s Literature». Si è occupato di storia dell’editoria scolastica, pubblicando con la SEI i volumi La capitale dell’impero di carta (2007), Serenant et illuminant
(2008) e “Signor Maestro Onorandissimo” (2013).
Gianluca Gabrielli è insegnante di scuola elementare a Bologna. Si è occupato di storia
del razzismo collaborando a varie mostre tra cui La menzogna della razza (1994), e di
storia della scuola, curando con Davide Montino La scuola fascista. Istituzioni, parole
d’ordine e luoghi dell’immaginario (Ombre Corte, 2009). Collabora con il Centro studi
per la scuola pubblica.

4

Introduzione

Gianluca Gabrielli

I rapporti tra memoria e storia negli ultimi
vent’anni hanno subito una grande trasformazione. Dal 2000 una dozzina di “leggi
della memoria” istituiscono nuove giornate
annuali di celebrazione. Tra esse la giornata dell’inno nazionale, quella della caduta
del muro di Berlino, il giorno delle vittime
del terrorismo e quello delle vittime delle foibe, la ricorrenza dei patroni speciali
d’Italia, dei caduti nelle missioni internazionali di pace e dei marinai scomparsi in
mare. In questa spartizione governativa
della memoria istituzionale, indice di una
evidente incapacità dei governi di riferirsi
ad un patto condiviso e quindi del tentativo di proiettarlo all’esterno a suon di voti
parlamentari, la giornata della Shoah svetta per il radicamento che si è subito guadagnata nella società e per il corrispettivo
riconoscimento di importanza che il tema
trova tra i maggiori storici nel mondo. La
Shoah è stata individuata, negli ultimi anni,
come uno degli accadimenti cruciali del
Novecento e in forza di ciò è ormai parte
della nostra identità storica condivisa. Per
questo, esemplare sineddoche, il 27 gennaio è divenuto di fatto il giorno in cui si può
e si deve guardare alla propria storia: il momento in cui analizzare gli eventi del secolo

scorso che sono stati lasciati in ombra o le
aporie irrisolte del presente, per illuminarli
di nuova luce, per trarre nuove prospettive,
idee, motivazioni per la costruzione di una
società futura più giusta.
È in questo senso che, riprendendo alcuni lavori preparati per la rivista reggiana
“Pollicino gnus”, abbiamo deciso di ripre-

Quaderno, anni Trenta.
5

sentarli e renderli liberamente scaricabili
con l’aiuto del Centro Studi per la Scuola
Pubblica di Bologna.
L’oggetto cui questi materiali di riflessioine rivolgono lo sguardo è il fascismo, il
regime che varò una legislazione razzista
e antisemita, discriminò ebrei e africani,
perseguitò chi non si piegava al razzismo
di Stato e partecipò attivamente alla deportazione degli ebrei verso lo sterminio.
In particolare si è scelto di puntare i riflettori storici sulla scuola del regime, soprattutto quella elementare, che si avviava ad
accogliere percentuali della popolazione
italiana sempre più ampie e che quindi funzionò come un potentissimo dispositivo di
educazione (e indottrinamento) delle classi popolari. Il regime ne comprese subito
l’importanza. La riforma attuata dai pedagogisti liberali del primo governo Mussolini, scaturito dalla Marcia su Roma, fu
rivendicata dal duce come la più fascista
delle riforme, ma fu soprattutto la trasformazione attuata negli anni seguenti, a suon
di ritocchi e propaganda, che fece sorgere
da questa prima struttura liberale-autoritaria una compiuta scuola fascista, votata all’esaltazione del regime e funzionale
all’educazione di una gioventù da rendere
disponibile ai più svariati espansionismi.
Piero Fossati nel suo articolo si chiede
come avvenne - oltre la coercizione - il
coinvolgimento dei maestri e delle maestre in questa scuola che cambiava di segno sotto le spinte del regime. Infatti non
solo di coercizione si trattò, poiché un importante ruolo ebbero altri elementi come
l’iniziale adesione al fascismo di Giuseppe
Lombardo Radice (il costruttore della riforma Gentile per la scuola elementare) e
una tempestiva selezione concorsuale.
Alberto Gagliardo ci fa entrare nelle aule
delle scuole fasciste, seguendo la trasforma6

zione estetica e politica delle pareti e provando ad illuminare la multiforme fenomenologia del muto curricolo che fu imposto
agli scolari. Fabio Targhetta prosegue questa analisi andando ad esplorare le pagelle
che il regime trasformò in icone colorate di
propaganda ma a cui affidò anche una spesso dimenticata funzione di reperimento di
risorse economiche. Ancora Gagliardo ci
accompagna nella progressiva militarizzazione dei curricoli di insegnamento. Infine
il sottoscritto punta il riflettore sul razzismo
scolastico, ricercando nella complessità
della sua configurazione le ragioni della sua
efficacia (e della successiva rimozione in
epoca repubblicana).
La distanza tra la scuola fascista e la scuola
di oggi è davvero enorme. Eppure questi
sguardi sul passato ci invitano a porre domande sul presente che quasi sempre dribbliamo per opportunismo. La prima è certamente sulle maestre e sui maestri di oggi:
mentre sta andando in pensione la generazione che tra gli anni Settanta e Ottanta ha
introdotto il tempo pieno, abolito il voto,
promosso l’uguaglianza inclusiva, nuove
riforme hanno cancellato senza suscitare
troppe resistenze molte di quelle innovazioni per riproporre una nuova forma di
scuola fondata sulle valutazioni gerarchizzanti attraverso i test, sull’individualismo
di docenti e allievi, sulla concorrenza competitiva. Le nuove generazioni di docenti
sono lo specchio di questa nuova scuola o
la subiscono nell’attesa di capovolgerne i
fondamenti? La nuova scuola che si fa strada a colpi di riforme che tagliano il tempo scolastico produrrà una crescita della
gerarchizzazione sociale o risveglierà una
domanda conflittuale di equità nell’acquisizione del sapere che, da ormai due decenni, sembra essersi perduta?
E quali sono le forme ideologiche che ven-

gono proposte ad allievi e docenti nella
scuola democratica di oggi? Le icone del
consumo e del profitto, che saturano l’immaginario dell’Italia prostrata dalla crisi economica, trionfano anche nelle aule
oppure la forza dei curricoli culturali e di
un’ottica critica del sapere riescono a costituire un baluardo almeno parzialmente
utile alla resistenza? E infine, la crescente
trasformazione della composizione studentesca per effetto della globalizzazione potrà
costituire l’occasione per una rielaborazione e un rilancio dell’idea di cittadinanza,
allargandola alla prospettiva di costruzione
collettiva del futuro (una cittadinanza “per”
una società migliore) oppure vincerà la for-

za della separazione, dell’esclusione, della
selezione su base “etnica”?
Lo sguardo al passato ci può aiutare, ma
non ci esenta dal compito di “tentare di capire la funzionalità e la coerenza di questa
scuola con un mondo che non ci piace”,
senza sconti per gli architetti dell’ignoranza organizzata, ma anche senza indulgenze
per le speranze e per le illusioni che non
riusciamo a trasformare in percorsi di cambiamento.
I testi di questo dossier sulla scuola fascista
sono già usciti nel numero 223 (gennaio 2014)
della rivista Reggiana “Pollicino gnus”.

7

Perché i maestri divennero fascisti
Piero Fossati

La scuola del Ventennio fascista è inevitabilmente legata all’immagine del piccolo
Balilla che felice agita il suo moschetto o
serioso marcia allineato con i suoi impettiti compagni o pettoruto e a braccio teso
lancia patriottiche frasi: non v’è dubbio, la
scuola fascista fu intrisa di quelle scene, di
rituali e di atteggiamenti che oggi appaiono
ridicoli e vacui ma che allora erano presi
sul serio, dai bambini facilmente coinvolti
in quelli che potevano apparire dei giochi
anche appassionanti (il fucilino, la marcia,
la gerarchia, i comandi), dai genitori che
avevano accettato il fascino tranquillizzante della dittatura o erano stati costretti a
chinare il capo, dai maestri ... e qui le cose
si fanno più oscure.
Sarebbe necessaria qualche spiegazione a
chiarire perché uomini di scuola, modesti
quanto si vuole, ma pur sempre spruzzati di
cultura, avessero abdicato non solo all’intelligenza ma al semplice buon senso per
abbracciare le follie del senso comune.
C’erano i fanatici di cui si può parlare solo
con disprezzo: quelli che la cultura non
riuscirebbe mai a scalfire, inebriati dagli
sciocchezzai vaniloquenti, pronti ai turpi servizi che li inorgoglivano come quel
Centurione maestro di una scolaresca genovese, classe 1893, che si sentiva a suo
agio solo in divisa coi calzoni a sbuffo e
in trepida attesa del sabato giorno dedicato
agli esercizi di virilità che, come ricorda un
suo ex alunno, consistevano nel provare i
lucidi stivali sul fondo schiena degli scolari. E c’era in una scuola genovese il maestro che vigliaccamente ricattava il padre
di un alunno restio ad iscriversi ai Balilla:
La Gent.ma Signora Direttrice in linea
8

riservata consigliò di dare “l’ultimatum” ai genitori ed in caso di rifiuto di
prendere energici provvedimenti. Non
aspettavo altro. Ieri, invitai alla scuola i
genitori dei cinque alunni e, senza tante
discussioni feci conoscere la volontà del
Duce e dei Superiori. Quattro si mostrarono almeno in apparenza contenti
di iscrivere i propri figli. Soltanto il padre dell’alunno Bradino Elio fu perfettamente contrario e non volle firmare il
foglio d’iscrizione. Tralascio di riportare
il dialogo poco simpatico e mi riservo di
riprovare l’alunno.
Ma gli altri?
La maggior parte, forse, era stata attratta
dai progetti scolastici di due intellettuali
di rilievo, Giovanni Gentile e soprattutto Giuseppe Lombardo Radice che spinti
dalla presunzione di potersi servire del fascio per realizzare la riforma a loro cara,
avevano finito per non vederne l’animo
anticulturale e per diventare (il primo soprattutto mentre il secondo -ci aveva messo
un po’- ma si era reso poi conto di cos’era
il fascismo) i fiori all’occhiello, loro intellettuali di una dittatura dove la parola cultura faceva metter la mano al manganello.
L’autore di Lezioni di didattica porta la responsabilità storica della decisiva influenza esercitata sulla generazione che aveva
attraversato la guerra e che aveva trovato
nella retorica approssimativa e patriottarda del fascismo esca per adesioni passionali di uomini e donne; non ultime queste
nell’esaltarsi a celebrare i destini funerei
degli eroi, esse che sembravano rimpiangere di non essere state al fronte e compensa-

vano i lutti familiari gettandosi in frementi
annotazioni patriottiche e fasciste nei loro
registri di scuola.
Con squisito sentimento femminile fascista, la nostra attuale signora Direttrice,
essendosi proposto di istituire nella nostra
scuola una squadra di Balilla armati, pensò di intitolare uno dei moschetti alla sig.
ra Direttrice Sciaccaluga e agli altri Eroi
che la stessa Direttrice vorrà designare.
La nostra Direttrice ha indetto perciò ‘La
giornata del moschetto’; la raccolta fruttò
largamente. L’attuale Sig.ra Direttrice dice
che nulla potrebbe onorare di più la Sig.
Direttrice Sciaccaluga di questa offerta, cui
hanno partecipato, con slancio, insegnanti,
alunni e popolazione nel nome della Signora Sciaccaluga e dell’Italia Fascista.
Il saldo controllo dei maestri non sarebbe
stato duraturo se non ci fosse stata un’oculata selezione dei nuovi insegnanti, ciò che
fu realizzato con mosse d’indubbia abilità. Innanzi tutto via i rottami del passa-

G. Giovanazzi, Per l’Italia e per la mamma.
Romanzo per i ragazzi, ill. Nerino, Firenze,
Bemporad, 1934.

to, quegli insegnanti che si erano formati
sulle pagine del positivismo pedagogico e
che erano stati animatori delle prime lotte sindacali: il pensionamento dei vecchi
maestri liberò posti e diede a Gentile la
possibilità di indire in tempi rapidissimi
(nella primavera del 1923 gli scritti, in autunno gli orali) un megaconcorso: 22.000
domande di ammissione 4792 promossi,
pari a circa il 5,5% dell’intera popolazione
magistrale (stando alle statistiche elaborate
da Lombardo-Radice proprio nel 1923, ma
riferite alla situazione del 1921, raggiungeva complessivamente le 86.366 unità),
risultato limitato in termini numerici ma
apprezzato da Gentile per il quale un successo di massa avrebbe avuto il sentore di
inutile conformismo: i prescelti davano garanzia di fedele adesione per i successivi
quarant’anni.
Contemporaneamente un’operazione analoga ed ancor più incisiva fu fatta per i
direttori, figure destinate dal fascismo a
diventare i veri guardiani delle scuole, garanti ideologi degli insegnanti. Del migliaio di cattedre in palio solo 178 furono assegnate: si preferì lasciar scoperti i tre quarti
dei posti maschili piuttosto che attribuirli a
chi non dava sicuro affidamento! Le donne
riuscirono meglio ed occuparono tutti i 100
posti disponibili.
Non c’era da dubitare sui risultati: le commissioni d’esame, una ogni regione, erano
composte da persone di sicura fede gentiliana e lombardoradiciana con a capo
i provveditori (Gentile li aveva riportati
all’ambito regionale: una ventina era più
facilmente controllabile). A selezionare i
Direttori avevano lavorato lo stesso Lombardo Radice, l’illustre pedagogista Giovanni Vidari e il fior fiore dell’altissima
burocrazia ministeriale.
Frattanto Gentile aveva ottenuto qualche
miglioramento economico per i maestri e
9

poteva dirsi soddisfatto: la categoria insegnante era saldamente incamminata verso i
futuri destini della “Patria”. Sarebbe stato
opportuno nei primi tempi non allentare la
presa ideologica e a ciò provvide la pioggia
di circolari che organizzavano minutamente il comportamento del maestro e gli indicavano quello che avrebbe dovuto o non
dovuto fare: ingerenza pesantissima ma
garanzia di tranquillo tran tran se si fossero
rispettate le direttive.
Si iniziava con “Per la disciplina nelle scuole” poi, tra il 1922 e il 1925, forti dosi di patriottismo bellico-mortuario:
ben 8 circolari su “Viali o parchi della
Rimembranza”,“Pellegrinaggio nazionale
studentesco attraverso i luoghi del Martirio
e della Gloria”, “Pellegrinaggio alla tomba
del Milite ignoto”, “Raffigurazione simbolica del Milite Ignoto”, “Album ricordo
della guerra vittoriosa”. Di patriottismo fascistoide: “Terzo anniversario della Marcia
su Roma: celebrazione nelle scuole”. “Saluto alla bandiera”, “Saluto romano fascista nelle scuole”. Di patriottismo monarchico-religioso: “Insegnamento religioso”,
“Immagine del Crocifisso e ritratto di S. M
il Re”, “Propaganda contro la bestemmia”.
Di anticipazione dei temi che saranno cari
all’Italietta in orbace: “Lezione sul grano”,
“Gara nazionale di canto corale”, “Igiene scolastica-contro lo sputo”, “Uso nelle
scuole di matite e di altri oggetti di cancelleria di produzione italiana”, “Propaganda
agricola nelle scuole, “Feste Pro dote della
scuola”.
Poi la parola era passata ai Direttori che attraverso visite improvvise nelle classi e annotazioni sui registri verificavano la fedeltà al regime e all’occasione intervenivano:
Perché non si è parlato di Guglielmo Marconi?, appuntava il 26 marzo 1930 in inchiostro rosso una Direttrice genovese sul
registro di un insegnante colpevole di aver
10

M come Mussolini, foto refezione, anni Trenta

eluso l’indicazione di celebrare lo scienziato, assurto a nume nel pantheon dei miti
fascisti. E subito lo smemorato, sulla stessa pagina, provvedeva umilmente: avrebbe
colmato l’omissione.
Infine lo spauracchio dei verbali di visita,
delle note informative, della qualifica.
Resterebbe infine da spiegare l’accettazione silente della stupidità di circolari frutto
di ubbie del ministro di turno. Belluzzo appena asceso alla Minerva aveva emenato:
Ordine di marcia ternaria per gli alunni
della scuola elementare (31 luglio 1928):
La formazione di marcia in fila ternaria, che fu gloria delle legioni romane
e che è vanto delle legioni fasciste, loro
più dirette eredi, sia anche d’ora innanzi la formazione di marcia per tutti gli
alunni delle scuole elementari sia nelle
pubbliche passeggiate o cerimonie sia
nelle esercitazioni ginnastiche ordinarie.
Vogliano le SS.LL impartire alle autorità dipendenti precise e tassative disposizioni in questo senso ed accertarsi direttamente che all’ordine sia data piena e
continua esecuzione. Attendo un espresso cenno di assicurazione al riguardo.
Ma c’è poco da spiegare: in ogni regime totalitario il bravo suddito esegue solerte gli
ordini assurdi, perinde ac cadaver.

Il fascismo in aula:
occupare lo spazio per colonizzare l’immaginario
Alberto Gagliardo

Le vie della fascistizzazione
Fa oggi parte del senso storico comune la
nozione che il movimento fascista sia giunto alla conquista del potere, nell’Ottobre
1922, praticando una violenza sistematica
e brutale, oltre che a seguito di non poche
debolezze della classe dirigente liberale e
di compiacenze della monarchia sabauda.
Più problematica risulta, invece, la valutazione dei metodi (o del peso da attribuirvi)
che esso praticò per consolidare quella sua
posizione di vantaggio politico così acquisito, fino a trasformarlo in consenso plebiscitario - perché tale innegabilmente esso,
almeno per un certo periodo, fu.
Tuttavia, anche se esiste ancora una certa resistenza ad accettare la centralità del
ruolo che essa in tale percorso svolse, è
del tutto evidente che la scuola in questo
processo si configurò come uno strumento formidabile per piegare le coscienze a
un’adesione incondizionata e acritica, proprio in quanto agiva in un tempo e in un
luogo della formazione degli individui più
esposti ai condizionamenti e più duraturi.
Prova ne sia che, sebbene non avesse un
suo preciso programma sulla scuola, il fascismo affrontò questo che era ed è un delicatissimo ganglio della vita di un Paese,
in maniera assai tempestiva e incisiva, mostrando di aver ben compreso la centralità
strategica che essa riveste nel processo di
costruzione del consenso popolare e, conseguentemente, nella legittimazione del
potere stesso.
E per organizzare la sua capillare penetrazione nel mondo della scuola e favorire quel processo di fascistizzazione delle
coscienze dei più giovani, puntando a oc-

cuparne l’immaginario, il fascismo utilizzò
numerose strade, anche con una buona dose
di inventiva.
Una di esse, forse meno studiata o semplicemente poco valutata nella consapevolezza
diffusa, fu quella che lo portò a colonizzare
gli spazi sulle pareti scolastiche accampandovi i propri simboli o a piegare, a propria
autoesaltazione, quelli che gli preesistevano (e a volte, anche, gli sopravvivranno).
Le immagini fondative
In questo senso il primo “arredo” – ancorché di natura assai particolare – da cui dover partire per ricostruire l’aspetto delle pareti delle aule fasciste è il crocifisso. Certo
la sua esposizione nella scuola pubblica era
stata disposta già con una legge del 1857,
ma è solo in seguito ad una serie di interventi normativi effettuati tra il 1922 e il
1924 (spesso di natura meramente amministrativa – cioè semplici circolari) che l’insegnamento della religione cattolica divenne
fondamento e coronamento dell’istruzione
pubblica, e il crocifisso parte di quell’insegnamento diffuso del cattolicesimo romano

I. Cinti, La decorazione dell’aula scolastica,
Roma, Urbinati, 1939
11

che permeava di sé un po’ tutti i programmi
scolastici: a partire da allora «ogni istituto [ebbe] la bandiera nazionale; ogni aula,
l’immagine del Crocifisso e il ritratto del
Re» (art. 118 del r.d. 30 Aprile 1924 n. 965,
Ordinamento interno delle Giunte e dei
Regi istituti di istruzione media). Ma ben
presto a queste due immagini “archetipiche” (dio e patria) se ne aggiunse un’altra
che così veniva ad assurgere, in virtù della
speciale forza comunicativa del linguaggio
iconico, al medesimo ruolo sacrale e di comando, anzi li assorbiva e li sintetizzava:
l’immagine di Mussolini stesso. Per questa
via, dunque, si produceva contemporaneamente sia un fenomeno di identificazione
dello Stato con il fascismo, sia di sacralizzazione della figura del duce.
Risalgono già al 1926, infatti, gli acquisti
di ritratti del Duce da esporre sulle pareti
scolastiche, e per questo obiettivo i presidi
cominciarono a rivolgersi alle autorità comunali pregandole di concedere ritratti di
“S. E. Benito Mussolini”, per l’ufficio di
presidenza, per la sala degli insegnanti, per
gli altri spazi comuni e/o di rappresentanza, ma, in alcuni casi più zelanti, auspicando addirittura di poterne collocare uno per
ogni aula scolastica (come poi avvenne).
Iniziava così quel percorso di moltiplicazione (o metastasi) dell’immagine del capo
che sarà uno dei tratti distintivi di tutte le
dittature novecentesche, e il fascismo italiano, con tutta evidenza, si situò alle origini di tale dinamica patologica. Il ricorso
alla massiccia diffusione dell’icona del
capo, infatti, rientrava in un progetto di
personalizzazione della politica e di spregiudicato uso dei linguaggi del corpo, che
facevano allora le prime prove in una società che andava scoprendo la sua dimensione di massa: Mussolini mostrava così
di aver ben compreso, a differenza degli
12

Liceo Grassi, Cesena, anni Trenta

esponenti della vecchia classe dirigente liberale, l’importanza della fisicità nei codici
della comunicazione, intuendo come nella
politica moderna l’essenza del messaggio
risiede non soltanto nel suo contenuto, ma
forse di più nel modo in cui esso viene trasmesso.
C’è da dire, a onor del vero, che la scuola
non si muoveva su questa strada in autonomia o isolamento, ma le stesse subdole
modalità comunicative che si praticavano
al suo interno si affiancavano a quelle che
contemporaneamente agivano al suo esterno, cioè nel corpo più ampio della società intera, dove il fascismo seppe sfruttare
a proprio vantaggio un vastissimo campionario di segni e simboli ai fini di una
capillare penetrazione nell’immaginario
nazionale. Due esempi illuminanti sono
forniti dalle monete da una e da due lire,
sulle quali (già dal 1923) venne impresso
il simbolo del fascio littorio, e i francobolli
emessi per l’anniversario dell’“ascesa del
governo nazionale”.
Da monete e francobolli alla scuola il passo fu breve: nella seconda metà del Dicembre 1927 si procedette infatti ad apporre
anche all’esterno degli edifici scolastici
l’emblema del fascio littorio, prescritto,
come per tutti i pubblici edifici, con circolare dell’Agosto 1927.

Altri strumenti di persuasione
Un altro elemento che caratterizzò significativamente l’arredamento scolastico fascista fu la radio, che con il cinema costituiva
il potente mass medium dell’epoca – con
una non trascurabile differenza: il ministro
dell’Educazione nazionale, infatti, dal Febbraio 1938 rese obbligatorio nelle scuole
medie l’impianto radiofonico centralizzato, per permettere di portare sistematicamente fin dentro ogni singola scuola tanto
i “neutrali” concerti musicali, quanto le più
“orientanti” conferenze e conversazioni,
che venivano metodicamente trasmesse
allo scopo di integrare la cultura (ça va sans
dire fascista) degli alunni.
Altri elementi che svolsero un efficace
ruolo propagandistico, pur nell’apparenza
di neutri strumenti didattici, furono le carte
geografiche. Anche in questo, come in altri
casi, far maturare la “coscienza geografica” e coloniale nel cuore degli italiani era
già stato avvertito dalla classe dirigente liberale come stimolo alla politica di espansione nazionale: la geografia e l’antropologia furono le scienze espansionistiche per
eccellenza e le Società geografiche italiane, tutte nate nella seconda metà dell’Ottocento, offrirono un supporto informativo
e organizzativo indispensabile alle iniziative imperialistiche dell’Italia e si rivelarono un prezioso strumento di costruzione
dell’identità nazionale, nel cui solco il fascismo cercò di collocarsi. Ma a decorrere dall’impegno colonialista della nazione
e dalle sue rinate velleità imperiali, esse
costituirono uno strumento attraverso il
quale si celebravano le magnifiche sorti e
progressive del Paese sull’onda delle vittoriose campagne militari fasciste.
Se l’apparizione delle carte geografiche
rimanda alle vicende del colonialismo, lo
scoppio della guerra, che porta con sé la
tragedia dei bombardamenti aerei, fa sì che

sulle pareti delle aule scolastiche appaiano i cartelloni della difesa antiaerea, il cui
insegnamento era solitamente affidato ai
professori di lettere per le classi dell’ordine medio o per le ginnasiali e a quelli di
scienze naturali, chimica e geografia per il
triennio superiore. Tali tabelloni della protezione antiaerea, appesi preferibilmente
in tutte le aule, si affiancavano ad appositi
opuscoli che venivano distribuiti ai professori, come guida per l’insegnamento.
Se poi dagli arredi e dalle decorazioni gettiamo lo sguardo anche sui materiali scolastici più vari, vediamo che anche questi
svolsero un ruolo analogo, poiché accompagnavano con la stessa familiarità, e nella stessa maniera martellante e capillare,
lo svolgimento della vita quotidiana delle
scuole italiane sotto il fascismo. Eccone
sinteticamente una galleria di esempi:
- quaderni dalle accattivanti copertine
“propagandistiche”, che inneggiavano al
Duce, al regime e alle sue opere, oppure
ritraevano l’infanzia e gioventù italiane
sempre ed esclusivamente nei panni delle
organizzazioni fasciste;
- pubblicazioni di vario tipo, come i “calendari di propaganda” (quello per l’anno
1926 viene descritto così: «Compilato per
essere l’esaltazione dell’attuale Regime,
ogni pagina del Calendario pone in contrasto cronologico gli avvenimenti che
rattristarono la vita italiana nell’immedia-

13

to dopoguerra, al meraviglioso spirito di
rinascita che anima oggi tutta la Nazione
per il raggiungimento di quelle mete che
sembrava follia sperar di raggiungere allora e che ora non sono più lontane. Specialmente ai giovani è stata dedicata questa
pubblicazione che ricorderà assiduamente, giorno per giorno, le benemerenze del
Governo di Benito Mussolini, di questo
grande forgiatore di anime che ha saputo
elevare a nuove deità tutelari dell’Italia,
il lavoro, la disciplina e il sacrificio»); o i
“cartelli celebrativi” (nella primavera del
1927 Augusto Turati, segretario generale
del Pnf, aveva raccomandato la diffusione
del “Cartello Nazionale” (cm. 50 x 45) con
il ritratto di Mussolini e la seguente iscrizione: “Non per nulla ho prescelto per motto della mia vita ‘Vivi pericolosamente’ ed
a voi dico come il vecchio combattitore: Se
avanzo seguitemi, se indietreggio uccidetemi, se muoio vendicatemi”. Dal Palazzo
Littorio III aprile MCMXXVI);
- nuovo materiale di cancelleria (poiché
dal 1927 comincia a fare la sua comparsa
nei documenti conservati negli archivi delle scuole, accanto all’indicazione dell’anno, la numerazione romana, solo più tardi
seguita dal fatidico «E.F.» [era fascista],
datano da quel momento le richieste per
l’acquisto di timbri di gomma, sia con
l’emblema del fascio littorio, sia con la
scritta «Anno… dell’era fascista»);
- tutta la gran copia di riviste fasciste o fascistizzate cui scuole e/o ragazzi venivano
abbonati. (C’è da commentare, a proposito
di questi esempi, che il riproporsi di vecchi
rituali, l’inserimento di nuove ricorrenze,
le celebrazioni d’ogni tipo davano vita a
un indotto (come si direbbe oggi) che alimentò gli appetiti economici di privati e
istituzioni);
- gli indumenti (ad es. il fez nero d’ordinanza) per gli alunni che partecipassero a
14

Copertina di quaderno, anni Trenta.

cerimonie collettive (oggetti che fabbriche
di abbigliamento proponevano alle scuole
a prezzi calmierati).
Conclusione
A guardarli dalla distanza del tempo, così
come viene da sorridere delle pose istrioniche ed eccessive di Mussolini, si è tentati di rubricare nella categoria del grottesco l’intero apparato della liturgia fascista
(scolastica e no), o del proliferare di tali
smaccate operazioni di promozione di sé.
Invece non dobbiamo sottovalutare il fascino e l’attrattiva che tali pratiche potevano esercitare nell’accaparramento del consenso (specie giovanile) in una nazione che
si affacciava allora senza nessuna malizia
alle invadenze delle strategie comunicative
di massa, ai suoi codici subdoli e al suo potenziale persuasorio. Come si è già avuto
modo di rimarcare più sopra, di ciò il regime e il suo capo ebbero, sin dai suoi esordi,
chiara percezione e la scuola italiana fu un
fecondo terreno di sperimentazione e messa a punto di tali novità.

Quando anche le pagelle erano
uno strumento di indottrinamento
Fabio Targhetta

Il progetto totalitario del fascismo vide
nell’istruzione un ambito privilegiato per
raggiungere l’obiettivo di formare l’italiano nuovo, come usava dire. Mussolini, con
un breve trascorso da insegnante alle spalle
e figlio a sua volta di una maestra elementare, era perfettamente consapevole del ruolo
strategico ricoperto dalla scuola all’interno
di questo disegno, al punto da dedicarle durante l’intero ventennio attenzioni particolari, a cominciare dalla scelta dei ministri
che si succedettero alla Minerva.
Ogni spazio, a scuola, venne occupato dal
regime così come ogni mezzo venne utilizzato. Non è semplice, oggi, comprendere
appieno il livello di indottrinamento cui
sono stati sottoposti gli alunni, tanto che
fino ad anni relativamente recenti gli stessi storici ne hanno a volte minimizzato la

Pagella
1937

forza e gli effetti nel processo di formazione dell’immaginario e della mentalità. Dal
fascio littorio collocato sopra l’ingresso
dell’edificio scolastico alla divisa indossata da maestri e balilla, dal ritratto del
duce ai cartelloni murali appesi alle pareti,
dalle copertine dei quaderni alle illustrazione del libro unico di stato, dalla radio
in classe all’attività dell’Opera Nazionale
Balilla, tutto divenne veicolo di trasmissione degli ideali e dei valori fascisti. Le
stesse materie di insegnamento (si pensi
alla cultura militare, introdotta nelle scuole
medie inferiori e superiori a partire dall’anno scolastico 1934/35), i temi assegnati dal
docente, i dettati, i problemi matematici da
risolvere in cui non di rado i protagonisti
di somme e divisioni erano giovani balilla, ci rimandano l’immagine di un vero e
proprio “bombardamento mediatico”, per
utilizzare una terminologia in linea con il
linguaggio marziale introdotto all’interno
delle aule scolastiche.
Il processo di fascistizzazione della scuola
non risparmiò neppure l’ambito burocratico; anche un certificato apparentemente
neutro come può essere la pagella venne
piegato all’ideologia del regime, facendone un’ulteriore cassa di risonanza per i suoi
proclami.
Da qualcuno temuta, da altri amata, di
certo la pagella è tra gli oggetti che più
comunemente si associano alla scuola, a
testimonianza del valore assunto nell’esperienza di ciascun alunno. La scelta di utilizzare questo documento per i proprio scopi
non appare pertanto casuale; anzi, grazie
all’uso accorto degli elementi grafici e dei
15

colori utilizzati, il regime ne fece un ambito avanzato di sperimentazione nel processo di politicizzazione dell’infanzia. In questo, come in altri settori, il fascismo fece
scuola – è purtroppo il caso di dirlo! – agli
altri regimi totalitari novecenteschi.
Ma com’erano queste pagelle in camicia
nera? Innanzitutto va fatta una premessa:
il termine pagella si affermò in ambito scolastico solo agli inizi del Novecento; prima
di allora con questo termine si indicava la
nota degli onorari dovuti ad un libero professionista, l’attuale parcella. Le scuole
elementari, ancora gestite dai singoli comuni, godevano di ampia autonomia nella
scelta del modello da utilizzare. Chi oggi
si imbatte in una pagella distribuita tra la
fine dell’Ottocento ed il primo decennio
del secolo successivo troverà documenti di dimensioni molto diverse, di colori
che vanno dal rosa al giallino, dal verde
all’azzurro, di formato differente, intitolati
libretto scolastico, carta di ammissione e di
frequenza, pagella, etc.
La medesima libertà si mantenne inalterata
anche in seguito all’emanazione della Legge Daneo Credaro del 1911, con la quale
furono avocate le scuole dei comuni minori allo Stato. Fu infatti solo nel 1926 che
si decise di distribuire una pagella uguale
per le tutte le scuole elementari del Regno:
stampata dal Provveditorato generale dello
Stato, la pagella era distribuita nelle rivendite di privative, vale a dire dei generi del
monopolio di Stato, al costo di cinque lire.
Veniva in questo modo aggirato un principio fondamentale dell’istruzione popolare
fin dai tempi dell’Unità, quello della gratuità del grado primario dell’istruzione.
La prima pagella “unica” si distinse da
quelle precedenti per la qualità del supporto – un solido e fine cartoncino color
avorio – e per una vistosa novità: campeggiava infatti nella parte alta, sopra la gran16

Pagella
1926

de scritta “Regno d’Italia”, un’immagine,
un’illustrazione destinata a violare il formale aspetto che quel documento ufficiale
aveva fino ad allora assunto. Il disegno è
semplice, ma non privo di un significato
simbolico molto forte: in posizione centrale, circondato da frasche di quercia e di
alloro, compare lo stemma dei Savoia. Ai
due lati, quasi mimetizzati dalle fronde, ci
sono due piccoli fasci littori. L’impressione che si ricava è quella di una monarchia,
quella sabauda, che regge la nazione, ne è
la colonna portante, mentre il fascismo, in
posizione un po’ defilata, la sostiene e ne
protegge i fianchi. Questa raffigurazione
rappresenta, in forma simbolica, l’immagine con la quale il movimento in camicia
nera si era legittimato presso l’opinione
pubblica e le istituzioni: il suo ruolo era
quello di ripristinare l’ordine e proteggere
il Paese dagli scioperi e dal possibile contagio comunista.
Questo modello rimase invariato anche
l’anno successivo, mentre nel 1928/29 la
pagella, pur conservando formato e colore, modificò il disegno: ora ci sono due
stemmi appaiati, quello della monarchia
e la bandiera italiana, con tanto di fascio
littorio, sormontata da un’aquila, quasi a
suggerire l’esistenza di una diarchia.

L’anno successivo, forte del prestigio conquistato con la firma del Concordato, Mussolini modificò ulteriormente la grafica. Su
fondo rosso carico risalta solo un’immagine centrale, un fascio di fasci di ispirazione futurista dai contorni ambigui, tanto da
evocare spettri del recente passato (il disegno sembra infatti un insieme di cannoni
puntati verso l’alto). Solo all’interno, sopra due grandi fasci littori a bordo pagina,
troviamo lo stemma sabaudo, in posizione
speculare a quello dell’ONB. Si è in questo
modo consumata, anche a livello simbolico, la degradazione della monarchia, passata in pochi anni nel particolare sistema
di valori evocato dalle pagelle da perno del
Paese ad una posizione subalterna, paragonabile ad un’organizzazione per l’educazione della gioventù.
I documenti degli anni successivi sono
ugualmente significativi e permettono di
ripercorrere per immagini l’evoluzione in
dittatura del fascismo. Dall’intitolazione
di Ministero dell’Educazione Nazionale –
dove a nessuno può sfuggire la differenza,
e non solo a livello semantico, con la pubblica istruzione – al culto della personalità
(diventa quasi un gioco andare a scoprire le
lettere “M” mimetizzate tra le armi e gli altri
simboli), sulle pagelle è possibile verificare
quali fossero i temi su cui maggiormente
si focalizzò il progetto di “indottrinamento
per immagini”. Ci sono il moschetto posato
sopra il manuale di scuola, a memento del
celebre motto “libro e moschetto, fascista
perfetto”; il soldato che semina il grano con
un fucile in spalla, un’immagine dal gusto
involontariamente comico dato che non si
capisce come l’ingombro possa risultare
comodo al contadino improvvisato; una
milizia di avanguardisti in marcia; i fasti
dell’impero romano, rappresentati dalle
aquile, dai fasci littori, dall’intitolazione di
mare nostrum, etc.

Nell’anno in cui scoppiò la seconda guerra
mondiale, la pagella adottò uno stile differente: stampata sul fronte e sul retro, una
volta aperta si possono cogliere le differenze tra i possedimenti coloniali italiani prima della marcia su Roma e quelli conquistati al prezzo di tanto sangue (indigeno),
violenze e uso dei gas.
Nei due anni seguenti, quando le sorti del
conflitto arridevano ancora all’asse italotedesco, una vittoria alata incitava al successo finale. Poi, l’andamento della guerra
impose altre priorità e attenzioni che non
l’uso strumentale di un documento scolastico. Così l’instaurazione della repubblica sociale, l’inizio della guerra partigiana,
i bombardamenti alleati determinarono in
molti casi il ritorno all’autonomia dei singoli comuni, almeno per quanto riguarda la
stampa delle pagelle.
In conclusione, da questi brevi cenni si può
intuire la potenza del messaggio veicolato
attraverso l’uso spregiudicato di colori, illustrazioni e simboli (si pensi alla moltiplicazione dei temi bellici), capace di toccare
le corde anche di quei parenti, genitori e
nonni, spesso scarsamente alfabetizzati,
ma vulnerabili al potere evocativo delle
immagini.

Pagella
1941
17

Militarizzare la scuola
Alberto Gagliardo

È stato giustamente scritto che la fascistizzazione della scuola italiana avvenne
sostanzialmente attraverso il controllo e il
disciplinamento di insegnanti e professori, l’integrazione di alunni e studenti nelle
organizzazioni giovanili del partito e l’ideologizzazione dei programmi di insegnamento (J. Charnitzky, Fascismo e scuola.
La politica scolastica del regime (19221943), Firenze, La Nuova Italia, 1996).
Ebbene, nel tragitto che durante il ventennio fascista condusse alla sua irreggimentazione, la militarizzazione dell’intera
istituzione costituì una sorta di “carattere
dominante” in tutti e tre quegli ambiti sopra indicati, percorrendo però strade a volte più nascoste, altre più manifeste.
A essere investita per prima da tale processo fu la scuola elementare, giacché sin
dall’autunno del 1928, quando fu istituita
la commissione per elaborare le direttive
per la compilazione del libro di testo unico, Galeazzo Ciano e Italo Balbo ebbero
l’incarico di occuparsi degli indispensabili
contenuti militari del libro. Ma ben presto
argomenti e temi militari cominciarono a
penetrare anche negli altri ordini dell’istruzione, tanto che già dal settembre del 1934
era stata creata la carica di ispettore capo
per la preparazione premilitare e postmilitare della nazione (R.D.L. 20.09. 1934 n.
1862), e quello stesso anno vide i primi
accordi tra Gruppi Universitari Fascisti e
Milizia, che andavano gettando le basi di
un addestramento militare nell’istruzione
media e secondaria.
Il 29 ottobre 1934, con la circolare dal titolo Preparazione militare della Nazione, il
ministro dell’istruzione Francesco Ercole
18

affermò che «la scuola, la base più salda
e la collaboratrice più efficace del regime,
è chiamata dal Duce ad assolvere un nuovo, importantissimo e delicatissimo compito. In conformità delle nuove concezioni
Mussoliniane della Nazione militare, basate sul principio che le funzioni di cittadino
e di soldato sono inscindibili nello Stato
fascista, ed in base alle nuove disposizioni
sull’istruzione premilitare, resa obbligatoria per i cittadini dagli otto ai ventuno anni
d’età, e sull’insegnamento della cultura
militare introdotto nelle Scuole medie e superiori, la formula fascista, profondamente
significativa “LIBRO E MOSCHETTO”
trova nella Scuola italiana, dalla elementare alla universitaria, la sua piena e pratica
applicazione».
La legge istitutiva, però, è del 27 dicembre
1934 (Norme sull’istruzione pre-militare), cui fece seguito, quattro giorni dopo,

Copertina di quaderno scolastico, disegno di
A. Rubino, anni Trenta.

il decreto (Istituzione di corsi di cultura
militare nelle Scuole medie superiori del
Regno) che faceva dell’istruzione premilitare, praticata già in seno alle organizzazioni giovanili, uno dei compiti centrali
del sistema dell’istruzione pubblica. Esso
dichiarava l’istruzione militare, impartita sia nell’esercito che al di fuori di esso,
elemento integrante dell’educazione nazionale, fissando gli obblighi militari dai 18
ai 55 anni. La legge prevedeva tre livelli
di formazione, che comprendevano in totale un periodo di cinque anni con 20 ore
di insegnamento annuali. Il primo grado,
che iniziava nella terza classe della scuola
media inferiore e durava un anno, doveva
trasmettere agli alunni conoscenze sulla
costituzione e le funzioni delle forze armate, sulla valutazione del terreno dal punto
di vista militare e sulla cartografia, familiarizzandoli con gli eventi più importanti
della prima guerra mondiale. La seconda
fase durava due anni e iniziava per il liceo
classico e per il corso superiore del conservatorio in prima classe; per tutte le altre scuole secondarie di secondo grado in
seconda. Nel corso del primo anno le conoscenze teoriche venivano approfondite e
ampliate con un esame comparativo delle
Forze armate dei principali Stati moderni; mentre nel secondo anno si dovevano
fornire nozioni elementari sulle armi e sul
tiro, esporre i caratteri geografici e militari
dei confini terrestri e marittimi dell’Italia,
illustrare a grandi linee la funzione decisiva dell’Italia nel conflitto mondiale 19141918. Nel terzo ciclo, anch’esso biennale,
gli studenti universitari dovevano trattare
il problema della preparazione militare di
uno Stato moderno, come si inizia, si svolge, e si risolve la guerra di oggi. Soltanto
gli studenti medi e universitari in possesso
di un attestato di partecipazione ai corsi,
tenuti da ufficiali in servizio attivo o della

riserva, potevano essere promossi o, rispettivamente, ammessi agli esami di diploma
o di laurea.
Per le ragazze, che erano pour cause escluse dall’ambito di interesse della nuova disciplina, c’erano delle alternative rispondenti alla concezione che il regime aveva
del ruolo della donna nella società, quali ad
esempio Lavori familiari o Puericultura.
A lezione di “Cultura militare”
L’anno scolastico 1934-35 fu quello che
vide l’introduzione nel curricolo della
nuova disciplina, per la quale si dovettero
approntare in tutta fretta anche i libri di testo, e solo all’inizio del 1935, cioè ad anno
scolastico già avviato da mesi, vi furono le
solenni inaugurazioni dei Corsi di Cultura
Militare nelle Scuole Medie, alla presenza
delle autorità civili, politiche e militari, dei
capi d’Istituto e delle scolaresche. In aule
magne o in palestre adorne di tricolori,
sotto lo sguardo dei grandi ritratti del re
e del duce, i presidi officiarono la liturgia
presentando alla platea scolastica gli insegnanti della nuova disciplina, i quali provenivano spesso dai ranghi dell’esercito ed
erano stati prescelti dalle superiori autorità
militari e scolastiche per tali corsi.
La pompa magna con la quale questo nuovo capitolo della scuola fascista veniva
aperto è esemplare di quanto stava avvenendo nella scuola e nella società italiane
negli anni Trenta: l’annullamento della
separazione tra vita civile e vita militare,
oltre a denunciare l’aria di caserma che
sempre più si andava respirando all’interno dell’istituzione scolastica, preannunciava quell’impegno militare crescente nella
vita nazionale, che lutti immensi avrebbe
portato al paese e al mondo.
Negli anni successivi, dal 21 gennaio 1935
al 15 novembre 1936, quando la Minerva
fu retta dal rude quadrunviro Cesare Ma19

ria De Vecchi di Val Cismon, si accentuò
tale processo di svolta autoritaria: il nuovo
ministro, imprimendo alla gestione della scuola il suo piglio caporalesco, diede
il suo personale contributo alla militarizzazione crescente attraverso l’istituzione
del “sabato fascista” (20/06/1935), che,
liberando tutti dagli impegni lavorativi pomeridiani, destinava quel giorno alla preparazione politica e militare della nazione.
Sono gli anni dell’avventura imperialista
in Africa orientale, per cui si richiese che
l’insegnamento delle varie discipline, e in
particolare quello della Storia, fosse ispirato al nuovo clima imperiale e fascista;
ma sono anche gli anni in cui i temi del
razzismo cominciavano a diffondersi, già
prima dell’entrata in vigore di una compiuta legislazione, e in tale contesto maturò la
pubblicazione del libro di Stato per la Cultura militare.
Ma, come in molte manifestazioni del regime, anche in questa della militarizzazione
degli insegnamenti non mancava una buona dose di velleitarismo, se già nel settembre 1935 De Vecchi, constatato che la nuova disciplina non aveva dato i risultati che
se ne attendevano, presentò al Consiglio
dei Ministri una proposta di emendamento
alla legge per l’insegnamento della cultura
militare entrata in vigore solo nel gennaio precedente. Il conseguente D.L. del 17
ottobre successivo elevava la cultura militare al rango di regolare materia d’insegnamento e di esame, equiparando gli ufficiali
responsabili dell’istruzione ai membri del
corpo insegnante. Le lezioni, ora accresciute a 30 ore annuali, potevano essere
impartite in linea di principio in tutte le
classi della scuola secondaria. Il ministro
aveva la facoltà di fissare con un’ordinanza, per ogni singolo istituto, in quale classe dovessero essere insegnati sia il primo
che il secondo ciclo. I programmi inseri20

Testo scolastico di Cultura militare, 1937

vano l’insegnamento della cultura militare
nell’ultima classe delle scuole secondarie
inferiori e nelle due ultime delle superiori,
mentre il terzo ciclo andava svolto nei primi due anni di università (R.D. 23/09/1937,
Programmi per l’insegnamento della cultura militare nelle scuole medie e superiori).
Un’introduzione sottolineava che tale disciplina aveva lo scopo di contribuire alla
formazione del cittadino-soldato e di alimentare, rafforzare e rendere consapevole
nei giovani lo spirito militare. Non si mirava quindi tanto a trasmettere conoscenze
teoriche o capacità tecnico-pratiche, ma
piuttosto alla formazione del carattere, e a
creare una disposizione spirituale e morale
alla vita militare.
Così, anche attraverso questa strada, tutta
la nostra scuola si avviava, disciplinatamente e a passo di marcia, verso il decennio successivo, quello della guerra e della
nuova carneficina mondiale.

Come nacque la “scuola di razza”
Gianluca Gabrielli

Durante l’estate del 1938 il ministro Bottai inviò una circolare ai presidi e direttori
didattici per avviare le prime procedure di
censimento degli ebrei presenti tra i docenti, gli studenti e gli autori di libri di testo
adottati dalle classi. Una procedura burocratica che, con tempi diversi, produsse
tra settembre e novembre l’espulsione di
279 tra presidi e professori e di un numero ancora ignoto di maestre elementari, la
cacciata di migliaia di studenti e la sostituzione di oltre un centinaio di libri scolastici
già adottati. Fu un’azione che, confrontata
ai ritmi solitamente lenti e farraginosi della burocrazia ministeriale, si può definire
fulminea. Nel giro di tre mesi la campagna
razzista del fascismo produsse proprio nel
mondo della scuola i suoi effetti più drastici ed immediati; la scuola italiana si trovò
sconvolta nel profondo e – pur per breve
tempo – strappò alla scuola nazista, ove ancora vigeva la politica del numero chiuso
rispetto agli studenti ebrei, il triste primato
della radicalità razzista.
Bottai credeva nell’utilità della campagna
antisemita ed il suo ministero la condusse con uno zelo particolare, riconoscendo
la centralità della scuola e delle istituzioni culturali al fine di diffondere in profondità e capillarmente la visione del mondo
razzista. Le caratteristiche del calendario
scolastico imposero al ministro tempi strettissimi per colpire con la massima forza
gli ebrei riducendo al minimo il rischio di
una fraternizzazione solidale di compagni
di classe e colleghi; bisognava agire prima
dell’inizio delle lezioni e così fu fatto, in
modo che il nuovo anno scolastico cominciasse con l’istituzione già pienamente tra-

ghettata nella nuova condizione prodotta
dalla persecuzione, senza ebrei dietro ai
banchi e dietro alle cattedre, senza nomi
ebraici sui frontespizi dei libri di testo: il
XVI anno dell’era fascista era anche il I
anno scolastico dell’era razzista. D’altronde il regime aveva già mostrato di saper
condurre le campagne ideologiche in tempi
efficaci per una loro valorizzazione scolastica: due anni prima la guerra di conquista
dell’Etiopia era stata anche il capolavoro
della propaganda scolastica del regime:
cominciata in corrispondenza dell’apertura
dell’anno scolastico, la vittoria e l’impero
erano stati celebrati il 9 maggio, un mese
prima della chiusura estiva, giusto il tempo
di festeggiare la vittoria in mille iniziative
in piazza e nel cortile degli istituti.
Agire in questo modo, cacciando gli allievi e i docenti ebrei, non significava solo
perseguitare una categoria di cittadini, ma
aveva anche la valenza di mettere a segno
un’azione pedagogica di formidabile efficacia per inculcare una mentalità razzista negli allievi. Più che lo studio, i fatti: cosa c’è
di più potente nel formare razzisticamente
le menti degli alunni italiani che cacciare

Album da disegno, anni Trenta
21

i loro compagni di banco ebrei? Come affermare in modo più spietatamente efficace
l’inferiorità degli alunni ebrei se non privandoli da un giorno all’altro del diritto di
continuare a frequentare le scuole di tutti?
Bottai - e con lui tutta la catena di funzionari che ne applicarono le direttive - in questo
modo, mentre colpiva i diritti e le condizioni di vita di migliaia tra giovani, lavoratori
della scuola e insegnanti, metteva in azione
un silenzioso curricolo di razzizzazione degli ebrei che avrebbe agito nelle menti di
tutti gli allievi italiani producendo apprendimento: insegnava il concetto di “razza
ebraica”, di pericolosità ebraica, trasmetteva il senso di superiorità legato all’appartenenza alla “razza” ariana o italiana “bonificata” dalle presenze ebraiche.
Prima del 1938
Ma il curricolo razzista non si completava
con la cacciata degli ebrei, così come non
era iniziato con essa. Fin dai tempi precedenti il fascismo erano presenti nei percorsi
scolastici (ed in essi radicati) elementi forti
di razzismo, indirizzato specialmente contro i sudditi africani e in generale contro gli
abitanti dei territori colonizzati dagli europei. Non è difficile trovare nei libri di testo
- a partire dall’esordio coloniale negli anni
Ottanta dell’Ottocento – i racconti delle imprese coloniali e la loro giustificazione attraverso la descrizione della presunta civiltà inferiore degli africani: la civilizzazione
di “razze” inferiori era infatti uno degli elementi principali utilizzato per trasformare
agli occhi degli studenti le guerra di sopraffazione in imprese quasi umanitarie. Inoltre
il razzismo era immancabile nelle pagine di
geografia, dove veniva presentata la variabilità delle forme umane: dall’Unità d’Italia fino agli anni Sessanta del Novecento
rimase costante la suddivisione in “razze” e
l’attribuzione alle diverse “razze” di carat22

Etichetta incollata in copertina di un volume
scolastico dell’editore Paravia, 1939

teristiche fisiche e spesso anche intellettuali
e morali gerarchizzate, avvalorando l’idea
che ognuna ricoprisse un gradino ben preciso e immutabile della scala delle civiltà.
La guerra di conquista dell’Etiopia costituì probabilmente il momento di svolta,
sia perché fu l’occasione in cui il razzismo
esistente “di fatto” nelle colonie venne potenziato e modificato attraverso l’introduzione di una legislazione specifica contro
le unioni miste e contro i cosiddetti “meticci”; sia perché anche a livello di scuola
fece breccia l’idea che gli italiani, guidati
dal fascismo, stessero mostrando la propria
superiorità di stirpe; un’idea che funzionò
da apripista teorico per le imminenti articolazioni antisemite. Così le prime azioni di
Bottai contro gli ebrei furono efficaci anche
perché condotte nei confronti di una popolazione scolastica e di una cultura didattica
che considerava l’esistenza e la gerarchia
delle “razze” come una verità evidente e
che riteneva gli ebrei come un popolo caratterizzato da religione ma anche da caratteristiche razziali proprie (come si legge in
un libro di geografia del 1936).
Dopo il 1938
Alla fine di ottobre 1938 quindi, il curricolo razzista e antisemita si era pienamente
dispiegato nelle scuole soprattutto nella sua
forma “negativa”, con il muto potere didattico delle esclusioni. Nei mesi e negli anni
successivi la sua teorizzazione divenne
tema di studio in molte materie, dalla storia
all’educazione fascista (una sorta di edu-

cazione civica del regime), dalla geografia
alle scienze. In questo modo si completò il
paradigma “negativo” del razzismo fascista, quello cioè che puntava sui soggetti definiti come inferiori per discriminarli e stigmatizzarli. Ma il razzismo funziona come
un dispositivo unitario che, nel momento in
cui produce la definizione dell’Altro, contemporaneamente e nello stesso processo
produce la definizione di Sé. Quando sui
libri di testo o nei fumetti del giornalino
“il Balilla” veniva descritto l’africano selvaggio ed indolente, oppure l’ebreo infido
e avaro, nello stesso processo implicitamente risultava scolpita l’immagine di un
italiano ariano e fascista, laborioso e civilizzato, leale e generoso. Questa costruzione “positiva” della razza bianca costituì una
parte fondamentale del razzismo italiano,
e in particolar modo di quello scolastico.
Essa non rimase solamente implicita, ma
si dispiegò in tutte le materie di studio costituendo un curricolo martellante, teso ad
esempio ad esaltare il genio italico di Dante
o di Cristoforo Colombo come prova della
superiorità della stirpe, la religione cristiana
intesa come apogeo dell’approccio religioso, la tutela dell’infanzia in quanto garanzia di sviluppo ed espansione della “razza”.
Sono numerosi gli insegnanti che, rispondendo alle domande dei presidi sull’efficacia razzista della loro didattica, indicavano
lo svolgimento di questi temi, che in effetti
costituivano il positivo fotografico delle discriminazioni e delle stigmatizzazioni. Solo
un malinteso concetto di razzismo permise,
nel dopoguerra, di separare i due aspetti e
quindi di derubricare tutta la didattica di
esaltazione dell’italianità fascista e “bianca” dal cono d’ombra delle leggi razziali.
Così, quando ci chiediamo come funzionasse l’assimilazione del razzismo nelle scuole
fasciste, non possiamo scindere gli aspetti
persecutori da quelli didattici, così come

Brano da Il secondo libro del fascista, 1939.

non possiamo che considerare in maniera
integrata i contenuti didattici stigmatizzanti sugli ebrei e sugli africani e le articolate
esaltazioni della storia, della cultura, della
religione, del corpo (bianco) degli italiani.
Ce lo ricorda (e lo insegnava all’epoca)
il principale “libro di testo” del razzismo
fascista, il famigerato Secondo libro della
razza, rivolto alle quinte classi elementari,
alle scuole medie, all’insegnamento della
cultura fascista e all’educazione dei giovani inquadrati nella gioventù italiana del
Littorio. Prima di tutto costruire l’alterità e
stigmatizzarla:
“L’evidente inferiorità di alcune razze, e
specialmente di quella che si è convenuto di chiamare negroide...”;
“Secondo la loro indole inalterabile, gli
ebrei, pur essendo in Italia un’infima
minoranza, mirarono tenacemente a dominare la coscienza nazionale e la vita
politica ed economica”.
Ma poi costruire il Sé, l’identità dei superiori di “razza”, attraverso tutti i contenuti
che ne definiscono i confini e l’eccellenza:
“La razza ariana ha la missione di civilizzare il mondo, e di farne incessantemente progredire la civiltà”.

23

Pagella 1938

Pagella 1940

24

Pagella 1930

Pagella 1939

Brano da O. Quercia Tanzarella, Il libro della seconda classe: Letture, la libreria dello
Stato, 1932, ill. M. Pompei.


Documenti correlati


Documento PDF volantino marzo 2015
Documento PDF cesp giorno memoria 2015
Documento PDF storia del comandante gino
Documento PDF tesi master in filosofia a a 2012 13 doc
Documento PDF arcireport n 3 2017
Documento PDF laboratorio interattivo di stimolazione della memoria


Parole chiave correlate