File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Reverse charge fattura emessa dal fornitore estero e IVA assolta dal cessionario italiano .pdf



Nome del file originale: Reverse charge fattura emessa dal fornitore estero e IVA assolta dal cessionario italiano.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2010, ed è stato inviato su file-pdf.it il 24/02/2015 alle 12:04, dall'indirizzo IP 94.39.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1030 volte.
Dimensione del file: 275 KB (5 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


RISOLUZIONE N. 21/E

Direzione Centrale Normativa

Roma, 20 FEBBRAIO 2015

OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo
17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza del
documento emesso con partita IVA italiana dal rappresentante
fiscale di un soggetto passivo estero residente nella UE

Con la richiesta di consulenza giuridica specificata in oggetto, concernente
l'interpretazione dell’articolo 17 del DPR n. 633 del 1972, è stato esposto il
seguente

Quesito

ALFA chiede chiarimenti in merito al caso in cui un soggetto passivo
IVA, residente in Italia, acquisti beni - che si trovano già sul territorio italiano presso il rappresentante fiscale di un fornitore non residente in Italia e la fattura
venga emessa dal rappresentante fiscale (con partita IVA italiana), senza
l'addebito IVA ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del
1972. L’istante specifica che la fattura emessa dal rappresentante fiscale non reca
la partita IVA del fornitore estero, bensì solo la partita IVA del rappresentante
fiscale.

2

In proposito, ALFA fa presente che, presupposto per adempiere agli
obblighi di fatturazione secondo le disposizioni degli articoli 46 e 47 del decretolegge 30 agosto 1993, n. 331 – richiamati dal citato articolo 17 secondo comma -,
è quello di disporre di una fattura ricevuta dal fornitore/prestatore UE (che
indichi la partita IVA del fornitore/prestatore UE) per tutti gli acquisti di
beni/servizi territorialmente rilevanti in Italia.
Ciò posto, chiede come considerare, nel caso rappresentato, la fattura
emessa dal rappresentante fiscale recante la sola partita IVA italiana del
rappresentante fiscale.

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente
L’istante ritiene che, in presenza di fattura emessa esclusivamente con
partita IVA italiana dal rappresentante fiscale di un soggetto passivo estero
residente nella UE o fuori dalla UE, per una cessione di beni, già presenti nel
territorio nazionale, effettuata nei confronti di un soggetto passivo IVA residente
in Italia, tale fattura sia da considerare come non emessa e debba essere richiesta
al suo posto la fattura (o altro documento) emesso direttamente dal fornitore
comunitario.
Nel caso in cui non sia possibile venire in possesso del documento recante
i dati del fornitore comunitario, il soggetto IVA italiano è legittimato ad emettere
un’autofattura per regolarizzare l'operazione.

Parere della Direzione Centrale Normativa
L’articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972, come modificato
dall’articolo 1, comma 325, lettera b), della L. 24 dicembre 2012, n. 228 (c.d.
legge di stabilità 2013), prevede che “Gli obblighi relativi alle cessioni di beni e
alle prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato da soggetti non
residenti nei confronti di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato,

3

compresi i soggetti indicati all'articolo 7-ter, comma 2, lettere b) e c), sono
adempiuti dai cessionari o committenti. Tuttavia, nel caso di cessioni di beni o di
prestazioni di servizi effettuate da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato
membro dell’Unione europea, il cessionario o committente adempie gli obblighi
di fatturazione di registrazione secondo le disposizioni degli articoli 46 e 47 del
decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con modificazioni, dalla legge
29 ottobre 1993, n. 427”.
L’attuale comma secondo dell’articolo 17, a partire dal 1° gennaio 2013,
dispone, quindi, in capo al soggetto passivo stabilito in Italia, l’obbligo di
integrare la fattura che ha ricevuto dal fornitore/prestatore UE per tutti gli
acquisti di beni/servizi territorialmente rilevanti in Italia. Diversamente, in caso
di acquisto di beni o servizi territorialmente rilevanti in Italia da fornitori stabiliti
in Paesi extra-UE, rimane fermo l’obbligo, in capo al cessionario/committente
nazionale, di emissione dell’autofattura.
Pertanto, la scrivente concorda con quanto espresso dall’istante secondo
cui il documento emesso con partita IVA italiana dal rappresentante fiscale di un
soggetto passivo estero residente nella UE (o fuori dalla UE), per una cessione
effettuata nei confronti di un soggetto passivo IVA residente in Italia, sia da
considerare non rilevante come fattura ai fini IVA e debba essere richiesta al suo
posto la fattura emessa direttamente dal fornitore estero.
In tal senso, nella circolare n. 12/E del 3 maggio 2013, relativamente alle
prestazioni rese dal fornitore/prestatore UE, in merito agli adempimenti da
compiere, la scrivente ha precisato che il committente/cessionario nazionale
dovrà:


numerare la fattura del fornitore comunitario e integrarla con l’indicazione
del controvalore in euro del corrispettivo e degli altri elementi che
concorrono a formare la base imponibile dell’operazione espressi in valuta
estera, nonché dell’ammontare dell’IVA, calcolata secondo l’aliquota
applicabile (articolo 46, comma 1, decreto legge n. 331/1993);

4



annotare la fattura, come sopra integrata, entro il giorno 15 del mese
successivo a quello di ricezione della fattura, e con riferimento al mese
precedente, distintamente nel registro IVA vendite (articolo 23, DPR n.
633/1972), secondo l’ordine della numerazione, con l’indicazione anche del
corrispettivo dell’operazione espresso in valuta estera (articolo 47, comma 1,
primo periodo, decreto legge n. 331/1993, come sostituito dall’art. 1, comma
326, lett. f), n. 1), L. 24 dicembre 2012, n. 228, a decorrere dal 1° gennaio
2013);



annotare la stessa fattura integrata, distintamente, anche nel registro IVA
acquisti (articolo 25, DPR n. 633/1972), al fine di esercitare la detrazione
eventualmente spettante (articolo 47, comma 1, terzo periodo, decreto legge
n. 331/1993);



emettere autofattura entro il giorno 15 del terzo mese successivo a quello di
effettuazione dell’operazione - nel caso di mancata ricezione della fattura del
fornitore comunitario entro il secondo mese successivo a quello di
effettuazione dell’operazione - ed annotarla entro il termine di emissione e
con riferimento al mese precedente (articoli 46, comma 5, e 47, comma 1,
secondo periodo, del DL n. 331 del 1993).
Per completezza si ricorda che, per quanto concerne il caso in esame della

fattura emessa dal rappresentante fiscale recante la sola partita IVA italiana dello
stesso, si fa presente che chiarimenti erano già stati forniti in passato nella
risoluzione n. 89/E del 25 agosto 2010.
Nel citato documento di prassi, dopo aver precisato che l’IVA relativa a
tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi territorialmente rilevanti ai fini
dell’imposta in Italia – rese da soggetti stabiliti in un altro Stato membro UE –
deve sempre essere assolta dal cessionario o committente, quando questi sia un
soggetto passivo stabilito in Italia, mediante l’applicazione del meccanismo del
reverse charge, ancorché il cedente o prestatore sia identificato ai fini IVA in
Italia, tramite identificazione diretta o rappresentante fiscale (sul punto, cfr.
inoltre le circolari 18 marzo 2010, n. 14 e 21 giugno 2010, n. 36, risposta al

5

quesito n. 31), è stato chiarito che l’articolo 17, secondo comma, “esclude che il
cedente o prestatore non residente sia tenuto all’emissione della fattura (e ai
conseguenti adempimenti di annotazione e dichiarazione), tramite il numero
identificativo IVA italiano”.
Con lo stesso documento di prassi è stato tuttavia consentito che, in
relazione ad una cessione interna, il rappresentante fiscale di un soggetto estero
possa – per proprie esigenze - emettere nei confronti del cessionario/committente
residente un documento non rilevante ai fini dell’IVA, con indicazione della
circostanza che l’imposta afferente tale operazione verrà assolta dal cessionario o
committente.

******

Le Direzioni regionali vigileranno affinché i principi enunciati e le
istruzioni fornite con la presente risoluzione vengano puntualmente osservati
dalle Direzioni provinciali e dagli Uffici dipendenti.

IL DIRETTORE CENTRALE


Documenti correlati


Documento PDF mozione in merito alla grave situazione del venezuela emendata
Documento PDF robertogarciademesa 60 94 n10
Documento PDF lormagiugno2019
Documento PDF presentaci nkd
Documento PDF formularioeditable
Documento PDF tiamerosemprepieroangela


Parole chiave correlate