File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Senza nome 2 .pdf


Nome del file originale: Senza nome 2.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / OpenOffice 4.1.1, ed è stato inviato su file-pdf.it il 05/04/2015 alle 10:14, dall'indirizzo IP 2.238.x.x. La pagina di download del file è stata vista 452 volte.
Dimensione del file: 138 KB (1 pagina).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


CANI: OCCHIO ALLA CIOCCOLATA!!
Ad alcuni sembrerà strano ma l`intossicazione da cioccolata, spiegano i tossicologi, è una delle più
comuni nei cani ed in particolare nei cuccioli, che si sà rosicchiano qualunque cosa.
In che dosi il cioccolato è dannoso per il cane?
Tutto dipende dalla taglia e dal tipo di cioccolato ingerito. Il rischio deriva dalla presenza nel
cioccolato di composti chimici chiamati metilxantine. Le metilxantine, tra cui anche la caffeina e la
teobromina. Più la cioccolata è fondente, più contiene cacao e quindi più teobromina quindi
maggiore è la percentuale di cacao presente nel cioccolato, maggiori sono i rischi di intossicazione
per l’animale. Sintomi di media gravità compaiono per dosaggi intorno ai 20 mg per chilo di peso
dell’animale mentre l’intossicazione è seria per dosaggi intorno ai 40 mg/kg.
Facciamo degli esempi concreti:
La dose fatale di cioccolata al latte per un piccolo cane è compresa tra 140 e 280 grammi di
cioccolata fondente e tra 14 e 28 grammi di fondente.
Mentre per un cane di media taglia è compresa tra 450 e 700 grammi di cioccolata al latte e tra 5580 grammi di fondente.
I sintomi possibili: Vomito, diarrea, respirazione accelerata, tremori, aumento della frequenza
cardiaca, tensione muscolare, scoordinamento.
Che fare se il cane ha mangiato del cioccolato ?
PRIMA COSA CONTATTARE IL VETERINARIO!
Dopodiché bisogna impedire che la teobromina entri in circolo, il modo migliore è quello di indurre
immediatamente il vomito nel cane. La tempestività dell’intervento è fondamentale: la teobromina
va eliminata prima che venga assorbita dall’apparato gastroenterico. Potete intanto provare a
somministrare al cane 1 o 2 cucchiaini di acqua ossigenata oppure una siringa (senz'ago
direttamente in bocca) di acqua e sale per provocare il vomito.
Se lo avete potete dare al cane una piccola quantità di carbone vegetale attivo che assorbe la
teobromina impedendole di entrare in circolo, cercate di far bere spesso il cane.


Anteprima del documento Senza nome 2.pdf - pagina 1/1

Documenti correlati


Documento PDF senza nome 1
Documento PDF hu600ita
Documento PDF marzo 2013
Documento PDF programma osservazioni febbraio 2013
Documento PDF curriculum magnoli 2015
Documento PDF veritas gratia veritatis 1


Parole chiave correlate