File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Circolare Maggio .pdf



Nome del file originale: Circolare_Maggio.pdf
Titolo: Le informative per l’azienda
Autore: mar_mil

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 06/05/2015 alle 09:22, dall'indirizzo IP 217.171.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1537 volte.
Dimensione del file: 827 KB (18 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Informative e news per la clientela di studio
BLACK LIST
Firmato il decreto che riscrive l’elenco dei soggetti black list al fine della deducibilità dei costi
Come previsto dall’art.1, co.678 della L. n.190/14 è stato riscritto l’elenco degli stati a fiscalità privilegiata
rilevante per l’applicazione delle norme contenute nell’art.110 co.10 del d.P.R. n.917/86 in materia di
deducibilità dei costi. Il criterio utilizzato per la revisione della lista è rappresentato dalla sussistenza o
meno di procedure di scambio di informazioni ai fini fiscali con l’Italia: non rientrano più nella nuova black
list Singapore, Malaysia, Emirati Arabi e Filippine che hanno stipulato una convenzione contro le doppie
imposizioni con l’Italia. Tale decreto sostituirà quello firmato il 23 gennaio 2002. Il decreto entrerà in
vigore dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
(Ministero dell’Economia e delle Finanze, Decreto, 30/03/2015)

IRPEF
Chiarimenti su oneri detraibili e oneri deducibili
L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulle seguenti fattispecie:
 detraibilità spese sanitarie per massofisioterapista, odontoiatra, crioconservazione e spese per
trasporto di disabili;
 detraibilità spese di istruzione e canoni di locazione;
 detraibilità spese di recupero del patrimonio edilizio;
 somme corrisposte al coniuge separato per spese di alloggio;
 spese per adozione internazionale;
 erogazioni liberali a favore delle Onlus;
 detrazioni per altri familiari a carico;
 detraibilità interessi del mutuo e trasferimento all’estero;
 detrazione per l’acquisto di mobili e successione;
 redditi di lavoro dipendente svolto all’estero;
 spese di riparazione degli adattamenti delle autovetture dei disabili;
 credito d’imposta per riacquisto della prima casa.
(Agenzia delle Entrate, Circolare n.17, 24/04/2015)

AUTOTRASPORTATORI
Aggiornamento delle modalità di compilazione del codice tributo 6740
Con la Risoluzione n.133/2002 è stato istituito il codice tributo “6740” per consentire l’utilizzo in
compensazione, tramite modello F24, dell’agevolazione sul gasolio per uso autotrazione nel settore del
trasporto. A seguito delle modifiche apportate al regolamento recante disciplina all’agevolazione fiscale a
favore degli esercenti le attività di trasporto, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha chiesto
l’aggiornamento delle modalità di compilazione del codice tributo “6740”. L’Agenzia delle Entrate ha
precisato che a decorrere dal 27 aprile 2015 il modello F24 con l’indicazione del codice tributo “6740” vada
così compilato:
 nel campo “rateazione/regione/prov/mese-rif” va indicato il numero della rata nel formato “NNRR”,
dove “NN” rappresenta il trimestre solare di riferimento e “RR” indica l’anno di consumo di gasolio di
riferimento (esempio 0315, individua il periodo luglio-settembre 2015);
 nel campo “anno di riferimento” va indicato l’anno di presentazione della dichiarazione di riferimento,
nel formato “AAAA”.
(Agenzia delle Entrate, Risoluzione n.39, 20/04/2015)

Informative e news per la clientela di studio
Ai gentili Clienti
Loro sedi

Oggetto: POSSIBILE L’INVIO DI LETTERE DI INTENTO CUMULATIVE IN DOGANA
Con la recente Risoluzione n.38/E del 13 aprile 2015 l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto superata la prassi
consolidata espressa con la datata Risoluzione n.355235 del 27 luglio 1985 che prevede che, in caso di
importazione di beni, la dichiarazione d’intento debba essere presentata in dogana per ogni singola
operazione.
E ciò alla luce delle innovazioni introdotte dall’art.20 D.Lgs. n.175/14 (cosiddetto Decreto Semplificazioni) che
prevedono che l’Agenzia delle Entrate metta a disposizione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli la banca
dati delle dichiarazioni d’intento, fornendo così un nuovo strumento che consente più efficaci attività di
controllo. Analogamente a quanto previsto per gli acquisti di beni e servizi da fornitori/prestatori nazionali,
quindi, anche una dichiarazione d'intento potrà riguardare una serie di operazioni doganali d'importazione,
fino a concorrenza di un determinato ammontare da utilizzarsi nell'anno di riferimento.
Precisa quindi il documento di prassi che in relazione alle operazioni di importazione l’operatore potrà
compilare alternativamente il campo 1 ovvero il campo 2 del modello di dichiarazione d’intento, inserendo in
quest’ultimo caso l’importo corrispondente all’ammontare della quota parte del proprio plafond Iva che
presume di utilizzare all’importazione nel periodo di riferimento.
Lo stop temporaneo delle Dogane
A partire dal 21 aprile 2015 sono attivi i nuovi controlli bloccanti che determineranno lo scarto delle
dichiarazioni doganali in caso di errata indicazione degli estremi delle dichiarazioni d'intento. Lo ha reso
noto di recente l'Agenzia delle Dogane con nota n.46452 del 20 aprile 2015. La decisione prende atto
dell'elevato numero di scarti determinati dall'errata applicazione delle nuove regole definite dal Decreto
Semplificazioni fiscali.
Con successiva nota, che sarà diramata non appena si ridurrà la percentuale degli errori di compilazione
riguardanti gli estremi della dichiarazione d’intento, l’Agenzia delle Dogane comunicherà la data a partire dalla
quale saranno in esercizio tali procedure, condizione necessaria per l’utilizzo in dogana anche della
dichiarazione d’intento valida per più operazioni.
Con la medesima nota, precisano le Dogane, verranno diramate le istruzioni di dettaglio relative all’attivazione
dei controlli sostanziali bloccanti che consentiranno la dispensa dalla consegna in dogana della copia cartacea
delle dichiarazioni di intento trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrate e delle relative ricevute di
presentazione per ambedue i tipi di dichiarazioni d’intento.
Pertanto, conclude la nota, sino a tale data rimangono valide le istruzioni diramate con la precedente nota
n.17631/RU dell’11 febbraio 2015 con la quale sono state impartite le istruzioni per l’utilizzo in dogana delle
dichiarazioni d’intento valide per una sola operazione e per la loro corretta indicazione nella casella 44 del DAU.

Oggetto: SPLIT PAYMENT - ULTERIORI CHIARIMENTI
L’Agenzia delle Entrate interviene ancora una volta sul tema dello split payment: dopo la pubblicazione
della Circolare n.1/E del 9 febbraio 2015 (già oggetto di precedente informativa), con la Circolare n.15/E del
13 aprile 2015 vengono fornite ulteriori indicazioni applicative.
Il nuovo articolo 17-ter d.P.R. n.633/72 dispone che, per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi
eseguite nei confronti di enti della Pubblica Amministrazione, l’Iva venga in ogni caso versata dai medesimi
soggetti pubblici (c.d. split payment). Pertanto, i fornitori di beni e servizi alla P.A. riceveranno l’importo del
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
2

corrispettivo al netto dell’Iva, che verrà direttamente versata all’Erario dalla P.A.. È evidente che il
cedente/prestatore, non incassando l’imposta, non dovrà farla concorrere alla relativa liquidazione dell’Iva.
Si ricorda che tale previsione è applicabile già dallo scorso 1° gennaio 2015.
Di seguito si riepilogano i chiarimenti principali della Circolare n.15/E/15:

Enti interessati

Enti esclusi

Indice della P.A.

Come già chiarito dalla Circolare n.1/E/15 si considerano ricompresi nell’ambito
applicativo della scissione dei pagamenti anche i seguenti Enti:
 le istituzioni scolastiche e le istituzioni per l’alta formazione artistica, musicale e
coreutica (Afam);
 Comunità montane, Comunità isolane e Unioni di Comuni;
 le Unioni regionali delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;
 Enti pubblici subentrati ai soggetti del servizio sanitario nazionale nell’esercizio di
una pluralità di funzioni amministrative e tecniche.
La Circolare n.15/E/15 include tra i soggetti interessati anche:
 i Commissari incaricati per la ricostruzione a seguito di elementi calamitosi.
 i consorzi di bacino imbrifero montani,
 i consorzi interuniversitari costituiti, per il perseguimento di finalità istituzionali
comuni alle università consorziate.
Come chiarito dalla Circolare n.1/E/15 vanno esclusi dall’applicazione della disposizione
in commento le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese ai seguenti Enti:
 enti previdenziali privati o privatizzati,
 aziende speciali (ivi incluse quelle delle Cciaa) e la generalità degli Enti pubblici
economici, che operano con un’organizzazione imprenditoriale di tipo privatistico
nel campo della produzione e dello scambio di beni e servizi, ancorché nell’interesse
della collettività.
 gli Ordini professionali,
 gli Enti ed istituti di ricerca,
 le Agenzie fiscali,
 le Autorità amministrative indipendenti (quale, ad esempio, l’Autorità per le
garanzie nelle comunicazioni – Agcom),
 le Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente (Arpa),
 gli Automobile club provinciali,
 l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (Aran),
 l’Agenzia per L’Italia Digitale (Agid),
 l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail),
 l’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (Ispo).
In aggiunta, la Circolare n.15/E/15 ritiene siano esclusi dal meccanismo della scissione
dei pagamenti anche
 la Banca d’Italia,
 il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni).
La Circolare n.1/E/15 afferma che, per ragioni di semplicità operativa e per dare
maggiori elementi di certezza agli operatori (sia ai fornitori che agli stessi Enti pubblici
acquirenti) può essere utile avvalersi, al fine di una più puntuale individuazione dei
soggetti pubblici destinatari della disciplina della scissione dei pagamenti, dell’ausilio
dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (c.d. Ipa), consultabile alla pagina:
http://indicepa.gov.it/documentale/ricerca.php.
Non si tratta di una elencazione esaustiva: laddove, in relazione a taluni enti, dovessero
permanere dei dubbi sull’applicabilità del meccanismo della scissione dei pagamenti,
l’operatore interessato potrà inoltrare specifica istanza di interpello all’Agenzia delle Entrate.

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
3

Sfera istituzionale e
commerciale

Reverse charge e split
payment

Prestazioni rese da enti
non commerciali

Regimi speciali

Split payment e fattura
elettronica

Note di variazione

La Circolare n.15/E/15, in caso di incertezza, invita ad attenersi alle indicazioni fornite
dalla P.A. committente o cessionaria, nel presupposto che la predetta P.A. abbia tutti gli
elementi per valutare i propri profili soggettivi in ordine alla riconducibilità della stessa
nell’ambito applicativo della scissione dei pagamenti.
La scissione dei pagamenti si deve applicare quando l’Amministrazione destinataria del
bene / servizio sia tra in soggetti in precedenza individuati. A tal fine occorre ricordare
che essa risulta applicabile indipendentemente che i beni/servizi ceduti siano impiegati
nella sfera istituzionale o commerciale.
Lo split payment non si applica quando la P.A. destinataria del bene o servizio sia
“debitrice dell’imposta”: questo avviene quando la cessione / prestazione risulti essere
assoggettata ad inversione contabile (si pensi al caso di servizi di pulizia o di installazione
degli impianti). Quindi, nelle ipotesi in cui l’operazione di acquisto rientri in una delle
fattispecie riconducibili nell’ambito applicativo dell’inversione contabile c.d. reverse
charge, non si applica la scissione dei pagamenti.
In alcuni casi il bene / servizio acquistato dalla P.A. (si pensi ad esempio alla pulizia) vien
destinato in parte alla sfera commerciale e in parte a quella istituzionale. In tali casi,
 la P.A. dovrà comunicare al fornitore la quota parte del bene o servizio acquistato
da destinare alla sfera commerciale, determinata con criteri oggettivi, in relazione
alla quale è applicabile il meccanismo del reverse charge;
 alla quota parte del bene o servizio acquistato da destinare alla sfera istituzionale
non commerciale tornerà applicabile il meccanismo della scissione dei pagamenti.
La Circolare n.15/E/15 ha risolto anche il trattamento riguardante le prestazioni rese alla
PA da parte di enti non commerciali che applicano il regime ex L. n.398/91, beneficiando
della liquidazione forfettaria dell’Iva. Viene chiarito che le fatture emesse da tali soggetti
sono escluse dello split payment.
Sono inoltre escluse le operazioni che rientrano in regimi Iva speciali, che non
prevedono l’evidenza dell’imposta in fattura e che ne dispongono l’assolvimento
secondo regole proprie:
 regime del margine
 regime delle agenzia di viaggio
 regime ex art.34 (agricoltura) e 34-bis (attività agricole connesse) d.P.R. n.633/72.
 Intrattenimenti, spettacoli e spettacoli viaggianti.
Dallo scorso 31 marzo la fatturazione elettronica è stata estesa alle operazioni rese
verso tutti i soggetti facenti parte della P.A.. È evidente, tuttavia, che l’ambito soggettivo
di applicazione della fattura elettronica nei rapporti con la P.A. è più ampio rispetto
all’ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti.
Questo significa che le fatture verso la P.A. saranno fatte obbligatoriamente in modalità
elettronica, ma non sempre saranno soggette a split payment.
Nell’ipotesi in cui il fornitore, ricorrendo i presupposti di cui dell’art.26 d.P.R. n.633/72,
emetta una nota di variazione in aumento, torna sempre applicabile il meccanismo della
scissione dei pagamenti e, pertanto, la stessa dovrà essere numerata, dovrà indicare
l’ammontare della variazione e della relativa imposta e fare esplicito riferimento alla
fattura originaria emessa.
Quando la nota di variazione è in diminuzione, se la stessa si riferisce ad una fattura
originaria emessa in sede di “scissione dei pagamenti” o “split payment”, trattandosi di
una rettifica apportata ad un’Iva che non è confluita nella liquidazione periodica del
fornitore, non vi sarà diritto a portare in detrazione l’imposta corrispondente alla
variazione, ma occorrerà limitarsi ad annotarla nel registro Iva, senza che si determini,
quindi, alcun effetto nella relativa liquidazione Iva.

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
4

Diversamente quando la nota di variazione in diminuzione si riferisce a fatture originarie
emesse prima dell’entrata in vigore dello “split payment”, alla stessa si applicheranno le
regole ordinarie sicché il fornitore avrà diritto a portare in detrazione l’imposta
corrispondente alla variazione, annotandola in rettifica nel registro Iva.
La Circolare n.15/E/15 osserva che, in considerazione della circostanza che le P.A. e i
fornitori, dal 1° gennaio 2015, hanno implementato i propri sistemi di fatturazione e
contabilità alla disciplina della scissione dei pagamenti, si è dell’avviso che per le note di
variazione in diminuzione ricevute dopo il 1° gennaio 2015, che si riferiscono ad una
fattura originaria emessa dal fornitore anteriormente al 1° gennaio 2015, il fornitore
potrà comunque applicare la disciplina della scissione dei pagamenti.
In ultimo si osserva che ove il fornitore, dopo il 1° gennaio 2015, abbia emesso fattura
ritenendo, erroneamente, che per la stessa non trovasse applicazione il meccanismo
della scissione dei pagamenti e la P.A. non abbia corrisposto alcun corrispettivo
comprensivo di imposta, e detta imposta, per effetto della esigibilità differita disposta
dall’art.6, co.5 d.P.R. n.633/72, non sia stata ancora liquidata dal fornitore, lo stesso
dovrà procedere a “regolarizzare” tale comportamento con l’emissione di apposita nota
di variazione e l’emissione di un nuovo documento contabile recante l’indicazione
“scissione dei pagamenti”.
In alternativa, si ritiene possibile l’emissione di un'unica nota di variazione che, facendo
riferimento puntuale a tutte le fatture erroneamente emesse senza l’indicazione
“scissione dei pagamenti”, le integri al fine di rappresentare alla Pubblica
Amministrazione che, al momento del pagamento dei corrispettivi documentati con le
fatture ivi elencate, l’Iva ad essi relativa andrà trattenuta e versata con le regole dello
“split payment”.

Oggetto: SCADE IL PROSSIMO 30 GIUGNO LA POSSIBILITÀ DI RIDETERMINARE IL VALORE DI
TERRENI E PARTECIPAZIONI
In dirittura d’arrivo l’ennesima possibilità (è la dodicesima) concessa dal Legislatore per procedere alla
rivalutazione di partecipazioni in società non quotate e terreni da parte di persone fisiche per operazioni
estranee all’attività di impresa, società semplici, società ed enti ad esse equiparate di cui all’art.5 Tuir, enti
non commerciali per i beni che non rientrano nell’esercizio di impresa commerciale e soggetti non residenti
senza stabile organizzazione in Italia.
Scade, infatti, il prossimo 30 giugno 2015 il termine per procedere all’asseverazione della perizia di stima del
terreno o della società riferita alla partecipazione detenuta nonché al versamento della relativa imposta
sostitutiva nella sua interezza o nella prima delle tre rate annuali previste in caso di opzione per il suo
versamento rateizzato.
È bene ricordare che perizia e versamento iniziale sono passaggi fondamentali per poter assegnare efficacia
fiscale alla predetta rivalutazione, mentre eventuali omessi versamenti delle rate successive alla prima non
invalidano l’intervenuta rivalutazione ma determinano l’obbligazione al loro pagamento.
Gli elementi da considerare ai fini di quest’ultima legge di rivalutazione sono i seguenti:
 possesso del terreno o della partecipazione al 1° gennaio 2015
 imposta sostitutiva calcolata sul valore di perizia nelle seguenti misure (raddoppiate rispetto a tutte le
precedenti rivalutazioni):
- 8% per i terreni agricoli e le aree edificabili;
- 8% per le partecipazioni qualificate;
- 4% per le partecipazioni non qualificate;
 possibilità di scomputare l’imposta sostitutiva assolta con le precedenti rivalutazioni.

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
5

Va ricordato poi che il momento di redazione della perizia, comunque da asseverare entro e non oltre il 30
giugno 2015, può essere diverso a seconda che si tratti di terreni o partecipazioni:
 per le partecipazioni la perizia può essere predisposta anche successivamente alla cessione della stessa,
purché entro il termine ultimo del 30 giugno 2015
 per i terreni, invece, la perizia deve essere necessariamente predisposta prima della loro cessione,
poiché è previsto che il valore che emerge sia quello minimo ai fini dell’imposta di registro, e quindi se
ne deve tenere conto ai fini della tassazione dell’atto. Va, tuttavia, segnalato come un precedente
giurisprudenziale (vedi sentenza Cassazione n.30729/11) ammetta la redazione della perizia
posteriormente alla cessione, circostanza, al contrario, ordinariamente ammessa per le partecipazioni.
Con riferimento ai terreni, inoltre, al fine di evitare che si applichi la citata presunzione secondo cui il
valore periziato costituisce il valore minimo di riferimento ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e
catastali, l’Agenzia delle Entrate (Risoluzione n.111/10) ha ritenuto possibile effettuare una nuova
perizia al ribasso, sostitutiva della precedente.
Rivalutazione di partecipazioni acquisite per donazione
Con riferimento alla rivalutazione delle partecipazioni ricevute per donazione si è di recente espressa
l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n.40/E del 20 aprile scorso.
Con tale documento di prassi l’Amministrazione finanziaria ha ribadito il pensiero già espresso con la
precedente Risoluzione n.91/E/14 secondo la quale in caso di rivalutazione delle partecipazioni acquisite
per donazione, i donatari che si avvalgono della procedura di rideterminazione del loro valore di acquisto
non possono scomputare l’imposta sostitutiva versata in occasione di precedenti rideterminazioni
effettuate dal donante.
In considerazione tuttavia delle incertezze interpretative connesse alla fattispecie in esame, l’Agenzia
precisa ora che i soggetti che abbiano scomputato l’imposta sostitutiva versata in occasione di precedenti
rideterminazioni effettuate dal donante, possono, in applicazione delle disposizioni contenute nello Statuto
del contribuente, regolarizzare il carente versamento entro 60 giorni dall’emanazione del presente
documento di prassi (cioè fino al 19 giugno 2015).

Oggetto: GESTIONE SEPARATA INPS E INARCASSA
Con la recente Circolare n.72/15, l’Istituto previdenziale ha fornito propri chiarimenti in relazione agli
obblighi, assicurativi e contributivi, di soggetti esercenti attività di lavoro autonomo in qualche modo
assimilabili alle competenze professionali di ingegneri e architetti.
Come noto, alla Gestione Separata Inps, introdotta dalla L. n.335/95, devono iscriversi i “soggetti che
esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo”, escludendo,
invece, tale tipologia reddituale se e in quanto tali redditi fossero “già assoggettati ad altro titolo a
contribuzione previdenziale obbligatoria” (D.M. n.281/96).
Sulla base di tali indicazioni l’Inps, quindi, chiarisce che coloro che esercitano un’attività professionale, in
via abituale anche se non esclusiva, devono in genere iscriversi alla Gestione Separata nel caso in cui la loro
attività non comporti l’iscrizione presso un apposito albo professionale, ovvero quando detto reddito di
lavoro autonomo non risulti assoggettabile alla contribuzione obbligatoria dovuta alla specifica cassa
professionale, in base alle regole statutarie di quest’ultima.
Affrontando il caso di Inarcassa (Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti
liberi professionisti), l’Inps ravvisa l’obbligo di iscrizione e versamento, a detta cassa privata, per quei
professionisti che:
 siano iscritti all’albo professionale;
 siano titolari di partita Iva;

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
6

 non siano iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria in dipendenza di rapporto di lavoro

subordinato ovvero di altra attività (ad esempio artigiani e commercianti) (Statuto Inarcassa, art.7).
Si noti che, secondo una giurisprudenza abbastanza consolidata, il reddito di lavoro autonomo prodotto, al
fine di essere ricondotto all’obbligo assicurativo verso la propria cassa di categoria, non va inteso in senso
statico e rigoroso, occorrendo invece rilevare non soltanto le prestazioni tipicamente relative alla specifica
professione, ma anche quelle prestazioni che presentino un nesso con l’attività professionale intesa in
senso stretto.
Al fine di fornire un elenco esemplificativo degli obblighi previdenziali, per professioni che si ritengono
comunque attratte verso quelle di ingegnere o architetto, l’Inps allega una specifica tabella in cui evidenzia
la tipologia di attività svolta indicando il relativo obbligo assicurativo:
Tipologia attività svolta
(da soggetti iscritti all’albo degli ingegneri e/o architetti)
Ingegnere perito balistico
Consulente commerciale per società che vende computer
Procacciatore d'affari e consulente commerciale
Ingegnere consulente gestionale
Amministratore di condominio
Consulente e programmatore informatico
Orientatore professionale
Consulente bancario e finanziario
Imprenditore individuale che svolge attività di certificazione dei prodotti
farmaceutici
Consulente ambientale
Amministratori e componenti dei Consigli di Amministrazione, di società che
svolgono attività di natura tecnica e/o tecnologica connesse con la specifica
cultura che gli deriva dalla formazione tipica propria della sua professione (ad
es. società operanti nel settore dei trasporti, nel settore dell’energia,
dell’edilizia, etc.)
Project manager nel settore ICT - telefonia mobile
Consulente commerciale (attività finalizzata alle vendite)
Consulente della movimentazione e trasporto di merci pericolose; assistente al
RSPP
Partecipanti ai Consigli nazionali od Ordini territoriali della categoria di
appartenenza, o degli Enti di previdenza privati/privatizzati

Ente di riferimento
Gestione Separata
Inarcassa
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X

X

X
X
X
X

Viene inoltre ribadito che per le due sopracitate forme assicurative vale la c.d. regola dell’esclusività, per cui
l’iscrizione presso una di esse esclude automaticamente l’obbligo verso l’altra.

Oggetto: ACCONTO 2015 IMU E TASI

Dal 2015 le scadenze Imu e Tasi sono allineate. Rispetto allo scorso anno dove la Tasi è stata interessata da
diverse proroghe (si trattava del primo anno di applicazione), quest’anno la gestione dei versamenti
avviene con le stesse modalità previste per l’Imu.
In questo contributo ci limiteremo a ricordare le principali regole applicative Imu e Tasi, partendo dalle
scadenze e regole di versamento, per poi ricordare (sinteticamente) quali siano gli immobili interessati dalle
due imposte, le rispettive basi imponibili e le eventuali riduzioni.
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
7

Si coglie l’occasione per ricordare alla clientela dello Studio di fornire il più tempestivamente possibile
tutti i dati riguardanti modificazioni soggettive (acquisizioni, cessioni, etc.) e oggettive (modifiche catastali,
inagibilità, ristrutturazioni, etc.) degli immobili posseduti, onde agevolare il calcolo delle imposte.
Si rammenta che, per entrambi i tributi, l'imposta è dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota di
possesso e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto tale possesso (a tal fine, il mese durante il quale il
possesso si è protratto per almeno quindici giorni è computato per intero).
Versamenti
Imu e Tasi vengono versate integralmente a favore del Comune, mentre nei confronti dell’Erario sarà
riservata la sola Imu dei fabbricati di categoria catastale D, applicando l’aliquota d’imposta dello 0,76% (il
Comune, eventualmente, può stabilire a suo favore, una maggiorazione sino allo 0,3%).
L’acconto risulta dovuto sulla base di aliquote e detrazioni deliberate per l’anno precedente (quindi quelle
del 2014), mentre il conguaglio a saldo viene determinato sulla base delle aliquote 2015, se approvate
entro il termine del 28.10 (in caso contrario anche il saldo sarà calcolato sulla base delle aliquote 2014).
Acconto 2015
Saldo 2015

scadenza
16 giugno 2015
16 dicembre 2015

Parametri di calcolo
Aliquote 2014
Aliquote 2015 (se approvate entro 28.10)

È consentito il versamento in unica soluzione entro il 16 giugno 2015.
Il versamento può essere effettuato tramite apposito bollettino, ovvero tramite il modello F24.
L’utilizzo del modello F24 consente la compensazione del tributo dovuto con altri crediti vantati dal
contribuente.
I soggetti passivi
 Imu
Sono soggetti passivi Imu i possessori di qualunque immobile, e in particolare:
 il proprietario di immobili (solo se in piena proprietà, ossia per la quota non gravata da usufrutto);
 l’usufruttuario (nel qual caso il titolare della nuda proprietà non deve versare);
 il titolare del diritto d’uso;
 il titolare del diritto di abitazione: nel caso di decesso di uno dei due coniugi, con riferimento alla casa
coniugale, pagherà il coniuge superstite. Con riferimento agli altri immobili di proprietà del defunto
pagherà l’imposta ciascuno degli eredi in ragione delle proprie quote di spettanza;
 il titolare del diritto di enfiteusi;
 il titolare del diritto di superficie;
 il concessionario di aree demaniali;
 nel caso di immobile utilizzato in forza di contratto di leasing il soggetto passivo è l’utilizzatore sin dalla
data di stipula del contratto (anche per l’immobile in corso di costruzione);
 il coniuge assegnatario della casa coniugale in seguito a provvedimento di separazione legale,
annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (quindi il coniuge non
assegnatario, da quando perde il diritto a utilizzare l’immobile, non deve versare).
 Tasi
AI soli fini Tasi, l’imposta è dovuta
 sia dal possessore dell’immobile (definito con le stesse regole previste ai fini Imu)
 che dal detentore (e questa è la novità più importante che riguarda questo tributo).
Per detentore si intende il soggetto che utilizza l’immobile in forza di un titolo diverso da un diritto reale. In
particolare, sono detentori tenuti al pagamento della Tasi:
 l’inquilino, quando l’immobile è dato in locazione;
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
8

 il comodatario, quando l’immobile è oggetto di comodato;
 l’affittuario, quando l’immobile è oggetto di un contratto di affitto di azienda.
La Tasi complessivamente dovuta in relazione all’immobile deve essere ripartita tra possessore e detentore.
La misura della ripartizione è decisa dal Comune tramite proprio regolamento: l’imposta a carico del
detentore deve essere compresa tra il 10% ed il 30% dell’imposta complessivamente dovuta sull’immobile
(la parte rimanente è a carico del possessore). Se il Comune nulla prevede al riguardo, la quota a carico del
detentore è del 10%.
L’imposta deve essere determinata secondo le condizioni soggettive del possessore: quindi se l’inquilino
abita l’immobile, comunque occorre utilizzare l’aliquota prevista per gli “altri fabbricati”, senza applicazione
della detrazione per abitazione principale. Il Comune può comunque introdurre agevolazioni per gli inquilini
residenti. Tale ripartizione, comunque, si ribadisce, riguarda solo la Tasi e non l’Imu.
Gli immobili interessati
L’Imu e la Tasi si devono versare con riferimento agli immobili posseduti sul territorio di ciascun Comune.
IMU

TASI

Fabbricati



SI

SI

Abitazione principale, pertinenze e
fabbricati assimilati



NO
(solo A/1, A/8, A/9)

SI

Fabbricati rurali



NO

SI

Aree fabbricabili



SI

SI

Terreni agricoli



SI

NO

 Fabbricati
I fabbricati sono imponibili sia ai fini Imu che ai fini Tasi secondo le medesime regole. Ad esclusione dei
fabbricati di categoria catastale D privi di rendita (per i quali si utilizzano i valori contabili), per tutti gli altri
fabbricati si farà riferimento alle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1° gennaio dell'anno di imposizione,
rivalutate del 5%, alle quali applicare specifici moltiplicatori.
Categoria catastale
A (diverso da A/10) - C/2 – C/6 – C/7
B
C/3 – C/4 – C/5
A/10 e D/5
D (escluso D/5)
C/1

Moltiplicatore 2014
160
140
140
80
65
55

Tanto ai
fini Imu
quanto ai fini Tasi è prevista inoltre una riduzione del 50% della base imponibile per i fabbricati inagibili ed
inabitabili, nonché per gli immobili vincolati ai sensi dell’art.10 D.Lgs. n.42/04.
I fabbricati posseduti dal costruttore (o ristrutturatore), destinati alla vendita e non locati, sono esenti
dall’Imu e, si ritiene, anche dalla Tasi (anche se su tale ultimo punto non vi sono conferme).
 Aree edificabili
Le aree fabbricabili sono tassate tanto ai fini Imu quanto ai fini Tasi. La base imponibile è data dal valore
venale in comune commercio. Si ricorda comunque che molti Comuni individuano dei valori di riferimento
ai quali il contribuente può adeguarsi per evitare contestazioni future.

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
9

Per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali è confermata la finzione di non edificabilità
delle aree: se tali soggetti coltivano il terreno pagheranno in ogni caso l’Imu come fosse un terreno agricolo
(quindi sul reddito dominicale e non sul valore venale), anche se gli strumenti urbanistici, PRG o altro, lo
qualificano suscettibile di utilizzazione edificatoria.
In caso di utilizzazione edificatoria dell'area (costruzione di nuovo edificio), di demolizione di fabbricato, di
interventi di recupero, ristrutturazione e risanamento conservativo, l’immobile interessato dovrà
considerarsi ai fini fiscali area edificabile e la base imponibile sarà costituita dal valore venale.

Oggetto: COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO, UFFICIALIZZATE LE REGOLE IVA
Il commercio elettronico è divenuto negli ultimi anni una frequente metodologia utilizzata dagli operatori
per allargare i confini delle proprie transazioni e si presenta sotto una duplice veste:
 commercio elettronico diretto: trattasi di una modalità di transazione esclusivamente virtuale che
permette di effettuare l’ordine, il pagamento e l’acquisizione del prodotto/servizio (sotto forma di file
digitale) tramite i canali telematici (si pensi a software, musica, etc.), trattandosi di acquisti fruibili
direttamente via internet (considerata prestazione di servizi ai fini Iva);
 commercio elettronico indiretto: trattasi esclusivamente di una “vetrina” virtuale con la quale si
espongono al pubblico i propri prodotti e si consente di effettuare un ordine o un acquisto, fermo
restando che la merce viene poi spedita con gli usuali canali (considerata cessione di beni ai fini Iva).
Le regole sulla territorialità del commercio elettronico diretto, vigenti sino allo scorso 31 dicembre 2014,
determinavano che - ove l’acquirente fosse un privato - si potessero determinare delle discriminazioni in
tema di aliquote Iva, poiché il trattamento dipendeva dalle regole vigenti nel paese del cedente. Così, vie
era convenienza per il privato ad acquistare il “file digitale” dal fornitore collocato in un paese con aliquota
Iva inferiore rispetto all’Italia.
Tali regole, per effetto del recepimento di una Direttiva Comunitaria concretizzatasi con il varo del D.Lgs.
n.42/15, sono variate, determinandosi l’obbligo di applicazione dell’aliquota Iva vigente nel paese
dell’acquirente.
Per pura comodità, ci riferiremo sempre al caso dei servizi elettronici, pur se la materia interessa anche i
servizi di telecomunicazione e teleradiodiffusione.
Il nuovo scenario della territorialità dal 2015
Le nuove regole di rilevanza territoriale delle operazioni ai fini Iva interessano esclusivamente le prestazioni
di servizi intercorrenti tra un operatore Iva ed un committente privato (nulla muta, dunque, qualora il
committente sia, invece, un operatore Iva, applicandosi la regola della rilevanza nel paese di quest’ultimo
soggetto).
Per effetto delle modifiche apportate dal D.Lgs. n.42/15, è possibile riassumere le regole della territorialità
delle operazioni poste in essere con l’ausilio della seguente tabella:
SOGGETTO ACQUIRENTE
Privato cittadino italiano
Privato cittadino UE
Privato cittadino ExtraUE

SOGGETTO VENDITORE
Operatore Iva di qualsiasi luogo
(italiano, UE, extra UE)
Operatore Iva italiano
Operatore Iva italiano

RILEVANZA TERRITORIALE
Italia
Paese UE del committente
Paese extra UE del committente

Lo sportello Moss
La nuova impostazione può determinare l’obbligo, per un operatore Iva italiano che cede servizi elettronici
a privati di altri paesi UE, di assolvere il tributo in un paese diverso dall’Italia. Ad esempio, si pensi ad un
azienda che cede software on line, acquistati da un privato francese, da uno tedesco e da uno spagnolo.

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
10

In tali ipotesi, dovendosi applicare, rispettivamente, l’Iva francese, tedesca e spagnola, la società italiana
avrebbe dovuto identificarsi (cioè assumere un numero di partita Iva) in ciascuno dei detti paesi, con
innegabili appesantimenti amministrativi.
Si è allora pensato di attivare un meccanismo denominato “Mini One Stop Shop” che permetta di assolvere
il tributo dovuto nei vari paesi comunitari, senza dover assumere tanti numeri di partita Iva.
Schematicamente, potremmo così riassumere le varie ipotesi che si possono presentare ad una azienda che
cede servizi elettronici on line:
Azienda che cede servizi elettronici on line dal 01-01-2015



L’acquirente è un privato
L’acquirente è un privato comunitario
L’acquirente è un privato
italiano
extracomunitario
L’operazione rileva in Italia

Emette fattura con IVA italiana

L’operazione rileva nel paese UE di
residenza dell’acquirente, mentre
non rileva in Italia

L’operazione rileva nel paese extra
UE di residenza dell’acquirente,
mentre non rileva in Italia

Ha due possibilità


Assume una
Aderisce al
partita Iva nel
sistema
paese UE
Moss

L’adesione al regime speciale: le varie ipotesi
L’opzione per l’accesso al regime speciale Moss può essere effettuata da diversi soggetti, in relazione al
luogo di residenza dei medesimi; le modalità pratiche sono descritte nel provvedimento del 23 aprile 2015,
in allegato al quale si trovano anche i fac-simili della modulistica.
Ad esempio, con l’opzione, l’operatore Iva italiano che effettua cessioni di servizi elettronici a privati UE,
può adempiere agli obblighi fiscali per il tramite di un portale web specifico, senza necessità di identificarsi
negli altri paesi comunitari. Trimestralmente, comunicherà i dati tramite portale e non dovrà osservare
alcun ulteriore adempimento, se non quello del versamento dell’Iva dovuta. L’eventuale Iva assolta sugli
acquisti o sulla produzione dei servizi ceduti non può essere portata in detrazione dal debito di cui sopra,
bensì viene detratta nelle liquidazioni dell’Iva interna.
Il medesimo meccanismo è utilizzabile da soggetti extra UE (operatori Iva) che effettuano cessioni di servizi
elettronici a soggetti privati residenti nella UE (sempre che non siano già identificati o stabiliti in altro paese
comunitario). Utilizzando il sistema speciale Moss, anche tali soggetti sono esonerati dagli obblighi di
fatturazione, registrazione, dichiarazione, etc.; per segnalare le operazioni effettuate e versare il tributo
dovuto, effettuano anch’essi una comunicazione telematica (una vera e propria dichiarazione Iva
trimestrale) entro il giorno 20 del mese successivo a ciascun trimetre solare.
Infine, vi potrebbe essere il caso dell’operatore comunitario che sia già identificato in Italia e che comunque
intenda accedere al regime speciale Moss; per tale ultima ipotesi, l’Iva sugli acquisti assolti in Italia potrà
essere recuperata da quella a debito per le operazioni escluse dal regime speciale. In mancanza di
identificazione, potrà essere richiesto il rimborso.
Versamenti e ripartizione dell’Iva
Come si è compreso da quanto sopra esposto, il meccanismo Moss è fondato su una sorta di “conguaglio”
dell’Iva dovuta tra i vari paesi UE.
Al riguardo, il debito derivante dalla dichiarazione trimestrale che deve essere presentata:
 non può essere oggetto di compensazione;
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
11



viene assolto con addebito su conto corrente bancario o postale esistente in Italia, per i soggetti UE che
ne sono provvisti;
 viene assolto con addebito su un apposito conto corrente acceso presso la Banca d’Italia, per i soggetti
extra UE che hanno aderito al Moss in Italia, ovvero per i soggetti UE sprovvisti di conto bancario o
postale in Italia.
Nell’effettuare il pagamento, che non può essere veicolato tramite il modello F24, si dovrà specificare il
numero identificativo della dichiarazione trimestrale trasmessa.
Entrata in vigore e decorrenza
Le nuove norme entrano in vigore dal giorno 3 maggio 2015, sia pure con decorrenza dallo scorso 1°
gennaio 2015.
Tutte le opzione che sono già state effettuate dallo scorso 1° ottobre 2014 (data di apertura dello sportello
Moss sul sito delle Entrate) mantengono la loro efficacia e non debbono essere rinnovate.

Oggetto: OBBLIGO ASSICURATIVO PER L’AMMINISTRATORE UNICO
È stato sottoposto alla Direzione Centrale Rischi dell'Inail un quesito circa l'obbligo assicurativo del socio
che riveste anche la qualifica di amministratore unico.
Per rispondere alla domanda ricevuta l’Inail ha ricostruito l'evoluzione giurisprudenziale del rapporto tra
socio e società riportandolo al concetto di "dipendenza funzionale": il socio opera per conto della società
che rappresenta, ed è proprio l'attività manuale che lo pone in dipendenza della stessa, a prescindere dalla
qualificazione del rapporto di lavoro (subordinato o meno). Sostanzialmente l’Inail sostiene che l’obbligo
assicurativo sussiste in tutti i casi in cui il soggetto svolge un’attività lavorativa, manuale o non manuale in
favore della società con carattere di abitualità, professionalità e sistematicità, a nulla rilevando l’esistenza
di un vincolo di dipendenza.
Tale obbligo era stato sostenuto da diverse sedi dell’istituto ma era stato escluso dal Consiglio Nazionale
dei Consulenti del Lavoro, tenuto conto della titolarità di poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione
dei quali dispone l’amministratore unico, poteri che lo slegavano dal nesso di dipendenza.



Con nota n.1501 del 27 febbraio 15 l’Inail ha precisato che lo svolgimento materiale dell'attività
comporta l'obbligo della tutela assicurativa del socio anche se questi, quale amministratore unico,
eserciti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione (diviene irrilevante l’esistenza in capo
all’amministratore dei poteri di gestione della società e ancora ha ampliato l’ambito applicativo
della norma anche agli amministratori unici non soci.

L’obbligo assicurativo scatta però solo nel caso in cui l’amministratore unico svolga una attività manuale
protetta ai sensi dell'art.1 d.P.R. n.1124/65 a favore della società e in base alle direttive della stessa. Tra tali
attività rientra anche l’uso di un autoveicolo o dei pc.
I requisiti quindi affinché scatti l’obbligo assicurativo sono:
1. qualifica di amministratore unico,
2. esercizio di una delle attività protette di cui all’art.1 d.P.R. n.1124/65.
Va anche ricordato che se l'ufficio di amministratore rientra nei compiti istituzionali e nell'oggetto proprio
dell'arte o professione, il reddito verrà attratto nel lavoro autonomo professionale e quindi non scatterà
alcun obbligo assicurativo.

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
12

Oggetto: LE MODALITÀ DI EMISSIONE DELLA FATTURA ELETTRONICA ALLA P.A.

La trasmissione delle fatture elettroniche destinate alle Amministrazioni Pubbliche deve essere effettuata
attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), sistema informatico di supporto al processo di “ricezione e
successivo inoltro delle fatture elettroniche alle amministrazioni destinatarie” nonché alla “gestione dei
dati in forma aggregata e dei flussi informativi anche ai fini della loro integrazione nei sistemi di
monitoraggio della finanza pubblica”.
Gestore del Sistema d’Interscambio è l’Agenzia delle Entrate che, periodicamente, relaziona al Ministero
dell‘Economia e delle Finanze sull'andamento e l'evoluzione del sistema. Tutta la documentazione tecnica
sulla fattura elettronica, le modalità di trasmissione e i servizi di supporto e assistenza, sono disponibili su
www.fatturapa.gov.it, un sito dedicato esclusivamente alla fatturazione elettronica verso le Pubbliche
Amministrazioni.
I soggetti interessati
Gli utenti coinvolti nel processo di fatturazione elettronica sono:
 gli operatori economici, cioè i fornitori di beni e servizi verso le P.A., obbligati alla
compilazione/trasmissione delle fatture elettroniche e all’archiviazione sostitutiva delle fatture;
 le Pubbliche Amministrazioni, che hanno effettuato una serie di operazioni collegate alla ricezione della
fattura elettronica, in primis l’inserimento dei dati anagrafici di fatturazione sul portale IPA
(www.indicePA.gov.it);
 gli intermediari (banche, poste, altri intermediari finanziari, intermediari di filiera, commercialisti,
imprese ICT), vale a dire soggetti terzi ai quali gli operatori economici possono rivolgersi per la
compilazione/trasmissione della fattura elettronica e per l’archiviazione sostitutiva prevista dalla legge.
Possono servirsi degli intermediari anche le P.A. per la ricezione del flusso elettronico dei dati e per
l’archiviazione sostitutiva.
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha recentemente individuato l’elenco delle Pubbliche
Amministrazioni obbligate a ricevere la fattura dai propri fornitori in formato elettronico per il tramite del
Sistema di Interscambio (Circolare n.1/DF del 9 marzo 2015). Gli enti pubblici interessati sono individuati
normativamente:
 all’art.1 co.2 D.Lgs. n.165/01;
 all’art.1 co.2 L. n.196/09;
 all’art.1 co.209 L. n.244/07.
Le regole per la generazione della fattura elettronica
La fattura elettronica è un file XML (eXtensible Markup Language) elaborato secondo il formato e il
tracciato definito dal Sistema di Interscambio. L’autenticità dell’origine e l’integrità del contenuto sono
garantite tramite l’apposizione della firma digitale di chi emette la fattura. Il file XML può contenere una
fattura singola (un solo corpo fattura) oppure un lotto di fatture (più corpi fattura con la stessa
intestazione).
II formato XML della fattura elettronica prevede l’inserimento da parte del soggetto che predispone la
fattura (che può essere il fornitore oppure un terzo come per esempio il commercialista) del Codice
Univoco dell’Ufficio (conosciuto anche come codice IPA), in grado di individuare univocamente l’ufficio
preposto a ricevere la fattura elettronica.
Se il fornitore non ha ricevuto comunicazione scritta da parte della Pubblica Amministrazione riportante il
codice univoco I.P.A. (oltre all’indicazione dei rispettivi codici CIG e CUP, se richiesti nell’emissione del
documento fattura), il codice può essere reperito sul sito dell’Indice della Pubblica Amministrazione
secondo i seguenti passaggi:
 tramite la funzione <ricerca avanzata> si seleziona la P.A. di interesse;
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
13

 si clicca sull’icona che riproduce il simbolo dell’euro;
 si accede nell’area in cui viene riportato il <Codice Univoco ufficio>.
Ad esempio in fase di ricerca del Comune di Mantova bisogna conoscere il Nome ufficio di riferimento, in
quanto a ciascun ufficio è associato un Codice Univoco diverso:

Comune di Mantova
Fatturazione elettronica
Denominazione Ente
Comune di Mantova
Codice Univoco ufficio

7EY65Y

Nome ufficio:

Servizio Economico e Finanziario

Cod. fisc. servizio di F.E.: 00189800204
Ultima data validaz. c.f.: 20/02/2015
Data di avvio del servizio: 31/03/2015
Regione ufficio:

Lombardia

Provincia ufficio:

MN

Comune ufficio:

Mantova

Indirizzo ufficio:

Via Roma, 39

Cap ufficio:

46100

Le regole per l’invio della fattura elettronica
La fattura elettronica richiede l’apposizione, su ciascuna fattura o sul lotto di fatture, della firma elettronica
qualificata o digitale dell'emittente che attesta la data, l'autenticità della provenienza della fattura e
l'integrità del suo contenuto e del riferimento temporale. Il file XML preparato, firmato e nominato nel
rispetto delle regole previste, può essere inviato al Sistema di Interscambio attraverso cinque diversi canali
di trasmissione:
CANALE DI
TRASMISSIONE
Posta Elettronica
Certificata

Invio via Web

Servizio SDICoop –
Trasmissione

MODALITÀ
L’invio mediante pec è possibile per gli operatori economici forniti di una casella di
posta elettronica certificata. L'utilizzo del canale pec non presuppone alcun tipo di
accreditamento preventivo presso il Sistema di Interscambio. I file XML devono
essere spediti come allegato del messaggio di pec.
Il Sistema di Interscambio mette a disposizione un’applicazione per inviare una
fattura (file XML) attraverso un’interfaccia web. Per accedervi è necessario essere in
possesso di credenziali Entratel o Fisconline o essere provvisti di Carta Nazionale dei
Servizi (CNS) precedentemente abilitata ai servizi telematici dell'Agenzia delle
Entrate.
Il Servizio SDICoop - Trasmissione è disponibile per coloro che desiderano inviare le
fatture e ricevere le relative notifiche di esito utilizzando dei servizi di cooperazione
applicativa (web-services). Per usufruire di questo canale di trasmissione è
necessario accreditarsi presso il Sistema di Interscambio.
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
14

Servizio SDIFTP

Servizio SPCoop Trasmissione

Il Servizio SDIFTP è disponibile per coloro che desiderano inviare le fatture e
ricevere le relative notifiche di esito utilizzando una modalità di trasferimento dati
tramite protocollo FTP (File Transfer Protocol). L'utilizzo di tale modalità
presuppone una struttura a supporto delle attività informatiche e la capacità di
gestire sistemi informativi e un centro elaborazione dati con continuità e con
disponibilità di personale di presidio; si adatta pertanto a soggetti che movimentano
elevati volumi di fatture. Per usufruire di questo canale di trasmissione è necessario
accreditarsi presso il Sistema di Interscambio.
Il Servizio SPCCoop - Trasmissione è disponibile per coloro che desiderano emettere
le fatture e ricevere le relative notifiche di esito utilizzando dei servizi di
cooperazione applicativa (web-services) tramite il Sistema Pubblico di Connettività
(SPC) secondo le modalità definite dall'Agenzia per l'Italia Digitale. Per usufruire di
questo canale di trasmissione è necessario accreditarsi presso il Sistema di
Interscambio.

Una volta che la fattura elettronica è stata inviata, la procedura di gestione delle ricevute e delle notifiche
da parte del Sistema di Interscambio prevede la seguenti fasi:
a) il SdI, ricevuto correttamente il file, assegna un identificativo proprio ed effettua le verifiche previste;
b) in caso di controlli con esito negativo, il SdI invia una notifica di scarto al Fornitore;
c) nel caso di esito positivo dei controlli il SdI trasmette la fattura elettronica all’Amministrazione
destinataria e unitamente a questa il SdI trasmette anche una notifica di metadati del file fattura
tramite la quale sono comunicate le informazioni utili all’elaborazione e alla comunicazione da parte
del ricevente;
d) nel caso di buon esito della trasmissione, il SdI invia al Fornitore una ricevuta di consegna della fattura
elettronica;
e) nel caso in cui, per cause tecniche non imputabili al SdI, la trasmissione al destinatario non fosse
possibile entro i termini previsti, il SdI invia al Fornitore una notifica di mancata consegna; resta a
carico del SdI l’onere di contattare il destinatario affinché provveda tempestivamente alla risoluzione
del problema ostativo alla trasmissione, e, a problema risolto, di procedere con l’invio; se, trascorsi 10
giorni dalla data di trasmissione della notifica di mancata consegna, il SdI non è riuscito a recapitare la
fattura elettronica al destinatario, inoltra al Fornitore una definitiva attestazione di avvenuta
trasmissione della fattura con impossibilità di recapito;
f) per ogni fattura elettronica recapitata all’Amministrazione, il SdI permette all’Amministrazione, entro il
termine di 15 giorni dalla prima comunicazione inviata al Fornitore, più precisamente dalla data
riportata nella ricevuta di consegna o dalla data di trasmissione della notifica di mancata consegna, di
inviare una notifica di accettazione/rifiuto della fattura e, nel caso, provvede a inoltrarla al Fornitore a
completamento del ciclo di comunicazione degli esiti della trasmissione della fattura elettronica;
g) a seguito della corretta trasmissione di una fattura elettronica, al fine di fornire tempestiva
comunicazione al Fornitore dell'accettazione o del disconoscimento del documento contabile in modo
da consentire gli adempimenti previsti dalla normativa Iva in merito alla registrazione delle fatture
emesse, il Sistema di Interscambio ha fissato un termine (attualmente 15 giorni) decorso il quale lo
stesso SDI inoltra notifica di decorrenza dei termini sia al fornitore sia al soggetto che ha ricevuto la
fattura (Amministrazione). La fattura ha terminato il suo “ciclo di vita” nell’ambito della gestione del
Sistema di Interscambio e può essere definitivamente registrata ai fini Iva tra le fatture emesse.
Il significato delle ricevute inviate dal Sistema di Interscambio
La fattura elettronica si considera trasmessa e ricevuta dalle amministrazioni solo a fronte del rilascio della
ricevuta di consegna da parte del SdI. La ricevuta di consegna attesta sia l’emissione della fattura
elettronica, sia l’avvenuta ricezione da parte della Pubblica Amministrazione committente. Tuttavia, le due
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
15

fasi (emissione della fattura da parte del Fornitore e la ricezione della stessa da parte della P.A.) vengono
effettuate in due momenti distinti.
La notifica di mancata consegna viene spedita al Fornitore se l’inoltro all’Amministrazione committente ha
avuto esito negativo, e viene recapitata:

entro 48 ore se il canale di comunicazione tra SdI e Pubblica Amministrazione è costituito dalla posta
elettronica certificata (PEC);

entro 24 ore negli altri casi.
Tale notifica di mancata consegna è sufficiente a provare la trasmissione (e la conseguente ricezione) della
fattura da parte del SdI. Anche in tale caso la fattura può darsi per emessa. Sarà poi il SdI a farsi carico di
contattare il destinatario della fattura affinché provveda alla risoluzione del problema ostativo alla
trasmissione. Se l’inoltro ha avuto esito negativo “per cause tecniche” il SdI rilascia al Fornitore una notifica
di mancata consegna. Se, trascorsi 10 giorni dalla data di trasmissione della notifica di mancata consegna, il
SdI non è riuscito a recapitare la fattura elettronica al destinatario, invia al Fornitore trasmittente una
“Attestazione di avvenuta trasmissione della fattura con impossibilità di recapito”.
Il Fornitore in possesso di una “Attestazione di avvenuta trasmissione della fattura con impossibilità di
recapito”, può trasmettere la fattura direttamente all'amministrazione competente, ad esempio
trasmettendo per posta elettronica l'attestato (che contiene anche la fattura stessa). Con questo invio
l’Amministrazione è messa a conoscenza del fatto che la fattura elettronica è stata correttamente inviata al
SdI, può prendere visione della fattura in esso contenuta e la fattura può pertanto ritenersi ricevuta
dall’Amministrazione committente.

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
Distinti saluti
Studio Riva

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
16

Occhio alle scadenze
Ai gentili Clienti
Loro sedi

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 maggio 2015 AL 15 giugno 2015
Di seguito evidenziamo i principali adempimenti 16 maggio al 15 giugno 2015, con il commento dei termini
di prossima scadenza.
SCADENZE FISSE

18
maggio

Versamenti Iva mensili e trimestrali
Scade oggi il termine di versamento dell'Iva a debito eventualmente dovuta per il mese di
aprile, codice tributo 6004 e primo trimestre 2015, codice tributo 6031 (con maggiorazione
dell’1%).
Si ricorda che le associazioni sportive dilettantistiche di cui all’art.25, co.1, L. n.133/99 e le
associazioni senza scopo di lucro che optano per la applicazione della L. n.398/91 versano
l’Iva del primo trimestre senza la maggiorazione dell’1%.
I contribuenti Iva mensili che hanno affidato a terzi la contabilità (art.1, co.3 d.P.R.
n.100/98) versano oggi l’Iva dovuta per il secondo mese precedente.
Versamento dei contributi Inps
Scade oggi il termine per il versamento dei contributi Inps dovuti dai datori di lavoro, del
contributo alla gestione separata Inps, con riferimento al mese di aprile, relativamente ai
redditi di lavoro dipendente, ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, a
progetto, ai compensi occasionali, e ai rapporti di associazione in partecipazione.
Versamento dei contributi Inps artigiani e commercianti
Scade il termine per il versamento dei contributi Inps dovuti da artigiani e commercianti
relativamente alla prima rata del contributo sul minimale di reddito per l’anno 2014 (primo
trimestre).

18
maggio

20
maggio

Versamento del premio Inail
Scade oggi il versamento della seconda rata del premio Inail 2014/2015 per chi ha optato
per il versamento rateale.
Versamento delle ritenute alla fonte
Entro oggi i sostituti d’imposta devono provvedere al versamento delle ritenute alla fonte
effettuate nel mese precedente: sui redditi di lavoro dipendente unitamente al
versamento delle addizionali all'Irpef, sui redditi di lavoro assimilati al lavoro dipendente,
sui redditi di lavoro autonomo, sulle provvigioni, sui redditi di capitale, sui redditi diversi,
sulle indennità di cessazione del rapporto di agenzia, sulle indennità di cessazione del
rapporto di collaborazione a progetto.
Presentazione dichiarazione periodica Conai
Scade oggi il termine di presentazione della dichiarazione periodica Conai riferita al mese di
aprile da parte dei contribuenti tenuti a tale adempimento con cadenza mensile.
Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
17

25
maggio

1
giugno

1
giugno

15
giugno

Presentazione elenchi Intrastat mensili
Scade oggi, per i soggetti tenuti a questo obbligo con cadenza mensile il termine per
presentare in via telematica l'elenco riepilogativo degli acquisti e delle cessioni
intracomunitarie effettuate, rispettivamente, nel mese precedente.
Presentazione elenchi Intra 12 mensili
Ultimo giorno utile per gli enti non commerciali e per gli agricoltori esonerati per l’invio
telematico degli elenchi Intra-12 relativi agli acquisti intracomunitari effettuati nel mese di
aprile.
Versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione
Scade oggi il termine per il versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione
nuovi o rinnovati tacitamente con decorrenza 01.05.2015.
Registrazioni contabili
Ultimo giorno per la registrazione cumulativa nel registro dei corrispettivi di scontrini fiscali
e ricevute e per l’annotazione del documento riepilogativo delle fatture di importo
inferiore a 300euro.
Fatturazione differita
Scade oggi il termine per l’emissione e l’annotazione delle fatture differite per le consegne
o spedizioni avvenute nel mese precedente.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.
Cordiali saluti.
Studio Riva

Circolare mensile per l’impresa - maggio 2015
18



Parole chiave correlate