File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Circolare numero 94 del 12 05 2015 .pdf



Nome del file originale: Circolare numero 94 del 12-05-2015.pdf

Questo documento in formato PDF 1.6 è stato inviato su file-pdf.it il 19/05/2015 alle 11:28, dall'indirizzo IP 95.241.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1046 volte.
Dimensione del file: 106 KB (23 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Direzione
Direzione
Direzione
Direzione
Direzione

Centrale
Centrale
Centrale
Centrale
Centrale

Prestazioni a Sostegno del Reddito
Entrate
Pensioni
Bilanci e Servizi Fiscali
Sistemi Informativi e Tecnologici

Roma, 12/05/2015

Ai Dirigenti centrali e periferici
Ai Responsabili delle Agenzie
Ai Coordinatori generali, centrali e
periferici dei Rami professionali
Al Coordinatore generale Medico legale e
Dirigenti Medici

Circolare n. 94

e, per conoscenza,
Al Presidente
Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di
Indirizzo e Vigilanza
Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei
Sindaci
Al Magistrato della Corte dei Conti delegato
all'esercizio del controllo
Ai Presidenti dei Comitati amministratori
di fondi, gestioni e casse
Al Presidente della Commissione centrale
per l'accertamento e la riscossione
dei contributi agricoli unificati
Ai Presidenti dei Comitati regionali
Ai Presidenti dei Comitati provinciali

Allegati n.1

OGGETTO:

Articoli 1 – 14 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 “Disposizioni
per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in
caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori
disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183”.
Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI).
Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti.

SOMMARIO:

1. Premessa e quadro normativo
2. Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’impiego
(NASpI)
2.1 Destinatari
2.2 Requisiti
2.3 Calcolo e misura.
2.4 Misura per soci lavoratori e personale artistico assicurati dal 1° gennaio
2013.
2.5 Durata della prestazione
2.6 Presentazione della domanda
2.7 Decorrenza della prestazione
2.8 Condizionalità
2.9 Incentivo all’autoimprenditorialità
2.10 Nuova attività lavorativa in corso di prestazione
2.10.a Nuovo rapporto di lavoro subordinato
2.10.b Lavoro autonomo
2.11
Comunicazione dei redditi presunti in occasione di nuovo anno.
Svolgimento di più attività lavorative in concomitanza di percezione della
NASpI
2.12 Decadenza dalla prestazione
3. Trattamento degli eventi di disoccupazione intervenuti prima del 1°
maggio 2015
4. Prestazioni accessorie
5. Istruzioni procedurali
6. Regime fiscale
7. Istruzioni contabili
8. Ricorsi
9. Istituti in vigore/Rinvio

1. Premessa e quadro normativo
Il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, recante “Disposizioni per il riordino della normativa
in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione
dei lavoratori disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183”, pubblicato
nella G.U. n. 54 del 6 marzo 2015, ha dettato nuove norme in materia di ammortizzatori
sociali, in conformità con l’art. 38, secondo comma, della Costituzione, il quale sancisce il
diritto dei lavoratori a forme di tutela contro la disoccupazione.
In particolare, l’art. 1 del suddetto decreto istituisce, a decorrere dal 1° maggio 2015 - presso
la Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti di cui all’art. 24 della legge 9
marzo 1989, n. 88 e nell’ambito dell’Assicurazione Sociale per l’Impiego di cui all’articolo 2
della legge 28 giugno 2012 n. 92 - una indennità mensile di disoccupazione denominata Nuova
prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI), avente la funzione di fornire una
tutela di sostegno al reddito ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano
perduto involontariamente la propria occupazione.
La NASpI sostituisce le indennità di disoccupazione ASpI e mini ASpI introdotte dall’art. 2 della
legge n. 92 del 2012, con riferimento agli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1° maggio
2015.
Per evento di disoccupazione si intende l’evento di cessazione dal lavoro che ha comportato lo
stato di disoccupazione.
2. Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’impiego (NASpI)

2.1

Destinatari

Sono destinatari della NASpI i lavoratori dipendenti ivi compresi – come già disposto dalla
legge n. 92 del 2012 - gli apprendisti, i soci lavoratori di cooperativa che abbiano stabilito, con
la propria adesione o successivamente all’instaurazione del rapporto associativo, un rapporto
di lavoro in forma subordinata, ai sensi dell’art. 1, co. 3, della legge n.142 del 2001, nonché il
personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.
Le disposizioni relative alla NASpI non si applicano nei confronti dei dipendenti a tempo
indeterminato delle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni.
Non si applicano inoltre nei confronti degli operai agricoli a tempo determinato o
indeterminato, per i quali trovano applicazione le norme di cui all'articolo 7, comma 1, del
decreto-legge 21 marzo 1988, n. 86, convertito dalla legge 20 maggio 1988, n. 160,
all'articolo 25 della legge 8 agosto 1972, n. 457, all'articolo 7 della legge 16 febbraio 1977, n.
37, e all'articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 247.
Si precisa infine che la categoria dei collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto,
che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione sono invece destinatari di una
specifica e distinta tutela denominata DIS-COLL introdotta in via sperimentale per il 2015
dall’art. 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22 in relazione agli eventi di disoccupazione
verificatisi a decorrere dal 1° gennaio 2015 e sino al 31 dicembre 2015 ( Circ. INPS n.83 del
27 aprile 2015 ).
2.2

Requisiti

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che abbiano perduto involontariamente la propria
occupazione e che presentino congiuntamente i seguenti requisiti:
a) siano in stato di disoccupazione ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lettera c) del decreto
legislativo 21 aprile 2000, n. 181 e successive modificazioni;
b) possano far valere, nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione,
almeno tredici settimane di contribuzione contro la disoccupazione;
c)
possano far valere trenta giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale
contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.
a) Stato di disoccupazione
Lo stato di disoccupazione deve essere involontario. Sono esclusi, pertanto, i lavoratori il cui
rapporto di lavoro sia cessato a seguito di dimissioni o di risoluzione consensuale.
In merito si chiarisce che la NASpI è riconosciuta in caso di dimissioni che avvengano:
1. per giusta causa secondo quanto indicato, a titolo esemplificativo, dalla circolare n. 163 del
20 ottobre 2003 qualora motivate:
dal mancato pagamento della retribuzione;
dall'aver subito molestie sessuali nei luoghi di lavoro;
dalle modificazioni peggiorative delle mansioni lavorative;
dal c.d. mobbing;
dalle notevoli variazioni delle condizioni di lavoro a seguito di cessione ad altre persone

(fisiche o giuridiche) dell’azienda (art.2112 co.4 codice civile);
dallo spostamento del lavoratore da una sede ad un’altra, senza che sussistano le
“comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive” previste dall’art. 2103 codice
civile;
dal comportamento ingiurioso posto in essere dal superiore gerarchico nei confronti del
dipendente.
2. durante il periodo tutelato di maternità ex art.55 del D.Lgs. n.151 del 2001 (da 300 giorni
prima della data presunta del parto e fino al compimento del primo anno di vita del figlio).
Per quanto attiene alla risoluzione consensuale del rapporto di lavoro si precisa che essa non è
ostativa al riconoscimento della prestazione qualora sia intervenuta nell’ambito della procedura
di conciliazione da tenersi presso la Direzione Territoriale del Lavoro secondo le modalità
previste all’art. 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604 come sostituito dall’art. 1, comma 40,
della legge n. 92 del 2012.
b) Almeno tredici settimane di contribuzione contro la disoccupazione nei quattro
anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione
Ai fini del diritto sono valide tutte le settimane retribuite, purché per esse risulti, anno per
anno, complessivamente erogata o dovuta una retribuzione non inferiore ai minimali
settimanali (legge 638/1983 e legge 389/1989).
La disposizione relativa alla retribuzione di riferimento non si applica ai lavoratori addetti ai
servizi domestici e familiari, agli operai agricoli e agli apprendisti per i quali continuano a
permanere le regole vigenti.
Per contribuzione utile al diritto si deve intendere anche quella dovuta ma non versata, in base
al principio della c.d. automaticità delle prestazioni ex art. 2116 c.c.
Ai fini del perfezionamento del requisito richiesto, si considerano utili:
i contributi previdenziali, comprensivi di quota DS e ASpI versati durante il rapporto di
lavoro subordinato;
i contributi figurativi accreditati per maternità obbligatoria se all'inizio dell'astensione
risulta già versata o dovuta contribuzione ed i periodi di congedo parentale purché
regolarmente indennizzati e intervenuti in costanza di rapporto di lavoro;
i periodi di lavoro all’estero in paesi comunitari o convenzionati ove sia prevista la
possibilità di totalizzazione;
i periodi di astensione dal lavoro per malattia dei figli fino agli 8 anni di età nel limite di
cinque giorni lavorativi nell'anno solare.
Si precisa che qualora il lavoratore abbia alternato periodi di lavoro nel settore agricolo e
periodi di lavoro in settori non agricoli, i periodi sono cumulabili ai fini del conseguimento della
indennità di disoccupazione NASPI purché nel quadriennio di osservazione risulti prevalente la
contribuzione non agricola e sempre che la relativa domanda sia presentata nel termine di
sessantotto giorni rispetto alla cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro anche se avvenuto in
agricoltura. A tal fine, per la verifica dell’entità delle diverse contribuzioni, restano fermi i
parametri di equivalenza già in precedenza adottati che prevedono sei contributi giornalieri
agricoli per il riconoscimento di una settimana contributiva.
Diversamente, non sono considerati utili i periodi di lavoro all'estero in Stati con i quali l’Italia
non abbia stipulato convenzioni bilaterali in materia di sicurezza sociale.

Non sono inoltre considerati utili, in quanto non coperti da contribuzione effettiva, i seguenti
periodi coperti da contribuzione figurativa:
malattia e infortunio sul lavoro nel caso non vi sia integrazione della retribuzione da parte
del datore di lavoro (ovviamente nel rispetto del minimale retributivo);
cassa integrazione straordinaria e ordinaria con sospensione dell'attività a zero ore;
assenze per permessi e congedi fruiti dal lavoratore che sia coniuge convivente, genitore,
figlio convivente, fratello o sorella convivente di soggetto con handicap in situazione di gravità.
Ai fini della determinazione del quadriennio da prendere in considerazione per la verifica del
requisito contributivo, l’eventuale presenza dei suddetti periodi non considerati utili, deve
essere neutralizzata in quanto ininfluente, e determina un conseguente ampliamento del
quadriennio di riferimento.
In relazione alla nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) non è più
richiesto alcun requisito di anzianità assicurativa.
c) Trenta giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei
dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.
Le giornate di lavoro effettivo sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere
dalla loro durata oraria. In particolare esse sono indicate nel flusso mensile UNIEMENS - con i
quali i datori di lavoro trasmettono i dati retributivi e contributivi - col codice “S”. A questo fine
gli eventi di seguito elencati, che si verificano o siano in corso nei dodici mesi che precedono
l’inizio del periodo di disoccupazione, determinano un ampliamento - pari alla durata degli
eventi medesimi - del periodo di dodici mesi all’interno del quale ricercare il requisito delle
trenta giornate:
malattia e infortunio sul lavoro nel caso non vi sia integrazione della retribuzione da parte
del datore di lavoro (ovviamente nel rispetto del minimale retributivo);
cassa integrazione straordinaria e ordinaria con sospensione dell'attività a zero ore;
assenze per permessi e congedi fruiti dal lavoratore che sia coniuge convivente, genitore,
figlio convivente, fratello o sorella convivente di soggetto con handicap in situazione di
gravità.
Esclusivamente al fine del raggiungimento del presente requisito delle trenta giornate di lavoro
effettivo, si precisa quanto segue.
I periodi di assenza dal lavoro per maternità obbligatoria, se all'inizio dell'astensione risulta già
versata o dovuta contribuzione ed i periodi di congedo parentale purché regolarmente
indennizzati e intervenuti in costanza di rapporto di lavoro, ove si verifichino o siano in corso
nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione,
determinano un
ampliamento - pari alla durata degli eventi medesimi - del periodo di dodici mesi all’interno del
quale ricercare il requisito delle trenta giornate.
2.3

Calcolo e misura

L'indennità è rapportata ad una nuova base di calcolo determinata dalla retribuzione imponibile
ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni, comprensiva degli elementi continuativi e non
continuativi e delle mensilità aggiuntive (retribuzione imponibile esposta nella predetta
dichiarazione mensile uni-emens), divisa per il totale delle settimane di contribuzione
indipendentemente dalla verifica del minimale e moltiplicata per il coefficiente numerico 4,33.
Nelle ipotesi di pagamento dell’indennità relativa a frazione di mese, si precisa che il valore
giornaliero dell’indennità è determinato dividendo l’importo così ottenuto per il divisore 30.

Si precisa che ai fini del calcolo sono considerate tutte le settimane, indipendentemente dal
fatto che esse siano interamente o parzialmente retribuite (in uni-emens settimane di tipo “X”
o “2.
Nei casi in cui la retribuzione mensile sia pari o inferiore nel 2015 all'importo di 1.195 euro
mensili, rivalutato annualmente sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al
consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell'anno precedente,
l'indennità mensile è pari al 75 per cento della retribuzione.
Nei casi in cui la retribuzione mensile sia superiore al predetto importo l’indennità è pari al 75
per cento del predetto importo incrementato di una somma pari al 25 per cento del
differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo.
L’indennità mensile non può in ogni caso superare nel 2015 l'importo massimo mensile di
1.300 euro, rivalutato annualmente sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al
consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell'anno precedente.
La NASpI si riduce del 3 per cento ogni mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di
fruizione (91° della prestazione).
Alla NASpI non si applica il prelievo contributivo di cui all'articolo 26 della legge 28 febbraio
1986, n. 41, corrispondente all’aliquota contributiva prevista per gli apprendisti.
2.4 Misura per soci lavoratori e personale artistico assicurati dal 1° gennaio 2013.
Si fa presente che per gli eventi di disoccupazione riguardanti i soci lavoratori delle cooperative
di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1970, n. 602 e il personale artistico
con rapporto di lavoro subordinato, il decreto legislativo n. 22 del 2015 ha introdotto una
importante novità ispirata all’esigenza di una maggiore e più immediata tutela.
Pur permanendo il meccanismo di allineamento progressivo dell’aliquota contributiva contro la
disoccupazione versata per questi soggetti, previsto dall’art. 2, c. 27 della l. n. 92 del 2012 e
che giungerà a regime nel 2017, la misura della NASpI da corrispondersi a questi lavoratori,
in relazione agli eventi di disoccupazione che si verifichino a decorrere dal 1 maggio 2015, è
allineata a quella della generalità dei lavoratori.
2.5

Durata della prestazione

La NASpI è corrisposta mensilmente, per un numero di settimane pari alla metà delle
settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni.
Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato
luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione, anche nei casi in cui dette prestazioni
siano state fruite in unica soluzione in forma anticipata.
Al riguardo si precisano le seguenti modalità operative:
ai fini del calcolo della durata della prestazione sono presi in considerazione solo i periodi
di contribuzione presenti nel quadriennio di osservazione come individuato secondo i
criteri esposti al precedente paragrafo 2.2 b);
ai fini del non computo dei periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione di
prestazione di disoccupazione sono presi in considerazione, per esserne esclusi, i periodi
di contribuzione precedenti la prestazione della quale hanno costituito base di calcolo;
i periodi di contribuzione relativi al rapporto di lavoro successivi all’ultima prestazione di
disoccupazione sono sempre utili ai fini della determinazione della durata di una nuova
NASpI poiché non hanno già dato luogo ad erogazione di prestazioni di disoccupazione.
Sempre ai fini che qui interessano va evidenziato che il susseguirsi di discipline differenti
relative alla tutela della disoccupazione ha reso necessaria l’individuazione di una serie di

criteri in base ai quali quantificare i periodi di contribuzione che hanno dato luogo ad
erogazione di prestazione di disoccupazione anche quando la durata di questa non era
rapportata alla contribuzione preesistente.
I suddetti criteri prevedono che:
1)
Al fine di applicare il metodo di non computo delle settimane di contribuzione che
hanno già dato luogo ad erogazione di prestazione di disoccupazione ordinaria con requisiti
normali (DSO) ed ASpI – per le quali la durata della prestazione non era commisurata alla
contribuzione preesistente - si adotterà il seguente procedimento di calcolo:
A)
In caso di fruizione totale di una prestazione di DSO e di ASpI viene escluso dal computo
dei contributi utili per una NASPI un numero di settimane di contribuzione pari alla durata
teorica della prestazione e comunque non inferiore a 52 settimane che rappresentano il
requisito minimo di accesso a prestazioni DSO e ASPI;
B)
In caso di fruizione parziale delle prestazioni DSO e ASPI, il numero di settimane di
contribuzione da escludere dal computo di cui al punto precedente viene ridotto
proporzionalmente in ragione del rapporto esistente tra la durata della prestazione
effettivamente fruita e la durata teorica che quest’ultima avrebbe dovuto avere;
C)
In entrambi i casi A) e B), tuttavia, per le prestazioni di DSO e ASpI con durata teorica
fino a 12 mesi, nell’ipotesi in cui le settimane di contribuzione presenti negli ultimi 12 mesi
precedenti la prestazione siano inferiori a 52, verranno esclusi dal computo dei contributi utili
per una NASpI, al massimo le settimane presenti in questi ultimi 12 mesi precedenti le stesse
prestazioni DSO o ASPI.
Invece nel caso in cui la durata teorica della prestazione sia superiore a 12 mesi, cioè ASpI
2014 e 2015 per i lavoratori ultracinquantacinquenni, verranno presi in considerazione ai fini
del non computo dei contributi utili per una NASPI, al massimo le settimane presenti nell’arco
temporale precedente alla prestazione pari alla durata teorica che quest’ultima avrebbe dovuto
avere.
Si espongono, ad ogni buon fine,
precedenti punti.

casi esemplificativi

riportando l’ordine letterale dei

Tabella 1
ESEMPI DI FRUIZIONE TOTALE DELLA PRESTAZIONE (lett. A)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA
PRESENTE PER INTERO NEI 12 MESI PRECEDENTI DSO o ASpI
In questi casi vengono escluse dal computo:
a

b

n.52 settimane per i soggetti che, a seguito di eventi di cessazione dal lavoro avvenuti
nel 2011, 2012 e 2013, hanno percepito otto mesi di prestazione avendo un’età
anagrafica inferiore a cinquanta anni o dodici mesi avendo un’età anagrafica pari o
superiore a cinquanta anni;

n.52 settimane per i soggetti che, a seguito di eventi di cessazione dal lavoro avvenuti
nel 2014, hanno percepito otto mesi di prestazione avendo un’età anagrafica inferiore a
cinquanta anni o dodici mesi avendo un’età anagrafica pari o superiore a cinquanta anni e
inferiore a cinquantacinque anni;

c

d

n.52 settimane per i soggetti che, a seguito di eventi di cessazione dal lavoro avvenuti
nel 2015 e fino al 30 aprile 2015, hanno percepito dieci mesi di prestazione avendo un’età
anagrafica inferiore a cinquanta anni;

n.52 settimane per i soggetti che, a seguito di eventi di cessazione dal lavoro avvenuti
nel 2015 e fino al 30 aprile 2015, hanno percepito dodici mesi di prestazione avendo
un’età anagrafica pari o superiore a cinquanta anni e inferiore a cinquantacinque anni;

Tabella 2
ESEMPIO DI FRUIZIONE TOTALE DELLA PRESTAZIONE (lett. C)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA
PRESENTE PARZIALMENTE NEI 12 MESI PRECEDENTI DSO o ASpI
a

Per un lavoratore che ha fruito interamente di prestazione DSO O ASpI, con durata
teorica fino a 12 mesi, dovrebbero non essere computate ai fini di una NASpI 52
settimane. Tuttavia nei dodici mesi precedenti la prestazione di DSO o ASpI non sono
presenti 52 settimane ma solo 40. Non verranno computate ai fini della NASpI solo 40
settimane.

Tabella 3
ESEMPIO DI FRUIZIONE PARZIALE DELLA PRESTAZIONE (lett. B)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA
PRESENTE PER INTERO NEI 12 MESI PRECEDENTI DSO o ASpI
a

Facendo riferimento al caso c) della Tabella 1), si ipotizzi che un soggetto di età
anagrafica inferiore a cinquanta anni, a seguito di evento di cessazione dal lavoro
avvenuta nel 2015 e fino al 30 aprile 2015, abbia percepito otto mesi dei dieci spettantigli
teoricamente.
La contribuzione che permetteva di accedere alla prestazione di dieci mesi era non
inferiore a 52 settimane.
Dovendo determinare quanta parte di detta contribuzione ha dato luogo alla prestazione
fruita in concreto per soli otto mesi e non può più essere utilizzata in futuro si opererà
dividendo 52 per 10 e moltiplicando il risultato per 8. Si otterrà 41,6 che rappresenta il
numero di settimane di contribuzione che dovrà essere escluso (sempre che tale numero
di settimane sia presente negli ultimi 12 mesi) dal procedimento di calcolo della durata di
una prestazione NASpI.
Analoghe modalità di proporzionamento si applicheranno per tutti gli altri casi di fruizione
parziale della prestazione.

Tabella 4
ESEMPI DI FRUIZIONE PARZIALE DELLA PRESTAZIONE (lett. C)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA

PRESENTE PARZIALMENTE NEI 12 MESI PRECEDENTI DSO o ASpI
a

b

Per un lavoratore che ha fruito parzialmente di una prestazione DSO o ASpI (si ipotizzi 2
mesi dei 12 spettanti) dovrebbe non essere computato ai fini della NASpI un numero di
settimane pari a 2/12 di 52 settimane. Questo lavoratore può far valere nei dodici mesi
precedenti la prestazione DSO o ASpI non 52 settimane ma solo 18 settimane. Non
verranno computate ai fini della NASpI 9 settimane di quelle presenti nei dodici mesi
precedenti la DSO o l’ASpI in quanto pari a quelle di fruizione effettiva della prestazione
rispetto alla durata teorica.
Settimane presenti negli ultimi 12 mesi = 18; 2/12 di 52 settimane =9;
si assume il minore tra i due valori, cioè 9.
Diversamente, per un lavoratore cha ha fruito parzialmente di una prestazione DSO o
ASpI (si ipotizzi 5 mesi dei 12 spettanti) dovrebbe non essere computato ai fini della
NASpI un numero di settimane pari a 5/12 di 52 settimane. Questo lavoratore può far
valere nei dodici mesi precedenti la prestazione DSO o ASpI non 52 settimane ma solo 18
settimane. Non verranno computate ai fini della NASpI solo le 18 settimane presenti nei
dodici mesi precedenti la DSO o l’ASpI.
Settimane presenti negli ultimi 12 mesi = 18; 5/12 di 52 settimane =22;
si assume il minore tra i due valori, cioè 18.

Tabella 5
ESEMPI DI FRUIZIONE TOTALE DELLA PRESTAZIONE ASPI
PER LAVORATORI ULTRACINQUANTACINQUENNI (lett. C)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA PRESENTE PER INTERO
NEL NUMERO DI MESI PARI ALLA DURATA TEORICA DELLA PRESTAZIONE
CHE PRECEDONO L’ ASpI
In questi casi vengono escluse dal computo:
a

b

n.60 settimane per i soggetti che, a seguito di eventi di cessazione dal lavoro avvenuti
nel 2014, hanno percepito quattordici mesi di prestazione avendo un’età anagrafica pari o
superiore a cinquantacinque anni e possedendo n.60 settimane di contribuzione nei
quattordici mesi precedenti l’evento di disoccupazione.

n.69 settimane per i soggetti che, a seguito di eventi di cessazione dal lavoro avvenuti
nel 2015 e fino al 30 aprile 2015, hanno percepito sedici mesi di prestazione avendo
un’età anagrafica pari o superiore a cinquantacinque anni e possedendo n.69 settimane di
contribuzione nei sedici mesi precedenti l’evento di disoccupazione.

Tabella 6
ESEMPIO DI FRUIZIONE TOTALE DELLA PRESTAZIONE ASPI
PER LAVORATORI ULTRACINQUANTACINQUENNI (lett. C)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA PRESENTE PARZIALMENTE
NEL NUMERO DI MESI PARI ALLA DURATA TEORICA DELLA PRESTAZIONE
CHE PRECEDONO L’ASpI

a

Per un lavoratore ultracinquantacinquenne che ha fruito interamente di prestazione ASpI
2014 dovrebbero non essere computate, ai fini di una NASpI, 60 settimane. Tuttavia nei
quattordici mesi precedenti la prestazione di DSO o ASpI non sono presenti 60 settimane
ma solo 40. Non verranno computate ai fini della NASpI solo 40 settimane.

Tabella 7
ESEMPI DI FRUIZIONE PARZIALE DELLA PRESTAZIONE ASPI
PER LAVORATORI ULTRACINQUANTACINQUENNI (lett. C)
CON CONTRIBUZIONE NECESSARIA PRESENTE PARZIALMENTE
NEL NUMERO DI MESI PARI ALLA DURATA TEORICA DELLA PRESTAZIONE
CHE PRECEDONO L’ASpI
a

b

Per un lavoratore ultracinquantacinquenne che ha fruito parzialmente di una prestazione
ASpI 2015 (si ipotizzi 2 mesi dei sedici spettanti) dovrebbe non essere computato ai fini
della NASpI un numero di settimane pari a 2/16 di 69 settimane. Questo lavoratore può
far valere nei sedici mesi precedenti la prestazione ASpI non 69 settimane ma solo 18
settimane. Non verranno computate ai fini della NASpI 9 settimane di quelle presenti nei
sedici mesi precedenti l’ASpI in quanto pari a quelle di fruizione effettiva della prestazione
rispetto alla durata teorica.
Settimane presenti negli ultimi 16 mesi = 18; 2/16 di 69 settimane =9;
si assume il minore tra i due valori, cioè 9.
Per un lavoratore ultracinquantacinquenne che ha fruito parzialmente di una prestazione
ASpI 2015 (si ipotizzi 5 mesi dei sedici spettanti) dovrebbe non essere computato ai fini
della NASpI un numero di settimane pari a 5/16 di 69 settimane. Questo lavoratore può
far valere nei sedici mesi precedenti la prestazione ASpI non 69 settimane ma solo 18
settimane. Non verranno computate ai fini della NASpI solo le 18 settimane presenti nei
sedici mesi precedenti l’ASpI.
Settimane presenti negli ultimi 16 mesi = 18; 5/16 di 69 settimane =22;
si assume il minore tra i due valori, cioè 18.

2) Non si computa, ai fini del calcolo della durata della NASpI, l’intera contribuzione che ha
dato luogo a indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti e di mini ASpI 2012.
3)
Le indennità di disoccupazione mini ASpI, operando già in base ad un criterio di
commisurazione alla contribuzione preesistente, danno luogo ad esclusione - ai fini del calcolo
di una prestazione NASpI - di un numero di settimane di contribuzione doppio rispetto alla
durata avuta dalle indennità di disoccupazione mini ASpI effettivamente erogate.
4) Per tutte le prestazioni di disoccupazione ordinaria con requisiti normali (DSO) o di ASpI le
cui ultime 52 settimane di contribuzione che vi hanno dato luogo siano a cavallo dell’inizio del
quadriennio, la valutazione della contribuzione utilizzata deve riguardare – all’interno dei 12
mesi che precedono le prestazioni DSO o ASpI - prioritariamente la contribuzione più risalente
delle ultime 52 settimane di contribuzione che hanno dato luogo a prestazioni DSO o ASpI
anche se detta contribuzione si colloca al di fuori del quadriennio di riferimento.
Si riporta di seguito un caso a titolo esemplificativo.
Tabella 8

Valutazione su una prestazione di Disoccupazione ordinaria (DSO) erogata nel 2012:
Contribuzione che dava luogo alla prestazione pari a 52 settimane,
22 settimane di contribuzione che hanno dato luogo alla DSO sono precedenti l’inizio del
quadriennio di riferimento NASPI;
30 settimane di contribuzione che hanno dato luogo alla DSO sono comprese nel
quadriennio di riferimento NASPI;
durata prestazione DSO teorica 52 settimane;
durata prestazione DSO effettivamente fruita 26 settimane.
Le settimane non computabili ai fini della determinazione della durata di una NASpI sono in
questo esempio solo 4, poiché le altre 22 settimane di contribuzione in esame sono esterne
al quadriennio di riferimento NASPI.
5)
Una considerazione particolare si impone sulla contribuzione versata in agricoltura nel
quadriennio di osservazione per la definizione della durata di una indennità NASpI.
In caso di prestazioni di disoccupazione agricola erogate nell’ambito del quadriennio da
prendere in considerazione per il calcolo dell’indennità NASpI, saranno detratte dalla
contribuzione utile a definire la durata di quest’ultima le giornate di effettivo lavoro
dipendente, agricolo ed eventualmente non agricolo, coperte da contribuzione contro la
disoccupazione involontaria che hanno determinato la durata dell’indennità di disoccupazione
agricola.
La detrazione delle giornate di effettivo lavoro dipendente agricolo andrà effettuata
manualmente.
Si ribadisce, infine, che, ai fini della durata delle indennità NASpI successive alla prima, le
indennità NASpI già percepite determinano il non computo di un numero di settimane di
contribuzione doppio rispetto alla durata della prestazione NASpI percepita.
Per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1° gennaio 2017 la durata di fruizione della
prestazione è in ogni caso limitata a un massimo di 78 settimane.
2.6

Presentazione della domanda

Per fruire dell'indennità i lavoratori aventi diritto devono, a pena di decadenza, presentare
apposita domanda all’INPS, esclusivamente in via telematica, entro il termine di decadenza di
sessantotto giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.
A questo fine si conferma che possono essere utilizzate le consuete modalità di presentazione:
WEB - direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto;
Enti di Patronato – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.
Contact center integrato INPS-INAIL - n. 803164 da rete fissa e 06 164 164 da rete
mobile
In particolare il termine di sessantotto giorni per la presentazione della domanda decorre dalle
date di seguito individuate:
1. data di cessazione dell'ultimo rapporto di lavoro;
In relazione a questo punto si recepiscono recenti orientamenti giurisprudenziali in ordine alle
ipotesi di intervenuta malattia o di inizio di congedo di maternità.
Pertanto:
a.1 Nel caso di evento di maternità indennizzabile insorto entro i sessantotto giorni dalla data
di cessazione del rapporto di lavoro, il termine di presentazione della domanda rimane sospeso

per un periodo pari alla durata dell’evento di maternità indennizzato e riprende a decorrere, al
termine del predetto evento, per la parte residua.
Esempio: data di cessazione del rapporto di lavoro 31/05/2015 – inizio maternità 01/07/2015
fine periodo di maternità 01/12/2015 (durante questo periodo il termine di presentazione della
domanda rimane sospeso). Dal 2° dicembre il termine riprende a decorrere, per la parte
residua, e scade l’8 gennaio 2016.
a.2
Nel caso di evento di malattia comune indennizzabile da parte dell’INPS o infortunio sul
lavoro/malattia professionale indennizzabile da parte dell’INAIL insorto entro i sessanta giorni
dalla data di cessazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il termine di
presentazione della domanda rimane sospeso per un periodo pari alla durata dell’evento di
malattia indennizzato o di infortunio sul lavoro/malattia professionale e riprende a decorrere,
al termine del predetto evento, per la parte residua.
Esempio: data di cessazione del rapporto di lavoro 31/07/2015 – inizio malattia o infortunio sul
lavoro/malattia professionale 1/09/2015 fine periodo di malattia o infortunio 30/09/2015
(durante questo periodo il termine di presentazione della domanda rimane sospeso). Dal 1°
ottobre il termine riprende a decorrere, per la parte residua, e scade il 6 novembre 2015.
b. data di cessazione del periodo di maternità indennizzato quando questo sia insorto durante
il rapporto di lavoro successivamente cessato;
c. data di cessazione del periodo di malattia indennizzato o di infortunio sul lavoro/malattia
professionale quando siano insorti durante il rapporto di lavoro successivamente cessato;
d. data di definizione della vertenza sindacale o data di notifica della sentenza giudiziaria (si
precisa che il riferimento deve essere sempre inteso alla sentenza di un giudizio di merito nulla
influendo al nostro fine eventuali ordinanze in esito ad azioni cautelari intentate dal
lavoratore);
e. data di fine del periodo corrispondente all'indennità di mancato preavviso ragguagliato a
giornate;
f. trentesimo giorno successivo alla data di cessazione a seguito di licenziamento per giusta
causa.
2.7

Decorrenza della prestazione

La NASpI spetta a decorrere:
1. dall'ottavo giorno successivo alla data di cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro, se la
domanda è presentata entro l’ottavo giorno;
2. dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda, nel caso in cui la
domanda sia stata presentata successivamente all’ottavo giorno;
3. dall’ottavo giorno successivo alle date di fine dei periodi di maternità, malattia, infortunio
sul lavoro/malattia professionale o di mancato preavviso del precedente paragrafo 2.6,
qualora la domanda sia stata presentata entro l’ottavo giorno; dal giorno successivo alla
presentazione della domanda qualora questa sia presentata successivamente all’ottavo
giorno ma, comunque, nei termini di legge;
4. dall’ottavo giorno successivo alla data di cui al precedente punto f) del paragrafo 2.6,
qualora la domanda sia stata presentata entro l’ottavo giorno; dal giorno successivo alla
presentazione della domanda qualora questa sia presentata successivamente all’ottavo
giorno ma, comunque, nei termini di legge.
Si precisa che, nel caso previsto invece alla lettera d) dello stesso punto 2.5, la decorrenza
della prestazione può essere anche precedente alla definizione del contenzioso giudiziario,

ferma restando la necessità della sua verifica all’esito della sentenza definitiva.
Si chiarisce infine che l’eventuale rioccupazione durante i primi otto giorni che seguono la
cessazione del rapporto di lavoro - in quanto non si è concretamente verificato l’inizio della
erogazione della prestazione - non dà luogo all’applicabilità del regime della sospensione della
prestazione.
Si richiamano ad ogni buon fine gli effetti sulla prestazione in esame degli eventi di malattia e
maternità che possono insorgere quando la prestazione NASpI è già in corso.
La NASpI non sostituisce l'indennità di malattia. In caso di malattia insorta durante la
percezione della prestazione di disoccupazione, ma comunque entro 60 giorni dalla cessazione
del rapporto di lavoro, la prestazione di disoccupazione viene sospesa per tutta la durata
dell’indennità di malattia per poi essere ripristinata per la parte residua dal momento della
ripresa della capacità lavorativa.
In merito invece all’evento di maternità si precisa quanto segue.
L’evento di maternità è sempre indennizzato quando insorge entro sessanta giorni dalla
cessazione del rapporto di lavoro.
Quando la lavoratrice si trovi, all’inizio del periodo di congedo di maternità, disoccupata ed in
godimento di prestazione di disoccupazione, ha diritto all’indennità giornaliera di maternità
anche qualora siano trascorsi sessanta giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. In questo
caso la prestazione di disoccupazione si sospende per poi essere ripristinata per la parte
residua al termine del periodo di maternità.
2.8 Condizionalità
L’erogazione della prestazione NASpI è condizionata alla permanenza dello stato di
disoccupazione di cui all’art. 1, comma 2 lett. c) del decreto legislativo n. 181 del 2000,
nonché alla regolare partecipazione alle iniziative di attivazione lavorativa e ai percorsi di
riqualificazione professionale proposti dai Servizi competenti di cui all’art. 1, comma 2 lett. g)
del richiamato decreto legislativo n. 181 del 2000.
Con l’occasione si sottolinea che con decreto legislativo di cui all'articolo 1, comma 3, della
legge 10 dicembre 2014, n. 183, dovranno essere introdotte ulteriori misure volte a
condizionare la fruizione della NASpI alla ricerca attiva di un'occupazione e al reinserimento
nel tessuto produttivo.
Inoltre, con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da adottare entro 90 giorni
dalla data di entrata in vigore del Decreto legislativo n. 22 del 2015, sentita la Conferenza
permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano, saranno determinate le condizioni e le modalità per l'attuazione
della
disposizione
contenuta nel d. lgs. n. 22 del 2015 in ordine alla condizionalità nonche'
le
misure
conseguenti all'inottemperanza agli obblighi di partecipazione alle azioni di politica
attiva.
I Centri per l’Impiego - competenti all’accertamento dello status di disoccupato e alla verifica
della conservazione dello stesso anche ai fini delle politiche attive del lavoro - comunicano
all’INPS, attraverso il Sistema informativo della Banca dati percettori già in uso e attraverso la
Banca dati politiche attive e passive di cui all’art. 8 del D.L. n.76 del 2013 convertito con
modificazioni nella legge n.99 del 2013, le cause di decadenza dalla prestazione NASpI
connesse alle attività di competenza dei Centri medesimi.
I lavoratori potranno rilasciare direttamente all’INPS la dichiarazione di immediata disponibilità
al lavoro (DID) al momento della presentazione della domanda di NASpI, qualora non abbiano

già rilasciato tale dichiarazione tramite PEC o presentandosi personalmente presso il Centro
per l’Impiego.
2.9

Incentivo all’autoimprenditorialità

2.9.a Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della NASpI può richiedere la liquidazione
anticipata in un’unica soluzione dell’importo complessivo del trattamento che gli spetta e che
non gli è stato ancora erogato, a titolo di incentivo all’avvio di un’attività lavorativa autonoma
o di impresa individuale o per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale di una
cooperativa nella quale il rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attività
lavorativa da parte del socio.
Poiché la finalità dell’incentivo all’autoimprenditorialità è quella di favorire l’avvio di attività
connotate da un effettivo carattere di autonomia e da un certo grado di rischio d’impresa,
come il lavoro autonomo in senso stretto, l’attività di impresa e la sottoscrizione di quote di
capitale di una cooperativa, detto incentivo - in conformità alle indicazioni del Ministero del
lavoro e delle politiche sociali - non è riconosciuto in caso di instaurazione di un rapporto di
collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto.
La medesima facoltà è da riconoscersi al lavoratore che intenda sviluppare a tempo pieno
un'attività autonoma già iniziata durante il rapporto di lavoro dipendente la cui cessazione ha
dato luogo alla prestazione NASpI.
Con riferimento alla sottoscrizione di quote di capitale di una cooperativa, l’incentivo della
liquidazione anticipata del trattamento residuo di NASpI è destinato in via diretta al lavoratore
e non alla cooperativa. Il lavoratore che ha chiesto l’anticipazione è tenuto ad utilizzare
l’incentivo per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale della cooperativa - nella quale il
rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attività lavorativa da parte del socio instaurando con la medesima un rapporto di lavoro in forma subordinata o autonoma o di
collaborazione coordinata non occasionale ai sensi dell’art.1 della L.142 del 2001. Nel caso in
cui il lavoratore instauri con la cooperativa un rapporto di lavoro in forma subordinata, il
beneficio dell’incentivo all’autoimprenditorialità è alternativo a quello previsto dall’art. 2,
comma 10 bis della legge 92/2012, introdotto dall’art.7 comma 5 lett.b) del decreto legge 28
giugno 2013, n.76, convertito, con modificazioni, in legge 9 agosto 2013, n. 99.
Il lavoratore che intende avvalersi della liquidazione in un’unica soluzione della NASpI deve
presentare all'INPS, a pena di decadenza, domanda di anticipazione in via telematica entro
trenta giorni dalla data di inizio dell'attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o
dalla data di sottoscrizione di una quota di capitale sociale della cooperativa. Se detta attività è
iniziata durante il rapporto di lavoro dipendente la cui cessazione ha dato luogo alla
prestazione NASpI, la domanda intesa ad ottenere l’anticipazione della predetta prestazione
deve essere trasmessa entro trenta giorni dalla data di presentazione della domanda di
indennità di disoccupazione NASpI.
Il lavoratore che instaura un rapporto di lavoro subordinato prima della scadenza del periodo
per cui è riconosciuta la liquidazione anticipata della NASpI è tenuto a restituire per intero
l’anticipazione ottenuta, salvo il caso in cui il rapporto di lavoro subordinato sia instaurato con
la cooperativa della quale ha sottoscritto una quota di capitale sociale.
L’erogazione anticipata in un’unica soluzione della NASpI a titolo di incentivo
all’autoimprenditorialità non dà diritto alla contribuzione figurativa né all’Assegno per il Nucleo
Familiare.
2.9.b Accertata la sussistenza dell’indennità NASpI, oppure - nel caso di domande di
prestazione mensile e di prestazione anticipata presentate contestualmente - riconosciuto il

diritto all’indennità NASpI, le Strutture territoriali dovranno accertare - basandosi sull’idoneità
degli elementi forniti nella domanda mediante dichiarazioni sostitutive delle certificazioni e
dell’atto di notorietà di cui agli articoli 46 e 47 del D.P.R. n.445 del 2000 o sull’idoneità della
documentazione prodotta - se i richiedenti abbiano titolo ad ottenere l'anticipazione (vedi
punto 2.2 della circolare INPS n. 145 del 9 ottobre 2013). In caso positivo, in procedura
informatica DSWeb verrà contrassegnata la corrispondente prestazione mensile di NASpI con il
“codice di stato” “D” (Definita), con decadenza impostata al giorno di presentazione della
domanda di anticipazione.
Laddove il soggetto interessato sia divenuto beneficiario dell’indennità di disoccupazione NASpI
in misura ridotta per un importo pari all’80% dei proventi preventivati per lo svolgimento di
attività lavorativa in forma autonoma di cui all’art. 10, comma 1 del decreto legislativo 4
marzo 2015 n. 22, la prestazione anticipata verrà erogata considerando l’importo residuo da
corrispondere senza l’applicazione della suddetta riduzione.
Le Strutture territoriali, quindi, dovranno procedere alla determinazione dell'importo da
corrispondere a titolo di anticipazione erogando in un'unica soluzione i ratei spettanti nel
periodo compreso tra la data di presentazione della domanda di anticipazione e il termine di
spettanza dell’indennità di disoccupazione NASpI detraendo i ratei già eventualmente pagati
nello stesso periodo. La procedura DSWEB provvederà in automatico al calcolo dell’importo da
mettere in pagamento.
2.10

Nuova attività lavorativa in corso di prestazione

2.10.a Nuovo rapporto di lavoro subordinato
2.10.a.1 In caso di nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato del soggetto
percettore di NASpI dalla quale derivi un reddito annuale superiore al reddito minimo escluso
da imposizione si produce la decadenza dalla prestazione, salvo il caso in cui la durata del
rapporto di lavoro non sia superiore a sei mesi. In tale caso l'indennità è sospesa d'ufficio,
sulla base delle comunicazioni obbligatorie, per la durata del rapporto di lavoro. Al termine del
periodo di sospensione l'indennità riprende ad essere corrisposta per il periodo residuo
spettante al momento in cui l’indennità stessa era stata sospesa.
La contribuzione versata durante il periodo di sospensione è utile ai fini di cui agli articoli 3 e 5
del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22 ossia, tanto ai fini dei requisiti per l’accesso che ai
fini della determinazione della durata di una nuova prestazione di disoccupazione NASpI.
Per l’individuazione del periodo di sospensione si considera la durata di calendario del rapporto
di lavoro, prescindendo da ogni riferimento alle giornate effettivamente lavorate.
Si precisa che la sospensione e la ripresa della prestazione avvengono d’ufficio e che a tal fine
è ininfluente l’eventuale cessazione anticipata per dimissioni del lavoratore.
Si precisa infine che la sospensione dell’indennità e la sua ripresa avvengono anche nel caso di
un lavoro a tempo determinato della durata massima di sei mesi intrapreso in uno stato
estero, sia si tratti di Stati appartenenti all’UE sia si tratti di Stati extracomunitari.
2.10.a.2 In caso di nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato del soggetto
percettore di NASpI il cui reddito annuale sia inferiore al reddito minimo escluso da
imposizione si mantiene la prestazione ridotta alle seguenti condizioni:
- il percettore deve comunicare all'INPS, entro un mese dall'inizio dell'attività, il reddito annuo
previsto.
- il datore di lavoro o - qualora il lavoratore sia impiegato con contratto di somministrazione l’utilizzatore, devono essere diversi dal datore di lavoro o dall’utilizzatore per i quali il

lavoratore prestava la sua attività quando è cessato il rapporto di lavoro che ha determinato il
diritto alla NASpI e non devono presentare rispetto ad essi rapporti di collegamento o di
controllo ovvero assetti proprietari sostanzialmente coincidenti.
Ricorrendo tali condizioni l’indennità NASpI è ridotta di un importo pari all'80 per cento del
reddito previsto, rapportato al periodo di tempo intercorrente tra la data di inizio del contratto
di lavoro subordinato e la data in cui termina il periodo di godimento dell’indennità o, se
antecedente, la fine dell'anno. La riduzione di cui al periodo precedente è ricalcolata d'ufficio al
momento della presentazione della dichiarazione dei redditi.
In caso di mancata comunicazione del reddito, laddove il rapporto di lavoro sia di durata pari o
inferiore a sei mesi si applica l’istituto della sospensione di cui all’art. 9 comma 1 del d. lgs. n.
22 del 2015 ; laddove il rapporto sia di durata superiore a sei mesi o a tempo indeterminato si
applica l’istituto della decadenza.
La contribuzione versata durante il periodo di mantenimento della NASpI è utile tanto ai fini
dei requisiti per l’accesso che ai fini della determinazione della durata di una nuova prestazione
di disoccupazione.
2.10.a.3 Il lavoratore titolare di due o più rapporti di lavoro subordinato a tempo parziale che
cessi da uno dei detti rapporti a seguito di licenziamento, dimissioni per giusta causa, o di
risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuta nell'ambito della procedura di cui
all'articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, come modificato dal comma 40 dell'articolo 1
della legge n. 92 del 2012, e il cui reddito sia inferiore al limite utile ai fini della conservazione
dello stato di disoccupazione, ha diritto, ricorrendo tutti gli altri requisiti previsti e a condizione
che comunichi all'INPS entro un mese dalla domanda di prestazione il reddito annuo previsto
derivante dal o dai rapporti rimasti in essere, di percepire la NASpI, ridotta di un importo pari
all'80 per cento del reddito previsto, rapportato al periodo di tempo intercorrente tra la data di
inizio del contratto di lavoro subordinato e la data in cui termina il periodo di godimento
dell’indennità o, se antecedente, la fine dell'anno. La riduzione di cui al periodo precedente è
ricalcolata d'ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi.
La contribuzione versata durante il periodo di mantenimento della NASpI è utile tanto ai fini
dei requisiti per l’accesso che ai fini della determinazione della durata di una nuova prestazione
di disoccupazione.
Nelle suddette ipotesi di nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato del soggetto
percettore di NASpI, la contribuzione relativa all'assicurazione
generale obbligatoria per
l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti versata in relazione all'attività di lavoro subordinato
non da' luogo ad accrediti contributivi ed è riversata integralmente alla Gestione prestazioni
temporanee ai lavoratori dipendenti, di cui all'articolo 24 della legge n. 88 del 1989.
2.10.b Lavoro autonomo
In caso di svolgimento di attività lavorativa in forma autonoma, di impresa individuale o
parasubordinata, dalla quale derivi un reddito inferiore al limite utile ai fini della conservazione
dello stato di disoccupazione, il soggetto beneficiario deve informare l'INPS entro un mese
dall'inizio dell’attività, o entro un mese dalla domanda di NASpI se l’attività era preesistente,
dichiarando il reddito annuo che prevede di trarre da tale attività.
In tal caso l'indennità NASpI è ridotta di un importo pari all'80 per cento dei del reddito
previsto, rapportato al periodo di tempo intercorrente tra la data di inizio dell'attività e la data
di fine dell'indennità o, se antecedente, la fine dell'anno. La riduzione di cui al periodo
precedente è ricalcolata d'ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi.
Nei casi di esenzione dall'obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, il beneficiario
è tenuto a presentare all’INPS un'apposita autodichiarazione concernente il reddito ricavato
dall'attività lavorativa entro il 31 marzo dell’anno successivo. Nel caso di mancata

presentazione dell'autodichiarazione il lavoratore è tenuto a
dalla data di inizio dell'attività lavorativa in argomento.

restituire la NASpI percepita

Qualora nel corso del periodo di godimento delle indennità il lavoratore, per qualsiasi motivo,
ritenesse di dover modificare il reddito dichiarato, dovrà presentare una nuova dichiarazione “a
montante” cioè comprensiva del reddito precedentemente dichiarato e delle variazioni a
maggiorazione o a diminuzione. In tal caso si procederà a rideterminare, dalla data della
nuova dichiarazione, l’importo della trattenuta sull’intero reddito diminuito delle quote già
eventualmente recuperate.
La
contribuzione
relativa
all'assicurazione
generale obbligatoria per l'invalidità, la
vecchiaia e i superstiti versata in relazione all'attività lavorativa autonoma o di impresa
individuale non da' luogo ad accrediti contributivi ed e' riversata integralmente alla Gestione
prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti, di cui all'articolo 24 della legge n. 88 del
1989.
2.11 Comunicazione dei redditi presunti in occasione di nuovo anno. Svolgimento di
più attività lavorative in concomitanza di percezione della NASpI.
Si precisa che nei casi di svolgimento delle attività lavorative autonome, parasubordinate,
subordinate, occasionali in concomitanza di percezione dell’indennità NASpI, qualora
quest’ultima coinvolga più anni solari, stante la necessità di disporre di dati necessari per
procedere alla riduzione dell’80 per cento della prestazione in funzione del reddito previsto, si
rende necessario quanto segue. All’inizio di ogni nuovo anno di percezione della prestazione
successivo al primo il percettore della prestazione dovrà fornire una nuova comunicazione del
reddito presunto tramite modello NASpI Com entro il 31 gennaio. La mancata comunicazione
del reddito per gli anni di prestazione successivi al primo non determina tuttavia la decadenza
dalla prestazione ma la sua sospensione fino all’acquisizione della nuova comunicazione. Sarà
cura delle strutture territoriali sollecitare l’adempimento al percettore di NASpI che non vi
abbia provveduto.
Si precisa inoltre che, in caso di svolgimento durante la percezione dell’indennità NASpI di più
attività lavorative di diversa tipologia (autonome, parasubordinate, subordinate, occasionali)
che non superino in ciascuno dei predetti settori i rispettivi limiti di reddito imposti per il
mantenimento dello stato di disoccupazione, si dovrà verificare il reddito complessivo previsto
derivante dal complesso delle attività e ridurre conseguentemente la prestazione NASpI in
misura pari all’ottanta per cento di detto reddito complessivo. Qualora la verifica accerti la
presenza di un reddito complessivo proveniente dalla somma dalle attività svolte in vari settori
superiore a quello massimo consentito dalle norme vigenti per il mantenimento dello stato di
disoccupazione (euro 8.000), la prestazione NASpI dovrà essere posta in decadenza.
2.12 Decadenza dalla prestazione
Il beneficiario decade dalla fruizione della NASpI, con effetto dal verificarsi dell’evento
interruttivo, nei seguenti casi:
a) perdita dello stato di disoccupazione;
b) inizio di un'attività lavorativa subordinata senza provvedere alle comunicazioni di cui ai
commi due e tre dell’articolo 9 del d. lgsl. 4 marzo 2015 n. 22.;
c) inizio di un'attività lavorativa in forma autonoma senza provvedere alla comunicazione di cui
all’articolo 10 del d. lgsl. 4 marzo 2015 n. 22 ;
d) raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
e) acquisizione del diritto all'assegno ordinario di invalidità, sempre che il lavoratore non opti
per la NASpI;
f) violazione delle regole di condizionalità di cui all’art. 7 del D. Lgs. 4 marzo 2015 n. 22 e
all’art. 4, co. 41 e co.42 della legge 28 giugno 2012 n. 92.

L’interruzione si realizza dal momento in cui si verifica l'evento che la determina, con
conseguente obbligo di restituire l'indennità che eventualmente si sia continuato a percepire
oltre la data del verificarsi dell’evento interruttivo.
3. Trattamento degli eventi di disoccupazione intervenuti prima del 1° maggio 2015
Agli eventi di disoccupazione intervenuti fino al 30 aprile 2015, indipendentemente dalla data
di presentazione della domanda di prestazione di disoccupazione, si applicano, fino alla
scadenza naturale ovvero alla decadenza dalla prestazione, le disposizioni in materia di
indennità di disoccupazione ASpI di cui all'articolo 2 della legge 28 giugno 2012 n. 92.
4. Prestazioni accessorie
Per i periodi di fruizione della NASpI sono riconosciuti d’ufficio i contributi figurativi rapportati
alla retribuzione di cui all'articolo 4, comma 1 del decreto legislativo n. 22 del 2015 , entro un
limite di retribuzione pari a 1,4 volte l'importo massimo mensile della NASpI per l'anno in
corso.
Poiché l’importo massimo mensile della NASpI per l’anno 2015 è di € 1.300, la predetta
contribuzione figurativa è riconosciuta solo entro il limite di € 1.820 (euro 1.300 per 1,4=euro
1.820).
Ai fini del calcolo delle quote retributive di pensione le retribuzioni relative ai periodi di
contribuzione figurativa per i quali viene applicato il predetto tetto (1,4 volte l’importo
massimo della NASPI) vengono neutralizzate, qualora, una volta rivalutate, siano di importo
inferiore alla retribuzione media pensionabile ottenuta senza di esse.
Il periodo di contribuzione figurativa per NASpI è computato per l’anzianità contributiva ai fini
pensionistici.
Con successivo messaggio verranno fornite le modalità applicative per la determinazione della
retribuzione pensionabile nella fattispecie appena illustrata.
Resta confermato il diritto all’assegno per il nucleo familiare per l’indennità in argomento.
5. Istruzioni procedurali
Sono disponibili nel sito Internet dell’Istituto i servizi per la presentazione telematica delle
domande NASpI per gli utenti Patronati, Cittadini ed operatori di Contact Center.
Le domande presentate telematicamente potranno essere acquisite in DsWeb accedendo al link
Domande Internet con le consuete modalità.
La procedura DsWeb sarà integrata con i servizi per la gestione della nuova tipologia di
domanda “NASpI”. Sarà pertanto consentita l’acquisizione e variazione di domande NASpI,
nonché l’istruttoria e il pagamento delle stesse.
A questo fine in fase di consultazione e variazione domanda sarà prevista la nuova sezione
NASpI in cui occorrerà riportare i dati relativi a :
N.ro settimane lavoro ultimo quadriennio
Tot. retribuzione ultimo quadriennio
N.ro giornate di lavoro effettivo ultimi 12 mesi
Periodi contributivi già utilizzati espressi in giornate.

A seguito dell’acquisizione dei dati suindicati verranno calcolati la Retribuzione media mensile e
l’Importo giornaliero iniziale della prestazione al lordo del massimale. Completata questa fase
di lavorazione della pratica si potrà procedere all’istruttoria e all’eventuale pagamento della
stessa.
Il rilascio degli aggiornamenti suindicati sarà comunicato con apposito messaggio.
6. Regime fiscale
L’ indennità di disoccupazione NASpI, percepita in sostituzione del reddito di lavoro
dipendente, in forza di quanto disposto dall’art. 6, comma 2 del Tuir, costituisce reddito della
stessa categoria di quello perduto o sostituito.
Pertanto, l’Istituto, in qualità di sostituto di imposta ai sensi dell’art. 64 del DPR n. 600/73,
sulle somme erogate a titolo di indennità NASpI:
applica le ritenute IRPEF, determinate ai sensi dell’art. 11 del Tuir;
riconosce, se richieste, le eventuali detrazioni fiscali per reddito (art. 13 del Tuir) e per
carichi di famiglia (art. 12 del Tuir);
effettua il conguaglio fiscale di fine anno tra le ritenute operate e l’imposta dovuta sul
reddito complessivo (art. 23, comma 3 del DPR n. 600/73);
rilascia la Certificazione Unica (art. 4, comma 6-ter del DPR. 322/1998).
7. Istruzioni contabili
7.a) Indennità di disoccupazione NASpI
Al fine di rilevare contabilmente l’onere derivante dall’erogazione della Nuova prestazione di
Assicurazione Sociale per l’Impiego (c.d. NASpI), ai sensi degli articoli da 1 a 14, del decreto
legislativo 4 marzo 2015, n. 22, che, in relazione agli eventi di disoccupazione verificatisi dal
1° maggio 2015, sostituisce le prestazioni di ASpI e mini-ASpI di cui all’art. 2, della legge 28
giugno 2012, n. 92, si istituisce il seguente conto nell’ambito della Gestione dei trattamenti
dell’Assicurazione Sociale per l’Impiego (evidenza contabile PTA):
PTA30166 – Indennità di disoccupazione NASpI ai lavoratori dipendenti non agricoli – articoli
da 1 a 14, del d.lgs. 4 marzo 2015, n. 22.
In considerazione che l’onere per il pagamento della nuova prestazione ai beneficiari è posto,
in parte, anche a carico dello Stato, si istituisce l’ulteriore conto nell’ambito della Gestione
degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenziali – evidenza contabile GAU
(Gestione degli oneri per il mantenimento del salario):
GAU30197 – Indennità di disoccupazione NASpI ai lavoratori dipendenti non agricoli – articoli
da 1 a 14, del d.lgs. 4 marzo 2015, n. 22 (quota parte).
Il debito nei confronti dei beneficiari della prestazione, sia per la quota a carico GIAS che per
quella a carico della gestione PTA, andrà imputato al conto in uso GPA10022.
La procedura informatica che consente la liquidazione della prestazione in argomento, con
l’utilizzo della struttura in uso prevista per i pagamenti accentrati delle prestazioni a sostegno
del reddito, opportunamente adeguata, effettuerà sulla contabilità di Sede, la seguente
scrittura contabile (tipo operazione “PN”):
PTA30166
GAU30197

a

GPA10022
GPA27009 (per la rilevazione di eventuali ritenute erariali).

Predisposto il lotto, sulla contabilità di Direzione generale verrà preacquisito il corrispondente
ordinativo di pagamento al conto di interferenza in uso GPA55170, per consentire
successivamente, sulla contabilità di Sede, la chiusura del debito, imputato al citato conto
GPA10022, in contropartita dello stesso conto di interferenza (tipo operazione “NP”).
Eventuali riaccrediti di somme per pagamenti non andati a buon fine, andranno rilevati sulla
contabilità di Direzione generale al conto d’interferenza GPA55180, da parte della procedura
automatizzata che gestisce i riaccrediti da Banca d’Italia.
La chiusura del conto d’interferenza, sulla Sede interessata, avverrà in contropartita del conto
in uso GPA10031, assistito da partitario contabile, con l’indicazione dei codici bilancio in uso,
opportunamente ridenominati:
“3037 – Indennità DS, ASpI, mini-ASpI e NASpI ai lavoratori non agricoli – PT (Gestione
prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti)”;
“3078 – Somme non riscosse dai beneficiari – DS, ASpI, mini-ASpI e NASpI – GIAS”.
Per gli eventuali recuperi dell’indennità in argomento, si istituiscono i seguenti conti nell’ambito
delle gestioni di pertinenza:
PTA24166 – Entrate varie - recuperi e reintroiti dell’indennità di disoccupazione NASpI ai
lavoratori dipendenti non agricoli – articoli da 1 a 14, del d.lgs. 4 marzo 2015, n. 22;
GAU24197 – Entrate varie - recuperi e reintroiti dell’indennità di disoccupazione NASpI ai
lavoratori dipendenti non agricoli – articoli da 1 a 14, del d.lgs. 4 marzo 2015, n. 22 (quota
parte).
Ai conti di recupero in questione, vengono abbinati, nell’ambito della procedura “recupero
crediti per prestazioni”, i seguenti codici bilancio già esistenti:
“1040 – Indebiti relativi a DS, ASpI, mini-ASpI e NASpI ai lavoratori non agricoli – PT
(Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti)”;
“1097 – Indebiti DS ordinaria, ASpI, mini-ASpI e NASpI – GIAS”.
Eventuali partite creditorie, risultanti allo stesso titolo al termine dell’esercizio, andranno
imputate, rispettivamente, ai conti in uso PTR00030 e GAU00030, sulla base della ripartizione
del saldo del conto GPA00032, eseguita dalla suddetta procedura.
I citati codici bilancio “1040” e “1097” dovranno essere utilizzati, altresì, per evidenziare,
nell’ambito del partitario del conto GPA00069, i crediti per prestazioni divenuti inesigibili.
Qualora, per motivi diversi, l’indennità di disoccupazione in parola debba essere riliquidata, si
rileveranno distintamente i recuperi effettuati in occasione della riliquidazione della medesima
prestazione, da quelli conseguenti a prestazioni indebite. A tal fine, si istituiscono i conti:
PTA52166 - per il recupero dell’indennità di disoccupazione NASpI per riliquidazione (per la
quota imputata al conto PTA30166);
GAU52197 - per il recupero dell’indennità di disoccupazione NASpI per riliquidazione (per la
quota imputata al conto GAU30197).
Circa i criteri di imputazione dei recuperi in argomento si precisa quanto segue:
qualora la riliquidazione interessi la medesima prestazione, il recupero della somma già
erogata deve essere imputato ai conti PTA52166 e GAU52197, sia che la riliquidazione
avvenga nello stesso esercizio nel quale è avvenuta la liquidazione provvisoria, sia che
avvenga negli esercizi successivi;
-

qualora la riliquidazione interessi una prestazione diversa da quella precedentemente

erogata, è necessaria la seguente distinzione:
se la riliquidazione della nuova prestazione avviene nello stesso esercizio nel quale è stata
liquidata la prestazione sostituita, il recupero di quest’ultima deve essere imputato ai citati
conti PTA52166 e GAU52197;
viceversa, se la riliquidazione avviene negli esercizi successivi, il recupero della prestazione
sostituita deve essere imputato ai conti PTA24166 e GAU24197.
I saldi dei conti istituiti per la riliquidazione delle prestazioni in oggetto, risultanti alla fine
dell’esercizio, non dovranno essere ripresi in carico nel nuovo esercizio, poiché la competenza
alla sistemazione contabile degli stessi spetta alla Direzione generale.
L’imputazione contabile degli assegni per il nucleo familiare connessi con la nuova prestazione
NASpI avverrà ai conti già in uso nel sistema contabile dell’Istituto, relativi alla Gestione dei
trattamenti di famiglia (evidenza contabile PTD).
7.b) Incentivo all’autoimprenditorialità
Relativamente all’onere per la liquidazione anticipata, in unica soluzione, dell’indennità NASpI
– a titolo di incentivo all’autoimprenditorialità e disciplinata dall’art. 8, del d.lgs. n. 22/2015
(cfr. paragrafo 2.9 della presente circolare) – disposta mediante l’utilizzo della medesima
procedura dei pagamenti accentrati delle prestazioni temporanee, si istituiscono i seguenti
nuovi conti:
GAU30198 per l’anticipata liquidazione della prestazione NASpI;
GAU10198 per la rilevazione del relativo debito nei confronti dei beneficiari.
Eventuali riaccrediti per pagamenti non andati a buon fine dovranno essere rilevati sulla
contabilità di Direzione generale al conto d’interferenza GPA55180, da parte della procedura
automatizzata che gestisce i riaccrediti da Banca d’Italia.
La chiusura del conto d’interferenza, sulla Sede interessata, avverrà in contropartita del conto
in uso GPA10031, assistito da partitario contabile, con l’indicazione del codice bilancio
esistente, così ridenominato:
“3118 – Somme non riscosse dai beneficiari – anticipata liquidazione ASpI, mini-ASpI e
NASpI”.
Eventuali recuperi della prestazione oggetto del presente paragrafo andranno imputati al
nuovo conto GAU24198, al quale viene abbinato, nell’ambito della procedura “recupero crediti
per prestazioni” il codice bilancio in uso, anch’esso opportunamente ridenominato:
“1120 – Indebiti per anticipata liquidazione ASpI, mini-ASpI e NASpI”.
Le partite che al termine dell’esercizio risultino ancora da definire andranno imputate al conto
in uso GAU00030, sulla base della ripartizione del saldo del conto GPA00032, eseguita dalla
suddetta procedura.
Il codice bilancio “1120” dovrà essere utilizzato, altresì, per evidenziare i crediti per prestazioni
divenuti inesigibili, nell’ambito del partitario del conto GPA00069.
Si riporta nell’allegato n. 1 l’elenco delle variazioni apportate al piano dei conti.
8.

Ricorsi

Competente a decidere i ricorsi amministrativi presentati avverso i provvedimenti adottati in

materia di Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego è il Comitato Provinciale
della struttura che ha emesso il provvedimento.
Il ricorso va presentato entro il termine di 90 giorni dal ricevimento del provvedimento
amministrativo:
online (tramite codice PIN rilasciato dall’istituto), utilizzando la procedura disponibile tra i
“Servizi Online” del sito www.inps.it, seguendo il percorso: servizi online – per tipologia di
utente – cittadino – ricorsi online;
tramite i patronati e gli intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti agli
stessi.
E’ confermata l’applicazione del regime decadenziale di un anno per la proposizione della
vertenza giudiziaria avverso il provvedimento di concessione o diniego della prestazione che si
ricorda decorre in alternativa:
dal 181° giorno successivo a quello di comunicazione del provvedimento amministrativo di
definizione della domanda di prestazione;
dal 301° giorno successivo alla data di presentazione della domanda nel caso di mancata
definizione;
dal giorno successivo alla reiezione del ricorso amministrativo intervenuta entro il termine di
90 giorni;
dal 91° giorno successivo alla presentazione del ricorso amministrativo al Comitato Provinciale.
9. Istituti in vigore/Rinvio
Ai sensi dell’articolo 14 del decreto legislativo n. 22 del 2015, alla prestazione oggetto della
presente circolare si applicano, per quanto non disciplinato espressamente dallo stesso decreto
e in quanto compatibili, le norme già operanti in materia di indennità di disoccupazione ASpI,
anche in merito al finanziamento.
Si precisa che sono confermate le percentuali di ripartizione dell’onere della NASpI tra la
Gestione prestazioni temporanee e la Gias già utilizzate per l’ASpI.
Il Direttore Generale
Cioffi

Sono presenti i seguenti allegati:
Allegato N.1

Cliccare sull'icona "ALLEGATI"

per visualizzarli.


Documenti correlati


Documento PDF circolare numero 94 del 12 05 2015
Documento PDF circolare n 23 del 26 maggio 2016
Documento PDF circolare n 23 e del 26 maggio 2016
Documento PDF paolo giordano la solitudine dei numeri primi
Documento PDF circolare numero 109 del 27 05 2015
Documento PDF circolare numero 74 del 05 05 2016


Parole chiave correlate