File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



circolare17e+del+24.04.15 .pdf



Nome del file originale: circolare17e+del+24.04.15.pdf
Autore: GRASSETTI ANDREA

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2010, ed è stato inviato su file-pdf.it il 20/05/2015 alle 12:17, dall'indirizzo IP 95.241.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1266 volte.
Dimensione del file: 463 KB (31 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


CIRCOLARE N. 17/E

Direzione Centrale Normativa
______________________________________________________________________

Roma, 24 aprile 2015

OGGETTO:

Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal
Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da
altri soggetti

2

INDICE
1. SPESE SANITARIE
3
1.1 Detraibilità spese massofisioterapista ...................................................... 3
1.2 Detraibilità spese per odontoiatra ............................................................ 4
1.3 Detraibilità spese per crioconservazione.................................................. 5
1.4 Detraibilità spese per trasporto di disabili .............................................. 7
2. SPESE DI ISTRUZIONE
8
2.1 Istituti tecnici superiori – Spese di istruzione .......................................... 8
2.2 Istituti tecnici superiori – Canoni di locazione ...................................... 10
3. RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO
11
3.1 Ordinante del bonifico diverso dal beneficiario .................................... 11
3.2 Limite di spesa e autonomia degli interventi edilizi .............................. 12
3.3 Trasferimento mortis causa e rate residue della detrazione................. 13
4. ALTRE QUESTIONI
14
4.1 Somme corrisposte al coniuge separato per le spese di alloggio .......... 15
4.2 Spese per adozione internazionale .......................................................... 17
4.3 Erogazioni liberali a favore delle ONLUS ............................................. 19
4.4 Detrazioni per altri familiari a carico .................................................... 21
4.5 Detraibilità interessi di mutuo e trasferimento all’estero .................... 23
4.6 Detrazione per l’acquisto di mobili e successione ................................. 25
4.7 Reddito di lavoro dipendente svolto all’estero ...................................... 26
4.8 Spese di riparazione degli adattamenti delle autovetture dei disabili . 27
4.9 Credito d’imposta riacquisto prima casa............................................... 28

3

PREMESSA
Con la presente circolare si forniscono chiarimenti su varie questioni
interpretative riguardanti gli oneri detraibili (in particolare per spese sanitarie,
spese per interventi di recupero del patrimonio abitativo, spese di istruzione), gli
oneri deducibili, i redditi di lavoro dipendente e le imposte indirette. Nel seguito
per TUIR si intende il Testo Unico delle Imposte sui Redditi, approvato con il
decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917. Le circolari e
le risoluzioni dell’Agenzia delle entrate citate in questo documento sono
consultabili nella banca dati Documentazione Tributaria accessibile dal sito
www.agenziaentrate.gov.it o dal sito www.finanze.gov.it.

1. SPESE SANITARIE

1.1 Detraibilità spese massofisioterapista
D. Si chiede se le prestazioni effettuate in regime libero professionale da un
massofisioterapista con formazione triennale (diploma conseguito entro il 17
marzo 1999) siano detraibili anche in assenza di prescrizione medica.
R. L’Agenzia delle entrate, con risoluzione 17 ottobre 2012, n. 96/E, sentito il
Ministero della salute, ha precisato che il diploma di massofisioterapista con
formazione triennale, conseguito entro il 17 marzo 1999, è equipollente al titolo
universitario abilitante all’esercizio della professione sanitaria di fisioterapista, ai
fini dell’esercizio professionale e della formazione post-base; pertanto, i
possessori di tale titolo rientrano tra gli esercenti le professioni sanitarie elencate
nel decreto ministeriale 29 marzo 2001 che beneficiano del regime di esenzione
IVA ai sensi dell’art. 1, comma 1, lett. c), del DM 17 maggio 2002.
Riguardo alla detrazione ai fini dell’IRPEF, la scrivente, sempre tenendo conto di
precisazioni fornite dal Ministero della salute, con circolare 1° giugno 2012, n.
19/E, ha chiarito che le spese sostenute per le prestazioni rese dal fisioterapista,
al pari delle altre figure professionali sanitarie elencate nel DM 29 marzo 2001,

4

sono ammesse alla detrazione d’imposta di cui all’articolo 15, comma 1, lettera
c), del TUIR, anche senza una specifica prescrizione medica.
In base ai chiarimenti sopra forniti, considerata l’equipollenza del diploma di
massofisioterapista con formazione triennale, conseguito entro il 17 marzo 1999,
al titolo universitario abilitante all’esercizio della professione sanitaria di
fisioterapista, la scrivente ritiene che le prestazioni rese dai massofisioterapisti in
possesso del suddetto diploma possano essere ammesse in detrazione dall’IRPEF
ai sensi dell’articolo 15, comma 1, lettera c), del TUIR anche senza una specifica
prescrizione medica.
Ai fini della detrazione, nel documento di certificazione del corrispettivo il
massofisioterapista dovrà attestare il possesso del diploma di massofisioterapista
con formazione triennale conseguito entro il 17 marzo 1999, nonché descrivere la
prestazione resa.

1.2 Detraibilità spese per odontoiatra
D. Vista la Risoluzione ministeriale n. 111/E del 1995, in cui si precisa che
l’indicazione sulla fattura emessa dal medico odontoiatra con la dizione "ciclo di
cure medico odontoiatriche specialistiche" non soddisfa quanto richiede l'articolo
21 del DPR 633/72 in tema di descrizione dell'operazione realizzata, si domanda
se quanto sopra comporti conseguenze anche in merito alla detraibilità IRPEF di
dette spese da parte del contribuente. Nel caso, si chiede quali siano gli strumenti
a disposizione del contribuente che consentano di far modificare un documento
emesso da un terzo (odontoiatra).
R. L'art. 15, comma 1, lettera c), del TUIR stabilisce che dall'imposta lorda è
possibile detrarre un importo pari al 19 per cento delle spese sanitarie, per la
parte che eccede euro 129,11, costituite esclusivamente dalle spese mediche e di
assistenza specifica, diverse da quelle indicate nell'articolo 10, comma 1, lettera
b), e dalle spese chirurgiche, per prestazioni specialistiche e per protesi dentarie e
sanitarie in genere.
Per beneficiare della detrazione occorre essere in possesso della documentazione

5

che qualifichi la spesa sostenuta, in modo che possa essere ricondotta a quelle
previste dalla disposizione richiamata. In particolare, fermo restando il rispetto
degli obblighi stabiliti dall’art 21 del DPR n. 633 del 1972 a fini IVA in ordine al
contenuto della fattura, si ritiene che, per non penalizzare il contribuente in
buona fede, sia sufficiente al fine del riconoscimento della detrazione in esame
che dalla descrizione nella fattura della prestazione resa si evinca in modo
univoco la natura “sanitaria” della prestazione stessa, così da escludere quelle
meramente estetiche o, comunque, di carattere non sanitario. Nel caso prospettato
si ritiene che l’indicazione riportata nella fattura di “ciclo di cure mediche
odontoiatriche specialistiche” consenta, al ricorrere degli altri requisiti, di fruire
della detrazione di cui alla lett. c) del comma 1 dell’art. 15 del TUIR. Qualora la
descrizione della prestazione non soddisfi tale requisito, il contribuente dovrà
necessariamente rivolgersi al professionista che ha emesso la fattura chiedendo
l’integrazione della stessa.

1.3 Detraibilità spese per crioconservazione
D. Le spese relative alla crioconservazione degli ovociti effettuata nell’ambito di
un percorso di procreazione medicalmente assistita possono rientrare tra le spese
sanitarie detraibili?
R. L’art. 15, comma 1, lett. c), del TUIR elenca le spese sanitarie per le quali
spetta una detrazione dall’IRPEF. In particolare, la norma stabilisce che
dall’imposta lorda è possibile detrarre un importo pari al 19 per cento delle spese
sanitarie, per la parte che eccede euro 129,11, costituite esclusivamente dalle
spese mediche e di assistenza specifica, diverse da quelle indicate nell’articolo
10, comma 1, lettera b), e dalle spese chirurgiche, per prestazioni specialistiche e
per protesi dentarie e sanitarie in genere.
In merito all’individuazione delle spese sanitarie detraibili, occorre fare
riferimento, come più volte ribadito, ai provvedimenti del Ministero della Salute
che contengono l’elenco delle specialità farmaceutiche, delle protesi e delle
prestazioni specialistiche (si veda, in tal senso, la circolare 6 febbraio1997, n.

6

25).
Per quanto riguarda la crioconservazione degli ovociti, la disciplina di
riferimento è recata dalla legge 19 febbraio 2004, n. 40, istituita al fine di
favorire la soluzione dei problemi riproduttivi derivanti dalla sterilità o dalla
infertilità umana.
In merito alla possibilità di ricondurre nell’ambito dell’art. 15, comma 1, lett. c),
del TUIR le spese sostenute per la crioconservazione degli ovociti, il Ministero
della Salute, interpellato sul punto, ha precisato che la prestazione di
crioconservazione degli ovociti effettuata nell’ambito di un percorso di
procreazione medicalmente assistita ha finalità sia di cura che di prevenzione per
la tutela della salute della donna.
Il Ministero della Salute ha precisato, altresì, che ad oggi la crioconservazione
permette di preservare la fertilità di un individuo, maschio o femmina, in tutti
quei casi in cui vi è un rischio importante di perderla: patologie tumorali,
chemioterapia e radioterapia, patologie autoimmuni, urologiche e ginecologiche.
Nello specifico, la crioconservazione degli ovociti può essere effettuata anche al
di fuori della procreazione medicalmente assistita per altri scopi, quali, ad
esempio, quelli strettamente conservativi, diretti a garantire la disponibilità di
ovociti per una futura gravidanza. Il trattamento di crioconservazione degli
ovociti deve essere effettuato solo nelle strutture autorizzate per la procreazione
medicalmente assistita, iscritte nell’apposito registro nazionale istituito presso
l’Istituto superiore di sanità.
Sulla base del parere fornito dal Ministero della Salute, si ritiene che le spese per
prestazioni di crioconservazione di ovociti rientrino tra le spese sanitarie
detraibili ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. c), del TUIR.
Per poter fruire della detrazione è necessario che dalla fattura del centro presso
cui è eseguita la prestazione sanitaria, rientrante fra quelli autorizzati per la
procreazione medicalmente assistita, risulti la descrizione della prestazione
stessa.

7

1.4 Detraibilità spese per trasporto di disabili
D. Si chiede se i contributi che vengono volontariamente erogati a ONLUS per il
trasporto dei disabili che necessitano di cure mediche periodiche siano detraibili
ai sensi dell’art. 15 del TUIR (rigo E3 del 730 o P3 di Unico).
R. La risposta al quesito non può prescindere dall’esame caso per caso della
documentazione attestante la natura del rapporto tra il disabile e la ONLUS. Ciò
in quanto le somme erogate dal disabile potrebbero costituire erogazioni liberali
alla ONLUS, indipendenti dal servizio di trasporto, ovvero costituire un
corrispettivo, anche a forfait, per il proprio trasporto.
Nel primo caso le erogazioni liberali in questione potrebbero rientrare nella
previsione di cui all’art. 15, comma 1.1., del TUIR, che prevede una detrazione
dall’imposta lorda pari al 26 per cento a decorrere dall’anno 2014 per le
erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a 2.065 euro annui
(elevato a 30.000 euro a decorrere dal 2015), a favore delle ONLUS aventi i
requisiti di cui al d.lgs. n. 460 del 1997.
Le erogazioni liberali potrebbero, altresì, essere ricomprese tra gli oneri
deducibili per effetto dell’art. 14 del d.l. n. 35 del 2005, entro il limite del 10 per
cento del reddito complessivo dichiarato e, comunque, entro il limite massimo di
70.000 euro annui. In tal caso, per espressa previsione del comma 6 del citato art.
14, non è cumulabile la deduzione in esame con “ogni altra agevolazione fiscale
prevista a titolo di deduzione e di detrazione di imposta da altre disposizioni di
legge” (cfr. circ. n. 39/E del 2005).
Si ricorda che la detraibilità è subordinata all’effettuazione dell’erogazione
mediante bonifico bancario o postale, ovvero mediante gli altri sistemi di
pagamento previsti dall’art. 23 del d.lgs. n. 241 del 1997 e dall’attestazione
rilasciata dalla ONLUS (cfr. da ultimo circ. n. 11/2014).
Nel caso in cui il versamento sia effettuato alla ONLUS quale corrispettivo di un
servizio di trasporto di disabili, riconducibile all’art. 15, comma, 1 lett. c), del
TUIR come nel caso di trasporto in ambulanza, la spesa sarà detraibile per

8

l’intero importo quale spesa sanitaria, fermo restando che la ONLUS deve
rilasciare regolare fattura.

2. SPESE DI ISTRUZIONE
2.1 Istituti tecnici superiori – Spese di istruzione
D. Si chiede se sia possibile detrarre e in che misura le tasse pagate da un
contribuente per l'iscrizione agli Istituti Tecnici Superiori istituiti sulla base del
decreto che determina la riorganizzazione del Sistema di istruzione (D.P.C.M.
del 25/01/2008). Il decreto specifica che gli ITS non rappresentano né il 6/7 anno
della scuola secondaria superiore, né un ulteriore corso universitario, ma si
collocano all'interno di un nuovo settore, non esistente in Italia quale quello del
sistema "terziario post-secondario". Le competenze acquisite sono riferibili al
livello 5 del quadro europeo delle qualifiche per l'apprendimento permanente
(EQF).
R. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha
precisato che i percorsi realizzati dagli Istituti Tecnici Superiori (I.T.S.) rientrano
nel segmento dell’istruzione superiore non universitaria. Gli I.T.S., secondo le
disposizioni del DI 7 febbraio 2013, allegato A, punto 4, lettera a), sono “istituti
di eccellenza ad alta specializzazione tecnologica, la cui offerta si configura in
percorsi ordinamentali. Essi costituiscono il segmento di formazione terziaria
non universitaria che risponde alla domanda delle imprese di nuove ed elevate
competenze tecniche e tecnologiche per promuovere i processi di innovazione.
Accedono ai percorsi, previa selezione, i giovani in possesso di diploma di
istruzione secondaria superiore (DPCM 25 gennaio 2008, art. 7, comma 3).
Al termine del percorso formativo viene rilasciato il Diploma di Tecnico
Superiore con l’indicazione dell’Area tecnologica e della figura nazionale di
riferimento, unitamente alla certificazione delle competenze (DI 7 settembre
2011, art. 5) corrispondenti al V° livello del Quadro Europeo delle qualifiche –

9

EQF (DI 7 febbraio 2013, all. A punto 4, lett. A).
Per quanto precisato, il MIUR fa presente che i percorsi formativi realizzati dagli
ITS presentano, ad oggi, una fisionomia autonoma e distinta dai corsi di
istruzione secondaria e universitaria.
Ciò premesso, l’art. 15 del TUIR prevede al comma 1, lett. e), la detrazione
dall’imposta lorda di un importo pari al 19 per cento delle “spese per frequenza
di corsi di istruzione secondaria e universitaria, in misura non superiore a quella
stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali.”. Ai sensi del comma 2
del medesimo articolo la detrazione spetta anche se l’onere è sostenuto
nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico.
Sebbene gli I.T.S. abbiano una propria fisionomia autonoma e distinta rispetto ai
corsi di istruzione secondaria e universitaria, gli stessi si collocano – per le
caratteristiche evidenziate dal MIUR – nell’ambito del segmento di istruzione
superiore del sistema italiano di istruzione e formazione.
Considerato che la lettera e) del comma 1 dell’art. 15 del TUIR agevola le spese
per frequenza di corsi che coprono il percorso formativo dello studente nella fase
dell’“istruzione

secondaria”

(IV

livello

formativo)

e

in

quella

“universitaria”(dal VI all’VIII livello), si ritiene che le spese sostenute per la
frequenza degli Istituti Tecnici Superiori (V livello formativo), così come definiti
dal MIUR, che si collocano in un livello intermedio tra l’istruzione secondaria e
universitaria, possano essere anch’esse ricondotte nell’ambito delle spese di
istruzione previste dalla lett. e) del comma 1 dell’art. 15 del TUIR, beneficiando
della relativa detrazione.
Per la determinazione dell’importo ammissibile alla detrazione, si richiama
quanto previsto nell’allegato A, punto 5, del decreto interministeriale 7 febbraio
2013, in cui è previsto che “Le Regioni stabiliscono i criteri per la
determinazione dell’importo delle rette di frequenza per gli studenti da parte
delle Fondazioni I.T.S.. Gli studenti degli I.T.S. versano la tassa regionale per il
diritto allo studio sulla base del medesimo importo previsto per gli studenti
universitari ed accedono ai medesimi benefici.”.

10

2.2 Istituti tecnici superiori – Canoni di locazione
D. Si chiede se sia possibile fruire della detrazione prevista per i contratti di
locazione stipulati da studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università,
anche per gli studenti iscritti a corsi presso gli Istituti Tecnici Superiori.
R. La lett. i-sexies) del comma 1 dell’art. 15 del TUIR, introdotta dal comma 319
dell’art. 1 della legge n. 296 del 2006, consente la detrazione per “i canoni di
locazione derivanti dai contratti di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della
L. 9 dicembre 1998 n. 431, e successive modificazioni, i canoni relativi ai
contratti di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione,
stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari
legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative, dagli studenti
iscritti ad un corso di laurea presso una università ubicata in un comune diverso
da quello di residenza, distante da quest’ultimo almeno 100 chilometri e
comunque in una provincia diversa, per unità immobiliari situate nello stesso
comune in cui ha sede l’università o in comuni limitrofi, per un importo non
superiore a 2633 euro.”.
Diversamente dalla detrazione prevista dalla lett. e), la detrazione connessa al
pagamento del canone di locazione prevista dalla lett. i –sexies), comma 1,
dell’art. 15 del TUIR, riguarda esclusivamente gli studenti “iscritti ad un corso
di laurea presso una università ubicata in un comune diverso” da quello di
residenza.
Stante il tenore letterale della disposizione in esame, non essendo possibile
equiparare i corsi seguiti presso gli ITS a corsi di laurea universitari per quanto
evidenziato nel parere del MIUR richiamato nel precedente par. 2.3, si ritiene che
la frequenza di tali corsi non consenta di fruire della detrazione per canoni di
locazione di cui alla lett. i-sexies) del comma 1 dell’art. 15 del TUIR.

11

3. RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO

3.1 Ordinante del bonifico diverso dal beneficiario
D. Per fruire dell’agevolazione sulla ristrutturazione edilizia è previsto, fra
l’altro, che il pagamento debba essere effettuato con bonifico bancario o postale
dal quale risulti la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della
detrazione ed il numero di partita Iva ovvero il codice fiscale del soggetto a
favore del quale il bonifico è stato effettuato. Si chiede di conoscere se, in
presenza di tutte le altre condizioni previste dalla norma, sia possibile fruire
dell’agevolazione nel caso in cui l’ordinante del bonifico sia un soggetto diverso
dal beneficiario della detrazione qualora il codice fiscale di quest’ultimo risulti
correttamente indicato nella disposizione di pagamento.
R. L’art. 16-bis, comma 1, del TUIR consente la detrazione delle spese
documentate, sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che
possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono
effettuati gli interventi di recupero del patrimonio edilizio. Il successivo comma
9 prevede l’applicazione delle disposizioni di cui al decreto interministeriale n.
41 del 1998, con cui è stato adottato il regolamento recante norme di attuazione e
procedure di controllo di cui all’art. 1 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, in
materia di detrazioni per le spese di ristrutturazione edilizia.
L’art. 1, comma 3, del citato regolamento prevede che “Il pagamento delle spese
detraibili è disposto mediante bonifico bancario dal quale risulti la causale del
versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione ed il numero di
partita IVA ovvero il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è
effettuato.”.
Ciò premesso, si ritiene che nell’ipotesi in cui l’ordinante sia un soggetto diverso
dal soggetto indicato nel bonifico quale beneficiario della detrazione, la
detrazione deve essere fruita da quest’ultimo, nel rispetto degli altri presupposti
previsti dalle disposizioni richiamate, ritenendosi in tal modo soddisfatto il
requisito richiesto dalla norma circa la titolarità del sostenimento della spesa.

12

3.2 Limite di spesa e autonomia degli interventi edilizi
D. un contribuente ha iniziato nel 2008 un intervento di recupero del patrimonio
edilizio, sulla base di un apposito provvedimento autorizzativo. L’intervento è
proseguito nel corso degli anni ed è stato terminato nel 2013. Per questo
intervento il contribuente ha beneficiato della detrazione per le spese sostenute
nel limite complessivo di 96.000 euro. Il medesimo contribuente nel 2014, sulla
base di un altro titolo autorizzativo, distinto e autonomo dal primo, ha iniziato
altri interventi di recupero del patrimonio edilizio, diversi da quelli previsti nel
primo provvedimento autorizzativo, che termineranno nel 2015. Si chiede di
conoscere se per questi lavori spetti la detrazione sulla base di un ulteriore
plafond di euro 96.000, distinto da quello precedentemente utilizzato per i lavori
dal 2008 al 2013.
R. Le spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui
all’art. 16-bis del TUIR fruiscono di una detrazione di imposta ai fini IRPEF,
attualmente prevista nella misura del 50 per cento delle spese sostenute fino a un
ammontare complessivo delle stesse non superiore a euro 96.000 per ciascuna
unità immobiliare. Tali maggiori limiti si applicano, in base al comma 47 dell’art.
1 della legge n. 190 del 2014, alle spese sostenute fino al 31 dicembre 2015.
In base al comma 1 dell’art. 16-bis, il limite di spesa ammissibile previsto per i
suddetti interventi è annuale e riguarda il singolo immobile interessato dagli
interventi medesimi (cfr. circ. n. 9/E del 2002, punti 7.3 e 7.4, circ. n. 15/E del
2003, par. 2).
In caso di interventi che consistano nella mera prosecuzione di interventi iniziati
in anni precedenti, il comma 4 del medesimo articolo prevede che “ai fini del
computo del limite massimo delle spese ammesse a fruire della detrazione si
tiene conto anche delle spese sostenute negli stessi anni”. Questo ulteriore
vincolo non si applica agli interventi autonomi, ossia non di mera prosecuzione,
fermo restando che per gli interventi autonomi effettuati nel medesimo anno deve
essere rispettato il limite annuale di spesa ammissibile.

13

L’autonoma

configurabilità

dell’intervento

è

subordinata

ad

elementi

riscontrabili in via di fatto oltre che, ove richiesto, all’espletamento degli
adempimenti amministrativi relativi all’attività edilizia, quali la denuncia di
inizio attività ed il collaudo dell’opera o la dichiarazione di fine lavori.
L’intervento per essere considerato autonomamente detraibile, rispetto a quelli
eseguiti in anni precedenti sulla medesima unità immobiliare, deve essere anche
autonomamente certificato dalla documentazione richiesta dalla normativa
vigente.
Ciò premesso, si rileva che l’art. 16-bis del TUIR non prevede che debba
trascorrere un periodo di tempo minimo tra i diversi interventi di recupero del
patrimonio edilizio per poter beneficiare nuovamente della detrazione, nel
rispetto dei limiti in precedenza indicati.
Quindi, se su un immobile già oggetto di interventi di recupero edilizio negli anni
precedenti, sia effettuata una nuova ristrutturazione che non consista nella mera
prosecuzione degli interventi già realizzati, il contribuente potrà avvalersi della
detrazione nei limiti in vigore al momento dei bonifici di pagamento.
Quindi, nella fattispecie in esame, nel presupposto che l’intervento iniziato nel
2014 sia autonomo da quello riguardante i lavori effettuati dal 2008 al 2013, il
contribuente potrà fruire di un nuovo e autonomo limite di spesa di 96.000 euro,
distinto da quello previsto per gli interventi effettuati negli anni 2008-2013. Nel
2015, naturalmente, il limite di spesa dovrà tenere conto, trattandosi di
prosecuzione di interventi iniziati nell’anno precedente, delle spese sostenute
nell’anno 2014.

3.3 Trasferimento mortis causa e rate residue della detrazione
D. L’art. 16-bis del TUIR dispone che in caso di trasferimento mortis causa della
titolarità dell’immobile sul quale sono stati realizzati interventi di recupero
edilizio negli anni precedenti, la detrazione non fruita in tutto in parte è trasferita,
per i rimanenti periodi d’imposta, esclusivamente all’erede o agli eredi che
conservano la detenzione materiale e diretta dell’immobile. Nel caso in cui, dopo

14

alcuni anni dal trasferimento mortis causa, l’erede che aveva la detenzione
materiale e diretta dell’immobile conceda in locazione o in comodato l’immobile,
perde la detrazione delle restanti quote? In altri termini, è sufficiente che la
detenzione materiale e diretta si sia verificata all’atto dell’accettazione
dell’eredità oppure la condizione deve essere sussistere in ciascun anno per il
quale si vuole fruire della detrazione pro-quota?
R. Con circolare n. 24/E del 2004 è stato chiarito che la “detenzione materiale e
diretta del bene”, alla quale è subordinata la possibilità di continuare a fruire
della detrazione da parte dell’erede, sussiste qualora l'erede assegnatario abbia la
immediata disponibilità del bene, potendo disporre di esso liberamente e a
proprio piacimento quando lo desideri, a prescindere dalla circostanza che abbia
adibito l'immobile ad abitazione principale. Con circolare 20/E del 2011, al par.
2.2, è stato ulteriormente specificato che l’erede, concedendo in comodato
l’immobile, non può più disporne in modo diretto e immediato e, pertanto, non
potrà continuare a beneficiare della detrazione per le spese di ristrutturazione
sostenute dal de cuius.
Coerentemente, si ritiene che la condizione della “detenzione materiale e diretta
del bene” debba essere sussistere non solo per l’anno dell’accettazione
dell’eredità, ma anche per ciascun anno per il quale il contribuente intenda fruire
delle residue rate di detrazione. Nel caso in cui l’erede, che deteneva direttamente
l’immobile, abbia successivamente concesso in comodato o in locazione
l’immobile stesso, non potrà fruire delle rate di detrazione di competenza degli
anni in cui l’immobile non è detenuto direttamente. Tuttavia, potrà beneficiare
delle eventuali rate residue di competenza degli anni successivi al termine del
contratto di locazione o di comodato, riprendendo la detenzione materiale e
diretta del bene.

4. ALTRE QUESTIONI

15

4.1 Somme corrisposte al coniuge separato per le spese di alloggio
D. Si chiede di chiarire se l’eventuale contributo per le spese di alloggio erogato
dall’ex coniuge a seguito di sentenza di separazione possa essere dedotto dal
reddito complessivo dell’erogante, anche se pagato in sostituzione dell’assegno
di mantenimento. Se nell’atto di separazione o divorzio non viene quantificato
tale “contributo-casa”, si chiede quale deve essere la documentazione attestante il
“valore” dell’alloggio.
R. L’art. 10, comma 1, lett. c), del TUIR considera deducibili dal reddito
complessivo “gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli
destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed
effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi
effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell'autorità
giudiziaria;”. Detti assegni costituiscono per il coniuge che ne beneficia redditi
assimilati a quelli di lavoro dipendente ai sensi dell’art. 50, comma 1, lett. i), del
TUIR e si presumono percepiti, salvo prova contraria, nella misura e alle
scadenze risultanti dai relativi titoli, secondo quanto stabilito dall’art. 52, comma
1, lett. c), del TUIR.
In merito alle somme che sono disposte dal giudice a favore del coniuge separato
o divorziato, l’Agenzia ha più volte chiarito che la deducibilità prevista dal citato
art. 10 del TUIR è limitata a quelle espressamente previste a titolo di assegno
periodico di mantenimento del coniuge, con esclusione delle altre somme
corrisposte una tantum o in luogo di detto assegno.
Con la recente sentenza n. 13029 del 2013, la Cassazione civile ha ammesso la
deducibilità delle “spese afferenti all’immobile di abitazione della moglie e del
figlio” che il contribuente era tenuto a fronteggiare in base a provvedimento
dell’autorità giudiziaria emesso in sede di separazione legale. In tale sentenza è
stabilito che “le spese per assicurare al coniuge la disponibilità di un alloggio
costituiscono un contributo per il di lui mantenimento, ai sensi dell’art. 156 c.c..
In quanto la disponibilità di un’abitazione costituisce elemento essenziale per la
vita di un soggetto.”.

16

La Cassazione, nel ritenere sussistenti i presupposti per la deducibilità dal reddito
complessivo delle spese per assicurare al coniuge la disponibilità di un alloggio a
titolo di assegno di mantenimento, in base all’art. 10, comma 1, lett. c), del
TUIR, ha altresì evidenziato che nel caso esaminato tale contributo per la casa è
“periodico, e corrisposto al coniuge stesso; inoltre è determinato dal giudice, sia
pur ‘per relationem’ a quanto risulta da elementi certi e conoscibili.”.
Ciò premesso, si ritiene che gli importi stabiliti a titolo di spese per il canone di
locazione e spese condominiali, qualora siano disposti dal giudice, quantificabili
e corrisposti periodicamente all’ex-coniuge, abbiano i requisiti previsti dalla
citata sentenza della Cassazione n. 13029 del 2013 per essere considerati alla
stregua dell’assegno di mantenimento e, quindi, siano deducibili dal reddito
complessivo del coniuge erogante ai sensi dell’art. 10, comma 1, lett. c), del
TUIR. Nel caso in cui dette somme riguardino l’immobile a disposizione della
moglie e dei figli, la deducibilità è limitata alla metà delle spese sostenute (cfr.
art. 3 del DPR n. 42 del 1988).
Per quel che attiene la quantificazione del “contributo casa”, si ritiene che
l’importo del contributo, se non stabilito direttamente dal provvedimento
dell’autorità giudiziaria, possa essere determinato ‘per relationem’, qualora il
provvedimento preveda, ad esempio, l’obbligo di pagamento dell’importo
relativo al canone di affitto o delle spese ordinarie condominiali relative
all’immobile a disposizione dell’ex coniuge. In tal caso, la documentazione
attestante il sostenimento dell’onere potrà essere costituita, oltre che dal
provvedimento dell’autorità giudiziaria, anche dal contratto d’affitto o dalla
documentazione da cui risulti l’importo delle spese condominiali, nonché dalla
documentazione comprovante l’avvenuto versamento.
Si evidenzia, inoltre, che la deduzione di tali somme ai sensi dell’art. 10, comma
1, lett. c), del TUIR da parte del coniuge erogante, comporta necessariamente la
tassazione del corrispondente importo in capo all’altro coniuge separato, ai sensi
del citato art. 50, comma 1, lett. i), del TUIR.

17

Infine, considerato che nelle istruzioni ai modelli di dichiarazione dei redditi
(modelli 730/2015 e UNICO PF/2015) non sono date specifiche indicazioni in
merito, si fa presente che per l’anno d’imposta 2014:
-

l’ex coniuge che corrisponde il “contributo casa dovrà indicare tale onere
deducibile nel rigo E22 del modello 730/2015 o nel rigo RP22 del
modello UNICO PF/2015, unitamente agli assegni periodici corrisposti
all’ex coniuge;

-

l’ex coniuge che percepisce il “contributo casa” dovrà indicare tale reddito
assimilato a quello di lavoro dipendente nella colonna 2 dei righi C6, C7,
e C8 del modello 730/2015 o nella colonna 2 dei righi RC7 e RC8 del
modello UNICO PF/2015, barrando in entrambi i modelli la casella di
colonna 1, unitamente agli assegni periodici percepiti all’ex coniuge.

4.2 Spese per adozione internazionale
D. La lettera l-bis) del comma 1 dell’articolo 10 del TUIR stabilisce la
deducibilità del "cinquanta per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi
per l'espletamento della procedura di adozione disciplinata dalle disposizioni
contenute nel Capo I del Titolo III della legge 4 maggio 1983, n. 184".
Alla luce di quanto sopra si chiede:
1. se la deduzione del 50% della spesa spetti ad uno dei due genitori o
necessariamente debba essere divisa al 25% per ognuno;
2. in caso di coniuge a carico, se mediante annotazione sul documento che
certifica le spese possano essere variate le percentuali di spettanza in base
all'effettivo sostenimento.
R. L’articolo 10, comma 1, lett. l-bis), del TUIR prevede la deducibilità dal
reddito complessivo del 50 per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi
per l’espletamento della procedura di adozione di cui al Capo I del Titolo III
della legge 4 maggio 1983, n. 184 (cfr. la circolare n. 55 del 2001, paragrafi 1.6.1
e 1.6.2, e risoluzioni n. 55 del 2000 e n. 77 del 2004, cui si rinvia per gli
approfondimenti). La deduzione è prevista per agevolare coloro che decidono di

18

adottare un minore straniero e che, pertanto, vengono ad essere sottoposti
all'osservanza di tutti gli obblighi che la procedura di cui al Capo I del Titolo III
della legge 4 maggio 1983, n. 184 impone.
Ciò premesso, si ritiene che il legislatore non abbia inteso ripartire la deduzione
per gli oneri sostenuti per la procedura di adozione nella misura fissa del 25 per
cento per ogni coniuge, ma piuttosto abbia inteso ammettere in deduzione dal
reddito di uno o di entrambi i coniugi complessivamente il 50 per cento delle
spese sostenute.
Pertanto, poiché è principio generale che gli oneri individuati dall'art. 10 del
TUIR sono deducibili dal reddito imputabile al contribuente che ha sostenuto le
spese, si ritiene che la deduzione del 50 per cento, di cui all'art. 10, comma 1,
lett. l-bis) del TUIR, debba essere proporzionalmente suddivisa tra i due genitori,
in relazione alle spese sostenute, se la spesa è stata sostenuta da entrambi.
Nel caso in cui, invece, la spesa sia stata sostenuta da un solo genitore, in quanto
l'altro coniuge è a suo carico, la deduzione spetta esclusivamente al coniuge che
ha sopportato la spesa, nella misura del 50 per cento.
Si ricorda, tuttavia, che, come già chiarito con la citata risoluzione n. 77 del
2004, per fruire della deduzione in argomento, è necessario che le spese
sostenute siano certificate dall'ente autorizzato, cui è stato conferito il mandato
per l'espletamento della procedura. Per motivi di semplificazione legati alle
obiettive difficoltà di individuare il coniuge che ha concretamente sostenuto,
anche all’estero, le spese nelle procedure in esame, i coniugi potranno specificare
all’ente autorizzato, nella dichiarazione da rendere in base alla risoluzione n. 77
del 2004, anche quale sia l’importo delle spese sostenute da ciascuno di essi. Si
ritiene in tal modo soddisfatto anche il requisito richiesto dalla disposizione in
esame circa la titolarità del sostenimento della spesa.
Pertanto, se l'ente autorizzato a cui si sono rivolti i coniugi, ha certificato sulla
base delle dichiarazioni da loro rese, che le spese di adozione sono state
sostenute da entrambi in pari misura, ciascuno potrà dedurre solo il 25 per cento
delle spese sostenute.

19

Diversamente, se l'ente autorizzato, sulla base delle dichiarazioni rese dai
coniugi, ha attestato che le spese certificate sono state sostenute in misura
differenziata dai due coniugi, ciascuno potrà dedurre la quota parte che gli è stata
certificata.
Per le spese sostenute nell’anno 2014, i coniugi potranno rendere tale
dichiarazione anche in occasione della presentazione della dichiarazione dei
redditi, apponendola sull’originale della certificazione rilasciata dall’ente, a
condizione che la stessa non contraddica dichiarazioni sostitutive di atto notorio
già rese all’ente.

4.3 Erogazioni liberali a favore delle ONLUS
D Si chiede conferma del fatto che la scelta operata dal contribuente in merito
alla detrazione o alla deduzione (ove consentito) delle erogazioni liberali sia
univoca e debba riguardare tutte le donazioni effettuate nell'anno d'imposta,
anche in relazione a beneficiari diversi, oppure possa essere modulata a
discrezione del contribuente (es. Onlus Alfa detraggo, Onlus Beta deduco).
R. Le agevolazioni fiscali riconosciute al soggetto persona fisica per erogazioni
liberali effettuate in favore di ONLUS sono attualmente previste da tre norme:
1) l’art. 10 del TUIR, il quale prevede alla lett. g) del comma 1) una
deduzione - non superiore al 2 per cento del reddito complessivo
dichiarato - dei “contributi … donazioni e … oblazioni” erogati in favore
delle Organizzazioni non governative riconosciute idonee ai sensi della l.
n. 49 del 1987 (ONG). Si evidenzia che - per effetto della nuova disciplina
recata dalla legge n. 125 del 2014 (Norme generali sulla cooperazione
internazionale per lo sviluppo) - le ONG “idonee” alla data del 29 agosto
2014 (data di entrata in vigore della legge citata), mantengono la qualifica
di ONLUS se abbiano presentato richiesta di iscrizione all’Anagrafe unica
delle

ONLUS.

Tali

organizzazioni

costituiscono,

nell’ambito

dell’Anagrafe unica delle ONLUS, una particolare categoria ad
esaurimento e conservano le agevolazioni fiscali previste per le ONLUS

20

(cfr. risoluzione n. 22/E del 2015);
2) l’art. 15, comma 1.1, del TUIR, che nella formulazione applicabile al 2014
prevede una detrazione dall’imposta lorda pari al 26 per cento per le
erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a euro 2.065
annui (l’importo è elevato a euro 30.000 anni dal 2015, a seguito della
modifica operata dall’art. 1, comma 137, della legge n. 190 del 2014).
3) l’art. 14 del d.l. n. 35 del 2005, che prevede una deduzione delle
erogazioni liberali in denaro o in natura effettuate, tra gli altri, in favore
delle ONLUS, entro il limite del 10 per cento del reddito complessivo
dichiarato e, comunque, entro il limite massimo di 70.000 euro annui.
Per espressa previsione dell’art. 13, comma 5, del d.lgs. n. 460 del 1997, “la
deducibilità dal reddito imponibile…prevista dall’articolo 10, comma 1, lett. g)
del TUIR è consentita a condizione che per le medesime erogazioni il soggetto
erogante non usufruisca delle detrazioni d’imposta” di cui (attualmente)
all’articolo 15, comma 1.1., del TUIR.
L’art. 14 del d.l. n. 35 del 2005 prevede a sua volta al comma 6 il divieto di
cumulo della deduzione contemplata dalla norma con “ogni altra agevolazione
fiscale prevista a titolo di deduzione o di detrazione di imposta da altre
disposizioni di legge”.
Con circolare n. 39/E del 2005, emanata a seguito dell’entrata in vigore di tale
ultima misura agevolativa, l’Agenzia ha precisato che “la non cumulabilità
prescinde dall’importo delle liberalità erogate. Ove, ad esempio, il contribuente
eroghi (anche a più beneficiari) liberalità per un valore superiore al limite
massimo consentito di 70.000 euro, non potrà avvalersi, in relazione alla parte
eccedente tale limite, del beneficio della deduzione o detrazione, neppure ai sensi
di altre disposizioni di legge”.
Al riguardo si ritiene che, qualora il contribuente intenda avvalersi – nel rispetto
delle condizioni di legge previste – della deduzione di cui all’art. 14 del d.l. n. 35
del 2005, il medesimo contribuente non potrà fruire, sia per le medesime
erogazioni che per erogazioni distinte, effettuate anche a diversi beneficiari, né

21

della deduzione di cui all’articolo 10, comma 1, lett. g), del TUIR, né della
detrazione di cui all’articolo 15, comma 1.1., del medesimo testo unico.
Diversamente, il contribuente che non intenda avvalersi della deduzione prevista
dall’art. 14 del d.l. n. 35 del 2005 e che abbia effettuato distinte erogazioni
liberali, anche a favore del medesimo beneficiario, potrà scegliere di fruire della
deduzione prevista dall’art. 10, comma 1, lett. g), del TUIR o della detrazione
prevista dall’art. 15, comma 1.1., del TUIR, essendo precluso il ricorso ad
entrambe le agevolazioni fiscali per la medesima erogazione.

4.4 Detrazioni per altri familiari a carico
D. Si rappresenta il caso di un soggetto che fa parte di un nucleo familiare
composto da padre, madre e due figli, dove il padre e uno dei figli sono
disoccupati e la madre, lavorando solo nel periodo estivo, ha un reddito annuo di
circa 3.500 euro lordi. Si chiede di sapere se l’unico figlio che lavora stabilmente
e che può provvedere al mantenimento della famiglia, possa avvalersi delle
detrazioni IRPEF per altri familiari a carico per il fratello e il padre.
R. L'articolo 12 del TUIR, disciplinante le detrazioni d'imposta spettanti per
carichi di famiglia, ha una struttura che stabilisce l’ordine da seguire per la
fruizione della detrazione per familiari a carico. In altri termini, in presenza di un
familiare di cui all’art. 433 del c.c., da considerare “a carico” in quanto
possessore di un reddito complessivo non superiore a euro 2.840,51, la
detrazione spetta al contribuente per il quale tale familiare “a carico” sia,
nell’ordine, coniuge (lett. a, b), figlio (lett. c), altro familiare convivente o per il
quale è versato un assegno alimentare non risultante da provvedimenti
dell’autorità giudiziaria (lett. d).
Quindi, nel caso prospettato in cui nel nucleo familiare (composto da due genitori
e due figli) solo la madre e un figlio hanno redditi superiori alla soglia di euro
2.840,51, mentre il padre e l’altro figlio sono “a carico”, secondo la struttura
dell’art. 12 del TUIR, questi ultimi per la madre rientrano nelle lettere a) e b)
(coniuge) e c) (figli), mentre per il figlio nella lettera d) (altri familiari).

22

Ne consegue che la madre ha il diritto di fruire delle detrazioni per il coniuge e
per i figli, con precedenza rispetto al figlio, per il quale gli stessi rientrano tra gli
altri familiari. Le detrazioni spetterebbero al figlio nell’ipotesi in cui la madre
avesse un reddito complessivo non superiore a euro 2.840,51, e quindi fosse
anch’essa da considerare altro familiare a carico del figlio (cfr. risoluzione n.
461/E del 2008).
L’ordine delineato nell’art. 12, tuttavia, potrebbe non rappresentare la reale
contribuzione al sostegno dei componenti del nucleo familiare, non solo
nell’ipotesi in cui i soggetti che precedono siano “a carico”, ma anche nel caso in
cui, pur non essendo a carico, detti soggetti abbiano redditi particolarmente bassi
tali da far gravare il sostegno del nucleo stesso sugli altri familiari.
Con la finalità di non voler sfavorire detti nuclei familiari, anch’essi fondati sui
medesimi vincoli di solidarietà familiare, si ritiene che le detrazioni in esame
possano essere fruite dai contribuenti per i quali i familiari “a carico” rientrino
fra gli “altri familiari” (comunque conviventi o per i quali siano versati assegni
alimentari non risultanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria) di cui alla
lett. d) del comma 1 dell’art. 12 del TUIR, a condizione che detti contribuenti
posseggano un reddito complessivo più elevato di quello posseduto dai soggetti
per i quali i familiari a carico rientrerebbero nelle lett. a), b) e c), e che detti
contribuenti ne sostengano effettivamente il carico.
Rimane fermo che le detrazioni devono essere fruite nel rispetto dei presupposti
previsti dalla lett d) del comma 1 dell’art. 12 del TUIR.
Al riguardo si ricorda che la citata lett. d) prevede la possibilità di detrarre
dall’imposta lorda “750 euro, da ripartire pro quota tra coloro che hanno diritto
alla detrazione, per ogni altra persona indicata nell’art. 433 del codice civile
che conviva con il contribuente o percepisca assegni alimentari non risultanti da
provvedimenti dell’autorità giudiziaria. La detrazione spetta per la parte
corrispondente al rapporto tra l’importo di 80.000 euro, diminuito del reddito
complessivo e 80.000 euro.”.

23

4.5 Detraibilità interessi di mutuo e trasferimento all’estero
D. È stato rappresentato il caso di un contribuente che ha acquistato un immobile
da destinare a propria abitazione, ha contratto un mutuo per l’acquisto
dell’abitazione stessa e ha trasferito nei termini previsti dalla legge la propria
residenza in tale immobile. Successivamente, il contribuente si è trasferito
all’estero per motivi di lavoro, ha trasferito la propria residenza in tale stato
estero e si è iscritto all’A.I.R.E. Il predetto immobile, non potendo più essere
utilizzato come abitazione principale, è stato concesso in locazione a terzi.
Si chiede di sapere se il contribuente, residente all’estero per motivi di lavoro,
possa detrarre gli interessi passivi pagati in dipendenza del mutuo.
R. Per i soggetti che, in base all’art. 2 del TUIR, risultano fiscalmente non
residenti nel territorio dello Stato, l’imposta è determinata e applicata secondo le
disposizioni degli artt. 23 e 24 del medesimo TUIR.
L’art. 24 del TUIR, in particolare, prevede al comma 3, tra gli oneri che possono
essere portati in detrazione da detti soggetti non residenti, anche quelli previsti
dall’art. 15, comma 1, lett. b), del predetto TUIR, concernente la detrazione per
interessi passivi relativi al mutuo contratto per l’acquisto dell’abitazione
principale.
Al fine della fruizione di tale detrazione occorre, preliminarmente, verificare se
ricorrano le condizioni previste dal richiamato art. 15, comma 1, lett. b), del
TUIR. La disposizione in esame consente di detrarre dall’imposta lorda un
importo pari al 19 per cento degli interessi passivi e relativi oneri accessori pagati
in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili contratti per l’acquisto
dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale entro un anno
dall’acquisto stesso, per un importo non superiore a 4.000 euro. Per “abitazione
principale”, ai sensi della medesima lett. b), si intende “quella nella quale il
contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente”. Per l’individuazione dei
familiari richiamati dalla disposizione in questione occorre far riferimento al
comma 5 dell’art. 5 del TUIR, secondo cui, ai fini IRPEF, sono considerati

24

familiari il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo
grado.
Inoltre, la citata lett. b) prevede che “La detrazione spetta, non oltre il periodo di
imposta nel corso del quale è variata la dimora abituale; non si tiene conto delle
variazioni dipendenti da trasferimenti per motivi di lavoro.”.
In base all’art. 15 del TUIR in commento, quindi, costituisce presupposto per la
spettanza della detrazione che l’unità immobiliare sia effettivamente adibita ad
abitazione principale entro un anno dall’acquisto. Tale detrazione spetta anche
oltre il periodo d’imposta in cui sia variata la dimora abituale, a condizione che
detta variazione dipenda da motivi di lavoro.
Al riguardo, con Circolare n. 15/E del 2005, al punto 4.5, l’Amministrazione
Finanziaria ha precisato che “In caso di trasferimento per motivi di lavoro, la
detrazione degli interessi passivi per l'acquisto dell'abitazione principale spetta
anche se l'immobile viene concesso in locazione”.
Successivamente, con Circolare n. 21/E del 2010, al punto 4.5 è stato specificato,
tra l’altro, che “Il diritto a fruire della detrazione per gli interessi passivi
permane anche nel caso in cui il contribuente trasferisca la propria residenza in
un comune limitrofo a quello in cui si trova la sede di lavoro. La generica
formulazione adottata dalla norma “trasferimenti per motivi di lavoro”
consente, infatti, di continuare a fruire della detrazione nei casi in cui la
variazione

dell’abitazione

principale

risulti

oggettivamente

attribuibile

all’attuale situazione lavorativa del contribuente senza richiedere l’ulteriore
condizione che la nuova abitazione principale sia stabilita nel medesimo comune
in cui si trova la sede di lavoro. Il principio che consente la detrazione degli
interessi passivi solo in relazione ad immobili adibiti ad abitazione principale
può essere derogato fintantoché sussistono i presupposti previsti per avvalersi
della deroga, vale a dire finché permangono i motivi di lavoro che hanno
determinato la variazione della dimora abituale. Se, pertanto, vengono meno le
esigenze lavorative che hanno determinato lo spostamento della dimora abituale
non troverà più applicazione la citata deroga, con la conseguenza che, a partire

25

dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono venute meno le predette
esigenze lavorative, il contribuente perderà il diritto alla detrazione degli
interessi.”.
Si ritiene che la circostanza che il contribuente abbia un rapporto di lavoro in uno
stato estero consenta di applicare la deroga richiamata e, quindi, che lo stesso
abbia diritto a detrarre gli interessi passivi relativi al mutuo per l’acquisto
dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, anche se la suddetta
abitazione risulti locata.
Tutto ciò nel presupposto che:
 siano state rispettate tutte le condizioni previste dall’art. 15, comma 1, lett.
b), del TUIR ai fini della fruizione della detrazione degli interessi passivi
di mutuo, con particolare riferimento al trasferimento della dimora
abituale in tale immobile entro un anno dall’acquisto;
 che a tutt’oggi permangano le esigenze lavorative che hanno determinato
lo spostamento della dimora abituale;
 che il contribuente non abbia acquistato un immobile da adibire ad
abitazione principale nello Stato estero di residenza.
Si fa presente, per completezza, che le circostanze evidenziate non consentono al
contribuente di poter fruire della deduzione per l’abitazione principale, in quanto
nell’art. 10, comma 3-bis, del TUIR non è prevista una deroga analoga a quella di
cui all’art. 15, comma 1, lett. b) in esame.
4.6 Detrazione per l’acquisto di mobili e successione
D. L’art. 16-bis del TUIR dispone che in caso di trasferimento per causa morte
della titolarità dell’immobile sul quale sono stati realizzati interventi di recupero
edilizio, la detrazione non fruita in tutto in parte dal de cuius è trasferita, per i
rimanenti periodi d’imposta, esclusivamente all’erede o agli eredi che
conservano la detenzione materiale e diretta dell’immobile. La stessa regola si
applica anche per le spese sostenute dal contribuente deceduto per l’acquisto di
mobili e grandi elettrodomestici?

26

R. L'art. 16, comma 2, del d.l. n. 63 del 2013 prevede che ai contribuenti che
fruiscono della detrazione per taluni interventi di recupero del patrimonio edilizio
di cui all’art. 16-bis del TUIR, è riconosciuta una detrazione nella misura del 50
per cento delle ulteriori spese documentate e sostenute, fino a un ammontare
complessivo di 10.000 euro, per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici,
finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione è
ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.
Il c.d. bonus mobili, seppure presupponga la fruizione della detrazione per le
spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, è comunque
una detrazione da questa autonoma, con proprie norme sul limite di spesa e sulla
ripartizione in dieci rate della detrazione stessa, che non prevedono il
trasferimento della detrazione.
Si ritiene, pertanto, che in caso di decesso del contribuente non possa applicarsi
la disposizione di cui al comma 8 dell’art. 16-bis del TUIR e la detrazione in
esame, non utilizzata in tutto o in parte, non si trasferisca agli eredi per i
rimanenti periodi di imposta.
4.7 Reddito di lavoro dipendente svolto all’estero
D. Si chiede se il reddito di lavoro dipendente, risultante dalla certificazione
rilasciata dal datore di lavoro estero, da indicare nel quadro C debba essere al
lordo o al netto dei contributi previdenziali obbligatori versati nello stato estero.
R. Con circolare n. 9/E del 2015 è stato precisato che “…il reddito estero deve
essere assunto nell’ammontare determinato secondo le regole interne relative
alle varie categorie, con l’unica eccezione dei redditi dei terreni e dei fabbricati
situati al di fuori del territorio italiano che, invece, rilevano - ai sensi
dell’articolo 70, comma 2, del TUIR - secondo la valutazione effettuata nello
Stato estero.”. Pertanto, considerato che l’articolo 51, comma 2, lett. a), del
TUIR, in sede di determinazione del reddito di lavoro dipendente, stabilisce, tra
l’altro, che “Non concorrono a formare il reddito: … i contributi previdenziali e
assistenziali versati dal datore di lavoro o dal lavoratore in ottemperanza a

27

disposizioni di legge…”.…”, si è dell’avviso che il reddito estero debba essere
dichiarato al netto dei contributi previdenziali obbligatori versati nello Stato
estero.
Al riguardo, si evidenzia che il Ministero delle finanze con circolare n. 326 del
1997 ha precisato che “tenuto conto che il legislatore ha fissato la disciplina dei
contributi distinguendo soltanto i contributi obbligatori versati in ottemperanza a
una disposizione di legge da quelli che, invece, tali non sono, si deve ritenere che
[ai fini della loro deducibilità] sia irrilevante la circostanza che detti contributi,
obbligatori o “facoltativi”, siano versati in Italia, sempreché le somme e i valori
cui i contributi si riferiscono siano assoggettate a tassazione in Italia”.

4.8 Spese di riparazione degli adattamenti delle autovetture dei disabili
D. Si chiede di sapere quale sia l’aliquota IVA applicabile alle riparazioni degli
adattamenti realizzati sulle autovetture delle persone disabili e ai pezzi di
ricambio necessari per dette riparazioni. Inoltre, si chiede di sapere se per le
predette spese di riparazione sia possibile fruire della detrazione IRPEF di cui
all’art. 15, comma 1, lett. c), del TUIR.
R. I numeri 31) e 33) della Tabella A, parte II, allegata al DPR n. 633 del 1972,
prevedono l’applicazione dell’aliquota IVA del 4% alle “… prestazioni rese
dalle officine per adattare i veicoli, anche non nuovi di fabbrica, compresi i
relativi accessori e strumenti necessari per l’adattamento, effettuate nei
confronti dei soggetti ….” con ridotte o impedite capacità motorie permanenti,
nonché per “parti, pezzi staccati ed accessori esclusivamente destinati ai beni
indicati ai precedenti nn. 30), 31) e 32).”.
Da un punto di vista letterale, il n. 31) fa riferimento esclusivamente alle
prestazioni rese dalle officine per adattare i veicoli, compresi i relativi accessori e
strumenti necessari per l’adattamento e il n. 33) fa riferimento alle parti, ai pezzi
staccati ed accessori esclusivamente destinati ai beni indicati, tra l'altro, al n. 31).
Come già in parte chiarito con circolare n. 46/E dell’11 maggio 2001, è possibile
rinvenire alla base della normativa l’intenzione del legislatore di riservare un

28

trattamento agevolato ai pezzi, ai ricambi, agli accessori propri delle particolari
apparecchiature che sopperiscono al problema del disabile. In ragione di tale
“ratio”, si ritiene che anche alla riparazione degli adattamenti realizzati sulle
autovetture delle persone disabili e alle cessioni dei ricambi relativi agli
adattamenti possa essere applicata l’aliquota agevolata del 4 per cento.
Per quanto concerne la detrazione ai fini IRPEF, l’Agenzia ha avuto modo di
chiarire più volte che tra le spese che danno diritto alla detrazione sono
comprese, oltre alle spese di acquisto dell’autovettura, anche le spese per le
riparazioni che non rientrano nella ordinaria manutenzione (sono esclusi, quindi,
dalla detrazione i costi di esercizio, quali, ad esempio, il carburante, i pneumatici,
ecc…), purché sostenute entro i quattro anni dall’acquisto del veicolo stesso.
Dette spese concorrono, insieme al costo di acquisto del veicolo, al
raggiungimento del limite massimo di spesa consentito di 18.075,99 euro e non
possono essere rateizzate (cfr. risoluzione n. 306/E del 2002 e circolare n. 15/E
del 2005, par. 6.1).
4.9 Credito d’imposta riacquisto prima casa
D. Con la circolare dell’Agenzia delle entrate n. 18/E del 2013, è stato precisato
che il credito di imposta spettante per il riacquisto della ‘prima casa’ può essere
utilizzato alternativamente:
- a) in diminuzione dell’imposta di registro dovuta in relazione al nuovo
acquisto;
- b) per l’intero importo in diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria,
catastale, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce
presentati dopo la data di acquisizione del credito;
- c) in diminuzione dell’IRPEF dovuta in base alla prima dichiarazione
successiva al nuovo acquisto ovvero alla dichiarazione da presentare nell’anno in
cui è stato effettuato il riacquisto stesso;
- d) in compensazione con altri tributi e contributi dovuti ai sensi del decreto
legislativo 9 luglio 1997, n. 241, tramite il modello F24.

29

Nel caso in cui il credito di imposta venga utilizzato solo parzialmente in
diminuzione dell’imposta di registro dovuta in relazione all’atto di acquisto che
lo determina, si chiede di conoscere se possa essere utilizzata anche la parte
residua del credito e secondo quali modalità.
R. L’articolo 7, commi 1 e 2, della legge 23 dicembre 1998, n. 448 stabilisce
l’attribuzione di un credito d’imposta a favore dei contribuenti che, entro un anno
dalla vendita dell’immobile, acquistato con i benefici ‘prima casa’ provvedano
ad acquisire un’altra casa di abitazione, per la quale ricorrono le condizioni di cui
alla nota II bis all’articolo 1 della tariffa, parte prima, allegata al Testo unico
dell’imposta di registro, approvato con il DPR 26 aprile 1986, n. 131 (TUR).
Si rammenta che l’importo del credito d'imposta spettante è commisurato
all'ammontare dell'imposta di registro o dell'IVA corrisposta in relazione al
primo acquisto agevolato e, in ogni caso, non può essere superiore all’imposta di
registro o all'IVA corrisposta in relazione al secondo acquisto.
Il credito di imposta spettante può essere utilizzato in diminuzione dall’imposta
di registro dovuta per l'atto di acquisto che lo determina, ovvero, può essere
utilizzato nei seguenti modi:
a) per l'intero importo, in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecarie e
catastali, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati
dopo la data di acquisizione del credito;
b) in diminuzione dalle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base
alla dichiarazione da presentare successivamente alla data del nuovo acquisto;
c) in compensazione delle somme dovute ai sensi del decreto legislativo 9 luglio
1997, n. 241.
I contribuenti hanno, dunque, la facoltà di scegliere la modalità di utilizzo del
credito di imposta loro spettante secondo le modalità sopraindicate.
Con riferimento al quesito posto, si ritiene che nel caso in cui il credito di
imposta sia stato utilizzato solo parzialmente per il pagamento dell’imposta di
registro dovuta per l’atto in cui il credito stesso è maturato, l’importo residuo
potrà essere utilizzato dal contribuente in diminuzione dalle imposte sui redditi

30

delle persone fisiche ovvero in compensazione delle somme dovute ai sensi del
decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 (lettere b e c).
Detto importo residuo non potrà, invece, essere utilizzato in diminuzione delle
imposte di registro, ipotecaria, catastale, e dell’imposta sulle successioni e
donazioni per gli atti presentati successivamente alla data di acquisizione del
credito. La previsione normativa in argomento stabilisce, infatti, che in relazione
alle imposte dovute per tali atti e denunce, il credito deve essere utilizzato per
l’intero importo (lettera a).
Tale interpretazione appare coerente con i chiarimenti già resi da questa Agenzia
con la circolare n. 19/E del 1° marzo 2001. In tale sede, è stato, infatti chiarito,
con riferimento all'ipotesi di cui alla lettera a), che il legislatore con la dizione
"intero importo" ha voluto escludere la possibilità di utilizzare il credito
parzialmente e, quindi, portarlo in detrazione dalle imposte dovute su più atti o
denunce di successione, presentati all'ufficio competente per la registrazione
dopo la data di acquisizione del credito.
Esempio
Immobile acquistato il 30 dicembre 2012 di valore pari ad euro 150.000 e
rivenduto in data 10 gennaio 2015
Imposta di registro corrisposta in sede di acquisto pari ad euro 4.500 (150.000 *
3% - aliquota ‘prima casa’ vigente fino al 31 dicembre 2013 )
Altro immobile acquistato il 31 marzo 2015 di valore pari ad euro 160.000
Imposta di registro dovuta pari ad euro 3.200 (160.000*2% - aliquota ‘prima
casa’ vigente dal 1° gennaio 2014).
Da tale importo deve essere scomputato, ai sensi della nota all’articolo 10, della
Tariffa, Parte I, allegata al TUR, l’imposta di registro, pari ad euro 1.800,
versata in sede di registrazione del contratto preliminare in relazione agli acconti
prezzo (acconti pari ad euro 60.000 * 3% - Nota all’articolo 10 della Tariffa parte
prima allegata al TUR = 1.800).
Imposta di registro dovuta per la registrazione del contratto definitivo pari ad
euro 1.400

31

Credito d’imposta spettante (minore importo tra euro 4.500 ed euro 3.200) euro
3.200
Credito di imposta utilizzato in diminuzione dall’imposta di registro dovuta
sull’atto di acquisto agevolato che lo determina euro 1.400
La parte residua del credito, pari ad euro 1.800 può essere utilizzata in
diminuzione dalle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla
dichiarazione da presentare successivamente alla data di acquisto del nuovo
immobile ovvero in compensazione delle somme dovute, ai sensi del decreto
legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Tale importo non può, invece, essere utilizzato
in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecarie e catastali, sulle successioni e
donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione
del credito.
In ogni caso, il credito di imposta non dà luogo a rimborsi per espressa
disposizione normativa.
***

Le Direzioni regionali vigileranno affinché le istruzioni fornite e i
principi enunciati con la presente circolare vengano puntualmente osservati dalle
Direzioni provinciali e dagli Uffici dipendenti.

IL DIRETTORE DELL’AGENZIA


Documenti correlati


Documento PDF circolare maggio
Documento PDF circolare del 30052016 24 1
Documento PDF circolare 26 febbraio 2016
Documento PDF circolare17e del 24 04 15
Documento PDF agenzia entrate del 17 07 2013
Documento PDF agenzia delle entrate chiarimenti sul regime fiscale applicabile ai fini delle imposte sul contratto rent to buy


Parole chiave correlate