File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77 95) .pdf



Nome del file originale: Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77-95).pdf

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato inviato su file-pdf.it il 24/05/2015 alle 13:05, dall'indirizzo IP 79.26.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1780 volte.
Dimensione del file: 10.2 MB (81 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


COMUNE DI
LUZZI

INDICE
PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE
La relazione al rendiconto in sintesi
Contenuto e logica espositiva
Programmazione, gestione e controllo
Il rendiconto finanziario dell'esercizio
Il risultato di amministrazione complessivo
Risultato di parte corrente e in c/capitale
Programmazione e valutazione dei risultati
Fonti finanziarie e utilizzi economici
Le risorse destinate ai programmi
Le risorse impiegate nei programmi

1
2
3
4
5
6
7
8
9

Programmazione delle uscite e rendiconto 2014
Il consuntivo letto per programmi
Lo stato di realizzazione dei programmi
Il grado di ultimazione dei programmi
Programmazione politica e gestione
Amministrazione gen e organi istituz.
Gestione economica e finanziaria
Gestione patrimonio servizio tecnico
Servizi anagrafici e statistici
Polizia municipale e vigilanza
Pubblica istruzione
Cultura
Promozione sportiva e turistica
Viabilità e manutenzione
Illuminazione pubblica e gest. territ.
Protezione civile e gestione verde
Servizio idrico integrato
Servizi smaltimento rifiuti
Assistenza sociale ed all'infanzia
Servizio necroscopico e cimiteriale
Sviluppo economico
Gestione tributaria e servizi fiscali
Urbanistica e territorio
Lavori pubblici ed investimenti
Personale ed organizzazione

10
11
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36

Programmazione delle entrate e rendiconto 2014
Il riepilogo generale delle entrate
Entrate tributarie
Contributi e trasferimenti correnti
Entrate extratributarie

37
38
39
40

Trasferimenti capitale e riscossione crediti
Accensioni di prestiti

41
42

PARTE SECONDA: APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI
Identità dell'ente
Rendiconto e principio contabile numero 3
Profilo istituzionale e socio-economico
Disegno strategico e politiche gestionali
Politiche fiscali
Organizzazione e sistema informativo
Fabbisogno di risorse umane

43
44
45
46
47
48

Sezione tecnica della gestione
Criteri di formazione
Criteri di valutazione
Risultato finanziario di amministrazione
Risultato finanziario di gestione
Scostamenti sull'esercizio precedente
Scostamento sulle previsioni definitive
Andamento della liquidita'
Formazione di nuovi residui attivi e passivi
Smaltimento dei precedenti residui
Crediti di dubbia esigibilita'
Debiti fuori bilancio
Vincoli e cautele nell'utilizzo dell'avanzo
Conto del patrimonio
Conto economico

49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62

Andamento della gestione
Analisi degli scostamenti
Strumenti di programmazione
Politica di autofinanziamento e sviluppo
Ricavi e costi della gestione caratteristica
Proventi e costi finanziari
Proventi e costi straordinari
Evoluzione della gestione

63
64
65
66
68
69
70

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

CONTENUTO E LOGICA ESPOSITIVA
La relazione al rendiconto, deliberata dal consiglio comunale nell'apposita sessione annuale dedicata
all'approvazione del consuntivo, è il documento con il quale l'organo esecutivo espone all'assemblea consiliare il
rendiconto dell'attività svolta durante l'esercizio precedente. Non si tratta, come nel caso della relazione tecnica che
generalmente accompagna il consuntivo, di un documento di origine prevalentemente contabile, ma di un atto dal
notevole contenuto politico/finanziario. La relazione al rendiconto mantiene a consuntivo, infatti, un significato simile
a quello prodotto all'inizio dell'esercizio dalla relazione previsionale e programmatica, e cioè il principale documento
con il quale il consiglio comunale indirizza l'attività dell'ente.
La relazione al rendiconto, proprio per esporre i dati e le informazioni sulla gestione con chiarezza espositiva e
precisione documentale, si compone di due parti distinte ma perfettamente coordinate fra di loro, e precisamente: la
"Realizzazione dei programmi e risorse attivate" (Parte I), seguito dalla "Applicazione dei princìpi contabili" (Parte II).
Se la prima parte tende a privilegiare il rendiconto sotto l'aspetto della programmazione, e cioé lo stato di
realizzazione dei programmi e il grado di accertamento delle entrate, la seconda parte amplia l'analisi a tutti i fatti di
gestione che sono visti, per adeguarsi alle raccomandazioni introdotte dai princìpi contabili degli enti locali, in
un'ottica che abbraccia l'intera attività dell'ente.
La prima parte, denominata "Realizzazione dei programmi e risorse attivate", si suddivide in diversi capitoli dove i
dati numerici sono accostati ad esposizioni grafiche, spesso accompagnate da valutazioni descrittive.
Il primo capitolo ha come titolo "La relazione al rendiconto in sintesi". In questa sezione introduttiva sono individuati i
principali elementi che caratterizzano il processo di programmazione, gestione e controllo delle risorse umane,
strumentali e finanziarie del comune. Accanto a questi elementi metodologici vengono esposti i risultati ottenuti
gestendo le risorse reperite nell'esercizio appena chiuso. Si tratta esclusivamente di dati di sintesi che forniscono
una visione finanziaria d'insieme e indicano, allo stesso tempo, l'ammontare del risultato della gestione di
competenza e complessivo (avanzo, pareggio o disavanzo). L'accostamento tra entrate ed uscite è sviluppato
specificando, con ulteriori prospetti e commenti, il valore delle risorse di parte corrente, investimento e movimento di
fondi che hanno finanziato i programmi di spesa realizzati.
L'acquisizione delle risorse è solo un aspetto del processo che porta alla realizzazione dei programmi. In
"Programmazione delle uscite e rendiconto", infatti, sono tratte le prime conclusioni sull'andamento generale della
spesa, vista in un'ottica che privilegia l'aspetto della programmazione rispetto alla semplice rappresentazione
dell'elemento contabile. Le uscite registrate in contabilità sono la rilevazione dei fatti di gestione che hanno
permesso il completo o il parziale raggiungimento degli obiettivi prefigurati ad inizio esercizio. Il conto consuntivo
viene quindi riclassificato per programmi che indicheranno, in una visione di sintesi generale, sia lo stato di
realizzazione che il rispettivo grado di ultimazione. Durante l'anno, sia l'amministrazione che l'apparato tecnico
hanno agito per tradurre gli obiettivi generali contenuti negli atti di indirizzo in altrettanti risultati. Come conseguenza
di ciò, la relazione espone, misura e valuta proprio i risultati raggiunti nel medesimo intervallo di tempo. Ed è proprio
in questo contesto che viene analizzato ogni singolo programma indicandone il contenuto finanziario e il grado di
realizzazione finale.
Come in ogni azienda, anche l'attività del comune è condizionata dalla disponibilità di adeguate risorse. I programmi
già esposti nella relazione programmatica di inizio anno, o riportati altri documenti di programmazione politica, si
traducono in atti di gestione solo dopo il reperimento delle corrispondenti entrate. In "Programmazione delle entrate
e rendiconto", pertanto, sono riportati i risultati ottenuti da questa ricerca di finanziamento che ha permesso all'ente
di incassare le entrate di competenza dell'esercizio o, in alternativa, di accertare nuovi crediti che saranno introitati
negli esercizi successivi.
La seconda parte della relazione, denominata "Applicazione dei princìpi contabili", si suddivide invece in capitoli
che corrispondono, in modo pressoché fedele, alla struttura consigliata dai princìpi contabili degli enti locali. In
questo ambito, la presenza di un determinato princìpio contabile si accompagna con la possibile valutazione dei fatti
di gestione regolamentati oppure, più semplicemente, ad esso associati.

1

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PROGRAMMAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO
Il comune è l'ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura
gli interessi e ne promuove lo sviluppo. Anche la relazione al rendiconto
della gestione, come ogni altro atto collegato con il processo di
programmazione, deve ricondursi al riferimento legislativo stabilito
dall'ordinamento generale degli enti locali che indica il preciso
significato dell'esistenza del comune: una struttura organizzata che
opera continuamente nell'interesse generale della collettività servita.
Il crescente affermarsi di nuovi principi di gestione, fondati sulla
progressiva introduzione di criteri di economia aziendale, sta spostando
l'attenzione di molti operatori degli enti verso più efficaci criteri di
pianificazione finanziaria e di controllo sulla gestione. Questi criteri, che
mirano a migliorare il grado di efficienza, di efficacia e di economicità
dell'attività di gestione intrapresa dal comune, vanno tutti nella
medesima direzione: rendere più razionale l'uso delle risorse che sono
sempre limitate e con costi di approvvigionamento spesso elevati.

Il processo di programmazione, gestione e controllo consente di dare
concreto contenuto ai princìpi generali stabiliti dall'ordinamento degli
enti locali. Ad ogni organo spettano infatti precise competenze che si
traducono, dal punto di vista amministrativo, in diversi atti deliberativi
sottoposti all'approvazione del consiglio. E' in questo ambito che si
manifestano i ruoli dei diversi organi: al consiglio compete la definizione
delle scelte di ampio respiro mentre alla giunta spetta il compito di
tradurre gli obiettivi generali in risultati. Partendo da questa premessa,
in ogni esercizio ci sono tre distinti momenti nei quali il consiglio e la
giunta si confrontano su temi che riguardano l'uso delle risorse:
- Prima di iniziare l'esercizio finanziario, quando viene approvato il
bilancio di previsione con i documenti di carattere programmatorio;
- A metà esercizio, quando il consiglio comunale è tenuto a verificare e
poi deliberare sullo stato di attuazione dei programmi;
- Ad esercizio finanziario ormai concluso, quando viene deliberato il
conto del bilancio con il rendiconto dell'attività di gestione.
Con l'approvazione del bilancio di previsione, e soprattutto durante la
discussione sul contenuto della relazione previsionale e programmatica,
il consiglio comunale individua quali siano gli obiettivi strategici da
raggiungere nel triennio successivo ed approva i programmi di spesa
che vincoleranno poi l'amministrazione nello stesso intervallo di tempo.
La giunta, con la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e
la verifica degli equilibri di bilancio (30 settembre), mette al corrente il
consiglio sul grado di avanzamento degli obiettivi a suo tempo
programmati. In quella circostanza l'organo collegiale, qualora sia
venuto meno l'equilibrio tra entrate ed uscite su cui si regge il bilancio,
interviene approvando il riequilibrio generale della gestione. L'intervento
del consiglio comunale nell'attività di programmazione del singolo
comune termina con l'approvazione del rendiconto di esercizio (30
aprile successivo) quando il medesimo organo è chiamato a giudicare
l'operato della giunta ed a valutare il grado di realizzazione degli
obiettivi a suo tempo pianificati.
La programmazione di inizio esercizio viene dunque confrontata con i risultati raggiunti fornendo una precisa analisi
sull'efficienza e l'efficacia dell'azione intrapresa dall'intera struttura comunale. La relazione al rendiconto è pertanto
l'anello conclusivo di un processo di programmazione che ha avuto origine con l'approvazione del bilancio e con la
discussione, in tale circostanza, delle direttive programmatiche politico/finanziarie per il periodo successivo. I
princìpi che mirano all'economica gestione delle risorse richiedono infatti un momento finale di verifica sull'efficacia
dei comportamenti adottati durante l'esercizio trascorso. Questo tipo di valutazione costituisce, inoltre, un preciso
punto di riferimento per correggere i criteri di gestione del bilancio in corso e per affinare la tecnica di configurazione
degli obiettivi degli esercizi futuri. Il giudizio critico sui risultati conseguiti, infatti, tenderà ad influenzare le scelte di
programmazione che l'amministrazione dovrà adottare negli anni che saranno poi oggetto di programmazione
pluriennale. Esiste quindi un legame economico/finanziario che unisce i diversi esercizi, e questo genere di
interconnessioni diventa ancora più evidente proprio nel momento in cui il comune procede ad analizzare i risultati
conseguiti in un determinato esercizio.

2

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

IL RENDICONTO FINANZIARIO DELL'ESERCIZIO
Il conto del bilancio, quale sintesi contabile dell’intera attività finanziaria dell’ente, si chiude con un risultato
complessivo rappresentato dall’avanzo o dal disavanzo d’amministrazione. In base allo schema di calcolo stabilito
dal legislatore contabile, il saldo complessivo si compone di due distinti risultati: il risultato la gestione di competenza
e quello della gestione dei residui. La somma algebrica dei due importi consente di ottenere il valore complessivo del
risultato, mentre l’analisi disaggregata degli stessi fornisce maggiori informazioni su come, in concreto, l’ente abbia
finanziato il fabbisogno di spesa del singolo esercizio.
In linea di principio, si può affermare che un risultato positivo della sola competenza (avanzo) è un indice positivo
che mette in luce, alla fine dell’esercizio, la capacità dell’ente di coprire le spese correnti e d’investimento con un
adeguato flusso di entrate. Al contrario, un risultato negativo (disavanzo) dimostra una scarsa capacità di previsione
dell’andamento dei flussi delle entrate che conduce, al termine dell’esercizio, ad un valore complessivo delle spese
che non trova integralmente copertura con pari entrate. Il comune, in questo caso, è vissuto in quello specifico
esercizio al di sopra delle proprie possibilità (disavanzo di competenza).
I prospetti successivi mostrano in sequenza il risultato di amministrazione complessivo, il risultato della sola gestione
di competenza e, in un’ottica che mira a misurare il grado di realizzazione dei programmi, la differenza tra le risorse
destinate al finanziamento dei programmi e le risorse utilizzate per lo stesso scopo.
Movimenti 2014

RIASSUNTO DI AMMINISTRAZIONE 2014
(risultato dei residui, della competenza e risultato amministrazione)

Residui

Competenza

Totale

Fondo di cassa iniziale (01-01-2014)
Riscossioni
Pagamenti
Fondo cassa finale (31-12-2014)

(+)
(+)
(-)

994.709,56
1.262.693,38
1.651.161,45
606.241,49

4.402.045,02
4.042.952,32
359.092,70

994.709,56
5.664.738,40
5.694.113,77
965.334,19

Residui attivi
Residui passivi

(+)
(-)

11.445.864,91
12.008.461,71

1.956.315,38
2.128.840,08

13.402.180,29
14.137.301,79

43.644,69

186.568,00

230.212,69

Risultato: Avanzo (+) o Disavanzo (-)
Avanzo/Disavanzo esercizio precedente applicato

(+/-)

Composizione del risultato (Residui e competenza)

0,00

0,00

43.644,69

186.568,00

Operazioni di gestione

RISULTATI DELLA GESTIONE DI COMPETENZA 2014
(Competenza)

Accertamenti

Corrente
Investimenti
Movimento fondi
Servizi conto terzi

(+)
(+)
(+)
(+)

Impegni

5.403.368,14
431.309,40
0,00
523.682,86

5.620.996,48
26.989,00
0,00
523.806,92

Risultato di gestione (Avanzo/Disavanzo competenza)
Competenza
Stanz. finali
(+)
(-)

Avanzo (+) o Disavanzo (-) gestione programmi

-217.628,34
404.320,40
0,00
-124,06
186.568,00

RISULTATO FINANZIARIO DELLA GESTIONE DEI PROGRAMMI 2014
(Risorse movimentate dai programmi)
Totale delle risorse destinate ai programmi
Totale delle risorse impiegate nei programmi

Risultato

9.385.279,34
9.469.820,56

Acc./Impegni
5.834.677,54
5.647.985,48

Scostamento
-3.550.601,80
-3.821.835,08

186.692,06

Il rendiconto finanziario 2014 del Comune di Luzzi, chiude con un avanzo di amministrazione di Euro 230.212,69.
Questo risultato complessivo è composto da due distinti risultati:
·
Gestione di competenza: Euro 186.568,00;
·
Gestione residui: Euro 43.644,69.
Secondo le disposizioni dell’ordinamento contabile, l’avanzo di amministrazione è scomposto ai fini del suo utilizzo
nei seguenti fondi:
·
Fondi vincolati per spese correnti: Euro 192.574,70;
·
Fondi vincolati per investimenti: Euro 0,00;
Fondi non vincolati: Euro 0,00.

3

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE COMPLESSIVO
Il consuntivo è il documento ufficiale con il quale ogni
amministrazione rende conto ai cittadini su come siano
stati realmente impiegati i soldi pubblici gestiti in un
determinato arco di tempo (esercizio). Conti alla mano, si
tratta di spiegare dove e come sono state gestite le
risorse reperite nell'anno ma anche di misurare i risultati
conseguiti, ottenuti con il lavoro messo in atto dall'intera
organizzazione. L'obiettivo è quello di misurare lo stato di
salute dell'ente, confrontando le aspettative con i risultati
oggettivi. E' il caso di precisare che mentre il rendiconto
di un esercizio valuta le performance di quello specifico
anno, con il rendiconto di mandato la giunta formulerà le
proprie considerazioni sull'attività svolta nel corso
dell'intero quinquennio. In entrambi i casi, il destinatario
finale del rendiconto sarà sempre il cittadino.

Ponendo l'attenzione sul singolo esercizio, l'attività finanziaria svolta dal comune in un anno termina con il conto di
bilancio, un documento ufficiale dove si confrontano le risorse reperite con quelle utilizzate. Il rendiconto può
terminare con un risultato positivo, chiamato avanzo, oppure con un saldo negativo, detto disavanzo. Il grafico
riprende gli importi esposti nella tabella di fine pagina e mostra il risultato conseguito negli ultimi anni. È solo il caso
di precisare che l’avanzo di un esercizio può essere impiegato per aumentare le spese di quello successivo, mentre
il possibile disavanzo deve essere tempestivamente ripianato. Ma questo genere di valutazione non si limita ai soli
movimenti di competenza ma si estende anche al saldo tra riscossioni e pagamenti. Ogni famiglia, infatti, conosce
bene la differenza tra il detenere soldi subito spendibili, come i contanti o i depositi bancari, e il vantare invece crediti
verso altri soggetti nei confronti dei quali è solo possibile agire per sollecitare il rapido pagamento del dovuto.
Analoga situazione si presenta nelle casse comunali che hanno bisogno di un afflusso costante di denaro liquido che
consenta il pagamento regolare dei fornitori. Con una cassa non adeguata, infatti, è necessario ricorrere al credito
bancario oneroso. Il secondo grafico accosta il risultato e la situazione di cassa del medesimo esercizio.

Risultato

RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE
(Risultati a confronto)

2013

2014

Scostamento

Fondo di cassa iniziale (01-01)
Riscossioni
Pagamenti
Fondo cassa finale (31-12)

(+)
(+)
(-)

1.124.761,13
6.459.673,12
6.589.724,69
994.709,56

994.709,56
5.664.738,40
5.694.113,77
965.334,19

-130.051,57
-794.934,72
-895.610,92
-29.375,37

Residui attivi
Residui passivi

(+)
(-)

12.937.237,01
13.835.669,46

13.402.180,29
14.137.301,79

464.943,28
301.632,33

96.277,11

230.212,69

133.935,58

Risultato: Avanzo (+) o Disavanzo (-)

4

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

RISULTATO DI PARTE CORRENTE E IN C/CAPITALE
Approvando il bilancio di previsione, il consiglio comunale individua gli obiettivi e destina le corrispondenti risorse
rispettando la norma che impone il pareggio complessivo tra disponibilità e impieghi. In questo ambito, viene
pertanto scelta qual è l'effettiva destinazione della spesa e con quali risorse essa viene ad essere, in concreto,
finanziata. L'amministrazione può agire in quattro direzioni ben definite: la gestione corrente, gli interventi negli
investimenti, l'utilizzo dei movimenti di fondi e la registrazione dei servizi C/terzi.
Ognuno di questi comparti può essere inteso come un'entità autonoma che produce un risultato di gestione: avanzo,
disavanzo, pareggio. Mentre i movimenti di fondi ed i servizi C/terzi (partite di giro) generalmente pareggiano, ciò non
si verifica mai nella gestione corrente e solo di rado in quella degli investimenti. Il valore del rispettivo risultato
(avanzo/disavanzo) ha un preciso significato nella valutazione dei risultati di fine esercizio, visti però in un'ottica
prettamente contabile e finanziaria. L'analisi sullo stato di realizzazione dei programmi a suo tempo pianificati
abbraccia invece tematiche e criteri di valutazione che sono diversi, e decisamente più articolati.
Il prospetto riporta i risultati delle quattro gestioni, viste come previsioni di bilancio (stanziamenti), come valori finali
(accertamenti/impegni) ed infine come differenza tra questi due valori (scostamento). Come anticipato, si tratta di un
tipo di rappresentazione prettamente numerica e contabile e che sarà invece sviluppata solo in un secondo tempo,
affrontando ambiti più vasti.

Competenza

RISULTATI DELLA GESTIONE DI COMPETENZA 2014
(Composizione degli equilibri)

Stanz. finali

Acc./Impegni

Scostamento

Bilancio corrente
Entrate Correnti
Uscite Correnti

(+)
(-)
Avanzo (+) o Disavanzo (-) corrente

6.705.379,34
6.814.985,56

5.403.368,14
5.620.996,48

-109.606,22

-217.628,34

2.679.900,00
2.654.835,00

431.309,40
26.989,00

25.065,00

404.320,40

0,00
0,00

0,00
0,00

0,00

0,00

1.116.355,00
1.116.355,00

523.682,86
523.806,92

0,00

-124,06

10.501.634,34
10.586.175,56

6.358.360,40
6.171.792,40

-84.541,22

186.568,00

-1.302.011,20
-1.193.989,08

Bilancio investimenti
Entrate Investimenti
Uscite Investimenti

(+)
(-)
Avanzo (+) o Disavanzo (-) investimenti

-2.248.590,60
-2.627.846,00

Bilancio movimento di fondi
Entrate Movimento di Fondi
Uscite Movimento di Fondi

(+)
(-)
Avanzo (+) o Disavanzo (-) movimento di fondi

0,00
0,00

Bilancio servizi per conto di terzi
Entrate Servizi per Conto di Terzi
Uscite Servizi per Conto di Terzi

(+)
(-)
Avanzo (+) o Disavanzo (-) servizi per conto di terzi

-592.672,14
-592.548,08

TOTALE GENERALE
Entrate bilancio
Uscite bilancio

(+)
(-)
AVANZO (+) o DISAVANZO (-) di competenza

-4.143.273,94
-4.414.383,16

Dal prospetto possiamo notare una differenza in negativo sul Bilancio corrente di Euro 217.628,34 e una differenza
in positivo sul Bilancio investimenti di Euro 404.320,40.
Il saldo complessivo della gestione di competenza, tenuto conto anche della lievissima differenza sui movimenti di
fondi ed i servizi C/terzi (partite di giro) ci dà un avanzo di competenza di Euro 186.568,00.
5

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISULTATI
Il bilancio prevede l'aggregazione delle entrate e delle uscite in Titoli. Le entrate, depurate dai servizi per conto di
terzi (partite di giro) ed eventualmente dai movimenti di fondi, indicano l'ammontare complessivo delle risorse
destinate al finanziamento dei programmi di spesa. Allo stesso tempo il totale delle spese, sempre calcolato al netto
dei servizi per conto di terzi ed eventualmente depurato anche dai movimenti di fondi, descrive il volume complessivo
delle risorse impiegate nei programmi. Il bilancio di previsione deve riportare sempre il pareggio tra le entrate
previste e le decisioni di spesa che si intendono realizzare. Questo comporta che l'ente è autorizzato ad intervenire
nel proprio territorio con specifici interventi di spesa solo se l'attività posta in essere ha ottenuto il necessario
finanziamento. La conseguenza di questa precisa scelta di fondo è facilmente intuibile: il bilancio di previsione nasce
sempre dalla verifica a priori dell'entità delle risorse disponibili (stima degli accertamenti di entrata) ed è solo sulla
scorta di questi importi che l'amministrazione definisce i propri programmi di spesa (destinazione delle risorse in
uscita).
Spostando l'attenzione nella valutazione a posteriori, le previsioni del fabbisogno di risorse destinate ai programmi
(stanziamenti di entrata) si sono trasformate in accertamenti mentre la stima del fabbisogno di spesa (stanziamenti di
uscita) hanno prodotto la formazione di impegni. Mentre in sede di formazione del bilancio, come nei suoi successivi
aggiornamenti periodici (variazioni di bilancio) esisteva l'obbligo del pareggio tra fonti e impieghi (le risorse destinate
dovevano essere interamente destinate a finanziare il volume delle risorse impiegate), a rendiconto questo equilibrio
non sussiste più. La differenza tra fonti e impieghi effettuata a consuntivo, infatti, mostrerà la formazione di un
differenziale che, se positivo, assume la denominazione di Avanzo di competenza mentre, in caso contrario,
prenderà il nome di Disavanzo di competenza.
Competenza

RISORSE DESTINATE AI PROGRAMMI
(Fonti finanziarie)

Stanz. finali

Tributi (Tit.1)
Trasferimenti dello Stato, Regione ed enti (Tit.2)
Entrate extratributarie (Tit.3)
Alienazione beni, trasferimento capitali e riscossione di crediti (Tit.4)
Accensione di prestiti (Tit.5)
Avanzo di amministrazione

(+)
(+)
(+)
(+)
(+)
(+)

Totale delle risorse destinate ai programmi

Accertamenti

4.638.332,10
741.212,35
1.325.834,89
2.429.900,00
250.000,00
0,00

4.484.941,85
434.791,36
483.634,93
431.309,40
0,00
0,00

-153.390,25
-306.420,99
-842.199,96
-1.998.590,60
-250.000,00
0,00

9.385.279,34

5.834.677,54

-3.550.601,80

Competenza

RISORSE IMPIEGATE NEI PROGRAMMI
(Utilizzi economici)

Stanz. finali

Spese correnti (Tit.1)
Spese in conto capitale (Tit.2)
Rimborso di prestiti (Tit.3)
Disavanzo di amministrazione

(+)
(+)
(+)
(+)
Totale delle risorse impiegate nei programmi

6

Scostamento

Impegni

Scostamento

6.595.700,56
2.654.835,00
219.285,00
0,00

5.434.477,12
26.989,00
186.519,36
0,00

-1.161.223,44
-2.627.846,00
-32.765,64
0,00

9.469.820,56

5.647.985,48

-3.821.835,08

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

FONTI FINANZIARIE E UTILIZZI ECONOMICI
Il bilancio di previsione è lo strumento finanziario con cui l'Amministrazione è autorizzata ad impiegare le risorse
destinandole al finanziamento di spese correnti e spese d'investimento, accompagnate dalla presenza di eventuali
movimenti di fondi. I servizi C/terzi (partite di giro), essendo operazioni effettuate per conto di soggetti esterni, sono
estranei alla gestione economica dell'ente e quindi non influiscono in alcun modo nella programmazione e nel
successivo utilizzo delle risorse comunali. La struttura classica del bilancio di previsione, composta solo da
riferimenti contabili, impedisce di individuare quali e quanti sono gli obiettivi che l'amministrazione si prefigge di
perseguire nell'esercizio. Questo è il motivo per cui al bilancio di previsione è allegata la relazione previsionale e
programmatica.
Con l'approvazione di questo importante documento, le dotazioni di bilancio sono ricondotte al loro reale significato
di stanziamenti destinati a realizzare predefiniti programmi. Il programma costituisce quindi la sintesi tra la
programmazione di carattere politico e quella di origine prettamente finanziaria. Già la semplice esposizione
dell'ammontare globale di tutti i programmi di spesa, intesi come complesso di risorse utilizzate per finanziare le
spese di gestione (bilancio corrente), gli interventi in conto capitale (bilancio investimenti) e le operazioni dal puro
contenuto finanziario (movimento fondi), mette in condizione l'ente di determinare il risultato finale della gestione dei
programmi.
Il prospetto di fine pagina espone, con una visione molto sintetica, l'andamento generale della programmazione
finanziaria (gestione dei programmi) attuata nell'esercizio. Sia le entrate destinate alla realizzazione dei programmi
che le uscite impiegate nei programmi fanno esclusivo riferimento agli stanziamenti della sola competenza. Mentre la
prima colonna indica il volume di risorse complessivamente stanziate (bilancio di previsione e successivi
aggiornamenti), la seconda riporta le entrate effettivamente accertate e gli impegni registrati in contabilità. La
differenza tra i due valori indica il risultato della gestione dei programmi (avanzo, disavanzo o pareggio). L'ultima
colonna mostra infine lo scostamento intervenuto tra la previsione e l'effettiva gestione dei programmi.
Come andremo meglio a descrivere negli argomenti seguenti della relazione, è il caso di precisare fin d'ora che il
risultato della gestione (competenza) è solo uno dei criteri che possono portare ad una valutazione complessiva sui
risultati dell'ente, in quanto il grado di soddisfacimento della domanda di servizi e di infrastrutture avanzata dal
cittadino e dai suoi gruppi di interesse, infatti, tende ad essere misurata con una serie di indicatori in cui il parametro
finanziario, è solo uno dei più importanti, ma non il solo.

Competenza

RISULTATO FINANZIARIO DELLA GESTIONE DEI PROGRAMMI 2014
(Risorse movimentate dai programmi)
Entrate: Totale delle risorse destinate ai programmi
Uscite: Totale delle risorse impiegate nei programmi

Stanz. finali
(+)
(-)

Avanzo (+) o Disavanzo (-) gestione programmi

7

Accert./Impegni

9.385.279,34
9.469.820,56

5.834.677,54
5.647.985,48

-84.541,22

186.692,06

Scostamento
-3.550.601,80
-3.821.835,08

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

LE RISORSE DESTINATE AI PROGRAMMI
L'ammontare della spesa impiegata nei diversi programmi dipende dalla disponibilità reale di risorse che, nella
contabilità comunale, sono classificate in spesa di parte corrente e in uscite in conto capitale. Partendo da questa
constatazione, il prospetto successivo indica quali siano state le risorse complessivamente previste dal comune
nell'esercizio appena chiuso (stanziamenti), quante di queste si siano tradotte in effettive disponibilità utilizzabili
(accertamenti) e quale, infine, sia stata la loro composizione contabile.
Siamo pertanto in presenza di risorse di parte corrente, come i tributi, i trasferimenti in C/gestione, le entrate
extratributarie, gli oneri di urbanizzazione destinati a finanziare le manutenzioni ordinarie, l'avanzo applicato al
bilancio corrente, oppure di risorse in conto capitale, come le alienazione di beni ed trasferimenti di capitale, le
accensione di prestiti, l'avanzo applicato al bilancio degli investimenti, le entrate correnti destinate a finanziare le
spese in conto capitale, e così via. Ed è proprio la configurazione attribuita dall'ente al singolo programma a
determinare quali e quante di queste risorse confluiscono poi in uno o più programmi; non esiste, a tale riguardo, una
regola precisa, per cui la scelta della denominazione e del contenuto di ogni programma è libera ed ogni comune
può, in questo ambito, agire in piena e totale autonomia.
La tabella successiva riporta le disponibilità destinate al finanziamento dei programmi di spesa dell'ultimo esercizio
raggruppate in risorse di parte corrente e in conto capitale. Le colonne indicano le previsioni definitive, gli
accertamenti di competenza e la misura dello scostamento che si è verificato tra questi due valori.

ENTRATE CORRENTI: COMPETENZA 2014

Stanz.finali

Tributi
Trasferimenti
Entrate extratributarie
Entrate correnti specifiche per investimenti
Entrate correnti generiche per investimenti

(+)
(+)
(+)
(-)
(-)
Risorse ordinarie

Avanzo applicato a bilancio corrente
Entrate C/capitale per spese correnti
Entrate Accensione di prestiti per spese correnti

(+)
(+)
(+)

Accertamenti

Scostamento

4.638.332,10
741.212,35
1.325.834,89
0,00
0,00

4.484.941,85
434.791,36
483.634,93
0,00
0,00

-153.390,25
-306.420,99
-842.199,96
0,00
0,00

6.705.379,34

5.403.368,14

-1.302.011,20

0,00
0,00
0,00

0,00
0,00
0,00

0,00
0,00
0,00

Risorse straordinarie

0,00

0,00

0,00

Entrate correnti destinate ai programmi (a)

6.705.379,34

5.403.368,14

-1.302.011,20

ENTRATE INVESTIMENTI: COMPETENZA 2014

Stanz.finali

Trasferimenti capitale
Entrate C/capitale per spese correnti
Entrate correnti specifiche per investimenti
Entrate correnti generiche per investimenti
Avanzo applicato a bilancio investimenti

(+)
(-)
(+)
(+)
(+)
Risorse gratuite

Accensione di prestiti
Entrate Accensione di prestiti per spese correnti

(+)
(-)

Accertamenti

Scostamento

2.429.900,00
0,00
0,00
0,00
0,00

431.309,40
0,00
0,00
0,00
0,00

-1.998.590,60
0,00
0,00
0,00
0,00

2.429.900,00

431.309,40

-1.998.590,60

250.000,00
0,00

0,00
0,00

-250.000,00
0,00

Risorse onerose

250.000,00

0,00

-250.000,00

Entrate investimenti destinate ai programmi (b)

2.679.900,00

431.309,40

-2.248.590,60

RIEPILOGO ENTRATE: COMPETENZA 2014

Stanz.finali

Entrate correnti
Entrate investimenti

Accertamenti

Scostamento

(+)
(+)

6.705.379,34
2.679.900,00

5.403.368,14
431.309,40

-1.302.011,20
-2.248.590,60

9.385.279,34

5.834.677,54

-3.550.601,80

(+)

1.116.355,00

523.682,86

-592.672,14

Altre entrate (c)

1.116.355,00

523.682,86

-592.672,14

Totale entrate bilancio (a+b+c)

10.501.634,34

6.358.360,40

-4.143.273,94

Totale entrate destinate ai programmi (a+b)
Servizi conto terzi

8

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

LE RISORSE IMPIEGATE NEI PROGRAMMI
Gli importi contenuti nella precedente tabella indicavano il volume complessivo delle risorse di entrata che si sono
rese disponibili nel corso dell'esercizio e che sono state, di conseguenza, destinate a finanziare i vari programmi di
spesa deliberati dall'amministrazione. Ma il programma, a sua volta, può essere composto esclusivamente da
interventi di parte corrente (è il caso, ad esempio, di un programma che si occupa solo degli interventi nel campo
delle manifestazioni culturali), da spese del solo comparto in conto capitale (è il caso, ad esempio, di un programma
che definisce tutti gli interventi della manutenzione straordinaria del patrimonio disponibile ed indisponibile) o da
spese di origine sia corrente che in conto capitale (è il caso, ad esempio, di un programma che abbia per oggetto il
finanziamento di tutte le spese che rientrano tra i servizi riconducibili all'amministrazione generale o alla gestione del
territorio e dell'ambiente).
Partendo da questa premessa, il quadro riportato nella pagina mostra come queste risorse sono state utilizzate per
finanziare spese correnti, interventi in conto capitale ed eventualmente movimenti di fondi. Il totale generale indica
perciò il valore complessivo dei programmi di spesa gestiti durante questo esercizio. Si tratta di dati di estrema
sintesi ma che costituiscono la necessaria premessa per analizzare, in un secondo tempo, la composizione di ogni
singolo programma.
Le tre colonne rappresentano, per la sola gestione della competenza, le previsioni definitive di uscita, gli impegni
assunti durante l'esercizio e la differenza algebrica tra questi due valori finanziari. La dimensione di questo divario
dipende direttamente dallo scostamento che si è verificato tra le previsioni definitive ed i rispettivi accertamenti
complessivi di entrata.

USCITE CORRENTI: COMPETENZA 2014

Stanz.finali

Spese correnti
Rimborso di prestiti

(+)
(+)

Impegni

Scostamento

6.595.700,56
219.285,00

5.434.477,12
186.519,36

-1.161.223,44
-32.765,64

6.814.985,56

5.620.996,48

-1.193.989,08

0,00

0,00

0,00

Impieghi straordinari

0,00

0,00

0,00

Uscite correnti impiegate nei programmi (a)

6.814.985,56

5.620.996,48

-1.193.989,08

Impieghi ordinari
Disavanzo applicato al bilancio

(+)

USCITE INVESTIMENTI: COMPETENZA 2014

Stanz.finali

Spese in conto capitale

(+)
Uscite investimenti impiegate nei programmi (b)

RIEPILOGO USCITE: COMPETENZA 2014
(+)
(+)
Totale uscite impiegate nei programmi (a+b)
Servizi conto terzi

(+)

Scostamento

2.654.835,00

26.989,00

-2.627.846,00

2.654.835,00

26.989,00

-2.627.846,00

Stanz.finali

Uscite correnti
Uscite investimenti

Impegni

Impegni

Scostamento

6.814.985,56
2.654.835,00

5.620.996,48
26.989,00

-1.193.989,08
-2.627.846,00

9.469.820,56

5.647.985,48

-3.821.835,08

1.116.355,00

523.806,92

-592.548,08

Altre uscite (c)

1.116.355,00

523.806,92

-592.548,08

Totale uscite bilancio (a+b+c)

10.586.175,56

6.171.792,40

-4.414.383,16

9

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

IL CONSUNTIVO LETTO PER PROGRAMMI
La relazione previsionale e programmatica, o qualunque altro analogo documento di indirizzo generale, è lo
strumento di orientamento politico e programmatorio mediante il quale il consiglio, organo rappresentativo della
collettività locale, individua e specifica quali saranno gli obiettivi generali da perseguire nel successivo triennio.
Questa attività di indirizzo tende ad assicurare un ragionevole grado di coerenza tra le scelte di programmazione e la
reale disponibilità di risorse certe o prevedibili. La lettura del bilancio "per programmi" permette quindi di associare
l'obiettivo strategico alla rispettiva dotazione finanziaria: è il quadro sintetico che riconduce la creatività politica alla
rigida legge degli equilibri di bilancio. I programmi di spesa sono quindi i punti di riferimento con i quali misurare, una
volta ultimato l'esercizio, l'efficacia dell'azione intrapresa dall'azienda Comune.
Ogni programma può essere costituito da spesa corrente, che comprende gli interventi di funzionamento e la spesa
indotta dalla restituzione del capitale mutuato o del ricorso alle anticipazioni di cassa, e da spese per investimento.
La tabella riporta l'elenco sintetico dei vari programmi di spesa gestiti nell'anno appena chiuso, mentre nei capitoli
che seguono l'argomento sarà nuovamente ripreso per concentrare l'analisi su due aspetti importanti della gestione:
- Lo stato di realizzazione dei programmi, visto come lo scostamento che si è verificato nel corso dell'esercizio tra la
previsione e l'impegno della spesa;
- Il grado di ultimazione dei programmi, inteso come lo scostamento tra l'impegno di spesa ed il pagamento della
relativa obbligazione.
Si passerà, pertanto, da un'approccio di tipo sintetico ad un'analisi dal contenuto più dettagliato e analitico; da una
visione della programmazione nel suo insieme ad un riscontro sul contenuto e sull'efficacia dell'azione intrapresa
dalla macchina comunale. Se nella fase di programmazione la responsabilità delle scelte è prettamente politica, nella
successiva attività di gestione il peso dell'apparato tecnico diventa particolarmente rilevante.

Impegni di competenza

Composizione dei programmi 2014
(Denominazione)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20

Corrente

Amministrazione gen e organi istituz.
Gestione economica e finanziaria
Gestione patrimonio servizio tecnico
Servizi anagrafici e statistici
Polizia municipale e vigilanza
Pubblica istruzione
Cultura
Promozione sportiva e turistica
Viabilità e manutenzione
Illuminazione pubblica e gest. territ.
Protezione civile e gestione verde
Servizio idrico integrato
Servizi smaltimento rifiuti
Assistenza sociale ed all'infanzia
Servizio necroscopico e cimiteriale
Sviluppo economico
Gestione tributaria e servizi fiscali
Urbanistica e territorio
Lavori pubblici ed investimenti
Personale ed organizzazione
Programmi effettivi di spesa

Investimenti

Totale

258.617,24
2.498.120,69
105.363,17
93.442,95
57.652,88
598.232,53
35.294,83
28.200,00
113.123,73
251.869,80
15.849,00
185.000,00
810.192,01
131.453,82
8.134,00
999,80
39.282,61
25.880,19
0,00
357.658,39

0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
194.189,40
0,00

258.617,24
2.498.120,69
105.363,17
93.442,95
57.652,88
598.232,53
35.294,83
28.200,00
113.123,73
251.869,80
15.849,00
185.000,00
810.192,01
131.453,82
8.134,00
999,80
39.282,61
25.880,19
194.189,40
357.658,39

5.614.367,64

194.189,40

5.808.557,04

Disavanzo di amministrazione

0,00

Totale delle risorse impiegate nei programmi

5.808.557,04

10

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

LO STATO DI REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI
L'esito finanziario della programmazione è influenzato dai
risultati conseguiti dalle componenti elementari di ogni
singolo programma: la spesa corrente, che comprende gli
interventi di funzionamento (Tit.1 - Spese correnti) e la
restituzione del debito contratto (Tit.3 - Rimborso di
prestiti), e le spese per investimento (Tit.2 - Spese in
Conto capitale). Qualsiasi tipo di verifica sull'andamento
della gestione di competenza che si fondi, come in questo
caso, sull'osservazione del grado di realizzo di ogni
programma non può ignorare l'importanza di questi
elementi. La percentuale di realizzo degli investimenti (%
impegnato) dipende dal verificarsi di fattori esterni che
possono essere stati indotti in minima parte dall'ente. E' il
caso dei lavori pubblici che il comune voleva finanziare
con contributi in C/capitale della provincia, dello Stato o
della regione, dove la fattibilità dell'investimento era però
subordinata alla concessione dei relativi mezzi .
Un basso grado di realizzazione degli investimenti rilevato in alcuni programmi, pertanto, può dipendere dalla
mancata concessione di uno o più contributi di questo genere. La percentuale di realizzazione non è quindi l'unico
elemento che va considerato per poter esprimere un giudizio sull'andamento nella gestione delle opere pubbliche.
A differenza della componente d'investimento, l'impegno delle risorse in parte corrente dipende spesso dalla
capacità dell'ente di attivare rapidamente le procedure amministrative di acquisto dei fattori produttivi. Si tratta, in
questo caso, di spese destinate alla gestione ordinaria del comune. All'interno di ogni programma, la percentuale di
realizzazione della componente "spesa corrente" diventa quindi un elemento rappresentativo del grado di efficienza
della macchina comunale. Come per gli investimenti, si verificano però alcune eccezioni che vanno considerate:
- All'interno delle spese correnti sono collocati gli stanziamenti finanziati con entrate "a specifica destinazione". La
mancata concessione di questi contributi produce sia una minore entrata (stanziamento non accertato) che una
economia di spesa (minore uscita). La carenza di impegno può quindi essere solo apparente.
- Una gestione tesa alla costante ricerca dell'economicità produce sicuramente un risparmio di risorse che, se
immediatamente utilizzate, aumentano il volume della spesa corrente di quell'esercizio. Lo stesso fenomeno, ma
rilevato solo a consuntivo, genera invece un'economia di spesa che influisce nella dimensione dell'avanzo di
amministrazione. In questo caso, il mancato impegno ha avuto origine da un uso economico delle risorse che, non
tempestivamente rilevato, ha prodotto invece a consuntivo un'economia di spesa.
- La strategia del comune può essere finalizzata al contenimento continuo della spesa corrente. Quello che nel
precedente punto era un fenomeno occasionale si trasforma, in questa seconda ipotesi, in una sistematica ricerca
di contenimento della spesa. I risultati di questo comportamento saranno visibili a consuntivo quando l'avanzo di
gestione raggiungerà valori consistenti. Questa strategia è tesa a garantire nell'esercizio successivo un elevato
grado di autofinanziamento degli investimenti che potranno così essere finanziati con mezzi propri, e precisamente
nella forma di avanzo della gestione.
La spesa per il rimborso dell'indebitamento può incidere in modo significativo sul risultato finale per programma.
Collocata al Titolo 3 delle spese, è composto da due elementi ben distinti: il rimborso delle quote di capitale per
l'ammortamento dei mutui e la resa delle anticipazioni di cassa. La restituzione dei prestiti contratti nei precedenti
esercizi incide sul risultato del programma, ma solo dal punto di vista finanziario. E' infatti un'operazione priva di
margine di discrezionalità, essendo la diretta conseguenza economico/patrimoniale di precedenti operazioni
creditizie. Il quadro successivo riporta lo stato di realizzazione dei programmi fornendo le seguenti informazioni:
- Il valore di ogni programma (totale programma);
- Le risorse previste in bilancio (stanziamenti finali) distinte da quelle effettivamente attivate (impegni competenza);
- La destinazione delle risorse al finanziamento della spesa corrente e delle spese per investimento;
- La percentuale di realizzazione (% impegnato) sia generale che per singole componenti.
Competenza

Stato di realizzazione generale dei programmi 2014
(Denominazione dei programmi)

Stanz. finali

Amministrazione gen e organi istituz.
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Gestione economica e finanziaria
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma

11

Impegni

% Impegnato

305.488,00
0,00

258.617,24
0,00

84,66 %
0,00 %

305.488,00

258.617,24

84,66 %

2.735.398,00
0,00

2.498.120,69
0,00

91,33 %
0,00 %

2.735.398,00

2.498.120,69

91,33 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

Gestione patrimonio servizio tecnico
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizi anagrafici e statistici
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Polizia municipale e vigilanza
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Pubblica istruzione
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Cultura
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Promozione sportiva e turistica
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Viabilità e manutenzione
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Illuminazione pubblica e gest. territ.
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Protezione civile e gestione verde
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizio idrico integrato
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizi smaltimento rifiuti
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Assistenza sociale ed all'infanzia
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizio necroscopico e cimiteriale
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Sviluppo economico
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Gestione tributaria e servizi fiscali
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Urbanistica e territorio
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Lavori pubblici ed investimenti
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma

12

806.680,00
0,00

105.363,17
0,00

13,06 %
0,00 %

806.680,00

105.363,17

13,06 %

117.500,00
0,00

93.442,95
0,00

79,53 %
0,00 %

117.500,00

93.442,95

79,53 %

62.601,00
0,00

57.652,88
0,00

92,10 %
0,00 %

62.601,00

57.652,88

92,10 %

652.620,00
0,00

598.232,53
0,00

91,67 %
0,00 %

652.620,00

598.232,53

91,67 %

103.740,00
0,00

35.294,83
0,00

34,02 %
0,00 %

103.740,00

35.294,83

34,02 %

54.200,00
0,00

28.200,00
0,00

52,03 %
0,00 %

54.200,00

28.200,00

52,03 %

120.766,00
0,00

113.123,73
0,00

93,67 %
0,00 %

120.766,00

113.123,73

93,67 %

310.100,00
0,00

251.869,80
0,00

81,22 %
0,00 %

310.100,00

251.869,80

81,22 %

41.200,00
0,00

15.849,00
0,00

38,47 %
0,00 %

41.200,00

15.849,00

38,47 %

441.872,00
0,00

185.000,00
0,00

41,87 %
0,00 %

441.872,00

185.000,00

41,87 %

881.907,56
0,00

810.192,01
0,00

91,87 %
0,00 %

881.907,56

810.192,01

91,87 %

214.740,00
0,00

131.453,82
0,00

61,22 %
0,00 %

214.740,00

131.453,82

61,22 %

11.200,00
0,00

8.134,00
0,00

72,62 %
0,00 %

11.200,00

8.134,00

72,62 %

3.000,00
0,00

999,80
0,00

33,33 %
0,00 %

3.000,00

999,80

33,33 %

95.523,00
0,00

39.282,61
0,00

41,12 %
0,00 %

95.523,00

39.282,61

41,12 %

79.680,00
0,00

25.880,19
0,00

32,48 %
0,00 %

79.680,00

25.880,19

32,48 %

0,00
1.738.966,00

0,00
194.189,40

0,00 %
11,17 %

1.738.966,00

194.189,40

11,17 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

Personale ed organizzazione
Spesa corrente
Spese per investimento

428.639,00
0,00

357.658,39
0,00

83,44 %
0,00 %

Totale programma

428.639,00

357.658,39

83,44 %

Totale generale

9.205.820,56

5.808.557,04

63,10 %

Disavanzo di amministrazione

0,00

0,00

Totale delle risorse impiegate nei programmi

9.205.820,56

5.808.557,04

13

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

IL GRADO DI ULTIMAZIONE DEI PROGRAMMI
Lo stato di realizzazione è forse l'indice più semplice per
valutare l'efficacia della programmazione attuata. La
tabella precedente forniva infatti un'immediata immagine
del volume di risorse attivate nell'esercizio per finanziare i
singoli programmi. I dati indicati nella colonna degli
impegni offrivano adeguate informazioni sul valore degli
interventi assunti nel bilancio corrente ed investimenti. Ma
la contabilità espone anche un'altro dato, seppure di
minore importanza, utile per valutare l'andamento della
gestione: il grado di ultimazione dei programmi attivati,
inteso come il rapporto tra gli impegni di spesa ed i
relativi pagamenti effettuati nello stesso esercizio. In una
congiuntura economica dove non è facile disporre di
liquidità, la velocità nei pagamenti è un indice della
presenza o meno di questo elemento di criticità.

La capacità di ultimare il procedimento di spesa fino al completo pagamento delle obbligazioni assunte può
diventare, solo per quanto riguarda la spesa corrente, uno degli indici da prendere in considerazione per valutare
l'efficienza dell'apparato comunale. La velocità media con cui il comune paga i propri fornitori può influire sulla qualità
dei servizi resi, ma soprattutto sul prezzo di aggiudicazione praticato dai fornitori. Il giudizio di efficienza nella
gestione dei programmi andrà però limitato alla sola componente "spesa corrente". Le spese in C/capitale hanno di
solito tempi di realizzo pluriennali ed il volume dei pagamenti che si verificano nell'anno in cui viene attivato
l'investimento è privo di particolare significatività.

Competenza

Grado di ultimazione dei programmi 2014
(Denominazione dei programmi)

Impegni

Amministrazione gen e organi istituz.
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Gestione economica e finanziaria
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Gestione patrimonio servizio tecnico
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizi anagrafici e statistici
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Polizia municipale e vigilanza
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Pubblica istruzione
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Cultura
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Promozione sportiva e turistica
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Viabilità e manutenzione
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma

14

Pagamenti

% Pagato

258.617,24
0,00

106.178,04
0,00

41,06 %
0,00 %

258.617,24

106.178,04

41,06 %

2.498.120,69
0,00

2.026.754,59
0,00

81,13 %
0,00 %

2.498.120,69

2.026.754,59

81,13 %

105.363,17
0,00

38.173,80
0,00

36,23 %
0,00 %

105.363,17

38.173,80

36,23 %

93.442,95
0,00

48.704,27
0,00

52,12 %
0,00 %

93.442,95

48.704,27

52,12 %

57.652,88
0,00

23.766,75
0,00

41,22 %
0,00 %

57.652,88

23.766,75

41,22 %

598.232,53
0,00

366.761,37
0,00

61,31 %
0,00 %

598.232,53

366.761,37

61,31 %

35.294,83
0,00

24.537,50
0,00

69,52 %
0,00 %

35.294,83

24.537,50

69,52 %

28.200,00
0,00

8.200,00
0,00

29,08 %
0,00 %

28.200,00

8.200,00

29,08 %

113.123,73
0,00

67.347,95
0,00

59,53 %
0,00 %

113.123,73

67.347,95

59,53 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

Illuminazione pubblica e gest. territ.
Spesa corrente
Spese per investimento

251.869,80
0,00

170.415,86
0,00

67,66 %
0,00 %

251.869,80

170.415,86

67,66 %

15.849,00
0,00

805,00
0,00

5,08 %
0,00 %

15.849,00

805,00

5,08 %

185.000,00
0,00

0,00
0,00

0,00 %
0,00 %

185.000,00

0,00

0,00 %

810.192,01
0,00

325.023,57
0,00

40,12 %
0,00 %

810.192,01

325.023,57

40,12 %

131.453,82
0,00

61.958,27
0,00

47,13 %
0,00 %

131.453,82

61.958,27

47,13 %

8.134,00
0,00

5.316,19
0,00

65,36 %
0,00 %

8.134,00

5.316,19

65,36 %

999,80
0,00

0,00
0,00

0,00 %
0,00 %

999,80

0,00

0,00 %

39.282,61
0,00

17.427,57
0,00

44,36 %
0,00 %

39.282,61

17.427,57

44,36 %

25.880,19
0,00

6.323,26
0,00

24,43 %
0,00 %

25.880,19

6.323,26

24,43 %

0,00
194.189,40

0,00
2.165,08

0,00 %
1,11 %

194.189,40

2.165,08

1,11 %

357.658,39
0,00

233.744,90
0,00

65,35 %
0,00 %

Totale programma

357.658,39

233.744,90

65,35 %

3.533.603,97

60,83 %

Totale programma
Protezione civile e gestione verde
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizio idrico integrato
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizi smaltimento rifiuti
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Assistenza sociale ed all'infanzia
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Servizio necroscopico e cimiteriale
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Sviluppo economico
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Gestione tributaria e servizi fiscali
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Urbanistica e territorio
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Lavori pubblici ed investimenti
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale programma
Personale ed organizzazione
Spesa corrente
Spese per investimento
Totale generale

5.808.557,04

Disavanzo di amministrazione

0,00

Totale delle risorse impiegate nei programmi

5.808.557,04

15

3.533.603,97

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PROGRAMMAZIONE POLITICA E GESTIONE
Le scelte in materia programmatoria traggono origine da una valutazione realistica sulle disponibilità finanziarie e
dalla successiva destinazione delle stesse, secondo un preciso grado di priorità, al finanziamento di programmi che
interessano la gestione corrente ed in conto capitale. La normativa finanziaria e contabile obbliga ogni ente locale a
strutturare il bilancio di previsione in modo da permetterne la lettura per programmi. Quest'ultimo elemento, sempre
secondo le prescrizioni contabili, viene definito come un "complesso coordinato di attività, anche normative, relative
alle opere da realizzare e di interventi diretti ed indiretti, non necessariamente solo finanziari, per il raggiungimento di
un fine prestabilito, nel più vasto piano generale di sviluppo dell'ente".
La relazione programmatica di inizio esercizio cerca di coniugare la capacità politica di prefigurare fini ambiziosi con
la necessità di dimensionare, quegli stessi obiettivi, al volume di risorse realmente disponibili. Come conseguenza di
ciò, la relazione al rendiconto di fine esercizio va ad esporre i risultati raggiunti indicando il grado di realizzazione dei
programmi che erano stati ipotizzati nella programmazione iniziale. Nel corso dell'esercizio, la sensibilità politica di
prefigurare obiettivi ambiziosi si è misurata con la complessa realtà in cui operano gli enti locali. Le difficoltà di ordine
finanziario si sono sommate a quelle di origine legislativa ed i risultati raggiunti sono la conseguenza dell'effetto
congiunto di questi due elementi. Come nel caso della relazione programmatica, anche la relazione al rendiconto
mira a rappresentare in l'attitudine politica dell'amministrazione di agire con comportamenti e finalità chiare ed
evidenti. Il consigliere comunale nell'ambito delle sue funzioni, come d'altra parte il cittadino che è l'utente finale dei
servizi erogati dall'ente, devono poter ritrovare in questo documento i lineamenti di un'amministrazione che ha agito
traducendo gli obiettivi in altrettanti risultati.
Nelle pagine seguenti saranno analizzati i singoli programmi in cui si è articolata l'attività finanziaria del comune
durante il trascorso esercizio e indicando, per ognuno di essi, i risultati finanziari conseguiti. I dati numerici saranno
riportati sotto forma di stanziamenti finali, impegni e pagamenti della sola gestione di competenza. Come premessa
a tutto ciò, la tabella di fine pagina riporta la denominazione sintetica attribuita ad ogni programma di spesa
deliberato a inizio dell'esercizio, insieme con il richiamo all'eventuale responsabile del programma (facoltativo) e alla
generica area in cui si è poi sviluppato, in prevalenza, quello specifico intervento.

PROGRAMMI 2014
(Denominazione)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20

RESPONSABILE
(Riferimenti)

Amministrazione gen e organi istituz.
Gestione economica e finanziaria
Gestione patrimonio servizio tecnico
Servizi anagrafici e statistici
Polizia municipale e vigilanza
Pubblica istruzione
Cultura
Promozione sportiva e turistica
Viabilità e manutenzione
Illuminazione pubblica e gest. territ.
Protezione civile e gestione verde
Servizio idrico integrato
Servizi smaltimento rifiuti
Assistenza sociale ed all'infanzia
Servizio necroscopico e cimiteriale
Sviluppo economico
Gestione tributaria e servizi fiscali
Urbanistica e territorio
Lavori pubblici ed investimenti
Personale ed organizzazione

Rosellina Sprovieri
Carmen Di Rini
Raffaele Cosenza
Rosellina Sprovieri
Antonietta Altomare
Carmela Di Biase
Carmela Di Biase
Carmela Di Biase
Alfonsina Lanoce
Raffaele Cosenza
Raffaele Cosenza
Alfonsina Lanoce
Raffaele Cosenza
Carmela Di Biase
Raffaele Cosenza
Carmela Di Biase
Rosellina Sprovieri
Raffaele Cosenza
Alfonsina Lanoce
Rosellina Sprovieri

16

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

AMMINISTRAZIONE GEN E ORGANI ISTITUZ.
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

AMMINISTRAZIONE GEN E ORGANI ISTITUZ.
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

305.488,00
0,00

258.617,24
0,00

106.178,04
0,00

Totale programma

305.488,00

258.617,24

106.178,04

Nel 2014 si è proseguita l’azione di informatizzazione degli uffici comunali e con la Banca dati unica informatica.
Conformemente alle disposizioni normative, si è avviata una razionalizzazione e una riduzione delle strutture
burocratico-amministrative.
Costante e continua è stata l’azione di valorizzazione della performance.
Sono state attivate tutte le metodologie wireless per ottenere riduzioni di costi, oltre che un servizio per la
cittadinanza.

17

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

2.735.398,00
0,00

2.498.120,69
0,00

2.026.754,59
0,00

Totale programma

2.735.398,00

2.498.120,69

2.026.754,59

Il rendiconto 2014 chiude con un avanzo di amministrazione, di Euro 230.212,69.
Questo avanzo ci indica che nell’anno preso in considerazione il volume delle entrate è stato superiore a quello
delle spese; questo risultato è indice delle buone scelte effettuate dall’esecutivo, sia nel combattere gli sprechi che
nell’utilizzo più razionale delle risorse.
E’ evidente che sul risultato 2014 ha influito anche in modo significativo la necessità di mantenere i conti dell’ente
all’interno dei limiti imposti dalla normativa in materia di patto di stabilità.
Anche per l’anno 2014 il patto di stabilità è stato rispettato riuscendo così ad evitare le gravi sanzioni previste, le
quali, se applicate avrebbero necessariamente comportato tagli alla spesa corrente per il bilancio di previsione 2015
e conseguentemente minori servizi e prestazioni sociali.
La cassa al 31 dicembre 2014 è di Euro 965.334,19.

18

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

GESTIONE PATRIMONIO SERVIZIO TECNICO
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

GESTIONE PATRIMONIO SERVIZIO TECNICO
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

806.680,00
0,00

105.363,17
0,00

38.173,80
0,00

Totale programma

806.680,00

105.363,17

38.173,80

Di seguito l'elenco di quei progetti e di quelle azioni, di cui sopra, che sono stati realizzati nel 2014:
·
sistemazione del piazzale “Cesare Dima”, antistante la Delegazione Municipale della Valle del Comune di Luzzi;
·
rifacimento del marciapiede S. Giuliano-Ginestreto, precisamente nel tratto compreso tra l’accesso
all’abitazione del Sig. Sangermano Mario e l’accesso agli appartamenti dell’ATERP;
·
abbattimento del fabbricato, abbandonato e pericoloso per la pubblica incolumità, sito in Via Gorizia;
·
ripristino della pavimentazione stradale in vari tratti del centro urbano, tramite l’installazione di porfido
mancante;
·
sistemazione scala di collegamento Circumvallazione Pedale-Cisterna;
·
costruzione marciapiede P.zza M. Caduti-Via S. Francesco, ivi incluso l’abbattimento delle barriere
architettoniche;
·
costruzione Piazzetta P.zza M. Caduti;
·
sistemazione “arredo urbano” P.zza M. Caduti;
canalizzazione acque piovane, ristrutturazione muri e sistemazione area sovrastante P.zza M. Caduti.

19

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

SERVIZI ANAGRAFICI E STATISTICI
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

SERVIZI ANAGRAFICI E STATISTICI
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

117.500,00
0,00

93.442,95
0,00

48.704,27
0,00

Totale programma

117.500,00

93.442,95

48.704,27

Sono partiti i lavori di ammodernamento dell'ufficio anagrafe in modo da rendere lo stesso più moderno e fruibile sia
per i dipendenti che vi lavorano che per gli stessi cittadini che giornalmente vi si recano.

20

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

POLIZIA MUNICIPALE E VIGILANZA
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

POLIZIA MUNICIPALE E VIGILANZA
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

62.601,00
0,00

57.652,88
0,00

23.766,75
0,00

Totale programma

62.601,00

57.652,88

23.766,75

E' stata avviata la convenzione con l'ANPANA affinchè da quest'anno, il 2015, partisse definitivamente quel progetto
delle guardie eco-zoofile che saranno in grado di affiancare gli stessi vigili nei servizi di vigilanza per quanto
riguarda l'ambiente ma anche in tutti quei settori dove ne sia richiesta la necessità.
Abbiamo mantenuto anche per il 2014 l’indennità di turnazione per i giorni festivi per quanto riguarda i Vigili Urbani,
in modo tale da garantire la presenza di un agente di polizia, anche la domenica e negli altri giorni festivi.
Il 31 dicembre gli LSU/LPU del progetto afferente alla Polizia Municipale, ben 7 unita', hanno firmato il contratto di
assunzione a tempo determinato, per dodici mesi, a 26 ore settimanale.

21

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PUBBLICA ISTRUZIONE
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

PUBBLICA ISTRUZIONE
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

652.620,00
0,00

598.232,53
0,00

366.761,37
0,00

Totale programma

652.620,00

598.232,53

366.761,37

Per quanto riguarda le scuole diversi sono stati gli interventi che di seguito verranno elencati in modo da garantire
agli alunni stessi una maggiore sicurezza:
·
rinnovamento scuola elementare C/da Cavoni;
·
ristrutturazione di una parte della copertura e sistemazione intonaci interni ed esterni della scuola elementare di
C/da Gidora;
·
adeguamento aule scuola elementare C/da Valleleotta;
·
sistemazione infiltrazione acqua scuola C/da Timparello;
·
rinnovamento e messa in sicurezza aule scuola Via S.Leo (Asilo);
·
partecipazione e assistenza al RUP appalto palestra scuola media S.Leo,
Inoltre, alle nostre scuole assicuriamo un’attenzione costante, attraverso il continuo monitoraggio del servizio mensa
da parte dell’apposita Commissione. Altresì, anche per il 2014 siamo riusciti a garantire un servizio di trasporto
scolastico tra i più capillari, forse, del territorio nazionale e che comporta costi già segnalati dagli organi di controllo
come non più sopportabili per il Bilancio comunale.

22

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

CULTURA
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

CULTURA
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

103.740,00
0,00

35.294,83
0,00

24.537,50
0,00

Totale programma

103.740,00

35.294,83

24.537,50

23

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PROMOZIONE SPORTIVA E TURISTICA
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

PROMOZIONE SPORTIVA E TURISTICA
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

54.200,00
0,00

28.200,00
0,00

8.200,00
0,00

Totale programma

54.200,00

28.200,00

8.200,00

Le attività sportive e ricreative per l’anno 2014 si articolano in varie iniziative.
Le iniziative ricreative proposte alla cittadinanza sono state diverse, infatti, gli eventi realizzati, sono stati di vari
generi (spettacoli musicali, spettacoli di danza, spettacoli per bambini, ecc.). Vari eventi sono stati organizzati con la
collaborazione di associazioni, in particolare la serata del 2 agosto che grazie al comitato "Gli amici di Mirko" siamo
riusciti nell'intendo di far arrivare un'artista di caratura nazionale quale Bianca Atzei.
Si sono organizzate serate musicali durante i festeggiamenti religiosi tra le quali si ricorda la sera del 14 agosto in
Sambucina con la presenza di un altro gruppo storico e di caratura nazionale come la "Formula 3".
Tra le iniziative sportive va ricordata la cronoscalata Luzzi-Sambucina che nonostante le difficoltà anche nel 2014 è
stata realizzata con notevoli sforzi anche da parte del bilancio dell'amministrazione comunale.
Per quanto riguarda le altre attività sportive, partendo dal calcio, va ricordata l'inaugurazione del nuovo impianto
sportivo di Marinova che dalla prossima stagione calcistica potrà essere usufruito da qualche associazione sportiva.

24

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

VIABILITÀ E MANUTENZIONE
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

VIABILITÀ E MANUTENZIONE
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

120.766,00
0,00

113.123,73
0,00

67.347,95
0,00

Totale programma

120.766,00

113.123,73

67.347,95

Di seguito l'elenco di quei progetti e di quelle azioni, di cui sopra, che sono stati realizzati nel corso del 2014:
·
messa in sicurezza della pila del ponte della S.P. 236 nei pressi del Km. 0+100 e pulizia dell’alveo del fiume
Mucone, riapertura della S.P. 236;
·
ripristino della pavimentazione stradale deformata sulla strada comunale di Linze-Verduro;
·
ripristino della pavimentazione stradale deformata sulla strada comunale Petrini- Pezza la Rosa;
·
ripristino della pavimentazione stradale deformata sulla strada comunale Contrada Porcile;
rifacimento del fondo e della pavimentazione stradale deformata sulla strada comunale Loc. Mucone (Centrale
Enel);

25

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

ILLUMINAZIONE PUBBLICA E GEST. TERRIT.
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

ILLUMINAZIONE PUBBLICA E GEST. TERRIT.
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

310.100,00
0,00

251.869,80
0,00

170.415,86
0,00

Totale programma

310.100,00

251.869,80

170.415,86

Di seguito l'elenco di quei progetti e di quelle azioni, di cui sopra, che sono stati realizzati nel corso del 2014:
·
ampliamento impianto di pubblica illuminazione Via S. Venere;
·
ampliamento impianto pubblica illuminazione Madonna della Cava;
·
realizzazione impianto pubblica illuminazione S. Leo (nuove case A.T.E.R.P.);
realizzazione impianto pubblica illuminazione Madonna della Cava-S. Leo.

26

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PROTEZIONE CIVILE E GESTIONE VERDE
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

PROTEZIONE CIVILE E GESTIONE VERDE
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

41.200,00
0,00

15.849,00
0,00

805,00
0,00

Totale programma

41.200,00

15.849,00

805,00

Nell’ambito del servizio di protezione civile, nel corso dell’anno 2014, il Settore Tutela del Patrimonio, cui è
assegnato il suddetto servizio, ha provveduto a svolgere le seguenti azioni:
1. presentazione del progetto per la realizzazione dei lavori di ripristino del Sentiero Naturale Sambucina e delle
aree di osservazione naturalistica e di sosta lungo lo stesso, con interventi di ingegneria naturalistica, e con
riferimento all’Avviso Pubblico del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-20013 per il
“Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale”, per il "Miglioramento dell’ambiente e dello spazio
rurale" e per la “Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale” (Bando Multimisura 2013
– Misura 227 – sostegno agli investimenti non produttivi – Azione 2;
2. realizzazione del Piano di Emergenza Neve, volto a standardizzare e compiere le procedure per fronteggiare
l’emergenza legata a fenomeni di precipitazioni nevose nell’arco della stagione invernale e per la seconda volta,
dopo il 2013, è stata garantita un’assistenza h 24 con copertura totale del territorio comunale;
3. istituzione del servizio di reperibilità per gli addetti agli interventi antincendio, sempre con copertura totale
nell’arco della giornata e del territorio; per mezzo del suddetto servizio, è stato raggiunto l’importante risultato di una
riduzione notevole del numero degli incendi, dolosi o colposi, verificatesi nel corso della stagione estiva 2014;
4. rinnovo della convenzione con l’Associazione “Tutela Civium”, volta a garantire la sicurezza pubblica ed il pronto
intervento in caso di calamità naturali o disastri;

27

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

441.872,00
0,00

185.000,00
0,00

0,00
0,00

Totale programma

441.872,00

185.000,00

0,00

Di seguito l'elenco di quei progetti e di quelle azioni, di cui sopra, che sono stati già realizzati:
·
installazione e collegamento alla rete idrica e fognaria di una struttura per servizi igienico-sanitari in loc.
sambucina;
·
rifacimento della fontana in contrada Foreste, costruzione piazzetta e sistemazione dell’area antistante, ivi
incluso l’abbattimento delle barriere architettoniche;
·
rifacimento fontana Valleleotta;
·
realizzazione rete fognaria Canale Vecchio-Via Sila;
·
realizzazione rete idrica Via S. Francesco-Canale Vecchio;
·
collegamento alla rete fognaria e idrica spogliatoi e bagni pubblici campo di calcetto S. Francesco;
·
completamento servizi igienico-sanitari e sistemazione area loc. Sambucina.

28

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

SERVIZI SMALTIMENTO RIFIUTI
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

SERVIZI SMALTIMENTO RIFIUTI
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

881.907,56
0,00

810.192,01
0,00

325.023,57
0,00

Totale programma

881.907,56

810.192,01

325.023,57

Le sempre più stringenti norme nazionali sulle municipalizzate e la sempre maggiore precarietà imposta dalla
Regione nei riguardi dei nostri LSU-LPU ci hanno condotto alla drastica e convinta scelta di esternalizzare il servizio.
Abbiamo, quindi, premuto l'accelleratore sulla qualità, orientandoci nella direzione dei cosiddetti rifiuti zero e
giungendo a raccogliere presso le abitazioni servite finanche la frazione indifferenziata. I nostri Concittadini hanno
risposto con entusiasmo e in tal modo siamo saliti dalla percentuale del 10% a quasi il 70%.
Nonostante i rincari derivanti da una politica regionale che stigmatizziamo come assolutamente inadeguata, è grazie
a queste scelte e a queste risposte che siamo riusciti a contenere i rincari della cd ecotassa, potendo auspicare
anche una riduzione, da prevedere nel bilancio di previsione del 2015.

29

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

ASSISTENZA SOCIALE ED ALL'INFANZIA
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

ASSISTENZA SOCIALE ED ALL'INFANZIA
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

214.740,00
0,00

131.453,82
0,00

61.958,27
0,00

Totale programma

214.740,00

131.453,82

61.958,27

Siamo riusciti a ripartire con gli assistenti alla comunicazione presso le scuole ed abbiamo proseguito il trasporto dei
disabili, credendo fortemente nel significato sociale di un servizio interamente “in perdita” dal punto di vista
economico.
Nel campo sociale nel 2014 abbiamo assegnato le prime case popolari, presto ne seguiranno delle altre e stiamo
continuando ad una decisa azione volta al recupero delle case popolari occupate “abusivamente” al fine di
assegnarle ad idonei aventi titolo.

30

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

SERVIZIO NECROSCOPICO E CIMITERIALE
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

SERVIZIO NECROSCOPICO E CIMITERIALE
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

11.200,00
0,00

8.134,00
0,00

5.316,19
0,00

Totale programma

11.200,00

8.134,00

5.316,19

Terminata la gara per l'affidamento del progetto, per la realizzazione dell'ampliamento del cimitero comunale, è stato
dato seguito all'iter affinchè la stessa opera venga realizzata.
Nell'anno 2014, inoltre, sono stati realizzati circa 70 loculi cimiteriali.

31

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

SVILUPPO ECONOMICO
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

SVILUPPO ECONOMICO
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

3.000,00
0,00

999,80
0,00

0,00
0,00

Totale programma

3.000,00

999,80

0,00

32

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

GESTIONE TRIBUTARIA E SERVIZI FISCALI
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

GESTIONE TRIBUTARIA E SERVIZI FISCALI
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

95.523,00
0,00

39.282,61
0,00

17.427,57
0,00

Totale programma

95.523,00

39.282,61

17.427,57

Il 2014 ha rappresentato l'ennesimo anno dove ci sono state delle grosse novità per quanto riguarda i tributi locali.
E' nata la IUC (imposta unica comunale) che comprende la TARI, la TASI e l'IMU.
La TARI va a sostituire l'ex TARES per quanto riguarda i servizi di raccolta rifiuti, mentre la TASI va ad inglobare tutti
quei servizi indivisibili a carico dei cittadini annullando di fatto l'abolizione dell'IMU prima casa.
Nel corso dell’anno 2014 è proseguita l’attività di recupero evasione dell’Imposta Comunale sugli Immobili.

33

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

URBANISTICA E TERRITORIO
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

URBANISTICA E TERRITORIO
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

79.680,00
0,00

25.880,19
0,00

6.323,26
0,00

Totale programma

79.680,00

25.880,19

6.323,26

Il biennio 2013 - 2014 è stato caretterizzato dall'avvio concreto delle fasi preliminari della variante al PSC.
Nello scorso anno si è provveduto ad incaricare il Settore Assetto e Gestione del Territorio dell'avvio di tali fasi.
Si è avviata la catalogazione delle istanze pervenute da parte dei cittadini, il che costituirà la base di partenza per le
future scelte pianificatorie.
Si è inoltre avviato lo studio di microzonazione sismica, mediante apporto di professionalità esterne, essendo
necessaria anche la figura del geologo, di cui l'ente è priva.
Tale studio ha fornito la mappatura del territorio sotto il profilo sismico, il che consentirà di operare scelte
consapevoli di utilizzo del suolo, con l'obiettivo della tutela e della prevenzione dei rischi che minacciano l'incolumità
dei cittadini, nel caso di accadimento di fenomeni naturali quali i terremoti.
E' stato promosso altresì l’ottimizzazione dell’ordinario, quali la pulizia del territorio, lo sfalcio dell’erba, l’arredo
urbano, etc.

34

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

LAVORI PUBBLICI ED INVESTIMENTI
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

LAVORI PUBBLICI ED INVESTIMENTI
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

0,00
1.738.966,00

0,00
194.189,40

0,00
2.165,08

Totale programma

1.738.966,00

194.189,40

2.165,08

E' stato presentato il progetto per la realizzazione dei lavori di ripristino del Sentiero Naturale Sambucina e delle
aree di osservazione naturalistica e di sosta lungo lo stesso, con interventi di ingegneria naturalistica,con riferimento
all’Avviso Pubblico del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-20013 per il “Miglioramento della
competitività del settore agricolo e forestale”, per il "Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale" e per la
“Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale” (Bando Multimisura 2013 – Misura 227 –
sostegno agli investimenti non produttivi – Azione 2;
Si è partiti con la ristrutturazione del teatro all'aperto di Luzzi Centro;
E' stato completata la messa a norma dell'edificio scolastico adibito a scuola media in località San Leo;
Per quanto riguarda la manutenzione delle strade comunal, è stato espletato il bando di gara e a breve inizieranno i
lavori su tutto il territorio ove necessario.

35

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE
A inizio anno, il bilancio suddiviso "per programmi" aveva
associato l’obiettivo strategico di carattere politico alla
rispettiva dotazione finanziaria, individuando la dotazione
di mezzi strumentali ed umani indispensabile per la sua
realizzazione. A consuntivo, la rilettura del rendiconto "per
programmi" misura il grado di trasformazione degli stessi
obiettivi in altrettanti risultati. Ogni programma può essere
composto da interventi per il funzionamento dei servizi e il
rimborso dei prestiti contratti, la cosiddetta "spesa
corrente" o da investimenti, anche denominati "spese in
C/capitale". I grafici mostrano il peso di queste
componenti
nell'economia
generale
del
singolo
programma, il cui nome è indicato in testata, mentre la
tabella finale contiene i valori a rendiconto.

PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE
(Sintesi finanziaria del singolo programma)

Stanz. finali

Competenza
Impegni

Pagamenti

Spesa corrente
Spese per investimento

428.639,00
0,00

357.658,39
0,00

233.744,90
0,00

Totale programma

428.639,00

357.658,39

233.744,90

Si è dato seguito alla contrattazione collettiva approvata nel 2013 su base meritocratica andando a variare solo
alcuni istituti che visto il numero ridotto di personale in servizio non hanno più ragione di esistere. Tutto quello che si
è risparmiato è andato a finire nel fondo per la performance e quindi ridistribuito ai dipendenti tendendo conto delle
valutazioni sia dei responsabili di settore che dei singoli dipendenti.
Nel 2014, ci sono stati tre pensionamenti.
All'insegna del rispetto delle regole, va ricordato il nuovo accesso presso la sede municipale, che è stato fornito di
tornelli e di portineria, a salvaguardia di un ordinato e regolare flusso in entrata e uscita che ha permesso allo
stesso personale di lavorare con più armonia.

36

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

IL RIEPILOGO GENERALE DELLE ENTRATE
La relazione non si limita a fornire gli elementi utili per
valutare l'andamento della gestione dei programmi, intesi
come l'attività di spesa destinata al raggiungimento di
predeterminati obiettivi. Lo stato di realizzazione dei
programmi, e soprattutto la percentuale di impegno della
spesa, dipende anche dalla possibilità di acquisire le
relative risorse. Ed è proprio in questa direzione che
l'analisi sull'accertamento delle entrate, intrapresa dagli
uffici comunali nel corso dell'anno, può rintracciare alcuni
degli elementi che hanno poi influenzato l'andamento
complessivo. I fenomeni in gioco sono numerosi e spesso
cambiano a seconda del comparto che si va a prendere in
esame. Le dinamiche che portano ad accertare le entrate
sono infatti diverse, a seconda che si parli di entrate
correnti o di risorse in conto capitale.

Un soddisfacente indice di accertamento delle entrate correnti (tributi; contributi e trasferimenti correnti; entrate extra
tributarie) è la condizione indispensabile per garantire il pareggio della gestione ordinaria. Le spese di funzionamento
(spese correnti; rimborso di prestiti) sono infatti finanziate da questo genere di entrate. La circostanza che la
riscossione si verifichi l'anno successivo incide sulla disponibilità di cassa ma non sull'equilibrio del bilancio corrente.
Nelle spese in conto capitale (contributi in C/capitale, accensione di prestiti) l'accertamento del credito è invece la
condizione iniziale per attivare l'investimento. Ad un basso tasso di accertamento di queste entrate, pertanto,
corrisponderà un basso stato di impegno delle spese d'investimento riportate nei programmi. Il grado di riscossione
delle entrate in conto capitale assume generalmente valori contenuti perchè è fortemente condizionato dal lungo
periodo necessario all'ultimazione delle opere pubbliche, spesso soggette a perizie di variante dovute all'insorgere di
imprevisti tecnici in fase attuativa. Anche queste maggiori necessità devono essere finanziate dall'ente locale.
Competenza

STATO DI ACCERTAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE 2014
(Riepilogo delle entrate)

Stanz. finali

Tit.1 - Tributarie
Tit.2 - Contributi e trasferimenti correnti
Tit.3 - Extratributarie
Tit.4 - Trasferimenti di capitale e riscossione di crediti
Tit.5 - Accensione di prestiti
Tit.6 - Servizi per conto di terzi
Totale

4.484.941,85
434.791,36
483.634,93
431.309,40
0,00
523.682,86

96,69
58,66
36,48
17,75
0,00
46,91

10.501.634,34

6.358.360,40

60,55 %

Accertamenti

Tit.1 - Tributarie
Tit.2 - Contributi e trasferimenti correnti
Tit.3 - Extratributarie
Tit.4 - Trasferimenti di capitale e riscossione di crediti
Tit.5 - Accensione di prestiti
Tit.6 - Servizi per conto di terzi
Totale

% Accertato

4.638.332,10
741.212,35
1.325.834,89
2.429.900,00
250.000,00
1.116.355,00

Competenza

GRADO DI RISCOSSIONE GENERALE DELLE ENTRATE 2014
(Riepilogo delle entrate)

37

Accertamenti

Riscossioni

%
%
%
%
%
%

% Riscosso

4.484.941,85
434.791,36
483.634,93
431.309,40
0,00
523.682,86

2.874.743,97
348.772,30
392.087,80
276.831,26
0,00
509.609,69

64,10
80,22
81,07
64,18
0,00
97,31

%
%
%
%
%
%

6.358.360,40

4.402.045,02

69,23 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

ENTRATE TRIBUTARIE
Le risorse del Titolo 1 sono costituite dall'insieme delle
entrate tributarie. Rientrano in questo gruppo le imposte,
le tasse, i tributi speciali ed altre poste minori. Nel primo
gruppo, e cioè nelle imposte, confluiscono l'originaria
imposta comunale sugli immobili (ICI), diventata in tempi
recenti imposta municipale propria sugli immobili (IMU),
l'imposta sulla pubblicità, l'addizionale comunale sul
consumo dell'energia elettrica e, solo nel caso in cui
l'ente si avvalga della facoltà di istituire il tributo,
l'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle
persone fisiche (IRPEF), l'imposta di scopo e la recente
imposta di soggiorno. Nelle tasse è rilevante il gettito per
la tassa sullo smaltimento di rifiuti solidi urbani mentre
nella categoria dei tributi speciali le entrate più importanti
sono i diritti sulle pubbliche affissioni.

Competenza

STATO DI ACCERTAMENTO DELLE ENTRATE TRIBUTARIE 2014
(Tit.1 : Tributarie)

Stanz. finali

Categoria 1 - Imposte
Categoria 2 - Tasse
Categoria 3 - Tributi speciali ed altre entrate tributarie
Totale

1.778.270,30
991.707,21
1.714.964,34

94,63 %
99,19 %
97,48 %

4.638.332,10

4.484.941,85

96,69 %

Accertamenti

Categoria 1 - Imposte
Categoria 2 - Tasse
Categoria 3 - Tributi speciali ed altre entrate tributarie
Totale

% Accertato

1.879.204,00
999.769,97
1.759.358,13

Competenza

GRADO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE 2014
(Tit.1 : Tributarie)

38

Accertamenti

Riscossioni

% Riscosso

1.778.270,30
991.707,21
1.714.964,34

1.166.738,72
278.741,33
1.429.263,92

65,61 %
28,11 %
83,34 %

4.484.941,85

2.874.743,97

64,10 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI
La normativa introdotta dal federalismo fiscale tende a
ridimensionare l'azione dello Stato a favore degli enti,
sostituendola con una maggiore gestione delle entrate
proprie. Ci si limita pertanto a contenere la differente
distribuzione della ricchezza agendo con interventi mirati
di tipo perequativo. Il criterio scelto individua, per ciascun
ente, un volume di risorse "standardizzate" e che sono,
per l'appunto, il suo fabbisogno standard. Ed è proprio
questa entità che lo Stato intende coprire stimolando
l'autonomia dell'ente nella ricerca delle entrate proprie
(autofinanziamento). La riduzione della disparità tra le
varie zone è invece garantita dal residuo intervento
statale, contabilizzato nel Titolo II delle entrate, che però
privilegia l'ambito della sola perequazione (ridistribuzione
della ricchezza in base a parametri socio - ambientali).

Competenza

STATO DI ACCERTAMENTO DEI TRASFERIMENTI CORRENTI 2014
(Tit.2 : Trasferimenti correnti)

Stanz. finali

Categoria 1 - Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato
Categoria 2 - Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione
Categoria 3 - Contributi e trasferimenti Regione per funzioni delegate
Categoria 4 - Contributi e trasferimenti comunitari e internazionali
Categoria 5 - Contributi e trasferimenti da altri enti pubblici
Totale

99.084,09
258.377,16
0,00
0,00
77.330,11

99,38
51,01
0,00
0,00
57,28

741.212,35

434.791,36

58,66 %

Accertamenti

Categoria 1 - Contributi e trasferimenti correnti dallo Stato
Categoria 2 - Contributi e trasferimenti correnti dalla Regione
Categoria 3 - Contributi e trasferimenti Regione per funzioni delegate
Categoria 4 - Contributi e trasferimenti comunitari e internazionali
Categoria 5 - Contributi e trasferimenti da altri enti pubblici
Totale

% Accertato

99.705,35
506.507,00
0,00
0,00
135.000,00

Competenza

GRADO DI RISCOSSIONE DEI TRASFERIMENTI CORRENTI 2014
(Tit.2 : Trasferimenti correnti)

39

Accertamenti

Riscossioni

%
%
%
%
%

% Riscosso

99.084,09
258.377,16
0,00
0,00
77.330,11

81.575,23
197.378,72
0,00
0,00
69.818,35

82,33
76,39
0,00
0,00
90,29

%
%
%
%
%

434.791,36

348.772,30

80,22 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

ENTRATE EXTRATRIBUTARIE
Il titolo III delle entrate comprende le risorse di natura
extratributaria. Appartengono a questo insieme i proventi
dei servizi pubblici, i proventi dei beni dell'ente, gli
interessi sulle anticipazioni e sui crediti, gli utili netti delle
aziende speciali e partecipate, i dividendi di società e
altre poste residuali, come i proventi diversi. Il valore
sociale e finanziario dei proventi dei servizi pubblici è
notevole, perché abbraccia tutte le prestazioni rese alla
cittadinanza sotto forma di servizi istituzionali (servizi
essenziali), servizi a domanda individuale e servizi a
rilevanza economica. I proventi dei beni comunali sono
costituiti invece dagli affitti addebitati agli utilizzatori degli
immobili del patrimonio concessi in locazione. All'interno
di questa categoria rientra anche il canone richiesto per
l'occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP).

Competenza

STATO DI ACCERTAMENTO DELLE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 2014
(Tit.3 : Extratributarie)

Stanz. finali

Categoria 1 – Proventi dei servizi pubblici
Categoria 2 – Proventi dei beni dell’ente
Categoria 3 – Interessi su anticipazioni e crediti
Categoria 4 – Utili netti aziende, dividendi
Categoria 5 – Proventi diversi
Totale

211.870,69
181.954,99
4.968,91
0,00
84.840,34

21,10
99,09
99,86
0,00
63,81

1.325.834,89

483.634,93

36,48 %

Accertamenti

Categoria 1 – Proventi dei servizi pubblici
Categoria 2 – Proventi dei beni dell’ente
Categoria 3 – Interessi su anticipazioni e crediti
Categoria 4 – Utili netti aziende, dividendi
Categoria 5 – Proventi diversi
Totale

% Accertato

1.004.279,86
183.623,40
4.975,63
0,00
132.956,00

Competenza

GRADO DI RISCOSSIONE DELLE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE 2014
(Tit.3 : Extratributarie)

40

Accertamenti

Riscossioni

%
%
%
%
%

% Riscosso

211.870,69
181.954,99
4.968,91
0,00
84.840,34

134.856,25
180.183,18
4.845,63
0,00
72.202,74

63,65
99,03
97,52
0,00
85,10

%
%
%
%
%

483.634,93

392.087,80

81,07 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

TRASFERIMENTI CAPITALE E RISCOSSIONE CREDITI
Le poste riportate nel titolo IV delle entrate sono di varia
natura, contenuto e destinazione. Appartengono a questo
gruppo le alienazioni dei beni patrimoniali, i trasferimenti
di capitale dallo Stato, regione e altri enti, e le riscossioni
di crediti. Le alienazioni di beni sono una delle fonti di
autofinanziamento del comune ottenuta con la vendita di
fabbricati, terreni, diritti patrimoniali e altri valori di tipo
mobiliare. Con rare eccezioni, il ricavato che proviene
dallo smobilizzo di queste attività deve essere sempre
reinvestito in altre spese di investimento. I trasferimenti in
conto capitale sono invece costituiti dai contributi in
C/capitale, e cioè finanziamenti a titolo gratuito ottenuti
dal comune ma destinati alla realizzazione di opere
pubbliche. Rientrano nella categoria anche gli oneri di
urbanizzazione (concessioni ad edificare).

Competenza

STATO DI ACCERTAMENTO DEI TRASFERIMENTI DI CAPITALE 2014
(Tit.4: Trasferimenti di capitale)

Stanz. finali

Categoria 1 - Alienazione di beni patrimoniali
Categoria 2 - Trasferimenti di capitale dallo Stato
Categoria 3 - Trasferimenti di capitale dalla Regione
Categoria 4 - Trasferimenti di capitale da altri enti pubblici
Categoria 5 - Trasferimenti di capitale da altri soggetti
Categoria 6 - Riscossione di crediti
Totale

810.500,00
0,00
1.454.400,00
0,00
165.000,00
0,00

117.300,00
0,00
130.000,00
0,00
184.009,40
0,00

2.429.900,00

431.309,40

Competenza

GRADO DI RISCOSSIONE DEI TRASFERIMENTI DI CAPITALE 2014
(Tit.4 : Trasferimenti di capitale)

Accertamenti

Categoria 1 - Alienazione di beni patrimoniali
Categoria 2 - Trasferimenti di capitale dallo Stato
Categoria 3 - Trasferimenti di capitale dalla Regione
Categoria 4 - Trasferimenti di capitale da altri enti pubblici
Categoria 5 - Trasferimenti di capitale da altri soggetti
Categoria 6 - Riscossione di crediti
Totale

41

Accertamenti

Riscossioni

% Accertato
14,47
0,00
8,94
0,00
111,52
0,00

%
%
%
%
%
%

17,75 %
% Riscosso

117.300,00
0,00
130.000,00
0,00
184.009,40
0,00

109.700,00
0,00
0,00
0,00
167.131,26
0,00

93,52
0,00
0,00
0,00
90,83
0,00

%
%
%
%
%
%

431.309,40

276.831,26

64,18 %

Relazione al Rendiconto di gestione 2014 (D.Lgs.77/95)

ACCENSIONI DI PRESTITI
Sono risorse del titolo V le accensioni di prestiti, i
finanziamenti a breve termine, i prestiti obbligazionari e le
anticipazioni di cassa. L'importanza di queste poste
dipende dalla politica finanziaria perseguita dal comune,
posto che un ricorso frequente al sistema creditizio, e per
importi rilevanti, accentua il peso di queste voci
sull'economia generale. D’altro canto, le entrate proprie di
parte investimento (alienazioni di beni, concessioni
edilizie e avanzo di amministrazione), i finanziamenti
gratuiti di terzi (contributi in C/capitale) e le eccedenze di
parte corrente (risparmio) possono non essere sufficienti
per finanziare il piano annuale degli investimenti. In tale
circostanza, il ricorso al credito esterno, sia di natura
agevolata che ai tassi di mercato, diventa l'unico mezzo
per realizzare l'opera a suo tempo programmata.

Competenza

STATO DI ACCERTAMENTO DELLE ACCENSIONI DI PRESTITI 2014
(Tit.5: Accensioni prestiti)

Stanz. finali

Categoria 1 - Anticipazioni di cassa
Categoria 2 - Finanziamenti a breve termine
Categoria 3 - Assunzione di mutui e prestiti
Categoria 4 - Emissione prestiti obbligazionari
Totale

0,00
0,00
0,00
0,00

0,00
0,00
0,00
0,00

250.000,00

0,00

0,00 %

Accertamenti

Categoria 1 - Anticipazioni di cassa
Categoria 2 - Finanziamenti a breve termine
Categoria 3 - Assunzione di mutui e prestiti
Categoria 4 - Emissione prestiti obbligazionari
Totale

% Accertato

0,00
0,00
250.000,00
0,00

Competenza

GRADO DI RISCOSSIONE DELLE ACCENSIONI DI PRESTITI 2014
(Tit.5: Accensione prestiti)

42

Accertamenti

Riscossioni

%
%
%
%

% Riscosso

0,00
0,00
0,00
0,00

0,00
0,00
0,00
0,00

0,00
0,00
0,00
0,00

%
%
%
%

0,00

0,00

0,00 %


Documenti correlati


Documento PDF relazione al rendiconto di gestione 2014 d lgs 77 95
Documento PDF csc2015008
Documento PDF certificato al rendiconto 2015 d lgs n 118
Documento PDF osservazioni
Documento PDF bozza legge stabilita
Documento PDF dlgs 151 2015 jobs act


Parole chiave correlate