File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Peso Perfecto 1° Edizione .pdf



Nome del file originale: Peso Perfecto 1° Edizione.pdf
Titolo: Peso Perfecto » Perdere Peso - Imparando A Mangiare

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Adobe InDesign CS3 (5.0) / Adobe PDF Library 8.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 24/06/2015 alle 22:04, dall'indirizzo IP 39.210.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2416 volte.
Dimensione del file: 9.4 MB (114 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


> RICETTE GUSTOSE > IN FORMA > IN VIAGGIO > DIETA 14 GIORNI > BELLEZZA > MODA

ANNO 2008 - NUMERO 1
UE: E 2,15 USA: $ 2,99

SVELA I SEGRETI
DELLA SUA DIETA
TESTIMONIAL

BOLZANO

26
kg
32

kg
IN MENO

adrano

IN MENO

FOCUS
Strategie
anti-invecchiamento

PERDERE PESO

IMPARANDO A MANGIARE

Vendita in esclusiva nei centri Naturhouse
Info 199 44 00 77 www.naturhouse.com

editoriale

Peso Perfecto
in Italia
È
Direttore Editoriale:
Vanessa Revuelta
Direttore Responsabile:
Federica Pagliarone
Direttore Tecnico:
Chiara Lisi
Direttore Marketing e Pubblicità:
Raffaello Pellegrini
Collaboratori
Arianna Biagi, Mirko Barbesta,
Anna Borrás, Federica Pagliarone,
Giulia Rossi, Giorgia Tausani
Coordinamento
Valentina Rizzuti
Direzione artistica
Vanessa Revuelta
Grafica e Impaginazione:
SDBADV www.stiledibologna.com
Fotografie
Valerio D’Urso, Franco Sivestri,
iStockphoto®, stockxpert®,
stock.xchng®, internet
Edito da
Naturhouse srl,
Via G.Caselli 11/f
44100 Ferrara
Dipartimento di pubblicità:
Valentina Rizzuti
Tel. 0532 907080
rivista@pesoperfecto.net
Sottoscrizione:
Naturhouse srl,
Via G.Caselli 11/f
44100 Ferrara
tel. 0532 907080
Stampato da:
Ediciones Reunidas, SA
(GRUPO ZETA)
Consell de Cent, 425, 5a planta
08009 Barcelona
Tel: 00 34 93 484 66 00
Distribuito da
Naturhouse srl,
Via G.Caselli 11/f
44100 Ferrara
Reg. Trib. di Ferrara n° 1 del 22/01/2008

un vero piacere per me presentare il primo numero dell’edizione italiana di Peso perfecto.
Dopo aver iniziato la nostra avventura editoriale in Spagna, ormai vent’anni fa, ed essere riusciti ad allargare la
famiglia PESO PERFECTO anche in
Portogallo, siamo felici ed orgogliosi di
raggiungere anche i lettori italiani.
La nostra rivista nasce con il fermo proposito di fornire informazioni
scientifiche e pratiche relative a tutte
quelle tematiche che hanno a che vedere con la salute legata all’immagine.
Consideriamo una corretta alimentazione come uno dei pilastri principali per godere di buona salute ed avere
un bell’aspetto.
Ed è per questa ragione che desideriamo che il numero massimo di
persone possa raggiungere questo
obbiettivo.

E proprio per questo sviluppiamo
i contenuti della rivista in base a tale
assioma.
In ogni numero portiamo sulle nostre
pagine impressionanti testimonianze
di coloro che sono riusciti ad arrivare al loro peso-obbiettivo, attraverso
una rieducazione alimentare guidata
da professionisti, che si è tramutata in
un apprezzabile cambiamento fisico, di
animo e di attitudine verso la vita.
Ogni testimonial ci appare come simbolo di un sogno realizzato, e ciò implica
anche per noi una grande soddisfazione, numero dopo numero, mostrarvi le
esperienze reali di queste persone che
ci dimostrano che raggiungere il proprio PESO PERFECTO sia possibile.
Augurandoci che possiate apprezzare
la nostra rivista, l’intera redazione di
PESO PERFECTO Vi augura buona lettura e Vi manda un cordiale saluto.

VANESSA REVUELTA

Direttrice di Peso Perfecto

3

sommario

24

12
6 LETTERE


L’esperto risponde

9 NEWS


Dall’Italia e dal mondo

12 INTERVISTA CON…



Matilde Brandi

La showgirl ci racconta come è riuscita a tornare in forma
dopo la recente maternità

16 PESO IDEALE: UN SOGNO CHE DIVENTA REALTA’

32





Edwin Spiess,di Sarentino (BZ) ha perso 26 kg in 3 mesi
Viviana Cugurullo, di Adrano (CT) ha perso 32 kg
in 12 mesi (pag 18)

20 INTERVISTA NATURHOUSE





Liliana De Maria, responsabile del Centro Naturhouse di Bolzano
Alessandra Formica, responsabile, insieme alla sorella Cristina,
del Centro Naturhouse di Adrano (CT) (pag 22)

24 SALUTE E IMMAGINE

Perdere peso imparando a mangiare



34

Consigli e soluzioni di una corretta alimentazione per smaltire
i chili accumulati durante le festività

30 ALIMENTI DI STAGIONE
32 LA DIETA DEI 14 GIORNI

Giorno per giorno i consigli
per perdere peso



Un piano dietetico consigliato da professionisti della nutrizione
Attaccalo al tuo frigorifero!

34 RICETTE GUSTOSE

Dall’antipasto al dolce


4

Quattro piatti stuzzicanti “rubati” ad un prestigioso ristorante

48

N°1

39
39 IN FORMA

Tutti gli esercizi
prima di affrontare le piste da sci



Le regole da seguie per diventare un perfetto sciatore
ed evitare incidenti pericolosi per noi e per gli altri

43 BELLEZZA


Trattamenti preziosi



Le ultime novità da trovare in profumeria

48 MODA

Saldo invernali: vademecum per l’uso


52

I consigli per un acquisto consapevole... al riparo da possibili raggiri

52 IN VIAGGIO

Nella Repubblica Dominicana


Tutto quello che c’è da sapere su una delle mete esotiche più ambite

56 FOCUS

Strategie anti-invecchiamento


Anti-aging: ecco il significato di questa parola

58 IN VETRINA
62 OROSCOPO
63 ABBONATI A PESO PERFECTO
64 CENTRI NATURHOUSE IN ITALIA E NEL MONDO
66 NEL PROSSIMO NUMERO

56

5

lettere
Se desideri inviarci lettere, domande, curiosità, scrivi a:
redazione@pesoperfecto.net
FAME NERVOSA
Fa molto freddo, sono
sempre in casa perché
devo studiare per i
prossimi esami e alla
fine sono sempre con
le mani nel frigorifero,
ma per saziarmi mangio soprattutto frutta
fresca e yogurt.
Cecilia da Messina
Cara Cecilia,
stai tranquilla: il tuo è un tipico caso di
fame nervosa, normale per chi studia
o per chi lavora da casa. È certo che
non puoi mangiare solo frutta o yogurt,
evitando le proteine o i carboidrati per
paura di ingrassare. Inizia ad organizzare meglio il tuo piano alimentare, facendo una buona e nutriente colazione, mangiando a pranzo un po’ di pane
o della pasta e alternando per cena
carne, pesce o uova. Ma soprattutto
ritagliati del tempo da trascorrere in
palestra o anche all’aperto, nelle ore
più calde della giornata: l’attività fisica
può esserti di grande aiuto.

IL LATTE
Ho letto su internet
che le proteine del
latte sono buone
quanto quelle degli
altri alimenti di origine
animale. E’ un’informazione corretta?
Vale
Cara Vale,
effettivamente il latte contiene proteine di ottima qualità nutrizionale,
inferiore solamente a quella delle

LA FRUTTA
FA INGRASSARE?
Vorrei sapere se un consumo elevato
di frutta può contribuire all’aumento
di peso. Questa domanda nasce dal
fatto che da un po’ di tempo sto seguendo una dieta, senza però riuscire
a perdere peso!
Elisa 78

I SOSTITUTIVI
DEL PASTO
A causa dei molti impegni di lavoro e
dei miei orari, mi capita spesso di non
avere tempo a disposizione per consumare pasti completi, principalmente
il pranzo. Posso fare uso delle barrette
sostitutive?
Mara

ALIMENTAZIONE
IRREGOLARE
Sono una studentessa universitaria: ho
una vita molto sedentaria, perché lo
studio impegna tutta la mia giornata.
Non ho tempo per fare passeggiate,
per correre, per andare in piscina o
per frequentare dei corsi in palestra.
Nell’ultimo mese sono ingrassata di
3,5 kg, ma la cosa che mi preoccupa
ancor di più è che appena mangio
un po’ di salame o del cioccolato mi

6

vengono le afte. Come posso perdere
i chili che ho messo su ultimamente?
Monica da Verona
Cara Monica,
come tu stessa ammetti hai una
nutrizione assolutamente irregolare.
Cerca di consumare molte verdure
e pesce in abbondanza, evitando di
comprare salumi o cioccolato.
Ai tre pasti principali della giornata
(colazione, pranzo e cena) aggiungi

proteine dell’uovo. Le
proteine del latte, infatti,
contengono tutti gli amminoacidi essenziali necessari per la costruzione
dei tessuti corporei e
che noi dobbiamo introdurre con gli alimenti,
non essendo in grado di sintetizzarli. Il
latte migliora notevolmente la qualità
proteica della dieta, risultando particolarmente importante nel periodo
dell’accrescimento, caratterizzato da
un più alto fabbisogno di proteine.

Cara Elisa,
spero che la dieta
che stai seguendo
non sia solo a base di
frutta! Certo, la frutta
è un elemento molto
importante per una
corretta alimentazione: la quantità da consumare nell’arco
della giornata è pari a 2-3 frutti medi.

Cara Mara,
puoi tranquillamente servirti dei sostitutivi del pasto, ma senza abusarne. Ciò
significa che due pranzi, meglio se non
consecutivi, possono essere consumati
con dei sostitutivi, ma cercando di variare quanto più possibile la tipologia dei
prodotti prescelti. Per un buon risultato
ti consiglio di alternare le barrette e le
zuppe, i budini e quant’altro.

due spuntini a base
di frutta o yogurt, a
metà mattinata e
nel pomeriggio.
Trova poi anche solo
un paio d’ore alla
settimana per fare
dell’attività fisica:
vedrai che perderai
peso e starai molto
meglio!

I

PIá

!

,A VITA DI TUTTI I GIORNI CI PORTA AD AVERE UN RITMO ACCELERATO 1UESTO PUÛ

PROVOCARE NERVOSISMO CHE SI MANIFESTA CON ANSIA ED INQUIETUDINE DURANTE IL
RIPOSO NOTTURNO SPESSO CORRELATO ALLA DIFFICOLTÌ AD ADDORMENTARSI
).&5.!4 2%,!8 INFUSO A BASE DI &IORI D !RANCIO 4IGLIO E -ELISSA
AROMATIZZATO ALL ARANCIA PRODUCE PROPRIETÌ RILASSANTI E TRANQUILLIZZANTI
CHE ALLEVIANO I SINTOMI DI ANSIETÌ E FAVORISCONO IL RIPOSO
)NOTRE IL SUO SAPORE GRADEVOLE LA RENDE PIACEVOLE PER ESSERE UTILIZZATO
COME INFUSO ABITUALE

7
6ENDITA IN ESCLUSIVA NEI CENTRI .ATURHOUSE )NFO TEL WWW NATURHOUSE COM

news

ALICE & FRIENDS
Quante volte ci siamo rifugiate
a casa di una amica a piangere

CELLULARI E TUMORI:
DIECI REGOLE PER EVITARE
IRRADIAMENTI NOCIVI
E’ stata resa nota in questi giorni
l’ennesima prova scientifica della
correlazione fra tumori alla parotide
(ghiandola salivare) e uso del cellulare (il rischio di cancro in chi lo usa in
maniera prolungata aumenta del 50%).
Per un’efficace opera di prevenzione,
è opportuno allora applicare le dieci
regole igieniche per neutralizzare gli
effetti dannosi del telefono portatile,
stabilite dall’Associazione medica di
Vienna.
1) Usarlo raramente e brevemente
(sarebbe meglio evitarne l’uso per
gli adolescenti sotto i 16 anni)
2) Non tenerlo all’orecchio nel
momento dell’attesa che l’interlocutore risponda
3) Non telefonare in auto, bus e
treno: qui l’irradiamento è molto
più potente
4) Tenerlo il più lontano possibile dal
corpo durante l’invio di SMS
5) Durante la comunicazione, tenersi

La caffeina raddoppia
il rischio di aborto
Restare affezionati alla tazzina,
in gravidanza, può avere conseguenze molto gravi. Esagerare

8

delle nostre disgrazie sentimentali,
ingozzandoci di patatine tra un singhiozzo e l’altro? Per gli amanti di
‘Sex and the City’, una
nuova avventura tutta al
femminile, questa volta
romanzo. Protagonista
una giovane giornalista
d’assalto, Alice, presa dal
lavoro e dal suo gruppo
di amiche, adorabili

a qualche metro di distanza dalle
altre persone poiche’ anch’esse
subiscono l’irradiamento
6) Non tenerlo nella tasca dei pantaloni poichè l’irradiamento può
avere effetti nefasti sulla fertilità
maschile
7) Spegnerlo sempre durante la notte. Non depositarlo in prossimità
della testa
8) Non utilizzarlo per i giochi
9) Gli auricolari non sono inoffensivi.
Il filo ha un effetto conduttore per
l’irradiamento
10) I collegamenti LAN, vale a dire
UMTS, provocano un irradiamento ad alto dosaggio

col caffè e con la caffeina in
genere, nelle prime due o tre
settimane di gestazione, fa alzare
vertiginosamente il rischio di
aborto. Lo sostiene uno studio
pubblicato dalla rivista statunitense ‘American Journal
of Obstetrics and
Gynaecology’, secondo cui consumare
circa 200 milligrammi
di caffeina (la quantità
contenuta in due o tre
tazze di caffè), può raddoppiare il pericolo.

quanto impegnative. ‘Alice & Friends’
è una spassosa toccata e fuga nell’universo femminile, indiscreto spioncino
sui segreti e divertente parodia delle
situazioni-tipo tra donne del 2000.
Dalle stesse autrici di Boop Fashion
Story (www.boop.it), Giulia Rossi e
Maria Elena Molteni, ecco il primo
romanzo sulle 4 protagoniste che ogni
giovedì colorano le pagine del sito di
moda del momento.
CON GOOGLE UN KIT
PER LEGGERE IL DNA
La società californiana
di ricerca genetica
23andMe, fondata da Google, ha
messo a disposizione un kit per
un test del Dna
fai-da-te.
Per 999 dollari
si può ottenere
la mappatura del
proprio Dna, ricostruita attraverso le
23 paia di cromosomi umani fondamentali e un rapporto sul rischio di
almeno 20 malattie.
«La mission di 23andMe è di portare
la ricerca genetica ad un nuovo livelloha affermato la co-fondatrice Linda
Avey – inoltre, per tranquillizzare i
difensori della privacy, posso garantire
che i dati non lasceranno 23andMe».
Brindisi di bellezza
Lo champagne, chiamato ‘oro liquido’ dai sommeliers per l’unicità del
perlage, del colore e del gusto, entra
trionfalmente in beauty farm.La moda
parte da Napa Valley, in California.
Alcuni resort si sono specializzati
proprio in trattamenti estetici che
sfruttano le proprietà benefiche dei
millesimati, ricchi di
polifenoli.
Lo champagne viene
anche utilizzato per
frizzantissimi nonché
golosissimi
bagni. L’effetto?
Morbidezza e luminosità.

.9+/2 0),/4 0%. )4!,)!
VIA DEL ,AVORO #ASALECCHIO DI 2 "O TEL FAX
ÜÜÜ°«ˆœÌˆÌ>ˆ>°ˆÌ E MAIL INFO PILOTITALIA IT

9

news
TATUARSI L’IRIDE DIVENTA
UNA REALTA’
Lenti a contatto che tatuano gli
occhi: è l’ultima moda giovanile che
impazza nelle discoteche americane
e nord-europee.
Si tratta di lenti a contatto “disegnate” che riproducono immagini di
ogni genere, dai canguri alle croci,
dalle rose, ai delfini.
Il risultato? Conferiscono a chi le

LATTE DA BERE
E DA INDOSSARE:
ARRIVA MILKOFIL
Una t-shirt “al latte” per sentirsi
sempre un po’ bambini. Dalla prossima primavera Very Simple metterà
sul mercato una linea di capi realizzata proprio con questo prezioso
alimento.
E come per il latte (pastorizzato,
parzialmente scremato, intero, a
lunga conservazione), Very Simple
propone una collezione per “tutti
i gusti”: una vasta gamma di t-shirt
total-panna con stampe che rimandano all’intero universo latte.
Le t-shirts sono realizzate attraverso un particolare processo di
lavorazione.
Il tessuto così ottenuto prende il
nome di Milkofil, l’innovativo filato
biologico e salutare, particolarmente adatto per il contatto con la
pelle: dall’abbigliamento, all’intimo,
dall’arredo al letto.

Broccoli
per il cuore
Broccoli pietanza anticancro, ma anche toccasana per il cuore: lo
proteggono dai danni
e ne migliorano la funzionalità.

10

porta un aspetto da vero extraterrestre, ma questo non fa desistere
i giovani dall’utilizzarle.

La sigaretta
non attenua
la fame
Uno studio di ricercatori dell’università
di Yale contraddice
l’ipotesi che la nicotina attenui la fame. Molti fumatori
si sentono scoraggiati a smettere di
fumare perché temono di acquistare
peso. “Anche se la nicotina può agire
da soppressore dell’appetito - commenta la psichiatra Darlene Brunzell,
prima autrice dello studio - questi dati
suggeriscono per la prima volta che
l’esposizione ripetuta alla nicotina può
avere l’effetto opposto, ovvero aumentare la motivazione a mangiare”.
L’AUTO CHE VA
CON LA BATTERIA DEL PC
Una sportiva alimentata completamente da una batteria elettrica al
litioionio. Si tratta di Tesla Roadster,
la cui uscita sul mercato è prevista
per il primo trimestre del 2008.
Cinquanta esemplari, al costo di 98
mila dollari (66.740 euro) che salgono
oltre i 100.000 con gli option, come
il navigatore satellitare e il caricatore
per cellulare. Entro la fine del 2008
dovrebbero uscire altri 650. Un’auto
rivoluzionaria, perché camminerà con
le batterie al litioionio, in pratica quelle di un comune pc. Una svolta storica
per l’industria automobilistica.
Lo dimostra uno studio
condotto dagli esperti
dell’università del Connecticut (Usa): sembra
che nei topolini alimentati
per un mese con questo
vegetale l’organo sia
diventato più forte e

E’ SCOMPARSO
ROBERT CADE,
IL DOTTOR
GATORADE
E’ morto a Jacksonville, in Florida, Robert Cade.
Ottant’anni, medico e professore
universitario, Cade è l’inventore del
Gatorade. L’integratore fu lanciato
nel 1965 dallo staff di ricercatori del
professore, medico della squadra di
football dell’Università della Florida,
gli ‘alligatori’.
Il nome della bevanda deriva proprio dalla mascotte dell’istituto, un
“gator”, abbreviazione di alligator.
Oggi di proprietà della PepsiCo Inc,
il marchio Gatorade detiene l’80
per cento del mercato USA delle
cosiddette ’bibite sportive’, che
nell’ultimo anno ha toccato i 7,5
miliardi di dollari.
Tassa sull’obesità
in Gran Bretagna
I ricercatori dell’Università di Oxford
sostengono che una tassa sul ‘cibo
spazzatura’ (Junk food) potrebbe
salvare, in Gran
Bretagna, la vita a
3.000 persone ogni
anno.
In Gran Bretagna,
infatti, un adulto su
quattro è obeso e
il fenomeno si sta
pericolosamente
allargando anche
tra gli adolescenti.
Il provvedimento è molto discusso:
come non bandire i formaggi, che
pure fanno parte di una dieta equilibrata? Secondo il portavoce della
federazione Food & drink, inoltre, la
tassa colpirebbe soprattutto le classi
meno abbienti aumentando la spesa
settimanale del 4,6%.
resistente. I broccoli sono già noti
per le loro proprietà anti-cancro, ma
sembrano essere preziosi anche per
proteggerci dai disturbi cardiovascolari. Il segreto è però quello di non
cucinarli in maniera troppo elaborata
perdono, infatti, la maggior parte
delle loro proprietà benefiche.

BLOCCATO?

PROBLEMI DI TRANSITO?

contiene fibra
è gustoso

6ENDITA IN ESCLUSIVA
NEI CENTRI .ATUR(OUSE
INFO 4EL

S

e
n
o
i
z
olu
WWW NATURHOUSE COM

inter vista con...

Matilde Brandi
“Per mantenermi in PERFETTA forma scelgo
un’alimentazione adeguata al mio stile di vita”

la showgirl, Tra le donne dello spettacolo più apprezzate del panorama
italiano, ci racconta come è riuscita a recuperare la sua silhouette dopo la
recente maternità e come concilia impegni professionali e alimentazione
TESTI GIULIA ROSSI

Ha iniziato a calcare il palcoscenico
fin da giovane, sicura che nella vita
sarebbe diventata una ballerina.
E così è stato, grazie a una ferrea
volontà, un grande entusiasmo e una
estrema professionalità.
Si è diplomata nel 1990 al Balletto di
Roma, iniziando da subito una carriera in ascesa costellata di successi.
Qual è il primo ricordo importante
della sua vita professionale?
“Quando Gigi Proietti mi scelse per
lavorare nel suo show in Rai come
soubrette. Ero onorata, lo conoscevo come grande professionista.
Avevo appena 19 anni ed ero appena
uscita dalla scuola”.
Quali sono le persone che hanno
contatto di più nella sua carriera?
“Un grazie va alla mia famiglia che se
da un lato non mi ha mai spinto a
intraprendere questa carriera, non
mi ha neanche ostacolata e mi ha
sempre lasciata libera di scegliere.
E poi un grazie anche a me stessa che
sono stata caparbia, fin dall’inizio”.

“Muoversi è la prima
regola per mantenere
il peso ideale”

12

Come riesce a conciliare vita privata
e lavoro?
“Sai che lo devi fare e lo fai. È vero,
il mio lavoro mi porta a viaggiare, ma
in questo momento sono tranquilla,
vivo a Roma e per lavorare in televisione è abbastanza comodo.
Ho dovuto abbandonare il teatro,
con due bambine piccole i ritmi erano inconciliabili.
Cerco sempre di fare in modo che il

mio lavoro porti via il meno tempo
possibile ai miei figli”.
Li porta mai con sé sul luogo di lavoro?
“Quasi mai. È capitato penso solo una
volta, la scorsa primavera”.
Cambierebbe mai la sua professione?
Quale altra professione le piacerebbe
intraprendere?
“No, non la cambierei mai, la amo
troppo. Però, confesso, mi sarebbe
piaciuto moltissimo anche fare l’arredatrice. Adoro arredare le case,
se fossi il sindaco di Roma la farei
diventare bellissima, come Parigi. Ho
il culto del bello, dell’estetica. Anche
la pittrice è un mestiere che non mi
sarebbe dispiaciuto, mi piacciono
molto gli impressionisti anche se il
mio stile è più astratto.”
Nata il 27 febbraio sotto il segno dei
Pesci. Lo zodiaco la descrive sensibile,
dominata dalle emozioni e in cerca di
sicurezza e stabilità. Si riconosce in
questo profilo?
“Perfettamente”.
Parliamo un po’ di alimentazione.
Quali sono le sue abitudini? Segue una
dieta particolare?
“Sono sincera. Non sono di quelle che
sta perennemente a dieta. Sto attenta, cerco di avere un’alimentazione
adeguata al tipo di vita che faccio,
anche se sono molto golosa. Credo
che oggi si possa mangiare bene, con
soddisfazione, anche senza togliersi
troppi sfizi. Ho una mentalità come

Matilde ha sempre avuto un rapporto
sereno con il suo corpo.
Cucina cose semplici e mangia di tutto
con moderazione

13

inter vista con...

quella dei miei genitori, cucinare cose
semplici, non pesanti”.
Fa esercizio fisico?
“Muoversi è fondamentale, la vita sedentaria è deleteria per la forma fisica,
ma soprattutto per la salute”.
Mangia regolarmente ai pasti o
ama fare degli spuntini?
“Ai pasti mangio di tutto, da una
buona colazione al mattino con latte
e biscotti, al pranzo con un’insalata o
la pasta alla cena dove di solito prediligo carne o pesce. Sono contraria
agli spuntini, anche se, quando sono
tutto il giorno in casa è più facile fare
tappa al frigorifero per un frutto o
uno yogurt…”
Ha mai avuto problemi di peso?
“Ho sempre avuto un rapporto sereno con il mio fisico. Anche durante la
gravidanza. Anche se mi dicevano che
dovevo mangiare per tre, sono stata
molto attenta e non ne ho risentito.
Certo, qualche sfizio me lo sono
tolto, ma con moderazione. Se uno si
abbuffa i chili di troppo accumulati
durante i nove mesi rimangono lì”.

Che consigli darebbe alle giovani
ragazze che vogliono fare il suo
mestiere?
“Muoversi, muoversi, muoversi! Le ballerine mantengono una linea perfetta
per il tanto movimento che fanno. Per
le modelle invece è diverso, i problemi
legati al cibo sono molti di più, e più
gravi. L’esercizio fisico, lo ribadisco, è
la prima cosa, ed è tutta una questione
di volontà”.

14

Brandi in pillole:
Il film indimenticabile:
“Vento di passioni”
Il libro che stai leggendo:
“La cattedrale del mare”
Il libro che tieni sempre sul
comodino:
“Se questo è un uomo “
Il paese dove andresti a vivere:
“Roma, Italia, dove vivo ora”
Il colore preferito: “rosso”
La canzone: “Spaccacuore”
La dote che apprezzi di più
in un uomo: “la galanteria”
La dote che apprezzi di più in
una donna: “la sincerità”
Il vizio a cui non riesci a
rinunciare: “gli sfizi di cibo”
Il segreto per mantenere il peso
perfetto: “la palestra”

Una storia di successo
Matilde è una delle showgirl più
apprezzate e conosciute del piccolo
schermo. Si diploma come ballerina
classica nel 1990 al Balletto di Roma,
perfezionandosi poi in danza jazz,
moderna e funky, lavora con i più
grandi coreografi, ma al tempo stesso
studia canto, dizione e recitazione per
esprimersi al meglio in ogni disciplina
dello spettacolo. Nel 1990/1991 è la
ballerina di ‘Club ‘92’, con Gigi Proietti
su Raiuno.
L’anno
successivo
lavora
in
‘Fantastico’, condotto da Raffaella
Carrà. Successivamente è a ‘Buona
Domenica’, con Lorella Cuccarini e
Marco Columbro, della quale diventa
prima ballerina l’anno seguente e nella
stagione 1996/1997. Nel 1996 è a
‘Fantastica italiana’, con Paolo Bonolis,
e nello stesso anno vince un premio
come miglior ballerina televisiva
dell’anno. In quell’anno incide il remix
di ‘Barbie girl’ degli Aqua e vince
il Premio Bob Fosse come miglior
showgirl dell’anno. Nel 1998 conduce
una rubrica musicale in ‘Super Estate’.
E’ testimonial di Capucci per ‘Donna
sotto le stelle’  a Roma in piazza di
Spagna. Ha partecipato al programma

di Adriano Celentano ‘Francamente
me ne infischio’  (Raiuno, 1999) e
grazie al suo talento ed alla sua straordinaria tecnica ha dato prova di essere
una vera showgirl nella trasmissione
evento  ‘Torno Sabato’  di Giorgio
Panariello (Raiuno, 2000, 2001) dove
si è fatta notare, oltre che come prima
ballerina, anche per la sua presenza accanto a Panariello nelle presentazioni
e nelle gag. Ospite a ‘Carramba che
sorpresa’  è stata definita dalla Carrà
“la nuova showgirl di questi anni”.
Matilde è stata una delle protagoniste
della nuova edizione di ‘Domenica  in
2000’ condotta da Carlo Conti, dove
ha riscosso un grande successo grazie
ai passi a due che ha proposto in ogni
puntata.
Nel 2003 è stata protagonista nel
programma del sabato sera ‘Amore
mio’ al fianco di Claudio Amendola e
di ‘Baciami Versilia’ con Carlo Conti
(RaiUno 2002-2003). Nel 2003 è protagonista del musical ‘Victor, Victoria’.
E’ stata tra le più apprezzate prime
donne al Bagaglino.
Negli anni successivi Matilde Brandi è
stata protagonista del Bagaglino e di
Piazza Grande e di trasmissioni in prima serata sula Rai.Dopo la pausa per
la gravidanza, è ora pronta a tornare
in scena, più in forma che mai.

15

Peso Ideale: un sogno
che diventa realtà

Credevo fosse impossibile
seguire un piano alimentare
fuori casa; invece ho perso
26 chili senza troppe difficoltà

!”

ra
“Semb


ero co
a
m
ibile

incred

Erwin

26

kg in meno

Sarentino (BZ)
Nome: Erwin Spiess
Età: 38 anni
Altezza: 183 cm
Peso precedente: 104 kg
Peso attuale: 78 kg
Grazie al metodo Naturhouse e a sua moglie, che
lo ha sempre sostenuto durante la dieta, Erwin
è riuscito a riconciliarsi con il suo corpo. Nonostante il suo lavoro lo porti spesso a mangiare fuori
casa, ha ricevuto dalla consulente nutrizionista
un’educazione alimentare che gli permetterà di
mantere per sempre il suo peso forma ritrovato
16

HA PERSO

26 KG

Tempo trascorso: 3 mesi
Taglia precedente: 56
Taglia attuale: 44
HA PERSO

6 TAGLIE

Dopo sole due
settimane avevo già
perso 5,5 chili senza
mai soffrire la fame.
Quando ho raggiunto
questo risultato,
ho capito di aver
fatto centro
Come ha conosciuto Naturhouse?
Sono venuto a conoscenza di Naturhouse grazie alla pubblicità e attraverso Internet. Ho deciso di prendere
un appuntamento perché volevo proprio vedere di cosa si trattava e capire se era un metodo di dimagrimento
davvero efficace.
Prima di passare a Naturhouse,
ha tentato altri modi per
dimagrire?
Sì, in effetti, in passato avevo provato
diverse diete fai da te. Alla fine dei
trattamenti ero sempre soddisfatto in
quanto il dimagrimento c’era stato e i
chili persi erano tanti. Purtroppo però
non sono mai riuscito a mantenere la
forma fisica ritrovata. In breve, riprendevo tutti i chili per poi ingrassare ulteriormente.
Quale è stata la sua prima
impressione del sistema
Naturhouse?
Ero molto diffidente. Non avrei mai
pensato di ottenere un risultato simile. Come ho già detto prima, ho
provato tanti altri sistemi di dimagrimento senza successo, per cui ero
depresso e sfiduciato. Per fortuna, mia
moglie mi è stata di grande aiuto: lei è
sempre stata convinta che il metodo
Naturhouse fosse efficace e che mi
avrebbe aiutato a ritrovare fiducia in
me stesso e un nuovo corpo di cui essere fiero.
Credevo fosse impossibile seguire un
piano alimentare fuori casa, in quanto
con il mio mestiere sono spesso obbligato a mangiare al ristorante, invece, mi rendo conto che ha funzionato
benissimo: basta avere la volontà per
farcela.

Erwin appare orgoglioso e disinvolto davanti all’obiettivo
Quando ha iniziato a preoccuparsi
per il suo sovrappeso?
Ho avuto sempre problemi di peso.
Quando ero più giovane ero in forma perché praticavo molto sport e
mangiavo davvero poco. Poi, appena
ho abbandonato l’attività fisica e sono
passato ad un’alimentazione più abbondante, sono ingrassato rapidamente e ho riscontrato grandi difficoltà a
mantenermi in forma. La situazione
è peggiorata due anni fa, quando mi
sono sottoposto a quattro operazioni
alla schiena: il sovrappeso è diventato
per me un vero e proprio problema di
salute, non potevo più praticare sport
e avevo ben 25 chili in più da smaltire.
E’ stato difficile seguire le
raccomandazioni che le hanno
dato gli specialisti Naturhouse?
No, non è stato affatto difficile. Ho
risolto i miei problemi in maniera graduale e sono stato seguito dalla nutrizionista. In un primo momento era
mia moglie che mi preparava i pasti e,
dopo due settimane, avevo già perso
5,5 chili senza mai soffrire la fame.
Quando ho raggiunto questo risultato
ho capito di aver fatto centro.
Cosa le piace del metodo
Naturhouse?
Il fatto che è semplice e per niente

complicato e che permette di mangiare quasi tutto: le rinunce sono davvero
poche.
Posso affermare, senza alcun dubbio,
che il sistema Naturhouse va bene per
tutti, anche per le persone che per
motivi professionali sono costrette a
mangiare fuori casa.
Quanti chili ha perso?
Sono molto orgoglioso nel dire che
ho perso la bellezza di 26 chili.
Sembra davvero impossibile, ma è
così, i miei amici e la mia famiglia possono confermarlo.
Cosa vuole consigliare
ai lettori?
Non posso fare altro che consigliare
questo sistema di dimagrimento perché lo considero veramente il migliore.
A tutti quelli che hanno i problemi che
ho avuto io, posso solo dire: provatelo,
dopo qualche settimana sarete soddisfatti per i risultati raggiunti. Sono
molti gli amici e i colleghi che mi hanno chiesto come ho fatto a ritrovare
una forma fisica invidiabile.
E dopo aver ricevuto le mie indicazioni, in tanti hanno deciso di seguire il
mio esempio.
Il risultato? Un successo per tutti...
grazie a Naturhouse.

17

inter vista NATURHOUSE
Nel Centro Naturhouse di via Milano 76,

a Bolzano,

Erwin Spiess ha perso 26 chili

Liliana
De Maria
Laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche
racconta la propria esperienza di Consulente Nutrizionista
del Centro NATURHOUSE di Bolzano
Le abitudini di vita attuali della
maggior parte delle persone portano
a tenere un regime alimentare
inappropriato, nel quale si rinuncia al
pasto canonico, preferendo mangiare
‘qualcosa al volo’ e provocando così
effetti dannosi per la salute e per la
forma fisica.

tamente alla tipologia di servizio che
viene offerto al pubblico e al coinvolgimento da parte del personale nei confronti delle piccole vicissitudini quotidiane dei clienti: fin dai primi giorni

di lavoro avevo intuito che si trattasse
dell’attività più adatta per me, al punto
tale che mi sono mossa subito al fine
di rilevare il centro e rendere questo
lavoro mio al 100%.

Dopo una laurea in chimica e tecnologie farmaceutiche, Liliana De Maria
ha iniziato a lavorare nel settore della nutrizione, per il quale ha sempre
nutrito un grande interesse. Oggi,
grazie al lavoro che svolge all’interno
dell’azienda Naturhouse, ha la possibilità di sviluppare e ampliare gli studi
svolti, provandone l’efficacia direttamente sul campo.
Cosa le interessa di più del tema
della nutrizione?
Ho sempre trovato affascinante studiare il parallelismo tra alimentazione,
benessere e componenti emotivi quotidiani, è estremamente interessante il
congiungimento di queste tre componenti, legate tutte all’alimentazione.
Da quanto tempo lavora
per Naturhouse?
Come nutrizionista dal novembre
2006. Mi sono appassionata immedia-

18

Liliana De Maria, titolare del centro Naturhouse di Bolzano

Come avviene il primo contatto
con un cliente in uno dei vostri
Centri?
Nel momento in cui un cliente entra
per la prima volta il mio compito è
quello di spiegare quanto sia importante nella vita di tutti i giorni una corretta e sana alimentazione. Sottolineo
che si tratta indubbiamente di un investimento per se stessi calcolato in
termini di salute e benessere generale:
conduco un colloquio preliminare in
cui mi informo del regime alimentare quotidiano tenuto abitualmente e
lo correggo laddove ce ne sia bisogno, devo essere messa al corrente
di eventuali disturbi patologici, e a
questo punto fornisco i consigli per
un’alimentazione sana e corretta,che
ha come controparte sempre uno
sgonfiamento, un calo di peso e un aumento del proprio benessere.
È difficile seguire la dieta
Naturhouse?
Assolutamente no: questo è di sicuro
uno dei punti forti del nostro metodo, in quanto i consigli nutrizionali che
vengono dati tentano di ricalcare nei
limiti del possibile il regime alimentare
tenuto dal cliente, supportato dai nostri integratori alimentari.
Personalmente punto sempre sulla varietà assoluta, affinché l’approccio non
sia monotematico, quindi noioso, la
dieta viene poi comunque variata con
scadenza settimanale e differenziata
a secondo delle esigenze dei clienti,
che possono essere sportivi, impiegati
d’ufficio con un tenore di vita sedentario o persone anziane con un metabolismo rallentato. C’è un regime
alimentare personalizzato per ogni
categoria.
 
Cosa le piace del lavoro che fa?
Ho sempre desiderato un lavoro in
cui poter sfruttare le conoscenze acquisite nel corso degli anni di studio
per aiutare il prossimo: poter seguire i
clienti di settimana in settimana rende
questo lavoro vario, si approfondiscono conoscenze, si ha modo di avere
contatto con un pubblico che è sempre soddisfatto del lavoro svolto e del
risultato ottenuto, quindi si tratta di
persone che sono grate e che non solo
rientrano in negozio con la volontà di
tornare in forma ma addirittura spessissimo coinvolgono parenti ed amici
portandoli come nuovi clienti.

Liliana De Maria, all’interno del centro Naturhouse con l’addetta alle vendite
Francesca Vassalli
Nella dieta ci sono
degli alimenti proibiti
o che devono essere evitati?
Il nostro obiettivo è solitamente
quello di tornare in forma, per cui è
opportuno utilizzare alimenti meno
calorici: puntare su fibre e proteine,
che saziano e impediscono quindi di
far spuntini fuori pasto; nel contempo
si limita il quantitativo quotidiano di
carboidrati, di cui l’alimentazione mediterranea è fortemente intrisa, i grassi
e gli zuccheri semplici (dolci, caramelle
e bevande zuccherine).
Anche tutto ciò che aiuta il deposito di
grassi sul nostro corpo è fortemente
limitato, soprattutto nelle prime settimane, tuttavia il principio secondo
il quale “una volta ogni tanto non fa
male a nessuno” è uno dei motti seguiti da me e dai miei clienti.
 
In che cosa è differente
Naturhouse?
Nei nostri Centri il cliente viene ascoltato, visto di settimana in settimana,
conosciuto. Prendere appuntamento è
semplice in quanto vi è un’ampia flessibilità di orari ed è possibile testare
con mano il calo di peso, la riduzione
della ritenzione idrica e della massa
grassa. Si procede nell’iter alimentare
con consigli nutrizionali che non si discostano dall’abitudine del clienti, e si
viene aiutati da integratori naturali.
Una volta concluso il percorso il cliente passa in mantenimento e viene
monitorato nel corso di alcuni mesi
in modo tale da evitare l’effetto yo-yo,
il regime alimentare è ampio e vario,

non ha obblighi o restrizioni ferree e
consiste anche di diete munite di ricette saporite ma nel contempo ipocaloriche: si mangia correttamente e ci
si sente sazi.
In che modo Naturhouse
aiuta le persone che vogliono
raggiungere una buona forma
fisica?
I cinque pasti quotidiani devono essere
rispettati e contro agli attacchi nervosi serali si interviene con alimenti soddisfacenti, come fibre, yogurt e tisane
sono concessi anche i nostri biscotti:
ottimi spezzafame e gustosi sia da
soli che come accompagnamento per
il tè. A scadenza settimanale fissiamo
un appuntamento al fine di verificare
il calo di peso; gli incontri settimanali
sono un altro importante punto forte del sistema: il cliente è più seguito,
può risolvere alcuni dubbi alimentari
e l’aiuto di un esterno è sicuramente
più motivante dell’autodisciplina forzata, tipica invece delle diete “fai da
te”. Sempre consigliata ovviamente
anche una regolare attività fisica, che
coadiuva il processo di dimagrimento
e garantisce salute e benessere.

di Bolzano,
Via Milano 76,
Tel. 0471.301201
Più di 1.500 Centri Naturhouse
Vedi pagg. 62-63
19

Peso Ideale: un sogno
che diventa realtà

“Quando mi riguardo
nelle vecchie foto
mi emoziono ancora”
!”

“Solo

12

ì
ro cos
e
a
f
i
mes

Viviana

32

kg in meno
Adrano (CT)
Nome:Viviana Cugurullo
Età: 42 anni
Altezza: 168 cm
Peso precedente: 113 kg
Peso attuale: 81 kg

Perdere 32 kg le è servito per sentirsi una donna
nuova. Si sente rinata sia fisicamente che psicologicamente. Sarà sempre grata al programma
dietetico Naturhouse perché le ha regalato un
benessere impagabile, con un minimo sforzo e
senza patire la fame.
20

HA PERSO

32 KG

Tempo trascorso: 12 mesi
Taglia precedente: 60
Taglia attuale: 48
HA PERSO

6 TAGLIE

Come mai ha deciso di ricorrere
a Naturhouse per perdere peso?
E’ stato del tutto casuale. Il Centro
Naturhouse di Catania aveva aperto
da poco..il 20 settembre se ricordo
bene. Io ero venuta a conoscenza della loro esistenza tramite una mia amica che aveva già iniziato la dieta. Così,
data la mia disperazione legata ai chili
di troppo, ho deciso di accompagnarla
per vedere da vicino di cosa si trattava. Lì ho incontrato la dottoressa
Alessandra Formica, la nutrizionista
del turno di mattina, che mi ha fatto
sentire subito a mio agio.
Mi ha chiesto di sottopormi alla prima
visita senza impegno, mi ha fornito un
piano alimentare e degli integratori.
A quel punto, con la dieta in mano,
non ho potuto fare altro che seguirla.
In effetti, non mi sembrava affatto restrittiva: io sono andata fino in fondo
e oggi posso dire di aver raggiunto il
traguardo.
Aveva tentato altri metodi
per dimagrire?
Mai… o meglio, in passato ero ricorsa
più volte alle classiche diete fai da te.
Quelle dell’ultimo minuto, ma i risultati duravano poco. Il problema è che
li riprendevo tutti in pochissimo tempo rendendo ogni sforzo vano.
Come le è sembrata il piano
alimentare all’inizio?
Mi ha convinta subito perché era composta da ben cinque pasti contro i miei

Viviana posa
con il suo
nuovo aspetto,
fiera della linea
ritrovata
due. Certo, all’inizio dovevo rispettare
necessariamente gli orari altrimenti la
fame si faceva sentire, ma pian piano
mi sono abituata. La cosa più difficile
è una sostanziale diminuzione, soprattutto all’inizio, dei carboidrati. Per me
che vivevo di pasta mangiare prevalentemente proteine e vegetali poteva
sembrare faticoso, ma con tre fette di
carne e un contorno abbondante la
sazietà arrivava.
Ha avuto difficoltà nel seguire la
dieta?
Se fosse stata difficile l’avrei sicuramente abbandonata. Per fortuna però
più che una dieta ho ricevuto da Alessandra Formica un supporto costante e una vera e propria educazione
alimentare per cui in poco tempo ho
imparato regole validissime e semplici
da mettere in pratica. Molto del mio
successo lo devo anche alla mia famiglia che mi è stata vicina e mi ha
appoggiata nella mia scelta. Sono stati
davvero bravi ad accettare la riduzione della pasta e l’introduzione di molta frutta e verdura.

Con l’arrivo della bella stagione per Viviana scoprirsi non è un problema

Cosa ha imparato grazie
a Naturhouse?
Sicuramente a distribuire meglio i
pasti oltre a saper cucinare in modo
sano e gustoso allo stesso tempo.
Quanto è durato il trattamento?
Un anno preciso. Adesso sto entrando
nella fase mantenimento che forse durerà sei mesi..non lo so ma di sicuro
non mi spaventa anche perché avendo
imparato tante regole alimentari, riesco ad evitare l’accumulo di grassi e
quindi l’aumento di peso anche dopo
una giornata di “stravizi”.
Come si sente adesso?
Direi che sono ancora incredula.
Quando mi riguardo nelle foto, infatti,
mi emoziono ancora. Vedere com’ero
soltanto un anno fa e come sono diventata oggi mi riempie di gioia.
Forse non ho ancora realizzato del
tutto… ma ho imparato cosa significhe stare bene e quanto oggi sia importante promuovere il “ben-essere”
sia nel lavoro che nella vita di tutti i
giorni.

21

inter vista NATURHOUSE
Nel centro Naturhouse di via De’ Giovanni, 17
ad Adrano, Catania
Viviana Cugurullo ha perso 32 kg

Alessandra
Formica
Laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari
racconta la propria esperienza di Consulente Nutrizionista
e titolare del Centro NATURHOUSE di Adrano (CT)
“Mi piace lavorare in Naturhouse
perché mi permette di stare a
contatto con persone di tutte le età,
con le quali si instaura un rapporto
di fiducia e stima che poi fidelizza
i clienti e li porta a seguire con più
profitto il nostro sistema”.
Alessandra sostiene
che sia fondamentale adattare
la dieta al singolo cliente.
Il piano alimentare
non deve essere troppo
restrittivo e, soprattutto,
deve essere
di facile applicazione.
Il tema della nutrizione interessa
Alessandra da sempre, come dimostra
il percorso di studi portato a termine.
Prima una laurea in Scienze e tecnologie alimentari, poi un master in
dietetica e nutrizione, prima di aprire
insieme alla sorella Cristina, nello
scorso aprile, il Centro Naturhouse di
Adrano.
Un’impresa nella quale le due sorelle
Formica credono molto e che ha riscontrato da subito un buon successo
nella zona, tanto che hanno deciso,
coinvolgendo i rispettivi mariti, di
aprire altri due Centri, a Paternò (via
Vittorio Emanuele 60) e a Misterbianco
(via Garibaldi 548).

22

Cosa l’ha spinta a interessarsi
al tema della nutrizione?
Purtroppo nel nostro paese è diventato un tema scottante, i casi di
sovrappeso e obesità sono in continua
crescita, quindi diventa fondamentale
provare a sensibilizzare le persone,
educarle ad una corretta alimentazione e seguirle durante il percorso.
Come si è decisa ad entrare
in Naturhouse?
L’occasione si è presentata quando
l’azienda ha deciso di aprire un centro
diretto a Catania.
Si cercavano le figure professionali
che avrebbero avviato il centro e cioè
due consulenti nutrizioniste e due
addette alle vendite. Ho inviato il mio
curriculum e di lì a poco sono stata
contattata per un primo colloquio.
Devo dire che sono entrata a far parte
della ‘Famiglia Naturhouse’ dopo essere stata selezionata fra tanti candidati
e che l’azienda mi ha dato la possibilità
finalmente di mettere in pratica tutte
le mie conoscenze professionali.
Qual è il suo metodo di lavoro e
di accoglienza del cliente?
Racchiuderei tutto nelle mie tre parole chiave: “Cordialità, Professionalità e
Sensibilità”.
Cerco sempre di accogliere i clienti
con il massimo della cordialità per

Alessandra Formica,
titolare del centro Naturhouse di Adrano

cercare di farli sentire a proprio agio
e nello stesso tempo, con professionalità spiego il percorso che sarà seguito
per il raggiungimento degli obiettivi
che pian piano verranno decisi di
comune accordo.
Spiego l’importanza di seguire una
corretta alimentazione nel rispetto
dei gusti e delle abitudini personali,
motivando e incoraggiando durante
tutte le fasi del dimagrimento.
Il mantenimento risulta difficile?
No, per niente. Si arriva al mantenimento dopo un percorso che ci
permette di educare il cliente che,
con la nostra giuda, ma nello stesso
tempo in piena autonomia, apprende
il sistema e i principi fondamentali per
una corretta alimentazione.
Perché le piace lavorare
in Naturhouse?
Perchè il lavoro che svolgo è quello
per il quale ho sempre studiato, ed
oggi non è poco, inoltre mi permette
di stare a contatto con persone di
tutte le età, con le quali si instaura un
rapporto di fiducia e stima che poi fidelizza i clienti e li porta a seguire con
più efficacia il sistema Naturhouse.
E’ importante adattare la dieta
ai gusti della persona?
Fondamentale direi, infatti il piano alimentare che va seguito deve risultare
per il cliente non troppo restrittivo
e soprattutto di facile applicazione,
altrimenti si stancherebbe in breve
tempo non portando a termine il
percorso intrapreso.
Nei centri Naturhouse
si applica un metodo standard?
Il metodo consiste in un sistema
collaudato da tempo che dà ottimi
risultati che vengono mantenuti nel
lungo tempo.
Fondamentale è il primo incontro
con il cliente dove, in una prima fase
è di primaria importanza la figura
dell’addetta alle vendite, rappresentata da mia sorella Cristina, nonchè mia
socia in questo centro Naturhouse di
Adrano.
Questa figura ha il compito di spiegare
al cliente che entra per la prima volta in
un centro Naturhouse il sistema adottato, di invogliarlo ad intraprendere il
percorso fissando l’appuntamento per
il primo colloquio con la nutrizionista.

Alessandra e Cristina Formica, titolari del centro Naturhouse di Adrano
Qual è invece il compito
della nutrizionista?
Fidelizzare il cliente per far sì che, grazie al rapporto di fiducia e soprattutto
spinto dai risultati che via via si ottengono, torni per le successive visite di
controllo. Fin dal primo incontro si
cerca di capire le abitudini alimentari
della persona, in base alle quali si adatterà il piano alimentare trasmettendo
l’importanza di seguire una corretta
alimentazione.
Al piano alimentare vengono poi
abbinati i nostri integratori naturali,
in base ai risultati della bioimpedenziometria, delle caratteristiche e
necessità individuali di ogni singola
persona. Settimanalmente valutiamo
i risultati in base ai quali variamo il
piano alimentare e i prodotti associati.
Fondamentali gli incontri settimanali
che risultano importanti per me in
quanto riesco meglio a capire la risposta dell’organismo del cliente.
Quali sono i principali ostacoli
nel perdere peso?
I principali ostacoli sono il metabolismo
di ciascuna persona, la motivazione

personale del cliente e la difficoltà
di seguire costantemente un piano
alimentare, ma nei nostri centri questi
ostacoli vengono pian piano superati
grazie al continuo monitoraggio dei
risultati cercando di capire i problemi
di ogni singolo cliente al fine di trovare
insieme le giuste soluzioni.
In che cosa Naturhouse
aiuta le persone che vogliono
perdere peso?
Mettendo le persone a conoscenza
degli errori alimentari condotti fino
a quel momento, fornendo loro le
caratteristiche fondamentali per una
corretta alimentazione, indicando il
percorso da seguire accompagnandole
durante tutte le varie fasi.

di Adrano (CT)
Via De’ Giovanni, 17
Tel. 095 7690997
Più di 1.500 Centri Naturhouse
Vedi pagg. 62-63
23

24

salute e immagine

PERDERE

PESO
imparando a mangiare
TESTI ANNA BORRÁS
SPECIALIZZATA IN DIETETICA E NUTRIZIONE UMANA

Può accadere che durante l’inverno, tra cene,
cenoni e festività di vario tipo, si accumuli
qualche chilo in più. La soluzione non sono diete
miracolose: il miglior modo per recuperare il tuo
peso ideale è scoprire come mangiare in modo
sano ed equilibrato.
PRIMA REGOLA, UNA
CORRETTA ALIMENTAZIONE
Se veramente vogliamo occuparci del
nostro corpo mettendo ogni cosa al
suo posto, il primo passo è conoscere
gli alimenti, tanto i gruppi che esistono quanto le proprietà che ciascuno di
questi apporta al nostro organismo.
Senza sottovalutare che per la nostra
dieta è anche importante sapere quale
tipo di cottura è più adatta e come
dobbiamo realizzarla.
Andiamo però per passi. Iniziamo dal
tipo di alimenti.

il calcio, lo zinco e il selenio. Inoltre
contengono elementi fitochimici che
contribuiscono al mantenimento della
salute ed alla prevenzione delle malattie. Consumare questo gruppo di alimenti (in particolar modo gli integrali)
ci offre molteplici benefici per la salute
evitando problemi di stitichezza, dando sensazione di sazietà, prevenendo
malattie cardiache ed alcune malattie
degenerative. È il gruppo che deve essere assunto in maggior quantità però,
dato che la sua funzione principale è
la produzione di energia, è opportuno
controllare la sua assunzione.

LA NECESSITÀ DEI CEREALI
In questo gruppo rientrano il riso,
l’avena, il mais, il grano, l’orzo e suoi
derivati come il pane, la pasta, i cereali
da colazione, patate e patate dolci. Anche frutta secca e legumi contengono
una proporzione elevata di carboidrati però non rientrano in questo gruppo. È importante che facciano parte
integrante dell’alimentazione perché,
oltre all’energia, forniscono componenti importanti come fibra (nel caso
di cereali integrali), proteine, vitamine
B1, B2, B6, E, niacina e folati, minerali
come il fosforo, il magnesio, il ferro,

25

salute e immagine
PROTEINE
DI QUALITÀ

LA PIRAMIDE DELL’ALIMENTAZIONE SANA
Gli esperti in nutrizione hanno elaborato uno schema che semplifica la
quantità ed il tipo di alimenti che devono essere utilizzati nell’arco della
giornata, affinché l’organismo umano goda di buona salute.
Si tratta della famosa piramide alimentare, nella quale vengono raggruppati gli
alimenti secondo il principale nutriente che apportano alla dieta e la frequenza
con cui devono essere assunti.

FRUTTA,VERDURA
E ORTAGGI SONO
INDISPENSABILI
La frutta contribuisce ad una dieta
equilibrata per il fatto che apporta
un’elevata quantità di acqua e di carboidrati a rapido assorbimento (come
il fruttosio), fibra, vitamine antiossidanti (soprattutto C e provitamina A),
minerali (come il potassio, il magnesio,
il calcio ed il ferro) ed elementi fitochimici (come antocianine e flavonoidi) con proprietà terapeutiche.
Si raccomanda di assumerne da tre a
quattro pezzi al giorno, inserendo almeno un citrico e succhi (naturali, per
apportare tutte le proprietà della frutta). Le verdure e gli ortaggi sono parti
di diversi vegetali (radici, bulbi, frutti,
gambi, foglie, che per il loro sapore,
consistenza e proprietà nutrizionali,
sono indispensabili per una dieta salutare.
Apportano grande quantità di acqua,
minerali (potassio, calcio e ferro), vitamine (provitamina A, vitamina C, vita-

26

mine del gruppo B, e acido
folico), fibra e proteine in
minor quantità rispetto ai
legumi ed agli alimenti di
origine animale. Si raccomanda un minimo di due
porzioni al giorno, di cui
almeno una volta di crudo. Questo gruppo favorisce il transito intestinale,
previene alcune malattie
degenerative,
malattie
cardiovascolari, ed ha proprietà diuretiche, rimineralizzanti e antiossidanti.
Energia
vegetale
I legumi sono un buon
modo di apportare proteine alla dieta,oltrechè
energia, fibra, vitamine B1,
B2 e B6 niacina, folati e
minerali come il ferro.
Evitano la stitichezza e
l’anemia e riducono a loro

In questo gruppo rientrano alimenti aventi caratteristiche differenti:
carne, pesce, frutti di mare,
uova e frutta secca.
Tutti apportano gran quantità di proteine di buona qualità
fornendo tutti gli amminoacidi
essenziali. Le uova inoltre contengono vitamine A, E, D, B e
B12 e minerali come il fosforo
ed il ferro.
Il pesce è una buona fonte di vitamine A, B, D ed E. Allo stesso
tempo contiene fosforo, calcio,
ferro, iodio e sodio.
Il pesce azzurro è più grasso,
però apporta acidi grassi omega
3, imprescindibili per la salute,
per cui si raccomanda di consumarlo almeno una volta alla
settimana.
Per quanto riguarda le carni, la
sua digeribilità varia in funzione
dell’animale d’origine e del grasso in essa contenuto.

volta il rischio di certi tipi di malattie degenerative.
La frutta secca oltre alle proteine
apporta energia, grassi mono e polinsaturi, vitamine B1, B2, B6 ed E e
minerali come il calcio e il ferro.
Legumi e frutta secca sono gli alimenti di origine vegetale più ricchi
in proteine, anche se sono carenti
in lisina e metionina, due amminoacidi essenziali, da tenere in considerazione, soprattutto nelle diete
vegetariane.

Sono ricche di vitamine B1, B2, niacina e vitamina B12 e i suoi minerali
più importanti sono il ferro e lo zinco. Carne, pesce e uova che vengono
consumate in grande quantità, diversamente da quelle di origine vegetale.
Però, d’altro canto, occorre tenere in
considerazione la quantità di colesterolo è, nel caso della carne, di grassi
saturi.

Infine, dobbiamo segnalare un ultimo gruppo alimentare costituito da insaccati, carne grassa, dolci,
snacks, burro, margarina, panna,
bibite, dolci.
Si tratta di alimenti molto energetici per il loro contenuto in grassi, i
cui nutrienti possono però essere
ricavati, senza alcun problema, da
fonti più sane.

Cinque pasti
al giorno
Oltre a conoscere gli alimenti e le
indicazioni di consumo di ciascuno,
occorre tenere in considerazione
alcune indicazioni come fare cinque
pasti al giorno. Iniziamo dall’inizio
della giornata, la colazione è un pasto molto importante anche perché abbiamo trascorso molte ore
della notte senza ingerire nulla e
dobbiamo ottenere le energie necessarie per affrontare la giornata.
Una buona colazione deve essere
costituita da un alimento ricco in
carboidrati, uno latteo ed una frutta. In secondo luogo, tanto a metà
mattina come a metà pomeriggio,
sono spuntini leggeri, ma tali da essere salutari, per il fatto che si può
inserire della frutta o un alimento
latteo o carboidrati o una combinazione di questi.
È auspicabile che il pranzo com-

LATTE E DERIVATI
Un altro gruppo alimentare è costituito dal latte e dai suoi derivati,
come yogurt, ricotta, formaggio, kefir, ricco in proteine e calcio. Inoltre
secondo il processo di elaborazione
utilizzato, hanno altre proprietà più
specifiche. Lo yogurt, ad esempio,
grazie ai fermenti con i quali viene
preparato, contribuisce al buono
stato dell’intestino tenue. Si raccomanda di assumere da due a quattro
razioni di latticini al giorno, evitando
quelli con maggior contenuto di grasso: formaggi fermentati o grassi.

Si raccomanda di assumere da due
a quattro porzioni al giorno di
latticini, controllando quelli con
maggior contenuto di grasso.

27

salute e immagine
prenda verdura, carboidrati ed
un alimento proteico, rispettivamente come primo e secondo piatto, o come piatto unico,
accompagnato da un dessert
latteo o da una frutta.
La cena infine, deve essere leggera (poco energetica, e con
cottura semplice,di facile digestione) dato che il nostro organismo non necessita di tanta
energia per affrontare il riposo
notturno. Per esempio si può
cenare con della verdura, un
alimento proteico e pochissima quantità di carboidrati. È
meglio andare a dormire a digestione ultimata .
Una dieta equilibrata, accompagnata da una moderata e
quotidiana attività fisica, è il
modo migliore per perdere i
chili di troppo. Per facilitare il
raggiungimento del peso ideale è importante l’aiuto di un
professionista della nutrizione
perché aiuta a conoscere gli
alimenti e a determinare con
consigli e pianificazioni che alimentazione seguire.

CURARSI CON DIETE
MIRACOLOSE
Esistono numerose diete per dimagrire
reclamizzate
come
miracolose.
A prima vista possono apparire
efficaci ed innocue, ma oltre a non
contribuire a raggiungere l’obiettivo
desiderato (la perdita di peso è dovuta
all’eliminazione di liquidi ed elettroliti,
a riserve di proteine e glicogeno al
posto dei grassi) nel lungo periodo
possono portare un disequilibrio
nutrizionale che può pregiudicare la
salute.

pasti abbondanti. Inoltre si raccomanda
di bere un litro e mezzo – due di
acqua al giorno. È molto importante
anche ridurre il consumo di bevande
zuccherate, eccitanti ed alcoliche.
Occorre controllare il consumo di
sale da tavola e di zucchero. I metodi
di cottura più sani per gli alimenti
sono: alla piastra, bollitura, al vapore,
alla griglia.
Ovviamente il consumo a crudo è il
più salutare.

REGOLE BASE
è importante consumare alimenti
di tutti i gruppi alimentari, dato
che ciascuno di questi apporta
il suo contributo
per costruire
un’alimentazione sana.
Gli alimenti devono essere consumati
nell’arco della giornata suddivisi in
5 pasti: colazione, spuntino di metà
mattina, pranzo, merenda, cena. È
meglio mangiare più volte ingerendo
meno quantità che meno volte e fare

LE PROPRIETÀ
DELL’OLIO D’OLIVA
Appartiene al gruppo degli alimenti ricchi in grasso, ma grazie al
suo apporto di sostanze salutari, il
suo consumo è più raccomandato
rispetto agli altri alimenti grassi.
L’olio d’oliva contiene vitamina E,
fitosteroli e acidi grassi monoinsaturi (tra cui anche l’acido
oleico) che agiscono evitando
l’ossidazione delle lipoproteine
che trasportano il colesterolo nel
sangue, evitando così che si depositino lungo le pareti dei vasi
sanguigni, aumentando il colesterolo buono (HDL) e prevenendo le
malattie cardiache.
A causa del suo elevato potere
calorico, la sua assunzione deve
essere controllata, ma è comunque da preferire ad altri grassi di
origine animale.

28

L’altissima qualità è la prima prerogativa
della linea èVita.
La produzione italiana
e la completa tracciabilità della filiera
sono gli altri punti di forza.
èVita pone grande attenzione
al consumatore e alle sue esigenze,
specificando per ogni tipologia di prodotto
le caratteristiche, i valori nutrizionali
e le migliori soluzioni
per le preparazioni in cucina.

provenienza italiana,
dalle migliori aree di produzione tipica
coltivazione in terreni selezionati,
con tecniche di produzione integrata,
rispettosa dell’ambiente per garantire
qualità e salubrità del prodotto
raccolta al giusto grado di maturazione,
per conservare le caratteristiche nutritive
e organolettiche fino alla tavola
controllo in ogni fase della filiera produttiva
a garanzia della completa tracciabilità

A>DG>
<
>
B

>
C:
> :
C:<DO 86I>#
B:G
HJE:G

selezione delle migliori varietà
per ogni specifico utilizzo in cucina

Il marchio èVita è garantito da

, gruppo cooperativo leader nella produzione ortofrutticola italiana.

Romagnoli F.lli Spa - via Emilio Zago 3, 40128 Bologna Tel. +39 051 4215811 Fax +39 051 4215808

www.evita.eu
info@evita.eu

i benefici degli

Alimenti
di Stagione
TESTI DEL DIPARTIMENTO TECNICO

Durante l’inverno,
periodo del letargo
in cui la natura
rallenta i suoi ritmi,
le esigenze biologiche
dell’organismo
richiedono qualche
accorgimento per
rinforzare le difese
immunitarie.Via
libera, quindi, agli
alimenti freschi di
stagione, capaci
di rinvigorire e
rafforzare.

30

alimenti di stagione

ZUCCA
La polpa di zucca è ipocalorica (15 calorie ogni
100 grammi) grazie all’alta concentrazione di
acqua (94%) e alla bassissima percentuale di
zuccheri semplici. Come ogni ortaggio e ogni
frutto di colore giallo/arancione, la zucca è
particolarmente ricca di vitamina A, di minerali
quali il potassio, il calcio e il fosforo. Contiene,
inoltre, molta vitamina C, betacarotene e
fibre. La zucca è indicata nella prevenzione
dei tumori, delle disfunzioni alle vie urinarie e
per mantenere un corretto equilibrio idrico
dell’organismo.
Curiosità: la polpa tritata può essere usata anche come lenitivo per infiammazioni
cutanee o come maschera di bellezza se
mischiata con un po’di miele.

RADICCHIO
Grazie alla ricchezza di vitamine e sali minerali, è
in grado di prevenire l’invecchiamento precoce.
Alimento a basso contenuto calorico, adatto
ad ogni dieta, ha anche notevoli proprietà depurative, diuretiche, toniche e lassative grazie
alla sua particolare composizione. Dal punto
di vista nutritivo il radicchio è molto simile
alla normale insalata, cambia il contenuto di
sostanze amare, che stimolano i succhi gastrici
e quindi ne facilitano la digestione.
Curiosità: in antichità era usato come
medicamento soprattutto per curare
l’insonnia, infatti sembra che abbia anche
proprietà sedative.

CAVOLO
Conosciuto per le sue proprietà benefiche,
il cavolo apporta all’organismo sali minerali
(potassio in particolare) e vitamine, ed è ricco
di acido folico, un’importante sostanza antiemorragica ed essenziale nella prevenzione delle
malformazioni neonatali. Possiede proprietà
depurative, rinfrescanti, tossifughe e diuretiche
ed è indicato nella cura di disturbi gastrointestinali ed infiammazioni delle vie respiratorie.
Inoltre, fortifica l’organismo e regola il sistema
nervoso.
Curiosità: per assorbire tutte le sue qualità è consigliabile consumarlo crudo.

FINOCCHIO
Il finocchio è uno degli ortaggi meno calorici
essendo sprovvisto del tutto di lipidi e amido;
è ricco di acqua e contiene oli essenziali che lo
rendono diuretico e digestivo. Contiene vitamina A e C in discreta quantità, vitamine B8 e B9,
calcio, fosforo, potassio, ferro, oli essenziali,
fibra. Ha pochissime calorie, è antispasmodico,
diuretico, tonico, aperitivo, riduce la flatulenza
e la sensazione di gonfiore, stimola la produzione di latte, seda i dolori addominali e mestruali
(impiegato sotto forma di estratti).
Curiosità: in forma di sciroppo è espettorante e sedativo della tosse.

PATATA
Il consumo di patate porta notevoli benefici
alla salute grazie ai contenuti di vitamine B e
C, ferro e potassio. Questi elementi sono concentrati maggiormente nella buccia, per questo
si consiglia di lavarle e pulirle bene prima della
cottura ma non di togliere la buccia che, nel
caso di patate novelle, può essere tranquillamente mangiata ad ulteriore beneficio del
nostro organismo. Meglio consumarle fresche
evitando quelle verdi o coi germogli perché
potrebbero, in questo caso, contenere alcaloidi
nocivi per la salute.
Curiosità: gli elementi nutritivi della
patata sono concentrati maggiormente
nella sua buccia.

CARCIOFO
Grazie al suo principio attivo, la cinarina,
il carciofo stimola la produzione della bile,
che facilita la digestione dei grassi e agisce
sui reni, facilitando il drenaggio delle tossine.
Inoltre, abbassa il colesterolo, perciò è un
ortaggio molto indicato per chi soffre di ipercolesterolemia. Lessando il carciofo, la cinarina
diventa meno attiva, tuttavia l’acqua che se ne
ricava è molto utile per combattere i sintomi
tipici del cambiamento di stagione, dall’inverno
alla primavera: inserita nella dieta un paio di
volte alla settimana, combatte efficacemente i
disturbi metereopatici.
Curiosità: l’acqua in cui viene lessato è
utile per combattere i sintomi metereopatici.

KIWI
Il kiwi svolge un’azione dissetante, rinfrescante,
diuretica e depurativa; grazie all’elevato contenuto di vitamina C, poi, favorisce le difese
naturali dell’organismo e protegge la parete
vascolare. La pectina in esso contenuta crea
un appagante senso di sazietà, contribuisce ad
abbassare i livelli di colesterolo nel sangue,
contribuisce a migliorare il transito del cibo nel
tubo intestinale prevenendo la stipsi, svolge un
effetto di controllo sul valore del glucosio nel
sangue (glicemia) programmando un assorbimento intestinale del glucosio lento e continuo,
condizione questa assai vantaggiosa per chi
soffre di diabete. Contiene inoltre una elevata
quantità di fibra alimentare.
Curiosità: consumato a digiuno al mattino ha effetti lassativi.

CACO
I cachi sono frutti considerati molto energetici,
per questo motivo sono consigliati ai bambini
e a chi pratica sport. Hanno proprietà lassative
e diuretiche e sono particolarmente consigliati
a chi soffre di disturbi al fegato. Nel caso acquistiate dei frutti maturi, accertatevi che siano
integri e sodi, seppure cedevoli al tatto. La buccia deve essere in ogni caso intatta. È preferibile
evitare l’acquisto di frutti troppo acerbi, quindi
dal colore giallo e molto duri. In questi casi il
frutto è caratterizzato da parti che maturano in
maniera differente tra loro.
Curiosità: i cachi sono frutti originari del
Giappone.

LENTICCHIE
La lenticchia è il seme di un’erba annuale originaria dell’Asia e del Mediterraneo. Questi semi
hanno forma tondeggiante e appiattita, di colore
che varia dal giallo, al verdastro fino al bruno.
Il sapore delle lenticchie varia a seconda delle
dimensioni e del colore, ma generalmente le più
gustose sono quelle a seme piccolo. Ricche di
zuccheri e proteine, nonché di ferro che aiuta
chi ha problemi di anemia o di esaurimento
fisico. Le lenticchie sono molto più digeribili
rispetto agli altri legumi.
Curiosità: oltre alla classica tradizione
popolare che vede le lenticchie portatrici
di prosperosità, questi legumi sono tra i
protagonisti di un’antica leggenda siciliana, quella di “Colapesce”

31

La dieta dei

Attaccala
al tuo

frigorifero!

14 GIORNI

1ª settimana
Colazione

Metà mattina
Pranzo

LUNEDì

2ª settimana
Colazione

Metà mattina
Pranzo

Merenda
Cena

32

MERCOLEDì

• Caffè con latte scremato
• Succo di pompelmo
naturale
• 6 biscotti FIBROKI

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• Due fette biscottate
con prosciutto cotto

• 2 kiwi

• 1 arancia

• 1 pera

• Carciofi al forno
con paprika
• Filetto alla griglia
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Spinaci saltati
con aglio fresco
• Tonno fresco in padella
con erbe aromatiche
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Insalata di riso basmati
• Coniglio al forno con aglio
e prezzemolo
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• 2 mandarini

• 1 mela

• 2 rondelle di ananas fresco

• Calamari con aglio
e prezzemolo,
con insalata di indivia
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Broccoli al vapore
• Ali di pollo arrosto
con verdure.
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Indivia con formaggio
fresco e acciughe
• Rape con peperoni
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• 6 biscotti FIBROKI

• Caffè con latte scremato
• Succo di pompelmo
naturale
• 2 fette biscottate
con prosciutto cotto

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• 6 biscotti FIBROKI

• 2 rondelle
di ananas fresca

• 1 mela

• 2 mandarini

• Insalata di verdure
al vapore
• Spiedini di pollo
e peperoni alla brace.
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Insalata verde
e formaggio di capra
• Calamari saltati
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Purè di zucca
• Polpette di vitello
con verdure
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• 1 pera

• 2 mandarini

• 2 rondelle di ananas fresco

• Crema di carote
• Involtini di prosciutto
con formaggio fresco
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Minestrone di verdure
• Rombo con crema
di verdure
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Champiñon soffritti
con pezzetti di asparagi
• Baccalà al forno con mele
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

Merenda
Cena

MARTEDì

• Caffè con latte scremato
• Succo di pompelmo
naturale
• Due fette biscottate
con formaggio fresco

Lipidi
30%

energia
1.518 kcal = 6.345 kj

Proteine

26%
44%

Carboidrati

(media:14 giorni)

GIOVEDì

VENERDì

Un’alimentazione sana,
variata ed equilibrata nelle quantità
necessarie ci aiuta ad ottenere
l’apporto necessario per stare bene
e sentirsi in forma.
La dieta che vi proponiamo
è un buon modo per raggiungere
l’obiettivo in maniera salutare
e anche appetitosa.

SABATO

DOMENICA

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• 6 biscotti FIBROKI

• Caffè con latte scremato
• Succo di pompelmo
naturale
• Due fette biscottate
con formaggio fresco

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• 6 biscotti FIBROKI

• Caffè con latte scremato
• Succo di arancia naturale
• Due fette biscottate
con affettato di tacchino

• Macedonia
di frutta al naturale

• 2 rondelle
di ananas fresca

• 2 mandarini

• 1 mela

• Cavoli gratinati
• Salmone alla griglia
con mezzo pomodoro
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Rondelle di melanzane
al forno
• Involtini di tacchino
con verdure
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Insalata verdi
• Seppia con piselli
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Puré di zucchini
con noce moscata
• Merluzzo con insalata
di gamberi
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• 1 arancia

• 2 kiwi

• 1 pera

• Macedonia

• Bietole saltate con
cubetti di prosciutto
(senza grasso) e uva passa
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Insalata di scarola
con salsa di yogurt
• Frittata contadina
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Brodo vegetale
• Involtini di petto di pollo
e asparagi
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Insalatona mista
con lattuga, germogli di soja,
tonno (al naturale), carote,
sedano e salsa vinegrette
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Caffè con latte scremato
• Succo di pompelmo
naturale
• Due fette biscottate
con formaggio fresco

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• 6 biscotti FIBROKI

• Caffè con latte scremato
• Succo di arancia naturale
• Due fette biscottate
con affettato di tacchino

• Caffè con latte scremato
• 2 kiwi
• 6 biscotti FIBROKI

• 2 kiwi

• 1 arancia

• Macedonia

• 1 pera

• Insalada di rucola
con formaggio feta
• Coda di rospo
con verdure
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Pasticcio di spinaci
e patate
• Sardine alla griglia
con limone
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Cavoli al vapore
• Lombo di maiale
alla piastra con ananas
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Zuppa di ceci
• Cozze al vapore
con salsa marinara
• Coppa di uva con yogurt
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• APINAT CAFFÉ
DECAFFEINATO
INSTANT

• Macedonia di agrumi

• 1 mela

• 2 mandarini

• 1 arancia

• Zuppa di pesce misto
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Zuppa di verdure
• Petto di tacchino al curry
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Cuori di carciofi
con salsa di limone
• Orata al sale
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

• Frittata di bietole
con un tuorlo e due albume
• Yogurt bio scremato
con REDUNAT FIBRA
• Infuso INFUNAT RELAX

NOTA: Utilizzare due cucchiai da minestra di olio extra vergine di oliva al giorno.

33

le ricette gustose: antipasto

Gamberi

al tea nero indiano
con spinaci
croccanti e
saba all’arancia
INGREDIENTI
per 4 persone
12 gamberi rossi
1 cucchiaio di te’ nero
200 gr di spinaci
in foglia puliti
1 noce di burro
10 cl di saba aromatizzata
all’arancia
(mosto d’uva cotto)
olio
sale
pepe bianco q.b.

1

Privare della testa i
gamberi, con una forbice
tagliare le zampette,
quindi con un coltello
tagliarli a metà.
In un contenitore
sistemare i gamberi con la polpa
rivolta verso l’alto,
condire con un filo d’olio
e il tè nero distribuito
uniformemente,
continuare a strati e lasciare
in marinatura
per almeno 2 ore al fresco.

34

2

4

In una padella calda
sciogliere il burro e aggiungere
le foglie di spinaci, cuocere per c.ca
1’ aggiungendo un pizzico di sale.
Lasciare riposare per consentire la
fuoriuscita dell’acqua in eccesso.

Sistemare i gamberi
sul fondo di una padella
antiaderente con un filo d’olio,
coprire con un foglio di carta
d’alluminio facendo un po’ di
pressione. Porre sul fuoco a fiamma
vivace e cuocere per circa 2 minuti.

3

5

Nel frattempo ridurre a
fuoco lento la saba con delle
scorzette di arancia. Riservare in
caldo in quanto servirà per decorare
il piatto una volta ultimato.

Sistemare al centro del
piatto gli spinaci croccanti e
appoggiarvi i gamberi a piacere.
Disporre la saba aromatizzata
attorno alla preparazione.

le ricette gustose: primo

Spaghetti

alla chitarra
all’aglio, olio
e peperoncino
in fonduta di
Reggiano
INGREDIENTI
per 4 persone
320 gr di spaghetti alla chitarra
6 spicchi di aglio di Voghiera
1 peperoncino rosso fresco
1 peperoncino verde fresco
200 gr di Parmigiano Reggiano
100 cc di crema di latte o panna
prezzemolo fresco
olio e.v.o. q.b.
peperoncino secco q.b.

1

In una padella capiente
fare un fondo con olio, gli
spicchi d’aglio affettati finemente
(più digeribile se privati dell’anima), i
peperoncini freschi tagliati a forbice e
poco peperoncino secco.
Accendere il fuoco a fiamma media
e all’inizio della doratura togliere dal
fuoco.

2

Cuocere in abbondante
acqua salata gli spaghetti
scolandoli molto al dente e
conservare un po’ di acqua di cottura.
Nel frattempo rimettere la padella

sul fuoco questa volta più vivace e,
riportato a temperatura il fondo,
porvi gli spaghetti non troppo scolati
e distenderli con l’ausilio di un
forchettone.
Restare con la padella sul fuoco
(medio) fino a quando la pasta
inizierà a rilasciare i propri amidi, a
quel punto mantecare con c.ca 80
gr di Parmigiano. Se la pasta dovesse
rapprendere eccessivamente,
stemperare con un pò di acqua di
cottura.
A fiamma spenta aggiungere il
prezzemolo fresco appena tritato e
olio extravergine di oliva a crudo.

3

Per la fonduta.
In un padellino antiaderente
stemperare con la frusta
il Parmigiano nella crema di latte
a fuoco medio, senza far addensare
eccessivamente,
né raschiare nel caso attacchi
al fondo.

4

Stendere
su un piatto piano uno
specchio di fonduta,
quindi porvi gli spaghetti a nido.
Decorare con foglia di prezzemolo
e falda di peperoncino.

35

le ricette gustose: secondo

Carpaccio
di agnello
con patate
novelle alla
salvia e aceto
balsamico
INGREDIENTI
per 4 persone
1 sella di agnello
4 patate novelle
pane aromatizzato alle erbe
foglie di salvia q.b.
1 noce di burro
poco aceto balsamico
olio, sale, pepe q.b.
per il pane alle erbe
12 fette di pan carré
prezzemolo, rosmarino, timo q.b.

1

Dividere il lombo in quattro
parti, salarlo e passarlo nel
pane aromatizzato precedentemente
preparato (in un cutter: il bianco del
pan carré e le erbe); dorare in una
padella con poco olio e passare in
forno a 180°c per 5’.
A parte in una padella antiaderente
dorare con poco burro le patate

36

(precedentemente lessate) tagliate
a rondelle sottili con la loro buccia,
aggiungere la salvia tagliata finemente
a julienne, salare e tenere in caldo.

2

In un padellino ridurre
l’aceto balsamico con un po’ di
fondo bruno* (se disponibile).

3

In un piatto disporre al
centro in senso circolare le
patate, adagiarvi sopra le fettine di
agnello e salsare.

* Salsa liquida a base di ossa e parature
d’agnello finemente spezzate

le ricette gustose: dolce

Gelatina

di mele “Fuji”
con sciroppo
al cardamomo
e anice stellato
INGREDIENTI
per 15 porzioni
Per la gelatina

Per lo sciroppo

1 l di Moscato d’Asti
20 cl di calvados (preferibilmente
giovane)
700 gr di mele pulite (varietà “Fuji”)
150 gr di zucchero semolato
1 stecca di cannella
9 fogli di gelatina
1 limone

500 gr di acqua
300 gr di zucchero
10/12 bacche di anice stellato
8 bacche di cardamomo

1

Per la gelatina. In una
casseruola fare bollire il vino, il
Calvados, lo zucchero e la cannella
fino a evaporazione completa
dell’alcol; aggiungere le mele tagliate
a fette sottili e irrorate con il succo
di un limone, quindi lasciare in
ebollizione per pochi minuti.

2

Aggiungere la colla di
pesce (precedentemente
ammollata in acqua fredda e ben
strizzata), frullare il tutto e passare al
setaccio fine.

3

Porre il composto
ottenuto
negli appositi stampi
(preferibilmente tipo “savarin”)
e lasciare rapprendere
in frigorifero per almeno 2 ore.

4

Per lo sciroppo.
In una casseruola portare ad
ebollizione l’acqua
con lo zucchero; continuare
a sobbollire per altri 5/7 minuti,
quindi aggiungere le bacche

di anice stellato e cardamomo
e continuare a fuoco lento
per c.ca 10 minuti.
Lasciare freddare lentamente.
La dose di questo sciroppo
è per almeno 20/25 porzioni.

5

Sformare la gelatina
in un piatto piano
e ben freddo, stendere attorno l
o sciroppo e guarnire
formando una rosa composta
da fettine di mele fresche
tagliate molto sottili.

Ristorante Il Don Giovanni

corso ercole I° d’este, 1
44100 Ferrara - tel 0532 243363
ildongio@tin.it - www.ildongiovanni.com

Nel cuore storico di Ferrara, a pochi passi dal Castello Estense e sotto una cupola di ferro battuto
e vetro, la cucina incontra la storia e la filosofia.
Merito dello Chef Pier Luigi Di Diego e dell’Oste in sala Marco Merighi, i due soci fondatori de
“Il Dongiovanni”.
Un nome la cui scelta suscita da subito la curiosità degli avventori e, alla domanda circa il motivo
di tale nome, segue la più sincera risposta: “Era una giornata uggiosa d’autunno e ci stavamo
scervellando pensando a un nome per il nuovo ristorante. Dopo aver sondato svariati prefissi e
suffissi come “eno” o “gastro” abbiamo capito che in realtà tale nome doveva rispecchiare la
nostra indole per cui ci siamo chiesti cosa più ci piacesse della vita e a quel punto tutto è diventato
più facile: le donne, la musica, il buon cibo e il buon vino e Don Giovanni era il personaggio che
rispondeva pienamente a tutti questi requisiti. Abbiamo apposto l’articolo “Il” poiché ci sembrava
troppo pretenzioso chiamarlo come una grande opera. Chissà forse un giorno lo toglieremo…”.
Cura nei dettagli, passione e dedizione nella creazione dei piatti e nella scelta dei vini, questi i veri
ingredienti che rendono il ristorante una vera e propria esposizione di opere d’arte, dove la vista
e il gusto concordano sulla straordinaria espressione della enogastronomia…
…non è un caso se su “Il Dongiovanni” brilla la famosa stella Michelin!

37

38

Vendita in esclusiva nei centri Naturhouse
Info 199 44 00 77 www.naturhouse.com

Ginnastica

presciistica

per affrontare le prime piste

La stagione sciistica è entrata nel vivo
in molte località: dopo una lunga attesa,
in tanti corrono a mettersi gli sci.
Prima, però, è necessario preparare
il corpo con alcuni esercizi mirati
ad irrobustire gambe e addominali
per non farsi trovare impreparati.
TESTI FEDERICA PAGLIARONE

39

L’emozione della pista innevata si fa
sentire. Dopo mesi di pausa, infatti,
è venuto il momento di tirar fuori gli
sci e buttarsi a capofitto sulla prima
discesa.
Andare a sciare senza essere preparati,
però, anche per coloro che possiedono una tecnica adeguata, può essere
pericoloso e rappresentare uno di
quei rischi che possono essere evitati
facilmente.
Lo sforzo di andare a sciare dopo vari
mesi di inattività e la voglia di strafare,
infatti, possono essere la causa di seri
incidenti che comprometterebbero
una stagione di divertimento sulla
neve.
Per cui, prima di affrontare le discese
invernali, sarebbe opportuno che
tutti dedicassero un pò di tempo alla
preparazione fisica per predisporre il
corpo agli sforzi muscolari.
La ginnastica presciistica risulta certamente utile, dato che consiste in
un misto di irrobustimento generale,
soprattutto per gambe e addominali, e
in stretching, per permettere al corpo
piegamenti e torsioni.
Lo sciatore ideale, infatti, dovrebbe
essere agile, flessibile, coordinato, forte: ovvero esattamente il contrario di
come la maggior parte di noi affronta
una vacanza o una giornata sulle piste,
vista la scarsità di movimenti a cui
siamo costretti dal lavoro, dalla vita
di tutti i giorni e spesso anche dalla
pigrizia.
Non bisogna dimenticare, inoltre, che
lo snow training non è utile solamente
ai sedentari sciatori della domenica, ma
aiuta anche i discesisti più temerari.
Gli esercizi riportati in questa pagina
sono da eseguire con costanza e regolarità e dovrebbero essere cominciati
circa un mese prima dell’inizio dell’attività sciistica ed essere eseguiti per
un minimo di tre volte alla settimana.
La serie di esercizi proposti è intesa
sia come stretching (allungamenti), per
migliorare la flessibilità dei muscoli
e la mobilità delle articolazioni, sia
come potenziamento muscolare: lo

40

sci, infatti, sottopone il nostro corpo
a specifiche ed inusuali sollecitazioni
soprattutto a carico della muscolatura
degli arti inferiori e del tronco.
Le posizioni devono essere raggiunte
in 5/6 sec. e mantenute per circa 30
sec. tenendo conto che l’importante è
fermarsi prima di sentire male.
Bisogna saper riconoscere la soglia
individuale del dolore e sapersi arrestare appena prima di causare danni;
con il tempo e le ripetizioni la forma
e la condizione fisica miglioreranno
visibilmente.
Sulle piste da sci da molti anni, però,
oltre ai tradizionali sciatori ci sono
anche gli amanti dello snowboard.
Ecco allora qualche consiglio
utile per chi cavalca la moda
della tavola:
1) Esercitarsi molto con le tavolette
propriocettive basculanti, reperibili
in ogni palestra
2) Trovare un cilindro di legno largo e
basso, con una semisfera al posto
della faccia inferiore. Salire sopra e
trovare una posizione di equilibrio
in posizione eretta con le gambe
leggermente piegate. Mantenere
per 60 sec. e ripetere tre volte
3) Dalla posizione precedente, provare ad oscillare lateralmente, avanti
e indietro sbilanciando il peso del
corpo in tutte le direzioni.
Riservato ai più esigenti
e agli sciatori professionisti:
1) Aggiungere agli esercizi consigliati
in precedenza allenamenti (corsa,
tapis, cyclette…) con variazioni di
ritmo per migliorare l’efficienza
dell’apparato cardiocircolatorio.
Ad esempio:
a) Alternare 3 min. di corsa veloce ad
1 min. di corsa lenta (ripetere 4-8
volte)
b) Correre 3-6 volte i 200-400m in
lieve progressione più 1 min. di
recupero camminando
2) Affondi frontali (10-15 ripetizioni
per gamba per due volte)
3) Affondi laterali (10-15 ripetizioni
per gamba per due volte).

L’EDUCAZIONE
SULLA NEVE
• Scegliete materiali collaudati
Verificate attentamente l’attrezzatura, in particolare, che i ganci
siano in ordine e gli attacchi regolati
secondo il vostro peso
• Indossate sempre
gli occhiali da sci
Proteggono gli occhi dal riverbero e
aiutano ad avere una visione ottima
della discesa da affrontare
• Rispettate le code agli impianti
Educazione e rispetto sono fondamentali

TRONCO

addominali
allungamento schiena

bicicletta

mobilizzazione anche

Flessioni gambe piegate

Flessioni braccia

in forma

• Non occupate da soli
le seggiovie
Si deve convivere con gli altri sciatori e snowboarder
• Non lanciatevi in pista
ad alta velocità
Ricordate che non siete soli
• Evitate i fuori pista
Sono pericolosi per voi e per gli altri
e i soccorsi non arriverebbero
• Soccorrete chiunque
sia vittima di un incidente
In caso di omissione rischiate una
multa salata
• Sorpassate con attenzione
Fatelo a distanza in modo da

ALLUNGAMENTI

garantire libertà di manovra al sorpassato
• Occhio all’incrocio
Assicuratevi di poterlo fare senza
pericoli e lasciate la precedenza a
chi viene da destra
• Se dovete fermarvi
Evitate di fare una sosta in mezzo o
a metà della pista
• Salita senza sci
Se risalite o scendete la pista a piedi
cercate di stare ai bordi
• Attenti al casco
E’ obbligatorio per i bambini al di
sotto dei 14 anni, anche se consigliabile a tutti

GAMBE

L’ALIMENTAZIONE
DELLO SCIATORE
Quando si fanno sport di resistenza e
di lunga durata, come lo sci, il giusto
nutrimento è fondamentale per ottenere delle buone prestazioni e
per soddisfare le richieste energetiche dei muscoli. In queste attivita’
l’obiettivo principale che si prefigge
l’alimentazione e’ quello di aumentare al massimo la concentrazione di
glicogeno muscolare attraverso una
dieta ad adeguato apporto glucidico
(pasta, riso, orzo, farro, miglio, avena,
legumi) in particolare, nei tre giorni
precedenti lo sci. E’ bene assumere,
invece, con moderazione zuccheri
semplici (zucchero, marmellata, dolci,
cioccolata, succhi di frutta) per evitare
picchi glicemici inutili alla prestazione
sportiva.
Quindi, una volta arrivati in montagna, non manchiamo di curare
l’alimentazione seguendo queste piccole regole:
- fare un’abbondante colazione
- evitare pranzi a base di cibi pesanti
e molto conditi
- fare piccoli spuntini facilmente
digeribili anche sulle piste
- non assumere alcolici
- bere frequentemente
piccole quantità di liquidi
- iniziare a sciare
a digestione ultimata

Gli esercizi consigliati
devono essere eseguiti
con regolarità, almeno
tre volte a settimana

SCHIENA E ADDOMINALI

FLESSIONI DORSALI

allungamento COSCIA
PIEGAMENTI

allungamento
QUADRICIPIDI

FLESSIONI ANCHE

BALZI LATERALI

FLESSIONI

allungamento
ADDUTTORI

allungamento
GLUTEI
MOBILIZZAZIONE COLLO

BALZI CON ROTAZIONE
ANCHE

ADDOMINALI

RAFFORZAMENTO SCHIENA

allungamento
SPALLE
allungamento
QUADRICIPIDI

STIRAMENTI GAMBE

FLESSIONI GAMBE TESE

41

42

Trattamenti

preziosi

Profumi d’Oriente che raccontano di terre lontane,
colori caldi vicini all’oro e confezioni preziose, di design,
che scatenano al tatto sensazioni di piacere, da provare.
TESTI FEDERICA PAGLIARONE

43

bellezza

L’uomo cerca da sempre di fermare gli
istanti della sua vita attraverso il profumo che, rimanendo nella memoria
olfattiva, riesce ad evocare sensazioni e
sentimenti di un passato anche molto
lontano.
Tornando indietro nel tempo, si scopre che le origini del profumo sono
davvero antichissime: la prima formula
di profumo, infatti, si trova in un’iscrizione geroglifica di quattromila anni
fa, in quanto, gli Egizi usavano gli aromi
nell’imbalsamazione dei defunti, per far
sì che l’anima fosse gradita agli Dei.
Il profumo, inoltre, è stato da sempre
sinonimo di ricchezza, di cultura e di
civiltà e il mestiere di profumiere era
associato a quello del sacerdote e del
guaritore: incensi, unguenti, balsami e
cosmetici erano concepiti come piaceri
raffinati e rimedi per la salute.
Attualmente, il mercato ci propone
una vasta gamma di profumi sintetici e
naturali che sono alla portata di tutti.
Non a caso, è in questi ultimi decenni
che si è notevolmente diffuso l’uso
degli olii essenziali: la larga riscoperta
dell’aromaterapia è l’inconfutabile dimostrazione di questa tendenza.
Il termine “aromaterapia” fu usato,
per la prima volta, da Renè Maurice
Gattefosse, chimico e cosmetologo
francese che, tra il 1920 e il 1930, usò gli
olii essenziali per curare i soldati feriti
durante la prima guerra mondiale.
Tra le terapie complementari, l’aromaterapia, ancora oggi, è una delle più

44

conosciute, tanto che il suo valore
terapeutico è sempre più apprezzato
da ricercatori e medici: gli olii essenziali sono fluidi preziosi dalle proprietà
fisiche, chimiche e terapeutiche. Sono
estratti da molte varietà di piante e
stimolano intensamente l’olfatto, in
quanto si volatilizzano a temperatura
ambiente, regalando energia al corpo e
allo spirito.
Le cellule olfattive, una volta sollecitate
dalle molecole aromatiche, trasformano
lo stimolo chimico in impulsi elettrici
che, a loro volta, stimolano i centri deputati all’odorato.
Questo spiega come mai un odore o
un profumo possa evocare ricordi di
esperienze vissute anche molto tempo
addietro, più intensamente di un’ immagine o di un suono.
Gli olii essenziali vengono assorbiti
dall’uomo attraverso due vie: quella
esterna (inalazione, bagni, assorbimento
epidermico, massaggi) e quella interna
(assunzione orale).
L’aromaterapia coinvolge (attraverso la
percezione degli odori) l’emotività, la
memoria, la sensibilità e tutte le aree
cognitive correlate, oltre al sistema
endocrino e a quello immunitario;
basti pensare che l’anosmia (incapacità
di percepire gli odori) determina un
abbassamento delle difese immunitarie
ed è in relazione con alcuni tipi di depressione psichica.
Gli oli essenziali, a seconda delle loro
potenzialità, esplicano il loro effetto

AROMATERAPIA
AMBIENTALE
Le aziende dovrebbero prenderla
in seria considerazione sia per la
prevenzione delle malattie che per
migliorare la qualità del lavoro dei
propri dipendenti. Infatti, l’uso dei
profumatori con gli olii essenziali non
solo protegge dalle malattie infettive,
ma esperimenti hanno dimostrato
che gli aromi influiscono positivamente sull’efficienza con la quale i
lavoratori compiono la loro attività.
Da ricerche condotte nella più importante fabbrica giapponese di fragranze, la Takasago, è emerso che gli
addetti ai computer commettevano il
54% in meno di errori di battitura se
l’ambiente era profumato al limone,
il 33% in meno se nell’aria c’era il
gelsomino e il 20% di errori in meno
respirando l’essenza di lavanda. Provare per credere!

attraverso tre diverse frequenze d’azione energetica:
ALTA (Nota di Testa): agiscono a
livello spirituale, con effetto stimolante. Si tratta di olii dalla profumazione
intensa che agiscono con un’azione
rapida; sono olii dinamici, attivi, estroversi e adatti alle attività concentrative.
I profumi derivanti da questi olii si
sentono per primi, sono i più volatili e
durano da pochi minuti a un’ora circa.
Tra questi troviamo gli olii di arancio,
verbena e menta.
MEDIA (Nota di Cuore): agiscono
sul livello emozionale, sono olii essenziali intensi, sensuali e armonizzanti
dall’aroma morbido e floreale e mediamente volatili. I profumi con note di
cuore sono dolci o aspri, derivati sia da
fiori che da foglie e rimangono diverse
ore sulla pelle. Hanno un effetto riequilibrante e vitalizzante (olii di lavanda,
rosmarino, rosa).
BASSA (Nota di Base): agiscono
a livello fisico e sono olii balsamici
dall’azione rilassante e stabilizzante.
Risultano poco volatili e la loro azione
è prolungata nel tempo. In tal caso, si
tratta di profumi caldi che rimangono
più giorni sulla pelle. Solitamente sono
ricavati da legni, resine e spezie (cannella o cassia, patchouli, sandalo).

45

bellezza

ORO, AMBRA
E UN PIZZICO DI PEPE
La stilista americana Donna
Karan, celebre per le linee pulite e
contemporanee delle sue creazioni,
sorprende con la nuova fragranza
Donna Karan Gold. Cuore di
Lilium Casablanca, note di ambra e
pepe garofanato regalano un allure
inconfondibile a un profumo dal
pack ricercato, caratterizzato da un
flacone sensuale al tatto, quasi una
pepita lucente da accarezzare.

STRETTAMENTE
PERSONALE
Parola d’ordine: personalizzare.
Intraprende la strada della
customizzazione il marchio di Renzo
Rosso e propone agli internauti
di personalizzare la nuovissima
fragranza Diesel Fuel for life tramite
il sito web.
Vengono offerte più di 150mila
combinazioni possibili per
personalizzare la custodia.
Solamente con qualche clic Diesel dà
l’opportunità di immaginare e vestire
un profumo personale ed esclusivo.
L’operazione è stata pensata per
20mila fortunati che, con 80 euro,
potranno accaparrarsi il nuovo
oggetto del desiderio firmato Diesel.
Info: www.diesel-parfums.com.

QUANDO LE COCCOLE
SON DI CASA
Non solo beauty farm, il benessere
inizia a casa propria grazie a

46

nuovi rituali di relax da realizzare
tranquillamente tra le mura
domestiche. Come i trattamenti
aromafitoterapici a base di oli
essenziali e puri estratti di piante
creati da Clarins. La linea ‘Relax’
prevede Bain aux Plantes, una
mousse delicatamente fine e leggera,
a base di oli essenziali di camomilla,
basilico, petit grain, associati a
estratti di iperico, tiglio e valeriana.
Segue poi il Gommage Corps ‘Relax’
che rendere la pelle morbida, satinata
e uniforme, eliminando impurità e
cellule morte. Nessun trattamento
sarebbe completo
senza un olio come
Huile ‘Relax’, il
trattamento
‘anti-stress’
per eccellenza.
Infine, da usare
dopo il bagno
e la doccia per
reidratare la
pelle, è perfetto Baume Hydratant
‘Relax’ che rinforza il film idrolipidico
e svolge un’intensa azione antiradicali.
UNA PERLA NERA FIRMATA
GIORGIO ARMANI
Ci sono voluti cinque anni per
realizzarla, ed il risultato è una crema
preziosa, che risponde ai bisogni della
pelle di ogni età, e si propone come
trattamento unico per il giorno e la

notte. “La natura mi ispira.Viviamo
in questo pianeta e abbiamo bisogno
di essere in contatto con la terra.
Gli elementi naturali donano calma,
serenità e offrono lo sfondo sul quale
esprimerci”, ha detto Giorgio Armani
presentando la sua Crema nera, il
primo segreto di bellezza per la pelle
firmato dal couturier.
VIAGGIO OLFATTIVO
IN TERRE LONTANE
Le fragranze raccontano di mondi
altri. Come Notre Flore de
L’Occitane, che propone un vero e
proprio viaggio olfattivo attraverso
quattro profumazioni: Corsica,
Toscana, Tunisia e Marocco, quattro
terre lambite dalle acque del
Mediterraneo ognuna delle
quali corrisponde
a una rosa dei
venti. Sogni
poetici per
i nasi più
raffinati.

?azzetla’lla àras iul aM .erallets occat :emiT ytraP

Party Time: tacco stellare. Ma lui sarà all’altezza?

47

moda

SALDI INVERNALI:
VADEMECUM PER L’USO
TESTI VALENTINA RIZZUTI

QUALCHE DRITTA
SU COSA COMPRARE:
1. Capi in tinta unita (coprispalle,
t-shirts, cardigan, canotte):
stanno sparendo le stampe, i
ricami, e anche l’anno prossimo
la parola chiave sarà PULITO!
2. Jeans: questo capo va sempre
bene, ma attenzione: con la
prossima stagione il fondo si
allargherà per cui occhio a non
comprare quelli che vanno giù
molto stretti!
3. Qualcosa di nero. Colore
passe-par-tout che si abbina
con tutto, vero testimonial
dell’eleganza!
4. Scarpe
décolleté.
Vanno
bene sia con la gonna che
con i pantaloni. Da scegliere
rigorosamente con tacco 12 o
rasoterra.
5. Shorts in un tessuto possibilmente non troppo pesante
perchè andranno di moda sicuramente anche quest’estate.
6. Borsa firmata (possibilmente
scegliendo un modello classico
e continuativo).
7. Accessori
come
collane,
bracciali, anelli: possibilmente
colorati, magari di pietre più
o meno preziose: rallegrano
l’inverno ed esaltano l’estate!
8. In generale cose particolarmente sobrie: il must delle prossime
stagioni è BON-TON!
In fin dei conti non è poi così difficile. Comprare nel periodo dei saldi
è di sicuro divertente e ci permette
di comprare capi di ottima qualità
ad un prezzo di gran lunga inferiore
a quello originale.
Per cui VIA alle spese, ma mi raccomando…non scatenate le ire dei
vostri mariti!!!

48

E’ SCATTATA LA CORSA
AI SALDI INVERNALI
Care Signore, anche quest’anno
siamo arrivati al periodo tanto atteso dei saldi: quella borsetta che per
tutto l’autunno abbiamo desiderato e
spiato dalla vetrina, ora ha finalmente
un prezzo accessibile...ma sono veramente così ribassati?
Da qualche anno, per evitare comportamenti al limite del lecito e
per tutelare gli acquirenti, quasi
tutti i Comuni si sono dotati di
appositi regolamenti antifrode.
Dal loro esame emerge un vademecum che è bene memorizzare
prima di lanciarsi negli acquisti
sfrenati.
In primis, è bene ricordare che
c’è una sostanziale differenza
tra “SALDI” e “VENDITA
PROMOZIONALE”: quest’ultima può essere fatta in un qualsiasi
periodo dell’anno e non ha l’obbligo della comunicazione al sindaco.
Attenzione! Potrebbe esserci un
deprezzamento anche di pochi euro
per la vendita promozionale, quindi
non facciamoci ingannare dal cartello!

Carte di credito:
devono essere accettate da parte del
negoziante qualora sia esposto, nel
punto vendita, l’adesivo che attesta la
relativa convenzione.
Prodotti in vendita:
i capi che vengono proposti in saldo
hanno carattere stagionale o di moda
e sono quindi quelli suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti
entro un certo periodo di tempo. Ma
nulla vieta di porre in vendita anche
capi non appartenenti alla stagione in
corso.
Indicazione del prezzo:
il negoziante ha l’obbligo di indicare il
prezzo normale di vendita, lo sconto
e il prezzo finale. Confcommercio ricorda anche “che ulteriori vantaggi o
facilitazioni ai consumatori possono
essere offerti dai commercianti
che aderiscono alle iniziative
promosse sull’intero territorio” dalle organizzazioni di
settore come, ad esempio,
Federmoditalia.

Messaggi pubblicitari:
quelli relativi ai saldi devono essere
presentati al pubblico in modo
non ingannevole (“strillare” sconti
eccezionali, quando in realtà sono
in linea con quelli della concorrenza,
non è corretto).
Cambi:
la possibilità di cambiare il capo
dopo l’acquisto è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto sia
danneggiato o non conforme. In
questo caso, scatta per il negoziante l’obbligo della riparazione
o della sostituzione del capo e,
qualora risulti impossibile, la
riduzione o la restituzione del
prezzo pagato.
Prova dei capi:
non c’è un obbligo ma dipende
dalla volontà del negoziante.

Nonostante la normativa,
comprare nel periodo dei
saldi può essere molto pericoloso per il portafoglio.
I prezzi relativamente bassi ci seducono facilmente a comprare cose
che forse non utilizzeremo mai e che
spariranno velocemente nell’angolo
più lontano dell’armadio, spesso
con il cartellino del prezzo ancora
attaccato.
Quando “scoppia” la frenesia dei saldi, infatti, il più delle volte torniamo
a casa con le borse piene e con il
conto in banca alleggerito.

E’ per questo motivo che è fondamentale ponderare ogni spesa ponendoci la seguente domanda: “Me
lo metterò anche dopo il cambio
di stagione?” O meglio: “L’indosso
subito?”
L’acquisto migliore, infatti, è quello
che si desidera utilizzare fin dall’inizio.
Il mio consiglio per uscire indenni
dalla stagione dei saldi è: comprare
si, ma con buon senso. E’ importante, soprattutto, puntare su capi basic
che potranno essere utilizzati per la
primavera/estate… o sfruttati nella
prossima stagione invernale!

49


Documenti correlati


Documento PDF peso perfecto 1 edizione
Documento PDF solo para mujeres perder peso sin pasar hambre
Documento PDF etichettatura
Documento PDF presentazione hanuman girevik team sardegna
Documento PDF alimentazione e perdita di peso linee guida
Documento PDF solo para mujeres jugos y estractos para bajar de peso


Parole chiave correlate