File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PARTE II n. 31 del 05.08.2015 .pdf



Nome del file originale: PARTE II n. 31 del 05.08.2015.pdf
Titolo: copertina.indd
Autore: AB14613

Questo documento in formato PDF 1.6 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2.2 / Acrobat Distiller 8.0.0 (Windows), ed è stato inviato su file-pdf.it il 05/08/2015 alle 15:01, dall'indirizzo IP 5.170.x.x. La pagina di download del file è stata vista 3109 volte.
Dimensione del file: 5.1 MB (174 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Anno XLVI

Repubblica Italiana

BOLLETTINO UFFICIALE
della Regione Toscana

Parte Seconda n. 31
mercoledì, 5 agosto 2015

Firenze

Bollettino Ufficiale: piazza dell'Unità Italiana, 1 - 50123 Firenze - Fax: 055 - 4384620

E-mail: redazione@regione.toscana.it

Il Bollettino Ufficiale della Regione Toscana è pubblicato esclusivamente in forma digitale, la pubblicazione avviene di norma il mercoledì, o comunque ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità, ed è diviso in tre
parti separate.
L’accesso alle edizioni del B.U.R.T., disponibili sul sito WEB della Regione Toscana, è libero, gratuito e senza limiti di tempo.
Nella Parte Prima si pubblicano lo Statuto regionale, le leggi e i regolamenti della Regione, nonché
gli eventuali testi coordinati, il P.R.S. e gli atti di programmazione degli Organi politici, atti degli Organi
politici relativi all'interpretazione di norme giuridiche, atti relativi ai referendum, nonché atti della Corte
Costituzionale e degli Organi giurisdizionali per gli atti normativi coinvolgenti la Regione Toscana, le ordinanze degli organi regionali.
Nella Parte Seconda si pubblicano gli atti della Regione, degli Enti Locali, di Enti pubblici o di altri
Enti ed Organi la cui pubblicazione sia prevista in leggi e regolamenti dello Stato o della Regione, gli atti
della Regione aventi carattere diffusivo generale, atti degli Organi di direzione amministrativa della Regione
aventi carattere organizzativo generale.
Nella Parte Terza si pubblicano i bandi e gli avvisi di concorso, i bandi e gli avvisi per l’attribuzione di
borse di studio, incarichi, contributi, sovvenzioni, benefici economici e finanziari e le relative graduatorie
della Regione, degli Enti Locali e degli altri Enti pubblici, si pubblicano inoltre ai fini della loro massima
conoscibilità, anche i bandi e gli avvisi disciplinati dalla legge regionale 13 luglio 2007, n. 38 (Norme in
materia di contratti pubblici e relative disposizioni sulla sicurezza e regolarità del lavoro).
Ciascuna parte, comprende la stampa di Supplementi, abbinata all’edizione ordinaria di riferimento,
per la pubblicazione di atti di particolare voluminosità e complessità, o in presenza di specifiche esigenze
connesse alla tipologia degli atti.

2

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

SEZIONE I
CONSIGLIO REGIONALE
- Deliberazioni

SOMMARIO
PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE
- Decreti

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 46
Istituzione della Commissione istituzionale per la
ripresa economico-sociale della Toscana costiera. pag. 8
_____________

DECRETO 24 luglio 2015, n. 119
Articolo 4 L.R. 8 gennaio 2009, n. 1 - definizione
di ulteriori competenze della Direzione generale della
” 18
Giunta.
_____________
DECRETO 24 luglio 2015, n. 120

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 47
Istituzione della Commissione istituzionale per le
politiche europee e gli affari internazionali.
”9
_____________

Conferimento incarico di Direttore generale della
Giunta regionale al Dr. Antonio Davide Barretta - art.
” 18
14, l.r. n. 1/2009.
_____________

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 48

DECRETO 24 luglio 2015, n. 121

Istituzione di una Commissione d’inchiesta
finalizzata alla individuazione e analisi delle
responsabilità politiche e istituzionali relative alla
” 10
vicenda il Forteto.
_____________

Conferimento incarico di Avvocato generale
dell’Avvocatura regionale alla dirigente regionale
” 19
Lucia Bora - art. 14, l.r. n. 1/2009.
_____________
DECRETO 24 luglio 2015, n. 122

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 49
Istituzione dell’Osservatorio consiliare sulla Città
metropolitana di Firenze e sul riordino delle funzioni
” 10
provinciali.
_____________
DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 50
Ratifica, ai sensi dell’articolo 43, comma 2, della
legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il
governo del territorio), dell’accordo di pianificazione
per l’approvazione della variante al piano strutturale
relativa all’ampliamento e riqualificazione del porto
turistico di Punta Ala nel Comune di Castiglione della
Pescaia e per la definizione del quadro conoscitivo
del Masterplan del piano di indirizzo territoriale
” 11
(PIT).

Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Affari legislativi, Giuridici e Istituzionali” alla
dirigente regionale Patrizia Magazzini - art. 14, l.r. n.
” 20
1/2009.
_____________
DECRETO 24 luglio 2015, n. 123
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Programmazione e bilancio” al dirigente regionale
” 21
Paolo Giacomelli - art. 14, l.r. n. 1/2009.
_____________
DECRETO 24 luglio 2015, n. 124
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Politiche Mobilità, Infrastrutture e trasporto
pubblico locale” al dirigente regionale Enrico
” 22
Becattini - art. 14, l.r. n. 1/2009.
_____________

- Mozioni
DECRETO 24 luglio 2015, n. 125
MOZIONE 29 luglio 2015, n. 25
In merito al disastro ambientale che sta accadendo
nella laguna di Orbetello e alla conseguente necessità
” 17
di dichiarazione dello stato di calamità.

Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Diritti di cittadinanza e Coesione sociale” alla
dirigente regionale Monica Piovi - art. 14, l.r. n.
” 23
1/2009.
_____________

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

3

DECRETO 24 luglio 2015, n. 126

DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 742

Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Urbanistica e Politiche Abitative” al dirigente
” 24
regionale Aldo Ianniello - art. 14, l.r. n. 1/2009.
_____________

Applicazione articolo 14, comma 10 del Decreto
legislativo 8 aprile 2010, n. 61. Riduzione delle rese
produttive di vino a DOCG Brunello di Montalcino e
di vino a DOC Rosso di Montalcino per la vendemmia
2015.
” 82
_____________

DECRETO 24 luglio 2015, n. 127
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Istruzione e Formazione” al dirigente regionale
Paolo Baldi - art. 14, l.r. n. 1/2009.
” 25
_____________
DECRETO 24 luglio 2015, n. 128
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Affidamento servizi TPL su gomma lotto unico
regionale” al dirigente regionale Saverio Montella art. 14, l.r. n. 1/2009.
” 26
_____________

DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 748
Attribuzione di ulteriori risorse per il
finanziamento di attività di formazione rivolto ad
imprese colpite dagli effetti della crisi economica
(Legge 53/2000 art. 6 comma 4 e Legge 236/1993 art.
9), di cui all’Avviso pubblico, approvato con Decreto
Dirigenziale n. 583/2014 da ultimo modificato con
” 83
Decreto Dirigenziale n. 6308/2014.
_____________
DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 750

DECRETO 24 luglio 2015, n. 129
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Attività produttive” al dirigente regionale Dr. Albino
” 26
Caporale - art. 14 l.r. n. 1/2009
_____________

Approvazione bilancio preventivo economico
annuale 2015 e pluriennale 2015-2017 dell’Autorità
” 85
Portuale Regionale
_____________
DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 768

DECRETO 24 luglio 2015, n. 130
L.R. 53/2001 - Rideterminazione dei termini
dell’incarico di Commissario Ad Acta relativo
all’intervento di messa in sicurezza idraulica del
centro abitato di Aulla e dell’abitato di Bagni in
Comune di Podenzana alla confluenza tra il Torrente
Aulella e il Fiume Magra.
” 27
_____________
DECRETO 29 luglio 2015, n. 133
Variante SR 429 “Empoli-Castelfiorentino” Integrazioni al precedente DPGRT n. 146 del 26
settembre 2014.
” 29

Individuazione degli interventi di incentivazione
regionale cui si estende l’Accordo per il credito 2015
sottoscritto il 31 marzo 2015 da ABI e Associazioni
degli imprenditori in favore delle PMI, per
l’allungamento dei finanziamenti e la sospensione
dei pagamenti.
” 132
_____________
DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 780
Stagione venatoria 2015/2016: prelievo in deroga
” 134
delle specie storno e piccione.

- Dirigenza-Decreti
GIUNTA REGIONALE
- Deliberazioni
DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 737
Approvazione dell’aggiornamento della programmazione dell’attività contrattuale di forniture
e di servizi per l’anno 2015 delle strutture della
Giunta Regionale e del piano 2015 delle iniziative di
acquisto aggregato di forniture e servizi del soggetto
” 30
aggregatore regionale.
_____________

Direzione Generale Competitività del Sistema
Regionale e Sviluppo delle Competenze
Area di Coordinamento Sviluppo Rurale
Settore Forestazione, Promozione dell’Innovazione e
Interventi Comunitari per l’Agroambiente
DECRETO 24 luglio 2015, n. 3412
certificato il 24-07-2015
Comune di Orbetello, Usi Civici, approvazione
Progetto di sistemazione ditte Zinni Roberto/Zinni

4

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Simona, Zinni Antonio, Zinni Graziano e. Sillani
Bruno ex art.23 comma 1 lettera b) punto 2) del
DPGR 57/R 2015.
” 144
_____________
DECRETO 24 luglio 2015, n. 3415
certificato il 24-07-2015
Comune di Castell’Azzara (GR), ASBUC di
Selvena, conciliazione del 3 dicembre 1994, indicazione
corretti dati catastali relativi a Zuccagnoli Alfonso e
Daniela.
” 146
_____________
Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e
Coesione Sociale
Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà
Sociale e Integrazione Socio-Sanitaria
Settore Tutela dei Minori, Consumatori e Utenti,
Politiche di Genere

ALTRI AVVISI
C.M.M. S.R.L. CARRARA
Piano di Coltivazione della cava n. 61 denominata
“Valpulita”, situata nel bacino marmifero di Torano,
” 151
nel Comune di Carrara (MS).
_____________
ECO-GEST S.R.L.
Avviso pubblico dellistanza di avvio della procedura
di verifica di assoggettabilità a V.I.A. ai sensi dell’art.
48 L.R. 12/02/2010 n.10 per il Progetto:-”Ulteriori
modifiche Atto AIA n. 802 del 04-06-2012 Impianto
di stoccaggio e messa in riserva di rifiuti speciali
pericolosi e non pericolosi”-Comune di Poggibonsi,
Provincia di Siena.
” 151
_____________
FP S.P.A. IMPRUNETA (Firenze)

DECRETO 27 luglio 2015, n. 3466
certificato il 27-07-2015
Individuazione delle modalità tecniche di raccolta
dei dati necessari per il calcolo degli indicatori
contenuti nell’Allegato C della delibera GR
400/2015 per i progetti sperimentali relativi all’Area
Minori - tipologia sperimentale “Appartamenti per
l’autonomia”.
” 148

DIREZIONI E UFFICI REGIONALI
- Comunicati
Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e
Cambiamenti Climatici
Settore Autorità di Vigilanza sulle Attività Minerarie
Istanza per la proroga della concessione mineraria
“Podere Bechi”.
” 151

ALTRI ENTI

Avviso al pubblico di istanza di avvio del procedimento
di verifica di assoggettabilità alla procedura di V.I.A.
(art. 48 comma 4 l.r. 10/2020).
” 152

SEZIONE II
- Decreti
COMUNE DI PISTOIA
DECRETO 25 maggio 2015, prot. n. 56603
Piano di recupero di iniziativa privata “Venerabile
Arciconfraternita della Misericordia” per la realizzazione del complesso immobiliare denominato RU7.
” 153
Decreto Definitivo di esproprio.

- Determinazioni
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI
GROSSETO
DETERMINAZIONE 21 luglio 2015, n. 2057

AUTORITA’ DI BACINO DEL FIUME TEVERE
Piano di bacino del fiume Tevere - VI stralcio
funzionale P.S.6 per l’assetto idrogeologico P.A.I. art. 43, comma 5 delle Norme tecniche di Attuazione
- Proposta di modificazione - Regione Umbria perimetrazione delle fasce di pericolosità idraulica e
delle aree a rischio del Torrente Niccone per la parte
ricadente nel territorio toscano e umbro nei soli
Comuni di Cortona e Lisciano Niccone.
” 151

Procedimento di Verifica di Assoggettabilità, art.
48 L.R. n. 10 del 12/02/2010 “Norme in materia di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e di Valutazione di
Incidenza”, in ordine al progetto «Campagna di recupero rifiuti da demolizione mediante impianto mobile
di frantumazione da effettuare presso l’area dell’expomodorificio di Follonica - Comune di Follonica».
Proponente: MANNARI S.n.c.
” 154
_____________

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA

5

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI
AREZZO

DETERMINAZIONE 20 maggio 2015, n. 1095
Atti esecutivi del decreto della Regione Toscana n.
1866 del 30.04.2015 (B.U.R.T. del 13.05.2015 n. 19) di
declassificazione di strada provinciale. Classificazione a strada comunale - comune di Monteriggioni (Si)
tratto della S.P. 5 “Colligiana” - in località Colonna
dal km. 0+000 al km. 0+165.
” 156
_____________

T.U. 11/12/1933 n. 1775 sulle acque pubbliche.
Domanda in data 18/08/2014 per autorizzazione
allo scavo di un pozzo e concessione di derivazione
di acqua nel territorio del Comune di Castel Focognano loc. Salutio per uso Irrigazione Attrezzatura Sportiva-Irrigazione Verde Pubblico-. Ditta:
COMUNE DI CASTEL FOCOGNANO. Pratica n.
” 164
ACS2014_00021.
_____________

DETERMINAZIONE 23 luglio 2015, n. 1679
“Campagna di attività per il recupero rifiuti non
pericolosi da demolizione in via Chiantigiana loc. Castellina Scalo nel Comune di Monteriggioni” - Procedura di verifica di assoggettabilità, ai sensi della L.R.
10/2010, art. 48 - (Proponente: Arrighi e Brogi escavazioni s.r.l.) Provvedimento conclusivo.
” 156
_____________
DETERMINAZIONE 23 luglio 2015, n. 1681
“Potenziamento impianto già autorizzato per il
recupero rifiuti inerti non pericolosi da costruzione
e demolizione ubicato all’interno della cava Val di
Merse nel Comune di Monteriggioni” - Procedura di
verifica di assoggettabilità, ai sensi della L.R. 10/2010,
art. 48. (proponente: Italcave s.r.l.). Provvedimento
conclusivo.
” 159
_____________
COMUNE DI CAMAIORE (Lucca)
DETERMINAZIONE 24 luglio 2015, n. 861
Acquisizione al patrimonio indisponibile di aree
utilizzate per scopi di interesse pubblico, in assenza di
valido ed efficace provvedimento di esproprio, ai sensi
dell’art. 42/bis del D.P.R. 327/2001 - Area parcheggio
” 162
in Montemagno.
_____________
COMUNE DI CAPANNORI (Lucca)
DETERMINAZIONE 28 luglio 2015, n. 908
Espropriazione di beni immobili per la realizzazione di un Ospitale sulla Via Francigena - Storica di
Capannori - Ordine di deposito della indennità prov” 163
visoria ex art. 26 D.P.R. 327/01.

- Avvisi

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI
GROSSETO
Concessione preferenziale di derivazione di acqua
pubblica da un pozzo ubicato in loc. Barca del Grazi, nel Comune di Orbetello. Ditta Vannetti Claudio,
” 164
Vannetti Catia. Prat. 14101/2011.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Pinzuto, nel
Comune di Manciano. Ditta Bargagli Enrico. Prat.
” 164
20497/2012.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Pinzuto, nel
Comune di Manciano. Ditta Bargagli Grazia. Prat.
” 164
20498/2012.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Marsiliana,
nel Comune di Manciano. Ditta Taviani Lucia. Prat.
” 165
6344/2010.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua
pubblica da un pozzo ubicato in loc. Casale Nuovo,
nel Comune di Manciano. Ditta LA SPERANZA Soc.
” 165
Semplice Soc. Agricola. Prat. 19556/2012.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua
pubblica da un pozzo ubicato in loc. Marianacce, nel
Comune di Manciano. Ditta Giomarelli Walter. Prat.
” 165
5417/2010.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua
pubblica da un pozzo ubicato in loc. Marsiliana, nel
Comune di Manciano. Ditta Scalabrelli Fabrizio e
” 165
Scalabrelli Tosca. Prat. 20649/2012.
_____________

6

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Marsiliana,
nel Comune di Manciano. Ditta Santi Danilo. Prat.
19204/2012.
” 165
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua
pubblica da un pozzo ubicato in loc. Banditella, nel Comune di Magliano in Toscana. Ditta Tenuta di Magliano Centro Soc. Agr. Sempl. Prat. 9404/2010.
” 165
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in Pod. S. Luigi,
loc. Madonnino, nel Comune di Grosseto. Ditta Bellini Lino. Prat. 6150/2010.
” 166
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. San Sisto,
nel Comune di Manciano. Ditta Pifferi Cesare. Prat.
” 166
25288/2015.
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Cutignolo,
nel Comune di Orbetello. Ditta Bigiarini Gianfranco. Prat. 8583/2010.
” 166
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Cutignolo,
nel Comune di Manciano. Ditta Costoloni Mauro.
Prat. 19380/2012.
” 166
_____________
Concessione preferenziale di derivazione di acqua pubblica da un pozzo ubicato in loc. Cutignolo,
nel Comune di Manciano. Ditta Moccia Alessandro,
Ridolfi Annamaria, Biasi Rita, Munini Paolo. Prat.
19207/2012.
” 166
_____________
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI
LUCCA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI
MASSA CARRARA
PRATICA DC 1339/8-37 - IDRECO srl. Utilizzazione acqua pubblica T.U. 11.12.1933 n. 1775
s.m.e i.
” 167
_____________
PRATICA DC 1340/23-246 - DEMI ROSSELLA.
Utilizzazione acqua pubblica T.U. 11.12.1933 n. 1775
s.m.e i.
” 168
_____________
COMUNE DI AULLA (Massa Carrara)
L.R. 10/2015 art. 48. Procedimento di verifica di
assoggettabilità. Avviso di avvenuto deposito della
documentazione relativa al progetto di messa in sicurezza idraulica del torrente Aulella a protezione del
Quartiere Gobetti.
” 168
_____________
COMUNE DI CALCI (Pisa)
Piano di recupero in loc. Comunicotti e contestuale variante normativa al RU - avviso di adozione ai
sensi dell’art. 19 co. 2 L.R. 65/14.
” 168
_____________
COMUNE DI CAMPI BISENZIO (Firenze)
Avviso di pubblicazione e deposito della variante alle N.T.A. del RUC finalizzata al recepimento ed
applicazione parametri e definizioni tecniche di cui
al D.P.G.R. 64/r/2013, all’aggiornamento dei riferimenti alle norme regionali per il governo del territorio ed alla correzione degli articoli 41, 44, 47, 84, 85
e 138.
” 169
_____________
COMUNE DI CASTIGLIONE D’ORCIA (Siena)

Avviso concessione acque. Pratica n. 5280.
_____________

” 167

Avviso concessione acque. Pratica n. 5281.
_____________

” 167

Avviso concessione acque. Pratica n. 5282.
_____________

Pratica 5883 - INDUSTRIA CARTARIA PIERETTI SpA - Utilizzazione acqua pubblica - T.U.
” 167
11.12.1933 n. 1775 s. m. e i.
_____________

” 167

Pratica 5900 - BRUNO STAINO - CONCESSIONE - Utilizzazione acqua pubblica - T.U. 11.12.1933
n. 1775 s. m. e i.
” 167
_____________

Adozione Programma Aziendale Pluriennale di
Miglioramento Agricolo Ambientale (PAPMAA)
dell’Az. Agricola Forte SS, quale Piano Attuativo ai
” 169
sensi dell’art. 111 della L.R. 65/2014.
_____________
COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA
(Arezzo)
Variante n. 2 al Piano Strutturale definitiva approvazione e informazione sulla decisione finale di V.A.S.
” 170
ai sensi dell’art. 28 della L.R. 10/2010.
_____________

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
Variante n. 13 al Regolamento Urbanistico definitiva approvazione e informazione sulla decisione finale
di V.A.S. ai sensi dell’art. 28 della L.R. 10/2010. ” 170
_____________

7

COMUNE DI PORCARI (Lucca)
Variante parziale al Piano Strutturale - approva” 172
zione definitiva.
_____________

COMUNE DI EMPOLI (Firenze)
COMUNE DI SAN GIULIANO TERME (Pisa)
Piano di Recupero in attuazione alla scheda norma del Regolamento Urbanistico PUA 6.6, località
Pontorme. Esame osservazione e approvazione definitiva.
” 170
_____________
Piano di lottizzazione in attuazione alla scheda
norma del Regolamento Urbanistico PUA 7.4, località
Pozzale. Presa d’atto della mancata presentazione di
osservazioni.
” 171
_____________

Aggiornamento degli elaborati costituenti il Piano
Strutturale e Regolamento Urbanistico a seguito degli
atti approvati entro il 31.05.2015 e di correzioni cartografiche.
” 173
_____________
COMUNE DI SORANO (Grosseto)
Avviso di deposito del progetto di variante riguardante l’adeguamento al P.A.E.R.P. della Cava Pian di
Rena ai sensi dell’art. 35 della L.R. 65/2014.
” 173

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI (Firenze)
Avviso di adozione del P.AP.M.A.A. con valore di
piano attuativo presentato dalla TENUTE RUFFINO
SRL SOCIETA’ AGRICOLA in località san Polo a
Greve in Chianti.
” 171
_____________
Avviso di approvazione del P.AP.M.A.A. con valore di piano attuativo presentato dalla AZIENDA
AGRICOLA LA TORRICELLA DI PANZANO in
località Panzano a Greve in Chianti.
” 171
_____________
COMUNE DI PELAGO (Firenze)
Variante n. 1 al Regolamento Urbanistico approvato con Deliberazione C.C. n. 7 dell’08.04.2014 per
modifiche agli artt. 33 (Aree per orti sociali) e 81
(Schede riassuntive dei dimensionamenti massimi e
destinazioni d’uso per sistemi, sub sistemi, UTOE e
territorio aperto) delle N.T.A. e per la correzione di
errori materiali (integrazione del supporto geologico tecnico con la scheda di fattibilità del comparto denominato “Fonte di Massi”). Avviso di presa
atto di non pervenute osservazioni e efficacia della
variante ai sensi dell’art. 32 comma 3° della L.R.
65/2014.
” 172
_____________
COMUNE DI PISTOIA
Piano Attuativo AT9/TU3 Area Sud-est - Realizzazione di nuovo punto vendita Esselunga s.p.a. - Adozione ai sensi dell’art. 111 della L.R. 65/2014.
” 172
_____________

SUPPLEMENTI
Supplemento n. 112 al B.U. n. 31 del 05/08/2015

GIUNTA REGIONALE
- Deliberazioni
DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 740
L.R. 79/2012, art. 22 (Parere vincolante sui bilanci
dei Consorzi di Bonifica) - Espressione di parere sul
bilancio consuntivo 2014 del Consorzio 6 Toscana
Sud.
_____________
DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 741
L.R. 79/2012, art. 22 - Parere vincolante sui bilanci
dei Consorzi di Bonifica - Espressione del parere
regionale sul bilancio consuntivo 2014 e sulla prima
variazione del bilancio preventivo 2015 del Consorzio
2 Alto Valdarno.

Supplemento n. 113 al B.U. n. 31 del 05/08/2015

- Statuti
UNIONE DEI COMUNI MEDIA VALLE DEL
SERCHIO (Lucca)
Statuto dell’Unione. (Divenuto esecutivo in data
24 luglio 2015).

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

8

SEZIONE I
CONSIGLIO REGIONALE
- Deliberazioni

1. di istituire, per l’intera durata della legislatura
corrente, la Commissione istituzionale per la ripresa
economico-sociale della Toscana costiera ai sensi
dell’articolo 60, comma 4, del reg. int. c.r. 27/2015,
composta da sedici componenti, di cui nove di
maggioranza e sette di opposizione;

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 46
Istituzione della Commissione istituzionale per la
ripresa economico-sociale della Toscana costiera.
IL CONSIGLIO REGIONALE
Visto l’articolo 18 dello Statuto, relativo alle
commissioni consiliari;
Visto l’articolo 60, comma 4, del regolamento
interno 24 febbraio 2015, n. 27 (Regolamento interno
dell’Assemblea legislativa regionale), relativo alla
costituzione delle commissioni istituzionali per la
trattazione di temi di particolare e continuativo interesse
generale in ambito regionale;
Preso atto della risoluzione 30 giugno 2015, n. 1, con
la quale è stato approvato il programma di governo per la
decima legislatura;
Considerato che il suddetto programma di governo, al
paragrafo 1.2, contiene l’invito al Consiglio regionale a
“valutare la costituzione di una Commissione consiliare
speciale dedicata alla ripresa economico-sociale della
Toscana costiera”;
Ritenuto di accogliere tale invito istituendo la
Commissione istituzionale per la ripresa economicosociale della Toscana costiera, in considerazione della
particolare situazione socio-economica della costa
toscana, individuata nei comuni costieri e insulari delle
province di Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e
Grosseto, caratterizzata dalla presenza di diffusi processi
di deindustrializzazione, di significative criticità per
i settori economici turistico-commerciali, di livelli
di disoccupazione, con particolare riguardo a quella
giovanile e femminile, superiori rispetto alla media
regionale, di criticità ambientali e territoriali, di deficit
infrastrutturali, con particolare riguardo a quelli connessi
alla modibilità di persone e merci;
Richiamato l’articolo 60, comma 5, del reg. int.
c.r. 27/2015, in ordine all’applicazione, per quanto
compatibili, alle commissioni istituzionali delle
disposizioni del regolamento stesso previste per le
commissioni permanenti;
DELIBERA

2. di attribuire alla predetta commissione le seguenti
funzioni:
- attività di studio e di analisi delle problematiche
connesse allo sviluppo socio-economico della
Toscana costiera, così come individuata nella presente
deliberazione, con particolare riguardo agli ambiti della
presenza industriale e produttiva, dell’innovazione, del
lavoro, dell’attrattività degli investimenti, del turismo
e del commercio, dell’istruzione e della formazione,
delle tematiche ambientali, del governo del territorio
e della valorizzazione del paesaggio, delle dotazioni
infrastrutturali, della mobilità, del disagio sociale, della
sicurezza e dell’integrazione;
- attività di elaborazione di iniziative legislative e
di proposte operative alla Giunta regionale, per il loro
recepimento negli strumenti della programmazione e
negli atti di governo, finalizzate al superamento dei
problemi e delle criticità, nonché al rafforzamento delle
dinamiche di sviluppo della costa, con particolare riguardo
alla costruzione di un vero e proprio “piano strategico
regionale della costa”, strumento unitario di sviluppo da
inquadrare nel Programma regionale di sviluppo (PRS);
- collaborazione attiva con la Giunta regionale,
nel fermo rispetto delle competenze statutariamente
riconosciute, nell’attuazione dei provvedimenti di
interesse per lo sviluppo della costa, con particolare
riguardo al richiamato “piano strategico regionale della
costa”;
- partecipazione, nel rispetto delle competenze
statutariamente riconosciute, alle eventuali iniziative
istituzionali cui la Regione dovesse essere chiamata ad
intervenire, quali tavoli istituzionali, cabine di regia, etc.,
dal Governo nazionale e/o dagli enti locali territoriali in
relazione alle tematiche dello sviluppo della costa così
come individuate dalla presente deliberazione;
- supporto trasversale e collaborazione istituzionale
con le commissioni permanenti allo scopo di formulare
proposte e fornire documentazione di approfondimento
alle stesse in relazione alle tematiche e agli atti vertenti su
argomenti di interesse per i territori della costa toscana,
così come individuati dalla presente deliberazione.
3. di determinare che, entro il termine dei lavori,
la commissione presenterà all’Ufficio di presidenza
del Consiglio regionale una relazione conclusiva sulle
attività compiute.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul
Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, ai sensi

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
dell’articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca
dati degli atti del Consiglio regionale, ai sensi dell’articolo
18, comma 1, della medesima l.r. 23/2007.
IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA
con la maggioranza prevista dall’articolo 26 dello
Statuto.
Il Presidente
Eugenio Giani
I Segretari
Giovanni Donzelli
Antonio Mazzeo

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 47
Istituzione della Commissione istituzionale per le
politiche europee e gli affari internazionali.
IL CONSIGLIO REGIONALE
Visto l’articolo 117, commi terzo e quinto, della
Costituzione;
Visto l’articolo 11, commi 2 e 3 e l’articolo 18 dello
Statuto;
Richiamato l’articolo 60 del regolamento interno 24
febbraio 2015, n. 27 (Regolamento interno dell’Assemblea
legislativa regionale);
Considerata la rilevanza che le tematiche dei rapporti
tra Regione ed Unione Europea hanno assunto negli
ultimi anni sotto il duplice profilo politico e tecnico;

9

del Consiglio alla fase ascendente di formazione di atti
normativi dell’Unione europea;
b) in coordinamento con le commissioni competenti
per materia, anche raccordandosi con i competenti uffici
della Giunta, provvede, ai sensi dell’articolo 25, della
l. 234/2012, a formulare le osservazioni concernenti la
verifica del principio di sussidiarietà di cui all’articolo
8, della medesima legge sugli atti dell’Unione Europea,
pervenuti al Consiglio;
c) trasmette le osservazioni formulate ai sensi delle
lettere a) e b) al Presidente del Consiglio ai fini del loro
invio alle Camere in tempo utile per l’esame parlamentare,
nonché ai fini della contestuale comunicazione alla
Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative
delle regioni e delle province autonome in applicazione
dell’articolo 25, della l. 234/2012;
d) cura gli adempimenti di competenza consiliare
connessi all’applicazione dell’articolo 7, della legge
regionale 22 maggio 2009, n. 26 (Disciplina delle
attività europee e di rilievo internazionale della Regione
Toscana);
e) assicura il supporto trasversale alle commissioni
permanenti e all’Ufficio di presidenza fornendo
documentazione di approfondimento sulle tematiche di
rilievo dell’Unione europea ed internazionale;
f) svolge l’analisi dei fondi europei e del loro utilizzo
da parte della Regione;
g) cura studi e ricerche sulle tematiche e politiche
europee.
Ritenuto, pertanto, di istituire, per l’intera durata
della corrente legislatura, la Commissione istituzionale
per le politiche europee e gli affari internazionali con
l’attribuzione delle funzioni di cui all’articolo 60, comma
2, del reg. int. c.r. 27/2015 composta da dieci componenti,
di cui sei di maggioranza e quattro di opposizione;
DELIBERA

Richiamato l’articolo 60, comma 1, del reg. int. c.r.
27/2015, che espressamente dispone che “all’inizio di
ciascuna legislatura e per l’intera durata della stessa, il
Consiglio può istituire una commissione istituzionale
competente per le politiche europee e gli affari
internazionali”;
Considerato che l’articolo 60, comma 2, del reg. int.
c.r. 27/2015, attribuisce alla commissione in oggetto le
seguenti funzioni:
a) provvede alla formulazione delle osservazioni
del Consiglio sui progetti di atti pervenuti ai sensi
dell’articolo 24, comma 1, della legge 24 dicembre 2012,
n. 234 (Norme generali sulla partecipazione dell’Italia
alla formazione e all’attuazione della normativa e delle
politiche dell’Unione europea), ai fini della partecipazione

1. di istituire, ai sensi dell’articolo 60, comma 1, del
reg. int. c.r. 27/2015, per l’intera durata della corrente
legislatura, la Commissione istituzionale per le politiche
europee e gli affari internazionali composta da dieci
componenti, di cui sei di maggioranza e quattro di
opposizione;
2. di attribuire alla Commissione le funzioni di cui
all’articolo 60, comma 2, del reg. int. c.r. 27/2015.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul
Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, ai sensi
dell’articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca
dati degli atti del Consiglio regionale, ai sensi dell’articolo
18, comma 1, della medesima l.r. 23/2007.

10

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA

con la maggioranza prevista dall’articolo 26 dello
Statuto.
Il Presidente
Eugenio Giani
I Segretari
Giovanni Donzelli
Antonio Mazzeo

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 48
Istituzione di una Commissione d’inchiesta
finalizzata alla individuazione e analisi delle
responsabilità politiche e istituzionali relative alla
vicenda il Forteto.

Considerato che molti enti e istituzioni hanno omesso
controlli e commesso errori di valutazione venendo
meno ai propri doveri di tutela e garanzia di soggetti
particolarmente deboli ed esposti quali sono i minori
affidati ad una comunità;
Ritenuto, pertanto, per far luce su tali omissioni ed
errori, di istituire una commissione d’inchiesta finalizzata
alla “Individuazione e analisi delle responsabilità
politiche e istituzionali relativamente alla vicenda il
Forteto”, giusta la richiesta, in tal senso, del 7 luglio 2015
sottoscritta da tutti i consiglieri regionali;
Ritenuto di stabilire, ai sensi dell’articolo 61, commi
1 e 9, del reg. int. c.r. 27/2015, in nove mesi il termine
entro il quale la commissione d’inchiesta dovrà approvare
la propria relazione finale e le eventuali relazioni di
minoranza;
DELIBERA

IL CONSIGLIO REGIONALE
Visto l’articolo 21, comma 1, dello Statuto, ai sensi del
quale il Consiglio può istituire commissioni d’inchiesta
su questioni relative a materie di interesse regionale;
Richiamato l’articolo 61, del regolamento interno 24
febbraio 2015, n. 27 (Regolamento interno dell’Assemblea
legislativa regionale);
Premesso che nell’anno 2012 è stata istituita una
commissione d’inchiesta relativa a “L’attività di
affidamento dei minori a comunità e centri alla luce della
vicenda il Forteto”, finalizzata a conoscere la congruità
della stessa rispetto agli obiettivi perseguiti dalla
legislazione regionale in materia di tutela e promozione
dei minori;
Rilevato che dalla relazione finale della suddetta
commissione d’inchiesta e dal relativo dibattito
assembleare svoltosi nella seduta consiliare del 16
gennaio 2013 sono emersi abusi, maltrattamenti e
condotte di plagio perpetrati all’interno della comunità
de “Il Forteto” ai danni di minori ivi affidati;
Considerato che il Tribunale di Firenze ha
recentemente riconosciuto la penale responsabilità, per
tali fatti, dei vertici della comunità infliggendo condanne
fino a diciassette anni di reclusione;
Rilevato, altresì, che la Regione Toscana come altri
enti territoriali hanno concesso, nel corso dei decenni, alla
comunità e/o alla fondazione “Il Forteto” una pluralità
di finanziamenti pubblici nonostante già esistessero
delle sentenze di condanna passate in giudicato per reati
specifici a carico di esponenti della comunità;

di istituire, ai sensi dell’articolo 21, dello Statuto e
dell’articolo 61, del reg. int. c.r. 27/2015, una commissione
d’inchiesta finalizzata alla “Individuazione e analisi delle
responsabilità politiche e istituzionali relativamente alla
vicenda il Forteto”;
di stabilire, ai sensi dell’articolo 61, commi 1 e 9, del
reg. int. c.r. 27/2015, in nove mesi il termine entro il quale
la commissione d’inchiesta dovrà approvare la propria
relazione finale e le eventuali relazioni di minoranza.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul
Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, ai sensi
dell’articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca
dati degli atti del Consiglio regionale, ai sensi dell’articolo
18, comma 1, della medesima l.r. 23/2007.
IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA
con la maggioranza prevista dall’articolo 26 dello
Statuto.
Il Presidente
Eugenio Giani
I Segretari
Giovanni Donzelli
Antonio Mazzeo

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 49
Istituzione dell’Osservatorio consiliare sulla Città
metropolitana di Firenze e sul riordino delle funzioni
provinciali.

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
IL CONSIGLIO REGIONALE
Visto il titolo V della Costituzione;
Visto l’articolo 2, l’articolo 4, comma 1, lettere v) e z)
e il titolo VI dello Statuto;
Considerato che con la legge regionale 3 marzo 2015,
n. 22 (Riordino delle funzioni provinciali e attuazione
della legge 7 aprile 2014, n. 56 “Disposizioni sulle città
metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni
di comuni” Modifiche alle leggi regionali 32/2002,
67/2003, 41/2005, 68/2011, 65/2014), la Regione
Toscana ha proceduto ad attuare la legge 7 aprile 2014, n.
56 (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province,
sulle unioni e fusioni di comuni), riordinando le funzioni
amministrative non fondamentali attualmente esercitate
dalle province e dalla città metropolitana nel rispetto dei
principi costituzionali di sussidiarietà, differenziazione
ed adeguatezza ai sensi dell’articolo 118, comma primo,
della Costituzione;
Considerato che con tale processo di riordino si è
inteso rafforzare il ruolo della Città metropolitana di
Firenze quale ente di governo del territorio metropolitano
e di coordinamento dei comuni che la compongono;
Rilevato che il percorso di riordino delle funzioni
amministrative delle province prevede il trasferimento
del personale agli enti subentranti mediante il sistema
degli accordi che individueranno anche i beni, le risorse
strumentali e i rapporti attivi e passivi oggetto del
trasferimento;
Considerato, altresì, che al fine di operare un reale
riordino con un miglioramento dei servizi e della
prestazioni rese ai cittadini è necessario garantire le
necessarie risorse finanziarie;
Preso atto che con risoluzione 25 febbraio 2015,
n. 303, collegata alla legge regionale n. 22/2015, il
Consiglio regionale ha valutato opportuno procedere
ad un costante monitoraggio delle riforme in modo da
verificarne l’effettiva funzionalità ed efficacia e si è
impegnato a costituire un Osservatorio con funzioni di
garanzia, impulso, sostegno e monitoraggio del processo
di riordino delle funzioni amministrative delle province e
della Città metropolitana di Firenze;
Ritenuto, pertanto, di istituire l’Osservatorio
consiliare sul riordino delle funzioni provinciali e sulla
Città metropolitana di Firenze quale organismo unitario,
presieduto dal Presidente del Consiglio regionale,
strutturato in due distinte articolazioni per la trattazione,
rispettivamente, delle tematiche relative alla Città
metropolitana di Firenze e delle tematiche relative al
riordino della province;

11

DELIBERA
1. di istituire, per l’intera durata della corrente
legislatura e senza oneri aggiuntivi, l’Osservatorio
consiliare sul riordino delle funzioni provinciali e sulla
Città metropolitana di Firenze quale organismo unitario,
presieduto dal Presidente del Consiglio regionale,
strutturato in due distinte articolazioni per la trattazione,
rispettivamente, delle tematiche relative alla Città
metropolitana di Firenze e delle tematiche relative al
riordino della province;
2. di stabilire che l’articolazione per la trattazione
delle tematiche relative alla Città metropolitana di Firenze
sia composta dai consiglieri eletti nelle circoscrizioni
elettorali di Firenze 1, Firenze 2, Firenze 3, Firenze
4 di cui alla legge regionale 26 settembre 2014, n. 51
(Norme per l’elezione del Consiglio regionale e del
Presidente della Giunta regionale.) e che l’articolazione
per la trattazione delle tematiche relative al riordino delle
province sia composta da dieci consiglieri di cui cinque
di maggioranza e cinque di opposizione;
3. di attribuire all’Osservatorio funzioni di garanzia,
impulso, sostegno e monitoraggio del processo di riordino
delle funzioni amministrative delle province e della Città
metropolitana di Firenze;
4. di stabilire che l’Osservatorio presenti
periodicamente al Consiglio regionale una relazione
sullo stato di attuazione della l.r. 22/2015.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul
Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, ai sensi
dell’articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca
dati degli atti del Consiglio regionale, ai sensi dell’articolo
18, comma 1, della medesima l.r. 23/2007.
IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA
con la maggioranza prevista dall’articolo 26 dello
Statuto.
Il Presidente
Eugenio Giani
I Segretari
Giovanni Donzelli
Antonio Mazzeo

DELIBERAZIONE 28 luglio 2015, n. 50
Ratifica, ai sensi dell’articolo 43, comma 2, della
legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il
governo del territorio), dell’accordo di pianificazione

12

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

per l’approvazione della variante al piano strutturale
relativa all’ampliamento e riqualificazione del porto
turistico di Punta Ala nel Comune di Castiglione della
Pescaia e per la definizione del quadro conoscitivo del
Masterplan del piano di indirizzo territoriale (PIT).

Visto l’accordo di pianificazione, (allegato A), che
è stato concluso e perfezionato con l’apposizione della
necessaria firma da parte dei legali rappresentanti delle
amministrazioni interessate, ai sensi dell’articolo 43
della l.r. 65/2014;

IL CONSIGLIO REGIONALE

Dato atto che, con il suddetto accordo è confermata
l’intesa preliminare del 25 settembre 2013, e si è espresso
consenso unanime per consentire:
- al Comune di Castiglione della Pescaia di approvare
la variante al piano strutturale per l’ampliamento e la
riqualificazione del porto di Punta Ala;
- alla Regione Toscana di procedere alla definizione
della scheda di aggiornamento del quadro conoscitivo del
Masterplan del PIT.

Vista la legge regionale 10 novembre 2014, n. 65
(Norme per governo del territorio) che ha abrogato la l.r.
1/2005;
Vista l’intesa preliminare siglata in forma digitale
in data 25 settembre 2013, tra i legali rappresentanti
della Regione Toscana, della Provincia di Grosseto e
del Comune di Castiglione della Pescaia, finalizzata
all’accordo di pianificazione per consentire:
- al Comune di Castiglione della Pescaia di approvare
la variante al piano strutturale per l’ampliamento e la
riqualificazione del porto di Punta Ala;
- alla Regione Toscana, di procedere alla definizione
della scheda di aggiornamento del quadro conoscitivo del
Masterplan del piano di indirizzo territoriale (PIT);
Considerato che la suddetta intesa è stata ratificata
dal:
- Consiglio regionale con deliberazione 18 dicembre
2013, n. 99;
- Consiglio comunale di Castiglione della Pescaia con
deliberazione 29 novembre 2013, n. 108;
e che, in data 30 settembre 2013, è stata data notizia
della suddetta intesa dal Presidente della Provincia di
Grosseto al consiglio provinciale;
Considerato altresì che:
- il Comune di Castiglione della Pescaia ha adottato
con deliberazione 29 aprile 2014, n. 37 la variante al
piano strutturale; (la variante è stata depositata presso la
sede comunale e pubblicata sul Bollettino ufficiale della
Regione Toscana 4 giugno 2014, n. 22),
- entro il termine del 3 agosto 2014 sono state
presentate n. 3 osservazioni;
Considerato che:
- al fine di concludere l’iter amministrativo
dell’accordo di pianificazione, il Comune di Castiglione
della Pescaia ha convocato la conferenza dei servizi tra
le strutture tecniche del Comune di Castiglione della
Pescaia, della Provincia di Grosseto e della Regione
Toscana conclusasi in data 10 febbraio 2015;
- sulla base di quanto risulta dal verbale del 10
febbraio 2015, la conferenza dei servizi tra le strutture
tecniche ha esaminato la proposta di controdeduzioni
alle osservazioni presentata dal Comune di Castiglione
della Pescaia e ha verificato la possibilità di concludere
l’accordo di pianificazione.

Considerato altresì che, la Provincia di Grosseto
partecipa all’accordo di pianificazione per affermare il
valore strategico del contenuto della variante al piano
strutturale per l’ampliamento e la riqualificazione del
porto di Punta Ala, anche se i contenuti non modificano il
piano territoriale di coordinamento provinciale;
Dato atto che gli atti e i documenti riferibili al presente
provvedimento sono depositati presso la Direzione
generale Governo del territorio della Giunta regionale;
Ricordato che con deliberazione della Giunta
regionale 23 febbraio 2015, n. 150 è stato approvato lo
schema di accordo di pianificazione fra Regione Toscana,
la Provincia di Grosseto ed il Comune di Castiglione
della Pescaia per l’approvazione della variante al piano
strutturale relativo all’ampliamento del Porto di Punta
Ala;
Richiamata la deliberazione del Comune di Castiglione
della Pescaia 18 marzo 2015, n. 51 (Approvazione schema
di accordo di pianificazione tra la Regione Toscana,
la Provincia di Grosseto ed il Comune di Castiglione
della Pescaia per l’approvazione della variante al piano
strutturale per l’ampliamento e la riqualificazione del
Porto di Punta Ala);
DELIBERA
1. di ratificare, ai sensi dell’articolo 43, comma 2,
della l.r. 65/2014, l’accordo di pianificazione concluso
e perfezionato in data 2 aprile 2015 con l’apposizione
della necessaria firma da parte dei legali rappresentanti
del Comune di Castiglione della Pescaia, della Provincia
di Grosseto e della Regione Toscana, allegato al presente
provvedimento quale parte integrante (Allegato A), al
fine di consentire:
- al Comune di Castiglione della Pescaia di approvare
la variante al piano strutturale per l’ampliamento e la
riqualificazione del porto di Punta Ala;

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
- alla Regione Toscana di procedere alla definizione
della scheda di aggiornamento del quadro conoscitivo del
Masterplan del PIT.
Il presente atto è pubblicato integralmente, compreso
l’allegato A, sul Bollettino Ufficiale della Regione
Toscana, ai sensi dell’articolo 5, comma 1, della l.r.
23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio
regionale, ai sensi dell’articolo 18, comma 1, della
medesima l.r. 23/2007.
IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA

13

con la maggioranza prevista dall’articolo 26 dello
Statuto.
Il Presidente
Lucia De Robertis
I Segretari
Giovanni Donzelli
Antonio Mazzeo
SEGUE ALLEGATO

14

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

ACCORDO DI PIANIFICAZIONE
TRA
COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA
PROVINCIA DI GROSSETO
REGIONE TOSCANA
per l’approvazione della variante al piano strutturale relativa all’ampliamento e alla riqualificazione
del porto di Punta Ala nel Comune di Castiglione della Pescaia e per la definizione del quadro
conoscitivo del Masterplan del PIT ai sensi dell’art. 43 della l.r. n. 65/2014
L’accordo di pianificazione viene sottoscritto dai seguenti firmatari in qualità di legali
rappresentanti delle rispettive amministrazioni:

- Giancarlo Farnetani

Sindaco del Comune di Castiglione della Pescaia,

- Emilio Bonifazi

Presidente della Provincia di Grosseto,

- Anna Marson

Assessore regionale
territorio e paesaggio,

- Vincenzo Ceccarelli

Assessore regionale Infrastrutture per la Mobilità, logistica,
viabilità, trasporti

all’Urbanistica,

Pianificazione

del

PREMESSO

CHE ai sensi dell’art. 22 comma 2 della l.r. n.1/2005 in data 25 settembre 2013 è stata siglata
l’intesa preliminare tra i legali rappresentanti della Regione Toscana, della Provincia di Grosseto e
del Comune di Castiglione della Pescaia finalizzata all’accordo di pianificazione per consentire:
- al Comune di Castiglione della Pescaia di approvare la variante al piano strutturale per
l’ampliamento e la riqualificazione del porto di Punta Ala;
- alla Regione Toscana di procedere alla definizione della scheda di aggiornamento del quadro
conoscitivo del Masterplan del PIT;
CHE la suddetta intesa è stata ratificata dal:
-Consiglio regionale con delibera n. 99 in data 18 dicembre 2013;
-Consiglio comunale con delibera n. 108 in data 29 novembre 2013;
CHE la Provincia di Grosseto partecipa all’accordo di pianificazione per affermare il valore
strategico del contenuto della variante al PS per l’ampliamento e la riqualificazione del porto di
Punta Ala, anche se i contenuti non modificano il PTC e che, pertanto in data 30 settembre 2013, è
stata data notizia della suddetta intesa dal Presidente della Provincia al Consiglio Provinciale;

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

15

CHE ai sensi dell’art. 22 comma 3 della legge regionale n.1/2005 il Comune di Castiglione della
Pescaia con delibera consiliare n. 37 del 29 aprile 2014 ha provveduto ad adottare la variante al
piano strutturale;
CHE ai sensi dell’art. 22 comma 3 la variante al piano strutturale è stata depositata presso la sede
comunale, che il relativo avviso è stato pubblicato sul BURT n. 22 del 4.6.2014 e che, pertanto gli
interessati hanno potuto prendere visione dello strumento e presentare osservazioni entro il termine
stabilito ovvero entro il 3.8.2014;
CHE entro il termine indicato sono state presentate n. 3 osservazioni;
CHE il Comune ha esaminato le osservazioni ed ha elaborato la proposta di controdeduzioni;
CHE al fine di concludere l’iter amministrativo dell’accordo di pianificazione, il Comune di
Castiglione della Pescaia ha convocato ai sensi dell’art. 43 comma 1 l.r. n.65/2014 presso gli uffici
della Regione, la conferenza di servizi tra le strutture tecniche del Comune, della Provincia e della
Regione per il giorno 10 febbraio 2015;

RILEVATO

CHE sulla base di quanto risulta dal verbale del 10 febbraio 2015, ai fini della conferma dell’intesa
siglata il 25 settembre 2013, la conferenza fra le strutture tecniche ha esaminato la proposta di
controdeduzioni alle osservazioni presentata dal Comune e ha verificato la possibilità di concludere
l’accordo di pianificazione;
CHE a seguito delle determinazioni assunte sulle controdeduzioni comunali e di quanto emerso in
sede di conferenza di servizi, si è reso necessario modificare i seguenti atti del piano strutturale
adottato:
-Norme Tecniche di Attuazione del PS limitatamente all’art. 46;
CHE i documenti valutati nella conferenza del 10 febbraio 2015 sono allegati al verbale della
conferenza medesima, e che, restano confermati tutti gli altri elaborati allegati al verbale della
conferenza di servizi del 17 luglio 2013;
CHE per effetto delle modifiche apportate alle NTA non si è reso necessario integrare la scheda di
definizione del Masterplan – La rete dei porti toscani relativa al Porto di Punta Ala, redatta dal
“Settore programmazione porti commerciali interporti porti e approdi turistici”;
CHE la Regione Toscana, la Provincia di Grosseto e il Comune di Castiglione della Pescaia hanno
approvato lo schema del presente accordo di pianificazione rispettivamente con delibera di giunta
regionale n. 150 del 23 febbraio 2015, con atto del Presidente della Provincia n. 36 del 26 marzo
2015, con delibera di Giunta comunale n. 51 del 18 marzo 2015;

CONVENGONO

-di confermare l’intesa preliminare siglata in data 25 settembre 2013 e di esprimere consenso
unanime alla conclusione dell’accordo di pianificazione per consentire:

16

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

- al Comune di Castiglione della Pescaia di approvare la variante al piano strutturale per
l’ampliamento e la riqualificazione del porto di Punta Ala;
- alla Regione Toscana di procedere alla definizione della scheda di aggiornamento del quadro
conoscitivo del Masterplan del PIT;
-che la Provincia di Grosseto partecipi all’accordo di pianificazione per affermare il valore
strategico del contenuto della variante al PS per l’ampliamento e la riqualificazione del porto di
Punta Ala, anche se i contenuti non modificano il PTC.

Letto, approvato e sottoscritto

- Giancarlo Farnetani

Sindaco del Comune di Castiglione della Pescaia,

- Emilio Bonifazi

Presidente della Provincia di Grosseto,

- Anna Marson

Assessore regionale
territorio e paesaggio,

- Vincenzo Ceccarelli

Assessore regionale Infrastrutture per la Mobilità, logistica,
viabilità, trasporti.

all’Urbanistica,

Pianificazione

del

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

- Mozioni
MOZIONE 29 luglio 2015, n. 25
In merito al disastro ambientale che sta accadendo
nella laguna di Orbetello e alla conseguente necessità
di dichiarazione dello stato di calamità.
IL CONSIGLIO REGIONALE
Premesso che:
- il disastro naturale che sta avvenendo in questi
giorni nella laguna di Orbetello e, in particolare, nel
bacino di Levante dove, a causa dell’alta temperatura
raggiunta dalle acque (fino a 32°-34°), e nonostante i
tentativi continui di pompare acqua, con temperatura più
bassa dal mare, una grande quantità di vari tipi di pesce
(orate, mazzoni, spigole, cefali, anguille) sta morendo
per anossia;
- secondo quanto affermato nei comunicati ufficiali
nei giorni scorsi, sono state recuperate almeno 40
tonnellate di pesce morto, ed è complicato prevedere
un dato definitivo della moria in atto, senza contare le
conseguenze, poiché di difficile determinazione, della
morte degli avannotti, cioè dei piccoli pesci usciti dallo
stato larvale;
- un disastro così rilevante si può tradurre a oggi,
dal punto di vista economico, in una perdita di decine
di milioni di euro, riservandosi una stima più completa
nell’arco dei prossimi anni;
- oltre il patrimonio ambientale rappresentato dalla
laguna di Orbetello, la pesca lagunare rappresenta una
risorsa economica e occupazionale fondamentale per il
territorio, con la cooperativa dei pescatori che, oltre a
costituire un’attrattiva turistica per la zona, vede al suo
interno un centinaio di addetti.
Considerato che:
- negli ultimi vent’anni la questione del risanamento
ambientale della laguna di Orbetello, area appartenente
al demanio statale, era stata affidata alla responsabilità
di un commissario delegato, nominato dal Ministero
dell’ambiente e inquadrato sotto il dipartimento della
Protezione civile, il quale aveva il principale obiettivo
del risanamento della laguna, soprattutto attraverso la
riduzione della proliferazione delle masse algali;
- con l’affidamento, dal 1° gennaio 2015, al Comune
di Orbetello, come soggetto attuatore, dell’accordo
di programma stipulato con la Regione Toscana e la
Provincia di Grosseto, è iniziata l’applicazione del metodo
sperimentale di ossigenazione tramite sollevamento
dei sedimenti dal fondo della laguna di Ponente, che
sembra dare positivi risultati, sia dal punto di vista della
riduzione del banco di alghe principale da 44 mila a
19 mila tonnellate, sia in termini economici, anche se
purtroppo tale metodo non è stato ancora applicato al
bacino di Levante, dove sta avvenendo il disastro;

17

- l’attuale Sindaco di Orbetello ha annunciato di
avere diffidato il Ministero dell’economia e delle finanze
e l’Agenzia del demanio a intervenire con urgenza,
attraverso la convocazione di un tavolo di confronto per
valutare le possibili soluzioni immediate;
- in laguna operano oltre cento pescatori e che il solo
Comune di Orbetello, dal punto di vista balneare, ospita
circa un milione di presenze turistiche concentrate nel
periodo estivo;
IMPEGNA
LA GIUNTA REGIONALE
a presentare una relazione puntuale al Consiglio
regionale sulle condizioni della laguna e sulle cause
dell’evento;
a supportare il Comune di Orbetello, con ogni mezzo,
per il superamento dell’emergenza;
a dichiarare, con urgenza, lo stato di calamità
nell’area della laguna di Orbetello, alla luce dei fatti
sopra descritti;
a tutelare, in via prioritaria, la costa di Giannella e di
Feniglia, affinché non ne risentano le attività turistiche,
oggi nel pieno della stagione;
a valutare il danno economico occorso alle imprese
che operano all’interno della laguna e ad attivare tutte
le misure in grado di ricostituire l’habitat e lo stock
ittico, nonché tutti gli strumenti a garanzia della tenuta
occupazionale;
a bonificare le aree pubbliche di fronte all’ex Sitoco e
l’area di Patanella dove sarebbero ammassate tonnellate
di masse algali;
a predisporre per il futuro una precisa strategia di
tutela di un’area di così grande pregio ambientale e
valore economico per la comunità locale e per l’intera
regione, in particolare attraverso la costituzione di un
soggetto in grado di coinvolgere, in maniera continuativa
con risorse certe e sufficienti, il livello statale, regionale
e degli stessi enti locali.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul
Bollettino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi
dell’articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca
dati degli atti del Consiglio regionale ai sensi dell’articolo
18, comma 1, della medesima l.r. 23/2007
Il Presidente
Eugenio Giani
I Segretari
Giovanni Donzelli
Antonio Mazzeo

18

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE
- Decreti

- raccordo con Irpet.
2. di far decorrere gli effetti del presente provvedimento
dal 1° agosto 2015.

DECRETO 24 luglio 2015, n. 119
Articolo 4 L.R. 8 gennaio 2009, n. 1 - definizione
di ulteriori competenze della Direzione generale della
Giunta.

Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis della legge regionale
23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della
Giunta regionale ai sensi dell’articolo 18 della legge
regionale n. 23/2007.

IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Richiamati gli articoli 3, 4 e 4 ter della L.R. 8 gennaio
2009, n. 1 “Testo unico in materia di organizzazione e
ordinamento del personale” di disciplina della struttura
organizzativa della Giunta regionale e della relativa
articolazione;
Visto in particolare l’articolo 4 relativo alla Direzione
generale della Giunta, il quale prevede al comma 2 che
il Presidente della Giunta regionale possa definire con
proprio decreto, con riferimento a funzioni di particolare
rilievo istituzionale, competenze aggiuntive della
Direzione medesima rispetto a quelle direttamente dettate
dalla disposizione in esame;
Richiamato il proprio decreto n. 105 del 1° luglio
2015 con il quale vengono nominati il vicepresidente e gli
altri componenti della Giunta regionale con assegnazione
dei rispettivi incarichi e vengono individuate le funzioni
riservate alla diretta competenza del Presidente della
Giunta regionale;
Ritenuto di definire ulteriori competenze della
Direzione generale della Giunta con riferimento a materie
di particolare rilievo strategico;
Dato atto che, con riferimento alle competenze
aggiuntive della Direzione generale della Giunta definite
con il presente provvedimento, il Direttore generale
esercita, ai sensi dell’articolo 4 bis, comma 2, lettera m)
della L.R. 1/2009, i poteri ed i compiti del direttore di cui
all’articolo 7, commi 1 e 2, della medesima legge;
DECRETA
per le motivazioni espresse in narrativa:
1. di attribuire alla Direzione generale della Giunta,
ai sensi dell’articolo 4, comma 2, della L.R. 8 gennaio
2009, n. 1, le seguenti competenze:
- direzione delle autorità di gestione dei POR per la
programmazione ed attuazione dei fondi strutturali;
- politiche per l’attrazione degli investimenti;
- attività di informazione e di comunicazione
istituzionale;

Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 120
Conferimento incarico di Direttore generale della
Giunta regionale al Dr. Antonio Davide Barretta - art.
14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art.14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 1, il
quale prevede che la nomina del direttore generale della
Giunta regionale è disposta con decreto del Presidente
della Giunta regionale;
Vista e richiamata la propria nota del 19 giugno 2015),
con la quale si comunica che la ricognizione effettuata ai
sensi dell’art. 14, comma 3 della l.r. n. 1/2009, ha dato
esito negativo, in quanto nessuno dei dirigenti a tempo
indeterminato è risultato in possesso dei requisiti necessari
a ricoprire l’incarico in oggetto, e pertanto si chiede
al dirigente responsabile del settore “Organizzazione,
reclutamento, assistenza normativa” di procedere alla
predisposizione e pubblicazione di un avviso rivolto a
soggetti esterni alla Regione dotati dei requisiti previsti
dal comma 4 dell’art. 14 della l.r. n. 1/2009 nonché della
professionalità adeguata allo svolgimento delle funzioni
attribuite al direttore generale dall’art. 4 bis della legge
medesima;
Dato atto che a conclusione delle fasi procedimentali
di propria competenza il dirigente del settore
Organizzazione, reclutamento, assistenza normativa” ha
trasmesso al sottoscritto l’elenco e la documentazione,
con relativa istruttoria formale sui requisiti dichiarati
in domanda, di tutti i soggetti che hanno presentato
regolarmente la propria candidatura, che sono risultati
n.9, al fine di procedere alla individuazione del candidato
idoneo a ricoprire l’incarico di Direttore generale della
Giunta regionale;

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
Considerato che il Dr. Antonio Davide Barretta è
in possesso dei requisiti previsti dall’art. 14, comma 4,
della l.r. n. 1/2009 nonché della significativa esperienza
professionale acquisita dal medesimo, in particolare nel
ruolo di Direttore amministrativo dell’Università di Siena
e successivamente di Direttore generale della Presidenza
della Giunta regionale. In quest’ultimo ruolo ha già svolto
funzioni di garanzia della rispondenza complessiva
dell’attività della struttura organizzativa della Regione
e degli enti e organismi dipendenti agli obiettivi definiti
dalla Giunta regionale, del costante raccordo con gli
indirizzi impartiti dagli organi di direzione politica, della
coerenza generale dei profili organizzativi, finanziari
e giuridici dell’azione regionale; inoltre ha esercitato
compiti di direzione, vigilanza e controllo delle funzioni
svolte dai direttori generali della Giunta medesima
nell’ambito del Comitato di direzione da lui presieduto;
Di dare atto che ai soggetti esterni alla Regione
provenienti dal settore pubblico, l’incarico è conferito,
nel rispetto dei limiti di cui all’art. 14, comma 6, della
l.r. 1/2009, previo collocamento in aspettativa o fuori
ruolo, secondo l’ordinamento dell’amministrazione di
provenienza;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 170.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico
da corrispondere al Direttore Generale della Giunta
regionale;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore
Generale della Giunta regionale a decorrere dal giorno
1 agosto 2015;
Preso atto della dichiarazione resa dal Dr. Antonio
Davide Barretta ai sensi del D.Lgs. n. 39/2013 “Disposizioni
in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi
presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti
privati in controllo pubblico, a norma dell’articolo 1,
commi 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n. 190”,
con la quale l’interessato ha dichiarato l’insussistenza
delle cause di inconferibilità previste dalla medesima
norma, nonché della comunicazione degli interessi
finanziari resa ai sensi dell’art. 6, comma 1, e art. 13,
comma 3, del D.P.R. n. 62/2013 “Regolamento recante
codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a
norma dell’articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165” e della delibera Giunta regionale n.

19

34/2014 “Approvazione del Codice di comportamento
dei dipendenti della Regione Toscana”.

DECRETA
1) di nominare Direttore Generale della Giunta
regionale, per i motivi espressi in narrativa, il Dr. Antonio
Davide Barretta a far data dal giorno 1 agosto 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con il Dr. Antonio Davide Barretta, con
decorrenza dal giorno 1 agosto 2015, fermo restando
che per la durata dell’incarico trova applicazione quanto
disposto dall’art. 16, comma 1, della l.r. n. 1/2009,
nonché la normativa vigente in materia di collocamento
in quiescenza;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 14, comma 6, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto è subordinata
al collocamento in aspettativa del Dr. Antonio Davide
Barretta .
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo, da
corrispondere al Direttore Generale è pari a € 170.000,00
annui al netto degli oneri riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 121
Conferimento incarico di Avvocato generale
dell’Avvocatura regionale alla dirigente regionale
Lucia Bora - art. 14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista la legge regionale 2 dicembre 2005, n. 63
recante: “Disciplina della rappresentanza e difesa in

20

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

giudizio della Regione Toscana e degli enti dipendenti.
Attribuzioni dell’Avvocatura regionale” e richiamato in
particolare l’art. 3 bis - “Avvocato generale”;
Vista la delibera della Giunta regionale n. 706
del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Avv. Lucia Bora è in possesso dei
requisiti previsti dall’art. 3 bis della l.r. n. 63//2005 ed ha
dimostrato, nell’esercizio delle funzioni a lei assegnate,
di avere le competenze, nonché le caratteristiche
professionali necessarie per ricoprire l’incarico di cui
in oggetto, avendo tra l’altro già ricoperto l’incarico
di Avvocato generale nella precedente legislatura,
garantendo anche il raggiungimento degli obiettivi
generali e specifici a lei affidati;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico da
corrispondere all’Avvocato generale dell’Avvocatura
regionale;
Ritenuto di procedere alla nomina dell’Avvocato
generale dell’Avvocatura Regionale a decorrere dal
giorno 1 agosto 2015;
DECRETA

1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa, il
dirigente regionale a tempo indeterminato Lucia Bora
quale Avvocato generale dell’Avvocatura regionale a far
data dal 1 agosto 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con l’Avv. Lucia Bora, con decorrenza dal
giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la durata
dell’incarico trova applicazione quanto disposto dall’art.
16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere Avvocato generale dell’Avvocatura
regionale è pari a € 130.000,00 al netto degli oneri
riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 122
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Affari legislativi, Giuridici e Istituzionali” alla
dirigente regionale Patrizia Magazzini - art. 14, l.r. n.
1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale
a tempo indeterminato, Dr.ssa Patrizia Magazzini è
in possesso dei requisiti previsti dall’art.14 della l.r.
n.1/2009 ed ha dimostrato, nell’esercizio delle funzioni
fino ad oggi a lei assegnate anche come responsabile
dell’Area di coordinamento Attività legislative,
Giuridiche ed Istituzionali, di avere le competenze,
nonché le caratteristiche professionali necessarie per
ricoprire l’incarico di cui in oggetto garantendo anche il
raggiungimento degli obiettivi generali e specifici a lei
affidati;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico
da corrispondere al Direttore della Direzione “Affari
Legislativi, Giuridici e Istituzionali”;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Affari Legislativi,
Giuridici e Istituzionali” a decorrere dal giorno 1 agosto
2015;
DECRETA
1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa, il
dirigente regionale a tempo indeterminato Dr.ssa Patrizia
Magazzini quale Direttore della Direzione “Affari
Legislativi, Giuridici e Istituzionali” a far data dal 1
agosto 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con il Dr.ssa Patrizia Magazzini, con
decorrenza dal giorno 1 agosto 2015, fermo restando

21

che per la durata dell’incarico trova applicazione quanto
disposto dall’art. 16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere al Direttore della Direzione “Affari
Legislativi, Giuridici e Istituzionali” è pari a € 130.000,00
al netto degli oneri riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 123
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Programmazione e bilancio” al dirigente regionale
Paolo Giacomelli - art. 14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Dr. Paolo Giacomelli è in possesso
dei requisiti previsti dall’art. 14 della l.r. n. 1/2009 ed

22

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

ha dimostrato, nell’esercizio delle funzioni fino ad oggi
a lui assegnate, anche come responsabile dell’Area di
coordinamento Risorse finanziarie, di avere le competenze,
nonché le caratteristiche professionali necessarie per
ricoprire l’incarico di cui in oggetto garantendo anche il
raggiungimento degli obiettivi generali e specifici a lui
affidati;

e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 124
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n.1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per
i dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto
di lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico
da corrispondere al Direttore della Direzione
“Programmazione e Bilancio”;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Programmazione e
Bilancio” a decorrere dal giorno 1 agosto 2015;

Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Politiche Mobilità, Infrastrutture e trasporto
pubblico locale” al dirigente regionale Enrico
Becattini - art. 14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;

DECRETA
1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa,
il dirigente regionale a tempo indeterminato Dr.
Paolo Giacomelli quale Direttore della Direzione
“Programmazione e Bilancio” a far data dal 1 agosto
2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con il Dr. Paolo Giacomelli, con decorrenza
dal giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la
durata dell’incarico trova applicazione quanto disposto
dall’art. 16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere al Direttore della Direzione
“Programmazione e Bilancio” è pari a € 130.000,00 al
netto degli oneri riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007

Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Ing. Enrico Becattini è in possesso
dei requisiti previsti dall’art. 14 della l.r. n. 1/2009 ed ha
dimostrato, nell’esercizio delle funzioni a lui assegnate,
di avere le competenze, nonché le caratteristiche
professionali necessarie per ricoprire l’incarico di cui
in oggetto, avendo tra l’altro già ricoperto l’incarico
di Direttore Generale nella precedente legislatura,
garantendo anche il raggiungimento degli obiettivi
generali e specifici a lui affidati;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico
da corrispondere al Direttore della Direzione “Politiche
Mobilità, Infrastrutture e trasporto pubblico locale”;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Politiche Mobilità,
Infrastrutture e trasporto pubblico locale” a decorrere dal
giorno 1 agosto 2015;
DECRETA
1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa, il
dirigente regionale a tempo indeterminato Ing. Enrico
Becattini quale Direttore della Direzione “Politiche
Mobilità, Infrastrutture e trasporto pubblico locale” a far
data dal 1 agosto 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con l’Ing. Enrico Becattini, con decorrenza
dal giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la
durata dell’incarico trova applicazione quanto disposto
dall’art. 16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere al Direttore della Direzione “Politiche
Mobilità, Infrastrutture e trasporto pubblico locale” è
pari a € 130.000,00 al netto degli oneri riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

23

dirigente regionale Monica Piovi - art. 14, l.r. n.
1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Dr.ssa Monica Piovi è in possesso
dei requisiti previsti dall’art. 14 della l.r. n. 1/2009, e che la
stessa ha ricoperto l’incarico di Direttore Amministrativo
dell’Ente per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area
Vasta (ESTAV) centro;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico
da corrispondere al Direttore della Direzione “Diritti di
Cittadinanza e Coesione sociale”;

DECRETO 24 luglio 2015, n. 125
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Diritti di cittadinanza e Coesione sociale” alla

Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Diritti di Cittadinanza e
Coesione sociale” a decorrere dal giorno 1 agosto 2015;

24

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
DECRETA

1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa,
il dirigente regionale a tempo indeterminato Dr.ssa
Monica Piovi quale Direttore della Direzione “Diritti di
Cittadinanza e Coesione sociale” a far data dal 1 agosto
2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con la Dr.ssa Monica Piovi, con decorrenza
dal giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la
durata dell’incarico trova applicazione quanto disposto
dall’art. 16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere al Direttore della Direzione “Diritti di
Cittadinanza e Coesione sociale” è pari a € 130.000,00 al
netto degli oneri riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 126
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Urbanistica e Politiche Abitative” al dirigente
regionale Aldo Ianniello - art. 14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE

Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Dr. Aldo Ianniello è in possesso
dei requisiti previsti dall’art.14 della l.r. n.1/2009 ed ha
dimostrato, nell’esercizio delle funzioni a lui assegnate,
di avere le competenze, nonché le caratteristiche
professionali necessarie per ricoprire l’incarico di cui
in oggetto garantendo anche il raggiungimento degli
obiettivi generali e specifici a lui affidati;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico da
corrispondere al Direttore della Direzione “Urbanistica e
Politiche Abitative”;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Urbanistica e Politiche
Abitative” a decorrere dal giorno 1 agosto 2015;
DECRETA

Visto l’art.14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;

1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa,
il dirigente regionale a tempo indeterminato Dr. Aldo
Ianniello quale Direttore della Direzione “Urbanistica e
Politiche Abitative” a far data dal 1 agosto 2015;

Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n.706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;

2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con il Dr. Aldo Ianniello, con decorrenza dal
giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la durata
dell’incarico trova applicazione quanto disposto dall’art.
16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

25

3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;

professionali necessarie per ricoprire l’incarico di cui
in oggetto garantendo anche il raggiungimento degli
obiettivi generali e specifici a lui affidati;

4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo, da
corrispondere al Direttore della Direzione “Urbanistica e
Politiche Abitative” è pari a € 130.000,00 al netto degli
oneri riflessi.

Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;

Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 127
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Istruzione e Formazione” al dirigente regionale
Paolo Baldi - art. 14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2 il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Dr. Paolo Baldi è in possesso dei
requisiti previsti dall’art. 14 della l.r. n. 1/2009 ed ha
dimostrato, nell’esercizio delle funzioni fino ad oggi
a lui assegnate anche come responsabile dell’Area di
coordinamento Formazione, Orientamento e Lavoro,
di avere le competenze, nonché le caratteristiche

Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico da
corrispondere al Direttore della Direzione “Istruzione e
Formazione”;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore
della Direzione della Giunta regionale “Istruzione e
Formazione” a decorrere dal giorno 1 agosto 2015;
DECRETA
1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa, il
dirigente regionale a tempo indeterminato Dr. Paolo
Baldi quale Direttore della Direzione “Istruzione e
Formazione” a far data dal 1 agosto 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con il Dr. Paolo Baldi, con decorrenza dal
giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la durata
dell’incarico trova applicazione quanto disposto dall’art.
16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere al Direttore della Direzione “Istruzione
e Formazione” è pari a € 130.000,00 al netto degli oneri
riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

26

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

DECRETO 24 luglio 2015, n. 128
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Affidamento servizi TPL su gomma lotto unico
regionale” al dirigente regionale Saverio Montella art. 14, l.r. n. 1/2009.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;

dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 120.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico da
corrispondere al Direttore della Direzione “Affidamento
Servizi TPL su gomma lotto unico regionale” ;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Affidamento Servizi
TPL su gomma lotto unico regionale” a decorrere dal
giorno 1 agosto 2015 con durata fino al completamento
della gara e comunque entro e non oltre il 30 novembre
2015;
DECRETA

Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
successivamente integrata con nota Prot. n.
AOOGRT/157129/A.030.110 del 10 luglio 2015 con cui
vengono individuati, previo esame dei curricula, i dirigenti
regionali a tempo indeterminato a cui affidare, sulla base
dell’esperienza posseduta, l’incarico di Direttore, nonché
le Direzioni da mettere a bando all’esterno in quanto
nessun dirigente a tempo indeterminato della Regione
è risultato in possesso della professionalità necessaria a
ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale a
tempo indeterminato, Ing. Saverio Montella è in possesso
dei requisiti previsti dall’art.14 della l.r. n.1/2009 ed ha
dimostrato, nell’esercizio delle funzioni fino ad oggi
a lui assegnate anche come responsabile dell’Area di
coordinamento “ Trasporto pubblico locale” di avere
le competenze, nonché le caratteristiche professionali
necessarie per ricoprire l’incarico di cui in oggetto
garantendo anche il raggiungimento degli obiettivi
generali e specifici a lui affidati;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n.1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per
i dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto
di lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della

1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa, il
dirigente regionale a tempo indeterminato Ing. Saverio
Montella quale Direttore della Direzione “Affidamento
Servizi TPL su gomma lotto unico regionale” a far data
dal 1 agosto 2015 con durata fino al completamento della
gara e comunque entro e non oltre il 30 novembre 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa,
alla stipula del contratto di lavoro con l’Ing. Saverio
Montella;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo, da
corrispondere al Direttore della Direzione “Affidamento
Servizi TPL su gomma lotto unico regionale” è pari a €
120.000,00 al netto degli oneri riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 129
Conferimento incarico di Direttore della Direzione
“Attività produttive” al dirigente regionale Dr. Albino
Caporale - art. 14 l.r. n. 1/2009
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
Visto l’art. 14 della legge regionale 8 gennaio 2009, n.
1 “Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento
del personale” e richiamato in particolare il comma 2, il
quale prevede che la nomina dei direttori è disposta con
decreto del Presidente della Giunta regionale;
Vista e richiamata la delibera della Giunta regionale
n. 706 del 1 luglio 2015 recante: “Strutture di vertice
dell’amministrazione ai sensi della l.r. n. 1/2009 –
Istituzione delle direzioni, definizione delle relative
competenze e determinazione del trattamento economico
del Direttore generale e dei Direttori”;
Vista e richiamata la propria nota Prot. n.
AOOGRT/151549/A.030.110, del 3 luglio 2015,
con la quale vengono individuati, previo esame dei
curricula, i dirigenti regionali a tempo indeterminato
a cui affidare, sulla base dell’esperienza posseduta,
l’incarico di Direttore, nonché le Direzioni da mettere
a bando all’esterno in quanto nessun dirigente a tempo
indeterminato della Regione è risultato in possesso della
professionalità necessaria a ricoprire tali incarichi;
Considerato pertanto che il dirigente regionale
a tempo indeterminato, Dr. Albino Caporale è in
possesso dei requisiti previsti dall’art. 14 della l.r. n.
1/2009 ed ha dimostrato, nell’esercizio delle funzioni
fino ad oggi a lui assegnate anche come responsabile
dell’Area di coordinamento Industria, Artigianato,
Innovazione tecnologica, di avere le competenze,
nonché le caratteristiche professionali necessarie per
ricoprire l’incarico di cui in oggetto garantendo anche il
raggiungimento degli obiettivi generali e specifici a lui
affidati;
Dato atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della l.r.
n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro per i
dirigenti regionali comporta la novazione del rapporto di
lavoro in atto;
Visti e richiamati:
- l’art. 15 della l.r. n. 1/2009, che al comma 2 prevede
che il trattamento economico del direttore generale e
dei direttori “è determinato dalla Giunta regionale con
riferimento ai parametri relativi alle figure apicali della
dirigenza pubblica ed ai valori medi di mercato per figure
dirigenziali equivalenti”;
- la delibera di G.R. n. 706/2015 sopra citata, con
cui viene determinato in € 130.000,00 onnicomprensivi
al netto degli oneri riflessi, il trattamento economico
da corrispondere al Direttore della Direzione “Attività
Produttive”;
Ritenuto di procedere alla nomina del Direttore della
Direzione della Giunta regionale “Attività Produttive” a
decorrere dal giorno 1 agosto 2015;

27

DECRETA
1) di nominare, per i motivi espressi in narrativa, il
dirigente regionale a tempo indeterminato Dr. Albino
Caporale quale Direttore della Direzione “Attività
Produttive” a far data dal 1 agosto 2015;
2) di procedere, per i motivi esposti in narrativa, alla
stipula del contratto di lavoro di durata pari all’intera
legislatura con il Dr. Albino Caporale, con decorrenza dal
giorno 1 agosto 2015, fermo restando che per la durata
dell’incarico trova applicazione quanto disposto dall’art.
16, comma 1, della l.r. n. 1/2009;
3) di dare atto che, ai sensi dell’art. 15, comma 3, della
l.r. n. 1/2009, la sottoscrizione del contratto di lavoro
comporta la novazione del rapporto di lavoro in atto;
4) di dare atto, altresì, per i motivi espressi in narrativa,
che il trattamento economico annuo, onnicomprensivo,
da corrispondere al Direttore della Direzione “Attività
Produttive” è pari a € 130.000,00 al netto degli oneri
riflessi.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT
ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis, della l.r. n. 23/2007
e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18 della l.r. n. 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

DECRETO 24 luglio 2015, n. 130
L.R. 53/2001 - Rideterminazione dei termini
dell’incarico di Commissario Ad Acta relativo
all’intervento di messa in sicurezza idraulica del
centro abitato di Aulla e dell’abitato di Bagni in
Comune di Podenzana alla confluenza tra il Torrente
Aulella e il Fiume Magra.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Vista la legge regionale 31 ottobre 2001 n. 53
(disciplina dei commissari nominati dalla Regione);
Visto il regolamento di attuazione della l.r. 53/2001
emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale
n. 49/R del 5 agosto 2009;
Visto il D.P.G.R. n. 170 del 30 ottobre 2014 con il quale
è stato nominato Commissario ad acta per l’approvazione
del progetto esecutivo delle opere relative all’intervento
di messa in sicurezza idraulica del centro abitato di

28

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Aulla e dell’abitato di Bagni in Comune di Podenzana
alla confluenza tra il Torrente Aulella e il Fiume Magra,
e per l’affidamento dei lavori medesimi, l’Ing. Antonio
Cinelli;

Visto l’articolo 6 comma 2 lett. b) della L.R. 53/2001
in base al quale l’organo che ha provveduto alla nomina
del commissario ha facoltà di rideterminare il contenuto
e la durata del mandato commissariale;

Visto il D.P.G.R. n. 216 del 30 dicembre 2014 con
il quale si è integrato il D.P.G.R. n. 170 per gli aspetti
concernenti la nomina di consulenti e collaboratori del
Commissario ad acta;

Ritenuto, per tutto quanto richiamato e per garantire
l’indispensabile continuità nell’azione già avviata, in
considerazione dell’attività ininterrottamente esercitata
sino ad oggi dal Commissario, di rideterminare il
contenuto e la durata del mandato commissariale già
attribuito all’Ing. Antonio Cinelli prevedendo che lo
stesso:
- continui a svolgere le funzioni già attribuitegli con i
D.P.G.R. 170/2014 e D.P.G.R. 216/2014;
- provveda altresì, all’approvazione del progetto
definitivo e alle conseguenti, necessarie modifiche da
apportare al Progetto esecutivo;

Preso atto che il suddetto Decreto n. 170 stabiliva
come termine finale per l’espletamento delle attività
previste dall’incarico, la data del 30 giugno 2015;
Considerato altresì che il citato decreto disponeva
che il commissario trasmettesse alla Direzione Generale
Regionale Politiche ambientali, Energia e Cambiamenti
climatici, con cadenza trimestrale, una relazione
sull’attività svolta, sulle relative attività necessarie al
completamento dell’incarico e sulle eventuali cause
ostative che ne impediscono la conclusione, indicando
altresì lo stato cui è pervenuto il procedimento
amministrativo relativo alla realizzazione degli interventi
e delle opere da realizzare;
Viste le note Prot. AOOGRT 35985/P.080.010 del
12.02.2015 e Prot. AOOGRT 107647/P.080 del 6.05.2015
con la quale il Commissario ha trasmesso le relazioni
sopra richiamate;
Vista altresì la nota Prot. AOOGRT 156811/P.080.010
del 10.07.2015 con la quale i Commissario ha trasmesso
la relazione finale ai sensi dell’art. 8 comma 10 della L.R.
53/2001;
Preso atto che le relazioni sopra richiamate riportano
nel dettaglio le attività svolte dal Commissario ad acta
ed evidenziano, nello specifico, le difficoltà connesse al
completamento delle stesse nel rispetto del termine del
30 giugno 2015 fissato dal D.P.G.R. 170/2014;
Considerato che, come evidenziato nelle note di cui
ai punti precedenti, il progetto messo a disposizione del
Commissario da parte della Provincia non presenta i
requisiti necessari per poter essere considerato progetto
esecutivo ai sensi della normativa vigente in materia e che,
pertanto, è necessario procedere all’approvazione anche
del progetto definitivo nonché all’adeguamento della
progettazione esecutiva conseguente all’approvazione
del Progetto definitivo;
Ritenuto necessario portare a compimento il lavoro
fin qui svolto dal commissario ad acta e dal suo staff, al
fine di pervenire al completamento delle attività previste
dal mandato conferitogli con i decreti sopra richiamati;

Ritenuto altresì di stabilire il nuovo termine del 31
luglio 2016 per la conclusione delle attività di competenza
del Commissario;
Dato atto che la rideterminazione del contenuto
dell’incarico
commissariale
comporta
una
rideterminazione dell’indennità già riconosciuta ai sensi
del D.P.G.R. 170/2014;
Ritenuto, pertanto, di riconoscere al Commissario,
quale compenso per le ulteriori funzioni affidate,
un’indennità totale forfettaria per l’intero proseguo del
mandato, pari a 15.000,00 euro lordi;
Preso atto che, ai sensi dell’art. 7, comma 5, della
L.R. 53/2001 e dell’art. 7, comma 2 del D.P.G.R. 49/R
del 2009, alla spesa farà fronte la Provincia di MassaCarrara con le seguenti modalità di erogazione:
- 50% alla data del 31 dicembre 2015 euro
10.000,00;
- 50% alla data del 31 luglio 2016 euro 5.000,00;
Considerato che al Commissario spetta altresì il
rimborso delle spese sostenute, a norma dell’art. 10,
comma 2, della l.r. 53/2001 nella misura stabilita dall’art.
7, comma 12 del D.P.G.R. 49/R del 2009, e che anche
dette spese sono a carico della Provincia di MassaCarrara;
Dato atto che per quanto non espressamente previsto
nel presente atto trovano applicazione le disposizioni di
cui ai D.P.G.R. 170/2014 e 216/2014;
Richiamate le disposizioni dell’articolo 6 della L.R.
53/2001, secondo cui è facoltà della Regione Toscana
procedere alla formulazione di atti aggiuntivi;
DECRETA

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

29

1. di rideterminare, per le motivazioni espresse
in narrativa, il contenuto e la durata del mandato
commissariale già attribuito all’Ing. Antonio Cinelli
prevedendo che lo stesso:
a) continui a svolgere le funzioni e le competenze già
attribuitegli con D.P.G.R. 170 del 30.10.2014 e D.P.G.R.
216 del 30.12.2014;
b) eserciti altresì le funzioni relative all’approvazione
del progetto definitivo e alle conseguenti, necessarie
modifiche da apportare al Progetto esecutivo; da
concludersi entro il 31.07.2016;

DECRETO 29 luglio 2015, n. 133

2. di stabilire che la rideterminazione del
contenuto dell’incarico commissariale comporta una
rideterminazione dell’indennità già riconosciuta ai sensi
del D.P.G.R. 170/2014;

Visto il regolamento di attuazione della L.R. 53/2001
emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale
n. 49/R del 5 agosto 2009 “Regolamento di attuazione
della legge regionale 31 Ottobre 2001 n 53 (Disciplina
dei Commissari nominati dalla Regione);

3. di riconoscere al Commissario, quale compenso
per le ulteriori funzioni affidate, un’indennità totale
forfettaria, pari a 15.000,00 euro lordi da erogarsi ai sensi
dell’art. 7 comma 5 della l.r. 53/2001 e dell’art. 7 comma
2 del regolamento n. 49/R del 2009 con le seguenti
modalità:
a) 50% alla data del 31 dicembre 2015 euro
10.000,00;
b) 50% alla data del 31 luglio 2016 euro 5.000,00;
4. di confermare le restanti disposizioni dei decreti
del Presidente della Giunta regionale del 30.10.2014, n.
170 e 30.12.2014 n. 216;
5. di riservarsi di procedere alla formulazione di
eventuali atti aggiuntivi, ai sensi dell’articolo 6 della L.R.
53/2001;
6. di dare atto che per quanto non disciplinato nel
presente decreto e nei D.P.G.R. 170 del 2014 e 216 del
2014, si applicano le disposizioni di cui alla l.r.53/2001 e
al regolamento n.49/R del 2009 di attuazione delle legge
medesima;
Il presente atto è partecipato al Presidente del
Consiglio Regionale ed è trasmesso tramite posta
elettronica certificata all’Ing. Cinelli ed alla Provincia di
Massa-Carrara.
Il presente atto è pubblicato integralmente sul
Bollettino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi
dell’articolo 5 della legge regionale n. 23/2007 e sulla
banca dati degli atti amministrativi della Giunta regionale
ai sensi dell’art. 18 della medesima legge regionale.
Il Presidente
Enrico Rossi

Variante SR 429 “Empoli-Castelfiorentino” Integrazioni al precedente DPGRT n. 146 del 26
settembre 2014.
IL PRESIDENTE
DELLA GIUNTA REGIONALE
Vista la legge regionale 31 ottobre 2001, n. 53
“Disciplina dei Commissari nominati dalla Regione”;

Vista la L.R. 40/2009 “Norme sul procedimento
amministrativo, per la semplificazione e la trasparenza
dell’attività amministrativa” e successive modifiche e
integrazioni;
Visto l’Accordo di Programma “Accordo di
Programma per la realizzazione della variante SRT 429
Val d’Elsa tratto Empoli-Castelfiorentino”, sottoscritto
in data 11 aprile 2005 da Regione Toscana, Provincia di
Firenze, Provincia di Pisa, Comune di Castelfiorentino,
Comune di Empoli, Comune di Gambassi Terme e
Comune di San Miniato, approvato con decreto del
Presidente della Giunta regionale n. 95 del 13 giugno
2005;
Visto l’art. 5 dell’Accordo che istituisce il Collegio
di Vigilanza sull’attuazione degli adempimenti delle
obbligazioni assunte dai soggetti firmatari l’Accordo di
Programma;
Considerato che in fase di realizzazione
dell’intervento di variante alla SRT 429 “Val d’Elsa”
tratto Empoli – Castelfiorentino si sono manifestate
alcune problematiche, di natura tecnica-giuridica che
hanno, nei fatti, ostacolato il processo di realizzazione
dell’opera, determinando l’allungamento dei tempi di
realizzazione previsti nell’Accordo;
Visto il Decreto del Presidente della Giunta Regionale
n° 146 del 26 Settembre 2014, con il quale, ai sensi
della L.R. 53/2001, è stato nominato Commissario
Regionale per le attività connesse alla realizzazione della
variante alla S.R.T. 429 “Val d’ Elsa” l’Ing. Alessandro
Annunziati, dipendente regionale, funzionario di
categoria D, assegnato alla direzione generale Politiche
della Mobilità, Infrastrutture e Trasporto Pubblico Locale
della Giunta Regionale;

30

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Preso atto che il suddetto DPGR ha incaricato il
Commissario Regionale di progettare, approvare e
realizzare tutte le opere necessarie al completamento
della variante alla SRT 429, lotti 4, 5 e 6, tratto EmpoliCastelfiorentino;
Vista la nota della Città Metropolitana di Firenze del
8/06/2015, nella quale è indicato che la realizzazione
dell’opera d’arte “Ponte sul Rio Stella”, per
l’attraversamento del Rio Stella, non è espressamente
indicata nel suddetto atto di nomina del Commissario, che
l’opera risulta funzionale al completamento e messa in
esercizio della SRT 429, in quanto costituisce viabilità di
raccordo con la SGC FI-PI-LI, ed è richiesto di conoscere
se l’appalto dei lavori del progetto “Ponte Rio Stella” sia
da ricomprendersi nelle attività del Commissario;
Preso atto che la realizzazione dell’opera “Ponte
sul Rio Stella” era stata successivamente inserita
dalla Provincia di Firenze, ora Città Metropolitana,
nell’ambito dei lavori di completamento dello svincolo
Empoli Santa Maria (Empoli Ovest) e suo collegamento
con la S.S. 67 “Tosco-Romagnola” sulla S.G.C. FI-PI-LI
e che, con Atto Dirigenziale n. 3077 del 27/07/2012, la
Provincia di Firenze ha disposto di stralciare dai suddetti
lavori l’opera “Ponte sul Rio Stella” e di affidarne la
realizzazione a ICS Grandi Lavori Spa, nell’ambito delle
opere della variante alla SRT 429, lotti 4, 5 e 6, tratto
Empoli-Castelfiorentino, in quanto l’opera è funzionale
al collegamento tra la variante alla SRT 429 e la SGC
FI-PI-LI;
Preso atto che l’opera “Ponte sul Rio Stella” è di fatto
indispensabile al completamento funzionale della variante
alla SRT 429, lotti 4, 5 e 6, tratto Empoli-Castelfiorentino
ed al suo collegamento con la SGC FI-PI-LI;

DECRETA
1. di aggiornare e rideterminare l’incarico del
Commissario Regionale per le attività connesse alla
realizzazione delle opere necessarie al completamento
della variante alla SRT 429, lotti 4, 5 e 6, tratto EmpoliCastelfiorentino, ai sensi dell’articolo 2 comma 1, lettera
a), della L.R. 53/2001, Ing. Alessandro Annunziati,
stabilendo che il Commissario Regionale dovrà procedere
alla progettazione, approvazione, realizzazione e collaudo
dell’opera “Ponte sul Rio Stella”, necessaria e funzionale
al completamento della variante alla SRT 429, lotti 4, 5 e
6, tratto Empoli-Castelfiorentino ed al suo collegamento
con la SGC FI-PI-LI, e quanto altro necessario per il
completamento e la fruibilità dell’opera.
2. di dare atto che non risulta necessario integrare
l’indennità forfettaria per l’attività commissariale già
prevista dal DPGR n. 146 del 26 Settembre 2014;
3. di dare atto che quanto altro stabilito dal DPGR
146/2014 non subisca variazioni in conseguenza
dell’aggiornamento dell’incarico commissariale.
Il presente atto è pubblicato sul BURT ai sensi dell’art.
4, 5 e 5 bis della L.R. 23/2007 e sulla Banca dati degli atti
amministrativi della Giunta regionale ai sensi dell’art. 18
della l.r 23/2007.
Il Presidente
Enrico Rossi

GIUNTA REGIONALE
- Deliberazioni
DELIBERAZIONE 21 luglio 2015, n. 737

Dato atto che nella seduta del 23/07/2015, il Collegio
di Vigilanza, per quanto sopra detto, ha valutato che
l’appalto dei lavori del progetto “Ponte Rio Stella” sia da
ricomprendersi nelle attività del Commissario, posto che
l’opera è indispensabile al completamento funzionale
della variante alla SRT 429, lotti 4,5 e 6, tratto Empoli
- Castelfiorentino ed al suo collegamento con la SGC FIPI-LI;

Approvazione dell’aggiornamento della programmazione dell’attività contrattuale di forniture
e di servizi per l’anno 2015 delle strutture della
Giunta Regionale e del piano 2015 delle iniziative di
acquisto aggregato di forniture e servizi del soggetto
aggregatore regionale.
LA GIUNTA REGIONALE

Ritenuto quindi di attribuire al Commissario Regionale
anche la progettazione, approvazione e realizzazione
dell’opera “Ponte sul Rio Stella”;
Ritenuto che non sia necessario integrare l’indennità
forfettaria per l’attività commissariale già prevista dal
DPGR n. 146 del 26 Settembre 2014 e che quanto altro
stabilito dal DPGR 146/2014 non subisca variazioni in
conseguenza dell’integrazione dell’opera suddetta;

Visto l’art. 51, comma 1, della L.R. 13/07/2007 n. 38
sulla programmazione di forniture e servizi della Regione
Toscana, il quale dispone che la Giunta Regionale adotti
entro il 31 dicembre dell’anno precedente il programma
annuale dei contratti, relativo all’acquisizione di forniture
e servizi che le strutture operative della Giunta Regionale
prevedono di effettuare, con esclusione delle spese in
economia di importo inferiore ad euro 20.000,00;

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
Visto il Regolamento emanato con Decreto del
Presidente della Giunta regionale 27 maggio 2008,
n. 30/R, che prevede all’articolo 18, comma 3, che il
programma annuale dei contratti di cui all’articolo 51
della L.R. 38/2007 è aggiornato entro il 31 luglio;
Visto il D.L. n. 66/2014 convertito nella legge n.
89/2014 che ha introdotto l’obbligo per ogni Regione di
individuare entro il 31.12.2014 un Soggetto Aggregatore
con la funzione di effettuare la centralizzazione degli
acquisti per specifiche categorie;
vista la delibera della Giunta regionale n. 1232 del
22.12.2014 che, ai sensi del D.L. n. 66/2014 convertito
nella legge n. 89/2014, designa la Regione Toscana quale
Soggetto Aggregatore regionale prevedendo che lo stesso
opera attraverso le strutture competenti della Giunta
regionale e avvalendosi di ESTAR;
Vista la delibera della Giunta regionale n. 63 del
26.1.2015 che approva il disciplinare per l’organizzazione
e funzionamento del Soggetto Aggregatore regionale
nonché lo schema di convenzione per l’avvalimento
di ESTAR e individua il Settore Contratti, attualmente
competente in materia di attività contrattuale, quale
struttura incaricata di presiedere allo svolgimento delle
attività e funzioni del Soggetto Aggregatore regionale
in collaborazione con la struttura designata da ESTAR
e con la struttura designata dalla Direzione regionale
competente in materia di diritto alla salute;
Visto l’articolo 42 bis della L.R. 13/07/2007 n. 38
rubricato Soggetto Aggregatore regionale che al comma
2 prevede che la Regione, per le procedure di gara
relative alle forniture di energia elettrica, gas naturale
e combustibili e per gli interventi di efficientamento
energetico, può avvalersi della centrale di committenza
CET Società Consortile Energia Toscana;
Vista la delibera della Giunta regionale n. 718 del 14
luglio 2015 che modifica il disciplinare per l’organizzazione
e funzionamento del Soggetto Aggregatore regionale e
che approva lo schema di convenzione per l’avvalimento
di CET Società Consortile Energia Toscana;
Richiamato l’art. 2 del disciplinare per l’organizzazione
e il funzionamento del Soggetto Aggregatore regionale
che stabilisce che il dirigente della struttura della Giunta
competente in materia di attività contrattuale, il dirigente
designato dal Direttore di ESTAR, il referente di CET
Società Consortile Energia Toscana e il dirigente della
struttura designata dalla Direzione Generale regionale
in materia di sanità provvedono a proporre alla Giunta
regionale il piano delle iniziative di acquisto aggregato;
Richiamato l’articolo 4 del disciplinare per
l’organizzazione e funzionamento del Soggetto

31

Aggregatore regionale che prevede che il piano di
acquisto aggregato è elaborato tenendo conto delle
tipologie di beni e servizi già previste nelle delibere di
Giunta regionale n. 965 e n. 981 del 2.11.2009 e delle
categorie individuate in attuazione del D.L. n. 66/2014
convertito nella legge n. 89/2014;
Considerato che le suddette delibere 965 e 981
individuano rispettivamente le categorie di forniture e
servizi di interesse comune che possono essere oggetto di
contratto aperto, ai sensi dell’art. 53 della L.R. n. 38/07, e
le categorie di forniture e servizi di interesse generale che
possono essere oggetto di un appalto di interesse generale
ai sensi dell’art. 42 della L.R. 38/2007 e del Regolamento
regionale 7 agosto 2008 n. 45/R;
Rilevato che il suddetto articolo 4 del disciplinare
stabilisce che il piano di acquisto aggregato del Soggetto
Aggregatore regionale costituisce apposita sezione del
Programma Annuale dei Contratti di cui all’art. 51 della
L.R. 38/07;
Vista la delibera della Giunta regionale n. 1228
del 22/12/2014 che approva il programma annuale dei
contratti relativo all’acquisizione di forniture e di servizi
per l’anno 2015;
Considerato che l’art. 51 della L.R. 38/07 e
l’.art. 18 del D.P.G.R. 30/R del 2008, stabiliscono
che il programma e l’aggiornamento dell’attività
contrattuale contengono l’elenco delle forniture e dei
servizi, compreso l’elenco degli acquisti verdi e dei
beni realizzati con materiali riciclati, di cui si prevede
l’acquisizione nell’esercizio di riferimento, raggruppati
per settori omogenei, internamente suddiviso a seconda
che gli appalti da affidare rientrino o meno nelle soglie di
applicazione delle normative europee, con l’indicazione
dell’importo presunto e delle risorse finanziarie, dei
tempi previsti per l’avvio della procedura e delle strutture
competenti, del responsabile unico del procedimento e
con l’evidenziazione in apposite sezioni degli appalti di
interesse generale e dei contratti aperti di cui agli articoli
42 e 53 della L.R. 38/2007;
Considerato, sulla base di quanto in precedenza
evidenziato, che gli appalti di interesse generale e i
contratti aperti di cui rispettivamente agli articoli 42 e 53
della L.R. 38/07 entrano a far parte dell’apposita sezione
del Programma annuale dedicata al Soggetto Aggregatore
regionale;
Dato atto che l’approvazione dell’aggiornamento al
programma annuale dei contratti di forniture e servizi non
ha effetti autorizzatori di spesa, ma ha viceversa valenza
meramente programmatoria;

32

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Provveduto con lettera del Settore Contratti AOOGRT Prot. 124320 del 26 maggio 2015 a richiedere ai
Dirigenti delle Direzioni Generali e dell’Avvocatura
della Giunta Regionale la segnalazione degli appalti di
forniture e servizi per i quali è previsto l’affidamento
nel periodo luglio 2015 – dicembre 2015, da inviare
mediante procedura informatica al Settore stesso, entro il
16 giugno 2015, nonché a richiedere, al fine di avere una
programmazione dell’attività contrattuale in linea con il
soddisfacimento dei bisogni dell’Amministrazione, la
comunicazione di tutte le situazioni idonee a produrre
delle modificazioni che incidono sull’attività contrattuale
programmata con la citata delibera della Giunta regionale
n. 1228 del 22/12/2014;

delle strutture della Giunta, mediante inserimento
nell’apposita procedura informatica, hanno provveduto
ad apportare nel corso del 2015 ed entro il 22 giugno
2015, variazioni/modifiche relative a numero 29
contratti compresi nel Programma 2015, concernenti
essenzialmente l’oggetto, l’importo presunto del contratto,
la procedura di scelta e i tempi previsti per l’avvio della
procedimento contrattuale, nonché a indicare, sempre in
relazione a contratti compresi nel Programma 2015, che
l’affidamento di numero 4 contratti è rinviato all’anno
2016 e che è venuta meno la necessità di affidamento per
numero 6 contratti, tutto quanto esposto risultante nella
Sezione I del citato documento allegato al presente atto
sotto la lettera “A”;

Viste le segnalazioni dei dirigenti delle strutture della
Giunta pervenute nel numero di 45 relative ai contratti
di forniture e servizi che si prevede di affidare nel
periodo luglio 2015 – dicembre 2015, non inserite nella
programmazione dell’attività contrattuale anno 2015 di
cui alla su citata delibera della Giunta regionale n. 1228
del 22/12/2014, così come definite nella Sezione I del
documento allegato al presente atto sotto la lettera “A”,
che forma parte integrante e sostanziale della presente
deliberazione;

Preso atto altresì che l’art. 51, comma 3, della L.R.
13/07/2007 n. 38 prevede la trasmissione del programma
al Consiglio Regionale e la sua pubblicazione sul profilo
del committente;

Dato atto che le segnalazioni dei dirigenti delle
strutture della Giunta inerenti gli appalti di interesse
generale e i contratti aperti di cui rispettivamente agli
articoli 42 e 53 della L.R. 38/07 che si prevede di affidare
nel periodo luglio 2015 – dicembre 2015 e risultanti nel
numero di 5, entrano a far parte dell’apposita sezione del
Programma annuale dedicata al Soggetto Aggregatore
regionale, così come definite nella Sezione II del suddetto
documento allegato al presente atto sotto la lettera “A” ;
Dato atto inoltre che le iniziative d’acquisto per cui
Regione Toscana opera avvalendosi di ESTAR e di CET
Società Consortile Energia Toscana risultanti nel n. di 16
e relative ai contratti di forniture e servizi che si prevede
di affidare nel periodo luglio 2015 – dicembre 2015,
entrano a far parte dell’apposita sezione del Programma
annuale dedicata al Soggetto Aggregatore regionale,
così come definite nella Sezione II del citato documento
allegato al presente atto sotto la lettera “A”;
Ricordato che la Giunta Regionale, con la suddetta
delibera n. 1228 autorizzava i dirigenti delle strutture
della Giunta ad apportare al programma annuale dei
contratti 2015 le variazioni non significative dell’oggetto
e dell’importo presunto del contratto nonché le variazioni
dei tempi previsti per l’avvio della procedura contrattuale
che si potevano verificare nel corso dell’anno di
programmazione;
Visto che, anche a seguito delle indicazioni contenute
nella lettera sopracitata del Settore Contratti, i dirigenti

Visto il parere del Presidente del Comitato Tecnico di
Direzione allegato agli atti della seduta del 16/07/2015
A voti unanimi
DELIBERA
- di approvare, ai sensi dell’articolo 18, comma 3
del Regolamento emanato con Decreto del Presidente
della Giunta regionale 27 maggio 2008, n. 30/R,
l’aggiornamento al programma annuale 2015 dei contratti
di forniture e di servizi di cui al documento allegato al
presente atto sotto la lettera “A”, suddiviso nella Sezione
I denominata “Aggiornamento al Programma 2015 dei
contratti delle strutture della Giunta” e nella Sezione
II denominata “Piano 2015 delle iniziative di acquisto
aggregato di forniture e servizi del Soggetto Aggregatore
regionale”, documento che forma parte integrante e
sostanziale della presente deliberazione;
- di autorizzare i dirigenti delle strutture della Giunta
ad apportare al programma annuale dei contratti 2015 le
variazioni non significative dell’oggetto e dell’importo
presunto del contratto nonché le variazioni dei tempi
previsti per l’avvio della procedura contrattuale, ivi
compresi i rinvii delle procedure contrattuali all’anno
successivo, e l’eliminazione dal programma stesso di quei
contratti per i quali gli uffici competenti, causa necessità
venuta meno, non ne prevedono più la stipula;
- di incaricare la struttura organizzativa competente in
materia di contratti, di pubblicare sulla intranet regionale,
un elenco aggiornato dei contratti programmati nel 2015,
compreso le modifiche e variazioni che i dirigenti delle
strutture della Giunta hanno apportato fino al 16/06/2015,
nonché di incaricare l’Ufficio di Segreteria della Giunta

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
Regionale di trasmettere la presente Deliberazione al
Consiglio Regionale, ai sensi dell’art. 51, comma 3, della
L.R. 13/07/2007 n. 38;
- di autorizzare, ai sensi dell’art. 51, comma 3, della
L.R. 13/07/2007 n. 38, la pubblicazione sul profilo del
committente.
Il presente atto è pubblicato integralmente, compreso
l’elenco allegato sotto la lettera “A”, sul BURT ai sensi

33

dell’art. 5, comma 1, lettera f), della L.R. n. 23/2007 e
sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta
regionale ai sensi dell’art. 18, comma 2, della medesima
L.R. n. 23/2007.
Segreteria della Giunta
Il Direttore Generale
Antonio Davide Barretta
SEGUE ALLEGATO

Struttura

Oggetto contratto

15.000,00 Luglio

33.000,00 Giugno

39.344,27 Settembre

39.500,00 Agosto

2072015

1642015

2092015

2062015

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

ORGANIZZ PATRIMONIO E Acquisto buoni pasto per la
AZIONE
LOGISTICA
sede di Roma della Giunta
Regionale. Validità 2 anni dal
gennaio 2016.
ORGANIZZ PATRIMONIO E Fornitura e posa in opera di
AZIONE
LOGISTICA
porte interne per uffici presso
Palazzo Cerretani in
p.zaUnita', 1 Firenze
POLITICHE GENIO CIVILE Fornitura di strumentazione a
tecnologia Doppler per
AMBIENTA DI BACINO
l'esecuzione di misure di
TOSCANA
LI,
portata in piena con battente
ENERGIA NORD E
idrico superiore ai 6 mt. di
SERVIZIO
E
profondità
CAMBIAME IDROLOGICO
REGIONALE
NTI
CLIMATICI
POLITICHE GENIO CIVILE Fornitura di prodotti hardware
e software di tipo server per
AMBIENTA DI BACINO
l'aggiornamento e
TOSCANA
LI,
adeguamento del centro dati
ENERGIA NORD E
del Servizio Idrologico
SERVIZIO
E
Regionale - Centro Funzionale
CAMBIAME IDROLOGICO
Regionale.
REGIONALE
NTI
CLIMATICI

Direzione
Generale

Tempo
Num
Importo
ero
previsto
presunto al netto
avvio
contr
IVA
atto
procedura

Allegato A: Programmazione attività contrattuale 2015 - Aggiornamento NUOVI CONTRATTI
Contratti sotto soglia comunitaria
Forniture

48.190,00

48.000,00

40.260,00

15.600,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

0,00

0,00

0,00 DI CARLO
ENZO

0,00 DI CARLO
ENZO

0,00 FRANCHIN
SARA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 SARTINI
STEFANO

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

34
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

BIBLIOTECHE,
ARCHIVI E
ISTITUZIONI
CULTURALI

Struttura

70.000,00 Ottobre

140.000,00 Ottobre

160.000,00 Settembre

184Affidamento della fornitura
2015
dell'accesso al Sistema
Documentale online de Il Sole
24 ore riservato alle strutture
appartenenti alla rete COBIRE
per gli anni 2016 e 2017

Progetto europeo SICOMAR - 1722015
Acquisto e installazione di
un'antenna RADAR HF
portatile

40.000,00 Ottobre

Fornitura di uno schetler
183attrezzato per modulo lavaggio 2015
stoviglie

185Fornitura di abbonamenti a
periodici editi da case editrici 2015
italiane e straniere su supporto
cartaceo e on line per la
Giunta Regionale per l'anno
2016.

Oggetto contratto

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

SISTEMA
REGIONALE DI
PROTEZIONE
CIVILE
COMPETIT BIBLIOTECHE,
IVITA' DEL ARCHIVI E
SISTEMA ISTITUZIONI
REGIONAL CULTURALI
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
POLITICHE PROTEZIONE E
AMBIENTA VALORIZZAZIO
NE FASCIA
LI,
ENERGIA COSTIERA E
DELL'AMBIENTE
E
CAMBIAME MARINO
NTI
CLIMATICI

COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
PRESIDEN
ZA

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

0,00

170.800,00

0,00

48.800,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

195.200,00

0,00

85.400,00

0,00 RUBERTI
GILDA

0,00 SILLA
CHIARETT
A

0,00 MELARA
ANTONIN
O MARIO

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 SILLA
CHIARETT
A

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
35

Struttura

GENIO CIVILE
DI BACINO
ARNO TOSCANA
CENTRO

GENIO CIVILE
DI BACINO
ARNO TOSCANA
CENTRO

1.248,00 Giugno

3.000,00 Non
prevedibile

3.000,00 Non
prevedibile

1992015

SEDE DI PISA-SERVIZIO
200LEGALE DI STIPULA ROGITI 2015
NOTARILI PER ESPROPRI
ORIGINATI DA PERIZIE 958 1014

Affidamento servizio di
domiciliazione per ricorso per
accertamento A.T.P. ex art.
696 cpc al Trap di Torino RG
806/15 (Doganella Graniti srl +
2/Regione Toscana + 10) ns.rif. 13913
SEDE DI PISA-SERVIZIO
LEGALE DI STIPULA ROGITI
NOTARILI PER ESPROPRI
ORIGINATI DA PERIZIE 925992 SVINCOLO INDENNITA
DEPOSITATA AL MEF

1682015

Oggetto contratto

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI
POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI

AVVOCAT AVVOCATURA
URA

Direzione
Generale

Tempo
Num
Importo
ero
previsto
presunto al netto
avvio
contr
IVA
atto
procedura

Allegato A: Programmazione attività contrattuale 2015 - Aggiornamento NUOVI CONTRATTI
Contratti sotto soglia comunitaria
Servizi

3.660,00

3.660,00

1.522,56

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

0,00

0,00 PITTALUG
A
FRANCES
CA
ROMANA

0,00 PITTALUG
A
FRANCES
CA
ROMANA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 BORA
LUCIA

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

36
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

PROTEZIONE E
VALORIZZAZIO
NE FASCIA
COSTIERA E
DELL'AMBIENTE
MARINO

RIFIUTI E
BONIFICHE DEI
SITI INQUINATI

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI
POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI

valutazione rischio bellico
residuo (VRBR) cassa di
espansine dei Renai (FI)

Servizio legale di stipula n. 7
rogiti notarili per cessione
volontarie inerenti I lavori per
la realizzazione interventi per
ripristino strada comunale di
Teglia- Castagnetoli e della
viabilità comunale per Serola INT. R2-14 O.P.C.M.
n.3974/2011
Progetto europeo
MEDSANDCOAST-Servizio di:
“studio e analisi giuridica per le
attività di pianificazione
spaziale marino-costiera
afferenti il progetto europeo
MedSandCoast del
Programma ENPI CBC MED,
Cross-Border Cooperation in
the Mediterranean”
Collaudo dei lavori di bonifica
della falda contaminata in loc.
Poggio Gagliardo nel comune
di Montescudaio, fase II
impianto SVE

Oggetto contratto

20.583,60 Settembre

1812015

25.000,00 Ottobre

16.000,00 Giugno

1712015

1972015

15.960,00 Settembre

1732015

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

DIFESA DEL
SUOLO

GENIO CIVILE
DI BACINO
TOSCANA
NORD E
SERVIZIO
IDROLOGICO
REGIONALE

Struttura

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

30.500,00

22.641,96

0,00

17.500,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

0,00

19.520,00

0,00 GABELLINI
FRANCES
CO

0,00 BIAMONTE
ANTONIO

0,00 RUBERTI
GILDA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 ROSSI
CLAUDIO

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
37

Oggetto contratto

Affidamento relativo al servizio 179di sperimentazione dei risultati 2015
derivanti dall'attività di analisi
condotta nell'ambito dei lavori
verdi e finalizzata ad
identificare i percorsi di
qualificazione delle
competenze nell'ambito del
Progetto Egrejob (finanziato
con il programma EMPI CBC
Med).

LAVORO
39.000,00 Marzo

38.000,00 Agosto

Attività di implementazione di 1962015
una piattaforma per
simulazioni idrauliche ad
evento e supporto alla
gestione del modello idrologico
Mobidic in uso presso il CFR

GENIO CIVILE
DI BACINO
TOSCANA
NORD E
SERVIZIO
IDROLOGICO
REGIONALE

27.828,90 Novembre

30.000,00 Giugno

1892015

PROGRAMMAZI progetto di comunicazione per 169ONE
la valorizzazione della costa
2015
toscana e dei borghi limitrofi

FORMAZIONE E Affidamento del servizio di
ORIENTAMENT Direttore dell'esecuzione ai
O
sensi del DPR 207-2010
relativamente alla procedura
per il Servizio di gestione del
Sistema regionale di Web
Learning.

Struttura

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI
COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE

COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
PRESIDEN
ZA

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

0,00

46.360,00

36.600,00

5.171,10

Importo
risorse
finanziarie
regionali

47.580,00

0,00

0,00

0,00 GIOVANI
FRANCES
CA

0,00 COMPAGN
INO
ALESSAN
DRO
0,00 DI CARLO
ENZO

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
27.828,90
0,00 GRONDON
I
GABRIELE

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

38
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

39.750,00 Giugno

39.900,00 Giugno

39.900,00 Giugno

39.900,00 Giugno

1702015

Manutenzione evolutiva di
204applicativi relativi alla
2015
semplificazione amministrativa

2052015

Progetto REDLE e sua
evoluzione

Manutenzione rete WiFI e
208concentratori VPN con servizio 2015
di supporto tecnico

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

Servizio per la fornitura di
analisi di laboratorio, trappole
per la cattura di insetti e
sopralluoghi per supporto
scientifico da realizzarsi
successivamente alle attivita'
di monitoraggio istituzionale
del servizio fitosanitario

PRODUZIONI
AGRICOLE
VEGETALI

39.500,00 Settembre

203Servizio di installazione e
manutenzione preventiva di
2015
software e hardware server e
assistenza informatica alle
attività del Servizio Idrologico
Regionale - Centro Funzionale
Regionale.

Oggetto contratto

GENIO CIVILE
DI BACINO
TOSCANA
NORD E
SERVIZIO
IDROLOGICO
REGIONALE

Struttura

-SISTEMI
INFORMATIVI E
TECNOLOGIE
DELLA
CONOSCENZA
ORGANIZZ -SISTEMI
AZIONE
INFORMATIVI E
TECNOLOGIE
DELLA
CONOSCENZA
ORGANIZZ -SERVIZI
AZIONE
INFRASTRUTTU
RALI,
TECNOLOGIE
INNOVATIVE E
FONIA

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI
COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
ORGANIZZ
AZIONE

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

48.678,00

48.678,00

48.678,00

48.495,00

48.190,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00 MARCOTU
LLI
ANGELO

0,00 BORSELLI
LEONARD
O

0,00 BORSELLI
LEONARD
O

0,00 RUSSU
RICCARD
O

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 DI CARLO
ENZO

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
39

60.000,00 Luglio

1862015

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

Servizi di adeguamento al
211nuovo programma operativo
2015
21014/2020 del sistema
informatico bilingue di
gestione, monitoraggio,
rendicontazione e controllo del
Programma di cooperazione
transfrontaliera Italia-Francia
marittimo COMPLEMENTARE SIL-FSE
60.000,00 Giugno

47.580,00 Agosto

Servizi di restauro e
182condizionamento mappe e
2015
fotografie fondi storici regionali

SERVIZI
GENERALI E
SEMPLIFICAZIO
NE DEI
PROCESSI
POLITICHE
MOBILITA',
INFRASTRUTTU
RE E
TRASPORTO
PUBBLICO
LOCALE

Manutenzione del Sistema
Informativo della Mobilità a
supporto dei servizi di
infomobilità e
dell Osservatorio Regionale
Mobilità e Trasporti

39.950,00 Luglio

Studio di fattibilità ambientale 195riguradante la realizzazione di 2015
lavori di adeguamento e
ristruturazione della diga di
Levane e delle opere
collaterali

Oggetto contratto

DIFESA DEL
SUOLO

Struttura

POLITICHE
MOBILITA',
INFRASTR
UTTURE E
TRASPOR
TO
PUBBLICO
LOCALE
ORGANIZZ -SISTEMI
AZIONE
INFORMATIVI E
TECNOLOGIE
DELLA
CONOSCENZA

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI
ORGANIZZ
AZIONE

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

0,00

73.200,00

61.000,00

48.739,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

73.200,00

0,00

0,00

0,00 BORSELLI
LEONARD
O

0,00 BUFFONI
RICCARD
O

0,00 PESCINI
ILARIA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 MASSINI
GIOVANNI

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

40
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

65.000,00 Ottobre

99.390,00 Giugno

100.000,00 Giugno

195.000,00 Novembre

Verifiche geotecniche Cassa di 198espansione dei Renai (FI)
2015

1942015

1762015

1802015

Oggetto contratto

ATTIVITA'
supporto alla valutazione e
INTERNAZIONA selezione delle operazioni
LI
presentate in occasione del I
avviso finanziato a valere sul
Programma di Cooperazione
Transfrontaliera Italia-Francia
Marittimo 2014-2020
PROGRAMMAZI Appalto di servizi per indagini
geognostiche, strutturali e
ONE PORTI
COMMERCIALI, relative analisi e prove di
INTERPORTI E laboratorioa supporto della
progettazione definitiva del
PORTI E
raccordo ferroviario tra porto di
APPRODI
Livorno ed Interporto di
TURISTICI
Guasticce.
Servizio di convalida delle
GESTIONE
PROGRAMMA spese dell'assistenza tecnica
POR FSE 2014-2020
OPERATIVO
POR FSE.

DIFESA DEL
SUOLO

Struttura

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

POLITICHE
MOBILITA',
INFRASTR
UTTURE E
TRASPOR
TO
PUBBLICO
LOCALE
COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE

POLITICHE
AMBIENTA
LI,
ENERGIA
E
CAMBIAME
NTI
CLIMATICI
PRESIDEN
ZA

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

0,00

122.000,00

0,00

79.300,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00 POGGIALI
ADRIANO

118.950,00 118.950,00 CALISTRI
ELENA

0,00

110.275,80

0,00 TOZZI
MARIA
DINA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
0,00
0,00 GABELLINI
FRANCES
CO

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
41

Oggetto contratto

200.000,00 Settembre

2022015

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

206.348,00 Maggio

200.000,00 Novembre

197.910,00 Luglio

2012015

Interventi formativi sul Piano di 166indirizzo territoriale (PIT) a
2015
valenza di Piano Paesaggistico

Sviluppo attivita' ispettiva di
trasporto pubblico locale su
gomma e manutenzione
ordinaria ed evolutiva TPL
ferro
Sistema Faunistico Venatorio manutenzione evolutiva e
ordinaria

INDUSTRIA,
Organizzazione Incontro
188ARTIGIANATO, Annuale Commissione/Regioni 2015
INNOVAZIONE
TECNOLOGICA

Struttura

-SISTEMI
INFORMATIVI E
TECNOLOGIE
DELLA
CONOSCENZA
ORGANIZZ -SISTEMI
AZIONE
INFORMATIVI E
TECNOLOGIE
DELLA
CONOSCENZA
ORGANIZZ FORMAZIONE,
AZIONE
COMPETENZE,
SISTEMI DI
VALUTAZIONE

COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
ORGANIZZ
AZIONE

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

40.000,00

244.000,00

244.000,00

36.234,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

176.163,50

0,00

0,00

0,00 VOLTERR
ANI
SIMONA

0,00 BORSELLI
LEONARD
O

0,00 BORSELLI
LEONARD
O

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
205.326,00
0,00 CAPORAL
E ALBINO

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

42
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

250.000,00 Ottobre

262.295,00 Dicembre

873.493,00 Luglio

187SERVIZIO DI CONVALIDA
2015
SPESE SOSTENUTE
NELL'AMBITO
DELL'ASSISTENZA TECNICA
DEL POR FESR 2014/2020

191Affidamento di servizi di
supporto e assistenza tecnica 2015
per i controlli di II livello ai
sensi dell'art. 127 del
Regolamento (UE) n.
1303/2013 per il programma di
cooperazione transfrontaliera
Italia Francia Marittimo
finanziato dal FESR per il
periodo 2014-2020

SERVIZIO DI GESTIONE
177DEGLI INTERVENTI
2015
REGIONALI ATTUATI
MEDIANTE CONCESSIONE
DI GARANZIE A FRONTE DI
OPERAZIONI FINANZIARIE FONDO DI GARANZIA PER IL
MICROCREDITO PER I
LAVORATORI E LE
LAVORATRICI IN
DIFFICOLTA

AUDIT

POLITICHE
ORIZZONTALI
DI SOSTEGNO
ALLE IMPRESE

Oggetto contratto

INDUSTRIA,
ARTIGIANATO,
INNOVAZIONE
TECNOLOGICA

Struttura

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE

COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
PRESIDEN
ZA

Direzione
Generale

Tempo
Num
Importo
ero
previsto
presunto al netto
avvio
contr
IVA
atto
procedura

Allegato A: Programmazione attività contrattuale 2015 - Aggiornamento NUOVI CONTRATTI
Contratti sopra soglia comunitaria
Servizi

889.542,25

0,00

45.750,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

320.000,00

0,00 BALDI
SIMONETT
A

0,00 PISANI
ELVIRA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
259.250,00
0,00 CAPORAL
E ALBINO

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
43

1752015

1.400.000,00 Giugno

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

Evoluzione, sviluppo e
174manutenzione del Sistema
2015
Informativo della Mobilità a
supporto dell'Osservatorio
Regionale Mobilità e Trasporti,
della gestione dei contratti di
servizio TPL e dei servizi di
infomobilità

Sviluppo e manutenzione del
datawarehouse e dei sistemi
informativi direzionali.

1.350.000,00 Settembre

987.740,00 Ottobre

FORMAZIONE,
COMPETENZE,
SISTEMI DI
VALUTAZIONE

178Obiettivo ICO FSE 2014 2020 - Azioni di qualificazione 2015
ed empowerment delle
istituzioni, degli operatori e
degli stakeholders Investimento nella Capacità
Istituzionale

900.000,00 Novembre

Oggetto contratto

FORMAZIONE E Servizio di assistenza tecnica 1902015
ORIENTAMENT per la gestione ed il
O
monitoraggio del sistema
regionale degli standard
professionali e per il
riconoscimento e certificazioni
delle competenze

Struttura

ORGANIZZ SISTEMA
AZIONE
INFORMATIVO
DI SUPPORTO
ALLE
DECISIONI.
UFFICIO
REGIONALE DI
STATISTICA
POLITICHE POLITICHE
MOBILITA', MOBILITA',
INFRASTR INFRASTRUTTU
UTTURE E RE E
TRASPOR TRASPORTO
PUBBLICO
TO
PUBBLICO LOCALE
LOCALE

COMPETIT
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
ORGANIZZ
AZIONE

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

1.708.000,00

1.647.000,00

0,00

172.056,60

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

0,00

1.024.705,50

0,00 BUFFONI
RICCARD
O

0,00 LIPPI
DANILO

0,00 VOLTERR
ANI
SIMONA

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
925.943,40
0,00 GRONDON
I
GABRIELE

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

44
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Struttura

2.935.765,00 Agosto

15.000.000,00 Ottobre

210Servizi di orientamento e
2015
formazione destinati ai
lavoratori con rapporti di lavoro
provvisori e saltuari e
lavoratori coinvolti in situazioni
di crisi

Operazioni di lavoro aereo con 167elicotteri di supporto al sistema 2015
regionale di lotta attiva agli
incendi boschivi e di
protezione civile

Oggetto contratto

Gli importi inerenti le risorse finanziarie (regionali, Stato/UE ed altro) sono comprensivi di IVA.

COMPETIT LAVORO
IVITA' DEL
SISTEMA
REGIONAL
EE
SVILUPPO
DELLE
COMPETE
NZE
PRESIDEN SISTEMA
ZA
REGIONALE DI
PROTEZIONE
CIVILE

Direzione
Generale

Num
Tempo
Importo
ero
previsto
presunto al netto
contr
avvio
IVA
atto
procedura

18.300.000,00

538.384,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

0,00

0,00 MELARA
ANTONIN
O MARIO

Responsa
Importo
bile unico
risorse
del
finanziarie
procedime
altro
nto
2.897.381,00
0,00 GIOVANI
FRANCES
CA
Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

acquist
oggetto
i verdi
acquisto
rif.
Normati verde
vo

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
45

60.000,00 Maggio

1012015

SI

80.000,00 Non
SI
prevedibile

1012015

NO

NO

Tipo
procedura

40.000,00 Art. 328
D.P.R.
207/2010 Acquisizione
sul mercato
eletronico
20.000,00 Art. 328
D.P.R.
207/2010 Acquisizione
sul mercato
eletronico

0,00 Art. 55 D.Lgs. Procedura
163/06 - Art. aperta
91 comma 1
D.Lgs. 163/06

0,00 Art. 55 D.Lgs. Procedura
163/06 - Art. aperta
91 comma 1
D.Lgs. 163/06

Normativa

0,00

0,00

73.200,00

0,00

0,00

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

97.600,00

7.320.000,00

7.320.000,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

Respons
abile
unico
del
procedi
mento

0,00 DI CERA
ROSA

0,00 DI CERA
ROSA

0,00 MASSINI
GIOVAN
NI

0,00 MASSINI
GIOVAN
NI

Importo
risorse
finanziarie
altro

Le righe in bianco riportano i dati così come previsti nella programmazione annuale 2015. Le righe evidenziate riportano le informazioni relative ai contratti così
come modificati e comunicati dagli uffici.

ORGANIZZAZ PATRIM Fornitura di carta
ONIO E in risme
IONE
LOGISTI ambientalmente
CA
sostenibile per
fotocopiatrici e
stampanti
ORGANIZZAZ PATRIM Fornitura di carta
IONE
ONIO E in risme
LOGISTI ambientalmente
sostenibile per
CA
fotocopiatrici e
stampanti

6.000.000,00 Novembre

18Fornitura,
manutenzione e 2015
montaggio di un
sistema di difesa
idraulica mobile

DIFESA
POLITICHE
AMBIENTALI, DEL
ENERGIA E SUOLO
CAMBIAMEN
TI CLIMATICI

Importo
presunto al
netto IVA

6.000.000,00 Gennaio

Oggetto
contratto

18Fornitura,
manutenzione e 2015
montaggio di un
sistema di difesa
idraulica mobile

Struttura

DIFESA
POLITICHE
AMBIENTALI, DEL
ENERGIA E SUOLO
CAMBIAMEN
TI CLIMATICI

Direzione
Generale

Num
ero
contr
atto

aq
uis Importo
Tempo
to contrattual
previsto
be e presunto
avvio
ni dei beni
procedura
rici riciclati
cla
ti

Allegato A: Programmazione attività contrattuale 2015 - Aggiornamento
Elenco contratti di servizi e di forniture nel Programma Annuale 2015 con le modifiche comunicate dagli uffici
Forniture

46
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Struttura

62015

62015

Il sole 24 ore
sanità Toscana

Il sole 24 ore
sanità Toscana

Oggetto
contratto

236.065,00 Settembre

160.000,00 Febbraio

Importo
presunto al
netto IVA

NO

NO

Tipo
procedura

0,00 Art. 57 D.Lgs. Procedura
negoziata
163/06
senza
pubblicazio
ne di bando
di gara

0,00 Art. 57 D.Lgs. Procedura
163/06
negoziata
senza
pubblicazio
ne di bando
di gara

Normativa

0,00

288.000,00

0,00

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

200.000,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

Respons
abile
unico
del
procedi
mento

0,00 CIAMPI
PAOLO

0,00 CRESSA
TI
SUSANN
A

Importo
risorse
finanziarie
altro

Le righe in bianco riportano i dati così come previsti nella programmazione annuale 2015. Le righe evidenziate riportano le informazioni relative ai contratti così
come modificati e comunicati dagli uffici.

PRESIDENZA AGENZI
A PER
LE
ATTIVIT
A' DI
INFORM
AZIONE
DEGLI
ORGANI
DI
GOVER
NO
DELLA
REGION
E
PRESIDENZA AGENZI
A PER
LE
ATTIVIT
A' DI
INFORM
AZIONE
DEGLI
ORGANI
DI
GOVER
NO
DELLA
REGION
E

Direzione
Generale

Num
ero
contr
atto

Fla
g
Tempo
Importo
aq
previsto
contrattual
uis
avvio
e presunto
to
procedura
dei beni
be
ni

Allegato A: Programmazione attività contrattuale 2015 - Aggiornamento
Elenco contratti di servizi e di forniture nel Programma Annuale 2015 con le modifiche comunicate dagli uffici
Servizi

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
47

12Gestione e
2015
ricerca di
informazioni
tecniche mirate a
fornire agli
operatori agricoli
un supporto
tecnico per
omologarsi al
dettato del PAN
di cui al
D.Lgs.150/2012

SERVIZI
O
FITOSA
NITARIO
REGION
ALE E DI
VIGILAN
ZA E
CONTR
OLLO
AGROF
ORESTA
LE

COMPETITIVI
TA' DEL
SISTEMA
REGIONALE
E SVILUPPO
DELLE
COMPETENZ
E

158.600,00 Marzo

205.000,00 Marzo

Importo
presunto al
netto IVA

NO

NO

Tipo
procedura

0,00 Art. 57 D.Lgs. Procedura
163/06
negoziata
senza
pubblicazio
ne di bando
di gara

0,00 Art. 57 D.Lgs. Procedura
163/06
negoziata
senza
pubblicazio
ne di bando
di gara

Normativa

0,00

250.100,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

193.492,00

0,00

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

Respons
abile
unico
del
procedi
mento

0,00 RUSSU
RICCAR
DO

0,00 RUSSU
RICCAR
DO

Importo
risorse
finanziarie
altro

Le righe in bianco riportano i dati così come previsti nella programmazione annuale 2015. Le righe evidenziate riportano le informazioni relative ai contratti così
come modificati e comunicati dagli uffici.

12Gestione e
2015
ricerca di
informazioni
tecniche mirate a
fornire agli
operatori agricoli
un supporto
tecnico per
omologarsi al
dettato del PAN
di cui al
D.Lgs.150/2012

Oggetto
contratto

SERVIZI
O
FITOSA
NITARIO
REGION
ALE E DI
VIGILAN
ZA E
CONTR
OLLO
AGROF
ORESTA
LE

Struttura

COMPETITIVI
TA' DEL
SISTEMA
REGIONALE
E SVILUPPO
DELLE
COMPETENZ
E

Direzione
Generale

Num
ero
contr
atto

Fla
g
Importo
Tempo
aq
previsto
contrattual
uis
avvio
e presunto
to
procedura
dei beni
be
ni

48
5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31

Monitoraggio
delle principali
avversità da
quarantena ai
sensi del D.Lgs
214/2005

SERVIZI
O
FITOSA
NITARIO
REGION
ALE E DI
VIGILAN
ZA E
CONTR
OLLO
AGROF
ORESTA
LE

COMPETITIVI
TA' DEL
SISTEMA
REGIONALE
E SVILUPPO
DELLE
COMPETENZ
E

132015

132015

112.306,00 Marzo

205.000,00 Marzo

Importo
presunto al
netto IVA

NO

NO

Tipo
procedura

0,00 Art. 57 D.Lgs. Procedura
163/06
negoziata
senza
pubblicazio
ne di bando
di gara

0,00 Art. 57 D.Lgs. Procedura
163/06
negoziata
senza
pubblicazio
ne di bando
di gara

Normativa

250.100,00

137.013,32

0,00

Importo
risorse
finanziarie
Stato/UE

0,00

Importo
risorse
finanziarie
regionali

Respons
abile
unico
del
procedi
mento

0,00 RUSSU
RICCAR
DO

0,00 RUSSU
RICCAR
DO

Importo
risorse
finanziarie
altro

Le righe in bianco riportano i dati così come previsti nella programmazione annuale 2015. Le righe evidenziate riportano le informazioni relative ai contratti così
come modificati e comunicati dagli uffici.

Monitoraggio
delle principali
avversità da
quarantena ai
sensi del D.Lgs
214/2005

Oggetto
contratto

SERVIZI
O
FITOSA
NITARIO
REGION
ALE E DI
VIGILAN
ZA E
CONTR
OLLO
AGROF
ORESTA
LE

Struttura

COMPETITIVI
TA' DEL
SISTEMA
REGIONALE
E SVILUPPO
DELLE
COMPETENZ
E

Direzione
Generale

Num
ero
contr
atto

Fla
g
Importo
Tempo
aq
previsto
contrattual
uis
avvio
e presunto
to
procedura
dei beni
be
ni

5.8.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 31
49


Documenti correlati


Documento PDF parte ii n 31 del 05 08 2015
Documento PDF circolare n 31 e del 15 luglio 2016
Documento PDF promozione al grado superiore dei marescialli 1 classe compresi nell aliquota di avanzamento riferita al 31 dicembre 2010
Documento PDF osservazioni
Documento PDF parte ii n 32 del 12 08 2015
Documento PDF 217


Parole chiave correlate