File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



raccolta firme via Ticino DEF2 2.pdf


Anteprima del file PDF raccolta-firme-via-ticino-def2-2.pdf

Pagina 1 2

Anteprima testo


Richiesta di revoca della delibera del Consiglio Comunale di Padova
n.0037/2015 che prevede la costruzione di una grande struttura
commerciale in Via Ticino, zona Ansa di Borgomagno (Arcella) e di
un’assemblea pubblica in merito alla riqualificazione della stessa zona.
Siamo venuti a conoscenza dell’approvazione da parte del Consiglio Comunale di
Padova della delibera n.0037 del 30/04/2015 che modifica il piano del commercio
prevedendo il trasferimento di una grande struttura commerciale in Via Ticino, zona
Borgomagno (Arcella) in un’area di proprietà comunale.
Tale provvedimento è stato giustificato dalla giunta con la necessità di eliminare il
degrado e riqualificare l'area, tuttavia noi pensiamo che la realizzazione di una grande
area commerciale sarà causa di ulteriore degrado. Diversi esempi in città lo dimostrano
(area Centro Giotto, Area La Corte etc...) ed aumentano la nostra preoccupazione.
Da tempo attendiamo una vera e globale riqualificazione dell'area Ansa di
Borgomagno che porti però una maggiore vivibilità della zona rendendola fruibile ai
cittadini con l'ampliamento degli spazi verdi e il rilancio del commercio di prossimità.
Inoltre la creazione di centri commerciali non è neppure una opportunità per
l'occupazione: ogni posto di lavoro nella grande distribuzione ne fa perdere quattro nella
piccola distribuzione ed in più da tempo, e oggi anche a Padova, tutte le grandi catene di
centri commerciali stanno ridimensionando il personale e licenziando.
Nella zona interessata dal cambio di destinazione sono presenti 7000 mq di verde
pubblico (il parco Fantasia) e un mercatino dell’usato gestito da una cooperativa sociale
(Gruppo Progetti Uomo) che impiega 16 lavoratori, alcuni dei quali socialmente
svantaggiati. Sono realtà queste di vitale importanza per la vita del quartiere, occasioni di
socialità agli abitanti e come tali migliorano l'ambiente, la salute dei cittadini e la coesione
sociale. Non possiamo permetterci di perderle ricevendo in cambio un luogo anonimo e
cementificato.
Sottolineiamo che in una zona vicina (via Dalmazia) un privato (consorzio Città
Nuova) ha il permesso di costruire un albergo, strutture residenziale e uffici che già
stravolgeranno l'urbanistica dell'area.
Inoltre riteniamo che sia necessario tenere conto delle conseguenze che una nuova
zona commerciale porterà sulla viabilità della zona, sui parcheggi e conseguenzialmente
sulla qualità dell'aria già pessima.
Chiediamo al Consiglio Comunale di revocare la delibera in questione e di
aprire un confronto con assemblee pubbliche per raccogliere i pareri di residenti e
commercianti della zona per la progettazione di una reale riqualificazione dell’area.

Promuove questa iniziativa “Rete Arcella Viva”, un coordinamento dei comitati, delle
associazioni e delle persone che operano nel Q2. Gli aderenti alla rete condividono la
finalità della salvaguardia del territorio del Q2 e della qualità di vita dei sui abitanti senza
distinzione alcuna. Per informazioni o adesioni: retearcellaviva@gmail.com