File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



BOZZA PROPOSTA DI LEGGE INGEGNERI E ARCHITETTI TRIENNALI .pdf


Nome del file originale: BOZZA PROPOSTA DI LEGGE INGEGNERI E ARCHITETTI TRIENNALI.pdf
Titolo: BOZZA PROPOSTA DI LEGGE INGEGNERI E ARCHITETTI TRIENNALI (1)
Autore: ASUS

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PDFCreator Version 1.7.3 / GPL Ghostscript 9.10, ed è stato inviato su file-pdf.it il 03/09/2015 alle 18:53, dall'indirizzo IP 79.36.x.x. La pagina di download del file è stata vista 619 volte.
Dimensione del file: 11 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


PROPOSTA DI LEGGE COMPETENZE INGEGNERI CIVILI E ARCHITETTI
TRIENNALI

1.Sono di competenza degli ingegneri con laurea nelle classi L-7, L-17, e L-23 e degli
architetti con laurea nelle classi 4 il progetto architettonico e strutturale, i calcoli statici, la
direzione lavori, la contabilita`, la liquidazione e il collaudo statico ed amministrativo degli
edifici di nuova costruzione, l’ampliamento, la sopraelevazione, la ristrutturazione ed il
recupero edilizio, nonché il posizionamento interno ed esterno, compreso il dimensionamento,
degli impianti tecnologici di dotazione ed erogazione, comprese le opere pubbliche, con i
seguenti limiti:
A) in zona sismica 3 e 4: non piu’ di quattro piani fuori terra oltre al piano seminterrato o
interrato;
B) in zona sismica 1 e 2 : non piu’ di tre piani fuori terra, oltre al piano semi-interrato o
interrato. E` esclusa la competenza per progetti strutturali di adeguamento antisismico
di edifici e di complessi edilizi staticamente collegati di cubatura fuori terra superiore a
metri cubi 4.000.
2. La progettazione architettonica ed il collaudo amministrativo delle opere sono di
competenza degli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17 e L-23 e degli architetti con laurea
nelle classi 4 anche oltre i limiti di cui al comma 1, se i calcoli statici delle opere strutturali
sono eseguiti, da tecnico con laurea magistrale abilitato ai sensi di legge.
3. Restano salve le competenze prescritte per il collaudo statico dalla legge 5 novembre 1971
n. 1086, e quelle per gli edifici vincolati ai sensi del codice dei beni culturali e del paesaggio,
di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.
4. Agli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17, e L-23 e agli architetti con laurea nelle classi 4
sono consentiti su qualsiasi edificio, anche eccedente i limiti previsti dal presente articolo, la
contabilita`dei lavori, gli interventi di manutenzione ordinaria, gli interventi igienico-sanitari e
funzionali, gli interventi di manutenzione straordinaria, di risanamento conservativo, di
ristrutturazione edilizia.
5. Dal computo del numero dei piani di cui al comma 1 sono esclusi i sottotetti qualora adibiti
a volumi tecnici, soffitte o altri locali non abitabili.
Art. 3.
(Urbanistica)
1. Rientra nelle competenze degli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17, L-21 e L-23 e degli
architetti con laurea nelle classi 4 anche la formazione dei piani di lottizzazione, attuativi di
strumenti urbanistici generali approvati e vigenti, entro il limite di superficie di due ettari di
territorio e comunque non oltre la superficie del comparto minimo di intervento definito dagli
strumenti urbanistici, se superiore a due ettari.

2. Rientra nelle competenze degli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17, L-21 e L-23 e degli
architetti con laurea nelle classi 4 anche la formazione dei piani di recupero in attuazione delle
previsioni di strumenti urbanistici generali approvati e vigenti, riguardanti edifici entro i limiti
fissati dall’articolo 2, comma 1.
Art. 4.
(Geotecnica e strade)
1. Rientra nelle competenze degli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17 e L-23 e degli
architetti con laurea nelle classi 4 la progettazione, il calcolo , la direzione dei lavori e il
collaudo di opere di sostegno di qualsiasi tipo fino ad un’altezza massima di metri 5,00
2. Rientra nelle competenze degli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17 e L-23 e degli
architetti con laurea nelle classi 4 la progettazione il collaudo e la direzione dei lavori delle
strade ordinarie comunali e intercomunali.
Art. 5.
(Prestazioni)
1. Rientrano nella competenza professionale degli ingegneri laureati nelle classi L-7, L-17 e L23 e degli architetti con laurea nelle classi 4, la direzione dei cantieri, anche di
prefabbricazione, di strutture in cemento armato e metalliche per ogni tipo di opera, anche se
progettate da altri tecnici abilitati, l’estimo e l’amministrazione di condomini, di fabbricati ed
immobili in genere, anche ai fini espropriativi e catastali.


BOZZA PROPOSTA DI LEGGE INGEGNERI E ARCHITETTI TRIENNALI.pdf - pagina 1/2
BOZZA PROPOSTA DI LEGGE INGEGNERI E ARCHITETTI TRIENNALI.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF bozza proposta di legge ingegneri e architetti triennali
Documento PDF torri di las vegas copia
Documento PDF tu amianto proposta di legge
Documento PDF 217
Documento PDF atti presentati consigliere bianchi al 13 marzo 2017
Documento PDF presentazione bligny 44


Parole chiave correlate