File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



calendari 15 16 .pdf



Nome del file originale: calendari 15-16.pdf

Questo documento in formato PDF 1.7 è stato generato da PDFium, ed è stato inviato su file-pdf.it il 24/09/2015 alle 10:41, dall'indirizzo IP 151.63.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1555 volte.
Dimensione del file: 38.4 MB (88 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


calendars
calendars

PA012 ANTICHE MAPPE
mensile 12 fogli
carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

Puoi realizzare un elegante quadro

3

PA014 ITALIA ANTICA
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

-Roma-

DIC
2015

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio

1 VEN
2 SAB
3 DOM
4 LUN
5 MAR
6 MER
7 GIO
8 VEN
9 SAB
10 DOM
11 LUN
12 MAR
13 MER
14 GIO
15 VEN
16 SAB

Maria Madre di Dio

ss. Basilio e Gregorio

GENNAIO 2016
Sett. 53
1469B

`

17 DOM
18 LUN
19 MAR
20 MER
21 GIO
22 VEN
23 SAB
24 DOM
25 LUN
26 MAR
27 MER
28 GIO
29 VEN
30 SAB
31 DOM

s. Antonio abate

FEB
2016

1
Sett. 3

s. Margherita d’Ungheria

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29

Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun

Puoi realizzare un elegante quadro

© edizione

PA014 ITALIA ANTICA 2016.indd 1

4

s. Genoveffa

s. Elisabetta Anna Seton

ss. Mario e Marta

Sett. 1
9

s. Amelia

Epifania di N. S.

s. Raimondo di Peñafort

s. Francesco di Sales

s. Giuliano

s. Igino

s. Cesira

s. Ilario

s. Felice

s. Mauro

s. Gaudenzio

s. Emerenziana

s. Massimo di Pavia

Battesimo di Gesù

ss. Sebastiano e Fabiano

s. Agnese

14B

Conversione di s. Paolo

&
Sett. 2

ss. Tito e Timoteo

s. Angela Merici

s. Tommaso d’Aquino

s. Costanzo

s. Martina

s. Giovanni Bosco

*
Sett. 4

s. Marcello
L’imposta di pubblicità, nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

23/02/15 09:36

PA018 NAPOLI ANTICA
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

Napoli vista da Posillipo

DIC
2015

1
2
3
4
5
6
7

Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
Lun

1 VEN
2 SAB
3 DOM
4 LUN

Maria Madre di Dio

ss. Basilio e Gregorio

GENNAIO 2016
Sett. 53
1469B

`

s. Genoveffa

17 DOM
18 LUN
19 MAR
20 MER

s. Antonio abate

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

Sett. 1

FEB
2016

1
Sett. 3

1
2
3
4
5
6
7

Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom

Puoi realizzare un elegante quadro

5

PA024 SAN PIO
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


6

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

PA026 SAN GIOVANNI PAOLO II
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

7

PA027 PAPA FRANCESCO
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


8

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

PA032 IMPRESSIONISMO
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

Puoi realizzare un elegante quadro

9

PA034 BAMBINI VINTAGE
mensile 12 fogli
• carta avorio
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,7670


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

Puoi realizzare un elegante quadro

10

PA062 ANTICHE MAPPE

GENNAIO

calendario da tavolo mensile
13 fogli con spirale
• carta avorio
• tabella anno 2017 in ultima pagina
• supporto in cartoncino avorio
• 8 0,8970


2016



la luna

GENNAIO 2016

2 10 17 24

LUN

MAR

MER
PA062 Antiche

GIO

Mappe 2016.indd 2

4
11
18
25

5
12
19
26

s. Elisabetta Anna Seton

s. Igino

PA062 Antiche Mappe

s. Ilario

ss. Mario e Marta

Conversione di s. Paolo

FEBBRAIO 2016

Epifania di N. S.

s. Cesira

s. Margherita d’Ungheria

DICEMBRE 2015

6
13
20
27

s. Amelia

ss. Sebastiano e Fabiano

ss. Tito e Timoteo

1 2 3 4
M M G V
1 2 3 4
L M M G

s. Angela Merici

5
S
5
V

6 7
D L
6 7
S D

SAB

1
8
15
22
29
s. Mauro

s. Agnese

s. Gaudenzio

s. Tommaso d’Aquino

8 9 10 11
13 14 15
M M G V 12
S D L M 16
M
8 9 10 11 12 13
L M M G V S 14 15 16
D L M

18 19 20 21
V S D L
18 19 20 21
G V S D

V

1

8

15 22 29

S

2

9

16 23 30

D

3

lo espone in pubblico
locale, è a carico di chi

14 21 28

10 17 24 31

s. Giuliano

Battesimo di Gesù

s. Marcello

s. Antonio abate

s. Francesco di Sales

s. Martina

22
M
22
L

23
M
23
M

18/02/15 09:19

s. Genoveffa

s. Emerenziana

s. Costanzo

17
G
17
M

13 20 27

7

3
10
17
24
31

ss. Basilio e Gregorio

s. Massimo di Pavia

s. Felice

6

G

DOM

2
9
16
23
30

Maria Madre di Dio

7
14
21
28

M

capricorno
21/12 - 19/01

VEN

s. Raimondo di Peñafort

11 18 25
12 19 26

nel rispetto del regolamento

cm 19x14,5 ca
cm 19x3,5 ca
pz. 100

4
5

L’imposta di pubblicità

dim. calendario:
dim. piedino:
imballo:

L
M

24
G
24
M

s. Giovanni Bosco

25 26 27 28
V S D L
25 26 27 28
G V S D

29 30 31
M M G
29
L

2016.indd 3
18/02/15 09:19

ANTICHE MAPPE
2016
TABELLA ANNO 2017 IN ULTIMA PAGINA
2017
GENNAIO

PA062 Antiche Mappe 2016.indd

L

1
18/02/15 09:19

M

FEBBRAIO

M

G

V

S

2
3
4
9
10 11
16 17 18
23/30 24/31 25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

D
1
8
15
22
29

S
6
13
20
27

D
7
14
21
28

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

MAGGIO
L
1
8
15
22
29

M
2
9
16
23
30

M
3
10
17
24
31

G
4
11
18
25

V
5
12
19
26

M

M

G

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

V
1
8
15
22
29

G
2
9
16
23

V
3
10
17
24

MARZO
S
4
11
18
25

D
5
12
19
26

S
3
10
17
24

D
4
11
18
25

D
1
8
15
22
29

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

M
1
8
15
22
29

L

M

M

G

V

3
4
10 11
17 18
24/31 25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

GIUGNO
L

M

M

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

SETTEMBRE
L
4
11
18
25

M
1
8
15
22

S
2
9
16
23
30

G
1
8
15
22
29

V
2
9
16
23
30

2016

G

V

S

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

M
1
8
15
22
29

G
2
9
16
23
30

1

8

15 22 29

L

M

5

12 19 26

M

2

9

16 23

M

M

6

13 20 27

M

3

10 17 24

M

G

7

14 21 28

G

4

11 18 25

V

5

12 19 26

S

6

13 20 27

D

7

14 21 28

V

1

8

15 22 29

S

2

9

16 23 30

D

3

10 17 24 31

LUGLIO

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 4

18/02/15 09:19

AGOSTO

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 6

18/02/15 09:19

2016

D
2
9
16
23
30

M

M

G

V

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M
1
8
15
22
29

V
3
10
17
24

S
1
8
15
22
29

D
2
9
16
23
30

S
5
12
19
26

D
6
13
20
27

S
2
9
16
23
30

D
3
10
17
24
31

AGOSTO
7
14
21
28

S
4
11
18
25

M
2
9
16
23
30

G
3
10
17
24
31

V
4
11
18
25

DICEMBRE
D
5
12
19
26

L

M

M

G

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

V
1
8
15
22
29

GIUGNO

2016

2016

7

14 21 28

L

4

11 18 25

L

2

9

16

23/30

L

1

8

15 22 29

M

5

12 19 26

M

3

10 17

24/31

M

2

9

16 23 30

M

6

13 20 27

M

4

11 18 25

G

3

10 17 24 31

G

7

14 21 28

G

5

12 19 26

V

4

11 18 25

V

6

13 20 27

S

5

12 19 26

S

7

14 21 28

D

6

13 20 27

8

15 22 29

SETTEMBRE

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 8

2016

18/02/15 09:19

V

1

8

15 22 29

S

2

9

16 23 30

D

3

10 17 24

OTTOBRE

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 10

2016

18/02/15 09:19

D

1

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

L

S
1
8
15
22
29

L
3
10
17
24

MAGGIO

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

11 18 25

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

4

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

L

2016

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 14

2016

D
5
12
19
26

18/02/15 09:19

APRILE

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

2016

6

13 20 2

7

14 21 2

8

15 22 2

2

9

16 23 3

V

3

10 17 24

S

4

11 18 25

D

5

12 19 26

M

1

G

NOVEMBRE

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 12

2016

DICEMBRE

18/02/

18/02/15 09:19

2016

2016

L

1

8

15 22 29

L

5

12 19 26

L

3

10 17

7

14 21 28

L

5

12 19 2

12 19 26

M

2

9

16 23 30

M

6

13 20 27

M

4

11 18 25

M

1

8

15 22 29

M

6

13 20 2

6

13 20 27

M

3

10 17 24 31

M

7

14 21 28

M

5

12 19 26

M

2

9

16 23 30

M

7

14 21 2

G

7

14 21 28

G

4

11 18 25

G

6

13 20 27

G

3

10 17 24

V

5

12 19 26

V

7

14 21 28

V

4

11 18 25

S

6

13 20 27

S

5

12 19 26

D

7

14 21 28

D

6

13 20 27

1

8

15 22 29

S

2

9

16 23 30

D

3

10 17 24 31

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 16

18/02/15 09:19

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 18

18/02/15 09:19

1

8

15 22 29

V

2

9

16 23 30

S

3

10 17 24

D

4

11 18 25

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 20

18/02/15 09:19

S

1

8

15 22 29

D

2

9

16 23 30

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 22

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

V

G

L

24/31

18/02/15 09:19

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 24

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

11 18 25

5

M

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

4

M

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

L

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 2

MARZO

APRILE
S
4
11
18
25

NOVEMBRE

M

2
3
4
9
10 11
16 17 18
23/30 24/31 25

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 26

FEBBRAIO

GENNAIO

V
3
10
17
24
31

LUGLIO

OTTOBRE
D
3
10
17
24

G
2
9
16
23
30

G

1

8

15 22 2

V

2

9

16 23 3

S

3

10 17 24 3

D

4

11 18 25

18/02/15 09:19

18/02/

11

PA064 ITALIA ANTICA
calendario da tavolo mensile
13 fogli con spirale
• carta avorio
• tabella anno 2017 in ultima pagina
• supporto in cartoncino avorio
• 8 0,8970


la luna

GENNAIO 2016

2 10 17 24

LUN

MAR

MER

GIO

dd 2

4
11
18
25

5
12
19
26

s. Elisabetta Anna Seton

6
13
20
27

s. Amelia

s. Igino

Epifania di N. S.

s. Cesira

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

Conversione di s. Paolo

DICEMBRE 2015
FEBBRAIO 2016

s. Ilario

ss. Sebastiano e Fabiano

ss. Tito e Timoteo

1 2 3 4
M M G V
1 2 3 4
L M M G

s. Angela Merici

5
S
5
V

6 7
D L
6 7
S D

7
14
21
28

s. Mauro

s. Agnese

s. Gaudenzio

s. Tommaso d’Aquino

15
M
15
L

ss. Basilio e Gregorio

s. Massimo di Pavia

s. Felice

16
M
16
M

22
M
22
L

23
M
23
M

23/02/15 09:41

Battesimo di Gesù

s. Marcello

s. Antonio abate

s. Francesco di Sales

s. Martina

18 19 20 21
V S D L
18 19 20 21
G V S D

3
10
17
24
31

s. Genoveffa

s. Giuliano

s. Emerenziana

s. Costanzo

17
G
17
M

DO M

2
9
16
23
30

Maria Madre di Dio

s. Raimondo di Peñafort

8 9 10 11
13 14
M M G V 12
S D L
8 9 10 11
13 14
L M M G 12
V S D

SAB

1
8
15
22
29

PA064 ITALIA ANTICA 2016.in

capricorno
21/12 - 19/01

-Roma-

VEN

24
G
24
M

nel rispetto del regolamento

locale, è a carico di chi

cm 19x14,5 ca
cm 19x3,5 ca
pz. 100

L’imposta di pubblicità

dim. calendario:
dim. piedino:
imballo:

lo espone in pubblico



s. Giovanni Bosco

25 26 27 28
V S D L
25 26 27 28
G V S D

PA064 ITALIA ANTIC

29 30 31
M M G
29
L

A 2016.indd 3

ITALIA ANTICA
2016
PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd

23/02/15 09:41

TABELLA ANNO 2017 IN ULTIMA PAGINA

1
23/02/15 09:41

2017
GENNAIO
L

M

FEBBRAIO

M

G

V

S

2
3
4
9
10 11
16 17 18
23/30 24/31 25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

D
1
8
15
22
29

S
6
13
20
27

D
7
14
21
28

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

MAGGIO
L
1
8
15
22
29

M
2
9
16
23
30

M
3
10
17
24
31

G
4
11
18
25

V
5
12
19
26

12

23/02/15 09:41

M

M

6
13
20
27

7
14
21
28

V
1
8
15
22
29

S
2
9
16
23
30

L

M

G
1
8
15
22
29

V
2
9
16
23
30

D
5
12
19
26

S
3
10
17
24

D
4
11
18
25

D
1
8
15
22
29

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

M

G

V

3
4
10 11
17 18
24/31 25

5
12
19
26

M
1
8
15
22
29

G
2
9
16
23
30

V
3
10
17
24
31

6
13
20
27

7
14
21
28

APRILE
S
4
11
18
25

D
5
12
19
26

S
1
8
15
22
29

D
2
9
16
23
30

L

M

M

G

V

3
10
17
24

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M
1
8
15
22
29

LUGLIO

OTTOBRE
D
3
10
17
24

G

V

S

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

M
1
8
15
22
29

G
2
9
16
23
30

V
3
10
17
24

S
1
8
15
22
29

D
2
9
16
23
30

S
5
12
19
26

D
6
13
20
27

S
2
9
16
23
30

D
3
10
17
24
31

AGOSTO
7
14
21
28

NOVEMBRE

M

2
3
4
9
10 11
16 17 18
23/30 24/31 25

S
4
11
18
25

M
2
9
16
23
30

G
3
10
17
24
31

V
4
11
18
25

DICEMBRE
D
5
12
19
26

L

M

M

G

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

V
1
8
15
22
29

18/02/15 09:19

23/02/15 09:41

23/02/15 09:41

23/02/15 09:41

-Como-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 22

-Siena-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 14

23/02/15 09:41

23/02/15 09:41

-Parma-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 24

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

-Pisa-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 12

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

23/02/15 09:41

-Napoli-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 20

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

-Torino-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 10

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

-Firenze-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 18

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

23/02/15 09:41

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

-Bologna-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 16

-Venezia-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 8

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

23/02/15 09:41

G
7
14
21
28

MARZO
S
4
11
18
25

23/02/15 09:41

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

-Milano-

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 6

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 4

M
6
13
20
27

V
3
10
17
24

PA062 Antiche Mappe 2016.indd 26

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

23/02/15 09:41

-Palermo-

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

PA064 ITALIA ANTICA 2016.indd 2

L’imposta di pubblicità nel rispetto del regolamento locale, è a carico di chi lo espone in pubblico

-Roma-

M
5
12
19
26

G
2
9
16
23

GIUGNO
L
5
12
19
26

SETTEMBRE
L
4
11
18
25

M
1
8
15
22

23/02/15 09:41

PA066 GOUACHES
calendario da tavolo mensile
13 fogli con spirale
• carta avorio
• tabella anno 2017 in ultima pagina
• supporto in cartoncino avorio
• 8 0,8970


la luna

GENNAIO 2016

2 10 17 24

LUN

MAR

MER

GIO

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

s. Amelia

s. Igino

Epifania di N. S.

s. Cesira

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

Conversione di s. Paolo

DICEMBRE 2015
FEBBRAIO 2016

s. Ilario

ss. Tito e Timoteo

1 2 3 4
M M G V
1 2 3 4
L M M G

Gouaches

ss. Sebastiano e Fabiano

s. Angela Merici

5
S
5
V

6 7
D L
6 7
S D

7
14
21
28

s. Mauro

s. Agnese

s. Gaudenzio

s. Tommaso d’Aquino

16
M
16
M

18 19 20 21
V S D L
18 19 20 21
G V S D

PA066 GOUACHES 2016.i

23
M
23
M

23/02/15 09:43

Battesimo di Gesù

s. Marcello

s. Antonio abate

s. Francesco di Sales

s. Martina

22
M
22
L

3
10
17
24
31

s. Genoveffa

s. Giuliano

s. Emerenziana

s. Costanzo

17
G
17
M

DO M

ss. Basilio e Gregorio

s. Massimo di Pavia

s. Felice

15
M
15
L

2
9
16
23
30

Maria Madre di Dio

s. Raimondo di Peñafort

8 9 10 11
13 14
M M G V 12
S D L
8 9 10 11
13 14
L M M G 12
V S D

SAB

1
8
15
22
29

dd 2

s. Elisabetta Anna Seton

capricorno
21/12 - 19/01

VEN

PA066 GOUACHES 2016.in

nel rispetto del regolamento

locale, è a carico di chi

cm 19x14,5 ca
cm 19x3,5 ca
pz. 100

24
G
24
M

L’imposta di pubblicità

dim. calendario:
dim. piedino:
imballo:

lo espone in pubblico



25 26 27 28
V S D L
25 26 27 28
G V S D

s. Giovanni Bosco

29 30 31
M M G
29
L

ndd 3

23/02/15 09:43

2016

TABELLA ANNO 2017 IN ULTIMA PAGINA
PA066 GOUACHES 2016.indd

1

2017

23/02/15 09:43
GENNAIO
L

M

FEBBRAIO

M

G

V

S

2
3
4
9
10 11
16 17 18
23/30 24/31 25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

D
1
8
15
22
29

S
6
13
20
27

D
7
14
21
28

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

MAGGIO
L
1
8
15
22
29

M
2
9
16
23
30

M
3
10
17
24
31

G
4
11
18
25

V
5
12
19
26

M

M

G

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

V
1
8
15
22
29

PA066 GOUACHES 2016.indd 26

G
2
9
16
23

V
3
10
17
24

MARZO
S
4
11
18
25

D
5
12
19
26

S
3
10
17
24

D
4
11
18
25

D
1
8
15
22
29

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

M

G

V

3
4
10 11
17 18
24/31 25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

GIUGNO
L

M

M

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

SETTEMBRE
L
4
11
18
25

M
1
8
15
22

S
2
9
16
23
30

G
1
8
15
22
29

V
2
9
16
23
30

G
2
9
16
23
30

V
3
10
17
24
31

APRILE
S
4
11
18
25

D
5
12
19
26

S
1
8
15
22
29

D
2
9
16
23
30

L

M

M

G

V

3
10
17
24

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M
1
8
15
22
29

LUGLIO

OTTOBRE
D
3
10
17
24

M
1
8
15
22
29

G

V

S

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

L

M

6
13
20
27

7
14
21
28

M
1
8
15
22
29

G
2
9
16
23
30

V
3
10
17
24

D
2
9
16
23
30

S
5
12
19
26

D
6
13
20
27

S
2
9
16
23
30

D
3
10
17
24
31

AGOSTO
7
14
21
28

NOVEMBRE

M

2
3
4
9
10 11
16 17 18
23/30 24/31 25

S
1
8
15
22
29

S
4
11
18
25

M
2
9
16
23
30

G
3
10
17
24
31

V
4
11
18
25

DICEMBRE
D
5
12
19
26

L

M

M

G

4
11
18
25

5
12
19
26

6
13
20
27

7
14
21
28

V
1
8
15
22
29

23/02/15 09:43

13

PA071 FIABE
mensile 12 fogli
carta naturale
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,4250


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



h

A

21/12 - 19/01

20/01 - 18/02

GENNAIO
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
venerdì

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

7
14
21
28

Mar

1
8
15
22
29

Mer

2
9
16
23
30

Gio

3
10
17
24
31

Ven

4
11
18
25

Sab

5
12
19
26

Dom

6
13
20
27

FEBBRAIO 2016
Lun

1
8
15
22
29

Mar

2
9
16
23

Mer

3
10
17
24

Gio

4
11
18
25

Ven

5
12
19
26

Sab

6
13
20
27

Dom

7
14
21
28

ss. Basilio e Gregorio

9

lunedì

`

martedì

Sett. 1

mercoledì

s. Elisabetta Anna Seton

s. Amelia

14B

Epifania di N. S.

s. Massimo di Pavia

Battesimo di Gesù

s. Cesira

mercoledì

s. Ilario

giovedì

s. Felice

venerdì

s. Mauro

s. Marcello

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

ss. Sebastiano e Fabiano

venerdì

s. Gaudenzio

lunedì

s. Emerenziana

s. Francesco di Sales

Conversione di s. Paolo

ss. Tito e Timoteo

mercoledì

s. Angela Merici

giovedì

s. Tommaso d’Aquino

venerdì

s. Costanzo

sabato

s. Martina

domenica
IL SOLE
Giorno 1
Giorno 7
Giorno 13
Giorno 19
Giorno 25
Giorno 31

Sorge
ore 7,37
ore 7,37
ore 7,36
ore 7,33
ore 7,29
ore 7,24

s. Giovanni Bosco
Tramonta
ore 16,49
ore 16,55
ore 17,01
ore 17,08
ore 17,16
ore 17,23

LA LUNA
` U.Q. giorno 2 ore 6,30
+ L.N. giorno 10 ore 2,30
1 P.Q. giorno 17 ore 00,26
| L.P. giorno 24 ore 02,46

L’IMPOSTA DI PUBBLICITA’, NEL RISPETTO DEL REGOLAMENTO LOCALE, E’ A CARICO DI CHI LO ESPONE IN PUBBLICO

Illustrazioni delle favole più belle di sempre

14

Annuario Italiano

|
Sett. 4

martedì

+

1
Sett. 3

s. Agnese

domenica

Sett. 2

s. Igino

s. Antonio abate

giovedì

sabato

s. Giuliano

martedì

sabato

17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

domenica

s. Genoveffa

venerdì

lunedì

2016

Sett. 53

Maria Madre di Dio

s. Raimondo di Peñafort

domenica

DICEMBRE 2015

1469B

giovedì

sabato

Biancaneve e i sette nani

Lun

cm 29x51 ca
cm 29x10,5 ca
pz. 100

PA073 COCKTAIL
mensile 12 fogli
carta naturale
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,4250


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



h

A

21/12 - 19/01

20/01 - 18/02

GENNAIO

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
venerdì

sabato

domenica

lunedì

martedì

Mojito

mercoledì

Rum chiaro cubano 50 ml
Zucchero di canna 2-3 cucchiaini
Angostura 1 spruzzo
Menta fresca 7-8 foglie
Ghiaccio tritato o a cubetti q.b.
Acqua gassata (o soda) a piacere
Lime il succo di 1
In un bicchiere da long drink (tumbler alto) ponete le
foglie di menta e lo zucchero di canna; servendovi di un
pestello, schiacciatele contro il lato del bicchiere così da
sprigionare l’aroma della menta. Aggiungete il succo di
lime (circa 1/5 della bibita) e pestate ancora per qualche
secondo, poi riempite il bicchiere di ghiaccio (a cubetti o
tritato), aggiungete il rum, l’angostura e in ultimo uno
spruzzo di soda; mescolate in modo circolare e servite decorando con un rametto di menta.

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

FEBBRAIO 2016
Lun

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29

17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Sett. 53

domenica

Maria Madre di Dio

ss. Basilio e Gregorio

lunedì

`

martedì

s. Genoveffa

9

Sett. 1

mercoledì

s. Elisabetta Anna Seton

s. Amelia

14B

Epifania di N. S.

s. Raimondo di Peñafort

venerdì

s. Massimo di Pavia

domenica

1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

1469B

giovedì

sabato

DICEMBRE 2015
Lun

cm 29x51 ca
cm 29x10,5 ca
pz. 100

Battesimo di Gesù

+

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

ss. Sebastiano e Fabiano

venerdì

s. Gaudenzio

lunedì

Sett. 2

Sett. 3

s. Agnese

domenica

1

s. Antonio abate

giovedì

sabato

s. Giuliano

2016

s. Emerenziana

s. Francesco di Sales

Conversione di s. Paolo

martedì

ss. Tito e Timoteo

s. Angela Merici

lunedì

s. Igino

mercoledì

martedì

s. Cesira

giovedì

s. Tommaso d’Aquino

mercoledì

s. Ilario

venerdì

s. Costanzo

giovedì

s. Felice

sabato

s. Martina

venerdì

s. Mauro

sabato

s. Marcello

domenica
IL SOLE
Giorno 1
Giorno 7
Giorno 13
Giorno 19
Giorno 25
Giorno 31

Sorge
ore 7,37
ore 7,37
ore 7,36
ore 7,33
ore 7,29
ore 7,24

|
Sett. 4

s. Giovanni Bosco
Tramonta
ore 16,49
ore 16,55
ore 17,01
ore 17,08
ore 17,16
ore 17,23

LA LUNA
` U.Q. giorno 2 ore 6,30
+ L.N. giorno 10 ore 2,30
1 P.Q. giorno 17 ore 00,26
| L.P. giorno 24 ore 02,46

L’IMPOSTA DI PUBBLICITA’, NEL RISPETTO DEL REGOLAMENTO LOCALE, E’ A CARICO DI CHI LO ESPONE IN PUBBLICO

Le ricette dei cocktail più famosi al mondo

Annuario Italiano

15

PA077 MARI
mensile 12 fogli
carta naturale
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,4250


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



h

A

21/12 - 19/01

20/01 - 18/02

GENNAIO
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
venerdì

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

7
14
21
28

Mar

1
8
15
22
29

Mer

2
9
16
23
30

Gio

3
10
17
24
31

Ven

4
11
18
25

Sab

5
12
19
26

Dom

6
13
20
27

FEBBRAIO 2016
Lun

1
8
15
22
29

Mar

2
9
16
23

Mer

3
10
17
24

Gio

4
11
18
25

Ven

5
12
19
26

Sab

6
13
20
27

Dom

7
14
21
28

ss. Basilio e Gregorio

9

lunedì

`

martedì

Sett. 1

mercoledì

s. Elisabetta Anna Seton

s. Amelia

14B

Epifania di N. S.

s. Massimo di Pavia

Battesimo di Gesù

s. Cesira

mercoledì

s. Ilario

giovedì

s. Felice

venerdì

s. Mauro

s. Marcello

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

ss. Sebastiano e Fabiano

venerdì

s. Gaudenzio

lunedì

s. Emerenziana

s. Francesco di Sales

Conversione di s. Paolo

ss. Tito e Timoteo

mercoledì

s. Angela Merici

giovedì

s. Tommaso d’Aquino

venerdì

s. Costanzo

sabato

s. Martina

domenica
IL SOLE
Giorno 1
Giorno 7
Giorno 13
Giorno 19
Giorno 25
Giorno 31

Sorge
ore 7,37
ore 7,37
ore 7,36
ore 7,33
ore 7,29
ore 7,24

s. Giovanni Bosco
Tramonta
ore 16,49
ore 16,55
ore 17,01
ore 17,08
ore 17,16
ore 17,23

L’IMPOSTA DI PUBBLICITA’, NEL RISPETTO DEL REGOLAMENTO LOCALE, E’ A CARICO DI CHI LO ESPONE IN PUBBLICO

Le acque cristalline per viaggiare tutto l’anno
anche con la fantasia

16

Annuario Italiano

|
Sett. 4

martedì

+

1
Sett. 3

s. Agnese

domenica

Sett. 2

s. Igino

s. Antonio abate

giovedì

sabato

s. Giuliano

martedì

sabato

17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

domenica

s. Genoveffa

venerdì

lunedì

2016

Sett. 53

Maria Madre di Dio

s. Raimondo di Peñafort

domenica

DICEMBRE 2015

1469B

giovedì

sabato

Thailandia
Lun

cm 29x51 ca
cm 29x10,5 ca
pz. 100

LA LUNA
` U.Q. giorno 2 ore 6,30
+ L.N. giorno 10 ore 2,30
1 P.Q. giorno 17 ore 00,26
| L.P. giorno 24 ore 02,46

PA079 MONTI
mensile 12 fogli
carta naturale
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,4250


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



h

A

21/12 - 19/01

20/01 - 18/02

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
venerdì

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

1469B

ss. Basilio e Gregorio

`

lunedì

martedì

Sett. 1

9

mercoledì

s. Elisabetta Anna Seton

s. Amelia

14B

Epifania di N. S.

venerdì

s. Massimo di Pavia

Battesimo di Gesù

+
Lun

s. Igino

martedì

s. Cesira

mercoledì

s. Ilario

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

mercoledì

FEBBRAIO 2016
Lun

giovedì

s. Felice

venerdì

s. Mauro

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29

s. Marcello

s. Margherita d’Ungheria

ss. Mario e Marta

ss. Sebastiano e Fabiano

s. Gaudenzio

martedì

DICEMBRE 2015

s. Emerenziana

s. Francesco di Sales

Conversione di s. Paolo

ss. Tito e Timoteo

s. Angela Merici

s. Tommaso d’Aquino

venerdì

s. Costanzo

domenica
IL SOLE
Giorno 1
Giorno 7
Giorno 13
Giorno 19
Giorno 25
Giorno 31

Sorge
ore 7,37
ore 7,37
ore 7,36
ore 7,33
ore 7,29
ore 7,24

|
Sett. 4

giovedì

sabato

1
Sett. 3

venerdì

lunedì

Sett. 2

s. Antonio abate

s. Agnese

domenica

Dolomiti

2016

giovedì

sabato

s. Giuliano

lunedì

sabato

17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

domenica

s. Genoveffa

s. Raimondo di Peñafort

domenica

GENNAIO
Sett. 53

Maria Madre di Dio

giovedì

sabato

cm 29x51 ca
cm 29x10,5 ca
pz. 100

s. Martina

s. Giovanni Bosco
Tramonta
ore 16,49
ore 16,55
ore 17,01
ore 17,08
ore 17,16
ore 17,23

LA LUNA
` U.Q. giorno 2 ore 6,30
+ L.N. giorno 10 ore 2,30
1 P.Q. giorno 17 ore 00,26
| L.P. giorno 24 ore 02,46

L’IMPOSTA DI PUBBLICITA’, NEL RISPETTO DEL REGOLAMENTO LOCALE, E’ A CARICO DI CHI LO ESPONE IN PUBBLICO

Splendide immagini delle vette più
suggestive del mondo

Annuario Italiano

17

PA080 PAESAGGI DEL MONDO
mensile 12 fogli
carta naturale
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,4670



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 31x52,5 ca
cm 31x10,5 ca
pz. 100

Un viaggio alla scoperta delle meraviglie
del pianeta lungo i 5 continenti

18

Annuario Italiano

PA093 MERAVIGLIE DEL MONDO MAXI
mensile 12 fogli
carta naturale
• testata rinforzata
• festività internazionali
• 8 1,9800



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 33x71 ca
cm 33x11 ca
pz. 50

Annuario Italiano

19

San Pio
DA PIETRELCINA

PA100 SAN PIO
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

San Pio da Pietrelcina
Padre Pio da Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione, nacque a Pietrelcina,
un piccolo paese del beneventano, il 25 maggio 1887.
Venne al mondo in casa di gente povera dove il papà Grazio Forgione e la
mamma Maria Giuseppa Di Nunzio avevano accolto già altri figli. Fin dalla
tenera età Francesco sperimentava in se il desiderio di consacrarsi totalmente
a Dio e questo desiderio lo distingueva dai suoi coetanei. Dal diario di Padre
Agostino da San Marco in Lamis, che fu uno dei direttori spirituali di Padre
Pio, si venne a sapere che Padre Pio, fin dal 1892, quando aveva solo cinque
anni, viveva già le sue prime esperienze carismatiche. Estasi ed apparizioni
erano così frequenti che il bambino le riteneva assolutamente normali.
Con il passare del tempo poté realizzarsi quello che per Francesco era il più
grande sogno: consacrare totalmente la vita al Signore. Il 6 gennaio 1903,
a sedici anni, entrò come chierico nell’Ordine dei Cappuccini e fu ordinato
sacerdote nel Duomo di Benevento, il 10 agosto 1910.

Ebbe così inizio la sua vita sacerdotale che a causa della sue precarie condizioni di salute, si svolgerà dapprima in diversi conventi del beneventano,
dove fra Pio fu inviato dai suoi superiori per favorirne la guarigione, poi, a
partire dal 4 settembre 1916, nel convento di San Giovanni Rotondo, sul
Gargano, dove, salvo poche e brevi interruzioni, rimase fino al 23 settembre
1968, giorno della sua nascita al cielo.

Le Stimmate
Uno degli eventi che segnarono profondamente la vita del Padre fu quello
verificatosi la mattina del 20 settembre 1918, quando, pregando davanti al
Crocifisso del coro della vecchia chiesina, ricevette il dono delle stimmate,
visibili; che rimasero aperte, fresche e sanguinanti, per mezzo secolo.
Questo fenomeno straordinario catalizzò, su Padre Pio l’attenzione dei medici, degli studiosi, dei giornalisti ma soprattutto della gente comune che, nel
corso di tanti decenni si recò a San Giovanni Rotondo per incontrare il “Santo” frate.

In una lettera a Padre Benedetto, datata 22 ottobre 1918, lo stesso Padre Pio
racconta della sua “crocifissione”:
“...cosa dirvi di ciò che mi dimandate del come si è avvenuta la mia crocifissione? Mio Dio che confusione e che umiliazione io provo nel dover manifestare ciò che Tu hai operato in questa tua meschina creatura! Era la mattina
del 20 dello scorso mese (settembre) in coro, dopo la celebrazione della Santa Messa, allorché venni sorpreso dal riposo, simile ad un dolce sonno. Tutti
i sensi interni ed esterni, non che le stesse facoltà dell’anima si trovarono in
una quiete indescrivibile. In tutto questo vi fu totale silenzio intorno a me e
dentro di me; vi subentrò subito una gran pace ed abbandono alla completa privazione del tutto e una posa nella stessa rovina, tutto questo avvenne
in un baleno. E mentre tutto questo si andava operando; mi vidi dinanzi un
misterioso personaggio; simile a quello visto la sera del 5 agosto, che differenziava in questo solamente che aveva le mani ed i piedi ed il costato che
grondava sangue. La sua vista mi atterrisce; ciò che sentivo in quell’istante in
me non saprei dirvelo. Mi sentivo morire e sarei morto se il Signore non fosse
intervenuto a sostenere il cuore, il quale me lo sentivo sbalzare dal petto. La
vista del personaggio si ritira ed io mi avvidi che mani, piedi e costato erano
traforati e grondavano sangue. Immaginate lo strazio che sperimentai allora
e che vado esperimentando continuamente quasi tutti i giorni. La ferita del
cuore gitta assiduamente del sangue, specie dal giovedì a sera sino al sabato.
Padre mio, io muoio di dolore per lo strazio e per la confusione susseguente
che io provo nell’intimo dell’anima. Temo di morire dissanguato, se il Signore
non ascolta i gemiti del mio povero cuore e col ritirare da me questa operazione....”

RETRO STAMPATO IN QUADRICROMIA

20

Olandese Illustrato

Dalla nascita alla Santità di Padre Pio, opere e
miracoli raccontati in fotograe e aneddoti.

Olandese Illustrato

21

PA101 PAPA FRANCESCO
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

RETRO STAMPATO IN QUADRICROMIA

Un calendario dedicato al grande Papa
dei nostri giorni.

22

Olandese Illustrato

Olandese Illustrato

23

PA102 I VIAGGI DI PAPA FRANCESCO
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

RETRO STAMPATO IN QUADRICROMIA

uT tti i viaggi di Papa Francesco in visita ai fedeli
di tutto il mondo sul retro di ogni foglio.

24

Olandese Illustrato

Olandese Illustrato

25

PA103 FIORI
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



RETR

A
O ST

QUA
T O IN
M PA

Come

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

fiore?
n
u
e
nasc

e?
n fior ntenuti nei fiori.che

atto u

èf
Come

to
sono co un filamen
pianta
da
olline. ase, un
di una e, formato
b
tto il p
ssuali
prodo ovario alla
am
se
e
i
st
n
an
lo
ie
Gli org maschile è o la quale v ituito dall’
in
o
st
tr
lline)
o
an
co
en
p
d
,
uindi
rg
l
.
,
o
(i
’o
ll
io
L
tera
ili
isti
var
sere q
ge l’an inile è il p
a all’o
i masch
eve es
sorreg
colleg
lline d
o i sem
mm
ducon
ilo che versi, il po
con un L’organo fe
st
ro
p
o
ce
.
e
is
at
re
o
n
ch
o
u
u
iam
ata.
nta si
altro fi
organi
ono m
ino ch
no gli
una pia ione incroci eni- tubic te non poss ato su di un
ri ci so
ine di
n
rt
condaz
“due g
il poll
traspo
Nei fio li.
Le pia
iama fe eristiche dei
modo
ei casi
u
d
e
v
ch
o
te
ch
si
li
al
ar
u
eg
rp
ratt
uesta
cui q
maggio ra pianta: q
la le ca
nte in
Nella
mesco
lt
ambie
di un’a e incrociata
lio all’
ovulo
rsi meg
azion
ta
d
n
at
co
ad
ie di
La fe
carsi.
na spec ssono verifi
te ad u
tori”.
po
consen menti che
Questo
e
mbia
ca
ai
pollin
ano il
vive ed
ono
asport
avorisc
indi tr
che qu ifica che “f
e
re
sign
netta
lettera ulo).
ono di
compisi nutr i”, che alla
anno il
n ov
tti che
ub
fiori h
e ed u
Gli inse mati “pron
i pollin el nettare dei
d
lo
ia
u
sono ch (tra un gran si nutrono d
e”
e
le nozz le farfalle ch azione.
e
llin
Le api
l’impo
vorire
iamo ad
to di fa
ri, ved
articola
l’imne nel
tiche p
io
is
p
er
m
tt
ra
e un ca
anno ca
dell’ap
atori h
o
n
in
il
n
ll
o
fa
e
igliato
tti imp
tiche ch
e imp
Gli inse
ratteris
e riman
o dov
io le ca
p
rp
:
ri
co
em
o
es
eltto il
dei fi
sono d
pre tu
azione
le api
e rico
pollin
ria ch
perché
a pelu
iorno,
La folt
in un g
ra,
i
tu
at
ri
it
fio
vis
e;
i fiori
la sua
pollin
ne del
mero d
nettare
alla fi
ato nu
nte di
ici;
io
fo
tr
iz
la
a
L’elev
in
o
n
all’
buo
ili v
re.
ecie d
ancab
o una
rà netta
una sp
le inst
trovat
do ci sa
pe ha
eltà” ad
a quan
e un’a
La “fed
ie fino
lta ch
o
ec
v
sp
a
la
un
e quel
perché
visitar
uerà a
contin

ione

llinaz

o
L’imp

i
Insett

are

pollin

da im

terist

Carat

ri

llinato

i impo

sett
iche in

uT tto ciò che c’è da sapere sui ori e sulle
piante. Dall’impollinazione alla oriterapia.

26

Olandese Illustrato

T.A.A.Terapie assistite con l’a

Gli operatori per le TAA si avvalgono
ti ma anche conigli e tartarughe. E p
“improntati” con l’uomo, cioè svezza
dall’uomo per far si che siano quanto
con i loro genitori/istruttori umani.

PA108 CANI E GATTI
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



RETR

A
O ST

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

QUA
T O IN
M PA

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

La scelta dell’animale da parte degli
maniera graduale: si inizia in generale
no accettati subito dai bambini i quali,
paura.
Successivamente vengono impiegati
fino al gatto ed il cane.

IA

py

Pet thera

stenza

degli

i doanimal e si
ughe)

ar
ll’assi
e tart
hiche,
ERVE
asa su pappagalli bilità psic
SA S
a si b
sa
, della
terapi tti, conigli,
A CO
a di di dell’udito
tipo di
cura si
cit
, ga
dimen

o
li cani pie, per la fisiche (defi
Quest
appren
i, (qua
tera
bi dell’
sia
mestic alle altre
ismo, e dei distur
ca
o l’aut
anch
affian
empi
agli
o.
ed
es
)
m
r
eme
pe
ento
autis
,
, insi
come
movim attivismo,
ziente (pedagoghi
e del
er
e
a il pa
avista
sia, ip
e aiut i del settor ad innesc
ch
ali an
a
qu
,
to
rapeut ofessional ecializzati) e possono
-te
co
il
ch
sp
re pr
raale è
e figu tori cinofili di stimolo
tempo .
L’anim i e ad altr
i
zione
pressi
condut
og
canism o all’atten
psicol i sociali e quei mec
enti de
stimol ani e i pazi
or
te
operat taneamen i bambini,
zi
ali
an
gli
anim
on
o per rezze) per
re sp
degli
gatdi gioc
, ca
usilio lio di cani, no
essere a del cane
on l’a
si
so
c
ur
e
au
(c
ll’
te
ch
nea
o de
sisti
agalli accuditi
s
on
a
lg
pp
va
pa
i
pie
e
A si av
E poi
.Tera
gior ni relazione
le TA
ughe. zati a 20
T.A.A
i per
ile in
tartar
svez
erator
gli e
possib
Gli op che coni
o, cioè
to più
an
l’uom ano quan
a
n
m
co
ti
si
e in
ani.
ontati” r far si che
avvien o“impr
i TAA
ttori um
e veng
mo pe
erator
/istru
dall’uo ro genitori
gli op
nigli ch hanno
co
de
i
e
n
lo
n ne
co
part
con i
re, no
ale da in generale
in gene
ll’anim
a
izia
quali,
via vi
elta de uale: si in
bini i
La sc
e poi
dai bam
ra grad
agalli
pp
pa
manie ttati subito
egati
pi
ce
im
ac
,
o
no
o loro
vengon
a mod
ini
paura. vamente
ne.
rlando
bamb
si
re
hé, pa lmente i
Succes tto ed il ca
ni
rc
ve
pe
ra
i
ga
ne
ò av
zzat
fino al
re; ge tazioni. Pu
proo utili
onde
olato
vengon
a risp o di solleci viene stim
agalli
ente
to tip
bino
I papp o il pazi
a ques pio, il bam
an
ili
ol
ib
im
ns
st
em
se
ad es agallo.
i più
rario:
sono
pp
il cont
e il pa
anche far parlar
r
prio pe

I pappagalli vengono utilizzati perché
stimolano il paziente a rispondere;
sono i più sensibili a questo tipo di so
anche il contrario: ad esempio, il bam
prio per far parlare il pappagallo.

Pet ther

GLI EFFETTI SUL PAZIENTE

In tutti i casi si è riscontrato un miglioramento nell’attenzione
e, in soggetti che compiono movimenti improvvisi o violenti
che non riescono a controllare, un incremento nella capacità
del controllo del proprio corpo.

y
p
a
r
e
h
t
t
Pe

Per quanto attiene al linguaggio, i pazienti si abituano a parlare
con l’animale e ad esprimere le proprie emozioni, cosa che, ad
IENTE
L PAZ
esempio,
per un paziente autistico è davvero difficile.
TI SU
T
EFFE

nzione
ll’atte
to ne
olenti
ramen ovvisi o vi cità
miglio
pr
pa
ca
un
im
o
ti
lla
imen
ontrat
to ne
ov
sc
en
I
ri
m
L
è
o
em
G
cr
on
si si
compi llare, un in
i i ca
ro
In tutt ggetti che
rlare
nt
co
a
so
o a pa ad
cono
corpo.
e, in
ituan
e,
n ries
oprio
ti si ab
sa ch
che no rollo del pr
pazien ozioni, co
nt
gio, i
.
em
le
co
ag
e
l
ci
ri
gu
ffi
de
al lin
le prop davvero di
ne
e
y
er
tie
at

therap
esprim
anto
autistic
di pet
Per qu male e ad
ziente
ni
corso
con l’a
r un pa
un per
epe
D
re
ti.
il
o,
ia
za
e
pi
iz
esem
ecializ
attend nosca
nde in
ntri sp alia ma si
si inte
rico
sui ce
It
lini e
setfare se
rmarsi ffusione in
discip in questo
fo
e
Cosa
in
ch
e
ve
reta di
ruttur
te de
Sanità r operare
e le st o imL’uten ha una disc tero della
pe
is
onali
inguer
st
A
La TA gge del Min rsi professi adini a dist ali e piutto
tt
Le
i co
ession
e i ci
creto
ità e
of
ch
pr
tiv
an
at
te
e
questa sì da aiutar propriamen
e pren
co
sempr
tore,
tre no
TAA è conduttore
da al
i
ntro di
un
valide te.
erator
un ce go ecc.),
op
sa
in
i
vi
e
tr
go
al
ch
py
prov
, peda tualmente
t tera
esente
alla pe
en
ner pr a (psicologo
te
ev
ne
e
io
ed
E’ ben
rapeut
nario di preparaz nfanzia).
un te i, il veteri
l’i
corsi
sente
al
i per
i anim nno svolto dico motor
per gl
ha
i lu
i che
erator
op
social
o,
empi
es
er
(p

Cosa fare se si intende iniziare un percorso di pet therapy
L’utente deve informarsi sui centri specializzati.
La TAA ha una discreta diffusione in Italia ma si attende il Decreto Legge del Ministero della Sanità che disciplini e riconosca
questa attività e i corsi professionali per operare in questo settore, così da aiutare anche i cittadini a distinguere le strutture
valide da altre non propriamente professionali e piuttosto improvvisate.
E’ bene tener presente che in un centro di TAA è sempre premaggiori(psicologo,
informazioni QR Co
de stampato suecc.),
ogni un
Retro
sente un Per
terapeuta
pedagogo
conduttore
per gli animali, il veterinario ed eventualmente altri operatori
sociali che hanno svolto corsi di preparazione alla pet terapy
(per esempio, operatori ludico motori per l’infanzia).

Olandese Illustrato

27

Il principe della risata
BIOGRAFIA

PA112 TOTÒ
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
Antonio
Clemente nasce al rione Sanità al n.109 (alcune fonti rivelano
cm 29x9
ca
al n.107) di via Santa Maria Antesaecula in Napoli, da Anna Clemente
pz. 100

nubile e, secondo la leggenda da Totò stesso alimentata, Giuseppe De
Curtis, figlio dello spiantatissimo marchese De Curtis, che si era sempre
opposto al matrimonio tra il nobile figliolo e la bella popolana.
Esuberante, Totò cresce nei vicoli di Napoli, che preferisce di gran lunga
alla scuola. Finite le elementari, viene mandato in un collegio ma non
arriva neppure alla licenza ginnasiale. È qui che un insegnante, boxando
scherzosamente con lui, gli rovina il setto nasale, deviandoglielo.

RETRO STAMPATO IN QUADRICROMIA

Si avvicina al teatro, anche se come semplice spettatore, lo affascinano
e colpiscono alcuni personaggi comici, che imita benissimo.
E nel 1913/14 debutta in uno dei tanti teatrini napoletani con uno
pseudonimo: Clerment.
La sua vita subisce una radicale modifica. Dopo aver lavorato in vari
piccoli teatri romani, approda da Jovinelli. Il suo personaggio si è
ormai consolidato: e la marionetta disarticolata, in bombetta, tight fuori
misura, scarpe basse e calze colorate che conserverà per tutta la vita.
Nella stagione 1932/33,, Totò fonda una propria compagnia, sono per
lui gli anni d’oro dell’avanspettacolo.
Solo nel 1947 con “I due orfanelli” Totò sfonda anche nel cinema.
Inizia qui, si può dire, la seconda parte della sua vita professionale,
che lo porterà a essere protagonista di quasi un centinaio di film e a
trascurare definitivamente il teatro.

Il sipario calò sulla sua vita il 15 aprile 1967,, verso le tre e mezzo del
BIOGRAFIA

mattino nella sua casa di Roma, l’ora in cui d’abitudine si ritirava per
dormire.

Antonio Clemente nasce al rione Sanità al n.109 (alcune fonti rivelano
al n.107) di via Santa Maria Antesaecula in Napoli, da Anna Clemente
nubile e, secondo la leggenda da Totò stesso alimentata, Giuseppe De
Curtis, figlio dello spiantatissimo marchese De Curtis, che si era sempre
opposto al matrimonio tra il nobile figliolo e la bella popolana.

Esuberante, Totò cresce nei vicoli di Napoli, che preferisce di gran lunga
alla scuola. Finite le elementari, viene mandato in un collegio ma non
arriva neppure alla licenza ginnasiale. È qui che un insegnante, boxando
scherzosamente con lui, gli rovina il setto nasale, deviandoglielo.
Si avvicina al teatro, anche se come semplice spettatore, lo affascinano
e colpiscono alcuni personaggi comici, che imita benissimo.
E nel 1913/14 debutta in uno dei tanti teatrini napoletani con uno
pseudonimo: Clerment.
La sua vita subisce una radicale modifica. Dopo aver lavorato in vari
piccoli teatri romani, approda da Jovinelli. Il suo personaggio si è
ormai consolidato: e la marionetta disarticolata, in bombetta, tight fuori
misura, scarpe basse e calze colorate che conserverà per tutta la vita.
Nella stagione 1932/33,, Totò fonda una propria compagnia, sono per
lui gli anni d’oro dell’avanspettacolo.
Solo nel 1947 con “I due orfanelli” Totò sfonda anche nel cinema.
Inizia qui, si può dire, la seconda parte della sua vita professionale,
che lo porterà a essere protagonista di quasi un centinaio di film e a
trascurare definitivamente il teatro.

iL’ ntramontabile principe De Curtis, in arte oT tò,
poeta e maestro dell’arte comica.

Il sipario calò sulla sua vita il 15 aprile 1967,, verso le tre e mezzo del
mattino nella sua casa di Roma, l’ora in cui d’abitudine si ritirava per
dormire.

28

Olandese Illustrato

PA112 TOTÓ variante 2016.indd 2

18/03/15 10:36

Olandese Illustrato

29

PA114 CABALA
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

OK PA

2

IA

.indd

ROM

BALA

D R IC

114 CA

QUA
T O IN
M PA

a
n
u
t
r
fo
a
t
r
o
P

RETR

A
O ST

10/03/

45
15 11:

allo
di Cav
Ferro

utira oggi ee anco
sciuti
hé di qu è
e
ù cono
. Il perc
uleti pi la sfortuna la spiegazion o
am
i
gl
o de
cuni
terios
ntana
ente un r tenere lo e. Secondo al emento mis della
pe
curam
el
la
ut
e
si
el
è
sp
un
io
ch
llo
n qu
e di
con
di cava
il maloc tto di divers o contatto sua forma co rro di cavallo
Il ferro r scacciare
ge
fe
rett
pe
ico è og che è a di iglianza della sto di lato, il
lizzati
ro
re mag
azioo pote ere del fabb nella rassom ne che, se po sto.
lle abit a a
sto su
ti
è
ri
io
ente de
i altri
al mes
ll’opin
lo di C
rtun
legata fuoco; per gl c’è chi è de ro il simbo lla trave regg portare fo
di
ve
ne
su
il
fi
ov
o
ne
e
,
nzio
post
qual
e, e in
era C
veniva
to la fu
escent
lla lett
luna cr la forma de o di cavallo avrebbe svol
rr
e
re,
ità il fe
assum
otegge
ll’antich o, oltre a pr .
Fin da
le mod
famiglia
ni. In ta embri della
m
tutti i

ifoglio
Quadr

da
io, ma
auspic
al
risalire
di buon
risulta ario sembra ortuna.
io
gl
rifo
rtaf
tter
un quad
ento le rde come po spiriti malovare tico riferim
ve
i
tr
o
gl
o
ic
iv
bei
ro
an
o am
llett
cont
porta
? Il più stro piccol
ario co
mezzo o il cuscino
edenza
magin
l no
rtuna.
tente
Nell’im va questa cr stazione de ntava un po rifoglio sott , amore e fo
ri
te
ad
de
se
ar
at
fe
re
qu
za,
un
dove
rapp
prima
foglio lari, mettere cosa: speran
con la
al
quadri
1620,
nta qu
ze popo
ruidi il
Per i D cune creden glia rapprese
al
fo
vagi. In r altre ogni
pe
sogni;

tano

apole

isue or
no. Le
.),
o italia (3500 A .C
amulet
ico
me
diffuso pi del Neolit un corno co e
ù
pi
il
tem
uscio
bbio,
rosso
ai
ll’
a
du
re
da
a
ur
se
i
nz
es
ritt
rre fuor
debba aveva doppia
o addi
na è, se
o appo e fortuna
afortu e e risalgon
rosso
ar
ù anti
usavan
o port
chissim lle capanne rno per port ni talismano nei tempi pi buon
Il corn
no anti
de
ae
e il co edioevo og ici, mentre
ch
gini so gli abitanti
l
fortun
ce
Si di
i nem
cato di te invece ne
nel M
ifi
à
su
gi
gn
ia
quando di fertilità.
is
si
ns
ttor
rché
e lo
un
io
rosso
ano co
sso pe
va la vi
mani ch
auspic
ano. Ro simboleggia ano al colore re fatto a m nefici dalle
m
a
sso
esse
fatto
ri be
sociav
debba
a e il ro
oni as
ca pote
efficaci e popolazi r cui il corno o acquisis
rs
an
chi dive . Il motivo pe o fatto a m
an
io
m
ic
lis
sp
ta
au
e ogni
fatto ch o.
on
produc

N
Corno

Scaramanzia e sogni, interpretazioni e vincite. Curiosità e aneddoti sui numeri e la cabala.

30

Olandese Illustrato

PA115 4 STAGIONI
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



RETR

A
O ST

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

QUA
T O IN
M PA

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

Frutti e sapori, festività ed usanze delle quattro
stagioni. Un’aventura alla scoperta
dei cicli della natura.

Olandese Illustrato

31

PA116 CITTÀ D’ITALIA
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



RETR

A
O ST

QUA
T O IN
M PA

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

A
ROM

RE
VEDE
A
S
CO

e com
li
olsero
li racc essi musea i
r seco
mpl
llezion
che pe più bei co
lle co sime
papi
be
i
i
ù
a
de
pi
o
i fr
iatis
atism considerat
a delle dalle preg Belveen
un
ec
l
di
lm
iti
llo de
, sono o), dotati
te
costitu
nati da
narie
, l’Apo sca (Mar
ticani, e straordi rso dall’altr eali sono xyomenos
etru
ei Va
dive
oper
ri mus te, l’Apo ummie) ed
I Mus
l
narono
ei l’uno
di teso
coon iana (m
va da
penmissio do (13 mus I più gran ana (il La
i che
iz
sulle
dipint i. I Musei
a.
no
arte eg
rom
di
et
3 a.C.
mon
e
e
pa
di
an
75
a
al
nc
on
cu
l
to
zi
Vi
del pi ichità grec
ccolta
ente ne ni greci oc l perie colle onardo da ppartamen
ca ra
d’arte
le
icialm
ll’ant
egevol
o ne
colo
l’A
lla ric
ma pr vaggio e Le ate come ello, ovvero ono uff ruschi e i io, tracciat torità reere de come da
rt
a
op
ol
pa
ffa
ia
Et
ffa
così
resc
a picc
Cara
le.
llagg preme au
di stor in cui gli
te aff anze di Ra rate da Ra che
dere), ).
ce un Raffaello,
del vi
to civi
to
co
secoli
amen
)
St
rnità
o le su
stodis
l dirit re puza de
erosi
sto IV
di Todi coteca cu n opere di le magnific al 1490, le
momenolo la pate . governan le basi de
oi num o, in un
residen papa Si i più celeo
le guer
sa
na
o
le
e i su
tin
a Rom o al 27 a.C ini, fondan
La Pi
sec., co e, alcune
e, con territoria
tic
intorn me propria ndatore,
ro
tis
IX
io
one
Roma colle Pala izione dà
X
ar
pe
zi
tr
ch
fo
fin
inol
l
a.C.,
i cittad le di un im espansione vero dello
nturic
XII al
io II co e del suo o dei tesori della Crea i fra
dici de cine. La trad . Nel 509
no da
endono
L’
dal Pi papa Giul
capita
ro
ica”, ov arrivano,
po an
al nom ha reso un i affreschi considerat nta
aneo.
compr affrescato
o
s publ
aree vi n un arat te anno do chi secoli Mediterr
ate da
ina (d
Gl
o
sono onte a ta
co
po
lla “re si succedon leato con
ar
et
Borgia sale utilizz ppella Sist ichelangel visitatori.
fr
ltare),
al
metro ane che, el diventa in ata del m nizione de
e
M
ll’a
o
Di
e
Ca
00
io
tr
ch
di
de
e.
m
.0
a
at
,
st
te
os
20
nio
qu
efi
enti
ll’art
Anton ovo regi a
pubblic villaggio e incontra
no di
la fam
la pare
del ge
ia de
nu
una rid mini influ
Marco
nd
da
ello, e dinarietà a ogni gior ersale (sul i della stor
inatric necessitano diversi uo ntrasto tra ll’altra, a un ttadino) fo ax
Roma,
or
iv
et
i
e
la dom
co
o ci
, da
. (“p
la stra mondo, m udizio Un
pittoric
niche, popolazion ggerite da a.C.) e il
Cesare put” o prim secolo d.C
al
il
l Gi
lavori ?!
i su
brati
(44
) e de
ca
III
i capo
e. Con
pote di
do
e della soluzion
Cesare ttaviano, ni a “primum ra fino al o splendor lità del
la volta ed intens re d’accor
ul
di
Le
(s
o
o.
di
(d

il su
e du
sini
eO
ersa
stat
gran
n esse
rinceps cificato ch raggiunge
parte
e univ profondal’assas
i più a come no
stità
dopo tra da una cipato. Il “p
o
rando
a un
to e pa
r la va
in
roman
bellezz
Cleopa ale: il pr tto unifica l’impero centrale pe ro ristruttu isce a Rom d.C.
li
3
nt
pe
se
zion
o
istitu
un as questi seco rde il ruol e parti l’im pera gara ente nel 31 me.
ro in
t’o
gi
e
l’impe ). Durant a via via pe para in du azia. Ques to ufficialm enere il re
i
hiav
a”
m
rizza
ano se e burocr
a sost i liberi, sc
roman lo d.C., Ro
o, auto
oclezi
uisce
osta
ica
co
nesim , constrib ini (uomin pero si sp
ché Di anze, polit
III se
ali,
no
m
Cristia
ad
gno, fin
fin
à e il tto di Mila oni di citt entro dell’i goti e Vand suo re economia,
osperit
ric
scom
l’edi
mili
Visi
mente di nuova pr ande con
lo il ba Barbari, lo vede la
rca 4
co
ci
se
a
di
ificato
co
secolo antino il Gr ma contav oni. Nel IV in Italia
VI se creato e un
Il
a.
st
ni
ili
m
da Co periodo Rooltre 50 m
invasio ttà di Ro ito di aver
el
essive
la ci
pero
il mer
In qu
le succ persino
i) e l’im
storia
esclus iente, dopo heggiare iando alla
or
cc
sc
verso
o a sa mano, la
rivan
ro
ar
ro
”.
e
pe
le
ch
dell’im
do civi
parsa detto “mon
il cosid

CI
TORI
S
I
N
CEN

IARE
NG
A
ta
ja
M
a
la p
I:
i con
COSRA
igaton
IENT
D
E
R
ING
)
vitello
ra di
(interio
pajata
i
1 kg di di rigaton bianco
gr
no
0
40
di vi
ente
hiere
finem
1 bicc lla
tritati
po
dano
1/2 ci
ta e se
odoro giato
1 caro io d’aglio
tu
di pom
ch
1 spic di passata mano grat d’oliva
ne
ro
500 gr pecorino extravergi
di
di olio osso
80 gr
gr
cchiai
7-8 cu aio di sale
hi
1 cucc ncino
ro
1 pepe

NE:
AZIO
R
A
P
PRE

foremità
le estr ori. Scalfilo al
fu
n del non esca
pajata
o
telo co
lle di speze lega il contenut le ciambe
o
llo
in
de
e
nc
e
ro
bu
ch
hi,
at
cm il
il pepe
attacc
e, vers
nzione
rca 10
o atte un tegam no, l’aglio e jata non si solata,
zzi ci lle, facend
ro
pa
liva in
è ben
ma
te a pe
, il seda
be
che la
Taglia delle ciam vergine d’o , la carota tenzione o. Quando pre a fiam la
at
a
e
m
lla
mando ll’olio extr so, la cipo a, facendo aio di legn minuti se Aggiunget o
de
land
gros
bass
cucchi ete per 10 e il vino.
date
mesco ne a
al sale a fiamma o con un
ar
a,
oc
e
or
ss
m
cu
io
nt
nz
late
a ba
evap
ee
insie
o in ta
fiamm mpre atte pasta in
o per
tegam
o. Roso
se
zettat ola di tant Coprite il il coperchi sempre a
.
cendo Cuocete la te per 1
nd
e,
e
rigira gete il vino nto, aprit e per 2 or calda e fa
denso. l sugo. Salta tecare
pu
an
cuocet dell’acqua un sugo
aggiun A questo
me de
per m
oro e
o
re
bassa. di pomod giungend ad ottene nte nel tega escolando
a
ag
o
m
lle, fin atela al de corino e
passat o in tanto,
ambe
ol
pe
di tant pere le ci salata e sc gendo il
m
a
aggiun
non ro ante acqu
bassa,
abbond a fiamma .
to
o
minut rvire subi
Se
bene.

Un percorso tutto da vivere nelle principali città italiane, itinerari tra gastronomia e storia.

32

Olandese Illustrato

PA117 PAESAGGI
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



A
O ST

QUA
T O IN
M PA

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

lles
e
h
c
y
e
S
Praslin

RETR

coperta

quasi

inteeme

si
E
a isola crescono in sco)
ERFICI
E SUP
rdissim
ne
una
una ve
dell’U
a e fa
RAFICA

è
io

G
or
Kmq,
E GEO
cale. Fl ai (patrimon oco de Mer
ZION
M
a di 44 resta tropi
co “c
sola,
fo
un’are
llee de
gantes
quest’i ri.
astica
, con
osa Va
cui il gi ce solo in
Praslin da una fant
li ra
la fam
tra
al
,
a,
es
ag
re
ol
cr
is
te
e
papp
ni gene
ramen l cuore dell’
kg) ch
celli e stelle) spesso
te di og fino a 60
ne
ie di uc
5
oli
di pian
anche
do,
re spec a un solo
in picc
rmonia
al mon tra le più ra
iorno
eli (m
in un’a più grande
ne
di sogg partenza id
ortevo
cu
nf

al
e
ili
co
ora
o di
possib
nt
(il sem ralmente ad rghi molto
d’
te
pu
to
ol
ar
tu
be
la è un
un qu
che m
la
so
r
an
na
L’i
oltre na esistono al
pe
a
pe
li.
vive
ie, m
a ap
lin
incipa
aslin si
fine,
ue dist
A Pras in piccole ba spiagge pr
(La Dig ggiorno a Pr e di sabbia e e
e
ti
o le du isole vicine
ar
nascos
iagg
Il so
m
ng
l
sp
..
lu
e
de
e.
le
ld
ow
ar
io
le la
bungal e per visitare rsioni di m nelle sue ca ido mormor
cu
belle va
ch
osi
fare es
o il plac spiagge più da sogno,
ale an
assand
etto) e
coltand
le
mpo ril
are
di tragh parte del te da cocco, as uccelli. Tra
n un m
isce un
nt
co
ra
i
so
e
or
m
ga
si
paradi Seychelles
lte al
maggi
lle palm i numerosis
ir
i più vo
proprio
bra de
all’om cinguettio de zio, vero e bus locali. A li 15 minut ano veloce
o
Anse La che con i un volo di so o catamar
l’allegr
od
an
visitare
n
m
o
a.
co
di
co
to
at
è
pena
in au
Mah
con un
travers
ngibile
ento da ibile anche 45 minuti di
raggiu
ng
llegam
raggiu è in appena
nte co
efficie
sola è
, ma l’i porto di Mah
no
or
gi
dal
oco’s
Cat C

POSI

ratempe
o con
ni della
le cald
tropica e le variazio 6 del
clima
le
or
o
at
un
rs
qu
ve
da
nno
a all’E
orno
helles
tutto l’a a la vicinanz rge ogni gi a alle Seyc
a,
minate
le so
clim
Dat
A
ll’acqu
CLIM
sono do o ai 30 °C. 1-2 °C. Il so ramica del
tura de
helles
o
no
rn
mpera
Le Seyc naliere atto
massim ito una pa rne, della te
zioni.
e,
ita
ip
im
or
dic.
lle prec
no min 18. Di segu liere e nottu
nov.
ture gi
so
de
t.
à
ra
ot
tit
27
na
alle
an
ratu
sett.
27
tempe e tramonta perature gior a e della qu
ago.
27
lug.
m
gi
6
o
27
giu.
7
26
mattin edia delle te orni di piog
ag.
8
26
r. m
gi
m
27
7
27
ar. ap
le, dei
con la
25
7
28
b. m
e di so
26
8
28
or
n. fe
ge
lle
311
23
8
28
de
179
23
8
27
LIN

PRAS

re medie
temperatu
e
e giornalier
ore di sol
a
ra dell’acqu
atu
per
tem
m)
(m
ni
zio
precipita
piovose
giornate

27

5
28

6
27

7

28
160

8

27
124

26
135

25

116
3

23

53
3

99
4

130
4

141
5

5

10

l’anno.
LES
te tutto
6
5
YCHEL essere visita
via di
9
LE SE
tta tutta
ono
ITARE
s poss
io, si tra lta rappreR VIS
ychelle
febbra
PE
lvo
e
Se
E
Ta
e
R
le
br
O
e
e.
perano
dicem
lender
quator
su
MIGLI
sp
n
l’E
tra
E
a
al
no
N
IO
si ha
anza
estive
mente
STAG
itazioni
ro vicin
rature
rapida
precip
alla lo
tempe
torna
Grazie
rte delle quali il sole lla calura. Le
i
gior pa
usa da
La mag azzoni, dopo
ole pa
ev
qu
ac
brevi ac rsino una pi
o pe
.
sentan
i 32° C
norma
mai di
295

172

6

6

re
te trova
l pote
maree
In hote
lla delle
6 ore.
a tabe
s ogni
ychelle così come un
Se
le
al
maree
rnano
si alte attuale delle .
gli
MAREE ssa marea
e
ta
ata da
ba
giorna
ndizion
travers
vostra
Alta e ioni sulla co
o è at spiagge sono
az
zzare la
Indian
ni
ga
se. Le
inform
ché le
ceano
a or
dell’O fresco, cosic ermente mos
utarvi
e
ai
eri
r
on
pe
o
regi
legg
ù legg
questa ente tiepido acque sono
ce, i pi
te
I
mbre
o, inve praticamen
m
ALISE
tre le
e sette nto è equa
soffian
loro
nto è
ugno
za, men e febbraio
la
ve
ve
gi
ez
al
il
Il
i
br
a
ie
Tr
sudest. a piacevole a dicembre
gli alise re che, graz
o
di
i
.
an
un
alise
rf. Tr
tempo
n soffi rtante nota
zzate da
fare su
cui no
dal mal
po
accare i ideali per
ccate
. È im
riodi in
on
mai to
Nei pe to tranquille
che
condizi
ngono
ovest.
ol
helles
di nord que sono m helles non ve
r Seyc
Ai
alisei
e
13 ore
yc
ac
Etihad
volo di nezia
e e le
a, le Se
le del
assent
irates,
ilegiat
Ve
me Em a durata tota Milano e
ne priv
io
co
siz
e
re
po
un
ma,
VOLO
gnie ae di ore, per
da Ro
TA DEL o compa
io
rtenza
DURA
eran
a un pa lieri con pa
lia op
di circ
na
li gior
Dall’Ita o uno scalo
sono vo
an
ci
ttu
fe
te
gale.
ef
en
l’ora le
Solitam é.
2 con
circa.
ah
3 ore,
oaM
lia è di
e arriv
ta
l’I
e
IO
s
ORAR
ychelle
FUSO ario tra le Se
or
Il fuso

La bellezza del mondo in 48 foto di mari e monti e tante informazioni utili per viaggi indimenticabili.

Olandese Illustrato

33

PA132 GASTRONOMIA
mensile 12 fogli
• carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

Cucinare supone una testa leggera, uno
spirito generoso e un cuore largo.
(Paul Gauguin)

FRONTE

34

Olandese Illustrato

PA132

RETRO

aT nte ricette da sperimentare per
deliziare anche i palati
più esigenti.

Stufato di pesce
Ingredienti

900 g di filetti di pesce bianco (sogliola, nasello o branzino), 1 limone, 1 cipolla, 3 pomodori, 1 cucchiaino
di chili, 150 g di gamberetti, prezzemolo fresco tritato, 1 cucchiaio di olio di palma (sostituibile con olio
di semi di mais), sale q.b.

Preparazione

Tagliate il limone a metà e sfregatelo delicatamente sul pesce; spremete e conservate il succo dell’altra
metà. Scaldate in una padella l’olio di palma e fatevi rosolare il chili e la cipolla, precedentemente sbucciata e tagliata a fettine sottili; aggiungete i pomodori mondati, lavati e ridotti a pezzetti, le trance di
pesce, i gamberetti sgusciati, il succo di limone e un pizzico di sale. Fate cuocere per 2 o 3 minuti, coprite,
spegnete il fuoco e lasciate riposare per 1 ora; trascorso questo tempo, rimettete a cuocere nuovamente a
fuoco basso per altri 5 minuti. Servite nei piatti individuali, irrorando con il fondo di cottura e guarnendo
con prezzemolo tritato.

STAMPATO IN QUADRICROMIA

Olandese Illustrato

35

PA136 PIZZA
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



RETR

A
O ST

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

QUA
T O IN
M PA

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

a

ell
d
e
t
r
l’A

erita
Margh
a
z
z
i
p
la
nasce
Come a è certamente una

erit
Margh
del
Pizza
do.
anza
ze la
nel mon lla, la fragr
iz
e
la
p
at
zz
are
neo del
pre
tte le
zz
ra
ap
o
tu
e
er
m
it
Tra
med
osciute
oro, la
sano e
iù con
a?

pomod
it
p
il
i
er
d
,
h
la
del le p
base
Marg
sa c’è
esse,
ssica
Pizza
lio: co
lo sap
a
La cla
lo d’o
chi non ita nasce
e un fi
er
co
P
li
er
basi
del
Margh
ntiva
ve
Pizza
in
l’
dal
affaele
lo R
Napoli
Pizzaio
grande
la
o.
isita del
Esposit
i una v
sione d
herita
In occa
, Marg
a
li
e
ta
a d’I
di R
Regin
oglie
sito
to, m
l’Espo
,
appun
o
m
che
to pri
izza
Umber
na p
ad u
Unità
pensò
recente
la
per
e
ss
oia e
celebra
o i Sav
a sott
iamare
d’Itali
e rich
ll
vo
ci
uesto
sempli
fare q
lori dei
zarella
erso i co
attrav
oro, moz
ra
pomod
ie
i
nt
nd
ie
ingred
la ba
silico,
e ba
a
e.
che d
tricolor
pizza
dei
te la
è uno
talmen
i
ò
gg
zz
o
e e
appre
o nom
lo lei,
se il su
ondo.
non so
assun
ti al m
ina, e
ricetta
nosciu
co
La Reg
la

to
en
ani p
om
li
a
m
it
quel
entari
ti alim
prodot

GENNAIO 2016

DIC
2015

1M
2M
3G
4V
5S
6D
7L
8M
9M
10 G
11 V
12 S
13 D
14 L
15 M
16 M
17 G
18 V
19 S
20 D
21 L
22 M
23 M
24 G
25 V
26 S
27 D
28 L
29 M
30 M
31 G

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16

VEN

1-365
Maria Madre di Dio

SAB

`
2-364
ss. Basilio e Gregorio

DOM

3-363
s. Genoveffa

LUN

4-362
s. Elisabetta Anna Seton

MAR

5-361
s. Amelia

MER

6-360
Epifania di N. S.

GIO

7-359
s. Raimondo di Peñafort

VEN

8-358
s. Massimo di Pavia

SAB

9-357
s. Giuliano

DOM

+
10-356
Battesimo di Gesù

LUN

11-355
s. Igino

MAR

12-354
s. Cesira

MER

13-353
s. Ilario

GIO

14-352
s. Felice

VEN

15-351
s. Mauro

SAB

16-350
s. Marcello

Sett. 53
1 4 6 9 B

Sett. 1
9

1 4 B

Sett. 2

17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

L’IMPOSTA DI PUBBLICITÁ, NEL RISPETTO DEL REGOLAMENTO LOCALE, È A CARICO DI CHI LO ESPONE IN PUBBLICO

Un’arte antica esportata in tutto il mondo. Dall’impasto alla cottura, tutti i segreti della pizza.

36

Olandese Illustrato

DOM

1
17-349
s. Antonio abate

LUN

18-348
s. Margherita d’Ungheria

MAR

19-347
ss. Mario e Marta

MER

A
20-346
ss. Sebastiano e Fabiano

GIO

21-345
s. Agnese

VEN

22-344
s. Gaudenzio

SAB

23-343
s. Emerenziana

DOM

|
24-342
s. Francesco di Sales

LUN

25-341
Conversione di s. Paolo

MAR

26-340
ss. Tito e Timoteo

MER

27-339
s. Angela Merici

GIO

28-338
s. Tommaso d’Aquino

VEN

29-337
s. Costanzo

SAB

30-336
s. Martina

DOM
IL SOLE

giorno 1
giorno 7
giorno 13
giorno 19
giorno 25
giorno 31

FEB
2016

Sett. 3

Sett. 4

31-335
s. Giovanni Bosco

Sorge

ore
ore
ore
ore
ore
ore

7,37
7,37
7,36
7,33
7,29
7,24

Tramonta

ore
ore
ore
ore
ore
ore

16,49
16,55
17,01
17,08
17,16
17,23

LA LUNA

` U.Q. giorno

2

ore

6,30

giorno 10

ore

2,30

1 P.Q.

giorno 17

ore

0,26

| L.P.

giorno 24

ore

2,46

+ L.N.

1L
2M
3M
4G
5V
6S
7D
8L
9M
10 M
11 G
12 V
13 S
14 D
15 L
16 M
17 M
18 G
19 V
20 S
21 D
22 L
23 M
24 M
25 G
26 V
27 S
28 D
29 L

PA138 PANE E PASTA
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



RETR

A
O ST

QUA
T O IN
M PA

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

e
ero ch è
v
è
n
e
No
agrir
m
i
d
r
limipe
e
o
i
r
sa
i
neces arboidrat
ic
.
nare
tavola ista.
a
l
l
a
d
diet
della
igli

I cons

dure di ri
decid
a o si
oidrati
elimin
i carb
e
si
h
o
c
it
Invee sub
sando
peso.
dieta
e, pen
o
nto di
ette a
e pan
aume
tà, son
ti
ll’
pasta
n
e
Ci si m
i
a
d
d
u
q
o
ili
iuste
e di
onsab
onsum
delle g
salute
re il c
i
ti
ali resp
a
d
ip
m
c
to
n
a
nsu
loro
i pri
ono st
, se co
siano
al è la
un bu
trienti
ti? Qu
tenere
esti nu
entarboidra
r man
ce qu
nell’alim
o i ca
bili pe
n
re
a
sa
aso
c
n
n
e
osa
i ma
de a M
indisp
Che c
oman
no ma
fisica.
este d
n devo
lto qu
forma
hé no
vo
rc
ri
e
P
o
m
ne?
Abbia
funzio
anitas.
iana?
di Hum
quotid
zione
ietista
mati
ore, d
st
a
o chia
P
BILI
– son
i
nuela
ENSA
sinonim
Pastore
DISP
i
tt
la
IN
e
tu
u
I
):
n
IENT
dolce
ga Ma
idrati,
cos =
NUTR
carbo
– spie
lu
I
g
.
ti
ti
a
ra
n
ti
(d
oid
nutrie
utrien
lucidi
“I carb
po di
no i n
eri o g
o grup
zucch
ssi), so
funlo stess
(o gra
rretto
anche
lipidi
r il co
ficano
i
e
ti
ali
a
p
n
e
e
a
rm
e
ari
che id
elle no
protein
necess
ento d
e alle
loginergia
svolgim
insiem
no l’e
oni bio
o
lo
zi
c
e
n
is
o
fu
ti
i forn
ato e
anism
portan
che c
el feg
ell’org
eno n
ono im
ento d
rapida
glicog
i
. Svolg
i
d
e
d
zionam
n
a
c
a
ia
eti
form
quotid
energ
, sotto
altro.
attività
serva
i tutto
sto e l’
una ri
rima d
un pa
sacca
iscono
che: p
mono
e o fra
i
costitu
rn
,
e
u
li
m
tt
o
o.
sc
re no
lici, co
l’amid
nei mu
semp
nelle o
come
ti
e
i,
n
ra
o
ss
id
zi
le
a
uto in
mp
arbo
utilizz
onten
rati co
no in c
osio, c
latarboid
divido
il gluc
e del
di, e c
Si sud
rt
o
ri
a
n
a
p
c
so
e
c
i
c
i disa
l miestituis
ccarid
ridi e
he co
a e ne
onosa
c
tt
,
m
u
o
fr
li
si
a
da
ella
cip
galatto
stituito
I prin
etali, n
ura; il
sio, co
ei veg
e verd
entamalto
fuso n
rm
if
il
d
fe
frutta
,
o
o
o
n
osi
,
di so
ell’orz
il frutt
nimale
accari
trova n
tosio;
gine a
ali dis
che si
di ori
rincip
ttosio
cosio,
le. I p
cchero
di glu
di gala
zu
e
le
n
o
o
c
ic
io
un
ole
cina),
o, l’un
due m
to dall’
da cu
lattosi
forma
Il
cchero
lto); il
ttosio.
e ed è
ne zu
u
tt
u
fr
to (ma
la
i
l
m
d
e
o
e una
l’ao (il c
trova n
cosio
carosi
tare è
c
che si
lu
n
g
e
sa
i
m
il
d
li
a
ola
osio;
nente
resse
molec
e gluc
ompo
di inte
a una
E’ il c
aride
ereosto d
cosio.
lisacc
to in c
comp
di glu
e e po
ntenu
à
n
o
it
u
c
n
u
m
è
olte
a ed
m
n
più co
a
o
it
m
ne u
costitu
ntazio
mido,
alime
re dell’
basila
beri”.
tu
e
i
um
ali, leg

Un alimento chiave per un adeguato sostegno energetico, sul retro tante informazioni per
scoprire i beneci del pane e della pasta.

Olandese Illustrato

37

PA140 PRODOTTI TIPICI
mensile 12 fogli
• carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


Prodotti

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

Tipici
MOZZARELLA DOP

La mozzarella di bufala campana è un prodotto caseario dell’Italia Meridionale, prodotto tradizionalmente in Campania, soprattutto nelle province di Caserta e Salerno. Questo latticino è prodotto solo con latte
fresco e intero di bufala di razza mediterranea italiana. Gli animali devono essere iscritti all’anagrafe e sono allevati secondo gli usi locali a
stabulazione semilibera, al pascolo aperto. Il latte con un contenuto di
grassi minimo, stabilito dal disciplinare, deve essere consegnato al caseificio per la successiva trasformazione entro 16 ore dalla mungitura.

LA COAGULAZIONE

DENOMINAZIONE D’ORIGINE PROTETTA

Un decreto del Ministero dell’Agricoltura italiano (21 luglio 1998) vieta l’utilizzo della locuzione “mozzarella di bufala” (anche senza la dicitura aggiuntiva “campana”) per i formaggi a pasta filata derivati da solo latte di bufala
che però non siano soggetti al disciplinare della DOP, ai quali è consentito
indicare esclusivamente – anche nello stesso campo visivo – la denominazione di vendita “mozzarella” unitamente alla specificazione “di latte di bufala”
a condizione che i singoli termini “mozzarella” e “latte di bufala” vengano
riportati in caratteri di uguale dimensione e che tra il termine “mozzarella” e
la successiva specificazione “di latte di bufala” compaia l’indicazione di un
nome di fantasia o del nome, o ragione sociale, o marchio depositato del
fabbricante. Questo anche se il prodotto è realizzato solo con latte di bufala
intero, senza aggiunta di latte di altri animali, ancorché il latte provenga dai
comuni di cui al DPCM 10/05/1993. V’è differenza, dunque, tra mozzarella
di bufala e mozzarella da latte di bufala.
È configurabile il reato di frode nell’esercizio del commercio qualora venga consegnata all’acquirente mozzarella qualificata come “bufala campana
d.o.p.”, la quale sia stata prodotta, anche se solo in parte, con latte bufalino
surgelato anziché fresco, dovendosi ritenere obbligatorio, per il detto tipo di
alimento, l’impiego esclusivo di latte fresco, come è dato desumere dal disposto, di cui all’art.3 del relativo disciplinare di produzione approvato con il
citato d.p.c.m. del 1993, nella parte in cui stabilisce che “il latte deve essere
consegnato al caseificio entro la sedicesima ora dalla mungitura”.

La coagulazione è ottenuta aggiungendo al latte riscaldato a 33-36 °C
fermenti naturali derivanti da precedenti lavorazioni di latte di bufala.
La cagliata, rotta fino a ottenere grani della dimensione di una noce, è
fatta maturare in siero per circa 5 ore e successivamente ridotta in strisce
filate in acqua a 95 °C e “mozzate” per ottenere la pezzatura desiderata.
I pezzi ricavati sono tenuti in acqua potabile fredda e salati in salamoia
per tempi variabili: una volta confezionati vengono conservati nel liquido
di governo. Il latticinio è immesso al consumo in varie forme: tonda,
bocconcini, trecce, perline, ciliegine, nodini, ovoline, con pesi da 20
a 800 g. Il colore della crosta, liscia e spessa un millimetro, è bianco
porcellana, la pasta a sfoglie sottili è elastica, entro le prime 10 ore dal
confezionamento, poi più fondente, priva di occhiature: al taglio si libera
una lieve sierosità bianca e grassa con profumo di fermenti lattici. Il sapore è caratteristico e delicato. Il prodotto può anche essere affumicato
con procedimenti naturali e tradizionali.

TIPOLOGIE E ZONE DI PRODUZIONE

In aree specifiche ove le bufale siano allevate con metodi specifici frutto della
tradizione locale, la mozzarella di bufala campana può assumere le specificazioni di “aversana” o “piana del Volturno”, “pontina”, “piana del Sele”. La famiglia Serra di Aversa (CE) è nota come fondatrice della tradizione campana
del XX secolo. La mozzarella di bufala campana è prodotta nelle tipiche forme
tonde e a treccia. Le zone più importanti per la produzione della mozzarella
sono: la provincia di Caserta con i comuni di Aversa, Calvi Risorta, Cancello
ed Arnone, Carinola, Castel Volturno, Cellole, Falciano del Massico, Francolise, Grazzanise, Mondragone, Pastorano, Pignataro Maggiore, Santa Maria
la Fossa, Sessa Aurunca, Sparanise e Villa Literno; la provincia di Salerno con
i comuni di Albanella, Altavilla Silentina, Battipaglia (rinomata è la cosiddetta
“zizzacchiona di Battipaglia”), Bellizzi, Campagna, Capaccio-Paestum, Eboli,
Fisciano, Nocera, Pontecagnano, Faiano, Roccapiemonte e Serre.

iR gorosamente Made In Italy
inimitabili e apprezzati in tutto il mondo.

RETRO STAMPATO IN QUADRICROMIA

otti

Prod

i

c
Tipi

38

Olandese Illustrato

Olandese Illustrato

39

FRONTE

PA142 CARNI
mensile 12 fogli
• carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

40

Olandese Illustrato

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

PA142

RETRO

Le migliori pietanze a base di
carne sul retro di ogni pagina.
Preparazione, ingredienti e vini
consigliati per ogni ricetta.

PROSCIUTTO COTTO AL FORNO
CON VAPORE
INGREDIENTI
2 kg di prosciutto fresco con la cotenna, 1 rametto di rosmarino, 12 bacche di ginepro, 2 spicchi
d’aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, sale e pepe

VINO CONSIGLIATO
Cirò rosso
Cotes du Rhone Rouge F
Etna rosso
Taurasi

PREPARAZIONE
Tritate insieme il rosmarino, il prezzemolo, l’aglio e le bacche di ginepro. Legate la carne con lo
spago da cucina cosicché mantenga la forma in cottura. Condite l’arrosto massaggiandolo con il
sale, il pepe ed il trito di aromi. Collocate l’arrosto su di una teglia da forno. Cuocete il prosciutto in
forno, con la funzione vapore, a 200°C per un’ora.
Qualora non disponeste di un forno con la funzione vapore, potrete ottenere un risultato simile mettendo sul fondo del forno un pentolino con dell’acqua bollente.

STAMPATO IN QUADRICROMIA

Olandese Illustrato

41

FRONTE

PA144 MARE IN TAVOLA
mensile 12 fogli
• carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

42

Olandese Illustrato

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

RETRO

PA144
CARATTERISTICHE DELLA COTTURA AL FORNO
Questo tipo di cottura coniuga la semplicità con la
praticità in quanto grazie alle tabelle potrete portare a termine la cottura del pesce dovendo solamente girarlo e controllarlo a metà cottura. Qualora vi
fossero delle varianti sarà specificato nella singola
ricetta.

CARATTERISTICHE DELLA COTTURA AL SALE
I migliori risultati con questo tipo di cottura si ottengono con alcuni ottimi pesci (ad esempio: orate, branzini, dentici...), grazie ai quali si otterranno
carni leggerissime, molto digeribili e delicate; è comunque adatta a qualunque tipo di pesce e crostaceo di media dimensione.

LA TABELLA SI RIFERISCE AD UN FORNO
ELETTRICO AD UNA TEMPERATURA DI 180°
500 gr. - 25 minuti
1000 gr. - 35 minuti
1500 gr. - 45 minuti
2000 gr. - 60 minuti

LA TABELLA SI RIFERISCE AD UN FORNO
ELETTRICO AD UNA TEMPERATURA DI 200°
500 gr. - 40 minuti
1000 gr. - 60 minuti
1500 gr. - 75 minuti
2000 gr. - 90 minuti

Sapori e tradizioni della cucina
di mare. Ricette tipiche per la
preparazione di pesci, molluschi e
crostacei.

ORATA AL FORNO CON PATATE
INGREDIENTI

Pesce di mare (orata), una da circa 900 gr Patate 400 g Aglio 2 spicchi Rosmarino 2 rametti Timo
2 rametti Salvia 2 foglie Vino bianco, 1 bicchiere Sale q.b. Pepe macinato, q.b. Olio extravergine
di oliva, 3 cucchiai

PREPARAZIONE

Per preparare l’orata al forno iniziate pulendo l’orata (se non l’avete acquistata già pulita), privatela quindi delle pinne sul dorso, delle squame e delle interiora. Riempite ora il ventre dell’orata
con sale, pepe, due spicchi d’aglio, la salvia e del rosmarino. Irrorate d’ olio una pirofila da forno
e posatevi al centro l’orata.
Pelate le patate, tagliatele a spicchi e sbollentatele per 5 minuti in acqua salata. Poi scolatele e
aggiungetele nella teglia intorno all’orata. Irrorate con del vino bianco, aggiungete le foglioline
di timo, qualche rametto di rosmarino e dell’olio extravergine di oliva a filo.
Infornate l’orata a 180°C per circa 40 minuti (la cottura dipenderà dallo spessore e dal peso del
pesce), girandola a metà cottura. Se lo desiderate, a cottura terminata potete estrarre l’orata dal
forno e lasciare le patate ancora una decina di minuti in modalità grill per asciugarle e conferire
una leggera doratura. Servite l’orata al forno con patate ben calda!

VINO CONSIGLIATO
Alto Adige Chardonnay
Sicilia Chardonnay
Verdicchio dei castelli di Jesi

STAMPATO IN QUADRICROMIA

Olandese Illustrato

43

PA146 FRUTTA E VERDURA
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

A
IN Q U
PAT O
S TA M

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

ci
e i benefi
à
t
e
i
r
p
o
r
p
e
rdura: l,e in base al color
e
v
e
a
t
t
Fru er la salute
p
RETR

O

te
scopri
.
e blu:
colore
giallo
verde,
base al rdura,
ura in
rosso,
anco,
lla verd
ta e ve etta
bi
ut
de
fr
e
no
perf
te so
lori di
frutta
lu
in
co
i
lla
sa
li
rs
de
imdella
incipa r mantene
fiche
colori
no i pr
nutritive
à bene
pe
I cinque le propriet allo e blu so importanti i e proprietà
no
gi
fic
olto
ne
m
be
i
e
quali so sso, verde,
ro
à, tutt
o infatt
o.
:
Bianco, verse tonalit corrispondon ll’organism
a
de
di
verdur
RDURA
A E VE re, frutta e
cinque d ogni colore e quotidiano
ro
er
I FRUTT
fib
.A
al nost
salute per il beness
UMO D e, minerali e
S
te
rantire
N
ti
L CO
min
se e ga no ci permet
DA
fe
ta
vi
di
TI
portan
N
a,
le
IVA
are
otidia
diabeacqu
ICI DER
rinforz
uto di
umo qu logie come il
bili per . Il loro cons
I BENEF loro conten
to
sa
pa
en
ne
al
ti indisp lità e salute esità e alcu
e alGrazie
e alimen
nsumar
vita
di ob
sono du o un pieno di a il rischio ari.
no di co intende ad
si
omanda
sm
o
la larg rdiovascol
organi
sti racc Per porzione salata e un
nere al
ni
ca
te
io
e
iz
ti
di
in
inoltre ori e le malat ivi che i nutr ta e verdura. l piatto di
be
ot
m
ut
te, i tu tti questi m giorno di fr tre piccoli, un uta.
etu
rem
ni al
È per
pure du ia o una sp
porzio
riando
on
tero op
cinque
Solo va
meno
utto in e, una maced
:
diverso. rganismo.
o, un fr
esempi e cotte o crud
RDURA te di colore
VE
ni dell’o
E
ur
UTTA
sceglie tti i fabbisog
FR
le
di verd
I
ni
D
tu
rzio
LORI
coprire
nque po
UE CO
I CINQ cora se le ci lori potrete
ura in
an
i co
lla verd
Meglio
i divers
ta e de
ciando
so
lla frut
as
e
NDIRE: salute
fiche de
ne
FO
be
RO
di

PP
PER A , un’insalata no le proprie
he,
na
so
albicocc di
Valeria quindi quali
i
pelmi,
o
i, pom
li ricch
Vediam lore:
andarin tutti vegeta
m
i,
co
limon
one:
base al
ance,
s e mel
NCIO
uppo ar nespole, mai
– ARA
gr
O
LL
to
GIA
ques
cca,
ano in , peperoni, zu
Rientr
, carote
pesche

antios
oprietà
dalle pr
tritive
anze nu
st
i.
so
on
ticolazi
mina C,
sa e ar
i e vita
ce rostenoid
te di os
le, aran
idi, caro ti per la salu
e
abieto
flavono
nutrient
pe, barb
portan
im
i,
ene, un
roni, ra
ncro e
sidant
di licop
ca
i, pepe
i
or
di
ch
od
pi
pom
rsi ti
ono ric
S
ve
po
.
di
O
up
ria
S
di
gr
gu
ROS
cuore.
malarsi
questo
ole e an
ano in
nostro
io di am
gie, frag
Rientr
te del
il risch
e, cilie
la salu
ridurre
e ross
rri,
ti per
ado di
se, mel
portan
pere, po
e in gr
im
i
bb
nt
re
occhi,
ina
sida
che sa
lfiore, fin
, vitam
antios
anine,
ca, cavo nio, potassio
an
bi
a
antoci
lla
le
em im
lio, cipo
noidi, se l nostro sist
uppo ag
de
olo e la
oli, flavo
er
en
se
lif
st
fe
BIANCO in questo gr
le
di
e il co
chi di po
o
are le
ar
ric
rz
an
ss
o
tr
fo
ba
Rien
no. Son
o di rin
te di ab
e seda
in grad
permet
funghi
stanze
olare,
ina, so
partic
C e allic L’allicina, in
(lampo
.
bosco
io
.
utti di
rossa
munitar
teriosa
fichi, fr
rdura
one ar
cchio,
C,
e la ve
di
a
ta
ra
in
,
pressi
ut
m
ne
e la fr
ra vita
elanza
ra. Com
e anco
VIOLA
uppo m
anine
uva ne
BLU –
esto gr
antoci
ugne e
o in qu
pr
ne
,
ie
an
e)
tr
nt
co
Rien
e mor
o viola
illi ribes
re blu
voli,
ni, mirt
sio.
di colo
coli, ca
magne
quella
o, broc
e kiwi.
ssio e
anche
basilic
i, pota
cchine
retti,
id
no
ragi, ag
inaci, zu
nesio,
carote
sp
pa
ag
o,
as
m
ol
i,
zem
noid
gruppo
carote
la, prez
questo
VERDE
chi di
a, ruco
i occhi.
fine in
sono ric salute degl
, lattug
ano in
cicoria
la
ofilla e
Rientr
te per
lla clor
cetrioli,
an
da
fi,
rt
io
re
po
carc
a, im
ro colo
in
lo
te
il
lu
no
oe
Ricava
ido folic
a C, ac
vitamin

Le proprietà beneche di frutta e verdura, cibi
fondamentali per la nostra salute.

44

Olandese Illustrato

PA148 GOLOSERIE
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



RETR

O

A
IN Q U
PAT O
S TA M

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

Il caffè

nda
a beva
cava un ed ecciidentifi
ti
ahwa”
stimolan la si inro
araba “q ocava effetti
pa
la
ta
ro
es
pa
ov
ine, la
o con qu
i che pr
In orig
ni sem Oggi in arab
da alcu
i.
reestratta i esseri uman
me della
gl
vi dal no ovvero la
ri
tanti su
de
sa
ffè.
ine caffè
te diffu
dica il ca
e il term maggiormen
ch
no
a
stengo
anta er
ll’orMolti so cui questa pi cidentale.
sono, ne
oc
in
di caffè guono, con
gione
pia sudondiali
nell’Etio
uttori m Indonesia. Se uatemala,
od
Caffa,
pr
i
G
bia ed , Messico,
aggior
rno i m
te
, Colom
Oggigio ile, Vietnam a delle anna
as
nd
dine, Br riabile a seco ed India.
macinaione e
a
va
pi
ne
tio
di
E
torrefaz offee) apparor
rù,
ne dalla
ras, Pe
i (C
Hondu
e si ottie beri tropical
ch
a
nd
al
va
di
ae.
è una be cune specie
ubiace
tutal
Il caffè
delle R
Coffee, ali
semi di
tanica
ecie di
zione di la famiglia bo
mmerci
o di sp
al
centinai utili ai fini co
un
a
tenenti
rc
tono ci importanti ed
do esis
te
ri: l’alNel mon le riconosciu
iati fatto
el
per svar o del fiore, la
tavia qu una decina.
lo
renziano
a
so
ofum
sono
caffein
ie si diffe foglie, il pr
di
ec
o
sp
ut
te
lle
nten
ro ques
rietà de
o, il co
Tra di lo piante, la va semi, il gust
i
lle
.
Coffea
tezza de ed il colore de climatiche
sono la phorsità
zza
sciute
grosse enza alle avve
e cono la Coffea cane
st
ltivate
,
e la resi
ffuse, co me “arabica”) fea liberica.
di
ù
pi
iuta co usta”) e la Cof
esse le
conosc
Tra di
ob
(meglio iuta come “r
sc
arabica
lio cono
ra (meg

IGINI

LE OR

Tiramisù

rpone
, Masca olper sp

il caffè

ere q.b
cucchi
nti
Ingremdedieie, Zucchero 12are0i gsa+vo2iardi, Caq.cab.opeinrporiclvoprire il tiramisù,
ai per

gn
Uova 6
scaglie
b per ba
lato in
Caffe q.
Ciocco
500 g,
amisù,
re il tir
verizza
g
0
te ai
rdi 40
giunge
Savoia
orli, ag
dotato
i dai tu
elettrico
i album
oso.
dete gl
attitore
vi
em
sb
di
cr
o
,
e
tiramisù montate con un ro, spumoso
tevi dee
arare il
sto chia
occupa
Per prep dello zucchero
o
compo
quindi
e con un
età
un bel
tuorli,
pr
re
di
m
ne
se
te
sto
o
tuorli m
ot
aria
compo
l’altra
fino ad
a planet
ungete
rpone al
di fruste
savi con un imontati aggi
n
il masca
do
no
te
an
è
ge
ut
sem
finch
Aggiun
tateli, ai
ranno
ontare
tati alla
mi: mon
ando sa ntinuate a m
nno mon
gli albu
e.
co
ico, e qu
mi sara
carpon
e elettr
oggia e
e gli albu cchero e mas
sbattitor zucchero a pi
volta ch
zu
o verso
na
li,
llo
ss
U
or
de
ba
metà
e
n ferma.
sto di tu colando dal
ch
be
po
m
ra
ve
a ne
mi.O
teli al co amente, mes
ranno
gli albu
ta,
giunge
ontare
coppet
delicat
one ag
non sm
di ogni
perfezi
azione
odo da
l fondo
ta oper
o attenm
su
es
o
nd
in
qu
ai
ce
o
cchi
Fate
cchiai
caffè fa
e un cu
ta tan un cu
rdi nel
coppet
oneten
savoia
l’alto, co
ta, disp
eli nella cchiaio di
ssate i
a è pron
sistemat
cu
glia, pa
la crem
ete un
quindi
nica te
ato
in un’u
. Dispon n un altro str
troppo,
re
re
li
ito
ar
pu
op
nten
e co
zupp
ennon in
a del co ema e ricoprit
rticalm
zione a
o la form
sposti ve rizzate
la cr
di
nd
e
e
at
co
et
se
ell
i
i, liv
i li av
e spolve
gliandol
voiard
se i prim
e bene
rficie
pra i sa
l caffè
, livellat
la supe
te
re
en
ge
crema so i imbevuti ne
m
per
ntal
cospar
iard
in frigo
li orizzo
e potete
di savo
ponete
i ponete
Se volet
ti ultim
olato. Ri
polvere.
tito!
di ciocc
te, ques
pe
aro in
lo
ap
cio
am
o
ca
alche ric dolce e... buon
con il ca
con qu
re il
ppetta
mpatta
della co
r far co
e ora pe
qualch

ione

z
Prepara

Dolci e Goloserie della tradizione gastronomica
italiana e internazionale.

Olandese Illustrato

45

PA152 LUNARIO
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



RETR

O

A
IN Q U
PAT O
S TA M

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

La Luna

lunari
Le fasi
io

1 Genna

io

17 Genna

io

19 Genna

io
2 Genna

io

24 Genna
io

5 Genna

io
29 Genna

io

10 Genna

io

15 Genna


o:“Atena
pricorn o simbolega
C
in
ne
corn
Luna
gestio
Capri
nché
nale
no del

, no
zio
l seg
ntrollo
fine ra
o
na ne
La Lu gezza e co oni per un ppresentan
rg
zi
ra
aprico
gia sa prie emo ello stato
C
in
ro
d
o
np
i
vi all’i
delle re. Le legg o di Saturn
ti
o
la
i em
ili
io
super . Il domic ntare i fren resentano p
ne
in
pprese
ne rap e Saturno
tale fi
re a ra della dea
ch
lt
deo
o
o
,
no
to
siam
re sp
en
en
se
p
m
.
es
ra
i
se
ra d
Atena
ltre
namo
za, ino
per pau capitata ad virtù
è
saggez a i suoi figli
a le
sorte
liiv
idenzi
ghiott medesima gno ne ev va a fini bel
la
se
ti
ita
stato,
to nel rano l’inven ali (la nasc
esalta
ci
U
Marte re, mentre
o) e so
el carr
ie
guerr struzione d
ci (la co o).
liv
dell’u

gi,
ad og
ia sino azione
ci
trolog
i in as , una asso
ci fa
iderat
o
o
st
ns
ic
g
co
ue
ti
o:
itolo
una.
ci piane pettivo m
, ovver
is
h la
ipiche na non
tti i die
Fra tu ha un corr nita, fuorc ioni archet
e la Lu
ta
az
defi
implic
ognuno ito ben
te mito e il piane à,
ili
en
ib
nd
ss
m
ch
po
po
ta
nalit
rrà dire
piane anche su o un corris
perso
re
plici, vo ttature di
nn
ce
ri ette pianeti ha , ma molte
ac
to
ii
sue sf
ene
se tutt o ben defini mo, alle
non vi di
l uo
un
n.
mito,
are
ne ha si avvicina al teriori e no
solo
o cerc
i
con un , possiam in funzione
enti in
che p
im
ta
d
ca
ata
iti
i acca
identifi ra nomin carne i m erso la luce
ai suo
ene
si
anie
trav
entifi
non vi
sola m
e di id zodiaco, at timi e che fa la
Poich a in una significato
lo
ul
a
at
rco del te questi
er tutt
l’a
o
chiam mere il suo
rno p quando
sa lung agionalmen o per gio
su
er
le
as
ta
av
farle
una,
giorn
ina st
unto
e attr
gni ch
e illum compiano iduo app ole e la
dei se al ole ch
iv
il
d
iche si
. ind
one,
ri essa zze alchem individuo individuazi
no
e
i un
le
d
e
ità
ta
ch
vi
un
della
o di
durata pio suprem no.
e
nari:
ci
isco
le e ch
soli lu
il prin
, si un
del So Luna in
zione
plicità
corso
di rela
molte
le e la
al per
ia
p ni
grazie sce ha il So e diventano
o
uattro
q
nt
s
o co
o solta iduo che na emiche ch ll uomo.
bbiam
o sens
iv
alch
tizza ne
e hann ersa. Un ind le nozze
a
concre
gni ch
1. I se Luna attrav ciò evidenzi e quindi si
la
e
e
ni
zie al
ch
g
ica
ica e ch
an
ia gra
chem
inati se ne archetip
al
m
dopp
io
er
io
det
unct
lare
sentaz
ra conj
gia so
rappre
. La ve
l ener
zie al
i
va
ra
cu
g
uo
N
ia
ne in
Luna
dopp
in eo
2. La
nare
uova
gia lu
una N
diurno
nel
i l ener
ltà
cu
3. a o dell’astro
co
in
diffi
,
cro,
ili
divinità
in Can no.
mo la
domic
uova
rendia una: quale sto nel
una N stro nottur
comp
vi
la
he
si
l’a
a
4. a
e
rig
el
lla
si
m
d
ilio
izza ne e
prime ttutto chi perch , co
al
e
re
domic
st
que
rcar
sopra . roprio
to e si
o da
, ma
ante ce
gnifica
rla
Soltant ndere cosa a identifica
nde si iene import si evincono
i gra
iv
re
comp a e no, poss me il suo p io avviso, d ologie che are quindi
b
su
ic
cerc
,
della
olimp , la una as dividuo, a m erso le sim
co
zodia significato
in
av
dello
il
ri attr
punto fisica di un
iti luna odici segni rispecchino
nascita tificare i m
e
id
ch
o
ng
he
di iden transito lu inili olimpic
o
nel su ivinità femm ni.
g
d
delle
dici se
nei do
Luna

Fasi lunari, inuenze astrologiche e pasaggio
nei segni zodiacali.
40
15 11:

16/03/

6.indd

RIO 201

PA152

46

Olandese Illustrato

LUNA

2

PA154 FARMACIA
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


dim. calendario:
dim. testata:
imballo:



RETR

O

A
IN Q U
PAT O
S TA M

D R IC

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

ROM

IA

o o
ccorsm
o
nt
S
o
Primo: soffoca e
ric
Pediat
andata
raccom
curezza,

quanto
isti, fai

ession
dai prof

ga la
o sosten
e di si
tua man
posizion
o che la
in una
in mod
no
no
bi
bi
la tua
m
m
del ba
rmezza
ere il ba
con fe con le dita
schiena o
Per mett
la
sotto la
siziona
acci
ro,. Po la mandibo
braccio tuo avambr
segue:
cu
o
si
tu
o
il
li
al
ggi
olare
in mod da afferrarg
ni la
Fai sciv schiena si appo
o
mbino
cia. Tie
la
a il ba
in mod
le brac
testa e
o sopr l bambino
pre tra
bracci
l’altro e sul viso de orie.
olo sem
a
nd
ne
Metti
or
testa si
o te
respirat
superi
ia sott
i che la
mano iudere le vie
a panc
curart
ch
mbino
per assi
senza
ra il ba dibola.
orto e
gi
pp
za
su
più
man
licatez
r avere
Con de sempre dalla
scia pe
a
la tua co
sua test
sione
accio al
o.
no pres eo.
gia il br etto al corp
an
ste crea
og
pp
A
a. Que l’oggetto estr
risp
basso
schien
e
più in
he sulla ti a dislocar
cc
pa
en
ue
suffici
:
re cinq

no
da
e
r
so
d’
ole.
ta pe
mesi
spesso
a le scap
o i 12
e corret
bino e
bino, tr
no sott
posizion ree del bam
bambi
del bam
ae
i nella
te a un
hiena
lla vie
Ora se
za la sc
ioni ne
ettamen
ssa alle
ez
az
rr
pa
br
,
rm
co
i

vi
fe
e
lp
n
co
re i co
ggetto
lpire co
sta.
me da
vere l’o
o per co orto alla te
Ecco co
rimuo
pp
lla man
esci a
base de re il giusto su
non ri
Usa la
lte. Se
di da
i
vo
at
5
a
ur
fino
Assic
girarlo:
imento
e devi
il mov
racich
la
Ripeti i toraciche.
sioni to
a con
mpres
sua test
pression
re le co
la
ui
ra
eg
es
, affer
ima di
mbino
bino. Pr
del ba
m
a
ba
en
l
hi
de
te.
o la sc
sizione
a
sua fron
o lung
a la po
sulla tu
o sulla
o liber
Cambi
ggiarlo
bracci
ltra man
da appo
il tuo
ndo l’a
Metti
no così corpo.
so, tene
bi
es
m
st
del ba l resto del
lo su se
mano.
hiena
de
za gira
ne la sc
basso
licatez
e sostie sta sia più in
Con de
accio ch
a te
rzata
sa il br ati che la su
as
oni è fo un
bb
A
i polm
ssicur
A
.
ia
uta ne mpressioni su
cosc
conten
co
a
ri
le
l’a
ente
odo
rrettam
esto m
e. In qu e. Per fare co
o i suoi
racich
na sott
sioni to ori l’ostruzion aggi:
, appe
mpres
ss
mbino
fu
co
pa
ba
re
l
ti
ue
ge
es
de
r
petto
Fai cinq e può spin età segui qu
l
one pe
de
si
ro
d’
re
te pres
one
al cent
ad usci sotto l’anno
sufficien rni in posizi
tre dita
no
icando
to
due o
bambi
nte di
lto appl e il petto ri
l’a
pu
o
le
rs
e
ta ch
e ve
Metti i.
ti. Le tu
in giù 5 cm. Aspet
ol
3,
n a scat
i.
capezz
amente
ti, e no
ultane bambino di compression
ntrolla
l
cia sim
Schiac e il petto de re la serie di
cisi e co bambino.
de
ti
l
te
en
ar
tto de
ovim
abbass prima di ripe
i, fa m
n il pe
le
pression il contatto co
natura
le com
aa5
pre
schien no
o esegui
re sem
Quand no mantene
bi
i sulla
5 colp rsi e il bam
vo
lterna
ve
dita de
osso. A incia a muo
m
ri
e
m
non
eo vien struzione co
an
no
tr
bi
es
rpo
.
do l’o
la
il bam
hé il co fino a quan no i soccorsi
bini. Se ti per iniziare
e
ua finc
va
r bam
ar
a da
Contin sioni toracich finché arri
RCP pe ti devi attiv bini è divers
la
re
ia
es
compr tossisce oppu
za, iniz ancora arriva CP per bam
en
sc
R
e
sono
o cono
che la
piange
ha pers soccorsi non attenzione
ta
mbino
ccoli.
ei
Se il ba di risposta lmonare. Pres bambini pi
i
su
dà segn ione cardiopo iché è tarata
az
po
rianim r gli adulti,
pe
quella

Consigli utili per la cura
del corpo e il primo
15

24/03/

ACIA

PA154

FARM

2016

16:39

socorso

d 2

v2.ind

Olandese Illustrato

47

FRONTE

PA160 NUDO LATO B
mensile 12 fogli
• carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940


La bellezza delle donne

48

Olandese Illustrato

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

PA160

RETRO

Meravigliose ragazze in pose sexy
fotografate senza veli
che rivelano i due lati della
sensualità.

STAMPATO IN QUADRICROMIA

Olandese Illustrato

49

R

S TA M
ETRO

IN Q

PAT O

PO

O M IA

HE

I UNIC

A PER

ION
EMOZ

TREM

A ES
TENZ

IC R
UADR

V8
rima
TB, p
B
308 G
88 GT
e della
n la 4
n
co
o
zi
sa di
ta
apre
lla Ca
resen
ri, si
dri de
alla p
Ferra
d
lin
i
ci
n
lla
n
e
8
a
le d
degli
A 40
entra
storia
riore-c
nella
poste
pitolo
no la
indica
ovo ca
una
un nu
e 488
rende
le cifr
nello.
etta rip eleva le
nome
Mara
Berlin
l cui

e,
mo
dei
mpant
car, ne Gran Turis
parte
o Ra
orts
gla
avallin
che da
ova sp
e la si
del C
zzo an
La nu
unitaria
nale
o utili
io
a
en
iz
at
pi
ad
cilindr
l loro
ima.
ne tr
pr
de
io
i

az
nt
in
ibili
raggiu
denom
la poss
li mai
zioni e
i a livel
presta
espert
meno
piloti

TICHE

TTERIS
CARA

RALI

GENE

N.D.

ELLO

MOD

4568

ZO

PREZ

LUNG

mm

1952

A
HEZZ

mm

TICHE

TTERIS
CARA

ZA

HEZ
LARG

RE
MOTO
DRATA
GIME
CILIN
AX RE
NZA/M
POTE
X
IA MA
COPP
IONE
Z
A
R
T
E
MARC

Da 0

E

ZION

LERA

CITÀ

VELO

a 100

NZA

KM/H

c.

in 3 se

> 330

IMA
MASS

POTE

urbo
V8 bit
cm3
2
0
9
3
0 rpm
@800
V
C
670
m
760 N
rale
Integ
7

NI

TAZIO

PRES

ACCE

ICHE

TECN

KM/H
V

670 C

A
LESSIV

P

COM

PA162 AUTO SPORTIVE
mensile 12 fogli
carta patinata
• testata termosaldata
• festività internazionali
• 8 1,1940



50

Olandese Illustrato

dim. calendario:
dim. testata:
imballo:

cm 29x47 ca
cm 29x9 ca
pz. 100

Emozioni a quattro ruote,
caratteristiche tecniche,
prestazioni e quotazioni.

FE

RI

FERRA

I LA
RRAR


Documenti correlati


Documento PDF calendari 15 16
Documento PDF calendario 2013
Documento PDF dnb calendario girone d
Documento PDF calendario ha
Documento PDF calendario
Documento PDF calendario out


Parole chiave correlate