File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PresentazioneVercelli20150629 .pdf



Nome del file originale: PresentazioneVercelli20150629.pdf
Titolo: PresentazioneVercelli20150629
Autore: ennicadu

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da PDFCreator Version 1.2.3 / GPL Ghostscript 9.04, ed è stato inviato su file-pdf.it il 06/10/2015 alle 13:50, dall'indirizzo IP 159.20.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1371 volte.
Dimensione del file: 646 KB (28 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA
DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI
SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL’
INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI
URBANI DI VERCELLI
ARPA Piemonte – Dip.Epidemiologia e Salute Ambientale
Enti coinvolti:
Comune di Vercelli
Comune di Asigliano
Asl Vercelli
Dipartimento ARPA di Vercelli
S.C. Epidemiologia e salute Ambientale - ARPA Piemonte
S.C. Previsionale – ARPA Piemonte

Perché studiare gli
effetti sulla salute di un
inceneritore?

EFFETTI SULLA SALUTE
(revisione di letteratura scientifica)

Studi di tipo ecologico
relazione tra la residenza in prossimità
degli impianti ed alcuni esiti riproduttivi:
mortalità infantile e malformazioni
congenite (Tango T, 2004), malformazioni
alla nascita (Vinceti M, 2008), anomalie
congenite e nati pretermine (Dummer TJ,
2003), età gestazionale (Lin CH, 2006).

EFFETTI SULLA SALUTE
(revisione di letteratura scientifica)
Studi di tipo ecologico
questo genere di studi a livello metodologico ha
limitazioni nella valutazione dell’esposizione
che utilizza la distanza dalla fonte come misura
dell’esposizione e non considera possibili
confondenti nella popolazione in studio (es: le
caratteristiche individuali). Da questo ne
consegue una interpretazione incerta di tali
risultati.

EFFETTI SULLA SALUTE
(revisione di letteratura scientifica)

Studi più accurati, condotti in Italia ed in
Francia, riportano un aumento del rischio
per:
•Linfoma non-Hodgkin (Floret N, 2003; Viel JF, 2008)
• Sarcomi del tessuto connettivo (Comba P,
2003; Zambon P, 2007)

• Malformazioni delle vie urinarie alla
nascita (Cordier S, 2010)
•Malattie respiratorie
•Tumori

EFFETTI SULLA SALUTE
(revisione di letteratura scientifica)
Revisioni sistematiche:
I risultati contraddittori non consentono una
risposta chiara e univoca al problema, sono
necessari studi più approfonditi (Franchini M, 2004;
Porta D, 2009)

Complesso valutare l’esposizione dei residenti in
prossimità degli impianti, per difficoltà di
considerare le caratteristiche del territorio e la
presenza di altre fonti emissive che concorrono
all’emissione delle sostanze in studio.

EFFETTI SULLA SALUTE
(revisione di letteratura scientifica)
Uno studio recente (Ranzi A, 2011) introduce alcune
novità tra cui:
L’utilizzo di modelli di dispersione degli inquinanti
(o meglio di alcuni marcatori dei quali si hanno le
misure) che permette di assegnare dei valori di
esposizione dei residenti con maggiore
accuratezza. Gli autori riportano alcuni eccessi di
mortalità per tumore nelle aree con più alta
concentrazione di metalli pesanti.

Area in Studio

Rappresentazione su cartografia CRT:1:10000 della zona del
dominio contenente la sorgente ed i punti di maggiore interesse.

Disegno dello Studio

Disegno dello studio
La scelta del disegno dello studio dipende
principalmente dalle informazioni disponibili.
E’ stato scelto il disegno di studio di coorte,
perché tra gli studi epidemiologici è quello più
ricco di informazioni: consente di ottenere stime
di tutte le misure di frequenza ed associazione,
come tassi (sia di prevalenza sia soprattutto di
incidenza), rischi (relativi, assoluti, attribuibili),
rapporti di rischio (o odds ratio).

Coorte di Vercelli ed Asigliano Vc
La coorte che è stata costituita è di tipo:
• retrospettivo (1.1.1997-31-12.2012)
• su base residenziale storica
I dati provengono dall’anagrafe storica
della popolazione residente nei Comuni
di Vercelli e Asigliano Vercellese.
Sono stati inclusi tutti i residenti nei due
comuni nel periodo in studio.

Studio analitico ambientale di coorte
Geocodifica degli indirizzi
definizione del
dominio
spaziale e
temporale

Scarico archivi
anagrafici
(storia abitativa)

Coorte di
popolazione

t0

MF, Istat:
livello socio-econ.

Fonte di esposizione

Modello dispersione

Periodo di osservazione t1

DWH
regionale/asl
Esiti di salute

Valutazione epidemiologica
Macroarea
Livello aggregato
Meteorologia
Orografia
Satellite…

Monitoraggio
ambientale

Simboli dei
livelli:

Livello semi aggregato
Livello individuale

Modello di dispersione dei contaminanti

Nel 2009 è stato realizzato, dall’Area
Previsione e Monitoraggio Ambientale
dell’Arpa Piemonte uno studio finalizzato
alla stima delle ricadute al suolo (in
termini di concentrazioni medie annue) di
inquinanti originati dall’impianto Veolia
S.p.A. di Vercelli, presso il quale si
svolgono attività di termodistruzione di
Rifiuti Solidi Urbani.

Contributo del Termovalorizzatore RSU – VEOLIA - Concentrazioni di
NOx, medie annuali (Attivazione del modulo calme di vento – anno 2008)
Fonte ARPA Piemonte

Popolazione in studio
• Riassumendo, nei 15 anni di follow-up dello
studio, sulla base della popolazione
anagrafica di Vercelli (Popolazione
al
31/12/2008: 47.082 abitanti) sono stati
reclutati 73316 soggetti 109793 storie
abitative.
• L’anagrafe di Asigliano ha fornito le
risultanze storiche ma non i movimenti
anagrafici. Sono stati ottenuti 2901 record
di cui 2441 utili per lo studio.

Coorte georiferita
Ad ogni soggetto della coorte,
sono
state
attribuite
delle
coordinate geografiche a partire
dall’indirizzo di residenza.

Coorte georiferita
Con
metodi
di
geographic
processing sono stati attribuiti a
ogni indirizzo riconosciuto (quindi
soggetto)
i
valori
di
concentrazione di NOx stimati
con i metodi sopra descritti.

Follow-up di mortalità dei soggetti
E’ stato effettuato il follow-up dei
soggetti nella coorte, abbinando
ogni soggetto (linkage) con i dati
di mortlaità a partire dal
01.01.1997 al 31.12.2011, e dei
ricoveri ospedalieri (01-01.199831.12.2012) forniti dall’Asl di
Vercelli

Soggetti della coorte georiferiti nell’area di studio

Risultati
Sono stati arruolati nella coorte un totale di
82245 soggetti (di cui il 51,3 % sono donne) la
cui distribuzione per genere ed età è descritta in
tabella. Non si evidenziano grandi differenze tra
esposti e non esposti.

Risultati
Associazione tra la concentrazione
di NOx e l’ospedalizzazione nella
coorte dei residenti nell’area di
Vercelli e Asigliano Vercellese per
causa di ricovero (ICD-9) e
genere, aggiustati per fasce di età,
stato civile e periodo di calendario

Risultati
I risultati della mortalità mostrano rischi
significativamente più elevati nella popolazione
esposta per la mortalità totale, escluse le cause
accidentali (+20%). Anche per tutti i tumori
maligni si evidenziano rischi più alti tra gli esposti
rispetto ai non esposti (+60%), in particolare per il
tumore del colon-retto (+400%) e del polmone
(+180%). Altre cause di mortalità in eccesso
riscontrate riguardano la depressione (rischio
aumentato dell’80% e più), l'ipertensione
(+190%), le malattie ischemiche del cuore (+90%)
e le bronco pneumopatie cronico- ostruttive negli
uomini (+ 50%)

Risultati


I risultati dell’analisi dei ricoveri ospedalieri sono stati
utilizzati per calcolare l'incidenza di patologie correlate
considerando solo il primo ricovero. Dall’analisi emergono
dei risultati che confermano molti dei rischi emersi
dall’analisi dei dati di mortalità: rischi aumentati per il
tumore del colon-retto (+35%), depressione (+10%),
ipertensione arteriosa (+20%). Anche per le bronco
pneumopatie cronico- ostruttive i rischi sono aumentati
nello stesso modo (+12%).
• Alcuni risultati sono significativamente aumentati solo
nelle analisi di morbilità: rischio più alto di ricovero per
diabete (+10%), per le malattie degenerative del sistema
nervoso centrale (con il 10-20% di aumento del rischio).
Rischi aumentati sono stati trovati anche per le patologie
epatiche croniche e cirrosi (+30%).

Conclusioni
Conferma
di
associazioni
segnalate in letteratura per
inceneritori di I generazione.
Eccessi di mortalità totale, tutti i
tumori (in particolare colon-retto e
polmone),
malattie
cardiovascolari e respiratorie.

Conclusioni
L'area in studio è critica da un
punto di vista ambientale;
i risultati soffrono di una povera
caratterizzazione dell’esposizione
occupazionale e di informazioni
sui fattori di rischio individuali dei
soggetti della coorte.

Conclusioni
Alcune patologie, come la
depressione
e
le
malattie
degenerative del sistema nervoso
centrale,
potrebbero
essere
spiegate con l’esposizione a
pesticidi utilizzati in agricoltura,
ampiamente utilizzati nella stessa
area di ricadute delle emissioni
dell’inceneritore.


Documenti correlati


Documento PDF presentazionevercelli20150629
Documento PDF tuttosport 2 febbraio 2017
Documento PDF curriculum
Documento PDF 2008
Documento PDF presentazione
Documento PDF 80 sistemi albardellosport 25 26 febbraio


Parole chiave correlate