File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



3748 .pdf


Nome del file originale: 3748.pdf
Titolo: FEDERALISMO MUNICIPALE
Autore: Utente Windows

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Acrobat PDFMaker 15 für Word / Adobe PDF Library 15.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 16/10/2015 alle 10:35, dall'indirizzo IP 94.39.x.x. La pagina di download del file è stata vista 733 volte.
Dimensione del file: 37 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


ART. 29 DEL DISEGNO DI LEGGE SULLA CONCORRENZA
Approvato dal Consiglio dei Ministri n.° 51 il 20.02.2015

Art. 29 del suddetto DDL è intitolato
“Semplificazione del passaggio di proprietà
di beni immobili ad uso non abitativo”

Art. 812 cod.civ. Sono beni immobili il suolo, le sorgenti e i corsi
d'acqua, gli alberi, gli edifici e le altre costruzioni, anche se unite al
suolo a scopo transitorio, e in genere tutto ciò che naturalmente o
artificialmente è incorporato al suolo.
Sono reputati immobili i mulini, i bagni e gli altri edifici galleggianti
quando sono saldamente assicurati alla riva o all'alveo e sono
destinati ad esserlo in modo permanente per la loro utilizzazione ).
Sono mobili tutti gli altri beni

Per gli atti e le dichiarazioni aventi ad oggetto
la cessione o la donazione di beni immobili
adibiti ad uso non abitativo, come individuati
dall’articolo 812 del codice civile, di valore
catastale non superiore a € 100.000. (Ad es.
box, cantine, terreni)
Ovvero aventi ad oggetto la costituzione o la
modificazione di diritti sui medesimi beni

Passaggi immobiliari per i quali non
sarà più necessaria la figura del notaio:

Costituzioni di una S.r.l. semplificata

Costituzione di S.r.l. con capitale fino a €
20.000,00. Cessione di quote di S.r.l.

A

Potranno essere effettuati non più per atto pubblico, ma sarà
sufficiente l’autenticazione della relativa sottoscrizione.
La suddetta sottoscrizione potrà essere effettuata dagli avvocati
abilitati al patrocinio.
L’avvocato dovrà, inoltre, munirsi di polizza assicurativa pari
almeno al valore del bene dichiarato nell’atto.

Potranno essere
effettuati con scrittura
privata.

Potrà perfezionarsi con scrittura privata
o firma digitale delle parti: l’invio al
Registro
imprese
potrà
avvenire
direttamente
o
attraverso
un
intermediario, professionista, sindacato
datoriale, agenzia per il disbrigo di
pratiche “abilitato”, alla Camera di
Commercio.

Le visure ipotecarie e catastali
per la redazione degli atti e delle
dichiarazioni,
nonché
le
comunicazioni
dell’avvenuta
sottoscrizione degli stessi agli
uffici competenti sono a carico
della parte acquirente, donataria
o mutuataria

Precisazione sulle donazioni:
In realtà a differenza della vendita, la forma della donazione di immobili (e di beni mobili di non modico valore) è quella
dell’atto pubblico (art. 782 c.c.), per cui non esistono casi nei quali per atti di donazione è “necessaria” (cioè sufficiente)
l’autenticazione della sottoscrizione, posto che la forma della donazione non può essere la mera scrittura privata autenticata, ma
soltanto l’atto pubblico.
Tuttavia, pare, da quanto emerge da dichiarazioni informali del governo più che dalla lettera della norma citata, che la
stessa intenda escludere proprio il requisito di forma dell’atto pubblico per la donazione, quando quest’ultima abbia ad oggetto
un immobile ad uso non abitativo: in altre parole, verrebbe meno la necessaria redazione del documento da parte di un notaio ex
art. 2699 c.c.
Per un verso, queste donazioni potrebbero avere la forma della scrittura privata autenticata (l’autenticazione consiste
nell’attestazione da parte del pubblico ufficiale che la scrittura è stata apposta in sua presenza, previo accertamento della
identità del sottoscrivente: art. 2703 c.c.); per altro verso, l’autenticazione potrebbe essere effettuata anche da un avvocato.
A questo punto, ove l’art. 29 del DDL Concorrenza dovesse divenire legge, verrebbe svuotata di contenuto la disposizione
normativa di cui all’art 782 c.c. secondo cui “La donazione deve essere fatta per atto pubblico, sotto pena di nullità”. La stessa
sarebbe implicitamente abrogata nella parte in cui prevede l’atto pubblico (anche) per le donazioni di beni immobili ad uso non
abitativo.

Avv. Cristina Paba

B

03 marzo 2015


3748.pdf - pagina 1/2
3748.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF 3748
Documento PDF bozza legge stabilita
Documento PDF il sole 24 ore 19 06 2015 by pds
Documento PDF circolare n 26 del 04 02 2015
Documento PDF bollettino 2015 09
Documento PDF 3840


Parole chiave correlate