File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Bozza Legge stabilità.pdf


Anteprima del file PDF bozza-legge-stabilita.pdf

Pagina 1 2 3 45688

Anteprima testo


c) al comma 380-ter, la lettera d) è sostituita dalla seguente: “d) con il decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri di cui alla lettera b) può essere variata la quota di gettito
dell'imposta municipale propria di spettanza comunale di cui alla lettera a) da versare al
bilancio dello Stato e, corrispondentemente, rideterminata la dotazione del Fondo di cui alla
medesima lettera a). Le modalità di versamento al bilancio dello Stato sono determinate con
il medesimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Ministro dell'economia e
delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di
bilancio.”;
d) al comma 380-quater:
1) dopo le parole “20 per cento” sono aggiunte le seguenti: “, per l’anno 2015, il 30 per
cento per l’anno 2016, il 40 per cento per l’anno 2017 e il 55 per cento per l’anno 2018”;
2) dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: “Per l’anno 2016, sono assunti a riferimento
i fabbisogni standard approvati dalla predetta Commissione entro il 31 marzo 2016.”;
3) le parole “per l’anno 2015”, ovunque ricorrano, sono sostituite da “per gli anni 2015 e
2016”;
e) dopo il comma 380-quinquies sono aggiunti i seguenti: “380-sexies. Con il medesimo
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui alla lettera b) del comma 380-ter,
l’incremento di 3.668,09 milioni di euro per gli anni 2016 e successivi della dotazione del
fondo di solidarietà comunale, in deroga a quanto disposto dai commi 380-ter e 380-quater,
è ripartito tra i comuni interessati sulla base del gettito effettivo IMU e TASI derivante dagli
immobili adibiti ad abitazione principale e dai terreni agricoli, relativo all’anno 2015. 380septies. A decorrere dall’anno 2016 l’ammontare del fondo di solidarietà comunale di cui al
comma 380-ter, al netto degli importi erogati ai sensi del comma 380-sexies, per ciascun
comune:
a) delle Regioni Siciliana e Sardegna è determinato in modo tale da garantire la medesima
dotazione netta del fondo di solidarietà comunale per l’anno 2015;
b) delle Regioni a statuto ordinario non ripartito secondo i criteri di cui al comma 380-quater è
determinato in modo tale da garantire proporzionalmente la dotazione netta del fondo di
solidarietà comunale per l’anno 2015. 380-octies. Ai fini del comma 380-septies, per
dotazione netta si intende la differenza tra le assegnazioni di risorse, al netto degli importi
erogati ai sensi del comma 380-sexies per ciascun comune e la quota di alimentazione del
fondo a carico di ciascun comune.”.
7. Per le medesime finalità di cui al comma 6, per i comuni delle regioni a statuto speciale FriuliVenezia Giulia e Valle d'Aosta a cui la legge attribuisce competenza in materia di finanza locale,
la compensazione del minor gettito IMU e TASI avviene attraverso un minor accantonamento di
79,525 milioni di euro, a valere sulle quote di compartecipazione ai tributi erariali, ai sensi del
comma 17 del citato articolo 13 del decreto-legge n. 201 del 2011, sulla base del gettito effettivo
IMU e TASI derivante dagli immobili adibiti ad abitazione principale e dai terreni agricoli,
relativo all’anno 2015.
8. Per l'anno 2016 è attribuito ai comuni un contributo di complessivi 390 milioni di euro da
ripartire, con decreto del Ministero dell'interno, di concerto con il Ministero dell'economia e
delle finanze, da adottare entro il 28 febbraio 2016, in proporzione alle somme attribuite, ai
sensi del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 6 novembre 2014, pubblicato nel
supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 271 del 21 novembre 2014, adottato ai sensi
dell'articolo 1, comma 731, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. Le somme di cui al periodo
precedente non sono considerate tra le entrate finali valide ai fini del vincolo del pareggio di
bilancio di cui all'articolo 50. Le disponibilità in conto residui iscritte in bilancio per l'anno
2015, relative all'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 1, comma 10, del decreto-legge 8
aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64, e successive
4