File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



interrogazione PEF 2013 2014 .pdf



Nome del file originale: interrogazione PEF 2013 2014 .pdf
Autore: utente

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 09/11/2015 alle 09:10, dall'indirizzo IP 37.117.x.x. La pagina di download del file è stata vista 877 volte.
Dimensione del file: 510 KB (3 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Castel Guelfo di Bologna, 07/11/2015

Al Sig. Sindaco
del Comune di
Castel Guelfo di Bologna
Via Gramsci, 10
40023 - Castel Guelfo di Bologna
VIA E-MAIL ALL’INDIRIZZO
Agli Assessori;
Ai Consiglieri Comunali.
urp@castelguelfo.provincia.bologna.it

INTERROGAZIONE

Visto


La delibera di Consiglio Comunale del Comune di Castel Guelfo di Bologna n. 54 del
27/08/2015 ad oggetto "Mozione per impegnare il sindaco e la giunta a procedere a
una verifica presso ATERSIR dei costi dettagliati per il servizio rifiuti a consuntivo e
ad assumere provvedimenti utili al recupero delle somme eventualmente dovute a
conguaglio";



La delibera n. 107 del 22 giugno 2015 del Comune di Castel San Pietro Terme,
Comune aderente al NCI, ad oggetto "Piano economico finanziario del Servizio
Gestione Rifiuti Urbani e Assimiliati (SGRUA) - Provvedimenti" con la quale la giunta
delibera "di dare atto che nelle more dei meccanismi di conguaglio degli anni
precedenti questa amministrazione procederà ulteriormente a verificare con
ATERSIR e con gli altri soggetti coinvolti in modo univoco gli assetti economici a
consuntivo pertinenti alla stessa Amministrazione comunale in coerenza con i
principi applicativi di Legge per i conguagli" e di "riservarsi ogni successivo ulteriore
provvedimento a tutela degli interessi dei cittadini di Castel San Pietro Terme e della
stessa Amministrazione comunale";



La risposta dell'assessore regionale all'Ambiente Paola Gazzolo all'interrogazione a
risposta scritta n. 278 a firma del consigliere Galeazzo Bignami (disponibile sul sito
internet dell'Assemblea Legislativa dell'Emilia-Romagna) nella quale si evidenzia che
"in relazione al territorio di Bologna, ATERSIR segnala che per ogni annualità,
eventuali scostamenti in termini di rifiuti prodotti e/o servizi erogati rispetto alla
pianificazione economico finanziaria dell'anno precedente, sono comunicati alle
Amministrazioni comunali e conguagliati nella Pianificazione economico finanziaria

per l'anno successivo. La voce in cui sono inseriti i conguagli è quella relativa ai CCD
(Costi comuni diversi) prevista dal DPR 158/99”;
Premesso
 Che la lista civica “La tua Castel Guelfo”, attraverso il consigliere regionale
Galeazzo Bignami ha chiesto e ottenuto il rendiconto ai sensi della delibera di
giunta regionale 754/2012 del Servizio gestione rifiuti urbani e assimilati (SGRUA)
per il Comune di Castel Guelfo di Bologna riferito alle annualità 2013 e 2014
(allegati al presente documento);
Considerato


Che dall’esame dei rendiconto risulta che sull’annualità 2013 i costi sopportati dal
gestore per l’erogazione dei Servizi relativi alla gestione dei rifiuti ammontano
complessivamente a 688.390,37 euro IVA esclusa e che tale somma comprende i
costi diretti e indiretti compresi i costi d’uso del capitale;



Che i ricavi per il gestore derivanti da proventi da tassa ammontano a 862.707,16
euro e che dunque la differenza tra ricavi e costi ammonta complessivamente a
174.316,79 euro;



Che sull’annualità 2014 risulta che i costi sopportati dal gestore ammontano a
720.900,01 euro mentre i ricavi derivanti da proventi da tassa ammontano a
864.005,13 euro, con una differenza di 143.105,12 euro;



Che il principio generale del Servizio Rifiuti è che la tassa deve coprire interamente il
costo del servizio;



Che la differenza dei minori costi sopportati dal gestore per l’annualità 2013 non è
stata dedotta nel PEF 2015 di recente approvazione;



Che la differenza relativa ai minori costi sostenuti dal gestore a consuntivo per il
servizio rifiuti sulle annualità 2013 e 2014 sono pari a €. 317.412,91 ma anticipati e
versati da questa amministrazione sulla base dei preventivi per le stesse annualità;



Che verosimilmente l’IVA versata per il costo per il Servizio Rifiuti è stata calcolata
su importi superiori rispetto ai costi effettivi sopportati dal gestore;
Chiediamo
Alla Sig.ra Sindaco, all’assessore al Bilancio, all’assessore all’Ambiente, sulla base dei
dati di fatto riportati negli allegati rilasciati da ATERSIR :


Perché questi dati non sono stati resi nei tempi dovuti per la corretta stesura
dei bilanci ;



Perché , in base ai consuntivi degli anni 2013 e 2014, la determinazione del
preventivo 2015 è notevolmente al di sopra dei costi previsti;



Se si intende esigere l’importo anticipato in preventivo per gli anni 2013 e
2014;



Se intende trasmettere all’organo di revisione economico finanziaria dell’Ente
tali rilevanze poiché quest’ultimo è chiamato a garantire il perseguimento
dell’obiettivo arginando il disallineamento delle poste debitorie e creditorie

poiché è l’ente pubblico, in quanto socio, titolare dei poteri di stimolo per
l’adozione dei necessari processi volti alla correzione delle discordanze rilevate;


Se si intende asseverare la nota creditizia, se questa è già stata prevista in
modo analitico nel bilancio certificato dall’organo di revisione della società
partecipata nei singoli rapporti di credito e di debito nei confronti dell’ente
partecipante e se, qualora non fosse stata prevista nel bilancio della
partecipata, si intende avviare le procedure di competenza previste per legge
al fine di riconciliare la partita creditoria;



Se si intende, nell’ambito del procedimento previsto per legge, inserire in
bilancio la quota in accredito mediante variazione di bilancio e in che modalità
si ritiene di re-investire le somme creditizie;



Se si intende, in caso di non possibilità di inserimento in bilancio in corso,
intervenire in ambito Regionale, affinché queste quote possano essere
conguagliate nel PEF 2016;



Se si intende verificare anche il preventivo 2015 nell’esercizio delle prerogative
connesse alla propria qualità di socio, ponendo in essere il doveroso costante
monitoraggio sull’andamento della società partecipata, al fine di inserire già per
tempo nell’ambito del bilancio consuntivo dell’esercizio in corso, eventuali
posizioni creditorie e/o debitorie;

che tale interrogazione venga inserita all’ordine del giorno della prima seduta utile
come da art.17 del regolamento del consiglio comunale.
I Consiglieri
Per Lista Civica “ La tua Castel Guelfo”
(Francesco Dalto)

(Brigida Miranda)


interrogazione PEF 2013 2014 .pdf - pagina 1/3
interrogazione PEF 2013 2014 .pdf - pagina 2/3
interrogazione PEF 2013 2014 .pdf - pagina 3/3

Documenti correlati


Documento PDF interrogazione pef 2013 2014
Documento PDF interrogazione campo sportivo poggio
Documento PDF torrione natale 2014
Documento PDF torrione natale 2014
Documento PDF torrione dicembre 2016
Documento PDF mozione dissesto circondario


Parole chiave correlate