File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



KOKURA HIBUN(HONCHO BUGEI SHODEN) .pdf



Nome del file originale: KOKURA HIBUN(HONCHO BUGEI SHODEN).pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / OpenOffice 4.1.1, ed è stato inviato su file-pdf.it il 19/11/2015 alle 21:42, dall'indirizzo IP 93.44.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1234 volte.
Dimensione del file: 144 KB (6 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Kokura hibun
( tratto dall'Honcho Bugei Shoden)
Il Kokura hibun è una stele funeraria dedicata a uno spadaccino giapponese vissuto
a cavallo tra il 1500 e il 1600. Il testo è compreso nell' Honcho Bugei Shoden ed
esattamente stiamo parlando del capitolo 6 intitolato ' Arts of war in time of peace'.
Questo capitolo, e non solo, fu tradotto da John M. Rogers nella Monumenta
Nipponica, Vol. 46, No. 2 (Summer, 1991), pp. 173-202(2) ed è accessibile previa registrazione su
JSTOR.

Monument to the late Shinmen Musashi Genshin Niten, unparalleled master of
swordsmanship, descendant of the Akamatsu of Harima.
He died on the 19th day, Fifth month, Shoho 2 [1645], at Kumamoto in the province of Higo.
On the 19th day, Fourth month, Joo 3 [1654], this monument was respectfully erected by his
faithful son.
Seizing opportunities and adapting to circumstances are the hallmark of a great general.
Studying the martial arts and learning strategy are necessary for those who have embarked
on the path of the warrior. Who was he who walked the paths of learning and the military
arts? Who was he whose honor extended beyond the imagination? A hero from the province
of Harima, he called himself Musashi Genshin Niten, a proud descendant of the Niimi, a
branch of the Akamatsu. As I recall, blessed by nature by a magnanimous spirit, he worried
himself no with petty affairs, for this was no a ordinary man. He was the founder of
swordsmanship using the dual swords.
The personal name of his father was Muni and he was a jitte expert. Musashi learned his
father's art and practiced incessantly day and night. He pondered the principles of the
weapon and came to learn immeasurable things, such as the advantage of a jitte is an
expectedly many times greater than that of the sword. An yet the jitte is not a commonly
carried weapon, while the two swords are always worn at the side. Thus, using the two
swords can obtain the same advantage as that shown by the principles behind the jitte.
Musashi therefore gave up the jitte and used two swords. His skill was indeed as exquisite
as a sword dance. His steel swords flew; his wooden swords leaped. His opponent ran and
dogded, but were unable to escape. He was like an arrow shot by a mighty crossbow. He
never missed, and not even Young You was superior. His hands had mastered
swordsmanship and his entire appearance radiated his bravery.
Musashi first came from Harima when he was thirteen. He was eager to enter into combat
with one Arima Kihei of the Shinto-ryu to see who was the better and he easily won. In the
spring of sixteenth year, he went to Tajima province, where there was an eminent and
powerful warrior known as Akiyama. He once again called for a duel and struck him dead
with as little effort as it takes to turn one's hand. His name was constantly mentioned in the
town.
Later, Musashi traveled to the capital. Yoshioka, the undisputable expert of swordsmanship,
lived there and Musashi challenged him to a match. Yoshioka Seijiro, the Yoshioka heir, met
Musashi on the outskirts of the capital at Rendaino, where the two strong men fought
fiercely like a dragon and a tiger. With a single blow of Musashi's wooden sword, Yoshioka

fell face down and stopped breathing. Since he had fallen with a single blow, Musashi
spared him his life. Seijiro's students laid him out on a plank and carried him off. Thanks to
medicines and baths at the springs, he gradually recovered. Yoshioka eventually gave up
swordsmanship and received the tonsure.
However, a match was later held with Yoshioka Denshichiro, once again on the outskirts of
the capital, to see who was better. Denshichiro came armed with a wooden sword more than
five shaku in length. Adapting to the situation, Musashi wrestled the wooden sword from
him and struck him with it. Yoshioka fell to the ground and died shortly thereafter.
Bearing hatred for Musashi, Yoshioka's disciples secretly schemed, justifying themselves by
saying, 'Strategy allows no meeting the opponent in good faith; an army has to devise plans.'
So they met up with Yoshioka Matashichiro at Sagarimatsu on the outskirts of the capital,
and several hundred of his students, armed with staffs and bows, went out to do harm to
Musashi.
Musashi's genius lay in always foreseeing when something was going to happen and he had
a talent for knowing when the opportunity was right. He immediately caught on to
Yoshioka's deception and told his own students, 'This affair do not concern you directly.
You should disperse immediately. What if they form a great crowd or army enemies full of
hatred? I shall watch this as impassively as the floating clouds. Why should I fear them?'
Seeing Musashi fearlessly rushing toward them, the mob scattered as if chased by a wild
beast, and with their confidence shattered, they returned home. The people of the capital
were amazed at this. The bravery, the intelligent strategy that allowed one man to take on a
myriad of enemies-truly this was the wondrous principle that lies behind the art of
swordsmanship.
Before this, the Yoshioka family had been for generations masters of swordsmen to the
noble houses. They were proclaimed to be the undisputed masters of swordsmanship.
During the reign of Ashikaga Yoshiteru, Muni was called forth and a match was held
between him and Yoshioka. Three bouts were held. Yoshioka won one, but Muni was twice
victorious. For this feat, Muni was awarded the title 'Unmatched swordsman in the land'.
Musashi, too, won several matches with the Yoshioka while he was staying in the capital.
From then, the fortunes of the Yoshioka house waned.
There was a great swordsman whose name was Ganryu. Looking for a chance to fight
Musashi to see who was better, he challenged him to a match with live swords. Musashi
replied, 'You may use a live sword with all its advantages. As for me, I shall bring a wooden
sword and show you its secrets.' Thus a firm pledge was made.
In the waters between Nagato and Buzen, there is an island called Funashima and the two
warriors agreed to arrive at the same time. Ganryu came carrying a live sword more than
three shaku in length, and fought for his life, but Musashi killed him with a single blow of
his wooden sword. It was faster than lightning, quicker than thunder. Because of the duel,
the name of Funashima island changed to the now popular Ganryujima.
From the age of thirteen until he was a grown man of about thirty, Musashi took part in
more than sixty duels and never once did he fail to win. He always said that considered
himself victorious only when he was able to strike the opponent right between the eyebrows,
and he never went back on that pledge. The number of men who since ancient times have
entered into sword duels must reach the thousands and tens thousands; but throughout the
land none of these brave and skilled swordsmen can compare. There is only one Musashi.
His renown has reached across the four seas and his praises have never ceased to be sung.
He truly left a deep impression on even those well versed in such affairs; they agree that he
was strange and wondrous, different from any other swordsman. Indeed, Musashi was truly

strong and brave. Musashi always used to say, 'Swordsmanship is grasped by the mind
through practice. If there is no trace left of the self, then surely there is nothing difficult in
commanding a great army on the battlefield or ruling a province.'
During the plot of Toyotomi's treacherous vassal, Ishida Jibu-no-sho, and at the time of
Hideyori's insurrections in Osaka and Settsu, Musashi was renowned for his valor and skill
with the sword. No matter how flattering the phrase, his greatness cannot be sufficiently
lauded; no brief description can do him full justice. He was also well versed in etiquette,
music, archery, horsemanship, calligraphy, mathematics, and literature. Highly
accomplished in the minor arts, there was virtually nothing he could not do. Truly an
amazing man. On his deathbed in Higo, he wrote as his legacy, 'Even though I may die, the
great, true, all-embracing art of swordsmanship shall never cease.'
I, his faithful son, do hereby erected this monument so that his deeds may be known. I can
only hope that posterity may deign to read it. Ah, how great a man was he!
Erected by Miyamoto Iori.
Di seguito la traduzione:
Monumento al defunto Shinmen Musashi Genshin Niten, maestro della spada
ineguagliabile, discendente degli Akamatsu di Harima.
Egli morì il giorno 19, del Quinto Mese, Shoho 2 [1645], a Kumamoto nella provincia di
Higo. Nel giorno 19, del Quarto Mese, Joo 3 [1654], questo monumento fu rispettosamente
eretto dal suo leale figlio.
Afferrare le opportunità e adattarsi alle circostanze sono le caratteristiche di un grande
generale. Lo studio delle arti marziali e l'apprendimento della strategia sono necessarie per
quelli che si sono imbarcati nella via del guerriero. Chi fu colui che camminò nelle vie
dell'erudizione e delle arti militari? Chi fu colui le cui mani danzarono nei campi di
battaglia? Chi fu colui il cui onore si estese oltre l'immaginazione?
Un eroe della provincia di Harima, egli chiamò se stesso Musashi Genshin Niten, un fiero
discendente dei [del clan] Niimi, un ramo degli Akamatsu. Come ricordo, benedetto dalla
natura con uno spirito magnanimo, egli non si preoccupava di insignificanti affari, per
questo non era un uomo ordinario. Egli fu il fondatore dello stile di spada che usa le due
spade.
Il nome personale di suo padre era Muni, ed era un esperto del jitte. Musashi apprese l'arte
di suo padre e si esercitò incessantemente giorno e notte. Egli ponderò i principi dell' arma e
giunse ad apprendere incommensurabili cose, tali che che il vantaggio del jitte è
inaspettatamente molte volte più grande di quello della spada. E tuttavia il jitte non è un'
arma comunemente portata, mentre le spade sono sempre indossate al fianco. Quindi,
usando le due spade si può ottenere lo stesso vantaggio come quello mostrato dal principio
dietro il jitte. Musashi pertanto lasciò il jitte e usò le due spade. La sua capacità fu davvero
splendida come la danza di una spada. Le sue spade d'acciaio volavano; le sue spade di
legno balzavano. I suoi avversari correvano e schivavano, ma erano incapaci di fuggire. Era
come una freccia lanciata da una potente balestra. Mai perse, e neanche Yang You fu
superiore. Le sue mani padroneggiavano l'abilità dell'uso della spada e il suo intero aspetto
irradiava il suo coraggio.
Innanzi tutto Musashi venne ad Harima quando era tredicenne. Era impaziente di entrare in
combattimento con uno, Arima Kihei dello Shinto-ryu per vedere chi era il migliore e vinse
facilmente. Nell' estate del suo sedicesimo anno, egli andò nella provincia di Tajima, dove
c'era un eminente e potente guerriero conosciuto come Akiyama. Egli ancora una volta

richiese un duello e lo colpì mortalmente con poco sforzo come girare la propria mano.
Il suo nome fu costantemente menzionato in città.
Successivamente, Musashi viaggiò verso la capitale. Yoshioka, l'incontestabile esperto della
spada, viveva là e Musashi lo sfidò ad un incontro.
Yoshioka Seijiro, l'erede degli Yoshioka, incontrò Musashi nella periferia della capitale a
Rendaino, dove i due forti uomini lottarono coraggiosamente come un dragone e una tigre.
Con un singolo colpo della spada di legno di Musashi, Yoshioka cadde con la faccia a terra e
smise di respirare. Siccome egli cadde con un singolo colpo, Musashi risparmiò la sua vita.
Gli allievi di Seijiro lo sdraiarono su una tavola e lo portarono via. Grazie alle medicine e ai
bagni alle sorgenti, gradualmente guarì. Yoshioka alla fine abbandonò l'uso della spada e
ricevette la tonsura.
Comunque, un incontro fu successivamente tenuto con Yoshioka Denshichiro, un' altra
volta per vedere chi era il migliore. Denshichiro venne armato con una spada di legno più
lunga di cinque shaku. Adattandosi alla situazione gli strappò la spada di legno e lo colpì
con essa. Yoshioka cadde a terra e morì poco dopo.
Portando odio per Musashi, i discepoli di Yoshioka segretamente cospirarono giustificando
se stessi dicendo, “ La strategia non ci permette di affrontare l'avversario in buona fede; un
esercito deve escogitare piani.” Così si incontrarono con Yoshioka Matashichiro a
Sagarimatsu nella periferia della capitale, e molte centinaia dei suoi studenti, armati con
bastoni e archi, andarono a nuocere a Musashi.
Il genio di Musashi si estende di continuo nella previsione quando qualcosa stava per
accadere e aveva talento nel sapere quando l'opportunità era giusta. Egli immediatamente
comprese il raggiro degli Yoshioka e disse ai suoi discepoli, 'Questo non è un affare che vi
interessi direttamente. Vi dovreste disperdere immediatamente. Cosa importa se formano
una grande folla o un esercito di nemici pieni di odio? Io guarderò questo
imperturbatamente come nuvole passeggere. Perché dovrei temerli?'
Vedendo Musashi correre verso di loro senza paura, la folla si sparpagliò come fosse
cacciata da una bestia selvaggia, e con la loro fiducia distrutta tornarono a casa. Le persone
della capitale erano meravigliate di questo. Il coraggio, l' intelligente strategia che permise a
un uomo di sfidare miriadi di veri nemici, questo era il sorprendente principio che sta dietro
l'arte della spada.
Prima di questo, la famiglia Yoshioka fu per generazioni maestra di spadaccini delle nobili
case. Furono proclamati come gli indiscussi maestri di spada. Durante il regno di Ashikaga
Yoshiteru, Muni fu convocato e un incontro fu tenuto tra lui e Yoshioka. Tre combattimenti
ci furono. Yoshioka ne vinse uno, ma Muni fu vittorioso in due. Per questa impresa, Muni fu
ricompensato con il titolo 'Insuperato spadaccino nel paese.'
Anche Musashi vinse molti incontri con gli Yoshioka mentre stava nella capitale. Da allora,
le fortune degli Yoshioka svanirono.
C'era un grande spadaccino il cui nome era Ganryu. Cercando un' opportunità di combattere
con Musashi per vedere chi era il migliore, egli lo sfidò in un incontro con lame vive.
Musashi rispose, 'Tu puoi usare una lama viva con tutti i suoi vantaggi. Quanto a me,
porterò una spada di legno e ti mostrerò i suoi segreti.' Poi una risoluta promessa fu fatta.
Nelle acque tra Nagato e Buzen, c'è un'isola chiamata Funashima e i due guerrieri si
accordarono di arrivare allo stesso tempo. Ganryu venne portando una spada viva più lunga
di tre shaku, e combatté per la sua vita, ma Musashi lo uccise con un singolo colpo della sua
spada di legno. Fu più veloce di un fulmine, più rapido del tuono. A causa di questo duello,
il nome dell' isola di Funashima cambiò con quello ora più popolare di Ganryujima.
Dall' età di tredici anni fino a quando divenne un uomo di circa trenta anni, Musashi prese

parte a più di sessanta duelli e mai una volta fallì nella vittoria. Egli sempre disse che
considerava se stesso vittorioso solo quando era capace di colpire l'avversario esattamente in
mezzo alle sopracciglia, e mai arretrò in questo impegno.
Il numero di uomini che dai tempi antichi hanno duellato con spade raggiunge le migliaia e
decine di migliaia; ma per tutto il paese nessuno di questi coraggiosi e capaci spadaccini può
essere paragonato.
C'è solo un Musashi. La sua fama si è estesa attraverso i quattro mari e i suoi elogi non
hanno mai cessato di essere cantati.
Egli lasciò veramente una profonda impressione anche su quelli competenti di queste
faccende; essi sono in accordo che era stravagante e meraviglioso, diverso da ogni altro
spadaccino. Musashi fu veramente forte e coraggioso. Infatti Musashi era sempre solito
dire, 'L'uso della spada è afferrato dalla mente attraverso la pratica. Se non c'è traccia
lasciata di se stessi, sicuramente non c'è nessuna difficoltà nel comandare un grande esercito
nel campo di battaglia o nel governare una provincia.'
Durante il complotto dell' infido vassallo di Toyotomi, Ishida Jibu-no-sho, e al tempo dell'
insurrezione di Hideyori ad Osaka e Settsu, Musashi fu riconosciuto per il suo coraggio e
per la sua abilità con la spada. Non importa quanto adulatoria sia la frase, la sua grandezza
non può essere sufficientemente lodata; nessuna breve descrizione può fargli piena giustizia.
Era anche ben versato nell'etichetta, nella musica, nell' arco, nell' equitazione, nella
calligrafia, nella matematica e nella letteratura. Altamente abile nelle arti minori, non c'era
nulla che virtualmente non potesse fare. Veramente un uomo strabiliante. Nel suo letto di
morte ad Higo, scrisse come sua eredità, 'Benché Io possa morire, la grande, vera,
onnicomprensiva arte della spada non cesserà mai.'
Io, il suo devoto figlio, con ciò erigo questo monumento così che le sue azioni possano
essere conosciute. Io posso solo sperare che la posterità possa degnarsi di leggerlo. Ah,
quale grande uomo egli era!
Eretto da Miyamoto Iori.

TRATTO DA:

Arts of War in Times of Peace. Swordsmanship in Honcho Bugei Shoden, Chapter 6
John M. Rogers
Monumenta Nipponica
Vol. 46, No. 2 (Summer, 1991), pp. 173-202

Testo accessibile su JSTOR (http://www.jstor.org/)

Traduzione completata il giorno 15 novembre 2015, Modena (Marco Daga)


Documenti correlati


Documento PDF kokura hibun honcho bugei shoden
Documento PDF kokura hibun
Documento PDF kokura hibun
Documento PDF kokura hibun la stele di miyamoto musashi
Documento PDF gli ultimi yoshioka
Documento PDF honcho bugei shoden cap 6


Parole chiave correlate