File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



eBook scratch .pdf



Nome del file originale: eBook_scratch.pdf
Titolo: Esercitazioni Scratch

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da iBooks Author / Mac OS X 10.10.2 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 09/12/2015 alle 18:13, dall'indirizzo IP 93.148.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1771 volte.
Dimensione del file: 5.5 MB (50 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


UNIVERSITÀ DI SALERNO, 2014

Esercitazioni
Scratch

BETA VERSION 0.2 (DRAFT 21/05/2014)

C APITOLO 1

Introduzione

Scratch è un nuovo linguaggio di programmazione visuale che ti permette di
creare storie interattive, applicazioni educative, animazioni, giochi, etc.
Scratch offre un ambiente di programmazione user-friendly che nella versione 2.0
è sia completamente on-line che in versione desktop (cioè completamente off-line).

S EZIONE 1

L’ambiente Scratch

L’ambiente di Scratch è costituito da diverse sezioni o aree di
lavoro:
• Stage,
• Sprite List
• Scripts tab (con all’interno Blocks tab e Scripts Area)

1. Un linguaggio di programmazione visuale
permette di scrivere programmi collegando tra
di loro dei blocchi grafici
2. La metafora utilizzata da Scratch è quella della
scrittura di un copione (script) per uno o più
attori (sprite) che agiscono in una o più scene
(scene) di una rappresentazione teatrale
3. Quindi, uno script fornisce le istruzioni
(organizzate in forma di programmaalgoritmo) per uno sprite
4. Un programma Scratch è costituito da più
script che decidono il comportamento dei
singoli sprite che, eventualmente,
interagiscono tra loro (e.g. utilizzando
messaggi o eventi)

Inoltre, la barra in alto è suddivisa in due parti:
• Menu Bar (che permette di generare un nuovo progetto vuoto, caricare un progetto salvato, salvare il progetto corrente,
etc.)
• Cursor Tools (che offre la possibilità di eseguire operazioni
quali, ad esempio, elimina, duplica, etc.)
2

Lo Stage è lo schermo nel quale il risultato del nostro programma (col quale l’utente finale interagirà) sarà visualizzato.
Ai diversi punti dello Stage si può accedere grazie alle coordinate cartesiane.

Cliccando sullo sprite è possibile visualizzare lo script corrispondente nello Scripts tab (che, in un nuovo progetto, risulterà vuoto). Nella figura seguente, il pannello per scrivere gli
script è indicato on una freccia rossa.

Le dimensioni dello Stage sono di 480 passi in larghezza e di
260 in altezza (ricordiamoci che si misura in passi dato che
l’obiettivo è animare un attore detto Sprite).

Nella sezione Sprite List è possibile gestire uno o più sprite inclusi nel nostro programma.

Per scrivere lo script è necessario trascinare i blocchi nel pannello indicato dalla freccia rossa.
La Blocks tab prevede 10 categorie di blocchi dette “palette”: 
• Motion (movimento)
• Looks (aspetto)
3

• Sound (suono)
• Pen (penna)
• Data (variabili e liste)
• Events (situazioni)
• Control (controllo)
• Sensing (sensori)
• Operators (operatori)
• More Blocks (altri blocchi)

metti, quindi visualizzando del testo), di apparire, scomparire
e cambiare costume.
I blocchi suono forniscono le istruzioni che è possibile inserire in un programma per riprodurre dei suoni (e.g. voce, musica, effetti, etc.).
I blocchi penna includono tutte le istruzioni per disegnare sullo schermo (scena).
I blocchi variabili e liste includono tutte le istruzioni per
creare nuove variabili/liste e per utilizzarle all’interno dei nostri programmi. Le variabili sono dei contenitori residenti in
memoria (del computer) che servono a conservare e manipolare i dati (e.g. numeri, caratteri, parole, frasi, etc.). Le liste permetto di gestire più variabili correlate tre loro.
I blocchi situazioni forniscono le istruzioni per avviare uno
script, per avviare tutti gli script, per inviare un messaggio (ad
un altro script) e per gestire alcuni eventi quali, ad esempio, la
rumorosità.

I blocchi movimento includono tutte le istruzioni che è possibile impartire ad uno sprite per consentirgli di muoversi sulla
scena.
I blocchi aspetto includono tutte le istruzioni per consentire
ad uno sprite di parlare e pensare (con il meccanismo dei fu-

I blocchi controllo includono le istruzioni per permettere ad
uno sprite di ripetere più volte lo stesso comportamento, di
clonarsi, di fermarsi (fermare l’esecuzione dello script) di attendere degli eventi specifici, etc.
I blocchi sensori includono le istruzioni per percepire gli
eventi esterni (clic del mouse, pressione su tastiera, movimento nella web cam) e interni relativi all’esecuzione di un pro-

4

gramma e consentire a uno sprite di reagire in maniera specifica a un singolo evento.

Inoltre, nel Sounds Tab è possibile organizzare, registrare e
riprodurre i suoni da associare al comportamento degli sprite.

I blocchi operatori includono le istruzioni per eseguire operazioni aritmetiche e logiche, di valutare condizioni, di manipolare testi, etc.
Gli altri blocchi consentono al programmatore di definire
nuovi blocchi con nuove istruzioni.

I blocchi si incastrano uno nell’altro e uno sull’altro.
Per
Ritornando alla descrizione generale dell’ambiente Scratch, il
Costumes Tab permette di associare a ogni sprite un aspetto
(costume) differente al fine di gestire nuovi stati in cui si trova
lo sprite così da poter creare, ad esempio, piccole animazioni.

5

S EZIONE 2

Primi passi con Scratch

Inizia a muoverti
Trascina il blocco FAI PASSI nell'area degli script.

1. Inizia a muoverti
2. Aggiungi un suono

Quindi clicca sul blocco per far muovere il gatto:

3. Inizia a ballare
4. Ancora e ancora
5. Dire qualcosa
6. Bandiera verde
7. Cambiare colore

Aggiungi un suono
Trascina il blocco SUONA TAMBURO (play drums) nell’area
degli script e aggancialo al blocco del movimento.

8. Pressione di un tasto
9. Aggiungi uno sfondo
10. Aggiungere uno sprite
11. Esplora

IMPORTANTE: E’ interessante notare che i blocchi vengono
sistemati uno di seguito all’altro per riprodurre la sequenza di
un algoritmo così come si è appreso sul funzionamento della
macchina di Von Neumann.

6

Clicca e ascolta.

Ancora e ancora
Trascina un blocco RIPETI e posizionalo in cima agli altri blocchi (Devi far avvolgere gli altri blocchi dalla "bocca" del blocco
RIPETI).

Inizia a ballare
Aggiungi un altro blocco FAI PASSI. Clicca all'interno del blocco e inserisci un segno "meno".

Aggiungi ora un altro blocco SUONA TAMBURO, poi scegli
con il menu il tipo di percussione che preferisci.
Clicca la pila di blocchi per eseguirla:

Clicca su un blocco qualunque per eseguire tutti i blocchi della
pila:
Dire qualcosa
Clicca ASPETTO e trascina un blocco DIRE.
7

Bandiera verde
Trascina un blocco
pila già presente.

e aggancialo in cima alla

Scrivi all'interno del blocco per modificare le parole:

Il tuo script inizierà ad essere eseguito ogni volta che clicchi
la bandiera verde :
Quindi attaccalo in cima agli altri blocchi già posizionati.

Per fermalo, clicca il pulsante Ferma Tutto:

Cambia colore
Clicca sulla sequenza di blocchi per eseguirla.

Prendi un blocco CAMBIA EFFETTO.
8

Ora premi la barra spaziatrice della tua tastiera e guarda cosa
accade.
Puoi scegliere un tasto diverso nel menu:
Cliccalo per vedere cosa fa.

Pressione di un tasto
Attacca un blocco

Aggiungi uno sfondo
Puoi aggiungere nuovi sfondi alla scena.

9

PULSANTI PER LA CREAZIONE DI UN NUOVO SPRITE:

Clicca
per selezionare un nuovo sfondo dalla Libreria (ad
esempio "Spotlight-Stage"):

•

Scegli uno sprite dalla libreria

•

Disegna il tuo sprite

•

Carica una tua immagine o un tuo sprite

•

Scatta una foto (dalla webcam)

Per aggiungere questo sprite, clicca
Dancing":

poi seleziona "Cassy

Clicca su OK.
Trascina il personaggio dove ti serve sulla scena.
Aggiungi uno sprite
Come già detto, Ogni oggetto di Scratch è chiamato sprite. Per
aggiungere un nuovo sprite clicca uno di questi pulsanti:

Esplora
Puoi aggiunge suoni e animazioni al tuo nuovo sprite.
AGGIUNGERE UN SUONO
10

Clicca
re un
suono

sulla scheda
Suoni . Puoi scegliesuono , registrare un tuo
o importare un file audio
.

Poi clicca
te blocco:

e trascina nell'area degli script il seguen-

Scegli il suono che preferisci nel menu e clicca il blocco per riprodurlo.

ANIMAZIONI
Clicca

per vedere i costume di uno sprite.

Puoi animarlo passando da un costume all'altro.

Clicca
stume all'altro:

e crea uno script che faccia passare da un co-

11

C APITOLO 2

Approfondimenti
sul movimento e
altro ancora

Lo Stage è lo schermo nel quale il risultato del nostro programma (col quale l’utente finale interagirà) sarà visualizzato.

S EZIONE 1

Spostamenti all’interno
dello Stage

Dimensioni dello Stage
Ai diversi punti dello Stage si può accedere grazie alle note coordinate cartesiane e le sue dimensioni sono di 480 passi in
larghezza e di 260 in altezza (ricordiamoci che si misura in
passi dato che l’obiettivo è animare un attore detto Sprite).

1. Dimensioni dello Stage
2. Spostamenti “assoluti”
3. Generazione di numeri casuali
4. Spostamenti “relativi”
5. Disegno
6. Esempi

Spostamenti “assoluti”
Per spostare uno sprite in una posizione specifica dello schermo è possibile utilizzare il blocco:

per considerare entrambe le dimensioni. Oppure i due blocchi:

13

per considerare una dimensione alla volta.

Generazione di numeri casuali
Molto spesso, in un programma (es. simulare il comportamento di un dado), c’è bisogno di far generare dei numeri in maniera casuale. Scratch mette a disposizione dei blocchi per eseguire questo compito.

IMPORTANTE: E’ interessante vedere come il blocco verde
si incastra nel blocco viola. In pratica il risultato del blocco verde (un numero a caso tra 1 e 6) viene consegnato al blocco DIRE per scrivere a video un risultato. Questo è un esempio di
dato di input (numero da scrivere a video) che viene generato
come dato di output (numero generato casualmente) da un altro blocco.

Spostamenti “relativi”
In Scratch è possibile far compiere agli sprite anche degli spostamenti “relativi”, ovvero considerando la loro posizione corrente e la direzione in cui essi puntano (data dalla loro rotazione). La figura seguente mostra uno spostamento relativo realizzato in tre passi.
Il seguente programma simula, appunto, il comportamento di
un dado a sei facce:

14

Ad esempio, è possibile riprodurre il comportamento della figura precedente con le istruzioni seguenti:

Disegno
Per scrivere e disegnare sullo Stage è possibile utilizzare il
blocchi PENNA.
Basta utilizzare PENNA GIU’ e far muovere lo sprite per rappresentare con un disegno il suo spostamento. Per smettere di
scrivere è necessario utilizzare il blocco PENNA SU. Per cancellare il disegno bisogna utilizzare il blocco PULISCI.

Nella figura seguente viene proposto un esempio più complesso.
Esempi
Di seguito, il programma per disegnare un esagono.

Per quanto riguarda, invece, il blocco PUNTA IN DIREZIONE, la figura seguente mostra il modo di indicare in maniera
assoluta i parametri di rotazione dello sprite.

15

Provate a commentare l’esempio precedente, blocco-per-blocco, e a modificarlo per disegnare un quadrato.
Nell’esempio successivo si disegnano, uno dopo l’altro, degli
esagoni distanziandoli in maniera casuale. Il programma termina quando viene premuto il tasto “spazio”.

Nell’esempio seguente, lo sprite lancia un dado e aspetta che
venga premuto il tasto “spazio” per rilanciarlo. In totale, i lanci sono cinque.

IMPORTANTE: nell’esempio precedente c’è l’istruzione ATTENDI che riceve in input un valore (vero o falso) che corrisponde al verificarsi o meno di una condizione (i.e. che è stato
premuto un tasto e che questo corrisponda a “spazio). L’istruzione TASTO PREMUTO intercetta una pressione sulla tastiera e verifica che effettivamente sia stato premuto il tasto “spazio”. A questo punto, comunica all’istruzione ATTENDI che
può smettere di attendere. L’istruzione ATTENDI, invece, fa
restare lo sprite in attesa fino a quando non viene premuto il
tasto “spazio”.
Provate a commentare l’esempio precedente, blocco-per-blocco.

L’ultimo esempio è un semplice gioco. Lo sprite rimbalza sulle
pareti dello Stage.

16

17

C APITOLO 3

Impariamo a
programmare

La programmazione è l'arte di far fare ad
un computer quello che noi vogliamo.

S EZIONE 1

Semplici sequenze

Ciao Mondo!
La più semplice sequenza di istruzioni che possiamo scrivere è
quella costituita da un solo comando.
Vediamo come si fa a visualizzare un testo a video. In questo
caso faremo DIRE, al nostro sprite, la frase Ciao Mondo!
Per fare questo bisogna selezionare e trascinare nel pannello
dello Script il seguente blocco:

1. Ciao Mondo!
2. Aritmetica
3. Combinare testo e numeri

che si trova tra i blocchi di tipo ASPETTO.
Una volta trascinato, il blocco deve essere modificato sostituendo il testo Hello! con il testo Ciao Mondo!. Questa operazione può essere realizzata facilmente facendo clic su Hello! e, successivamente, scrivendo con la tastiera il testo Ciao
Mondo!
Il risultato dei passi precedenti è il seguente:

A questo punto per eseguire il nostro programma basterà cliccare sulla parte colorata del blocco.

19

Il risultato dell’esecuzione del nostro programma potrà essere
osservata nello Stage:

RE possiamo visualizzare, ad esempio, il risultato di 6 + 5 utilizzando il blocco
che ha due caselle vuote nelle quali
è possibile cliccare e inserire i numeri (gli operandi) da sommare.

In questo caso il risultato sarà:

E’ possibile far DIRE tutto ciò che vogliamo allo sprite, sostituendo il testo Ciao Mondo! con altri caratteri, parole o frasi.

Attenzione, se non usiamo il blocco ADDIZIONE, ma soltanto
il blocco DIRE:

Aritmetica
Con Scratch si possono visualizzare altre cose, oltre ai testi. Infatti, se “incastriamo” un blocco ADDIZIONE con il blocco DI20

Il risultato sarà:

Questo avviene perchè, non utilizzando il blocco ADDIZIONE
di tipo OPERATORI, stiamo dicendo a Scratch di visualizzare
la frase 6+5 e non la somma di 6+5. Non dimentichiamo
mai che il computer fa soltanto quello che gli stiamo dicendo e
non interpreta la nostra volontà. E’ il programmatore che deve fornire delle indicazioni precise.

Fai attenzione, a comporre le operazioni utilizzando il principio che usi per le parentesi nelle espressioni. Questo serve ad
assegnare le giuste priorità agli operatori.
Notare che l’istruzione:

Scratch mette a disposizione diversi operatori per eseguire
operazioni aritmetiche: addizione (+), sottrazione (-), moltiplicazione (*) e divisione (/).
Tali operatori possono essere combinati per eseguire delle
espressioni complesse:

ha come risultato:

Il risultato è:

21

Per avere un numero “intero” come risultato bisogna utilizzare, in combinazione con l’ADDIZIONE, un blocco ARROTONDA (che restituisce il numero intero più vicino al risultato della divisione) o un blocco FUNZIONE (intero inferiore o intero
superiore).

Per quanto riguarda il resto, è possibile utilizzare l’istruzione
combinata:

Per ARROTONDA abbiamo:

con risultato pari a 1.

Combinare testo e numeri
con risultato pari a 3. Mentre per il blocco FUNZIONE abbiamo:

Ricapitolando, abbiamo visto come visualizzare testi e come
visualizzare numeri e risultati delle operazioni sui numeri. In
Scratch è anche possibile visualizzare sia numeri che testo,
combinandoli insieme. In questo caso utilizzeremo il blocco
UNIONE:

con risultato pari a 2 e:

con risultato pari a 3.
Inoltre, per calcolare quoziente intero e resto di una divisione
è possibile utilizzare le istruzioni seguenti. Per quanto riguarda il quoziente interno possiamo utilizzare il blocco FUNZIONE con INTERO INFERIORE come visto precedentemente.

Al posto di hello e world è possibile inserire nuovi testi o
blocchi. Se la nostra intenzione è di visualizzare la seguente
espressione: Il risultato di (8+7) è 15 e il risultato di (8-7) è 1
allora possiamo scrivere la seguente istruzione:

Il trucco è di scomporre la nostra espressione in tante sottoespressioni composte dall’unione di due elementi.

22

Per eseguire operazioni con numeri con virgola bisogna scrivere questi numeri utilizzando il ‘.’ al posto della ‘,’ . Ad esempio, per moltiplicare 3,55 per 2,91:

Il risultato dell’istruzione precedente è:

23

S EZIONE 2

I dati e le variabili

1. Introduzione: cosa sono i dati

Cosa sono i dati
I dati sono le "cose", i blocchi elementari per costruire le informazioni, che i programmi manipolano. Senza dati un programma non può svolgere alcuna funzione utile. I programmi trattano i dati in molti modi, spesso a seconda del loro tipo. Ogni tipo di dato ha un insieme di operazioni, azioni che si possono
fare con il dato stesso. Ad esempio abbiamo visto che possiamo sommare fra loro i numeri. La somma è una operazione
sui dati di tipo numerico.

2. Le variabili
3. Uso delle variabili numeriche
4. Utili esempi
5. Uso delle variabili testo (o stringa)

Le variabili
Durante l’esecuzione di un programma, i dati sono immagazzinati nella memoria centrale del computer (RAM). Potete immaginarvela come la parete di cassette usate negli uffici postali per smistare la posta. È possibile mettere una lettera in una
cassetta, ma questo serve a poco se le cassette non sono etichettate con l'indirizzo di destinazione. Le variabili sono le etichette delle cassette che costituiscono la memoria del computer.
IMPORTANTE: per semplificare la vita del programmatore,
le variabili sono configurate come indirizzi simbolici e non numerici.
Una variabile, quindi, è un’area della RAM del computer che
può essere “pensata” come una scatola che contiene un singolo dato (e.g. un numero, un carattere, una parola, una frase,
24

blocks for setting and changing the
etc.). Nella figura seguente, è rappresentata una variabile di
nome side che contiene il dato 50.

r memory.
name of the
side
variable
s data, includto access as
value of the
50
variable
e depict a
lue is 50.
program
Figure 5-3: A variable
Quando creiamo una variabile, Scratch automaticamente coe value struisce
of theuna scatola
is like
a named
that
in memoria
e lebox
assegna
il nome che noi
contains
some
value.
ry withstessi
thatabbiamo dato alla variabile.
ble, you
can
Dopo aver creato la variabile e averle assegnato un nome, il
to the programmatore
value
può utilizzare quel nome per fare riferimento

Successivamente, bisogna cliccare sul pulsante Crea una Variabile. A questo punto apparirà la seguente form:

E’ necessario, ora, scrivere il nome da associare alla variabile e
poi cliccare sul pulsante OK.

al valore (del dato) che la variabile stessa contiene.
Vediamo, ora, come si creano le variabili in Scratch. Prima di
tutto è necessario cliccare sui blocchi di tipo Variabili e Liste:

Le variabili numeriche
Supponiamo di aver scelto il nome altezza, Scratch farà apparire nuovi blocchi da poter utilizzare:

1/17/2014 12:04:43 PM

25

Spieghiamo il programma istruzione per istruzione.
Supponiamo di voler far DIRE allo sprite che la sua altezza è
di 100 cm e di voler usare la variabile altezza piuttosto che
direttamente il numero 100.
Il programma da scrivere è il seguente:

L’istruzione
serve ad eliminare
dallo Stage la visualizzazione permanente del contenuto della
variabile altezza, ovvero il box in alto a sinistra della figura
seguente:

Se proviamo ad eseguire il programma, il risultato sarà:

26

(like a box) to store the score. We also need to give that box a unique label,
everything into one statement makes it hard to read, as shown below
let’s say score, which will let us find it whenever we need to know or change
what’s inside.
When the game starts, we’ll tell Scratch to “set score to 0,” and Scratch
will look for the box labeled score and put the value 0 inside it. We’ll also
tell Scratch to “increase score by 1” any time the player clicks on the sprite.
L’istruzione
serve ad inserire il dato (in
In response to the first click, Scratch will look inside the score
box again,
Another
way
write utilizzare
the program
isdovremmo,
to evaluate
the
numerator a
Se to
volessimo
le variabili
prima
di tutto,
questo caso, il numero) 100 all’interno della variabile altezfind our 0, add 1 to it, and put the result (which is 1) back in the box. crearne, ad esempio, due: num e den. Le due variabili rappredenominator
individually and then use the say block to display the r
Dathe
questo
momento
in poi
volta
che vorremo
utilizzaThe next za.
time
player
clicks on
theogni
sprite,
Scratch
will again
follow our
senteranno il numeratore e il denominatore della nostra fraziotheir
100by
useremo
la variabile
altezza. score andofstore
“increase re
score
1” command
to increment
thedivision.
resulting We can do that by creating two variables called num
numerator) andne.den (for denominator) and setting their values as sh
value of 2 in the box.
Infatti, all’interno della istruzione:
You’ll see the actual Scratch blocks for these operations
a moment.
Figurein5-4.
For now, notice that the value of score changes throughout the program.Più nel dettaglio, bisogna trascinare il blocco
This is why we call it a variable—its value varies.
nel pannello dello script, cliccare sulla freccetta che punta verOne important use of variables is to store the intermediary results ofso il basso
e cliccare su num:
Va
evaluating an algebraic expression. This is similar to the way you do mental
il blocco
conasked
il nome
non start
math. Forutilizziamo
example, if
you were
todella
find variabile
2 + 4 + 5altezza
+ 7, youemight
anche se nel
al add
posto5 to the
by addingil2numero
+ 4 and100,
memorizing
therisultato
answer dell’esecuzione
(6). You’d then
di altezza
vieneisvisualizzato
100.memory)
Quindi non
il nome
della the new
previous answer
(which
stored in your
and
memorize
answer, which
is 11.
you’d add 7 to the previous result to get the
variabile
maFinally,
il contenuto.
LTPWS_05_02.indd 95
A questo punto è possibile scrivere il dato (o valore) che vogliafinal answer of 18.
mo inserire all’interno della variabile num. Nel nostro caso il
Facciamo
un variables
altro esempio.
Supponiamo
di voler calcolare
la let’s say
To illustrate
how
can be
used for temporary
storage,
seguente
espressione:
that you want
to write
a program to compute the following expression: dato è l’espressione (1/5) + (5/7), per cui abbiamo bisogno di
utilizzare dei blocchi Operatori:

1/ 5

5/7

7 /8 – 2/3

IMPORTANTE: per eseguire l’istruzione precedente,
You could evaluate the whole thing with one command, but cramming
Allora, per quello che abbiamo visto precedentemente, è possieverything into one statement makes it hard to read, as shown below:
Scratch calcolerà prima il valore del risultato dell’espressione
bile scrivere la seguente istruzione:

indicata dai blocchi Operatori (quelli verdi), prenderà soltanto
il risultato e lo memorizzerà nella variabile num. Quindi, fate
attenzione che da questo momento in poi, Scratch avrà memo-

Another way to write the program is to evaluate the numerator and
denominator individually and then use the say block to display the result

27

ria solo del risultato dell’espressione indicata nei blocchi verdi
e non delle varie operazioni che la compongono.
Bisognerà ripetere lo stesso procedimento per la variabile den
e ottenere quindi:

Il programma completo sarà quindi:

Proviamo a complicare il programma e far calcolare anche la
nuova espressione ((1/5) + (5/7)) / ((6/7) - (3/4)). Notiamo che la prima parte dell’espressione, ovvero il numeratore
della frazione principale è esattamente la stessa dell’espressione precedente. Per cui possiamo utilizzare il valore già calcolato e salvato nella variabile num, mentre dovremmo “cambiare” il valore della variabile den. Il programma completo è il
seguente:

Nel programma precedente abbiamo fatto uso di due nuovi
blocchi mai usati prima.

Il primo è
che serve a modificare il valore (dato) contenuto nella variabile den. Dopo
aver eseguito questa istruzione, la scatola den perderà per
sempre il valore dell’espressione ((7/8) - (2/3)) e acquisirà e
manterrà il valore dell’espressione ((7/8) - (2/3)) + ((6/7) (3/4)). Il CAMBIA a differenza del PORTA non sostituisce il
vecchio valore presente nella variabile ma somma a questo il
valore calcolato dall’espressione a destra del “di”.

Il secondo è
che serve a congelare l’esecuzione del programma per 4 secondi in maniera
tale da dare la possibilità a chi assiste al risultato di osservare
prima il risultato della prima espressione e poi quello della seconda espressione. Se al posto di questo blocco inseriamo il
28

semplice blocco DIRE non sarà possibile osservare il risultato
della prima espressione perchè sostituito immediatamente (i
tempi di esecuzione di queste istruzioni non sono percepibili
all’occhio umano) dal risultato della seconda.
IMPORTANTE: C’è da notare, infine, che l’uso della variabile den ci ha permesso di riusare un valore già calcolato in precedenza (prima espressione) e di non dover eseguire nuovamente gli stessi calcoli nella seconda espressione.

Per decrementare il contenuto di una variabile di 1 è possibile
utilizzare la seguente istruzione:

IMPORTANTE: le istruzioni precedenti modificano il contenuto di una variabile.

Per incrementare di 1 il valore di una variabile senza modificare il contenuto originale della variabile stessa non bisogna utilizzare il blocco CAMBIA o il blocco PORTA come mostrato
nel seguente programma:
Utili esempi
Per incrementare di una unità il valore contenuto in una variabile è possibile utilizzare le seguenti istruzioni:

Infatti, se eseguiamo il programma precedente ci accorgiamo
Infatti, il blocco CAMBIA è capace di sommare 1 al contenuto
di una variabile (nel nostro caso chiamata conta). Per incrementare di 2 il valore di conta bisogna sostituire 1 con 2 nel
blocco CAMBIA. E così via.

che utilizzando la composizione
all’interno del
blocco DIRE, lo sprite “dice” esattamente il numero 11 (ovvero il contenuto di conta incrementato di un’unità). Ma poi se
proviamo a visualizzare il contenuto di conta, lo sprite ci darà
il risultato sperato ovvero il valore corretto (quello originale)
di conta che è 10.
29

Infine, supponiamo di voler elevare alla terza potenza il valore
contenuto nella variabile conta e poi sostituire il suo valore
originale con il risultato della potenza. Il programma da scrivere è il seguente:

Apportiamo qualche modifica al programma precedente, provando ad utilizzare più volte la stessa variabile:

e osserviamo il risultato:

Uso delle variabili testo (o stringa)
In Scratch è possibile usare le variabili anche per contenere caratteri, parole e intere frasi.
Vediamo il seguente programma:

e il suo risultato:

Il blocco
può essere utilizzato, quindi,
per concatenare caratteri, parole e frasi, due alla volta.
Altri blocchi interessanti per manipolare le parole sono
per estrarre una lettera da una parola o frase, e

30

per contare il numero di caratteri che compone una parola o frase.
Vediamo come si usano.

Il programma precedente estrae la terza lettera della parola
contenuta nella variabile frase2 e la visualizza. Il risultato è il
seguente:

Invece, il seguente programma:

calcola la lunghezza (il numero dei caratteri) di frase2 e la visualizza. Il risultato è il seguente:
31

S EZIONE 3

Input dei dati

Leggere l’input dell’utente
Scratch offre la possibilità di definire dei programmi che interagiscono con l’utente anche in fase di immissione (input) dei
dati e non solo di visualizzazione (output) degli stessi.
Il blocco necessario per leggere l’input dell’utente è:

1. Leggere l’input dell’utente
2. Usare i dati in input

che è possibile trovare nel pannello relativo ai blocchi di tipo
Sensori.

3. Conservare i dati in input

Vediamo come si usa con un semplice esempio:

4. Elaborare i dati in input

Questo semplice programma ci permette di chiedere all’utente
il suo nome. L’esecuzione del programma ha il seguente risultato:

32

Come è possibile notare dalla figura precedente, Scratch visualizzerà il messaggio che abbiamo scritto all’interno del blocco
CHIEDI E ATTENDI e farà comparire un’area dedicata all’inserimento dei dati da parte dell’utente. Scratch attenderà fino
a quando non sarà premuto il tasto INVIO da parte dell’utente
e solo successivamente continuerà normalmente con l’esecuzione del programma.

A questo punto l’utente può scrivere nella casella preposta all’input dei dati:

Usare i dati in input
Proviamo ora a scrivere un programma che chiede l’età all’utente e la fa DIRE allo sprite:

Quando l’utente preme il tasto INVIO, Scratch legge il dato in
input e lo deposita in una variabile speciale chiamata risposta (che troviamo tra i blocchi di tipo Sensori).
Il programma prosegue la sua esecuzione:

Facendo clic sulla bandiera verde possiamo eseguire il programma. L’esecuzione si ferma sul blocco CHIEDI:

Lo sprite visualizza la giusta età dell’utente grazie all’esecuzione dell’istruzione:
33

E’ importante notare che per visualizzare la frase Hai 65 anni abbiamo bisogno di comporre la parola Hai con il contenuto della variabile speciale risposta (che contiene il dato di input dell’utente) e la parola anni.
Il risultato ottenuto non è quello che ci aspettavamo. Perchè?
Conservare i dati in input
Complichiamo un po’ il problema. La nostra intenzione è di
scrivere un programma che fa due domande all’utente, ricevendo due risposte e, infine, combina le risposte visualizzandole attraverso lo sprite.

Perchè la variabile speciale chiamata risposta può contenere
un unico dato che corrisponde all’ultimo input inserito dall’utente (eliminando il precedente dato immesso). Nel nostro
caso l’ultimo dato inserito dall’utente è 39. Per cui, provando
a visualizzare due volte il contenuto di risposta, visualizzeremo due volte il numero 39.

Osserviamo il seguente programma:
Per ottenere il risultato sperato, dobbiamo modificare il programma nel seguente modo:

Se alla domanda Come ti chiami? l’utente risponde Francesco e alla domanda Quanti anni hai? l’utente risponde 39 il
risultato del programma è il seguente:

34

La soluzione è introdurre le due variabili nome e anni che
conterranno rispettivamente la risposta alla domanda Come
ti chiami? e la risposta alla domanda Quanti anni hai?
Di seguito si riporta il risultato del programma corretto.

Più nel dettaglio, nel precedente programma bisogna fare attenzione alle seguenti istruzioni:

Elaborare i dati in input
Proviamo a trasformare Scratch in una calcolatrice che per il
momento esegue soltanto le moltiplicazioni tra due numeri.
Per fare questo dobbiamo scrivere un programma che riceve
in input due numeri (gli operando) e visualizza il risultato della moltiplicazione (operatore):

Gli operandi dati in input dall’utente vengono depositati rispettivamente nelle variabili a e b. La novità introdotta in questo programma è che i due dati in input vengono elaborati utilizzando l’istruzione
, il cui valore risultante viene depositato nella variabile c, che conterrà quindi il risultato della
moltiplicazione.

che catturano l’input dell’utente (che si troverà nella variabile
speciale risposta) e lo inseriscono nella variabile nome.
La stessa cosa va fatta per la seconda domanda.
Inoltre, quando si usa il blocco DIRE, non si dovrà più utilizzare la variabile risposta ma le variabili nome e anni.

La variabile c viene riempita con il risultato della moltiplicazione con l’istruzione

.

IMPORTANTE: quello appena analizzato è un esempio di algoritmo/programma parametrico.
35

reward correct answers and a completely different set of blocks for wrong
answers (to reveal the right answer or offer another chance, for example).
Your script can decide what to do next by comparing the student’s input
with the correct answer. This is the basis of all decision-making tasks.
Nella
stragrande maggioranza dei programmi è necessario alIn this chapter, we’ll explore the decision-making commands available
terare
l’esecuzione
sequenziale
istruzioni.
Ad esempio,
se
in Scratch
and write several
programs delle
that use
these commands
to test
inputs and perform different actions.
abbiamo
la necessità di eseguire delle istruzioni per premiare
First, I’ll introduce you to Scratch’s comparison operators and show
you cancorrette
use them to
numbers,
and strings.
Then,
lehow
risposte
incompare
un gioco
e nonletters,
premiare
in caso
di I’ll
rispointroduce the if and if/else blocks and explain their key role in decision
ste
sbagliate, dobbiamo “confrontare” le risposte del giocatore
making. You’ll also learn how to test multiple conditions using nested if and
if/else
andcaso
write aè menu-driven
program
to put these
blocks into
(che
nelblocks
nostro
l’utente) con
le risposte
effettivamente
action. After that, I’ll introduce logical operators as an alternative way to
corrette.
Questo procedimento è alla base delle “decisioni” nei
test multiple conditions. In the last section, we’ll write several interesting
programs based
on all of the concepts you’ve learned so far.
linguaggi
di programmazione.

S EZIONE 4

Prendere decisioni

In questa sezione vedremo come è possibile far prendere “decisioni” a Scratch in maniera tale da alterare il flusso sequenziaYou make decisions every day, and each decision normally leads you to perleform
delle
istruzioni
programma.
certain
actions.di
Youun
may
think, for example, “If that car is less than

Comparison Operators

1. Operatori di confronto (relazionali)
2. Decisioni con IF-THEN-ELSE

$2,000, I’ll buy it.” You then ask about the car’s price and decide whether
or not you want to buy it.
You can make decisions in Scratch, too. Using comparison operators,
you can compare the values of two variables or expressions to determine
Operatori
dithan,
confronto
(relazionali)
whether
one is greater
less than, or
equal to the other. Comparison
operators are also called relational operators because they test the relationship
between two
The three
relational
operators supported
in
Gli
operatori
divalues.
confronto
messi
a disposizione
da Scratch
soScratch are shown in Table 6-1.

3. Operatori logici
4. Approfondimento su IF-THEN-ELSE

no i seguenti:

Table 6-1: Relational Operators in Scratch

Operator

Meaning

Example

greater than
Is price greater than 2,000?
less than
Is price less than 2,000?
equal to
Is price equal to 2,000?

Proviamo a confrontare dei numeri. Facciamo degli esempi.
124

Chapter 6

36

Iniziamo con il confrontare due numeri e chiedere a Scratch
se il primo è più piccolo del secondo:

Gli operatori > e = funzionano esattamente allo stesso modo
ma verificano rispettivamente che il primo operando è maggiore del secondo e che il primo operando è uguale al secondo.
Allo stesso modo è possibile confrontare caratteri e parole:

Il risultato del programma è il seguente:

Il risultato in questo caso è:

In questo caso lo sprite ci dice che il confronto risulta vero
(true) cioè che il numero 10 è effettivamente minore di 15.
Se modifichiamo il programma invertendo le posizioni di 10 e
15 rispetto all’operatore <, abbiamo il seguente risultato:
Scratch ci dice che casa è maggiore di albero. Ma cosa significa?
I confronti tra caratteri e parole avvengono seguendo l’ordine
lessicografico: la lettera a è più piccola della b che è più piccola della c e così via. Se proviamo ad eseguire il confronto:

37

Knowing this, it shouldn’t surprise you when the expression elephant >
evaluates to false, even though actual elephants are much larger than
mice. According to Scratch’s string comparison rules, the string “elephant”
la risposta
true,“mouse”
perchè
dato che
cosae (the
e casa
iniziano
enis less thansarà
the string
because
the letter
first letter
in elephant)
comes
before
the
letter
m
(the
first
letter
in
mouse)
in
the
alphabet.
trambe per c si vanno a confrontare il secondo carattere della
Comparing and sorting strings based on the alphabetical order of their
prima
parola
con il
carattere
della
seconda
parola.
characters
is used
in secondo
many real-life
situations,
including
ordering
directory
listings,
books
on
bookshelves,
words
in
dictionaries,
and
so
on.
The
Nel nostro caso o è maggiore di a per cui risulta che cosa è word
elephant comes before the word mouse in the dictionary, and string comparipiùson
grande
di casa
(sempre
considerando
l’ordine lessicografiin Scratch
gives an
answer based
on this order.
that you understand
relational operators are and how Scratch
co) nelNow
confronto
effettuatowhat
da Scratch.
uses these operators to compare numbers and strings, it’s time to learn about
conditional blocks.
mouse

eseguito, se il confronto restituisce true come risposta (la condizione è vera) allora vengono eseguiti i blocchi chiamati Command 1, Command 2, fino ad arrivare a Command N e poi viene eseguito il blocco chiamato Command M. Se, invece, il confronto restituisce false come risposta (la condizione è falsa)
allora Scratch esegue direttamente il blocco Command N senza eseguire Command 1, Command 2, ..., Command N.
Nella figura precedente si riporta il diagramma di flusso relativo ad un blocco IF-THEN.

Decisioni con IF-THEN-ELSE
Decision Structures
Scratch’s Control
palette
contains
two blocks
that allow you
to make
deciAttraverso
l’uso del
blocco
IF-THEN
è possibile
attivare
o disions and control actions in your programs: the if block and the if/else
sattivare
l’esecuzione
di un
di and
istruzioni:
block. Using
these blocks,
you intero
can ask blocco
a question
take a course of

Vediamo il seguente programma.

action based on the answer. In this section, we’ll discuss these two blocks
in detail, talk about flags, and learn to test multiple conditions with nested
if blocks. I’ll then introduce menu-driven applications and explain how
nested if blocks can aid in their implementation.

The if Block
The if block is a decision structure that gives you the ability to specify

Di whether
seguitoamostriamo
lo schema
generale
delbe
funzionamento
set of commands
should (or
should not)
executed based on
the
result
of
a
test
condition.
The
structure
of
the
if
block
and its corredel blocco IF-THEN:
sponding flowchart are shown in Figure 6-3.

if

Condition=true

Is test

condition
true?

Command 1
Command 2
...

Execute commands
1... N

No

Command N
Command M

Yes

Execute Command M

Figure 6-3: Structure of the if block

In breve, quando l’esecuzione del programma raggiunge un
In Figure 6-3, the diamond shape represents a decision block that gives
blocco
IF-THEN,
il confronto
colIf blocco
verde viene
a yes/no
(or true/false)
answer toindicato
a question.
the test condition
in the
header of the if block is true, the program executes the commands listed
inside the body before moving on to the command that follows the if block
(Command M in the figure). If the test condition is false, the program skips

Il programma chiede in input tre dati e li deposita nelle variabili a, b e c. Le prime due rappresentano gli operandi di
un’operazione, mentre la terza è il simbolo corrispondente al38

l’operazione aritmetica da eseguire. Il blocco IF-THEN verifica che la variabile c contenga il simbolo + (ovvero che l’utente
abbia richiesto di eseguire un’addizione). Se così è, Scratch lo
verifica eseguendo il confronto
. In questo caso,
Scratch calcola il risultato dell’addizione sommando il contenuto di a con il contenuto di b e visualizza tale risultato aspetta 5 secondi e poi esegue
. Se, invece, il contenuto di c è diverso da + (ovvero il risultato del confronto è false) allora si esegue direttamente il blocco

.

In breve, quando l’esecuzione del programma raggiunge il
blocco IF-THEN-ELSE, viene valutata la condizione espressa
nel blocco verde. Se il confronto risulta vero allora vengono
eseguiti i blocchi Command 1, Command 2,..., Command N
(dell’IF GROUP) e poi Next Command. Se il confronto risulta
falso allora vengono eseguiti i blocchi Command 1, Command
2, ..., Command M (dell’ELSE GROUP) e poi Next Command.
Anche in questo caso viene riportato il diagramma di flusso relativo all’esecuzione del blocco IF-THEN-ELSE.
Vediamo un esempio:

Il blocco IF-THEN-ELSE fornisce una possibilità in più, ovvero decidere cosa fare quando la condizione dell’IF risulta false.

The specified condition is tested. If the condition is true, the commands in the if part of the block are executed. If the condition is false,
however, the commands under else will execute instead. The program
will only execute one of the two groups of commands in the if/else block.
Those alternative paths through the program are also called branches. The
structure of the if/else block and its corresponding flowchart are shown in
Figure 6-6.

Di seguito mostriamo lo schema generale del funzionamento
del blocco IF-THEN-ELSE:

Condition=true

if

then

Command 1
Command 2
...

No
if group

Command N

Execute
commands in
the else group

else
Command 1
Command 2
...

Is test
condition
true?

Yes

Execute
commands in
the if group

else group

Il programma precedente sa “capire” se un numero inserito in
input è pari oppure dispari.
La parte più importante del programma è il confronto effettuato nell’ambito del blocco IF-THEN-ELSE:

Command M
Next Command

Next command

Figure 6-6: Structure of the if/else block

You might use the if/else structure when you want to decide where to
eat lunch. If you have enough money, you’ll go to a fancy restaurant; other-

39

Il blocco precedente è stato ottenuto con il blocco che calcola
il resto di una divisione e il blocco confronto =.
Il primo blocco considerato è:

to test multiple conditions, but you can also do that with logical operators.
Using logical operators, you can combine two or more relational expressions to produce a single true/false result. For example, the logical expression (xOperatori
> 5) and (x < 10) is made up of two logical expressions (x > 5 and
logici
x < 10) that are combined using the logical operator and. We can think
of x > 5 and x < 10 as the two operands of the and operator; the result of
In
i linguaggi
di ifprogrammazione
è possibile
dei
thistutti
operator
is true only
both operands are true.
Table 6-4 definire
lists the three
logical operators
available in composti.
Scratch withQuesto
a brief explanation
of se
their
confronti
(o condizioni)
è possibile
si utimeaning.

lizzano i cosiddetti operatori logici:
Table 6-4: Logical Operators

Operator

Meaning
The result is true only if the two expressions are true.

mentre il secondo è:

The result is true if either of the two expressions is true.
The result is true if the expression is false.

L’idea che sfruttiamo è che i numeri pari sono divisibili per
due, questo equivale a dire che dividendo questi numeri per
due abbiamo resto nullo (ovvero uguale a 0). Ciò non accade
per i numeri dispari. Utilizzando, quindi, il calcolo del resto
della divisione per due e il confronto di uguaglianza con 134
lo 0Chapter 6
possiamo completare la condizione del blocco IF-THEN-ELSE.
Concludendo, quando il confronto restituisce valore true, ovvero il resto ottenuto è 0, Scratch può “decidere” che il numero in input è pari e scriverlo con il blocco DIRE nel raggruppamento SE (IF GROUP). Alternativamente (il risultato del confronto è false), Scratch può “decidere” che il numero in input
è dispari e scriverlo con il blocco DIRE presente nel raggruppamento ALTRIMENTI (ELSE GROUP).

The and Operator
Now that you’ve seen a brief overview of each operator, let’s explore
Per
risultato
degli
logiciIfabbiamo
bisoThecalcolare
and operator
takesdetail,
two expressions
as parameters.
both expressions
how
they
work inilmore
one atoperatori
a time.
are true,
and operator returns true; otherwise, it returns false. The
gno
delletherispettive
tabelle di verità:
truth table for and, which lists the output of the operator for all possible
combinations of inputs, is shown in Table 6-5.

Tabella per AND (e):

Table 6-5: Truth Table for the and Operator

X

Y

true

true

true

true

false

false

false

true

false

false

false

false

As an example of using the and operator, let’s say we’re creating a game in

Tabella
ORgets
(o):
which theper
player
200 bonus points when the score reaches 100 in the

Table
6-6:
Table
the or Operator
first level. The game
level
is Truth
tracked
by for
a variable
named level, and the score
is tracked using a variable named score. Figure 6-12 shows how these condiX
tions can be tested using
nestedY if blocks or with the and operator .
true

true

true

true

false

true

false

true

true

false

false

false

To demonstrate the use of the or operator, let’s assume that pla
certain
game have
a limited
reach
theoperator
next level.
Figure 6-12: Checking multiple conditions
using
nested iftime
blocksto
and
the and
40 They also st
a given amount of energy that depletes as they navigate the current

The not operator takes only one expression as input. The result of the
operator is true if the expression is false and false if the expression is true.
The truth table for this operator is given in Table 6-7.

Tabella per NOT (non):

In questo caso abbiamo utilizzato l’operatore logico AND (e):

Table 6-7: Truth Table for the not Operator

X
true

false

false

true

136 Chapter 6
Le
tabelle precedenti vanno lette in questo modo. Se abbiamo
due confronti legati tra loro da un blocco AND (e) e questi sono entrambi veri allora il risultato del confronto composto è
true. In tutti gli altri casi il confronto composto ha come risultato false. Se, invece, abbiamo due confronti legati tra loro da
un blocco OR (o) e questi sono entrambi falsi allora il risultato
del confronto composto è false. In tutti gli altri casi il risultato del confronto composto è true. Infine, l’operatore NOT
(non), che è unario, non fa altro che negare il valore di verità.
Se il confronto ha risultato false allora applicando NOT(non)
otteniamo true, e viceversa.

Scriviamo un programma che verifica se un numero inserito
in input è minore di 10 oppure è maggiore di 12:

In questo caso abbiamo utilizzato l’operatore logico OR (o):

Vediamo qualche esempio.
Scriviamo un programma che verifica se il numero inserito dall’utente è compreso nell’intervallo (10, 15) con 10 e 15 esclusi:

Scriviamo un programma che verifica se un numero inserito
in input è diverso da 10:

41

In questo caso abbiamo utilizzato l’operatore logico NOT
(non):

Approfondimento su IF-THEN-ELSE
Costruiamo una piccola calcolatrice:

Infine, proviamo a scrivere un programma più complesso per
verificare se un anno è bisestile.
La regola è la seguente: « Un anno è bisestile se il suo numero
è divisibile per 4, con l'eccezione degli anni secolari (quelli divisibili per 100) che non sono divisibili per 400 ».
Dobbiamo trasformare la regola precedente in un programma
Scratch:

In breve dobbiamo verificare che l’anno inserito è divisibile
per 400 oppure è divisibile per 4 ma non per 100. In questo
caso l’anno è bisestile. Altrimenti non lo è.

Nel programma precedente sono stati inseriti cinque blocchi
IF-THEN a cascata in maniera tale da capire quale operazione
è stata richiesta, eseguirla e salvare il risultato nella variabile
42

ris. L’ultimo dei blocchi IF-THEN si occupa di controllare che
l’operatore inserito in input non corrisponde a nessuno degli
operatori gestiti dal programma (i.e. +, -, *, /). Se è così, nella
variabile ris sarà inserita la parola ERRORE.

Il programma precedente riconosce il più piccolo tra tre numeri inseriti in input dall’utente. Per fare questo sono stati utilizzati due blocchi IF-THEN-ELSE all’interno di un terzo blocco
IF-THEN-ELSE.

Infine, i blocchi IF-THEN-ELSE e IF-THEN possono anche essere annidati.

Il flow chart corrispondente al programma precedente è:
LEGGI
a
LEGGI
b
LEGGI
c

false

false

true

a<b

true

false

b<c

DIRE
c

true
a<c

DIRE
b

DIRE
c

DIRE
a

43

S EZIONE 5

I cicli (loops)

Molto spesso capita di dover ripetere più di una volta la stessa
sequenza di operazioni. Piuttosto che copiare le stesse istruzioni e metterle in sequenza (soluzione inaffidabile, non efficiente e molto spesso non efficace), Scratch mette a disposizione
(come tutti gli altri linguaggi di programmazione) delle istruzioni speciali (di controllo) chiamate CICLI. Esistono tre diversi tipi di CICLI:
• infinite loops (cicli infiniti)

1. FOREVER (per sempre)
2. REPEAT
3. REPEAT UNTIL

• counter-controlled loops (cicli definiti controllati da un contatore)
• condition-controlled loops (cicli indefiniti controllati da una
condizione)

4. CICLI ANNIDATI
FOREVER (per sempre)
Il blocco FOREVER lo abbiamo già visto nei capitoli precedenti:

Rivediamo l’esempio della calcolatrice della sezione precedente (par. “Approfondimento su IF-THEN-ELSE”). Il programma, una volta avviato, permette di eseguire una sola operazione per poi terminare. Se si vuole eseguire una nuova operazione bisogna avviare nuovamente il programma. E’ come se
44

quando usiamo Word per scrivere una relazione dovessimo avviare (fare doppio clic sull’icona di Word) il programma ad
ogni nuova parola che scriviamo. Ci rendiamo tutti conto che
per scrivere programmi che si avvicinano a quelli reali dobbiamo superare questa limitazione. Per fare questo possiamo utilizzare i cicli.

Nel programma precedente abbiamo semplicemente inserito
il le istruzioni della vecchia calcolatrice all’interno di un blocco FOREVER con la semplice aggiunta dell’istruzione:

che serve a “congelare” temporaneamente l’esecuzione del programma appena visualizzato il risultato in attesa che l’utente
prema il tasto “spazio” per richiedere due nuovi numeri e l’operazione da effettuare.
Questo programma non termina o, almeno, non termina fino
a quando non si usa il tasto

.

REPEAT
Il blocco REPEAT serve ad eseguire lo stesso blocco di istruzioni per un numero definito di volte. Questo numero viene calcolato in base ad un contatore:

Il numero 10 nell’esempio precedente rappresenta il numero
di cicli o il numero di volte che vogliamo eseguire le istruzioni
“avvolte” nel REPEAT (ripeti-volte). Ovviamente, se, ad esempio, eliminiamo il 10 sostituendolo con 15, i cicli diventeran45

no appunto quindici. In effetti ci sarebbe un’altra possibilità,
utilizzare una variabile al posto del valore fissato nella casella
che indica il numero di cicli nel blocco REPEAT (ripeti-volte).
Questo ci permette di scrivere dei programmi molto più flessibili e parametrici. Vediamo un esempio.
Vogliamo scrivere un programma che somma N numeri dati
in input dall’utente. Noi che scriviamo il programma, però,
non sappiamo, al momento, quanti numeri vorrà sommare
l’utente (questo equivale a dire che non conosciamo in anticipo il valore di N). In realtà, ad ogni nuova esecuzione del programma, l’utente potrà scegliere di sommare 5 numeri, 10 numeri, 3 numeri, e così via. Scriviamo il programma e poi lo
commentiamo.

variabile N. Il valore di questa variabile viene scelto dall’utente:

La seconda cosa da notare è che all’interno stesso del blocco
REPEAT viene chiesto il nuovo numero da sommare e collocato nella variabile nuovoNumero. Questo viene fatto ad ogni
ciclo, quindi per N volte.
L’istruzione
, ad ogni ciclo,
somma il nuovo numero inserito ad una somma parziale contenuta appunto nella variabile somma.
In particolare, la tabella seguente mostra, ad ogni ciclo, il valore contenuto nella variabile somma (assumiamo N = 3 e che
i tre numeri inseriti dall’utente sono 4, 6 e 9):

6
0 16 0 3 3930 6

6 0 16 0
3 3930 6





La prima cosa importante da notare è che questa volta nel
blocco REPEAT (ripeti-volte) non c’è un numero fissato ma la
2 43 0 6



46

L’istruzione
viene eseguita al
termine dell’istruzione REPEAT e quindi il valore di somma
stampato è 19, che è esattamente la somma dei tre numeri in
input dati dall’utente: 4, 6 e 9.

REPEAT UNTIL
Immaginate di stare programmando un gioco che consiste nel
fare delle domande di matematica al player (utente). Se la risposta del player è sbagliata, il gioco offrirà un’altra possibilità
rifacendo
stessa
The repeatlauntil
Blockdomanda. In altre parole, il gioco fa dare
risposte
fino a che
l’utente
stesso non
risponde
Let’s sayall’utente
you are developing
a game
that presents
the player
with esatan
ele
mentary
math
question.
If
the
player’s
answer
is
incorrect,
the
game
tamente. Il blocco REPEAT non è adatto perchè non conosciaasks the same question again to give the player another chance. In other
mo
in anticipo
inizi
il ciclo)
risposte
del giocatowords,
the game(prima
asks theche
same
question
untille
the
player enters
the correct
answer.
Clearly,
the
repeat
block
is
inappropriate
for
this
task
because
you
re. In questo caso, invece, è più utile il blocco REPEAT UNTIL
don’t know in advance how many times it will take the player to enter the
(ripeti-fino
a the
quando).
il comportamento
di queright answer;
first try Analizziamo
might be a winner,
or it may take 100 tries.
The
until block can help you in scenarios like this one. The structure
storepeat
blocco:

In breve, quando l’esecuzione del programma arriva al blocco
REPEAT UNTIL, Scratch valuta la condizione (blocco verde)
associata a questo blocco. Se la condizione è valutata false allora vengono eseguite le istruzioni Command 1, Command 2,
..., Command N per poi ritornare a verificare la condizione. Se
quest’ultima risulta ancora false vengono eseguite nuovamente le istruzioni all’interno del blocco. Questa sequenza viene
ripetuta fino a che la condizione non assume valore true. In
questo caso il flusso di esecuzione “salta” il contenuto del blocco ed esegue direttamente Next Command.
Vediamo un esempio:

of the repeat until block is illustrated in Figure 7-2.

repeat until

Test Condition

Command 1
Command 2
...

False

True

Test Condition

Command N
Next Command

False

Execute
command(s) in
the body of the
loop

True
Next Command

Figure 7-2: The repeat until block allows you to execute a series of instructions repeatedly until some condition is true.

This block contains a Boolean expression whose value is tested at the
entry of the loop. If the expression is false, the commands inside the loop
are executed. When the last command in the loop is executed, the loop starts

Il programma precedente è un gioco nel quale il giocatore deve calcolare l’area di un quadrato con la misura del lato generata casualmente dal programma stesso. Il trucco sta nel fatto
che il risultato corretto viene calcolato da Scratch che lo confronta con la risposta dell’utente. Se i due valori sono uguali
47

vuol dire che la risposta del giocatore è corretta mentre se i due
valori sono discordanti allora la risposta del giocatore non è corretta. Nel secondo caso, la condizione all’interno del blocco REPEAT UNTIL (ripeti fino a quando) restituisce valore false e,
quindi, i blocchi all’interno possono essere eseguiti, rifacendo
la stessa domanda al giocatore:

Nel primo caso, la condizione all’interno del blocco REPEAT
UNTIL (ripeti fino a quando) restituisce valore true e, quindi, i
blocchi all’interno non vengono eseguiti. In questo caso Scratch
esegue direttamente l’istruzione

.

CICLI ANNIDATI
In casi reali è molto frequente l’esigenza di utilizzare i cicli annidati: ovvero un’istruzione di ciclo all’interno di un’altra.
Vediamo direttamente un caso reale in cui è possibile utilizzare
il suddetto annidamento.

48


Documenti correlati


Documento PDF ebook scratch
Documento PDF bit cora digital los blogs en el siglo 21
Documento PDF c mo conseguir miles de visitas con videos
Documento PDF si necesitas tr fico barato eficaz y rentable para tus p ginas web
Documento PDF gu a pr ctica para tus campanas ppc de google adwords
Documento PDF 100 tips para conseguir trafico web


Parole chiave correlate