File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Roselli .pdf



Nome del file originale: Roselli.pdf
Titolo: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO
Autore: utente

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office PowerPoint® 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 20/12/2015 alle 12:12, dall'indirizzo IP 51.179.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1023 volte.
Dimensione del file: 792 KB (15 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI
ALDO MORO
Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici

Corso di laurea in Scienze Statistiche
PROVA FINALE
in
Statistica per la programmazione socio-sanitaria

Analisi statistica dei ricoveri negli ospedali
pubblici e privati della regione Puglia
Relatore:
Prof. Francesco Domenico d’Ovidio

Candidato:
Riccardo Roselli

La statistica in ambito ospedaliero: cenni storici
• 1991: Introduzione della Scheda di Dimissione
Ospedaliera (SDO) da parte del Ministero della Salute;
• 1993: Vengono stabilite le informazioni che costituiscono
“debito informativo” nei confronti del Ministero della
Salute;
• 2000: Adozione dei sistemi di classificazione
internazionali ICD-9-CM per la codifica delle diagnosi e
Diagnosis-Related Groups (D.R.G.) per elaborazioni di
tipo economico;

• 2010: L’accordo Stato-Regioni
contenuto informativo delle SDO.

delinea

l’attuale

Contenuto delle SDO
1. Dati anagrafici del paziente;
2. Informazioni sulla degenza;


Giorni di ricovero



Procedure diagnostiche ed interventi terapeutici:





Diagnosi principale e diagnosi secondarie
Intervento principale ed interventi secondari

Trasferimenti di reparto

3. Diagnosi di dimissione.

Distribuzione della degenza per ASL
BRINDISI

TARANTO

BAT

Degenza
media

Varianza

Degenza
media

Varianza

Degenza
media

Varianza

2004

9,49

762,38

9,36

629,6

5,16

157,91

2005

9,73

744,51

10,16

747,66

5,92

197,92

2006

10,47

825,58

9,83

722,05

6,21

301,09

2007

10,8

859,06

9,95

721,44

6,44

330,59

2008

12,56

1132,37

10,58

831,71

6,71

362,56

BARI

FOGGIA

LECCE

Degenza
media

Varianza

Degenza
media

Varianza

Degenza
media

Varianza

2004

7,78

321,88

9,74

1100,09

9,37

702,56

2005

8,07

314,71

9,54

1001,96

10,85

1057,45

2006

8,04

308,75

9,9

1080,49

9,74

718,08

2007

8,1

325,64

9,88

1090

10,45

853,2

2008

7,85

297,44

10,22

1192,57

11,46

1072,26

Distribuzione dei ricoveri per ASL
2004

2005

2006

2007

2008

Brindisi

68296

71004

72871

73185

73173

Taranto

101732

99046

97858

95327

92743

BAT

45806

48176

60571

59628

58543

Bari

324293

324326

314040

314630

319632

Foggia

160045

164082

168283

170111

173393

Lecce

136367

144249

150925

158009

161563

Totale

838543

852888

866554

872897

881055

• Tendenza all’aumento del numero totale dei ricoveri
lungo tutto il periodo d’osservazione;
• Analizzando il trend delle singole ASL, tramite numeri
indici, sia a base fissa (anno 2004), sia a base variabile,
si ottengono i seguenti risultati:

Brindisi

Taranto

BAT

2004

100,00

--

100,00

--

100,00

--

2005

103,97

103,97

97,36

97,36

105,17

105,17

2006

106,70

102,63

96,19

98,80

132,23

125,73

2007

107,16

100,43

93,70

97,41

130,18

98,44

2008

107,14

99,98

91,16

97,29

127,81

98,18

Bari

Foggia

Lecce

2004

100,00

--

100,00

--

100,00

--

2005

100,01

100,01

102,52

102,52

105,78

105,78

2006

96,84

96,83

105,15

102,56

110,68

104,63

2007

97,02

100,19

106,29

101,09

115,87

104,69

2008

98,56

101,59

108,34

101,93

118,48

102,25

Mobilità e attrattività
Perché occuparsi di mobilità in ambito socio-sanitario?

• Analisi della capacità, da parte di un istituto o di un
complesso di strutture ospedaliere, di soddisfare la
domanda del proprio bacino d’utenza;
• Misura del grado di attrattività nei riguardi di pazienti
provenienti da luoghi diversi rispetto a quello della
struttura oggetto di studio.
Per studi di questo tipo, uno strumento statistico di facile
costruzione e comprensione è il nomogramma di Gandy.
N.B.: In questo caso l’unità territoriale di riferimento per la residenza sarà la
provincia, mentre per gli istituti si considererà l’ASL di appartenenza.



R: numero dei ricoveri di persone residenti in una certa
zona in strutture della medesima area;



I: numero dei ricoveri presso istituti della zona α di
persone residenti fuori zona (ricoveri “importati”);



E: numero dei ricoveri di pazienti residenti nella zona α
presso strutture ubicate in altre aree (ricoveri
“esportati”).
Indicatori di mobilità:





X

Y

Bari

0,79

0,95

BAT

0,85

0,62

Brindisi

0,86

0,76

Foggia

0,83

0,97

Lecce

0,93

0,94

Taranto

0,90

0,77

• Questi valori sono poi utilizzati come coordinate per la
costruzione di un diagramma cartesiano, detto appunto
nomogramma di Gandy.

Y
1,00

BA

FG
LE

0,90

BR TA

0,80

0,70

BT
0,60

0,50

0,40

0,30

0,20

0,10

X

0,00
0,00

0,10

0,20

0,30

0,40

0,50

0,60

0,70

0,80

0,90

1,00

Efficienza economica
• Obiettivi dichiarati del Piano Sanitario Nazionale sono il
miglioramento del rapporto costo-efficienza dei servizi e
l’ottimizzazione delle risorse a disposizione degli istituti;
• La classificazione tramite Diagnosis-Related Groups
(D.R.G.) consente di quantificare il costo di ciascun
ricovero;
• Essa raggruppa i ricoveri ospedalieri caratterizzati da un
simile carico assistenziale associandone un peso
relativo che rispecchia il costo del ricovero e la rispettiva
remunerazione del servizio.

D.R.G.

Descrizione

Peso relativo

294

Diabete, età >35

1,0083

302

Trapianto renale

15,1561

480

Trapianto di fegato

25,1434

Ustioni non estese
511

senza CC o trauma

1,2142

significativo
512

Trapianto simultaneo di

pancreas/rene

11,9989

• Per trattamenti medici di lieve entità il peso relativo si
assesta su valori vicini all’unità;
• Interventi chirurgici più complessi, come i trapianti,
presentano pesi relativi anche 20 volte superiori rispetto
ai D.R.G. meno onerosi.

• La classificazione D.R.G. permette il calcolo di un
indicatore “costo-output” che fornisca la complessità
assistenziale media per ciascun istituto o per un insieme
di strutture (in questo studio ci si riferirà alle ASL):

Si giunge, tuttavia, a risultati poco significativi.
• Si confronta, dunque, il valore dell’indicatore della
singola ASL con quello relativo all’intera Regione,
attraverso l’ indice di case-mix:

1,1

1

Brindisi
Taranto
BAT
Bari
Foggia

0,9

0,8
2004

Lecce

2005

2006

2007

2008

Grazie per l’attenzione


Documenti correlati


Documento PDF roselli
Documento PDF aprile2015bassa risoluzione 1
Documento PDF elenco analisi
Documento PDF analisi di sicurezza stradale
Documento PDF elaborato aar
Documento PDF arsialpp4itcasostudio


Parole chiave correlate