File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Brochure Una cucina medievale .pdf


Nome del file originale: Brochure Una cucina medievale.pdf
Autore: Francesca

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Publisher 2016, ed è stato inviato su file-pdf.it il 22/01/2016 alle 18:18, dall'indirizzo IP 151.24.x.x. La pagina di download del file è stata vista 507 volte.
Dimensione del file: 1.1 MB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Soprintendenza
Archeologia del
Lazio e dell’etruria
meridionale

Testi a cura di
Giovanna Alvino-Francesca Lezzi-Francesca Santini
Realizzazione grafica a cura di Francesca Lezzi

Archeologia
Urbana
a Rieti:
Palazzo Aluffi
Una cucina a Rieti della metà del
XIII secolo

Via Pompeo Magno 2 - 0192 Roma

La Soprintendenza ha funzione di
tutelare i beni archeologici, si occupa dello studio, della catalogazione e della valorizzazione del
patrimonio archeologico su un
territorio che comprende parte
della provincia di Roma, le province di Rieti, Frosinone, Latina
e Viterbo.

Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale

Soprintendenza
Archeologia
del Lazio e
dell’Etruria
Meridionale

Si ringrazia per la fattiva collaborazione

I principali elementi


Nel corso dello scavo si sono messe in luce due
fosse circolari adiacenti, una più irregolare e di
forma ellissoidale, l’altra molto più regolare e ben
costruita.



Le due fosse erano riempite da sedimenti completamente differenti tra loro, uno strato molto bruciato ricco di materiale organico, l’altro costituito da
un alternanza di cenere e terra. I riempimenti diversi potrebbero suggerire una diversa funzionalità
delle strutture.



Si può considerare la ceramica rinvenuta come un
insieme coerente di una batteria da cucina da un
ambiente abitativo di ambito urbano. Non casuale
potrebbe leggersi l’assenza di vasellame da mensa.



I frammenti osteologici appartengono tutti ad animali domestici, in particolare maiali e polli. Sulle
ossa ben visibili sono le tracce di macellazione.

Le strutture rinvenute in corso di scavo

Informazioni in rilievo
Nel corso dello scavo si è indagato un ambiente al piano
terra dell’edificio storico, che sotto il moderno pavimento, conservava i resti di due muri ortogonali tra loro
in opera reticolata di epoca romana. Questi in parte riadattati, delimitavano uno spazio occupato da due fosse
circolari realizzate contro terra e rivestite di pietre.



Le analisi preliminari archeobotaniche hanno rivelato la presenza di diverse tipologie di cereali carbonizzati. Più numerosi ad oggi sono grano tenero
e farro, ma ci sono anche orzo e avena.

All’interno di queste sono state recuperati molti frammenti di vasellame ceramico, abbondanti resti faunistici, ed una grande quantità di cereali.



È probabile che il contesto sia l’esito di una
operazione
di sgombero e risistemazione
dell’intero edificio, avvenuta verso la fine del
XIII o agli inizi del XIV.

L’analisi comparata dei dati ha permesso di ricostruire i consumi alimentari di una abitazione della
città di Rieti. La ricca evidenza bioarcheologica
completa il quadro per la ricostruzione delle abitudini alimentari nella Rieti del XIII sec. Piuttosto
importante l’utilizzo di carne che nel nostro caso
proviene esclusivamente da allevamento, fattore che
distingue Rieti dall’Italia settentrionale e padana.
La presenza di cereali abbondanti e vari colloca
Rieti in una posizione privilegiata rispetto ad altri
centri del reatino e dell’Italia centrale interna.

Per approfondire
G. Alvino, F. Lezzi, F. Santini “Una cucina a Rieti attorno alla
metà del XIII secolo” in Lazio e Sabina 11, Atti del Convegno
(Roma 4-6 giugno 2014), in corso di pubblicazione

Contattaci

L’analisi comparata dei dati ha permesso di ricostruire i
consumi alimentari di una abitazione della città in cui è
presente un ampio spazio ben definito funzionalmente
destinato esclusivamente alla preparazione degli alimenti.

Dott.ssa Sandra Gatti - SALEM
sandra.gatti@beniculturali.it
Dott.ssa Francesca Lezzi - archeologo
francesca.lezzi@gmail.com

La collocazione topografica di Rieti, ai margini di una
ampia e fertile conca intermontana potrebbe aver fatto
la differenza favorendo la città nel campo della cerealicoltura anche in età medievale.

Dott.ssa Francesca Santini - archeozoologo
francescasantini3@gmail.com
Reperti faunistici: resti di maiali giovani

Seguici su facebook
Archeologia Urbana a Rieti: palazzo Aluffi


Brochure Una cucina medievale.pdf - pagina 1/2
Brochure Una cucina medievale.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF brochure una cucina medievale
Documento PDF ricette di altri tempi la cucina povera
Documento PDF programma 3corso
Documento PDF case vacanza resort ita
Documento PDF catalogo creative book 2015
Documento PDF 40152283 il pane secco non si butta


Parole chiave correlate