File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



WILLIS GEORGE EMERSON, Il Dio fumoso o Il viaggio nella terra cava. Chicago, Forbes & Company, 1908. .pdf



Nome del file originale: WILLIS GEORGE EMERSON, Il Dio fumoso o Il viaggio nella terra cava. Chicago, Forbes & Company, 1908..pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2016, ed è stato inviato su file-pdf.it il 29/01/2016 alle 04:35, dall'indirizzo IP 79.16.x.x. La pagina di download del file è stata vista 3177 volte.
Dimensione del file: 1 MB (26 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


IL DIO FUMOSO o il Viaggio nella Terra Cava
di
WILLIS GEORGE EMERSON
con Illustrazioni di
John A. Williams
CHICAGO
FORBES & COMPANY
1908

CONTENUTI:
Dedica:

di Olaf Jansen

Parte Prima:

Viaggio nel Mondo Interno della Terra Cava

Parte Seconda:

La storia di Olaf Jansen

Parte Terza:

Al di là del Vento del Nord

Parte Quarta:

Nel Mondo Interno

Parte Quinta:

In mezzo ai ghiacci

Parte Sesta:

Conclusione

Parte Settima:

Commento dell'autore

Dedicato
A
Il mio Amico intimo e Compagno
BONNIE EMERSON
Mia Moglie

IL DIO FUMOSO o il Viaggio nella Terra Cava

"È Dio che siede nel centro, sull'ombelico della terra, e lui è l'interprete della religione per tutta l'umanità".
Platone

PARTE PRIMA :
Prefazione dell'autore

Temo che questa storia, apparentemente incredibile, che mi accingo a raccontare, sarà considerata come il
risultato di una mente distorta, indotta, probabilmente, dall'attrazione che ha nel togliere il velo di un
meraviglioso mistero, invece di una sincera testimonianza, di un'esperienza ineguagliabile, raccontata da un
uomo: Olaf Jansen, la cui pazzia si è appellata alla mia immaginazione, nella quale i pensieri di un criticismo
analitico, si sono efficacemente dileguati. Marco Polo si rivolterà sicuramente nella tomba a questa strana
storia che sono chiamato a raccontare; una storia così strana, come un racconto di Munchausen. È anche
inopportuno che io, un miscredente, debba essere il solo a raccontare la storia di Olaf Jansen, il quale nome
è ora per la prima volta dato al mondo, e che tuttavia nel futuro, dovrà considerarsi come persona eminente
della Terra. Ammetto liberamente che il suo racconto non consente un'analisi razionale, ma ha a che fare
con il profondo mistero riguardante il gelato Nord, che per secoli ha ricevuto l'attenzione in uguale misura, di
scienziati e profani. Comunque, molte sono le differenze con i manoscritti cosmografici del passato, questi
scritti possono essere di riferimento con le cose che Olaf Jansen reclama di aver visto con i propri occhi. Mi
sono chiesto un centinaio di volte, se la geografia della Terra fosse incompleta e se lo sconvolgente
racconto di Olaf Jansen, possa essere un fatto dimostrabile. È comunque lontana la certezza che il narratore
possa aver raggiunto la convinzione che sia vero.
Può essere che la vera casa di Apollo non sia Delfi, ma in quel vecchio centro della Terra del quale Platone
parla: "La vera casa di Apollo è in mezzo agli Iperborei, in una terra di vita perpetua", dove la Mitologia ci
dice di due spiriti Santi che, volando dalle due opposte parti del mondo, si incontrano in questa bella regione,
la casa di Apollo. Davvero, secondo Hecataues, Leto: la madre di Apollo nacque in un'isola dell'Oceano
Artico, molto lontano dal Vento del Nord". Non è mia intenzione tentare una discussione della teogonia della
divinità, riguardante una precedente parte sconosciuta di questa terra, come venne vista e descritta dal
vecchio normanno, Olan Jansen.
L'interesse nelle ricerche del profondo Nord è di tutte le Nazioni. Undici Stati sono impegnati, o hanno
contribuito a farlo, nel pericoloso lavoro di cercare di risolvere uno dei misteri cosmologici rimasti, la Terra.
C'è un proverbio antico delle montagne che dice "la verità è più inspiegabile della finzione".

Erano circa le due di notte, quando fui svegliato dal vigoroso suonare del campanello della porta.
L'inopportuno disturbatore recava un messaggio, scarabocchiato quasi fino al punto da essere illeggibile, da
un uomo, un vecchio scandinavo, Olaf Jansen. Con fatica lessi: "Sto male, sto morendo. Vieni". La chiamata
era imperativa, ed io non persi tempo. Forse sarebbe meglio spiegare che Olaf Jansen, 95 anni compiuti da
poco, negli ultimi sei anni era vissuto da solo, in un bungalow senza pretese, in via Glendale, a poca
distanza dal distretto di Los Angeles, California.
Meno di due anni prima, un pomeriggio, mentre passeggiavo, fui attratto dalla casa di Olaf Jansen, e
dall'ambiente circostante. Successivamente seppi che aveva il culto per Odino e Thor. C'era mitezza nel suo
viso, e una gentile espressione nei suoi occhi grigi, sempre acutamente all'erta; questo uomo, che ha vissuto
per tantissimo tempo in solitudine, così evidente nei suoi occhi, attirò la mia simpatia. Quel giorno, quando lo
incontrai, camminava avanti e indietro, leggermente chino, con passi lenti e misurati. Non posso dire per
quale motivo particolare volevo iniziare una conversazione con lui. Sembrava contento quando mi
complimentai con lui, per come aveva sistemato il suo bungalow, le sue viti e dei suoi fiori, raggruppati a
profusione, pendenti dalle finestre, dalla tettoia e sulla piazzola. Presto scoprii che la mia nuova conoscenza
non era una persona ordinaria, ma molto profonda, istruita in notevole grado; un uomo che, nell'ultima parte
della sua lunga vita, ha compreso molto, studiando profondamente, e diventando forte nel suo meditativo
silenzio.
Lo incoraggiai a parlare, e presto mi disse che risiedeva in California da soli sette anni, che aveva trascorso
una dozzina di anni negli Stati dell'Est. E che prima era stato pescatore nelle coste della Norvegia, nella
regione delle isole Lofoden, da dove cominciò i suoi viaggi nel profondo nord, verso Spitzbergen e, persino
verso la terra di Franz Josef.
Mentre stavo andando via, sembrò restio a lasciarmi andare. Sebbene non sapessi nulla di lui in quel
momento, mi chiese: "Tornerà?". "Sì, sono sicuro che tornerà. Sono sicuro che lo vuole; ed io le mostrerò la
mia libreria e dirò molte cose delle quali non ha neppure sognato, cose così meravigliose che forse non mi
crederà".
Lo rassicurai ridendo, dicendogli che non solo sarei tornato, ma che sarei stato pronto a credere qualunque
cosa mi avesse detto, dei suoi viaggi e delle sue avventure.
Nei giorni che seguirono conobbi molto bene Olaf Jansen, e poco a poco, mi raccontò la sua meravigliosa
storia, delle sue sfide coraggiose e della sua fede. La sincerità e la serietà con la quale il vecchio si
esprimeva, mi portò ad affascinarmi dei suoi strani racconti. Quindi venne la chiamata di quella notte, ed in
meno di un'ora andai al suo bungalow. Benché arrivai subito, era molto impaziente per l'attesa. Andai
immediatamente al suo capezzale. "Debbo fare in fretta" - esclamò - "ho molte cose da dirti che non conosci,
ed io ho fiducia in te. Ho capito" - mi disse in fretta - "che non passerò la notte. È venuto il tempo di riunirmi a
mio padre nel grande sonno".
Aggiustai il suo cuscino in modo più confortevole, e lo rassicurai che sarei stato felice di servirlo in ogni
modo possibile, perché capii la serietà delle sue condizioni. L'ora tarda, la tranquillità dell'ambiente, la
misteriosa sensazione di essere solo con l'uomo morente, insieme con la sua magica storia, tutto combinato
insieme, faceva battere il mio cuore più forte e più veloce, con un'emozione fortissima. Molte volte quella
notte, durante il racconto del vecchio, mi venne più forte la convinzione, non solo di credere in lui, ma anche
di vedere, quelle strane terre, quella strana gente, e lo strano mondo del quale parlava, e di sentire
l'energico coro orchestrale e robusto di migliaia di voci cordiali. Per oltre due ore, il vecchio sembrava
possedere una forza sovrumana, parlando rapidamente, e razionalmente. Alla fine, mi mise nelle mani delle
carte, disegni grezzi e mappe. "Queste" - disse in conclusione "le lascio nelle tue mani. Se posso avere la
promessa di darle al mondo, io morirò felice, perché desidero che la gente conosca la verità, che i misteri
riguardanti le terre gelate del Nord, vengano svelati. Tu non dovrai subire il destino che ho sofferto io, non ti
metteranno in catene, non ti confineranno in un manicomio, perché tu non racconterai una tua storia, ma la
mia. Ed io, ringrazio gli dei, Odino e Thor, superando così gli increduli che mi hanno perseguitato tutta la
vita". Così senza pensare alle conseguenze che la promessa comportava, o intravedere le notti in bianco
che avrei passato con quell'obbligo da mantenere, gli diedi la mano, a garanzia del mantenimento della
promessa fatta a quell'uomo morente.
Così al sorgere del sole sui picchi rivolti ad Est di San Jacinto, lo spirito di Olaf Jansen, il navigatore,
l'esploratore e adoratore di Odino e Thor, l'uomo che, con le sue esperienze ed i suoi viaggi, senza paralleli
con la storia del mondo, trapassò, ed io fui lasciato solo con la morte. Ed ora, dopo aver pagato il triste

debito del rito funebre, di questo uomo delle isole Lofoden, il coraggioso esploratore di regioni gelate che,
negli anni del suo declino fisico, trovò un asilo nell'assolata California, mi accingo a rendere pubblica questa
storia.
Lasciatemi fare alcun riflessioni: generazioni dopo generazioni, le tradizioni del nebuloso passato si
tramandano da padre in figlio, ma per alcune strane ragioni, l'interesse ai misteri delle regioni ghiacciate, non
si è mai affievolito con il passare degli anni, sia nelle menti degli ignoranti, che degli studiosi. In ogni nuova
generazione, un impulso irrequieto rimescola il cuore degli uomini, per la conquista della cittadella nascosta
dell'Artico, il circolo del silenzio, la terra dei ghiacciai, disabitate raggelanti distese di acqua e venti, che sono
stranamente caldi. L'aumentato interesse manifestato nelle montagne di ghiaccio, le meravigliose ipotesi,
riguardanti il centro di gravità della Terra, la culla delle maree, dove le balene fanno i loro figli, dove l'ago
della bussola diventa matto, dove l'Aurora Boreale illumina la notte, e dove bravi e coraggiosi spiriti, di ogni
generazione, si avventurano ed esplorano, sfidando i pericoli del "Più lontano Nord".
Uno dei lavori più curati degli anni recenti è "Il Paradiso Perduto, o la Culla della Razza Umana al Polo
Nord", di William F. Warren. In questo volume accuratamente preparato, Mr. Warren ha quasi messo il piede
sulla vera realtà, ma fallendo apparentemente solo per un pelo, se le rivelazioni del Normanno sono vere.
Il Dr. Orville Livingston Leech, scienziato, in un recente articolo scrive: "Le possibilità dell'esistenza di una
terra, all'interno della Terra, attrasse la mia attenzione quando raccolsi un geode, sulle coste dei Grandi
Laghi. Il geode è una pietra sferica, apparentemente solida, ma quando rotta, si scopre vuota, e coperta di
cristalli. La Terra è soltanto un geode molto più grande, e la legge che ha creato il geode, nella sua forma
vuota, indubbiamente ha modellato la Terra nello stesso modo". Nel presentare l'argomento di questa
alquanto incredibile storia, così come raccontata da Olaf Jansen, e integrata dal suo manoscritto, mappe
grezze e disegni, c'è un'introduzione che dice così: "All'inizio Dio creò i cieli e la Terra, e la Terra era senza
forma e vuota". Ed anche: "Dio creò l'uomo a sua immagine". Perciò, anche nelle cose materiali, l'uomo
deve essere come Dio, a causa della sua somiglianza con il Padre.
Un uomo costruisce la sua casa per sé stesso e la propria famiglia. Le verande sono tutte all'esterno, e sono
secondarie. L'edificio è costruito per usare le comodità che sono all'interno.
Olaf Jansen offre la sua sorprendente storia attraverso me, modesto strumento, per dirci che: Dio creò la
Terra per le comodità interne - con le sue terre, mari, fiumi, montagne, foreste e valli, mentre la superficie
esterna della Terra è soltanto la veranda, il balcone, dove le cose crescono in modo sparso, come i licheni
sul lato della montagna, attaccati con risolutezza alle loro spoglie esistenze.
Prendete l'involucro di un uovo, e bucatelo con la punta di una matita ai due poli. Estraete il suo contenuto,
quindi avrete una perfetta rappresentazione della Terra di Olaf Jansen. La distanza dalla superficie interna a
quella esterna, a quanto dice, è di circa 500 chilometri. Il centro di gravità non è nel centro della Terra, ma
nel centro della crosta, o buccia; quindi, se lo spessore della crosta terrestre, è di 500 chilometri, il centro di
gravità è situato a 250 chilometri sotto la superficie. I diari di bordo degli esploratori artici, ci parlano
dell'abbassamento dell'ago della bussola nelle regioni del lontano Nord conosciuto. In realtà, in quel
momento, si trovavano nella curva; nel bordo della crosta, dove la gravità è geometricamente aumentata,
mentre le correnti elettriche apparentemente sbalzano avanti, nell'apparente direzione Nord, tuttavia questa
stessa corrente elettrica, continua il suo corso in direzione Sud, lungo la superficie interna della crosta
terrestre.
Nell'appendice di questo lavoro, il Capitano Sabine da una descrizione di un esperimento, per determinare
l'accelerazione del pendolo in latitudini differenti. Ciò risulta da un lavoro congiunto di Peary e Sabine. Egli
dice: "La scoperta accidentale che un pendolo, portato da Parigi, nelle vicinanze dell'equatore, aumenta il
suo tempo di oscillazione, dando un primo passo alla conoscenza, che l'asse polare del globo, è meno forte
all'equatore; che la forza di gravità della superficie della Terra aumenta progressivamente dall'Equatore
verso i Poli".
Secondo Olaf Jansen, all'inizio, questo nostro vecchio mondo, venne creato solamente per il mondo
"interno", dove ci sono quattro grandi fiumi - l'Eufrate, il Pison, il Gihon ed lo Hiddekel. Questi stessi nomi di
fiumi, furono poi dati ai fiumi della superficie esterna del pianeta. Sono puramente tradizioni, da una antichità
al di là della memoria umana.

Olaf Jansen ha dichiarato di aver visto la foce di questi fiumi, all'interno del mondo, e di aver scoperto il
"Giardino dell'Eden" a lungo perduto, il vero ombelico del mondo, e di aver vissuto oltre due anni, studiando
e facendo ricognizione, in questo meraviglioso mondo "interno", lussureggiante di una prodigiosa vita
vegetale e abbondante di animali giganti; una terra dove la gente vive per centinaia di anni, come
Matusalemme o altri personaggi biblici; una regione dove un quarto della superficie interna è composta di
acqua e i tre quarti di terra; dove ci sono grandi oceani, molti fiumi e laghi; dove le città sono superlative, per
costruzione e grandiosità; dove i mezzi di trasporto sono così avanzati, comparati ai nostri, come i nostri
strumenti tecnologici sono avanzati per gli abitanti della "Africa Nera ".
All'interno della Terra, la distanza diretta tra le due superfici interne, da un punto all'altro, è di circa mille
chilometri meno del diametro conosciuto della Terra. Nel preciso centro di questo immenso vuoto, c'è il
fulcro di questa elettricità: una gigantesca palla di fuoco rosso di luce affievolita - non molto brillante circondata da una bianca, dolce, luminosa lattescenza, che distribuisce un calore uniforme, e si mantiene al
centro perfetto di questo spazio interno, dall'immutabile legge di gravità. Questa nube elettrica è chiamata
dal popolo di Agharta come la residenza del "Dio fumoso". Essi credono che sia il trono dell’"Altissimo". Olaf
Jansen mi fece venire in mente come, nei giorni del collegio, noi eravamo impegnati con la dimostrazione in
laboratorio del movimento centrifugo, il quale chiaramente dimostrava che, se la Terra fosse stata solida, la
rapidità della sua rivoluzione sopra il suo asse, avrebbe provocato la sua lacerazione in migliaia di
frammenti. Il vecchio scandinavo asseriva che dal punto di terra più lontano delle Isole di Spitzbergen e la
terra di Franz Josef, stormi di oche possono essere viste volare annualmente, dirette a Nord, così come è
registrato nei libri di bordo. Nessun scienziato è stato audace a sufficienza per spiegare, esattamente, come
mai questi esseri alati si dirigano, per istinto, verso le terre del Nord. Comunque, Olaf Jansen ci ha dato una
più che ragionevole spiegazione. Jansen sostiene che l'apertura a Nord è grande circa tremila chilometri. In
connessione con questo, leggiamo quello che scrive l'esploratore Nansen, a pagina 288 del suo libro: "Io
non ho mai avuto una vela così buona. Nel Nord, in perfetta direzione Nord, con un buon vento, così veloce
da prendere pienamente la vela, miglia dopo miglia in mare aperto, a vista, attraverso regioni sconosciute.
Sempre con il chiarore dei ghiacci, che uno potrebbe dire: "Quanto andrà avanti?". L'occhio sempre rivolto a
nord, dritto sul ponte di comando. Guardando verso il futuro. Ma c'è sempre lo stesso cielo scuro davanti,
che significa mare aperto". In un'altra intervista del 10 maggio 1884 dice: "Noi non ammettiamo che, dopo la
grande barriera di ghiaccio, c'è un nuovo mondo, dove il clima è temperato come quello dell'Inghilterra e,
successivamente, dolce come il clima delle isole Greche". Alcuni dei fiumi "interni", sostiene Olaf Jansen,
sono più larghi del nostro Mississippi e i fiumi dell'Amazzonia insieme, per il volume d'acqua trasportato;
davvero la loro grandezza è provocata dalla loro larghezza e profondità, piuttosto che dalla lunghezza, ed
alla foce di questi grandiosi fiumi, si diramano in direzioni Nord e Sud della superficie interna della Terra,
formando ai poli i giganteschi iceberg, alcuni di grandezza enorme, larghi 30-40 chilometri e lunghi perfino
200 chilometri. Non è strano trovare iceberg di acqua dolce. Gli scienziati moderni sostengono che il
congelamento elimina il sale, ma Olaf Jansen la pensa diversamente.
Le antiche scritture Indù, cinesi e giapponesi, così come i geroglifici della razza estinta del continente Nord
Americano, parlano tutti dell'usanza di adorare il Sole e, alla sorprendente luce delle rivelazioni di Olaf
Jansen, il popolo del mondo interno, non soddisfatto dall'illuminazione fioca del Sole interno, "Il Dio fumoso",
con la grande colonna di nubi di elettricità che genera, stancandosi di quell'atmosfera dolce e temperata,
furono attratti dalla luce brillante del Sole, quindi traversarono la cintura dei ghiacci, e si sparpagliarono sulla
superficie della Terra esterna, attraverso l'Asia, l'Europa, il Nord America e, più tardi, Africa, Australia e Sud
America.
La seguente citazione è importante: "Il tracciato della migrazione degli uomini dalla regione-madre, ancora
indeterminata ma, che un numero di considerazioni indica provenissero dal Nord, si è irradiata in diverse
direzioni; che queste migrazioni sono state costanti dal Nord verso il Sud". M. le Marquis, G. de Saporta, in
Popular Science Montly, October, 1883, page 753.
È degno di nota il fatto che, come ci avviciniamo all'Equatore, la statura della razza umana diminuisce. Fa
eccezione la Patagonia del Sud America, dove ci sono probabilmente i soli aborigeni provenienti dal centro
della Terra, che vennero fuori attraverso l'apertura del Polo Sud, ed essi sono chiamati la razza gigante. Olaf
Jansen asserisce che all'inizio, il modo fu creato dal Grande Architetto dell'Universo, affinché l'uomo potesse
vivere nella superficie interna del pianeta, la quale è sempre stata la dimora degli "scelti". Quelli che si
spinsero fuori del "Giardino dell'Eden", si portarono dietro la loro storia.
La storia del popolo che vive "dentro" la Terra, contiene un racconto della storia di Noè e dell'Arca, che ci è
familiare. Egli partì, come fece Colombo, da una certa uscita, da una strana terra nel lontano Nord, portando
con sé ogni specie di bestie dei campi, e bestie con le ali, nel mondo esterno. Nei confini nord dell'Alaska, e

più frequentemente, nelle coste Siberiane, si trovano zanne d'avorio in quantità così elevate, da suggerire
che fossero resti antichi. Dal racconto di Olaf Janson, esse provengono da una vita animale altamente
prolifica, che abbonda nei campi, nelle foreste e nei bordi dei numerosi fiumi del Mondo Interno. Questo
materiale viene catturato dalle correnti oceaniche, e trasportato nella banchisa, accumulandosi sulle coste
Siberiane. Tutto questo è andato avanti per moltissimi anni, ed è la sua spiegazione per questi depositi.
Su questo argomento William F. Warren, nel suo già citato libro, pagina 297 e 298, scrive: "Le rocce Artiche
ci parlano di una Atlantide perduta. I fossili di avorio della Siberia sono i più grandi di tutto il mondo. Dai
giorni di Pliny, almeno, sono state costantemente sfruttate, e ne rimangono ancora quantità immense". I resti
dei mammut sono così abbondanti che, come dice Gratacap, "Le isole del Nord della Siberia sembrano
costruite su distese di ossa". Un altro scrittore scientifico, parlando delle isole della Nuova Siberia, a nord
della sorgente del fiume Lena, usa questo linguaggio: "Grandi quantità di avorio sono scavate ogni anno.
Alcune delle isole sembrano essere composte di cumuli di detriti di legname e corpi di mammut, ed altri
animali antidiluviani, congelati insieme". Da questo ne possiamo arguire che, fin dalla conquista russa della
Siberia, sono state prese più di ventimila zanne di mammut. Ora entriamo nei dettagli della storia di Olaf
Jansen. Questo è il racconto del discepolo di Odino e Thor.

PARTE SECONDA :
LA STORIA DI OLAF JANSEN.

Mi chiamo Olaf Jansen. Sono un norvegese, benché sia nato in una piccolo villaggio di pescatori russo,
Uleaborg, nella costa Est del Golfo di Bothnia, il braccio nord del Mar Baltico. I miei genitori stavano
navigando in un peschereccio nel Golfo di Bothnia e, al tempo della mia nascita, puntarono su Uleaborg, il
27 Ottobre 1811. Mio padre, Jens Jansen, nacque a Rodwig, nella costa scandinava, vicino alle isole
Lofoden, ma dopo essersi sposato, prese casa a Stoccolma, perché i parenti di mia madre risiedevano in
quella città. All'età di sette anni, cominciai ad andare con mio padre nei viaggi di pesca lungo le coste
scandinave. Ben presto sviluppai un'attitudine per i libri, ed all'età di nove anni, venni messo in una scuola
privata di Stoccolma, rimanendovi fino all'età di 14 anni. A quest'età cominciai a viaggiare regolarmente con
mio padre. Mio padre era un uomo alto 1,80 m., un tipico normanno del tipo più aspro, dotato di una
resistenza superiore ad ogni altro uomo che ho conosciuto. Aveva la gentilezza di una donna, era tenero,
ma estremamente determinato e con una volontà suprema, al di là di ogni descrizione. La sua volontà non
ammetteva sconfitte. Avevo 19 anni quando iniziammo quello che doveva essere il nostro ultimo viaggio
insieme, come pescatori, il quale portò alla strana storia che sarà data al mondo, ma non prima di finire il
pellegrinaggio sulla Terra. Non ho il coraggio di consentire che i fatti di cui sono a conoscenza siano
pubblicati mentre sono ancora vivo, per paura di ulteriori umiliazioni, confinamenti e sofferenze. Prima di
tutto, venni messo in catene, dal capitano di una baleniera che mi salvò, solo perché dissi la verità riguardo
alle meravigliose scoperte fatte da mio padre e da me. Ma questo non fu niente in confronto a quello che
accadde, fino alla fine delle mie torture.
Dopo quattro anni e otto mesi di assenza raggiunsi Stoccolma, solo per trovare che mia madre era morta
l'anno precedente. Cancellai dalla memoria la storia delle nostre avventure e la terribile morte di mio padre.
Alla fine, un giorno raccontai la storia nei dettagli a mio zio, Gustaf Osterlind, un uomo con possedimenti
considerevoli, e lo spronai a mettere a punto una spedizione per fare un altro viaggio, nella terra interna.
All'inizio, pensai che fosse favorevole al mio progetto. Sembrò interessato, e mi invitò a comparire davanti a
dei funzionari, per spiegare loro quello che avevo raccontato a lui, la storia dei nostri viaggi e delle scoperte.
Immaginate la mia delusione e l'orrore quando, dopo aver concluso il mio racconto, furono firmate alcune
carte da mio zio e immediatamente fui arrestato, relegato in confinamento in un triste, spaventoso
manicomio, dove rimasi per 28, lunghi, tediosi, anni di sofferenze.
Non ho mai smesso di sostenere la mia sanità mentale, e di protestare contro l'ingiustizia del mio
confinamento. Finalmente, il 17 di ottobre del 1862, fui rimesso in libertà. Mio zio era morto, e gli amici della
mia giovinezza erano ormai stranieri. Davvero, un uomo di oltre 50 anni, qualificato come matto, non ha
amici.

Non sapevo come fare per vivere, ma istintivamente andai verso il porto, dove erano ancorati un gran
numero di pescherecci, e una settimana dopo mi imbarcai con un pescatore di nome Yan Hansen, che stava
iniziando una lunga crociera di pesca nelle isole Lofoden.
Mi aiutarono molto gli anni di addestramento con mio padre, dandomi molti vantaggi. Questo fu l'inizio di altri
viaggi, e di economie, fino al punto da potermi comprare un brigantino da pesca. Da allora in poi, per 27
anni, presi il mare, per cinque anni lavorando per gli altri, e gli ultimi 22, per me stesso. Durante tutti questi
anni, sono stato un lettore molto diligente di libri, così come con il mio lavoro e i miei affari, ma ho sempre
avuto la grande cura di non raccontare a nessuno la storia riguardante le scoperte fatte da mio padre e da
me. Perfino ora, che sono molto avanti negli anni, ho timore che qualcuno possa vedere o conoscere le cose
che ho scritto, tutte le registrazioni e le mappe che conservo. Quando i miei giorni sulla Terra saranno finiti,
lascerò tutto questo, che illuminerà e beneficerà, spero, il genere umano. Il ricordo del mio lungo
confinamento con i malati mentali, e tutte le orribili angoscie e sofferenze, sono troppo vivide per farmi
cambiare idea.
Nel 1889 vendetti il mio peschereccio, e visto che avevo accumulato una fortuna sufficiente per il resto della
mia vita, venni in America.
Per una dozzina di anni vissi nell'Illinois, vicino Batavia, dove raccolsi la maggior parte dei miei libri, benché
ne abbia portato molti da Stoccolma. Più tardi, venni a Los Angeles, arrivando qui il 4 marzo 1901. Ricordo
la data perché era il giorno della seconda inaugurazione del Presidente McKinley. Acquistai questa umile
casa e mi stabilii qui, con le mie viti e piante di fichi, e con i miei libri, facendo le mappe e i disegni delle
nuove terre che avevamo scoperto, ed anche a scrivere la mia storia in dettaglio, dal tempo che mio padre
ed io lasciammo Stoccolma, fino ai tragici eventi che ci separarono nell'Oceano Antartico.
Ricordo bene che lasciammo Stoccolma con il nostro peschereccio, il terzo giorno di aprile del 1829, diretti a
sud, lasciando le Isole Gothland alla sinistra e le Isole Oeland a destra. Alcuni giorni più tardi doppiammo il
Punto Sandhommar, e stabilimmo la nostra rotta verso la linea di confine che separa la Danimarca dalla
Scandinavia. Ci fermammo alla città di Christiansan, dove riposammo due giorni, quindi ripartimmo, girando
attorno alla costa della Scandinavia, verso ovest, puntando verso le Isole Lofoden.
Mio padre era di ottimo umore, a causa dell'eccellente ricavato che avevamo fatto a Stoccolma, dalla vendita
di zanne d'avorio che aveva trovato nella costa Ovest di Franz Joseph Land durante uno dei viaggi dell'anno
precedente. Espresse la speranza che, questa volta, potevamo essere sufficientemente fortunati da caricare
la nostra piccola nave con avorio, invece di merluzzi, aringhe, sgombri e salmoni.
Attraccammo a Hammerfest, latitudine 71° 40', e per un paio di giorni, riposammo. Rimanemmo una
settimana, facendo una scorta di provviste extra e diversi barili di acqua potabile, quindi salpammo per
Spitzbergen.
I primi giorni di navigazione avemmo mare aperto e venti favorevoli, poi incontrammo molto ghiaccio e molti
iceberg. Un bastimento più largo del nostro peschereccio non avrebbe avuto la possibilità di infilarsi in
mezzo al labirinto degli iceberg, o trovare spazio attraverso i canali a malapena aperti. Queste enormi
montagne di ghiaccio si presentavano come palazzi di cristallo o massicce cattedrali e fantastiche
montagne, severe, come sentinelle, imperturbabili, come alcune scogliere di solida roccia, dritte come una
Sfinge, resistenti alle irrequiete onde di un mare irritabile.
Dopo aver superato questi stretti passaggi, arrivammo a Spitsbergen il 23 di giugno e ci ancorammo per
poco tempo alla Baia di Wijuade, facendo un'ottima pesca. Quindi salpammo l'ancora e navigammo
attraverso lo Stretto di Hinlopen e lungo la costa della Terra del NordEst. Questo ci ricordò che Andree iniziò
il suo fatale viaggio su un pallone, proprio dalla Costa nord-ovest di Spitzbergen. Un forte vento venne da
sud-ovest e mio padre disse che ne avremmo avuto un vantaggio, per raggiungere la Terra di Franz Josef
dove, l'anno precedente, per caso, trovò le zanne d'avorio. Mai prima di allora vidi tanti uccelli, erano così
numerosi che coprivano le rocce della costa e oscuravano il cielo. Per moltissimi giorni navigammo sulla
rotta della Terra di Franz Josef. Finalmente, un vento favorevole ci consentì di navigare la Costa Ovest e,
dopo aver veleggiato per altre 24 ore, entrammo in una piccola baia.
Difficilmente si potrebbe credere che eravamo nel Northland. Il posto era verdeggiante, con un'abbondante
vegetazione e sebbene fosse un'area molto piccola, l'aria era calda e tranquilla. Sembrava di essere al punto
dove l'influenza delle maree del Golfo doveva essere più pungente e non così mite.

Mio padre era un ardente fedele di Odino e Thor e mi diceva frequentemente che erano Dei che erano
venuti dal lontano "Vento del Nord". Mi spiegò che nel profondo Nord c'era una terra molto bella, che ogni
mortale avrebbe dovuto conoscere e che era abitata dagli "Scelti". La mia immaginazione giovanile si
infiammò dall'ardore, dall'entusiasmo e dal fervore religioso del mio buon padre, ed esclamai: "Perché non
navighiamo per questa bellissima Terra? Il cielo è buono, il vento favorevole e il mare aperto". Perfino ora
posso vedere l'espressione di piacevole sorpresa del suo sguardo, quando si voltò e mi domandò: "Figlio
mio, vuoi venire con me ed esplorare, così lontano, dove nessun uomo si è mai avventurato?". Io risposi
affermativamente. "Molto bene", replicò. "Possa il Dio Odino proteggerci!" e velocemente dirigemmo la vela,
guardò la bussola, girata la prua in direzione Nord, puntò verso un canale aperto, ed il nostro viaggio ebbe
inizio.
Il sole era basso all'orizzonte, come usuale all'inizio dell'estate. Davvero, avevamo circa quattro mesi di luce
del giorno davanti a noi, prima che la gelata notte polare tornasse di nuovo". La nostra piccola barca
scattava avanti, come se fosse anch'essa desiderosa di avventurarsi. Dopo 36 ore eravamo fuori dalla vista
del punto più alto della linea della costa della Terra di Franz Josef. Sembravamo essere in una forte
corrente, che ci spingeva verso Nord-Nordest. Alla destra e alla sinistra c'erano iceberg, ma la nostra piccola
imbarcazione poteva passare attraverso piccoli canali e passaggi. Canali così stretti, in posti che, se fosse
stata un po' più grande, non saremmo passati.
Al terzo giorno arrivammo ad un'isola. Le sue coste erano lavate dal mare aperto. Mio padre stabilì di
fermarci, ed esplorare per un giorno. Questa nuova terra era priva di legname, ma trovammo cumuli di
legna, portati dalle correnti, dalle coste nord. Alcuni dei tronchi d'albero erano lunghi 12 metri e larghi 60
centimetri di diametro.
Dopo un giorno di esplorazione della linea della costa di quest'isola, salpammo l'ancora e girammo la nostra
prua verso Nord in mare aperto. Ricordo che né mio padre, né io, assaggiavamo cibo da almeno trenta ore.
Forse a causa della tensione o dell'eccitazione di questo strano viaggio, in queste acque del lontano nord.
Mio padre disse che nessuno era mai stato lì. L'attività mentale e l'emozione avevano intorpidito le necessità
fisiche. Invece del freddo intenso che ci aspettavamo, faceva caldo, ed era più piacevole di quando eravamo
nella costa della Norvegia, sei settimane prima.
Tutti e due ammettemmo francamente di essere molto affamati e immediatamente preparai un sostanzioso
pasto dalle nostre provviste. Quando fummo sazi, chiesi a mio padre se potevo dormire, cominciavo a
sentirmi molto stanco. "Bene", replicò, "io farò la guardia". Non ricordo per quanto tempo dormii, so solo che
fui duramente svegliato da un mare terribilmente agitato. Con grande sorpresa, trovai mio padre
profondamente addormentato. Mi lamentai vigorosamente con lui, si svegliò immediatamente. Davvero, per
poco, non venne scaraventato in mare. Infuriava una feroce tormenta di neve. Il vento era di poppa, e
spingeva la nostra imbarcazione ad una terrificante velocità, minacciando in ogni momento di farci
capovolgere. Non c'era tempo da perdere, la vela doveva essere abbassata immediatamente. La nostra
barca era sconvolta. C'erano alcuni iceberg davanti, ma fortunatamente, si vedeva un canale aperto verso
Nord. Sarebbe rimasto aperto? Decidemmo di correre il rischio. Di fronte, all'orizzonte, una nebbia di vapore,
o foschia, nera come la notte egiziana e, in cima, bianca come una nuvola di vapore, che alla fine si perse di
vista, come mescolata con i grande fiocchi di neve. E se coprisse un iceberg traditore? O qualche altro
ostacolo nascosto contro cui la nostra piccola barca poteva andare a sbattere, mandandoci in una tomba
d'acqua? O era soltanto un fenomeno artico? Non c'era modo di stabilirlo.
Per quale miracolo sfuggimmo al pericolo di essere distrutti dal mare, io non lo so. Ricordo che la nostra
piccola barca scricchiolò e si lamentò, fin quasi al punto di spezzarsi. Oscillò e barcollò come se fosse
afferrata da una feroce risacca di vortice d'acqua, o da un gorgo. Fortunatamente la bussola era stata fissata
con le viti sulla barca. La maggior parte delle nostre provviste vennero scaraventate fuori dal ponte, non
avevamo preso la precauzione di legarle fermamente all'albero, ed erano state spazzate dalla burrasca, in
mare aperto. Sopra l'assordante fermento delle onde tumultuose, sentii la voce di mio padre. "Coraggio,
figlio mio", gridò, "Odino è il Dio delle acque, il compagno dei coraggiosi, ed egli è con noi. Non avere
paura". A me sembrava che non ci fossero possibilità di sfuggire ad una morte orribile. La piccola
imbarcazione imbarcava acqua, la neve stava cadendo così velocemente da esserne accecati e le onde ci
sballottavano come fuscelli. Potevamo essere sbattuti in qualunque momento su qualche iceberg. Un
terrificante mare lungo ci sollevava fino ai picchi delle onde gigantesche, quindi ci riportava giù come
fossimo un guscio di noce nel mare. Gigantesche onde dalla cima bianca, come vere cascate, cadevano
sulla poppa e sulla prua dell'imbarcazione.

Questa terribile prova che ci tormentava, con orrore senza nome,a angoscia ed agonia di paura
indescrivibile, continuò per più di tre ore, e per tutto il tempo venimmo guidati in avanti a velocità selvaggia.
Poi all'improvviso, come se si fosse stancato del suo frenetico sforzo, il vento cominciò a perdere la sua furia
fino a morire. Alla fine eravamo in una calma perfetta. La nebbia era sparita e davanti a noi c'era un canale
senza ghiaccio, di circa trenta chilometri di grandezza, con alcuni iceberg lontani sulla destra e un arcipelago
intermittente di piccoli scogli sulla sinistra. Guardai mio padre attentamente, determinato a rimanere in
silenzio. Cominciò a sciogliere la fune dalla sua cintola, senza dire una parola, iniziando a lavorare sulla
pompa, che fortunatamente non era danneggiata, dando sollievo alla barca dall'acqua che aveva imbarcato,
nel furore della tempesta. Issò la vela con calma, come se gettasse una rete da pesca, e quindi osservò che
eravamo pronti per un eventuale vento favorevole. Il suo coraggio e la sua ostinazione erano veramente
straordinari. Controllammo le nostre provviste e trovammo che ne rimanevano solo un terzo, mentre con
costernazione e sgomento, scoprimmo che le botti di acqua si erano svuotate durante i violenti sobbalzi della
nostra imbarcazione, e che alcune erano cadute in mare.
C'erano rimaste due botti, ma erano vuote. Avevamo un po' di cibo, ma non avevamo acqua fresca. Mi resi
conto delle condizioni critiche in cui eravamo. Avevo una sete terribile. "È una cosa davvero brutta", osservò
mio padre. "Comunque, lasciamo asciugare i nostri vestiti fradici e asciughiamoci anche noi. Confidiamo nel
Dio Odino, figlio mio. Non perdiamo la speranza".
Il sole batteva i suoi raggi obliquamente, come se fossimo in una latitudine meridionale, invece che nel
lontano Nord. La sua orbita era sempre visibile e si alzava sempre più in alto, ogni giorno, spesso coperto
dalla foschia, tuttavia sempre visibile, attraverso le merlettatura delle nubi, come un irritabile occhio del fato,
sorvegliando il misterioso Nord e guardando nervosamente le birichinate dell'uomo. Lontano, alla nostra
destra i suoi raggi adornavano in modo sfarzoso i prismi degli iceberg. I loro riflessi emettevano lampi di
rosso granata, di diamante, di zaffiro. Un panorama pirotecnico di innumerevoli colori e forme, mentre in
basso si poteva vedere il mare verde, e sopra il cielo colore porpora.

PARTE TERZA :
AL DI LÀ DEL VENTO DEL NORD

Cercavo di dimenticare la mia sete tenendomi occupato, prendendo un po' di cibo e un recipiente vuoto dalla
dispensa. Allungandomi fuori bordo, riempii il recipiente di acqua del mare per lavarmi le mani ed il viso.
Quando l'acqua venne in contatto con le mie labbra, con meraviglia, scoprii che non era salata. Sobbalzai
dalla scoperta. "Padre, l'acqua non è salata!". "Cosa, Olaf?, esclamò, guardandosi rudemente intorno.
"Sicuramente ti stai sbagliando. Non c'è terra. Stai diventando matto". "Ma assaggiala" gli dissi. E così
scoprimmo che l'acqua era davvero fresca, assolutamente buona, senza alcun sapore salato o salmastro.
Immediatamente riempimmo le due botti che ci rimanevano, e mio padre disse che era una dispensa della
misericordia degli Dei Odino e Thor. Eravamo molto felici per l'acqua, ma la fame ci comandava il cibo. Ora
che avevamo trovato l'acqua in mare aperto, cosa ci potevamo aspettare in questa strana latitudine, dove
nessuna nave era mai stata e lo schizzo di un remo non si era mai udito?
Avevamo a mala pena placato la nostra fame con i residui delle provviste, quando una brezza comincio a
riempire la vela, e, dando un'occhiata alla bussola, scoprimmo che l'ago premeva sul punto nord, contro il
vetro. In risposta alla mia sorpresa, mio padre disse: "Avevo già sentito questo prima". Liberammo la bussola
e la girammo nel giusto punto e angolo. L'ago sembrava impazzito, come ubriaco.
Prima pensavamo che il vento ci portasse a Nord, da Nord-Ovest, ma, con l'ago della bussola libera,
scoprimmo, per quanto poteva contare, che stavamo navigando da nord a Nord-Est. Certamente comunque
diretti a Nord. Il mare era tranquillamente liscio, con piccole onde e il vento era vigoroso e veloce. I raggi del
sole ci colpivano, fornendoci un tranquillo calore. Questo clima andò avanti per giorni e dalle registrazioni di
bordo, scoprimmo che avevamo navigato per undici giorni, dopo la tempesta. Dividevamo equamente le
scarse razioni di cibo rimaste, che ormai erano veramente esigue. Una delle botti di acqua era finita, e noi
eravamo esausti. Mio padre disse: "Riempiamo le botti di nuovo", ma con nostro sgomento, scoprimmo che
l'acqua era di nuovo salata, come nelle regioni delle isole Lofoden. Dovevamo ulteriormente razionare
l'acqua. Mi accorsi di avere una voglia di dormire superiore al normale; forse era l'effetto dell'eccitante

esperienza di navigare in acque sconosciute o il rilassamento dopo l'esperienza della terribile tormenta che
ci aveva preso, oppure la voglia di mangiare, non saprei dirlo. Mi stendevo frequentemente nella stiva della
piccola imbarcazione e guardavo su nella cupola del cielo e ciononostante il sole splendesse lontano
nell'Est, vedevo sempre una stella singola in alto. Per diversi giorni, guardando questa stella, vedevo che era
sempre sopra di noi.
Secondo i nostri calcoli doveva essere il primo di agosto. Il sole era alto nel cieli e così brillante, da non poter
vedere la stella che attirò la mia attenzione nei giorni precedenti. Il giorno dopo, mio padre mi fece
sobbalzare richiamando la mia attenzione su una nuova visuale di fronte a noi, quasi all'orizzonte. "È un Sole
contraffatto, strano", esclamò. "Avevo letto di questo Sole: è chiamato riflesso, o miraggio. Presto andrà via".
Ma questo strano Sole, rosso offuscato, come supponevamo fosse, rimase per parecchie ore; e mentre
eravamo inconsapevoli della sua emissione di raggi di luce, non potemmo più stabilire il tempo che passava
con il vecchio sistema, né guardando l'orizzonte.
C'erano quasi sempre nuvole e foschia, ma non riuscivano mai a coprire interamente questo strano Sole.
Gradualmente, mentre avanzavamo, sembrava arrampicarsi e diventare più alto all'orizzonte, in un cielo
porpora pallido. Potevamo dire appena che somigliava al Sole che conoscevamo, eccetto per la sua forma
circolare e quando non era oscurato dalle nuvole o dalla foschia dell'oceano, appariva di un rosso nebbioso,
in apparenza bronzeo, che cambiava in un luminoso lattescente bianco, come se riflettesse qualche grande
luce, al di là. Finalmente ci mettemmo d'accordo sul fatto che questo fumoso, bronzeo, sole colorato,
qualunque fosse la causa del fenomeno, non era il riflesso del nostro sole, ma fosse in realtà, un qualche
genere di oggetto celeste.
In uno dei giorni seguenti mi sentii estremamente assonnato e mi addormentai. Ma mi sembrò di essere
svegliato quasi immediatamente da mio padre, che mi scuoteva per le spalle dicendomi: "Olaf, svegliati, c'è
terra in vista!". Scattai in piedi e oh! gioia indescrivibile! Lì, distante, nella nostra direzione, c'era terra che
sporgeva con forza nel mare. La linea della costa si stendeva lontano sulla nostra destra, a perdita d'occhio,
e c'erano spiagge sabbiose dove le onde si rompevano schiumose, ritirandosi, per poi formarsi di nuovo,
cantando il loro monotono fragore. La terra era coperta da alberi e vegetazione. Non posso esprimere i mie
sentimenti di esultanza alla scoperta. Mio padre era immobile, con le mani sul timone, tirando fuori le
preghiere dal suo cuore, per ringraziare gli Dei Odino e Thor. Nel frattempo gettammo una rete e pescammo
alcuni pesci che aggiungemmo alle nostre scadenti provviste. La bussola, che avevamo fissato di nuovo al
suo posto, in previsione di un'altra tempesta, muovendo il suo perno, puntava ancora in direzione Nord,
come era a Stoccolma. I sobbalzi dell'ago erano cessati. Cosa poteva significare? Quindi, ancora, in molti
giorni di navigazione dovevamo avere certamente superato il Polo Nord. E la bussola continuava ancora a
segnare Nord. Eravamo seriamente perplessi, perché ora sicuramente la nostra direzione era Sud.
Navigammo per tre giorni lungo la costa, quindi arrivammo alla bocca di un fiordo o un fiume di grandezza
immensa. Sembrava più grande di una grande baia e girammo la nostra barca in quella direzione. Con
l'assistenza di un vento nervoso che veniva in nostro aiuto, continuammo a risalire quello che poi si rivelò
essere un grande fiume, che veniva chiamato dagli abitanti, Hiddekel. Continuammo il nostro viaggio per
dieci giorni, raggiungendo un punto dove l'influenza dell'oceano non affliggeva più le acque, le quali erano
diventate dolci. La scoperta dell'acqua dolce ci permise di ripristinare le nostre riserve e continuammo a
risalire il fiume, fino a che il vento era favorevole. Lungo le rive, grandi foreste si estendevano per chilometri.
Gli alberi erano giganteschi. Finalmente ci fermammo vicino ad una spiaggia sabbiosa, e raggiungemmo
faticosamente la riva. Fummo ricompensati nel trovare un gran numero di noci, molto gradevoli, che
soddisfecero la nostra fame e un benvenuto cambiamento della monotonia dei nostri pasti. Doveva essere
circa il primo di settembre, cinque mesi dopo aver lasciato Stoccolma.
Improvvisamente ci spaventammo nel sentire in lontananza un canto di gente. Molto presto scoprimmo
un'immensa nave che scivolava sul fiume direttamente verso di noi. Quelli che erano a bordo cantavano un
poderoso coro che, echeggiando, dava l'impressione fosse composto da migliaia di voci, riempiendo l'intera
zona con frementi melodie. L'accompagnamento era fatto con strumenti a corda, non dissimili dalle nostre
arpe. Era una nave molto più grande di quelle che avevamo mai visto, ed era costruita molto
differentemente. La nostra barca era non lontana dalla riva. I bordi del fiume, coperti con giganteschi alberi,
si alzavano per centinaia di metri, in modo magnifico. Sembrava di essere in una foresta primordiale, che si
irradiava senza fine, verso all'interno.
L'immensa nave si fermò, e venne calata un'imbarcazione, con sei uomini di statura gigantesca, che si
diressero verso di noi. Parlavano una strana lingua. Vedevamo dai loro modi, comunque, che erano

amichevoli. Parlarono fra loro e uno di loro rise smodatamente, come se trovando noi, avesse fatto una
scoperta originale. Uno di loro guardò la nostra bussola e sembrava molto più interessato a questo oggetto
che a tutta la nostra imbarcazione. Finalmente, il capo ci fece comprendere a gesti, se volevamo lasciare
l'imbarcazione ed andare a bordo della loro nave. "Che ne dici, figlio mio?", mi chiese mio padre. "Non
possono fare niente di più che ucciderci". "Sembrano essere ben disposti nei nostri confronti", replicai,
"Sebbene siano enormi giganti!". "Possiamo andarci di nostra volontà oppure esserci trascinati con la forza"
disse mio padre, sorridendo. "Sono certamente capaci di catturarci". A quel punto, con i segni, fece capire a
questi esseri, che eravamo pronti a seguirli".
Nel giro di pochi minuti eravamo a bordo della nave e dopo un'ora e mezza, la nostra barca veniva tirata
fuori dall'acqua, da una strana attrezzatura con un gancio e portata a bordo. A bordo di questa colossale
nave c'erano molte centinaia di persone. La nave si chiamava "Naz", che significa, come abbiamo appreso
successivamente, "Piacere" o per darne una più appropriata interpretazione, "Gita di Piacere". Gli occupanti
della nave ci osservarono con curiosità, questa strana razza di giganti attrasse la nostra attenzione allo
stesso modo. Non c'era singolo essere a bordo che fosse alto meno di 3,60 m. Avevano tutti la barba,
tagliata corta. Avevano un viso dolce e bello, estremamente onesto, con carnagione rossastra. I capelli e la
barba di alcuni erano neri, altri colore sabbia, ed ancora altri, gialli. Il capitano, come noi designammo il
dignitario in comando di questo grande vascello, era il più alto di tutti. Le donne erano in media alte 3,30 m..
Le loro fattezze particolarmente regolari e raffinate, mentre il colorito era di una tinta delicata, elevato da una
salutare luminosità.
Sia gli uomini che le donne avevano una particolare gentilezza, nello sguardo e nei modi. Nonostante la loro
statura, gigantesca, non c'era segno di imbarazzo nei nostri confronti. Il 1.80 m. di mio padre non arrivava
alla cintura di questi esseri. Ed anche se io avevo soltanto 19 anni, ero, senza dubbio, visto come Pollicino.
Sembravano fare a gara, l'un l'altro, a chi era più gentile e cortese verso di noi. Tutti risero gioiosamente
quando dovettero improvvisare delle sedie per mio padre e per me, per sedere a tavola. Erano riccamente
vestiti, in un costume particolare, molto bello e attraente. Gli uomini avevano tuniche riccamente ricamate di
seta e raso, allacciate alla vita; calzoni corti fino al ginocchio, con calze di eccellente tessitura, mentre i loro
piedi erano incassati in sandali abbelliti con fibbie d'oro. Scoprimmo presto che l'oro era uno dei metalli più
comuni conosciuti e che era enormemente usato negli ornamenti. Anche se può sembrare strano, né io né
mio padre sentivamo la minima preoccupazione per la nostra salvezza. "I racconti della Terra al di là del
Vento del Nord, tramandati da mio padre e da mio nonno e da molte generazioni della nostra razza, sono
concretizzati qui".
Ci fu una festa in nostro onore, organizzata da Jules Galdea e sua moglie. Sentivamo l'attenzione di tutti su
di noi. E noi da parte nostra, eravamo ansiosi di imparare, come loro di istruire. Al comando del capitano, il
veicolo, manovrato abilmente, cominciò a navigare nel fiume. Il veicolo, silenzioso, era molto potente. I bordi
del fiume e gli alberi correvano veloci. La velocità della nave, alle volte, superava la velocità di ogni treno
che avrei preso, successivamente, nella mia vita, anche qui in America. Era meraviglioso.
Avevamo perso di vista i raggi del sole, ma trovammo una radiosità "interna", emanata dall'intorpidito sole
rosso, il quale attrasse di nuovo la nostra attenzione, emanando una luce bianca lattescente. Dispensava
una grande luce, dovrei dire, come due lune piene nella notte più chiara. Dopo 12 ore questa nube di
bianchezza si eclissò alla nostra vista. Imparammo presto che questa strana gente era devota a questa
grande nube della notte. Era "Il Dio Fumoso" del "Mondo Interno".
La nave era equipaggiata con un sistema di illuminazione che presumo fosse elettricità, ma né io né mio
padre eravamo sufficientemente espert per comprendere da dove venisse questa fonte di energia e per
mantenere quelle belle luci soffuse, così simili alle luci della nostra civiltà di oggi. Devo ricordare, che il
periodo di questi avvenimenti era l'autunno del 1829 e noi della superficie "esterna" della terra non
sapevamo nulla dell'elettricità. Le condizioni di sovraccarico elettrico dell'aria erano una costante
rivitalizzante. Non mi sono mai sentito meglio in vita mia, durante i due anni che mio padre ed io
soggiornammo nella parte interna della Terra.
Per riassumere gli avvenimenti del mio racconto: la nave nella quale stavamo navigando si fermò dopo due
giorni. Mio padre disse che secondo lui era come se avessimo viaggiato tra Stoccolma e Londra. La città che
abbiamo raggiunto si chiamava Jehu, che significa una città di mare. Le case erano grandi e ben costruite e
in apparenza completamente simili, però senza monotonia. La principale occupazione della gente era
l'agricoltura; i pendii delle colline erano coperti con viti, mentre le valli erano dedicate alla crescita dei cereali.

Non avevo mai visto tanto oro. Era ovunque. Il rivestimento delle porte era intarsiato d'oro, ed i tavoli erano
impiallacciati con lamiere d'oro. Le cupole degli edifici pubblici erano d'oro. Era usato, generosamente, nelle
rifiniture dei grandi templi della musica.
La vegetazione cresceva in prodigiosa esuberanza e i frutti di tutti i generi avevano il più delicato sapore. I
grappoli d'uva erano grandi 120-150 cm, ogni acino era grande come un arancio, le mele erano più larghe
della testa di un uomo. Tutto caratterizzava la stupenda crescita di tutte le cose all'"interno" della terra.
Le grandi sequoie della California dovrebbero essere considerate come sottobosco, comparate agli alberi
giganti delle foreste che si estendono per chilometri e chilometri in ogni direzione. Durante il secondo giorno
di viaggio, abbiamo visto vaste mandrie di bestiame, in molte direzioni, lungo i pendii delle montagne.
Abbiamo sentito molto parlare di una città chiamata "Eden", ma siamo stati tenuti a Jehu per un anno intero.
Dopo questo tempo avevamo imparato a parlare abbastanza bene la lingua di questa strana razza. I nostri
istruttori, Jules Galdea e sua moglie, mostrarono una grande pazienza nei nostri confronti.
Un giorno venne l'invito del governatore di Eden per vederci e per due giorni interi, mio padre ed io venimmo
sottoposti a una serie di sorprendenti domande. Desideravano sapere da dove venivamo, che genere di
gente abitava l'esterno, quale Dio adoravamo, le nostre religioni, il modo di vivere della nostra "strana" terra
e un migliaio di altre cose.
La bussola che avevamo portato con noi attrasse speciali attenzioni. Mio padre ed io commentammo tra noi
sul fatto che la bussola puntava ancora a Nord, benché sapessimo che avevamo navigato oltre la curva, o
bordo, dell'apertura della Terra, ed eravamo molto più a sud nella superficie interna della crosta terrestre.
Noi stimavamo di trovarci 500 chilometri di spessore fra la superficie interna e quella esterna. Relativamente
parlando, la crosta terrestre non è più spessa di un uovo, cosicché c'è molta più superficie terrestre
all'interno che non all'estero della terra.
La grande nuvola luminosa, che durante il giorno emette una luce bianca soffusa, la notte diventa una palla
di fuoco rosso opaco, e all'alba e al tramonto è rosso fiammeggiante, "Il Dio Fumoso" - sospeso
apparentemente nel centro del grande cielo "dentro" la terra e tenuto al suo posto dall'immutabile legge di
gravità o una repellente forza atmosferica, come potrebbe essere in questo caso. Mi riferisco alla grande
potenza dell'attrazione e della repulsione, con uguale forza in tutte le direzioni. La base di questa nube
elettrica o corpo luminoso centrale, la sedia degli Dei, è buia e non trasparente, eccetto per innumerevoli
piccole aperture, apparentemente nella parte inferiore del grande supporto, o altare della Divinità, sopra la
quale "Il Dio Fumoso" si appoggia e la luce splende attraverso queste aperture, che luccicano in tutto il loro
splendore, sembrando stelle, così naturali, che le stelle che noi vedevamo splendere nella nostra casa di
Stoccolma apparivano solo più larghe. "Il Dio Fumoso", perciò, per ogni rivoluzione giornaliera della Terra,
appare sorgere ad Est e tramontare giù nell'Ovest, così come nello stesso modo nella superficie esterna. In
realtà, la gente dell'interno crede che "Il Dio Fumoso" sia il trono del loro Dio e sia stazionario. L'effetto del
giorno e della notte è prodotto dalla rotazione della Terra. La lingua della gente del Mondo Interno è molto
simile al Sanscrito.
Ci chiesero molte informazioni su di noi, da dove venivamo. Mio padre tracciò le mappe dei continenti esterni
della Terra, mostrando la divisione delle terre e delle acque e dando il nome delle isole più grandi e degli
Oceani. Poi ci portarono, via terra, alla città di Eden, con un mezzo di trasporto diverso da tutti quelli che
avrei successivamente visto in Europa o in America. Questo veicolo era senza dubbio mosso da qualche
congegno elettrico. Non faceva nessun rumore e correva su un singolo binario in perfetto bilanciamento. Il
viaggio venne fatto ad una velocità molto elevata. Viaggiammo tra colline e valli, e lungo i bordi delle
montagne. Il percorso di questo "treno" seguiva il paesaggio, senza livellare la terra, o perforare le montagne
come facciamo noi con le ferrovie. I posti a sedere erano molto confortevoli, ed erano molto alti dal
pavimento, visto la loro statura. Sopra, ai lati di ogni carrozza c'erano ruote con ingranaggi che giravano, e la
loro velocità era proporzionata alla velocità. Jules Galdea ci spiegò che queste ruote sopra le carrozze
annullavano la pressione atmosferica o quello che definiamo gravitazione terrestre e con queste forze
annullate, il viaggio veniva fatto in estrema sicurezza, impedendo il cadere da una parte o dall'altra della
rotaia, come se si viaggiasse in un vuoto; le ruote, nel loro rapido girare, annullano efficacemente la gravità
o la pressione atmosferica o qualunque influenza potrebbe causare la fuoriuscita dal binario e cadere sulla
superficie.
La nostra sorpresa fu indescrivibile quando, nel mezzo di una sala magnifica, regale e grandissima, fummo
portati innanzi al Gran Sacerdote, Governatore di tutta quella terra. Era riccamente vestito, era il più alto di

tutti quelli che erano intorno a lui, non meno di 4,5 m. L'immensa stanza nella quale ci ricevette, era rifinita in
solide lastre d'oro, fittamente ornata da gioielli di sbalorditiva brillantezza. La città di Eden è situata in una
bella valle, situata nella montagna più alta, un altopiano del Continente Interno, molto più alta delle
montagne circostanti. È il posto più bello che abbia mai visto in tutti i miei viaggi. In questo giardino elevato,
tutti i generi di frutta, viti, arbusti, alberi e fiori crescevano in clamorosa abbondanza.
In questo parco, un'enorme fontana artesiana, è la sorgente di quattro fiumi. Si dividevano e fluivano in
quattro direzioni. Questo posto è chiamato dagli abitanti "l'ombelico della Terra" o all'inizio, "la culla della
razza umana". I nomi dei fiumi sono: l'Eufrate, il Pison, il Gihon, e l'Hiddekel. E il Signore Iddio piantò un
giardino, e dalla terra fece nascere ogni albero che era piacevole alla sua vista ed era buono da mangiare".
Il Libro della Genesi.
Mentre attendevamo in questa palazzo di bellezze, vedemmo all'esterno la nostra piccola barca. Era stata
portata lì, dalle acque del fiume, quel giorno dell'incontro con questi esseri, circa un anno prima. Ci venne
concessa un'udienza di oltre due ore, con questo grande dignitario, che sembrava gentilmente disposto e
premuroso. Si mostrò ardentemente interessato, chiedendoci molte cose. Alla conclusione dell'incontro, ci
chiese se avevamo intenzione di rimanere in questo mondo o se preferivamo tornare nel "mondo esterno",
dicendo che ci avrebbero aiutato in tutti i modi possibili, attraverso la barriera di ghiacci, che circondano le
aperture nord e sud della terra interna. Mio padre replicò: "Ci farebbe piacere conoscere la vostra terra e la
vostra gente, le vostre scuole e i palazzi della musica e delle arti, i vostri campi e le vostre meravigliose
foreste; e dopo aver avuto questo gradevole privilegio, vorremmo cercare di ritornare alla nostra casa sulla
superficie "esterna" della Terra. Questo è il mio unico figlio e la mia buona moglie sarà stanca di aspettare il
nostro ritorno". "Ho paura che non potrete mai tornare" replicò il Gran Sacerdote, "perché la via del ritorno è
molto pericolosa. Comunque, potrete visitare tutti i posti che volete, con Jules Galdea e sua moglie come
vostri accompagnatori e vi sarà accordata ogni cortesia e gentilezza. In qualunque momento vorrete tentare
il viaggio di ritorno, vi assicuro che la vostra imbarcazione, che è qui in mostra, sarà messa nelle acque del
fiume Hiddekel, alla sua foce, e vi augureremo un felice ritorno". In questo modo terminò l'unica udienza con
il Gran Sacerdote o Governatore della terra interna.

PARTE QUARTA :
NEL MONDO INTERNO

Apprendemmo che gli uomini si sposavano dai settantacinque ai cento anni d'età e per le donne un po' di
meno, e sia gli uomini che le donne vivevano in media 600-800 anni e in alcuni casi di più. Giuseppe dice:
"Dio prolungò la vita dei patriarchi che precedettero il diluvio, sia per sviluppare le loro virtù e sia per dare
loro l'opportunità di perfezionare le scoperte nelle scienze della geometria e dell'astronomia, che non
avrebbero potuto fare se avessero vissuto di meno". Flammarion, Miti Astronomici, Parigi p. 26. Durante
l'anno successivo visitammo molti villaggi e città e fra questi le città di Nigi, Delfi, Hectea, mio padre venne
chiamato, non meno di una mezza dozzina di volte, per portare delucidazioni sulle mappe della superficie
terrestre esterna, che aveva rozzamente disegnato, sulle divisioni di terra e di acqua. Ricordo che sentii mio
padre osservare che la razza gigante della terra del "Sole fumoso", aveva un'idea accurata della geografia
della superficie "esterna" come, mediamente, un professore dell'Università di Stoccolma. Nei nostri viaggi,
andammo in una foresta di giganteschi alberi, vicino alla città di Delfi.
Nella Bibbia c'è scritto che c'erano alberi che si elevavano per 90 m. di altezza, con oltre 9 metri di diametro,
che crescevano nel Giardino dell'Eden, gli Ingersolls, Tom Paines e Voltaire si sarebbero pronunciati
spiegandolo con un mito. Le gigantesche sequoie della California, diventano insignificanti al confronto con gli
alberi delle foreste interne della terra, che possono essere alti da 250 a 300 metri, e da 30 a oltre 36 metri di
diametro, senza contare il numero delle foreste che si estendono per centinaia di chilometri. La gente ha una
musicalità straordinaria e ha imparato ad un grado elevatissimo le arti e le scienze, specialmente la
geometria e l'astronomia. Le loro città sono fornite di grandi palazzi della musica, dove spesso, non meno di
25 mila robuste voci di questi giganti emettono potenti cori, delle più sublimi sinfonie. I bambini non vanno a
scuola fino a che non hanno circa 20 anni. Dopo continuano a studiare per 30 anni, dieci dei quali sono
dedicati, per entrambi i sessi, allo studio della musica. I mestieri più comuni sono l'architettura, agricoltura,
orticultura, allevare mandrie di bestiame e la costruzione di mezzi di trasporto, peculiari per questi paesi, per

viaggiare sulle terre e sulle acque. Con uno strumento che non sono in grado di spiegare, comunicano fra
loro a grande distanza. Tutti gli edifici sono costruiti con speciali riguardi, per durata, bellezza e simmetria e
con uno stile architettonico immensamente avvincente all'occhio, che non avevo mai osservato da nessuna
parte.
Circa tre quarti della superficie "interna" è terra e un quarto acqua. Ci sono numerosi fiumi di grandezza
immensa, alcuni fluiscono in direzione Nord e altri Sud. Alcuni di questi fiumi hanno una larghezzadi quasi
50 chilometri e sfociano all'estremo Nord e Sud, in regioni dove le basse temperature formano gli iceberg,
che poi fuoriescono dai Poli, due volte l'anno. Vedemmo innumerevoli specie di uccelli, grandissimi. Molte
specie che sembrava si fossero estinte sulla superficie della terra, hanno trovato asilo nella terra interna. Sia
fra le montagne, che lungo le coste, trovammo una prolifica vita degli uccelli e altre varietà di animali, di
taglia grandissima, in una grande varietà e colori. Ci venne permesso di arrampicarci sulla cima di una
montagna ed esaminare un nido con le uova. Ce n'erano cinque nel nido, ognuna delle quali era grossa
almeno mezzo metro.
Dopo essere stati nella città di Hectea per una settimana, il professor Galdea ci portò in un'insenatura, dove
vedemmo migliaia di tartarughe lungo la sabbia della costa. Esitai a credere ai miei occhi, la grandezza di
queste creature era immensa: ce n'erano da 7 a 9 metri in lunghezza, da 4 a 6 metri di larghezza per oltre 2
metri in altezza. Quando una di esse proiettò fuori la sua testa, sembrò uno spaventoso mostro marino.
Le strane condizioni atmosferiche dell' "interno" erano favorevoli non solo per le vaste distese di erba
lussureggiante, foreste e alberi giganti e tutti i generi di vita vegetale, ma anche per la meravigliosa vita
animale.
Un giorno vedemmo una grande mandria di elefanti. Dovevano essere circa 500. Strappavano enormi rami
dagli alberi e camminavano pesantemente. Laceravamo i rami degli alberi smisuratamente e facevano
tabula rasa dove passavano. Misuravano oltre 30 metri in lunghezza e 22 - 25 in altezza. Mi sembrava,
mentre guardavo questa meravigliosa mandria, di essere ancora nella biblioteca di Stoccolma, dove studiai
molto le meraviglie dell'era Miocene. Ero completamente affascinato e anche mio padre era muto, timoroso.
Prese la mia mano a mo' di protezione, come se ci fosse qualche pericolo. Eravamo due atomi in questa
grande foresta e fortunatamente, inosservati dalla mandria, che si spostava seguendo il loro capo, come una
mandria di pecore, con la differenza che facevano tremare la terra con il rumore prodotto dai loro passi.
C'era una appannata foschia che sorgeva dalla terra, ogni sera e la pioggia cadeva invariabilmente ogni 24
ore. Questa grande umidità, con la corroborante elettricità e il calore che ritenevamo provenisse dalla
lussureggiante vegetazione, insieme all'alta carica elettrica dell'aria e all'uniformità delle condizioni
climatiche, possono avere molto a che fare con la crescita gigante e la longevità. C'erano grandi valli che si
estendevano per molti chilometri in ogni direzione. "Il Dio Fumoso" regnava con la sua luce chiara, tranquilla.
C'era un'ebbrezza nel sovraccarico di elettricità nell'aria, che arrivava sulle guance delicatamente, come un
evanescente sussurro. La natura cantava una ninnananna nel mormorio del vento, il cui respiro era dolce,
con la fragranza del germoglio e del fiorire.
Dopo aver trascorso molto più di un anno a visitare diverse delle moltissime città e una grande quantità di
paesi del mondo "interno", e più di due anni passati dal tempo del nostro arrivo, decidemmo di affrontare la
buona sorte, ancora una volta, sul mare, sforzandoci di riconquistare "l'esterno" della Terra. Rendemmo noti
i nostri desideri ed essi, con riluttanza, ma prontamente, ci accompagnarono. I nostri amici, su richiesta di
mio padre, ci diedero diverse mappe, che mostravano l'intera superficie della terra "interna", le sue città,
oceani, mari, fiumi, golfi e baie. Ci offrirono generosamente delle borse con pepite d'oro - alcune di esse più
grosse di uova d'oca - che noi accettammo, mettendole nella nostra imbarcazione. Al tempo opportuno,
ritornammo a Jehu e lì restammo un mese per i lavori di riparazione alla barca. Dopo che tutto fu pronto, la
stessa nave "Naz" che ci aveva scoperto, ci riportò sul sulla foce del fiume Hiddekel. Dopo che i nostri fratelli
giganti ebbero messo la barca in acqua, erano molto dispiaciuti per la nostra decisione di andare via e
usarono molta premura per la nostra sicurezza. Mio padre giurò sugli Dei Odino e Thor che sarebbe
sicuramente tornato, entro un anno o due, per visitarli di nuovo. Così ci lasciammo dicendoci addio.
Eravamo pronti a issare la vela, ma c'era poco vento. C'era bonaccia e partimmo dopo un'ora che i nostri
amici giganti ci avevano lasciati, per il viaggio di ritorno.
Il vento soffiava costantemente verso Sud, stava soffiando dalla direzione dell'apertura Nord della terra,
verso Sud, ma secondo la nostra bussola indicava Nord. Cercammo di navigare contro vento per tre giorni,
ma senza risultato. Dopo di che mio padre disse: "Figlio mio, è impossibile tornare attraverso la stessa via
per la quale siamo arrivati, in questo periodo dell'anno. Mi domando perché non ci abbiamo pensato prima.

Siamo stati qui quasi due anni e mezzo; quindi, questa è la stagione nella quale il Sole splende nel Sud della
Terra. C'è la lunga notte artica, a Spitzbergen". "Che facciamo?" domandai.
C'è solo una cosa da fare", replicò mio padre, "ed è andare a Sud". Di conseguenza girammo la barca, e
puntammo nella direzione che la bussola indicava Nord, ma che invece era Sud. Il vento era forte, sembrava
che avevamo preso una corrente che correva a velocità rimarcabile nella nostra stessa direzione". Dopo 40
giorni arrivammo a Delfi, la città che avevamo visitato in compagnia delle nostre guide, i coniugi Galdea,
vicino la foce del fiume Gihon. Qui ci fermammo per due giorni, furono molto ospitali e fummo ospitati dalla
stessa gente che ci aveva dato il benvenuto nella visita precedente. Ci rifornimmo di provviste e salpammo
di nuovo, seguendo la bussola, direzione Nord (che era Sud). Nel nostro viaggio ci imbattemmo in uno
stretto canale, che appariva essere un corpo separato di acqua, tra due considerevoli corpi di terra. C'era
una bella spiaggia alla nostra destra e decidemmo di fare una ricognizione. Gettammo l'ancora,
camminammo a riva, e riposammo un giorno prima di continuare la pericolosa impresa. Accendemmo un
fuoco con del legname. Mentre mio padre stava passeggiando lungo la costa, preparai un allettante pasto.
C'era una dolce luce luminosa che, mio padre disse, proveniva dal Sole che filtrava dall'apertura sud della
Terra. Quella notte dormimmo profondamente, ci svegliammo la mattina dopo ristorati come se fossimo stati
nel nostro letto di Stoccolma.
Dopo colazione, facemmo un giro di scoperta all'interno e vedemmo alcuni uccelli che appartenevano alla
famiglia dei pinguini. Erano uccelli senza facoltà di volo, ma eccellenti nuotatori, di dimensioni enormi, con
corte ali, testa nera. In piedi, erano alti circa 2,70 m. Ci guardarono con grande sorpresa e camminando
ancheggiando, entrarono in acqua e nuotarono via.
Le notti non erano mai così buie ai Poli, come in altre regioni, la Luna e le Stelle sembravano splendere con
una luce doppia. In più c'era una luce continua, con svariati giochi di luce e di forme che formavano i più
strani fenomeni della natura. Astronomia di Rambrosson. Tralasciamo gli avvenimenti che accaddero
durante i successivi cento o più giorni. Eravamo in un mare aperto e senza ghiaccio nel mese che
calcoliamo fosse novembre o dicembre. Sapevamo che avevamo superato il cosiddetto Polo Sud. Quindi,
eravamo passati oltre la luminosità elettrica interna del "Dio Fumoso" ed il suo generoso calore. Dovevamo
incontrare la luce e il calore del Sole esterno, splendente attraverso l'apertura sud della Terra. Non eravamo
in errore. Ci furono dei momenti in cui la nostra piccola imbarcazione, guidata dal vento, che era continuo e
persistente, saettava attraverso le acque come una freccia. Davvero, se avessimo incontrato una piccola
roccia o un ostacolo, la barca si sarebbe fracassata come un fuscello. Alla fine eravamo coscienti che
l'atmosfera stava diventando decisamente fredda e, alcuni giorni più tardi, avvistammo degli iceberg lontani
sulla sinistra. Mio padre arguì e correttamente, che i venti che avevano trasportato la barca, venivano dal
caldo clima dell'"interno". Il tempo dell'anno era certamente molto favorevole per fare il salto verso il mondo
"esterno" e tentare di passare attraverso i canali aperti della zona gelata che circonda la regione polare.
Fummo presto fra i ghiacci e come riuscimmo a passare fra gli stretti canali senza fracassarci, non lo so. La
bussola si comportava come se fosse impazzita allo stesso modo di quando eravamo passati dal Polo Nord.
Un giorno stavo pigramente guardando oltre il bordo della barca, quando mio padre urlò: "C'è un ostacolo!".
Guardando, vidi un enorme montagna bianca che torreggiava, alta decine di metri, proprio diretta contro di
noi. Abbassammo la velocità immediatamente, ma non a sufficienza. In un momento ci incuneammo tra due
enormi iceberg. Ognuno si premeva con l'altro. Erano come due Dei che si contendevano la supremazia.
Eravamo molto allarmati. Davvero, eravamo tra due linee di una battaglia reale; i sonori tuoni del frantumarsi
del ghiaccio erano come raffiche di artiglieria. Blocchi di ghiaccio grandi come case si staccavano con forza,
visto l'attrito tra i due colossi; all'impatto, tremarono e oscillarono e dopo alcuni secondi cominciarono a farsi
a pezzi con un assordante ruggito e sparirono nelle spumeggianti acque. Per più di due ore continuò questo
scontro fra giganti. Sembrava che la fine fosse arrivata. La pressione del ghiaccio era terribile, e mentre
ancora non eravamo catturati nella parte pericolosa dell'impatto ed eravamo ancora salvi, il sollevarsi e lo
spaccarsi di tonnellate di ghiaccio, che cadevano spruzzando qui e là nelle profondità delle acque, ci misero
in agitazione. Finalmente, con nostra grande gioia, il frantumarsi del ghiaccio cessò e in un paio d'ore la
grande massa lentamente si divise e, come se fosse eseguito da un atto della provvidenza, giusto davanti a
noi c'era un canale aperto. Ci dovevamo avventurare in questa apertura con la nostra piccola imbarcazione?
Se la pressione diventa di nuovo forte, noi e la barca potevamo essere schiacciati in un niente. Decidemmo
di prendere il rischio e di conseguenza, issammo la vela e presto ripartimmo come una corsa di cavalli,
correndo in questo canale.

PARTE QUINTA :
IN MEZZO AI GHIACCI

I successivi 45 giorni passammo il nostro tempo evitando iceberg e cercando canali; non eravamo favoriti
davvero dal forte vento del sud, con la nostra barchetta. Dubitavo che questa storia potesse essere un
giorno raccontata al mondo. Alla fine venne una mattina in cui mio padre disse: "Figlio mio, penso che
vedremo la via di casa. Abbiamo quasi attraversato i ghiacci. Vedi! le acque aperte sono dietro di noi".
Comunque, c'erano alcuni iceberg che galleggiavano in direzione Nord, dritti davanti a noi, su tutti e due i
lati, che si distendevano per molte miglia. Direttamente di fronte a noi e attraverso la bussola, che ora aveva
ritrovato il suo equilibrio e puntava a Nord, c'era il mare aperto.
"Che meravigliosa storia dobbiamo raccontare alla gente di Stoccolma", continuò mio padre, mentre uno
sguardo di perdonabile esaltazione era nel suo onesto viso. "E pensa alle pepite d'oro che abbiamo nella
stiva!". Dissi parole gentili di preghiera, non solo per la gratitudine, non solo per la forza e la resistenza, ma
anche per la sua audacia e per aver compiuto il viaggio, che ora prometteva di andare a buon fine. Gli ero
grato, delle ricchezze d'oro che stavamo portando a casa.
Mentre ci felicitavamo con noi stessi per la buona riserva di provviste e di acqua che avevamo ancora a
disposizione e dei pericoli a cui eravamo fuggiti, cominciammo a sentire una terrificante esplosione, causata
dallo scontro di due montagne di ghiaccio. Ci fu un assordante rumore come lo sparo di migliaia di cannoni.
Andavamo a gran velocità ed eravamo vicini ad un maestoso iceberg che appariva immobile come un'isola
di roccia. Sembrava, comunque, che l'iceberg che si era separato stesse scivolando via, dopodichè
l'equilibrio del "mostro", lungo il quale stavamo navigando, si ruppe e cominciò a immergersi vicino a noi. Mio
padre previde velocemente il pericolo, prima che io realizzassi questa terribile possibilità. L'iceberg
sprofondò giù nell'acqua per centinaia di metri e, appena riemerse, la parte superiore dell'iceberg prese la
nostra barca, come una leva nel punto d'appoggio e ci lanciò nell'aria come se fossimo stati una palla. La
nostra nave ricadde dietro l'iceberg, che aveva cambiato posto, con la cima davanti a noi. Mio padre era
ancora nella barca, essendosi impigliato, mentre io ero stato lanciato più avanti, sull'iceberg. Mi arrampicai e
gridai e lui risposte: "Va tutto bene".
Giusto quando una percezione spuntò in me. Orrore degli orrori! Il sangue si gelò nelle mie vene. L'iceberg
era ancora in movimento e c'era la possibilità che si rivoltasse, col suo grande peso. Compresi pienamente
quale forza di risucchio avrebbe potuto provocare e la grande quantità di acqua che avrebbe smosso. Con il
pericolo di risucchio, come le zanne di un lupo pronto a mordere la preda. In questo supremo momento di
angoscia mentale, guardai la nostra barca che giaceva su un lato, domandandomi se fosse stato possibile
rimetterla in piedi e come mio padre avrebbe potuto sfuggire. Era questa la fine del nostro viaggio e delle
nostre avventure? Era la morte? Tutte queste domande balenarono nella mia mente in una frazione di
secondo ed un momento dopo fui impegnato in un combattimento di vita o di morte. La massiccia struttura di
ghiaccio affondò sotto la superficie e le freddissime acque gorgogliarono intorno a me con rabbia frenetica.
Mi trovai in una conca, con le acque che scrosciavano da tutte le parti. Ancora un momento e persi
conoscenza. Quando ripresi parzialmente i miei sensi, quasi annegato, mi ritrovai bagnato, irrigidito e quasi
congelato, giacente sull'iceberg. Non c'era segno di mio padre e dell'imbarcazione. Il mostruoso iceberg
recuperò il suo equilibrio, innalzandosi circa 50 metri sopra le onde. La cima di quest'isola di ghiaccio era
una specie di grande piattaforma. Amavo molto mio padre ed ero profondamente colpito dal terribile
pensiero della sua morte. Urlavo al destino, che non aveva permesso che dormissi con lui nelle profondità
dell'oceano. Finalmente reagii, mi guardai intorno. Il cielo colore porpora, lo sconfinato oceano verde davanti
e solo qualche iceberg distinguibile! Il mio cuore sprofondò in una disperazione.
Allora la mano del Salvatore si protrasse e l'immobilità mortale di una solitudine, diventata rapidamente
insopportabile, fu improvvisamente rotta da uno sparo. Trasalii dallo stupore quando vidi, a meno di mezzo
miglio, una baleniera che stava dirigendosi verso di me. Evidentemente, il mio continuo girare sull'iceberg
aveva attratto la loro attenzione. Quando furono vicini a me, calarono una barca e si avvicinarono
cautamente. Fui salvato e un poco più tardi portato a bordo della baleniera. Era una baleniera scozzese,
"L'Arlington". Era salpata da Dundee a settembre, e si diresse immediatamente nell'Antartico, in cerca di
balene. Il capitano, Angus MacPherson, sembrava bendisposto, ma in materia di disciplina, come presto
imparai, possedeva una volontà d'acciaio. Quando mi accinsi a raccontargli che venivo dall'"interno" della

Terra, il capitano e i compagni si guardano l'un l'altro, scuotendo le loro teste e decisero di mettermi in una
cuccetta sotto stretta sorveglianza del medico della nave. Ero molto debole, affamato e senza aver dormito
per molte ore. Comunque, dopo alcuni giorni di riposo, mi alzai ed uscii senza il permesso del medico o di
nessun altro e gli dissi che io ero sano di mente come ognuno di loro.
Il capitano mi chiese di nuovo di raccontare da dove venivo e come avevo fatto a rimanere da solo su un
iceberg, nel lontano Oceano Antartico. Io replicai che venivo dalla parte "interna" della Terra e proseguii
raccontandogli come io e mio padre eravamo partiti dal nostro viaggio a Spitzberger e come siamo usciti dal
Polo Sud, dopodiché venni messo in catene. Successivamente udii il capitano dire agli amici che io ero
completamente pazzo, come il mese di marzo e che dovevo rimanere confinato fino a che ragionassi a
sufficienza, per dare un racconto veritiero di quello che mi era accaduto.
Alla fine, dopo molto implorare e molte promesse, fui liberato dalle catene. Quindi inventai un storia che
soddisfacesse il capitano, e non mi riferii più al mio viaggio nella terra del "Dio Fumoso", almeno fino al
momento in cui sarei stato fra amici.
Di lì a quindici giorni mi venne permesso di prendere un posto tra i marinai. Un po' più tardi il capitano mi
chiese una ulteriore spiegazione. Gli dissi che la mia esperienza era stata così terribile che non ricordavo
nulla a causa del trauma e lo pregai di lasciare cadere la spiegazione fino ad un prossimo futuro. "Io penso
che tu stai considerevolmente meglio" disse, "ma non stai ancora in buona salute". "Permettetemi di fare
qualche lavoro sulla nave", replicai, "e se questo non vi compensa sufficientemente, io pagherò
immediatamente quando arriveremo a Stoccolma, fino all'ultimo penny". Così si chiuse quest'argomento.
Quando finalmente raggiungemmo Stoccolma, come ho già raccontato, trovai che mia madre era trapassata
un anno prima. Ho anche detto come, più tardi, dopo il tradimento di un parente, fui rinchiuso in un
manicomio, dove rimasi per 28 anni - anni veramente infiniti - e ancora più tardi, dopo il mio rilascio, come
tornai a vivere come pescatore, assiduamente per 27 anni, quindi venni in America, e finalmente a Los
Angeles, California. Ma tutto questo può essere poco interessante per il lettore. Davvero, mi sembra che il
punto culminante del mio meraviglioso viaggio e delle strane avventure che abbiamo avuto, sia fino a
quando fui salvato dalla baleniera, che mi raccolse dall'iceberg nell'Oceano Antartico.

PARTE SESTA :
CONCLUSIONE

Nel concludere la storia delle mie avventure, desidero affermare che io credo fermamente che le scienze
siano ancora alla fase dell'infanzia, per quel che riguarda la cosmologia della Terra. Ci sono moltissime cose
che non sono spiegate e comprese oggigiorno e rimarranno sempre così, fino a che la terra del "Dio
Fumoso" non verrà scoperta e riconosciuta dai nostri geofisici. Questa è la terra da dove provengono i cedri,
che sono stati trovati dagli esploratori, nelle acque aperte dell'estremo Nord della crosta terrestre, e anche i
corpi dei mammut, i cui scheletri sono stati trovati in vaste parti della costa Siberiana. Gli esploratori del Nord
hanno fatto molto. Sir John Franklin, De Haven Grinnell, Sir John Murray, Kane, Melville, Hall, Nansen,
Schwatka, Greely, Peary, Ross, Gerlache, Bernacchi, Andree, Amsden, Amundson e altri si sono sforzati
tutti di scaldare la cittadella gelata del mistero. Io credo fermamente che Andree e i sui due valorosi
compagni, Strindberg e Fraenckell, che hanno navigato in aria col pallone "Oreon" dalla costa Nordovest di
Spitsbergen quella domenica pomeriggio dell'11 luglio del 1897, siano ora nel Mondo Interno e senza dubbio
sono stati accolti come accolsero mio padre e me, dalla razza gigante benevola, che abita il Continente
Atlantico interno.
Avendo, a mio modesto modo, dedicato anni a questi problemi, conosco bene le definizioni accettate della
legge di gravità, così come la causa dell'attrazione magnetica dell'ago della bussola, e sono preparato a dire
che è il mio fermo credo, che l'ago è influenzato solamente da correnti elettriche che avvolgono
completamente la terra come un rivestimento e che queste correnti elettriche sono un circuito senza fine,
che passano fuori dalla parte sud dell'apertura cilindrica, diffondendosi ed estendendosi su tutta la superficie
esterna, scorrendo velocemente verso il Polo Nord. E mentre queste correnti apparentemente schizzano

nello spazio all'esterno dei Poli, si rituffano di nuovo nella superficie "interna" e continuano la loro corsa
verso Sud, lungo l'interno della crosta terrestre, verso l'apertura del Polo Sud.
"Mr. Lemstron concluse che la fuoriuscita di elettricità, la quale può soltanto essere vista per mezzo dello
spettroscopio, prende corpo sulla superficie tutt'intorno a lui, e che a distanza, appare come un debole
mostrarsi dell'Aurora, il fenomeno di luce pallida e fiammeggiante che è vista qualche volta sulla cima delle
montagne di Spitzbergen". Manuale Artico, pag. 739.
Come la gravità, nessuno conosce cosa sia, perché non è stato scoperto se sia determinata dalla pressione
atmosferica, che permette alla mela di cadere, o se, 300 chilometri sotto la superficie della terra,
presumibilmente a metà della crosta terrestre, esista qualche materia magnetica che consente di tirare a sé
ogni cosa. Perciò, il motivo per cui la mela, quando lascia il ramo della pianta, è attirata verso il basso,
oppure verso l'alto, è sconosciuto agli studenti di fisica. Sir James Ross dichiarò di aver scoperto il polo
magnetico a circa 74 gradi di latitudine. Questo è sbagliato - il polo magnetico è esattamente alla metà della
crosta terrestre. Quindi, se la crosta terrestre è spessa 600 chilometri, che è lo spessore che io penso sia, il
polo magnetico è senza dubbio 300 chilometri sotto la superficie della Terra, non importa in quale punto
l'esperimento venga fatto. A questo particolare punto di 300 chilometri sotto la superficie, la gravità cessa,
diventa neutra; e quando si passa al di là di questo punto, verso la superficie interna della terra, l'attrazione
inversa aumenta geometricamente in potenza, fino a che sono attraversati gli altri 300 chilometri di crosta.
Perciò, se venisse aperto un buco attraverso la crosta terra, a Londra, Parigi, New York, Chicago, oppure
Los Angeles, di 600 chilometri, si collegherebbero le due superfici.
Mentre la velocità inerziale di un oggetto gettato dentro il buco, dalla superficie esterna, andrà giù superando
il centro magnetico ma, prima di toccare la superficie "interna" della Terra, gradualmente diminuirà la sua
velocità, dopo aver passato il centro magnetico, finalmente rallenterà, poi alla fine si fermerà, ed inizierà il
suo viaggio all'inverso in direzione superficie "esterna", e continuerà ad oscillare, come il dondolio del
pendolo senza carica, fino a che si fermerà nel centro magnetico o a quel punto esattamente a metà della
distanza fra superficie "interna" e superficie "esterna" della Terra.
La rotazione quotidiana della terra produce una vasto campo elettromagnetico, un'enorme macchina, un
potente prototipo di una debole dinamo fatta dall'uomo che, al meglio, è una fiacca imitazione dell'originale in
natura. Le valli del continente Atlantico interno, che orlano le acque superiori del profondo Nord, sono in
stagione coperte con la più magnifica e lussureggiante fioritura. Non centinaia e migliaia, ma milioni di acri,
dai quali i pollini o germogli sono trasportati lontano in ogni direzione dalla rotazione della Terra e il soffiare
dei venti, che vengono espulsi verso il foro del Polo Nord, generando la neve colorata delle regioni Artiche,
che hanno spesso ingannato gli esploratori artici. Kane, vol. I, pagine 44, dice: "Noi passammo "le scogliere
cremisi" di Sir John Ross nella mattinata del 5 agosto. Le macchie di neve colorata da cui deriva il nome,
possono essere viste chiaramente alla distanza di venti chilometri dalla costa". La Chambre, in un racconto
della spedizione in pallone di Andree, a pag. 144, dice: "Sull'isola di Amsterdam la neve è colorata di rosso
per una considerevole distanza e gli scienziati la raccolgono per esaminarla al microscopio. Essa presenta,
infatti, certe peculiarità; si pensa che contenga piccoli vegetali. Scoreby, il famoso baleniere, lo aveva già
notato".
"Questa nuova terra "interna" è la casa, la culla, della razza umana e vista da una prospettiva delle scoperte
fatte da noi, han una notevole importanza per la fisica, paleontologia, archeologia, filologia e per le teorie
mitologiche antiche. La stessa idea di andare nella terra dei misteri - proprio all'inizio delle origini dell'uomo si trova nelle tradizioni egizie, delle primordiali regioni degli Dei, eroi e uomini, dai frammenti storici di Manitù,
verificata completamente dalle registrazioni storiche venute alla luce dai più recenti scavi di Pompei, così
come le tradizioni degli Indiani del Nord America.
È l'una di notte - il nuovo anno 1908 è qui e questo è il terzo giorno, ed ho finalmente finito il racconto dei
miei strani viaggi e avventure. Desidero darlo al mondo, sono pronto, per il pacifico riposo che, sono sicuro,
seguirà la tribolazione e le vicissitudini della mia vita che ho cercato di condurre in modo giusto e corretto.
Come una storia che viene detta ad un parente, la mia vita sta finendo. Il presentimento è forte dentro di me
che non vivrò per vedere il nuovo sole sorgere ancora. Questo conclude il mio racconto.
Olaf Jansen

PARTE SETTIMA:
POSTFAZIONE DELL'AUTORE

Ho avuto molta difficoltà nel decifrare e scrivere il manoscritto di Olaf Jansen. Comunque, mi sono preso la
libertà di ricostruire solamente alcune espressioni, e nel fare questo non ho in nessun modo cambiato lo
spirito del significato. Al testo originale non è stato aggiunto, né tolto nulla. È impossibile esprimere la mia
opinione sulla validità o la credibilità del bellissimo racconto di Olaf Jansen. Le descrizioni date delle strane
terre e della gente visitata, le locazioni delle città, i nomi e le direzioni dei fiumi, e altre informazioni qui
combinate, conformi in ogni cosa ai disegni grezzi dati in mia custodia da questo antico normanno che,
insieme al manoscritto, ho intenzione, in altra data, di donare all'Istituto Smithsonian (Museo Nazionale degli
Stati Uniti) per preservarlo, a beneficio di quelli che sono interessati ai misteri del "Lontano Nord" - il circolo
gelato del silenzio. È certo che ci sono molte cose nella letteratura Vedica, in "Giuseppe", l'Odissea, l'Iliade,
nella "Storia antica della civilizzazione cinese" di Terrien de Lacouperie, in "Miti Astronomici" di Flammarion,
in "Gli inizi della storia" di Lenormant, in "La Teogonia" di Hesiod, negli scritti di Sir John de Maudenville e in
"Registrazioni del Passato" di Sayce che, come minimo, sono insolitamente in armonia con gli
apparentemente incredibili testi ritrovati nel manoscritto giallo del vecchio Normanno, Olaf Jansen, e ora per
la prima volta dati al Mondo.
The End

PARTE OTTAVA :
COMMENTO DELL'EDITORE

Un po' di tempo prima del 1901, i governanti francesi, desiderando determinare più accuratamente l'esatta
dimensione della Terra, per rivedere e correggere i loro calcoli riguardanti la distanza del Sole, misurarono la
differenza di distanza da parte della cima di due linee, perpendicolari alla superficie della Terra, e la base di
queste due linee. Essi volevano una coppia di linee lunghe a sufficienza, per dare una misurazione rilevante.
Ovviamente non poterono costruire due poli paralleli alti un miglio, ma pensarono di poter sospendere due
piombi ad una profondità di un miglio, nel pozzo di una miniera, e quindi poter misurare la distanza dalla
cima e la distanza del fondo, la quale doveva essere leggermente minore. Essi volevano sapere
esattamente quanto era di meno. I risultati di questo test fu molto strano. Così strano che gli scienziati
geodetici francesi comunicarono i loro risultati agli scienziati della Geodetica Americana, con la richiesta che
anche gli americani conducessero un esperimento simile, nel loro paese. Ufficialmente, non fu fatto nulla per
un po' di anni. Ma, nel 1901, ad uno degli ispettori geodetici capitò di lavorare nelle vicinanze delle miniere di
Tamarack, vicino Calumet, nel Michigan. Contattò il capo ingegnere a Tamarack e lo mise al corrente
dell'informazione trasmessa dai governanti francesi. Vennero selezionati due pozzi e misero a piombo
esattamente a 4250 piedi di profondità, queste linee sui due pozzi. Alla fine di queste linee vennero messi
dei pesi. Con lo scopo di prevenire movimenti orizzontali, ogni peso fu sospeso in una tanica di olio, messa
in fondo al pozzi. In questo modo, le forze magnetiche non potevano influire. Le linee usate furono del tipo
corde di pianoforte n. 24. Per 24 ore le linee furono fatte riposare, cosicché non ci fosse possibilità di
movimento. Cominciarono le misurazioni. Così venne scoperto che i Geodetici francesi non avevano fatto
nessun errore. Ricontrollarono attentamente tutto l'esperimento. Ma non era tutto esatto. Ci può essere
soltanto una spiegazione a questo strano risultato: il centro di gravità non è, come creduto, nel centro della
Terra. Grandemente sconcertati, gli ingegneri mandarono i risultati al Prof. Mc Nair del Michigan College of
Mines. Controllarono ancora una volta, l'esperimento fu ripetuto, le misurazioni rifatte di nuovo, e si
convinsero che non c'era errore. Il centro di gravità non è nel centro della Terra.


Documenti correlati


Documento PDF willis george emerson il dio fumoso o il viaggio nella terra cava chicago forbes company 1908
Documento PDF irrisolte parole tra cielo e terra
Documento PDF vademecum papa svezia commemorazione 500 anni riforma testo definitivo
Documento PDF leggete
Documento PDF errori riveduta e nuova
Documento PDF numero 2 quaresima 2013 1


Parole chiave correlate