File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



TV Sorrisi e Canzoni 26 Dicembre 2015 .pdf



Nome del file originale: TV Sorrisi e Canzoni - 26 Dicembre 2015.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da PDF Studio 9 Pro / PDF Studio 9 Pro - http://www.qoppa.com, ed è stato inviato su file-pdf.it il 30/01/2016 alle 11:38, dall'indirizzo IP 93.33.x.x. La pagina di download del file è stata vista 3450 volte.
Dimensione del file: 50.4 MB (148 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


N°52 I PROGRAMMI DI TUTTE LE RETI dal 26/12/2015 al 1°/1/2016
+100 CONSIGLI SUL MEGLIO IN TV

CARLO CONTI

CI PRESENTA
I BIG DI SANREMO

GIGI D’ALESSIO
E LE CURIOSITÀ
DI CAPODANNO

INOLTRE
MARIA DE FILIPPI
GABRIEL GARKO
MARCO MENGONI
ANTONIO CONTE
E LA NUOVA
FICTION DI RAIUNO
TUTTO PUÒ
SUCCEDERE

SUPER ANTEPRIMA
«PER GIRARE
IL MIO NUOVO FILM

QUO VADO?

SONO ANDATO
FINO AL POLO NORD
E VI FARÒ MORIRE...
DAL FREDDO
DAL RIDERE!»
VISTA
R
E
T
IN FOTO
E
E
USIV
L
C
S
E
!1,50

I
D
O
N
R
O
T
I
R
IL GRANDE

5 1 5 5 2>

ISSN 977-003815601-7

9 770038 156017

CHECCO ZALONE
Poste Italiane spa - Sped. in A.P. D.L. 353/03 art. 1, comma 1, DCB Verona

La famiglia italiana del pet food

ANTONIO
CONTE

MARCO
MENGONI

SOMMARIO

MARIA
DE FILIPPI

GABRIEL
GARKO

L’EDITORIALE

di Aldo Vitali

L’ansia della pila
Prima di tutto, buon Natale e buone
feste a tutti voi, amatissimi lettori.
Spero che passerete dei giorni sereni,
circondati da tanti allegri bambini. Io
che (solo momentaneamente, spero)
non avrò piccoletti per casa, ho almeno
la consolazione di non correre il rischio di essere preso
dall’«ansia della pila»: un classico natalizio infatti è
quello di aver dimenticato di comprare la pila per il
regalo più atteso dal bambino. E senza, il giocattolo non
funziona. Pur disposti a pagarla dieci volte il suo valore,
non c’è un posto dove comprarla e nessuna di quelle in
casa va bene (ma l’«ansia della pila» tornerà un giorno
anche per me). Intanto, mi godo il Natale con tante
altre piacevolezze, una delle quali è anche un mistero
che più passano gli anni e meno riesco a spiegarmi: la
felicità di accoccolarmi sazio e assonnato in poltrona e
rivedere alcuni vecchi film. Dico rivedere perché li so a
memoria. Non solo: potrei godermeli quando voglio (in
dvd) senza interruzioni pubblicitarie. Invece, li aspetto
come una volta aspettavo Babbo Natale. Parlo per
esempio di «Una poltrona per due», il film che Italia 1
manda in onda ogni santa vigilia (qualche anno fa
annunciò che non l’avrebbe fatto e ci fu una mezza
rivoluzione che costrinse i dirigenti della rete a cambiare
idea). Di quel mitico film natalizio Francesco Chignola vi
svela tutti i segreti in un imperdibile articolo a pag. 48.
Ancora auguri. E ricordatevi le pile!

TV

Sabato, pag. 62

Raitre, ore 20�30
Monsters
University

La posta DEI LETTORI
La televisione, la cronaca nera e le sentenze
dei giudici ���������������������������������������������� 7

show NEWS
Star Wars - Il risveglio della forza
A pochi giorni dall’uscita nelle sale
è già «starwarsmania» ��������������������������10
Alessandro Siani
Premiato da Sorrisi al «Capri, Hollywood
The International Film Fest» ������������������� 12

SERVIZI
Checco Zalone
Il 1° gennaio esce «Quo vado?»,
il suo nuovo film ������������������������������������16

Giusy Buscemi
Parla la protagonista di «Il paradiso
delle signore»��������������������������������������� 36
Gigi D’Alessio
È a Bari in piazza per la notte
di San Silvestro su Canale 5 ������������������� 38
Amadeus
Conduce «L’anno che verrà» su Raiuno
per festeggiare il 2016��������������������������� 40
Richard Gere
L’ultima star: buddista e gentiluomo ������ 42
Una poltrona per due
Tutti i segreti del più divertente dei film
natalizi: in onda alla Vigilia su Italia 1 ���� 48
Elena Guarnieri
Su Canale 5 conduce «Angeli» ��������������� 51

Maria De Filippi
Che sia produttrice, conduttrice o giurata,
sono stati 12 mesi di strepitosi successi ��� 22

guida CINEMA

Carlo Conti/1
Su un anno «Tale e quale» a questo
ci metterebbe la firma ��������������������������� 24

guida MUSICA

Alvin Superstar
Riecco gli scoiattoli rock������������������������� 53

Carlo Conti/2
Ci descrive chi sono i 20 Big del prossimo
Festival di Sanremo ������������������������������� 26

Superclassifica
Adele torna in testa������������������������������� 54

Gabriel Garko
«Un anno da incorniciare» dice l’attore
che vedremo in «Non è stato mio figlio» ���� 28

La ricetta di Tessa Gelisio
Polpettone di carne in crosta ����������������� 56

Marco Mengoni
Nel 2015 i risultati più strepitosi
della sua carriera ���������������������������������� 30
Antonio Conte
La Nazionale di calcio che allena fa ascolti
record (e solo Sanremo la batte!) ���������� 32
Tutto può succedere
Su Raiuno debutta una nuova fiction
con Pietro Sermonti e Maya Sansa ��������� 34

av@mondadori.it

Guida

No 52

anno LXIV
Foto di copertina
di Angelo Di Pietro

CARLO
CONTI

guida CUCINA
INTERVALLO
Cruciverba e curiosità
Libri, classifiche, personaggi e le ultime
parole famose �������������������������������������� 58

guida TV
Una vita
Mercoledì 30, in prima serata, la telenovela
spagnola di Canale 5 �����������������������������61
Oroscopo e Lupo Alberto ���������������������146

Da pagina 62 le trasmissioni da non perdere e tutti i programmi dal 26 dicembre 2015 al 1° gennaio 2016.

Domenica, pag. 74

Raiuno, ore 21,20
Tutto può
succedere

Lunedì, pag. 86

Raiuno, ore 21,20
Il paradiso
delle signore

Martedì, pag. 98

Italia 1,
ore 21�10
Gotham

Mercoledì, pag. 110 Giovedì, pag. 122

Raiuno, ore 21,20
Tiziano Ferro
Lo stadio

Italia 1, ore20�50
E.T.
L’extra-terrestre

Venerdì, pag. 134

Raiuno,
ore21�20
Frozen

3

IN EDICOLA

www.mondadoriperte.it

DVD
I GRANDI CLASSICI DISNEY
«PINOCCHIO»

CON SORRISI QUESTA SETTIMANA
DVD

I GRANDI CLASSICI DISNEY
«FROZEN - IL REGNO
DI GHIACCIO»

Spalancate gli occhi sulla meraviglia
con la collezione più completa
dei Grandi Classici Disney,
tutti e 52 finalmente insieme
in una preziosa edizione esclusiva,
per una raccolta da favola! Con la
1a uscita SORRISI + DVD «Frozen
- Il Regno di ghiaccio» a soli € 9,99!

E IN PIÙ (prezzo in più rispetto al costo della rivista)
DVD - COFANETTO «CHECCO ZALONE» - 3 FILM
DISNEY INFINITY 8a uscita «Jessie»
CD - POOH 50 La raccolta di tutti i più grandi successi!

12° CD «ORIENT EXPRESS» e in più lo straordinario concorso
VINCI I LIVE 2016!

CD - THE ROLLING STONES COLLECTION

Una raccolta senza precedenti: tutti gli album da studio
in edizione DIGIPACK. 5a uscita CD «TATTOO YOU»
CD - AMY WINEHOUSE - FRANK L’album di debutto
della grande artista, contiene singoli memorabili
LIBRI - KEN PARKER 25a uscita «Lily e il cacciatore»

LIBRI - 900 ITALIANO

65a uscita, Cerami «Un borghese piccolo piccolo»
LIBRI - ALIX 15a uscita «Alix l’intrepido»
LIBRI - ABC 19a uscita «Sesè e la festa nel bosco»
LIBRI - STURMTRUPPEN 9a uscita

MODELLISMO - COSTRUISCI LA TUA SPIDER 1600
DUETTO Con la 91a uscita: fascicolo + le nuove parti
COSTRUISCI IL TUO MAPPAMONDO IN 3D

Con la 70a uscita: fascicolo + nuove parti
ARTE DEL DISEGNO Con la 61a uscita: fascicolo 24 pagine
+ bustina 2 matite Pitt Pastel (Giallo chiaro + Rosso Scarlatto)
NAIL ART COLLECTION La collezione continua. Con la
51a uscita: fascicolo + smalto rosso + disco stamping in silicone
MAGLIA GLAM Continua il guardaroba per l’inverno
con i nuovi filati effetto tweed.
Con la 39a uscita: fascicolo + gomitolo mosto

LAMBORGHINI RADIOCOMANDATA

Costruisci e guida la nuova Lamborghini Huracán.
Con la 39a uscita: fascicolo + nuovi componenti
LOVE BAKERY Ricette dolci e salate per realizzare delizie da
forno. Con la 34a uscita: fascicolo + set scatolette in cartoncino
STRUMENTI MUSICALI Continua la collezione di strumenti
musicali! Con la 63a uscita: fascicolo + chitarra elettrica a 12 corde
I ROSARI DI PAPA FRANCESCO Con la 20a uscita:
il fascicolo e la Corona di Santa Teresina di Lisieux
MY MINI MENU Dai un tocco di eleganza e fantasia ai tuoi
pranzi fuori casa. Con la 17a uscita: fascicolo + lunch box

BARBIE COLLEZIONE MODA NEL MONDO

Con la 16a uscita: abito Irlanda + Diario di Viaggio
GIOCHI DA TAVOLO Con la 5a uscita: SALTINMENTE.
Trova le parole per ogni categoria di nomi, città, animali…
FUMETTO MINIONS In edicola il fumetto «PANICO MALVAGIO»
FUMETTO MINIONSIn edicola il fumetto «BANANA!»
ASTA PER SELFIE Mettetevi tutti in posa per immortalare
la gioia e l’allegria delle feste con l’indispensabile asta
che consente inquadrature sorprendenti e divertentissime!
I PUZZLE DEI MINIONS Divertiti a giocare con i Minions: 4 puzzles
firmati Clementoni con allegre e divertenti scene interpretate dai
Minions! I formati: cm 30x19. 2 puzzle da 20 pezzi e 2 da 60 pezzi

4

CON SORRISI LA PROSSIMA SETTIMANA

a soli
€ 19,90
€ 9,90
€ 9,99
€ 9,90
€ 9,99
€ 3,50
€ 7,90
€ 6,90
€ 3,99
€ 4,90
€ 10,45
€ 7,99
€ 6,99
€ 5,99
€ 4,99
€ 9,99

Spalancate gli occhi sulla meraviglia
con la collezione più completa dei Grandi
Classici Disney, tutti e 52 finalmente
insieme in una preziosa edizione esclusiva,
per una raccolta da favola! Con la 2a uscita SORRISI
+ DVD «Pinocchio» a soli € 9,99!

NOVITÀ

COLLEZIONE
MILLENNIUM FALCON

Entra nel fantastico mondo di Star Wars
e costruisci il mitico MILLENNIUM FALCON,
la replica fedele del modello usato nei film
DISNEY INFINITY
della saga. In ogni uscita le parti per costruire
Con Disney Infinity il
la celebre astronave, e in più un fascicolo con tutti
divertimento non ha confini!
i segreti del mondo leggendario e la dettagliata
Scopri nuove emozionanti
guida al montaggio. Con la 1a uscita: fascicolo
sfide con la tua consolle
+ prime parti del Millennium Falcon
e vivile insieme ai personaggi dei più amati
a soli € 3,99 in più.
film d’animazione Disney/Pixar! Con la 9a uscita,
LIBRI
direttamente da «Cars», Holley a soli € 9,90 in più!

STURMTRUPPEN

CD
THE ROLLING STONES
COLLECTION

Rivivi la straordinaria carriera dei Rolling
Stones con una raccolta senza precedenti:
tutti gli album da studio, nelle ultime versioni
rimasterizzate, per la prima volta in edizione DIGIPACK.
Non perdere la 6a uscita «AFTERMATH», un mix
di canzoni come l’oscura ed ipnotica «Paint it Black»,
la melodica e controversa «Lady Jane» e l’impertinente
«Stupid Girl»... 6° CD solo € 9,90 in più.

CD
MASHA E ORSO
TUTTE LE CANZONI ORIGINALI

Tutte le allegre canzoni
che accompagnano gli episodi
del cartoon che ha incantato
e divertito milioni di bambini in tutto il mondo.
14 canzoni con le voci originali di Masha e Orso
più 13 versioni strumentali raccolte in un
imperdibile CD per rivivere le atmosfere gioiose
dell’amatissima serie TV! CD a solo € 9,90 in più.

COLLEZIONE
BARBIE MODA NEL MONDO
L’esclusiva collezione di preziosi
abiti da tutto il mondo
per la tua Barbie! Con la
17a uscita: abito Italia
+ Diario di viaggio
a soli € 7,99 in più.

Tornano le avventure delle
Sturmtruppen, lo sgangherato
esercito creato dal mitico
Bonvi, per la prima volta in una
collezione inedita e con tavole
completamente restaurate. Volumi
da 128 pagine, solo € 4,90 in più.
Dal 31 dicembre il 10° volume.

COLLEZIONE
GIOCHI DA TAVOLO

NOVITÀ

Sono arrivati i 10 giochi
da tavolo più amati di tutti
i tempi in versione pocket.
Con la 6a uscita:
SCARABEO, il gioco di parole
dove l’arguzia e un ricco vocabolario
sono la chiave per incrociare
più parole di tutti! A soli € 7.99 in più.

LIBRI
KEN PARKER
EDIZIONE A COLORI

Per la prima volta, Ken Parker
completamente a colori: in questo
volume, gli episodi Lungo Fucile,
Mine Town e I Gentiluomini in una
eccezionale e inedita colorazione
mai vista prima. Una edizione da
collezione in grande formato da oltre
300 pagine, a € 19,99. In edicola,
libreria e fumetteria il 2° volume.

€ 6,99
€ 9,99 E IN PIÙ (prezzo in più rispetto al costo della rivista)
CD - POOH 50 La raccolta di tutti i più grandi
NAIL ART COLLECTION La collezione
€ 9,99 continua. Con la 52a uscita: fascicolo
€ 8,99 successi! 13° CD POOH «PROGRESSIVE» e in

più lo straordinario concorso VINCI I LIVE 2016!
€ 12,99 LIBRI - 900 ITALIANO 66a uscita,
Consolo «Il sorriso dell’ignoto marinaio»
€ 7,99 LIBRI - KEN PARKER 26a uscita «Pellerossa»
LIBRI - ABC 20a uscita «Tea arriva al traguardo»
€ 7,99 LIBRI - STURMTRUPPEN 10a uscita

€ 9,99 MODELLISMO - COSTRUISCI
1600 DUETTO
€ 9,99 LA TUA SPIDER
a

Con la 92 uscita: fascicolo + le nuove parti

IL TUO MAPPAMONDO IN 3D
€ 4,99 COSTRUISCI
a
Con la 71 uscita: fascicolo + nuove parti
ARTE DEL DISEGNO Con la 62a uscita:
€ 6,99 fascicolo 24 pagine + bustina 2 matite
Pitt Pastel (Rosso scuro + Oltremare chiaro)

a soli
€ 5,99

+ smalto giallo + ruota con borchie
€ 7,90 MAGLIA GLAM Continua il guardaroba
per l’inverno con i nuovi filati effetto tweed. € 4,99
€ 3,50 Con la 40a uscita: fascicolo + gomitolo ardesia

€ 3,99 LAMBORGHINI RADIOCOMANDATA
€ 4,90 Costruisci e guida la nuova Lamborghini

Huracán. Con la 40a uscita:
fascicolo
+ nuovi componenti
€ 10,45

I ROSARI DI PAPA FRANCESCO

Con la 21a uscita: il fascicolo e Rosario

€ 7,99 di Nostra Signora dei Miracoli
MY MINI MENU Dai un tocco di eleganza
€ 6,99 e fantasia ai tuoi pranzi fuori casa.

Con la 18a uscita: fascicolo + portamacedonia

AVVISO AI LETTORI Hai perso i nostri prodotti in edicola? Acquistali su www.mondadoriperte.it

€ 9,99

€ 8,99
€ 9,99

* Rispetto a precedenti versioni di Bellissima Zero. Tempo indicativo in modalità continua a livello 1.
** Clinicamente testato su 62 donne con fototipo II-V scala Fitzpatrick, riduzione media dei peli superflui dopo 4 trattamenti.

ZERO
ULTRA FAST
INNOVATIVO EPILATORE
A LUCE PULSATA

FACILE E SUPERVELOCE
PER UN RISULTATO
CHE DURA NEL TEMPO

300.000

IMPULSI DI LUCE

TRATTAMENTO CORPO

IN 20 MINUTI*

RIDUZIONE PERMANENTE
DEI PELI SUPERFLUI
DOPO 4 TRATTAMENTI**

SCOPRI SU BELLISSIMA.COM IL NUOVO MONDO DI

POSTA dei lettori

@

LA TV, LA CRONACA NERA
E LE SENTENZE DEI GIUDICI

Caro direttore, nei giorni scorsi la Corte di Cassazione ha definitivamente condannato Alberto
Stasi per aver ucciso la sua fidanzata Chiara Poggi. Un dramma che la televisione ha raccontato
per otto anni con dibattiti, servizi, scontri tra innocentisti e colpevolisti, avvocati e opinionisti
(quelli non mancano mai in tv). Mi ha molto colpito che i difensori di Stasi, dopo la sentenza
definitiva, abbiamo accusato giornali e televisioni di aver fatto un «processo mediatico» e di
aver influenzato i giudici nella loro difficile decisione. Per questo le chiedo: secondo lei è giusto
che tv e stampa diano tanto spazio a casi di cronaca nera quando è in corso un processo?
Daria Crepaldi, via mail

L’affermazione degli avvocati di Alberto Stasi mi è sembrata avventata, cara Daria. Non credo
che i giudici possano essere influenzati dai dibattiti televisivi che per forza di cose spesso sono
portati a semplificare, ad andare a tentoni e a basarsi su fatti non sempre riscontrati. I giudici
decidono in base a prove certe, testimonianze, ricostruzioni, eccetera. Che Tizio o Caio in tv
dicano che uno è colpevole o innocente a loro entra da un orecchio ed esce da un altro (lo
penso e... lo spero). E penso anche, al contrario di quegli avvocati, che la tv svolga a volte una
funzione nobile: in molti casi (come per esempio «Chi l’ha visto?» e «Quarto grado», ma non
solo), proprio grazie alla tv sono stati risolti casi apparentemente inestricabili. Sul delitto della
povera Chiara la Corte di Cassazione ci ha dato una sentenza «certa», inappellabile, che dice
che Stasi è colpevole. Adesso sì che secondo me è il momento di chiudere i dibattiti televisivi
su questo tema. Ognuno su Stasi aveva la propria convinzione ed era normale che fosse così
(magari sì, influenzata dai media). Ora però dobbiamo, da cittadini responsabili, accettare la
sentenza. E se la tv ne parla ancora, cambiare canale. (a.v.)
PANARIELLO, UNO DI NOI
Caro direttore, ho letto la divertentissima
intervista a Giorgio Panariello sul numero
scorso e ancora una volta ho apprezzato
la semplicità e l’umanità di un grande
personaggio dello spettacolo che non ha
avuto vita facile prima di diventare una
star. In particolare mi ha colpito l’ironia
sulla sua vita precedente alla fama,
quando era cameriere o raccattapalle sui
campi di tennis. Io penso che un grande
personaggio debba per forza avere avuto
una o, meglio, diverse «vite precedenti»
normali. Se non le avesse vissute anche lui,
come potrebbe farci ridere delle nostre
magagne quotidiane?
Alessandra, Roma

Quasi tutti i grandi artisti, specialmente i
comici, hanno cominciato la loro carriera
facendo ridere chi stava intorno a loro
(pensi a Fiorello, che lavorava nei villaggi
turistici). La cosa difficile è poi conservare
questa capacità di osservare la vita di tutti
i giorni pur vivendo un’esistenza da
privilegiati. Giorgio Panariello ha questa
grandissima dote: di diventare una star
solo quando lavora. Per questo ci…
capisce sempre.

IL NATALE SECONDO LA PUBBLICITÀ
Caro direttore, non trova che le pubblicità
in onda in questi giorni rappresentino un
Natale che non esiste più da diversi anni?
Tavole imbandite stracolme di cibi, regali
pazzeschi, gioia e pace familiare...
Eleonora, via mail

In effetti non ha torto, ma se devo essere
sincero una pubblicità natalizia in cui si
vedessero i parenti litigare furiosamente
(è una tradizione...) non so se porterebbe
vantaggi al prodotto da reclamizzare.
E poi se ci penso una pubblicità sulla
crisi l’ho vista: è quella di un panettone
che viene servito in una tavola di ricconi

SOTTO I RIFLETTORI
Sopra, Alberto Stasi (32) assediato dai microfoni.
Il 12 dicembre la Corte di Cassazione ha messo
la parola fine al suo lunghissimo processo,
condannandolo a 16 anni per l’omicidio della
fidanzata Chiara Poggi avvenuto nel 2007.
mentre poco a poco l’ufficiale giudiziario
porta via mobili, suppellettili, eccetera.
Se devo dire la verità, pur trovandola
originale e (purtroppo) al passo coi tempi,
mi angoscia un po’ e alla fine preferisco
l’atmosfera magari un po’ finta degli spot
più convenzionali.
LO YOGURT DI BATTIATO
Nel leggere la bella intervista a Franco
Battiato del numero 50 di Sorrisi sono
rimasto di stucco scoprendo che il mio
illustre e stimato conterraneo ha stabilito
che non era in grado di convivere perché
la sua ragazza gli aveva mangiato lo yogurt
con cui faceva colazione al mattino.
Che cosa dovrei dire io, allora,
capofamiglia con tre figli che ogni mattina,
prima di andare a scuola, divorano
non solo il mio yogurt, ma tutta
la mia intera colazione, lasciandomi
appena le briciole?
Pino Scicchitani, via mail

La sua lettera conferma quel che pensa
Battiato: troppa gente in casa complica la
vita sin dalla colazione al mattino. Ma al
grande musicista forse sfugge tutto il resto
della giornata e la gioia di avere figli,
7

Posta dei lettori
anche quando sono famelici e poco...
rispettosi delle colazioni paterne.
ALLA RICERCA DEL TELEFILM SCOMPARSO
Qui in Italia, soprattutto sulla Rai ma non
solo, è impossibile seguire serie tv
americane con costanza. Le trattano
malissimo e quindi trattano malissimo
anche noi spettatori. Ogni anno iniziano,
interrompono, riprendono e spostano le
serie tv senza comunicazione. Ultimamente
hanno smesso di trasmettere la serie nuova
di «NCIS» e messo in onda la vecchia.
Hanno comunicato che dopo «NCIS» ci
sarebbe stato «Hawaii Five-0», ma invece
fanno un altro episodio di «NCIS». «Criminal
minds» è stato interrotto per una puntata
speciale di «Virus» (che sarebbe comunque
andato in onda il giorno dopo). «Blue
bloods» è una bellissima serie che
ultimamente hanno sempre fatto in terza
serata ed è stata spostata in seconda serata
all’improvviso. E da adesso la nuova
stagione di «Castle» è stata sospesa per
rimandarne in onda una vecchia.
Anche su Italia 1 i telefilm trasmessi durante
il giorno li troncano a metà stagione e
addirittura «La vita secondo Jim» viene
trasmessa in ordine sparso.
Ps: accorci pure la mail, ma è importante.
Maria Francesca, via mail

Non accorcio la mail proprio perché è
importante. E dice cose vere, soprattutto
che non c’è rispetto per i telespettatori
(specialmente per quelli che pagano il
canone). Che ne dicono alla Rai (e anche a
Italia 1)? Aspettiamo spiegazioni.

Qui Sorrisi
I VOSTRI COMMENTI
IN RETE
Vi abbiamo
chiesto qual
è il film Disney
che amate
di più e perché.
Ecco una
selezione dei
vostri commenti.
Lorena Borsari @BorsariLorena
«Il re leone» mi ha fatto ridere e piangere.
Anche se io ero la mamma che aveva portato
al cinema la sua bambina.
fattinonfosteaviver @fattinonfoste
«Pinocchio»! Perché la fatina sembra
una pin up degli Anni 50.
Manuela Chesterton @ddtelevision
Cenerentola perché si fa un mazzo tanto
e alla fine si becca il principe. Esemplare.
Ah se i «principi» fossero tutti disponibili!
Damiana Atzeni @damy85twit
«Gli Aristogatti». Perché amo i gatti e
soprattutto perché... «Tutti quanti voglion
fare il jazz!».
Elisa @elisarago87
«La bella addormentata nel bosco». Amo
Malefica, è il mio cattivo Disney preferito...
GiadaDaRold @ilovefazietto
«Pinocchio», l’ho visto e rivisto finché si è
rotto il nastro della videocassetta!

QUESTA SETTIMANA DITE LA VOSTRA SU...
Richard Gere torna al cinema, affascinante come
non mai (l’intervista esclusiva è a pag. 42). E voi
in quale film lo avete amato di più e perché?

LA FOTO

TE LO DICE
SORRISI
Gentile redazione,
mi dite come si intitola la sigla
iniziale della serie televisiva
«È arrivata la felicità» e chi la
canta? Grazie!
G. Pinco, via mail

La lettrice Benedetta Carlucci da Ascoli Satriano
(Foggia) ha portato Sorrisi a visitare il Palazzo
reale di Budapest... assieme a qualche amico!

Mandate le vostre foto a: ioesorrisi@mondadori.it

8

Il brano si intitola «La mia
felicità» ed è cantato da Sarah Jane Olog, vista ad
«Amici» e a «The Voice». I testi sono di Ivan Cotroneo
(autore e ideatore della fiction) mentre la musica è di
Andrea Guerra, compositore di fama internazionale.

SITO INTERNET
www.sorrisi.com
POSTA
Tv Sorrisi e Canzoni, Mondadori,
20090 Segrate (MI)
MAIL

@ sorrisi@mondadori.it
FACEBOOK
facebook.com/tvsorrisi
TWITTER
@tvsorrisi
LA REDAZIONE Tv Sorrisi e Canzoni, Palazzo Mondadori
1, 20090 Segrate (MI). Tel.: 02.75421 fax: 02.75423960
SERVIZIO CORTESIA PER INFORMAZIONI SU CONCORSI,
CD E DVD Tel.: 199.111.999*
PER INFORMAZIONI SUGLI ARRETRATI Tel.: 045.88.84.400**
e-mail: arretrati@mondadori.it; call center per abbonamento
a iniziative 800.967.157
SERVIZIO ABBONAMENTI Tel.: 199.111.999* - fax: 030.77.72.387
- mail: abbonamenti@mondadori.it - per chiamate dall’estero
0039.041.5099049
PUBBLICITÀ Mediamond S.p.A. 20090 Segrate (MI).
Tel.: 02.75421 - Fax: 02.7542.3331.
DISTRIBUZIONE Press-di S.r.l.
(*) attivo dal lunedì al venerdì: ore 9-19. Costo massimo
della chiamata da tutta Italia per telefoni fissi: euro 0,12
+ Iva al minuto senza scatto alla risposta. Per cellulari
costo in funzione dell’operatore.
(**) attivo dal lunedì al venerdì: ore 8-18

IN REDAZIONE
direttore responsabile

ALDO VITALI
vicedirettore

BICE COLAROSSI
responsabile relazioni area spettacolo

ROSANNA MANI

art director

Stefano Carapelli

caporedattore centrale

Alex Adami

UFFICIO CENTRALE: Ezio Genghini (caporedattore),
Danilo Gallo (vicecaporedattore), Davide Giacon (vicecaporedattore grafico), Antonio Mustara (vicecaporedattore), Silvia Perazzino (vicecaporedattore), Francesco
Chignola (caposervizio), Alberto Rivaroli (caposervizio),
Stefania Zizzari (caposervizio)
redazione: Alberto Anile, Franco Bagnasco, Andrea Di
Quarto, Paolo Fiorelli (caposervizio), Barbara Mosconi
(redattore esperto), Fernanda Pirani (caposervizio),
Solange Savagnone
redazione grafica: Monique Dumoulin, Roberto
Marchioro (vicecaposervizio), Laura Moretti (caposervizio), Lorenzo Telaro (caposervizio), Antonia Tripputo
(caposervizio), Marco Vai (vicecaposervizio)
redazione programmi: Edoardo Testa (caporedattore
centrale), Marzia Mancini (caposervizio), Annamaria
Mancuso (caposervizio).
Operatori redazionali: Vera Migliavacca (resp.), Valentina
Orsi, Marzia Rossini, Domenico Volta
photo editor: Anna Nolli
ricerca iconografica: Claudia Beretta
segreteria: Daniela Teruzzi (responsabile), Maria
Aliberti, Francesca Cassol
settore musica e spettacolo: Segreteria: Tania
Frusciello, Manuela Mastrogiuseppe
PUBLISHER: Gianluigi Piccinali
MARKETING MANAGER: Andrea Carbone
Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. - 20090 Segrate (Mi).
Registrazione Tribunale di Milano n. 715 del 29/12/1986.
Stampato presso Elcograf S.p.A. - Via Mondadori 15 - Verona.
Accertamento Diffusione Stampa
Certificato n.7981 del 9/2/2015

SHOW

NEWS
8)

MAX PEZZALI (4

DOLCENERA (38)

EMIS KILLA (26)

a cura di
SILVIA PERAZZINO

CINEMA CODE FUORI
DALLE SALE, cinema
strapieni (persino di
mattina!) e milioni di
fan impazziti: il mondo
di «Guerre stellari» è
tornato e ovunque non si
parla d’altro. Il settimo
episodio della saga,
«Star Wars - Il risveglio
della Forza», è uscito
questo fine settimana in
gran parte del pianeta,

accolto con recensioni
entusiaste, e ha segnato
subito numeri da
capogiro. Anche in Italia,
dove abbiamo avuto
l’onore di aprire le danze
con un mercoledì da
1,8 milioni di euro. Ma
sarà sulla lunga distanza
che il film farà i numeri
veri: punta addirittura a
superare i record storici
di «Avatar» e «Titanic».

Raffaella Carrà torna
a The Voice of Italy
TV GRANDI RITORNI E NUOVI ARRIVI
per l’edizione 2016 di «The Voice of Italy»,
attesa a febbraio su Raidue. Il cast dei
«coach» sarà completamente rinnovato.
Dopo un anno di stop, infatti, rientrerà
Raffaella Carrà (72), che troverà al suo
fianco tre nuovi colleghi: l’ex 883 Max
Pezzali; Dolcenera, cantante in gara al
prossimo Festival e vincitrice nel 2005 del
talent «Music Farm», e il rapper Emis Killa.
I quattro nuovi coach prenderanno così il
posto di J-Ax, Piero Pelù, Noemi e del duo
composto da Roby e Francesco Facchinetti.

I Pooh «riuniti» fanno tappa in Sicilia
MUSICA DOPO IL TUTTO ESAURITO nelle prevendite del primo
concerto milanese, l’aggiunta di una seconda data a San Siro e la
tappa a Roma, i Pooh annunciano una nuova data della loro «Reunion
L’ultima notte insieme», la serie di concerti-evento negli stadi con cui
nel 2016 festeggeranno i 50 anni di carriera. L’appuntamento con la
band, in formazione a cinque con Riccardo Fogli, è per il 18 giugno allo
stadio san Filippo di Messina. Prevendite su www.ticketone.it.

10

Il fenomeno Star Wars

Con Giampaolo Morelli
rivive il mito di Studio Uno
TV ANCHE Giampaolo Morelli, che dal 15
gennaio ritroveremo su Raidue con «L’ispettore
Coliandro», è entrato nel cast di «C’era
una volta Studio Uno», la fiction ispirata
alla storica trasmissione Rai degli Anni
60. Nella miniserie, che Riccardo
Donna sta girando tra Roma
e Torino e di cui l’ultimo ciak
è previsto a febbraio, ci saranno, tra
gli altri, Alessandra Mastronardi, Diana
Del Bufalo, Edoardo Pesce, Agnese Nano
e Giusy Buscemi (vedere a pag. 36).
ORELLI (41)

GIAMPAOLO M

ha conquistato di nuovo il mondo
Nel frattempo l’universo
della serie è tornato
di moda tra decine di
sponsorizzazioni a tema
e «giocattoli» per tutte
le età (noi di Sorrisi vi
facciamo costruire il
Millennium
Falcon,

vedi box). Sì, perché
la passione per «Star
Wars» non conosce
confini anagrafici. Anzi,
i fan più accaniti sono
proprio quelli cresciuti
con la trilogia originale,
quelli che si ricordano
ancora del giorno nel

lontano 1977 in cui
videro per la prima volta
«Guerre stellari» in
sala, innamorandosene
perdutamente. La saga più
amata del cinema sta oggi
vivendo una nuova sfida
epocale. E la sta vincendo
alla grande.

A

appassionati della saga
stellare, non perdetevi
la nostra grande iniziativa
per costruire in scala
il modellino del Millennium
Falcon. Dal 29 dicembre
in edicola con Sorrisi
(a 3,99 € rivista esclusa,
il primo numero, 12,99 €
i successivi) troverete
i componenti per costruire
l’astronave, con i fascicoli
ricchi di notizie e curiosità
su «Star Wars». Le uscite
saranno in totale 100.

In edicola

con Sorrisi!

Kirk Douglas, 99 anni al bacio
SHOW «BUON COMPLEANNO PAPÀ, TI AMO». Con
un augurio sui social network, accompagnato da una
tenerissima foto che li ritrae insieme (sotto), Michael
Douglas (71) ha festeggiato i 99 anni di papà Kirk.
Il celebre interprete di «Spartacus», nato il 9 dicembre
1916, ha festeggiato attorniato dalla sua famiglia.

KIRK DOUGLAS
GIOCA CON MICHAEL
NEL 1948

Secondo
me
di CLEMENTE
J. MIMUN

Cari politici, fateci
un regalo di Natale
Sono decenni che la politica lamenta il distacco
tra Paese reale e Paese
«legale», quasi fosse
colpa nostra, del popolo
italiano se, carabinieri
a parte, non abbiamo
fiducia nelle istituzioni.
Beh, sono proprio fuori
dalla realtà. Ci sono voluti 17 mesi per eleggere tre giudici della Corte
Costituzionale perché non
si mettevano d’accordo
tra di loro, al contrario di
quando debbono votare
per rimpinguare le casse
vuote dei partiti. Migliaia
di risparmiatori vengono
messi sul lastrico da quattro banche e si immagina un provvedimento
«umanitario». Il nostro
territorio cade a pezzi e
si fa poco o nulla. I giovani non trovano lavoro,
e parecchi vanno giustamente all’estero, mentre
i pensionati raramente
arrivano a mille euro al
mese. Non continuo per
non accrescere la nostra
depressione sotto Natale.
Un Natale nel quale, «per
rispetto» verso chi è di altre confessioni, vengono
incredibilmente messi in
discussione alberi addobbati e presepi. Si chiude
un altro anno di crisi, di
disastri ambientali, di
difficoltà per moltissime
famiglie. È troppo chiedere a partiti e istituzioni
varie di occuparsi un po’
di più dei cittadini e un
po’ meno dei cavoli loro?

©Riproduzione riservata

11

SHOW NEWS
AUDITEL I PIÙ VISTI DELLA SETTIMANA IN TV
PRIMA SERATA DALL’11 AL 17 DICEMBRE

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

IL PARADISO DELLE SIGNORE

Raiuno lunedì
Raiuno martedì
JUVENTUS-TORINO
Raidue mercoledì
ANDREA BOCELLI-IL MIO CINEMA Raiuno venerdì
È ARRIVATA LA FELICITÀ
Raiuno giovedì
IL SEGRETO
Canale 5 domenica
IL PEGGIOR NATALE DELLA...
Canale 5 lunedì
LA BELLA E LA BESTIA
Raiuno sabato
SAMPDORIA-MILAN
Raidue giovedì
MASCHI CONTRO FEMMINE
Raiuno domenica
IL PARADISO DELLE SIGNORE

NUMERI PRIMI

5.597.000
5.362.000
5.334.000
5.033.000
4.210.000
4.112.000
3.750.000
3.498.000
3.483.000
3.362.000

20,87%
19,92%
20,06%
21,96%
15,83%
15,70%
15,09%
16,36%
13,39%
13,57%

di ANTONIO MUSTARA

«Il paradiso delle signore» strega gli italiani
La fiction rivelazione
di fine anno
è «Il paradiso
delle signore» che
conquista addirittura
le prime due posizioni
della classifica Auditel.
La serie con Alessandro
Tersigni, Giusy
Buscemi e Giuseppe
Zeno fa meglio anche
del derby JuventusTorino di Coppa Italia.
In una settimana
dominata dalla Rai, che
supera la soglia dei
cinque milioni di
spettatori anche con

12

la serata dedicata
ad Andrea Bocelli,
Mediaset piazza nella
Top 10 «Il segreto»
e il film «Il peggior
Natale della mia
vita». Poco sopra il 6
per cento di share le
due novità di Italia 1,
«Mistero Adventure»

(1.290.000 spettatori,
6,14%) e «Gotham»
(1.470.000 spettatori,
6,48%), mentre la
quinta edizione di
«MasterChef Italia»
su Sky Uno parte
con 1.036.000
spettatori e il 4.01%
di share. Fuori dalla
prima serata, spicca
il risultato ottenuto da
«L’arena» di Massimo
Giletti con l’annuncio
del cast dei Big
di Sanremo 2016:
4.064.000 spettatori
(22,76%).

ALESSANDRO
SIANI

Stefano & Belen
una poltrona per due

Giosada visita la
nostra redazione

TV È UFFICIALE. Belen Rodriguez
(31) e il marito Stefano De
Martino (26) lavoreranno
insieme nel nuovo talent di
Canale 5 «Piccoli giganti»,
prodotto dalla Fascino di
Maria De Filippi. Belen
condurrà e lui farà il giudice.
A sfidarsi, giovani talenti nel
canto e altre discipline. Andrà
in onda verso fine gennaio.

MUSICA «A CASA SIAMO
ABBONATI DA SEMPRE,
quando vedranno il servizio
che mi avete dedicato
saranno felicissimi». Giosada
(26), fresco trionfatore di
«X Factor», appena finiti i
festeggiamenti per la vittoria,
è corso qui a Sorrisi per un
saluto. Il suo Ep «Giosada»
è già disponibile su iTunes.

IN BREVE

Sorrisi premia
Alessandro Siani
al Capri Hollywood

UNA FICTION SUI RIZZOLI

Il produttore Nicola Carraro, nipote
di Angelo Rizzoli e autore della
biografia «Rizzoli» dedicata
appunto alla grande famiglia di
editori, sarebbe in trattativa con
Claudia Mori per trarne una fiction.
Nei panni di Angelo Rizzoli, Carraro
vorrebbe Luca Zingaretti.

CHE SPAVENTO PER SGARBI

OT

BRIGITTE BARD

SOLO SU WWW.SORRISI.COM

Notte di paura per il critico d’arte
Vittorio Sgarbi (63). Dopo aver

NEWS E DIRETTE DA CAPRI

FRANCO NERO

Chi bussa a quel convento...
TV LE RIPRESE della quarta stagione della
seguitissima fiction di Raiuno «Che Dio ci aiuti»
cominceranno tra febbraio e marzo. E tra uscite
e nuovi arrivi, possiamo anticiparvi che
Lino Guanciale dovrebbe comparire solo
in poche puntate. Ma nel convento
di suor Angela approderà un nuovo
personaggio, interpretato dal giovane
Gianmarco Saurino. Confermatissime,
invece, Elena Sofia Ricci (53), nei panni
di suor Angela e Francesca Chillemi
in quelli dell’irresistibile Azzurra.

accusato un malore, è stato
operato d’urgenza al cuore
al Policlinico di Modena.
Fortunatamente ora è fuori
pericolo e al Tg1 ha detto: «Fosse
passata un’altra mezz’ora prima
del ricovero sarei morto».

RIECCO I MUSICAL PIÙ AMATI

Dopo quattro anni torna «Notre
Dame de Paris», il musical scritto da
Riccardo Cocciante. Il cast è quello
originale: Lola Ponce sarà
Esmeralda e Giò di Tonno,
Quasimodo. La tournée partirà
a marzo da Milano, dove il 31
debutterà anche un nuova
versione di «Fame - The Musical»
per i 35 anni dall’uscita del film.

©Riproduzione riservata

I

GIULIO BERRUT

SHOW IL «CAPRI, HOLLYWOOD THE INTERNATIONAL FILM FEST».
festeggia 20 anni con una parata di stelle, attesissime
anteprime e un’edizione dedicata al mito di Brigitte
Bardot, con la proiezione speciale di «Il disprezzo»
di Jean Luc Godard. Dal 26 dicembre al 2 gennaio
2016 arriveranno a Capri, tra gli altri, Giulio
Berruti, Franco Nero, Marco Giallini, Maria Pia
Calzone e Paolo Ruffini. Sorrisi consegnerà ad
Alessandro Siani il «Telegatto speciale» per il film
più amato dell’anno, «Si accettano miracoli», mentre a
Paola Cortellesi e a Brie Larson andrà il «Capri Award»
come attrici dell’anno. Il belga Matthias Schoenaerts
riceverà il premio come rivelazione dell’anno.
L’edizione 2015 sarà aperta con «Joy», l’ultima
opera di David O. Russell con Jennifer Lawrence,
Robert De Niro e Bradley Cooper, che uscirà anche
in Italia il 28 gennaio. Mentre il 31 dicembre sarà
presentato un altro attesissimo titolo della stagione
2016: «Steve Jobs» di Danny Boyle con Michael
Fassbender. Al compositore Giovanni Allevi, infine,
il «Capri Award» per la musica.
Solange Savagnone

SCIFONI CANTA IL NATALE

E (36)

LINO GUANCIAL

URINO (24)
GIANMARCO SA
Foto di Francesco Marino

La sera del 22 dicembre su Tv2000
andrà in onda
l’adattamento
di «Canto di
Natale»
di Dickens con
Francesca Inaudi
e Giovanni
Scifoni (39),
protagonista
dell’ultima
stagione di
«Squadra Antimafia» e ora sul set
di «Una pallottola nel cuore 2».
13

www.chateau-dax.it

Alice for Children lavora in Kenya dal 2007 a favore dell’infanzia
più vulnerabile: sostiene in totale 2000 bambini tra le baraccopoli
di Korogocho e Dandora, garantendo loro un pasto caldo al giorno,
cure mediche e l’accesso ad un percorso scolastico di qualità.
Grazie a Chateau d’Ax, Alice for Children potrà realizzare una scuola
di cucina dedicata al futuro lavorativo di questi ragazzi.
WWW.ALICEFORCHILDREN.IT

140 negozi di arredamento in Italia aperti anche domenica pomeriggio

CHECCO ZALONE Il 1° gennaio arriva nei cinema il suo Quo vado?
DE
GRARNVISTA A
INTE TEPRIM
IN ASNOLO SU

Il posto fisso ce l’ho:
al botteghino (spero)
Dopo tre film con incassi record, il comico prende in giro gli italiani
che sognano lo stesso lavoro per sempre: «Un mito che non si abbatte
nemmeno a cannonate. Ma con le risate, chissà...» dice a Sorrisi

I

n una stradina nascosta di Roma io ho attributito al grande Adriano
Est, fra i resti di un acquedotto e Celentano, purtroppo non ho ancora
un binario del tram, c’è un can- avuto l’onore di conoscerlo. S’intitola
cello di ferro con una decina di “La prima Repubblica non si scorda
campanelli. Oltre il cancello, un mai” ed esalta il posto fisso».
cortile e una casa a due piani. È qui che
Come lo esalta?
Checco Zalone è rinchiuso da settimane
«Un verso dice: “I quarantenni
per finire di montare gli 85 minuti del pensionati che danzavano sui
suo prossimo film. Titolo: «Quo vado?». prati / dopo dieci anni sull’aeData di uscita: 1° gennaio 2016.
ronautica volati”. E un altro: “Ti
Anno nuovo, film nuovo.
danno l’invalidità per
Checco e il regista e amico
tutta la vita / per un’unQuesto film ghia incarnita”».
Gennaro Nunziante se lo
lo dedico a mia
rivedono, scena dopo sce«Il posto fisso» resta
na, con la cura maniacale
il sogno degli italiani?
figlia Gaia.
che da sempre li accomu«Resta il mito, e quello
L’altro giorno
na inseparabilmente. E innon
lo sradichi nemmeno
al telefono
stancabilmente. «Abbiamo
con le cannonate».
mi ha detto:
tantissime immagini, forse
Come nasce «Quo va“Mi porti
troppe» ammette Checco.
do?», il titolo?
Si prende una pausa, mette a vedere il film di
«Una mattina ero al susciarpa e cappello ed esce Checco Zalone?”. permercato, ho chiamato il
Non sapeva
in cortile per fumare una
mio regista e gli ho chiesto:
sigaretta: è dimagrito, lo
“Dove vado?” e poi insiche ero io!
sguardo sempre mobile e
stevo: “Ma dove vado?”. È
la battuta sempre pronta. Sta finendo di venuto così. I titoli devono essere brevi
comporre la canzone che chiude i titoli ed evocativi. È un film sul viaggio, un
di coda. Ansioso? Confessa: «Ormai pu- “on the road”, e “Quo vado?” poteva
re l’ansia si è stufata di me». Torna den- essere carino».
tro. Suona alle tastiere il pezzo in lavora«Cado dalle nubi», «Che bella giorzione. Canta. «Speriamo che Celentano nata» e «Sole a catinelle». Finito
non se la prenda» dice. Sorride.
l’elemento meteorologico entra in
Perché Celentano?
scena il latino.
«Questa è una canzone apocrifa che
«Potevo usare ancora la nebbia e la
16

di Barbara Mosconi
foto di Angelo Di Pietro

IN FAMIGLIA Luca Medici, in arte Checco
Zalone, è nato a Bari il 3 giugno 1977, sotto il
segno dei Gemelli. Ha una figlia, Gaia (3 anni
a febbraio), con la compagna Mariangela Eboli
che compare nel film solo «in 15 fotogrammi:
non trovavo la scena giusta...».

L’Oscar? Non
me lo daranno
mai, non mi danno
neanche
il Donatello… Se
dovessi scegliere,
vorrei quello per
il catering dei film.
Sul set si mangia
sempre
malissimo

In edicola

TUTTA LA TRILOGIA
Dal 22 dicembre è
in edicola con Sorrisi
il cofanetto con
la trilogia completa
di Checco Zalone: «Cado
dalle nubi» (2009),
«Che bella giornata»
(2011) e «Sole a catinelle»
(2013). Prezzo: 19,90 euro
(rivista esclusa).

con Sorrisi!

grandine, che secondo me non tirano
per nulla al cinema».
Nessun dubbio?
«Beh, mi hanno già fermato in 8 mila
chiedendomi cosa voleva dire “Quo
vado?”. Magari il prossimo lo chiamo
“Amen”».
Al liceo come andava in latino?
«Avevo un dignitosissimo sei allo
Scientifico di Conversano, in Puglia. E
in questa cittadina abbiamo ambientato
alcune scene del film. Per esempio, il
mio ufficio è quello del sindaco. Quando
abbiamo girato in Comune tutti gli uffici hanno smesso di non-lavorare quel
giorno».
Veniamo al protagonista, si chiama
sempre Checco.
«Checco è uno che ha raggiunto il nirvana. Ha una fidanzata con la quarta di
reggiseno che non sposerà mai, è abbastanza stupida e gli prepara il borsone
per andare a calcetto. Ha pure una famiglia che gli paga vitto, alloggio, luce
e gas. E soprattutto ha il posto fisso. È
uno degli ultimi esemplari italiani con
il posto fisso nel pubblico impiego».
Tu hai fatto il musicista, il cantante, il comico, l’attore, lo sceneggiatore: tutto tranne il posto fisso.
«Io non ho mai avuto il posto fisso, che
pure quando ero ragazzino era l’obiettivo
di mia madre e di tutta la famiglia. Era
il massimo che ti poteva accadere nella
vita, almeno a Capurso, dove vivevo.
Era lo stipendio che arriva ogni mese.
Infatti con l’apologia del posto fisso ci
inizio pure il film».
Attenzione: prima scena del film.
«Il film parte con me che vengo sequestrato da una tribù africana e il capo
tribù mi chiede di spiegare la mia
©Riproduzione riservata

17

I VIAGGI DI CHECCO: DALL’ITALIA ALLA NORVEGIA PER CONQUISTARE
1 Checco Zalone ed Eleonora
Giovanardi (33) che interpreta una
studiosa di animali in via di estinzione
al Polo Nord. 2 Zalone e Giovanardi
in un’altra scena. 3 Checco
nell’ufficio Caccia e pesca prima di
essere messo in mobilità. 4 Checco
diventa Guardia forestale. Nel cast c’è
anche Lino Banfi che interpreta il
senatore Binetto. Il film è stato girato
da giugno a ottobre tra l’Italia e la
Norvegia, comprese le isole Svalbard
dove c’è una base scientifica del Cnr. È
prodotto dalla Taodue di Pietro
Valsecchi e distribuito da Medusa.

2

1

CHECCO ZALONE
esistenza. È la tribù dei Dogon, spero non si offendano, esistono per davvero, abbiamo controllato su Wikipedia!
Insomma, loro mi sequestrano e io racconto chi sono e tutto quello che mi è
successo. E spiego loro cos’è il posto
fisso, spiego anche la tredicesima».
Nel film il tuo Checco ha un posto
fisso nell’ufficio Caccia e pesca della
Provincia.
«Ho cercato tra gli uffici provinciali:
mi serviva qualcosa che avesse a che
fare con il fucile, perché nel film Checco
deve difendere una ricercatrice dagli attacchi dell’orso polare. Poi ho chiamato
da anonimo la Provincia di Roma e la
18

centralinista non sapeva nemmeno dove
stava l’ufficio. Era perfetto».
Tu cacci o peschi nella vita?
«Mai. L’unica pesca che so fare è la
pesca del polpo. Si prende un granchio
e si attacca al filo, si solleva il braccio su
e giù per ore, finché il polpo si attacca
all’amo. A Bari per dire che sei scemo
dicono: “Sei ’nu pulpo”».
E poi cosa succede a questo Checco
impiegato modello?
«Arriva la riforma della Pubblica amministrazione, questi enti, ritenuti inutili
dai più, vengono aboliti e quindi scatta
la mobilità. Mi offrono dei soldi per andarmene oppure il trasferimento in Val
di Susa. Tutti gli altri accettano i soldi,
e io, invece, sono questo eroe che, nella
lotta per conservare i privilegi, viaggio

dappertutto. Gli assegni e le proposte
aumentano, ma io non cedo nemmeno
di fronte all’amore».
In questo film per la prima volta vai
all’estero, addirittura al Polo Nord!
«L’idea del film parte guardando un
servizio di Sky Tg24, intervistavano un
ricercatore della base artica del Cnr. Mi
sono chiesto: “Ma perché questo qua sta
facendo una lezione di caccia?”. Perché
lì ci sono più orsi che persone! Nel film
il Polo Nord lo abbiamo girato al Polo
Nord, mentre l’Africa l’abbiamo girata
in provincia di Latina, eh».
La crisi del lavoro, i profughi, i
no-Tav: il film affronta tre temi di
grande attualità.
«I temi sono solo delle pennellate, non
sono sviluppati, non è un film politico,

UNA SCIENZIATA E DIFENDERE UN LAVORO A TEMPO INDETERMINATO
4

IL CINERACCONTO

Quo vado?
HHHH

ATTORI Checco Zalone,

Eleonora Giovanardi,
Sonia Bergamasco
GENERE Commedia DUR. 85'
REGISTA Gennaro Nunziante
NELLE SALE dal 1° gennaio

3
sono pretesti per raccontare la storia di
Checco. I temi del film sono due: l’incapacità di cambiare di noi italiani e il
concetto dell’educazione che per me
rappresenta il minimo di buon senso».
Tipo?
«Quando è all’ufficio Caccia e pesca
Checco dà la licenza di caccia a uno che
gli porta in dono una quaglia e Checco
dice: “Non è corruzione, è educazione”».
Un concetto ambiguo.
«In un’altra scena Checco è in fila al
supermercato in Norvegia, lì c’è una
società più civile, organizzata e virtuosa
della nostra. Lui ha solo una bottiglietta
e davanti c’è una signora con il carrello
pieno che non lo fa passare. E allora
lui le dà una lezione di educazione, una
bella testata».

In uno spot confessi di non aver
detto nemmeno una parolaccia in
questo film.
«Ma è una ca...ata! Certo che ce
ne sono, ce ne sono di meno, le parolacce sono una cosa che qualcuno
mi rimprovera, ma non posso essere
privato di un “ca....o” quando ci vuole.
Probabilmente i norvegesi non hanno
la parola “ca...o” nel loro vocabolario».
E le musiche e le canzoni del film?
«Le faccio io, è la parte più rilassante, dentro di me c’è un pover’uomo
che vorrebbe essere un jazzista. Per
la colonna sonora ci vuole proprio il
musicista. Poi ci sono le canzoni».
Altri versi musicali oltre quelli
finali già citati?
«C’è una canzone in inglese che s’inti-

TRAMA Checco (Zalone) è felice: lavora
all’ufficio Caccia e pesca della Provincia,
ha una fidanzata e vive a casa dei genitori.
Finché arriva la riforma della Pubblica
amministrazione e il suo amato posto fisso
è in pericolo: la spietata dirigente Sironi
(Sonia Bergamasco), pur di costringerlo a
mollare, lo trasferisce ovunque: dalla Val di
Susa a Lampedusa, persino al Polo Nord...

tola “Italian Boy”, è una canzone lenta,
una ballad, racconta dei pregiudizi che
una ragazza straniera può avere su un
italiano. L’apoteosi è quando dico: “I’m
like Leonardo e Margherita Hack / I
don’t want to fuck”».
Una volta hai detto: « L’happy end
ci vuole sempre in un film commerciale». Confermi?
«Certo! Il modello a cui aspiriamo è la
grande commedia all’italiana degli Anni
60. All’epoca avrebbero concluso un film
così in maniera cinica. Oggi non funziona
più, non si può togliere la speranza. Un
film comico deve far uscire la gente dal
cinema con il sorriso. Il film ha un finale
che rischia di apparire buonista, però
faccio un gesto che nessuno si aspetterebbe da me. Vedrete».
n

©Riproduzione riservata

19

COSTRUISCI IL MITICO
Salta a bordo della più leggendaria aStronave della galaSSia!
Uscita dopo uscita, entra nel fantastico mondo di STAR WARS e in ogni fascicolo scopri
tutti i suoi segreti, i suoi mondi e le storie leggendarie dei suoi abitanti.
Costruisci il tuo modello del mitico MILLENNIUM FALCON, la replica fedele
dell’originale usato nei film della saga, interni dettagliati, parti rimovibili, luci funzionanti.
Facile da montare grazie alla chiara e dettagliata guida al montaggio
con step by step fotografico.
REPLIca
fEDELE
DEL MODELLO
UTILIZZaTO
NEI fILM

ScaLa 1:1
DIMENSIONI MODELLO
LUNGHEZZA : 80,8 cm
LARGHEZZA : 59,6 cm
ALTEZZA :
19,2 cm

FACILE DA MONTARE!

scopri di più su

deagostini.com/millenniumfalcon

a soli

SpeCiale
priMa USCita

in edicola dal

29 dicembre

con

*

anziChè 8,99 €

3,99 E

© & TM 2016 LUCASFILM LTD .

mILLENNIUm FALCON

* L’Opera è composta da 100 uscite. 1ª uscita € 3,99 anzichè € 8,99 (rivista esclusa) - uscite successive € 12,99 (rivista esclusa) salvo variazione delle aliquote fiscali. - La natura dell’opera si presta ad essere oggetto di nuove serie che, se realizzate dall’Editore, saranno comunicate nel rispetto del D.LGS.146/2007.
L’editore si riserva la facoltà di variare il numero delle uscite periodiche complessive, nonchè di modificare l’ordine, la sequenza e/o i prodotti allegati alle singole uscite,comunicando con adeguato anticipo i cambiamenti che saranno apportati al piano dell’opera.

priMo faSCiColo
+ priMe parti del

*prezzo rivista esclusa

MILLENNIUM FALCON

L’indimenticabile

MARIA DE FILIPPI Produttrice, conduttrice o

Un calendario
stracolmo di successi
di...

GENNAIO

2015

2015

MARZO

2015

Dopo le vacanze natalizie
ripartono «Amici»
e «Uomini e donne».
L’attore de «Il segreto»
Jonàs Berami, tronista da
settembre 2014, sceglie la
giovane corteggiatrice Rama Lila.
Ricomincia anche «C’è posta per
te»: tra gli ospiti delle prime
puntate c’è Sean Penn.

La puntata più vista dell’anno di «C’è
posta per te» è quella del 21 febbraio
con Luciana Littizzetto e Barbara
d’Urso. 35 minuti esilaranti tra consigli
di bellezza e portamento femminile
incollano davanti alla tv oltre sei milioni
di spettatori. Ci si avvicina al serale
di «Amici»: vengono annunciati
i nomi dei due direttori artistici,
Elisa ed Emma.

Si chiude il 28 marzo la 18 edizione
di «C’è posta per te». Vince
la sfida degli ascolti del sabato
sera nove puntate su nove contro
la concorrenza di «Ballando con le
stelle», con una media del 26,84%
di share. Anche sul fronte del Web
le soddisfazioni non mancano:
è uno dei programmi più
commentati sui social network.

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

2015

2015

a

2015

Comincia il serale di «Amici».
Sorrisi intervista Maria
De Filippi in occasione della
nuova edizione: «È il primo
anno in cui non so di preciso
cosa accadrà in puntata»
dichiara. «Elisa ed Emma
si occupano di tutto e lavorano
con i ragazzi al 100%. “Amici”
oggi è un talent puro».

Vince il Premio regia televisiva
2015 come Miglior personaggio
femminile nella serata condotta su
Raiuno da Fabrizio Frizzi. Dichiara:
«Vorrei condividere questo premio
con tutte le signore colleghe che sono
qua in studio e con tutte le donne
a casa che fanno degli sforzi
importanti con tanta passione,
come facciamo noi».

Il 5 giugno, davanti a oltre
sei milioni e mezzo di
telespettatori, vengono
eletti vincitori di «Amici» i
The Kolors. La band diventa
da subito un fenomeno
discografico. Il 25 giugno comincia
il reality prodotto da Maria,
«Temptation Island»: sei
puntate in onda su Canale 5.

LUGLIO

AGOSTO

SETTEMBRE

2015

Dal 9 luglio va in onda la terza edizione
dei «Coca-Cola Summer Festival»,
prodotto dalla società Fascino di Maria De
Filippi. La gara canora condotta da Alessia
Marcuzzi, Rudy Zerbi e Angelo Baiguini
incorona canzone dell’estate
«El mismo sol» di Alvaro
Soler. Il programma
viene visto in media da
3 milioni di spettatori.
22

FEBBRAIO

Torna come
ogni anno
con la famiglia
ad Ansedonia,
affacciata sullo
splendido
mare
dell’Argentario,
e si gode il
figlio Gabriele.

2015

2015

Ricomincia «Uomini e donne» con gli
Over e il Trono classico. Sorrisi intervista
Tina Cipollari: «Maria è il cuore della
trasmissione senza mai mettersi al centro
dell’attenzione» spiega «è questa la sua
cifra di stile». Il 12 settembre comincia
«Tú sí que vales» e Maria De Filippi
torna in giuria con Rudy Zerbi,
Gerry Scotti e il quarto giudice
popolare Mara Venier.

giurata, anche quest’anno è stata la regina della tv

di Alessandro Alicandri

N

el 2015 il pubblico ha seguito oltre 300 ore
di programmi nei quali è stata in video come
conduttrice o in giuria. Aggiunti i format
dei quali è produttrice come «Temptation
Island», «Coca-Cola Summer Festival» e la striscia
settimanale di «Amici» su Real Time, emerge un dato
incontestabile: Maria De Filippi è il personaggio televisivo più vivace e inesauribile della tv italiana. n

OTTOBRE

2015

Iniziano le grandi manovre per
«Amici». Si ufficializza l’arrivo
di Natalia Titova fin dalla
fase dei casting. Intervistata
da Sorrisi ha detto: «Di Maria
mi ha colpito l’assoluta fiducia
che ripone nell’operato dei maestri.
Maria ci ha chiamati dietro quel
bancone perché vuole che
entrino solo gli alunni migliori».

NOVEMBRE

2015

Inizia «Amici Casting» su Real Time.
I conduttori sono Stefano De Martino
e Marcello Sacchetta, storici ballerini del
programma. La finale di «Tú sí que vales»
viene rimandata di una settimana
per via degli attentati parigini.
Il talent incorona l’acrobata
Angelica Bongiovonni
di fronte a più di 5 milioni
di spettatori.

DICEMBRE

UN ANNO DI SODDISFAZIONI
Maria De Filippi (54 anni)
è sposata dal 1995 con
Maurizio Costanzo.

2015

Da metà mese le trasmissioni di Maria
De Filippi vanno in ferie per le vacanze
di Natale e Capodanno. Nel frattempo
a «Uomini e donne» si avvicina la
scelta per il tronista Amedeo. Iniziano
i preparativi per la nuova stagione di
«C’è posta per te» a gennaio e per il
progetto per Canale 5 «Pequeños
Gigantes», nuovo show con tanti
bambini simpatici e di talento.
©Riproduzione riservata

23

L’indimenticabile

di...
di Stefania Zizzari

CARLO CONTI ha trionfato su tutti i fronti: quiz,

Se ogni anno fosse

«Dopo aver scelto i 20 Campioni
non ho intenzione di fermarmi:
penserò agli ospiti del Festival
e al Dopofestival. Poi tornerò
con I migliori anni. Sempre
lavorando a modo mio,
con passione e onestà»

L



annuncio dei 20 Big in gara al prossimo Festival
è stato per Carlo Conti
l’ultimo appuntamento
di un 2015 intenso e
felicissimo.
Carlo, ora si può rilassare?
«Macché. È il momento di
cominciare a confezionare il
“contorno” di Sanremo: gli
ospiti, i momenti di spettacolo, il Dopofestival
che torna in tv dopo
otto anni…».
È stato un anno
impegnativo ma pieno
di soddisfazioni.
«È cominciato con il Festival dei record e… terminerà con il Festival. Che
spero sarà “tale e quale” al precedente,
per usare un gioco di parole. E oltre
appunto a una bella edizione di “Tale
e quale show” e a “L’eredità”, che va
sempre benissimo anche con i cambi
di timone fra me e Fabrizio Frizzi, non
c’è dubbio che Sanremo abbia riempito
il mio 2015 più di qualunque altra cosa.
Per impegno, per risultati ottenuti, per
riscontro avuto. Insomma, è stato un
anno da incorniciare».
Qual è stato il suo segreto?
«Lavorare con onestà, con amore e
24

©Riproduzione riservata

UNA VITA IN ONDA
Carlo Conti (54 anni)
ha esordito nella tv
nazionale 30 anni fa,
nel 1985, grazie a
«Discoring» su Raiuno.
Ma già nel 1978
lavorava nelle radio
private di Firenze.

varietà, eventi «live» e Sanremo, con un’edizione da record

tale e quale a questo...
con il proprio stile, evitando di fare
quello che non si sa fare. E sempre
pensando al pubblico, per offrire quello
che può piacere alla fetta più grande
di persone, non solo a se stessi. Il mio
pensiero è offrire sempre qualcosa che
possa radunare davanti al televisore le
famiglie intere, dal nonno al nipote».
Che cosa l’aspetta nel 2016 dopo
il Festival?
«Ai primi di marzo “L’eredità”, e nel
frattempo preparerò il ritorno di “I
migliori anni” ad aprile: saranno sei
puntate».
Con delle novità?
«È un programma che parla di memoria, non ci possono essere grandi
novità. Tratteremo ancora gli anni
tra i 60 e i 90: i primi dieci del
Duemila non sono ancora
abbastanza lontani, questo è un programma
che si autoalimenta
col passare del
tempo».
To r n i a m o
al prossimo
Festival di
Sanremo.
«Una delle novità è il ritorno
del Dopofestival
in tv. Dopo otto
anni saremo di nuovo in diretta, subito
dopo la puntata, stavolta da Villa Ormond.
Che in occasione della
finale di Sanremo Giovani
ha dimostrato di essere una
bellissima scenografia». n

SANREMO 2015

L’EREDITÀ

TALE E QUALE SHOW

WIND MUSIC AWARD

GIRA PAGINA: CARLO CONTI
RACCONTA I SUOI 20 BIG
25

VERSO SANREMO Il conduttore e direttore artistico del

Vi racconto i miei

CI VEDIAMO ALL’ARISTON
Carlo Conti, direttore e conduttore
artistico di Sanremo 2016. Nel tondo
in alto a destra, Virginia Raffaele
(35): ci sarà anche lei ad animare
la prossima edizione del Festival.

ANNALISA
«È un ritorno. L’anno scorso
ha ottenuto un ottimo
risultato e si è piazzata
al 4° posto. Lei è
una grandissima
interprete con una
voce meravigliosa.
Con la canzone
di quest’anno “Il diluvio
universale” Annalisa avrà
modo di dimostrare ancora
di più le sue doti di interprete».

GIOVANNI CACCAMO
E DEBORAH IURATO
«Una coppia con il calore e le
sfumature della Sicilia. Due voci
completamente diverse che si
fondono in maniera curiosa e
particolare in un grande
brano, “Via da qui”, scritto
da Giuliano Sangiorgi.
Era da tanto tempo che
non c’era una coppia
mista a Sanremo...».

ALESSIO BERNABEI
«È una bellissima
scommessa: ha
lasciato la sua
band, i Dear Jack,
e adesso deve
portare sul palco
la stessa energia e
la stessa forza. Sarà
interessante ascoltarlo in
“Noi siamo infinito” non come
frontman ma come solista».

IRENE FORNACIARI
«Irene canta “Blu”,
un pezzo scritto
da Beppe Dati, un
autore che ha più
volte trionfato a
Sanremo. È una
canzone importante:
un ballata che con
delicatezza
ci fa riflettere sulle
tragedie del mare».

26

CLEMENTINO
«È curioso come un tempo
la musica napoletana
fosse rappresentata
dai neomelodici. In questo
Festival invece abbiamo due
esponenti del rap e dell’hip
hop: Clementino e Rocco Hunt.
Clementino canta “Quando sono
lontano”: quasi una ballata rap che ci fa
riflettere su cosa significa
stare lontani dal proprio Paese».

LORENZO FRAGOLA
«Sanremo è stato il suo
trampolino di lancio,
dopo “X Factor”. Per
lui è stata un’estate di
successi. Lorenzo è un
cantautore che riesce
a passare con la stessa
credibilità e forza
musicale dall’inglese
all’italiano: è una cosa che non
succede a tutti. Canterà “Infinite volte“».

PATTY PRAVO
«Un’artista che da 50
anni è costantemente
in attività e
festeggia questo
traguardo proprio
partecipando in gara
a Sanremo con
una canzone, “Cieli
immensi“, che è
clamorosamente bella, con atmosfere
straordinarie: lascerà tutti a bocca aperta».

ROCCO HUNT
«La potenza della
Campania. “Wake
up” è un pezzo
rap molto
coinvolgente
che arriva
quasi alla
dance, con
un testo
da vero
rapper».

RAPPER

GIOVANI STAR

Tutti grinta e talento

ARISA
«È una creatura di Sanremo.
E Sanremo non può fare a
meno di lei. Ha vinto tra le
Nuove proposte, tra i Big
e l’ha condotto con me
l’anno scorso. Ritorna con
una canzone melodica,
“Guardando il cielo”.
Un pezzo intenso,
spirituale e diverso
da quelli che ha
cantato finora».

Il presente è loro!

FRANCESCA MICHIELIN
«Francesca ha una notevole
presenza scenica,
una grande voce
e un brano
bellissimo,
“Nessun grado
di separazione”.
Secondo me è
arrivato per lei
il momento della
giusta consacrazione».

ENRICO RUGGERI
«È uno dei cantautori più apprezzati
del nostro Paese. Enrico ha sempre voglia
di mettersi in gioco, di fare
musica e di proporla.
Il palco di Sanremo lo
vive con gioia, dopo
aver vinto il Festival
già due volte.
Quest’anno ci prova
con “Il primo amore
non si scorda mai“».

FRESCHI DI TALENT

Direttamente dalla tv

MOSTRI SACRI

Da almeno 20 anni sulla scena

Festival presenta (solo per Sorrisi) gli artisti in gara

20 CAMPIONI

E

ccoli, i 20 Campioni che Carlo
Conti ha scelto per la prossima edizione del Festival di
Sanremo, che si terrà dal 9 al
13 febbraio (a proposito: come
anticipato da Sorrisi nelle scorse settimane, l’irresistibile Virginia Raffaele sarà
nel cast). «La scelta dei cantanti in gara è

DEAR JACK
«Vedremo come se la cavano con il nuovo
frontman (Leiner, a sinistra, ndr). Il pezzo
“Mezzo respiro“ è una ballad: ha l’energia
di sempre, ma con sonorità più melodiche».

stata difficile» spiega Conti «ma spero di
essere riuscito a creare un mosaico il più
completo possibile. Certo, sono rimasti
fuori cinque o sei artisti che meritavano di esserci e mi è dispiaciuto molto:
queste esclusioni le ho comunicate di
persona, il giorno prima dell’annuncio
in tv». Ma nonostante la difficoltà della
scelta, Conti è ora soddisfatto. «Ci ho
DOLCENERA
«È una cantautrice
di grande forza
e grinta. Non solo
è brava a scrivere
e a suonare,
ma è anche
una cantante
straordinaria.
Il suo pezzo “Ora
o mai più“
è difficile da
interpretare,
ma lei lo fa
benissimo».

MORGAN
E BLUVERTIGO
«Per fortuna
i Bluvertigo sono
tornati a fare musica
insieme. Nel brano
“Semplicemente“
è bellissimo
il contrasto tra l’idea
che si ha di Morgan come personaggio sopra le righe,
e il suo racconto della semplicità del quotidiano.
Il tutto sottolineato da una musicalità geniale».

VALERIO SCANU
«Dopo le tante
interpretazioni
che ha
proposto a
«Tale e quale»
sarà curioso
ritrovarlo
con la sua
grandissima voce nel
brano “Finalmente piove“, scritto
per lui da Fabrizio Moro».

STADIO
«Hanno fatto la storia
della musica italiana,
non hanno bisogno
di presentazioni. Penso
alle canzoni che hanno
scritto per altri, per loro
stessi e alle loro colonne
sonore. “Un giorno mi
dirai» è un brano molto
dolce su un padre che
parla a sua figlia».

NEFFA
«È una
garanzia.
Il suo brano
“Sogni e
nostalgia“ è
così ritmato che
non si può non
canticchiare. Sarà uno dei brani
più fischiettati sotto la doccia.
Come sempre, Neffa riesce a
miscelare leggerezza e spessore.»

messo amore e onestà professionale.
Poi per carità, posso aver sbagliato, è
umano: non si possono accontentare
tutti. Eppure secondo me quest’anno
c’è una varietà ancora maggiore rispetto
allo scorso Festival».
Carlo presenta uno per uno i protagonisti di Sanremo 2016 solo per
Sorrisi: ecco le sue «schede».
n
ELIO E LE STORIE TESE
«Che cosa funziona in una canzone? Il ritornello.
Se ti resta in testa quello, è fatta. Bene,
il loro pezzo “Vincere l’odio“ è composto
solo da ritornelli, uno rigorosamente
diverso dall’altro. Sono genialità assoluta!».

NOEMI
«Una voce fantastica. Lei
è un’artista pazzesca, che
canta un brano, “La borsa
di una donna“, firmato
tra gli altri da Marco
Masini. Il racconto
dell’universo
femminile
attraverso quello
che è chiuso
nella borsa delle donne».

ZERO ASSOLUTO
«Thomas De Gasperi e Matteo Maffucci
cantano “Di me e di te”: tornano con
la loro musica, la loro leggerezza, la
spensieratezza
e soprattutto
con il loro
ritmo».

©Riproduzione riservata

di Stefania Zizzari

27

28

"

GABRIEL GARKO

L’indimenticabile
di...

GABRIEL GARKO di Solange Savagnone - foto di Roberto Rocco

Dopo il ciak
è scoccata la scintilla

G

«Questo per me è stato un anno da incorniciare»
spiega l’attore. «Non solo per i successi televisivi:
tutto avrei pensato tranne di trovare l’amore sul set.
E dire che Adua all’inizio mi era pure antipatica!»

abriel Garko è una garanzia. Dove c’è lui, il pubblico
impazzisce. In particolare
quello femminile. Lo prova
il fatto che anche quest’anno
«L’onore e il rispetto 4» ha ottenuto
grandi ascolti su Canale 5. «Il 2015 è
stato bellissimo. Cosa voglio di più?»
spiega Gabriel ridendo.
Perché dice che è stato fantastico?
«Per tutto. Anche a livello personale è
stato un anno molto bello».
Quindi per cosa lo ricorderà?
«Per tutto e niente. Faccio una vita
particolare. Quando stai sul set per sei
mesi, una volta finite le riprese ti accorgi
che nel frattempo il mondo intorno a te
è cambiato, hanno aperto nuove strade,
ci sono nuove pubblicità…».
Noi invece questo 2015 lo ricorderemo per lei ne «L’onore e il rispetto 4»
in versione «Mission: Impossible»…
«È stato meraviglioso. E la prossima
stagione non sarà da meno. L’altro giorno
stavo girando una scena in cui, da dietro
le sbarre di una cella, tiravo a me un tizio
rompendo inavvertitamente le sbarre di
legno. Una persona ha fatto una foto e
con un fotomontaggio hanno messo la
“S” di Superman sulla mia maglietta».
È vero che la quinta stagione sarà
ancora più bella della quarta?
«Per me sarà la più bella in assoluto e
inizierà in modo inaspettato. Ho finito
le riprese il 10 dicembre e la vedremo in
autunno. Uno dei segreti di questa fiction
Ritaglia e conserva il nostro
miniposter di Gabriel Garko!

è di essere sempre diversa. Come il mio
personaggio, che torna a essere cattivissimo. Ammazzo chiunque e non muoio
mai. Mi piace quando Tonio Fortebracci
è cattivo. Anche i fan mi preferiscono
nei ruoli malvagi. Chissà perché» (ride).
Intanto a gennaio la vedremo in
«Non è stato mio figlio» con Stefania
Sandrelli nei panni di sua mamma.
«Interpreto il rampollo di una ricca
famiglia borghese che si deve occupare dell’azienda dopo la morte del padre.
Accusato ingiustamente, deve difendersi
e combattere. Stefania Sandrelli è perfetta
nel ruolo di mia madre: interpreta la “donna chioccia”, la mamma per eccellenza».
L’ONORE
E IL RISPETTO

UN GABRIEL PER OGNI STAGIONE
Nel 2016 Garbiel Garko (41 anni) raddoppia:
a gennaio lo vedremo su Canale 5 nella
nuova serie «Non è stato mio figlio» e in
autunno tornerà in «L’onore e il rispetto 5».

NON È STATO
MIO FIGLIO

Nel cast c’è anche Adua del Vesco,
la sua attuale fidanzata…
«Non amo parlare della mia vita privata,
ma è su questo set che ci siamo conosciuti.
E pensare che all’inizio mi era antipatica.
Lei interpreta una ragazza che mi aiuterà
in questa situazione complicata».
Progetti per il futuro?
«Farò più cinema e tornerò a teatro. Il
mio esordio, da ragazzo, è stato in uno
spettacolo di quattro ore con Luca Ronconi
e Mariangela Melato, ma all’epoca ero un
incosciente. Ora sono più consapevole e
sono terrorizzato. Avrò una croce rossa
sul petto e sarò preso di mira da tutti. Mi
fa paura il palcoscenico. Il testo sarà difficile, ma amo il rapporto con il pubblico.
Inizierò lo prove a settembre e la tournée
subito dopo. Per il cinema ho diversi progetti, anche all’estero. Ma sono ancora “in
scatola”. Ora voglio pensare alle vacanze:
se trovo una casa vado a sciare altrimenti
punto a caso il dito sul mappamondo».
Buoni propositi per il 2016?
«Vorrei imparare a godermi di più gli
attimi che vivo. Viaggiando a una velocità
esagerata non riesco a fermarmi. A volte
non mi accorgo nemmeno di essere famoso. Sono gli altri a ricordarmelo, ed è
una gioia scoprirlo perché ho fatto tanti
sacrifici per arrivare dove sono».
Lei in cosa si reputa un numero uno?
«Amo le sfide, lottare, la competizione
a 360°. Però non mi sento un numero
uno. La gara non è finita e non ho ancora
visto il traguardo».
n
©Riproduzione riservata

29

L’indimenticabile
di...

MARCO MENGONI Nel 2015 il vincitore di Sanremo

Grazie! Mi avete

Due album primi in classifica nello stesso anno e un successo senza
di Alessandro Alicandri

U

n anno fa tutti
noi passavamo
le feste ascoltando «Guerriero».
E dal 13 gennaio
l’album «Parole in circolo» ha
consacrato Marco Mengoni.
In quell’occasione l’artista,
incontrando Sorrisi per la
seconda copertina della sua
carriera (la prima era arrivata con la vittoria a Sanremo
2013), ci aveva raccontato

che tutto quello che sarebbe
successo da lì in avanti avrebbe segnato la strada per il
prossimo capitolo: «Potrebbe
avere una pelle anche diversa, sarà anche il pubblico
a indicarmi la strada. È un
rischio, ma anche una sfida per superare me stesso.
Cercherò di diventare sempre
più forte, come i Super Sayan
di “Dragon Ball”!».
Nei mesi successivi non è
diventato biondo come nel

cartoon, ma la sua forza è
aumentata a dismisura. In
sette mesi «Parole in circolo»
ottiene tre dischi di platino
(il miglior risultato dal suo
esordio) e ogni successivo
singolo estratto dal disco fa
centro. Sia «Esseri umani» sia
«Io ti aspetto» ottengono
la «certificazione platino»,
diventando a tutti gli effetti
delle hit. Le soddisfazioni, però, non si misurano solo con i numeri, ma
anche con la passione di
chi ama la sua musica.
A maggio poi è partito
il tour «Mengoni Live
2015» che lo ha riportato, dopo due anni,

nei palazzetti italiani. Un ciclo di concerti ricco di effetti speciali e con una grande
band sul palco. A chiusura
delle date, Mengoni ha scritto una lettera a Sorrisi per
ringraziare tutti coloro che
hanno preso parte a questi
eventi: «La soddisfazione
più grande è stata vedere il
rapporto tra noi, cresciuto e maturato come in
una vera storia d’amore. “Sono più o meno
contento” dicevo dopo
qualche vecchio concerto. Oggi posso dire
di essere abbastanza
felice... e per me è un
grande traguardo».

Ecco i momenti che hanno reso

AN I
ESSERI UioM2015
Febbra

CIRCOLO
PAROLEnIN
io
a 2015
Gen

L’album non insegue l’onda lunga di «Guerriero», ma si presenta come una
«playlist» di brani molto diversi tra loro. Due sono i tratti in comune con il
singolo d’esordio: la ricchezza di suoni (per lo più curati da Marco in persona) e
l’esplorazione dell’amore in modo non convenzionale. L’album «diversamente
romantico» di Mengoni vede la collaborazione di Luca Carboni nel brano «Se
io fossi te». Tra le canzoni più belle del disco c’è «Ed è per questo».

TTO
IO TI ASioP2E015
M agg

30

ALIA LIVE
RADIOgITgio
2015
Ma

e X Factor ha raggiunto i risultati più strepitosi della sua carriera

voluto bene veramente
precedenti: Sorrisi ve lo racconta tra immagini, musica ed emozioni
Passano poche settimane
e Marco riceve un premio al
Senato come punto di riferimento tra i giovani. Queste
sono le ragioni: «La stima
professionale, la simpatia,
la carica umana e sociale
delle sue canzoni non sono le sole motivazioni.
I fan credono in lui, si
fidano e ne seguono
gli insegnamenti,
apprezzano le sue
battaglie in musica con l’impegno
personale, ammirano l’avere comunicato attraverso i
brani e le dichiarazioni
la forza delle fragilità e

delle diversità».
Trascorriamo l’estate
ascoltando «Io ti aspetto»
e i suoi remix, e l’attesa per
la «seconda parte» del progetto cresce. Il 16 ottobre
pubblica il singolo inedito
«Ti ho voluto bene veramente», scritto
come nel caso
di «Guerriero»
con Fortunato
Zampaglione.
La canzone segna
un’altra sfida vinta,
ottenendo presto
il disco di platino. Il brano, tra
l’altro, colleziona
in due mesi oltre

17 milioni di visualizzazioni su YouTube, diventando
il terzo più visto della sua
carriera, dopo «L’essenziale»
e «Guerriero». A fine ottobre vince gli Mtv European
Music Awards, arrivati a
Milano con la conduzione
di Ed Sheeran e
Ruby Rose: è lui
il miglior artista
italiano. Il suo
2015 ha già le caratteristiche per finire

in bellezza. Invece Marco
rilancia ancora e annuncia
per il 4 dicembre l’uscita di
«Le cose che non ho». In
una sola settimana l’album
vende più di 50 mila copie,
battendo l’esordio di «Parole
in circolo».
Il 28 aprile 2016, da Torino,
avrà inizio il suo nuovo tour.
L’indimenticabile anno di
Mengoni è quasi finito. Ma
a gennaio ne comincerà un
altro ricco di sorprese. n

memorabili questi 12 mesi

UTO BENE
TI HO VOLMENTE
VE R A
15
Ottobre 20

E NON HO
LE COSEemCHbre 2015
Dic

O C H E FA
CHE TEbMreP- Dicembre
Novem 2015

MTV EMA15

Ottobre 20

Forte dell’enorme successo a inizio anno, Marco cerca e trova una strada
ancora più personale, nei testi e negli arrangiamenti. L’album parla d’amore
in modo più diretto ed... essenziale. Oltre al singolo «Ti ho voluto bene
veramente», spiccano «Solo due satelliti», scritta da Giuliano Sangiorgi dei
Negramaro, e «Rock Bottom», firmata dall’australiana Sia, autrice di tante
hit internazionali e nota in Italia per il successo del singolo «Chandelier».
© Riproduzione Riservata

31

L’indimenticabile
di... ANTONIO CONTE fa ascolti record con la Nazionale:
di Alessandro Alciato

V

a avanti e poi
indietro, davanti a quella panchina.
Posseduto da un moto perpetuo, dal demonio della vittoria
a qualunque costo.
Cammina, si ferma,
accenna uno scatto
dentro uno spazio
troppo angusto per
contenerne la foga. Si
chiama area tecnica,
è disegnata sul campo con un gesso bianco. Antonio Conte si
muove, e scava un solco sull’erba. Delinea il
confine fra lui e il resto del mondo. Che intanto lo guarda, con il
telecomando in mano.
Perché il commissario
tecnico dell’Italia abita (e vince) in tv.
Ogni partita della
Nazionale è un trionfo
di ascolti, che si tratti
di una partita decisiva
in una competizione
ufficiale o di una semplice amichevole con
una piccola squadra.
Un applauso costante,
in chiaro e sul satellite. Milioni di occhi per
la Nazionale, milioni
32

Sento addosso

«Solo il Festival di Sanremo
ha più telespettatori dei miei
Azzurri, ma chissà: magari lo
superiamo agli Europei!» dice
il nostro commissario tecnico

di occhi per lui che di
fatto è diventato un
popolarissimo personaggio televisivo, nonostante un’avversione conclamata per interviste e telecamere.
Chissà perché poi...
«Durante le partite
mi concentro solo su
quanto sta accadendo davanti e intorno a
me ma, a mente fredda, ci penso eccome
a quante persone ci
hanno guardato» spiega a Sorrisi. «Uno dei
motivi per cui ho accettato la panchina

della Nazionale è il
fatto di poter allenare la squadra di tutti.
Noi portiamo in giro
per il mondo l’orgoglio di essere italiani.
Rappresentiamo un
Paese».
Antonio Conte vede
persone, e quelle persone sono telespettatori. Bimbi, come la sua
Vittoria (nome scelto
non a caso). Adulti.
Anziani. Uomini.
Donne. Da-vanti allo
schermo il divano è
per tutti. Allo stadio
canta la curva dei ti-

fosi, nei grafici vola
quella degli ascolti:
«Immaginare la gente
felice a casa, mentre
ci guarda, rende felice
anche me e i miei calciatori. Cerchiamo di
giocare bene, dare il
massimo, vincere anche per chi sta davanti
al teleschermo. E se ai
prossimi Campionati
europei (che si giocheranno in Francia
a giugno) riusciremo
a raggiungere un traguardo importante,
tutti loro potranno
salire sul nostro carro…».
Posti prenotati, ma
non in prima fila. Lì,
vicino al commissario tecnico, due seggiolini sono riservati.
È una storia tutta in
famiglia: «Mia figlia
Vittoria, che ha 8 anni,
quando non viene allo
stadio con la mamma,
guarda il suo papà in
televisione. È la prima persona, con mia
moglie Elisabetta, che
sento dopo le partite. Ma quando non
parto per lavoro, il
padrone del teleco-

FUORI
L’AUTORE!

«In panchina non ci penso. Ma a casa, a mente fredda...»

Alessandro
Alciato, che
ha scritto
questo articolo,
è l’autore
di «Metodo
Conte»
(Vallardi,
13,90 euro).

gli occhi dei tifosi
VUOLE
SOLO VINCERE
Antonio Conte
(46): allena
la Nazionale
dall’agosto 2014.
A sinistra, parla
con il difensore
azzurro Matteo
Darmian (26).

mando in casa resto
tendenzialmente io,
anche se dipende dagli orari. Mia figlia è
ancora piccola, io e
mia moglie cerchiamo
di non trasmetterle
abitudini sbagliate
nei confronti della tv,
facendole apprezzare anche il piacere di
leggere una favola. In
ogni caso Elisabetta
e Vittoria sono i “critici televisivi” più
ascoltati dal sottoscritto. In particolare, guardo tutto
ciò che riguarda lo
sport e gli eventi sportivi: calcio,
basket, pallavolo.
Per non parlare di
Europei, Mondiali
e Olimpiadi, che mi
rapiscono in maniera totale. Ho sempre
considerato la televisione un mezzo ottimo di comunicazione
e veicolazione dello
sport, della cultura,
dell’informazione in
generale. Ma come
per tutte le forme di
comunicazione, ne va
dosato l’utilizzo con
intelligenza».

L’anno scorso Conte
è finito anche al
Festival di Sanremo,
che è l’unica trasmissione in grado di superare in termini di
ascolti le partite della
Nazionale.
«Siamo in una nazione dove la musica
e il calcio rappresentano le passioni più
seguite. Ci sta che
una kermesse come
quella di Sanremo
superi in audience una partita della
Nazionale. Speriamo
un giorno di vincere
anche questa sfida.
Ho avuto il piacere
di andare a una serata di Sanremo nella
scorsa edizione e ho
anche cantato con
Carlo Conti qualche
strofa di “Si può dare di più”. Purtroppo
da quando faccio l’allenatore ho perso la
voce; ormai mi capita di cantare soltanto
sotto la doccia».
Conte e Conti.
Cambia poco. Perchè
Sanremo è Sanremo.
Ma la Nazionale resta
la Nazionale.
n
© Riproduzione Riservata

33

LA NUOVA FICTION DI RAIUNO racconta storie, amori e vita quotidiana

In una famiglia così…
di Antonella Silvestri - foto
di Fabrizio De Blasio / Photomovie

U

na nuova grande famiglia
ci terrà compagnia su
Raiuno nelle fredde domeniche d’inverno a partire
dal 27 dicembre. È quella
di «Tutto può succedere», la nuova fiction che racconta in 13 serate (26 episodi da 50 minuti) la vita dei Ferraro,
tre generazioni le cui vicende ruotano
intorno a una grande casa nei pressi di
Fiumicino. Un ritratto familiare dalle
sfumature più diverse: due sorelle e
due fratelli, molto differenti tra loro,
due genitori anziani ma ancora molto
presenti nelle vite dei quattro «ragazzi»
e poi i figli, bambini e adolescenti, con
le emozioni e le inquietudini della loro
età. Così i giorni non sono mai uguali in
casa Ferraro e... tutto può succedere.
La fiction è il remake
di «Parenthood», una serie tv americana (a sua
volta nata da un film di TUTTO PUÒ
Ron Howard) andata in SUCCEDERE
RAIUNO
onda tra il 2010 e il 2015
da
domenica
27
sulla rete Nbc (è la prima
ore 21.20
volta che Raiuno realizza
un’operazione di questo genere).
«Tutto può succedere» ha un
cast di primissimo livello, da Maya
Sansa a Pietro Sermonti, da Licia
Maglietta ad Ana Caterina Morariu
(lo scoprite qui a lato), è diretta da
Lucio Pellegrini e ha richiesto un
duro lavoro agli sceneggiatori per
adattarla al contesto italiano. Infine
una doppia curiosità... musicale: la
colonna sonora iniziale è stata scritta
da Giuliano Sangiorgi e dal compositore siciliano Paolo Buonvino, ed è
eseguita dai Negramaro; all’interno
delle puntate c’è un altro brano originale, intitolato «Pinzipo» e interpretato da Raphael Gualazzi.
n
34

ESTHER ELISHA

ALESSANDRO
TIBERI

ECCO, UNO
PER UNO,
CHI SONO
I FERRARO
(GRANDI
E PICCOLI)

(34 ANNI)

FEVEN

(38 anni)

CARLO FERRARO

Violinista, ha
avuto una breve
storia d’amore con
Carlo… non priva
di conseguenze.

L’ultimogenito è
una specie di Peter
Pan che ama solo
divertirsi.

MATILDA
DE ANGELIS

GIULIA
DE FELICI

TOBIA
DE ANGELIS

AMBRA

MATILDE

DENIS

Primogenita
di Sara Ferraro,
è in perenne
conflitto con
la mamma.

Alla sua prima
apparizione in tv,
interpreta la figlia
di Giulia Ferraro,
vispa e divertente.

(20 anni)

(5 anni)

(15 anni)

È il fratello
più piccolo
(anche nella
realtà)
di Matilda/Ambra.

FABIO GHIDONI
(33 anni)

LUCA

È il marito
di Giulia Ferraro.
Anche lui
è un avvocato ma,
al momento,
è disoccupato.

di tre generazioni. In posa solo per Sorrisi intorno alla tavola di Natale

TUTTO PUÒ SUCCEDERE
(61 anni)

EMMA FERRARO
Avvenente,
giovanile e dolce:
è la matriarca dei
Ferraro, il punto di
riferimento per tutti.

ANA CATERINA
MORARIU

GIORGIO
COLANGELI

CRISTINA

Il capofamiglia: è
sempre presente
e non rinuncia mai
a dire la sua.

Ha rinunciato alla
carriera per essere,
senza rimpianti,
la moglie di
Alessandro Ferraro.

ROBERTO NOCCHI
(10 anni)

MASSIMILIANO

Avvocato in carriera
(con la passione
per lo shopping),
dedica poco tempo
alla figlia Matilde.

Secondogenito
di Alessandro
Ferraro, è affetto
da un disturbo
pervasivo
dello sviluppo.

PIETRO
SERMONTI

(36 anni)

(66 anni)

ETTORE FERRARO

(35 anni)

GIULIA FERRARO

CAMILLA FILIPPI

SEAN GHEDION
NOLASCO

(44 anni)

ALESSANDRO
FERRARO
È il primogenito,
il «fratellone» con
cui tutti parlano.

MAYA SANSA
(40 anni)

(7 anni)

SARA FERRARO

Ha 5 anni
ed è il frutto
della breve storia
d’amore tra Carlo
Ferraro e Feven.

È la scapestrata
della famiglia:
dopo essere
scappata di casa,
torna con due figli
adolescenti.

ROBEL

BENEDETTA
PORCAROLI
(17 anni)

FEDERICA
È la primogenita di
Alessandro Ferraro
e la più ribelle di
casa (un po’ come
la zia Sara).

© Riproduzione Riservata

LICIA MAGLIETTA

35

GIUSY BUSCEMI La protagonista della fiction di Raiuno Il paradiso

Allora, avete visto che
«Erano in tanti a pensare: vediamo se è capace»
dice l’attrice siciliana. «Ma io ho sempre sognato
di fare questo mestiere, ho studiato tanto
e mi sono detta: se deve succedere, succederà»
di Stefania Zizzari

D

iciamo la
verità, erano in tanti
a pensare:
“E adesso vediamo un po’ questa
Miss Italia che vuole fare
l’attrice se è capace di recitare”. E devo confessare
che i commenti positivi
mi hanno fatto un grande
piacere». Giusy Buscemi
vede così il successo di «Il
paradiso delle signore», la

«

fiction di Raiuno ambienta- dama velata» e «Il giovata negli Anni 50 che la vede ne Montalbano».
protagonista nei panni della
«Lo vede? Se non ci si accatenace commessa Teresa.
nisce le proposte arrivano».
Giusy, allora questa
Torniamo a «Il paradiMiss sa recitare.
so delle signore», chi è
«Ho sempre desiderato fa- Teresa?
re l’attrice, ho studiato
«Una ragazza che mi
tanto, mi sono prepasomiglia molto. È del
rata, ma sono anche
Sud, solare, istintiva.
fatalista. Mi sono det- IL PARADISO Non ha filtri, è spontata: se deve succedere, DELLE SIGNORE nea e, come i bambini,
RAIUNO
succederà. E mi lascedice con semplicità
lun.
28 e mar. 29 delle grandi verità:
rò sorprendere».
ore 21.10
Ed è quello che
questo è il suo segreto.
è accaduto perché ha È un personaggio positivo e
recitato nelle fiction di pieno di sfumature».
maggiore successo di
Ed è l’unica che riesce a
Raiuno: «Don Matteo», scalfire il cuore di pietra
«Un passo dal cielo», «La del bel Pietro Mori...

UN SET ANNI 50
Giusy Buscemi (22 anni).
A sinistra, l’attrice
siciliana sul set della
fiction «Il paradiso delle
signore» nei panni
della commessa Teresa.
A destra, con Giuseppe
Zeno (39), che nella serie
in onda su Raiuno
interpreta il bel tenebroso
Pietro Mori, proprietario
dei grandi magazzini
dove lavora Teresa. Pietro
ha un debole per Teresa,
ma non è il solo... Come
andrà a finire?

36

«E non solo. Sull’amore
non ha le idee chiare ed è
alla continua ricerca del
suo uomo ideale. Sarà
Pietro Mori o Vittorio Conti
(Alessandro Tersigni, ndr)?
Perché Teresa da brava siciliana ha dei valori molto
forti, ma allo stesso tempo
è curiosa e vuole vivere la
vita e conoscere il mondo».
Lei è giovanissima, come
si è trovata «catapultata»
negli Anni 50?
«Benissimo. La mattina arrivavamo sul set e durante il
trucco mettevamo la musica
di quel tempo, soprattutto
Fred Buscaglione, per immergerci in quelle atmosfere. Poi mi sono fatta raccontare dalle mie nonne come
si viveva in quel periodo.
Erano anni pieni di speranze, dopo la Seconda guerra
mondiale c’era tanta voglia
di vita. E poi l’eleganza degli

delle signore si racconta a Sorrisi. Da Miss Italia in poi...

so recitare?
abiti di una volta...».
Le uniformi impeccabili delle commesse della
fiction sono lontane
dalla moda delle ragazze di oggi.
«È vero, ma io mi sentivo
a mio agio. Sul set indossavamo dei bustini strettissimi
che regalavano una figura
molto femminile e valorizzavano la linea e il punto vita.
E Teresa non porta mai i
pantaloni. In fondo però il
mio stile, seppure attualizzato, è simile».
In che senso?
«Più che da jeans
sono una ragazza
dallo stile classico,
romantico, mi piacciono le gonne lunghe, i maglioncini
color pastello».
Torniamo al
lavoro: ha appena terminato le
riprese della serie
«I Medici».
«Ho un piccolo ruolo: sono Rosa, una
popolana, fidanzata
di Lorenzo de’ Medici.
La sua uccisione innesca
una serie di intrighi».
E adesso è sul set della
miniserie «C’era una volta Studio Uno». Ancora
una fiction in costume.
«Sì. Però stavolta è ambientata negli Anni 60. Interpreto
una ballerina arrivista e antipatica. Un ruolo diverso, in
cui dimostrerò di non essere
poi così buona!».
n

LE REGINE
DI BELLEZZA
SPOPOLANO
IN TV
Con la corona
di Miss Italia
Giusy Buscemi
ha vinto il titolo
nel 2012. Ma non
è l’unica Miss Italia
a essere diventata
un’attrice tv di
successo: guardate
un po’ qui sotto...

LUCIA BOSÉ (84)
DONNA
ISABELLA
GALIANO
Eletta Miss Italia
nel 1947, nella
fiction «Capri»
interpreta Donna
Isabella. Con lei,
Shel Shapiro (71).

ANNA VALLE
(40)
ANNA FERRARIS
Anche Miss Italia
1995 intraprende
la carriera di
attrice. Qui è in
«Questo nostro
amore» con Neri
Marcorè (49).

FRANCESCA
CHILLEMI (30)
AZZURRA
La più bella
del 2003 è
protagonista
della serie «Che
Dio ci aiuti»
con Elena Sofia
Ricci (53).

MIRIAM LEONE
(30)
VERONICA
Nel 2008 vince
il concorso
di bellezza. Nel
2015 è Veronica
nella serie tv
«1992», con Luigi
Di Fiore (51).

© Riproduzione Riservata

37

GIGI D’ALESSIO saluterà l’arrivo del 2016 con un grande show su

A San Silvestro fate festa
«Ho voluto tanti amici al mio fianco per un veglione
in allegria» dice l’artista. «Come quando ero bambino
e lo trascorrevo con la mia famiglia» di Antonella Silvestri

©Riproduzione riservata

D

a quando è diventato famoso e porta le sue canzoni
in giro per il mondo ha
dovuto rinunciare a molti
Capodanni in famiglia, ma
come nel 2014 anche quest’anno per
Gigi D’Alessio il veglione di san Silvestro
avrà un sapore speciale. L’artista, infatti, lo trascorrerà con la sua Anna
Tatangelo, tutti gli amici che lo raggiungeranno in piazza Libertà a Bari
e gli spettatori di Canale 5 che lo
seguiranno da casa: un bis dopo il
grande successo dello scorso anno.
«Aspetteremo il 2016 con una grande
festa» racconta il cantautore napoletano, che incontro nella sua villa a Roma,
dove rimango colpita dalla gigantografia
di Anna che campeggia su un’intera
parete. Gigi mi viene incontro con un
sorrisone e mi abbraccia come se ci
conoscessimo da sempre. È felice come
un bambino di condurre, per il secondo anno consecutivo, «Capodanno con
Gigi D’Alessio» sulla rete ammiraglia
di Mediaset.
Da vero napoletano, indosserà qualcosa di rosso come portafortuna?
«Ma va, al massimo se fa freddo indosserò una tuta termica» (ride).

ORIGINI
E SIGNIFICATO
DEI RITI
SCARAMANTICI
DI FINE ANNO
38

Adesso non mi dica che non è scaramantico...
«Non è un gesto scaramantico, ma
prima di salire sul palco faccio il segno
della croce. E poi ho una collanina con
una piccola croce che porto sempre
al collo. Mi dà forza».

Buon Anno
Qual è il Capodanno che ricorda
con particolare affetto?
«Tutti quelli della mia infanzia, quando erano vivi mamma e papà, e mio
fratello. Ricordo le enormi tavolate a
casa con tutti i parenti. Si cominciava
a mangiare il 30 dicembre e si finiva il
3 gennaio! Ho ancora in mente l’odore
di quelle serate, l’allegria, gli abbracci
di mia madre che ho perso a 18 anni e
che non ha fatto in tempo a vedermi
famoso. Per fortuna mio padre, che è

Chi non conosce i riti scaramantici
che si celebrano nel passaggio
all’anno nuovo? Tutti sanno delle
lenticchie, degli indumenti
rossi, del bacio sotto
il vischio, del privarsi
di oggetti vecchi e
malandati (possibilmente
senza buttarli dalla
finestra) e dei botti.
Ma che origine hanno
questi e altri riti?
E cosa vuol dire

scaramanzia? Risposta: parola,
segno, gesto che nella superstizione
popolare libererebbe o difenderebbe
dal malocchio. Poiché si ritiene in
genere che l’anno che va morendo
sia stato negativo e ci si augura il
meglio per il successivo, ecco azioni
curiose che cambiano da regione
a regione e da popolo a popolo.
I cinesi per esempio per il
primo dell’anno devono
assolutamente indossare un
vestito nuovo e bello, a costo

Canale 5, tra musica, ospiti big e tante risate

insieme con me
morto dieci anni fa, ha potuto gioire del
Francesco Cicchella e Giulia Luzi. E
mio successo. Insomma, le feste più belconfermo anche Gonzalo de “Il segreto”,
le che popolano la mia memoria
l’attore Jordi Coll».
risalgono all’infanzia e all’adoleAllo scorso Festival di
scenza, come credo per tutti. Oggi,
Sanremo i riflettori furono
della mia bella famiglia d’origine è
puntati su Al Bano e Romina.
CAPODANNO
rimasta solo mia sorella».
CON GIGI D’ALESSIO Quest’anno la coppia sotto
Cosa non manca mai sulla sua
i riflettori avreste potuto
CANALE 5
tavola delle feste?
essere lei e Anna. E invece...
giovedì 31
ore 21.00
«E me lo chiedi? Sei campana co«Non so nulla. Io e Anna in
me me e non lo sai? Gli struffoli e “a
tutti questi anni abbiamo canpastiera” (dolci tipici partenopei, ndr)».
tato solo tre pezzi insieme. Comunque
Parliamo del concerto di
Sanremo è una vetrina importantissima.
Capodanno. Ci dica chi parteciperà.
E poi, dopo 11 anni insieme e la nascita
di un figlio stiamo ancora a parlare di
gossip?».
A proposito di vostro
figlio Andrea, che ha
cinque anni: come vive
il fatto che i suoi genitori siano così famosi?
«Quando siamo a casa
non parliamo mai di musica, anzi.
Anna fa la mamma, io il papà. Siamo
«Con me saliranno sul palco Gianluca
una famiglia normalissima».
Grignani, Dolcenera, Anna (Tatangelo,
Tra pochi giorni cade il primo
ndr), Nek, Bianca Atzei, Benji e Fede,
anniversario della morte di Pino
Briga, Alessio Bernabei, The Kolors, i
Daniele. Quanto le manca?
Dear Jack, Giosada. La vera novità è che
«Manca a tutti. Le canzoni di Lucio
ci sarà anche la cantautrice argentina
Battisti le hanno cantate un po’ tutti,
Marcela Morelo. Non mancheranno i
invece quelle di Pino Daniele, così come
miei duetti, qualcuno anche particolare
pure quelle di Mango, sono difficili da
come quello con Stash dei The Kolors e
reinterpretare. Mi mancano le nostre
con Dolcenera. Spazio anche ai comici
risate. E le nostre chiacchierate sempre
Gianni Ciardo e Uccio De Santis, con
incentrate su cibo e musica».
n
cui faremo degli sketch. Ci saranno poi

Nuovo
di spendere
i risparmi
di 12 mesi.
Gli spagnoli
ingurgitano 12
chicchi d’uva ai 12
rintocchi della mezzanotte,
ed è bene che usino dei pendoli
lenti se non vogliono
strozzarsi. I francesi
devono cibarsi di 13 tipi
di frutta secca (a noi
italiani ne bastano

meno, e non stiamo a
contarli). In Romania dopo la
mezzanotte è obbligatorio
salutare con frasi gentili gli
animali che s’incontrano.
Che dire delle nostre...
fissazioni? Le lenticchie
ricordano piccole
monete e dunque
portano soldi.
La biancheria
rossa è una tradizione
britannica. Ci si

TUTTI IN PIAZZA
A BARI L’appunta
m
vuole godersi l’e
vento dal vivo è ento per chi
in piazza Libertà
.

LE STELLE CHE BRILLERANNO
NELLA NOTTE MAGICA
Per il Capodanno di Canale 5, con Gigi ci
saranno Anna Tatangelo e tanti artisti come
Nek, The Kolors, Giosada, Grignani. E poi
molti comici e Jordi Coll di «Il segreto».

THE KOLORS

NEK

ANNA TATANGELO

difendeva così dalle
streghe che la notte
di San Silvestro
lanciavano
maledizioni contro
ciò che gli slip (un
tempo mutandoni)
ricoprono. Anche la faccenda
del vischio ha origini nordiche. Si
riteneva che, tagliato dalle querce,
pianta sacra per i Celti, cacciasse gli
spiriti cattivi dalla casa. Peraltro il
rosso è il colore del fuoco e il fuoco

GIOSADA

GIANLUCA GRIGNANI

distrugge il vecchio (e il malocchio)
e rigenera (la terra nei riti
contadini). Anche i botti e il privarsi
di vecchi oggetti simboleggiano la
chiusura col passato e l’apertura al
futuro. Ma occorrono prudenza e
saggezza.
Enzo Caffarelli

VOLTA PAGINA
E SCOPRI GLI ALTRI
SHOW
DEL 31 DICEMBRE

AMADEUS debutta alla conduzione di L’anno che verrà dalla

Il mio 2016
di Alberto Anile
PADRONE DI CASA
A lato, Amadeus
(53 anni, vero
nome Amedeo
Sebastiani).

«Sarà
una
grande
festa con
superospiti
come Arbore,
Venditti
e Paul Young»
anticipa
il presentatore.
«Se ho paura
che sia
una serata
fredda? Ma no,
ci riscalderemo
ballando!»
40

A

llora, Amadeus,
stavolta tocca
a lei «L’anno
che verrà», il
tradizionale fine anno di Raiuno.
«Sì, ed è la prima volta
che lo faccio. In assoluto, a
parte alcuni brindisi di fine
anno a Deejay Television.
Ma parliamo di fine Anni 80,
preistoria».
Il brindisi di fine anno
sull’ammiraglia Rai è
un’istituzione. La vive

più come un piacere o
come una responsabilità?
«Decisamente come un
divertimento. È vero, si tratta
del Capodanno tradizionale
degli italiani, in onda subito dopo il messaggio del
Presidente della Repubblica,
un momento tradizionale che
appartiene a tutti noi. Ma
rimane una festa, e tale sarà
anche quest’anno».
La cornice sarà inconsueta: Matera.
«Sa che non ci sono mai
stato? Ho girato l’Italia in
lungo e in largo ma Matera

TOTÒ, POZZETTO, IL CIRCO, «E.T.»,

P

er chi preferisce
aspettare l’anno
nuovo guardando
programmi diversi
dai varietà le
possibilità non
mancano. Tanto
cinema, innanzitutto,
soprattutto comico:
chi vuol ridere potrà
scegliere tra Totò e
Pozzetto. La7 dedica ad
Antonio de Curtis una vera
e propria maratona che
comincia con «I tartassati»
(‘59), prosegue con
«Tototruffa ‘62» (‘61) e si
spinge fin quasi all’alba con
«Il coraggio» (‘55) e «Totò
cerca moglie» (‘50). Renato
Pozzetto è protagonista
su Iris di un miniciclo che
si apre con «Il ragazzo di
campagna» (‘84), supera
la mezzanotte con «La casa

stregata» (‘82) e fa mattina
con «Papà dice messa»
(‘96), «Oh, Serafina!» (‘76)
e «Gran bollito» (‘77). Altro
cinema anche su Rete 4, con
uno dei film più romantici
della storia: «Notting Hill»
(‘99) con Julia Roberts e
Hugh Grant (ci stancheremo
mai di rivederlo?). In questo
caso, però, alla fine del
film arriverà Gigi D’Alessio

CAMPAGNA
IL RAGAZZO DI
IRIS ORE 21.00

città lucana, Capitale europea della cultura nel 2019

mi manca. Il che mi rende faremo in modo di ballare il
doppiamente curioso. So che più possibile. Male che vada,
è una città bellissima, molto anticiperemo il brindisi per
curata, patrimonio dell’U- riscaldarci!».
nesco, e che sarà Capitale
Quali ospiti avrete?
europea della cul«Un elenco di
tura 2019. Ci andrò
personaggi ben nuqualche giorno prima
trito: Renzo Arbore,
con la famiglia per
Antonello Venditti,
L’ANNO
CHE VERRÀ
visitarla per bene».
Francesco Renga,
Da dove trasmetM a l i k a Ay a n e ,
RAIUNO
giovedì 31
terete?
Noemi, Marco
ore 21.00
«Da piazza Vittorio
Masini, Paul Young
Veneto, nel cuore
e tanti protagonisti
della città. All’aperto: con- delle passate edizioni di “Tale
fidiamo nel meteo. Ci mu- e quale show”. I cantanti
niremo di maglia termica o faranno più di un ingresso,

si alterneranno più volte sul
palco fino all’una e mezza per
cantare e festeggiare».
Con lei ci saranno anche
Claudio Lippi e Rocco
Papaleo.
«Ci conosciamo da molti
anni, io e Lippi: abbiamo
fatto insieme una “Buona
domenica” a Mediaset negli
Anni 90. Con Papaleo, che
essendo lucano giocherà in
casa, ci siamo invece conosciuti più di recente: era mio
ospite a “L’eredità” per finzione cinematografica: nel film
“Il pranzo della domenica” il

suo personaggio partecipava
al gioco per vincere una
grossa somma».
Sarà una delle poche fine
d’anno che non passerà in
famiglia. Come l’hanno
presa a casa?
«Bene, bene, sono felici di
questa esperienza. E poi in
realtà saranno comunque con
me, in mezzo al pubblico della serata lì a Matera. Almeno
mia moglie e mio figlio più
piccolo. La più grande no, ha
ormai 18 anni e per fine anno,
come molti della sua età, ha
altri progetti...».
n

«NOTTING HILL»: QUANTA TV PER ASPETTARE LA MEZZANOTTE!
(in diretta simultanea
con Canale 5). Raidue
ha preparato una serata
cinematografica all’insegna
della fiaba «aristocratica»
con «Pretty Princess»
(2001) e il suo seguito
«Principe azzurro cercasi»
(2004). Ma l’appuntamento
cinematografico clou è quello
di Italia 1, che rispolvera il
superclassico di Spielberg

«E.T. l’extra-terrestre» (‘82),
adatto a tutta la famiglia.
Si rimane in tema con il
film successivo, «Paul»
(2011), anch’esso dedicato
a un simpatico alieno
doppiato da Elio (storico
leader delle Storie tese).
Non solo cinema, però.
Raitre contrattacca con un
appuntamento tradizionale
del fine anno, «Circo di

Montecarlo»; e per gli
amanti del programma di
Enrico Ghezzi, la mezzanotte
verrà raggiunta e superata
con il classico super «Blob»
di fine anno, antologia
del meglio e soprattutto
del peggio passato in
tv nel corso del 2015.
Troverete ancora acrobati
e animali addomesticati
in «Notte al circo» su Sky

ESTRE

R
E.T. L’EXTRA-TER
.50
ITALIA 1 ORE 20

NOTTING HILL
RETE 4 ORE 21.15

Arte. Segnaliamo infine
la proposta di Joy (canale
dell’offerta Premium
Mediaset) che dalle 23.30
mette in campo una
maratona con gli episodi
inediti della nona stagione
di «The Big Bang Theory»,
la spassosa sitcom (la
più vista negli Stati Uniti)
dedicata a un gruppo
di simpatici scienziati.

©Riproduzione riservata

comincia a Matera

1984
COTTON CLUB

1990

PRETTY WOMAN
UNA LUNGA CATENA
DI SUCCESSI
A fianco, Richard Gere
(66 anni) circondato
dalle immagini delle
pellicole che lo hanno
reso famoso.

2002
CHICAGO

1980
AMERICAN GIGOLÒ

1982

UFFICIALE E GENTILUOMO
42

2004

SHALL WE DANCE?

1993

MR. JONES

RICHARD GERE torna al cinema con il dramma psicologico Franny

Buddista e gentiluomo
per salvare il mondo
Ha sedotto milioni di spettatrici ed è un instancabile
ambasciatore di pace, sempre diviso tra India e Hollywood.
E confessa a Sorrisi: «Anch’io ho un lato oscuro…»

di Paolo Fiorelli

D

opo aver detto
evasivamente a
mia moglie che
dovevo incontrare Lino Banfi, ho
raggiunto Richard Gere in un
lussuoso hotel milanese. Sì,
sono geloso, perché lui ce le
ha tutte. Star di Hollywood.
Benefattore. Maestro di spiritualità. Filosofo. Ginnasta.
Musicista (avete presente il
suo assolo al piano in «Pretty
woman»? L’ha composto lui).
Abile pilota di moto Triumph
che (già che c’è) colleziona…
Ce n’è per sedurre qualunque
donna e far morire d’invidia
qualunque uomo. Eppure
scoprirò che anche lui ha un
lato oscuro (e vi accenna in
questa intervista).
Benché sia appena arrivato
dall’India dopo cinque ore di
macchina e 15 di aereo, si presenta con un volto che irradia
serenità, nella sua leggendaria aureola di capelli bianchi.
Mi accoglie con un sorriso
e subito dice: «Che c’è? Mi
sembri sotto pressione...».
Signor Gere, in «Franny»
interpreta un benefattore

miliardario che nasconde
però un lato oscuro.
«Certo. Non faccio cattivi
o buoni, faccio esseri umani.
Non ho mai interpretato una
persona semplice».
Il suo lato oscuro qual è?
«Tutti abbiamo un lato oscuro. Ma questo non ci definisce
come cattivi. Dobbiamo accettarlo e lavorarci su, per migliorarci. Le faccio un esempio. In India tutti mi amano
ma, partendo da Bangalore,
un facchino non mi ha riconosciuto e mi ha trattato a
male parole. La mia prima
reazione è stata di rabbia, di
orgoglio ferito. Poi ho pensato che anche lui doveva aver
avuto una pessima giornata e
ho dominato la mia rabbia».
Questo è il massimo di
«oscurità» che riesce a
raggiungere?

ANTEPRI

MA

«Sì, nella vita sì!» ride. «Ma
quando recito posso andare
molto oltre».
Il film comincia come un
dramma familiare, ma poi
si trasforma quasi in una
storia di dipendenza da
droghe. Ha fatto ricerche
sul tema?
«Un po’. Del resto è una
cosa in cui mi sono anche
imbattuto, nella vita. Come
tutti, via».
Ci si è imbattuto in che
senso? Per esperienza personale?
«Be’, diciamo che se vivi in
questo mondo, di sicuro conosci persone che hanno avuto problemi con le droghe…
Personalmente io oggi sono
“drogato” dei miei maestri tibetani. E di mio figlio Homer:
vorrei solo la sua felicità».
Il suo corpo, che milioni
COME UN SENZATETTO
Per girare «Gli
invisibili» Gere si è
finto un barbone
nelle vie di New
York. Il film
uscirà nel
2016.

di donne hanno adorato
in «American gigolò» e
«Ufficiale e gentiluomo»,
nel film appare deturpato da diverse cicatrici.
Sacrilegio?
«Ma no. Faceva parte del
personaggio. Vorrei avere
ancora il corpo di “Ufficiale
e gentiluomo”, ma devo ricordarle che ho 66 anni…».
E una fidanzata di 32,
però. Non vorrà negare
di essere il simbolo stesso
del rubacuori. Ho le prove:
il mio vicedirettore è una
donna, ma ha rinunciato
a questa intervista dicendomi: «Non posso andare
io, potrei svenire!».
(Ride) «Oh mamma mia,
allora meglio così. Avrei dovuto soccorrerla e non sono
un bravo medico…».
E poi c’è sempre il ricordo di lei bellissimo
in «Pretty woman», e la
rivista «People» che l’ha
nominata «l’uomo più sexy
del mondo». Come convive
con questa cosa del «sex
symbol»?
«Non ci convivo. Nel senso
che la ignoro. Non ci penso. L’espressione “sex
©Riproduzione riservata

43

IL CINERACCONTO

Franny
HHH

ATTORI Richard Gere, Dakota

Fanning, Theo James,
Clarke Peters
GENERE Drammatico DUR. 90'
REGISTA Andrew Renzi
NELLE SALE dal 23 dicembre

LA SUA
FIAMMA
Richard
Gere con la
fidanzata
Alejandra
Silva (32).

TRAMA Benefattore e miliardario, Franny
è inchiodato dai sensi di colpa per un
incidente in cui ha coinvolto i suoi migliori
amici e la loro figlia. Questo episodio lo
fa anche precipitare nella dipendenza da
farmaci. Quando, dopo anni, la ragazza si
rifà viva per chiedergli di dare una mano al
marito in difficoltà, la sua smania di aiutarli
si trasforma presto in sgradevole invadenza.
UNA STRANA FAMIGLIA
Sopra, i protagonisti di «Franny»: da sinistra, Richard Gere (è Franny), Sembra quasi che Franny voglia comprarsi
Dakota Fanning (21 anni; interpreta Olivia) e Theo James (31; è Luke). la famiglia che non ha mai avuto…

RICHARD GERE
symbol” è stupida. Io mi
sento un essere umano in
mezzo ad altri esseri umani».
Non molti esseri umani
hanno bisogno di guardie
del corpo per tenere a bada le ammiratrici...
«Qualcuna perde un po’ la
testa, è vero. Mi inseguono,
mi tendono piccoli agguati. E
allora? Chi di noi non ha a che
fare con tipi un po’ pazzi?».
Continua a paragonarsi
a una persona qualunque?
«Certo, perché lo sono. Mi
ascolti: la gente ha questa
folle convinzione che la notorietà ti trasformi in qualcosa di diverso. Non è vero. Le
passioni, i desideri, i problemi
sono gli stessi. Le differenze
che abbagliano i media sono
piccole increspature sulla superficie delle nostre vite. Ne
ho avuto conferma girando
“Gli invisibili”, il mio prossimo film. È stato scioccante.
Ero nella “mia” New York, ma
nessuno mi ha riconosciuto,
perché ero vestito da senzatetto. Semplicemente, non mi
44

©Riproduzione riservata

guardavano in faccia. Vede
il potere dell’apparenza?».
Già... E cosa ci faceva nei
giorni scorsi in India?
«Sono andato ad ascoltare i
miei maestri di meditazione».
Cosa la affascina tanto
di quel mondo orientale?
«Dovrebbe vederlo e capirebbe. Ho incontrato centinaia di monaci che vivono
nell’amore per gli altri, cercando di migliorarsi giorno
dopo giorno, di crescere
insieme come comunità.
Noi viviamo in un mondo di
egocentrici, convinti che tutti debbano piegarsi ai nostri
bisogni e desideri personali».
In «Franny», Dakota
Fanning le intima di «crescere». Noi occidentali

dobbiamo ancora crescere, in senso spirituale?
«Dobbiamo crescere, ma
anche restare bambini».
Si può essere religiosi e
odiare? Perché i terroristi
si professano credenti?
«Io credo che solo amando
gli altri possiamo salvarci.
Ce lo insegnano grandi uomini come il Dalai Lama e
papa Francesco. Vorrei che
si incontrassero spesso, per
guidarci sulla via della pace».
Lei è come un «papa laico», ambasciatore del buddismo nel mondo. Prima
medita per cinque ore con
i monaci e poi vola su set
miliardari. Cosa c’entra?
Un film può essere un’esperienza spirituale?

Vorrei che
il mio amico e
maestro, il Dalai
Lama, e papa
Francesco si
incontrassero per
guidarci sulla via
della pace
©Riproduzione riservata

«Perché no? La spiritualità
è ovunque. Anche in questa
nostra intervista. È dentro di
noi. Dobbiamo solo imparare
a tirarla fuori. Come la felicità. Anche per questo medito
ogni giorno da 40 anni».
(E va bene. Tento le ultime frecciate per farlo arrabbiare). Lei ha accettato
tre ruoli rifiutati da John
Travolta. Cos’era, una specie di riserva?
«Ma è stato un caso, i candidati per un film sono sempre
così tanti, cambiano continuamente. Io e John siamo
buoni amici, abbiamo pure
fatto entrambi “Grease”: io a
teatro e lui al cinema».
Non ha mai vinto un
Oscar. Le sembra giusto?
«Oh, grazie per avermelo
ricordato… Mi guardi. Ho
66 anni. Le assicuro che ho
altre cose per la testa. Certo,
se arriva un riconoscimento
è carino. Se no va bene così».
Inutile insistere. Anche con i
suoi lati oscuri, Richard Gere
più che un attore è un santo. Diventerà il protettore di
Hollywood, e se lo merita. n

sc Gir
op a
ri. e
..

Spalancate gli occhi
sulla meraviglia...

©2015 Disney

PER SAPERNE DI PIÙ: www.mondadoriperte.it

“ACADEMY AWARDS®” and “OSCAR®” are registered trademarks and service marks of the Academy of Motion Picture Arts and Sciences.

C
si trasfo

La collezione più completa, mai realizzata prima,
dei Grandi Classici Disney tutti finalmente insieme
in una preziosa edizione a tiratura limitata!
2a uscita: PinoCChio. Rivivi l’avventura che ha fatto divertire
e commuovere intere generazioni, il capolavoro d’animazione
vincitore di 2 premi oscar® per la Miglior Canzone
“When You Wish Upon a Star” e per la
Miglior Colonna Sonora!

2a uscita - 29 dicembre Sorrisi + Dvd Pino

Già in
EDiCoLA!

CChio e9,99 in edicola e in esclusiva con
Opera composta da 52 uscite. Prime 5 uscite SORRISI + DVD €e9.99; uscite successive e9.99 (rivista esclusa).

i sono sogni che
rmano in capolavori...

TRADIZIONI IN TV La sera della vigilia su Italia 1 va in onda

Che razza di Natale
di Francesco Chignola

Q

La commedia con Eddie Murphy
e Dan Aykroyd ha fatto la storia.
Vi raccontiamo i suoi segreti

ual è il più bel film
di Natale di tutti i
tempi? La risposta
in tutto il mondo
sarebbe «La vita è
meravigliosa» di Frank Capra,
ma in Italia abbiamo una tradizione tutta nostra: caschi il
mondo, la sera della vigilia c’è
«Una poltrona per due».
Una bizzarra anomalia (non
è certo un film per famiglie)
che ha imposto la commedia
di John Landis come il più inusuale tra i classici natalizi. Ma
l’ambientazione in fondo è azzeccata, tra una festa aziendale, un party di Capodanno (sul
treno che va da Philadelphia a
New York) e la riapertura dei
mercati azionari a gennaio.

Un «giro» di vite
La trama del film la conoscete
tutti: i due ricchissimi fratelli
Randolph e Mortimer Duke
fanno una scommessa (di un
dollaro!) scambiando le vite
di un loro viziato protetto (Dan

Aykroyd) e di un «accattone»
(Eddie Murphy). Il primo si
ritrova in mezzo alla strada
ed è aiutato da una prostituta
(Jamie Lee Curtis) mentre il secondo ne «eredita» la luminosa
carriera nel mercato azionario.

Bianco e nero
E pensare che il film doveva
essere molto diverso. In origine
si intitolava «Bianco e nero» ed
era stato scritto per un popolare duo del cinema: Gene Wilder
e Richard Pryor. Ma Pryor era
rimasto ferito dandosi fuoco
nel momento più acuto della
sua tossicodipendenza. Così
a Landis venne proposto un
giovane comico della tv, semisconosciuto al grande pubblico. Era Eddie Murphy.

UNA COPPIA
LEGGENDARIA
Da sinistra,
Eddie Murphy
(54 anni)
e Dan Aykroyd
(63). Più a
lato, i due con
Jamie Lee
Curtis (57).

LE CINQUE SCENE MEMORABILI: LA LEZIONE DI FINANZA A

L

e vite di Louis (Aykroyd) e di
Billy Ray (Murphy) prendono
una piega inaspettata quando
vengono scambiate dai fratelli
Duke per il loro «esperimento
scientifico». Ecco le cinque scene
memorabili di questa commedia
irresistibile che non invecchia mai.
48

©Riproduzione riservata

«IO CI VEDO!
E HO LE GAMBE!»
Billy Ray finge di
essere un reduce
del Vietnam
(non vedente
e mutilato) per
fare l’elemosina.
Ma due poliziotti
lo smascherano.

COLAZIONE,

«PER ME SIETE UNA SPECIE DI ALLIBRATORI»
Mortimer (Don Ameche, 1908-1993) e Randolph
(Ralph Bellamy, 1904-1991) cercano di spiegare
a Billy Ray il funzionamento del mercato dei beni
di consumo usando il bacon e il succo d’arancia.

Una poltrona per due. Da anni un appuntamento imperdibile

sarebbe senza di noi?
a caso le musiche di Elmer
Bernstein (nominate all’Oscar)
sono ispirate proprio a quelle
di Mozart. E il film si apre con
la «ouverture» di quell’opera.

Un successo negli Usa
La rivincita di Dan
Più combattuta fu la scelta di Dan Aykroyd. John
Belushi, suo partner in «The
Blues Brothers» (diretto tre anni prima dallo stesso Landis),
era morto da pochi mesi e la
carriera di Dan era data per
finita. Fu il regista a imporre
l’attore alla produzione, così come fece per Jamie Lee
Curtis, che fino ad allora era
considerata un’attrice da film
di serie B.

Il film in Italia è considerato
un classico grazie alla tv, ma in
sala fu visto da circa 300 mila
spettatori e non raggiunse la
Top 10 della stagione. In patria
invece fu un grande successo
e riuscì a conquistare il quarto
posto tra i film del 1983 (l’anno di «Il ritorno dello Jedi»).
Incassò ben 90 milioni di dollari: sono 230 milioni di oggi.

Un Mozart moderno
Nonostante il linguaggio colorito e le situazioni al limite
del demenziale, il film è un’operetta raffinata
con precursori
molto colti,
dai romanzi
di Mark Twain
a «Le nozze di
Figaro». Non

Compra! Vendi! Compra!
La parte finanziaria della
trama può essere difficile da
seguire (Murphy raccontò che
nel finale recitava le sue battute senza capire granché) ma

è molto realistica. Tanto che
dal 2010 entrò in vigore a Wall
Street una norma ispirata al
film: impedisce l’uso di informazioni segrete per monopolizzare il mercato. Si chiama
«la regola di Eddie Murphy».

UNA POLTRONA
PER DUE
ITALIA 1
giovedì 24
ore 21.10

ga di «Star
Wars»). Oz
aveva già
interpretato
il poliziotto
del penitenziario all’inizio del film
«The Blues
Brothers».

Tornano i Duke

Ma che diavolo cantano?

La trama del film
non si conclude con il finale.
In «Il principe cerca moglie»
(diretto da Landis cinque anni

Anche la scena del country
club è di difficile interpretazione. Cosa cantano i quattro
personaggi alle fidanzate?
Si tratta di un motivo popolare della Guerra civile, ma
con un testo modificato e
goliardico in cui i quattro si
vantano delle loro conquiste
amorose ai tempi del college.

Il segreto di Oz
Il film è pieno di cameo, segreti, enigmi per appassionati.
Un esempio? Il poliziotto che
perquisisce Aykryod in prigione è Frank Oz (regista, nonché
voce originale di Yoda nella sa-

dopo) il personaggio di Eddie
Murphy regala una mazzetta di
banconote a due senzatetto.
Ebbene, i due sono Randolph
e Mortimer Duke...
n

IL FURTO DEL SALMONE, LO SCAMBIO DI VALIGETTE SUL TRENO...
IL SALMONE DI
BABBO NATALE
Al culmine della
sua sventura,
Louis si traveste
da Babbo
Natale, ruba
un salmone
e lo divora
in autobus.

«IO SONO INGA, VENGO DA SVEZIA»
Sul treno tra Philadelphia e New York i protagonisti
in incognito cercano di trafugare una valigetta che
contiene i rapporti segreti sui raccolti delle arance.
Ophelia (la Curtis) finge un improbabile accento.

«UN DOLLARO!»
Louis e Billy Ray
si prendono la
loro rivincita,
mandano i Duke
sul lastrico e,
come beffa
finale, mostrano
il valore della
loro scommessa.
49


Documenti correlati


Documento PDF tv sorrisi e canzoni 26 dicembre 2015
Documento PDF tv sorrisi e canzoni n 41 10 16 ottobre 2015
Documento PDF le migliori poesie poesie e canzoni
Documento PDF canzoniere lucio strimpello
Documento PDF del mare e della terra
Documento PDF agenda unigraf 2017


Parole chiave correlate