File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



cammino .pdf


Nome del file originale: cammino.pdf
Autore: Parrocchia San Genesio

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2016, ed è stato inviato su file-pdf.it il 20/02/2016 alle 14:54, dall'indirizzo IP 79.41.x.x. La pagina di download del file è stata vista 524 volte.
Dimensione del file: 592 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Anno XIX - N. 8

SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA

21 febbraio 2016

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

NOTIZIARIO SETTIMANALE DELLA PARROCCHIA DI SAN GENESIO MARTIRE
piazza Chiesa, 7 - 27010 San Genesio ed Uniti (Pavia) - tel. 0382 586051 - fax 0382 580856
parroco don Patrizio Faggio cell. 338 7597170 - don Riccardo cell. 340 7307393 - e-mail sangenesio@parrocchie.diocesi.pavia.it
__________________________________________________ _________________________________________________________________________________________________________________________
fotocopiato in proprio

Pregare cambia il cuore, diventi ciò che ami
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. Mentre pregava, il suo
volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Ed ecco, due uomini conversavano con lui:
erano Mosè ed Elìa, apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme.
Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini
che stavano con lui. Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui.
Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa». Egli non sapeva quello che diceva. Mentre
parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All’entrare nella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì
una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!». (Lc 9,28-36)
Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che
avevano visto.
Dal deserto al Tabor; dalla domenica dell’ombra che ci minaccia, alla domenica della luce che ci abita. Ciò
che è avvenuto in Cristo avverrà in ciascuno, lui è il volto ultimo e alto dell’uomo, icona di Dio dipinta, come le
antiche icone greche, su di un fondo d’oro, che traspare dalle ferite e dai graffi della vita, come da misteriose
feritoie. Il racconto della trasfigurazione è collocato in un contesto duro e difficile: Gesù ha appena consegnato
ai suoi il primo annuncio della passione: il figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato, venire ucciso. E
subito, dentro quel momento di oscurità, il vangelo ci regala il volto di Cristo che gronda luce, su cui tenere fissi
gli occhi per affrontare il momento in cui la vita gronda sangue, per tutti, come per Gesù nell’orto degli ulivi.
Gesù salì su di un alto monte a pregare. I monti sono come indici puntati verso il cielo, verso il mistero di Dio
e la sua salvezza, raccontano che la vita è un ascendere silenzioso e tenace verso più luce, più orizzonti, più
cielo.
Gesù sale per pregare. La preghiera è mettersi in viaggio: destinazione Tabor, un battesimo di luce e di
silenzio; destinazione futuro, un futuro più buono; approdo è il cuore di luce di Dio.
Mentre pregava il suo volto cambiò di aspetto. Pregare trasforma. Pregare cambia il cuore, tu diventi ciò che
contempli, ciò che ascolti, ciò che ami, Colui che preghi: è nel contatto con il Padre che la nostra realtà si
illumina, e appare in tutta la sua lucentezza e profondità.
In qualche momento privilegiato, toccati dalla gioia, dalla dolcezza di Dio, forse ci è capitato di dire, come
Pietro: Signore, che bello! Vorrei che questo momento durasse per sempre. Facciamo qui tre tende? E una voce
interiore diceva: è bello stare su questa terra, gravida di luce. È bello essere uomini, dentro questa umanità che
pian piano si libera, cresce, ascende. È bello vivere.
Le parole di Pietro trasmettono una esperienza precisa: Dio è bello. Invece La nostra predicazione ha ridotto
Dio in miseria, relegato a rovistare nel passato e nel peccato dell’uomo. Ora sta a noi restituirgli il suo volto
solare, testimoniare un Dio bello, desiderabile, interessante. Il Dio del futuro, delle fioriture, un Dio da gustare e
da godere. Come san Francesco quando prega: tu sei bellezza, tu sei bellezza. Come sant’Agostino: tardi ti ho
amato bellezza tanto antica e tanto nuova. Sarà come bere alle sorgenti della luce, agli orli dell’infinito.
Davvero il cristianesimo è proprio la religione della penitenza, della mortificazione, del sacrificio, come molti
pensano? No, il vangelo è la bella notizia che Dio regala vita a chi produce amore.
Ermes Ronchi

LE NEWS
il Cammino - n. 8 – 21.2.2016

Catechesi di iniziazione cristiana
L’incontro dei genitori del primo e del quarto anno è questa
domenica 21 febbraio, alle ore 15. 00. Quello del secondo,
terzo e quinto anno sarà domenica prossima 28 febbraio.
Chiesa pavese e Sinodo per la famiglia
Per il ciclo di incontri dal titolo “La Chiesa Pavese riflette
sul Sinodo per la famiglia” domenica 21 febbraio, alle ore
15, all’istituto Maria Ausiliatrice di Pavia, don Roberto
Secchi, assistente presso la segreteria del Sinodo, parlerà sul
Documento finale del Sinodo.
L’ultimo saluto a Luigi Bordoni
Venerdì scorso è stato celebrato il funerale di Luigi Bordoni,
81 anni, spentosi improvvisamente mercoledì 17 febbraio
nella sua abitazione in via De Gasperi. Hanno partecipato alla
celebrazione anche fra Franco e fra Luca della comunità
religiosa di Canepanova, dove per molti anni Gigi ha dato
tutto se stesso gratuitamente come cuoco della mensa del
povero. Ora nel Regno del Signore riceve la benedizione e la
ricompensa per la sua vita vissuta nella carità.
Ogni venerdì cena a pane e minestra
Nell’ambito del cammino penitenziale della Quaresima
proponiamo di cenare insieme in oratorio ogni venerdì, alle
ore 19.45, rinunciando al pasto completo e limitandoci al
pane e alla minestra che saranno preparati dalle nostre
cuoche. Così con quello che risparmiamo potremo dare
un’offerta libera per le opere caritative. Per la cena occorre
prenotare entro mercoledì rivolgendosi a don Patrizio (anche
con SMS o WhatsApp) o a Fiorella (tel. 0382-586004).
I bambini danno da mangiare ai poveri

Ogni domenica, a turno, i bambini sono invitati a portare
alimenti per la mensa del povero da donare durante
l’offertorio della Messa delle 9.30. Questa domenica 21
febbraio iniziamo con la quinta elementare, la prossima
domenica 28 febbraio toccherà alla quarta elementare.

QUARESIMA 2016

Cena in oratorio
Sabato 5 marzo ci sarà in oratorio alle ore 20.00 una cena per
tutti con questo menu: ravioli al ragù, salamelle o trippa,
patatine, frutta, dolce, bevande. La quota è di 15 euro per
gli adulti e di 10 euro per i ragazzi. L’utile sarà per l’oratorio.
Dare la propria adesione entro giovedì 3 marzo a Fiorella
(tel. 0382-586004) o ad Anna (tel. 0382-586515) o ad
Alessandra (cell. 331-4531916).

INTENZIONI SANTE MESSE
ed altre celebrazioni
(20 - 28 febbraio 2016)

SAB 20 17.30 Adele, Angela, Pierino, Teresa,
Mario Locatelli e Roberto Garlaschi,
Pierino Bellagente
DOM 21 SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA
9.30 pro populo
11.00 - Armando Brizzi
- Antonietta Chiappedi
17.30 Giuseppe e Dorina Guioli, Giuseppina
Piacentini ed Alessandro Amati
LUN 22 Cattedra di San Pietro
8.00 Andrea Piacentini
16.00 Pia Riccardi e Mario Senna
MAR 23

8.00 Maria e Siro Negrini
16.00 Annita Baruffaldi
e Giacomo Bozzolini

MER 24

8.00 Rosa Perelli
16.00 Bambina Perfetti
MISSIO Mario, Iolanda e Giovanni

GIO 25

8.00 Annamaria Capuzzi
e Riccardo Zacchetti
16.00 Elide e Fausto Maierna

VEN 26

8.00 def. fam. Stoppini, Cinquini, Conti
e Gallotti
15.30 Via Crucis
16.00 Tarcisio Inzaghi
21.00 Via Crucis

SAB 27

8.00 Ermanno Cadari e Franca De Paoli
17.30 Angelo Sbarsi e Giuseppina Belloni
MISSIO Guerrino, Vittorio e Paolo Chiesa

Ecco alcune proposte per vivere con autenticità questo
tempo di preghiera, di penitenza e di carità.
Ogni giorno nelle Messe feriali: breve omelia
Ogni venerdì - ore 15.30 e ore 21.00: VIA CRUCIS
ore 19.45 cena a pane e minestra
CARITÀ – Sostenendo le iniziative della Caritas diocesana si
raccolgono offerte, nell’apposita cassetta in fondo alla chiesa,
per la cooperativa “il Convoglio” che lavora per il
reinserimento sociale degli ex detenuti.
Inoltre in chiesa, nell’apposito cesto e all’offertorio della
Messa delle 9.30, raccogliamo generi alimentari non
deperibili per la mensa del povero: olio, sale, zucchero, latte
a lunga conservazione, fagioli e legumi in scatola, frutta
inscatolata, tonno. No: pelati, pasta, riso

DOM 28 SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA
9.30 pro populo
11.00 Carlo Maestri, Nicolò Caruso
e Maria Amalia Zichichi
17.30 Giliano, Lucia, Emilia e Luigi Farina

CONFESSIONI – Mezz’ora prima di ogni Messa prefestiva
e festiva.

L’ORATORIO È APERTO

ASTINENZA dalle carni – Al venerdì per tutti coloro che
hanno compiuto il 14° anno di età.

da lunedì a sabato: ore 16.00-18.30
la domenica:
ore 15.00-18.30


cammino.pdf - pagina 1/2
cammino.pdf - pagina 2/2

Parole chiave correlate