File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Il Sentiero Della Dea.pdf


Anteprima del file PDF il-sentiero-della-dea.pdf

Pagina 1...5 6 789208

Anteprima testo


PREFAZIONE

M

igliaia di anni fa, i sumeri crearono una leggendaria raccolta di invocazioni alla Dea,
riunendo il loro magico corpus di poesie e canzoni in un "Libro delle Ombre". Col
passare dei secoli, il Libro delle Ombre è arrivato a indicare il diario di una strega, una
raccolta di saggezza spirituale, magie, canzoni, rituali e invocazioni. Quello che state leggendo è il
mio Libro delle Ombre, la storia del mio primo incontro con le antiche vie delle Dea. È la storia
vera del viaggio spirituale di una donna dei nostri giorni in un regno che la cultura occidentale ha da
lungo tempo dimenticato. È una cronaca di scoperta, sfida e trasformazione.
Nel corso degli ultimi due decenni, in qualità di Grande Sacerdotessa e di insegnante della
Vecchia Religione, ho scoperto che la parola strega spesso porta la gente a immaginare megere
scarmigliate che gettano incantesimi e sortilegi, giovani donne licenziose che hanno rapporti con il
diavolo, e maghe che evocano demoni soprannaturali. Nel migliore dei casi, le persone penseranno
all'affascinante Veronica Lake di Ho sposato una strega, alla sensuale Kim Novak di Una strega in
paradiso o alle adorabili streghe televisive di Vita da strega e Sabrina che offrono agli spettatori un
pizzico di eccitazione mescolato a esempi di moralità. O forse si ricorderanno, tornando bambini
per un istante, de Il Mago di Oz e di Glinda, la Strega Buona del Nord che svela alla piccola
Dorothy che il potere di raggiungere la felicità e di trovare la strada di casa è sempre stato dentro di
lei. Quest'ultima immagine è la più vicina all'autentico spirito nascosto della stregoneria.
Come accade a molti, c'è stato un periodo in cui pensavo che le streghe esistessero solo nel regno
della fantasia. Non ho mai preso in considerazione l'ipotesi che potessero esistere veramente o che
avessero degli autentici poteri magici, né quando studiavo filosofia alla Brown University né
tantomeno quando cominciai a lavorare come giovane avvocato a Manhattan. Dopotutto, perché
mai una colta professionista come me avrebbe dovuto interessarsi alle streghe, o addirittura decidere
di diventare una di loro?
Poi, vent'anni fa, una serie di misteriose coincidenze mi condusse in un mondo dove trovai le
risposte non solo a queste domande ma anche a domande sepolte al centro della mia anima domande, ho scoperto, che tormentano milioni di persone, poiché le loro risposte sono la speranza
per il futuro dell'umanità all'alba del nuovo millennio. Come possiamo ritrovare le nostre anime
perdute? Come possiamo riscoprire il senso del sacro da cui siamo stati separati per migliaia di
anni? Come possiamo vivere liberi dalla paura e nell'amore e compassione divini? Come possiamo
scoprire e compiere i nostri destini magici? Come possiamo salvare e proteggere questo paradiso
che altro non è che il nostro fragile pianeta?
Non ho trovato le risposte nel regno della fantasia ma in un luogo in cui non ci si aspetterebbe
mai di trovarle: nel mondo segreto delle vere streghe. Contrariamente a quanto mostrano gli
stereotipi delle favole e delle pellicole hollywoodiane, la stregoneria non è una sottocultura fondata
su riti satanici praticati da zitelle pazze e folli demonologi. È una spiritualità antica ed elegante che
celebra la magia della vita - il tipo di magia che abbiamo sempre cercato ma che abbiamo sempre
pensato appartenesse esclusivamente al regno della fantasia.
Wicca, come spesso viene chiamata la stregoneria da coloro che la praticano, rappresenta la
rinascita di una spiritualità pre-ebraica, pre-cristiana e pre-islamica legata alla Dea. La parola strega
deriva dall'antico termine anglosassone wicce, che significa "donna saggia", una veggente, una
sacerdotessa o una sciamana in grado di entrare in contatto con forze divine e invisibili. Le streghe
cantavano canzoni sacre, erano ostetriche e guaritrici, guide e maestre della saggezza spirituale
della Dea. Come i nativi americani, i taoisti, gli aborigeni australiani, le tribù yoruba africane, gli