File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Cinquanta Sfumature Di Grigio E. L. James .pdf



Nome del file originale: Cinquanta Sfumature Di Grigio - E. L. James.pdf
Titolo: Cinquanta sfumature di grigio

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / OpenOffice.org 3.3, ed è stato inviato su file-pdf.it il 03/03/2016 alle 20:03, dall'indirizzo IP 82.52.x.x. La pagina di download del file è stata vista 23874 volte.
Dimensione del file: 1.8 MB (680 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua
studentessa americana di ventun anni incontra
Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si
accorge di essere attratta irresistibilmente da
quest’uomo bellissimo e misterioso. Convinta però che
il loro incontro non avrà mai un futuro, prova in tutti i
modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Grey
non compare improvvisamente nel negozio dove lei
lavora e la invita a uscire con lui. Anastasia capisce di
volere quest’uomo a tutti i costi. Anche lui è incapace
di resisterle e deve ammettere con se stesso di
desiderarla, ma alle sue condizioni.
Travolta dalla passione, presto Anastasia scoprirà che
Grey è un uomo tormentato dai suoi demoni e
consumato dall’ossessivo bisogno di controllo, ma
soprattutto ha gusti erotici decisamente singolari e
predilige pratiche sessuali insospettabili… Nello
scoprire l’animo enigmatico di Grey, Ana conoscerà
per la prima volta i suoi più segreti desideri.
Tensione erotica travolgente, sensazioni forti, ma
anche amore romantico, sono gli ingredienti che E. L.
James ha saputo amalgamare osando scoprire il lato
oscuro della passione, senza porsi alcun tabù.
Il successo senza precedenti della trilogia Cinquanta
sfumature, di cui questo è il primo volume, è iniziato
grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto
nel mondo un vero e proprio cult. Come un ciclone
inarrestabile, la passione proibita di Anastasia e
Christian ha conquistato le lettrici prima attraverso la
diffusione in e-book, poi in edizione tascabile,
ponendosi al primo posto in tutte le classifiche del
mondo.

L’autore
E. L. James, londinese, moglie e madre di due figli,
lavora in televisione. Ha sempre sognato di scrivere
storie di cui i lettori si sarebbero innamorati, ma ha
accantonato fino a oggi questa passione per
concentrarsi sulla famiglia e sulla carriera. Alla fine,
però, ha preso il coraggio a due mani e ha scritto il suo
primo romanzo, Cinquanta sfumature di Grigio, cui
fanno seguito Cinquanta sfumature di Nero e
Cinquanta sfumature di Rosso.

E. L. James
CINQUANTA SFUMATURE DI GRIGIO
Traduzione di Teresa Albanese

MONDADORI

MML 027

Questo libro è un’opera di fantasia. Personaggi e
luoghi citati sono invenzioni dell’autrice e hanno lo
scopo di conferire veridicità alla narrazione. Qualsiasi
analogia con fatti, luoghi e persone, vive o scomparse,
è assolutamente casuale.

Per Niall,
il signore del mio universo

Ringraziamenti
Ho un debito con le seguenti persone, per l’aiuto e il
sostegno che mi hanno dato:
mio marito Niall: grazie perché tolleri la mia
ossessione, perché sei un angelo del focolare e per aver
fatto il primo editing;
il mio capo, Lisa: grazie per avermi sopportato
nell’ultimo anno, mentre io indulgevo in questa follia.
CCL: non lo dirò mai, ma grazie;
le mie amiche nella buona e nella cattiva sorte: grazie
per il vostro affetto e il vostro sostegno costante;
SR: grazie per tutti gli utili consigli che mi hai dato
fin dall’inizio e per avermi fatto strada;
Sue Malone: grazie per avermi rimesso in sesto;
Amanda e a tutti quelli della TWCS: grazie per aver
puntato su di me.

1
Mi guardo allo specchio, arrabbiata e delusa. Al
diavolo i miei capelli, che non vogliono saperne di
stare a posto, e al diavolo Katherine Kavanagh, che si è
ammalata e mi sottopone a questa prova. Dovrei
studiare per gli ultimi esami, che saranno la settimana
prossima, e invece eccomi qui a cercare di domare
questa chioma ribelle. “Non devo più andare a letto
con i capelli bagnati. Non devo più andare a letto con i
capelli bagnati.” Recitando più volte questo mantra
tento, di nuovo, di addomesticarli con la spazzola.
Contemplo esasperata la diafana ragazza castana con
gli occhi azzurri, troppo grandi per il suo viso, che mi
fissa dallo specchio, e depongo le armi. La mia unica
possibilità è legarli in una coda e sperare di avere un
aspetto almeno presentabile.
Kate è la mia coinquilina, e fra tutti i giorni possibili
ha scelto proprio questo per farsi venire l’influenza.
Così, non può fare l’intervista, programmata per il
giornale studentesco, a un pezzo grosso dell’industria
che io non ho mai sentito nominare, e mi sono dovuta
offrire di andarci al posto suo. Ho gli esami da
preparare, una tesina da finire, e nel pomeriggio
dovrei presentarmi al lavoro, ma no… oggi mi tocca
guidare per più di duecento chilometri fino a Seattle
per incontrare il misterioso amministratore delegato
della Grey Enterprises Holdings Inc. Il tempo di
questo eccezionale imprenditore, nonché importante
sponsor della nostra università, è straordinariamente
prezioso – molto più del mio – ma ciò non gli ha
impedito di concedere a Kate un’intervista. Un vero
scoop, mi dice lei. Al diavolo la mia amica e le sue

attività extracurricolari.
Kate è raggomitolata sul divano del soggiorno.
«Ana, mi dispiace. Mi ci sono voluti nove mesi per
ottenere questa intervista. Ce ne vorrebbero altri sei
per spostare l’appuntamento, e a quel punto saremo
entrambe laureate. Come direttore del giornale, non
posso giocarmi questa chance. Ti prego» mi implora
con la voce rauca per il mal di gola. Ma come fa?
Anche da malata è uno schianto, con i capelli ramati in
perfetto ordine e gli occhi verdi splendenti, anche se
adesso sono cerchiati di rosso e lacrimano. Ignoro un
inopportuno moto di compassione.
«Certo che ci andrò, Kate. Ora è meglio che tu torni a
letto. Vuoi un po’ di NyQuil o di Tylenol?»
«NyQuil, grazie. Qui ci sono le domande e il
registratore. Basta che premi questo pulsante. Prendi
appunti, poi trascriverò tutto io.»
«Non so niente di quel tizio» mormoro, cercando
invano di reprimere il panico.
«Basta che segui l’ordine delle domande. Adesso vai.
Il viaggio è lungo. Non vorrei che arrivassi in ritardo.»
«Va bene, vado. Tu torna a letto. Ti ho preparato una
zuppa da scaldare.» Le lancio uno sguardo pieno
d’affetto. “Lo faccio solo perché sei tu, Kate.”
«D’accordo. In bocca al lupo. E grazie, Ana… Come al
solito, mi salvi la vita.»
Mentre prendo lo zainetto, le rivolgo un sorriso
tirato, esco e mi dirigo verso l’auto. Non posso credere
di essermi lasciata convincere a fare questa pazzia.
D’altra parte Kate convincerebbe chiunque a fare
qualsiasi cosa. Diventerà una grande giornalista. È

decisa, persuasiva, polemica, bella… ed è anche la mia
più cara amica.
Le strade sono sgombre quando parto da Vancouver,
nello Stato di Washington, alla volta dell’I-5. È ancora
presto, e devo essere a Seattle non prima delle due del
pomeriggio. Per fortuna, Kate mi ha prestato la sua
macchina sportiva, una Mercedes CLK. Non sono certa
che Wanda, il mio vecchio Maggiolino, mi avrebbe
portato a destinazione in tempo. Con la Mercedes si
fila che è una meraviglia e schiacciando a fondo
l’acceleratore si bruciano i chilometri.
La mia meta è il quartier generale della
multinazionale di Mr Grey. Un enorme palazzo con
uffici di venti piani, tutto vetro e acciaio, la fantasia
funzionale di un architetto; sulle porte a vetri
dell’ingresso, in caratteri molto sobri, la scritta GREY.
Arrivo alle due meno un quarto, alquanto sollevata di
non essere in ritardo, e mi inoltro nell’immenso, e
decisamente imponente, atrio.
Da dietro la massiccia reception una bionda
splendida e tutta in tiro mi sorride amabilmente.
Indossa il più elegante tailleur color antracite, con
camicia bianca, che abbia mai visto. Ha un aspetto
impeccabile.
«Sono qui per vedere Mr Grey. Anastasia Steele per
conto di Katherine Kavanagh.»
«Mi scusi un attimo, Miss Steele.» Inarca un
sopracciglio, mentre aspetto impacciata davanti a lei.
Comincio a rimpiangere di non essermi fatta prestare
una delle giacche eleganti di Kate, invece di
accontentarmi della mia giacca sportiva blu marina.
Facendo uno sforzo, ho indossato la mia unica gonna, i
miei dignitosi stivali marroni al ginocchio e un

maglioncino azzurro. Questo, per me, è il massimo
dell’eleganza. Mi infilo una ciocca ribelle dietro
l’orecchio, fingendo di non essere intimidita da quella
donna.
«Miss Kavanagh era attesa. Per favore, firmi qui,
Miss Steele. Deve prendere l’ultimo ascensore sulla
destra. Ventesimo piano.» Mi sorride gentilmente,
senza dubbio divertita, mentre io firmo.
Mi porge un pass con la scritta OSPITE. Non riesco a
evitare un sorrisetto. Mi pare ovvio che sono solo
un’ospite. Non c’entro niente con questo posto. “È
sempre la stessa storia” mi dico con un sospiro. Dopo
averla ringraziata, mi dirigo verso gli ascensori,
passando accanto ai due addetti alla sicurezza,
entrambi molto più eleganti di me nei loro abiti neri di
sartoria.
L’ascensore mi porta al ventesimo piano a velocità
supersonica. Le porte si aprono e mi ritrovo in un altro
vasto atrio, sempre di vetro, acciaio e arenaria.
Incappo in un’altra reception e in un’altra giovane
bionda, impeccabilmente vestita in bianco e nero, che
si alza per accogliermi.
«Miss Steele, le dispiace aspettare qui, per cortesia?»
Indica un salottino con poltrone bianche di cuoio.
Dietro si apre una enorme sala riunioni dalle pareti
di vetro, con un altrettanto enorme tavolo di legno
scuro e almeno venti sedie abbinate tutt’intorno. Al di
là, c’è una vetrata a tutt’altezza con una vista sullo
skyline di Seattle che arriva fino al Puget Sound. È un
panorama mozzafiato, che per un attimo mi
annichilisce. “Wow.”
Mi siedo, prendo l’elenco delle domande dallo

zainetto e le leggo in fretta, maledicendo Kate per non
avermi fornito qualche breve dato biografico. Non so
niente dell’uomo che sto per intervistare. Potrebbe
avere novant’anni come trenta. L’incertezza è irritante
e il nervosismo riaffiora, facendomi agitare sulla
poltrona. Non ho mai amato le interviste a tu per tu,
preferendo l’anonimato di una discussione di gruppo,
dove posso sedermi in fondo alla stanza e farmi notare
il meno possibile. Anzi, per essere onesta, la cosa che
preferisco in assoluto è rimanere per conto mio a
leggere un romanzo inglese, raggomitolata in una
poltrona nella biblioteca del campus.
Alzo mentalmente gli occhi al cielo. “Calmati, Steele.”
A giudicare dall’edificio, troppo asettico e moderno,
Grey potrebbe essere sulla quarantina: snello,
abbronzato, capelli biondi in tinta con quelli del resto
del personale.
Un’altra elegante e impeccabile bionda esce da una
porta sulla destra. Cos’è questa fissazione per le
bionde perfette? Mi sembra di essere in una soap
opera. Con un respiro profondo, mi alzo in piedi.
«Miss Steele?» chiede l’ultima bionda della serie.
«Sì» gracchio. Mi schiarisco la voce. «Sì.» Ecco, così
suonava più autorevole.
«Mr Grey la riceverà fra un attimo. Posso prendere la
sua giacca?»
«Oh, sì, grazie.» Me la sfilo, un po’ impacciata.
«Le hanno offerto qualcosa da bere?»
«Mmh… no.» Oh, cavolo, la Bionda Numero Uno
adesso è nei guai?
La Bionda Numero Due aggrotta la fronte e guarda di

traverso la ragazza alla reception.
«Gradisce un tè, un caffè, un bicchiere d’acqua?»
chiede, riportando l’attenzione su di me.
«Un bicchiere d’acqua, grazie» mormoro.
«Olivia, per cortesia, porta un bicchiere d’acqua a
Miss Steele.» Ha un tono severo. Olivia balza dalla
sedia e si dirige immediatamente verso una porta
dall’altra parte dell’atrio.
«Le faccio le mie scuse, Miss Steele, Olivia è la nostra
nuova stagista. Mr Grey la riceverà tra cinque minuti.»
Olivia torna con un bicchiere di acqua ghiacciata.
«Ecco a lei, Miss Steele.»
«Grazie.»
La Bionda Numero Due si dirige verso la reception,
con i tacchi che risuonano sul pavimento. Si siede. Lei
e la collega riprendono il loro lavoro.
Forse Mr Grey vuole che tutte le sue dipendenti siano
bionde. Mi sto oziosamente chiedendo se ciò sia legale,
quando la porta dell’ufficio si apre ed emerge un
attraente afroamericano con corti dreadlocks, alto e
ben vestito. Decisamente, ho scelto il look sbagliato.
Si gira e chiede dalla soglia: «Questa settimana si
gioca a golf, Grey?».
Non sento la risposta. L’uomo si volta, mi vede e
sorride, stringendo gli occhi scuri. Olivia è balzata a
chiamare l’ascensore. Sembra eccellere nel salto dalla
sedia. È più nervosa di me!
«Buon pomeriggio, signore» saluta lui, uscendo.
«Mr Grey è pronto a riceverla, Miss Steele. Si

accomodi» dice la Bionda Numero Due. Mi alzo,
cercando di dominare l’agitazione. Prendo lo zainetto,
abbandono il bicchiere d’acqua e mi dirigo verso la
porta socchiusa.
«Non occorre che bussi, può entrare.» Mi sorride con
gentilezza.
Apro la porta e inciampo. Cado lunga distesa in
mezzo all’ufficio.
“Merda… Imbranata che non sono altro!” Mi ritrovo
carponi mentre due mani premurose mi aiutano a
rialzarmi. Sono così imbarazzata, maledetta la mia
goffaggine! Devo farmi forza per alzare lo sguardo.
Porca miseria… è giovanissimo.
«Miss Kavanagh.» Quando sono di nuovo in piedi, lui
mi porge una mano dalle dita affusolate. «Sono
Christian Grey. Va tutto bene? Vuole sedersi?»
Giovanissimo… e bello, bello da morire. È alto,
indossa un elegante completo grigio, una camicia
bianca, una cravatta nera, ha una ribelle chioma
biondo rame scuro e intensi, luminosi occhi grigi che
mi scrutano con attenzione. Ci metto qualche istante a
trovare la voce.
«Mmh. In realtà…» mormoro. Se questo tipo ha più
di trent’anni, io sono la regina Elisabetta. Stordita,
avvicino la mia mano alla sua e gliela stringo. Quando
le nostre dita si toccano, sento una strana, inebriante
scossa. Ritiro subito la mano, imbarazzata. Dev’essere
l’elettricità statica. Sbatto in fretta le palpebre, a ritmo
con il battito del mio cuore.
«Miss Kavanagh è indisposta, quindi ha mandato me.
Spero che non le dispiaccia, Mr Grey.»

«E lei è…?» Il tono è affabile, forse divertito, ma è
difficile dirlo dalla sua espressione impassibile.
Sembra blandamente interessato, ma soprattutto
educato.
«Anastasia Steele. Studio letteratura inglese con
Kate, cioè… Katherine… cioè… Miss Kavanagh, alla
Washington State University di Vancouver.»
«Capisco» dice lui semplicemente. Mi pare di
scorgere sul suo volto l’ombra di un sorriso, ma non ci
giurerei.
«Vuole accomodarsi?» Indica un divano a L di pelle
bianca.
Il suo ufficio è troppo grande per un uomo solo.
Davanti alla vetrata c’è un’enorme scrivania moderna
di legno scuro intorno alla quale potrebbero trovare
comodamente posto sei persone. È dello stesso colore
del tavolino accanto al divano. Tutto il resto è bianco:
soffitto, pavimento e pareti, a parte il muro intorno
alla porta su cui è appeso un mosaico di piccoli quadri
disposti a forma di quadrato. Sono davvero deliziosi:
una serie di oggetti di uso quotidiano dimenticati,
dipinti con tale precisione da sembrare fotografie.
Esposti tutti insieme fanno un certo effetto.
«Un artista locale. Trouton» dice Grey, intercettando
il mio sguardo.
«Sono belli. Elevano l’ordinario a straordinario»
mormoro, distratta sia da lui sia dai quadri. Lui piega
la testa di lato e mi guarda con interesse.
«Non potrei essere più d’accordo, Miss Steele» dice
con voce vellutata, e per qualche inspiegabile motivo
mi fa arrossire.

A parte i quadri, il resto dell’ufficio è freddo e
asettico. Mi chiedo se rifletta la personalità dell’Adone
che si lascia elegantemente cadere su una delle
poltrone davanti a me. Scuoto la testa, turbata dalla
direzione che stanno prendendo i miei pensieri, e
recupero dallo zainetto le domande di Kate. Poi afferro
il registratore e, maneggiandolo in modo maldestro, lo
faccio cadere due volte sul tavolino. Mr Grey non dice
nulla e aspetta con pazienza – almeno, spero – mentre
io sono sempre più imbarazzata e confusa. Quando
recupero il coraggio per guardarlo, lui mi sta fissando,
con una mano che sostiene il mento, sfiorando le
labbra con il lungo dito indice. Penso che stia cercando
di reprimere un sorriso.
«M-mi scusi» farfuglio. «Non sono abituata a usare
questo arnese.»
«Si prenda tutto il tempo che le occorre, Miss Steele»
dice.
«Le dispiace se registro le sue risposte?»
«Me lo chiede adesso, dopo aver tanto faticato per far
funzionare il registratore?»
Arrossisco. Mi prende in giro? Lo spero. Lo guardo
sbattendo le palpebre, senza sapere che cosa dire, e mi
pare che lui sia mosso a pietà perché si addolcisce.
«No, non mi dispiace.»
«Kate, voglio dire, Miss Kavanagh, le aveva spiegato
a cosa è destinata questa intervista?»
«Sì. Apparirà sul prossimo numero del giornale
studentesco, dato che alla cerimonia di quest’anno
sarò io a consegnare i diplomi di laurea.»
Ah! Questa è nuova, e per un attimo mi disturba il

pensiero che il diploma mi sia consegnato da una
persona non molto più vecchia di me… D’accordo,
forse avrà un sei anni di più, e d’accordo, ha un
successo travolgente, ma comunque… Aggrotto la
fronte, tentando di riportare la mia attenzione
indisciplinata sul compito che mi aspetta.
«Bene.» Deglutisco nervosamente. «Avrei alcune
domande da farle, Mr Grey.»
«Lo avevo intuito» dice, senza battere ciglio. Mi sta
prendendo in giro. L’idea mi fa avvampare, dunque
raddrizzo la schiena e le spalle nello sforzo di sembrare
più alta e autorevole. Premo il pulsante del
registratore.
«Lei è molto giovane per aver creato un simile
impero. A che cosa deve il suo successo?» Lo guardo:
ha un sorriso tranquillo, ma sembra vagamente
seccato.
«Il mondo degli affari ruota intorno alle persone,
Miss Steele, e io sono molto bravo a giudicarle. So
come agiscono, che cosa le fa crescere e che cosa no,
che cosa le stimola e come incentivarle. Mi avvalgo di
una squadra eccezionale, che ricompenso bene.» Fa
una pausa e mi fissa con i suoi occhi grigi. «Sono
convinto che, per raggiungere il successo in qualsiasi
settore, si debba diventare padroni di quel settore,
conoscerlo da ogni punto di vista, nei minimi dettagli.
Io lavoro sodo, molto sodo, per riuscirci. Prendo
decisioni basate sulla logica e sui fatti. Ho un istinto
naturale che mi porta a individuare e a far crescere
un’idea buona e solida con gente valida. La morale è
che è sempre una questione di gente valida.»
«Forse ha solo avuto fortuna.» La battuta non è sulla
lista di Kate, ma il personaggio è troppo arrogante. Lui

sbarra gli occhi, sorpreso.
«Non mi sottometto alla fortuna o al caso, Miss
Steele. Più mi impegno nel lavoro più sembro
fortunato. È questione di avere le persone giuste nella
propria squadra e di saperne guidare le energie al
meglio. Mi pare che sia stato Harvey Firestone a dire:
“La crescita e lo sviluppo delle persone è la vocazione
più nobile della leadership”.»
«Lei sembra un maniaco del controllo.» Le parole mi
escono di bocca prima che riesca a fermarle.
«Oh, io esercito il controllo su tutto, Miss Steele»
dice, senza traccia di ironia. Lo guardo negli occhi, e
lui regge il mio sguardo, impassibile. Il mio cuore
accelera i battiti, e io arrossisco di nuovo.
Perché quest’uomo ha un effetto così inquietante su
di me? Sarà la sua bellezza travolgente? Il modo in cui
mi fulmina con gli occhi? Il modo in cui si accarezza il
labbro inferiore con il dito? Quanto vorrei che
smettesse di farlo.
«Inoltre, se nelle proprie fantasie segrete ci si
convince di essere nati per dominare, si acquista un
potere immenso» continua, con la voce vellutata.
«Lei pensa di avere un potere immenso?» “Maniaco
del controllo.”
«Ho più di quarantamila persone alle mie
dipendenze, Miss Steele. Questo mi dà un certo senso
di responsabilità… di potere, se preferisce. Se io
dovessi decidere che il settore delle telecomunicazioni
non mi interessa più e che voglio vendere, ventimila
persone faticherebbero a pagare il mutuo dopo un
mese o poco più.»

Lo guardo a bocca aperta. Sono sconcertata dalla sua
mancanza di umiltà.
«Non ha un consiglio di amministrazione a cui
rispondere?» chiedo, disgustata.
«La società è di mia proprietà. Non devo rispondere a
nessun consiglio.» Alza un sopracciglio. Naturalmente
avrei dovuto saperlo, se solo avessi fatto qualche
ricerca. Ma, accidenti, è così arrogante! Cambio
strategia.
«E ha qualche interesse, al di fuori del lavoro?»
«Ho interessi molto vari, Miss Steele.» L’ombra di un
sorriso gli sfiora le labbra. «Molto vari.» Per qualche
ragione, il suo sguardo penetrante mi confonde. Nei
suoi occhi luccica un pensiero perverso.
«Che cosa fa per rilassarsi?»
«Rilassarmi?» Sorride, rivelando denti bianchissimi.
Rimango senza fiato. È davvero bellissimo. Nessuno
dovrebbe essere così attraente.
«Be’, per “rilassarmi”, come dice lei, vado in barca,
volo, pratico diversi sport.» Si muove sulla poltrona.
«Sono molto ricco, Miss Steele, e ho passatempi
costosi e impegnativi.»
Lancio una rapida occhiata alle domande di Kate,
ansiosa di cambiare argomento.
«Lei investe nell’attività industriale. Perché,
esattamente?» chiedo. Come mai quest’uomo mi mette
così a disagio?
«Mi piacciono le cose. Mi piace sapere come
funzionano: quali sono i loro ingranaggi, come
costruirle e smontarle. E ho una passione per le navi.

Cosa posso dire?»
«Sembra che sia il suo cuore a parlare, più che la
logica e i fatti.»
Lui storce la bocca e mi soppesa con lo sguardo.
«È possibile. Anche se certe persone direbbero che io
non ho un cuore.»
«Perché direbbero una cosa del genere?»
«Perché mi conoscono bene.» Piega le labbra in un
sorriso sarcastico.
«I suoi amici direbbero che è facile conoscerla?»
Rimpiango subito di aver fatto quella domanda. Non è
nella lista di Kate.
«Sono una persona molto riservata, Miss Steele.
Faccio di tutto per proteggere la mia privacy. Non
rilascio molte interviste…»
«Perché ha accettato di rilasciare questa?»
«Perché sono uno dei finanziatori dell’università, e a
dispetto dei miei sforzi non sono riuscito a togliermi di
torno Miss Kavanagh. Ha tormentato i miei addetti
alle pubbliche relazioni fino all’esaurimento, e io
ammiro questo genere di tenacia.»
So bene quanto possa essere tenace Kate. Non per
nulla, mi trovo seduta qui, quando invece dovrei
studiare per gli esami.
«Lei investe anche in tecnologie agricole. Perché le
interessa questo settore?»
«I soldi non si mangiano, Miss Steele, e troppe
persone su questo pianeta non hanno abbastanza da
mangiare.»

«Sembra molto filantropico. È una cosa che la
appassiona… sfamare i poveri del mondo?»
Si stringe nelle spalle, con fare evasivo.
«È solo senso per gli affari» mormora, anche se mi
sembra poco sincero. Non ha senso… Sfamare i
poveri? Non riesco a vederne i vantaggi finanziari, ma
solo la virtù di un ideale. Sbircio la domanda seguente.
«Lei ha una filosofia? Se sì, quale?»
«Non ho una filosofia vera e propria. Forse un
principio guida, quello di Carnegie: “Un uomo che
acquisisce la capacità di prendere pieno possesso della
propria mente è in grado di prendere possesso di
qualsiasi altra cosa a cui abbia diritto”. Sono un tipo
molto particolare, motivato. Mi piace avere il
controllo, di me stesso e di quelli che mi circondano.»
«Quindi vuole possedere le cose?» “Sei un maniaco
del controllo.”
«Voglio meritarne il possesso, ma sì, alla fine, voglio
possederle.»
«Lei sembra il consumatore ideale.»
«Lo sono.» Sorride, ma il suo sorriso non coinvolge
gli occhi. Di nuovo, ciò è in contrasto con una persona
che vuole sfamare il mondo, per cui non posso fare a
meno di pensare che stiamo parlando di qualcos’altro,
ma non saprei proprio dire di cosa. Deglutisco. La
temperatura nella stanza sta aumentando, o forse
dipende da me. Voglio solo che questa intervista si
concluda. Ormai Kate avrà abbastanza materiale, no?
Guardo la domanda successiva.
«Lei è stato adottato. In quale misura ritiene che ciò
abbia influenzato il suo modo di essere?» Ah, questa sì

che è una domanda personale. Lo guardo, sperando
che non si sia offeso. Lui aggrotta la fronte.
«Non ho modo di saperlo.»
La mia curiosità si è risvegliata. «Quanti anni aveva
quando è stato adottato?»
«È un’informazione di pubblico dominio, Miss
Steele.» Il suo tono è severo. “Merda.” Già, certo, se
avessi saputo di dover fare questa intervista, mi sarei
preparata. Confusa, mi affretto a passare oltre.
«Ha dovuto sacrificare la vita familiare al lavoro.»
«Questa non è una domanda» taglia corto lui.
«Mi scusi.» Sono agitata. Lui mi fa sentire come una
bambina colta in fallo. Ci riprovo. «Ha dovuto
sacrificare la vita familiare al lavoro?»
«Io ho già una famiglia. Un fratello, una sorella e due
genitori amorevoli. Non mi interessa allargarla
ulteriormente.»
«Lei è omosessuale, Mr Grey?»
Lui fa un sospiro irritato, e io chino il capo,
mortificata. “Accidenti.” Perché non ho usato una
sorta di filtro prima di sparare questa domanda? Come
faccio a dirgli che mi sono limitata a leggerla? Al
diavolo Kate e la sua curiosità!
«No, Anastasia, non lo sono.» Alza un sopracciglio,
con un lampo gelido negli occhi. Non sembra
contento.
«Le chiedo scusa. È… ecco… è scritto qui.» È la prima
volta che pronuncia il mio nome. Il cuore mi martella
nel petto, e le guance mi bruciano. Mi infilo
nervosamente alcune ciocche sciolte dietro l’orecchio.

Lui piega la testa di lato.
«Queste domande non sono sue?»
Impallidisco.
«Ehm… no. È stata Kate, Miss Kavanagh, a
prepararle.»
«Siete colleghe al giornale studentesco?» “Oh, no.” Io
non ho niente a che fare con il giornale studentesco. È
l’attività extracurricolare di Kate, non la mia. Ho di
nuovo il volto in fiamme.
«No, lei è la mia coinquilina.»
Lui si gratta il mento, riflettendo senza fretta, mentre
i suoi occhi grigi mi valutano.
«Si è offerta lei di farmi questa intervista?» chiede,
con una calma glaciale.
Un attimo, chi è che fa le domande qui? Il suo
sguardo mi inchioda, spietato: mi sento costretta a
dire la verità.
«Sono stata reclutata all’ultimo. Kate non sta bene.»
La mia voce trema.
«Questo spiega molte cose.»
Qualcuno bussa alla porta, ed entra la Bionda
Numero Due.
«Mr Grey, mi scusi se la interrompo, ma il suo
prossimo appuntamento è fra due minuti.»
«Non abbiamo ancora finito, Andrea. Per favore,
annulla il prossimo appuntamento.»
Andrea esita, guardandolo a bocca aperta. Sembra
disorientata. Lui gira piano la testa verso di lei e la fa
arrossire. “E così non sono l’unica!”

«Certo, Mr Grey» farfuglia, poi esce. Lui aggrotta la
fronte, e riporta l’attenzione su di me.
«Dove eravamo, Miss Steele?»
“Ah, adesso siamo tornati al ‘Miss Steele’.”
«La prego, non voglio distoglierla dai suoi impegni.»
«Voglio sapere qualcosa di lei. Mi sembra doveroso.»
I suoi occhi brillano di curiosità. “Dove vuole
arrivare?” Appoggia i gomiti sui braccioli della
poltrona e unisce le dita di fronte alla bocca. La sua
bocca è… una grande distrazione. Deglutisco.
«Non c’è molto da sapere.»
«Che progetti ha dopo la laurea?»
Mi stringo nelle spalle, sconcertata dal suo
interessamento. “Venire a Seattle con Kate, trovare un
lavoro.” Non sono ancora riuscita a pensare oltre gli
esami.
«Non ho fatto progetti, Mr Grey. Per il momento, mi
basta superare gli esami.» Per cui in questo preciso
momento dovrei studiare, invece di starmene seduta
nel tuo ufficio sontuoso, elegante e asettico,
sentendomi a disagio sotto il tuo sguardo penetrante.
«Nella mia azienda abbiamo un ottimo programma
di stage» spiega con calma. Sono turbata, interdetta.
Mi sta offrendo un lavoro?
«Me lo ricorderò» mormoro, confusa. «Anche se non
sono certa di essere adatta a questo posto.» Oh, no.
Sto di nuovo pensando ad alta voce.
«Perché dice così?» Piega la testa di lato, incuriosito,
l’ombra di un sorriso sulle labbra.
«È ovvio, no?» “Sono scoordinata, malvestita, e non

sono bionda.”
«Non per me.» Il suo sguardo è intenso, senza più
traccia di umorismo, e io sento il ventre contrarsi
all’improvviso. Distolgo gli occhi dal suo esame
minuzioso e li abbasso sulle mie dita intrecciate. “Che
cosa sta succedendo?” Devo andarmene. Adesso. Mi
chino per prendere il registratore.
«Vuole che le faccia fare un giro dell’azienda?»
chiede.
«Sono certa che lei è molto impegnato, Mr Grey, e io
devo fare un lungo viaggio.»
«Deve tornare a Vancouver?» Sembra sorpreso,
addirittura in ansia. Lancia un’occhiata fuori dalla
finestra. Ha cominciato a piovere. «Be’, è meglio che
guidi con prudenza» mi intima, con tono severo e
autorevole. E a lui cosa importa? «Ha ottenuto quello
che le serviva?» aggiunge.
«Sì, signore» rispondo, infilando il registratore nello
zainetto. Mi guarda perplesso, stringendo gli occhi.
«Grazie per l’intervista, Mr Grey.»
«È stato un piacere» dice lui, educato come al solito.
Mentre mi alzo, mi tende la mano.
«Alla prossima, Miss Steele.» Non sono sicura se
suoni come una sfida, o una minaccia. Aggrotto la
fronte. Quando mai ci incontreremo di nuovo? Gli
stringo la mano, stupefatta di sentire ancora quella
strana scossa. Devono essere i miei nervi.
«Mr Grey.» Gli faccio un cenno di saluto. Con grazia
atletica lui va alla porta e la spalanca.
«Solo per assicurarmi che la oltrepassi indenne, Miss

Steele.» Mi fa un piccolo sorriso. Naturalmente, allude
al mio ingresso non proprio trionfale. Arrossisco.
«È molto premuroso da parte sua, Mr Grey!»
esclamo, e il suo sorriso si allarga. “Mi fa piacere che
tu mi trovi buffa” lo fulmino dentro di me, tornando
nell’atrio. Sono sorpresa di vedere che mi segue.
Andrea e Olivia alzano entrambe gli occhi, ugualmente
sorprese.
«Ha un soprabito?» chiede Grey.
«Una giacca.»
Olivia balza in piedi e va a recuperarla. Grey gliela
strappa di mano prima che possa consegnarmela. La
tiene sollevata davanti a me e io me la infilo,
vergognandomi da morire. Lui mi posa un istante le
mani sulle spalle, facendomi sussultare. Se nota la mia
reazione, non lo dà a vedere. Chiama l’ascensore e
restiamo entrambi in attesa: io sulle spine, lui freddo e
controllato. Le porte dell’ascensore si aprono e io
sfreccio dentro, ansiosa di scappare. “Ho davvero
bisogno di andarmene da qui.” Quando mi giro verso
di lui, mi sta osservando, appoggiato alla parete con
una mano. È davvero molto, molto bello. La cosa mi
inquieta.
«Anastasia» dice, a mo’ di saluto.
«Christian» replico. E, per fortuna, le porte si
chiudono.

2
Il cuore mi batte all’impazzata. L’ascensore arriva al
pianoterra e io mi precipito fuori appena le porte si
aprono,
inciampando
nei
miei
piedi,
ma
fortunatamente senza cadere lunga distesa sul
pavimento immacolato. Corro verso le grandi porte a
vetri e mi ritrovo libera nella rinfrancante aria umida
di Seattle. Alzando il viso, accolgo la pioggia fresca.
Chiudo gli occhi e faccio un respiro profondo e
liberatorio, cercando di recuperare quel che resta del
mio equilibrio mentale.
Nessun uomo mi ha mai fatto l’effetto di Christian
Grey, e non riesco a comprenderne il motivo. È il suo
aspetto? La sua educazione? La sua ricchezza? Il suo
potere? Non mi spiego la mia reazione irrazionale. Mi
lascio scappare un sospiro di sollievo. Accidenti, che
cos’è successo là dentro? Appoggiandomi a uno dei
pilastri d’acciaio dell’edificio, mi sforzo di calmarmi e
di raccogliere le idee. Scuoto la testa. Che cos’è stato?
Il mio cuore riprende il suo ritmo regolare e, quando
riesco a respirare normalmente, mi avvio verso la
macchina.
Mentre mi lascio alle spalle i confini della città, inizio
a sentirmi stupida e imbarazzata nel ripensare
all’intervista. Sicuramente sto reagendo in modo
eccessivo a qualcosa che esiste solo nella mia
immaginazione. Certo, Grey è un uomo molto
attraente, sicuro di sé, autorevole, a suo agio con se
stesso, ma l’altra faccia della medaglia è che è
arrogante e, nonostante le maniere impeccabili,
prepotente e freddo. Almeno in superficie. Un brivido
involontario mi percorre la schiena. Sarà anche

arrogante, ma ha il diritto di esserlo: è così giovane e
ha raggiunto così tanti risultati. È intransigente, ma in
fondo perché non dovrebbe esserlo? Ancora una volta,
mi irrita il fatto che Kate non mi abbia fornito qualche
breve dato biografico su di lui.
Mentre guido verso l’I-5, la mia mente continua a
vagare. Davvero non capisco cosa renda una persona
tanto determinata nel ricercare il successo. Alcune
delle sue risposte erano così criptiche, come se
avessero un doppio senso. E le domande di Kate…
accidenti! L’adozione, e chiedergli se era gay!
Rabbrividisco. Non posso credere di averglielo
domandato davvero. “Voglio sprofondare!” Maledetta
Katherine Kavanagh!
Controllo il tachimetro. Sto andando più piano di
quanto farei in qualsiasi altra occasione. E so che è il
ricordo di quei penetranti occhi grigi che mi fissano e
di quella voce severa che mi intima di guidare con
prudenza. Scuotendo la testa, mi rendo conto che Grey
è più simile a un uomo con il doppio dei suoi anni.
“Dimenticatene, Ana” mi dico. Decido che, tutto
sommato, è stata un’esperienza molto interessante, ma
che non dovrei rimuginarci troppo. “Lasciatela alle
spalle.” Non dovrò rivederlo mai più. Questo pensiero
mi tranquillizza all’istante. Accendo lo stereo e alzo il
volume al massimo, mi appoggio allo schienale e
ascolto la martellante musica rock mentre premo
sull’acceleratore. Appena raggiungo l’I-5, mi rendo
conto che posso guidare alla velocità che voglio.
Kate e io viviamo in un piccolo complesso di villette a
schiera vicino al campus universitario. Ho avuto
fortuna: i genitori di Kate hanno comprato la casa per
lei e io le pago un affitto ridicolo. Abito lì da quattro

anni. Quando accosto davanti alla porta, so che la mia
amica vorrà un resoconto dettagliato, e non si
arrenderà facilmente. Be’, se non altro c’è il
registratore. Spero di non doverle spiegare molto più
di quello che è stato detto durante l’intervista.
«Ana! Sei tornata.» Kate è seduta in soggiorno,
circondata dai libri. A quanto pare, sta studiando per
gli esami, anche se indossa ancora il suo pigiama di
flanella rosa con i coniglietti, quello che riserva ai
postumi della rottura con un fidanzato, a malattie
varie e, in generale, ai momenti di depressione. Mi
corre incontro e mi abbraccia forte.
«Iniziavo a preoccuparmi. Pensavo che tornassi
prima.»
«Oh, credevo di aver fatto presto, considerando che
l’intervista si è prolungata.» Le do il registratore.
«Ana, non so come ringraziarti. Sono in debito con
te, lo so. Com’è andata? Com’è lui?» Oh, no, ecco che
parte il famoso terzo grado di Katherine Kavanagh.
Non so come rispondere. Cosa posso dirle?
«Sono felice che sia finita e di non doverlo rivedere
mai più. È un tipo che mette una certa soggezione.» Mi
stringo nelle spalle. «È risoluto, intenso e… giovane.
Molto giovane.»
Kate mi rivolge uno sguardo innocente. Io aggrotto la
fronte.
«Non fare finta di niente. Perché non mi hai dato una
sua biografia? Mi sono sentita una tale idiota per non
aver fatto un minimo di ricerche!»
Kate si porta una mano alla bocca. «Oddio, Ana,
scusami… Non ci ho pensato.»

Sbuffo stizzita.
«È stato educato, formale, un po’ ingessato… come se
fosse più vecchio di quello che è. Non gli piace parlare
come un ventenne. A proposito, quanti anni ha?»
«Ventisette. Davvero, Ana, mi dispiace tanto. Avrei
dovuto spiegarti qualcosa, ma ero in preda al panico.
Dammi il registratore, così inizio subito a trascrivere
l’intervista.»
«Hai un aspetto migliore adesso. Hai mangiato la
zuppa?» le chiedo, ansiosa di cambiare argomento.
«Sì, ed era deliziosa come sempre. Mi sento molto
meglio.» Mi sorride con riconoscenza. Io controllo
l’orologio.
«Devo correre. Forse riesco ancora a fare il mio turno
da Clayton.»
«Ana, sarai esausta.»
«Sto benissimo. Ci vediamo più tardi.»
Lavoro da Clayton da quando ho iniziato l’università.
È il più grande negozio di ferramenta nella zona di
Portland, e nei quattro anni che ho passato lì dentro
ho imparato a conoscere un po’ tutti i prodotti che
vende, anche se, per ironia della sorte, sono un
disastro nel bricolage. È una cosa che lascio volentieri
a mio padre.
Sono contenta di essere al lavoro perché mi consente
di pensare a qualcosa che non sia Christian Grey. Il
negozio è affollato: siamo all’inizio della stagione
estiva e la gente si mette a ristrutturare casa. Mrs
Clayton è felice di vedermi.
«Ana! Pensavo che oggi non ce l’avresti fatta.»

«Il mio appuntamento è durato meno del previsto.
Posso fare un paio d’ore.»
«Sono davvero contenta che tu sia qui.»
Mi manda nel magazzino per cominciare a rifornire
gli scaffali, e presto mi ritrovo assorbita dal mio
compito.
Più tardi, quando rincaso, vedo Katherine che
indossa le cuffie e sta lavorando al computer. Ha il
naso ancora arrossato, ma sta scrivendo un pezzo, per
cui è concentrata e batte sui tasti come una furia. Io
sono
distrutta:
sfinita
dal
lungo
viaggio,
dall’estenuante intervista e dalla sfacchinata da
Clayton. Mi accascio sul divano, a pensare alla tesina
che devo finire e a tutto quello che non ho studiato
oggi perché ero bloccata con… lui.
«C’è materiale interessante qui, Ana. Ottimo lavoro.
Non riesco a credere che tu non abbia accettato la sua
offerta di farti fare un giro per l’azienda. Chiaramente
aveva voglia di passare altro tempo con te.» Mi lancia
un’occhiata maliziosa.
Il mio battito cardiaco accelera inspiegabilmente.
Non era quello il motivo, sicuramente. Voleva
accompagnarmi a fare un giro solo per mostrarmi che
aveva il controllo di ogni cosa. Mi accorgo che mi sto
mordendo il labbro e spero che Kate non lo noti. Ma
lei sembra immersa nella sua trascrizione.
«Capisco cosa intendevi con “formale”. Hai preso
qualche appunto?» chiede.
«Mmh… no.»
«Non importa. Posso fare un buon articolo con
questo materiale. Peccato che non abbiamo qualche

foto originale, però. È belloccio, l’amico, no?»
Arrossisco.
«Direi di sì.» Mi sforzo di suonare disinteressata, e
mi sembra di esserci riuscita.
«Oh, andiamo, Ana… nemmeno tu puoi essere
indifferente a un tipo del genere.»
“Merda!” Provo a distrarla con l’adulazione, una
strategia che funziona sempre.
«Probabilmente tu ne avresti ricavato molto di più.»
«Ne dubito, Ana. Andiamo… ti ha praticamente
offerto un lavoro. Considerato che ti ho rifilato questa
patata bollente all’ultimo minuto, sei andata
benissimo.» Mi guarda con aria interrogativa. Me la
squaglio in cucina.
«Dunque, che cosa pensi davvero di lui?» Accidenti,
che curiosa! Perché non possiamo passare oltre? “Fatti
venire in mente qualcosa… subito.”
«È molto motivato, arrogante, uno che vuole
controllare tutto… fa paura, ma è molto carismatico.
Posso capire il suo fascino» aggiungo con sincerità,
sperando che ciò la zittisca una volta per tutte.
«Tu, affascinata da un uomo? Questa è nuova»
sbuffa.
Comincio a cercare gli ingredienti per un panino, in
modo che lei non possa vedermi in faccia.
«Perché volevi sapere se era gay? A proposito, quella
è stata la domanda più imbarazzante. Io ero
mortificata, e lui era piuttosto seccato.»
«Quando appare su una rivista, non è mai
accompagnato.»

«È stato imbarazzante. Tutto l’incontro è stato
imbarazzante. Sono felice di non doverlo rivedere mai
più.»
«Oh, Ana, non può essere stato così tremendo. A me
sembra abbastanza preso da te.»
“Preso da me?” Ora Kate sta diventando ridicola.
«Vuoi un panino?»
«Sì, grazie.»
Quella sera, con mio sollievo, non parliamo più di
Christian Grey. Dopo mangiato, mi siedo al tavolo da
pranzo insieme a Kate e, mentre lei lavora al suo
articolo, mi dedico alla mia tesina su Tess dei
d’Urberville. Accidenti, quella donna era nel posto
sbagliato al momento sbagliato nel secolo sbagliato.
Quando finisco, è mezzanotte, e Kate è già andata a
letto da un po’. Vado in camera mia, stanca ma felice
di aver combinato tanto per un lunedì.
Mi rannicchio nel mio letto di ferro bianco,
avvolgendomi nella coperta di mia madre, chiudo gli
occhi e mi addormento all’istante. Quella notte sogno
posti oscuri, squallidi, freddi pavimenti bianchi e occhi
grigi.
Per il resto della settimana mi concentro nello studio
e nel lavoro da Clayton. Anche Kate è indaffarata con
l’ultimo numero del giornale studentesco prima di
passare le consegne al nuovo direttore, e intanto
prepara come me gli esami. Mercoledì si sente molto
meglio, e io non devo più sopportare la vista del suo
pigiama di flanella rosa con i coniglietti. Chiamo mia
madre in Georgia per sapere come sta e per farmi
augurare buona fortuna per gli esami. Mi racconta
della sua recente iniziativa imprenditoriale, la

fabbricazione di candele: mia madre non fa che
lanciarsi in nuove attività commerciali. In realtà, si
annoia e vuole fare qualcosa per occupare il tempo, ma
ha una capacità di concentrazione molto ridotta. La
prossima settimana si cimenterà in qualcos’altro. Mi fa
preoccupare. Spero che non abbia ipotecato la casa per
finanziare questo progetto. E spero che Bob – il suo
relativamente nuovo, ma ben più anziano, marito – la
tenga d’occhio adesso che io non sono lì. Sembra
molto più con i piedi per terra del Marito Numero Tre.
«Come ti vanno le cose, Ana?»
Esito per un istante, il che fa drizzare le antenne a
mia madre.
«Bene.»
«Ana? Hai conosciuto qualcuno?» “Dio santo… ma
come fa?” L’eccitazione nella sua voce è palpabile.
«No, mamma. Saresti la prima a saperlo.»
«Ana, tesoro, dovresti uscire di più, davvero. Mi fai
stare in pensiero.»
«Mamma, sto bene. E Bob come sta?» Come sempre,
la migliore politica è la digressione.
Più tardi chiamo Ray, il mio patrigno, il Marito
Numero Due di mia madre, l’uomo che considero mio
padre e di cui porto il cognome. È una conversazione
breve. Anzi, non è tanto una conversazione quanto una
serie di grugniti in risposta alle mie moine. Ray non è
un gran chiacchierone. Ma è vivo, guarda ancora il
calcio alla tivù, e quando non è impegnato in quello,
gioca a bowling, pesca con la mosca o costruisce
mobili. È un abile falegname ed è il motivo per cui
conosco la differenza tra un martello e un cacciavite. A

quanto pare, lui sta benone.
Venerdì Kate e io stiamo discutendo su come passare
la serata – vogliamo prenderci una pausa dallo studio,
dal lavoro e dal giornale studentesco – quando suona
il campanello. Sulla soglia, il mio caro amico José, con
una bottiglia di champagne in mano.
«José! Che bello vederti!» Lo abbraccio rapidamente.
«Entra.»
José è la prima persona che ho conosciuto quando
sono arrivata all’università, perché sembrava sperduto
e solo come me. Quel giorno ci siamo riconosciuti a
vicenda come spiriti affini e da allora siamo amici.
Non solo abbiamo lo stesso senso dell’umorismo, ma
abbiamo scoperto che Ray e José senior erano insieme
nell’esercito. Di conseguenza, anche i nostri padri sono
diventati buoni amici.
José studia ingegneria ed è il primo della sua famiglia
a frequentare l’università. È molto intelligente, ma la
sua vera passione è la fotografia. Devo dire che ha
talento.
«Ci sono novità.» Sorride, con gli occhi scuri che
brillano.
«Non mi dire… sei riuscito a non farti cacciare per
un’altra settimana.» lo prendo in giro, e lui finge di
guardarmi storto.
«Il mese prossimo la Portland Place Gallery esporrà
le mie foto.»
«Ma è fantastico… Congratulazioni!» Felice per lui, lo
abbraccio di nuovo. Anche Kate gli sorride radiosa.
«Bel colpo, José! Dovrei segnalare la notizia sul
giornale. Non c’è niente di meglio di un cambiamento

editoriale dell’ultimo minuto, il venerdì sera» dice poi,
con finto disappunto.
«Festeggiamo.
Voglio
che
tu
venga
all’inaugurazione.» José mi guarda negli occhi,
facendomi arrossire. «Tutte e due, naturalmente»
aggiunge, con un’occhiata nervosa a Kate.
José e io siamo buoni amici, ma dentro di me so che
lui vorrebbe qualcosa di più. È un ragazzo carino e
simpatico, ma non è il mio tipo. Assomiglia più al
fratello che non ho mai avuto. Katherine mi prende in
giro dicendo che mi manca il gene “ho-bisogno-di-unfidanzato”, ma la verità è semplicemente che non ho
conosciuto nessuno dal quale… insomma, dal quale mi
senta attratta, anche se una parte di me sogna le
ginocchia tremanti, il cuore in gola, le farfalle nello
stomaco, le notti insonni.
A volte mi chiedo se in me ci sia qualcosa che non va.
Forse ho passato troppo tempo in compagnia dei miei
romantici eroi letterari, e di conseguenza il mio ideale
e le mie aspettative sono irraggiungibili. Ma la realtà è
che nessuno mi ha mai fatto sentire così.
“Fino a pochissimo tempo fa” mormora l’importuna
vocina del mio subconscio. NO! Scaccio subito quel
pensiero. Non voglio proprio saperne, non dopo quella
penosa intervista. “Lei è omosessuale, Mr Grey?” Mi
vergogno al ricordo. So di aver sognato quell’uomo
quasi tutte le notti da allora, ma sicuramente è stato
solo per espellere la terribile esperienza dal mio
organismo.
Guardo José aprire la bottiglia di champagne. È alto,
la maglietta mette in risalto i bicipiti muscolosi, ha la
pelle abbronzata, i capelli scuri e gli occhi neri ardenti.
Già, José non è affatto male, ma penso che finalmente

stia capendo l’antifona: noi due siamo solo amici. Il
tappo salta con uno schiocco e lui alza lo sguardo e
sorride.
Il sabato in negozio è un incubo. Siamo assediati dai
fanatici del bricolage che non vedono l’ora di dare una
rinfrescata alle loro case. Mr e Mrs Clayton, John e
Patrick – gli altri due commessi part-time – e io siamo
presissimi. Ma all’ora di pranzo c’è un momento di
calma, e Mrs Clayton mi chiede di controllare alcuni
ordini mentre sono seduta dietro la cassa, intenta a
mangiare un bagel senza dare nell’occhio. Quel
compito mi assorbe: devo confrontare i numeri di
catalogo dei prodotti che ci servono con quelli che
abbiamo ordinato, saltando con gli occhi dal libro delle
ordinazioni allo schermo del computer e così via, per
verificare che tutto torni. Poi, per qualche ragione, alzo
lo sguardo e… sono catturata dagli sfrontati occhi grigi
di Christian Grey che, in piedi di fianco alla cassa, mi
guarda con interesse.
“Ora mi viene un infarto.”
«Miss Steele. Che piacevole sorpresa.» Il suo sguardo
è fermo e penetrante.
Oh, mio Dio. Che diavolo è venuto a fare qui con i
capelli scarmigliati e la sua tenuta da tempo libero, il
maglione color crema fatto a mano, i jeans e le scarpe
sportive? Rimango a bocca aperta e mi sembra di aver
perso il contatto con il cervello e la voce.
«Mr Grey» mormoro, ed è tutto quello che riesco a
dire. Sulle sue labbra aleggia l’ombra di un sorriso e gli
occhi brillano di ironia, come se fosse divertito da uno
scherzo segreto.
«Passavo di qua» dice, come spiegazione. «Ho

bisogno di fare qualche acquisto. È un piacere
rivederla, Miss Steele.» La sua voce è roca e calda
come cioccolato nero fuso al caramello… o qualcosa
del genere.
Scuoto la testa per ricompormi. Il mio cuore batte
furiosamente, e per qualche motivo arrossisco sotto il
suo sguardo immobile. Sono totalmente sconvolta. I
miei ricordi non gli facevano giustizia. Non è
semplicemente bello: è la quintessenza della bellezza
maschile mozzafiato, ed è qui. Qui, nel negozio di
ferramenta di Mr Clayton. Chi lo avrebbe mai
immaginato? Alla fine, riesco a ripristinare le mie
funzioni cognitive e a ricollegarle con il resto del
corpo.
«Ana. Mi chiamo Ana» farfuglio. «Come posso
aiutarla, Mr Grey?»
Lui sorride, e ancora una volta sembra immerso in un
suo grande segreto. È davvero sconcertante. Dopo un
lungo respiro assumo l’aria dell’esperta che lavora in
quel negozio da anni. “Posso farcela.”
«Mi servono un paio di cose. Tanto per cominciare,
vorrei delle fascette stringicavo» mormora, con una
punta di ironia negli occhi gelidi.
“Fascette stringicavo?”
«Ne abbiamo di diverse lunghezze. Vuole che gliele
faccia vedere?» mormoro, con voce tremante. “Datti
un tono, Steele.”
«Grazie, Miss Steele, la seguo» dice. Cerco di
ostentare nonchalance mentre esco da dietro il
bancone, ma in realtà mi sto impegnando al massimo
per non inciampare e franare al suolo: le mie gambe
hanno la consistenza della gelatina. Sono così felice di

aver indossato i miei jeans più carini stamattina.
«Si trovano nel reparto materiale elettrico, scaffale
otto.» La mia voce è un po’ troppo squillante. Gli
lancio un’occhiata e me ne pento quasi subito.
Accidenti, è proprio bello!
«Dopo di lei» mormora, allungando una mano dalle
dita affusolate e perfettamente curate.
Con il cuore in gola, imbocco uno dei corridoi che
porta al reparto materiale elettrico. “Cosa ci fa a
Portland? Cosa ci fa qui da Clayton?” E da una
minuscola, poco usata parte del mio cervello affiora il
pensiero: “È qui per vedere te”. Impossibile! Perché
mai quell’uomo splendido, potente e raffinato
dovrebbe volermi vedere? È un’idea assurda, e io la
reprimo immediatamente.
«È a Portland per affari?» chiedo, e la voce mi esce
troppo stridula, come se mi fossi chiusa un dito in una
porta o qualcosa del genere. “Cerca di rimanere calma,
Ana!”
«Ero in visita al dipartimento di agraria della
Washington State University. Ha sede a Vancouver.
Sto finanziando alcune ricerche sulla rotazione delle
colture e sulla micromorfologia del suolo» dice, in
tono neutro. “Visto? Non è affatto qui per vedere te.”
Le mie ridicole fantasie mi fanno arrossire.
«Fa tutto parte del suo piano per sfamare il mondo?»
lo stuzzico.
«Qualcosa del genere» ammette, con un mezzo
sorriso.
Osserva la serie di fascette stringicavo. Che cavolo se
ne farà? Non riesco a immaginarlo mentre si dedica al

bricolage. Le sue dita scorrono sulle varie confezioni
esposte e, per qualche inspiegabile motivo, devo
distogliere lo sguardo. Si china a sceglierne una.
«Queste dovrebbero andare.»
«Le serve altro?»
«Vorrei del nastro adesivo di carta.»
“Nastro adesivo di carta?”
«Deve imbiancare?» Le parole mi escono prima che
possa fermarle. Certo chiamerà degli operai, o avrà dei
domestici che lo aiutano nei lavori.
«No, niente del genere» risponde in fretta, poi
sorride, e ho l’inquietante sensazione che stia ridendo
di me.
“Sono così divertente? Ho un aspetto buffo?”
«Da questa parte» sussurro, imbarazzata. «Il nastro
adesivo di carta è nel reparto vernici.»
Gli lancio un’occhiata da sopra la spalla, mentre mi
segue.
«È da molto che lavora qui?» Parla a voce bassa e mi
fissa. Arrossisco violentemente. Ma perché mi fa
questo effetto? Mi sembra di essere una
quattordicenne: impacciata, come al solito, e fuori
posto. “Stai in campana, Steele!”
«Quattro anni» mormoro, quando arriviamo a
destinazione. Per distrarmi, mi chino e prendo i due
formati di nastro adesivo di carta che abbiamo in
negozio.
«Va bene questo» dice Grey, indicando quello più
largo, e io glielo porgo. Le nostre dita si sfiorano e
sento di nuovo quella scossa che mi attraversa come se

avessi tocca to un cavo scoperto. Sussulto mio
malgrado, in un posto oscuro e inesplorato del basso
ventre. Cerco disperatamente di riprendermi.
«Qualcos’altro?» Ho la voce roca e affannata. I suoi
occhi si dilatano impercettibilmente.
«Un po’ di corda, direi.» La sua voce, roca, riecheggia
la mia.
«Di qua.» Mi dirigo verso lo scaffale.
«Che tipo di corda le serve? Abbiamo quella sintetica
e quella in fibre naturali… lo spago… il fil di ferro…»
Mi interrompo nel vedere la sua espressione, il suo
sguardo che si incupisce. “Oddio.”
«Prendo cinque metri di quella in fibra naturale.»
Rapidamente, con dita tremanti, misuro la corda,
consapevole di avere addosso i suoi occhi ardenti. Non
oso guardarlo. Accidenti, potrei mai sentirmi più in
soggezione? Prendo il coltellino dalla tasca posteriore
dei jeans, taglio, e arrotolo con cura la corda prima di
legarla con un nodo. Per miracolo, riesco a non
tranciarmi un dito.
«Era negli scout?» chiede, piegando le labbra scolpite
e sensuali in un sorriso divertito. “Non guardargli la
bocca!”
«Le attività di gruppo organizzate non sono la mia
passione, Mr Grey.»
Lui aggrotta la fronte.
«Qual è la sua passione, Anastasia?» chiede con la
sua voce vellutata, e si riaffaccia il sorriso misterioso.
Lo guardo, incapace di articolare una risposta. Mi
sembra di stare su placche tettoniche in movimento.

“Cerca di calmarti, Ana” implora il mio subconscio
torturato.
«I libri» sussurro, ma la vocina interiore sta
gridando: “Tu! Tu sei la mia passione”. La soffoco
subito, avvilita che la mia psiche alzi la cresta in questo
modo.
«Che genere di libri?» Piega la testa di lato. “Perché
gli interessa tanto?”
«Oh, le solite cose. I classici. Soprattutto letteratura
inglese.»
Lui si gratta il mento con il pollice e l’indice mentre
riflette sulla mia risposta. O forse è solo annoiato a
morte e sta cercando di nasconderlo.
«Le serve altro?» Devo cambiare argomento… quelle
dita, quel volto sono troppo affascinanti.
«Non so. Cosa mi consiglia?»
Cosa gli consiglio? Ma se non so nemmeno cosa deve
fare!
«Per il bricolage?»
Lui annuisce, con lo sguardo animato da una strana
luce. Arrossisco, e i miei occhi si posano sui suoi jeans.
«Tute da lavoro» rispondo. Ormai so di aver perso il
controllo.
Lui alza un sopracciglio, divertito.
«Non vorrà rovinarsi i vestiti.» Faccio un gesto vago
in direzione dei suoi jeans.
«Posso sempre togliermeli.» Sorride.
«Ah.» Sento che le guance mi bruciano. “Smetti di
parlare. Smetti SUBITO di parlare.”

«Prenderò qualche tuta. Dio non voglia che rovini i
miei vestiti» dice in tono impassibile.
Cerco di allontanare l’importuna immagine di lui
senza pantaloni.
«A posto così?» gracchio, mentre gli porgo le tute
blu.
Lui ignora la mia domanda.
«Come sta venendo l’articolo?»
Finalmente una domanda priva di insinuazioni e
disorientanti doppi sensi… una domanda a cui posso
rispondere. Mi ci aggrappo come a una scialuppa di
salvataggio, e opto per la sincerità.
«Non lo sto scrivendo io, ma Katherine. Miss
Kavanagh. La mia coinquilina, è lei la giornalista. È
soddisfatta di come sta venendo. È il direttore del
giornale, ed era molto avvilita di non averla potuta
intervistare personalmente.» Mi sembra di aver preso
una boccata di ossigeno… «Le dispiace solo di non
avere sue foto.»
«Che genere di foto vorrebbe?»
Okay. Non avevo previsto questa replica. Scuoto la
testa, perché non lo so.
«Be’, io sono in zona. Domani, magari…»
«Sarebbe disponibile a posare per un servizio
fotografico?» La mia voce è di nuovo stridula. Kate
sarebbe al settimo cielo se riuscissi a mettere a segno
questo colpo. “E tu potresti rivederlo domani”
sussurra suadente quel punto oscuro alla base del mio
cervello. Cancello quell’idea: non c’è niente di più
stupido e ridicolo di…

«Kate ne sarebbe entusiasta… sempre che riusciamo
a trovare un fotografo.» Sono così contenta che gli
faccio un ampio sorriso. Lui socchiude le labbra come
se dovesse prendere fiato e sbatte le palpebre. Per una
frazione di secondo, sembra quasi smarrito, e la terra
si sposta leggermente sul suo asse, le placche
tettoniche scivolano in una nuova posizione.
“Oddio. Lo sguardo smarrito di Christian Grey.”
«Mi faccia sapere per domani.» Tira fuori il
portafoglio dalla tasca posteriore dei pantaloni. «Ecco
il mio biglietto da visita. C’è anche il mio numero di
cellulare. Mi chiami prima delle dieci del mattino.»
«Okay.» Gli sorrido. Kate sarà elettrizzata.
«Ana!»
In fondo al reparto si è materializzato Paul. È il
fratello più giovane di Mr Clayton. Avevo sentito che
era rientrato da Princeton, ma non mi aspettavo di
vederlo oggi.
«Ehm, mi scusi un secondo, Mr Grey.» Lui aggrotta
la fronte, mentre gli volto le spalle.
Paul è mio amico da sempre, e visto lo strano dialogo
che sto avendo con il ricco, potente, superbello
maniaco del controllo Grey, è fantastico parlare con
una persona normale. Paul mi abbraccia forte,
cogliendomi di sorpresa.
«Ana, ciao, sono troppo felice di vederti!» esclama.
«Ciao, Paul, come va? Sei a casa per il compleanno di
tuo fratello?»
«Già. Hai un aspetto magnifico. Davvero magnifico.»
Mi sorride, esaminandomi a distanza ravvicinata. Poi

allenta la stretta, ma continua a tenermi un braccio
protettivo sulla spalla. Io sposto il peso da una gamba
all’altra, imbarazzata. È bello vedere Paul, ma è
sempre stato troppo espansivo.
Quando lancio un’occhiata a Christian Grey, vedo che
ci sta osservando come un falco, con gli occhi grigi
socchiusi e pensierosi, le labbra strette in una linea
dura e impassibile. Il cliente stranamente interessato
si è trasformato in qualcun altro, una persona gelida e
distante.
«Paul, sono con un cliente. Una persona che dovresti
conoscere»
dico,
cercando
di
disinnescare
l’antagonismo che vedo nell’espressione di Grey.
Trascino Paul a fare la sua conoscenza, e i due si
soppesano. L’atmosfera all’improvviso è polare.
«Ehm, Paul, ti presento Christian Grey. Mr Grey,
Paul Clayton. Suo fratello è il proprietario del
negozio.» Per qualche strano motivo, sento di dover
dare altre spiegazioni.
«Conosco Paul da quando lavoro qui, anche se non ci
vediamo spesso. È appena tornato da Princeton, dove
studia gestione aziendale.» La sto facendo troppo
lunga… “Fermati adesso!”
«Mr Clayton.» Christian tende la mano, con
un’espressione indecifrabile.
«Mr Grey.» Paul gliela stringe. «Aspetti un attimo…
quel Christian Grey? Della Grey Enterprises
Holdings?» Paul passa dalla stizza al timore
reverenziale in un nanosecondo. Grey gli rivolge un
sorriso gentile che non coinvolge gli occhi.
«Wow… Posso fare qualcosa per lei?»

«Ha già provveduto Anastasia, Mr Clayton. È stata
molto premurosa.» La sua espressione è impassibile,
ma le sue parole… è come se stesse dicendo qualcosa
di completamente diverso. È sconcertante.
«Ottimo» replica Paul. «Ci vediamo dopo, Ana.»
«Certo, Paul.» Lo guardo sparire verso il magazzino.
«Le serve altro, Mr Grey?»
«Solo queste cose.» Ha un tono freddo e risoluto.
Dio… non si sarà offeso? Con un respiro profondo, mi
giro e mi dirigo verso la cassa. “Che problema c’è,
adesso?”
Batto la corda, le tute, il nastro adesivo di carta e le
fascette stringicavo.
«Sono quarantatré dollari.» Alzo lo sguardo su Grey
e vorrei non averlo fatto. Mi sta osservando
attentamente, con i suoi occhi intensi e misteriosi. È
inquietante.
«Vuole un sacchetto?» gli chiedo, mentre prendo la
sua carta di credito.
«Sì, grazie, Anastasia.» La sua lingua accarezza il mio
nome. Mi sembra di non riuscire a respirare. Infilo
rapidamente i suoi acquisti in un sacchetto di plastica.
«Mi chiamerà se vorrà fare il servizio fotografico?»
Ha ripreso l’abituale pragmatismo. Annuisco, senza
dire una parola, e gli restituisco la carta di credito.
«Bene. A domani, forse.» Si volta per andarsene, poi
si ferma. «Ah… e… Anastasia, sono felice che Miss
Kavanagh non abbia potuto fare l’intervista.» Sorride,
poi con rinnovata energia si dirige fuori dal negozio,
facendo penzolare il sacchetto dalla spalla e
lasciandomi tremante e in balia di una tempesta

ormonale. Prima di tornare sulla terra passo diversi
minuti a fissare la porta da cui è uscito.
“E va bene… mi piace.” Ecco, dentro di me l’ho
ammesso. Non posso continuare a negare i miei
sentimenti. Non mi sono mai sentita così. Lo trovo
attraente, molto attraente. Ma è una causa persa, lo so,
e sospiro con un rimpianto dolceamaro. La sua venuta
qui è stata solo una coincidenza. Comunque, posso
sempre ammirarlo da lontano, no? Non può certo
farmi male. E se trovo un fotografo, domani potrò
ammirarlo meglio. A quel pensiero, mi mordo il labbro
e mi sorprendo a ridere tra me e me come una
scolaretta. Devo chiamare Kate e organizzare il
servizio fotografico.

3
Kate è entusiasta.
«Ma cosa ci faceva lui da Clayton?» Sprizza curiosità
da tutti i pori: lo percepisco attraverso il telefono. Mi
sono rifugiata nel magazzino, sforzandomi di
assumere un tono noncurante.
«Era in zona.»
«Penso che sia una coincidenza notevole, Ana. Non
credi che sia venuto per vedere te?» Il cuore mi balza
nel petto a quella prospettiva, ma la gioia dura poco.
La banale, deludente realtà è che è venuto per lavoro.
«Ha visitato il dipartimento di agraria dell’università.
Sta finanziando alcune ricerche» mormoro.
«Ah, già. Ha fatto una donazione di due milioni e
mezzo al dipartimento.»
“Wow.”
«Come fai a saperlo?»
«Ana, sono una giornalista, e ho scritto un suo
profilo. Sapere queste cose è il mio lavoro.»
«Okay, reporter d’assalto, calmati. Dunque, le vuoi o
no queste foto?»
«È ovvio che le voglio. La domanda è solo chi le farà e
dove.»
«Dove, possiamo chiederlo a lui. Ha detto che è in
zona.»
«Puoi contattarlo?»
«Ho il suo numero di cellulare.»


Documenti correlati


Documento PDF e l james cinquanta sfumature di rosso 2012 zdc
Documento PDF grey
Documento PDF cinquanta sfumature di grigio e l james
Documento PDF alf da fre
Documento PDF shabby color
Documento PDF il significato dei colori


Parole chiave correlate