File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Jack Palmer, Addio Colon Irritabile .pdf



Nome del file originale: Jack Palmer, Addio Colon Irritabile.pdf
Titolo: Addio Colon Irritabile™ PDF, Libro di Jack Palmer « √Scaricare ✔Programma ✘Opinioni ✘Recensioni ✘Funziona
Autore: L'Unico Sistema Naturale Per Eliminare La Sindrome da Colon Irritabile

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Nitro Pro 7 (7. 0. 1. 5), ed è stato inviato su file-pdf.it il 04/03/2016 alle 21:45, dall'indirizzo IP 114.120.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1708 volte.
Dimensione del file: 3.3 MB (63 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Addio Colon Irritabile

Addio Colon Irritabile

Caro amico...
Mi chiamo Jack Palmer e recentemente
ho pubblicato il libro elettronico "Addio
Colon Irritabile™".
Sebbene sapessi che questo sarebbe
stato un tema molto dibattuto, perché
sono anni che faccio ricerche a riguardo,
il successo di questo libro elettronico ha
superato la mia immaginazione.
L'interesse dimostrato per "Addio Colon
Irritabile™" non fa altro che confermare l’innumerevole quantità di persone che
soffre di uno dei disturbi dell’organismo più diffusi nella nostra epoca moderna:
la sindrome da intestino irritabile (SII o IBS, la sua sigla in inglese).
Una sindrome che si conosce anche come neurosi intestinale, colite funzionale o
sindrome

da

colon

irritabile.

Personalmente

preferisco

utilizzare

la

denominazione sindrome da intestino irritabile perché è la più completa e
precisa di tutte.
L’intestino si estende dallo stomaco all’ano, includendo l’intestino tenue (il
duodeno, la sezione del digiuno e dell’ileo) e l’intestino crasso (composto dal
cieco, il colon e il retto).
Fatta questa precisazione andiamo ad analizzare i sintomi portati dalla sindrome
da intestino irritabile, che non sono pochi.

2

Addio Colon Irritabile

Alcuni dei seguenti disturbi possono presentarsi
con una maggiore o minore intensità:
● Il gonfiore o distensione addominale, localizzata nella parte bassa.
● La flatulenza.
● Le eruttazioni ripetute.
● L'acidità di stomaco.
● I crampi e gli spasmi.
● I dolori di stomaco.
● La diarrea e/o la stitichezza.
● L’evacuazione incompleta.
● Feci con muco.
● Sensazione di rapida sazietà al mangiare.
● Mal di testa.


Malessere e abbattimento in generale.

Queste manifestazioni non passano inosservate per chi soffre di questo disturbo,
e di sicuro riescono a metter chiunque di pessimo umore.

Questo accade non senza motivo, ma chi non si sentirebbe infastidito soffrendo
in maniera frequente di dolori simili?

3

Addio Colon Irritabile

Peggio ancora quando si iniziano a soffrire gli effetti collaterali di medicinali
assunti per alleviare il malessere. Se la sindrome da intestino irritabile si
presenta con frequenza, non è strano che molti cerchino sollievo con un uso
reiterato

di

medicinali,

che

sfortunatamente,

probabilmente

presto

provocheranno altri disturbi come:

● L'ansia.
● La riluttanza.
● La depressione.
● L'insonnia.
● La mancanza di libido o desiderio sessuale.
● Le frequenti emicranie.


Le emorroidi.

Con "Addio Colon Irritabile™" mi sento felice di poter offrire le mie conoscenze
per aiutare gli altri, in maniera naturale ed efficace.
Di fatto posso sentirmi orgoglioso di poter essere utile ai miei lettori. Sebbene
debba confessare che in primo luogo è stato utile per me stesso.
Perché il libro elettronico "Addio Colon Irritabile™" mi dà così tanta
soddisfazione?
Né più né meno perché "Addio Colon Irritabile™" ha coronato il frutto delle mie
profonde ricerche su questo tema. E mi permetto di usare questa frase in modo
personale, perché si capisca il mio coraggioso sforzo nell’incontrare un sollievo e
addirittura una cura per questo problema.

4

Addio Colon Irritabile

Nel mio ruolo di nutrizionista e specialista in terapie alternative posso dire che la
sindrome da intestino irritabile è tra gli argomenti di mia competenza.
Ma come ho già detto in altre occasioni la sindrome da 'intestino irritabile è un
problema che mi ha toccato molto da vicino sin da bambino.

Mia

madre

soffrì

di

questo

disturbo

funzionale gastro-intestinale per tanti anni e
fui testimone del suo disagio.
Per

quanto

volesse

accompagnarmi

nei

giochi e nell’educazione, con frequenza non
poteva evitare di mostrarsi abbattuta e
irritata per il problema che la affliggeva.

Posso assicurare che mia madre fu colei che mi diede la scossa iniziale,
portandomi a sperimentare soluzioni che la portassero a poter dominare questa
sindrome.Inoltre crescendo mi interessai dell’alimentazione e delle sue
conseguenze per la salute delle persone, non potevo far a meno di indagare e
discutere tanto le conoscenze teoriche, quanto le esperienze di chi ha sopportato
per anni la sindrome da intestino irritabile.
Mi interessò affrontare i disturbi della sindrome da intestino irritabile
considerando la persona nel suo complesso, senza trascurare nessuna delle sue
parti: il corpo, la mente e lo spirito.

5

Addio Colon Irritabile

Per questo mi decisi a convogliare i frutti delle mie ricerche in un libro che
potesse offrire un servizio alle persone che stessero soffrendo di questo male.
Raccolsi molte informazioni provenienti da diverse parti del mondo, le comparai
con la mia esperienza e le rielaborai in maniera chiara e gradevole, affinché il
messaggio potesse giungere ai miei lettori senza incomprensioni.
Sebbene sia una pubblicazione di massa, sono in grado di affermare che si dirige
nello specifico a ogni persona. Passo dopo passo ho creato un libro elettronico
che risulta di indiscutibile utilità, facile da comprendere e da metter in pratica
dall'inizio alla fine. Se desidera averlo ora digiti questo indirizzo:

>> AddioColonIrritabile.com <<

La verità è che nonostante il tema fosse di mio interesse per cause specifiche,
non sarei stato così tanto entusiasta di divulgare le mie ricerche se non avessi
notato, durante le diverse consultazioni, che si trattava di una guida necessaria a
un'innumerevole quantità di persone.
Sfortunatamente la sindrome da intestino irritabile affligge buona parte della
popolazione.

Non

discrimina

etnia,

sesso,

età,

condizione

sociale.

E

contrariamente a ciò che si potrebbe credere, la sindrome da intestino irritabile
non è una patologia che sta diminuendo al giorno d’oggi.
La sindrome da intestino irritabile è diventata sempre più frequente. Tanto
l'alimentazione non corretta che può provocare gastroenteriti, quanto lo stress
(tensione fisica e/o emotiva), saltano all'occhio come le cause più generalizzate.

6

Addio Colon Irritabile

Con molta indignazione devo dire che una cosa tanto semplice e naturale come
l’alimentazione è andata peggiorando con il tempo, in maniera quasi
inversamente proporzionale al comfort che si suppone avrebbe dovuto portare la
vita moderna.
L’essere umano fa parte della cosiddetta catena trofica, formata da tanti anelli
in cui sono presenti tutti gli esseri viventi.

L'alimentazione di tutti gli esseri viventi è un
atto naturale, in armonia con l'ambiente in cui
si vive. Cosa è accaduto nella storia?
Ciò

che

è

successo

nel

processo

dell'alimentazione dell'essere umano? Questo
anello importantissimo della catena trofica ha
modificato le sue abitudini.

Si potrebbe pensare che grazie agli sviluppi scientifici e tecnologici gli esseri
umani siano stati favoriti dalla possibilità di alimentarsi di più e meglio.Non si
possa generalizzare nell'affermare che al giorno d'oggi ci alimentiamo di più e
meglio che nel passato. La sindrome da intestino irritabile è la prova che
qualcosa manca nella nostra alimentazione. Manca niente di meno che il
nutrimento del nostro corpo, un aspetto necessario nella vita come l'aria che
respiriamo e l'acqua che beviamo!
Qualcuno potrebbe essere disposto a contraddirmi. Logicamente si suppone che
avendo più mezzi a disposizione sia possibile alimentarci meglio.

7

Addio Colon Irritabile

È risaputo che in alcuni luoghi è più facile alimentarsi che in altri, dove la vita è
più complicata per carenze di tutti i tipi. Per fare un esempio, chi non ha una
casa confortevole e con servizi sanitari adeguati, difficilmente potrà alimentare
il

suo

organismo

come

dovrebbe.

La

casa,

insieme

all’alimentazione,

costituiscono parte degli aspetti più importanti per misurare la qualità della vita.
Non a caso l’Organizzazione Mondiale della Salute considera l’alimentazione
come un diritto basilare e inalienabile delle persone.
Consideriamo l'alimentazione perché ci deve interessare in primo luogo se
soffriamo della sindrome da intestino irritabile. Ci sono molti alimenti utili a
disposizione, anche se dobbiamo riconoscere che non sempre sono disponibili per
tutti.

Ora voglio focalizzarmi su due aspetti inerenti all'alimentazione, entrambi
importantissimi da tenere in considerazione:
● Uno. L'ignoranza della gente rispetto l'importanza per l'organismo dei
diversi elementi nutritivi.
● Due. Le cattive abitudini alimentari di tante persone.

E tra le abitudini alimentari poco salutari bisogna menzionare:
● La scelta di prodotti inadeguati.


L'eccesso nel consumare i suddetti prodotti inadeguati.

8

Addio Colon Irritabile

Tanto una cattiva alimentazione, quanto una alimentazione carente di
determinate sostanze nutritive o un assunzione eccessiva di cibi sbagliati,
minacciano la qualità di vita di qualsiasi persona. Sia chiaro che questo molte
volte non ha nulla a che vedere con l'essere ricchi o poveri.
Ci sono paesi ricchi e sviluppati che soffrono gli effetti di un'alimentazione
scorretta. Lo dico con una chiara allusione alla potente nazione nordamericana,
la cui popolazione esibisce segni di devastazione per la propria alimentazione
eccessiva, a volte optando per alimenti inadeguati per la loro alta concentrazione di
grassi cattivi e conservanti.

Non è raccomandabile mangiare molto, bere molto,
fumare in modo compulsivo, così come non è
raccomandabile

metter

in

secondo

piano

un'alimentazione naturale per semplice comodità o
per mancanza di tempo.
Chiaro, è più semplice e rapido aprire una lattina di
insalata giardiniera invece di lavare, pelare, cucinare
e scolare le verdure necessarie a prepararla. Ma in
nessun modo l’una è comparabile con l’altra.
Proverò a essere più specifico affinché si riesca a comprendere meglio. Ho
diverse domande da porre a voce alta, le cui risposte sono espressione della
problematica. Sono domande le cui risposte sono in questo testo, per riflettere e
giungere alle proprie conclusioni.
A cosa mi riferisco quando parlo di prodotti non adatti all'organismo? Esistono
forse prodotti considerati alimentari ma che non sono adatti all'organismo?

9

Addio Colon Irritabile

Non è una contraddizione che un prodotto considerato alimentare risulti nocivo
per l'organismo? Come si risolve la questione: prodotto non adatto comparato con
prodotto adatto?
Come prodotti non adatti all’organismo segnalo molti dei prodotti che l’industria
chimica, per mezzo dell’industria alimentare, mette sulle nostre tavole.
Che si tratti di cereali e derivati, di latticini e derivati, delle carni di diverso
tipo, dei diversi tipi di farina, delle bevande gassate e dei succhi confezionati,
primeggiano le sostanze artificiali rispetto le qualità naturali che hanno i
prodotti all’origine.
Le sostanze artificiali inserite nei prodotti industriali possono andare dalla
grande quantità di conservanti per aumentarne la durata, ed evitare così che
marciscano, fino ad altre sostanze che aiutano ad abbellire il prodotto e in
questo modo aiutano a renderlo più attraente, tanto alla vista quanto all’olfatto
e al gusto.
Se osserviamo la parte in “piccolo” di qualsiasi etichetta di informazioni
nutrizionali di un prodotto industriale, vediamo tutto quello che gli si aggiunge in
maniera artificiale, in base a quello che si vuole far risaltare: aromi, dolcificanti,
coloranti, addensanti, acidificanti, eccetera, eccetera, eccetera.
Alla pari dell’apporto di grassi trans, i grassi saturi ricchi di colesterolo e
altrettante calorie non necessarie, non apportano nutrimenti essenziali per
l’organismo.
Nessuna di queste sostanze artificiali viene digerita come le sostanze naturali,
ma richiedono un maggiore sforzo dell'intestino e dei reni per lavorarle ed
eliminarle.

10

Addio Colon Irritabile

Nonostante siano comprovate le cause sfavorevoli di molte di queste sostanze
artificiali, l'industria Alimentare non ha potuto limitarle o, meglio ancora, non ha
potuto eliminarle dai prodotti alimentari.
Perché l'industria alimentare non ha potuto agire di conseguenza per prevenire
dei disturbi organici?
Fondamentalmente perché l'industria alimentare agisce in base ai propri
interessi. Di sicuro il fatto di non aumentare il ciclo di vita ai prodotti
equivarrebbe a una riduzione dei grandi guadagni che genera.

Per fare un esempio palese, come lei potrà
osservare, i prodotti industriali contengono una alta
concentrazione di sodio per la loro conservazione.
Se ci attenessimo alle raccomandazioni nutrizionali,
basterebbe mezzo cucchiaio di sale al giorno nella
dieta quotidiana.

Al contrario molte volte consideriamo solo il sale che consumiamo dalla saliera e
non quello che è celato negli alimenti industriali. Le conseguenze per l'eccessivo
consumo di sodio causato dal consumo di alimenti industriali possono farsi sentire
nel funzionamento dell’intestino, così come nella contribuzione dell'aumento
della probabilità di soffrire di alcune malattie come l’ipertensione, il diabete o
altre patologie del metabolismo, i problemi coronari o degenerativi e i calcoli
biliari.

11

Addio Colon Irritabile

Desidero chiarire che quando parlo di alimentarci non mi riferisco al mangiare
per saziare l’appetito, mettendo in bocca qualsiasi prodotto che possa dar una
soddisfazione immediata sebbene non duratura.
Se mangiamo quello che si conosce come cibo “spazzatura”, quello che meno
facciamo è fornire all’organismo nutrimenti necessari. Se mangiamo cibo
“spazzatura” mangiamo per uccidere la fame, nient’altro che uccidere la fame.
Neanche le bevande che solitamente accompagnano il cibo spazzatura sono
indicate per placare la sete. Possiamo dire che le bevande gassose e i succhi
artificiali servono a uccidere la sete solo per un momento.Non potremo mai
paragonare la qualità dei nutrimenti naturali della frutta e verdura con gli
additivi di un prodotto industriale.
Un succo d’arancia artificiale, con l’aggiunta di vitamina A, E e acido folico, non
potrà mai essere comparato alle proprietà dell’arancia naturale, che apporta
vitamina C, enzimi, antiossidanti e fibra alimentare tra gli altri nutrimenti.
Torno alle domande che ci possono far riflettere.

Perché “ammazzare” la fame e la sete, se è
possibile scegliere gli alimenti da ingerire per
nutrirci?
Perché non fare una spremuta d’arancia o di
altro frutto o verdura per ottenere il suo
succo, invece di ricorrere ad un succo
confezionato?

12

Addio Colon Irritabile

Tanti tipi di frutta e verdura sono disponibili in tutte le stagioni dell’anno e in
tutti i luoghi, per cui le scuse non sono valide.
Si rendono conto i nostri lettori che la maggior parte delle volte la cattiva
alimentazione è radicata nelle cattive abitudini che abbiamo? L’abitudine di
mangiar sano, in modo naturale, variato ed equilibrato è semplicemente questo:
un’abitudine. Una sana abitudine se vogliamo. Se acquisiamo cattive abitudini
alimentari, non solo non stiamo favorendo la nostra salute, ma allo stesso modo
stiamo inculcando le nostre abitudini ai nostri cari che seguono il nostro esempio.
Di conseguenza non favoriamo la salute dei nostri cari. Che esame di coscienza
dovremmo fare per la nostra mancanza di attenzione verso gli altri!Ho iniziato
parlando del libro elettronico “Addio Colon Irritabile™" e inevitabilmente sono
passato a parlare della nostra alimentazione quotidiana.
Sebbene in "Addio Colon Irritabile™" abbia toccato altri fattori che possono
incidere in questa problematica, la questione delle sane abitudini alimentari è
fondamentale.
Se impariamo ad alimentarci correttamente non solo riusciremo a controllare i
malesseri derivati dalla sindrome da intestino irritabile, ma allontaneremo altri
dolori dell’organismo e addirittura alcuni problemi psichici.
Bisogna acquisire coscienza una volta per tutte che il nostro organismo non è
capace di processare molti degli additivi alimentari, che risultano addirittura
tossici. L’assimilazione nei tessuti, nelle ossa e negli organi vitali può esser lenta,
però con il tempo può arrivare a essere molto dannosa per la salute.
Le cattive abitudini alimentari fanno sì che le sostanze tossiche si accumulino
durante gli anni fino a poi generare danni a volte irreversibili.

13

Addio Colon Irritabile

Inoltre agli additivi artificiali aggiunti in molti alimenti confezionati, molti
alimenti di origine animale che mangiamo vengono trattati con aggregati poco
salutari.
Infatti in commercio abbondano le carni bovine o aviarie che provengono da
animali ingrassati con ormoni della crescita, in modo che così possano
commercializzarli in maniera più rapida.
Inoltre c’è da dire che qualsiasi carne che non sia biologica non favorisce il
nostro organismo. Dovremmo essere molto rigidi nel selezionare la carne di
animali che siano stati alimentati con pasti e/o cereali naturali, senza pesticidi o
altri prodotti chimici.
La cosa certa è che un tema, che visto semplicemente sembra limitato come la
sindrome da intestino irritabile, dopo una continua ricerca finisce per portarci a
scoprire come sia strettamente correlato allo stile di vita che si segue. Eh sì,
caro lettore, la sindrome da intestino irritabile è strettamente relazionata con lo
stile di vita.
Addirittura chi fa diete rigide per perdere peso e si sforza di leggere le scritte in
piccolo delle etichette nutrizionali, può commettere errori nella propria
alimentazione non scegliendo i cibi naturali preferendo quelli confezionati.
Per citare qualche inconveniente che può presentarsi, bisogna fare attenzione ai
prodotti dolcificati artificialmente con ciclamato di sodio o come le caramelle
che si dicono light o con poche calorie, visto quello che apportano sono una
grande quantità di sostanze artificiali.
Allo stesso modo, ci sono prodotti confezionati che molti scelgono per l’alto
contenuto di glutine, che possono alla lunga provocare stitichezza visto che non
contengono le fibre necessarie.

14

Addio Colon Irritabile

O al contrario ci sono prodotti confezionati con un alta percentuale di fibre di
crusca che in eccesso provocano diarree e malesseri allo stomaco.
“Tutta la storia dell’umanità testimonia che, dal boccone di Eva, la gioia
dell’uomo dipende dal cibo”, disse con successo il poeta inglese lord Byron.

Senza alcun dubbio, uno dei maggiori piaceri
dell’essere umano è stato e continua ad esserlo
il cibo.
Se imparassimo a trovare il piacere nel mangiare
sano avremo ottenuto due piccioni con una fava:
potremmo goderci il piacere di mangiare, e allo
stesso tempo nutriremmo il nostro organismo in
maniera salutare.
Allo stesso modo eviteremmo i disturbi che provoca la sindrome da intestino
irritabile, tra le altre patologie.
"Addio Colon Irritabile™" contiene le migliori raccomandazioni che può darle un
nutrizionista specializzato in terapie alternative.
Comprende consigli pratici, affinché ogni nostro lettore possa metterli in pratica.
Per verificare quello che sto dicendo, le suggerisco di far “clic” ora stesso per
visitare il nostro sito web:

>> AddioColonIrritabile.com <<

15

Addio Colon Irritabile

Non ho dubbi che “Addio Colon Irritabile™" la aiuterà a migliorare la sua
problematica e soprattutto la convincerà con argomenti senza replica della
necessità di iniziare ad avere abitudini salutari. Godere della sua vita deve
essere una scelta inevitabile. Sia uomo o donna di qualsiasi età, “Addio Colon
Irritabile™" le darà consigli utili e facili da mettere in pratica.
E con il vantaggio che non dovrà ricorrere a nessun tipo di medicazione.
Le soluzioni che apporto sono libere da controindicazioni ed effetti secondari
negativi per la sua salute. I risultati sono stati testati empiricamente e sono
garantiti al cento per cento.
È arrivato il momento di risparmiare in medicinali sempre più forti, che le
apportano un sacco di problemi e poche soluzioni!
È ora di attaccare la radice del male ed estirparla per sempre!
Si unisca a questo metodo infallibile e verifichi lei stesso il vantaggio di utilizzare
un metodo efficace e naturale!
Nel manuale “Addio Colon Irritabile™" è possibile apprendere tutto quello che
risulta indispensabile per curarci.

16

Addio Colon Irritabile

Riguardo alla forma di nutrire il nostro organismo
possiamo imparare:
● L’importanza dell’alimentazione naturale.
● Come scoprire gli alimenti che provocano disturbi organici.
● Quali passi seguire per seguire una dieta adeguata.
● Quali cambi è necessario apportare alla dieta se vogliamo sentirci bene.
● A quali erbe e integratori naturali potremmo ricorrere.
● Che relazione esiste tra l’ingerimento di alimenti e lo stress.
● Possiamo apprendere molte altre cose utili insieme a cose pratiche!

I risultati che le garantisco saranno evidenti in poco tempo, senza dubbi. Dovrà
impegnarsi ad “aprire la mente” per cambiare nella sua quotidianità tutto quello
che non la aiuta, come l’alimentazione rovinata da sostanze artificiali.
“Addio Colon Irritabile™" è un apporto alla salute, sebbene soprattutto possa
essere considerato un apporto imprescindibile alla presa di coscienza per avere
accesso alle scelte giuste per modificare la vita.
Ancora una volta, la invito a testarlo.

17

Addio Colon Irritabile

La lascio con il decimo comandamento buddista, una riflessione che va bene per
la situazione:
“Libera la tua mente dall’ignoranza e abbandonati con ansia ad
apprendere la verità, precisamente all’unica cosa di cui si ha bisogno, non
cadere vittima dello scetticismo e degli errori.”

E aggiungo con mie parole: Liberati dagli alimenti processati e devitalizzati.
Scegli quando possibile il cibo così come te lo offre la natura!
La sindrome da intestino irritabile può non essere considerato come un problema
di salute grave che coinvolge un pericolo per la vita. Ma non smette di essere un
male difficile da sopportare giorno dopo giorno.
Non sarebbe strano rivolgerci al gastroenterologo, ossia lo specialista nelle
malattie dello stomaco e dell’intestino, e dopo gli esami pertinenti non trovi
cosa sia realmente ciò che ci affligge.
Gli esami clinici non mostrano i disturbi, che sono di tipo funzionale, sebbene
possano servire a scartare infermità intestinali infiammatorie, come la colite
ulcerosa e il morbo di Crohn.Possiamo soffrire di malesseri che sembra non siano
preoccupanti, qualche pillola può essere indicata come sollievo e il problema
potrebbe considerarsi risolto. La verità è che la sindrome da intestino irritabile
continua a preoccuparci perché i disturbi che proviamo non li immaginiamo né
sono nessuna esagerazione.
È auspicabile che superassimo il problema per evitare futuri episodi di questo
tipo, senza medicine che ci portino altri problemi in alcuni casi maggiori.

18

Addio Colon Irritabile

Con l’aiuto di “Addio Colon Irritabile™" è possibile controllare i dolori
apportando alcune correzioni nella dieta e altre pratiche.
Vale la pena provare, glielo assicuro.
Sono a favore di una vita sana e felice. Sostengo le persone affinché superino
tutte le insidie che si presentino, oltre a potenziare tutte le loro capacità.

Cordialmente,

Nutrizionista, Specialista in Terapie Alternative

Autore del libro elettronico: “Addio Colon Irritabile™".

19

Addio Colon Irritabile

Testimonianze

Caro Jack:
Scrivo queste righe per esprimerle quanto mi sia stata
utile la sua guida “Addio Colon IrritabileTM”.
Dopo un paio di mesi posso dire con franchezza che
sono riuscita a risolvere questo difficile problema
prestando

attenzione

alla

mia

alimentazione

e

tenendo in conto altri consigli molto premurosamente.
Mi ero già rassegnata a soffrire di questi disturbi così spaventosi, glielo assicuro.
Ho 56 anni e mi ero già recata in diversi consultori in cerca di una soluzione.
Un bel giorno decisi che non valeva più la pena continuare con le visite, ogni
volta che mi sentivo male di stomaco prendevo una pastiglia che mi avevano
prescritto. Finii con l’avere altri problemi dei quali prima non soffrivo, come
frequenti mal di testa e spossatezza in tutto il corpo. Mi sentivo vecchia.
Limitavo anche la mia vita sociale con qualsiasi scusa perché ero totalmente
abbattuta.
Non appena lessi la vostra guida e cominciai a mettere in pratica le vostre
raccomandazioni, i miei disturbi intestinali sparirono e cominciai a recuperare le
energie perse. Grazie, grazie, grazie! Con affetto.
Justyna Fabbianelli (Palermo Italia)

20

Addio Colon Irritabile

Egregio signor Jack.
Sono veramente convinto del metodo che propone per
curare la sindrome da intestino irritabile.
Dopo aver messo in pratica ogni suo consiglio, posso dire
che ho ripreso a mangiare con piacere, senza paura che
qualcosa mi potesse far male e di gonfiarmi come una
palla subito dopo aver finito di mangiare.
Sono molto contento di aver risolto i miei problemi intestinali che dopo un po' di
tempo mi venne in mente un amico che vive all’estero, che mi aveva raccontato
di soffrire di una problematica simile. Nonostante non ci sentissimo da tempo,
mi permisi di inviargli una mail per parlargli espressamente del suo libro,
“Addio Colon Irritabile™".
Comprò subito il suo libro e ho appena ricevuto una sua mail dove mi dice che il
suo metodo gli ha dato benefici. Mi ringrazia enormemente di aver condiviso
queste informazioni con lui. Ma la verità è che non deve ringraziare me, ma lei!
Con queste righe le faccio arrivare i miei migliori omaggi. La mia ammirazione
per la sua saggezza e il mio ringraziamento per condividere le sue conoscenze.
Per sempre grato,
Giovany Pulli (Siena, Italia)

21

Addio Colon Irritabile

Egregio Jack.
Non sono solita scrivere ma questa volta non posso
esimermi. Ho letto tutto il suo libro “Addio Colon
Irritabile™".
Richiamò la mia attenzione il suo titolo e mi sentii
coinvolta

perché

soffro

i

disturbi

provocati

dal

funzionamento scorretto dell’intestino.
Un poco incredula, lo comperai per vedere cosa dicesse, anche perché non era
affatto caro. Cos’altro potrebbero dirmi che già non avessi ascoltato dai medici?
Ne restai sorpresa. Trovai indicazioni molto utili. Tornai a leggerlo un’altra
volta, sottolineando i paragrafi che mi interessavano, perché erano consigli
pratici e questa volta iniziai a mettere in pratica ciascuno dei consigli.
Con i cambiamenti che feci nella mia alimentazione non tardai a osservare
risultati positivi. Successivamente misi in pratica tutti i cambiamenti di cui
avevo bisogno per sentirmi a mille. La verità è che i problemi intestinali sono
stati la mia sofferenza durante tutta la mia adolescenza, perché mi sembrava
che a ogni ciclo mestruale si acutizzassero. A 23 anni rimasi incinta è per alcuni
mesi mi sembrò che stesse migliorando. Ma i problemi intestinali non tardarono
nel ripresentarsi, ogni volta con maggiore frequenza e intensità. La settimana
prossima compio 30 anni e posso dire, se ho la fortuna di continuare così, che li
compirò libera dai disturbi intestinali. E tutto grazie al suo metodo!
Attendo che scriva altri libri come questo, visto che si tratta di un vero aiuto
per chi è disperato a causa dei malesseri intestinali. La ringrazio di tutto cuore
per il suo libro amico. Un abbraccio.
Catalina Lacava (Firenze, Italia)

22

   

1  

La  Cucina  Brucia  Grassi:  
Trasforma  il  tuo  corpo  in  una  macchina  brucia-­‐grassi  in  
meno  di  24  ore  
 
di  Mike  Geary,  personal  trainer  e  nutrizionista  specializzato  
&  Catherine  Ebeling,  infermiera  specializzata  

 
 
 
 
 
DICHIARAZIONE  DI  NON  RESPONSABILITÀ:  Le  informazioni  fornite  da  questo  sito  web  o  da  questa  società  non  equivalgono  ad  una  
visita  specialistica  e  non  intendono  fornire  consigli  medici  specifici.  Nel  caso  di  un  problema  persistente  consulta  il  tuo  specialista.  Le  
persone  che  hanno  fornito  la  loro  testimonianza  sono  casi  singoli,  e  non  una  garanzia  del  fatto  che  tu  otterrai  gli  stessi  risultati.  
Questo  sito  si  propone  di  soddisfare  unicamente  esigenze  personali  e  di  informazione  e  non  costituisce  un  tentativo  di  prescrivere  
farmaci  o  di  esercitare  la  professione  medica,  né  deve  essere  interpretato  come  una  proposta  di  cura  per  malattie  acute  o  croniche.  È  
sempre  consigliabile  consultare  un  medico  prima  di  prendere  qualsiasi  decisione  riguardante  la  propria  salute.  
I  proprietari  di  questo  sito  si  impegnano  a  fornire  sempre  informazioni  aggiornate,  ma  non  ne  garantiscono  l’accuratezza  e  la  
completezza.  I  proprietari  di  questo  sito  declinano  ogni  responsabilità  per  qualsiasi  tipo  di  danno  derivante  dall’accesso  o  
dall’impossibilità  di  accedere  a  questo  sito  web,  o  dall’affidabilità  di  qualunque  informazione  fornita  su  questo  sito.  
Tutti  i  diritti  sono  riservati.  Nessuna  parte  della  presente  pubblicazione  può  essere  riprodotta,  trasmessa,  trascritta,  
conservata  o  tradotta,  in  nessuna  forma  e  per  nessuna  finalità,  senza  il  permesso  scritto  dell’autore.  

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

2  

INDICE  
 
PARTE  PRIMA  
Inizia  a  ripulirti!  
 
 
INTRODUZIONE  –  IMPORTANTE:  LEGGERE  PRIMA  DI  COMINCIARE                                                                                                                            5  
 
CAPITOLO  1  
Cibi  prodotti  con  farine  raffinate  e  prodotti  a  base  di  mais                                                                                                                                                              9  
 
CAPITOLO  2  
Cibi  e  bevande  con  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio                                                                                                                            14  
 
CAPITOLO  3  
Margarine,  oli  vegetali,  grassi  insaturi,  Crisco                                                                                                                                                                                                        18  
 
CAPITOLO  4  
Dolcificanti  artificiali  -­‐  Sucralosio,  aspartame,  saccarina                                                                                                                                                                    22  
 
CAPITOLO  5  
Latticini  pastorizzati  industriali                                                                                                                                                                                                                                                            27  
 
CAPITOLO  6  
Carne  e  pesce  d’allevamento                                                                                                                                                                                                                                                                31  
 
CAPITOLO  7  
Prodotti  a  base  di  soia:  latte  di  soia,  tofu,  TPV                                                                                                                                                                                                      37  
 
CAPITOLO  8  
Bevande  energetiche                                                                                                                                                                                                                                                                                            41  
 
CAPITOLO  9  
Barrette  energetiche                                                                                                                                                                                                                                                                                              45  
 
CAPITOLO  10  
Alimenti  trattati,  pasti  sostitutivi,  snack  e  dolci  dietetici                                                                                                                                                                  48  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

3  

PARTE  SECONDA  
La  spesa  giusta  per  la  Cucina  Brucia  Grassi  
 
CAPITOLO  11  
Proteine  animali  di  alta  qualità,  pesce  fresco,  pollame  ruspante,  uova  provenienti  da  galline  allevate  a  
terra                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      52  
 
CAPITOLO  12  
Latticini  freschi                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  61  
 
CAPITOLO  13  
Burro  di  alta  qualità,  olio  di  cocco,  strutto                                                                                                                                                                                                                    63  
 
CAPITOLO  14  
Frutta  secca                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            67  
 
CAPITOLO  15  
Avocado                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          70  
 
CAPITOLO  16  
Frutti  rossi                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  71  
 
CAPITOLO  17  
Ortaggi  a  foglia  verde                                                                                                                                                                                                                                                                                            72  
 
CAPITOLO  18  
Dolcificanti  salutari:  sciroppo  d’acero,  miele,  stevia                                                                                                                                                                                  76  
 
CAPITOLO  19  
Barrette  energetiche  salutari                                                                                                                                                                                                                                                                79  
 
CAPITOLO  20  
Cioccolato  fondente                                                                                                                                                                                                                                                                                                81  
 
CAPITOLO  21  
Tè  verde,  tè  oolong,  tè  nero,  Mate,  infusi                                                                                                                                                                                                                      83  
 
CAPITOLO  22  
Che  cosa  non  deve  mai  mancare  in  cucina                                                                                                                                                                                                                  85  
 
CAPITOLO  23  
La  trasformazione  è  iniziata!                                                                                                                                                                                                                                                                  90  
 
SEZIONE  SPECIALE:  
Il  piano  nutrizionale  avanzato:  programma  accelerato  di  perdita  di  peso  in  23  giorni                                                      91  
 

 
 
 
 
 

4  

Introduzione  –  Importante:  Leggere  Prima  Di  Iniziare  
 
Comincerò  questo  libro  dicendo  una  cosa  che  potrebbe  sorprenderti,  specialmente  se  si  considera  
che  faccio  questa  affermazione  in  un  libro  che  parla  di  buona  alimentazione:  puoi  ufficialmente  
SMETTERE  di  contare  le  calorie!  
 
So  che  può  sembrare  assurdo,  perché  è  vero  che  è  il  rapporto  tra  le  calorie  introdotte  e  calorie  
bruciate  in  un  dato  periodo  di  tempo  a  determinare  l’aumento  o  la  perdita  di  peso.  
Comunque  sia,  molti  studi  dimostrano  che  la  maggioranza  delle  persone  tende  a  sottovalutare  
l’apporto  di  calorie  che  assume,  il  che  rende  molto  approssimativo  il  conteggio  delle  calorie.    
 
Inoltre  ti  dimostrerò  che  contare  le  calorie  è  inutile,  una  volta  che  hai  capito  un  principio  molto  
importante  per  una  corretta  nutrizione.  
 
Questo  principio  viene  spesso  sottovalutato  da  dietologi,  nutrizionisti  e  altri  esperti  di  salute  che  
basano  i  loro  consigli  sulla  piramide  alimentare,  perciò  non  desta  meraviglia  la  gran  confusione  
delle  persone  rispetto  alla  nutrizione.  
 
Il  principio  di  cui  sto  per  parlare  è  in  assoluto  il  più  importante  riguardo  al  comportamento  
alimentare  da  tenere  per  avere  una  salute  di  ferro  e  un  fisico  longilineo.  
 
E  questo  principio  è  la  Densità  Nutrizionale  del  cibo  che  mangiamo.  
 
Proprio  così:  il  concetto  di  densità  nutrizionale  rende  inutile  e  obsoleto  il  conteggio  delle  calorie.  
Sto  parlando  di  densità  micro-­‐nutrizionale,  e  non  macro-­‐nutrizionale.  
 
Se  tutto  il  cibo  che  mangiamo  ogni  giorno  contiene  un’altissima  densità  micro-­‐nutrizionale,  il  
corpo  acquisisce  automaticamente  tutti  i  nutrienti  di  cui  necessita,  e  regola  autonomamente  la  
sensazione  di  fame  e  il  giusto  apporto  calorico,  senza  il  bisogno  di  dover  fare  rinunce  per  tenere  
sotto  controllo  le  calorie  ingerite.  
 
Se  pensi  che  un’alta  densità  nutrizionale  sia  contenuta  soltanto  in  frutta  e  verdura,  sappi  che  non  
è  così!  Nel  corso  della  lettura  di  questo  libro  imparerai  che  anche  alcuni  cibi  che,  purtroppo  per  te,  
credevi  eccessivamente  grassi  (uova,  alcuni  tipi  di  carne,  noci,  alcuni  oli,  burro  ecc.)  hanno  un’alta  
densità  nutrizionale.  
 
Pensaci  un  momento:  se  ogni  giorno  ti  alimenti  con  cibi  ad  alto  contenuto  calorico  ma  a  basso  
contenuto  nutrizionale  (come  pasta,  dolci,  biscotti,  crackers  ecc.)  il  tuo  corpo  richiederà  sempre  
più  cibo,  anche  se  probabilmente  hai  già  introdotto  le  calorie  necessarie  per  mantenere  il  tuo  peso  
in  equilibrio.  
 
Se,  invece,  la  tua  alimentazione  è  costituita  da  cibi  ad  altissima  densità  nutrizionale,  a  prescindere  
dal  contenuto  calorico  di  quello  che  mangi,  il  corpo  provvede  automaticamente  a  regolare  il  senso  
di  fame  e  a  eliminare  le  voglie,  perché  ha  già  ottenuto  le  sostanze  nutritive  di  cui  necessitava.  
 
 
 
 
 

5  

La  trasformazione  dei  cibi  
 
Un  altro  aspetto  importante  a  proposito  dei  cibi  che  mangi,  che  si  riflette  sulla  tua  salute  e  sulla  
tua  percentuale  di  grasso  corporeo,  è  la  trasformazione  dei  cibi.  In  generale,  possiamo  affermare  
che  è  la  trasformazione  dei  cibi  a  controllare  davvero  il  modo  in  cui  il  nostro  corpo  reagisce  al  cibo  
che  mangiamo.  
 
Le  diverse  opinioni  che  spesso  si  sentono  su  quale  sia  il  giusto  tipo  di  dieta  (pochi  carboidrati,  
senza  carboidrati,  senza  grassi,  iperproteica,  vegetariana,  ecc)  sono  TUTTE  SBAGLIATE!  Esatto…  
 
Analizzando  la  dieta  dei  nostri  antenati  preistorici,  scopriamo  che  si  alimentavano  sempre  di  cibi  
naturali,  non  trattati.  Se  questa  dieta  fosse  altamente  proteica,  ad  alto  contenuto  di  grassi,  con  o  
senza  carboidrati  non  sembra  essere  di  fondamentale  importanza.  
 
Anche  se  erano  in  grado  di  immagazzinare  molto  grasso,  gli  uomini  preistorici  erano  raramente  
obesi,  perché  solo  per  procurarsi  il  cibo  dovevano  lavorare  sodo  e  bruciavano  ogni  singola  caloria  
consumata.  In  queste  migliaia  di  anni  ci  sono  stati  enormi  cambiamenti  nel  campo  dell’agricoltura  
e  della  tecnologia,  e  questo  ha  fatto  sì  che  il  cibo  diventasse  la  risorsa  estremamente  accessibile  
che  è  al  giorno  d’oggi;  l’evoluzione,  però,  non  è  riuscita  a  tenersi  al  passo  in  questo  arco  
temporale.  Non  dobbiamo  più  passare  le  giornate  a  procurarci  il  cibo  cacciando,  dal  momento  che  
ce  n’è  in  abbondanza  ovunque  (e  per  la  maggior  parte  è  completamente  diverso  da  quello  che  
mangiavano  i  nostri  predecessori:  nella  moderna  dieta  occidentale  il  70%  delle  calorie  ingerite  
proviene  dai  cereali  o  dai  loro  derivati).  
 
Sono  molte  le  ragioni  per  cui  guadagniamo  peso,  ma  sono  pochi  i  motivi  per  cui  accumuliamo  
grasso  in  eccesso.  Se  rimuoviamo  i  cibi  che  favoriscono  l’accumulo  di  grasso  dalla  nostra  dieta  e  
sopprimiamo  la  maggior  parte  delle  tentazioni  che  ci  spingono  a  mangiare  cibi  grassi,  dovremmo  
essere  sulla  buona  strada  per  rivoluzionare  la  nostra  cucina  e  trasformare  i  nostri  corpi  in  
macchine  magre  ed  energiche.  
 
Il  corpo  umano,  sin  dai  tempi  della  preistoria,  è  programmato  per  funzionare  meglio  con  cibi  
interi,  non  trattati,  con  proteine  di  buona  qualità,  grassi  salutari,  frutta  e  verdura.  Se  tornassimo  a  
una  dieta  quanto  più  possibile  somigliante  a  quella  dei  nostri  antenati,  avremmo  il  corpo  magro  e  
forte  che  sogniamo.  
 
Non  solo  vedremmo  nello  specchio  corpi  più  magri  e  più  forti,  ma  l’incidenza  delle  cosiddette  
malattie  moderne  comincerebbe  a  diminuire:  irritabilità,  depressione,  disturbi  dell’attenzione,  
artrite,  diabete,  sindrome  dell’intestino  irritabile  e  molte  altre  ancora.  Sono  tutti  disturbi  connessi  
all’infiammazione  provocata  dall’ingestione  di  troppo  cibo  spazzatura.  
 
Siamo  stati  in  qualche  modo  portati  a  credere  che  i  cibi  istantanei,  veloci,  precotti  ci  avrebbero  
fatto  guadagnare  in  termini  di  magrezza  e  salute.  Molte  persone  obese  pensano  che  si  tratti  di  
pasti  dietetici.  Niente  è  più  lontano  dalla  verità!  I  pasti  dietetici  trattati  sono  pieni  di  conservanti,  
sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio,  farine  industriali,  ripieni  artificiali,  proteine  della  
soia  e  i  grassi  più  nocivi.  Questi  cibi  causano  infiammazioni,  stimolano  la  produzione  di  insulina  e  
non  contengono  nessuna  sostanza  nutritiva.  E  soprattutto,  mangiare  questo  tipo  di  alimenti  ti  farà  
solo  INGRASSARE!  
 

 

6  

Con  la  piramide  alimentare,  ci  hanno  convinti  che  abbiamo  bisogno  di  moltissimi  carboidrati.  E  in  
America  le  persone  hanno  acquistato  più  prodotti  contenenti  carboidrati.  Anche  i  cosiddetti  cibi  
sani  spesso  non  sono  riconosciuti  come  buoni  dal  nostro  organismo.  Dimenticati  le  etichette  
“senza  grassi”  (in  realtà,  piene  di  zuccheri  e  carboidrati  dannosi)  e  “senza  zucchero”!  Non  è  altro  
che  veleno  e  terreno  fertile  per  l’accumulo  di  grasso.  
 
Dimentica  i  cibi  “dietetici”  veloci  ed  economici!  Ci  vorranno  anni  per  
curare  obesità,  malattie  cardiache,  cancro  e  diabete,  solo  per  
nominare  alcuni  disturbi  provocati  da  una  cattiva  alimentazione.  Per  
non  parlare  poi  di  quanto  sono  dannosi  per  il  metabolismo,  il  che  
implica  un’enorme  difficoltà  a  bruciare  i  grassi.  Se  vuoi  una  dieta  sana,  
prendi  una  mela,  qualche  noce,  un  po’  di  carne  secca  (senza  nitrati  o  
sciroppo  di  mais),  ed  ecco  uno  spuntino  perfetto.    
 
Dobbiamo  tornare  alla  nostra  dieta  REALE,  imitando  i  nostri  magri  e  
forti  predecessori.  
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

7  

PARTE  PRIMA  
 
Inizia  a  ripulirti!  
 

Ecco  una  lista  dei  tipici  alimenti  che  costituiscono  la  scorta  di  una  persona  che  vuole  dimagrire.  
Controlla  la  tua  dispensa  e  accertati  che  nessuno  di  questi  stia  inquinando  la  tua  cucina:  
 
• Frullati  Slim-­‐fast:  tutt’altro  che  salutari,  sono  pieni  di  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  
fruttosio,  oli  idrogenati  e  un  mucchio  di  altri  agenti  chimici  che  non  faranno  altro  che  
aggiungere  massa  grassa  al  tuo  corpo.  
 
• Torte  di  riso  senza  grassi:  non  è  altro  che  amido  raffinato  senza  fibre,  che  nel  tuo  corpo  si  
trasforma  immediatamente  in  zucchero,  alzando  il  livello  di  insulina  e  aiutando  il  corpo  a  
immagazzinare  grassi.    
 
• Barrette  proteiche/energetiche:  un  concentrato  di  proteine  della  soia,  tecnicamente  
inutilizzabili  dal  tuo  organismo,  oli  idrogenati,  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  
fruttosio  e  conservanti  artificiali.  Praticamente  una  caramella  gigante  mascherata  dalla  
confezione.  Buttale  via  subito!  
 
• Dolci  a  basso  contenuto  di  zucchero:  contengono  dolcificanti  artificiali  che  ingannano  il  tuo  
cervello  e  aumentano  il  tuo  senso  di  fame,  zuccheri  dell’alcol,  conservanti  e  una  lista  di  
ingredienti  chimici  lunga  circa  15  righe.  Non  c’è  proprio  niente  di  buono.  È  un  esperimento  
fallito  di  uno  scienziato  pazzo!  
 
• Bibite  dietetiche:  sono  piene  di  dolcificanti  artificiali  come  NutraSweet  o  Splenda.  Fanno  
più  male  che  bene,  alzano  il  livello  di  insulina  nel  corpo  e  causano  fame  e  accumuli  di  
grasso.  Dietetiche?  Non  credo  proprio!  
 
• Patatine,  crackers,  biscotti:  sono  pieni  di  grassi  idrogenati  (ovvero,  infarto  in  scatola),  oli  
Omega-­‐6  e  farine  raffinate.  Cibi  a  così  alta  densità  di  carboidrati  fanno  ingrassare  
all’istante!  
 
• Oli  vegetali  raffinati  come  olio  di  mais,  di  semi  di  girasole,  di  colza,  di  cartamo  oppur  il  
peggio  del  peggio,  l’insaporitore  Crisco:  contengono  acidi  grassi  Omega-­‐6  ossidati,  il  che  
porta  a  infiammazioni,  disfunzioni  cardiache  e  obesità.  
 
• Cereali  dolci:  sono  pubblicizzati  come  cibi  sani  e  ad  alto  contenuto  di  fibre,  ma  in  realtà  
sono  ricchi  di  zuccheri  e  cereali  grassi  raffinati,  come  mais,  farina  di  soia  e  farina  di  grano.  
Fanno  aumentare  il  senso  di  fame  e  innalzano  i  livelli  di  zucchero  e  di  insulina  nel  sangue,  
rendendo  il  tuo  corpo  una  macchina  che  accumula  i  grassi.  
 
 
 
 
 
 
 
 

8  

CAPITOLO  1  
 
Cibi  prodotti  con  farine  raffinate—  Pasta,  biscotti,  crackers,  pane  ecc.  
 
I  nostri  predecessori  non  mangiavano  cereali,  o  perlomeno  non  nella  forma  in  cui  li  mangiamo  noi  
oggi.  Il  famoso  autore  di  nutrizione  Michael  Pollan  spiega,  nel  suo  illuminante  libro  In  difesa  del  
cibo,  che  l’umanità  ha  conosciuto  complessivamente  circa  80.000  specie  diverse  di  piante  
commestibili,  animali  e  funghi,  e  di  queste  specie  solo  3.000  hanno  fatto  parte  della  dieta  umana.  
 
Ora  preparati  a  vedere  dei  dati  scioccanti…  
 
Attualmente,  l’adulto  medio  che  segue  la  tipica  dieta  moderna  occidentale  in  Paesi  come  Stati  
Uniti,  Canada  e  Australia  assume  circa  il  67%  del  suo  apporto  calorico  totale  da  soli  tre  cibi:  MAIS,  
SOIA  E  FARINA  e  dai  loro  derivati,  come  sciroppo  di  mais,  olio  di  mais,  olio  di  semi  di  soia,  farina  
bianca  ecc.  
 
Quale  dovrebbe  essere,  in  realtà,  il  giusto  apporto  di  mais,  soia  e  farina  nella  dieta  dell’uomo?  
Basandoci  su  decine  di  migliaia  di  anni  di  storia  e  su  quella  che  era  la  dieta  dei  nostri  antenati  (che  
indica  che  cosa  il  nostro  apparato  digerente  è  ancora  in  grado  di  processare),  dovrebbe  essere  un  
valore  compreso  tra  l’1  e  il  5%  AL  MASSIMO  delle  nostre  calorie  totali.  
 
Non  ci  meraviglia  dunque  il  fatto  che  i  cereali  siano  responsabili  di  aumento  di  peso,  alte  
concentrazioni  di  zucchero  nel  sangue,  infiammazioni  e  malattie  degenerative.  Negli  anni  Settanta,  
l’Americano  medio  mangiava  all’anno  39  kg  di  farina,  38  kg  di  dolcificanti,  4  kg  di  patate  fritte  e  18  
kg  di  olio  per  friggere.  Già  allora  non  andava  bene.  Ma  andiamo  negli  anni  Novanta…  
 
Nel  1997  i  valori  sono  diventati  questi:  55,5  kg  di  farina,  48  kg  
di  zucchero  o  altri  dolcificanti,  10  kg  di  patate  fritte  e  circa  25  
kg  di  olio  per  friggere  (questi  dati  sono  attualissimi  anche  in  
Italia,  anche  se  leggermente  inferiori).  Quasi  mezzo  chilo  di  
cibo  notoriamente  nocivo  al  giorno!  E  questo  senza  contare  un  
sacco  di  altro  cibo  spazzatura…  Ovviamente  è  questa  la  
ragione  per  cui  molte  persone  sono  in  sovrappeso  o  obese.  E  
oggi  le  farine  sono  più  raffinate  che  mai,  il  che  significa  che  
sono  prive  delle  fibre  e  dei  nutrienti  essenziali.  Un  altro  
problema  derivante  dall’eccesso  di  cereali  nella  nostra  dieta  è  il  glutine,  che  può  essere  irritante  
per  lo  stomaco  e  provocare  infiammazioni  croniche,  problemi  digestivi  e,  nel  peggiore  dei  casi,  
malattie  autoimmuni.  
 
Le  farine  bianche  raffinate,  come  la  farina  di  grano,  mancano  delle  due  parti  del  seme  più  nutrienti  
e  ricche  di  fibre:  la  crusca  e  il  germe.  
 
Una  dieta  basata  principalmente  su  cereali  e  amidi  ti  farà  sentire  spossato,  malnutrito,  costipato,  
nervoso  e  depresso,  oltre  a  renderti  un  soggetto  particolarmente  incline  alle  malattie  croniche.  
 
Più  cibi  a  base  di  cereali  mangiamo,  maggiore  è  la  quantità  di  insulina  richiesta  dal  corpo  per  
digerire  velocemente  i  carboidrati.  Nel  tempo,  questo  fa  sì  che  il  corpo  diventi  resistente  
all’insulina,  aprendo  le  porte  al  diabete  e  all’aumento  di  peso.  I  carboidrati  raffinati  si  trasformano  
 

9  

molto  velocemente  in  glucosio  nel  nostro  sistema,  stimolando  la  produzione  di  insulina.  Si  
innesca  un  circolo  vizioso:  l’insulina  promuove  l’accumulo  di  riserve  di  grassi,  causando  un  rapido  
aumento  di  peso,  alti  livelli  di  trigliceridi,  infiammazioni,  aterosclerosi,  diabete  e  malattie  
cardiache.  
 
“Farina  arricchita  con  vitamine”  è  una  dicitura  fuorviante:  sono  solo  quattro  le  vitamine  e  i  
minerali  aggiunti,  mentre  sono  15  i  nutrienti  essenziali  che  vengono  rimossi,  oltre  alla  maggior  
parte  delle  fibre  e  delle  altre  sostanze  benefiche,  come  gli  antiossidanti.  
 
Mangiare  molti  prodotti  a  base  di  grano  costituisce  una  delle  cause  di  letargia,  stanchezza  fisica  e  
mentale,  sensazione  di  gonfiore  e  irritabilità.  Molti  non  collegherebbero  questi  sintomi  
all’alimentazione;  ma  devi  sapere  che  aumento  di  peso,  sintomi  fisici  e  mentali  sono  molto  più  
frequenti  se  si  ha  un’alta  sensibilità  al  glutine.  Il  glutine  è  la  proteina  contenuta  in  grano,  orzo  e  
segale.  È  molto  spesso  contenuto  nei  cibi  industriali,  perciò  è  difficile  da  evitare.  Negli  ultimi  tempi  
i  disturbi  causati  dal  glutine  sembrano  destare  più  attenzione  (infatti  nei  supermercati  c’è  spesso  
una  sezione  apposita  per  i  prodotti  senza  glutine),  comunque  è  meglio  evitare  tutte  le  farine  
lavorate.  
 
Nella  dieta  americana,  un  po’  in  quella  italiana,  è  molto  diffuso  anche  il  mais.  La  coltivazione  su  
larga  scala  e  i  sussidi  del  Governo  aiutano  a  tenere  basso  il  prezzo  del  mais,  il  che  a  sua  volta  aiuta  
a  tenere  basso  il  prezzo  di  molto  cibo-­‐spazzatura  che  a  volte  compriamo  proprio  perché  è  
economico.  
 
Contrariamente  a  quanto  si  crede,  il  mais  fa  parte  delle  granaglie,  non  delle  verdure,  e  non  è  un  
buon  cibo  da  introdurre  nella  dieta,  per  varie  ragioni:  non  nutre,  contiene  troppi  grassi  omega-­‐6  
che  causano  infiammazioni,  innalza  il  livello  degli  zuccheri  nel  sangue.  
 
Quando  popolazioni  come  i  Maya  e  gli  Indiani  d’America  cambiarono  la  loro  dieta  originale  con  
una  a  base  di  mais,  aumentarono  vertiginosamente  i  casi  di  anemia,  artrite,  rachitismo  e  
osteoporosi.  
 
Il  nostro  organismo  non  è  fatto  per  essere  alimentato  con  una  tale  quantità  di  cibi  a  base  di  grano.  
 
Questo  è  provato  dai  “registri  archeologici”  dei  nostri  predecessori:  analizzando  lo  scheletro  di  un  
Indiano  d’America  che  si  alimentava  principalmente  con  prodotti  derivati  dal  mais,  gli  archeologi,  
hanno  trovato  il  50%  in  più  di  malnutrizione,  una  carenza  di  ferro  di  quattro  volte  superiore  e  il  
triplo  delle  malattie  infettive  rispetto  ai  nostri  antenati  cacciatori,  la  cui  alimentazione  era  
costituita  prevalentemente  di  frutta  e  verdura.  
 
Tieni  presente  che  qui  non  parliamo  solo  di  mais  in  senso  stretto,  ma  anche  di  corn-­‐flakes,  nachos  
e  altri  cibi  moderni  a  base  di  mais  che  sono  pubblicizzati  come  salutari.  Secondo  i  ricercatori,  sono  
varie  le  ragioni  che  provano  che  una  dieta  a  base  di  mais  fa  ingrassare:  
 
• Il  mais  contiene  moltissimi  amidi  e  zuccheri  che  si  digeriscono  velocemente  e  che  quindi  
alzano  la  concentrazione  di  insulina,  causano  senso  di  fame  e  portano  il  corpo  ad  
accumulare  riserve  di  cibo  sotto  forma  di  grasso.  Stai  attento:  anche  se  il  mais  non  ha  un  
sapore  dolce,  non  vuol  dire  che  non  sia  pieno  di  zuccheri.  Una  volta  introdotto  
nell’organismo,  il  mais  si  trasforma  in  zucchero  in  men  che  non  si  dica.  Anche  gli  amidi  
 

10  

contenuti  nei  derivati  del  mais  hanno  la  stessa  velocità  di  assorbimento,  perciò  fanno  
alzare  la  concentrazione  di  zucchero  nel  sangue  e  causano  una  voglia  sempre  maggiore  di  
carboidrati.  

 


Il  mais  è  povero  di  proteine.  Di  solito  manca  di  tre  degli  otto  amminoacidi  essenziali:  lisina,  
isoleucina  e  triptofano.  Gli  amminoacidi  essenziali  si  chiamano  così  proprio  perché  devono  
essere  introdotti  con  la  dieta,  dal  momento  che  il  corpo  è  incapace  di  produrli.  



Il  mais  contiene  un’altissima  percentuale  di  acido  fitico,  un  agente  chimico  antinutriente  
che  si  lega  al  ferro  e  inibisce  l’assorbimento  di  questo  importantissimo  elemento.  Di  
conseguenza,  una  dieta  ad  alto  contenuto  di  acido  fitico  rende  le  persone  soggette  a  
carenza  di  ferro,  anemia  e  affaticamento.  L’acido  fitico  blocca  l’assorbimento  delle  
sostanze  nutritive  e  rende  le  vitamine  e  i  minerali  più  difficili  da  utilizzare.  



Il  mais  non  contiene  alcuni  minerali  come  il  calcio,  né  alcune  vitamine  come  la  niacina  
(vitamina  B3).  La  carenza  di  niacina  può  causare  la  pellagra,  malattia  molto  diffusa  tra  le  
popolazioni  che  si  nutrono  prevalentemente  di  mais  e  derivati.  Può  causare  anche  una  
serie  di  altri  sintomi  come  dermatiti,  diarrea  e  depressione.  Dal  momento  che  oggi  ci  
alimentiamo  con  molto  mais,  non  sorprende  che  questi  siano  sintomi  comuni.  
 
L’olio  di  semi  di  mais,  insieme  a  quello  di  soia,  è  contenuto  in  molti  cibi  trattati.  Entrambi  
questi  oli  sono  troppo  ricchi  di  grassi  omega-­‐6,  che  favoriscono  le  infiammazioni,  e  poveri  
di  grassi  omega-­‐3,  che  invece  sono  antinfiammatori.  Ne  deriva  uno  scompenso  
dell’equilibrio  tra  omega-­‐3  e  omega-­‐6,  che  può  causare  malattie  degenerative  e  aumento  
di  peso  nel  tempo.  In  più,  l’olio  di  mais  e  quello  di  soia  sono  trattati  con  alte  temperature  e  
con  solventi  che  ossidano  e  danneggiano  gli  oli  polinsaturi  e  li  rendono  ancora  più  dannosi  
se  sono  inseriti  nella  lista  degli  ingredienti  di  alimenti  trattati.  

 

 



 
Non  sono  solo  le  persone  a  mangiare  cibi  troppo  ricchi  di  mais.  Gran  parte  del  raccolto  finisce  nei  
mangimi  per  il  bestiame  di  allevamenti  industriali,  che  sono  messi  all’ingrasso  con  mais  e  altre  
granaglie  prima  di  essere  macellati.  Anche  le  carni  provenienti  da  allevamenti  industriali,  dunque,  
contengono  eccessive  quantità  di  acidi  grassi  omega-­‐6,  mentre  la  carne  dei  capi  di  bestiame  
alimentati  a  erba  contiene  percentuali  più  alte  di  omega-­‐3.  La  maggior  parte  della  carne  che  si  
compra  al  supermercato  proviene  da  animali  alimentata  a  mais.  
 
Poiché  il  mais  e  le  altre  granaglie  non  fanno  parte  della  nostra  dieta  per  natura  e  sono  difficili  da  
digerire,  il  bestiame  nutrito  con  granaglie  ha  spesso  un  pH  troppo  acido,  che  costituisce  l’ambiente  
ideale  per  l’Escherichia  Coli  O157:H7,  il  ceppo  più  pericoloso  del  batterio.  
 
Anche  se  eliminare  dalla  dieta  le  granaglie  trattate  come  il  mais  e  la  farina  (eh,  sì,  sono  davvero  
ovunque!)  può  sembrare  una  missione  impossibile,  la  ricompensa  sarà  il  ritorno  di  una  salute  di  
ferro,  occhi  brillanti,  pelle  liscia,  lucidità  mentale  e  perdita  di  peso,  perché  il  corpo  sarà  di  nuovo  in  
grado  di  estrarre  le  giuste  sostanze  nutritive  dal  cibo  e  di  riequilibrare  carenze  alimentari  derivate  
dal  malassorbimento.  
 

Una  volta  che  avrai  imparato  a  seguire  una  dieta  a  base  di  cibi  naturali  e  non  trattati,  inizierai  a  
eliminare  gran  parte  di  questi  cereali.  
 
 

11  

Anche  se  molti  negozi  di  alimentari  e  molti  siti  Internet  oggi  offrono  una  vasta  gamma  di  prodotti  
senza  farina  di  grano  e  senza  glutine,  compresi  pane,  panini,  biscotti,  dolci,  ciambelle  ecc,  è  meglio  
evitarli  il  più  possibile.  Anche  se  sono  prodotti  senza  farina,  contengono  ugualmente  altri  cereali  
trattati  e  trasformati  o  sostituti  della  farina  di  grano,  come  la  farina  di  tapioca  e  quella  di  mais.  La  
cosa  migliore  da  fare  è  evitare  tutte  le  granaglie,  specialmente  il  grano  e  il  mais.  Sostituirli  con  altri  
tipi  di  farine  potrebbe  apportare  qualche  piccolo  miglioramento,  ma  non  il  salto  di  qualità  di  cui  
necessiti.  
 
Prova  a  stare  due  settimane  senza  mangiare  cereali.  Ti  garantisco  che  vedrai  incredibili  
miglioramenti  per  quanto  riguarda  il  peso  e  la  forma  fisica  in  generale!  È  più  facile  di  quanto  
pensi…  Per  esempio,  invece  di  mangiare  pasta  al  sugo  e  carne  a  cena,  prova  a  mangiare  solo  carne  
di  bestiame  alimentato  a  erba  e  verdure  condite  con  il  parmigiano.  È  un  pasto  delizioso  e  
completamente  senza  glutine!    
 
Un  altro  esempio  è  la  colazione…  Invece  di  cereali,  panini  o  merendine,  prova  a  basare  la  tua  
colazione  su  uova  di  galline  allevate  a  terra,  molta  verdura,  e  magari  anche  qualche  salsiccia  di  
manzo,  di  pollo  o  tacchino  senza  nitriti  e  nitrati.  Se  sei  una  persona  molto  dinamica  e  hai  bisogno  
di  più  carboidrati  a  colazione,  invece  dei  cereali  mangia  un  po’di  frutta  o  bevi  un  tè  con  un  po’di  
miele,  oltre  a  mangiare  uova  e  verdura…  è  una  colazione  buona  e  soddisfacente,  che  aiuta  a  
tenere  sotto  controllo  il  livello  di  zuccheri  nel  sangue,  regola  gli  ormoni  ed  elimina  gli  antinutrienti  
contenuti  nelle  granaglie.  
 
Questi  sono  soltanto  degli  esempi,  ma  credo  che  tu  stia  già  iniziando  a  capire  quanto  può  essere  
semplice.  
 
So  che  può  essere  difficile  smettere  completamente  di  mangiare  glutine:  la  cosa  più  semplice  da  
fare  è  mangiare  cereali,  pane  e  pasta  nell’unico  giorno  “libero”  concesso  alla  settimana  (hai  a  
disposizione  un  giorno  a  settimana  per  sgarrare  e  mangiare  quello  che  vuoi!),  senza  
toccarli  durante  gli  altri  sei  giorni.  Il  tuo  corpo  ti  ringrazierà!  
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

12  

CIBI  A  BASE  DI  FARINE  RAFFINATE  DA  EVITARE  
 
• Pane,  panini,  merendine  
• Biscotti  
• Crackers  
• Pasta  ad  alto  contenuto  di  farina  
• Torte  
• Cereali  a  base  di  farine  raffinate  (anche  il  grano  intero  dovrebbe  essere  consumato  
occasionalmente)  
• Cibi  precotti,  preconfezionati  e  salse  
• Pasta  e  formaggio  preconfezionati  
• Zuppe  istantanee  
• Cene  precotte  a  base  di  pasta  
• Farina  bianca  
• Patatine  
• Nachos  
• Cereali  di  mais  (specialmente  se  dolci)  
• Qualsiasi  cosa  in  cui  il  mais  costituisca  l’ingrediente  principale  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

13  

CAPITOLO  2  
 
Cibi  e  bevande  con  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio:  bibite  gasate,  succhi  di  frutta,  
ketchup,  salse  varie  
 
Uno  degli  utilizzi  più  diffusi  del  mais  è  la  sintesi  di  un  dolcificante  molto  economico:  lo  sciroppo  di  
mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio.  La  produzione  di  questa  sostanza  è  aumentata  del  4.000%  dal  
1973,  e  oggi  lo  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  fa  concorrenza  allo  zucchero.  
 
Secondo  i  dati  del  Dipartimento  di  Agricoltura  degli  Stati  Uniti,  un  Americano  medio  consuma  ben  19  
kg  di  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  ogni  anno.  Sono  75.281  calorie  all’anno  per  
persona!  E  se  si  calcola  che  3.500  calorie  equivalgono  pressappoco  a  mezzo  chilo,  questo  vuol  dire  che  
ogni  persona  guadagna  11  kg  all’anno.  E  questo  peso  in  eccesso  viene  tutto  da  bibite  gasate,  bevande  
energetiche  e  succhi  di  frutta.  
 
I  ragazzi,  in  media,  assumono  da  15  a  20  cucchiaini  di  sciroppo  di  
mais  soltanto  bevendo  analcolici!  Altri  studi  mostrano  che  l’abitudine  
di  assumere  bevande  alla  frutta  a  colazione  si  è  consolidata  a  tal  
punto  che  questi  prodotti  hanno  sostituito  il  latte.  Iniziare  la  giornata  
con  un  pieno  di  zuccheri  porta  ad  un  crollo  dell’organismo  dopo  sole  
due  ore.  Trascorso  questo  tempo,  la  fame  aumenta,  si  mangia  e  si  
prende  peso.  
 
Non  c’è  da  stupirsi  se  i  ragazzi  di  oggi  sono  sovrappeso!  
 
Se  l’Americano  medio  potesse  eliminare  solo  una  di  queste  bevande  
ogni  giorno,  avrebbero  5kg  in  meno  ogni  anno!  Questi  prodotti  sono  in  massima  parte  dolcificati  con  lo  
sciroppo  di  mais.  
 
Nel  2009  è  stato  calcolato  che  in  America  circa  il  25%  dell’apporto  calorico  viene  dagli  zuccheri,  e  
principalmente  dallo  sciroppo  di  mais!  Ciò  significa  che  il  25%  di  ciò  che  mangiamo  contiene  soltanto  
calorie  e  nessuna  sostanza  nutritiva.  
 
La  prossima  volta  che  vai  al  supermercato,  prova  a  prendere  5  bevande  diverse,  inclusi  succhi  di  frutta  
e  bevande  energetiche,  e  leggi  le  etichette.  Sarà  traumatico  verificare  che  il  primo  o  il  secondo  
ingrediente  della  lista  è  sempre  lo  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  (abbreviato  con  
HFCS).  
 
Ora  guarda  le  etichette  di  prodotti  in  cui  mai  ti  aspetteresti  di  trovare  dei  dolcificanti:  ketchup,  salsa  di  
pomodoro,  zuppe,  cereali  e  cracker.  Lo  sciroppo  di  mais  è  ovunque;  è  possibile  che  sia  contenuto  in  
tutti  i  cibi  che  mangi  in  un’intera  giornata.  Detto  questo,  è  davvero  così  strano  che  ci  sia  un  così  alto  
tasso  di  obesità  nel  mondo?  Ecco  perché  è  meglio  evitare  TUTTI  gli  alimenti  trattati  e  acquistare  solo  
cibi  interi,  come  uova,  frutta  secca,  frutta  fresca  e  verdura.  
 
Ma  che  cos’è  lo  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio?  Non  è  un  prodotto  di  origine  naturale,  
anche  se  molti  ne  sono  convinti.  È  alterato  chimicamente  con  degli  enzimi  che  conferiscono  allo  
sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  una  concentrazione  di  zucchero  diversa  da  quella  del  
semplice  sciroppo  di  mais  (non  che  questo  sia  salutare!).  Questa  alterazione  chimica  permette  al  
glucosio  (uno  zucchero  semplice)  di  trasformarsi  in  parte  in  fruttosio.  
 

 

14  

Secondo  uno  studio  pubblicato  dall’American  Journal  of  Clinical  Nutrition  nel  2004,  dal  1970  al  1990  il  
consumo  di  HFCS  è  aumentato  del  4.000%!  È  una  quantità  nettamente  superiore  a  quella  di  qualsiasi  
altro  alimento.  Peccato  che  non  abbiamo  aumentato  così  tanto  il  nostro  consumo  di  frutta  e  verdura:  
saremmo  tutti  più  sani  e  più  magri!  
 
Studiando  questi  risultati  (e  il  conseguente  aumento  dell’obesità),  i  ricercatori  hanno  tenuto  conto  
delle  differenti  risposte  dell’organismo  a  diversi  tipi  di  zucchero.  
 
Il  fruttosio  nel  corpo  umano  si  trasforma  in  grasso  più  velocemente  di  qualunque  altro  zucchero.  
 
Potrebbe  essere  questa  una  delle  ragioni  per  cui  gli  Americani  ingrassano  così  velocemente.  Oltre  a  
determinare  un  innalzamento  dei  valori  di  zucchero  nel  sangue,  e  quindi  di  insulina,  il  fruttosio  causa  
un  significativo  aumento  dei  trigliceridi,  il  che  costituisce  una  delle  più  frequenti  cause  di  infarto.  
Nemmeno  il  fruttosio  è  così  facile  da  digerire!  
 
C’è  un’altra  differenza  tra  il  fruttosio  e  gli  zuccheri  semplici.  Il  glucosio  penetra  nelle  cellule  grazie  
all’azione  dell’insulina;  il  fruttosio,  invece,  utilizza  un  altro  tipo  di  meccanismo,  completamente  
indipendente  dall’insulina.  
 
Gli  zuccheri  semplici  danno  al  cervello  una  sensazione  di  soddisfazione,  quindi  il  senso  di  sazietà.  
 
Il  fruttosio  non  dà  senso  di  sazietà,  perché  non  arriva  a  dare  alcun  segnale  al  cervello.  Una  volta  
all’interno  delle  cellule,  il  fruttosio  si  trasforma  in  trigliceridi  molto  più  velocemente  rispetto  al  
glucosio.  Questo  vuol  dire  che  il  fruttosio  è  più  facilmente  immagazzinabile  sotto  forma  di  grasso.  
 
Ora  sembra  scontato:  lo  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  è  il  più  grande  alleato  
dell’obesità  e  di  altre  patologie  ad  essa  connesse,  come  diabete  e  infarti.  
 
Quasi  sempre  lo  sciroppo  di  mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  è  prodotto  con  mais  geneticamente  
modificato,  i  cui  effetti  collaterali  sono  ben  noti.  Gli  scienziati  hanno  scoperto  che  gli  animali  alimentati  
a  mais  geneticamente  modificato  presentano  alterazioni  nel  sangue,  al  fegato  e  ai  reni.  Anche  le  
persone  che  si  cibano  di  mais  geneticamente  modificato  sono  soggetti  a  rischio,  anche  se  è  difficile  
dimostrarlo  con  degli  esperimenti.  
 
È  universalmente  noto  che  ingerire  mercurio  è  altamente  dannoso.  Il  mercurio  avvelena  il  cervello  e  il  
sistema  nervoso.  È  altamente  tossico  per  le  donne  incinte  e  per  i  bambini  in  età  evolutiva.  Anche  una  
dose  minima  di  mercurio  può  danneggiare  lo  sviluppo  cerebrale,  la  memoria  e  le  capacità  di  
apprendimento.  
 
Negli  adulti,  l’avvelenamento  da  mercurio  costituisce  un  fattore  di  rischio  di  pari  entità:  è  stato  
collegato  a  patologie  come  morbo  di  Alzheimer,  demenza,  problemi  di  fertilità,  perdita  della  vista  e  
della  memoria,  alterazione  della  pressione  arteriosa,  disfunzioni  muscolari.  
 
Altri  studi  dimostrano  che  la  presenza  di  mercurio  nel  sistema  nervoso  centrale  determina  problemi  
psicologici,  neurologici  e  immunologici.  
 
Più  della  metà  dei  campioni  di  HFCS  analizzati  contiene  mercurio.  Anche  se  i  produttori  di  HFCS  lo  
pubblicizzano  come  naturale,  è  un  prodotto  altamente  trattato  che  assolutamente  non  esiste  in  
natura.  Trasformare  il  mais  in  HFCS  è  un’operazione  molto  diffusa,  e  per  raggiungere  tale  scopo  si  
utilizza  il  mercurio.  

 

15  

Puoi  evitarlo,  se  decidi  di  basare  la  tua  dieta  su  cibi  sani  e  naturali.  Se  decidi  di  acquistare  un  
qualunque  cibo  trattato,  leggi  attentamente  l’etichetta…  e  rimetti  il  prodotto  dov’era  se  lo  sciroppo  di  
mais  ad  alto  contenuto  di  fruttosio  compare  tra  gli  ingredienti,  soprattutto  se  al  primo  o  al  secondo  
posto.    
 
Continua  a  guardarti  in  giro,  perché  i  produttori  stanno  iniziando  ad  accorgersi  del  fatto  che  la  sfiducia  
verso  l’HFCS  sta  crescendo,  e  stanno  ricominciando  ad  usare  al  suo  posto  lo  zucchero  e  perfino  la  
stevia,  dolcificante  naturale  e  ipocalorico.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

16  

CIBI  CONTENENTI  HFCS  DA  EVITARE  
 
• Tutte  le  bibite  gasate  
• Bevande  aromatizzate  e  succhi  di  frutta  
• Limonata  in  bottiglia  
• Bevande  energetiche  dolcificate  
• Macedonie  di  frutta  e  frutta  disidratata,  se  mancano  della  dicitura  “100%  frutta”  
• Salse  per  la  carne,  ketchup  
• Cocktail  alcolici  
• Budini  e  yogurt  
• Gelati  
• Torte  e  dolci  confezionati  
• Caramelle  
• Cereali  
• Tutti  gli  sciroppi,  tranne  lo  sciroppo  d’acero  
• Barrette  ai  cereali  
• Tutti  gli  alimenti  precotti  o  confezionati,  in  genere,  contengono  HFCS.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

17  

CAPITOLO  3  
 
Margarine,  oli  vegetali,  grassi  insaturi  
 
Ci  hanno  sempre  detto  di  evitare  i  grassi.  In  realtà,  però,  i  grassi  giusti  ci  aiutano  a  dimagrire.  Invece,  
mangiare  i  grassi  sbagliati  non  solo  fa  ingrassare,  ma  può  determinare  l’insorgenza  di  una  serie  di  altre  
malattie  e  disfunzioni,  oltre  che  dell’invecchiamento  precoce.  Contrariamente  a  quanto  si  crede,  i  veri  
nemici  della  nostra  salute  sono  i  grassi  insaturi  e  gli  oli  vegetali,  e  non  il  colesterolo  o  i  grassi  saturi.  
 
Fortunatamente,  negli  ultimi  tempi  sta  emergendo  la  verità  per  quanto  riguarda  i  grassi  insaturi  e  gli  oli  
vegetali.  Sono  loro  i  principali  alleati  di  infiammazioni,  tumori,  malattie  cardiache  e  obesità,  e  non  il  
colesterolo  o  i  grassi  saturi.  
 
I  grassi  insaturi  non  sono  naturali.  Sono  oli  vegetali  idrogenati,  trattati  con  
alte  temperature  e  pressioni  e  con  altri  agenti  chimici.  Questo  fa  sì  che  l’olio,  
a  temperatura  ambiente,  tenda  a  solidificare  invece  di  restare  fluido.  I  grassi  
insaturi  sono  degli  ottimi  conservanti  per  i  cibi  in  scatola,  ma  sono  
estremamente  dannosi  per  il  corpo  umano.  
 
I  grassi  insaturi  indeboliscono  la  membrana  cellulare  e  inibiscono  il  
metabolismo  dei  nutrienti  e  delle  calorie.  Pensaci  la  prossima  volta  che  stai  
per  comprare  patatine,  merendine  e  pollo  fritto:  probabilmente  cambierai  
idea.  
 
Una  cellula  sana  è  dotata  di  una  membrana  traspirante  che  assorbe  e  utilizza  le  sostanze  nutritive.  
 
L’effetto  dei  grassi  insaturi  è  quello  di  creare  una  sorta  di  guscio  rigido  intorno  alla  cellula,  e  non  una  
membrana.  Questo  guscio  soffoca  la  cellula  e  la  fa  ammalare,  perché  blocca  il  giusto  funzionamento  
del  metabolismo,  l’assorbimento  di  sostanze  nutritive  e  la  capacità  di  utilizzare  il  glucosio.  Tutto  ciò  
provoca  infiammazioni  che  portano  non  solo  ad  una  maggiore  probabilità  di  avere  un  infarto  o  il  
diabete,  ma  anche  ad  un  significativo  aumento  di  peso  e  a  una  minore  resistenza  alle  infezioni  e  ai  
tumori.  
 
Sebbene  i  grassi  insaturi  siano  molto  dannosi,  si  trovano  comunque  in  molti  cibi  trattati,  soprattutto  in  
quelli  di  panetteria,  come  biscotti,  cracker,  patatine  e  pop  corn.  La  maggior  parte  dei  grassi  insaturi  
della  nostra  dieta  proviene  dagli  oli  vegetali  industriali,  che  sono  parzialmente  o  totalmente  idrogenati.  
 
Le  margarine  e  tutti  gli  altri  sostituti  del  burro  sono  esempi  di  grassi  insaturi.  Il  burro  è  di  gran  lunga  
migliore  rispetto  ai  suoi  insalubri  sostituti.  Può  anche  far  bene  alla  salute,  soprattutto  se  proviene  da  
bestiame  alimentato  a  erba.  Nel  mio  blog  ho  scritto  un  articolo  su  come  può  addirittura  far  dimagrire.  
 
E  gli  oli  vegetali?  Fino  a  poco  tempo  fa  si  pensava  che  fossero  un’alternativa  sana  ai  grassi  saturi.  Gli  
oli  vegetali  polinsaturi  sono  stati  pubblicizzati  come  sostituti  dietetici  dei  grassi  animali.  Tieni  ben  
presente  che  non  è  stata  altro  che  una  mossa  diretta  a  mantenere  attivo  il  giro  d’affari  delle  aziende  
produttrici  di  oli  vegetali.  
 
Olio  di  colza,  di  mais,  di  soia  e  di  girasole:  sono  stati  tutti  definiti  come  salutari  in  confronto  ai  grassi  
saturi.  L’olio  di  colza  e  di  girasole  sono  ancora  tra  i  più  utilizzati  in  cucina.  Gli  studi,  però,  hanno  
evidenziato  una  situazione  completamente  diversa.  Questi  oli  favoriscono  le  infiammazioni  
dell’organismo,  perché  creano  uno  squilibrio  tra  la  concentrazione  di  omega-­‐3  (gli  acidi  grassi  salutari,  

 

18  

contenuti  nella  carne  e  nel  pesce  fresco)  e  quella  di  omega-­‐6  (gli  acidi  grassi  che  si  trovano  in  enormi  
quantità  negli  oli  vegetali  e  nei  grassi  insaturi).  
 
Anche  gli  acidi  grassi  omega-­‐6  sono  importanti  nella  nostra  dieta,  ma  al  giorno  d’oggi  ne  mangiamo  
davvero  troppi.  Un  consumo  eccessivo  di  omega-­‐6  provoca  l’aumento  del  rischio  di  patologie  come  
infiammazioni,  malattie  autoimmuni  e  cardiovascolari.  
 
Il  drastico  cambiamento  dei  grassi  introdotti  con  la  nostra  dieta  risale  ai  primi  anni  del  Novecento,  
quando  cominciarono  ad  essere  messi  in  commercio  oli  vegetali  raffinati,  come  la  margarina,  mentre  si  
abbassava  il  livello  di  consumo  di  pesce  fresco,  carne,  selvaggina  e  verdura.  Il  rapporto  tra  omega-­‐6  e  
omega-­‐3  nei  nostri  predecessori  era  di  2:1  o  3:1.  Oggi  questa  proporzione  è  arrivata  al  valore  di  20:1.  
 
Grandi  quantità  di  oli  vegetali  sono  dannose  per  l’organismo.  In  particolare,  c’è  una  maggiore  
incidenza  di  tumori  che  colpiscono  i  polmoni  e  l’apparato  riproduttore.  Una  dieta  che  prevede  molti  oli  
vegetali,  soprattutto  se  idrogenati,  può  causare  irritabilità,  epatiti,  difficoltà  di  apprendimento,  
problemi  di  crescita  nei  bambini,  aumento  delle  concentrazioni  di  acido  urico  e  dei  trigliceridi.  Sono  
inoltre  stati  messi  in  relazione  con  patologie  degenerative  come  il  morbo  di  Alzheimer  e  la  demenza,  e  
provocano  danni  ai  cromosomi,  in  quanto  sono  in  grado  di  accelerare  il  processo  di  invecchiamento  
cellulare.  
 
Il  consumo  eccessivo  di  oli  vegetali  e  grassi  insaturi  è  responsabile  di  seri  problemi  quali  aumento  di  
peso,  cancro  e  malattie  cardiache;  inoltre  interferisce  con  la  produzione  di  prostaglandine,  e  ciò  porta  
a  problemi  di  salute  che  vanno  dalla  sindrome  premestruale  alle  malattie  autoimmuni.  Aumenta  anche  
il  rischio  di  formazione  di  coaguli  sanguigni,  responsabili  della  maggior  parte  degli  infarti.  Uno  studio  
effettuato  nel  2004  ha  evidenziato  che  i  grassi  contenuti  nei  coaguli  arteriosi  sono  per  la  maggior  parte  
grassi  insaturi.  E  a  provocarli  non  sono  i  grassi  animali,  ma  gli  oli  vegetali!  
 
Se  portati  ad  alta  temperatura,  gli  oli  vegetali  sono  ancora  più  tossici:  è  stato  dimostrato  che,  se  
riscaldati,  nell’intestino  si  trasformano  in  una  sostanza  simile  alla  vernice.  Hai  mai  provato  a  pulire  una  
padella  sporca  di  olio  vegetale?  È  quasi  impossibile!  Pensa  a  ciò  che  succede  nel  tuo  corpo!  E  
consumare  spesso  questo  tipo  di  prodotti  ne  aumenta  la  tossicità.  Pensaci  la  prossima  volta  che  mangi  
patatine  fritte.  L’olio  in  cui  sono  state  cotte  è  stato  portato  ad  alte  temperature  più  di  una  volta  ed  è  
diventato  un  autentico  veleno  per  i  tuoi  organi!  
 
Nel  corso  degli  anni,  questo  pensiero  per  me  si  è  trasformato  in  un  trucco  per  stare  lontano  dalle  
patatine  fritte  (ebbene  sì,  piacevano  anche  a  me  qualche  anno  fa).  Da  quando  ho  studiato  i  processi  
biochimici  che  avvengono  in  un  olio  non  solo  idrogenato,  ma  anche  scaldato  più  volte,  e  so  che  le  
reazioni  che  il  corpo  manifesta  sono  simili  a  quelle  che  seguono  all’ingestione  di  un  veleno,  vedo  le  
patatine  fritte  come  un  cibo  repellente,  piuttosto  che  gustoso.  
 
Un  interessante  studio  di  un  chirurgo  plastico  ha  inoltre  rilevato  che  i  consumatori  assidui  di  oli  
vegetali  ha  molte  più  rughe  di  quelli  che  sono  abituati  ad  usare  grassi  animali.  Come  puoi  capire,  questi  
cosiddetti  oli  “sani”  favoriscono  enormemente  l’invecchiamento.  
 
Gli  oli  vegetali,  costituiti  prevalentemente  da  omega-­‐6,  sono  altamente  infiammatori.  Le  infiammazioni  
vengono  contrastate  dal  colesterolo,  che  agisce  come  un  cerotto  che  avvolge  il  vaso  sanguigno  
danneggiato.  
 
Man  mano  che  l’infiammazione  si  allarga,  il  colesterolo  continua  a  costringere  il  vaso  sanguigno,  dando  
luogo  al  processo  di  aterosclerosi.  Il  colesterolo  è  considerato  il  maggiore  responsabile  delle  malattie  

 

19  

cardiache,  ma  in  realtà  sono  proprio  i  grassi  omega-­‐6,  i  grassi  insaturi,  gli  zuccheri  e  gli  altri  cibi  
infiammatori  a  causare  questi  problemi.  
 
Anche  i  medici  e  i  ricercatori  che  incoraggiavano  l’uso  di  oli  vegetali  oggi  sono  al  corrente  dei  danni  
che  possono  provocare.  Gli  scienziati  si  sono  dichiarati  contro  una  dieta  in  cui  compaiono  troppi  oli  
vegetali  polinsaturi.  E  già  nel  1969  alcune  ricerche  avevano  dimostrato  che  l’utilizzo  di  olio  di  mais  era  
correlato  a  un  aumento  dei  casi  di  aterosclerosi.  
 
Altri  ricercatori  hanno  dimostrato  che  gli  oli  vegetali  idrogenati  provocano  l’osteoporosi:  hanno  infatti  
scoperto  che  il  consumo  di  grassi  insaturi  fa  abbassare  il  livello  di  
testosterone,  causa  mutazioni  nella  composizione  dello  sperma  e  
gravidanze  problematiche.  Il  consumo  di  grassi  insaturi  interferisce  
con  l’uso  che  il  corpo  fa  degli  acidi  grassi  omega-­‐3  che  si  trovano  
nell’olio  di  pesce,  nei  cereali  e  nelle  verdure  a  foglia  verde.  Non  c’è  
assolutamente  NIENTE  di  buono  in  questi  veleni!  Li  devi  evitare  a  tutti  
i  costi.  
 
Olio  di  colza,  di  semi  di  soia  o  di  girasole  e  di  cartamo  sono  esempi  di  olio  vegetale.  I  cibi  confezionati  
come  cracker,  biscotti,  dolciumi,  margarina  e  altri  sostituti  del  burro,  Crisco,  pop  corn  per  il  microonde,  
patatine  e  via  dicendo  contengono  grassi  insaturi.  
 
Se  leggendo  la  lista  degli  ingredienti  ti  imbatti  nella  dicitura  “olio  idrogenato”,  non  lo  comprare!  
 
E  ricorda  che  anche  l’olio  di  colza,  sebbene  si  pensi  che  sia  sano,  non  lo  è  nemmeno  lontanamente.  
 
Qualche  tempo  fa  ho  scritto  a  tal  proposito  un  articolo  sul  mio  sito:  lì  spiego  bene  il  motivo  per  cui  
l’olio  di  colza  fa  male.  
 
Uno  dei  più  grandi  favori  che  puoi  fare  alla  tua  salute  e  alla  tua  forma  fisica  è  provare  a  raggiungere  il  
giusto  equilibrio  tra  omega-­‐6  e  omega-­‐3.  Come  ho  detto  prima,  la  giusta  proporzione  è  2:1,  e  non  lo  
sconcertante  rapporto  del  20:1  di  oggi!  
 
Un  olio  di  pesce  di  buona  qualità  oppure,  ancora  meglio,  l’olio  di  krill,  può  davvero  cambiare  le  cose.  In  
più,  l’olio  di  krill  viene  assorbito  più  velocemente  grazie  ai  fosfolipidi  in  esso  contenuti,  ed  è  una  
buonissima  fonte  di  astaxantina,  che  rende  l’olio  di  krill  un  ottimo  antiossidante.  Sia  l’olio  di  pesce  che  
l’olio  di  krill  fanno  bene.  Uno  dei  benefici  dell’olio  di  pesce  è  proprio  la  più  alta  quantità  di  omega-­‐3.  Io  
compro  l’olio  di  krill  su  questo  sito:  http://natural.getprograde.com/essential-­‐fatty-­‐acid.html  (sito  in  
inglese  che  spedisce  anche  in  Italia).  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

20  

GRASSI  INSATURI:  CIBI  DA  EVITARE  
 
• Qualsiasi  tipo  di  margarina  e  di  sostituto  del  burro  
• Biscotti  e  merendine  con  grassi  idrogenati  
• Pop  corn  da  preparare  al  microonde  
• Crisco  
• Cibi  surgelati  (piatti  pronti,  patatine  fritte,  alette  di  pollo)  
• Alcuni  tipi  di  burro  d’arachidi  
• Glassa  
• Salse  
• Sostituti  della  panna  
• Pasti  sostitutivi  frullati  
• Cibi  fritti  
• Formaggi  preconfezionati  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

21  

CAPITOLO  4  
 
Dolcificanti  artificiali:  sucralosio  (E955),  aspartame,  saccarina  
 
I  dolcificanti  ipocalorici  aiutano  davvero  a  perdere  peso  o  con  il  tempo  fanno  solo  ingrassare?  
In  realtà  i  dolcificanti  dietetici  possono  farti  prendere  peso,  perché  ingannano  il  tuo  organismo  e  non  
gli  danno  ciò  di  cui  ha  effettivamente  bisogno.  
 
Secondo  i  ricercatori,  non  ci  sono  prove  effettive  che  i  sostituti  dello  zucchero  aiutino  a  perdere  peso.  
Anzi,  sono  portati  a  pensare  che  questi  dolcificanti  chimici  stimolino  il  senso  di  appetito  e  la  risposta  
dell’insulina.  
 
Chiunque  abbia  a  cuore  la  propria  salute  dovrebbe  stare  lontano  da  dolcificanti  tossici  come  
l’aspartame,  il  sucralosio  (E955),  la  saccarina  e  l’acesulfame  K  (Dietor).  
I  dolcificanti  artificiali  sono  intrugli  chimici  che  mai  e  poi  mai  dovrebbero  essere  ingeriti.  La  cosa  
migliore  da  fare  è  evitare  tutti  i  sostituti  dello  zucchero.  Non  hanno  NESSUN  valore  nutritivo,  
ingannano  il  corpo  facendogli  capire  che  stai  mangiando  qualcosa  di  dolce  e  contengono  tossine  molto  
dannose.  
 
Ma  come  fanno  i  dolcificanti  a  ingannare  il  corpo?  L’aspartame,  per  
esempio,  non  contiene  calorie,  ma  uno  dei  suoi  ingredienti,  la  
fenilalanina,  blocca  la  produzione  di  serotonina,  la  molecola  cerebrale  
che  regola  il  senso  di  fame,  oltre  che  il  buonumore.  Quando  nel  
cervello  c’è  poca  serotonina,  ci  viene  voglia  dei  cibi  che  sono  in  grado  
di  produrla,  ovvero  amidi,  carboidrati  e  cibi  altamente  calorici.  Più  
aspartame  consumi,  più  frequente  e  intenso  sarà  il  desiderio  di  questi  
cibi.  
 
Non  si  discute:  i  dolcificanti  artificiali  ingannano  il  corpo  e  la  mente.  Questo  innesca  un  circolo  vizioso:  
il  senso  di  fame  aumenta,  mangi,  ricorri  ai  dolcificanti  artificiali  e  il  senso  di  fame  ritorna  più  
forte  di  prima.  Nel  tempo  vedrai  solo  un  aumento  di  peso.  I  dolcificanti  sono  dietetici?  Difficile!  
 
Tra  gli  scienziati  sta  emergendo  il  sospetto  che  ai  consumatori  di  dolcificanti  artificiali  succeda  anche  
qualcos’altro.  Pur  non  avendo  calorie,  il  sapore  dolce  di  queste  sostanze  attiva  il  rilascio  di  insulina,  
anche  quando  manca  il  nutrimento  per  le  cellule.  
 
Di  solito  gli  zuccheri  introdotti  entrano  nel  sangue  sotto  forma  di  glucosio.  L’insulina,  secreta  dal  
pancreas,  sblocca  le  cellule  e  permette  l’entrata  degli  zuccheri:  è  così  che  viene  mantenuto  il  normale  
livello  degli  zuccheri  nel  sangue.  
 
I  dolcificanti  artificiali  spingono  il  corpo  a  pensare  di  aver  mangiato  e  a  rilasciare  comunque  insulina.  
Quando  l’insulina  entra  in  circolo  senza  che  ci  sia  un  effettivo  apporto  di  sostanze  nutritive,  ti  viene  
fame.  
 
Non  appena  il  tuo  corpo  si  sarà  reso  conto  di  non  aver  assorbito  alcun  nutriente,  sentirai  un  buco  allo  
stomaco  che  potrà  essere  riempito  esclusivamente  con  cibo  che  eleva  il  livello  di  zucchero.  A  questo  
punto  sarà  molto  difficile  evitare  snack  zuccherati  ipercalorici  e  tu  ti  troverai  coinvolto  nel  ciclo  di  
fame,  voglie  e  snack.  
 
Il  Governo  americano,  come  quello  italiano,  ha  approvato  il  commercio  di  sei  dolcificanti  artificiali.  

 

22  

Oltre  alla  saccarina,  al  sucralosio  (E955)  e  all’aspartame,  ci  sono  l’acesulfame  K  (Dietor)  e  il  neotame.  È  
relativamente  nuovo  sul  mercato  un  dolcificante  naturale  derivato  da  una  pianta,  la  stevia.  Anche  il  
dolcificante  si  chiama  stevia,  ed  è  venduto  con  il  suo  nome  (Stevia  pura,  in  bustine  o  in  gocce)  o  con  
nomi  delle  parti  di  questa  pianta  (Truvia).  È  davvero  ottimo  e  salutare!  
 
La  saccarina  è  stato  il  primo  dolcificante  ad  essere  immesso  sul  mercato.  Non  contiene  calorie  ed  è  
centinaia  di  volte  più  dolce  rispetto  al  normale  zucchero.  Nonostante  ciò,  molte  persone  sentono  uno  
sgradevole  sapore  amaro  dopo  aver  mangiato  cibi  dolcificati  con  la  saccarina.  
 
La  saccarina  è  per  molti  il  miglior  sostituto  dello  zucchero,  ma  è  da  sempre  collegata  con  alcuni  
problemi  di  salute.  È  un  prodotto  sintetico  che  si  presenta  come  una  polvere  bianca  e  
cristallina.  Non  ha  valore  nutrizionale  ed  è  molto  difficile  da  metabolizzare.  Nonostante  ciò,  è  il  terzo  
dolcificante  più  venduto,  dopo  il  sucralosio  e  l’aspartame.  
 
Sai  come  è  stata  scoperta  la  saccarina?  Potresti  restare  sconvolto,  e  probabilmente  la  nozione  che  sto  
per  darti  ti  aiuterà  a  riflettere  se  sia  realmente  il  caso  di  usare  la  saccarina!  Nel  1879  un  chimico  ha  
scoperto  questo  dolcificante  (detto  anche  delfinide  benzoico  o  E954)  mentre  stava  facendo  delle  
ricerche  sui  derivati  del  catrame.  
 
Quest’uomo  non  stava  provando  a  sintetizzare  un  nuovo  dolcificante  né  alcun  tipo  di  prodotto  
alimentare:  solo  per  caso  ha  notato  che  la  sostanza  che  aveva  scoperto  era  dolce.  Come  ha  fatto?  
Chissà,  forse  si  è  passato  una  mano  sulla  bocca  mentre  lavorava:  non  è  saggio  assaggiare  agenti  
chimici,  ma  a  lui  è  capitato.  
 
Dopo  che  è  stato  scoperto  il  sapore  dolce  di  questa  sostanza,  la  saccarina  è  stata  commercializzata  e  
spesso  criticata  per  la  sua  insalubrità.  
 
Già  nel  1977  la  saccarina  era  stata  ritenuta  cancerogena,  in  seguito  ad  un  esperimento  con  il  quale  si  
dimostrò  che  provocava  il  cancro  alla  vescica  nei  topi.  I  tossicologi  americani  inserirono  la  saccarina  
nella  lista  ufficiale  degli  agenti  cancerogeni.  Il  ciclammato,  la  versione  precedente  di  questo  
dolcificante,  era  stato  tolto  dalla  circolazione  nel  1970  per  gli  stessi  motivi.  
 
Il  Governo  stabilì  che  la  saccarina  dovesse  essere  dotata  di  un’etichetta  che  informava  dell’aumento  
del  rischio  di  sviluppare  un  tumore.  
 
Questa  etichetta  non  c’è  più,  perché  non  ci  sono  prove  certe  a  sostegno  della  tesi  che  la  saccarina  
provochi  il  cancro  negli  umani,  ma  rimane  comunque  un  dolcificante  da  usare  con  cautela,  che  
sicuramente  col  tempo  rivelerà  i  suoi  effetti  nocivi.  
 
La  saccarina,  in  soggetti  particolarmente  sensibili,  può  causare  i  seguenti  sintomi:  
 
*  Prurito  
*  Orticaria  
*  Eczema  
*  Nausea  
*  Cefalea  
*  Diarrea  
*  Vescica  iperattiva  
*  Iperventilazione  
*  Afte  

 

23  

La  prossima  volta  che  apri  quella  bustina  colorata  per  versare  il  suo  contenuto  nel  caffè,  pensa  che  stai  
per  bere  un  derivato  del  catrame.  Che  te  ne  pare?  
 
L’aspartame  è  in  commercio  da  più  di  vent’anni  e,  anche  se  ci  sono  molti  problemi  di  salute  legati  a  
questo  dolcificante,  resta  comunque  uno  dei  più  utilizzati,  sia  come  sostituto  dello  zucchero  che  per  
dolcificare  altri  prodotti.  
 
Oltre  ad  ingrassare,  la  maggior  parte  dei  consumatori  di  aspartame  riporta  molti  dei  suoi  effetti  
collaterali,  anche  se  spesso  non  ne  conosce  la  causa.  Anche  i  soggetti  che  non  presentano  reazioni  
immediate  possono  risentire  dei  danni  provocati  dagli  amminoacidi  eccitanti  presenti  nell’aspartame:  
fenilalanina,  metanolo  e  dichetopiperazine  (DKP).  Tra  gli  effetti  collaterali  dell’aspartame  segnaliamo  i  
seguenti:  
 
• Problemi  alla  vista  
• Acufeni  (fischi  e  ronzii  nelle  orecchie)  
• Sensibilità  al  rumore  o  problemi  di  udito  
• Episodi  di  epilessia  
• Cefalea,  emicrania,  vertigini  
• Depressione  
• Irritabilità  
• Aggressività  
• Ansia,  palpitazioni,  tachicardia  
• Dolori  allo  stomaco  o  all’addome  
• Pruriti  
• Eczemi,  eritemi  
 
Anche  se  pare  che  il  sucralosio  faccia  meno  male  rispetto  all’aspartame,  non  ci  sono  prove  sufficienti  
per  ritenerlo  un  prodotto  sicuro:  dovrebbe  essere  considerato  nocivo,  alla  stessa  stregua  di  un  
qualunque  altro  dolcificante  ipocalorico.  
 
I  produttori  di  sucralosio  lo  pubblicizzano  come  un  “derivato  dello  zucchero”,  “completamente  
naturale”  perché  è  in  parte  costituito  da  sucrosio,  uno  zucchero  naturale.  Ma  il  sucralosio  NON  è  per  
nulla  naturale:  è  un  composto  sintetico  ottenuto  chimicamente  aggiungendo  atomi  di  cloro  allo  
zucchero.  
 
Secondo  il  celebre  chimico  Shane  Ellison  (www.thepeopleschemist.com),  “I  produttori  di  E955  
affermano  che  il  cloro  aggiunto  al  sucralosio  è  simile  all’atomo  di  cloro  presente  nella  molecola  del  sale  
(NaCl).  Se  associato  al  sodio,  il  cloro  forma  dei  legami  ionici  non  nocivi  per  formare  il  sale  da  cucina.  I  
produttori  di  sucralosio  spesso  portano  questo  fenomeno  come  prova  della  sicurezza  del  prodotto.  
Sembra  però  che  non  abbiano  mai  imparato  che  cosa  sono  i  legami  covalenti.  A  differenza  del  cloro  che  
forma  legami  ionici,  quello  che  forma  legami  covalenti  non  è  fatto  per  essere  introdotto  nel  corpo  
umano.  Il  sucralosio  forma  legami  covalenti  con  il  cloro,  e  usarlo  come  dolcificante  è  come  assumere  
piccole  quantità  di  pesticidi  clorati.  Non  riusciremo  mai  a  capire  di  quale  entità  siano  realmente  i  danni  
che  provoca,  senza  una  lunga  ricerca.  Il  sucralosio  fu  scoperto  per  caso  nel  1970,  da  alcuni  scienziati  
che  stavano  cercando  di  produrre  un  nuovo  insetticida.  Il  più  giovane  per  errore  si  portò  alla  bocca  
quell’insetticida  e  scoprì  che  era  dolce”.  
 
Dal  momento  che  un  dolcificante  senza  calorie  si  vende  molto  più  facilmente  rispetto  a  un  insetticida,  
il  prodotto  è  stato  battezzato  E955  e  pubblicizzato  come  il  sostituto  naturale  dello  zucchero.  Non  
importa  il  fatto  che,  almeno  una  volta,  sia  servito  per  uccidere  gli  insetti.  E  se  uccide  gli  insetti,  è  molto  

 

24  

probabile  che  non  faccia  bene  nemmeno  a  noi.  Ti  sembra  ancora  un  prodotto  per  uso  alimentare?  
Come  funziona  l’E955?  Per  la  maggior  parte  attraversa  il  nostro  corpo  senza  essere  digerito.  Viene  
metabolizzato  solo  per  il  10-­‐15%.  I  soggetti  con  un  apparato  digerente  particolarmente  sano  
assorbono  percentuali  più  alte  di  sucralosio,  perché  sono  in  grado  di  digerire  meglio.  Questo  vuol  dire  
che  nel  loro  corpo  entra  più  cloro,  e  i  problemi  insorgono  di  conseguenza.  
 
Perfino  una  parte  dei  test  effettuati  dai  produttori  di  sucralosio  dà  risultati  inquietanti:  hanno  
evidenziato  che  gli  animali  a  cui  era  stato  somministrato  il  prodotto  riportavano  effetti  collaterali  gravi,  
come  l’ingrossamento  del  fegato  e  il  restringimento  del  timo…  E  questo  solo  in  tempi  brevi.  Che  cosa  
potrebbe  succedere  con  il  passare  del  tempo?  Non  si  sa,  perché  la  commercializzazione  di  sucralosio  è  
avvenuta  prima  di  aver  effettuato  questo  tipo  di  test.  La  ricerca  è  in  corso  di  svolgimento  e  le  cavie  
siamo  noi.  
 
Se  il  sucralosio  è  pericoloso  in  piccole  dosi,  figuriamoci  i  danni  che  possono  fare  quantità  più  grandi  del  
cloro  che  contiene!  Una  delle  caratteristiche  che  rende  l’E955  così  forte  sul  mercato  è  che  rimane  
stabile  anche  ad  alte  temperature,  quindi  può  essere  usato  in  cucina,  a  differenza  degli  altri  dolcificanti  
artificiali.  Il  problema  è  che  un  sacco  di  alimenti  a  basso  contenuto  calorico  sono  dolcificati  con  il  
sucralosio.  E  molte  persone  fanno  uso  di  cibi  o  bevande  senza  zucchero  anche  più  volte  al  giorno.  
 
Alcuni  soggetti  sono  allergici  al  sucralosio,  che  può  provocare  eritemi,  attacchi  di  panico,  cefalea,  
crampi  addominali,  diarrea,  mal  di  stomaco  e  dolori  muscolari.  Le  reazioni  allergiche  potrebbero  non  
manifestarsi  immediatamente,  ma  comparire  all’improvviso  dopo  qualche  tempo.  
 
Ci  sono  inoltre  le  prove  che  il  sucralosio  danneggia  la  flora  batterica  intestinale,  causando  problemi  
digestivi  e  una  maggiore  debolezza  del  sistema  immunitario.  Non  è  una  cosa  positiva.  
 
Anche  se  sembra  improbabile  che  il  sucralosio  sia  tossico  come  l’aspartame,  analizzando  la  sua  
struttura  chimica  i  ricercatori  hanno  dimostrato  che  il  consumo  di  sucralosio  nel  tempo  può  contribuire  
all’insorgenza  di  gravi  disturbi  immunologici  e  neurologici.  
 
Il  dottor  Joseph  Mercola  ha  rilevato  che  nel  giro  di  24  ore  il  sucralosio  può  
provocare  i  seguenti  sintomi:  
 
• Arrossamenti,  pruriti,  gonfiori,  lacrimazione,  escoriazioni,  eritemi,  vesciche  e  orticaria  (le  più  
comuni  reazioni  allergiche)  
• Palpitazioni,  tosse,  iperventilazione  
• Gonfiore  di  viso,  palpebre,  labbra,  lingua  e  gola;  cefalea,  emicrania  
• Naso  chiuso,  starnuti  
• Prurito  agli  occhi,  occhi  rossi  e  gonfi  
• Gonfiore  addominale,  nausea,  vomito,  diarrea  (anche  con  sangue)  
• Tachicardia  
• Dolori  alle  giunture  
• Ansia,  depressione,  vertigini  
 
Ci  sono  molti  altri  dolcificanti  naturali  che  costituiscono  una  sana  alternativa  allo  zucchero  e  non  
provocano  alcun  effetto  collaterale:  su  questo  punto  torneremo  dopo.  
I  miei  dolcificanti  naturali  preferiti  sono  la  stevia  (che  non  contiene  tutte  le  calorie  dello  zucchero),  il  
miele  e  lo  sciroppo  d’acero  puro  (questi  ultimi  contengono  zucchero,  ma  anche  molti  nutrienti  
benefici).  
 

 

25  

CIBI  SENZA  ZUCCHERO  DA  EVITARE  
 
• Bibite  dietetiche  
• Bevande  solubili  
• Bevande  senza  zucchero  
• Bevande  energetiche  senza  zucchero  
• Merendine  e  dolci  senza  zucchero  
• Gelato  senza  zucchero  
• Caramelle  e  gomme  da  masticare  senza  zucchero  
• Molte  barrette  proteiche  contengono  grosse  quantità  di  dolcificanti  artificiali:  leggi  bene  
l’etichetta!  
• Qualsiasi  prodotto  “senza  zucchero”:  leggi  l’etichetta  e  vedrai  che  nella  stragrande  
maggioranza  dei  casi  contengono  almeno  uno  dei  dolcificanti  artificiali  di  cui  abbiamo  parlato.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

26  

CAPITOLO  5  
 
Latticini  pastorizzati  industriali  
 
Nonostante  la  salubrità  del  latte  sia  universalmente  nota,  non  mancano  i  problemi  che  sorgono  in  
seguito  al  consumo  assiduo  di  latticini  pastorizzati  industriali.  Il  latte  fa  bene  soltanto  se  non  è  
pastorizzato  e  se  viene  da  mucche  alimentate  a  erba.  Purtroppo  il  latte  che  si  trova  in  commercio  è  
sempre  pastorizzato  e  quasi  sempre  proviene  da  bestiame  alimentate  a  mais.  Ecco  come  un  alimento  
da  sano  diventa  dannoso.  
 
Le  industrie  casearie  promuovono  il  latte  pastorizzato  come  un  
prodotto  salutare  e  nutriente,  ma  non  è  proprio  così.  Alcuni  studi  
dimostrano  che  il  latte  pastorizzato  industriale  può  contribuire  
all’insorgere  di  una  serie  di  problemi  di  salute,  tra  i  quali  diabete,  
cancro  alla  prostata  e  alle  ovaie,  artrite  reumatoide,  aterosclerosi,  
anemia  e  leucemia.  
 
Di  studi  sul  latte  pastorizzato  ne  esistono  a  decine  e,  anche  se  forse  
non  lo  sai,  la  maggior  parte  di  questi  ne  sconsigliano  l’uso,  poiché  il  
latte  pastorizzato  industriale  causa  coliche  intestinali,  irritazioni,  
anemia,  reazioni  allergiche  e  salmonella.  Tieni  presente  anche  che  c’è  
la  concreta  possibilità  che  il  latte  venga  contaminato  con  cellule  di  sangue,  ormoni,  agenti  chimici  e  
pesticidi.  
 
Cinquant’anni  fa  una  mucca  produceva  circa  900  kg  di  latte  all’anno.  Oggi  invece  i  maggiori  
produttori  arrivano  a  23.000  kg!  Com’è  possibile?  Certo  non  è  un  miracolo  della  natura!  Droghe,  
antibiotici,  ormoni  della  crescita,  mangimi  speciali:  ecco  com’è  possibile.  
 
Al  giorno  d’oggi  le  mucche  da  latte  vengono  sottoposte  a  quantità  sempre  maggiori  di  BGH  (ormone  
bovino  della  crescita  o  BST),  una  vera  e  propria  droga  che  dovrebbe  stimolare  la  produzione  di  latte  
senza  interferire  con  la  qualità  del  latte  o  della  carne.  Questo  è  quello  che  afferma  Monsanto,  lo  
scopritore  di  questo  ormone.  Ma  Monsanto  sarà  affidabile?  
 
Non  sono  stati  effettuati  studi  sulle  reazioni  delle  persone  che  bevono  latte  con  il  BGH,  ma  l’ormone  è  
stato  analizzato  ed  è  emerso  che  favorisce  il  proliferare  di  cellule  tumorali.  È  logico:  se  stimola  la  
crescita  dell’organismo,  fa  crescere  anche  i  tumori.  Una  delle  teorie  sull’aumento  dei  casi  di  cancro  al  
seno  lo  attribuisce  proprio  alla  presenza  di  questa  droga  nei  prodotti  caseari.  
 
In  molti  Paesi  il  BHG  è  stato  proibito  a  causa  della  sua  pericolosità  per  la  salute.  E  non  hanno  torto:  
qualsiasi  sostanza  venga  introdotta  nell’organismo  di  una  mucca  da  latte  è  a  sua  volta  contenuta  nel  
latte.  Non  so  voi,  ma  a  me  proprio  non  va  di  mangiare  ormoni  della  crescita,  specialmente  per  mucche.  
Chissà  cosa  fa  agli  umani!  
 
A  causa  del  consumo  sempre  più  assiduo  di  BGH,  si  è  osservato  un  incremento  del  50-­‐70%  delle  mastiti  
(infiammazioni  della  mammella)  nelle  mucche  da  latte.  Per  curare  la  mastite  occorrono  gli  antibiotici,  e  
anche  quelli  si  riversano  nel  latte  che  beviamo.  
 
Più  del  CINQUANTA  PER  CENTO  degli  antibiotici  che  vengono  prodotti  finiscono  nel  cibo  per  gli  
animali:  gli  antibiotici,  teoricamente,  negli  allevamenti  dovrebbero  essere  usati  esclusivamente  per  
curare  le  infezioni.  Oggi  le  mucche  da  latte  sono  allevate  in  condizioni  pessime  e  in  ambienti  sporchi,  e  

 

27  


Documenti correlati


Documento PDF jack palmer addio colon irritabile
Documento PDF traduzione testi 1
Documento PDF nuovo quotidiano   28 ottobre 2018
Documento PDF dear jack domani e un altro film
Documento PDF ricardo palmer addio artrite
Documento PDF francisco de marco addio psoriasi


Parole chiave correlate