File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



lanzino 8marzo AV .pdf


Nome del file originale: lanzino_8marzo_AV.pdf
Titolo: lanzino_8marzo_AV (4)
Autore: Giuseppina Sigillo

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Microsoft Word / Mac OS X 10.6.8 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 06/03/2016 alle 15:15, dall'indirizzo IP 93.44.x.x. La pagina di download del file è stata vista 596 volte.
Dimensione del file: 585 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


 
 

8  Marzo  di  Diritti  

Sempre  Suffragette:  mai  arrendersi,  mai  smettere  di  lottare  
 
Il  Centro  contro  la  violenza  alle  donne  Roberta  Lanzino  sarà  anche  l'8  Marzo  a  sostegno  della  libertà  
delle  donne  e  per  l’affermazione  dei  diritti.    
In   Italia   le   politiche   di   genere   sono   paralizzate.   Cresce   la   cultura   della   discriminazione   e   del  
sessismo  e  si  restringono  gli  spazi  di  autodeterminazione  e  di  libertà  delle  donne.    
Il  Governo  non  ha  nominato  una  Ministra  alle  Pari  Opportunità  che  coordini  gli  interventi  sulla  base  
delle   necessità   e   che   operi   e   vigili   sul   rispetto   delle   leggi   e   delle   Convenzioni   internazionali   che  
l’Italia  ha  firmato  e  che  restano  disattese.      
 
Restano   pochi,   erogati   a   singhiozzo   e   con   ritardo   i   finanziamenti   per   i   Centri   antiviolenza,   che   le  
Regioni  spendono  spesso  senza  criteri  certi  e  che  talvolta  non  spendono  affatto.  
Nei   percorsi   di   tutela   delle   vittime   di   violenza,   i   così   detti   “codice   rosa   o   codice   rosa   bianca”,   la  
violenza   maschile   contro   le   donne   è   neutralizzata   e   ne   vengono   ignorate   le   ragioni   culturali   e  
storiche.   Tali   provvedimenti   prevedono,   nelle   strutture   sanitarie,   un   percorso   rigido,   che   non  
rispetta   la   libertà   delle   donne   di   uscire   dalla   violenza   con   tempi   e   modi   propri   e   pone   una   grave  
ipoteca  sull’emersione  di  un  fenomeno,  ancora  in  gran  parte  sommerso.    
 
Alla  difficoltà  di  scegliere  come  e  quando  uscire  dalla  violenza,  si  affianca  la  restrizione  della  libertà  
in   materia   di   scelte   riproduttive.   Scegliere   l’interruzione   di   gravidanza   è   diventato   per   le   donne  
italiane  un  percorso  ad  ostacoli  e  contro  il  tempo;  il  70  per  cento  dei  medici  e  degli  infermieri  sono  
obiettori  di  coscienza.  Ci  sono  regioni  dove  l’obiezione  è  ancora  più  alta  (la  Calabria  è  al  73%).    
Nel  recente  decreto  legislativo  sulle  depenalizzazioni  è  prevista  la  cancellazione  del  reato  penale  per  
chi  abortisce  oltre  i  90  giorni  di  gravidanza  e  l’inasprimento  della  multa  applicata  alla  donna  per  il  
reato  di  aborto  clandestino  (fra  i  5  e  i  10  mila  euro).    

 
Per  tutte  queste  ragioni  non  smetteremo  di  lottare  

 
Oggi,  8  marzo,  insieme  alla  Rete  Nazionale  dei  Centri  antiviolenza  D.i.Re,  che  ha  promosso  
in  Italia  il  film  Suffragette  saremo  al  Modernissimo-­‐  Cosenza  -­‐  dalle  ore  17  in  poi.    
Nello   spazio   antistante   il   cinema,   con   un   presidio   di   sensibilizzazione   ribadiamo   la  
necessità  della  lotta  in  difesa  dei  diritti  delle  donne  e  contro  tutte  le  discriminazioni.    
Il  fim  sarà  proiettato  alle  ore  18  al  prezzo  scontato  di  4  euro.  
La   sensibilizzazione   continuerà   dopo   le   20   al   Castello   Svevo.   Invitiamo   tutte   e   tutti   a  


lanzino_8marzo_AV.pdf - pagina 1/2
lanzino_8marzo_AV.pdf - pagina 2/2

Parole chiave correlate