File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



1992 DOC IT CONCORSO IRPPS .pdf



Nome del file originale: 1992_DOC_IT CONCORSO IRPPS.pdf
Titolo: Ricercatore-1
Autore: ROBERTO BALLACCI

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Acrobat PDFMaker 11 per Word / Adobe PDF Library 11.0; modified using iText® 5.5.5 ©2000-2014 iText Group NV (AGPL-version), ed è stato inviato su file-pdf.it il 29/03/2016 alle 11:31, dall'indirizzo IP 193.205.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1190 volte.
Dimensione del file: 474 KB (13 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Consiglio Nazionale delle Ricerche
Codice bando n. 367.37 DSU IRPPS RIC
CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER L’ASSUNZIONE CON CONTRATTO
DI LAVORO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI UNA UNITÀ DI PERSONALE
PROFILO RICERCATORE, III LIVELLO PROFESSIONALE PRESSO L’ISTITUTO DI
RICERCHE SULLA POPOLAZIONE E LE POLITICHE SOCIALI UOS DI PENTA DI FISCIANO
(SA) - AFFERENTE AL DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI – PATRIMONIO
CULTURALE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE
IL PRESIDENTE
VISTO il D.Lgs 31 dicembre 2009 n. 213, recante “Riordino degli Enti di ricerca in attuazione
dell’art. 1 della legge 27 settembre 2007, n. 165”;
VISTO lo Statuto del CNR, emanato con provvedimento del Presidente del CNR n. 24 prot. n.
0023646 in data 7 aprile 2015, di cui è stato dato l’avviso di pubblicazione sul sito del Ministero
dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in data 29 aprile 2015;
VISTO il Regolamento di Organizzazione e Funzionamento del CNR, emanato con provvedimento
del Presidente del CNR n. 43 prot. n. 0036411 in data 26 maggio 2015, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale – n. 123 in data 29 maggio 2015;
VISTO il Regolamento del Personale del CNR, emanato con decreto del Presidente del CNR prot. n.
0025035 in data 4 maggio 2005, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 101 alla Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana n. 124 del 30 maggio 2005;
VISTA la Legge 7 agosto 1990, n. 241, “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e
di diritto d’accesso ai documenti amministrativi”, e successive modificazioni;
VISTO il D.P.R. 12 febbraio 1991, n.171, per le parti compatibili;
VISTO il D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487 “Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi
nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle
altre assunzioni nei pubblici impieghi” e successive modificazioni;
VISTA la Legge 12 marzo 1999, n. 68 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili” e successive
modificazioni ed integrazioni;
VISTO il D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari
in materia di documentazione amministrativa” e successive modificazioni;
VISTO il D.Lgs 30 marzo 2001, n. 165 “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze
delle amministrazioni pubbliche” e successive modificazioni;
VISTO il D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e
successive modificazioni;
VISTO il D.Lgs 7 marzo 2005, n. 82 “Codice dell’amministrazione digitale” e successive
modificazioni;
VISTO il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto Istituzioni ed Enti di Ricerca e
Sperimentazione 2002/2005, in particolare l’art. 15 comma 4;

1

Consiglio Nazionale delle Ricerche
VISTO il D.Lgs 11 aprile 2006, n. 198 “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna”, come
modificato dal D.Lgs 25 gennaio 2010 n. 5, in attuazione della direttiva 2006/54/CE;
VISTO il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto Istituzioni ed Enti di Ricerca e
Sperimentazione 2006/2009;
VISTA l’adozione della Carta europea dei Ricercatori e del Codice di Condotta per l’assunzione dei
Ricercatori, in base alla Raccomandazione della Commissione della Comunità Europea dell’11 marzo
2005, n. 251, cui l’Ente ha deliberato di ispirare la propria azione (delibera del Consiglio di
Amministrazione n. 129/2005);
VISTA la Legge 18 giugno 2009, n. 69 ed in particolare l’art. 32, c. 1 concernente l’eliminazione
degli sprechi relativi al mantenimento di documenti in forma cartacea;
VISTO il D.Lgs 15 marzo 2010, n. 66 “Codice dell’ordinamento militare”, come modificato dal
D.Lgs 31.12.2012, n. 248, concernente le riserve di posti nei concorsi pubblici in favore dei militari
volontari delle Forze Armate;
VISTA la direttiva del Ministro della pubblica amministrazione e della semplificazione n. 14/2011
per l’applicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui
all’art. 15, della legge 12 novembre 2011, n. 183;
VISTA la Legge n. 35 del 4 aprile 2012 “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di
sviluppo” ed in particolare l’art. 8 c. 1;
VISTO il D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di
pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;
VISTA la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 31, adottata nella riunione del 27 febbraio
2014, con cui è stato approvato il Piano triennale di attività del CNR, per il triennio 2014-2016, come
integrato dal Provvedimento del Presidente n. 43 del 25 marzo 2014;
VISTA la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 183, adottata nella riunione del 9 ottobre
2014, con la quale è stato approvato il nuovo Piano di Fabbisogno di personale 2014-2016;
VISTA la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 184, adottata nella riunione del 9 ottobre
2014, di approvazione dei criteri per la ripartizione dei posti per i profili di ricercatore, tecnologo e
tecnico amministrativo per il triennio 2014-2016;
VISTO il decreto del Presidente del CNR n. 142 del 2 dicembre 2014, prot. n. 88978, recante
“Approvazione Piano di Fabbisogno del personale per il triennio 2014-2016 – Modifica al Piano
Triennale di Attività 2014-2016 di cui alla delibera del Consiglio di Amministrazione n. 31/2014 del
27 febbraio 2014”;
VISTE le note del Dipartimento della Funzione Pubblica, n. 6576 in data 30 gennaio 2015, del
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 11228 in data 19 febbraio 2015 e del
Ministero dell’Economia e delle Finanze, n. 22519 in data 24 marzo 2015, concernenti l’approvazione
del piano triennale di fabbisogno del personale 2014-2016;
VISTE le note del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 27228 del 30 aprile 2015 e del Ministero
dell’Economia e delle Finanze n. 52267 del 26 giugno 2015 di approvazione della rimodulazione
della dotazione organica 2015 e del correlato programma di assunzioni per l’anno 2015;
ACCERTATO che, nell’ambito del suddetto piano triennale, è stato assegnato n. 1 posto di
Ricercatore - III livello professionale - all'Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali
- UOS DI PENTA DI FISCIANO (SA);
2

Consiglio Nazionale delle Ricerche
CONSIDERATO che in relazione alla professionalità richiesta con il presente bando, necessaria a
soddisfare le esigenze funzionali del predetto Istituto, non sussistono idonei collocati nelle proprie
graduatorie vigenti secondo un criterio di equivalenza, sulla base di quanto previsto dal D.L. 31
agosto 2013, n.101, convertito, con modificazioni, dalla Legge 30 ottobre 2013, n.125;
VISTO il decreto del Presidente del CNR prot. n. 49468 in data 15/07/2015, mediante il quale è stato
emanato, ai sensi dell’art. 30 del D.Lgs n. 165/2001, il bando di mobilità volontaria n. 365.65,
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - IV Serie Speciale prot. n. 59 in data
04/08/2015;
CONSIDERATO che la predetta procedura di mobilità volontaria si è conclusa con esito negativo
come da provvedimento dirigenziale prot. n. 79046 in data 20/11/2015;
CONSIDERATO che, ai sensi dell’art. 5, commi 1 e 2, del D.P.R. 487/94 le riserve dei posti, previste
da leggi speciali a favore di determinate categorie di cittadini, non possono complessivamente
superare la metà dei posti messi a concorso, ivi comprese le riserve in favore del personale interno;
ACCERTATO che, sulla base del cumulo di frazioni di riserva relative ai precedenti bandi dell’Ente,
il posto a concorso deve essere prioritariamente riservato ai volontari delle FF.AA., ai sensi dell’art.
1014, commi 1 e 3, del D.Lgs 66/2010
VISTA la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 165/2015 in data 2 dicembre 2015,
concernente i criteri generali per l’emanazione dei bandi dei concorsi pubblici per i profili di
Ricercatore, Tecnologo e Collaboratore Tecnico Enti di Ricerca;
VISTO il decreto del Presidente del CNR prot. n. 0004535 del 26 gennaio 2016 mediante il quale,
sono stati approvati i predetti criteri generali come disposto dalla delibera sopraindicata,
DECRETA

Art. 1
Posti a concorso
1. È indetto un concorso pubblico per titoli ed esami per l’assunzione con contratto di lavoro a
tempo pieno e indeterminato di una unità di personale profilo Ricercatore - III livello
professionale, presso l'Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali - UOS di
PENTA DI FISCIANO (SA) – afferente al Dipartimento di Scienze umane e sociali, patrimonio
culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche
2. Al presente bando trova applicazione la riserva in favore dei militari volontari delle Forze
Armate, ai sensi dell'art. 1014 del Dlgs. 15 marzo 2010, n. 66, e successive modifiche e
integrazioni.

Art. 2
Requisiti di ammissione
1. Per l’ammissione al concorso sono richiesti i seguenti requisiti:
a) cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
b) possono altresì partecipare i familiari dei cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea
non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o
del diritto di soggiorno permanente, ovvero i cittadini di Paesi Terzi, che siano titolari del
3

Consiglio Nazionale delle Ricerche
c)
d)
e)
f)

g)

permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status
di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
posizione regolare nei confronti degli obblighi militari, qualora soggetti;
non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in
materia, la costituzione di un rapporto di lavoro con le Pubbliche Amministrazioni;
godimento dei diritti civili e politici;
possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
Diploma di Laurea vecchio ordinamento: Sociologia
Equiparazione Laurea Specialistica (classe DM 509/99): 89/S, 49/S
Equiparazione Laurea Magistrale (classe DM 270/04): LM-88
Saranno inoltre ammessi i titoli di studio dichiarati equipollenti dalla normativa vigente.
Per i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesta la dichiarazione di equipollenza ovvero
di equivalenza secondo la procedura prevista dall’art. 38 del D.Lgs. 165/2001, la cui
modulistica è disponibile sul sito web del Dipartimento della Funzione Pubblica. Il candidato
che non sia ancora in possesso del provvedimento di equipollenza o equivalenza dovrà
dichiarare nella domanda di partecipazione di aver presentato la relativa richiesta. In tal caso
il candidato sarà ammesso al concorso con riserva, fermo restando che l’equipollenza o
l’equivalenza del titolo di studio dovranno obbligatoriamente essere presentati prima della
stipula del contratto.
aver svolto, per almeno un triennio, a seguito di stipula di contratti di lavoro subordinato o
di contratti di collaborazione coordinata e continuativa ovvero a seguito di conferimento di
assegni di ricerca o borse di studio, presso Università o qualificati Enti e Centri di ricerca
pubblici o privati, anche stranieri, attività di ricerca post laurea nella seguente tematica:
Dinamiche e problematiche dell'infanzia e dell'adolescenza: servizi di welfare,
integrazione scolastica e fenomeni di esclusione sociale

ovvero

possesso del titolo di Dottore di Ricerca attinente alla tematica del bando;
h) conoscenza di elementi di informatica di base e dei principali pacchetti applicativi;
i) conoscenza della lingua Inglese;
j) conoscenza della lingua italiana per i candidati di cittadinanza diversa da quella italiana.
2.

La verifica dei requisiti di cui alle lettere da a) a f) è effettuata dall’Ufficio Concorsi e Borse di
studio.
La verifica del requisito di cui alla lettera g) è effettuata dalla Commissione, preliminarmente
alle prove scritte.
La verifica delle conoscenze di cui alle lett. h), i) è effettuata nel corso della prova orale.

3.

I requisiti richiesti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione
della domanda pena l’esclusione dal concorso.
Art. 3
Domanda di ammissione
Modalità e termini di presentazione

1.

La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente via Internet, utilizzando
un’applicazione informatica disponibile nell’area concorsi del sito CNR all’indirizzo
https://selezionionline.cnr.it - seguendo le istruzioni specificate al comma 6.
4

Consiglio Nazionale delle Ricerche
2.

3.

4.
5.
6.

7.

Il termine di scadenza per la presentazione della domanda è di trenta giorni dalla data di
pubblicazione dell’avviso del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana
IV Serie Speciale - Concorsi. Qualora il termine venga a scadere di sabato o in un giorno festivo,
si intenderà protratto al primo giorno non festivo immediatamente seguente.
Si considera prodotta nei termini la domanda pervenuta entro le ore 18:00 CEST dell’ultimo
giorno utile. La data di presentazione della domanda di partecipazione al concorso è certificata
dal sistema informatico che, allo scadere del termine utile per la presentazione, non permetterà
più l’accesso alla procedura. Il sistema informatico rilascia la ricevuta della corretta
sottomissione della domanda.
Non sono ammesse altre forme di produzione o modalità invio della domanda di partecipazione
alla selezione, pena l’esclusione dal concorso.
Le domande che non vengono confermate definitivamente nella procedura, come indicato nel
successivo comma 6 lett. i), rimangono in stato provvisorio e pertanto sono nulle.
Per la presentazione delle domande occorre procedere come di seguito indicato (avvalendosi
anche del “Manuale utente” presente nella procedura informatica Selezioni Online alla voce
“Altro”):
a) effettuare la registrazione per ottenere le credenziali di accesso che saranno comunicate
all’indirizzo e-mail indicato dal candidato. I dipendenti CNR non necessitano di
registrazione poiché devono utilizzare le proprie credenziali ufficiali CNR di cui sono già in
possesso (credenziali per accedere ai Servizi in Linea per il Personale – SIPER);
b) compilare la domanda;
c) compilare, in fase di inserimento della domanda, la scheda sintetica anonima di cui all’art.
6, inserendo i dati nei campi previsti dalla procedura informatica;
d) allegare il Pdf del curriculum professionale strutturato, redatto seguendo il modello di cui
all’allegato 1) parti A.B.C.D., come indicato all’art. 9 del bando;
e) allegare i prodotti scelti di cui all’art. 8, comma 3, categoria A. in formato Pdf, nel numero
massimo di cinque;
f) allegare il Pdf del curriculum vitae et studiorum in formato europeo;
g) allegare un documento di identità con firma leggibile in corso di validità;
h) stampare il modulo (compilato automaticamente dalla procedura con i dati anagrafici inseriti
dal candidato in fase di inserimento della domanda), concernente le dichiarazioni sostitutive
di certificazione e dell’atto di notorietà, ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 28 dicembre
2000 n. 445; sottoscriverlo con firma autografa leggibile ed allegare lo stesso in formato Pdf;
i) confermare definitivamente la domanda per la produzione della ricevuta.
Nella domanda i candidati dovranno dichiarare sotto la propria personale responsabilità:
• cognome e nome, data e luogo di nascita;
• residenza e codice fiscale;
• cittadinanza;
• se cittadini italiani, il comune nelle cui liste elettorali sono iscritti;
• se cittadini stranieri, di godere dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza o di
provenienza (ad eccezione dei candidati titolari dello status di rifugiato ovvero dello status
di protezione sussidiaria);
• di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali pendenti a proprio
carico; in caso contrario, il candidato dovrà indicare le eventuali condanne penali riportate
ancorché non passate in giudicato nonché i procedimenti penali eventualmente pendenti,
precisando gli estremi del provvedimento di condanna, di patteggiamento o di applicazione
5

Consiglio Nazionale delle Ricerche











dell’amnistia, del condono, dell’indulto o del perdono giudiziale, l’autorità che ha emesso il
provvedimento ed il titolo del reato; la dichiarazione va resa in ogni caso anche se negativa;
il titolo di studio posseduto, con l’indicazione della dicitura completa riportata sul titolo di
studio, la data di conseguimento e l’Istituzione che lo ha rilasciato;
l’eventuale necessità di ausili in sede di prove d’esame in relazione alla specifica disabilità;
gli eventuali servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni e le eventuali cause di
risoluzione degli stessi;
di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica
Amministrazione per persistente ed insufficiente rendimento e di non essere stato dichiarato
decaduto da altro impiego statale, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di
documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, nonché di non essere stato interdetto dai
pubblici uffici in base a sentenza passata in giudicato;
il possesso di eventuali titoli di riserva e dei titoli di preferenza di cui all’art. 11 del presente
bando; detti titoli devono essere espressamente menzionati nella domanda, pena la non
valutazione dei medesimi;
per i soli cittadini stranieri: di avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
di conoscere e di accettare il vincolo, in caso di vincita del concorso, a permanere almeno
cinque anni presso la sede di destinazione;
l’indirizzo PEC personale del candidato, o per i candidati non residenti in Italia il recapito al
quale si desidera siano trasmesse le comunicazioni relative alla selezione;
sarà utile altresì indicare un recapito telefonico ed un indirizzo di posta elettronica ordinaria.

8. Le comunicazioni inerenti il presente concorso saranno inviate all’indirizzo PEC personale dei
candidati; le comunicazioni ai candidati non residenti in Italia (che non siano in possesso di una
PEC) verranno effettuate con raccomandata a.r. all’indirizzo indicato dai candidati medesimi; il
CNR non assume alcuna responsabilità per eventuali disservizi di connessione della rete, né per
la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del
concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione di cambiamento dell’indirizzo indicato
nella domanda, né per eventuali disguidi postali imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza
maggiore.
Art. 4
Esclusione dal concorso
1.

Costituiscono motivi di esclusione:
a) la presentazione della domanda e dei relativi allegati con modalità diverse da quelle indicate
all'art. 3;
b) il mancato possesso del titolo di studio tra quelli richiesti, di cui all’art. 2 comma 1 lett. f);
c) sono altresì esclusi coloro che siano stati interdetti dai pubblici uffici e coloro che siano stati
destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente ed
insufficiente rendimento ovvero siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi
dell’art. 127, comma 1, lett. d) del D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3, nonché coloro che siano
stati licenziati per motivi disciplinari a norma dei contratti collettivi nazionali di lavoro
stipulati per i comparti della Pubblica Amministrazione;
d) l’esclusione dalla partecipazione al concorso viene, inoltre, disposta dal Responsabile del
procedimento a seguito della verifica negativa, di cui all’art. 7, da parte della Commissione
esaminatrice in merito al requisito di ammissione di cui all’art. 2 comma 1 lett. g).
6

Consiglio Nazionale delle Ricerche
2.
3.

I candidati non esclusi sono comunque ammessi al concorso con riserva.
Il Responsabile del procedimento può disporre in qualunque momento l’esclusione dal concorso
per difetto dei requisiti prescritti. Qualora i motivi che determinano l’esclusione siano accertati
dopo l’espletamento del concorso, il predetto Responsabile dispone la decadenza da ogni diritto
conseguente alla partecipazione al concorso stesso; sarà ugualmente disposta la decadenza dei
candidati di cui risulti non veritiera una delle dichiarazioni previste nella domanda di
partecipazione alla selezione o delle dichiarazioni rese ai sensi del D.P.R. 445/2000.
Art. 5
Commissione esaminatrice

1.
2.
3.
4.
5.

6.

7.

La Commissione esaminatrice, nominata con decreto del Presidente del CNR, è composta da tre
componenti, di cui uno con funzioni di Presidente e da due supplenti.
Il decreto di nomina è pubblicato sulla pagina del sito Internet del CNR: agli indirizzi
http://www.urp.cnr.it/ e https://selezionionline.cnr.it.
In caso di motivata rinuncia o di indisponibilità per cause sopravvenute di un membro effettivo
subentra un componente supplente; alla relativa sostituzione si provvede con decreto del
Presidente del CNR.
Le eventuali modificazioni dello stato giuridico intervenute successivamente alla nomina non
incidono sulla qualità di commissario.
Le eventuali istanze di ricusazione di uno o più componenti della Commissione giudicatrice da
parte dei candidati, qualora ricorrano le condizioni previste dall’art. 51 del codice di procedura
civile, devono essere proposte al Presidente del CNR nel termine perentorio di quindici giorni a
decorrere dalla data di pubblicazione del decreto di nomina. Decorso tale termine non sono
ammesse istanze di ricusazione dei commissari. Il rigetto dell’istanza di ricusazione non può
essere dedotto come causa di successiva ricusazione.
Non oltre il quarantacinquesimo giorno dalla data di comunicazione della nomina, la
Commissione tiene la prima riunione, nel corso della quale procede, previo rilascio delle
dichiarazioni di non sussistenza di incompatibilità ai sensi della normativa vigente, alla
determinazione dei criteri di valutazione dei titoli e delle prove d’esame.
La Commissione conclude la procedura concorsuale entro il termine di quattro mesi dalla data di
effettuazione delle prove scritte. Il Dirigente dell’Ufficio Concorsi e Borse di studio, con proprio
decreto, può prorogare il predetto termine per una sola volta e per non più di due mesi.
L'inosservanza del termine massimo di sei mesi dovrà essere giustificata collegialmente dalla
Commissione esaminatrice con motivata relazione da inoltrare al Presidente del CNR (art. 11 D.P.R. 487/94).
Art. 6
Scheda sintetica

1.
2.

Il candidato deve inserire nella procedura Selezioni online, le informazioni circa il possesso del
prerequisito di cui all’art. 2, comma 1, lett. g) immettendo i dati richiesti in forma sintetica nella
mappa della procedura informatica all’uopo predisposta.
La scheda sintetica, in forma totalmente anonima, sarà oggetto di esame da parte della
Commissione; il candidato non dovrà, pertanto, inserire in tale scheda informazioni relative a
dati anagrafici che possano identificare univocamente il candidato stesso, pena l’esclusione.
7

Consiglio Nazionale delle Ricerche
Art. 7
Verifica del requisito di ammissione
1.
2.

3.
4.

La commissione sulla base delle informazioni contenute nella scheda sintetica anonima inserita
dal candidato nella procedura Selezioni online, procede alla verifica del possesso del requisito di
ammissione di cui all’art. 2 comma 1 lett. g).
In questa fase l’abilitazione all’accesso alla procedura Selezioni Online è consentita
esclusivamente sulle schede anonime dei candidati, identificate da un codice che sarà
decodificato successivamente dal Responsabile del procedimento, per le comunicazioni di cui al
punto successivo.
La Commissione comunica al Responsabile del procedimento gli esiti di tale verifica per le
eventuali comunicazioni di esclusione per difetto del predetto requisito.
Ai candidati le cui schede anonime non hanno superato la fase preliminare viene inviata una
comunicazione di esclusione. La partecipazione alle prove scritte non esclude la possibilità di
esclusione successiva, a seguito di verifica negativa del prerequisito svolta sul curriculum
completo del candidato.
Art. 8
Titoli

1.
2.
3.

La valutazione dei titoli è effettuata dopo le prove scritte e prima che si proceda alla correzione
dei relativi elaborati.
Per la valutazione dei titoli, la Commissione dispone complessivamente di 33 punti.
I titoli valutabili ed i relativi punteggi massimi attribuibili per ciascuna delle sottoindicate
categorie e per ciascun titolo sono i seguenti:

A. Pubblicazioni scientifiche e/o brevetti

max 5 prodotti scelti - max punti 3 per ciascun prodotto

B. Elenco di ulteriori pubblicazioni e/o brevetti

max punti 15

max punti 4

non inseriti nella lettera A.
(la Commissione formulerà un giudizio sull’insieme delle pubblicazioni e/o brevetti di tale
elenco tenendo conto della qualità, originalità e innovatività della produzione scientifica nel
suo complesso, assegnando il relativo punteggio)

C. Altri titoli max punti 8

max 15 titoli scelti tra quelli ritenuti più significativi del proprio curriculum vitae et
studiorum riconducibili ai seguenti tre gruppi di fattispecie:
c1) per il singolo titolo max punti 1,50
Responsabilità di progetto scientifico o di campagna di rilevamento;
Incarichi di responsabilità di struttura formalmente costituita prevista a livello
ordinamentale (Statuto e Regolamento);
Responsabilità di gestione di infrastruttura di ricerca;
Premi e riconoscimenti scientifici;
Corsi di alta formazione con esame finale, abilitazioni professionali e iscrizioni ad albi.
Per un solo titolo tra quelli inseriti in c1), la Commissione potrà derogare al punteggio
massimo di 1,50 sino ad un massimo di 2 punti, laddove trattasi di un titolo di
particolare importanza, fornendo adeguate motivazioni della relativa scelta.
8

Consiglio Nazionale delle Ricerche
c2) per il singolo titolo max punti 1
Incarichi ricoperti in organismi/strutture di natura tecnico-scientifica nazionali ed
internazionali;
Incarichi conferiti in ragione di specifiche competenze professionali anche in
rappresentanza dell’Ente;
Incarichi di docenza in corsi universitari e di alta formazione;
Incarichi di componente di commissione di concorso;
Organizzazione di conferenze internazionali/nazionali, partecipazione a comitati
scientifici di conferenze internazionali/nazionali;
Partecipazione alla istituzione di imprese spin-off;
Composizioni, disegni, design, mostre ed esposizioni organizzate, manufatti, prototipi
e opere d’arte e loro progetti, banche dati e software, carte tematiche, solo se corredati
da documentazione atta a consentirne adeguate valutazioni.
c3) per il singolo titolo max punti 0,50
Partecipazione a progetto scientifico o a campagna di rilevamento;
Partecipazione a comitati di redazione di riviste e giornali scientifici nazionali o
internazionali; editor di special issues;
Attività di referaggio di articoli, libri e progetti;
Partecipazione su invito a conferenze internazionali/nazionali;
Vincite in procedure selettive per posizioni di pari livello a quella per la quale si
concorre;
Rapporti tecnici (relazioni tecniche depositate presso le strutture CNR o altre Istituzioni
pubbliche o private aventi carattere nazionale e internazionale).

D. Valorizzazione della professionalità max punti 6

acquisita con l’attività di ricerca svolta presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche e/o
presso Università o qualificati Enti e Centri di ricerca pubblici o privati, anche stranieri.
Saranno attribuiti 1,50 punti per ogni anno o frazione di anno superiore a 6 mesi di servizio
svolto con contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato.
Saranno attribuiti 0,75 punti per ogni anno o frazione di anno superiore a 6 mesi di attività
svolta a seguito del conferimento di assegni di ricerca.
Potranno essere oggetto di assegnazione dei suddetti punteggi solo i periodi di servizio o di
attività ulteriori a quelli computati ai fini della verifica del requisito di ammissione al
concorso di cui all’art. 2 comma 1 lett. g).
Art. 9
Curricula – Dichiarazioni sostitutive

1.

I candidati devono presentare un curriculum di tipo strutturato in formato Pdf, compilato
seguendo le istruzioni di cui all’allegato 1) e con le modalità di seguito indicate:
a) Per i prodotti scelti di cui alla categoria A, il candidato dovrà compilare il relativo elenco
seguendo il format di cui all’allegato 1) Parte A.
Degli stessi dovrà essere inserito in procedura il relativo Pdf.
Qualora il candidato inserisca un numero di prodotti superiore a quello previsto, quelli oltre
il quinto saranno esclusi dalla valutazione.
b) Per i prodotti di cui alla categoria B, il candidato dovrà compilare il relativo elenco seguendo
il format di cui all’allegato 1) Parte B., senza limiti numerici.
9

Consiglio Nazionale delle Ricerche

2.

3.

4.
5.

6.

7.

8.

c) Per i titoli di cui alla categoria C, il candidato dovrà procedere alla compilazione seguendo
il format di cui all’allegato 1) Parte C, scegliendo tra le diverse fattispecie previste.
Qualora il candidato inserisca un numero di titoli superiore a quello previsto, quelli oltre il
quindicesimo saranno esclusi dalla valutazione.
Non potranno essere inseriti titoli non compresi tra le fattispecie previste in questa categoria.
d) Per la valorizzazione della professionalità di cui alla categoria D, il candidato dovrà
compilare i dati richiesti seguendo il modello di cui all’allegato 1) Parte D, indicando
giorno/mese/anno di inizio e fine attività, svolta presso il Consiglio Nazionale delle
Ricerche, e/o presso Università o qualificati Enti o Centri di ricerca pubblici o privati, anche
stranieri, con contratti a tempo indeterminato o determinato o assegni di ricerca.
È preciso onere del candidato riportare tutte le informazioni necessarie per la valutazione dei
titoli come previste nelle diverse parti del suddetto allegato 1) tenuto conto delle specificità della
tematica concorsuale.
Le dichiarazioni prive degli elementi essenziali per la valutazione non saranno prese in
considerazione dalla Commissione.
Per tutte le tipologie di titoli, i candidati devono fare riferimento ad atti certi identificabili con i
singoli elementi di riferimento, quali: data, protocollo (motivare qualora non esistenti), persona
fisica o giuridica che ha rilasciato l’atto, etc., nonché corredati da informazioni utili per la
valutazione, quali: natura e durata dell’incarico, ruolo svolto dal candidato, indicatori
bibliometrici, ove esistenti, etc.
I candidati devono anche allegare il curriculum vitae et studiorum in formato europeo. Il predetto
curriculum non sarà oggetto di attribuzione di punteggi in fase di valutazione dei titoli, ma
formerà oggetto di discussione in sede di prova orale.
Ai sensi dell’art. 15 della Legge 12 novembre 2011 n. 183, è fatto divieto di esibire alle pubbliche
amministrazioni ed ai privati gestori di pubblici servizi, certificati concernenti stati, fatti e qualità
personali che sono, pertanto, sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e
dell’atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000 n. 445.
Il candidato deve, pertanto, allegare il modulo concernente le dichiarazioni sostitutive di
certificazione e dell’atto di notorietà, di cui alla normativa sopra richiamata, con la fotocopia di
un documento di riconoscimento in corso di validità con firma leggibile, come indicato all’art. 3
del bando.
Le autocertificazioni previste per i cittadini italiani si applicano ai cittadini dell’Unione Europea.
I cittadini extracomunitari residenti in Italia possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive
limitatamente ai casi in cui si tratti di comprovare stati, fatti e qualità personali certificabili o
attestabili da parte di soggetti pubblici o privati italiani, ovvero nei casi in cui la produzione delle
dichiarazioni stesse avvenga in applicazione di convenzioni internazionali tra l’Italia e il Paese
di provenienza del dichiarante.
L’Amministrazione procede ad idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni
sostitutive ai sensi dell’art. 71 del DPR 445/2000.
Art. 10
Esami

1.

Gli esami si articolano in:
a) due prove scritte in lingua italiana, una a contenuto teorico ed una a carattere applicativo,
dirette ad accertare il possesso delle competenze coerenti con l’attività di ricerca indicata nel
bando;
10

Consiglio Nazionale delle Ricerche
b) una prova orale, in lingua italiana, consistente nella discussione di aspetti scientifici di ordine
generale e specifico degli argomenti di ricerca indicati nel bando, nonché delle prove scritte,
del curriculum, delle pubblicazioni e/o rapporti tecnici e/o brevetti.
La prova orale è diretta anche ad accertare la conoscenza della lingua inglese e dell’informatica
di base e dei principali pacchetti applicativi.
1. Per la valutazione delle prove d’esame, la Commissione dispone dei seguenti punti:
20 punti per la prova scritta a contenuto teorico
20 punti per la prova scritta a carattere applicativo
27 punti per la prova orale.
2. Il giorno, il luogo e l’orario di convocazione per le prove scritte sono comunicati ai candidati con
almeno quindici giorni di preavviso rispetto alla data stabilita per l’espletamento delle predette
prove. Il diario delle prove d’esame è altresì pubblicato sul sito istituzionale del Consiglio
Nazionale della Ricerche agli indirizzi http://www.urp.cnr.it/ e https://selezionionline.cnr.it
3. Per lo svolgimento di ciascuna prova scritta può essere concesso un tempo non superiore alle sei
ore. Le due prove potranno essere svolte nella stessa giornata, se complessivamente non viene
superato il predetto limite orario, con esclusione dei tempi tecnici aggiuntivi.
4. Alla prova orale sono ammessi i candidati che abbiano riportato un punteggio non inferiore a
14/20 in ciascuna prova scritta.
5. La convocazione alla prova orale è effettuata almeno venti giorni prima della data della prova.
Ai candidati che conseguono l’ammissione alla prova orale è data comunicazione:
a) del punteggio riportato nelle prove scritte e nella valutazione dei titoli;
b) della data, ora e sede di svolgimento della prova orale.
6.
Al termine di ciascuna seduta relativa alla prova orale la Commissione esaminatrice forma
l’elenco dei candidati esaminati con l’indicazione della votazione da ciascuno riportata in tale
prova, elenco che, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario della Commissione, è affisso nel
medesimo giorno all’albo della sede d’esame.
7.
La prova orale è superata dai candidati che riportano un punteggio non inferiore a 19/27 ed un
giudizio almeno sufficiente in ordine alla conoscenza della lingua inglese e dell’informatica.
8.
I candidati con necessità di ausili in sede di esame in relazione alla specifica disabilità, dovranno
indicare tale esigenza nella domanda di partecipazione.
9.
Per essere ammessi alle prove di esame i candidati devono presentare un valido documento di
identità personale. I candidati che non si presenteranno a sostenere le prove di esame nei giorni
fissati decadono da ogni diritto alla partecipazione.
10. La Commissione al termine dei lavori forma la graduatoria di merito ed indica il vincitore, nella
persona del candidato che ha conseguito il più elevato punteggio finale dato dalla somma dei
punteggi conseguiti nella valutazione dei titoli e nelle singole prove d’esame.
Art. 11
Titoli di riserva e/o preferenza
I candidati che abbiano superato la prova orale e che intendono far valere i titoli di riserva e/o
preferenza a parità di merito, espressamente indicati in domanda, tra quelli previsti dall’art. 5 del
DPR 487/94, devono inviare al Responsabile del procedimento di cui all’art. 16 del presente bando
all’indirizzo PEC: protocollo-ammcen@pec.cnr.it, entro il termine perentorio di quindici giorni,
decorrenti dal giorno successivo a quello in cui hanno sostenuto la suddetta prova, dichiarazioni
sostitutive di certificazione o dell’atto di notorietà ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000,
attestanti il possesso dei predetti titoli alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della
11

Consiglio Nazionale delle Ricerche
domanda di partecipazione al concorso. Per i candidati non residenti in Italia, l’invio della predetta
documentazione potrà essere effettuato con raccomanda a/r all’indirizzo specificato all’art. 16.
Art. 12
Regolarità degli atti
Approvazione graduatoria e nomina del vincitore
1.
2.
3.

Il Dirigente dell’Ufficio Concorsi e Borse di studio, entro il termine di trenta giorni dalla
consegna degli atti da parte della Commissione, previo accertamento della regolarità della
procedura, approva con proprio provvedimento la graduatoria di merito e nomina il vincitore.
Nel caso in cui riscontri vizi di forma, rinvia, con provvedimento motivato, gli atti alla
Commissione per la loro regolarizzazione, stabilendone un termine.
Il provvedimento di cui al comma 1 è pubblicato sul sito Internet agli indirizzi
http://www.urp.cnr.it/ e https://selezionionline.cnr.it; di tale pubblicazione sarà data notizia,
mediante avviso, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e da tale data decorrerà il
termine per le eventuali impugnative.
Art. 13
Assunzione in servizio

1.
2.
3.
4.
5.

Il vincitore sarà assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato al terzo livello
professionale Profilo Ricercatore, con il trattamento economico previsto dal vigente CCNL del
Comparto Istituzioni ed Enti di Ricerca e Sperimentazione.
Il vincitore che, nel termine stabilito, non avrà preso servizio, senza giustificato motivo, sarà
dichiarato decaduto dall’impiego.
Il vincitore dovrà rimanere in servizio presso la sede dell'Istituto per un periodo non inferiore a
cinque anni.
Il vincitore dovrà presentare, nei modi e nei tempi previsti dal competente Ufficio CNR Stato
Giuridico e Trattamento Economico del Personale, la documentazione che verrà richiesta con la
lettera di assunzione.
Sulla base di quanto previsto dall’art. 55 quater del Decreto legislativo n. 165/2001 e successive
modifiche e integrazioni, in caso di falsità documentali o dichiarative commesse ai fini o in
occasione dell’instaurazione del rapporto di lavoro, trova applicazione la sanzione disciplinare
del licenziamento senza preavviso.
Art. 14
Trattamento dei dati personali

1.
2.
3.

Ai sensi dell’art.13 del D.Lgs 30 giugno 2003 n.196, i dati personali forniti dai candidati sono
trattati per le finalità di gestione del presente bando e per la successiva eventuale instaurazione o
prosecuzione del rapporto di lavoro e per la gestione del rapporto medesimo.
Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione,
pena l’esclusione dal concorso.
L’interessato gode dei diritti di cui all’art. 7 del citato D.Lgs, tra i quali figura il diritto di accesso
ai dati che lo riguardano nonché alcuni diritti complementari tra cui il diritto di far rettificare,
12

Consiglio Nazionale delle Ricerche
4.

aggiornare, completare o cancellare i dati erronei, incompleti o raccolti in termini non conformi
alla legge, nonché il diritto di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.
Tali diritti possono essere fatti valere nei confronti del Consiglio Nazionale delle Ricerche nella
persona del Dirigente dell’Ufficio Concorsi e Borse di studio della Direzione Centrale Gestione
delle Risorse Umane.
Art. 15
Accesso agli atti

1.

2.
3.

Il diritto di accesso agli atti del concorso, ai sensi della legge 7 agosto 1990 n. 241 e successive
integrazioni e modificazioni, viene esercitato con le modalità di cui all’art. 10 del provvedimento
organizzatorio n. 22 del 18 maggio 2007, come integrato e modificato dal provvedimento n. 62
dell’8 novembre 2007 (consultabili sul sito CNR www.cnr.it sezione “utilità”) e con le
limitazioni di cui all’art. 12 dello stesso.
Le richieste di accesso agli atti del concorso saranno pubblicate nell’area concorsi al predetto
indirizzo.
Tale pubblicazione assolve ogni obbligo di comunicazione agli interessati ai sensi della suddetta
legge. Il CNR non è tenuto, pertanto, a procedere ad alcuna notifica individuale ai partecipanti.
Art. 16
Responsabile del procedimento

Il Responsabile è il Dirigente dell’Ufficio Concorsi e Borse di studio della Direzione Centrale
Gestione delle Risorse Umane Piazzale Aldo Moro n. 7 – 00185 Roma (tel.: 06 4993.2172 – fax 06
4993.3852) – email: concorsi@cnr.it – PEC: protocollo-ammcen@pec.cnr.it.
Art. 17
Pubblicità e diffusione
Il presente bando è pubblicato sul sito Istituzionale del Consiglio Nazionale delle Ricerche
http://www.urp.cnr.it/ (Sezione Lavoro e Formazione) e nel Sistema di Selezioni Online CNR
https://selezionionline.cnr.it
L’avviso del presente bando è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana IV Serie
Speciale – Concorsi ed Esami.
Art. 18
Disposizioni finali
Per quanto non espressamente previsto dal presente bando valgono, in quanto applicabili, le
disposizioni previste dalla normativa citata nelle premesse del presente bando, nonché le leggi vigenti
in materia.
IL PRESIDENTE
13

Firmato da
Nicolais
Luigi


Documenti correlati


Documento PDF 1992 doc it concorso irpps
Documento PDF bando di concorso e schede di iscrizioni
Documento PDF regolamento concorso centro web
Documento PDF regolamento modulo iscrizione liberatoria
Documento PDF n 01608 2013 reg ric
Documento PDF concorso un ospe 1


Parole chiave correlate