File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Equilibre Report .pdf



Nome del file originale: Equilibre - Report.pdf
Titolo: Presentazione standard di PowerPoint
Autore: monica lanzoni

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® PowerPoint® 2013, ed è stato inviato su file-pdf.it il 30/03/2016 alle 20:18, dall'indirizzo IP 93.43.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1330 volte.
Dimensione del file: 4.6 MB (53 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Paola Calabrese
Lucrezia Guerra
Monica Lanzoni
Pierluca Mazzetti

1814771
1598432
1812346
1814375

1

Indice
1.

Executive Summary

2.

Analisi del macroambiente

3.

4.

• Principali trend nell’alimentazione ed abitudini
d’acquisto



Analisi del microambiente

Potenziali competitor e le loro politiche riguardo le
tematiche alimentari

Perché la presenza di alternative alimentari
«Il colore nel bicchiere»
Merchandising
Comunicazione off-store
Comunicazione in-store
App
Customer Relationship Management
Personale
Eventi

6.

Corporate Social Responsability

7.

SWOT analysis

8.

Budget

9.

Future plans

Go-to-Market: Équilibre






5.











La piramide alimentare
Équilibre: Mission, Vision, Brand Mantra e Core
Values
I nostri obiettivi
Scelta del target e posizionamento

Definizione delle leve di retailing mix
• Format e Location
• Assortimento

2

Executive Summary
La proposta è volta alla creazione di un nuovo retail format sulla base dei recenti trend nel settore italiano del food.
Équilibre rappresenterà una nuova tipologia di superstore con un display innovativo nella GDO distinguendosi dagli altri player grazie al
suo complementare obiettivo di indirizzare ed educare il cliente nel mondo dell’alimentazione. Proprio per il perseguimento di tale
scopo è stato scelto un particolare layout del punto vendita, che replichi la piramide alimentare sia nella forma che nelle proporzioni
dell’assortimento, invitando così il cliente a rispettarne i principi.

Approcciandosi alla zona espositiva il cliente incontrerà i vari reparti caratterizzati dal colore tipico della categoria merceologica e con
una decrescente profondità e ampiezza di assortimento salendo verso la punta della piramide. Équilibre si proporrà anche come luogo
di aggregazione tramite la presenza di un bar e di una area dedicata all’organizzazione di eventi ludico-istruttivi, rendendo così lo store
non un classico punto vendita, ma un luogo volto alla diffusione di un’alimentazione sana e con funzioni sociali che supereranno quelle
di un comune supermercato.
La location scelta per l’apertura del primo punto di vendita è Milano in quanto città recettiva ai nuovi trend e per l’elevato potere
d’acquisto dei suoi abitanti. L’offerta di prodotti premium renderà il target di Équilibre composto da consumatori con un’adeguata
capacità di spesa, senza distinzioni di sesso o età. La vendita di prodotti con un alto margine permetterà ad Équilibre di recuperare in un
ragionevole lasso di tempo l’investimento iniziale e di aprire nuovi punti vendita in città con simili caratteristiche, quali Torino, Firenze e
Roma.

3

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

Espansioni future

CSR SWOT Budget

Soft Health e km 0:

Gli Italiani sempre più attenti
In seguito allo studio dei principali trend del mercato alimentare in Italia è emerso
che:

«Se prima questo rappresentava una tendenza che riguardava
una ristretta cerchia di persone, adesso abbraccia consumatori di
qualsiasi estrazione sociale che pongono la loro attenzione su una
dieta equilibrata, spesso ricca di frutta, verdura e cereali.»
(Rapporto Nielsen 2014)

Il 48% dei consumatori dichiara di informarsi sulle proprietà dei cibi, tra questi il
35% segue un regime alimentare corretto;

Si sta sviluppando un nuovo trend, il Soft Health, che evidenzia una willingnessto-pay più elevata per quanto riguarda l’acquisto di prodotti salutari, sostenibili e
biologici, facendo registrare un +50% sugli acquisti di prodotti a base di soia e un
+62% per prodotti gluten-free. Allo stesso modo il consumatore italiano si
dimostra sempre più attento a non rinunciare al gusto, al sapore e alla qualità
delle materie prime impiegate;
Sempre più italiani sono attenti alla provenienza dei prodotti acquistati. È in forte
aumento la tendenza di acquistare prodotti locali e in particolare 18 mln di italiani
(circa il 30% della popolazione) scelgono abitualmente cibi a km 0, mentre 23,3
mln li acquistano occasionalmente. La Grande Distribuzione è sempre di più il
canale principale dove acquistare tali prodotti;
Analizzando i sei panieri del largo consumo elaborati da Nielsen si osserva come
il trend delle vendite dei prodotti appartenenti al paniere del Benessere e della
Salute sia cresciuto del + 10,1 % a volume e a valore rispetto al 2013, oltre ad aver
registrato una crescita in valore assoluto superiore rispetto a tutti gli altri.

Quali sono i prodotti che vorrebbe trovare sullo scaffale?

40%

34%
29%

28%

28%
23%

30%

15%

20%
10%
0%
Prodotti per uno stile di vita sano

Che facilitano la vita

Eticamente sostenibili

Ecologico

Fatto con ingredienti naturali

Comodi da usare

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Fresco e di qualità: il vecchio mercato
torna di moda
Le ultime ricerche sulle abitudini d’acquisto degli italiani evidenziano come il format del «mercato rionale» stia guadagnando maggiore
apprezzamento da parte dei consumatori. Oggigiorno non è più presente solo nei quartieri delle città, ma anche online e all’interno dei
punti vendita della GDO, dove, un’esposizione ad esso ispirata, con bancarelle e contatto one-to-one, influenza gli acquisti rendendo più
piacevole il momento di visita del punto vendita.
Esempi attuali sono:
Coop che propone i suoi prodotti ortofrutticoli disponendoli su
bancarelle simili a quelle dei mercati con tanto di ombrelloni ed
espositori a tema;
Il sito Cortilia.it che consegna a casa il raccolto della settimana imbustato
come se il cliente l’avesse appena acquistato presso un mercato rionale;
Eataly che rivisita e reinterpreta la tradizione e il mercato rionale nel
visual merchandising del reparto ortofrutticolo.

5

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Gli italiani e l’alimentazione

«Coabitazione virtuosa tra gusto e salute»
Gli italiani si mostrano sempre di più simili quando si parla di alimentazione e food. In particolare
emerge come il focus sia sempre più incentrato su alcuni aspetti fondamentali quali:
Desiderio di gratificazione emotiva e appagamento dei sensi: gli italiani non sono disposti
a rinunciare al gusto e vogliono concedere qualche «momento di dolcezza al proprio
palato»;
Attenzione agli aspetti salutistici come le proprietà nutritive e i valori nutrizionali,
riassumibile in «la salute comincia a tavola»;
Volontà di variare spesso l’alimentazione: oltre ad essere una buona soluzione per
mantenere una dieta sana ed equilibrata può essere un modo attraverso cui sperimentare
nuovi sapori;
Desiderio di consumare più cibi freschi, in quanto non è solo un’esigenza funzionale ma
sempre più una tendenza e una scelta aspirazionale;

6

Macroambiente

Retailing Mix

Équilibre

Microambiente

Espansioni future

CSR SWOT Budget

Gli italiani e l’alimentazione

«Coabitazione virtuosa tra gusto e salute»
Consapevolezza che una giusta alimentazione sia lo strumento più adeguato per prevenire e gestire disfunzioni fisiche: gli
studi identificano tre macro aree di interesse con riferimento ai prodotti:

Back to basics: prodotti al 100% naturali, senza coloranti artificiali, ricchi di fibre e biologici;

Back to basics
Biologici e con aromi naturali

26%

Ricchi di fibre

30%

Fatti con vegetali/frutta e senza aromi artificiali

36%

OGM free

42%

Senza coloranti artificiali

43%

Prodotti al 100% naturali

45%
0%

5%

10%

15%

20%

25%

30%

35%

40%

45%

50%

Importanza

7

Macroambiente

Retailing Mix

Équilibre

Microambiente

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Gli italiani e l’alimentazione

«Coabitazione virtuosa tra gusto e salute»
Less is more: prodotti a basso contenuto di colesterolo, grassi, sodio, zucchero e calorie;
Assenza di glutine
11%
Less is more
Assenza di caffeina
A basso contenuto di fruttosio
Assenza di carboidrati
Porzioni controllate
Assenza di calorie
Assenza di zucchero
Assenza di sodio
Assenza di grassi
Assenza di colesterolo

12%

16%
18%
21%
22%

27%
28%
29%
35%
0%

5%

10%

15%

20%

25%

30%

35%

40%

Importanza

More is more: prodotti arricchiti di calcio, a valore elevato di proteine e vitamine, ricchi di grassi insaturi, con
presenza di micronutrienti.
Cnsiderevole presenza di micronutrienti

More is more

11%

Ricchi di grassi insaturi

15%

Fortificati con minerali

16%

Valore elevato di proteine e vitamine

18%

Prodotti arricchiti di calcio

19%

Ingredienti integrali

22%
0%

5%

10%

15%

20%

25%

8
Importanza

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Gli italiani e la sostenibilità
nell’alimentazione
Gli italiani fanno sempre più attenzione all’alimentazione, ma soprattutto alla sostenibilità di ciò che mangiano.
Grande interesse stanno acquisendo i prodotti, di marca industriale e commerciale, a basso impatto
ambientale.
È importante sottolineare inoltre che la riduzione degli sprechi e la sostenibilità risultano essere tra i principali
driver di valutazione nelle scelte d’acquisto dei consumatori, sempre più consapevoli di ciò che acquistano.

Cosa desiderano gli italiani quando fanno la spesa?
Maggiore chiarezza e trasparenza informativa sulle referenze presenti nei punti di vendita, soprattutto per
quanto riguarda la provenienza e la tracciabilità dei prodotti offerti;
Acquistare soltanto prodotti e quantità che si è certi di consumare prima della data di scadenza;

Gratificazione attraverso la percezione di aver portato a termine una spedizione d’acquisto ottimale dal
punto di vista del rapporto qualità-prezzo.

9

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

Espansioni future

CSR SWOT Budget

Come sta reagendo la GDO a questi
nuovi trend?

Conscia del suo ruolo fondamentale di piattaforma sociale tra comportamenti e atteggiamenti del consumatore e il mondo
alimentare, la GDO ha lavorato sia sulla leva dell’assortimento che sulle politiche di CSR per sostenere un’alimentazione sempre più
sana ed attenta.

ASSORTIMENTO
In particolare si può notare come negli ultimi anni si siano verificati un’estensione e un approfondimento delle referenze a km 0,
biologiche, light, prive di sostanze contenenti allergeni o fonti di intolleranza e con un giusto apporto di nutrienti.
Attenzione
all’infanzia
Per far capire come
effettivamente la GDO stia
reagendo, viene riportata
in tabella la proliferazione
di marche commerciali
dedicate a questi ambiti.

Club 4-10

Basso impatto
ambientale

Prodotti biologici

Bene.sì

Vivi Verde
Esselunga
Naturama

Esselunga Bio
Bio

Conad Kids
Carrefour Kids
Carrefour Baby

Prodotti per una
sana alimentazione

Conad Biologico
Carrefour Bio

Esselunga
Equilibrio
Semplici e buoni
Conad Piacersi
Conad AC
Carrefour
Viversano

10

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Come sta reagendo la GDO a questi
nuovi trend?

Politiche di CSR

L’attenzione a questi aspetti dell’alimentazione ha portato sempre più le imprese e la GDO a sviluppare politiche di Corporate
Social Responsability riguardanti il mondo del food e della sostenibilità.

In particolare:
Utilizzo del canale Web per sensibilizzare ulteriormente i consumatori;
Es. Simply e Auchan hanno collaborato allo sviluppo del sito www.insiemecontroglisprechi.it, per supportare il programma del WWF «WWF One
Planet Food», nel quale verranno convogliate le azioni congiunte delle due catene in tema di contrasto allo spreco alimentare ed energetico.

Partecipazioni ad iniziative sostenute dall’Unione Europea e il Ministero delle Politiche agricole, Alimentari e Forestali, come
«Nutritevi dei colori della vita», sviluppata al fine di far conoscere le proprietà benefiche di frutta e verdura, raggruppandole
a seconda della pigmentazione;
Design del punto vendita rispettoso dell’ambiente, contenendo lo spreco di risorse energetiche e utilizzando tecnologie
impiantistiche e costruttive a basso impatto ambientale;
Es. Esselunga e Coop utilizzano lampade a risparmio energetico, copertura dei banchi frigo surgelati, free cooling e recupero di calore dell’aria
espulsa e produzione e utilizzo di energie da fonti rinnovabili.

Campagne di sensibilizzazione nelle scuole.
Es. Nordiconad ha lanciato un progetto di educazione alimentare rivolto alle classi della scuola primaria, in cui sotto forma di gioco vengono
trattate tematiche inerenti un corretto e sano stile di vita alimentare.
11

Balance your mind

12

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Piramide alimentare
Lo stile di vita dei nostri giorni è caratterizzato da una
grande disponibilità di cibo e da una sempre più diffusa
sedentarietà che portano gli individui a vivere in una
situazione di apparente benessere psico-fisico. Spesso però
tale apparenza non corrisponde a condizioni di salute
ottimali. Viviamo, quindi, in un’epoca ove all’allungarsi
dell’aspettativa di vita cresce il rischio di contrarre patologie
cardiovascolari, obesità e cancro.

La piramide alimentare giornaliera è composta da 6 piani in cui troviamo disposti in modo scalare i vari gruppi di alimenti,
contraddistinti da colori diversi per sottolineare come ciascun gruppo sia caratterizzato da un differente contenuto di nutrienti
e richieda differenti frequenze di consumo. Inoltre, all’interno dello stesso gruppo è importante variare le scelte allo scopo di
ottenere un’alimentazione completa.
Partendo dalla base della piramide, si trovano gli alimenti di origine vegetale che sono caratteristici della “dieta mediterranea”
in quanto presentano quantità abbondanti di nutrienti non energetici (vitamine, sali minerali, acqua) e di composti protettivi
(fibra e phytochemicals). Salendo da un piano all’altro si posizionano gli alimenti a maggiore densità energetica che
andrebbero consumati in minore quantità, al fine di prevenire l’aumento eccessivo del peso e le patologie metaboliche.

13

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Équilibre: chi siamo
Mission
Proporre una nuova filosofia di
spesa in cui il cliente sia
accompagnato verso
un’alimentazione consapevole,
equilibrata e responsabile.

Vision
La dieta di ognuno di noi sia
organizzata seguendo i principi
della piramide alimentare per
migliorare la salute di tutti.

Core values
Brand mantra
Food, Health, Community

Salute
Consapevolezza alimentare
Qualità
Community
Affidabilità
Sostenibilità
14

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Display innovativo, community ed
educazione: i punti di forza di Équilibre
Non è un semplice luogo dove soddisfare i bisogni funzionali di approvvigionamento ma un ambiente dove vivere un’esperienza a 360°.
Il consumatore verrà accompagnato alla scoperta di un’alimentazione sana ed equilibrata, secondo i principi della piramide
alimentare.
Équilibre non si porrà come un punto vendita dove acquistare esclusivamente prodotti salutisti e legati al mondo del benessere;
nell’assortimento saranno presenti anche le più rinomate marche industriali, proposte all’acquirente attraverso un display innovativo
organizzato proporzionalmente al consumo suggerito dalla piramide stessa.
A differenza della tradizionale GDO, Équilibre si proporrà come punto di incontro, attraverso eventi e iniziative, per condividere con i
propri acquirenti curiosità e nuovi soluzioni in campo alimentare.
Vivendo l’esperienza Équilibre, i clienti potranno liberare la propria fantasia e riscoprire il
mondo della sana alimentazione in modo avvincente, coinvolgendo tutti i cinque i sensi.

15

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Fiducia e CSR: i nostri obiettivi

Sensibilizzare i consumatori riguardo il tema della corretta alimentazione attraverso un’esperienza d’acquisto che
risponda agli attuali trend e bisogni emergenti nel settore del food;

Guadagnare la fiducia del cliente ottenendo e ricevendo feedback positivi per scalare la piramide della CBBE;
Instaurare relazioni solide e basate sulla fiducia con i fornitori, coinvolgendoli nelle iniziative commerciali, in modo tale
da sviluppare strategie congiunte di partnership;
Recuperare l’investimento iniziale e generare ricchezza;

Scalabilità: in ottica di lungo periodo aumentare la penetrazione nelle grandi città italiane con caratteristiche simili, ad
esempio Torino;
Implementare le strategie di Corporate Social Responsability coinvolgendo l’intero canale e combattendo gli sprechi
energetici e alimentari.
16

Macroambiente

Microambiente

Retailing Mix

Équilibre

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Posizionamento e target di riferimento
Équilibre si posiziona come marca insegna nel mercato del largo consumo, ponendosi come punto vendita di
fascia medio-alta.
Dal punto di vista del target, non verrà fatta una discriminazione in termini di età o sesso, il range sarà molto
ampio abbracciando tutti i potenziali acquirenti: i giovani, gli adulti e gli anziani. Dato un livello di prezzo
medio-alto, con l’esclusione delle marche «primo prezzo» e un uso selettivo delle promozioni, la clientela verrà
scremata al fine di rivolgersi a consumatori con una capacità di spesa medio-alta.

Identikit dei nostri consumatori
Di tutte le età
Desiderosi di essere guidati
nelle scelte

Fedeli al gusto e alla varietà

Consapevoli della sana
alimentazione, ma poco
capaci di cambiare la propria

Disposti a spendere per la
qualità

Volonterosi di apprendere
come mangiare sano
17

Il nostro Retailing
Mix
18

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Format e Location

Dove ci troviamo? Il primo store verrà aperto a Milano in una zona semicentrale ad alto transito, raggiungibile sia
con i mezzi pubblici che con i propri;
Perché questa scelta? Milano rappresenta da anni la culla dell’innovazione in termini di retail.
Inoltre è la seconda città più popolosa d’Italia con 1,2 mln abitanti, i quali spendono in media ogni mese 340,58€
per prodotti alimentari, rispetto ai 329,35€ della media nazionale.
Inoltre, la macro regione del Nord-Ovest è stata l’unica ad aver registrato un incremento su base annua positivo
(+ 0,7%) del fatturato nel settore GDO;

Quanto siamo grandi? La superficie totale sarà variabile tra i 1500 e i 1800 mq, di cui il 60% verrà dedicato alla
superficie di vendita che ricreerà il perimetro di un triangolo, per richiamare la piramide alimentare; il restante 30%
sarà dedicato al magazzino, alla galleria di decompressione, al punto di ristoro e all’area destinata all’organizzazione
di eventi.
19

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Format e Location
Che aspetto avremo? Équilibre sarà colorato, fresco, luminoso, piramidale, istruttivo e diverso
Cosa ci sarà al nostro interno?
Équilibre Cafè
Galleria di decompressione
Experience Space
Angolo dei centrifugati
Area di vendita con barriera casse
Quando sarà possibile fare la spesa?
Il punto vendita sarà aperto anche la domenica, con un orario esteso per andar incontro alle esigenze delle clientela:
dal lunedì al sabato dalle ore 8:30 alle ore 21:00
la domenica dalle ore 10:00 alle ore 17:00
La galleria di decompressione si trasformerà, come se fosse un foyer, per gli eventi serali mentre l’area di vendita rispetterà gli orari
sopraindicati.
Punti a favore della location e del format
+ Facile da raggiungere
+ Prossimità al target
+ Novità
+ In linea con lo stile delle grandi città
+ Orario di apertura esteso

Punti a sfavore della location e del format
-

Alto costo di locazione
Mancanza di un ampio parcheggio privato
Difficoltà nel trovare la location ideale

20

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Assortimento
L’assortimento del punto vendita non sarà incentrato esclusivamente su prodotti
biologici e salutari, ma manterrà le marche industriali fondamentali per:
Segnalare la credibilità del nuovo retailer (sicurezza psicologica);
Soddisfare i bisogni dei clienti fedeli a determinati brand;

Attirare la clientela.
La disposizione delle referenze seguirà le quantità suggerite dai blocchi della
piramide alimentare, per tanto il reparto ortofrutticolo e quello dei cereali, saranno
organizzati con una maggiore profondità e ampiezza in quanto alla base della
piramide. Muovendosi verso i successivi reparti le dimensioni diminuiranno fino a
raggiungere il reparto dei dolci, il cui consumo è indicato in piccole quantità, il quale
avrà un assortimento particolarmente ristretto.

21

Macroambiente

Microambiente

Retailing Mix

Équilibre

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Assortimento
FOOD

Frutta e ortaggi: ampio spazio verrà dato a referenze proventi da agricoltura a km 0, presenti in forma sfusa e confezionata. Inoltre il
chiosco centrale del reparto ospiterà l’offerta stagionale;
Cereali (pane, pasta, riso, biscotti e patate): in tale reparto non verranno proposte referenze appartenenti solo alle più comuni fonti
di carboidrati, ma anche a quelle legate a una dieta più variegata: saranno presentate al consumatore come alternative alcuni cereali
quali quinoa, farro, orzo, kamut, avena, grano integrale, miglio, crusca e grano saraceno;
Condimenti, oli e grassi: verranno mantenuti gli oli ritenuti più salutari, riducendo drasticamente lo spazio dedicato a condimenti
con un maggiore quantitativo di grassi saturi;
Latte, yogurt e formaggi: oltre alle marche tradizionali di prodotti caseari verrà suggerito l’acquisto di formaggi maggiormente
salutari (ricotta e fiocchi di latte) ed il consumo di altre tipologie di latte (senza lattosio o di derivazione vegetale, come il latte di
soia, di riso, di kamut e d’avena). Anche per questo reparto sarà prevista la presenza di un chiosco presso il quale potranno essere
acquistati prodotti a km 0, con un focus su quelli regionali;
Alimenti proteici (carne, pescato, uova, legumi e salumi): ancora una volta verrà dato ampio spazio al fresco, proponendo in
maggiori quantità le carni magre (carni bianche) ed il pesce; inoltre verrà offerta la possibilità di acquistare prodotti sostitutivi della
carne in linea con la mission di Équilibre. Tali alternative saranno presenti sia in forma confezionata, sia presso un apposito banco
fresco, il quale offre la possibilità di comprare pietanze pronte da cucinare a base di soia, seitan, tempeh e tofu;
Dolci: l’ultimo gradino della piramide prevede il consumo di dolci, così nell’assortimento non mancheranno prodotti quali gelati,
merendine, creme spalmabili, marmellata, cioccolata, guarnizioni per dolci e piccola pasticceria confezionata, selezionati per le loro
caratteristiche salutari rispetto alla media dei prodotti simili.
Anche la disposizione delle bevande in assortimento rispecchierà i blocchi della piramide: saranno presenti rispettivamente acqua,
caffè, thè ed infusi, succhi, bevande alcoliche e soft drinks.
22

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Perché la presenza di alternative in
assortimento

Il boom dei cereali: gli italiani investono sulla salute

Il segmento “salutistico” è diventato, negli ultimi tempi, sempre più presente nelle abitudini alimentari degli italiani.
All’interno di questa ampia e variegata categoria stanno registrando crescite importanti gli alimenti a base di cereali
secchi, farro e orzo.
Complessivamente questo comparto ha registrato una crescita del volume del +23% rispetto al 2014, generando un
fatturato incrementato del +34%.

I dati sulle scelte di acquisto evidenziano come i consumatori siano disposti a spendere molto di più per questi prodotti.
La pressione promozionale del segmento si attesta a poco più del 12% (valore molto basso rispetto alla media del grocery
in Italia) ed è in calo di un punto rispetto al 2014.
Prodotti a base vegetale: un segmento in ascesa
L’interesse degli italiani verso i prodotti a base vegetale è aumentato negli ultimi anni in quanto l’alimentazione è sempre
più focalizzata sul benessere e la salute.
Secondo le ultime ricerche (Nielsen), più di una famiglia su quattro ha acquistato almeno un alimento in questa categoria
e i più scelti sono quelli a base di soia e di riso.
Anche nella scelta della tipologia di latte, il consumo nazionale si sta spostando verso scelte alternative al latte vaccino,
quali latte uht, di soia e di riso, in quanto tali prodotti risultano più in linea con gli stili di vita emergenti e perché ricchi di
principi nutritivi, maggiormente digeribili, adatti alle intolleranze e senza perdita in termini di gusto.

23

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Assortimento
NON FOOD
Per quanto riguarda l’assortimento non food, dato che l’acquirente di oggi ha poco tempo e tende sempre più ad effettuare una sola
spedizione d’acquisto, è stata pensata una modalità di vendita innovativa che permettesse di coniugare la vision di Équilibre alle
necessità della clientela.
L’assortimento non-food, non presenterà la stessa profondità e ampiezza di quello alimentare, ma sarà volto a soddisfare le esigenze
della maggior parte dei clienti attraverso le principali marche.
Per non creare confusione e mantenere coerenza con la vision di Équilibre, l’assortimento non-food non sarà presente a scaffale, ma
verrà stoccato in magazzino.
A seguito di una ricerca sono state individuate le categorie del non-food imprescindibili per uno store moderno: sono state scelte
quelle del pet food, del baby care e della cura della persona.
L’acquirente, una volta iscritto al loyalty program, potrà consultare attraverso l’app l’intero assortimento non food, e una volta
individuate le referenze da acquistare potrà quindi ordinarle. Tale ordine apparirà in tempo reale nel sistema elettronico del magazzino,
dove un addetto provvederà alla sua preparazione. Una volta giunto alla cassa, passando la propria carta fedeltà, l’ordine verrà
aggiunto al totale della spesa food e consegnato al cliente da un membro del personale.

24

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

La novità di Équilibre:

CSR SWOT Budget

Espansioni future

«il colore nel bicchiere»

Prima di intraprendere il percorso d’acquisto, i clienti potranno fermarsi a ritirare un fresco centrifugato di frutta
e verdura da sorseggiare tra gli scaffali.
Ciascun cliente potrà personalizzare il proprio centrifugato potendo scegliere gli ingredienti da inserire tra
un’ampia gamma di ortaggi e frutti freschi.
COME? Sarà possibile effettuare la prenotazione dell’ordine tramite l’app di Équilibre e il prezzo verrà
automaticamente addebitato allo scontrino della spesa.
Tale servizio verrà riservato solo a chi sceglierà di scaricare l’app e iscriversi al programma fedeltà, con il duplice
intento di aumentare nel tempo il numero degli account e di conseguenza acquisire un maggior numero di dati di
CRM, offrendo un servizio accogliente e piacevole ai clienti, così da fidelizzarli ulteriormente.

DOVE?
Il centrifugato potrà essere ritirato presso il banco servito posto nel reparto ortofrutta, prima degli
scaffali dedicati alle bevande. Qui un addetto del personale si dedicherà a preparare sul momento la bevanda
affinché le proprietà nutritive, in particolare le vitamine, e la colorazione del preparato non vengano perse.
IL CARRELLO CON L’ACCESSORIO: Dal momento che l’intento è quello di far consumare la fresca bevanda durante
l’esperienza di acquisto il carrello di Équilibre presenterà un comodo porta bevanda, simile a quello delle poltrone
del cinema, in modo tale da non essere di intralcio all’attività di spesa.

25

Macroambiente

Retailing Mix

Équilibre

Microambiente

Espansioni future

CSR SWOT Budget

Merchandising – Il layout
Il perimetro esterno del punto vendita sarà di forma rettangolare, l’entrata e l’uscita saranno collocate sullo stesso lato, ma separate.
La superficie sarà suddivisa in diverse aree:

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.

Galleria di decompressione
Experience Space
Équilibre Cafè
Area di vendita
Banco dei preparati
Casse tradizionali
Casse self-service
Casse «Spesa Veloce»

1
2

6

7

3

8
Magazzino

4

5
26

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Merchandising
1. Galleria di decompressione
La galleria di decompressione assumerà un ruolo di fondamentale importanza per il nostro punto vendita, poiché permetterà
all’acquirente di prepararsi mentalmente all’esperienza d’acquisto, lasciandosi alle spalle l’ambiente esterno.
Oltrepassando le porte scorrevoli dell’entrata, l’acquirente si troverà a percorrere la galleria, il cui lato destro sarà dedicato all’area per
eventi ed incontri, mentre sul lato opposto vi sarà un punto di ristoro seguito da un lungo pannello di plexiglass trasparente. Usando
questo design l’acquirente avrà la possibilità di godersi una "preview" del punto vendita, iniziando così a familiarizzare con una
disposizione innovativa dell’assortimento.
Subito dopo lo spazio preposto agli eventi, sul lato destro della galleria,
verranno affisse immagini e termini riguardanti il mondo
dell’alimentazione; sarà possibile poi sviluppare una strategia
multisensoriale, proponendo melodie che infondano un senso di
tranquillità al cliente e aromi piacevoli. La galleria, grazie al suo design
innovativo, verrà inoltre utilizzata per eventi serali.

Al termine della galleria di decompressione saranno posizionati i carrelli
ed i cestini per la spesa.

27

Macroambiente

Microambiente

2. Spazio per eventi e iniziative

Équilibre

Retailing Mix

Merchandising

CSR SWOT Budget

Espansioni future

EXPERIENCE SPACE

Tale spazio, posizionato subito dopo le porte d’entrata, sarà creato per poter organizzare eventi di carattere
sociale. Il lato che si affaccia sulla galleria di decompressione sarà realizzato in vetro; in tal modo lo spazio
verrà percepito più ampio ed aeroso, permettendo di ridurre lo spreco di energia elettrica.
All’interno dell’Experience Space sarà posizionato un arredamento modulabile da cucina, affinché possa
essere sfruttato sia per le cooking lessons che per le iniziative con i bambini, spostando e ricomponendo lo
spazio a seconda delle necessità. L’utilizzo di mobili modulabili è cruciale in quanto spostando e
ricomponendo questi ultimi, si consentirà all’ambiente stesso di poter essere vissuto per eventi di diversa
entità. Sarà inoltre possibile dividere lo spazio dedicato alle attività in due aree più piccole tramite una
parete mobile, così da poter organizzare più eventi contemporaneamente.

3. Punto ristoro

ÉQUILIBRE CAFÈ

Il punto ristoro sarà posizionato vicino all’entrata del punto vendita, il suo design sarà l’elemento caratterizzante e
distintivo, poiché giocherà sul concetto dell’open space. Il consumatore potrà concedersi un momento di pausa e
relax prima di vivere l’esperienza all’interno del punto vendita. Tale spazio sarà aperto anche durante gli eventi serali,
trasformandosi in un ambiente sociale e amabile, dove poter consumare cibi sani e gustosi in linea con la mission di
Équilibre.
L’arredamento sarà composto sia da comodi divani e poltrone, ricreando un ambiente simile a quello di una
caffetteria, sia da tavoli e sedie più funzionali che potranno essere utilizzate durante le ore del pranzo. Lo scopo
principale dell’Équilibre Cafè sarà quello di far permanere il cliente il più possibile all’interno del punto vendita,
puntando ad instaurare con il brand Équilibre un legame emotivo e positivo. Équilibre Cafè sarà dato in 28gestione a
terzi, più esperti del settore della ristorazione, in cambio di un canone mensile.

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

Merchandising

CSR SWOT Budget

Espansioni future

4. Area di vendita
L’area di vendita sarà suddivisa in diversi reparti che richiamano i blocchi della
piramide alimentare:
Frutta e ortaggi
Pane, pasta, riso, biscotti e patate
Condimenti, oli e grassi
Latte, yogurt e formaggi
Carne, pesce, uova, legumi e salumi
Dolci
Bevande
Chioschi circolari

Il filo conduttore dell’intera area di vendita sarà la circolarità: tale concetto verrà
ripreso sia attraverso i chioschi circolari, sia attraverso la scaffalatura stessa che, a
differenza della tradizionale disposizione non sarà squadrata e rettangolare, ma
circolare, affinché il cliente possa essere invogliato a seguire il percorso previsto e le
linee vengano rese maggiormente dolci.
Tale organizzazione dell’area di vendita sottende una percorrenza continua e avrà lo
scopo di far sentire il cliente sereno e a proprio agio.
L’intero allestimento, in linea con la politica di CSR, sarà realizzato in ottica
sostenibile, a basso impatto ambientale.

Scaffali circolari
29

Macroambiente

Microambiente

Retailing Mix

Équilibre

Merchandising

CSR SWOT Budget

Espansioni future

(area di vendita)

Frutta e Ortaggi
Tale reparto sarà organizzato in base a diversi colori e riunirà tonalità cromatiche simili. Tali
raggruppamenti, oltre ad essere piacevoli dal punto di vista visivo, esporranno l’offerta di frutta e
ortaggi con medesimi benefici. L’assortimento rispecchierà la stagionalità dei prodotti.
Dal punto di vista del visual design verrà proposto l’ambiente del mercato rionale.

Gruppi cromatici
ROSSO
pomodori, peperoni, cavolo, radicchio, ravanelli,
barbabietole, rape, arance, anguria, ciliegie, fragole e
mele

GIALLO-ARANCIO
carote, zucca, mais, peperoni, arance, limoni, pompelmi,
mandarini, pesche, albicocche, meloni, mele, mango,
nespole, caco e ananas

VERDE

Proprietà antiossidanti

Azione provitaminica e antiossidante
Ricchi di vitamina A

Broccoli, asparagi, agretto, bieta, carciofi, insalata,
peperoni, verza, cavolo, spinaci, centrioli, zucchine, piselli,
olive, prezzemolo, basilico, kiwi, mele e uva

Prevenzione tumori e problemi cardiovascolari

BIANCO

Antiossidante
Disintossicanti e depuranti

Aglio, cipolle, scalogno, erba cipollina, porri, finocchi,
sedano, cavolfiore, funghi, castagne, frutta secca, mele,
pere

BLU-VIOLA
Melanzane, carciofi, radicchio, mirtilli, prugne, uva, more,
ribes, fico e susine

Antiossidante
30

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Merchandising

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

(area di vendita)

Pane, pasta, riso, biscotti e patate
Anche il secondo reparto si presenterà con una disposizione innovativa:
elemento caratterizzante dei vari scaffali saranno le tipologie di cereali,
proponendo un’ampia profondità del loro assortimento; per esempio,
verrà allestito il "wall" del grano integrale, in cui verranno esposti tutti i
prodotti confezionati a base di tale ingrediente, come pasta, pane, riso e
biscotti.
Poiché le diverse tipologie di cereali sono meno note rispetto al grano
duro, esse verranno disposte in posizioni strategiche ad alto transito,
dove sarà più probabile che vengano notate, come ad inizio corsia.
Scegli i tuoi cereali: verrà inoltre preposto uno spazio self-service dove il
consumatore avrà la possibilità di acquistare la quantità che più desidera
di cereali. Saranno utilizzati dispenser trasparenti simili a quelli dei negozi
dolciari, ma con all’interno i diversi cereali.
Come una volta: una seconda area del reparto verrà utilizzata per creare
una zona self-service per i prodotti di panetteria in cui sarà il
consumatore stesso a scegliere la quantità e la tipologia di prodotto da
acquistare; tale assortimento non si limiterà soltanto al pane, ma a tutti i
suoi derivati, mantenendo la profondità di assortimento tipica dell’intero
punto vendita.

31

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Merchandising

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

(area di vendita)

Condimenti, oli e grassi
Verrà mantenuto l’assortimento tradizionale, predisponendo un bancone frigo per le referenze ad alta
deperibilità e scaffali tradizionali per le restanti.

Latte, yogurt e formaggi
Per quanto concerne yogurt e formaggi verrà mantenuta la tipica disposizione per occasione d’uso; la
categoria latte sarà dotata di uno scaffale e di un banco frigo, i quali saranno organizzati e suddivisi in
base alle diverse tipologie di latte, con una selezione delle referenze tradizionali e dando maggior spazio
a referenze sostitutive (es. a base di soia).

Carne, pesce, uova, legumi e salumi
La corsia di destra verrà dedicata da un lato al banco fresco della carne, il quale sarà suddiviso tra carni
bianche e carni rosse; mentre dal lato opposto, per i legumi, saranno presenti dispenser trasparenti
come quelli usati nel reparto dei cereali, oltre a prodotti già confezionati.
Nella corsia di sinistra saranno da un lato disposte le uova provenienti da agricolture locali e controllate
dalla filiera di Équilibre, dall’altro sarà possibile trovare il banco fresco preposto alle referenze ittiche,
che darà maggiore rilevanza alle tipologie di pesce magro.

32

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Merchandising

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

(area di vendita)

Dolci
Per quanto ridotto tale reparto proporrà un assortimento essenziale di prodotti e verrà dato un maggior rilievo a prodotti dolci con
valori nutrizionali in linea con i valori di Équilibre, senza però escludere le referenze più golose.

Bevande
Le bevande saranno disposte lungo tutto il lato destro dell’area di vendita. La loro disposizione rispecchierà le quantità consigliate da
una corretta alimentazione, in particolare, percorrendo lo scaffale si incontreranno in sequenza:
Acqua;
Infusi, caffè e thè;
Succhi di frutta e bevande a base di frutta;
Vini: che saranno esposti in base alla regione di provenienza e suddivisi in base al colore;
Bevande alcoliche e gassate: il quale assortimento sarà particolarmente ridotto alle principali marche industriali, necessarie a
rassicurare il cliente durante la prima expedition presso il punto vendita.

33

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Merchandising

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

(area di vendita)

Chioschi circolari
Saranno presenti all’interno del punto vendita sei chioschi circolari, quattro dei quali posizionati lungo il corridoio principale e due
all’interno delle corsie. Lungo il corridoio centrale ci sarà:
Dall’orto alla tavola: posizionato ad altezza del reparto della frutta e degli ortaggi, darà la possibilità ad agricoltori locali e cooperative
agricole di alternarsi nella vendita dei propri prodotti all’interno dello store. L’esposizione sarà in parte curata dall’agricoltore stesso;
Fresco di caseificio: anche in questo caso, a rotazione, ci saranno produttori di formaggi ai quali verrà dato spazio all’interno del punto
vendita;
Nuove proteine: dove saranno esposte le fonti di proteine alternative alla carne (tofu, soia, seitan, ecc.), qui un membro dello staff
servirà tali preparati realizzati in precedenza;
Dolci tentazioni: in cui saranno esposti prodotti freschi di piccola pasticceria.
I due chioschi presenti in corsia saranno posizionati all’interno del reparto delle proteine; nella corsia destra sarà presente il banco servito
salumi, mentre a sinistra il banco servito del pesce.

5. Banco dei preparati
Quest’area, posta in un angolo del reparto frutta e ortaggi, darà la possibilità ai clienti di ritirare il centrifugato precedentemente prenotato
attraverso l’app. Qui sarà presente un addetto che si premurerà di preparare in tempo reale i prodotti richiesti dal cliente.
La posizione di tale ambiente non è casuale, poiché andrà a coprire una zona a basso traffico, in quanto posizionata lateralmente nel punto
vendita.
34

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Merchandising
6. Barriera casse
Le barriere casse saranno dotate delle ultime innovazioni e tecnologie, senza però dimenticare il contatto diretto con il personale,
spesso preferito dai clienti stessi; per venir incontro alle diverse esigenze dei nostri acquirenti e considerando anche l’ampiezza del
target, saranno posizionate tre tipologie differenti di casse:
7 casse tradizionali: ognuna con la propria coda e addetto;
2 casse self-service: posizionate una di fronte all’altra per chi acquista massimo 10 referenze;
4 casse «Spesa Veloce»: ci sarà la possibilità per i clienti iscritti al programma fedeltà di Équilibre di utilizzare, durante la spesa,
un lettore codice a barre che permetterà di ridurre il tempo d’attesa per il pagamento. Il pos scanner sarà posizionato
all’entrata della superficie di vendita, accanto ai carrelli;

In un secondo momento verrà installata anche una cassa dotata di dispositivo Rfid (Radio Frequency Identification): attraverso
l’applicazione di un microchip Rfid sulle referenze, la nuova cassa self-service, dotata di un lettore ibrido, disattiva le
impostazioni di sicurezza codificate all’interno dell’etichetta Rfid durante la scansione dei prodotti, consentendo così al cliente
di poter lasciare il supermercato senza possibilità di ulteriori tracciamenti.
35

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Comunicazione off store
Comunicazione non convenzionale
Iniziative di “Guerrilla Marketing” e Street Marketing per costruire la brand
awareness e creare curiosità nei confronti del nuovo format.

A. PROMOTER ON THE ROAD
Giovani promoter gireranno per le principali piazze di Milano e zone ad elevato
transito, spingendo dei carrelli colorati contenenti delle piccole piramidi
multicolore offerte in omaggio ai passanti. All’interno del gadget troveranno un
borsa eco-friendly da poter utilizzare per la loro spesa da Équilibre. Ciascun
promoter sarà vestito di un colore diverso corrispondente ad uno dei reparti
presenti nel punto vendita e sulla maglietta avrà stampata un’immagine di
alimenti rappresentanti il reparto.
Tale iniziativa permetterà all’impresa di creare un primo contatto personale con i
potenziali clienti, i quali potranno chiedere informazioni sulla location e la data di
apertura del punto vendita. Non verranno fornite troppe informazioni per
suscitare curiosità verso il nuovo store.

36

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Comunicazione off store
Comunicazione non convenzionale
B. L’EQUILIBRIO DEGLI ALIMENTI
Grandi e piccoli totem in plastica, formati da una sequenza impilata di alimenti,
corrispondenti ai diversi step della piramide alimentare, saranno posizionati in varie
aree della città (piazze principali e zone ad elevato transito). Tali strutture inoltre,
presenteranno alla base uno schermo riportante il conto alla rovescia riferito
all’apertura di Équilibre. Queste costruzioni creative avranno l’obiettivo di attirare
l’attenzione, creare aspettative, interesse e curiosità nei confronti del punto vendita.

C. LE PIRAMIDI DELLA SALUTE
Attorno ai pali dell’illuminazione stradale verranno ricreate delle piramidi con dei
triangoli colorati riportanti il logo dell’insegna. L’obiettivo ancora una volta sarà quello
di destare interesse verso il brand utilizzando strategie comunicative non
convenzionali.

Il totem di Équilibre
37

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Comunicazione off store
Comunicazione convenzionale
STAMPA
Inizialmente verranno pubblicate immagini raffiguranti i totem di
plastica utilizzati per la campagna “Equilibrio degli elementi” sulle
pagine delle sezioni locali delle principali testate nazionali, riviste di
settore e non solo. In ottica di lungo periodo, quando la copertura e
la penetrazione di Équilibre saranno più ampi, verranno redatti
advertorial in collaborazione con riviste nazionali.

CARTELLONISTICA
Per mantenere coerenza tra le differenti iniziative di marketing,
saranno affisse immagini riportanti le strutture utilizzate per la
campagna “Equilibrio degli alimenti”: lo sfondo sarà bianco e verrà
riportato esclusivamente il brand e l’indirizzo del sito Web.

38

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Comunicazione off store
Comunicazione convenzionale
SOCIAL NEWTWORK (#equilibre): è prevista la creazione di una pagina dedicata ad Équilibre sui principali social
Network (Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest), sui quali, giornalmente, verranno pubblicati curiosità e
suggerimenti riguardanti il mondo dell’alimentazione e della spesa. Questi mass media digitali daranno la
possibilità ai clienti di essere parte attiva del mondo Équilibre; gli utenti utilizzando l’hashtag dedicato potranno
condividere le proprie ricette e le immagini dei loro piatti, mostrando la loro idea di alimentazione sana ed
equilibrata.

Sito Web: la grafica richiamerà i tratti caratteristici del punto vendita, sia per quanto riguarda i colori che
l’atmosfera. Verrà suddiviso in tre sezioni:
Punto vendita: in cui sarà possibile effettuare un virtual tour e ricevere maggiori informazioni riguardo reparti
e referenze, semplicemente cliccando sullo scaffale digitale;
CSR: in cui saranno elencate le varie iniziative a sostegno dei propri stakeholders e a tutela dell’ambiente;
Trova il tuo equilibrio: sarà l’account personale dei clienti di Équilibre sincronizzato con l’app. Tale sezione
sarà organizzata sulla base delle abitudini alimentari e di spesa, con proposte di vario genere tailor-made.

39

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Comunicazione in store
IL NOME DEI REPARTI: I singoli reparti verranno segnalati
attraverso un cartellone, posto al di sopra del livello degli
scaffali, indicante il gradino di riferimento della piramide
alimentare. Il reparto verrà richiamato sia attraverso la
cartellonistica informativa sia con il colore degli scaffali. Per
ogni reparto sono stati pensati nomi spiritosi, quali:
Ortofrutta: “Gli immancabili”

CONSIGLI UTILI MENTRE FAI LA SPESA: Gli scaffali dei singoli reparti
assumeranno una forma curvilinea alle estremità. Su appositi display
saranno riportati i benefici degli alimenti e la quantità di consumo
raccomandata dai principi della piramide; per semplificare e
alleggerire il concetto di alimentazione consapevole che Équilibre
vuole trasmettere, le quantità saranno riportate con termini friendly
come “un pugno, un pizzico, una pagnotta” e non con le comuni
unità di misura.

Cereali e pasta: ”Fai il pieno di energia”
Condimenti ed oli: “Condisci il tuo gusto”
Latte, yogurt e formaggio: “Bianco leggerezza”

Carni e pescato: “Muscoli e cervello”
Dolci: “Dolci tentazioni”

MANTIENITI IN FORMA: Lungo la barriera casse saranno posizionati
degli screen che intratterranno i clienti in attesa di pagare
proiettando consigli, immagini e brevi filmati mostranti esercizi fisici
che possono essere praticati a casa o all’aria aperta. In questo modo
si cercherà di stimolare il sistema percettivo inconscio della clientela
riguardo il concetto di affiancare ad una sana alimentazione una
corretta attività fisica.
Ad esempio: «Scendi dal bus una fermata prima e fai una
passeggiata» o anche «Fai del giardinaggio anche sul tuo
balcone!».
40

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Équilibre:

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

l’app tuttofare

Équilibre desidera essere vicino ai consumatori in qualsiasi momento della giornata, viene così creata l’app
Équilibre che potrà essere scaricata dai principali app-store. Attraverso la creazione di un account il cliente avrà
la possibilità di:
Registrarsi al programma fedeltà di Équilibre, avendo così a disposizione una carta fedeltà all’interno del
proprio smartphone, utile poiché permette di evitare il rischio di smarrimento o dimenticanza;

Équilibre
Balance your mind

Consultare il proprio storico di acquisti nelle rispettive quantità e frequenza;
Ricevere proposte di menù giornaliero o settimanale, personalizzato sulla base della propria spesa;
Ottenere dei consigli qualora le abitudini di acquisto presentino delle carenze o eccedenze rispetto ai
principi della piramide, sulla base dei dati d’acquisto;

Bentornata
Giulia!

Avere accesso a promozioni il giorno del proprio compleanno o in seguito ad un acquisto ripetuto di
determinati prodotti;

Ordinare i prodotti non food non presenti a scaffale.
L’app sfrutterà i dati sulle abitudini d’acquisto del singolo cliente al fine di offrigli un servizio il più possibile
personalizzato, così da instaurare una comunicazione di tipo one-to-one. Nel lungo periodo l’app aiuterà
l’azienda a creare un bacino di utenti fedeli al punto vendita e sempre più vicini ai valori promossi.

41

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Customer Relationship Management
Équilibre svilupperà la propria value proposition sull’insieme dei dati provenienti dalle abitudini di acquisto
dei suoi clienti che decideranno di aderire al loyalty program;
I dati saranno raccolti al momento del pagamento e verranno impiegati per:
Migliorare le leve di marketing mix e l’assortimento in base alle preferenze del bacino d’utenza;
Creare schede alimentari personalizzate in base ai prodotti acquistati, consultabili attraverso l’app;
Proporre promozioni e sconti personalizzati in base ai clienti.
Saranno implementate diverse tattiche per incentivare il cliente ad iscriversi al nostro programma fedeltà
come ad esempio la possibilità di usufruire del pos scanner, promozioni su misura, la possibilità di ricevere
suggerimenti dettagliati nel campo dell’alimentazione sulla base dei propri acquisti e la possibilità di
acquistare anche l’insieme dei prodotti non-food non presenti a scaffale ma stoccati all’interno del
magazzino.

42

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Personale
Amichevole e disponibile: Il personale presente all’interno dello store rispecchierà
la mission di Équilibre in quanto si dimostrerà attivo e disponibile ad offrire consigli e
informazioni riguardo il punto vendita e le referenze, ed al tempo stesso anche
riguardo una sana ed equilibrata alimentazione.
Il nostro personale non vorrà risultare invasivo, quindi qualora l’addetto percepisca e
noti una disponibilità all’interazione o una ricerca di contatto da parte della clientela,
sarà pronto ad avvicinarsi e a stabilire un dialogo con la controparte.

La formazione prima di tutto: Affinché il personale sia sempre preparato e abbia
tutte le competenze necessarie a fornire in modo adeguato le risposte durante le
interazioni con i clienti, durante il corso dell’anno verranno organizzati dei momenti di
formazione. Essi saranno tenuti nell’Experience Space, così che i clienti abbiano la
possibilità di accorgersi dell’attenzione rivolta alla formazione del personale, grazie
anche a dei cartelli affissi sulle pareti perimetrali dell’Experience Space, come ad
esempio: «Stiamo imparando per voi».

43

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Eventi
La pianificazione degli eventi ruoterà attorno ad alcuni core values, quali:
Vivere a 360 gradi l’acquisto ed il consumo del cibo;
Vivere l’esperienza collettivamente aiuta ad ampliare il valore dell’esperienza stessa;
Alimentarsi non è solo funzionale, ma aiuta ad esprimere ciò che si è e come ci si sente.
Il calendario degli eventi verrà definito in itinere in base al livello di gradimento e di
partecipazione del pubblico, ad eccezione degli eventi dedicati alle scuole, in quanto
rientranti nel programma più ampio di CSR dell’azienda, quest’ultimi saranno promossi e
organizzati con cadenza regolare.
Gli orari di svolgimento di tali eventi concernono le fasce orarie serali, dopo la chiusura del
punto vendita.
Ancora una volta faranno eccezione gli eventi per le scolaresche, le quali verranno
ospitate durante l’orario diurno.

La bontà del giorno dopo
Secondo le ultime ricerche il 95% dei consumatori tende a comprare soltanto prodotti che sono certi di consumare completamente.
Cosa fare qualora in casa vi fossero degli avanzi?
L’evento si pone come obiettivo di suggerire delle ricette per riutilizzare tali avanzi in modo creativo e risparmioso.
L’Experience Space verrà utilizzato per dei piccoli cooking show durante i quali uno chef mostrerà gli step per preparare le ricette e
coinvolgerà il pubblico presente dando spazio a idee e suggerimenti.
44

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Eventi
Sommelier della frutta
Seguendo il trend degli ultimi anni secondo il quale si è registrata una
sempre maggiore attenzione riguardo il “piacere del palato”, sono
nate delle nuove figure professionali come il Sommelier della frutta.
Durante l’evento verrà consentito ai partecipanti di farsi guidare da un
esperto verso una più approfondita conoscenza dei sapori, odori e
consistenze delle diverse varietà di frutta e verdura. Gli obiettivi
dell’evento saranno molteplici, da un lato stimolare i sensi e divertire,
dall’altro si cercherà di fornire ai partecipanti un nuovo modo di
approcciarsi al consumo di questa categoria di alimenti.

Colorati di benessere
Spesso le persone non sono a conoscenza che ai diversi colori della frutta e della verdura
corrispondano delle proprietà benefiche e nutritive differenti, così l’evento in questione si
proporrà di far scoprire tale aspetto, affinché i clienti possano tenerne conto durante i loro
acquisti. Inoltre verrà insegnata la capacità dei colori di influenzare lo stato d’animo oltre
che la salute; a titolo d’esempio il giallo si associa all’idea di calore ed energia, mentre il
verde contribuisce ad infondere un senso di relax, calma e serenità.
45

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Eventi
L’appetito vien imparando
Nonostante i trend emergenti evidenzino come i consumatori italiani prestino
maggiore attenzione all’acquisto di prodotti sani e equilibrati, le ricerche mostrano
come il segmento dei bambini sia, al contrario, caratterizzato da una cattiva
educazione alimentare.
I dati dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano rilevano che il 40% dei bambini
tra i 6 e i 14 anni sia in sovrappeso.

L’evento inviterà le classi delle scuole primarie e secondarie a recarsi presso
l’Experience Space per seguire dei percorsi educativi volti a:
Valorizzare il consumo degli alimenti secondo le linee guida della piramide
alimentare;
Stimolare l’adozione di piccole e sane abitudini alimentari quotidiane;
Acquisire maggiore familiarità con i prodotti e le loro qualità nutritive.

We are Équilibre: I ragazzi saranno ulteriormente coinvolti attraverso
l’organizzazione di un contest artistico, dove a chi vorrà aderire, sarà richiesto di
disegnare quello che hanno imparato durante la giornata presso Équilibre.
46

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Corporate Social Responsability
Perchè per un retailer è importante dedicarsi alla CSR:
Il 43% dei consumatori italiani afferma di essere influenzato nelle proprie scelte di acquisto da tali politiche e a livello
globale, più della metà dei consumatori si dichiara disposto a pagare un premium price per prodotti o servizi di aziende
attive su questo tema.
Inoltre, in Italia, il 46% delle imprese riscontra un miglioramento del clima interno grazie all’adozione di suddette
iniziative.

Come Equilibré intende portare avanti tali politiche:
Dummy plastic: ascoltando i desideri dei consumatori di prodotti freschi e già pronti per l’uso, Équilibre risponderà con
delle innovazioni eco-friendly nel packaging che rispetteranno l’ambiente e consentiranno di conservare al meglio la
freschezza ed il gusto dei prodotti.
A tale scopo, nella realizzazione del packaging dei prodotti confezionati da Équilibre verranno impiegate prevalentemente
bioplastiche provenienti da fonti vegetali non utilizzate per l’alimentazione umana e altri materiali biodegradabili e
compostabili. Anche i sacchetti forniti in cassa saranno biodegradabili, ma Équilibre spingerà i propri consumatori presso
l’adozione delle shopping bag riutilizzabili.

47

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

Corporate Social Responsability
Cut the waste: la sostenibilità è uno dei core values di
Équilibre. È stato riscontrato come il consumo alimentare
suggerito dalla piramide abbia delle conseguenze positive non
solo sul benessere individuale, ma anche sul territorio. Infatti,
i prodotti di cui viene suggerito un maggiore consumo,
corrispondono anche a quelli che causano un minore impatto
ambientale.
In tale ottica il format di Équilibre sarà dotato di tecnologie green:
lampade a risparmio energetico ed un maggior uso della luce
naturale, grazie alle vetrate; free cooling e recupero di calore
dall’aria espulsa; utilizzo di energia da pannelli solari; copertura
dei banchi frigo; inverter su pompe e ventilatori per garantire una
migliore efficienza energetica, così da erogare solo la reale
potenza richiesta.
By your side: Équilibre realizzerà gli eventi precedentemente
illustrati per avvicinare e sensibilizzare il consumatore ai temi
della sana, consapevole e sostenibile alimentazione.

Share your bread: Équilibre si dimostrerà anche sensibile
nell’aiutare il prossimo. Verranno infatti dedicate delle
giornate durante le quali i clienti potranno decidere di
essere coinvolti in una iniziativa sociale, acquistando
prodotti confezionati da devolvere a Onlus, famiglie in
difficoltà e associazioni che si occupano dei più bisognosi.
48

Macroambiente

Microambiente

Équilibre

Retailing Mix

CSR SWOT Budget

Espansioni future

SWOT analysis

S

Dimensione
Interna

Layout accattivante
Assortimento selezionato
Personale competente
Richiamo della clientela
attraverso l’organizzazione di
eventi (punto vendita come
luogo di aggregazione)
Riduzione dei costi di ricerca
riguardo le tematiche trattate (il
momento d’acquisto coincide
con il momento di acquisizione
delle informazioni)
Esperienza a 360° (Équilibre si
propone di istruire il cliente
durante la spesa)
Rispetto dell’ambiente grazie
alle moderne tecnologie
adottate

W
Ridotto assortimento dei
prodotti non-food, il cliente
potrebbe compiere diverse
spedizioni d’acquisto in vari
punti vendita
Scarsa ampiezza con riferimento
alle marche industriali
Scarso potere contrattuale nei
confronti dei produttori
industriali che potrebbero non
condividere le modalità
d’esposizione della merce
L’idea innovativa potrebbe non
essere compresa dai
consumatori

O
Trend d’acquisto dei prodotti
genuini in crescita
Crescente interesse della
collettività verso il tema
dell’alimentazione sana ed
equilibrata
Trend di fatturato positivo per la
GDO nella macro-area nordovest italiana
Scontrino medio alimentare
superiore alla media italiana per
i cittadini milanesi
Sensibilità dei consumatori alle
politiche di CSR dei retailer

Dimensione
Esterna

T

Facile replicabilità del format
Settore della GDO molto
concentrato
Perdita di interesse verso i temi
legati all’alimentazione e del
mondo del food in generale
Shift dei consumatori verso
punti di vendita più convenienti
con assortimento simile
Cambiamenti riguardo ai
principi della piramide
alimentare per effetto di nuove
ricerche scientifiche


Documenti correlati


Documento PDF equilibre report


Parole chiave correlate