File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Vademecum referendum abrogativo 17 aprile 2016 .pdf



Nome del file originale: Vademecum referendum abrogativo 17 aprile 2016.pdf
Autore: Filippo Venturi

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2013, ed è stato inviato su file-pdf.it il 07/04/2016 alle 23:38, dall'indirizzo IP 37.116.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1166 volte.
Dimensione del file: 828 KB (19 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Vademecum referendum abrogativo 17 aprile 2016
Questo elaborato si propone di offrire una ricognizione, certo non esaustiva, delle informazioni
disponibili in merito ai profili più interessanti dell’attuale dibattito in vista del referendum abrogativo,
che si terrà il 17 aprile 2016, dalle ore 7.00 alle ore 23.001.
Lo strumentario metodologico adottato tenta, probabilmente in maniera impacciata, di conciliare
divulgazione ed esattezza: un particolare rilievo ha, nel documento, la citazione sistematica delle fonti,
cui si spera che il lettore attinga al fine di colmare le lacune formali e sostanziali che nell’esposizione si
paleseranno, potendo così sviluppare autonomamente una autonoma prospettiva critica in merito alle
diverse problematiche, alcune delle quali irrisolte a causa della loro complessità, inerenti l’oggetto del
referendum abrogativo.
Per coloro che non dispongano del tempo di leggere tutto l’elaborato vi è la possibilità di consultare
l’ultimo paragrafo dello stesso, intitolato “Sintesi delle informazioni raccolte”, con l’avvertenza, però,
che una sua completa comprensione non può che realizzarsi tramite una lettura integrale del testo.

Il quesito
Il referendum del 17 aprile verterà sull’abrogazione dell’attuale formulazione del comma 17
dell'articolo 6 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (come sostituito dal comma 239 dell’articolo
1 della legge 28 dicembre 2015, n. 2082). La formulazione del quesito, proposto agli elettori, è la
seguente: «Volete voi che sia abrogato l'art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3
aprile 2006, n. 152, "Norme in materia ambientale", come sostituito dal comma 239 dell'art. 1 della legge
28 dicembre 2015, n. 208 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
(legge di stabilità 2016)", limitatamente alle seguenti parole: "per la durata di vita utile del
giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale"?»3 4.
L'Ufficio centrale per il referendum gli ha correttamente attribuito la seguente denominazione: «Sesta
richiesta referendaria. Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di
mare entro dodici miglia marine. Abrogazione della norma di esenzione da tale divieto per i
procedimenti concessori in corso al 26 agosto 2010 e per i procedimenti autorizzatori e concessori
conseguenti e connessi a titoli abilitativi»5.
1Circolare

n° 4/2016 del Ministero dell’Interno:
http://doc989.consiglioveneto.it/oe/resources/Circ_004_ServElet_19-02-2016.pdf;
2Legge n. 208 del 20 dicembre 2015: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/12/30/15G00222/sg;
3http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2016/02/16/16A01356/sg. Il DPR di indizione è stato pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 38 del 16 febbraio 2016;
4L’articolo 6, comma 17, del cc.dd Codice dell’Ambiente è infatti, a seguito della Legge di stabilità del 2016, così
formulato: “Ai fini di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, all'interno del perimetro delle aree marine e costiere
a qualsiasi titolo protette per scopi di tutela ambientale, in virtù di leggi nazionali, regionali o in attuazione di atti
e convenzioni dell'Unione europea e internazionali sono vietate le attività di ricerca, di prospezione nonché di
coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi in mare, di cui agli articoli 4, 6 e 9 della legge 9 gennaio 1991, n. 9. Il
divieto è altresì stabilito nelle zone di mare poste entro dodici miglia dalle linee di costa lungo l'intero perimetro
costiero nazionale e dal perimetro esterno delle suddette aree marine e costiere protette. I titoli abilitativi già
rilasciati sono fatti salvi per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di
salvaguardia ambientale. Sono sempre assicurate le attività di manutenzione finalizzate all'adeguamento
tecnologico necessario alla sicurezza degli impianti e alla tutela dell'ambiente, nonché le operazioni finali di
ripristino ambientale”;
5Si
veda
la
sentenza

17
del
19
gennaio
2016
della
Corte
Costituzionale:
http://www.gazzettaufficiale.it/atto/vediMenuHTML;jsessionid=Rof1JjvXYZmJ8y1wbTkDew__.ntc-as5guri2b?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2016-02-03&atto.codiceRedazionale=T160017&tipoSerie=corte_costituzionale&tipoVigenza=originario;

1

Risulta pertanto evidente come una eventuale risposta positiva al quesito referendario avrà
l’effetto di impedire che vengano prorogate le concessioni alle piattaforme e ai pozzi petroliferi
che attualmente operano entro le 12 miglia (circa 19 km) marine: di fatto verrebbe abrogata
l’eccezione, riguardante “i titoli abilitativi già rilasciati”, al già vigente divieto di attività di ricerca,
prospezione e coltivazione di idrocarburi entro le cc.dd. acque territoriali.
Si devono a riguardo compiere alcune doverose e dirimenti puntualizzazioni:
1. Il referendum abrogativo non inciderà in alcun modo sulla corrente situazione degli impianti
che operano sulla terraferma;
2. Né esso avrà alcun effetto sulle trivellazioni fuori dalle cc.dd. acque territoriali, e cioè su quelle
piattaforme che si trovano oltre il limite delle 12 miglia marine;
3. Le sue conseguenze riguarderanno solo le concessioni (anche di ricerca) già rilasciate. Ciò
in quanto le modifiche apportate dalla legge di stabilità, comma 239, all’art. 6, comma 17, del
cc.dd. Codice dell’Ambiente già vietano “le attività di ricerca, di prospezione nonché di
coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi in mare” “nelle zone di mare poste entro dodici
miglia dalle linee di costa lungo l'intero perimetro costiero nazionale”. Tali disposizioni,
pertanto, già vietano che vi siano nuove concessioni per l’installazione di impianti di trivellazioni
nelle cc.dd. acque territoriali: ciò peraltro non impedisce che nell’ambito delle concessioni o dei
permessi di ricerca attualmente in vigore vengano costruite nuovi pozzi o piattaforme;
4. L’effetto di una eventuale abrogazione, infine, non sarà quello di far cessare immediatamente
l’attività delle “trivelle”, ma solamente di impedire che esse continuino ad operare, a tempo
indeterminato, e cioè “per la durata di vita utile del giacimento”, imponendone così la
dismissione allo scadere delle loro attuali concessioni (dato il divieto di cui si è detto al
punto precedente);
5. Affinché il referendum abrogativo possa produrre i propri effetti giuridici, è necessario, ex art.
75 Cost., che a votare sia la maggioranza degli aventi diritto (e che, ovviamente, la metà più
uno di loro si sia espressa favorevolmente all’abrogazione).

Le piattaforme e le relative concessioni
Chiarito, pertanto, come l’eventuale abrogazione della normativa attualmente vigente avrebbe l’effetto
di impedire la proroga delle concessioni (e dei permessi di ricerca) relative agli impianti di trivellazione
già operanti entro le 12 miglia marine, occorre allora esporre sinteticamente le loro caratteristiche più
rilevanti.
Le piattaforme ubicate nelle cc.dd. acque territoriali sono, attualmente, 92: di queste, solo 48 sono
eroganti. Ve ne sono poi 31 non eroganti, 8 non operative e 5 di supporto. Ad esse sono allacciati 481
pozzi6.
Sempre nel mare, ma oltre il limite delle 12 miglia marine, vi sono, invece, 43 impianti (per un totale di
249 pozzi)7.
Tra le piattaforme che si trovano entro il suddetto limite e che sono pertanto interessate dal referendum,
11 sono adibite all’estrazione di olio (idrocarburi liquidi, i.e. greggio), mentre 81 sono predisposte
all’estrazione di gas (idrocarburi gassosi, i.e. metano)8.

6I

dati, disponibili sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, sono aggiornati al 29 febbraio 2016:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/strutturemarine/limite.asp?on=true;
7Di cui: 31 eroganti, 9 non eroganti, 3 di supporto:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/strutturemarine/limite.asp?on=false;
8http://unmig.mise.gov.it/unmig/strutturemarine/piattaforme.pdf;

2

Titolare di 55 di esse è l’ENI. Quindi tra gli altri operatori, annoveriamo EDISON (che è titolare di 15
piattaforme), ADRIATICA IDROCARBURI (11 piattaforme), IONICAGAS (6 piattaforme), ENI
MEDITERRANEA IDROCARBURI (4 piattaforme), MEDOILGAS (1 piattaforma).
Tra questi impianti, 9 si trovano ad una distanza di 2 km circa dalla costa. Quindi, in un’area che spazia
tra i 3 e i 10 km di distanza, se ne possono localizzare 22. Nella fascia tra gli 11 e i 15 km di distanza, se
ne individuano 13. Nella zona che si spande tra i 16 e i 21 km di distanza dalla costa, sono invece ubicati
36 impianti. Infine, 12 delle 92 piattaforme totali sono installate oltre i 22 km di distanza dalla costa9.
I 92 impianti che si trovano entro le 12 miglia marine sono riconducibili a 35 concessioni. Ad essere
interessante è la data delle loro rispettive scadenze: 24 concessioni (per un totale di 52 piattaforme)
scadranno nel periodo che intercorre tra il 2016 e il 2034 (nei prossimi 5 anni ne scadranno 15,
per un totale di 31 piattaforme)10. Altre 8 concessioni (con 31 relative piattaforme), invece, sono già
terminate nel 2015; 1 concessione (con 5 relative piattaforme) è scaduta nel 2014; 1 concessione (con
2 relative piattaforme) è terminata nel 2013; 1 concessione, (con 2 relative piattaforme) è scaduta nel
2009. In riferimento alle 11 concessioni scadute, taluni siti riportano la notizia secondo la quale
per 9 di esse sarebbe già stata presentata l’istanza di proroga: essa non verrebbe pertanto
inficiata dall’eventuale abrogazione della normativa vigente, essendo stata proposta prima di
quest’ultima11. Tuttavia non si è potuto verificare la veridicità di tale notizia.
Ciò che comunque da tali dati si deve con attenzione dedurre ed evidenziare è che, anche qualora
dovesse esserci un riscontro positivo al quesito referendario, nessun impianto verrebbe
immediatamente
dismesso.
La chiusura delle piattaforme, infatti, avverrebbe gradualmente, nelle date di scadenza delle
relative concessioni, essendo l’effetto dell’abrogazione quello di impedire che esse operino ““per la
durata di vita utile del giacimento”, anche oltre il termine degli attuali titoli concessori.
In ultimo occorre considerare che anche i permessi di ricerca entro le 12 miglia marine rilasciati
già prima della legge di stabilità del 2016, in quanto non subordinati al divieto introdotto da
quest’ultima, sono interessati dal referendum: essi sono 9 e coprono un’area totale di 2.488 kmq
(7 sono momentaneamente sospesi)12. In questa zona, pertanto, potranno essere svolte attività di
prospezione geofisica ma anche di perforazione del fondale al fine di individuare giacimenti di
idrocarburi (il che comporta, come è evidente, la costruzione di nuovi pozzi).

9Sia

i dati sulla titolarità delle piattaforme che sulla loro distanza dalla costa sono desumibili dalla tabella
disponibile al seguente indirizzo (si tratta del sito del Ministero dello Sviluppo Economico), dalla quale si possono
peraltro
osservare
le
località
di
ubicazione
degli
impianti:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/strutturemarine/piattaforme.pdf;
10Più precisamente le date di scadenza saranno: 2034 per 1 concessione (e per 1 relativa piattaforma); 2027 per 4
concessioni (e per 15 relative piattaforme); 2024 per 2 concessioni (e per 3 relative piattaforme); 2022 per 1
concessione (e per 1 relativa piattaforma); 2021 per 1 concessione (e per 1 relativa piattaforma); 2020 per 1
concessione (e per 2 relative piattaforme); 2019 per 2 concessioni (e per 4 relative piattaforme); 2018 per 5
concessioni (e per 10 relative piattaforme); 2017 per 5 concessioni (e per 9 relative piattaforme); 2016 per 2
concessione (e per 6 relative piattaforme). Tali dati si ricavano sovrapponendo e confrontando le informazioni
contenute nella tabella di cui alle note 8 e 9 con quelle, relative alle singole concessioni, disponibili al seguente
indirizzo: http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/titoli/elenco.asp?tipo=ICM;
11I siti che la riportano, peraltro, promuovono manifestatamente il SI al referendum abrogativo:
http://www.qualenergia.it/sites/default/files/articolo-doc/piattaforme_e_ricerca_entro_le_12miglia_2016.pdf e
https://aspoitalia.wordpress.com/2016/03/07/le-bufale-sul-referendum-del-17-aprile/;
12Tali
dati
sono
fruibili
al
seguente
indirizzo:
http://www.greenreport.it/wpcontent/uploads/2016/03/Piattaforme-e-ricerca-entro-le-12miglia_def.pdf. Essi trovano un riscontro, più
difficoltoso, sul sito del Ministero: http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/titoli/elenco.asp?tipo=IPM;

3

La produzione energetica
Dopo aver pertanto brevemente delineato il profilo delle strutture interessate dal referendum (e dopo
aver precisato gli effetti di quest’ultimo su di esse), occorre ora passare in rassegna i dati relativi alla
loro capacità di contribuzione energetica, con la consapevolezza che gli idrocarburi estratti sono,
comunque, di proprietà delle imprese estrattrici che potrebbero, in un’improbabile ipotesi, destinarli
ad altri paesi.
La produzione nazionale totale di gas nel 2015 è stata pari a 6.877.023.798 Smc13.
4.525.837.702 Smc sono stati estratti dalle piattaforme marittime.

Di questi,

La produzione di gas degli impianti che si trovano entro le cc.dd. acque territoriali, rispetto ai
quali avrebbe effetto l’abrogazione della normativa vigente, è stata pari a 1.834.929.594 Smc14. Essa
è corrisposta, quindi, al 26,7% della produzione totale nazionale di gas naturale nel 2015.
Secondo alcune stime (contenute nel report di Unione Petrolifera “Previsioni di domanda energetica e
petrolifera italiana 2015-2030”), il consumo nazionale totale di gas naturale sarebbe stato nel 2015 pari
a 64,8 miliardi di Smc15. Attenendosi ad esse, si può agevolmente dedurre come la produzione di gas
naturale dei pozzi interessati dal referendum nel 2015 sarebbe stata pari al 2,8% del consumo
nazionale.
Per quanto riguarda il greggio, invece, nel 2015 la produzione nazionale totale è stata di 5.455.258.157
kg. Di questi, 750.685.803 kg sono stati ricavati dagli impianti installati in mare16.
In particolare, 542.880.883 kg di greggio sono stati estratti tramite i pozzi allacciati alle
piattaforme interessate dal referendum, e cioè poste entro il limite delle 12 miglia marine17. La loro
produzione ha costituito pertanto il 9,97% della produzione totale nazionale di greggio nel 2015.
Rifacendosi alle stime di cui sopra, il consumo nazionale totale di petrolio nel 2015 sarebbe stato pari a
57,3 milioni di tonnellate18. Basandosi su di esse si può pertanto affermare che la produzione di greggio
degli impianti che si trovano nelle acque territoriali nel 2015 sarebbe stata pari al 0,9% del consumo
nazionale.
Attingendo alle medesime previsioni, si può ricavare la quantità di energia prodotta dalle fonti
rinnovabili nel 2015: essa sarebbe stata pari a 28,5 milioni di Tep19. La domanda energetica
primaria totale nazionale sarebbe nello stesso anno stata pari a 158,4 milioni di Tep. La produzione delle
fonti rinnovabili sarebbe pertanto stata tale da coprire il 17,9% del fabbisogno energetico primario
nazionale20.

13Standard

metro cubo, che non è altro che la quantità di gas contenuta in un metro cubo alla temperatura di 15 C°
e a pressione atmosferica;
14Tali stime si ricavano impostando gli indicatori Gas naturale – 2015 – Totale mare nel sito del Ministero:
http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/produzione/mensile/mensile.asp;
15Il report è scaricabile integralmente da tale indirizzo: http://www.unionepetrolifera.it/?p=1763;
16La produzione nazionale totale di gasolina, invece, è pari a 14.947.235 kg. Di questi, solamente 706.048 kg
provengono dagli impianti di mare. Tali informazioni sono disponibili al seguente indirizzo:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/produzione/storia/produzione%202015.pdf;
17Tali dati si ricavano ricercando tramite gli indicatori Olio greggio – 2015 – Totale mare nel sito del Ministero:
http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/produzione/mensile/mensile.asp;
18Sono le stesse previsioni di cui alla nota 15: http://www.unionepetrolifera.it/?p=1763;
19Il Tep corrisponde alla tonnellata equivalente di petrolio, e cioè la quantità di energia rilasciata dalla
combustione di petrolio grezzo;
20SI guardi alla fonte di cui alle note 15 e 18. Tale calcolo è suffragato dalle stime riportate a pag. 5 di un documento
prodotto
dal
Gestore
servizi
energetici
(GSE)
accessibile
al
seguente
link:

4

Da questi dati si può chiaramente evincere come, da un punto di vista strettamente quantitativo,
l’incidenza della produzione di gas naturale e greggio degli impianti che, in caso di abrogazione
della presente normativa, verrebbero progressivamente dismessi è scarsamente rilevante: 2,8%
del consumo nazionale di gas naturale e 0,9% del consumo nazionale di petrolio. Al contrario, invece,
ampia parte della domanda energetica primaria del paese è correntemente soddisfatta dalla produzione
delle fonti rinnovabili: il 17,9%. Tali informazioni devono essere tenute in considerazione qualora si
intenda discorrere dei rapporti che intercorrono tra l’indipendenza energetica e il referendum
abrogativo.

Le royalties
Può essere utile, ora, verificare quale sia l’entità del gettito fiscale che lo Stato italiano ricava dagli
impianti di estrazione di gas naturale e greggio. Si tratta delle cc.dd. royalties, e cioè del corrispettivo in
denaro che il concessionario deve pagare allo Stato per poter esercitare del diritto di sfruttamento dei
giacimenti di idrocarburi che, ex art. 826 del Codice Civile, sono patrimonio indisponibile dello Stato
stesso.
Prima di riportare il gettito in termini meramente numerici, però, pare opportuno brevemente
accennare al modo in cui viene calcolato e proporre alcuni raffronti con il regime fiscale di altri paesi
europei.
In Italia le royalties per la produzione degli idrocarburi in mare sono pari al 4% per il greggio ed al
7% per il gas naturale (ad esse va aggiunto un ulteriore 3% di aliquota imposta al fine di finanziare le
attività che garantiscano la sicurezza ambientale delle attività21): tali percentuali sono calcolate a partire
dal valore di vendita delle quantità prodotte dalle varie piattaforme (e sono perciò soggette alle
variazioni del prezzo degli idrocarburi sul mercato). Tuttavia occorre notare che esenti da tale
imposizione sono le produzioni di greggio inferiori a 50.000.000 kg e quelle di gas naturale
inferiori a 80.000.000 Smc22.
Per poter utilmente comparare tale regime fiscale con quello di altri paesi europei occorre, però,
prioritariamente considerare che, in realtà, la percentuale di royalty deve essere modulata con la
fiscalità generale. Tenuto conto di ciò, uno studio di Nomisma Energia, datato gennaio 2012, calcola il
prelievo fiscale complessivo sulle attività di estrazione di idrocarburi come pari al 63,8% (con
una possibile variazione tra il 50% e il 67,9%)23. In esso si rileva come, tendenzialmente, siano i paesi
che dispongono di una maggiore produzione a imporre un maggior prelievo fiscale: tra questi, la
Norvegia (con una tassazione complessiva pari al 78%) e il Regno Unito (con una tassazione complessiva
variabile tra il 68% e l’82%). Altri paesi, invece, con una bassa produzione tendono a diminuire il
http://www.gse.it/it/Dati%20e%20Bilanci/GSE_Documenti/osservatorio%20statistico/Stime%20preliminari
%202015.pdf;
21Si guardi l’art. 6, comma 17, del d. lgs. del 3 aprile 2006, ove si legge: “[…] i titolari delle concessioni di coltivazione
in mare sono tenuti a corrispondere annualmente l'aliquota di prodotto di cui all'articolo 19, comma 1 del decreto
legislativo 25 novembre 1996, n. 625, elevata dal 7% al 10% per il gas e dal 4% al 7% per l'olio. Il titolare unico o
contitolare di ciascuna concessione è tenuto a versare le somme corrispondenti al valore dell'incremento
dell'aliquota ad apposito capitolo dell'entrata del bilancio dello Stato, per essere interamente riassegnate, in parti
uguali, ad appositi capitoli istituiti nello stato di previsione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio
e del mare e del Ministero dello sviluppo economico, per assicurare il pieno svolgimento rispettivamente delle
azioni di monitoraggio e contrasto dell'inquinamento marino e delle attività di vigilanza e controllo della sicurezza
anche ambientale degli impianti di ricerca e coltivazione in mare”;
22Al seguente indirizzo, ministeriale, si può anche osservare come la spartizione dei versamenti in denaro ottenuti
sia
così
disposta:
il
55%
alle
Regioni,
il
45%
allo
Stato.
http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/royalties/indicazioni_destinazione.asp;
23Lo studio, risalente al 30 gennaio 2012, è stato condotto da Nomisma Energia ed è disponibile al seguente
indirizzo: http://unmig.mise.gov.it/unmig/royalties/nomisma_tassazione_idrocarburi.pdf;

5

prelievo al fine di favorire gli investimenti nel settore: tra questi l’Irlanda (con una tassazione
complessiva variabile tra il 25% e il 45%) e la Francia (con una tassazione complessiva variabile tra il
37 e il 50%). L’Italia, pertanto, costituisce un’anomalia in quanto, a fronte di una produzione ridotta,
impone un regime fiscale gravoso (con un prelievo totale che, come si è detto, varia tra il 50% e il 67,9%),
così come anche la Danimarca (con una tassazione complessiva variabile tra il 64% e il 77,5%)24.
Solo tenendo conto di queste considerazioni si può allora con consapevolezza osservare e comparare i
diversi sistemi europei di royalties: a differenza dell’Italia, in nessuno dei paesi precitati vi sono royalties
per le piattaforme che operano in mare25.
Si può quindi, in ultimo, quantificare il regime delle royalties nel nostro paese in una somma di denaro
determinata: il gettito totale, e perciò inerente a tutte le piattaforme in attività (e non solo a quelle
interessate dal referendum), è stato nel 2015 pari a 352.054.903,70 euro26. Fare una stima di tutte le
entrate che lo Stato incassa dalle attività di produzione di idrocarburi è, invece, estremamente difficile
e pochi sono i dati disponibili a proposito. Rifacendosi allo studio del 2012 già citato, però, si può
ritenere che nel 2010 essi siano state, nel complesso, tra i 600 e i 750 milioni di euro27: di queste,
184.464.031 euro sono state ricavate dalle royalties28. Qualora si ritenesse, arbitrariamente, di
mantenere una tale rapporto tra le entrate totali e l’ammontare delle royalties allora si potrebbero, a
partire dai dati disponibili, calcolare le entrate complessive che nel 2015 lo Stato ha avuto dalla
produzione totale di idrocarburi: esse sarebbero state, approssimativamente, tra 1 miliardo e 145
milioni di euro e 1 miliardo e 430 milioni di euro. Ma, lo si ribadisce, tali somme sono del tutto
orientative.
Non esistono dati certi sul gettito fiscale ricavato solamente dagli impianti che si trovano entro il
limite delle 12 miglia marine. Tuttavia talune stime, anch’esse a scopo meramente orientative e senza
alcuna pretesa di esattezza, si potrebbero fare ricordando che la loro produzione di gas naturale è
stata, nel 2015, pari al 26,7% della produzione totale nazionale e che la loro produzione di
greggio è stata pari al 9,97% della produzione totale nazionale29.
Può essere infine utile, a titolo di raffronto e proposta interpretativa, rilevare come nel 2013 il gettito
fiscale ricavato dall’erario italiano tramite la tassazione sulle energie rinnovabili è stato circa 1
miliardo e 200 milioni di euro30.

24Questi

dati comparativi sono tratti dal medesimo studio di Nomisma Energia, di cui alla nota 23;
è chiaramente riportato dai dati che il Ministero dello Sviluppo Economico rende noti al seguente indirizzo:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/royalties/royalties_e_canoni.pdf. Per l’Irlanda si guardi a pag. 269 del seguente
report
(da
cui
si
possono
attingere
i
dati
anche
per
gli
altri
paesi):
http://www.ey.com/Publication/vwLUAssets/EY-2015-Global-oil-and-gas-tax-guide/$FILE/EY-2015-Globaloil-and-gas-tax-guide.pdf;
26Di questi, 163.055.981 euro sono andati alle Regioni, 55.156.589 euro allo Stato, 75.997.733 euro al Fondo
sviluppo economico e social card, 31.399.849 euro a attività di sicurezza ambientale e 26.444.749 euro ai comuni.
Queste informazioni sono disponibili al seguente link: http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/royalties/2015/2015.asp;
27Il riferimento è, ancora una volta, allo studio di NE di cui alla nota 23;
28http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/royalties/2010/2010.asp;
29In particolare, nel 2015, il gettito fiscale ricavato dalle produzioni di gas naturale entro le 12 miglia
marine potrebbe essere stato tra i 150 milioni di euro e i 190 milioni di euro; quello ricavato dalle
produzioni di greggio entro le 12 miglia marine potrebbe essere stato tra i 57 milioni di euro e i 70 milioni
di euro. Ma tali stime sono del tutto arbitrarie: non si è infatti potuto tenere conto del valore del gettito
singolarmente ottenuto dalla produzione di ciascun idrocarburo, di fatto pertanto dividendosi per due le entrate
complessive totali stimate anch’esse in maniera arbitraria e applicandosi poi il calcolo percentuale;
30Tali dati si ricavano da uno studio datato ottobre 2014 ed elaborato d Greenpeace e Althesys, pag. 20, disponibile
al seguente indirizzo: http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2014/eav.pdf. Esso offre, inoltre,
una stima su quello che potrebbe essere l’ammontare del gettito ricavato dallo Stato sulle attività correlate alle
25Ciò

6

Le ricadute occupazionali del referendum
Altra profilo estremamente controverso del dibattito intorno al referendum abrogativo del 17 aprile è
quello afferente al dato occupazionale.
Occorre innanzitutto ammettere che dati certi e completi sul punto sono indisponibili. Si può, però,
tentare di ricostruire il quadro a partire da quanto è pubblicamente reperibile.
Alcune stime, non suffragate da alcun riferimento a fonti attendibili, riportano un totale di circa
29.000 addetti direttamente o indirettamente riconducibili alle attività estrattive localizzate in
Italia31. Altre stime, anch’esse prive di fonte, parlano di 65.000 impiegati totali (di cui 15.000 diretti)
grazie alla produzione di idrocarburi32.
Uno studio del 2013, prodotto da ENI in collaborazione con la Fondazione Eni Enrico Mattei, sostiene
che gli occupati grazie alle piattaforme ENI nella Val d’Agri (nella Basilicata) siano 2881, di cui
348 dipendenti diretti (di cui 206 residenti nella stessa Basilicata: 25 attraverso contratto a tempo
determinato, 181 attraverso contratti a tempo indeterminato) e 2553 occupati indiretti (di cui 1077
residenti in Basilicata)33. Sul punto occorre considerare che la produzione degli impianti della Val d’Agri
è di 3.756.053.892 kg (pari al 68,9% della produzione nazionale di greggio)34. Ciò significa che per il
68,9% della produzione nazionale di greggio, gli impiegati totali, diretti e indiretti, sono stati 2881. Un
banale quanto approssimativo e non esatto calcolo potrebbe permettere di approssimare il numero
totale degli occupati, diretti e indiretti, grazie alle attività di estrazione del greggio in Italia: circa
4181.
Questi dati, di per sé non completi né attendibili, vanno parametrati su due considerazioni, alquanto
dirimenti:
1- La produzione degli impianti interessati dal referendum, e cioè localizzati entro il limite delle 12
miglia marine, è pari al 26,7% della produzione nazionale di gas e al 9,97% della produzione
nazionale di greggio;
2- La gradualità della dismissione delle attività degli impianti, di cui si è detto anche
precedentemente35.
Queste due considerazioni sembrano permettere di prospettare due ulteriori conclusioni:
verosimilmente, la percentuale degli impiegati nelle piattaforme interessate dal referendum è
circa il 25% del totale degli occupati nell’estrazione di gas naturale e circa il 10% degli occupati
nell’estrazione di greggio (proseguendo il calcolo, impreciso, di cui sopra, circa 410 lavoratori);
un adeguato piano di ricollocamento dei lavoratori che perderebbero il proprio impiego può essere

energie rinnovabili, pag. 36: esso sarebbe pari a 28 miliardi di euro totali qualora il quadro realizzato fosse quello
di riferimento dello studio;
31Si tratta di stime non imparziali, proposte da Assomineraria: http://www.assomineraria.org/settori/attivitafiliera-upstream/;
32http://www.petrolioegas.it/lo-sviluppo/occupazione/;
33Si conti che in totale i dipendenti dell’ENI in Italia (non necessariamente correlati alle attività di estrazione di
idrocarburi) erano, al termine del primo semestre del 2015, 26.020 Lo studio offre anche altre interessanti
informazioni sui tipi di occupazione indiretta svolta e su altri profili dei lavoratori (età, titolo di studio, etc.). Il
report completo è disponibile al seguente indirizzo: https://www.eni.com/files/persone/occupazionediretta/occupazione-diretta/Rilevazione_dati_fornitori_beni_servizi_occupati_diretti_eni_DIME.pdf;
34Il
dato
è
tratto
direttamente
dal
sito
del
Ministero
dello
Sviluppo
Economico:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/produzione/mensile/dettaglio.asp?cod=932&min=O;
35Si ricordi che 24 concessioni scadranno tra il 2016 e il 2034 (di cui 15, per un totale di 31 piattaforme, nei
prossimi 5 anni). Le altre 11 concessioni, già scadute, secondo quanto riportato da alcuni siti, avrebbero già chiesto
un’ulteriore proroga e chiuderebbero, pertanto, gradualmente nei prossimi anni;

7

immaginato come modulato in un periodo temporale piuttosto ampio, tale da permettere l’elaborazione
di una strategia adeguata.
Ricollegandosi a tale ultima proposta, si deve allora rilevare che nel 2014, in Italia, il numero totale
di coloro che hanno trovato impiego nel settore delle energie rinnovabili è stato stimato
dall’EurObserv’er intorno agli 82.500 lavoratori36. Nel 2013 esso era stato stimato in 64.000
lavoratori37 (con una crescita annuale, pertanto, del 28,9% del numero di impiegati). Alcune previsioni
ritengono che nel 2030 si possa giungere, tramite una più impegnativa politica di investimenti nel
settore, addirittura a 102.395 impiegati nel settore delle energie rinnovabili38.

Le “trivelle" e il turismo
Connessa al profilo occupazionale è la discussione inerente l’impatto delle piattaforme entro le 12 miglia
marine sull’afflusso turistico nelle aree di costa in cui esse sono localizzate.
Come il precedente, anche questo è un punto a proposito del quale la discussione è ampiamente
proliferata pur nella deprecabile assenza di informazioni attendibili.
Innanzitutto occorre notare che una ricerca sulla situazione del turismo globale osserva come l’Italia sia
stata, nel 2014, il 5° paese al mondo per arrivi internazionali (48,6 milioni di visitatori) ed il 7° al mondo
per introiti derivanti dal turismo essi afferenti (45,5 miliardi di dollari). Le località interessate dal
turismo straniero sono principalmente città di interesse storico e artistico (34% di visitatori) e le
località marine (24% dei visitatori)39. Si riporta, tra l’altro, che sulle sole coste dell’Adriatico il settore
turistico fornisce occupazione a oltre 480.000 lavoratori40
Un altro fatto da considerare è che Confesercenti (che rappresenta, tra gli altri, operatori del settore
del commercio e del turismo) si è pubblicamente schierata a favore dell’abrogazione della
normativa vigente41. Lo stesso hanno fatto Assoturismo42 e Confcommercio Abruzzo43 e
Confcommercio Taranto44.

36Tale

stima si desume dal report “The state of renewable energies in Europe” dell’EurObserv’er, pag. 129. Esso
può essere gratuitamente scaricato al seguente link: http://www.eurobserv-er.org/15th-annual-overviewbarometer/;
37Si
guardi a pag. 22 del già citato studio elaborato nel 2014 da Greenpeace e Althesys:
http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2014/eav.pdf;
38Si guardi allo studio di cui alla nota precedente, pag. 35;
39Il report presenta anche la distribuzione regionale del suddetto turismo: http://www.enit.it/en/studies-andresearch.html;
40Si
tratta delle stime presentate da un dossier del Consorzio Aaster e disponibili qui:
http://www.marketingdelterritorio.info/index.php/it/dal-territorio/1713-macroregione-adriatico-ionica-oltreallamanifattura-ci-sono-turismo-e-commercio;
41Nella rivista Commercio e Turismo Romagnolo n.1, pag. 5, si legge: “La Confesercenti senza guerre di religione
ritiene che il petrolio principale da estrarre e valorizzare sia quello del turismo. Per questo nell’occasione e a livello
nazionale la Confesercenti invita coerentemente ad andare a votare e votare SI. I problemi non si risolvono con il
referendum men che meno su questioni così importanti, certo ancor meno con quesiti così parziali. Dal momento
che c’è e si vota è giusto esprimere la propria opinione e farla sentire. Visto che lo si cita molto noi stiamo con il
turismo e con l’economia turistica del territorio dell’oggi e del domani. Questo per noi è il primo patrimonio da
tutelare. Forniamo così il nostro contributo in merito e a sostegno della campagna referendaria”. Esso è disponibile
al
seguente
indirizzo:
http://www.confesercentiravenna.it/Commercio%20&%20Turismo%20Romagnolo/2016/Confesercenti%20R
avenna%201.pdf)
42http://www.confesercenti.it/blog/turismo-trivelle-assoturismo-confesercenti-incontra-lacorazza-e-ciambettie-ribadisce-il-proprio-notriv/;
43 http://www.confcommercio.it/-/trivelle-referendum-ok-per-abruzzo-confcommercio;
44 http://www.tarantoindiretta.it/news/confcommercio-taranto-referendum-trivelle-confcommercio-vota-si/;

8

Uno studio inerente alla situazione dei paesi e delle regioni che si affacciano sul Golfo del Messico rileva,
inoltre, come nelle zone costiere prive di impianti di trivellazione l’indotto ricavato dal turismo
sia quasi il doppio di quelle dove, invece, sono localizzati tali impianti45.
Un elaborato realizzato da Ricerche industriali e energetiche per conto di Assomineraria, invece,
sostiene che non vi è alcuna relazione strutturale tra l’attività di estrazione di idrocarburi e
l’afflusso turistico regionale, soprattutto basandosi sul caso dell’Emilia-Romagna46. Il documento
costituisce la fonte più citata in merito, nonostante non appaia neutrale né fondato su un bacino di dati
tale da rendere le conclusioni incontrovertibili.
Ciò che sembra abbastanza auto-evidente è però che, come evidenzia uno studio del CRED inerente il
caso della Louisiana, eventuali incidenti legati all’estrazione o al trasporto di idrocarburi (ed in
particolare, di greggio) possano avere un’influenza fortemente negativa sul turismo delle zone
costiere da essi interessate47.
Una conclusione, parziale, cui si può pervenire al termine di questa breve ricognizione è pertanto che,
per quanto riguarda l’Italia, non accertate sono conseguenze dannose dell’estrazione di
idrocarburi sul turismo “marino”: sembra però probabile che eventuali incidenti occorsi
nell’esercizio di quelle attività48 possano incidere negativamente su di esso.

Il rapporto tra le attività di estrazione, la pesca e la fauna marina
Ultimo, fondamentale, profilo di approfondimento è quello inerente il rapporto tra le piattaforme che
operano in mare e l’inquinamento ambientale.
A servire da ponte per la sua analisi è, però, la breve esposizione dell’incidenza dell’estrazione di
idrocarburi sull’attività ittica nei nostri mari.
Bisogna a tal proposito notare che nel solo mar Adriatico (le cui acque sono principalmente interessate
dalla presenza di piattaforme) la pesca ha prodotto un indotto di 374 milioni di euro49.
Punto di partenza è ancora il report elaborato su commissione di Assomineraria il quale evidenzia
l’assenza di qualsiasi legame strutturale tra eventuali flessioni della produttività della pesca con
l’installazione di piattaforme nei nostri mari. Ancora una volta, tale conclusione viene
semplicemente desunta dall’osservazione del trend di ogni singola regione, rilevandosi come
l’andamento di questo sia indipendente dalla presenza di impianti di estrazione di idrocarburi50.

45Si

parla di 1306 $ contro 684 $. Tali dati, desunti da uno studio del Southern Environmental Law Center (SELC),
sono accessibili al seguente link: https://www.southernenvironment.org/news-and-press/news-feed/oildrilling-infrastructure-drives-away-tourism-dollars;
46Il
report
è
disponibile
al
seguente
link:
http://www.assomineraria.org/wpcontent/uploads/2015/06/Coesistenza-tra-Idrocarburi-e-Agricoltura-Pesca-e-Turismo-in-Italia-ES.pdf;
47Si tratta di una ricerca del “Conversations for responsible economic development”, elaborata a seguito
dell’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon, i cui risultati sono riassunti qui: http://credbc.ca/tourismindustry-impacts-the-deepwater-horizon-spill/;
48In particolare gli incidenti che comportano uno sversamento di greggio o oilspill: si ricordi però che all’estrazione
di greggio sono adibite solo 11 piattaforme sulle 92 interessate dal referendum
49Questo dato, risalente al 2012, è presentato da un report di Greenpeace intitolato “Bombardamento a tappeto”
ed è stato elaborato a partire dalle informazioni raccolte da IREPA, disponibili qui: http://www.irepa.org/it/datisistan/dati-nazionali/2012.html?start=20;
50Si tratta del documento di cui alla nota 46;

9

Ciò nonostante, il Coordinamento Pesca dell'Alleanza delle Cooperative Italiane si è
pubblicamente schierata contro le piattaforme, in un documento congiunto con Greenpeace51.
Recentemente, però, innanzi alle accuse di quest’ultima sulla presenza di sostanze nocive nelle cozze
raccolte intorno alle piattaforme del Mar Adriatico, la cooperativa allevamento mitili in mare di Ravenna
ne ha sostenuto la falsità, pubblicamente ribadendo i controlli cui esse sono sottoposte, che ne
certificano la qualità52. Tra l’altro, tuttavia, in un’inchiesta altrettanto recente si riporta come, a largo
delle coste di Brindisi, alcuni dipendenti dell’Eni abbiano deliberatamente omesso di informare i tecnici
dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) che i sacchetti di cozze, utilizzati
come bio-indicatori al fine di svolgere un controllo ambientale sulla presenza di inquinanti nelle acque
pugliesi, si erano staccati, sostituendoli con “altri mitili da loro procurati, inficiando di fatto l'efficacia
del controllo ambientale”53.
Indubbio è, comunque, l’impatto negativo che sulla pesca hanno eventuali incidenti (soprattutto
inerenti lo sversamento di greggio) occorsi nella attività estrattiva54.
Innanzi a questo acceso contraddittorio, pare allora opportuno muovere all’analisi dell’incidenza delle
attività di estrazione di idrocarburi in mare sull’ecosistema che le circonda (i cui effetti investono,
indirettamente, anche l’attività della pesca), con la dovuta consapevolezza che questo è probabilmente
il tema più delicato da trattare.
In primis, viene in rilievo la fase di prospezione geofisica dei fondali marini, e cioè il momento in cui si
verificano le proprietà fisiche degli stessi al fine di verificare la presenza di idrocarburi nel sottosuolo.
Si noti infatti che, come detto, nonostante il divieto della normativa vigente per nuove attività di
prospezione entro le 12 miglia marine, i permessi di ricerca già rilasciati entro il suddetto limite sono
fatti salvi (9, di cui 7 sospesi, per un’area di 2488 kmq). A tal proposito, alcune osservazioni devono
essere svolte a proposito dell’air-gun55. A proposito si deve notare come l’air-gun non sia l’unica
tecnologia che permette di effettuare una prospezione geofisica del fondale marino: tuttavia essa è
quella più comunemente utilizzata56. In uno studio dell’Ispra, risalente al maggio 2012, si osserva

51http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2015/mare/Manifesto_Greenpeace_AllPesca_Mare_sen

za_trivelle.pdf;
52La notizia è accessibile qui: http://www.ravennanotizie.it/articoli/2016/03/11/giovanni-fucci-le-nostre-cozzesono-controllate-certificate-e-straordinarie.html;
53http://www.ansa.it/puglia/notizie/2016/04/01/inchiesta-petrolio-cozze-perse-in-mare-e-poisostituite_dbfef67c-624e-4d0e-9b04-12582b8a0b34.html;
54Essi sono presentati in maniera molto approfondita dal seguente documento, elaborato dal Directorate general
for internal policies policy department b: structural and cohesion policies e consultabile al seguente link:
http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/note/join/2014/513996/IPOLPECH_NT(2014)513996_EN.pdf;
55 Su questo sistema di ricerca il sito di Assomineraria (http://www.assomineraria.org/settori/airgun-la-scienzaper-la-conoscenza/) riporta: “Attraverso un sistema ad aria compressa, l’air-gun genera un’onda acustica (un
suono), senza utilizzo di esplosivo. Le onde sonore, riflesse dagli strati del sottosuolo, ritornano in superficie e
sono captate da idrofoni (microfoni). I dati così raccolti vengono elaborati per creare un’immagine degli strati
rocciosi che si trovano al di sotto del fondo del mare”. Altrove (http://inbosa.it/cose-tecnica-air-gun/), invece, si
legge che “l’air-gun è una tecnica di ispezione dei fondali marini, per capire cosa contiene il sottosuolo.
Praticamente ci sono degli spari fortissimi e continui, ogni 5 o dieci minuti, di aria compressa che mandano onde
riflesse da cui estrarre dati sulla composizione del sottosuolo. Spesso, però, questi spari sono dannosi al pescato,
perché possono causare lesioni ai pesci, e soprattutto la perdita dell’udito. Questo è molto grave perché molte
specie ittiche dipendono dal senso dell’udito per orientarsi, per accoppiarsi e per trovare cibo”;
56Oltre all’air-gun, infatti, altri sono i sistemi che possono essere utilizzati: water-gun, marine vibreosis, sparker,
boomer. E’ opportuno rilevare come anche questi sistemi utilizzano frequenze che rientrano nel range uditivo dei
pesci e che possono, perciò, danneggiare, in senso lato, la loro sopravvivenza. Tali informazioni si trovano nello
studio dell’Ispra, intitolato “Valutazione e mitigazione dell’impatto acustico dovuto alle prospezioni geofisiche nei

10

che la tecnica dell’air-gun ha effetti negativi su diversi tipi di organismi, ed in particolare sui
cetacei (i quali comunicano, navigano, si orientano e individuano le prede grazie al suono)57. In esso si
legge anche che “le frequenze emesse dall’air-gun (20-150 Hz) rientrano nel range uditivo dei pesci (503000 Hz) e sono, dunque, da ritenersi potenzialmente responsabili di disturbi comportamentali e
fisiologici anche a livello della fauna ittica” e, ancora, “sembra, inoltre, che vi siano effetti anche sulle
attività di pesca (diminuzione del pescato), ma i risultati sono controversi: alcuni studi hanno
dimostrato una diminuzione nella cattura di pesci, anche dopo giorni dal termine delle operazioni,
oltre che una diminuita disponibilità di uova, probabilmente causata dalla prolungata esposizione di
specie ittiche a suoni a bassa frequenza”58. Tali rischi (per la pesca e per la fauna ittica in generale) sono
dettagliatamente riportati in una deliberazione della giunta della Regione Puglia risalente all’aprile
201059.
Tra l’altro l’air-gun è stato oggetto di un’accesa disputa legislativa60 e numerose sono le associazioni che
hanno criticato questa tecnica61.

Gli altri impatti ambientali dell’estrazione degli idrocarburi in mare
Se, pertanto, diverse ricerche hanno evidenziato gli effetti negativi della tecnica di prospezione geofisica
dell’air-gun sulla fauna ittica e, di conseguenza, sull’attività di pesca, occorre ora passare all’analisi degli
altri impatti ambientali (in particolare, chimico, geologico e sismico) dell’estrazione degli idrocarburi in
mare.

mari italiani”, il quale fornisce descrizioni tecniche estremamente dettagliate, disponibile integralmente al
seguente link: https://stopombrina.files.wordpress.com/2016/01/rapporto_ispra-1_airgun.pdf;
57Si tratta del medesimo studio di cui alla nota precedente. Ivi si legge anche che “Le diverse specie di cetacei
emettono suoni in specifici range di frequenza utilizzando dei veri e propri canali comunicativi in cui viaggiano le
informazioni” e “L’esposizione al rumore di origine antropica può produrre un’ampia gamma di effetti sugli
organismi acquatici in particolare sui mammiferi marini. […] L’esposizione a rumori molto forti, come le esplosioni
a breve distanza, può addirittura produrre danni fisici permanenti ad altri organi oltre a quelli uditivi e può in
alcuni casi portare al decesso del soggetto colpito […] L'effetto fondamentale di un trauma acustico consiste nella
diminuzione della capacità uditiva che si manifesta come innalzamento della soglia di sensibilità o permanente che
corrisponde ad una perdita di sensibilità uditiva. Tuttavia, l’esposizione al rumore può esercitare un effetto
negativo sui cetacei anche se al di sotto dei livelli che provocano perdita di sensibilità uditiva. La continua
esposizione a rumori di basso livello può avere ripercussioni sul comportamento e sul benessere
psicofisico dei mammiferi marini provocando un impatto a lungo termine sulle popolazioni”. Nel report
vengono anche riportati una serie di studi che evidenziano effetti negativi delle frequenze dell’air-gun sulla vita
dei mammiferi marini;
58 Pag. 18-19 dello studio dell’Ispra già richiamato. La sua lettura è vivamente consigliata per chi voglia
approfondire il tema: oltre a quanto detto, infatti, in esso sono presentate alcune proposte di mitigazione degli
effetti negativi delle tecniche di prospezione geofisica dei fondali marini e, in particolare, dell’air-gun;
59Essa è accessibile qui: http://www.regione.puglia.it/index.php?page=delibere&opz=view&id=648,
60Lo scorso marzo, approvando un emendamento al Disegno di Legge sugli ecoreati, il Senato introduceva il divieto
di utilizzo della tecnica dell'air-gun “per le attività di ricerca e di ispezione del fondali marini finalizzate alla
coltivazione di idrocarburi”. A maggio, la Camera, nella discussione sul disegno di legge, ha soppresso il divieto di
impiego di questa tecnica, provocando aspre critiche da parte delle associazioni ambientaliste. Molti hanno
interpretato la retromarcia del parlamento come un favore nei confronti dell'industria petrolifera ma già a marzo,
alcuni dei principali enti pubblici di ricerca erano intervenuti criticando l'approvazione dell'emendamento che
introduceva il divieto, attraverso un comunicato firmato, tra gli altri, dal CNR, dall'Istituto nazionale di geofisica e
vulcanologia, dall'Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale, dalla Stazione zoologica Anton
Dohrn e dallo stesso Ispra. Alcune associazioni ambientaliste (Greenpeace, Legambiente e Wwf), nel rispondere
alle obiezioni dagli enti di ricerca, hanno sottolineato che l'emendamento, alla lettera, prevedeva il divieto di
impiego della tecnica air-gun solo per le attività di ricerca di idrocarburi. La vicenda è riportata qui:
http://www.valigiablu.it/petrolio-referendum-sblocca-italia-trivella/;
61Si veda la seconda parte dell’articolo disponibile al link: http://inbosa.it/cose-tecnica-air-gun/;

11

Innanzitutto occorre rilevare che esiste una dettagliata disciplina in materia di monitoraggio e
prevenzione dell’inquinamento dell’ecosistema marino causato dall’attività estrattiva62.
Occorre tuttavia notare che i dati relativi ai monitoraggi ambientali effettuati in prossimità delle
piattaforme situate nei mari italiani non sono disponibili sugli organi di comunicazione ufficiale del
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ma devono essere rilasciati dallo stesso
MATTM a seguito di apposita istanza di accesso agli atti. Nel luglio 2015 l’associazione ambientalista
Greenpeace ha presentato una tale istanza. Tuttavia, delle 135 piattaforme localizzate nei mari
italiani, sono stati ad essa consegnati i dati relative a soli 34 impianti che estraggono gas, tutti di
proprietà dell’ENI, ottenuti tramite i monitoraggi effettuati negli anni 2012, 2013 e 2014. I risultati
dello studio conseguentemente effettuato sono disponibili nel report “Trivelle fuorilegge”, pubblicato
nel marzo 201663. La mancata consegna dei dati relativi alle altre 100 piattaforme ha, ovviamente,
indotto a dubitare della loro stessa esistenza o della volontà del Ministero di renderli pubblici,
gettando una grave ombra sulla trasparenza della pubblica amministrazione dei monitoraggi
ambientali.
Dal lavoro svolto sui dati cui ha avuto accesso (raccolti tramite i monitoraggi dell’Ispra su committenza
dello stesso ENI) Greenpeace ha rilevato un quadro, a suo dire, “perlomeno preoccupante”: “i
sedimenti nei pressi delle piattaforme sono spesso molto contaminati. A seconda degli anni
considerati, il 76% (2012), il 73,5% (2013) e il 79% (2014) delle piattaforme presenta sedimenti
con contaminazione oltre i limiti fissati dalle norme comunitarie per almeno una sostanza
pericolosa. Questi parametri sono oltre i limiti per almeno due sostanze nel 67% degli impianti nei
campioni analizzati nel 2012, nel 71% nel 2013 e nel 67% nel 2014. Non sempre le piattaforme che
presentano dati oltre le soglie confermano i livelli di contaminazione negli anni successivi, ma la
percentuale di piattaforme con problemi di contaminazione ambientale è sempre costantemente
elevata” e, ancora, “circa l’86% del totale dei campioni analizzati nel corso del triennio 2012-2014
superava il limite di concentrazione di mercurio identificato dagli SQA [i.e. Standard Qualità
Ambientale]”64.
La risposta di ENI rispetto al rapporto non si è lasciata attendere: “È necessario precisare che i limiti
presi inconsiderazione da Greenpeace per le sostanze oggetto di monitoraggio non
rappresentano limiti di legge definiti per valutare l’eventuale inquinamento derivante da una
specifica attività antropica. […] I limiti presi a riferimento da Greenpeace, ossia gli Standard di Qualità
Ambientale, sono utilizzati per definire una classificazione comune a livello europeo circa lo stato di
salute di un ambiente incontaminato in corpi idrici superficiali e riguarda, pertanto, le acque marine
costiere all’interno della linea immaginaria distante 1 miglio nautico (circa 1,8 km) dalla linea di costa,
mentre tutte le 34 piattaforme, oggetto dell’analisi, sono ubicate ad una distanza dalla costa compresa
tra 6 miglia (10,5 km) e 33 miglia (60 km). Circa quanto riportato da Greenpeace sull’inquinamento da
idrocarburi nel Mediterraneo, è utile ricordare che studi effettuati da Università e Istituti scientifici
evidenziano che per il 60 percento tale inquinamento deriva da scarichi civili e industriali e per il 40
percento dal traffico navale, che riversa in mare circa 150.000 ton/anno di idrocarburi. Insignificante,
invece, l’apporto dell’attività petrolifera (meno dello 0,1 percento)” e “sebbene i mitili che nascono sui
piloni delle piattaforme presentino in alcuni casi concentrazioni di alcuni parametri superiori a quelli
prelevati in aree incontaminate, Ispra conclude sulla base di anni di analisi che l’effetto sugli ecosistemi
62Le

norme cui ci si riferisce, che per specificità tecnica e ampiezza non è ivi possibile descrivere, sono indicate al
seguente indirizzo ministeriale: http://unmig.mise.gov.it/unmig/sicurezza/sicurezza.asp. Un breve studio su di
esse è disponibile qui: http://www.dirittoambiente.net/file/acque_marino_84.pdf;
63Il
documento
è
integralmente
accessibile
al
seguente
indirizzo:
http://www.ravennaedintorni.it/articoli/49074/documenti/Trivelle_Fuorilegge.pdf;
64Nel report, a pag. 3, sono contenute altre informazioni, maggiormente dettagliate. Nel resto del documento si
espone, in maniera molto interessante, tutto ciò che fa da sfondo (sia sul piano normativo che più prettamente
tecnico-ambientale) alle valutazioni evidenziate nelle prime pagine;

12

marini prossimi alle piattaforme non è significativo. Si può escludere che i mitili provenienti dalle
piattaforme e commercializzati comportino alcun tipo di rischio per la salute delle persone”65.
Non si può comunque escludere, ed anzi sembra probabile, che, durante le fasi di installazione di
un pozzo esplorativo e, eventualmente, di una piattaforma permanente (conseguenti al riscontro
positivo in quella di prospezione geofisica), l’utilizzo del “drilling mud” (che contengono metalli
pesanti estranei all’ambiente marino ma sono assolutamente necessari per la sicurezza di tali
operazioni) e l’inevitabile sversamento di piccole quantità di idrocarburi da esse prodotto
cagionino un danno all’ecosistema dei mari italiani66.
Altrettanto rilevante è il presunto impatto che le operazioni di estrazione di idrocarburi in mare
hanno sul fenomeno della subsidenza, che è un è un lento movimento di abbassamento della crosta
terrestre che si verifica in determinate zone ed è attribuito al peso dei sedimenti che si accumulano.
Le osservazioni ad esso inerenti sono state effettuate soprattutto in considerazione del caso dell’EmiliaRomagna, il cui maggior interesse per la comunità scientifica è scaturito anche dal terremoto ivi
verificatosi nel 2012. La subsidenza può avere cause naturali e cause antropiche: queste ultime sono
legate al prelievo di fluidi dal sottosuolo, tra cui anche l’estrazione di idrocarburi67. Se, infatti, da tempo
risalente si è individuato il principale responsabile dell’intensificazione, pericolosa, del fenomeno della
subsidenza nel prelievo di acqua dalle falde sotterranee, più controversa è la responsabilità
dell’estrazione di idrocarburi, particolarmente presente nella regione (sono ben 59 le piattaforme
installate nelle acque di questa regione, di cui addirittura 52 entro le 12 miglia marine, tutte adibite alla
produzione di gas naturale)68. Ad oggi si può però sostenere che essa contribuisca quasi certamente
all’accrescimento della subsidenza: alcuni studi rilevano come “la coltivazione di un giacimento
di metano produce un abbassamento di 6-8 mm [annuale] nella zona corrispondente alla
proiezione in superficie del perimetro del giacimento; l'area interessata dalla subsidenza
indotta è compresa tra i 5 e i 10 km dal giacimento”69. I rischi connessi alla repentina intensificazione
del fenomeno sono da rinvenirsi in “1. Erosione delle spiagge, con una perdita di sabbia sui 100 km di
costa quantificabile in oltre 1.000.000 di metri cubi ogni […] 5. Squilibrio delle reti idrauliche e fognarie
[…] 6. Danni al patrimonio artistico monumentale 7. Aumento della vulnerabilità degli edifici nelle aree
urbane, per via del cedimento differenziale dei terreni di fondazione, causando quindi indirettamente
un possibile incremento dei danni da terremoti”. Un’ulteriore difficolta connessa al rapporto tra attività
di estrazione di idrocarburi e subsidenza sembra essere quella dello scarto temporale tra la prima e il
manifestarsi della seconda, il quale implica l’impossibilità di percepire in maniera immediata l’effetto

65Il

contraddittorio è riportato qui: http://www.ravennaedintorni.it/ravenna-notizie/49074/greenpeace-letrivelle-inquinanoeni-gas-estratto-rispettando-l-ambiente.html;
66Si vedano pag. 3 e 4 del seguente documento, supportato da diverse associazioni ambientaliste:
http://www.enpa.it/IT/_OLD/salviamo_il_mare/Ricerca-idrocarburi-Cetacei.pdf;
67“I fluidi infatti sono presenti nel sottosuolo a notevoli pressioni, anche di alcune centinaia di atmosfere: con la
depressurizzazione dovuta all'estrazione di acqua e metano, il terreno si compatta, causando un abbassamento
molto più repentino rispetto alla subsidenza naturale, anche nell'ordine di alcuni centimetri all'anno, con danni al
patrimonio artistico-monumentale, perdita di efficienza delle infrastrutture idrauliche, erosione accelerata della
fascia di battigia e aumento della propensione all’esondabilità, sia dei territori costieri che interni”. La citazione è
tratta da un dossier di Legambiente Emilia-Romagna “Estrazione di idrocarburi in Emilia-Romagna” del 2013,
accessibile al seguente indirizzo: http://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/dossier-idrocarburi-inemilia-romagna_2013.pdf;
68http://unmig.mise.gov.it/unmig/strutturemarine/piattaforme.pdf;
69I dati sono riportati dal dossier di Legambiente Emilia-Romagna, di cui alla nota 67, pag. 18 che ne riporta la
fonte: M. Preti (Arpa) e V. Ruggeri (Regione Emilia-Romagna): “La subsidenza nella fascia costiera emiliano
romagnola: storia, problemi, prospettive”. Atti Convegno 3 Dicembre 2007 “La subsidenza in Emilia-Romagna, Il
monitoraggio tramite interferometria satellitare, esperienze a confronto”;

13

dannoso generato, impedendo, pertanto, un intervento tempestivo volto a salvaguardare il territorio70.
Tra l’altro non sempre il rapporto causa effetto si manifesta nelle medesime modalità71.
Ultima questione, se possibile ancor più controversa, è quella inerente la relazione tra la massiccia
presenza di piattaforme nei mari dell’Emilia-Romagna e il terremoto ivi verificatosi nel 2012. La
questione è estremamente complessa, ma dei risultati parziali possono essere desunti dal rapporto
dell’ICHESE (International Commission on Hydrocarbon Exploration and Seismicity in the Emilia
Region)72, commissione istituita ad hoc. Esso offre anche informazioni sulla questione, generale, della
relazione tra sismicità e estrazione di idrocarburi. Ivi, infatti, si legge “Numerosi rapporti
scientificamente autorevoli descrivono casi ben studiati nei quali l’estrazione e/o l’iniezione di
fluidi in campi petroliferi o geotermici è stata associata al verificarsi di terremoti, a volte anche
di magnitudo maggiore di 5. E’ difficile, a volte impossibile, utilizzare il termine provata per questi
casi. […] Le principali conclusioni che si possono trarre dai casi riportati sono: -Estrazioni e/o
iniezioni legate allo sfruttamento di campi petroliferi possono produrre, in alcuni casi, una
sismicità indotta o innescata; -La maggior parte dei casi documentati in cui una attività sismica è stata
associata a operazioni di sfruttamento di idrocarburi è relativa a processi estrattivi da serbatoi molto
grandi o a iniezione di acqua in situazioni in cui la pressione del fluido non è bilanciata; -Il numero di
casi documentati di sismicità di magnitudo medio-alta associabile a iniezione di acqua nello stesso
serbatoio da cui ha avuto luogo l’estrazione di idrocarburi è una piccola percentuale del numero totale;
-La sismicità indotta e, ancor più, quella innescata da operazioni di estrazione ed iniezione sono
fenomeni complessi e variabili da caso a caso, e la correlazione con i parametri di processo è ben
lontana dall’essere compresa appieno; -La magnitudo dei terremoti innescati dipende più dalle
dimensioni della faglia e dalla resistenza della roccia che dalle caratteristiche della iniezione; -Ricerche
recenti sulla diffusione dello sforzo suggeriscono che la faglia attivata potrebbe trovarsi anche a qualche
decina di kilometri di distanza e a qualche kilometro più in profondità del punto di iniezione o
estrazione, e che l’attivazione possa avvenire anche diversi anni dopo l’inizio dell’attività antropica”. Più
precisamente, in relazione al caso, specifico, del terremoto dell’Emilia-Romagna: “[In riferimento alla
concessione di Mirandola] nell’aprile-maggio 2011 c’è stata una repentina variazione di tendenza, da
decrescente a crescente, di tutti i parametri di produzione, che risulta correlata statisticamente con un
aumento della sismicità, sia in numero di eventi che in energia. […] Queste valutazioni indicano che
l’attività sismica immediatamente precedente il 20 maggio e l’evento principale del 20 maggio sono
statisticamente correlati con l’aumento dell’attività di estrazione e re-iniezione di Cavone. […] L’attuale
stato delle conoscenze e l’interpretazione di tutte le informazioni raccolte ed elaborate non
permettono di escludere, ma neanche di provare, la possibilità che le azioni inerenti lo
sfruttamento di idrocarburi nella concessione di Mirandola possano aver contribuito a
“innescare” l’attività sismica del 2012 in Emilia”73.
Se questo è il quadro di incertezza correlato ai complessi rapporti tra ambiente e estrazione di
idrocarburi, occorre tuttavia in chiusura compiere tre finali ma indispensabili considerazioni:
1. La combustione degli idrocarburi raffinati (petrolio e metano), come è noto, rilascia ossido di
carbonio, anidride carbonica e anidride solforosa (in misura maggiore, ovviamente, per la
combustione di petrolio), sostanze il cui eccesso nell’ecosistema è estremamente dannoso;

70Dossier

di Legambiente Emilia-Romagna di cui alla nota 67, pag. 19 e 20;
rilevato in “Annuario dei dati” da Arpa Emilia-Romagna, pag. 911, accessibile qui:
http://www.arpa.emr.it/cms3/documenti/_cerca_doc/stato_ambiente/annuario2012/cap_09d-12.pdf;
72Il
rapporto è accessibile integralmente al seguente indirizzo: http://mappegis.regione.emiliaromagna.it/gstatico/documenti/ICHESE/ICHESE_Report.pdf;
73Per avere un quadro più completo ed esaustivo, comunque, si esortano gli interessati alla lettura delle pag. da
188 a 197 del report, le quali sintetizzano le conclusioni cui la Commissione è pervenuta nei suoi studi
(caratterizzati da un alto coefficiente di tecnicità);
71Come

14

2. Il referendum abrogativo riguarda solo una parte delle piattaforme totali che sono ubicate nei
mari italiani (che sono 135): si tratta di 92 piattaforme (con 481 pozzi allacciati). La loro
dismissione sarebbe peraltro, come più volte ribadito, graduale;
3. Anche le energie rinnovabili hanno un certo impatto ambientale (soprattutto visivopaesaggistico), seppur esso non possa essere complessivamente paragonato, in termine di
pericolosità e dannosità, con quello specifico dell’estrazione, trasporto e combustione di
idrocarburi.

Ulteriori (personali) considerazioni
Si è tentato, sino ad ora, di mantenersi sui profili più strettamente attinenti alle questioni di merito
rilevanti in vista del referendum abrogativo del 17 aprile 2016.
In realtà, però, vi sono numerose considerazioni di contorno cui qui, deliberatamente, si fa solo un
accenno, abbandonando la prospettiva strettamente oggettiva sino ad ora assunta muovendo entro il
più insidioso spazio dell’opinione.
1. Innanzitutto la questione della collocazione temporale della consultazione referendaria: essa è stata
fissata per una data differente da quella in cui si terranno le elezioni amministrative. La scelta
dell’accorpamento sarebbe stata, almeno in termini economici, certamente più conveniente. Il fatto
che invece il referendum abrogativo si tenga il 17 aprile, in maniera isolata rispetto alla
tornata elettorale prevista per giugno ed a soli due mesi dal Decreto di indizione del
Presidente della Repubblica, sfavorisce in maniera piuttosto evidente la partecipazione degli
aventi diritto al voto e, di conseguenza, il raggiungimento del quorum (che è, come detto, pari
alla maggioranza degli aventi diritto): tale scelta sembra potersi senza forzature allineare
all’opposizione del Governo al referendum e alla relativa propaganda per l’astensionismo74.
2. Le procedure per il rilascio di concessioni per l’estrazione di idrocarburi e per i relativi monitoraggi
di sicurezza ambientale non sono sempre state impermeabili da scandali e illeciti: è recentissima
l’indagine della Procura di Potenza che ha condotto alle dimissioni del Ministro allo sviluppo
economico Federica Guidi. Tuttavia sarebbe estremamente ingenuo credere che il referendum
abrogativo possa, in qualche modo, incidere su una così drammaticamente diffusa propensione al
malaffare anche, e forse soprattutto, nella gestione delle risorse pubbliche: essa riguarda l’Italia
come complessa struttura politica, sociale e culturale. Certamente, però, non si può fare a meno di
constatare, anche nell’ambito delle attività di estrazione di idrocarburi, la persistenza di una
sconfortante attitudine criminale.
3. Alcuni sostengono che sarebbe inopportuno vanificare, attraverso il referendum abrogativo, gli
investimenti fatti per l’installazione delle piattaforme attualmente operative nelle cc.dd. acque
territoriali. Questa affermazione non pare condivisibile, posto che quegli investimenti provengono
da imprese private le quali li hanno realizzati con fondi privati quando non era in vigore la normativa
vigente, essendo cioè le loro concessioni sottoposte ad una scadenza (eventualmente prorogabile,
ma per un tempo limitato). Non pare, peraltro, da doversi tenere in considerazione le ragioni
delle imprese private nel discorso sulle risorse (ambientali, economiche, sociali, culturali)
pubbliche.
4. Alcuni, affermano che, anche qualora vi dovesse essere una vittoria del SI al referendum, l’Italia
sarebbe esposta ai pericoli e ai danni afferenti agli impianti situati nelle acque del mar Mediterraneo
sottoposte alla sovranità di altri stati costieri, che invece ne trarrebbero tutti i benefici. Il saldo
sarebbe pertanto, secondo costoro, solo negativo. Questa argomentazione, che per la sua bassezza

74Scelta

che, in termini etici, pare deprecabile ma che è indubbiamente lecita, e purtroppo proficua (in quanto si
avvantaggia di una quota di astensionismo patologica ed ineliminabile), sul piano politico. Tra l’altro è la stessa
riforma costituzionale promossa dal Governo che sembra voler tentare di eliminare la disfunzione del meccanismo
del quorum, fissandolo alla metà più uno dei votanti alle ultime elezioni della Camera;

15

5.

6.

7.

8.

(e incompletezza) merita una risposta sbrigativa, non fa altro che confermare le ragioni di coloro
che sostengono l’abrogazione della normativa vigente, dimostrando implicitamente la presenza di
svantaggi ambientali nelle attività di estrazione di idrocarburi in mare. Tra l’altro, sembra
opportuno notare che in tal caso sarebbe dovere etico dello stato italiano quello di farsi promotore
di una politica di sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi presenti nel mar Mediterraneo più
consapevole. Tra l’altro recentemente gli esecutivi croati di centrosinistra e centrodestra succedutisi
hanno sospeso a tempo indeterminato le concessioni per l’estrazione di idrocarburi nei propri mari:
e, si consideri, tali concessioni riguardavano spazi acquatici situati ben oltre il limite delle 12 miglia.
Altra questione è quella relativa alla riduzione dello sfruttamento delle risorse di greggio e gas
naturale di cui disponiamo nel nostro paese. Ci si chiede, cioè, se non sia opportuno moderare la loro
estrazione al fine di preservarne una certa quantità per il futuro. E del resto è indubbio che queste
risorse stiano divenendo sempre più ridotte: nonostante in taluni ambiti se ne trovino adeguati
surrogati, in altri esse sembrano ancora indispensabili. Se, pertanto, questa affermazione sembra
anche essere in linea di principio condivisibile, la limitatezza delle risorse di idrocarburi italiane (53
milioni Smc di gas naturale, di cui 29,4 milioni Smc in mare, e 84 milioni di tonnellate di greggio, di
cui 7,6 milioni di tonnellate in mare, accertate75) ed il fatto che il referendum abrogativo sia limitato
alle piattaforme operanti entro le 12 miglia marine sembra ridimensionare di molto la riserva di
idrocarburi che da esso verrebbe preservata per il futuro: la riflessione dovrebbe essere estesa a
livello globale e dovrebbe muovere, innanzitutto, dall’uso sconsiderato che degli idrocarburi
attualmente si fa.
Taluni sostengono che la norma oggetto del referendum è contraria al diritto dell’Unione Europea
in materia di libera concorrenza e potrebbe perciò condurre a un procedimento di infrazione contro
l’Italia. In effetti la direttiva 94/22 CE stabilisce che “la durata dell'autorizzazione non superi il
periodo necessario per portare a buon fine le attività per le quali essa è stata concessa. Tuttavia le
autorità competenti possono prorogare la durata dell'autorizzazione se la durata stabilita non è
sufficiente per completare l'attività in questione e se l'attività è stata condotta conformemente
all'autorizzazione”76. In realtà, però, la contrarietà non è palese, potendo solamente la Corte di
Giustizia dell’Unione Europea risolvere la questione offrendo adeguata interpretazione del diritto
comunitario.
Ulteriore problematica è quella relativa alla qualità del greggio estratto in Italia. Pur non
potendosi esprimere con certezza sul punto, si può comunque ritenere che esso sia di qualità
piuttosto scadente (sia quello estratto nel mar Adriatico e pertanto, in parte, interessato dal
referendum, sia quello prodotto dagli impianti della Val d’Agri, che sono invece del tutto estranei ad
esso)77.
Infine un’ultima questione è quella inerente gli effetti complessivi del referendum. Si sostiene da più
parti che essi sarebbero piuttosto ridotti, essendo limitati alle sole concessioni relative alle
piattaforme collocate entro il limite delle 12 miglia marine (che pure sono 92 sulle 135 totali che
sono installate in mare). Senza riproporre tutte le considerazioni già svolte (che tuttavia segnalano
un certo rilievo di un’eventuale abrogazione della proroga delle concessioni a tempo indeterminato
o, rectius, “per la durata di vita utile del giacimento”) si deve tuttavia rilevare che il significato
politico di un eventuale riscontro positivo alla consultazione sarebbe ben più ampio. Nelle
intenzioni dei promotori, esso infatti dovrebbe manifestare la volontà democraticamente
espressa dei cittadini italiani di ripensare in termini di sostenibilità e rinnovabilità la politica
energetica, industriale e ambientale dell’Italia. Non per un mero vezzo comparatistico, pertanto,
si sono frequentemente, in questa breve ricognizione, riportati dati e informazioni sulle fonti di

75Si

guardi a pag. 34-35 del rapporto annuale del 2015 del DGRME, accessibile integralmente qui:
http://unmig.mise.gov.it/unmig/stat/ra2015/it/ra2015.pdf;
76http://www.regione.sicilia.it/industria/use/Normativa/Norme_comunitarie/Direttive/Dir_1994_22_CE.pdf;
77Per una disamina più accurata del tema (con il rinvio a fonti e documenti dettagliati) si veda:
http://www.valigiablu.it/petrolio-referendum-sblocca-italia-trivella/#Laqualitàdelpetrolio;

16

energia rinnovabile: il senso complessivo dell’abrogazione referendaria sarebbe quello di indurre il
legislatore a realizzare una più decisa transizione verso un modello economico sostenibile,
maggiormente accorto sui temi ambientali. Tra l’altro la gradualità della dismissione degli
impianti sembrerebbe essere particolarmente adeguata ad una tale transizione. Come è
ovvio, però, occorre tener disgiunto il piano dell’effetto giuridico (vincolante) da quello della
espressione di un indirizzo politico.
9. Ricollegandoci a questa opportuna distinzione, si può allora brevemente notare, in riferimento alle
numerose voci che si levano affermando che qualora gli impianti entro le 12 miglia venissero nel
tempo dismessi allora i mari italiani verrebbero “invasi” da petroliere, che una tale fattispecie
integrerebbe, di fatto, il tradimento della volontà politica democraticamente manifestata tramite il
referendum. Tra l’altro l’ipotesi prospettata pare, anche qualora si verificasse, di poco conto,
essendo il greggio estratto dalle piattaforme interessate dal referendum pari a sole 542 mila
tonnellate rispetto ad un fabbisogno di 57,3 milioni di tonnellate: vi sarebbe pertanto un incremento
pari allo 0,9% delle petroliere già presenti. Come è noto, infatti, il gas naturale è trasportato tramite
gasdotti.
10. Un’ulteriore, personale (ma si auspica condivisa) riflessione si deve svolgere alzando lo sguardo dai
dati sulle “trivelle” e guardando alle case, alle strade, ai cittadini italiani come comunità complessa.
Solo in tal modo si può comprendere come la vera e più importante battaglia culturale a difesa
dell’ambiente sia quella della gravosa quotidianità, in cui è compito di ciascuno moderare il consumo
energetico, evitandone sprechi inutili ed estremamente dannosi. A prescindere dal risultato della
consultazione referendaria, qualora l’ampio e talvolta sgangherato dibattito sulle ragioni del SI o del
NO fosse riuscito a condurre tutti coloro che in esso si sono spesi o che, comunque, vi hanno guardato
con interesse a limitare, anche marginalmente, il proprio sperpero energetico, allora esso avrebbe
conseguito il vero risultato cui deve volgere. In fondo, ciascuno deve pacificamente convenire a tale
conclusione. Ma anche questa è una rivoluzione socio-culturale da attuarsi a livello globale, cui si
spera che la diatriba referendaria abbia in minima parte contribuito: solo moderando i consumi
energetici, infatti, si potranno salvare i mari (e le terre) non solo d’Italia, ma anche di paesi lontani
e vulnerabili.

17

Sintesi delle informazioni raccolte
Il quesito: il SI al referendum abrogativo avrà l’effetto, qualora si raggiunga il quorum della
maggioranza degli aventi diritto al voto, di impedire che le concessioni e i permessi di ricerca già
rilasciati e attualmente vigenti per l’estrazione di idrocarburi entro le 12 miglia marine siano prorogati
per un tempo indeterminato, e cioè “per la durata di vita utile del giacimento”. Una volta scaduti tali titoli
autorizzativi, pertanto, essi dovranno essere dismessi, vigendo il divieto di nuove concessioni nelle
cc.dd. acque territoriali.
Le piattaforme e le relative concessioni: le piattaforme interessate dal referendum sono 92, di cui
solo 48 eroganti. Esse sono riconducibili a 35 concessioni: 15 di queste (per un totale di 31 piattaforme)
scadranno nei prossimi 5 anni, 9 nei seguenti 14 anni, mentre le altre 11 concessioni, già scadute,
secondo quanto riportato da alcuni siti, avrebbero già chiesto un’ulteriore proroga e chiuderebbero,
pertanto, gradualmente nei prossimi anni. Anche i permessi di ricerca entro le 12 miglia marine rilasciati
già prima della legge di stabilità del 2016, in quanto non subordinati al divieto introdotto da
quest’ultima, sono interessati dal referendum: essi sono 9 e coprono un’area totale di 2.488 kmq (7 di
essi sono momentaneamente sospesi).
La produzione energetica: la produzione di gas naturale degli impianti entro il limite delle 12 miglia
marine è stata nel 2015 pari al 26,7% della produzione nazionale totale di gas naturale e al 2,8% del
fabbisogno totale nazionale di gas. La produzione di greggio degli impianti ubicati nelle cc.dd. acque
territoriali, invece, è stata nel 2015 pari al 9,97% della produzione nazionale totale di greggio e allo 0,9%
del consumo totale nazionale di petrolio. Si ricordi comunque che gli idrocarburi estratti sono di
proprietà delle imprese private che gestiscono le piattaforme. La produzione delle fonti rinnovabili è
stata invece nel 2015 pari 17,9% del fabbisogno energetico primario nazionale.
Le royalties: le royalties per la produzione degli idrocarburi in mare sono pari al 4% per il greggio ed al
7% per il gas naturale. Tuttavia occorre notare che esenti da tale imposizione sono le produzioni di
greggio inferiori a 50.000.000 kg e quelle di gas naturale inferiori a 80.000.000 Smc. Nel 2012 il prelievo
fiscale complessivo sulle attività di estrazione di idrocarburi è stato stimato come pari al 63,8%.
L’ammontare delle royalties versate è stato nel 2015 pari a 352.054.903,70 euro. Si possono stimare,
con finalità orientative, le entrate erariali totali (non solo ricavate dalle royalties, perciò) del 2012
approssimativamente, tra 1 miliardo e 145 milioni di euro e 1 miliardo e 430 milioni di euro.
Ovviamente, però, il referendum interessa solo alcuni impianti, che producono il 26,7% del totale di gas
naturale e il 9,97% del totale di greggio. Nel 2013, infine, il gettito fiscale ricavato dall’erario italiano
tramite la tassazione sulle energie rinnovabili è stato circa 1 miliardo e 200 milioni di euro.
Le ricadute occupazionali del referendum: in merito all’occupazione prodotta dalle attività di
estrazioni di idrocarburi vige incertezza. Stime incerte riportano circa 29.000 addetti tra diretti e
indiretti. Da alcuni calcoli si può matematicamente (e pertanto imprecisamente) dedurre che gli
occupati totali grazie all’estrazione del greggio sono 4181. Ovviamente ancora una volta occorre tenere
in conto che gli impianti (e, di conseguenza, gli occupati) interessati dal referendum costituiscono solo
una parte minoritaria del totale (molto approssimativamente circa 410 per la sola estrazione del
greggio) e che essi verranno dismessi gradualmente, delineandosi la possibilità di progettare un
adeguato piano di ricollocamento. Nel 2014, in Italia, il numero totale di coloro che, invece, hanno
trovato occupazione nel settore delle energie rinnovabili è stato stimato intorno agli 82.500 lavoratori
(con ulteriori possibilità di crescita, potendosi arrivare nel 2030 a 102.395 occupati).
Le “trivelle” e il turismo: non vi sono informazioni certe sul tema. Uno studio rileva, in relazione al
Golfo del Messico, un impatto fortemente negativo dell’attività di estrazione sull’indotto ricavato dal
turismo delle zone costiere (tale da dimezzare quest’ultimo). Un altro, invece, commissionato da
Assomineraria, evidenzia l’assenza di qualsiasi legame strutturale tra attività di estrazione e turismo.
Ovviamente, un eventuale incidente occorso nell’attività di estrazione comporterebbe un danno certo al
18

turismo della zona interessata. Alcune associazioni rappresentative di coloro che operano nel settore
del turismo e del commercio, comunque, si sono schierate a favore dell’abrogazione della normativa
vigente.
Il rapporto tra le attività di estrazione, la pesca e la fauna marina: studi definitivi sulla relazione
tra pesca e attività di estrazione di idrocarburi sono assenti. Lo studio commissionato da Assomineraria
afferma l’assenza di un legame strutturale tra i due settori, proclamandone l’assoluta indipendenza.
Tuttavia, il Coordinamento Pesca dell'Alleanza delle Cooperative Italiane si è pubblicamente schierata
contro le piattaforme. Comunque, in relazione alla fase di prospezione geofisica, si deve notare che la
tecnica dell’air-gun è da alcuni studi ritenuta come causa di disturbi per la fauna ittica, indirettamente
diminuendo la quantità di pescato. Tale risultato, però, non è univoco.
Gli altri impatti ambientali dell’estrazione degli idrocarburi in mare: in proposito occorre
considerare tre tipologie di effetti negativi: chimici, geologici, sismici. In riferimento al primo, un recente
report di Greenpeace (basato su informazioni limitate, a causa dell’indisponibilità del MATTM a
comunicare la totalità dei dati, il che, intuitivamente, getta un’ombra sulla trasparenza dei monitoraggi
ambientali) riportava la presenza di sostanze inquinanti e nocive oltre gli standard di qualità ambientale
per tre anni consecutivi. In riferimento a ciò, però, l’ENI ha sostenuto che quegli standard non
rappresentano soglie di legge, tra l’altro argomentando che gran parte dell’inquinamento del Mar
Mediterraneo è dovuto ad altre cause. In riferimento agli effetti geologici si può ritenere con certezza
l’estrazione di idrocarburi contribuisca ad intensificare il fenomeno della subsidenza, il quale presenta
alcuni rischi abbastanza consistenti. Infine, in riferimento all’impatto sismico, numerosi e autorevoli
studi sostengono una relazione tra l’attività di estrazione di idrocarburi e il verificarsi di un sisma:
tuttavia non vi sono certezze sull’entità di tale relazione. Si è inoltre giunti alla conclusione che è
impossibile escludere o viceversa provare l’incidenza dell’attività estrattiva condotta in EmiliaRomagna con il terremoto del 2012.
Ulteriori (personali) considerazioni: con la scelta, anti-economica, di scorporare il referendum
abrogativo dalle elezioni amministrative, il Governo ha fortemente inficiato le possibilità che la
consultazione raggiunga il quorum necessario affinché essa abbia effetti. Nonostante dai rilievi fatti
risulta che l’effetto di un eventuale riscontro positivo alla consultazione non sia inconsistente, occorre
però rilevare che nelle intenzioni dei suoi promotori esso dovrebbe servire a veicolare la volontà
democraticamente espressa dell’elettorato affinché si realizzi una politica che dal punto di vista
economico, industriale e culturale sia più attenta alla salvaguardia dell’ambiente, anche attraverso una
graduale transizione allo sviluppo di fonti di energia rinnovabile. In ultimo occorre convenire che solo
attraverso una limitazione dei consumi energetici, da attuarsi in ciascuna strada, casa, istituzione si
potrà, davvero, salvaguardare l’ambiente, a prescindere dall’esito della consultazione referendaria, il cui
ampio, animoso e talvolta sgangherato dibattito si spera abbia contribuito anche in minima parte allo
sviluppo e alla diffusione di quello che si potrebbe definire “eco-pensiero”.
i

“Nothing could be more irrational than to give the people power, and to withhold from them information without which power is abused.
A popular Government without popular information, or the means of acquiring it, is but a Prologue to a Farce or a Tragedy, or
perhaps both. Knowledge will forever govern ignorance: and people, who mean to be their own Governors, must arm themselves with the
power which knowledge gives”.

A cura di Filippo Venturi,
Comitato “2 giugno” Pisa Possibile.
19


Documenti correlati


Documento PDF vademecum referendum abrogativo 17 aprile 2016
Documento PDF spunti di riflessione sulla riforma costituzionaled il referendum del 4 dicembre 2016
Documento PDF nuova e vecchia costituzione
Documento PDF circolare fiscale finanziaria e aziendale sugli argomenti di maggiore attualit 26 marzo 20 aprile 2015
Documento PDF atti presentati consigliere bianchi al 13 marzo 2017
Documento PDF vademecum indennita di frequenza 2016 1


Parole chiave correlate