File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Piano obiettivi 2016 2021 Mignani Sindaco (2) 1 .pdf



Nome del file originale: Piano obiettivi 2016-2021 - Mignani Sindaco (2)-1.pdf
Titolo: Legislatura 2011/2016
Autore: maurobag-2

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2016, ed è stato inviato su file-pdf.it il 27/05/2016 alle 17:05, dall'indirizzo IP 188.10.x.x. La pagina di download del file è stata vista 856 volte.
Dimensione del file: 685 KB (15 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Piano
Obiettivi
Sindacali

“Se le formiche si mettono d’accordo, possono spostare un elefante.”
Proverbio del Burkina Faso

1
FONDO ETICO SOCIALE ...................................................................................................................... 5
1.1 Punto di ascolto legalità e giustizia .............................................................................................................. 5
1.2 Legalità, Giustizia sociale, tutela sanitaria .................................................................................................. 5
1.2.1
Progetto sicurezza generale ed urbana........................................................................................ 6
1.2.2
Immigrazione ................................................................................................................................. 6
1.3 Disabilità ......................................................................................................................................................... 6
1.4 Mondo del lavoro .......................................................................................................................................... 6
2
INFRASTRUTTURE ................................................................................................................................... 7
2.1 Manutenzione ................................................................................................................................................. 7
2.2 Interventi strutturali ...................................................................................................................................... 7
2.3 Interventi locali .............................................................................................................................................. 8
2.3.1
Armenzano ..................................................................................................................................... 8
2.3.2
Capodacqua .................................................................................................................................... 8
2.3.3
Castelnuovo .................................................................................................................................... 8
2.3.4
Colle delle Forche .......................................................................................................................... 8
2.3.5
Costa di Trex .................................................................................................................................. 8
2.3.6
Mora................................................................................................................................................. 8
2.3.7
Palazzo............................................................................................................................................. 8
2.3.8
Paradiso ........................................................................................................................................... 8
2.3.9
Passaggio di Assisi ......................................................................................................................... 8
2.3.10 Petrignano ....................................................................................................................................... 8
2.3.11 Pieve San Nicolò ............................................................................................................................ 8
2.3.12 Porziano .......................................................................................................................................... 8
2.3.13 Rivotorto ......................................................................................................................................... 8
2.3.14 Rocca Sant’Angelo ......................................................................................................................... 8
2.3.15 San Gregorio .................................................................................................................................. 8
2.3.16 San Presto ....................................................................................................................................... 8
2.3.17 Santa Maria degli Angeli ............................................................................................................... 8
2.3.18 Santa Maria di Lignano ................................................................................................................. 9
2.3.19 Sterpeto ........................................................................................................................................... 9
2.3.20 Torchiagina ..................................................................................................................................... 9
2.3.21 Tordandrea ..................................................................................................................................... 9
2.3.22 Tordibetto ....................................................................................................................................... 9
2.3.23 Viole ................................................................................................................................................. 9
2.4 Piano della Mobilità e della sosta ................................................................................................................. 9
3
SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE ....................................................................................................... 10
3.1 Gestione del territorio ................................................................................................................................. 10
3.2 Gestione strategica ambiente ed energia .................................................................................................. 10
4
QUALITA’ DELLA VITA ....................................................................................................................... 11
4.1 Vita tra le case .............................................................................................................................................. 11
4.2 Scuola e giovani............................................................................................................................................ 11
4.3 Sport e tempo libero.................................................................................................................................... 12
4.4 Cultura ........................................................................................................................................................... 12
2

4.5 Sanità ............................................................................................................................................................. 12
4.6 Responsabilità sociale d’impresa................................................................................................................ 12
4.6.1
Sportello profit – no profit ......................................................................................................... 13
4.6.2
Raccolta buone pratiche iniziative aziendali per il sociale ..................................................... 13
5
PRODUTTIVITA’...................................................................................................................................... 14
5.1 TURISMO CULTURA INTERNAZIONALITA' ............................................................................... 14
5.1.1
Comunicazione............................................................................................................................. 14
5.1.2
Viabilità e collegamenti ............................................................................................................... 14
5.1.3
Coordinamento attività ricettive ................................................................................................ 14
5.1.4
Servizi ............................................................................................................................................ 14
5.2 Politiche a sostegno dell’Artigianato ......................................................................................................... 15
5.3 Politiche a sostegno dell’Agricoltura ......................................................................................................... 15
5.4 Politiche a sostegno dell'industria, del Commercio e dei Servizi .......................................................... 15

3

Il programma amministrativo che andiamo a presentare è incentrato su sei punti fondamentali che
tessendo una rete tra loro formano il giusto modo per la realizzazione di una proposta seria ed efficace
ma soprattutto che colleghi amministrazione e cittadinanza:
Rispetto
Connessione
Collaborazione
Sinergia
Sostenibilità
Trasparenza
Sono state individuate delle macro aree di intervento ricondotte ad altrettanti tavoli ognuno dei quali ha
lavorato su apposita tematica grazie ad un team di tecnici e quella fascia di popolazione che si è resa
disponibile a lavorare per il bene comune:
Pubblica amministrazione
Legalità e Giustizia
Infrastrutture (Ambiente e Territorio)
Turismo, cultura e Internazionalità
Scuola
Giovani e Sport
Sociale
Attraverso l’analisi e la razionalizzazione di tutto
il lavoro svolto dai tavoli tematici si è arrivati ad
una sintesi che individua il cammino su cui il
Movimento per Mignani Sindaco intende
operare.
Lo spunto è la ruota della prosperità urbana,
codificata a livello internazionale dagli studi
dell’Agenzia delle nazioni unite
UN_HABITAT per un futuro urbano migliore.
La ruota è il simbolo dell’equilibrio e rotola bene
se i suoi raggi sono uguali e se ogni raggio
rappresenta un aspetto della nostra vita, è facile
capire come per vivere in prosperità non
dobbiamo dimenticare nessuno di questi aspetti.
Una buona Amministrazione è quella che non dimentica nulla e nessuno.
Quando nel programma si parlerà di Assisi ci preme sottolineare che per Noi Assisi non è soltanto la
città fortificata ma tutte le sue frazioni. Soltanto attraverso un attento equilibrio tra tutte le sue
componenti spazio-temporali-culturali sarà possibile migliorare una città.

4

Una società non può essere vissuta dalle persone in maniera serena se non tiene conto dei bisogni di
tutti, in particolare dei più deboli. L’impegno principale di un’amministrazione deve essere rivolto alla
tutela ed al sostegno di chi, per mille motivi, si trova in difficoltà.
Il fondo etico sociale è il nostro punto cardine di progetto amministrativo, coordinare l’azione
amministrativa con aziende e cittadini per realizzare una rete di protezione sociale che attraverso aiuti,
agevolazioni ed incentivi possa creare i presupposti per rendere migliore questo territorio.
Realizzazione di un punto di ascolto con assistenza professionale gratuita per:
Famiglie in crisi
Imprese in difficoltà
Pensionati
Lavoratori in situazioni difficili
Donne in difficoltà
È necessario porre particolare attenzione alle situazioni che possono portare a potenziali fenomeni di
tensioni sociale, prevenire è la nostra parola chiave e sono pertanto molto importanti tutti i temi sociali
di seguito riportati:
Istituzione del Vigile di quartiere
Riqualificazione e potenziamento ospedale
Voucher domiciliari per l’assistenza
Sostegno per acquisto prima casa per giovani coppie (in particolare per il centro storico per una
politica di ripopolamento della città entro le mura) ma anche per tutte quelle frazioni che
vedono il paese spopolarsi
Agevolazione affitti per residenza a giovani coppie, per attività commerciali e artigianali giovani
(attraverso sgravi fiscali)
Baratto amministrativo
Famiglia al centro
o Bonus bebè
o Sostegno allo studio per giovani in famiglie disagiate
La città è nelle mani dei giovani: Riattivazione della consulta dei giovani
Comunicazione con e per i giovani (portale, blog etc.)
Fondo di sviluppo mission associazionismo creando tavoli di lavori
Creare rete tra associazionismo e scuola, professionisti e il mondo imprenditoriale tutto questo
deve essere volto a:
o Tirocini e formazione per giovani,
o Orientamento verso il mondo del lavoro,
o Reinserimento lavorativo,
o Sostegno ore scolastiche garantito per ragazzi in difficoltà e supporto recupero e aiuto
compiti
Promuoviamo l’inclusione sociale tramite il dialogo interculturale

5

Potenziamento della biblioteca comunale e creazione di poli culturali dedicati alla lettura e alla
realizzazione di diversi laboratori atti a migliorare in noi il nostro bagaglio di conoscenza
Realizzazione seconda casa di riposo in relazione della disponibilità economica in riferimento al
quadro regionale
Sostegno e riqualificazione della casa di riposo Andrea Rossi
Nel quadro di un riordino organizzativo è necessario porre particolare attenzione al generale senso di
insicurezza che si vive quotidianamente ed è quindi indispensabile migliorare la rete di controllo sociale
del territorio attraverso:
Incontri partecipativi dei cittadini sui temi della sicurezza con Amministrazione, Forze
dell'ordine, associazioni del settore
Maggiore cura del degrado urbano attivando il lavoro socialmente utile
Favorire le interazioni tra cittadini per elevare i concetti di buon vicinato anche attraverso l'uso
di nuova tecnologia
Sostenere la presenza dei volontari per Assisi e la protezione civile
Aumentare la presenza di telecamere per videosorveglianza del territorio
Diffusione del telesoccorso soprattutto per gli anziani e persone sole costruendo la rete con
tutte quelle realtà associative che prestano questa tipologia di servizio
Sono necessarie politiche per l'integrazione attraverso lo sviluppo del rispetto reciproco con
individuazione dei punti di criticità legati all'accoglienza ed alla inclusione sociale
Sostegno ai rifugiati per guerre e per fame
Rispetto della legalità con politiche rigorose di controllo e repressione
Creare strutture adeguate per l’accoglienza facendo sistema con le istituzioni religiose
L’aiuto rivolto alle persone con disabilità è declinato sotto diversi punti e forme all’interno del
programma. In questa parte si fa riferimento principalmente alle politiche di sostegno diretto:
Voucher a sostegno del domiciliare
Creare rete tra Amministrazione, famiglie e associazioni per incentivare l’integrazione delle
persone con disabilità all’interno della comunità nonché con la fascia imprenditoriale per
l’inserimento lavorativo
Creare un Dopo di noi predisponendo un sistema di strumenti, servizi, referenti, finalizzato
all’autonomia

Attenzione dell’amministrazione alle problematiche del lavoro come dignità della persona con
attivazione di coordinamento anche su tavoli profit- no profit:
Agevolare la costituzione di cooperative sociali e imprese sociali
Attività volte ad impegnare giovani, disabili, disoccupati
Responsabilità sociale di impresa (v. 4.6 Responsabilità sociale d’impresa a pag. 12)
Formazione accreditata
Coordinamento: Istituzione - mondo profit e mondo no profit basilare per rendere operativo il
piano programmatico

6

Sono inutili gli interventi che non tengono conto delle esigenze reali della città e del territorio. Solo
attraverso conoscenza, partecipazione ed innovazione nei processi decisionali è possibile creare una
efficace ed efficiente progettazione e realizzazione delle infrastrutture necessarie. La nostra filosofia
infrastrutturale è basata su tre parole basi: manutenzione miglioramento di ciò che in essere, Interventi
strutturali mirati nei diversi territori
L ’attuale momento storico fa si che uno dei principali problemi che vogliamo affrontare e risolvere è
basato sulle tante opere realizzate, seppur necessarie ed importanti, che spesso sono state abbandonate
o non mantenute. Un buon padre di famiglia, come dovrebbe essere una Amministrazione verso tutto il
suo territorio, deve avere la custodia di tutto ciò che, con il passare del tempo, ha naturalmente bisogno
di manutenzione. Si propongono una serie di necessari passaggi per gestire al meglio questo inevitabile
fenomeno che può portare ad un degrado che la Città di Assisi non può permettersi.
I passi proposti sono:
Ricognizione e pianificazione ordinaria manutenzione
Individuazione delle priorità da condividere con i cittadini
Quantificazione delle risorse necessarie
Previsione e quantificazione straordinaria manutenzione
Individuazione riserve per emergenze
Innovazione nella gestione con utilizzo di sistemi informatici per trasparenza e controllo dei
cittadini
Riqualificazione zona Ivancich
Riqualificazione centri sportivi Stadio degli Ulivi e Micaghelli
Rilancio area ex Montedison: rimodulazione Pala eventi per attività anche sportive (rimozione
inutile soppalco), riqualificazione delle aree vuote sopra la bocciofila e la piscina coperta
destinandole ad attività sportive
Riqualificazione palazzetto provinciale
Banda larga - fibra ottica pubblica
Riqualificazione viabilità minore in particolare delle zone montane
Progetti zona nord (ex cave, Rocca maggiore e circonvallazione)
Riqualificare il piano superiore di piazza Matteotti
Riqualificare la viabilità e realizzare il ponte sulla ferrovia a Ponte Rosso
Piano di mini parcheggi in Assisi centro storico
Completare le pavimentazioni in centro storico (S. Pietro, Vescovado, Borgo aretino, Via Porta
Perlici, Via del Comune Vecchio
Sostegno alla variante ferroviaria alta velocità (Perugia Aeroporto Assisi)
Riqualificazione del Teatro Metastasio come “polo culturale del territorio”
Riqualificazione Mura urbiche
Riqualificazione Palazzo Vallemani – progetto “Palazzo per il dialogo e la pace tra i popoli delle
Nazioni del Mondo”
Riqualificazione Torre del Capitano del Popolo

7

Molti gli interventi locali necessari per migliorare la qualità di vita di tutte le realtà del nostro territorio,
questi saranno individuati attraverso un continuo e costante confronto con le realtà locali che possa
permettere una organica ed equa ripartizione delle risorse organizzative ed economiche.

Pista ciclopedonale verso S. Maria degli Angeli
Collaborazione per ristrutturazione locali festa
Approfondimento sulla situazione urbanistica dei piani attuativi in atto – politiche di
agevolazione acquisto prime case per giovani coppie

Studio di fattibilità per parcheggio complesso scolastico e amministrativo
Petrignano come polo privilegiato per servizi aeroporto S. Francesco

Riqualificazione aree osservatorio astronomico
Sistemazione viabilità
Problematica spazi di sosta nel paese, stadio e nella zona delle scuole
Controllo situazione impianti sportivi

Vedi interventi strutturali

8

Completamento sede proloco
Sistemazione aree intorno al castello (controllo cantiere e analisi situazione)
Punti luce e sistemazione strada Beviglie
Realizzazione piazza centrale
Realizzazione marciapiede Assisi-Viole
Collegamento sede proloco con il centro del paese
Assisi ed il suo territorio non hanno veri problemi di traffico, hanno sicuramente bisogno di ripensare a
tutto il sistema della mobilità e della sosta, di seguito alcune delle proposte operative per affrontare in
maniera completa questo fenomeno:
Assisi città accessibile per le persone con disabilità
Assisi ed il suo territorio accessibili per il residente
Assisi ed il suo territorio accessibili per il turista
Studio di fattibilità per accessibilità multimodale – trasporto veicolare pubblico/privato,
trasporto su ferro, trasporto ciclopedonale
Studio di fattibilità per il centro storico – un posto auto per famiglia
Rimodulazione delle tariffe dei parcheggi esosi per incrementarne l’utilizzo da parte dei residenti
del territorio

9

Non si può pensare ad un vero benessere senza tener conto della sostenibilità delle scelte operate.
Il profitto non può essere una priorità rispetto alla tutela dell’ambiente. Dobbiamo creare tutte le
condizioni per migliorare le bellezze naturali che ci circondano rendendole vivibili.
Rafforzamento dell'ufficio gestione PRG e sviluppo Sistema Informativo Territoriale per
costruire strumenti di governo del territorio più flessibili e rapidi nelle risposte dei fabbisogni
dei cittadini.
Analisi e controllo della situazione di attuazione dei piani urbanistici in atto per permettere il
completamento di quanto previsto, mettendo in campo eventuali correttivi, ove necessario, in
collaborazione con tecnici e privati per agevolare la conclusione degli iter procedurali.
Ricognizione e controllo di tutte le convenzioni in atto per la tutela del Bene Comune
Studio su ipotesi di miglioramento del sistema degli spostamenti con incentivazione all’uso di
sistemi meno inquinanti (car sharing, bike sharing) e analisi e potenziamento (ove possibile) del
sistema del trasporto pubblico
Piano di riqualificazione Zone industriali, abbandono e degrado sostituiscono sviluppo e lavoro
Rifiuti - estensione e miglioramento della gestione e controllo della raccolta differenziata
Individuazione incentivi per utenti virtuosi tramite:
o Utilizzo di distributori di raccolta vetro e plastica
o Raccolta con trasponder o codice a barre con sgravi tariffari per utenti “ricicloni”
Realizzazione di piccole isole ecologiche intelligenti per l’ottimizzazione della raccolta
differenziata in luoghi con residenze diffuse
Problema “Pozzi inquinati”: monitoraggio, controllo e comunicazione delle attività di verifica
effettuate dalle attività competenti
Problema inquinamento elettromagnetico – revisione piano antenne con eventuali
delocalizzazioni
Analisi del settore energia con impegno ad aumentare sensibilmente la produzione di energia
rinnovabile
Riduzione costi energetici mediante razionalizzazione dei consumi
Sistemi di controllo dei processi di acquisto, gestione e distribuzione dell'energia
Controllo degli sprechi
Progetto “SUBASIO per TUTTI”: sostegno ad un progetto con reti di associazionismo del
territorio e nazionali per attingere a risorse europee e rilanciare la vocazione eco-turistica del
Parco del Subasio

10

Il nostro benessere non dipende soltanto dal livello di ricchezza personale è certo che una buona vita
dipende da tanti fattori e forse i più importanti sono quelli che implicano le nostre relazioni sociali.
Una particolare attenzione va posta su quegli spazi comuni di vita quotidiana che curati possano
donare bellezza al territorio ma anche serenità alle famiglie.
Riqualificazione e nuova centralità degli spazi pubblici nella vita delle persone: piccoli interventi
di qualità per piazze, verde, strade, in collaborazione diretta con gli abitanti dei luoghi
Tutela e limitazione di consumo di suolo pregiato, NO a edificazione a bassa densità
riqualificazione e rilancio aree degradate
Utilizzo delle volumetrie in eccesso per ampliamenti e riqualificazioni nei nuclei urbani
consolidati attraverso progetti di Ri.u.so (ristrutturazione urbana sostenibile)
Attivazione di politiche nel centro storico per il “Centro commerciale naturale”: agevolare il
ritorno di esercizi commerciali con maggiore differenziazione merceologica e di qualità
Piano per il ripopolamento del centro storico con agevolazioni fiscali (vedi 1.2) :
o per residenza di giovani coppie
o per attività commerciali-artigianali di qualità
I giovani sono il futuro, lo studio è lo strumento che permette libertà di pensiero e competenza tecnica,
pertanto particolare attenzione è stata posta in questo specifico capitolo:
Riqualificazione edilizia scolastica con programmazione di risorse e progetti (Piano regolatore
scolastico)
Attivazione di uffici specifici per reperimento fondi europei e attivazione di corsi per progettisti
Analisi dei bisogni, orientamento, conoscenza del mondo del lavoro, coordinamento delle
dinamiche ambiente scuola lavoro
Indagine endoscopica dei fabbisogni scolastici
La persona con disabilità nella scuola: sostegno e coinvolgimento (vedi 1.2 a pag. 5)
Educazione civica nelle scuole:
o Informazione per sicurezza e legalità nelle scuole
o Norme e regole per la vita quotidiana
o Coscienza e conoscenza di sé
Interazione dinamica scuola-amministrazione
Maggiore sostegno economico ai piani di offerta formativa (Pof) con proposte e integrazioni da
parte dello specifico Assessorato
Promuovere borse di studio e concorsi legati ai talenti
Bonus card per ragazzi con famiglie disagiate per acquisto materiale scolastico
Disoccupazione giovanile: aiuto ai ragazzi nell'orientamento
Internazionalizzazione, dialogo, interculturalità, coinvolgimento scuole giovani
Coworking - Fab Lab, sostegno all’auto imprenditorialità
Considerazione del ruolo del Convitto Nazionale e progettazione sul futuro dell’Istituto
Alberghiero
Sostegno organizzativo ed economico al corso di studi internazionali per il turismo

11

Promozione e sostegno ai Master di II livello presso la sede universitaria di Palazzo Bernabei
Fondamentale per una buona qualità di vita è l’attenzione al nostro equilibrio psicofisico. Per questo
non si può sottovalutare l’importanza dell’attività fisica e della gestione del nostro tempo libero
Promozione e sviluppo attività ludico-sportive per un migliore equilibrio psico-fisico
Collaborazione e coordinamento associazionismo sportivo
Promozione e sviluppo di manifestazioni sportive a carattere nazionale ed internazionale
(Olimpiadi ROMA 2020) con particolare attenzione agli aspetti socio educativi e rivolte ad
attività con finalità turistico-economiche anche in relazione all’integrazione alla disabilità
Attenzione alle convenzioni con le Associazioni per la gestione di edifici e spazi pubblici
privilegiando la gratuità in cambio di effettivi servizi e manutenzioni a favore della collettività
Potenziamento e sviluppo di percorsi ciclo-pedonali
Sistemazione e potenziamento dei circoli culturali per anziani (es. Zona stadio Assisi)
Tutela e attenzione agli animali da compagnia, con particolare attenzione all’area canile Ponte
Rosso e sua integrazione con il parco lineare del Tescio per possibile area addestramento.
È questo il capitolo che affronta un altro pilastro non solo della nostra economia ma anche della nostra
consapevolezza di vivere in una città unica sotto l’aspetto culturale.
Compito di un’amministrazione pubblica è quello di agevolare in tutti i modi la crescita ed il
coordinamento dei tanti eventi culturali che il nostro territorio realizza.
Coordinamento eventi culturali con la realizzazione di un calendario su base annuale o
pluriennale
Sostegno ad eventi che sviluppino progetti di ampio respiro producendo un miglioramento
rilevante nell’offerta culturale territoriale
Sostegno alla proposta del Calendimaggio come patrimonio mondiale immateriale dell’umanità
per la grande valenza socio-culturale e testimonianza del “medioevo vivente”
Piano di utilizzo e di gestione dei palazzi storici e dei teatri con un unico ufficio di gestione
Riqualificazione, potenziamento e rilancio del polo ospedaliero
Voucher di assistenza domiciliare per anziani e disabili
Possiamo definire la Responsabilità Sociale d'Impresa quel contesto in cui si chiede ad un'impresa di
adottare un comportamento socialmente responsabile, monitorando e rispondendo alle aspettative
economiche, ambientali, sociali di tutti i portatori di interesse con l'obiettivo di cogliere anche un
vantaggio competitivo e massimizzare gli utili di lungo periodo.
Si ritiene e si auspica che un prodotto non sia apprezzato unicamente per le caratteristiche qualitative
esteriori o funzionali ma anche per le sue caratteristiche non materiali, quali le condizioni di fornitura, i
servizi di assistenza e di personalizzazione, l'immagine ed infine la storia del prodotto stesso.
Nello spirito di migliorare la qualità della vita del nostro territorio è auspicabile da parte
dell’imprenditoria un comportamento di questo tipo, cercando di evitare condotte speculative estreme.

12

Promuove responsabilità sociale d’impresa attraverso campagne di sensibilizzazione,
osservatori, tavoli d lavoro, convegni
Qualifica i progetti del mondo dell’associazionismo garantendo trasparenza, fattibilità ed
efficacia-efficienza
Accompagna il mondo dell’associazionismo nell’ideazione e nella gestione dei progetti per il
partner aziendale
Alcuni esempi di buone pratiche sono descritti nel presente paragrafo:
Donazione in denaro su progetto pensato insieme esempio acquisto mezzo x associazione
Donazione di beni o servizi “donation in Kind” esempio che offre un esperto per un progetto
arredo che includa fornitura mobili per case famiglie o ospedale bambini
Donazioni sotto forma di competenze “pro bono” ad esempio consegna PC usati.
Donazione settore alimentare (lotta allo spreco alimentare)
Studi professionali: dentisti – medici – etc.
L’azienda si impegna a donare una specifica somma a favore di una causa sociale prescelta per
ogni prodotto o servizio venduto in % o come importo fisso sul fatturato. Esempio: 1 euro per
ogni “scatola di biscotto x” venduta sul territorio a sostegno dell’Associazione Y”
L’azienda non sostiene la causa attraverso un contributo economico diretto ma mette a
disposizione i propri spazi per veicolare un messaggio e per promuovere attività di Raccolta
fondi. Esempio: allestire all’interno dell’azienda un banchetto per raccolta di giocattoli usati e i
clienti che hanno aderito a questa raccolta ricevono un bonus spesa di “euro x” da spendere nel
negozio: I giocattoli verranno destinati ai bambini della casa famiglia x
Sponsorizzazioni: supporto fornito ad una organizzazione non profit in termini di risorse
finanziarie o beni prodotti per la realizzazione di una iniziativa in cambio di visibilità del proprio
nome. Esempio: MUSA festival – rete albergatori.
Raccolta fondi: l’azienda promuove la raccolta di offerte da parte dei dipendenti in occasioni
speciali o in cambio dei regali di Natale – organizzando vendite interne dei prodotti del non
profit
VOLONTARIATO aziendale: i dipendenti si dedicano ad una attività di volontariato all’interno
o all’esterno dell’orario lavorativo che viene riconosciuta dall’azienda stessa sotto forma di
incentivi
Iniziative delle aziende in favore delle donne (Aziende women friendly – Città women friendly)

13

Il lavoro è per una società la conditio sine qua non per dare dignità a sé stessa e alla gente.
È importantissimo il sostegno a tutte le attività che permettano di creare lavoro, in particolare al lavoro
ad alto valore aggiunto che consenta una produzione di altissimo livello (artistica, artigianale,
manifatturiera, di servizi) in modo da fornire fondamentale supporto ai settori del turismo e del
commercio che sono settori trainanti per la nostra città.

Nuovo sito internet multilingua e pubblicità del nostro territorio
Promozione eventi
Pacchetto Assisi per aumentare i tempi di permanenza
Rafforzamento dei rapporti con le città gemellate ed amiche
Politiche per il rilancio aeroportuale.
Traffico: sistema di posti riservati ai cittadini
Favorire l'utilizzo di macchine piccole
Creare vie preferenziali per turisti
Studio per un collegamento intermodale Assisi – Stazione S. Maria degli Angeli - Aeroporto
Collegamenti con le città d'arte limitrofe (esempio: Cascia, Gubbio, Norcia, Orvieto etc.)
Migliorare l'accoglienza della città per favorire la permanenza – coinvolgimento dei giovani in
qualità di steward
Ridare vita ai luoghi storici (Foro romano con spettacolo romano, castelli con cambio guardia
etc.)
Istituzione di un ufficio del turismo
Azienda di promozione turistica
Formazione per receptionist di Hotel in collaborazione con la scuola per guide turistiche
Intensificare la collaborazione tra il Comune e le strutture ricettive
Migliorare la pulizia della città anche attraverso utilizzo di cooperative o associazioni di
sostegno a persone con disabilità volte all’integrazione e al miglioramento della qualità della vita
oppure a persone disoccupate
Mettere a disposizione luoghi e contenitori non utilizzati per creare nuovi servizi
Forme di incentivazione alla ristrutturazione delle attività ricettive
Creare e/o riportare grandi eventi in Assisi – Esempio: Mostra mercato dell’Antiquariato
Attenzione allo sviluppo di servizi per turismo plein-air (camper service, aree sosta etc.)
Reperimento risorse economiche
Tassa di soggiorno da concordare con gli operatori economici in modo da non impattare sui
contratti in essere
Approfondimento su realizzazione di applicativi per la gestione delle informazioni turistiche a
pagamento
Analisi per l’utilizzo di aree con wifi libera per marketing online
14

Potenziare la filiera Formazione > Arte > Artigianato > Innovazione > Lavoro.
Individuazione di contenitori specifici per attività di formazione e produzione
Individuazione di partner di alto profilo per una formazione specifica verso produzioni
artistiche o di artigianato artistico
Collaborazione con le Associazioni di imprese per realizzare reti di promozione e vendita
Sollecitare e facilitare le imprese alla realizzazione di progetti innovativi (anche attraverso la leva
fiscale)
Potenziare la filiera Formazione > Agricoltura > Innovazione > Qualità > Lavoro
Istituzione di uno specifico gruppo di lavoro per analizzare e coordinare le attività relative al
PSR 2014-2020 a supporto delle piccole realtà rurali del territorio in particolare delle zone
svantaggiate a nord del Subasio
Attivazione di corsi di formazione professionale per velocizzare i processi di ammodernamento
delle aziende
Attivazione di progetti di comunicazione per la diffusione e commercializzazione di prodotti
agricoli di qualità
Promozione e incentivazione di forme di cooperazione tra le aziende e tra queste e gli altri
settori (servizi, commercio, turismo) per lo sviluppo di progetti ad alto valore aggiunto
Organizzare tavoli di lavoro con le associazioni del settore per realizzare una politica di incentivazione
alla creazione di impresa giovanile.
Sostegno alla formazione per la creazione di impresa
Sostegno alla formazione per la gestione di impresa
Individuazione di scelte coerenti con lo sviluppo equilibrato del territorio per la localizzazione e
distribuzione di imprese e servizi
Sostegno a favore dei giovani attraverso sgravi bancari (convenzioni con istituti di credito per
tassi agevolati) e sgravi fiscali tassazione locale, per consentire l’avvio di impresa.
Creare un incubatore per imprese giovanili finalizzato allo sviluppo di nuovi imprenditori locali
per la valorizzazione della tipicità del territorio anche legati alle altre filiere produttive
(agricoltura, allevamento, agroalimentare, turismo, artigianato).

15


Documenti correlati


Documento PDF piano obiettivi 2016 2021 mignani sindaco 2 1
Documento PDF programma elettorale 20
Documento PDF programma a4
Documento PDF programma amministrativo
Documento PDF programma lista civica vivere trovo
Documento PDF brochure varone sindaco definitiva 2


Parole chiave correlate