File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



dossierdepurazione2015 finale .pdf



Nome del file originale: dossierdepurazione2015_finale.pdf
Titolo: Microsoft Word - DossierDepurazione2015_finale.doc
Autore: pino scaglione

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Microsoft Word / Mac OS X 10.6.8 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 04/06/2016 alle 12:03, dall'indirizzo IP 95.252.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1092 volte.
Dimensione del file: 1.1 MB (13 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Dossier depurazione in Abruzzo
2011-2015: anni orribili

A cura di Augusto De Sanctis,
Forum Abruzzese Movimenti per l'Acqua
Elaborazione di dati ARTA Abruzzo

Premessa
La questione della depurazione non attiene solo alla materia della tutela dell'ambiente e della
prevenzione dell'inquinamento. E' un servizio fondamentale per l'economia di un territorio. Basti
pensare al fatto che l'acqua dei fiumi in cui scaricano i depuratori viene utilizzata per l'irrigazione in
agricoltura. Orti e campi in cui si coltiva ciò che poi arriva sulle nostre tavole e su quelle di chi
importa i prodotti abruzzesi. Alcuni fiumi, come il Trigno e il Vomano, vengono potabilizzati a scopo
idropotabile per la popolazione. La qualità dell’acqua dei fiumi è centrale per il turismo, in quanto
ha un impatto diretto sulla balneabilità dei tratti costieri a nord e a sud delle foci. Lo stesso settore
della pesca può esserne influenzato, visto che i molluschi vengono raccolti nella fascia antistante
la costa che può risentire della qualità delle acque che arrivano dai corsi d'acqua.
E' noto che la condizione ambientale del settore delle acque in Abruzzo è assolutamente critica.
Due dati possono riassumere lo stato comatoso dei fiumi abruzzesi:
-quasi il 70% dei corsi d'acqua non raggiunge lo stato di qualità "buono" che doveva essere
raggiunto entro il 31 dicembre 2015 sulla base della Direttiva comunitaria 60/2000 "Acque";
-il 22% dei tratti costieri abruzzesi è classificato nella peggiore classe di qualità ("scarsa") per la
balneazione, a fronte di un 2% a livello comunitario.
Ricordiamo che la depurazione è parte integrante del cosiddetto Servizio Idrico Integrato, regolato
dal Decreto legislativo152/2006. Il Servizio in Abruzzo è stato affidato, tranne alcune eccezioni che
riguardano soprattutto piccoli comuni, a sei società di gestione a totale capitale pubblico.
Si sottolinea che si riportano anche dati di quattro-cinque anni fa per cui alcune criticità
potrebbero essere state nel frattempo risolte. Il nostro intento è solo quello di riassumere
quanto accaduto nel quinquennio e, per ulteriori approfondimenti, rimandiamo ai dati
originali consultabili sul sito dell’ARTA.
La trasparenza
Il dossier si basa sui dati ufficiali ARTA relativi ai controlli del periodo Gennaio 2011 - Ottobre 2015
pubblicati
recentemente
in
un'unica
soluzione
sul
sito
dell'ARTA
(http://www.artaabruzzo.it/newsreader.php?id=0000000498) dopo numerosi solleciti delle
associazioni e dei movimenti che si battono per la qualità dell'acqua in Abruzzo.
Tali dati dovevano essere pubblicati, infatti, ogni quattro mesi sul sito dell'Agenzia in base all'Art.22
della Legge regionale 31/2010. In realtà l'obbligo esisteva anche precedentemente, visto che il
Decreto legislativo 195/2005 obbliga da dieci anni a questa parte gli enti a diffondere
periodicamente, prioritariamente attraverso il proprio sito WEB, le informazioni ambientali in
proprio possesso. Inoltre dal 2008, una legge regionale (l'art.22 della legge regionale 17 del 2008),
approvata su proposta delle associazioni e dei movimenti, ha introdotto un obbligo specifico per
province ed ARTA. La previsione normativa è stata successivamente confermata nella già
ricordata legge regionale 31/2010.
Pertanto l'ARTA avrebbe dovuto pubblicare i dati dei controlli ai depuratori, assieme alle province,
da dieci anni sulla base del D.lgs.195/2005, da sette anni sulla base della Legge regionale
17/2008 e da cinque anni in base alla legge regionale 31/2010. In questo periodo la questione era
stata sollevata diverse volte, ma l'ARTA si è adeguata esclusivamente dopo ulteriori solleciti
avvenuti a mezzo stampa a seguito dello scandalo della balneazione a Pescara dell'estate 2015!
Alla luce degli elementi che sono emersi e che vengono trattati ed elaborati nel presente dossier,
non si può non rilevare che l'inadempimento da parte dell'ARTA (e delle province in parte), ha
privato la comunità abruzzese in questi lunghi anni di dati utilissimi che avrebbero sicuramente
aiutato la cittadinanza a comprendere lo stato della qualità del servizio di depurazione e richiedere
la risoluzione delle problematiche, anche al fine di accertare le responsabilità per le gravissime
situazioni che appaiono emergere.
Si tratta di un fatto assai grave dal punto di vista della trasparenza e dell'accesso del pubblico alle
informazioni che sono di capitale importanza per la crescita della consapevolezza diffusa in campo
ambientale.
Non è quindi solo una questione di scadimento del sistema di funzionamento dei depuratori ma
anche della vita sociale e del dibattito pubblico che non può che basarsi sulla circolazione delle
informazioni. Invece il cittadino, che pure paga un servizio di depurazione che vale circa il 30%
della bolletta del Servizio Idrico Integrato, è rimasto all'oscuro per anni di tale situazione che ha, tra
l'altro, un potenziale impatto devastante sulla salute.

L’impatto sull'ambiente, la sanità e l'economia
Il malfunzionamento dei depuratori ha potenzialmente molteplici effetti diretti e indiretti
sull'ambiente, sulla sanità e sull'economia.
Intanto il cittadino paga nella bolletta dell'acqua un servizio che spesso non ha o che ha in maniera
incompleta e/o gravemente insufficiente.
In secondo luogo si pagano i costi delle procedure di infrazione comunitaria, visto che la
depurazione è un obbligo che deriva da diverse Direttive europee.
Aggiungiamo il costo di vivere in un territorio con una qualità ambientale diffusa scadente: si pensi
ai turisti, magari abituati a ben altri contesti ambientali, che in piena estate si trovano ad osserva la
foce maleodorante di un fiume abruzzese.

Si considerino, poi, le problematiche che attengono al settore del turismo balneare, con l'impatto
devastante, sia diretto, con la chiusura di interi tratti costieri alla fruizione, sia indiretto, con il danno
d'immagine per singole città e in generale per l'intera regione.
Uno svantaggio competitivo rispetto ad altre realtà che non solo non permette di esprimere a pieno
il potenziale di sviluppo della regione ma ne può determinare la depressione.
Sull'agricoltura in questi anni si sono succedute ordinanze di divieto di approvvigionamento dai
fiumi per l'irrigazione delle colture per Trigno, corpi idrici del Fucino, Osento, Alento e Saline.
L'acqua di alcuni fiumi abruzzesi, come il Vomano e il Trigno, viene trattata e potabilizzata per
soddisfare il bisogno idropotabile. Ebbene, a parte che sul Trigno ci sono stati evidenti problemi
negli ultimi anni potenzialmente connessi all'inadeguata o assente depurazione o a scarichi illeciti,

comunque in presenza di un sistema di depurazione inefficace o parziale, anche i costi della
potabilizzazione aumentano dovendo impiegare tecniche più spinte.
Infine la questione sanitaria e giudiziaria. Ricordiamo che in Abruzzo è in corso, caso quasi unico
nel paese, un processo in cui si contesta il reato di "epidemia colposa" per fatti accaduti nel 2011
che hanno visto coinvolti diversi bambini che si sono sentiti male, secondo l'accusa, dopo essersi
bagnati in mare nel teramano.
Tra i costi del malfunzionamento dobbiamo anche mettere quelli dell'apparato di controllo di tipo
giudiziario (Corpo Forestale dello Stato) e degli organi giudiziari che sono impegnati in diverse
inchieste, come quella che ha visto sequestrare decine di depuratori in Provincia di Chieti.
Inoltre nell'Abruzzo interno nel periodo 2013-2014 vi è stata una vera e propria epidemia di
salmonellosi con alcune centinaia di casi umani registrati con tanto di segnalazione alla rete
EnterNet (Enteric Pathogen Network che è il sistema di sorveglianza europeo delle infezioni da
Salmonella ed Escherichia coli) dell'Istituto Superiore di Sanità.
Questo breve quadro, che potrebbe essere arricchito, fa comprendere l'impatto negativo che può
avere sulla comunità abruzzese il malfunzionamento del sistema di depurazione.
Le procedure d’infrazione comunitarie
La Commissione Europea negli ultimi anni ha avviato tre diverse procedure d’infrazione sulla
depurazione in Italia. In due casi tali procedure si sono concluse con una condanna del paese da
parte della Corte di Giustizia. Una terza è in corso. L’Abruzzo è coinvolto in tutti tre i casi
contestati.
In particolare:
• Procedura d’infrazione 2004/2034 (Causa C 565/10): relativa agli agglomerati > 10.000
a.e. che scaricano in aree cosiddette “sensibili”. L’inadempienza dello Stato italiano è
relativa agli obblighi di predisposizione dei sistemi di raccolta (Dir. 91/271/CEE, art. 3) e dei
sistemi di trattamento (art. 4 e 10). La Sentenza della Corte di Giustizia del 19 luglio 2012
ha accertato la violazione da parte dello Stato Italiano per 110 agglomerati tra cui quello di
Lanciano - Castelfrentano in Abruzzo.
• Procedura d’infrazione 2009/2034 (Causa C-85/13): relativa allo stato di attuazione per
gli agglomerati > 2.000 a.e.. L’inadempienza dello Stato italiano è relativa agli obblighi di
predisposizione dei sistemi di raccolta (Dir. 91/271/CEE, art. 3) e dei sistemi di trattamento
(art. 4 e 10). La Sentenza della Corte di Giustizia del 10 aprile 2014 ha accertato la
violazione da parte dello Stato Italiano per 41 agglomerati tra cui quello di Pescasseroli Opi in Abruzzo.
• Procedura d’infrazione 2014/2059, avviata all’inizio del 2014, all’esito della raccolta di
informazioni EU Pilot 1976/11/ENVI, relativa agli agglomerati con carico generato superiore
a 2.000 a.e.. La contestazione riguarda la non conformità agli articoli 3, 4 e 5 per 883
agglomerati urbani e la non conformità all’articolo 5 per 55 aree sensibili. In Abruzzo sono
27 gli agglomerati coinvolti nella prima fase della procedura: Altino, Atessa, Atessa Paglieta - Mozzagrogna, Atri capoluogo, Bucchianico, Caramanico Terme, Casoli,
Cepagatti, Cepagatti - Pianella, Collecorvino, Cupello, Fara Filiorum Petri, Fossacesia,
Guardiagrele, Lettomanoppello capoluogo, Loreto Aprutino, Manoppello capoluogo - scalo
- Ripa Corbara, Miglianico, Orsogna, Ortona Abruzzini, Penne, Pollutri, S. Vito chietino,
Tocco da Casauria, Tollo, Torino di Sangro.
Come si vede l'Abruzzo è stato protagonista di ben due condanne da parte della Corte di Giustizia
Europea. Particolarmente grave quella relativa all'agglomerato di Pescasseroli-Opi che è nel cuore
di uno dei Parchi nazionali più famosi d'Europa!
E' noto che qualora l'Italia venisse condannata nuovamente scatterebbero quasi sicuramente
multe milionarie sull'esempio di quanto sta accadendo per le discariche non bonificate. Si tratta di
un conto potenzialmente molto salato.

Un depuratore in corso di costruzione da molti anni
Premessa all'elaborazione dei dati dell'ARTA
Le tabelle pubblicate in formato excel dall'ARTA contengono una miriade di dati per i vari parametri
ricercati e misurati.
Per evitare di appesantire la lettura di tale mole di informazione al pubblico non esperto abbiamo
deciso di restringere la nostra analisi a tre parametri contenuti nei dati ARTA pubblicati:
1)sforzo di campionamento: si tratta del numero di controlli effettuati dall'ARTA, opportunamente
trattato per mese (per rendere confrontabili i dati dei cinque anni, visto che per il 2015 abbiamo
ovviamente i dati fino ad ottobre).
Per rendere confrontabile il parametro tra le diverse province abbiamo elaborato il dato tenendo
conto della popolazione per provincia (quindi controlli/popolazione), visto che la capacità di
depurazione viene valutata anche in abitanti/equivalenti, suddividendo poi per il numero dei mesi
per considerare il fatto che nel 2015 i dati si riferiscono a soli 10 mesi. Quindi il dato che
illustrato è lo sforzo mensile di campionamento per 100.000 abitanti per ciascuna provincia.
Poi ci sono quelli microbiologici, molto noti anche al grande pubblico e anche estremamente
significativi sia per valutare l'efficacia e l'efficienza dei depuratori sia per l'impatto che possono
avere su settori economici importanti quali la balneazione e l'agricoltura. Quindi:
2)Escherichia coli: è un batterio che vive nell'apparato digerente dell'organismo umano ed è per
questo un indicatore di contaminazione fecale. Viene ricercato, infatti, anche per valutare la qualità
delle acque di balneazione. In alcune condizioni è un patogeno.
Negli scarichi il limite consigliato dalla norma è di 5.000 UFC/100 ml (Unità Formanti Colonia/100
millilitri). In realtà questo limite (o anche limiti più restrittivi, a 3.000 UFC/100 ml) sono solitamente
imposti nell'autorizzazione allo scarico da parte delle province. A quel punto diventa un limite da
rispettare obbligatoriamente pena la non conformità del controllo. In Abruzzo decine di depuratori
non hanno l'autorizzazione allo scarico (sic!) per cui tale limite non è stato ancora imposto
obbligatoriamente creando una situazione paradossale: i depuratori non autorizzati hanno
parametri meno restrittivi di quelli autorizzati. Questo la dice lunga sullo stato dell'arte della
depurazione nella regione.
Abbiamo scelto di evidenziare esclusivamente i depuratori che in questi 5 anni hanno toccato o
superato il valore di 1.000.000 UFC/100ml, un valore che è clamoroso visto che, come detto, il
limite consigliato è 5.000.
Tantissimi altri depuratori hanno superato questa soglia ma dal punto di vista comunicativo
sarebbe stato difficile elencare tutti gli impianti che in questi 5 anni l'hanno superata. Pertanto si
esprime esclusivamente il numero dei depuratori che in un dato anno ha superato la soglia delle
5.000 UFC/100 ml.
3)Salmonella spp.: è un batterio patogeno per l'uomo. Nei dati forniti da ARTA è indicata
esclusivamente la presenza/assenza nello scarico.
Si sottolinea che solo una parte dei controlli dell'ARTA ha previsto l'espletamento delle
analisi microbiologiche.

I DATI
Andamento dei controlli
Nella tabella seguente sono riportati i dati relativi al numero di controlli per provincia nei diversi
anni. La quantità di controlli è variato negli anni, con la provincia di Teramo più attiva rispetto alle
altre. Nel 2015, almeno fino ad Ottobre, si assiste ad un vero e proprio crollo dei controlli in
provincia di Pescara, almeno stando ai dati pubblicati nel file excel fornito dall’ARTA.
ANNO

AQ

TE

PE

CH

2015

136

428

41

189

2014

268

533

275

323

2013

157

293

221

250

2012

136

253

250

225

2011

157

228

264

203

Il grafico seguente mostra l’andamento dell’indicatore che abbiamo scelto per valutare lo sforzo di
campionamento, espresso in numero mensile di campionamenti per 100.000 abitanti. E’ evidente
che nella provincia di Teramo i controlli sono più numerosi mentre le altre province hanno dati più
o meno simili.

Controlli per mese per 100.000 abitanti nelle quattro province.
La presenza della Salmonella
In primo luogo dobbiamo sottolineare che nelle province di Chieti e Pescara negli scarichi dei
depuratori l'ARTA non ha mai monitorato in questi 5 anni la presenza/assenza della Salmonella. In
provincia di TE il monitoraggio è stato avviato nel 2014. Solo nella provincia di L'Aquila il
monitoraggio è stato attuato fin dal 2011.
In totale tra il 2011 e il 2015 la Salmonella è stata rilevata in ben 56 depuratori, di cui 5 in provincia
di Teramo e 51 in provincia di L'Aquila. In diversi depuratori più controlli sono risultati positivi nello
stesso anno. Inoltre bisogna sottolineare che i controlli sulla Salmonella sono pochi rispetto al
totale dei controlli. Ad esempio nel 2014 e nel 2015 in tutta la provincia di Teramo questo patogeno

è stato cercato solo in 21 casi; nel 2015 su 4 controlli ci sono state 2 positività. Pertanto,
considerando che in 2 province la Salmonella non viene cercata e che in un'altra viene monitorata
sporadicamente, è possibile che il fenomeno sia molto più esteso.
2011

2012

2013

2014

2015*

Province monitorate

AQ

AQ

AQ

AQ-TE

AQ-TE

N. di depuratori con presenza di Salmonella

24

13

16

28

12

N. di campioni con presenza di Salmonella

37

17

22

42

13

*fino ad ottobre 2015
I depuratori con presenza di Salmonella nello scarico tra il 2011 e il 2015.
Qui sotto riportiamo l'elenco dei depuratori in cui almeno una volta è stata riscontrata la presenza
di Salmonella negli scarichi. Si riporta l'anno dell'evento. Tra parentesi i casi in cui nello stesso
anno è stata accertata la presenza più di una volta.
TE
Atri crocefisso (2014)
Basciano salara (2014)
Corropoli (2015)
Isola del Gran Sasso - Casale S. Nicola 2014
S. Omero capoluogo (2015)
AQ
Avezzano capoluogo: 2014, 2013, 2012 (2), 2011 (3)
Avezzano Paterno: 2015, 2014, 2013 (3)
Balsorano capoluogo: 2014, 2013, 2011
Barisciano: 2014 (5)
Barrea: 2013
Capistrello cupone: 2014, 2011
Capistrello Santa Barbara, 2012, 2011
Carsoli capoluogo: 2013, 2011
Castel di Sangro: 2011
Castellafiume capoluogo: 2014
Celano foce: 2014, 2011
Celano Rio Pago: 2014, 2013 (2), 2011 (2)
Cerchio capoluogo: 2014 (2)
Civita d'Antino - Pero dei Santi: 2015
Collelongo capoluogo: 2012
Corfinio: 2014, 2011
Fossa: 2014
Gioia dei Marsi: 2014
Goriano sicoli: 2012
L'Aquila Aragno: 2013, 2011
L'Aquila Arischia: 2011
L'Aquila Bazzano: 2015, 2014 (3), 2013
L'Aquila Bagno Pianola: 2014 (2)
L'Aquila Collebrincioni: 2012
L'Aquila Paganica: 2015, 2014, 2013, 2012
L'Aquila Pile: 2015, 2011
L'Aquila Pozza di Preturo: 2014, 2011
L'Aquila Rio Colle: 2011 (3)
L'Aquila Ponte rosarolo: 2014
Lecce dei Marsi: 2014
Magliano capoluogo: 2013
Montereale Marana: 2014
Morino frantoio: 2014, 2013 (2)
Pescina capoluogo: 2015, 2013, 2012
Poggio Picenze: 2011 (2)
Pizzoli - Barete: 2015, 2014
Prata d'Ansidonia: 2011
Rocca di Botte. 2011
Rocca di Mezzo: 2012 (2), 2011
Roccaraso: 2011
S. Benedetto dei Marsi: 2015, 2014
S. Demetrio ne' Vestini: 2014
S. Eusanio Forconese: 2014
S. Stefano di Sessanio: 2011
Scanno: 2012
Scoppito: 2015 (2), 2014 (4), 2013 (2), 2011(2)
Sulmona Ponte la Torre: 2014, 2013, 2012 (2), 2011 (3)
Sulmona Santa Rufina: 2013, 2012 (2), 2011 (5)
Tagliacozzo capoluogo: 2012
Trasacco strada 36: 2015, 2013
Villavallelonga: 2012, 2011

I “record” nel 2015
La tabella seguente riassume i principali dati dei controlli del 2015 rispetto al parametro
Escherichia coli desunti dai file pubblicati dall’ARTA.
E’ evidenziato il numero di controlli in cui si è superato il limite consigliato di 5.000 UFC/100 ml.
Sono riportati i dati dei tre controlli che hanno mostrato i livelli peggiori nell’anno in questione.
PROVINCIA

UFC/100ml (data)

L'Aquila
N. controlli

136

Di cui batteriologici

76

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

23
I top 3

Scoppito

6.500.000 (25/08)

Trasacco strada 36

6.300.000 (29/07)

Alfedena

870.000 (19/08)

Altino

2.200.000 (05/05)

Torrebruna Lame
Miglianico Foreste (imhoff)
Lentella Colle della Ruta

1.500.000 (12/05)
1.500.000 (19/01)
1.500.000 (17/12)

San Valentino

5.200.000 (22/07)

Collecorvino

2.900.000 (20/08)

Manoppello

2.600.000 (14/07)

Campli Morge

990.000 (24/01)

Basciano

810.000 (10/03)

Pineto

730.000 (10/06)

CHIETI
N. controlli

189

Di cui batteriologici

94

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

12
I top 3

PESCARA
N. controlli

41

Di cui batteriologici

25

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

15
I top 3

TERAMO
N. controlli

428

Di cui batteriologici

209

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

42
I top 3

I “record” del 2014
La tabella seguente riassume i principali dati dei controlli del 2015 rispetto al parametro
Escherichia coli desunti dai file pubblicati dall’ARTA.
E’ evidenziato il numero di controlli in cui si è superato il limite consigliato di 5.000 UFC/100 ml.
Sono riportati i dati dei tre controlli che hanno mostrato i livelli peggiori nell’anno in questione.

PROVINCIA

UFC/100ml (data)

L'Aquila
N. controlli

268

Di cui batteriologici

171

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

80
I top 3

Scoppito

76.000.000 (01/09)

Avezzano Capoluogo

12.000.000 (17/09)

Luco dei Marsi capoluogo

11.000.000 (17/09)

Chieti valle para

60.000.000 (17/02)

Quadri

16.000.000 (22/07)

Torino di Sangro Morge

8.100.000 (10/06)

Cepagatti Corneto imhoff

15.000.000 (25/11)

S. Valentino Praziano

6.100.000 (16/07)

Moscufo Bivio Casone

3.200.000 (26/03)

Martinsicuro

3.000.000 (22/10)

Isola del Gran Sasso Pacciano

2.600.000 (01/09)

Campli Morge

2.600.000 (19/09)

CHIETI
N. controlli

323

Di cui batteriologici

187

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

46
I top 3

PESCARA
N. controlli

275

Di cui batteriologici

140

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

47
I top 3

TERAMO
N. controlli

533

Di cui batteriologici

250

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

36
I top 3

I record del 2011-2012-2013
La tabella seguente riporta i valori massimi per provincia relativi al parametro Escherichia coli per
gli altri anni.
Si evidenziano dei veri e proprio “record” negativi, con il superamento addirittura di 100 milioni di
UFC/100 ml per l’Escherichia coli rispetto al limite consigliato di 5.000, con le punte massime di
110 milioni al depuratore di Farindola capoluogo e addirittura di 830 milioni del depuratore di
Rocca S. Giovanni Castelluccio.
Depuratore

Escherichia coli UFC/100ml

2013
AQ
TE
CH
PE

Trasacco strada 36
Isola del Gran Sasso Pacciano
Rocca S.Giovanni Castelluccio
Salle

5.900.000
5.300.000
830.000.000
8.600.000

Avezzano capoluogo
Morro d’Oro Pagliare
Fossacesia Piano Fonti (imhoff)
Farindola S.Quirico capoluogo

26.600.000
8.000.000
12.000.000
110.000.000

2012
AQ
TE
CH
PE
2011
AQ
TE
CH
PE

L’Aquila Arischia
Campli Morge
Vacri Fontanelle
Manoppello capoluogo scalo

14.000.000
2.400.000
15.000.000
33.000.000

Complessivamente i controlli annuali nella regione sono all’incirca mille ogni anno; di questi il 50%
comprende i prelievi per le analisi batteriologiche. Sia nel 2014 che nel 2015 oltre un quinto dei
controlli ha presentato valori di Escherichia coli maggiori del limite consigliato di 5.000 UFC/100
come evidenzia la seguente tabella.

2014
2015*

N.di controlli
in Abruzzo

N. di controlli
batteriologici

% di controlli
batteriologici sul totale

N. di controlli con
Escherichia coli >5.000

% di controlli con
Escherichia coli >5.000

1.399
794

748
394

53,5%
49,6%

209
92

28,0%
23,3%

*dati fino ad Ottobre

I depuratori che hanno toccato e/o superato quota 1.000.000 di Escherichia coli
In totale 91 depuratori nella regione hanno immesso almeno una volta tra il 2011 e il 2015 scarichi
con valori di Escherichia coli uguali o maggiori 1.000.000 UFC/100ml.
Poiché diversi depuratori hanno superato questa soglia per più anni e più volte in uno stesso anno,
i superamenti complessivi di questa soglia sfiorano i 150!
Il malfunzionamento di alcuni depuratori è talmente evidente che anche al solo odorato gli
operatori dell’ARTA riportano situazioni di criticità. Qui sotto un significativo estratto dai file excel
dell’Agenzia in cui si evidenzia l’emissione di odori molesti definiti “fecale”, “leggermente fecale” e
“leggero odore fecale”.

Qui sotto l'elenco completo dei depuratori che almeno una volta hanno toccato o superato la soglia
di 1.000.000 UFC/100ml, Si riporta l'anno del superamento. Tra parentesi i casi in cui nello stesso
anno è avvenuto più di un superamento.
TE (11)
Bellante stazione: 2011 (2)
Campli Morge: 2014, 2013 (2), 2011
Civitella del Tronto: 2013
Isola del Gran Sasso Pacciano: 2014, 2013 (2), 2012
Isola del Gran Sasso Casale S. Nicola: 2014
Pineto Scerne: 2014, 2013 (2)
Martinsicuro Foce Tronto: 2014
Mosciano S. Angelo - Costa del Monte: 2011
Morro d'Oro Pagliare: 2013, 2012 (2)
Nereto capoluogo: 2013, 2011
S. Egidio alla Vibrata - Villa Marchetti: 2013 (2)

CH (34)
Altino selva: 2015, 2014
Atessa Ianico: 2014
Atessa Osento: 2014, 2012, 2011
Atessa rio fallo: 2012
Atessa Valloncello Selvuccia: 2013, 2012
Casoli Piana le vacche: 2013
Chieti valle para: 2014
Dogliola Valle Fonticelli: 2013
Fara Filiorum Petri Crepacci: 2013
Fara Filiorum Petri S. Croce: 2013
Fossacesia Piano Fonti (imhoff): 2012
Fraine sabbioni: 2012
Fresagrandinaria morgia: 2013
Fresagrandinaria pozzi: 2013
Gessopalena campo sportivo: 2011
Giuliano teatino valle botte: 2012
Lentella colle ruta: 2015
Liscia Padule: 2014, 2013
Miglianico Foreste Imhoff: 2015, 2014
Monteodorisio Giarricchia: 2014
Orsogna capoluogo: 2013
Ortona abruzzini: 2011
Ortona Peticcio: 2013
Palmoli: 2013
Rocca S. Giovanni Castelluccio: 2013
Quadri Sangro: 2014, 2012 (3)
S. Buono chiuse: 2013, 2012
Scerni colle Breccioli: 2011
Torino di Sangro Borgata marina: 2014
Torino di Sangro Morge: 2014
Torrebruna lame: 2015
Vacri Fontanelle: 2011
Villamagna S. Lucia: 2013
Villamagna S. Lucia: 2012

PE (20)
Alanno S. Agata: 2014
Bussi sul Tirino Alvenisio: 2013, 2012 (2)
Cepagatti bivio imhoff: 2014
Civitella casanova Fosso Tamburo: 2012
Collecorvino Castelluccio: 2015, 2012 (3)
Farindola S. Quirico capoluogo; 2012
Lettomanoppello S. liberata: 2014
Loreto Aprutino remartello: 2012
Manoppello capoluogo: 2011
Manoppello Piano della Stazza: 2015
Manoppello Stazione: 2014, 2012
Moscufo bivio Casone: 2014
Penne nortoli: 2011
Popoli Decontre: 2014
Rosciano Villa Oliveti: 2012
Rosciano Villa Badessa: 2012
Rosciano Villa S. Giovanni: 2012
Salle: 2013, 2012
San Valentino: 2015, 2014, 2013, 2012 (2), 2011
Scafa capoluogo: 2014, 2011

AQ (26)
Avezzano capoluogo: 2014, 2013 (2), 2012, 2011 (2)
Avezzano Paterno: 2013
Balsorano capoluogo: 2011
Capistrello Cupone: 2014, 2011
Capistrello Santa Barbara: 2014, 2012, 2011
Cappadocia capoluogo: 2012
Carsoli capoluogo: 2011
Castellafiume capoluogo: 2014
Castelvecchio calvisio: 2011
Celano Rio Pago: 2014, 2013 (2)
Fossa: 2014 (3)
Gioia dei Marsi: 2014 (2)
L'Aquila Arischia: 2011
L'Aquila Collebrincioni: 2012
L'aquila Pile: 2011
L'Aquila Pozza di Preturo: 2011
L'Aquila Rio Colle: 2011
Lecce dei Marsi: 2014 (2)

Luco dei Marsi capoluogo: 2014
Poggio Picenze: 2011 (2)
Rocca di Mezzo: 2012
S. Benedetto dei Marsi: 2014
S. Eusanio Forconese: 2014 (2)
Scoppito: 2015, 2014 (4)
Trasacco strada 36: 2015, 2013 (2)
Villavallelonga: 2011

CONCLUSIONI
La situazione descritta dai dati dell’ARTA è di gravità inaudita; un intero sistema è sostanzialmente
fuori controlli e fonte di molteplici ed enormi criticità.
La questione della depurazione deve essere centrale nell’azione amministrativa dei vari enti a
vario titolo coinvolti. Non può essere sottaciuto che per troppi anni all’opinione pubblica è stata
impedita la possibilità di svolgere un’utile azione di controllo diffuso, mancando la necessaria e
obbligatoria trasparenza dei dati di un servizio che i cittadini pagano. Gli organismi di controllo
come province ed ARTA sono stati in larga parte inadempienti nella diffusione dell’informazione.
Bisogna quindi ripartire dalla circolazione dei dati, che deve diventare costante e immediata, con
una pubblicazione mensile o, meglio ancora, quindicinale dei risultati dei controlli. La stessa
trasparenza deve essere assicurata rispetto alle attività di progettazione, appalto ed esecuzione
dei lavori concernenti il Sistema Idrico Integrato e in particolare dei depuratori e dei collettori.
Il pubblico deve essere informato attivamente sull’andamento dei lavori e in merito ad eventuali
problemiche che impediscono di andare avanti nelle attività programmate. Queste informazioni
devono essere facilmente reperibili e in formato leggibile anche da persone non esperte.
Ovviamente è indispensabile che tale approccio sia codificato con leggi regionali da parte del
Consiglio regionale; gli enti di controllo e le società di gestione devono essere obbligate ad agire
nella massima trasparenza prevedendo sanzioni immediate per chi non da seguito a questi
provvedimenti. Ovviamente il tema del finanziamento degli interventi deve essere affrontato in
maniera radicale, privilegiando questo settore anche rispetto ad altre tipologie di infrastrutture. I
nostri fiumi sono in condizioni pietose. L’obiettivo del miglioramento della loro qualità deve essere
perseguito non solo puntando sulla realizzazione di nuovi depuratori e sulla corretta gestione di
quelli esistenti ma ricostituendo attorno ai corsi d’acqua fasce di vegetazione ripariale che possono
fare da filtro agli inquinanti. Il ricorso al lagunaggio/fitodepurazione e la creazione di zone umide
lungo i fiumi sono interventi da sostenere adeguatamente, anche vicino alle foci fluviali.

23 novembre 2015.
Per informazioni: segreteriah2oabruzzo@gmail.com


Documenti correlati


Documento PDF dossierdepurazione2015 finale
Documento PDF il sole24 ore 22 06 2015 by pg
Documento PDF gdl acqua rimborsi depurazione 2
Documento PDF gdl acqua rimborsi depurazione 3
Documento PDF finanziamenti newsletter 2013 2014 calabria 0
Documento PDF brochure anffas abruzzo


Parole chiave correlate