File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



ispett. lavoro.pdf


Anteprima del file PDF ispett-lavoro.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Anteprima testo


rendere piu' efficiente l'attivita' ispettiva, il Governo
e' delegato ad adottare, su proposta del Ministro del
lavoro e delle politiche sociali, entro sei mesi dalla data
di entrata in vigore della presente legge, uno o piu'
decreti legislativi, di cui uno recante un testo organico
semplificato delle discipline delle tipologie contrattuali
e dei rapporti di lavoro, nel rispetto dei seguenti
principi e criteri direttivi,
in
coerenza
con
la
regolazione
dell'Unione
europea
e
le
convenzioni
internazionali:
(Omissis)
l) razionalizzazione e semplificazione dell'attivita'
ispettiva, attraverso misure di
coordinamento
ovvero
attraverso l'istituzione, ai sensi dell'art. 8 del decreto
legislativo 30 luglio 1999, n. 300, senza nuovi o maggiori
oneri a carico della finanza pubblica e con le risorse
umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione
vigente, di una Agenzia unica per le ispezioni del lavoro,
tramite l'integrazione in un'unica struttura dei servizi
ispettivi del Ministero del lavoro e delle politiche
sociali,
dell'INPS
e
dell'Istituto
nazionale
per
l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL),
prevedendo strumenti e forme di coordinamento con i servizi
ispettivi delle aziende sanitarie locali e delle agenzie
regionali per la protezione ambientale.».
- Si riporta l'art. 8, del decreto legislativo 30
luglio 1999, n. 300 (Riforma dell'organizzazione
del
Governo, a norma dell'art. 11 della legge 15 marzo 1997, n.
59):
«Art. 8 (L'ordinamento). - 1. Le agenzie sono strutture
che,
secondo
le
previsioni
del
presente
decreto
legislativo,
svolgono
attivita'
a
carattere
tecnico-operativo
di
interesse
nazionale,
in
atto
esercitate da ministeri ed enti pubblici. Esse operano al
servizio delle amministrazioni pubbliche, comprese anche
quelle regionali e locali.
2. Le agenzie hanno piena autonomia
nei
limiti
stabiliti dalla legge e sono sottoposte al controllo della
Corte dei conti, ai sensi dell'art. 3, comma 4, della legge
14 gennaio 1994, n. 20. Esse sono sottoposte ai poteri di
indirizzo e di vigilanza di un ministro secondo
le
disposizioni del successivo comma 4,
e
secondo
le
disposizioni generali dettate dagli articoli 3, comma 1, e
14 del decreto legislativo n. 29 del 1993 e successive
modificazioni.
3. L'incarico di direttore generale dell'agenzia viene
conferito in conformita' alle disposizioni dettate dal
precedente art. 5 del presente decreto per il conferimento
dell'incarico di capo del dipartimento.
4. Con regolamenti emanati ai sensi dell'art. 17, comma
2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del
Presidente del Consiglio dei ministri e dei ministri
competenti, di concerto con il ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, sono emanati gli
statuti delle agenzie istituite dal presente
decreto
legislativo, in conformita' ai seguenti principi e criteri
direttivi:
a) definizione delle attribuzioni del
direttore
generale dell'agenzia anche sulla base delle previsioni
contenute nel precedente art. 5 del presente decreto con
riferimento al capo del dipartimento;
b) attribuzione al direttore generale e ai dirigenti
dell'agenzia dei poteri e della responsabilita' della
gestione,
nonche'
della
responsabilita'
per
il