File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



b .pdf



Nome del file originale: b.pdf
Titolo: 17238/2016
Autore: iweb

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da makeClean / Unknown, ed è stato inviato su file-pdf.it il 25/08/2016 alle 15:44, dall'indirizzo IP 79.22.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1591 volte.
Dimensione del file: 220 KB (6 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Civile Sent. Sez. L Num. 17238 Anno 2016
Presidente: BRONZINI GIUSEPPE
Relatore: NEGRI DELLA TORRE PAOLO

SENTENZA

sul ricorso 19603-2013 proposto da:
AZIENDA

SANITARIA

PROVINCIALE

AGRIGENTO

C.F.

02570930848, successore ex lege AZIENDA UNITA'
SANITARIA LOCALE l AGRIGENTO, in persona del
Commissario Straordinario e legale rappresentante pro
tempore, domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso
2016
2056

la cancelleria della Corte di Cassazione,
rappresentata e difesa dall'Avvocato MASSIMILIANO
MARINELLI, giusta delega in atti;
- ricorrente contro

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Data pubblicazione: 22/08/2016

A

FRAGAPANI DOMENICO C.F. FRGDNC54A25E513E;
- intimato -

Nonché da:
FRAGAPANI DOMENICO C.F. FRGDNC54A25E513E, domiciliato
in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la cancelleria della

dall'Avvocato GIUSEPPE NICOLETTI, giusta delega in
atti;
- controricorrente e ricorrente incidentale contro

AZIENDA

SANITARIA

02570930848,

PROVINCIALE

AGRIGENTO

C.F.

successore ex lege AZIENDA UNITA'

SANITARIA LOCALE l AGRIGENTO,

in persona del

Commissario Straordinario e legale rappresentante pro
tempore, domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso
la cancelleria della Corte di Cassazione,
rappresentata e difesa dall'Avvocato MASSIMILIANO
MARINELLI, giusta delega in atti;
- controricorrente al ricorso incidentale -

avverso la sentenza n. 631/2012 della CORTE D'APPELLO
di PALERMO, depositata il 14/07/2012 R.G.N.
1921/2008;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 17/05/2016 dal Consigliere Dott. PAOLO
NEGRI DELLA TORRE;
udito l'Avvocato MARINELLI MASSIMILIANO;

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

udito l'Avvocato NICOLETTI GIUSEPPE;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. PAOLA MASTROBERARDINO che ha concluso
per il rigetto del ricorso principale e del ricorso

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

incidentale.

R.G. 18603/2013

Svolgimento del processo
Con sentenza n. 631/2012, depositata il 14 luglio 2012, la Corte di appello di Palermo,
in parziale riforma della sentenza dei Tribunale di Agrigento, che aveva respinto la
domanda di Domenico Fragapani diretta al risarcimento del danno esistenziale e da
usura psicofisica conseguente al mancato godimento dei riposi compensativi previsti

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

dal CCNL per la dirigenza medica nel periodo 1/7/1998 - 31/12/2004, condannava
l'Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Agrigento ai pagamento della somma di curo
26.075,51 comprensiva di interessi e rivalutazione monetaria sino al dicembre 2011,
previo espletamento di CTU volta a determinare, con riferimento al periodo luglio 1998
- dicembre 2001, l'importo spettante all'appellante mediante il calcolo, per ogni
domenica lavorata o comunque per il settimo giorno consecutivamente lavorato, di un
compenso, aggiuntivo a quello eventualmente fruito, pari al 100% della retribuzione
giornaliera ordinaria aumentata del compenso per il lavoro festivo.
Ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza VASP con due motivi; il Fragapani
ha resistito con controricorso, con il quale ha proposto ricorso incidentale, affidato a
sei motivi, a cui ha resistito a sua volta l'ASP con controricorso.
Entrambe le parti hanno depositato memoria.

Motivi della decisione
Con il primo motivo la ricorrente principale, denunciando, in relazione all'art. 360 n. 4
c.p.c., la nullità della sentenza o del procedimento per violazione dell'art. 112 c.p.c., si
duole che la Corte di appello abbia riconosciuto al dott. Fragapani una maggiorazione
retributiva per il lavoro prestato nelle giornate festive, nonostante che il ricorrente
avesse domandato il risarcimento del danno da usura psicofisica e di quello morale ed
esistenziale e tali richieste, di natura esclusivamente risarcitoria, avesse confermato e
ribadito in sede di gravame.
Con il secondo motivo, denunciando la violazione degli artt. 1218, 1223 e 2697 c.c., in
relazione all'art. 360 n. 3 c.p.c., e per il caso in cui la Corte avesse inteso, con tale
pronuncia, accogliere la domanda risarcitoria proposta dal dott. Fragapani, si duole la
ricorrente principale della mancata adesione, da parte del giudice di secondo grado,
all'orientamento, secondo il quale non è sufficiente che il lavoratore dimostri di avere
prestato la propria attività per oltre sette giorni al fine di ottenere il riconoscimento del
diritto al risarcimento, ma è pur sempre necessaria la prova ulteriore del danno subito.
1

E' fondato, e deve essere accolto, il primo motivo del ricorso principale.
Il ricorrente ha domandato in giudizio il risarcimento del danno da usura psicofisica e
del danno morale ed esistenziale e ciò in relazione al fatto di avere prestato, fin
dall'inizio del rapporto di lavoro, turni di servizio in giorni festivi (135 nel periodo luglio
1998-dicembre 2004), senza godere dei necessari riposi compensativi, ed inoltre al
fatto di avere svolto,nell'arco di ogni anno, una media 240 turni di pronta disponibilità
in giorni feriali, ben maggiore di quella contrattualmente dovuta.
A fronte di tali domande la Corte territoriale ha liquidato all'appellante la somma di

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

euro 26.075,51 calcolando per il giorno della domenica lavorata o, comunque, per il 70
giorno consecutivamente lavorato, un compenso, aggiuntivo a quello eventualmente
fruito, pari al 100% della retribuzione giornaliera ordinaria aumentata del compenso
per il lavoro festivo (cfr. sentenza, pp. 4-5).
E' da ritenere che con tale pronuncia la Corte sia incorsa nel vizio denunciato, posto
che il ricorrente, tanto con l'atto introduttivo, come in sede di gravarne, non aveva
fatto valere un credito retributivo ma esclusivamente proposto domande risarcitorie,
con le quali aveva chiesto il ristoro del danno derivante dalla maggiore gravosità del
lavoro nonché del pregiudizio prodotto da insostenibili ritmi di lavoro nella sfera delle
attività di realizzazione della persona.
Né, d'altra parte, la sentenza impugnata contiene riferimenti di alcun genere, espressi
o impliciti, all'art. 1226 c.c. e alla valutazione equitativa del danno, così da segnalare,
per tale via, il contenimento della decisione entro i limiti delle domande proposte.
Nell'accoglimento del primo motivo del ricorso principale resta assorbito il secondo.
Con il ricorso incidentale il lavoratore - mediante la proposizione di plurimi motivi che
attengono all'interpretazione delle norme regolatrici della fattispecie (1°), a carenze
sotto diversi profili del percorso motivazionale seguito dal giudice di appello (2°, 3°, 4°
e 5 0 ) e alla violazione del principio di corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato (6°)
- censura la sentenza impugnata (a) per non avere esaminato il motivo concernente il
rigetto, da parte del primo giudice, della richiesta di condanna al risarcimento del
danno connesso alla limitazione e allo stravolgimento della vita familiare e di
relazione; (b) per avere omesso l'esame della domanda con riferimento alla richiesta
di risarcimento del danno da usura psicofisica per la maggiore gravosità del lavoro,
conseguente alla mancata fruizione dei riposi settimanali, in relazione al periodo
dall1/7/1998 al 28/2/2000.
Il ricorso può essere accolto, per le ragioni di seguito precisate.
In primo luogo, si deve rilevare come la sentenza impugnata non contenga alcuna
statuizione e neppure alcun cenno alla domanda relativa al danno morale/esistenziale,
inteso - secondo la prospettazione del ricorrente - quale compromissione delle attività
non reddituali, attraverso le quali si realizza la persona umana, e cioè derivante dalla
impossibilità di coltivare interessi culturali, attività ludiche e relazioni sociali.
2

Non risulta, inoltre, che la sentenza, al di là di un formale richiamo ai confini temporali
dell'incarico conferito in sede di gravame, abbia, nella sostanza, vagliato il contenuto
della relazione peritale e, quindi, esaminato il periodo dall'1/7/1998 al 28/2/2000,
peraltro compreso nei limiti delle domande proposte.
Ne consegue che la sentenza n. 631/2012, depositata il 14 luglio 2012, della Corte di
appello di Palermo deve essere cassata e la causa rinviata, anche per le spese, alla
medesima Corte in diversa composizione, la quale 1) procederà all'esame di entrambe

danno da usura psicofisica, sia di quella di risarcimento del danno morale ed
esistenziale, compiendo, se del caso, nuovi accertamenti di fatto e comunque
considerando anche il periodo dall'1/7/1998 al 28/2/2000; 2) si atterrà, inoltre, in tale
esame al seguente principio di diritto, recentemente ribadito da Cass. 23 maggio 2014
n. 11581: "In caso di lavoro prestato oltre il sesto giorno consecutivo, ove il lavoratore
richieda, in relazione alla modalità della prestazione, il risarcimento del danno non
patrimoniale, per usura psicofisica, ovvero per la lesione del diritto alla salute o del
diritto alla libera esplicazione delle attività realizzatrici della persona umana, è tenuto
ad allegare e provare il pregiudizio del suo diritto fondamentale, nei suoi caratteri
naturalistici e nella sua dipendenza causale dalla violazione dei diritti patrimoniali di
cui all'art. 36 della Costituzione, potendo assumere adeguata rilevanza, nell'ambito
specifico di detta prova (che può essere data in qualsiasi modo, quindi anche
attraverso presunzioni ed a mezzo del fatto notorio), il consenso del lavoratore a
rendere la prestazione nel giorno di riposo ed, anzi, la sua richiesta di prestare attività
lavorativa proprio in tale giorno, mentre non rileva la fruizione successiva di riposi
maggiori, essendo il termine di riferimento quello del giorno e della settimana".

p.q.m.

la Corte accoglie il primo motivo del ricorso principale, assorbito il secondo; accoglie
inoltre il ricorso incidentale nei sensi di cui in motivazione; cassa la sentenza
impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia, anche per le spese, alla Corte di
appello di Palermo in diversa composizione.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 17 maggio 2016.

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

le domande risarcitorie svolte dal ricorrente e cioè sia di quella di risarcimento del



Parole chiave correlate