File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Monitor Emilia Romagna settembre 2016.pdf


Anteprima del file PDF monitor-emilia-romagna-settembre-2016.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Anteprima testo


Monitor dei Distretti – Emilia Romagna
Settembre 2016

Appendice Metodologica
Non è facile monitorare l’evoluzione congiunturale dei distretti industriali. Le uniche informazioni
aggiornate disponibili, a livello territoriale (provinciale), riguardano le esportazioni espresse a
prezzi correnti (dati trimestrali). Un incrocio province/settori per le esportazioni è disponibile,
inoltre, per un numero relativamente limitato di settori. La congiuntura dei distretti può essere
pertanto approssimata in un modo molto grezzo, con un maggiore grado di confidenza solo per i
distretti fortemente export-oriented (non ci sono, infatti, dati sul mercato interno) e per quelli che
producono beni non troppo specifici (non abbiamo statistiche su micro-settori, ad esempio come
“coltelli e forchette”).
Nel Monitor dei distretti sono analizzati, oltre a circa 140 distretti tradizionali (principalmente
specializzati nel sistema moda, nel sistema casa, nella meccanica e nell’agro-alimentare), 22 poli
tecnologici, specializzati cioè in settori ad alta tecnologia (farmaceutica, ICT, aeronautica).
I distretti analizzati costituiscono una sintesi di quelli individuati dalla Federazione dei distretti
italiani, dall’Istat, dalla Fondazione Edison e dalle Leggi regionali che censiscono i distretti stessi.
Poiché il presente lavoro ha finalità soprattutto quantitative a livello del sistema distretti nel suo
complesso, ci si è concentrati solo sui distretti e poli tecnologici che potevano essere ben
rappresentati dai dati Istat disponibili sul commercio estero a livello provinciale. Vale la pena
precisare che i dati Istat provinciali si riferiscono alle export, espresse a prezzi correnti e, pertanto,
non tengono conto dei fenomeni inflativi, ovvero delle variazioni di prezzo non dovute a
miglioramenti qualitativi dei beni prodotti. Questi dati devono, pertanto, essere valutati con
cautela visto che, l’evoluzione positiva (negativa) dell’export può nascondere aumenti
(diminuzioni) di prezzo legati all’andamento delle quotazioni delle materie prime.
In questo numero del Monitor l’evoluzione delle esportazioni nel 2016 è calcolata confrontando i
dati provvisori nel 2016 con i dati revisionati del 2015. Le variazioni calcolate per il 2015 sono
ottenute dal confronto tra dati revisionati del 2015 e dati definitivi del 2014.

Intesa Sanpaolo – Direzione Studi e Ricerche

9