File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



IlGiorno BG 8 10 2016 .pdf



Nome del file originale: IlGiorno_BG_8_10_2016.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato inviato su file-pdf.it il 18/10/2016 alle 15:36, dall'indirizzo IP 93.32.x.x. La pagina di download del file è stata vista 638 volte.
Dimensione del file: 947 KB (3 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Alert
10/10/2016

Indice
Senza un rene, in fuga dal Sudan Si cerca una soluzione per salvarlo

3

Il Giorno Bergamo ­ Bergamo ­ 08/10/2016

P.2

PAESE :Italia

AUTORE :Marianna Vazzana

PAGINE :48
SUPERFICIE :22 %
PERIODICITÀ :Quotidiano


8 ottobre 2016 - Edizione Bergamo

IL DRAMA

Senza
unrene,in fuga Sudan
Sicercaunasoluzione
persalvarlo
Il migrante , di 21 anni, vuole andare da uno zio a Parigi
- MILANO -

SALVATO
in extremis all ospedale
San Carlo dopo aver affrontato un
massacrante dal Sud Sudan a Milano
viaggio
con in mano il suo sacchetto di
medicine
antirigetto (agli sgoccioli) e in corpo
il rene (l unico rimastogli) avuto in
dono
dalla madre . La storia di Moustafa
(nome di fantasia) , 21 anni , raccontata
ieri
dal Giorno , ha scosso le coscienze . Ora
questo giovanissimo migrante cerca
aiuto
suo viaggio fino a
per proseguire
dove ha uno zio che lo aspetta. Ma
Parigi
prioritaria è la sua condizione di salute.
Dal Comune si limitano a far sapere che
«ci occuperemo di lui nell ambito
dell accoglienza dei più fragili» . Finora ,
a prendersi a cuore il caso di Moustafa
stato l ospedale San Carlo , dal direttore
medico di presidio Gabriele Pemtti al
personale dell Unità di Nefrologia
diretta
dal dottor Pietro Napodano , che è
riuscito
a stabilizzare il paziente , arrivato
con un' insufficienza renale e una grave
infezione . Non solo: è rimasto senza il
suo rene . Anche la sua vicina di letto gli
ha voluto dargli una mano , prestandogli
il cellulare per contattare lo zio a Parigi.
Adesso , però , non
tempo da perdere.
Non più tardi della prossima settimana ,
dovrà iniziare la dialisi . L ideale sarebbe
aiutarlo a proseguire subito il suo
. Ma se non dovesse riuscire a partire
viaggio
sarànecessario trovare a Moustafa una
sistemazione
provvisoria in città . Adatta
alle sue condizioni di salute e non
distante
dall ospedale.
«Mi vengono in mente due soluzioni» ,
dice Stefano Gastaldi , direttore dell
associazione
CasAmica , onlus che ha dato
vita
a una rete solidale"
insieme ad altre
associazioni per aiutare le persone che
arrivanoa Milano per curarsi a trovare
una sistemazione . «Intanto , si può
se sulla nostra rete (che si
controllare
chiamacasa lontani da casa , ndr) , è
una struttura adatta . Seconda soluzione:
rivolgersi ad associazioni che forniscono
anche un supporto medico» .

PRIMA
LINEA
Da sinistra il
direttore
medico
Gabriele
Perotti
e il responsabile
dell Unità di
Nefrologia
Pietro Napodano

'

'

'

'

'

'

'

c'

INCUBD
SUO PADRE È STATO
UCCISO IN GUERRA
HA QUATTRO FRATELLINI

IL FUTURO
« VOGLIO ANDARE A PARIGI
POSSO LAVORARE
PUR DI AIUTARE LA FAMIGLIA»

'

'

'

"

"

c'

Tutti i diritti riservati

P.3


IlGiorno_BG_8_10_2016.pdf - pagina 1/3
IlGiorno_BG_8_10_2016.pdf - pagina 2/3
IlGiorno_BG_8_10_2016.pdf - pagina 3/3

Parole chiave correlate