File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PORTFOLIO.pdf


Anteprima del file PDF portfolio.pdf

Pagina 1 23423

Anteprima testo


tesi
di
laurea
Tesi di progettazione urbana ed architettonica della nuova stazione
dei treni di Piazza Zama, Roma

Tesi di laurea in Architettura e Ingegne-

ria edile presso l’Università di Roma ‘La
Sapienza‘ in collaborazione con i proff.
Rosario Gigli e Alfonso Giancotti; il tema
verte su un intervento a scala urbana riguardante servizi e commerciale per la
nuova stazione dei treni ed interscambio
di Roma a Piazza Zama.
Un area mediamente estesa e centrale
interessata da un piano di riordino funzionale ed alienazione da parte del ministero della difesa di cui è proprietario.

LA STAZIONE DENTRO LA CITTÀ

L’EDIFICIO DENTRO LA STAZIONE

L’obiettivo è quello di avvicinare il treno e
la città, fare della stazione per i treni un
edificio vivo ed attivo dove le persone non
siano soltanto dei passeggeri ma che si
sentano parte della città e del quartiere.
L’area è tutt’ora semiabbandonata e verrà disposta la demolizione di alcuni fabbricati e magazzini per la costruzione di
un organismo architettonico verticale di
servizi e la vera e propria stazione e centro polifunzionale con una forma invece
e un parco
urbano; mentre l’area in prossimita della
ferrovia vedrà la realizzazione di un edificio polifunzionale con servizi al viaggiatore e servizi per la città.

L’idea architettonica è costituire un organismo che abbia una semplice plasticità
all’esterno e come una “teca“ contenga
uno spazio vuoto incui le funzioni siano
organizzate su un architettura libera,
quasi organica.
La teca inoltre è trasparenza, “l’edificio
dentro l’edificio” in questione è apprezzabile di notte come fosse una lampada
e di giorno assume caratteristiche panoramiche di pregio.
Tutto ciò reso possibile dalla struttura
a travi reticolari in copertura alla quale
è agganciata la struttura “a ponte” del
centro commerciale liberando cosi quasi
del tutto lo spazio del piano terra.