File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Monsignor Gianni Carrù Il culto del patrono dei chierichetti nel comprensorio callistiano .pdf


Nome del file originale: Monsignor Gianni Carrù Il culto del patrono dei chierichetti nel comprensorio callistiano.pdf
Autore: Admin

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / OpenOffice 4.1.2, ed è stato inviato su file-pdf.it il 31/10/2016 alle 19:01, dall'indirizzo IP 82.49.x.x. La pagina di download del file è stata vista 572 volte.
Dimensione del file: 174 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Monsignor Gianni Carrù, “Il culto del patrono dei chierichetti nel
comprensorio callistiano”
Nel cuore del comprensorio callistiano della Via Appia è sorto un vero e proprio centro di culto per
Tarcisio, martire giovinetto dell'eucarestia, ricordato dalla liturgia proprio il 15 agosto, nel giorno
dell'Assunta. Ne parla l’articolo scritto da Monsignor Giovanni Carrù.

Il culto del patrono dei chierichetti nel comprensorio callistiano
Tarcisio il martire ragazzino
di Giovanni Carrù
Il comprensorio callistiano, che si sviluppa tra il secondo e terzo miglio della via Appia Antica, è
costellato di memorie martiriali riferibili ai primi secoli del cristianesimo, in particolar modo alle
persecuzioni di Decio (250-251), Valeriano (257-258) e Diocleziano (303-304). Molti martiri erano
venerati nell' Area i callistiana, il più antico nucleo del cimitero voluto da Papa Zefirino (198-217) e

affidato a Callisto (218-222), che conserva la cripta dei Papi del III secolo, tra i quali va ricordato
Sisto II, trucidato con i diaconi Felicissmo, Agapito, Magno e Vincenzo il 6 agosto del 258.
Ma altri martiri erano venerati nel grande complesso cimiteriale, come Cecilia, Calocero, Petronio
e Tarcisio. Quest' ultimo, noto per uno struggente epitaffio di Papa Damaso (366-384) che ne
ricorda le gesta coraggiose, appare come un fanciullo, colto dai persecutori mentre recava
l'eucarestia. Secondo il Papa agiografo, gli aggressori si scagliarono contro di lui come cani
rabbiosi. Non è facile riconoscere il luogo esatto della sepoltura del martire-fanciullo, anche se gli
archeologi del passato pensarono che il sepolcro fosse situato, insieme a quello di Papa Zefirino,
nella tricora orientale, un mausoleo romano che ancora si conserva presso la biglietteria delle
catacombe e dove, pochi anni orsono, furono deposti i resti di Giovanni Battista de Rossi, il grande
archeologo romano che, negli anni centrali dell' Ottocento, scavò e studiò molte catacombe
romane, dedicandosi, in maniera particolare, alle catacombe cristiane.
Una rinnovata attenzione per Tarcisio ha interessato, in questi ultimi anni, il comprensorio della
via Appia. Il 24 maggio scorso il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, ha consacrato con
una suggestiva celebrazione liturgica una nuova chiesa al martire dell'eucarestia, nel giorno della
solennità di santa Maria Ausiliatrice. La nuova chiesa si colloca coerentemente nel complesso, già
intitolato a san Tarcisio, l'Istituto che accoglie gli studenti salesiani che svolgono i loro studi nelle
università pontificie della capitale. L'istituto è stato costruito nel secolo scorso proprio dinnanzi le
catacombe dei santi Marco, Marcelliano e Damaso, non lontano dalla catacomba anonima della
via Ardeatina, proprio laddove, da oltre un ventennio, si sta scavando la maestosa basilica
circiforme di Papa Marco. La nuova basilica presenta i caratteri architettonici delle chiese
paleocristiane, con un'abside larga e avvolgente che rispetta l'area presbiteriale. Proprio nel luogo
deputato al sacro rito dell'eucarestia, a cui è legato il nome di Tarcisio, che è diventato il patrono
dei ministranti.
A questo riguardo, ricordiamo l' udienza generale tenuta da Benedetto XVI nell' agosto del 2010,
quando il vescovo ausiliare di Basilea, monsignor Martin Gächter, presidente del Coetus
Internationalis Ministrantium, ha donato una statua monumentale di san Tarcisio al Papa, Statua
poi collocata presso l' Istituto e la chiesa appena inaugurata alle catacombe di san Callisto, un
luogo - come ricordava il Papa - divenuto un punto di riferimento per i ministranti e per coloro che
desiderano seguire Gesù più da vicino attraverso la vita sacerdotale. Nel cuore del comprensorio
callistiano, dunque, è sorto un vero e proprio centro di culto per il martire giovinetto
dell'eucarestia, ricordato dalla liturgia proprio il 15 agosto, nel giorno dell'Assunta. Questa
convergenza ha posto sempre un po' in ombra la memoria del patrono dei ministranti, di cui
abbiamo poche notizie, ma che assurge a simbolo della fedeltà rispetto ai suoi impegni di accolito,
di cristiano, di credente convinto, sino alla prova estrema.
Fonte: Daily Focus


Monsignor Gianni Carrù Il culto del patrono dei chierichetti nel comprensorio callistiano.pdf - pagina 1/2
Monsignor Gianni Carrù Il culto del patrono dei chierichetti nel comprensorio callistiano.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF monsignor gianni carru il culto del patrono dei chierichetti nel comprensorio callistiano
Documento PDF monsignor gianni carru la piu antica immagine di san giovanni battista si trova nelle cripte romane di lucina
Documento PDF memoria e tradizione delle sepolture dei vescovi di roma di monsignor giovanni carru
Documento PDF monsignor gianni carru il 29 giugno l appuntamento era al terzo miglio della via appia
Documento PDF monsignor gianni carru a santa maria maggiore l apice della devozione romana
Documento PDF monsignor gianni carru ristrutturazione pontificia commissione archeologia sacra


Parole chiave correlate