File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



jmf .pdf



Nome del file originale: jmf.pdf
Titolo: beauty_plan_nov_dic_bassa.pdf
Autore: Roberta G

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Adobe Acrobat 15.20.0 / GPL Ghostscript 8.15, ed è stato inviato su file-pdf.it il 13/12/2016 alle 12:33, dall'indirizzo IP 95.241.x.x. La pagina di download del file è stata vista 592 volte.
Dimensione del file: 411 KB (4 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


FOCUS ON

ACIDI

immediati
funzionalità
RISULTATI
E MOLTEPLICI

Sono ormai trascorsi 25 anni da quando
gli acidi esfolianti hanno fatto il loro ingresso
nell’ambito medico-estetico. Innumerevoli studi
ne hanno avvalorato le funzioni, decretandoli
un indispensabile aiuto per migliorare la bellezza
e la luminosità della pelle sin dai primissimi utilizzi

I

l risultato è immediato,
performante e le funzionalità
molteplici: esfoliazione e
rigenerazione cutanea, stimolazione
del turnover cellulare,incremento
della produzione di collagene,
di acido ialuronico e di elastina,
eliminazione delle cellule
danneggiate (iperpigmentazioni,
cicatrici, smagliature ecc.),
diminuzione e migliore drenaggio di
comedoni e ciste sebacee, con un
forte effetto antisettico sulle pustole
e conseguente miglioramento visibile
su cute grassa e acneica.

WE LIKE!
“Questo penso possa bastare per
spiegare perché ho scelto gli acidi,
mi piacciono i risultati e gli acidi li
garantiscono: un visibile e immediato
miglioramento al turgore cutaneo,
la pelle è rimpolpata, più tonica

18

BEA
UTY
PLAN

Giulio Lorenzetti fondatore e ideatore di JMF

Da sinistra, Sabrina Garzeni, tecnica JMF con la dott.ssa
Marina Pagano esperta di medicina estetica e benessere

e più giovane; è ciò che si ottiene
sin dal primo trattamento”, come
ha dichiarato Giulio Lorenzetti,
fondatore e ideatore di JMF.
Gli acidi si ricavano dalla natura, ma
in pochi sanno che li produce anche
il nostro organismo ed ecco perché
i casi di allergia agli stessi sono
praticamente nulli. Vengono chiamati
peeling chimici, ma sostanzialmente
di chimico hanno ben poco se non
per il fatto che vengono prodotti in
un laboratorio.
La JMF dopo quasi 25 anni di
esperienza e di pratica sul campo ha
creato due linee capaci di sfruttare
al massimo il rendimento degli stessi,
riducendo al minimo consentito il pH
e creando delle formulazioni che li
possono utilizzare in sinergia (un mix)
oppure singolarmente in emulsioni
vegetali.

GLI ACIDI DI CUI
SI AVVALE JMF
• L’acido glicolico, famosissimo,
deriva dalla canna da zucchero
e, grazie alla sua capacità di
penetrare gli strati della pelle,
viene utilizzato in molti prodotti,
la maggior parte dei quali sono
scrub ed esfolianti. Quando

Seminario JMF

viene applicato sulla cute, l’acido
reagisce con il suo strato più
esterno, indebolendo i lipidi che
tengono unite le cellule morte.
In questo modo queste ultime
vengono eliminate rivelando gli
strati epiteliali inferiori che sono
più sani e brillanti.
• L’acido lattico è un derivato del
latte e di alcuni frutti, mirtillo e
ananas, le cui proprietà sembrano
note sin dai tempi di Cleopatra,
la quale pare avesse l’abitudine di
fare il bagno nel latte d’asina per
rendere la propria pelle radiosa e
idratata.
La sua funzione è simile a quella
dell’acido glicolico, ma più
delicata. Oltre a svolgere un’azione
di rinnovo cellulare, l’acido lattico
ha anche proprietà idratanti, che
migliorano la grana della pelle
rendendola morbida e liscia.
• L’acido salicilico viene identificato
come ormone vegetale, ovvero un
composto organico naturale che
viene utilizzato vastamente nel
mondo della cosmesi, soprattutto
per trattare le pelli a tendenza
acneica.
Le sue proprietà curative sono
note sin dall’antichità, quando

Se si vuole diventare
un punto di riferimento
per le proprie clienti non si
deve smettere di studiare,
di informarsi e di crescere.

veniva estratto dalle piante di
salice - da cui poi ha preso il
nome - e veniva utilizzato sia
come medicina, in qualità di
anti-infiammatorio, sia come
cosmetico.
Oggi, viene impiegato in moltissimi
prodotti di bellezza, dalle creme
agli shampoo antiforfora
proprio perché ha un forte potere
esfoliante, neutralizza i batteri e
riduce il diametro dei pori.
• L’acido mandelico si ricava dalle
mandorle amare e rappresenta
un’appropriata base per una vasta
gamma di problemi della pelle e
non solo: riesce a curare l’acne e
le rughe e con più precisione è
efficace anche nel trattamento
di acne in soggetti di età adulta.
Produce ottimi risultati nel
trattamento delle ipercromie e
dell’acne.

BEA
UTY
PLAN

19

FOCUS ON

ACIDI

• L’acido gluconolattone, che si
ritrova naturalmente nella pelle
come metabolita intermedio nei
processi di rinnovamento cellulare,
determina un miglioramento
nel foto danneggiamento e in
particolare una riduzione delle
rughe, delle discromie cutanee e
dei pori con un aumento del tono
epidermico.
• Dopo gli AHA e i Poli-idrossiacidi
(gluconolattone) oggi si parla di
Poli-idrossiacidi complessi il cui
capostipite è l’acido lattobionico,
che vanta una potentissima
azione antiossidante, associata a
una notevole attività riparatrice
e cicatrizzante. Inoltre, favorisce
l’esfoliazione e il rinnovamento
cellulare, modulando il processo
di cheratinizzazione. I risultati
indicano che l’applicazione topica
dell’acido lattobionico aumenta il
turgore cutaneo e corregge i segni
istologici dell’invecchiamento
cutaneo.
• L’acido piruvico, applicato
come peeling, agisce sia a livello
dell’epidermide sia del derma.
In particolare, nell’epidermide
svolge un’azione acantolitica che
tende a diminuire l’adesione fra
i cheratinociti e quindi anche lo

spessore cutaneo.
La sua potente
attività cheratolitica
risulta efficace
per il trattamento
delle imperfezioni
della pelle. La sua
azione acantolitica
diminuisce l’adesione
fra corneociti e
assottiglia lo strato
corneo, facilitando
l’eliminazione rapida
dei corneociti
pigmentati, con
un conseguente
effetto schiarente
e un aumento
della luminosità cutanea. Se
applicato su cute acneica, riesce
a penetrare in profondità ove
esercita attività batteriostatica
e comedolitica. Svolge anche
un’azione sebostatica e riduce
l’untuosità dell’epidermide.
• L’acido cogico, sostanza
nota per le straordinarie virtù
schiarenti, viene sfruttato in
cosmesi per preparare creme o
gel ad azione depigmentante.
Essendo un eccellente inibitore
della melanogenesi (processo
metabolico che regola la

produzione della melanina),
l’acido cogico trova indicazione
soprattutto nel trattamento di
iperpigmentazione.
L’acido cogico viene estratto dalla
crusca del riso.
• L’acido fitico è un estratto della
pula del riso. Ed è normalmente
presente nella cellula umana.
Studi recenti hanno dimostrato un
effetto preventivo nella formazione
di tumori cutanei ed effetti
schiarenti sulla pelle. L’acido fitico
è dunque un prodotto naturale, ad
uso cosmetico e dermatologico,
che viene sfruttato per le sue
proprietà schiarenti (azione
antitirosinasica), antiossidanti,
antinfiammatorie e chelanti.

LA GIUSTA CONCENTRAZIONE
La percentuale di acidi, così come
il pH, presenti sia nelle due linee
professionali sia in quella domiciliare,
variano da prodotto a prodotto. La
nostra esperienza ci ha permesso di
formulare protocolli professionali
che agiscono centimetro per
centimetro, così da permettere
agli attivi di agire variabilmente
in base alle esigenze della pelle,
oppure coccolandola con acidi in
emulsioni naturali e massaggiabili,
donando massimo risultato su corpo
e mente. Le linee domiciliari fanno
sì che vengano migliorati, rafforzati

20

BEA
UTY
PLAN

ed esaltati tutti i trattamenti in
istituto, ma non solo. Il loro uso
quotidiano deterge, esfolia e rigenera
la cute stimolando la produzione
di collagene e migliorando
tangibilmente la luminosità e la grana
della pelle. Alle linee con acidi si
affiancano anche dei dermocosmetici
altamente restituivi “no acidi” che
permettono di nutrire, riparare e
migliorare la pelle nel post peeling,
fase durante la quale la cute è
recettiva, pulita e stimolata per
metabolizzare tutti gli attivi.

I SOIN
La nostra linea si avvale di due
trattamenti, il Composit e lo SPA soft.
La nostra formazione normalmente
incomincia con il primo. Tutti
rigorosamente in air-less e senza
petrolati, parabeni e sles.
La scelta dell’air-less è dettata dalla
ricerca di funzionalità, praticità
e igiene. La mancanza di aria ne
garantisce la stabilità e la purezza
oltre che ovviamente la comodità di
non dover mai chiudere i barattoli.
Il Composit rappresenta il nostro
punto di partenza e non lo abbiamo
mai sostituito se non per migliorarlo
come formulazione, ma mai come
protocollo. È un trattamento efficace
ed immediato nel quale lavorano
settorialmente su più livelli un
mix di acidi. È una linea che copre
ampiamente tutte le richieste che
sorgono tra i 12 ai 90 anni… e oltre.
Offre con pochissimi prodotti una
gamma molto ampia di protocolli,
e più la problematica della pelle è
importante più l’effetto migliorativo
è immediato e visibile.
Molti dei nostri prodotti sono
elettroporabili e utilizzabili con
ossigeno iperbarico. Queste
apparecchiature, note come
mesoterapia estetica, enfatizzano
e veicolano i principi attivi in
profondità garantendo il risultato che
ci auspichiamo, quando ci accingiamo
a trattare una pelle problematica.
A tutto questo si aggiunge che gli
acidi non danno nessuna assuefazione

e le uniche controindicazioni sono
le infezioni delle cute, un herpes
in atto, una cute sensibilizzata da
trattamenti come laser, resufacing,
l’utilizzo di farmaci topici o per
via orale, che causano epirmolisi
(cortisonici,isotretinoina, ecc) e
trattamenti recenti di radioterapia.

HOME CARE
Alle linee professionali si affianca la
nostra linea di domiciliari sia a base
di acidi sia senza, rigorosamente
in airless che rafforza i trattamenti
effettuati in istituto o che se
usata quotidianamente migliora
la luminosità, la tonicità e risolve
le problematiche come la pelle a
tendenza acneica, untuosità, rughe,
etc. Ogni persona troverà dei
prodotti idonei e risolutivi in quanto
i nostri protocolli richiedono una
formazione specifica.

WORKSHOP
Su questa siamo assolutamente
intransigenti e, per questo motivo,
abbiamo creato dei Calendari che
permettono alle professioniste
di accedere ai corsi di vari livelli
e consentire loro di acquisire
continuamente nozioni e di poter
consigliare in modo mirato e sicuro
il miglior protocollo domiciliare
oltre adoperare in cabina in tutta
sicurezza. Previo appuntamento

creiamo anche date su misura in base
alle esigenze del cliente. Le giornate
dei corsi sono sempre interessanti e
frizzanti. Ogni volta dai quesiti e dalla
curiosità delle clienti nascono nuove
tematiche sulle quali riflettere e tutto
ciò ci permette di essere sempre
informati e preparati.Il confronto è
fondamentale e ascoltare diventa una
strumento di crescita. È un metodo di
tecniche dove l’approssimazione non
è contemplata. Se si vuole diventare
un punto di riferimento per le proprie
clienti non si deve smettere di
studiare, di informarsi e di crescere.

RICERCA, SVILUPPO E
SOLUZIONI SONO IL NOSTRO
PANE QUOTIDIANO
Ovviamente questo vale anche per
noi che siamo sempre alla ricerca
delle novità in campo formulativo,
di ingredienti che possano migliorare
l’efficacia del prodotto, garantendo
sempre quelle percentuali di
acidi che assicurano il risultato. Si
continua a studiare e a informarsi.
Il laboratorio interno ci permette
di provare gran parte delle materie
prime, di testare nuove formulazioni
cercando il miglior risultato, oltre
a integrare le nostre referenze con
novità. Oggi ci stiamo innovando,
conquistando l’interesse delle nostre
clienti con percorsi formativi che non
hanno mai fatto.

BEA
UTY
PLAN

21


jmf.pdf - pagina 1/4
jmf.pdf - pagina 2/4
jmf.pdf - pagina 3/4
jmf.pdf - pagina 4/4

Parole chiave correlate