File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Nna2016Cavanna .pdf



Nome del file originale: Nna2016Cavanna.pdf
Titolo: Microsoft PowerPoint - Nna2016Cavanna
Autore: Casa

Questo documento in formato PDF 1.7 è stato inviato su file-pdf.it il 13/12/2016 alle 11:47, dall'indirizzo IP 95.226.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1489 volte.
Dimensione del file: 5.6 MB (56 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Oltre la cura… il Benessere…
dott. Fabrizio CAVANNA
Assistente Direzione Generale KCS Caregiver
Membro Direttivo Nazionale ANSDIPP

Cosa significa COMFORT?
Cosa significa BENESSERE?
Il comfort attualmente viene definito come "l'insieme di
sensazioni piacevoli derivanti da stimoli esterni o interni
al nostro corpo, che ci procurano una sensazione di
benessere in una determinata situazione: per es., quando
siamo seduti oppure ci troviamo in un ambiente ventilato o
silenzioso o illuminato da una luce senza forti contrasti".

Chi mi
sposta ?
Aiuto ?

Devo
andare in
bagno !

Come creare benessere?
benessere

Risposte….

 Il Community Care

 Le Reti RSA-Domicilio
 I progetti Benessere e
Animazione

Community care

Reti e relazioni informali di cura
Il contesto

Crisi economica

Crisi del sistema di welfare

Cambiamenti demografici

Crisi del lavoro di cura

Dalla sanità universale alla sanità per qualcuno …
dal «tutto a tutti»
al pagamento delle
prestazioni, ai ticket,
alle integrazioni
rette, alla sanità
privata

Community care
 Forma di sostegno fornito,

COMUNITY CARE

informalmente e

formalmente, alle persone
fragili che risiedono nella

«comunità», ovvero di norma
nelle loro abitazioni piuttosto
che nelle istituzioni

Una definizione

Community care

Il punto di partenza:

la crisi del sistema di Welfare.

 Componenti: Organizzazioni – cittadini
 Occorre potenziare la rete dei servizi sociosanitari e andare verso un’assistenza integrata
che veda impegnati i diversi attori della comunità
in pratiche di auto-cura, di cure a domicilio, di
mutuo aiuto per un cambiamento
partecipato da parte dei cittadini
(Empowerment)

Community care
Deistituzionalizzare e innovare
 Recuperare la comunità
per deistituzionalizzare
 Potenziare i servizi di
domiciliarità
 Progetti RSA «Aperta»*
 Residenzialità leggera
 Centri Diurni specializzati
*DGR 856/2013, primo provvedimento che avvia
 Favorire la vita
la riforma del welfare lombardo tratteggiata nella
indipendente
DGR 116/2013 stabilendo la destinazione di 50
dei 330 milioni previsti. (..) alloggi protetti per
anziani (..) RSA/RSD aperta.

Community care
 Anni Ottanta Gran Bretagna:
Rapporto Barclay
 «Comunità come costituita da
reti locali di relazioni formali e
informali, capaci di mobilizzare
risposte individuali o collettive
alle avversità»
 Cercare aiuto nelle reti informali
è socialmente più accettabile e
meno traumatico dell’accostarsi i
servizi sociali ufficiali.

Reti informali di cura

Community care
 «Utenti, congiunti,
vicini di casa e
volontari diventano
partner dell’operatore
sociale nello sviluppare
e rendere disponibili
reti sociali di cura»
 L’operatore sociale è un
sostenitore
upholder - delle reti
sociali

PARTNERSHIP

SI

SOSTENERE

NO

PREVARICARE

Community care

Empowerment
L’empowerment è un processo
dell’azione sociale attraverso
il quale le persone, le
organizzazioni e le comunità̀
acquisiscono competenza
sulle proprie vite, al fine di
cambiare il proprio
ambiente sociale e politico
per migliorare l’equità̀ e la
qualità di vita
(Wallerstein 2006)

Community care
Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO – World
Health Organization)
nella dichiarazione di Alma Ata

(1978) si sottolinea che l’equità
e la partecipazione sono

obiettivi della programmazione
della salute

nella carta di Ottawa (1986) e
nella dichiarazione di Jakarta

(1998) Si riconoscono nell’azione

della comunità e nell’empowerment due prerequisiti per
il raggiungimento degli obiettivi di salute

Community care
Commissione delle Comunità Europee
 nell’ambito dell’Approccio
strategico dell’UE per il periodo
2008-2013 individua nella
partecipazione dei cittadini
uno dei principi fondamentali
che debbono guidare l’azione
comunitaria nel settore della
salute

Reti territoriali

Il vecchio modello
RSA

CASA

Reti territoriali

Il nuovo modello

RSA

Sportello sociale

CASA

CDI

RSA «diurna» / Servizi e cure /
Palestra / Bagno Assistito
Servizi domiciliari. Cure. Infermieri.
Riabilitazione. Prelievi

RS
«A A
PE
RT


no
r
iu

D
o
tr to
n
Ce egra
In t

Reti territoriali

A
IT
o
R
t
t
IA
e
L
g
I
o
Pr MIC
DO

RS
A

«c
en

tro

Se
rv
i

zi»

Reti territoriali

SPORTELLO PER LA NON
AUTOSUFFICIENZA

Lo Sportello per la non autosufficienza è una funzione disponibile
alla Residenza xxxxxxx attiva per richieste di aiuto e supporto
sanitario e assistenziale, anche a domicilio, dalle 9.30 alle12.30.
e dalle 15.30 alle 18.30 nei giorni da lunedi a venerdi al numero
xxxxxx

Responsabile dello Sportello per la non autosufficienza è il
Coordinatore Infermieristico della Residenza xxxxxx. Collabora alla
raccolta delle richieste e alla valutazione in sede di triage
l’Assistente Sociale. Il Coordinatore Infermieristico può valutare i
bisogni di salute e sociali dell’anziano e predisporre un progetto
di aiuto e supporto, da realizzare in RSA e/o a domicilio.
18

Reti territoriali

CURE DOMICILIARI

L’offerta: il progetto di cure domiciliari.

Se a seguito della valutazione di triage viene evidenziato un
bisogno complesso il Coordinatore Infermieristico procederà a
richiedere all’équjpe multidisciplinare l’effettuazione di una
valutazione multidimensionale. In questo modo sarà possibile
prendere in carico, attraverso l’apertura della cartella
domiciliare, la persona e la sua famiglia e procedere a definire
un progetto di cure domiciliari personalizzato, che definirà le
caratteristiche salienti dell’intervento da garantire a domicilio in
termini di:
•Durata totale del progetto;
•Interventi professionali domiciliari e/o in RSA proposti;
•N. di accessi settimanali per ogni intervento professionale
previsto;
•Costo del progetto;
•Piano delle verifiche periodiche (tempi e modalità).

19

Reti territoriali
RSA «APERTA»





Prelievi e assistenza infermieristica
Sostegno psicologico
Pasti a domicilio
Lavanderia

• Bagno assistito
• Feste, eventi, animazione, laboratori
• Palestra e riabilitazione

20

Reti territoriali

prodotti ma anche servizi
correlati ed infine comportamenti ovvero
Non solo

le logiche di gestione,
gestione le persone,
persone i team,
team
l’équipe,
quipe gli obiettivi,
obiettivi la mission,
mission le strutture,
l’azienda, i servizi, le idee,
idee la passione,
passione la
motivazione…
motivazione

Evoluzione anziano/servizi
Anni
2000
Anni
‘90
Anni
‘80

Oggi/Domani

RSA. Ripensamento modello.
Cura + Servizi Estetista,
Massaggiatore, Benessere,
Terapie Olistiche, Terapie non
farmacologiche, Ascolto

RSA. Modelli di Welfare. Cura +
Servizi
Psicologa. Educatori. Animatori, altre
terapie e servizi

Prime RSA. «prendersi cura». Prog.
Custodialistico
Infermieristica. Assistenza (Asa, Adest),
Podologo, Parrucchiere. Minutaggi! Nuclei?

Prime leggi sulla socio assistenza e
normative sulle strutture.
Avvio Case di riposo private. Strutture
pubbliche (grandi IPAB) + Assistenza Enti
Religiosi

Benessere e Animazione

Benessere e star
bene:
percorsi possibili in RSA ?

Benessere e Animazione

Percorsi vascolari

RSA CON CENTRO BENESSERE/SPA INTERNE
RSA CON CENTRI ESTETICI INTERNI

Benessere e Animazione
Centro estetico

RSA CON CENTRO BENESSERE/SPA
RSA CON CENTRI ESTETICI INTERNI

Il Centro salute & benessere è una struttura che comprende diversi servizi ai clienti per la salute, il benessere fisico e
mentale e l'assistenza; all'interno vi è un grande centro estetico.
La residenza

Casa di riposo

L'altra ala importante del centro è la residenza assistenziale per anziani, rivolta a tutti coloro che cercano un centro con
personale competente, che offra servizi all'anziano.
Il salone

Benessere

I servizi del Centro salute & benessere sono molteplici e aperti a tutti, dalle sedute di fisioterapia, alla palestra, per
ginnastica correttiva e antalgica, dalla sauna, all'aerosolterapia.
Dove siamo

Benessere e Animazione
RSA con Centro Benessere

Benessere e Animazione
AUSER
PROGETTO / INIZIATIVA / ATTIVITA’

progetto Maquillage
LOCALITÀ: Bologna

DI COSA SI TRATTA:
Il progetto intende affrontare il problema
della solitudine e della perdita di autostima che molte persone anziane affette da
demenza e non solo manifestano.
L'esperienza pluriennale, ormai
consolidata nel tempo agisce proprio per
rispondere al bisogno di garantire un
livello di benessere psicofisico con cure
speciali ed estetiche del corpo.

Estetica, trucco,
cura del corpo…
massaggio

massaggio
TENS: l’elettrostimolazione nervosa per via transcutanea può ridurre, ma non sostituire, l’uso dei farmaci. È un
metodo che, attraverso l’applicazione di elettrodi a placchetta posti sulla cute, permette di esercitare una
stimolazione elettrica controllata, a basso voltaggio, sulle grandi fibre nervose periferiche al fine di modularne la
trasmissione dello stimolo e alleviarne il dolore.
Agopuntura: Si ritiene che la sua efficacia d’azione sia analoga a quella dell’aspirina e possa essere utile per
alcuni pazienti oncologici.
Modalità fisiche: comprendono alcune tecniche molto semplici che prevedono la stimolazione cutanea attraverso
il calore, il freddo, il massaggio, la vibrazione, la pressione, ecc. Possono essere apprese da tutti i familiari ed
utilizzate all’occorrenza ricordando, però, che in alcuni casi la loro applicazione può aumentare il dolore prima di
ottenere un effetto lenitivo.
Termoterapia: L’applicazione di calore (borsa di acqua calda o altro) riduce la rigidità articolare e la
vasodilatazione locale, con conseguente attenuazione del dolore. Il calore non deve essere applicato sulle zone
irradiate.
Crioterapia: L’applicazione di freddo allevia alcuni dolori neuropatici e gli spasmi muscolari. Il ghiaccio non
deve essere applicato per più di 15 minuti.
Massaggio: Un semplice sfregamento della parte dolorante (ad esempio la schiena o gli arti) può dare molto
sollievo, perché, da una parte, diminuisce l’invio di impulsi dolorosi al cervello, e, dall’altra, determina il
rilassamento muscolare. Il massaggio può essere effettuato con oli o lozioni rinfrescanti alle erbe, che sono anche
idratanti per la cute.
Attività fisica: L’attività fisica, ove possibile, può evitare la comparsa di dolori osteoarticolari. Incoraggiare a
restare attivi è molto importante. Per i malati costretti all’immobilità è consigliabile cambiare spesso la posizione
e praticare una mobilitazione passiva degli arti, ma senza provocare dolore, effettuando l’escursione dei
movimenti fino al limite di ampiezza consentito.
Ipnoterapia: L’ipnoterapia [1] può essere utile per alleviare il dolore da cancro, ma è raramente efficace di per
sé. Tuttavia, l’autoipnosi può rappresentare una parte importante di tutto il processo di rilassamento, che si usa per
ridurre l’effetto dello stato di turbamento emozionale sul dolore.
Interventi psicologici: si basano su tecniche psicologiche comportamentali o cognitive che possono risultare utili
anche per controllare il dolore. Per questo tipo di metodi non farmacologici del controllo del dolore è bene
rivolgersi ad uno psicologo clinico o ad uno psico-oncologo esperto in questo settore.
Tecniche di rilassamento ed immaginazione: I metodi variano nei particolari, ma tutti hanno lo stesso obiettivo
generale: eliminare lo stress e altri fattori emozionali che possono acuire il sintomo doloroso.

Benessere e Animazione

Il Benessere

Star meglio
Vedersi bene
Relax
Emozioni
Cura

La salute, definita nella
Costituzione dell’OMS come
"stato di completo benessere
fisico, psichico e sociale e non
semplice assenza di malattia",

Benessere e Animazione

Rituale/Emozione
Cura del sé
La medicina del
benessere
Il benessere a 360° :
pelle, postura, antiage,
alimentazione, antistress
NATUROPATIA

C
Benessere e Animazione

Cosa mi fa davvero «star bene»?

lavorare sulle emozioni
sul silenzio, sui colori, sui
profumi, sull’ascolto, sulla
musica , sul “bello”, sul relax….
Tutte dimensioni perdute nella
nostra frenetica società

Benessere e Animazione

• Musicoterapia

L'uso della musicoterapia con
anziani e malati d'Alzheimer
come rapporto terapeutico
rassicura, rasserena,
risveglia abitudini, attiva
l'espressione di emozioni,
facilita l'attenzione, la
coordinazione dei
movimenti, l'uso della parola.

Con gli anziani si può pensare alla
danza come attività fisica, in quanto
produce effetti di ordine fisiologico,
buona circolazione del sangue,
ossigenazione e massaggio degli
organi, effetti stimolanti o
rilassanti, ma anche come attività
che porta con sé una ri-scoperta
delle potenzialità creative ed
espressive proprie di ciascuno

• Danzaterapia

• Tangoterapia

• Balneoterapia

Benessere e Animazione

• Aromaterapia

• Cromoterapia

Benessere e Animazione

• Yoga della risata

Benessere e Animazione

• Arteterapia

Benessere e Animazione

• Pet Therapy

Benessere e Animazione

• Terapie NON farmacologiche
T V
per l’Alzheimer
erapia di

Società Italiana di
Gerontologia e
Geriatria
Articolo di aggiornamento

Trattamento farmacologico e non
farmacologico
della demenza di Alzheimer: evidenze
Sezione clinica

Parte II. Trattamento non farmacologico
Pharmacological and non pharmacological treatment
for Alzheimer’s disease: an update
Part II. Non pharmacological treatment
C. Fagherazzi, P. Stefinlongo, R. Brugiolo

T

erapia di

T

erapia occupazionale

a terapia di ri

-O

T

reminiscenza

P

L

rientamento nella

erapia di

rocedural

memory training

alidazione

R

ealtà

rimotivazione




Terapia della
BAMBOLA

Terapie NON farmacologiche
per l’Anziano

Palestra di
Vita




Benessere Psicologico / Salute /
Farmaci

GLI EFFETTI DEL BENESSERE
PSICOLOGICO SULLA SALUTE
DEGLI ANZIANI

Il benessere psicologico sembra avere un ruolo
importante nella salute degli anziani ed esercita un
fattore protettivo particolarmente significativo.

Benessere e Animazione

ANIMAZIONE AI PIANI
44

Il “Carrello dell’animazione”

Tutte le mattine dalle 9.30 alle 11.30
direttamente sui piani
L’animazione si sposta verso gli ospiti !

Benessere e Animazione

CENTRO ASCOLTO
45

per tutti gli Ospiti

La dott.ssa --------- PSICOLOGA è a
disposizione il giovedì dalle h. 15 alle h. 17 per
un momento di ascolto, supporto, conforto o
consulenza

Benessere e Animazione

46

Oss dedicato al Benessere

Trattamenti dolci, terapia del
dolore, massaggio, rilassamento

Benessere e Animazione

Oss tutor

47

Accoglienza, supporto nella fase di ingresso,
riferimento per la famiglia e per l’Ospite

48

Stimolazione
Cognitiva
RIVAROLO

Dove?

Nucleo Alzheimer

49

Tutti i

sabato pomeriggio alle

ore 18 per Ospiti e parenti
Una occasione per stare insieme, per
socializzare, per “sentirsi bene”


Documenti correlati


Documento PDF nna2016cavanna
Documento PDF lettera ministro giannini definitivo
Documento PDF dibattito consiglio com elmas 1
Documento PDF mind room matrix 2013 novembre final
Documento PDF eta pediatrica
Documento PDF untitled pdf document


Parole chiave correlate